Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 27 gennaio 2015

More than just remembrance is needed to tackle persistent antisemitism

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

olocaustoInternational Holocaust Remembrance Day, on 27 January, is a chance to honour the memory of the victims of the Holocaust and to remind us of the persistent problem of antisemitism. This year FRA will join senior politicians, diplomats, global figures and experts from around the world to discuss how to deal more effectively with antisemitism, racism and xenophobia in Europe as they mark 70 years to the day on which the concentration camp at Auschwitz-Birkenau was liberated.“Recent tragic events across Europe are poignant reminders of the pressing need to counter antisemitism that continues to haunt Europe today. We need to more than just remember the Holocaust to honour the countless victims that were brutally slain under the Nazi regime,” said FRA Director Morten Kjaerum. “We must stamp out all forms of antisemitism; from the blatant acts of vandalism of Jewish sites to the quiet acceptance of stereotypes and subtle forms of hate speech online and off. We must address anti-Jewish prejudice at every level of society and we should condemn antisemitism wherever we meet it, if we are to counter the fear that Jews continue to feel in Europe today.”FRA’s 2013 report on the first-ever comparable figures on Jewish people’s experiences of antisemitic harassment, discrimination and hate crime in the EU revealed how 66% of respondents consider antisemitism to be a major problem in their countries. 76% said the situation had become more acute over the last five years, underlining the need for urgent action by EU and its Member States to find effective ways of combating this pervasive and persistent problem.
On 27 January, FRA will launch its online training toolkit ‘Fundamental Rights and Holocaust Remembrance’ accompanied by a training workshop for European Commission officials in Brussels. The workshop objective is to reflect on remembrance and how EU officials should address contemporary fundamental rights challenges in their daily work. Participants will be led through a series of interactive working groups where they can discuss with trainers the responsibilities of civil servants. The seminar was co-developed between FRA and the Wannsee-Memorial and is the latest in a series of Holocaust and human rights education activities that have been developed by FRA.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs debate counter-terrorism, de-radicalisation and foreign fighters

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

terroristiIn the run-up to the informal Justice and Home Affairs Council on 29 January, in Riga, and to the European Council on 12 February, Civil Liberties MEPs will debate counter-terrorism and counter-radicalisation measures and possible future proposals and activities in this field with the European Commission’s Director General for Migration and Home Affairs, Matthias Ruete, the EU Counter-Terrorism Coordinator, Gilles de Kerchove, the Head of the Radicalisation Awareness Network (RAN) Secretariat, Omar Ramadan, the Director of the EU Fundamental Rights Agency, Morten Kjaerum, and the European Data Protection Supervisor, Giovanni Buttarelli.
The debate in the Civil Liberties Committee will be webstreamed here – EP Live
On 21 January, the Civil Liberties Committee Chair, Claude Moraes (S&D, UK), presented a first “counter-terrorism and counter-radicalisation roadmap”, in terms of upcoming meetings and activities

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2015 a ‘Once in a Generation Opportunity’ for Sustainable Development

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

Onu palaceNew York. The head of the United Nations Development Programme (UNDP) said today that while there is tremendous volatility and turmoil around the world, this year presented a unique opportunity to eradicate poverty and agree on a path for sustainable development.“At UNDP, we see 2015 as a huge opportunity to advance the global sustainable development agenda,” said Helen Clark at the opening session of UNDP’s Executive Board meeting in New York. “The Millennium Development Goals are set to expire at the end of this year and UN Member States will meet in September to agree on the new Sustainable Development Goals, which will guide global development priorities for the next 15 years.”She also cited other events this year that would be critical to global development: the 3rd World Conference on Disaster Risk Reduction in March, in Sendai, Japan; the 3rd International Conference on Financing for Development in July in Addis Ababa, Ethiopia; and the UN climate change conference in Paris, France, in December.“The combined outcomes of these major processes are a once in a generation opportunity to set a transformational global agenda for sustainable development,” she said.In her statement she also outlined UNDP’s work in response to current crises around the world such as the refugee crisis in countries neighboring Syria, and the crises in Central African Republic, South Sudan, Ukraine, and many others.“Through our work on early recovery we aim to support countries to move from the relief phase to recovery as quickly as possible,” she said. She also discussed UNDP’s implementation of its new Strategic Plan and its ongoing reforms to make the organization more effective and efficient.She also welcomed Fernando Carrera, Permanent Representative of Guatemala to the UN, on his election as President of the UNDP/UNFPA/UNOPS Executive Board and thanked outgoing President Peter Thomson, Permanent Representative of Fiji to the United Nations.”This is an exceptional time for the development community”, said Carrera, “The months leading up to the adoption of the Sustainable Development Goals offer a unique opportunity for all of us to shape a global agenda for the next generation that will ensure a reduction of poverty and inequality for the world’s poorest and most vulnerable.” “Likewise, in the run-up to the UN Climate Change Conference in Paris in December, this year is equally crucial for the international community’s combined efforts to counter the effects of climate change.” “The Executive Board will continue to oversee and support UNDP in the coming year, in particular in the Organization’s ongoing efforts to strengthen oversight and accountability amongst partners and donors.” Concluding her remarks, Clark said: “UNDP is fully committed to playing its part in making 2015 a launch pad for stepped up efforts to advance human, sustainable, and resilient development for all countries and peoples. We look forward to working with the Board to this end, and thank you once again for your support for our work.”

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tsipras n’est pas Midas : une rupture dans la continuité?

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

TsiprasLa nette victoire de Syriza lors des élections législatives de ce dimanche 25 janvier marque un clair rejet des politiques conduites à Athènes au cours des 5 dernières années sous l’égide de l’UE et du FMI. Cet événement démocratique ouvre une nouvelle étape dans les relations entre la Grèce et “Bruxelles”, qui ne devrait pas marquer une rupture, mais une inflexion dont l’ampleur dépendra largement de l’évolution des relations entre Athènes et ses créanciers.Tel est l’objet de cette Tribune d’Yves Bertoncini, articulée autour de trois éléments :
1. Se passer de la Troïka, c’est aussi revenir sur les marchés financiers
2. La nécessité d’un dialogue constructif entre Athènes et l’UE
3. La victoire de Siriza n’annonce pas de “grand soir” européen

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pillola e tumore al cervello

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

cervello“Non creiamo allarmismi”. Questo in estrema sintesi il commento del professor Annibale Volpe, past president della Società Italiana della Contraccezione (SIC), alla notizia, rilanciata in questi giorni dai media italiani, secondo la quale i contraccettivi ormonali – in particolare il progestinico – provocherebbero il glioma, un rarissimo tumore del cervello.
“Anzitutto, come ammettono gli stessi ricercatori danesi che hanno condotto lo studio, il campione di circa 300 donne non è sufficientemente rappresentativo” continua il professor Volpe “e, in particolare, vengono prese in considerazione solamente quelle donne che hanno sviluppato il glioma”. Specifica: “Chiariamo inoltre che questo tipo di cancro colpisce una donna su 20mila, mentre quello all’ovaio – sul quale l’effetto protettivo della pillola è peraltro comprovato – una su 76”.“Secondo un autorevole studio del British Royal College of General Practitioners, pubblicato nel 2010 sul British Medical Journal la contraccezione ormonale ridurrebbe in realtà la probabilità di tumore al cervello, incluso di tumore all’ipofisi”, aggiunge il past president della SIC. “In questo caso sono state studiate centinaia di migliaia di donne – delle quali due terzi assumevano la pillola – per oltre 35 anni: è chiaro che si tratti di dati statisticamente più rilevanti”.“Quando si parla di contraccezione ormonale” mette in guardia il professor Volpe “dobbiamo prestare la massima attenzione: un’informazione incompleta o sensazionalistica non ci aiuta ad allinearci con gli altri Paesi europei e mantiene l’Italia tra i fanalini di coda con una percentuale di assunzione della pillola inferiore a quella di altri Paesi”. Conclude: “Gli estroprogestinici – oggi ne esistono alcuni di ultima generazione “naturali”, a base di estradiolo, l’ormone prodotto fisiologicamente dalla donna – hanno effetti molto positivi sulla salute della donna, oltre a evitare gravidanze indesiderate anche tra le giovanissime. Ma troppo spesso finiscono in secondo piano, e ci si dimentica che secondo recenti studi la pillola sarebbe in grado di evitare 45 tumori ogni 10mila donne”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La perdita di memoria

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

memoriaLa perdita della memoria come singoli pezzi di un puzzle porta alla perdita della visione della propria identità ed è il drammatico denominatore comune delle malattie degenerative del SNC. Ma problemi di memoria si riscontrano anche in disordini psichiatrici che affliggono giovani e adulti: depressione, disturbo bipolare, schizofrenia hanno tra i loro segni e sintomi aspetti legati alla capacità di creare, mantenere e recuperare ricordi.
Su questo tema la Pontificia Accademia delle Scienze ha organizzato la Conferenza Internazionale dal Titolo: “Memory in the Disease Brain” in corso oggi a Città del Vaticano presso la Casina Pio IV con il coordinamento scientifico del Prof. Roberto Bernabei, Direttore del Dipartimento di Geriatria e Neuroscienze del Policlinico Gemelli di Roma. “Se i nostri ricordi svanissero alla fine di ogni giorno, che senso avrebbe la nostra intera esistenza?” è il quesito sottolineato da Stefano Zuccaro, Vatican Health Officier. “Il numero dei soggetti con demenza aumenta di 5 milioni ogni anno e la longevità ha come ‘effetto collaterale’ proprio il declino cognitivo. L’esistenza di queste persone ha l’aspetto di un puzzle incompleto. Come vivono queste persone? Di che assistenza hanno bisogno? E come la scienza moderna può rallentare la progressione del declino cognitivo?” Ai quesiti risponderanno ricercatori, clinici ed esperti internazionali.
‘La scelta di dedicare una giornata di approfondimento a questi temi nasce dalla crescente diffusione di patologie che alterano le capacità cognitive: malattie come l’Alzheimer, destinato nei prossimi decenni a coinvolgere porzioni sempre più ampie della popolazione mondiale, colpiscono l’individuo ma rappresentano anche e soprattutto un ‘fatto sociale’” è il commento di S.E. Mons. Marcelo Sanchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze. “E’ quindi importante dare risposta ai bisogni del malato nella globalità di tutte le sue dimensioni e questo implica la necessità di un intervento che non trascuri l’aspetto della patologia correlato al risvolto psicologico, sociale, relazionale. Obiettivo della scienza medica deve essere la “salute integrale” della persona, unità inscindibile di corpo e spirito, il rispetto del suo vissuto, della sua dignità. Una dignità che è propria di ogni fase dell’esistenza umana, in condizioni di salute piena o fortemente compromessa.”
La relazione tra i processi affettivi e cognitivi è presente sia in condizioni normali che patologiche. I ricordi, ad esempio, si fissano più saldamente nella memoria quando scaturiscono da un’emozione forte. In condizioni di sofferenza questo legame è ancora più forte come se il cervello sofferente perdesse parte delle sue capacità. Nella depressione ad esempio si perde la capacità di provare interesse, di provare piacere, la speranza, prendere delle decisioni diventa faticosissimo se non impossibile e anche la memoria a breve e lungo termine pagano le spese di questa forma di ‘stand-by’ dell’umore. Argomento che sarà trattato da Philippe Robert, Ricercatore al Memory Center dell’Università di Nizza.
Problemi che possono interessare giovani e adulti e non solo quegli anziani che a partire dai 65 anni sino ai 75 hanno acquisito una nuova etichetta: guai a definirli rappresentanti della terza età, quel decennio oggi è definito “età transizionale”. Si tratta del lasso di tempo acquisito in più negli ultimi trent’anni: dieci anni di vita tutto sommato sana in cui non si è ancora anziani – così come sottolineato anche dalla Professoressa Laura Fratiglioni Direttore dell’Aging Research Center al Karolinska Insitutet di Stoccolma che aggiunge come un terzo delle spese complessive destinate alla sanità sono assorbite proprio dalle patologie del cervello e dell’umore.
Anche l’insorgenza delle malattie degenerative si è spostata un po’ di là da venire, ma la longevità ha un prezzo e presenta il conto. Ci si ammala un po’ più tardi ma più a lungo. Tra le patologie più comuni il Morbo di Parkinson che esordisce spesso in modo improvviso e drammatico con deficit cognitivi che comprendono attenzione, concentrazione e, appunto memoria, legati al deficit colinergico. Migliorare le capacità cognitive dei soggetti con Parkinson al più presto e rallentare la progressione della malattia è il tema della relazione del Professor Clive Ballard Docente di Psichiatria della Terza Età al King’s College di Londra.
La conferenza avrà come focus le differenze tra memoria normale e patologica e come questa funzione cognitiva venga alterata e compromessa in presenza dei più comuni disturbi psichici e degenerativi. Basti pensare che nella malattia di Alzheimer, nel Parkinson ma anche in depressione, disturbo bipolare e schizofrenia, la perdita della capacità di ricordare è uno dei primissimi segni.L’evento è stato realizzato grazie al contributo non condizionato di Lundbeck Italia, azienda farmaceutica completamente dedicata alla ricerca e sviluppo di terapie per il trattamento delle patologie del sistema nervoso centrale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La quattordicesima edizione dei campionati del mondo di parapendio si è conclusa a Roldanillo in Colombia, cittadina affacciata sulla Valle del Cauca

Posted by fidest press agency su martedì, 27 gennaio 2015

parapendioparapendio2Delle dodici giornate di gara previste ne sono state cancellate solo due, segno che sito e periodo scelti dalla Federazione Aeronautica Internazionale hanno agevolato parecchio lo svolgimento della competizione. Tre task oltre i cento chilometri di percorso, la più lunga l’ultimo giorno, 122,3 km, una vera maratona per i 148 piloti che hanno rappresentato 38 nazioni. Le gare di volo libero, vale a dire senza motore, in parapendio o deltaplano, funzionano un po’ come le regate veliche: i piloti decollano per raggiungere ed aggirare punti salienti del territorio, detti “boe”, scelti dagli organizzatori secondo le condizioni meteo del momento, fino all’atterraggio ufficiale. Vince chi impiega minor tempo. Aggrappate al parapendio di Nicole Fedele le speranze dell’Italia: la campionessa di Gemona del Friuli non le ha deluse, conquistando per la seconda volta in carriera il bronzo alle spalle della francese Seiko Fukuoka Naville e della giapponese Keiko Hiraki. Nicole ha vinto in passato la coppa del mondo, gli europei e stabilito il record mondiale femminile di distanza libera, 381 km. Il mondiale sudamericano è stato in genere dominato dai piloti del vecchio continente, tanto che parapendio1bisogna scendere fino al nono posto della classifica a squadre per trovare il Venezuela, miglior team d’America. La vittoria è andata alla Germania, seguita da Slovenia e Spagna, due sorprese che hanno messo in riga squadre ben più favorite dai pronostici. L’Italia come squadra, rappresentata, oltre che da Nicole Fedele, dal torinese Davide Cassetta, dai trentini Luca Donini e Aaron Durogati, dagli baltoatesini Franz Erlacher, Peter Gebhard, Joachim Oberhauser e dal CT Alberto Castagna di Cologno Monzese, è giunta mestamente solo al settimo posto, un risultato deludente per piloti capaci in altre occasioni di migliori risultati, come l’argento del 2013. La classifica individuale maschile laurea nuovo campione del mondo il francese Honoris Hamard, davanti a Michael Maurer (Svizzera) e Torsten Siegel (Germania). Migliore tra gli azzurri Joachim Oberhauser al nono posto. Buone le prestazioni di Luca Donini ed Aaron Durogati che in un paio di prove sono giunti due volte secondi e due volte terzi. Durogati nel 2013 vinse la coppa del mondo e Donini fu secondo ai mondiali del 2011. (Gustavo Vitali)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »