Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 341

Archive for 21 febbraio 2015

Ryan Hewett Untitled

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

Ryan Hewett2London 9 Earlham Street, Thursday 23rd April, 6-9pm Exhibitions runs: 24rd April – 24th May 2015. This April, London’s breakthrough artist-led gallery space, The Unit London, presents ‘Untitled’, an exhibition of contemporary portraiture by Ryan Hewett, one of South Africa’s leading artists. The exhibition focuses on the depiction of leading figures from the past and present who have somehow shaped the world in which we live. Alongside such revered icons as Nelson Mandela, Mahatma Gandhi and Abraham Lincoln, Hewett also portrays such infamous persona as Adolf Hitler, Josef Stalin and Osama bin Laden. Untitled presents these figures through a markedly honest, unbiased lens; any judgement on them is made by the viewer. Whilst the paintings are loaded and complex, Hewett does not prescribe his works with a political message, and this is reflected in the exhibition’s title.The theme was inspired by a recent quotation on gay marriage from Pope Francis I, “Who am I to judge?” “That statement got me thinking about where we are in Ryan Hewett1the world today,” says Hewett. “With the prolificacy of social media, everybody now offers their instant commentaries – judgments – on political and religious figures. People get carried away with judgements, yet I believe we should be standing back and giving more reflection to the effects, good and bad, that these figures – these people – have had, and are having on us as individuals and a society.” Hewett’s portraits are not life-like depictions, but rather contemporary semi-abstract representations. Starting from a familiar iconic image, he strips away the likeness of each subject through the use of richly hued textures, splashes of colour and broad brushstrokes. In deconstructing the likeness of his subjects, Hewett conjures a visceral, raw and uncompromising account of their legacies. According to esteemed writer and art critic Edward Lucie-Smith, Hewett’s pictures “appear on the painted surface in the form of extraordinary apparitions, present yet not present. The vigorous marks of the brush reveal them, yet at the same time conceal them”.
The pictures are both brooding and evocative and mark a significant development in Hewett’s 12-year career as an artist. Self-taught, he began with realistic pencil drawings before evolving to a looser, more modern style in oil, with multi-layered surfaces and hard mark making. Edward Lucie-Smith sees echoes of a British painter.Ryan Hewett “Hewett’s work resembles the portraits made by Frank Auerbach, but the actual touch is much lighter and more fluent – there is a dance of recognition, rather than a laborious excavation.” Until now, Ryan Hewett’s subjects tended to be people with whom he was acquainted. Now, with famous figures within the public consciousness, he aims to stimulate discussion and dialogue. “It is not going too far,” says Edward Lucie-Smith, “to say that these are participatory pictures – we become part of them, engaged by the act of looking.”
The Unit London founded in September 2013 by Joe Kennedy and Jonny Burt, The Unit London represents the next generation of contemporary and progressive fine art, showcasing both established and emerging contemporary artists from around the world. The gallery has garnered a strong audience of young professionals and collectors as well as a loyal celebrity following including the likes of David Bailey, Sir Bob Geldof, Jude Law, Jean Paul-Gaultier, Nick Grimshaw and Jesse Eisenberg. (Photos Ryan Hewett)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IRN launching inaugural Europe Mining 2015 Summit on 17-18th June in Amsterdam

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

mining industryEurope as a continent is one of the richest in natural resources, with a long tradition of being active in mining. Still today, the mining industry in the region is very prosperous, with new techniques and technologies being implemented and developed, that are constantly leading the continent to benefit from its mining resources and wealth. However, the European Union’s target is now to discover new mining deposits for Europe to become self-sufficient in terms of minerals, metals, and metal ore; and curb its important metals import rate.The Europe Mining 2015 Summit, organised by Global Summit Organiser, IRN, on 17-18 June 2015, will be the only Summit focusing on industry developments for European mining in recent years, with dedicated focus on future plans for further development. Hosted at a 5* venue in the heart of Europe, in Amsterdam, the Summit will give the audience the opportunity to meet with the Regulatory Authorities, Investment Bodies, Mining Companies, Service and Equipment Providers responsible for all major mining projects in Europe to discuss the current and upcoming business opportunities in the European Countries.The respectable Speaker Faculty, composed of very senior level experts such as Ministers of Natural Resources, representatives of leading European mining companies, principal Academics, analysts and geologists as well as investment and law officers; will provide general sessions around the regulatory framework and outlook of the European mining industry. Additionally, there will be case studies looking at what is happening in terms of mining in specific European countries, such as Greenland, Sweden, Turkey, Spain, Poland, Ireland and Albania, amongst others.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terapia del Dolore

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

Duomo_e_Battistero_di_ParmaTerapia del Dolore: presentato a Parma il primo Centro di riferimento individuato per l’Emilia Romagna Anni di esperienza come struttura specialistica al servizio dei pazienti che soffrono, un’innovativa attività di ricerca farmaco-genomica sul mal di schiena, un impegno continuo nella formazione di medici altamente specializzati. Sono questi i punti di forza del Centro di Terapia del Dolore dell’Ospedale Maggiore di Parma, da poco riconosciuto come riferimento regionale per la cura del dolore cronico e presentato oggi alle Autorità e ai media locali.Il Centro di Terapia del Dolore dell’unità operativa di 2° Anestesia e Rianimazione, recentemente ristrutturato e ampliato, con 6 ambulatori, 6 posti letti e 2 attigue sale operatorie, è in grado di gestire anche i casi più complessi, ponendosi all’avanguardia per la diagnosi, la cura e la riabilitazione del dolore cronico. La struttura risponde così in modo completo ai requisiti della legge 38, che garantisce l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore da parte del malato, nell’ambito dei livelli essenziali di assistenza.
“Il nostro – spiega il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Leonida Grisendi – è stato il primo, e per ora l’unico, Centro HUB individuato dalla Regione Emilia Romagna, punto di riferimento per un’area vasta di circa 2 milioni di abitanti. Una scelta maturata per gli anni di competenza ed esperienza di struttura specialistica di secondo livello, che premia il lavoro clinico-assistenziale e di ricerca dei nostri professionisti”.“L’HUB di Parma – precisa Guido Fanelli, Direttore della struttura e Presidente della Commissione ministeriale per l’attuazione della legge 38 – con oltre 16.000 prestazioni erogate ogni anno, ha al proprio attivo numeri che testimoniano la grande mole di lavoro svolta quotidianamente. A questo si aggiunge una feconda attività di ricerca, il cui valore è stato recentemente attestato dall’assegnazione di fondi da parte della Commissione Europea per uno specifico progetto di ricerca farmaco-genomica condotto sui dolori alla schiena, nell’ambito del Seven Fraimwork Program for Research”.“L’Università di Parma – conclude Fanelli – è stata la prima nell’anno accademico 2012-2013 ad istituire il Master di secondo livello di alta formazione e qualificazione in terapia del dolore e cure palliative. Ogni anno diplomiamo 20 medici con competenze professionali specifiche, proprio per un’adeguata gestione del dolore cronico, in base ai principi della legge 38”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Esce per Rubbettino “Il sesso dei gatti e altri racconti”

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

copertina GambinoUna silloge di Sharo Gambino in cui convivono, e si valorizzano a vicenda, le due fasi letterarie dell’autore: l’ironia alla Jerome e il neorealismo che caratterizza la seconda parte della sua produzione culminata con il romanzo Sole nero a Malifà, del quale è presente, nel volume, il nucleo originario, il racconto “Al di là della valle”. Lo scrittore calabrese, a quasi sette anni dalla scomparsa, rivive in questi racconti. Se ne percepisce la voce schietta, l’ironia serafica e il sarcasmo spigliato; ne riecheggia la voce, tra le casupole di mattoni rossi e pietra, tra le stradine sterrate e i paesaggi aridi e fiammeggianti della sua Calabria. E con lui rivive anche una Calabria sconosciuta ai più, nascosta tra le pagine di cronaca e opacizzata dai clichè che una regione complessa come questa si porta dietro.
Gambino rifugge dagli stereotipi e contemporaneamente delinea situazioni e caratteri in cui tutti possono rispecchiarsi, per empatia o grazie alla sua straordinaria capacità di rendere i dettagli così definiti da restituire al lettore una realtà comoda in cui immergersi. Comoda per l’immaginazione, ma sottilmente e piacevolmente sbilenca per il retrogusto amaro di certe storie.
È qui che si fondono le due anime di Gambino, romantico ed illuminista insieme, ricercatore attento e narratore sublime, realista e magico, raccoglitore di voci sommerse, fine conoscitore della tradizione e della storia.
Lontano dalle morali, dagli insegnamenti a piè di pagina, le storie di Gambino hanno una funzione catartica: per l’autore stesso, che attraverso la narrazione raggiunge l’immortalità; per i suoi personaggi, vinti e umili, emarginati e ribelli che con un guizzo, una trovata, o anche solo un’espressione conquistano la rivalsa; per i lettori che attraverso le piccole storie sono condotti, a volte per mano, a volte trascinati con foga, nei misteri della Storia. Nel saggio che introduce il volume Annarosa Macrì, sua amica da sempre ed estimatrice, sottolinea l’urgenza di Gambino di raccontare storie, ma anche la necessità di chi lo legge di averne ancora: “Abbiamo sempre bisogno di un’altra storia, anche quando sembra di no.” Antichi e moderni insieme, i protagonisti dei suoi racconti sono caratteri completi e tratteggiati nitidamente spesso con poche battute, specchio di un’umanità che per Gambino, scrittore di dettagli e paradossi, fu eterna ispirazione.
Definito da Vito Teti “il cantore delle piccole cose” o “il narratore delle Serre” per il profondo legame con Serra S.Bruno e Nardodipace, con la sua terra che è “aperta e isolata”, Gambino riesce a raccontare i luoghi in una molteplicità di colori che dal “locale” passa al “globale” e che chiarisce il rapporto di ogni calabrese con la sua terra, che è poi il rapporto dell’uomo con la sua casa:
“Il paese si ama e si odia, ma l’odio raramente è definitivo, aspetta l’occasione per stemperarsi, addolcirsi fino a trasformarsi del tutto e assumere la tinta e la sostanza del suo contrario, com’è di quegli innamorati che finito il bisticcio, chiarito un equivoco che aveva provocato la frattura, tornano ad amare con raddoppiata intensità” come egli stesso ebbe modo di scrivere. (foto copertina)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma del mercato del lavoro

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

opportunita-lavoroIl Consiglio dei Ministri ieri ha approvato i decreti attuativi della riforma sul mercato del lavoro. Di seguito il commento dell’Avvocato giuslavorista Fabrizio Daverio, socio fondatore dello Studio Legale Daverio & Florio, specializzato in diritto del lavoro e della Previdenza Sociale: “La riforma sulle “tuteli crescenti” ha quindi superato l’ultimo ostacolo e questo non era così scontato: i pareri delle Commissioni di Camera e Senato erano infatti volti a ripristinare la reintegrazione anche per i licenziamenti disciplinari, affidando al Giudice una valutazione di “proporzionalità” e anche per i licenziamenti collettivi (cioè per le operazioni più importanti di ristrutturazione). Se fossero passate queste idee la riforma sarebbe stata del tutto snaturata, diventando di fatto una Fornero-bis. Oggi si può dire che, per i nuovi assunti, l’Italia ha una normativa “europea” sui licenziamenti. La spaccatura comunque è evidente: il Governo ha agito sulla base di una delega del Parlamento, e ha tenuto ferma la propria lettura, nonostante i ripensamenti del delegante, e cioè dello stesso Parlamento.” “Il giudizio sulla manovra a livello generale è positivo poiché cambia il volto della disciplina del rapporto di lavoro in Italia rendendola più vicina a quelle europee, anche se ci vorranno anni o decenni affinché si estenda alla maggioranza della popolazione italiana lavorativa. Anche quando il nuovo sistema andrà a regime, non credo ci saranno licenziamenti di massa nella platea dei nuovi assunti.”“L’obiettivo della riforma è quello di ridurre la precarietà e promuovere il contratto a tempo indeterminato come forma comune di contratto di lavoro. Il proposito è lodevole, ma la cancellazione totale dei contratti di collaborazione a progetto non sembra la soluzione corretta, soprattutto in questa fase in cui è necessario un mercato del lavoro dinamico. I contratti a progetto rappresentano nel nostro Paese una quota rilevante in termini occupazionali, e le 200.000 “assunzioni a tempo indeterminato” di co.co.pro. che il Governo ipotizza appaiono difficili. La loro eliminazione porterebbe molti a utilizzare le famigerate “false partite IVA” di cui tanto si parla. Si annunciano contenziosi sulle trasformazioni, perché saranno necessarie delle conciliazioni individuali, che potrebbero diventare onerose.”“C’è anche uno schema di decreto che raccoglie tutte le normative per le varie tipologie di lavoro. E’ il “Codice Renzi del Lavoro”. Renzi ha voluto riscrivere a proprio nome tutte le precedenti normative, anche se la ripubblicazione è più che altro estetica.” (Roberto Grattagliano)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apre a Troia “Da Maria Neve” la prima Locanda d’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

troia la prima locanda d'europaTroia (Fg) Collocata in una delle vie più folkloristiche della città di Troia, a due passi dalla maestosa cattedrale romanica, l’osteria “Da Maria Neve” è la location più indicata per diventare Locanda D’Europa, presidio culturale e gastronomico del territorio dei Monti Dauni. Il progetto di rilancio e marketing territoriale finanziato dal Gal Meridaunia è una lungimirante iniziativa volta a promuovere il turismo rurale attraverso una migliore organizzazione e qualità dell’offerta turistica nei borghi dei Monti Dauni e nei territori di altri gal pugliesi.La cena evento di inaugurazione della locanda si terrà “Da Maria Neve” sabato 28 febbraio alle 20:00 e per l’occasione sarà scomodato perfino il fantasma del Marchese D’Avalos. La serata prevede infatti un mix equilibrato fra performance teatrali che richiamano fatti storici e leggende legate alla Città del Rosone e sketch, workshop tematici sui prodotti tipici e i sui metodi di preparazione, performance di show cooking teatralizzate e degustazioni di vini sapientemente accostati da un esperto sommelier a pietanze della tradizione contadina.Oltre all’inquietante ed un po’ impacciato fantasma di sangue blu, tra gli ospiti della serata ci saranno anche i produttori delle eccellenze della produzione gastronomica locale: i salumi della ditta Giannelli, da anni dedita alla realizzazione di un prodotto con carni di prima scelta, a chilometro zero e privo di conservanti; le ottime cantine Pirro ed SPQT che conservano la tradizione dell’autoctono vitigno Nero di Troia; la celebre Passionata, dolce tipico della pasticceria Casoli.Ma la locanda D’Europa “Da Maria Neve” sarà anche punto di incontro con prodotti tipici di altre parti della Puglia: la pasta di grano arso del Tavoliere sarà uno dei piatti presentati durante l’evento e riporterà la memoria ai tempi in cui i contadini, stanchi e troppo poveri, si nutrivano della farina ricavata dal grano spigolato nei terreni dopo la bruciatura delle stoppie; l’oliva Bella di Cerignola ci farà invece sentire i profumi e i sapori di una terra proiettata un po’ più a sud e rivolta verso il mare.L’evento proseguirà la mattina di domenica 1 marzo con una visita guidata nel borgo e una degustazione finale.La manifestazione si inserisce in una ampia progettualità chiamata “Le Locande dei Monti Dauni” che vede il GAL Meridaunia capofila del progetto “European Country Inn – Le Locande d’Europa”: un progetto di cooperazione transnazionale finanziato dalla Regione Puglia.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il meccanismo di “ricucitura” dei filamenti di DNA spezzati blocca l’accumulo di mutazioni genetiche e la trasformazione tumorale

Posted by fidest press agency su sabato, 21 febbraio 2015

DNAUn team di ricercatori dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, guidato da Giovanni Blandino, ha individuato il meccanismo molecolare attraverso il quale la proteina p53 blocca l’attività di “rammendo” del DNA danneggiato. p53 mutata forma infatti un complesso oncogenico con un fattore inibitorio che impedisce la sintesi di due proteine importanti per la riparazione del DNA. Ciò favorisce la trasformazione e il mantenimento del tumore.
Il lavoro pubblicato su Oncotarget è un interessante traguardo per l’impiego di nuovi biomarcatori che individuano preventivamente i tumori più aggressivi.L’accumulo di mutazioni nei geni è una caratteristica chiamata “instabilità genomica” ed è comune a molti tipi di tumore. p53 è una proteina ad attività oncosoppressoria, e cioè controlla che le fasi di duplicazione delle cellule avvengano correttamente al fine di mantenere integra l’informazione genica. Nel caso ci siano danni al DNA, dovuti a stress ambientali e cellulari di vario tipo, p53 blocca la divisione cellulare ed attiva dei complessi proteici deputati al riparo del danno, oppure programma l’eliminazione della cellula, detta apoptosi, se il danno è giudicato irreparabile. p53 è mutata in circa il 50% di tutti i tumori umani ed in molti di essi è responsabile dell’invasività, del grado di aggressività, dell’alta instabilità genomica del tumore e del tipo di prognosi del paziente.“Nel nostro lavoro – spiega Silvia Di Agostino, autrice dello studio – abbiamo identificato un complesso oncogenetico chiave, costituito da p53 e il fattore E2F4, che impedisce la ricucitura del DNA danneggiato da parte delle proteine RAD17 e BRCA1. Questo meccanismo è stato confermato in una casistica di pazienti del nostro istituto con tumori testa-collo (faringe, laringe e cavità orale). Campioni di tumore che presentavano il gene p53 mutato correlavano con una bassa espressione di RAD17 e BRCA1. I pazienti con il gene p53 mutato e bassa espressione di RAD17 e BRCA1 avevano caratteristiche cliniche associate ad un tumore di tipo aggressivo e seguendo il loro follow-up sono risultati avere una bassa sopravvivenza.”“Lo studio di nuove attività oncogeniche della proteina p53 mutata – evidenzia Ruggero De Maria, direttore scientifico del Regina Elena – offre l’opportunità di sviluppare nuovi specifici marcatori tumorali diagnostici e predittivi, nonché di definire nuovi ed accurati bersagli molecolari. Protocolli terapeutici sull’attività della proteina p53 mutata potrebbero avere una vasta applicazione in campo oncologico, in particolare sui tumori più aggressivi.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »