Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 27 febbraio 2015

Cross-border police training should focus on security issues and have sufficient funds, MEPs say

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 febbraio 2015

Security_strategyThe European Union agency for law enforcement training, CEPOL, should focus on areas with a cross-border dimension and closely linked to the EU Internal Security Strategy, Civil Liberties MEPs said on Tuesday afternoon voting amendments on a new law to govern the agency. They also stress that CEPOL should promote respect for fundamental rights and data protection in law enforcement and that the agency should be allocated sufficient funds.The draft report by MEP Kinga Gál (EPP, HU) stresses that CEPOL should focus on “thematic areas that have a clear Union added value and a cross- border dimension, closely linked to the EU Internal Security Strategy”, to ensure effectiveness and avoid duplicating work done at the national level. In particular, the focus should be on “preventing and combatting serious and organised crime affecting two or more member states and terrorism” and on cybercrime and financial investigations.The agency should also be allowed to carry out trainings, and not just serve as a support function, MEPs say and underline that the agency must have “a sufficient and autonomous budget” to carry out its tasks. Furthermore, CEPOL should “promote a common respect for and understanding of fundamental rights in law enforcement including privacy, data protection and the rights, support and protection of the victims, witnesses and suspects”.The seat of CEPOL will be Budapest, but MEPs ask the Commission to present a cost-benefit analysis and impact assessment on the seat within two years of the entry into force of the new regulation.The draft report was adopted by 43 votes in favour, 4 against and 4 abstentions.
Civil Liberties MEPs decided by 42 votes in favour, 2 against and 3 abstentions to give the rapporteur a mandate to open up negotiation with the Council in view of reaching an agreement on the final wording of the law.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs restart discussions on surveillance programmes and go to Washington in March

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 febbraio 2015

european commissionThe Chair of the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee and rapporteur on the US NSA and EU member states’ surveillance programmes, Claude Moraes (S&D, UK), presented his working document on the follow-up of the inquiry on electronic mass surveillance of EU citizens this evening.During the debate, MEPs stressed the need to address new developments since the adoption of Parliament’s resolution on 12 March 2014 and called for a hearing on the Gemalto hacking by NSA/GCHQ.MEPs also recalled that the security of IT systems of EU institutions needs to be improved and that more should be done for the protection of whistleblowers. They also showed their commitment to carry on the committee work to ensure citizens’ right to privacy. (You can follow the interventions of the MEPs during the debate on twitter @EP_Justice)A Civil Liberties delegation will go to Washington in mid-March. For Claude Moraes, “this trip serves as a great opportunity to continue talks with our US counterparts on key areas of justice and home affairs in EU-US relations. Members will have the chance to gauge the US priorities in light of the decision to vote against the NSA surveillance reform bills in the US Congress. This will provide crucial assistance for Members particularly bearing in mind the priorities of the Civil Liberties Committee concerning the strengthening of data protection standards in the EU, including a review of the Safe Harbour and Umbrella Agreement between the EU and US”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Kitschy Tourist Souvenirs and Vintage Photos Announced Story of Disneyland Auction NEWS

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 febbraio 2015

los angelesLos Angeles, California Van Eaton Galleries, one of the world’s premier animation artwork and collectible galleries located in Sherman Oaks, California has announced a vast array of sensational tourist photos from Disneyland’s past. In addition, the gallery has highlighted a large assortment of vintage tourist-related souvenirs, games, toys and collectibles from the famous park bearing Walt Disney’s name.The Story of Disneyland auction will take place February 28th and March 1st at Van Eaton Galleries, 13613 Ventura Blvd, Sherman Oaks, CA and offers collectors a wide range of items to choose from. The collection, which numbers close to 1,000 pieces, is the most comprehensive and complete collection to ever come to market and provides an unprecedented narrative into the story of Walt Disney’s beloved Disneyland theme park. With memorabilia dating from the very beginning of Walt’s planning to his expansions in Florida and beyond, this one-of-a-kind rare collection has been amassed over thirty years and includes an extraordinary glimpse into the life of Walt Disney, his close group of original Imagineers, the initial plans for Disneyland and the amazing legacy he left behind. Collectors and fans will have the chance to experience the magic of Disneyland through the variety of items being offered while being entertained at the sheer nostalgia some of the original tourist photos from the 1960s and beyond bring to life.Along with the highly anticipated items to be auctioned, which include the original audio-animatronic skeleton from The Pirates of the Caribbean, an original Bob Bushman concept drawing for Tomorrowland, an original Cigar Store Indian from Frontierland and many larger scale items, the collection also offers a glimpse into tourists and visitors from an era past, a trip down memory lane through various photographs and smaller collectibles that were available in the early years of the Disneyland park.“This collection is beyond extraordinary,” said Mike Van Eaton, Founder & President of Van Eaton Galleries. “But the breadth of this vintage collection offers every collector an opportunity to bid and own a piece of Disneyland history. It tells the story of Disneyland from the beginning like we have never seen before and I am sure we won’t ever see again.” Highlights that will appeal to every tourist and fan of Disneyland include and a rare Upjohn Drugstore Complimentary Vitamins in a Box (Disneyland 1957) which was given away at the Upjohn Pharmacy Drugstore . The original vitamins intact and unused in original box (Estimate: $75-150), A Fantasyland Souvenir Cigarette Box with four ashtrays (Disneyland 1955) which is a very unusual ceramic 3D cigarette box (Disneyland 1955) featuring an image of Sleeping Beauty’s Castle (Estimate:$250-$350), a Chicken of the Sea Pirate Ship Restaurant Food Tray (Disneyland 1957) which is a rare piece from the famous restaurant and features an image of the restaurant on the front (Estimate:$800-$900), an Aunt Jemima’s Pancake House paper placement (Disneyland 1955) which is unused from the Pancake House in what is now the River Belle Terrace (Estimate $100-$200), a Submarine Voyage Bath Toy (Disneyland 1959) which is a rare toy from the opening season of the Submarine Voyage attraction (Estimate: $300-$400) and an Original Disneyland Popcorn Box (Disneyland 1956) with simple graphics that represented the charm of iconic Disneyland design (Estimate: $200-$300). Other Main Street tourist related items in the collection include a Randotti Haunted Mansion Souvenir Skull (Disneyland 1970s) made of solid plaster that glows in the dark (Estimate:$100-$200), a Disneyland “Tinkerbell” uncut air-freshener (Disneyland 1956) which is an unusual uncut sheet of images used for hanging in a car to freshen it featuring “Tinkerbell” holding a paper scroll with the Disneyland logo (Estimate: $150-$250), a Jimmy Stewart signed Autopia Driver’s License (Disneyland 1955) signed by the famed actor Jimmy Stewart (Estimate:$200-$400) an Art Corner Souvenir Photograph Mailer from The Jungle Cruise (Disneyland 1958) which was from the park’s section that featured plywood cut-out scenes from around the park where guests could choose a themed cartoon cut out to peek out from and have their photo taken (Estimate:$100-$200) and so many more amazing collectibles. All can be seen via the online catalogue at vegalleries.com.Hundreds of photographs that bring along the sense of retrospective and a time gone past are available for auction in The Story of Disneyland collection. From quirky and funny to mysteriously interesting the collection of authentic tourist photos offers a story of Disneyland in and of itself. These photographs will be auctioned in group lots and feature various attractions, tourists posing in front of Disneyland landmarks and the candid shots which could only happen in the most magical place on earth – Disneyland. There are even original photographs showing Walt Disney himself in the park or at various points of building and planning Disneyland.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove violenze nella Repubblica Centroafricana innescano ulteriori migrazioni forzate, anche nella Repubblica Democratica del Congo

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 febbraio 2015

congoUna recrudescenza della violenza nella Repubblica Centroafricana ha provocato nuove migrazioni forzate all’interno del paese e attraverso il confine, in direzione della Repubblica Democratica del Congo. Da gennaio, circa 30.000 persone hanno abbandonato le loro case e trovato rifugio in altre parti della Repubblica Centroafricana, soprattutto nelle città di Batangafo nella prefettura di Ouham nel nord del paese, e a Bambari nella Prefettura di Ouaka nella parte centro-orientale. Molti dei recenti episodi di violenza sono per lo più associati ai movimenti stagionali di bestiame e agli scontri tra pastori e popolazioni locali e agricole, da un lato, e le milizie anti-Balaka, dall’altro. Alcuni pastori si sono rivolti a milizie ex Seleka per cercare protezione, aggravando lo scenario. Inoltre recenti operazioni militari che hanno costretto le milizie ex-Seleka a lasciare gli edifici pubblici a Bria, una cittadina ad est di Bambari, hanno provocato attacchi di rappresaglia contro i villaggi vicini. Le popolazioni civili sono rimaste coinvolte negli scontri e hanno visto bruciare i loro villaggi, le loro case e i loro beni. Le persone che sono giunte ​​a Bambari erano in stato di completa deprivazione e sotto shock. Nella maggior parte dei casi si tratta di donne e bambini, alcuni dei quali sono rimasti nascosti nella boscaglia per settimane.L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha distribuito beni di prima assistenza, tra cui coperte, taniche, set da cucina e teli di plastica a più di 1.170 famiglie sfollate di recente a Bambari. A Batangafo, 800 famiglie hanno ricevuto questi kit di emergenza. Con il perdurare delle precarie condizioni di sicurezza, le esigenze umanitarie continuano ad essere enormi. Soggetti armati entrano in alcuni dei siti per sfollati a Bambari e Batangafo, minacciando le persone per estorcere denaro. Alcuni degli sfollati vivono a pochi metri dalle loro case, eppure non possono tornare indietro per paura di mettere in pericolo la propria vita. La maggior parte delle autorità locali sono assenti e molti edifici pubblici a Bambari sono controllati dalle forze ex Seleka. Si rende necessaria con urgenza una maggiore presenza di polizia e gendarmeria per proteggere i civili e per prevenire ulteriori omicidi e atti di rappresaglia.
Dall’altra parte del confine, nella Repubblica Democratica del Congo, l’UNHCR ha registrato più di 19.000 rifugiati [19.289] che sono arrivati ​​nel territorio di Bosobolo nel nord della provincia di Equateur a seguito delle nuove violenze scoppiate dal mese di dicembre nel quartiere Kouango, nella prefettura di Ouaka, sempre nella Repubblica Centroafricana. I team dell’UNHCR presenti sul campo segnalano l’arrivo continuo di rifugiati che affermano di essere fuggiti dagli scontri tra milizie anti-Balaka ed ex Seleka nei loro villaggi. Hanno riferito che le loro case sono state bruciate e che non hanno avuto altra scelta che fuggire. Se fossero rimasti nei loro villaggi, avrebbero rischiato di essere torturati o uccisi e le donne di essere violentate. Ci sono notizie di nuovi arrivi anche nel territorio di Mobayi. Circa 2.400 rifugiati hanno attraversato il confine con la Repubblica Democratica del Congo, individuando nuovi punti di ingresso nei territori di Mobayi e Bosobolo a partire dal 15 febbraio. La maggior parte sono bambini. Hanno dichiarato di essere fuggiti perché si aspettavano una recrudescenza della violenza da parte delle milizie ex Seleka in conseguenza dell’operazione di disarmo a Bria.
L’UNHCR e i suoi partner sono presenti sul campo per allestire un nuovo sito per i rifugiati nella zona di Bili, lontano dal confine. I rifugiati appena arrivati ​​attualmente vivono all’interno di insediamenti spontanei sulla riva del fiume Oubangui, che costituisce il confine naturale tra la Repubblica Democratica del Congo e la Repubblica Centroafricana. Si trovano in ripari di fortuna con un accesso molto limitato alle cure mediche, all’acqua potabile e al cibo. I bambini non hanno accesso all’istruzione. Inoltre, a causa della vicinanza del confine, i rifugiati sono esposti alla presunta infiltrazione di elementi armati.L’UNHCR sta organizzando la distribuzione di assistenza di emergenza, anche attraverso cliniche mobili, e cercando di garantire l’accesso all’acqua potabile in attesa che sia possibile effettuare il loro trasferimento presso il nuovo sito per i rifugiati. La mancanza di servizi e le difficoltà logistiche in questa parte remota del Nord della Repubblica Democratica del Congo, insieme alle cattive condizioni della strada e alla presenza di ponti distrutti, stanno rendendo questo lavoro ancora più difficile. L’ospedale a Bili ha solamente 15 posti letto e manca di attrezzature adeguate.I team dell’UNCHR hanno ricevuto notizie allarmanti riguardo casi di violenza sessuale da parte di elementi armati provenienti dalla Repubblica Centroafricana. Il 9 febbraio, tre ragazze rifugiate sono state rapite da elementi armati che hanno attraversato il confine verso la Repubblica Democratica del Congo vicino a Dula per riportarle nella Repubblica Centroafricana. Una ragazza che è riuscita a fuggire ha rivelato all’UNHCR che sono state violentate. Ora sta ricevendo cure mediche. Le altre ragazze sono ancora disperse. Il personale dell’UNHCR ha anche ricevuto notizie di una donna di circa trent’anni e di sua figlia di 14, stuprate mentre ritornavano nella Repubblica Centroafricana per cercare cibo e per effettuare la raccolta del caffè nel loro campo. Mentre la madre è stata rilasciata dai suoi rapitori, la figlia è ancora sequestrata. L’UNHCR teme che ci siano molti altri casi non segnalati. Pertanto, il trasferimento dei rifugiati lontano dal confine è di cruciale importanza e l’Agenzia invita tutti i partner e le autorità congolesi affinché si impegnino con tutti gli sforzi necessari per consentire che questo trasferimento avvenga con l’urgenza necessaria.Nella Repubblica Centrafricana un totale di più di 893.000 persone sono state costrette a migrare a causa della violenza. Circa 442.000 sono sfollati all’interno del paese, tra cui più di 50.000 a Bangui, circa 35.000 persone fuggite a Bambari e 33.700 a Batangafo. I rifugiati sono circa 451.000, soprattutto in Camerun (245.000), Ciad (94.000), Repubblica Democratica del Congo (88.000) e nella Repubblica del Congo (24.000).

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Distribuite da Reweb debuttano in Italia le soluzioni per la Business Intelligence dell’israeliana Panorama

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 febbraio 2015

EPSON DSC pictureReggio Emilia (Italia). Continuano a pieno ritmo le attività commerciali di Reweb volte ad ampliare il portafoglio di brand e prodotti per i propri rivenditori. Il distributore italiano ha siglato un accordo con la software house israeliana Panorama, per la distribuzione in Italia di una piattaforma rivoluzionaria nell’ambito della Business Intelligence, al primo posto per produttività e facilità d’uso secondo gli analisti Forrester e Gartner e adatta a gestire dati tradizionali così come i Big Data. La società – con sedi in Inghilterra, USA e Canada – grazie all’accordo con Reweb, che aprirà una divisione apposita, si prepara a sviluppare il proprio business anche nel nostro Paese in un mercato – quello della Business Intelligence – ancora oggi in espansione. Panorama NECTO permette, tramite un’interfaccia web gestibile anche da dispositivi mobili, una visualizzazione dei dati semplice e chiara attraverso l’uso di innovative iconografie per l’analisi interattiva. Consente la collaborazione con i colleghi anche in real time condividendo la vista dei dati utili al momento. La piattaforma permette un’ampia serie di operazioni legate al business come l’analisi delle vendite e del profitto, l’analisi del cliente, i report commerciali e fornisce suggerimenti automatici sui dati rilevanti, sulle persone e sui contenuti. Inoltre non necessita di sviluppatori IT per creare dashboards dato che ogni dipendente può attingere agli strumenti self-service per crearle facilmente e in base al proprio ruolo. “Panorama è uno dei leader mondiali nel mercato della Business Intelligence, posizionata da Gartner tra i visionari – ha sottolineato Marco Colli, Direttore Commerciale di Reweb. La sua modalità di condivisione delle informazioni visuale e collaborativa, nonché economica, permette di fornire l’accesso alle informazioni specifiche a tutti i dipendenti e a ogni reparto consentendo l’allineamento agli obiettivi aziendali e ciò rende questa soluzione estremamente interessante per i nostri resellers”.
“Panorama ha avuto un grande 2014 con una crescita significativa delle vendite. A seguito di ciò, sta espandendo la sua presenza e il mercato italiano è stato identificato come uno degli obiettivi del 2015. Dopo un’accurata selezione, abbiamo scelto Reweb come partner di fiducia dell’area Italia. Congiuntamente con i professionisti di Reweb offriremo al mercato italiano la nostra piattaforma di Business Intelligence Panorama NECTO” – ha dichiarato Isear Livny, Regional Manager – EMEA di Panorama Software”.
Distributore e system integrator a valore aggiunto che opera su scala nazionale nello sviluppo di progetti di sicurezza, connettività e document & data management. Attivo dal 2000, e diventando nel 2009 IBM Business Partner specializzato nell’implementazione delle soluzioni di Business Intelligence e gestione dati ha collaborato con Strhold nello sviluppo di mercati verticali emergenti affiancando i partner e gli end user nella realizzazione dei progetti pilota. Nel Maggio del 2013, Reweb S.r.l. ha rilevato dalla società Strhold S.r.l. il Ramo d’Azienda inerente la distribuzione e la commercializzazione di prodotti informatici, quest’ultima attiva Dal 1983, come Value Partner Distributor di riferimento nel mercato degli ISV e dei Technology Partner nei segmenti altamente innovativi tra i quali Cloud, Business Intelligence & Performance Management, Mobile, Virtualization, Security. Grazie ad una piattaforma completa di servizi a valore, l’azienda condivide le sfide di mercato degli operatori IT, supportandoli nel cogliere le opportunità di business e favorendo la loro crescita tecnologica, professionale ed economica.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Droghe illegali: l’impotenza e la sconfitta della Direzione Nazionale Antimafia

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 febbraio 2015

droga cannabis-vicinoIl mercato clandestino della droga, in Italia e non solo, è nelle mani della malavita organizzata, che in Italia ha varie sigle, le piu’ note delle quali sono ‘ndrangheta, mafia, camorra. L’attivita’ di contrasto a questa attivita’ criminale costa allo Stato ed alla comunita’ sociale ed economica delle cifre spropositate, che diventano ancora piu’ drammatiche se prendiamo atto che i risultati, rispetto alle aspettative, sono solo vicino allo zero. Nessuna novita’.
Ma la relazione della Direzione Nazionale Antimafia (DNA) che è stata resa nota ci fornisce numeri ed apre uno squarcio ancora piu’ drammatico di quanto potesse essere immaginato anche dai piu’ negativi opinionisti (noi tra questi) sull’efficacia dei metodi oggi in vigore per combattere questo fenomeno. Nella relazione leggiamo che grazie al “controllo totalizzante del porto di Gioia Tauro” da parte della ‘ndrangheta, “ove attraverso una penetrante azione collusiva, gli ‘ndranghetisti riescono a godere di ampi, continui, si direbbe inesauribili, appoggi interni”, risulta essere proprio Gioia Tauro “la vera porta d’ingresso della cocaina in Italia”.
Una dichiarazione di impotenza e di sconfitta!! Non si tratta di parole pronunciate da un organismo non statale che ha fatto una propria indagine o ha elaborato dati pubblici (magari ministero dell’Interno e Giustizia). No. Non e’ un think-tank di incalliti sostenitori della totale débacle dello e degli Stati di fronte all’espandersi del fenomeno criminale del narcotraffico. E’ la Direzione Nazionale Antimafia!! La DNA, che piu’ statale di cosi’ non si puo’. Cioe’ l’organismo ultra-specializzato preposto alla lotta contro ogni tipo di criminalita’ che agisce organizzata in forma di clan; ad un livello che e’ transnazionale e che, in altri Paesi piu’ che da noi, controlla la quasi totalita’ delle economie e del consenso sociale. Una dichiarazione di impotenza e di sconfitta che, per gli addetti ai lavori ma non solo, dovrebbe quantomeno far riflettere sulla bonta’ dei metodi che si continuano ad utilizzare, dove la totale negazione dell’inserimento nella legalita’ delle loro merci e’ il baluardo.
Sara’ il caso di cominciare a guardare bene cosa accade in altri Paesi europei in cui le legislazioni sono diverse dalle nostre in materia di droghe e, soprattutto, a guardare oltre l’oceano Atlantico, dove proprio oggi lo Stato Usa dell’Alaska (2) si e’ aggiunto a Colorado, Washington e Washington DC per aver legalizzato la marijuana anche a scopo ludico. Non perche’ marijuana e cocaina siano la stessa cosa, ma perche’ la loro gestione nei mercati mondiali clandestini e’ in mano agli stessi o identici personaggi come quelli che controllano il porto di Gioia Tauro, incoronati dalla sconfitta e dall’impotenza della DNA italiana. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »