Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 13 febbraio 2015

Panama Suspends Construction of FMO-funded Barro Blanco hydroelectric dam over environmental and human rights abuses

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

OLYMPUS DIGITAL CAMERAKiad, Panama/Amsterdam. Following years of community protest, the Government of Panama temporarily suspended the construction of the Barro Blanco dam. The decision was publicly announced by Panama’s Environmental Agency, ANAM, Monday. The indigenous communities whose land would be flooded by the dam had demanded the suspension for years. Although the decision comes when the dam’s construction is near to completion, the Movimiento 10 de abril (M-10) is satisfied that steps are finally being taken to address their concerns.“We have been intimidated and some of our members were even sued in court, but we have always persisted in claiming our right to be consulted on projects in our territory,” said Manolo Miranda, representing the M-10. Since the new government took to power in 2014, there has been increased recognition of the communities’ grievances, finally leading to this ground-breaking decision.The Barro Blanco dam, once completed, is expected to flood homes, schools, religious, archaeological, and cultural sites in the Ngöbe-Buglé comarca (indigenous traditional territory). The project will require part of the indigenous Ngöbe communities currently living on the shores of the river to leave their land to which they have strong cultural ties.ANAM finally decided to suspend construction after finding the project to be out of compliance with its environmental impact assessment (EIA). The breaches include, among other things: the lack of agreement with the affected communities, absence of an approved archaeological management plan, repeated failures to manage sedimentation and erosion, poor management of solid and hazardous waste, and logging without permission.Two Dutch and German development banks, FMO and DEG respectively, have each invested USD 25 million in this project. They invested in this controversial dam despite the fact that local communities and civil society had raised concerns about the project with them. After critical reports by the UN Development Programme and the UN Special Rapporteur on the Rights of Indigenous Peoples, the current suspension is yet another very strong signal that FMO and DEG largely underestimated the adverse human rights and environmental impacts of the project.“FMO and DEG never came to the affected area to see whether the project complied with their policies and national laws,” explained Manolo Miranda. This news comes at the same time FMO and DEG’s Independent Complaints Mechanism (ICM) is investigating a complaint filed by local groups including the M-10, with support from Both ENDS and SOMO. The ICM’s compliance report is expected to be published in mid-March.“FMO and DEG should respond publicly to the report. If the ICM finds that FMO and DEG failed to comply with their own policies, they must identify how to bring the project back into compliance with its policies or divest from the project completely.” said Anouk Franck, a senior policy advisor at Both ENDS.
“The FMO asserts that when it finances projects, it has leverage to improve their clients’ environmental and social performance,” said Kris Genovese, a senior researcher at SOMO. “FMO has failed to do so in the course of this project and more so, failed to assess the extent to which the affected community was left out of decision-making.” “We repeat our request to FMO to use its leverage to ensure that the human rights of the Ngöbe are finally respected. Free prior and informed consent is the bottom line. The failure to ensure FPIC in this project has led to unnecessary conflict. I hope FMO will learn that in future projects it needs to deal with human rights from the start,” said Anouk Franck.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fair trials for children: MEPs amend rules to establish strong EU-wide standards

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

giustiziaDraft EU rules to ensure that children suspected or accused of a crime are assisted by a lawyer at all stages of criminal proceedings in any EU country were approved by the Civil Liberties Committee on Thursday. MEPs also made sure that children are individually assessed by qualified staff, can be heard and state their views in a trial and are kept separate from adult inmates, even, in some cases, after they are 18 years old.An estimated one million children come into formal contact with the police and judiciary in the EU each year (i.e. 12% of the total EU population facing criminal justice). However, their legal protection varies from country to country. For example, not all EU countries provide in their national law the safeguard that children may not waive their right of access to a lawyer. Some EU countries do not at all provide for mandatory defence, others provide for it at court but not at police stations, and others leave it to the competent judge to decide. Due to these disparities, in practice many children do not have access to a lawyer in the EU.“The key aim of this directive is to protect the rights of minors whilst respecting the nature and function of legal proceedings in all member states. It lays down a ‘catalogue of rights’ for young people facing legal proceedings anywhere in the EU. This is a big step forward towards building a framework for fair trials for children”, said the rapporteur, Caterina Chinnici (S&D, IT), in a committee debate. The draft directive would make the assistance of a lawyer mandatory for children at all stages of criminal proceedings in any EU country. MEPs inserted provisions throughout the text to ensure that the child’s best interests are always taken into account.MEPs strengthened the safeguards envisaged for children in the Commission proposal, such as the right to be promptly informed in a simple language about the charges against them, the conduct of the proceedings and their rights. They also added a specific provision on their right to effective remedies and the following requirements, among others:
once arrested, the child has the right to meet with the holder of the parental responsibility or another appropriate adult promptly and in any event prior to questioning;children should be entitled to participate fully in the trial, including being given the opportunity to be heard and to express their views;children must be detained separately from adults and “may, when they reach the age of 18 years, continue to be detained separately from adults unless it is considered to be in their best interests or in the best interests of other detained children not to do so”;these rights would apply “irrespective of the child’s or his or her parent’s or legal guardian’s race, colour, sex, sexual orientation, language, religion, political or other opinion, nationality, ethnic or social origin, property, disability, birth or other status”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Half a Million Electric Vehicles Expected to be Sold Globally in 2015

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

londonLONDON Tuesday, 17th February, 2015 at 03:00 pm GMT Online, with Complimentary Registration. What is the potential of fuel cell vehicles? What is the expected gasoline and diesel engine mix for 2015? How will the electric vehicles (EVs) market perform in 2015? Frost & Sullivan’s analyst briefing will try to answer all these questions. According to recent analysis, over 480,000 EVs are expected be sold globally in 2015 with Europe and China projected as growth markets to watch out this year. Furthermore, the total EVs are likely to reach 10 million units by 2020 globally. With the automotive industry exploring magnetless traction motor solutions, potential of AC induction motors will be explored. The Asian automakers are taking the fuel cell market to the next level by introducing competitive models which not only compete with electric vehicles but also with conventional vehicles. Emission regulations especially in Europe and North America have made vehicle manufacturers produce fuel efficient and low emission cars. The fuel economy pursuit will bank unprecedentedly on efforts in advanced gasoline engine technologies and power train light weighting, with the application of composite materials on a strength-on-demand approach. “Vehicle manufacturers are not just under pressure to adopt green cars, but also need to find the right powertrain technology mix to bring down the fleet emission average,” says Frost & Sullivan Programme Manager, Anjan Hemanth Kumar. “Passenger car industry is pursuing advanced engine technologies such as downsizing, boosting, cylinder deactivation, advanced injection technologies and exhaust after treatment technologies. It is hard to find the right combination. On the other hand, electrification is a major trend witnessed globally from micro hybrids to battery and fuel cell vehicles.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

First Solar and Apple Strike Industry’s Largest Commercial Power Deal

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

tempe arizonaTEMPE, Ariz.–(BUSINESS WIRE)– First Solar, Inc. (Nasdaq: FSLR) today announced that Apple has committed $848 million for clean energy from First Solar’s California Flats Solar Project in Monterey County, Calif. Apple will receive electricity from 130 megawatts (MW)AC of the solar project under a 25-year power purchase agreement (PPA), the largest agreement in the industry to provide clean energy to a commercial end user. “Apple is leading the way in addressing climate change by showing how large companies can serve their operations with 100 percent clean, renewable energy,” said Joe Kishkill, Chief Commercial Officer for First Solar. “Apple’s commitment was instrumental in making this project possible and will significantly increase the supply of solar power in California. Over time, the renewable energy from California Flats will provide cost savings over alternative sources of energy as well as substantially lower environmental impact.” The 2,900-acre California Flats Solar Project occupies 3 percent of a property owned by Hearst Corporation in Cholame, Calif. Construction is expected to begin in mid-2015, and to be completed by the end of 2016. The output of the remaining 150MW of the project will be sold to Pacific Gas & Electric under a separate long-term PPA, and the project is fully subscribed between the Apple and PG&E PPAs. In January, the Monterey County Planning Commission unanimously approved the California Flats Solar Project, sending the project to the Monterey County Board of Supervisors, which will consider final approval of the project today. Building on its proven record of developing, building and operating utility-scale solar power plants, First Solar has placed a strategic focus on directly providing large commercial and industrial customers with wholesale electricity through long-term agreements. This deal marks the first wholesale commercial and industrial PPA executed by First Solar.
First Solar is a leading global provider of comprehensive photovoltaic (PV) solar systems which use its advanced module and system technology. The company’s integrated power plant solutions deliver an economically attractive alternative to fossil-fuel electricity generation today. From raw material sourcing through end-of-life module recycling, First Solar’s renewable energy systems protect and enhance the environment. For more information about First Solar, please visit http://www.firstsolar.com. For First Solar InvestorsThis release contains forward-looking statements which are made pursuant to safe harbor provisions of the Private Securities Litigation Reform Act of 1995. These forward-looking statements include statements, among other things, concerning: our business strategy, including anticipated trends and developments in and management plans for our business and the markets in which we operate; future financial results, operating results, revenues, gross margin, operating expenses, products, projected costs, warranties, solar module efficiency and balance of systems (“BoS”) cost reduction roadmaps, restructuring, product reliability and capital expenditures; our ability to continue to reduce the cost per watt of our solar modules; our ability to reduce the costs to construct photovoltaic (“PV”) solar power systems; research and development programs and our ability to improve the conversion efficiency of our solar modules; sales and marketing initiatives; and competition. These forward-looking statements are often characterized by the use of words such as “estimate,” “expect,” “anticipate,” “project,” “plan,” “intend,” “believe,” “forecast,” “foresee,” “likely,” “may,” “should,” “goal,” “target,” “might,” “will,” “could,” “predict,” “continue” and the negative or plural of these words and other comparable terminology. Forward-looking statements are only predictions based on our current expectations and our projections about future events. You should not place undue reliance on these forward-looking statements. We undertake no obligation to update any of these forward-looking statements for any reason. These forward-looking statements involve known and unknown risks, uncertainties, and other factors that may cause our actual results, levels of activity, performance, or achievements to differ materially from those expressed or implied by these statements. These factors include, but are not limited to, the matters discussed in Item 1A: “Risk Factors,” of our Annual Report on Form 10-K for the year ended December 31, 2013, Quarterly Reports on Form 10-Q, Current Reports on Form 8-K and other reports filed with the SEC.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Why Albania will be in the news in the upcoming months

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

TiranaThe country has proven to be exceptionally rich in renewable energy sources with most of its electricity generated by hydropower plants, but the increased electricity demand has led to regular power shortages, and the country is only exploiting 35% of its hydropower potential at the moment. These factors have encouraged the Government to reform its electricity model through the implementation of new EU regulations and the development of its infrastructure; Albania is now looking for further investments in the renewable sector.Moreover, Albania is currently exploiting its offshore oil and gas resources with private companies performing offshore test drillings. Albania could also play a role in improving Europe’s energy security, through possible investment in liquefied natural gas (LNG) terminals and new gas pipelines. The European demand-supply gap is of growing concern to many EU countries and one of the solutions still under development, is the Trans-Adriatic Pipeline (TAP), which is designed to bring in natural gas from Azerbaijan via Greece and Albania. There is little doubt that in 2015, Albania will take centre stage in the energy industry.The Albania Oil, Gas & Energy 2015 Summit, organised by IRN in Tirana on 17-18th March 2015, will discuss Albania’s potential and its next step towards energy efficiency. This Forum, fully endorsed by the Ministry of Energy and the National Agency of Natural Resources (AKBN), is the first to be dedicated to Albania to allow an in-depth assessment of the new ventures available at the country level. Dr Lutz Landwehr, Commercial and Finance Director at Trans Adriatic Pipeline (TAP) will present on the significance of the TAP for the development of the Balkan region and assess the most significant updates at the Summit.The two-day Summit will gather key industry leaders to assess the huge investment opportunities offered by this resource rich country. In fact, Albania is one of the most attractive developing countries for energy investors; apart from being strategically located in South-eastern Europe, with a natural opening to European markets and the Balkan region, and at the crossroads of major European corridors, Albania possesses low construction prices and labour force salaries.During the Oil & Gas International Licensing Summit, a senior level petroleum gathering that took place last month in London, also hosted by IRN, Dritan Spahiu, Director of Policies and Development of Hydrocarbons at the Ministry of Energy and Industry of Albania, reviewed the past and future of the Albanian licensing round system. He told international companies and Ministerial delegations in attendance that ‘Albania has very high potential in crude oil, it is very positive for investors’. He then invited the audience to join the Albania Oil, Gas & Energy 2015 Summit in March, where more details around the opportunities will be unveiled.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trapianto cellule staminali

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

cellula staminaleIl trapianto con cellule staminali può essere più efficace rispetto a trattamenti esistenti per le forme gravi di sclerosi multipla (SM), lo conferma uno studio pubblicato oggi sull’importante rivista scientifica Neurology. Lo studio ha valutato l’effetto del trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche, dopo immunosoppressione intensa, rispetto al trattamento con mitoxantrone nel ridurre l’attività di malattia in risonanza magnetica. Sono state coinvolte 21 persone la cui disabilità legata alla SM era aumentata nel corso dell’anno, nonostante i trattamenti con farmaci convenzionali. I partecipanti, con età media di 36 anni, avevano un livello medio di disabilità che richiedeva il supporto di un bastone o stampella per camminare. Nella SM, il sistema immunitario attacca il sistema nervoso centrale. In questo studio clinico di fase II, tutti i partecipanti hanno ricevuto farmaci per sopprimere l’attività del sistema immunitario. Poi 12 dei partecipanti hanno ricevuto il trattamento con mitoxantrone -potente terapia immunosoppressiva attualmente usata per il trattamento delle forme gravi di SM. Gli altri nove partecipanti hanno invece ricevuto come trattamento le cellule staminali raccolte dal loro midollo osseo e poi reintrodotte dopo che il sistema immunitario era stato soppresso (immunosoppressione). Tutti i partecipanti sono stati seguiti per un massimo di quattro anni. “Questo trattamento sembra riprogrammare il sistema immunitario – ha spiegato l’autore dello studio Gianluigi Mancardi, dell’Università degli Studi di Genova -. Con questi risultati, si può ipotizzare che il trattamento con cellule staminali possa influenzare profondamente il decorso della malattia”.L’immunosoppressione intensa seguita da trapianto con cellule staminali ha ridotto l’attività di malattia in modo più significativo rispetto al trattamento con mitoxantrone. Le persone che hanno ricevuto il trapianto con cellule staminali hanno avuto l’80 per cento in meno di nuove lesioni cerebrali T2 rispetto a quelli che hanno ricevuto mitoxantrone. In particolare la media di nuove lesioni T2 era di 2,5 nelle persone trattate con trapianto e di 8 in quelle trattate con mitoxantrone.Per un altro tipo di lesioni associate alla SM, chiamate lesioni captanti il gadolinio, nessuna delle persone che hanno ricevuto il trattamento con cellule staminali ha presentato nuove lesioni durante lo studio, mentre il 56 per cento di quelli trattati con mitoxantrone hanno avuto almeno una nuova lesione captante il gadolinio.Il professor Mancardi ha sottolineato che i gli effetti collaterali che si sono verificati con il trattamento con cellule staminali erano stati previsti e risolti senza conseguenze permanenti.”E’ sicuramente importante ampliare gli studi con un maggior numero di persone per confrontare l’efficacia del trapianto di cellule staminali verso il placebo, ma è molto promettente vedere che questo trattamento può essere più efficace di una terapia immunomodulante già approvata per le persone con forme gravi di SM che non rispondono bene ai trattamenti standard.” ha dichiarato Mancardi. Lo studio è stato finanziato dalla Fondazione dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla .

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Avvocato, dove ha lo studio? Se lo si dice in un articolo si è sanzionabili

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

studio legaleChe gli ordini professionali e molte delle regole deontologiche che disciplinano il comportamento dei liberi professionisti siano residuati ed arzigogoli del periodo fascista non vi sono dubbi e sono gli stessi ordini a mettersi d’impegno per ribadire questo concetto.
Il Consiglio Nazionale forense (la massima espressione dei vari Ordini degli avvocati) l’ha voluto recentemente ribadire. Vediamo come. Si legge in una sentenza resa da quest’organismo che costituisce illecito disciplinare per l’avvocato l’aver consentito l’inserimento dei propri recapiti di studio nella pubblicazione di un articolo “con la conseguenza, …, di aver ricevuto personalmente, per un certo periodo, a tali indirizzi le lettere con richiesta di pareri e consigli legali” ciò, si prosegue nel provvedimento “integra una forma di pubblicità non ammessa dai canoni del codice deontologico, in quanto potenziale strumento di accaparramento o sviamento della clientela. Sono, infatti, gli strumenti usati che configurano come lecita, ovvero conforme alla correttezza ed al decoro, ai sensi dell’art. 19 CDF, o meno l’attività di acquisizione della clientela” (C.N.F. sentenza n. 83/2014).
Essere figlio di un avvocato con studio avviato e ritrovarsi la clientela dietro la porta è una fortuna, essere un giovane avvocato e cercala facendo conoscere la propria attività attraverso la pubblicazione di un articolo d’interesse, no, anzi potrebbe diventare una macchia sul proprio curriculum professionale. Se un qualunque avvocato volesse fare sapere alla cittadinanza che è in grado di risolvere un problema (o magari che l’ha già risolto) spiegandone i motivi e facendo sapere dov’è, non potrebbe farlo o se lo facesse (e molti lo fanno) rischierebbe una condanna per violazione del codice deontologico. Si può firmare l’articolo ma non dire dove si ha lo studio. Che ipocrisia! L’acquisizione di clientela, per la massima espressione del corporativismo forense, non può avvenire in questo modo, ma evidentemente solo incrementando una rete di relazioni personali che sfuggono a valutazioni d’ogni genere: alla faccia della tutela del decoro professionale! Qual è il danno reale al decoro professionale che può derivare da un avvocato che tiene una rubrica su un giornale (on-line o cartaceo)? La pubblicità, come quella che utilizza chi fa impresa, è vietata: qual è il senso di vietare anche la possibilità di far conoscere la propria professionalità attraverso questa forma di comunicazione? Le risposte vanno cercate volgendo i lumi della ragione alle giustificazioni che si usavano quando Guttenberg doveva ancora nascere e che già allora un cittadino di media intelligenza avrebbe considerato errate. Vietare la diffusione di conoscenza e soprattutto la legittima aspirazione di un qualunque professionista a crearsi la propria clientela senza sotterfugi, ma solamente contando sulla propria intelligenza, è cosa mortifera innanzitutto rispetto al concetto di libera professione, oltre che naturalmente per l’utenza finale. Sanzionare queste forme di comunicazione vuol dire rafforzare e difendere non il decoro professionale ma l’indecoroso sistema di baronie presenti in tanti studi legali nel nostro paese. Molti praticanti avvocati e molti giovani avvocati, è cosa nota, vedono svilita la propria dignità – e qui sì il decoro della professione – da chi molto spesso ha l’interesse a tenere a freno la concorrenza piuttosto che a valorizzare le professionalità che lo circondano. Siamo convinti che nessun avvocato di buon senso, qualunque sia la sua età, veda come dannoso un proprio collega che per far conoscere una questione e la sua possibile soluzione lo faccia tramite un articolo su un giornale o su internet.
Una rivisitazione in chiave liberale di questo e di altri ridicoli limiti previsti dal codice deontologico forense sarebbe auspicabile, ma questa è una chimera visto che il codice deontologico è stato appena modificato. E nel frattempo? Nel frattempo accadrà quel che è accaduto all’automobilista che per una vita ha parcheggiato in sosta vietata davanti al comando dei vigili urbani senza essere mai multato e poi un bel giorno si è svegliato con la contravvenzione sul parabrezza: insomma l’avvocato resterà in balia dei suoi colleghi controllori che discrezionalmente ed arbitrariamente, ma con il diritto dalla loro, potranno sanzionarlo a proprio piacimento. Con buona pace della certezza del diritto e della sua funzione. (Alessandro Gallucci, legale Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pagamenti: il 90% dei negozianti chiede trasparenza alle banche sui costi del pos

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

pagamenti elettroniciI pagamenti tramite Pos fra professionisti, artigiani e negozianti si stanno diffondendo anche in Italia, ma meno del previsto. Uno dei motivi che frenano il passaggio dal contante ai pagamenti elettronici è la scarsa chiarezza sui costi. Un’indagine commissionata da Jusp, la società che ha messo a punto un sistema innovativo per i pagamenti in mobilità anche con smartphone, mostra che il 90 per cento dei circa un milione di esercenti dotati di pos non conosce i costi legati all’uso del dispositivo per le transazioni. Dall’indagine emerge una diffusa mancanza di chiarezza nelle condizioni poste dalle banche per l’uso del pos: “gli esercenti lamentano in particolare la mole di voci, fra costi fissi e commissioni per carte di credito e bancomat, che non contribuisce certo a dare l’immediata percezione di quanto costi ogni transazione eseguita e quale sia la differenza di offerta tra le varie banche”, riferisce il Ceo di Jusp Stefano Calderano.
La trasparenza che ormai le banche, dopo anni di pressioni da parte delle associazioni dei consumatori, garantiscono su conti correnti, mutui e prestiti, non sembra sia stata estesa anche ai pos, considerati BtoB e quindi fuori dalle garanzie offerte ai cittadini comuni. “Il mondo pos in effetti – sostiene Calderano – è un residuo del vecchio modo delle banche di fare pricing, e la legge sulla trasparenza di Bankitalia non aiuta: impone infatti un’enorme quantità di documenti, tutt’altro che trasparenti e comprensibili”.
Secondo Calderano ci vorrebbe, come per i conti correnti, un indicatore sintetico di costo che almeno una volta all’anno riassuma tutte le voci di spesa del pos in un’unica cifra. Oppure un unico costo, come quello proposto da Jusp che ha abolito qualsiasi canone e costo fisso e chiede ai suoi clienti solo una quota del 2,5% sulle transazioni eseguite.
Jusp, fondata nel 2011 da Jacopo Vanetti, grazie all’ingresso dei fondi Principia SGR e Vertis SGR diventa la startup più finanziata del 2013. Attualmente guidata da Stefano Calderano (precedentemente a capo della divisione Retail e Private Banking di BNL e prima ancora Marketing Director di Banca Intesa), la società ha ricevuto diversi riconoscimenti per l’eccellenza raggiunta nel produrre innovazione, conquistando i titoli di “Champions of European Innovation” al Bully Award Winner sia nel 2013 sia nel 2014 e di “Transaction Services Innovation Awards” al Florin Award Winner 2013. (Martina Trecca)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Dr. Schär si espande in Sud America: aperta la Dr. Schar Brasil

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

san paolo brasileIl Gruppo Dr. Schär si conferma in continua espansione e sbarca in Sud America con grandi prospettive. Da agosto di quest’anno con l’acquisizione delle azioni di Mentor Importação e de Alimentos Distribução Ltda, nasce ufficialmente la nuova filiale Dr. Schar Brasil Importação e Distribuição de Alimentos Ltda.“Il mercato del senza glutine in Sud America, ed in Brasile in particolare, è molto promettente. – dichiara Ulrich Ladurner, presidente del Gruppo Dr. Schär – Il volume di vendite dei nostri prodotti ha portato il fatturato brasiliano a registrare in un solo anno un incremento pari al 135 per cento. La nuova Dr. Schar Brasil, implementa la collaborazione già esistente con l’azienda partner che importava in esclusiva i prodotti Schär e certifica le nostre intenzioni di investire direttamente in Sud America.”Per due anni da settembre 2012 ad agosto 2014, Mentor ha affiancato il Gruppo Dr. Schär, in qualità di importatore e distributore di prodotti senza glutine esclusivo per il Brasile, in un percorso di acquisizione di esperienza e crescita del settore gluten free. La collaborazione continuerà in continuità anche nella nuova azienda con la conferma del management. A capo di Dr. Schar Brasil, vengono infatti confermati Fernando De Mendez in qualità di Amministratore Delegato, e Ticiana De Mendez, responsabile dell’area Sales and Marketing, che guideranno un team composto da 8 persone. La sede della Dr. Schar Brasil è a Curitiba, a circa 400 km a sud di San Paolo. In Brasile Curitiba è considerata come la città “più europea”, è conosciuta come la “capitale verde” del Brasile e con 1.776.761 abitanti, è l’ottava città più popolata del paese e la più grande della regione meridionale del Brasile.“Dr. Schär, con l‘apertura della nuova sede in Brasile, vuole impegnarsi nel migliorare la qualità di vita di chi soffre di celiachia o disturbi glutine correlati e deve quindi seguire una dieta gluten free -continua Ulrich Ladurner – offrendo al consumatore prodotti senza glutine certificati e nel sensibilizzando l’opinione pubblica su queste patologie”. (Valentina Crovetti)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Live Arts Week IV

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

bolognaBologna 21-26 aprile 2015. Xing presenta la quarta edizione di Live Arts Week che si terrà a Bologna con sede centrale nel complesso dell’Ex Ospedale dei Bastardini, e con un progetto speciale negli spazi di MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna per tutta la settimana.Evento unico in Italia dedicato alle live arts, presenta un insieme eterogeneo di performance che ruotano intorno alla presenza e all’esperienza percettiva di corpi, movimenti, suoni e visioni, con un programma-palinsesto di opere dal vivo (performance, ambienti, concerti, live media, expanded cinema, con date uniche, produzioni e anteprime) presentate da personalità di spicco della ricerca contemporanea internazionale. Per questa quarta edizione Xing ha messo assieme gruppi di scompagnati e ricercatori solitari. Un villaggio/palazzo ed un museo di arte moderna accoglieranno questo insolito insieme di habitat, aprendo due mondi che si alterneranno, tra giorno e notte: la grande composizione novecentesca di John Cage HPSCHD con le collezioni post-digitali che la accompagnano sul piano visivo nella grande sala di MAMbo, e gli enunciati collettivi, le teorie incarnate e le fenomenologie sonore che vivranno nelle suggestive sale del vecchio Ospedale dei Bastardini.Live Arts Week dà spazio ad atletiche esistenziali: non antepone l’arte agli artisti, espone a forme di sensibilità e idee, accoglie opere ibride e poliglotte, ospita singolarità umane, tessendo una sorta di contro-design della fruizione. Progettato come un’unica campata ed un’architettura inedita, raccorda e permette di attraversare tensioni estetiche e pratiche rappresentative del mondo contemporaneo.Gianni Peng, nome che accompagna il festival nella sua crescita biologica, sta ad indicare il momento di queste transizioni. E’ un fenomeno, non una persona: un nuovo soggetto identitario, improbabile ma reale, da trattare come un concetto astratto.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conti pubblici: in tre anni media mensile aumento debito +74,4%

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

debito_pubblico_euroCresce sempre più velocemente la montagna del debito pubblico italiano: in tre anni dal 2011 al 2014 la media mensile della salita del debito statale è passata da 4,7 miliardi di euro a 8,2 pari a un incremento percentuale del 74,4%. Se nel corso del 2011 il buco nei conti dello Stato è cresciuto complessivamente di 56,4 miliardi, nei primi 11 mesi del 2014 il “rosso” si è incrementato di 90,3 miliardi; nel 2012 è invece salito di 82,3 miliardi e nel 2013 di 79,9 miliardi. Questi i dati più rilevanti di una analisi del Centro studi di Unimpresa, basata su dati della Banca d’Italia e del Tesoro, secondo cui il ritmo di crescita del debito pubblico italiano è sempre più veloce: se la media restasse invariata alla fine del 2015 l’ammontare del debito raggiungerebbe la vetta dei 2.266,7 miliardi. Alla fine del 2010 il debito era a a quota 1.851,2 miliardi, nel 2011 era a 1.907,6 miliardi, nel 2012 a 1.989,9 miliardi, nel 2013 a 2.069,8 miliardi e a novembre 2014 era a 2.160,1 miliardi. Da novembre 2014 a dicembre 2015 (13 mesi), se la media non diminuisse, il debito crescerebbe di altri 106,6 miliardi arrivando a toccare i 2.266,7 miliardi. “Negli anni peggiori della crisi il debito cresceva meno di oggi” commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, “e i nostri dati servono a ristabilire la verità proprio su quello che è accaduto durante la tempesta finanziaria internazionale. Di sicuro pare evidente che le politiche dettate dalla logica del rigore e dell’austerity sono state fallimentari. Continue manovre lacrime e sangue varate dai governi tecnici e di larghe intese con la dichiarata intenzione di salvaguardare le finanze pubbliche hanno prodotto un risultato drammatico: imprese e famiglie in ginocchio, debito alle stelle”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ribassi grano duro

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

agricolturaDopo i rialzi osservati nella prima parte dell’attuale campagna, tornano a scendere i prezzi all’ingrosso del frumento duro nazionale. E’ quanto emerge dall’analisi della Borsa Merci Telematica che evidenzia come a gennaio le quotazioni del frumento duro fino abbiano ceduto l’1,3% su base mensile, attestandosi su un valore medio di 383 €/t. Un andamento che ha trovato ampia conferma nelle prime rilevazioni di febbraio, che hanno mostrato un’accentuazione della fase di ribasso. Il confronto anno su anno si è mantenuto comunque ampiamente positivo, pari a +39,7%. A gennaio si è rilevata invece una dinamica congiunturale positiva sia per il frumento tenero panificabile (+1,8%) che per il mais secco (+1,2%), riconducibile in entrambi i casi ai rialzi registrati nelle prime rilevazioni dopo le festività natalizie. Su base annua, al contrario, il confronto continua ad essere negativo per tutti e due i prodotti cerealicoli, sebbene più accentuato per i prezzi all’ingrosso del mais (-17,8%) rispetto al frumento tenero (-5,6%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Film: Noi e la Giulia

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

noi-e-la-giulia_jpgMilano Martedì 17 febbraio alle ore 21 al Cinema Colosseo, Sala Bio Milano presenta l’anteprima di Noi e la Giulia, il nuovo film di Edoardo Leo tratto dal romanzo Giulia 1300 e altri miracoli di Fabio Bartolomei. Quattro falliti che nemmeno si conoscono tra loro e una ragazza in fuga dalla città decidono di mettersi in società e restaurare una vecchia masseria per trasformarla in un agriturismo, ma un camorrista arriva a spiegare loro come funzionano le cose da quelle parti e a chiedere il pizzo. La loro inaspettata e sorprendente reazione darà il via a una rocambolesca avventura che cambierà per sempre le loro vite.All’anteprima interverranno il regista Edoardo Leo, Luca Argentero, Claudio Amendola e Anna Foglietta che presenteranno il film al pubblico in sala.
Noi e la Giulia sarà presentato in anteprima in contemporanea anche a Sala Bio Roma e lunedì 16 febbraio a Sala Bio Bologna. Sarà poi distribuito nei cinema italiani da Warner Bros. Pictures Italia a partire dal 19 febbraio.
Sala Bio nasce come estensione nel corso dell’anno di Biografilm Festival – International Celebration of Lives di Bologna, il primo festival italiano dedicato alle biografie e ai racconti di vita i cui ambiti spaziano dal cinema alla letteratura, dal documentario alla fotografia, dall’arte al teatro, alla musica. Dopo il successo della scorsa edizione nel capoluogo lombardo, Sala Bio, in collaborazione con il Cinema Colosseo, ha deciso di riproporre per tutta la stagione 2014 /2015 una programmazione eterogenea e di qualità che spazia dalla fiction ai documentari e che sarà densa di anteprime, eventi ed incontri. Un nuovo pubblico per il cinema di qualità che si ritrova ogni settimana per scoprire le storie di grandi personaggi, che ha piacere a condividere esperienze e visioni in un contesto culturale continuativo arricchito dalla presenza di ospiti e critici importanti. L’obiettivo è offrire al pubblico l’opportunità di entrare a far parte di una community che ogni settimana si ritrova in Sala Bio per scoprire importanti, appassionanti, divertenti storie di vita. Rispondendo così alla richiesta di un nuovo pubblico che ama il cinema di qualità e che ha piacere di condividere esperienze e visioni in un contesto culturale coerente e continuativo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Droni da giardino

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

droni da giardinoCresce il mercato dei robot rasaerba: un settore di nicchia nel mondo degli attrezzi da giardino che però inizia a valere in Europa quasi 300 milioni di euro. Le proiezioni annunciate si sono confermate: i droni da giardino hanno fatto registrare nel 2014 una crescita di circa il 25%, confermando il deciso buon andamento che li ha visti nell’ultimo quinquennio più che raddoppiare le unità vendute, passando da 70mila a oltre 160mila nei Paesi UE. «L’Italia mantiene un passo leggermente più lento con una crescita che per il 2014 si è aggirata intorno al 15%, in linea con l’anno precedente», afferma Massimiliano Pez general manager di Neumann Italia, azienda del gruppo tedesco Neumann Robotics leader nell’automazione industriale e nello sviluppo di soluzioni innovative dedicate all’outdoor e presente da tre anni nel nostro Paese con la gamma Mission. «In Italia il mercato dei rasaerba robotizzati vale circa 25 milioni di euro con un volume di unità vendute che supera abbondantemente le 10mila unità», continua Pez. «L’Europa in questo settore si sta muovendo a due velocità: i Paesi più attivi Germania, Svezia, Paesi Bassi,m Austria e Svizzera. Tra i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, l’Italia è quello che sta reagendo meglio; in Francia e Spagna la tendenza è di una crescita molto più modesta».Il mercato dei droni da giardino sta così finalmente trovando una propria identità. Nonostante queste macchine siano presenti sul mercato da oltre 15 anni, solamente negli ultimi anni è infatti cambiato l’approccio dei consumatori. «La tecnologia, che in questo settore ha fatto dei grandi passi in avanti, ha permesso di superare le resistenze che c’erano. A fronte di dubbi sul loro buon funzionamento e sulla possibilità di poterli impiegare per la manutenzione del giardino di casa, sono state progettate macchine affidabili, di facile installazioni e funzionamento, introducendo anche soluzioni contro l’eventuale furto», aggiunge il general manager di Neumann Italia. Il merito è anche in una crescente sensibilità ambientale. Prosegue Pez: «L’attenzione che viene data i temi dell’ambiente e del risparmio energetico trova una risposta concreta nell’utilizzo di queste macchine che sono in grado di prendersi cura del prato di casa facendo registrare importanti risparmi idrici ed energetici, abbassando l’utilizzo di fertilizzanti e concimi e riducendo a zero i livelli di inquinamento». Infatti, a fronte di un tradizionale rasaerba con motore a scoppio, i robot funzionano innanzitutto grazie ad un motore elettrico che non inquina. La tecnica utilizzata non prevede la raccolta dell’erba tagliata: questa infatti, se tritata finemente, oltre a non essere antiestetica – praticamente non si vede -, è un elemento fondamentale per trattenere nel terreno l’acqua, riducendo la necessità di far continuo ricorso all’irrigazione del prato. Inoltre diventa un concime naturale. L’attenzione all’ambiente si traduce quindi in meno spese da sostenere. «Un solo esempio – conclude Pez – se andiamo a confrontare l’azione di MiniMission, il robot di Neumann, con quella di un rasaerba tradizionale con motore a scoppio su un prato di circa 700 metri quadrati, l’impegno economico si riduce ad un terzo, senza contare il tempo che metteremmo nel tagliare il prato personalmente».
Neumann Italia – Con oltre 50 anni di storia nell’automazione e robotica industriale, il gruppo tedesco Neumann arriva in Italia nel 2012 con il marchio Mission, una gamma di prodotti per la manutenzione del giardino che risponde a tre principi: miglioramento della qualità della vita, rispetto dell’ambiente e riduzione delle emissioni nocive. Dal 2005 infatti la tecnologia Neumann si è concentrata sullo sviluppo di soluzioni innovative dedicate all’outdoor puntando esclusivamente su applicazioni elettroniche e batterie al litio ad alta efficienza energetica. Fanno parte della gamma di Neumann Italia sistemi automatici per la manutenzione del manto erboso e prodotti per la cura di arbusti, alberi e fogliame. Neumann è l’unica multinazionale ad operare nel settore garden con una rete diretta di consulenti che vistano i clienti e li informano sulle migliori soluzioni per il loro giardino. (foto: droni da giardino)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Petrolio e gas non convenzionali sono i combustibili del futuro

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

AUMENTO PREZZI BENZINASebbene i prezzi del petrolio greggio siano in calo, molte aziende e governi stanno cautamente investendo nelle tecnologie nuove ed esistenti per ottenere petrolio e gas da fonti non convenzionali. Gli idrocarburi non convenzionali avranno un ruolo importante nel mix di combustibili a livello globale, e i progressi tecnologici lungo l’intera catena di valore plasmeranno la redditività del settore nel lungo periodo. Nonostante il crescente interesse per le energie alternative, gli idrocarburi resteranno la principale fonte di energia in tutto il mondo per gli anni a venire. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Global Oil and Gas Outlook 2014”, rileva che il mercato del gas naturale liquefatto (GNL) mantiene una forte attrattiva. Questo studio fornisce un’analisi dettagliata delle tendenze chiave che influiranno sul mercato globale Oil & Gas nel prossimo decennio e oltre. Il gas sarà uno dei principali combustibili per la produzione di energia nel 2030, nonostante l’incertezza economica sulla scia dei recenti disordini in Africa e in Medio Oriente. Inoltre, le recenti sanzioni occidentali verso la Russia in seguito al conflitto in Ucraina avranno un impatto negativo sui volumi commerciali del petrolio e del gas naturale in Russia. Nel lungo periodo, è molto probabile che la produzione di gas non convenzionale in Nord America, America Latina e Cina potrebbe compensare eventuali carenze nell’offerta e nella domanda di gas. “Gli investimenti nelle nuove tecnologie e la capacità di recupero del settore Oil & Gas hanno fatto nascere sistemi innovativi di esplorazione e produzione, come la trivellazione in acque profonde e le esplorazioni artiche a profondità di oltre 12.000 piedi, – afferma Pritil Gunjan, analista di Frost & Sullivan. – Anche i progressi tecnologici e l’ottimismo degli investitori hanno aumentato la resa dei non convenzionali di tight oil e gas di scisto.” Sebbene il gas di scisto abbia creato molta eccitazione, c’è incertezza riguardo alle riserve attuali e a quale percentuale di tali riserve sia recuperabile. Inoltre, i giacimenti europei e cinesi di gas di scisto sono molto più profondi di quelli negli Stati Uniti, rendendo la trivellazione e l’estrazione molto più difficili. La necessità di tecniche di trivellazione e di piattaforme raffinate aumenterà i tempi di sviluppo e i costi. Le sfide che il settore Oil & Gas dovrà affrontare sono molteplici:
• Rischi geografici e climatici in luoghi di difficile accesso
• Rischi di sicurezza relativi a gas e petrolio nelle regioni dai consumi elevati, specialmente Cina, India e Sud-est asiatico
• Bassa sicurezza operativa, elevato rischio di fuoriuscite e di disastri ambientali
• Progetti futuri classificati come altamente difficoltosi in termini di tecnologia ed efficienza operativa
• Incertezza riguardo alla crescita dei mercati collegati a petrolio e gas non convenzionali
• Passaggio dalle tecnologie basate sul petrolio a soluzioni alternative come biocarburanti ed energia elettrica
• Normative stringenti per le emissioni di gas serra
La corretta valutazione delle riserve e dei tassi di recupero avrà un’importanza critica nei prossimi due anni. Anche il focus sull’aumento della produzione e sulla riduzione dei costi sarà una priorità nel breve periodo. A tal fine, aumenteranno gli investimenti nelle tecnologie avanzate come la trivellazione orizzontale, il fracking idraulico, il downspacing e la trivellazione in acque profonde.
“Sebbene restino delle incertezze riguardo alle riserve, l’utilizzo di metodi di estrazione e produzione tecnologicamente superiori può migliorare i tassi di recupero, – osserva Gunjan. – Pertanto, ampliare le condutture e i terminali per collegare le aree di produzione alle raffinerie rappresenterà un’opportunità chiave per le aziende che operano in ambito Oil & Gas a livello globale.” “Global Oil and Gas Outlook 2014” è un Market Insight che fa parte del programma Energy & Power Growth Partnership Service. Questo Insight fornisce un’analisi delle tendenze globali chiavi che influenzeranno il mercato Oil & Gas nel corso del prossimo decennio e oltre. Approfondisce inoltre le opportunità di crescita nei principali mercati del settore Oil & Gas a livello globale.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, collabora con i propri clienti per potenziare una visione innovativa che risponda alle sfide globali e alle opportunità di crescita correlate che faranno la differenza per gli operatori del mercato di oggi. Per oltre 50 anni abbiamo sviluppato strategie di crescita per le 1000 aziende più importanti a livello globale, le realtà emergenti, il settore pubblico e la comunità degli investitori. La vostra azienda è pronta per la prossima ondata di convergenza industriale, tecnologie dirompenti, crescente competizione, macro tendenze, best practice innovative, clienti in continua evoluzione e mercati emergenti?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migranti e missione “Triton”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 febbraio 2015

pogliese_salvo“Una nuova tragedia del mare era obiettivamente immaginabile: da mesi andiamo dicendo che l’operazione Triton abbisogni di maggiori risorse e di nuove regole d’ingaggio che vadano oltre il semplice pattugliamento”: lo afferma da Strasburgo l’eurodeputato siciliano, On. Salvo Pogliese, membro sostituto della “Delegazione all’Assemblea parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo”.
“E lo affermiamo dallo scorso autunno, prima ancora che la missione europea dell’agenzia Frontex sostituisse quella italiana, e cioè Mare Nostrum adesso giudicata inefficace da fonti del Viminale d’intesa con Palazzo Chigi (come leggiamo sui giornali)” ricorda l’on. Pogliese.“La missione Triton deve essere ancor più e meglio supportata dall’Europa, e Frontex deve trovare sede operativa in Sicilia, luogo di immediata frontiera, ma deve anche prevedere nuove regole di ingaggio che fronteggino seriamente l’ondata di sbarchi che, presumibilmente con l’arrivo della bella stagione, non potrà che intensificarsi” prosegue Pogliese.
“Certo è che l’Europa deve, dal punto di vista politico e diplomatico, svegliarsi perché già a monte i tentativi di sbarco possano essere arrestati, e questa è missione che non può che attenere all’alto rappresentante per la Politica estera dell’Ue. Occorre agire, subito, perché gli sbarchi sono organizzati da mercanti di esseri umani senza scrupoli che non guardano in faccia nessuno e non rispettano bandiere: ogni giorno che passa può essere giorno di nuove morti, persone che scappano dalle guerre. Ma non solo” ha detto ancora Pogliese. “Perché, sempre fonti del Viminale così come riportano i giornali, su oltre 63 mila richieste di protezione internazionale presentate nel 2014 ne sono state esaminate appena 16 mila dalle commissioni territoriali italiane, di cui appena il 45 per cento con esito positivo. La restante parte è rappresentata non da migranti ma da irregolari e con rischio concreto di infiltrazioni terroristiche. Chi sono e perché vogliono entrare in Europa? Anche per questo motivo abbiamo chiesto la rimodulazione dell’accordo <Dublino3> affinché, secondo un principio solidaristico, ripartisca tra tutti gli stati europei compiti di accoglienza e destinazione finale, oggi ancora solo di competenza italiana” chiude Pogliese.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »