Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Archive for 9 marzo 2015

FRA Director sums up Agency’s achievements and looks towards future work and challenges

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

Morten_KjærumOutgoing FRA Director Morten Kjaerum spoke to the European Parliament’s Committee on Civil Liberties, Justice and Home Affairs (LIBE) on the Agency’s achievements since its establishment in 2007 and its role in meeting the EU’s fundamental rights challenges in the coming years.“Over the last seven years we have created a unique pool of data on key fundamental rights issues throughout Europe on which we had little or no knowledge about before,” he said. “Those big surveys have added up to give all of us a very detailed insight that has helped to formulate more targeted policy.”The Director, who will be leaving FRA at the end of March after seven years at the Agency, gave the example of FRA’s survey of 42,000 women across the EU about their experiences of violence, the Agency’s online survey of 93,000 LGBT people throughout the EU, the survey of Roma that was carried out in cooperation with the European Commission and the United Nations Development Programme, and which provided information on more than 84,000 people, the survey of 23,500 ethnic minorities across the EU, and the survey of almost 6,000 Jews in the eight EU Member States in which approximately 90% of the EU’s Jewish population lives.
Speaking of the fundamental rights challenges faced by the EU in the wake of the attacks in Paris and Copenhagen, he emphasised the importance of integrating human rights into EU policy from the outset and not “compartmentalising” them, as they are relevant to all policy agendas. In addition, social rights need to move higher up the agenda, as the frustration caused by austerity programmes and growing inequality cannot be ignored. Particularly in the current debate, human rights and security should be regarded as two sides of the same coin: “Human rights are often termed a ‘soft issue’. It’s not about hard or soft though, but about smart approaches,” he said. “Maybe we need new legislation, but maybe we also need to think more about how we work as an inclusive society, and how we can create more social cohesion in Europe.”In her address to the same meeting, Maija Sakslin, outgoing Chair of FRA’s Management Board, spoke about FRA’s forthcoming work this year. These included the publication of FRA’s findings on the subject of labour exploitation in the EU in June, as well as the results of its work on national intelligence services and surveillance, which has been carried out at the LIBE Committee’s request, following last year’s resolution by the European Parliament on the NSA’s surveillance programme.Both the Director and the Management Board Chair mentioned the issue of broadening FRA’s mandate to enable the Agency to contribute more to safeguarding fundamental rights in the EU, for example by allowing FRA to formulate Opinions on upcoming legislation on its own initiative, rather than having to wait for a request from one of the EU institutions. The ability to work more widely on social rights in the aftermath of the economic crisis was also mentioned.LIBE Chair Claude Moraes paid tribute to Morten Kjaerum’s work for the Agency and for doing a “tough job” at a difficult time. Other members of the Committee from across the political spectrum thanked FRA for putting fundamental rights at the top of the agenda and asked the Agency to consider beginning or increasing its work in the future on:online hate crime data protection and mass surveillance, particularly PNR internal security rule of law.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Union Agency for Fundamental Rights

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

commissione europeaIn the biggest movement of forcibly displaced people since World War II, tens of thousands of people are risking their lives, and dying, while trying to seek sanctuary in the EU. FRA’s latest Focus paper, presents different ways to improve and increase legal admissions to the EU.“Already this year over 370 people have died trying to find a better life by crossing the Mediterranean,” says FRA Director Morten Kjaerum. “A comprehensive set of different actions is needed to reduce the loss of lives at sea and the abuses carried out by human traffickers. As one of these actions, the EU and its Member States therefore need to do more to ensure legal options are on the table and more readily available to ensure more people can enjoy their right to asylum and come to the EU safely.”For the first time in the post-World War II era, in 2013 the number of refugees, asylum seekers and internally displaced people worldwide has exceeded 50 million people. Many refugees are vulnerable to exploitation and abuse as the possibilities for people in need of protection to legally enter and stay in the EU are very limited.The FRA Focus paper “Legal entry channels to the EU for persons in need of international protection: a toolbox” presents a toolbox of possible schemes Member States could use to enable more people to reach the EU without resorting to smugglers. These include: refugee-related schemes, such as resettlement, humanitarian admissions, the issuance of humanitarian visas (either under Schengen or national law) and temporary protection;
regular mobility schemes such as those available to family members of people residing in the EU, students, migrant workers and other categories of people, which could be made more accessible to refugees staying in third countries.
The paper outlines the advantages as well as risks of legal entry and suggests possible ways to overcome these risks. Promising practices presented by FRA illustrate that several EU Member States as well as other countries have already put in place different legal entry schemes and programmes, which could be expanded and which could inspire other EU Member States to follow.
The paper also suggests that increasing legal avenues to reach the EU should be a core component of the European Commission’s future plan to combat human trafficking. Other suggestions include the need for the EU to: propose common approaches for legal entry; help exchange of promising practices among Member States; and financially contribute to national efforts to increase opportunities for legal entry.Overall, there is a clear need for EU institutions and Member States to increase the possibilities to reach the EU legally. Ultimately, this will help save lives and lessen the abuse that people trying to come to the EU suffer.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“The Story of Disneyland”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

The Story of Disneyland1Los Angeles, California Van Eaton Galleries, one of the world’s premier animation artwork and collectible galleries held the highly-anticipated “The Story of Disneyland” auction this weekend in Sherman Oaks, California. Bidders gathered each day under a tent, constructed specifically to hold the hundreds of anxious bidders who showed up for the two sessions, in hopes that they would take home a piece of Disneyland magic. Bidders from around the globe bid online and by phone in a fast and furious pace all day.The collection which represented close to 1,000 pieces is said to be the largest and most historical collection ever to be offered. Many of the items up for bid exceeded pre-sale estimates including a Disneyland Enchanted Tiki Room Animatronic® Tiki Bird which sold for $153,400. Opening in 1963, the Enchanted Tiki Room was the first attraction to use Audio-Animatronic® characters in the park. The Pirates of the Caribbean remained a hit throughout the auction event with the Original Skeleton prop selling for $129,800 and the Pirates of the Caribbean E-Ticket Sign selling for $47,200. A Marc Davis Signed Original Pirates Concept Art piece sold for $70,800. Other highlights of this weekend’s historical and unprecedented auction included the Original Cigar Store Indian from Frontierland which sold for $44,250, a Construction Used Disneyland Brownline Plot Plan sold for $29,500, a Disneyland Enchanted Tiki Room Flower Boat sold for $22,420, a Mark Twain Riverboat Life Preserver Prop that hung on the Mark Twain Riverboat in the 1960s sold for $11,800, a Sam McKim Kodak Camera Shop Presentation Artwork sold for $20,060 and the Main Street Entrance Flag used in the Main Street entrance station sold for $7,670.Betty Taylor, who performed at the park for 30 years as the popular “Slue Foot Sue” at the Golden Horseshoe Revue, still drew applause for a series of costumes that were available at theThe Story of Disneyland auction. Her “Slue Foot Sue” original costume dress, complete with black Egret feather headpiece, sold for $15,340. The Walt Disney signed Opening Day “Story of Disneyland” Guidebook (1955) which was signed by Walt in the inside cover sold for $13,275. Even a Disneyland Record Album Display Rack from the 1960s went high with a final bid of $5,900.Other highlights from the two-days included a Mickey Mouse Character Costume Head which sold for $29,500, An “It’s A Small World” doll figure which sold for $41,300, the Bruce Bushman Original Tomorrowland Concept Art which sold for $55,460, the Adventure Through Inner Space Atomobile Prop which sold for $41,300, a Disneyland TWA Travel Poster which sold for $12,980 and Original Captain EO Poster Painting which sold for $47,200. “The Story of Disneyland” Auction raised over $1.7 million. “The Story of Disneyland” Collection Exclusive Catalogs may be purchased at http://www.vegalleries.com (photo:The Story of Disneyland)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Lean IT Association Launches with Mission to Set a Global Standard for Lean IT Education and Certification

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

RotterdamRotterdam, The Netherlands – The Lean IT Association – a consortium of global leaders in the IT Training and Certification Industry – today announced its formation and revealed its newly developed Lean IT Certification Scheme. The Certification Scheme sets out an important reference for professionals in several degrees of knowledge and competence.
The Lean IT Association (LITA) is led by a Board comprised of Senior Directors of its founding members, including Nick Houlton (APMG), Bernd Taselaar (EXIN), Byron Nicolaides (PEOPLECERT), David Ratcliffe (Pink Elephant), Maurice Boon (Quint) and Sukhbir Jasuja (ITpreneurs). According the Association’s Manifesto, the Consortium was founded to set a global standard for Lean IT education and certification.Lean is about making the organization more efficient and to effectively respond to external demand. Incremental and radical change methods such as Agile Scrum can be used to transition the organization to Lean principles in production and management. IT Service Management can get a huge benefit out of Lean IT, by removing waste and optimizing the value of the IT services. Nick Houlton, Chief Operating Officer at APMG states: “Lean principles have been used in a variety of industries for some years now. The IT industry has embraced these principles using the term “Lean IT”, but while there have been some fragmented initiatives for education & certification in Lean IT, there is no universally accepted program or thought leadership. The Lean IT Association is aiming to remedy that”.The Lean IT Certification Scheme consists of 4 distinct certifications for various levels. Starting at an entry level with Lean IT Foundation and moving into Lean IT Kaizen Lead, climbing further up the ladder to Lean IT Leader or Coach. Each level introduces more knowledge and skills, eventually leading up to competences that enable a professional to support corporate introduction or further development of Lean IT initiatives.Training providers can apply for accreditation by one of the Exam Institutes liaised to LITA, through the Lean IT Association website. The quality of their training program, materials and trainers will be assessed against and accredited according to LITA standards.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le donne e il cellulare

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

Beautiful young  hipster woman using smart phone at beachPiù di una donna su quattro (26%) usa due numeri di cellulari diversi e nel 90,4% dei casi le esponenti del gentil sesso scelgono schede ricaricabili. È falso lo stereotipo che le dipinge come responsabili di spese telefoniche altissime e, ancora, continuano ad amare i telefoni tradizionali senza essere troppo affascinate dagli smartphone. Questi sono alcuni dei risultati emersi dall’indagine condotta dall’Istituto di ricerca Demoskopea per Facile.it, sito specializzato anche nella comparazione di tariffe telefoniche (http://www.facile.it/telefonia-mobile.html). Scorrendo i dati dell’indagine si scopre che il 53% dei conti telefonici femminili non supera i 10 euro al mese. Il profilo delle donne al cellulare tracciato da Demoskopea e Facile.it grazie alle interviste condotte su un campione rappresentativo della popolazione italiana, evidenzia come esse non siano assolutamente tecnomaniache e se, a livello nazionale, il 20% degli utenti di telefonia usa ancora un cellulare tradizionale, quando si centra l’analisi sul solo universo femminile, continua a preferire la tastiera il 24,2% del campione.
Escludendo WhatsApp, usata dal 58,1% delle donne al telefono rispetto al 57,8% del totale nazionale, le donne sembrano essere meno amanti delle tecnologie legate al mondo degli smartphone: il 63,5% naviga in Internet dal cellulare (contro il 67,8% del campione totale); usa la posta elettronica da telefono il 55% delle intervistate (60,8% il campione totale); si collega ai social network dal cellulare il 45,4% (vs 49%); utilizza Skype su mobile appena il 17,7% (vs 20,4%). È soprattutto nell’uso delle app che si allarga il divario fra l’universo totale e quello femminile: se a livello nazionale scarica applicazioni sul telefono il 55,2% degli intervistati, la percentuale scende al 48,1% fra le donne e risale al 62,9% fra gli uomini. Da evidenziare, invece, come le signore continuino ad amare SMS ed MMS (92,3% contro l’87,9% dei maschi).
Come detto, lo stereotipo che dipinge le donne come responsabili di grandi costi telefonici si è rivelato sbagliato e, anzi, la loro attenzione alle spese del cellulare è dimostrata anche dal fatto che, nei 12 mesi precedenti alla rilevazione, oltre il 94% delle intervistate abbia valutato di sottoscrivere un piano telefonico diverso o migrare verso un altro operatore. Nel 77% dei casi, fra l’altro, a spingere al cambiamento è stata proprio la volontà di risparmiare. Risparmio che, sempre secondo l’indagine, è stato effettivamente conseguito dal 90,4% di chi ha cambiato. (foto: donne e cellulare)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Barometro sulla domanda di prestiti

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

Barometro-aneroideIn particolare, l’analisi mette in evidenza come nel mese di febbraio appena concluso, il numero delle richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane (nell’aggregato prestiti personali e prestiti finalizzati) ha fatto segnare un +10,1% rispetto a febbraio 2014, determinando la miglior performance in termini assoluti degli ultimi 4 anni. Si consolida quindi la dinamica positiva iniziata nello scorso ottobre, che riflette l’aumentata fiducia delle famiglie italiane verso il futuro dopo anni di forte incertezza che avevano determinato un approccio estremamente cauto nelle scelte di spesa e di indebitamento. Nello specifico, nel mese di febbraio 2015 i prestiti personali hanno fatto segnare +11,1% di richieste rispetto al corrispondente mese del 2014 (con il dato assoluto più elevato degli ultimi 20 mesi malgrado la perdurante prudenza da parte delle famiglie), lievemente superiore all’incremento registrato per i prestiti finalizzati, che si sono fermati ad un seppur positivo +9,3%, trainati in particolare dalle esigenze di rateizzazione dell’acquisto di auto e moto rispetto a quelli riconducibili ad articoli di arredamento, elettronica ed elettrodomestici, viaggi, spese mediche, ecc, che continuano invece a segnare il passo. Dal Barometro CRIF emerge anche che a febbraio 2015, nel complesso dei prestiti personali più finalizzati, l’importo medio richiesto è stato pari a 7.879 Euro, in contrazione rispetto a quello registrato nello stesso mese del 2014 e ben al di sotto dei valori registrati negli anni pre crisi, ma per il secondo mese consecutivo in aumento dopo mesi di continue contrazioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La seconda tappa di Time to Flex IT

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

time to flexSarà il 20 marzo 2015 presso le Cantine Lungarotti, Torgiano (PG) Forte del successo dell’evento Time to Flex IT, organizzato insieme a Cisco, NetApp e Schneider Electric a Vimercate lo scorso 26 febbraio, VEM sistemi annuncia un secondo incontro a Perugia per rinnovare l’appuntamento dedicato alle più recenti strategie e soluzioni per semplificare la gestione degli ambienti IT e generare efficienza e competitività, riducendo la complessità e i tempi di risposta dell’infrastruttura informatica.Sono sempre di più le aziende, soprattutto quelle di medie e piccole dimensioni, che si scontrano con la crescente complessità di gestione degli ambienti IT, dovendo utilizzare server dedicati per ogni singola applicazione e che potrebbero avvalersi dei benefici di una soluzione come Flexpod che, grazie all’integrazione delle diverse componenti in gioco, all’automazione del provisioning e alla semplificazione delle problematiche di gestione, annulla il digital divide tra i grandi data center e le complesse architetture server ancora utilizzate dalle PMI.La giornata di lavoro, organizzata da VEM sistemi e avvalorata dalla presenza maggiori player nel settore data center, Cisco, Netapp e Schneider Electric, vedrà la partecipazione di Fabio Pepe, Responsabile Sistemi Informativi di Angelantoni Industrie, azienda che ha già potuto avvalersi dei benefici di un sistema convergente ideato per rendere disponibili a tutte le aziende le migliori tecnologie fino a poco tempo fa appannaggio solo dei Data Center OTT (Over The Top).
9.00 Accoglienza e registrazione partecipanti
9.30 Benvenuto e Scenario
Andrea Ceccaroni – Direttore Vendite, VEM sistemi
Andrea Giuliani – Cloud Technologies Team Leader, VEM sistemi
9.45 Il Data Center integrato e semplificato: strategie per generare efficienza e competitività
Vincenzo Spagnoletti – Data Center / Secure Power & IT Partners Director, Schneider Electric Italy
10.05 Dalla convergenza delle risorse all’accelerazione del service provisioning
Stefano Landi – Account Manager, Cisco Italia
Marco Mengotto – System Engineer, NetApp Italia
10.45 Coffee break
11.15 Case Study Angelantoni
Fabio Pepe – Angelantoni Group
11.45 User experience e live demo
Giovanni Toscani – Responsabile NOC, VEM sistemi (foto:time to flex)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CPLG e GTL Gruppo Tessile Lombardo in partnership per Miffy

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

miffyCopyright Promotions Licensing Group (CPLG), agenzia internazionale di licensing che rappresenta per l’Italia i diritti di Miffy and Friends, presenta la nuova collezione nightwear dedicata a questo character. GTL – Gruppo Tessile Lombardo – va ad arricchire il portfolio di licenziatari che hanno scelto Miffy per personalizzare i loro prodotti. Grazie all’esperienza nel settore tessile, GTL ha realizzato una linea nightwear completa di t-shirt o canottiera con pantaloncino e camicie da notte sia per adulti che per bambini. Mamme e figlie potranno vestire capi freschi e avere ampia scelta grazie alla gamma di diversi modelli, tutti accomunati dallo stile delicato e iconico di Miffy. I colori si sviluppano nelle sfumature del rosa e del blu, con trame a righe sottili e pois che seguono il trend della Primavera/Estate.
Miffy è un noto personaggio dell’editoria per bambini ed è figlia di un “papà” famoso: il fumettista, disegnatore e illustratore olandese Dick Bruna. Da questa espressione artistica nasce Miffy and Friends, protagonista di ben 85 divertenti libri illustrati che stimolano l’immaginazione, rivolti al mondo dell’infanzia e tradotti in oltre 50 lingue in più di 125 paesi in tutto il mondo. Quest’anno il 60° anniversario della nascita di Miffy si celebra in tutta Europa con oltre 300 licenze attive e con la sponsorship del Tour de France. In Italia Miffy è stata protagonista della giornata delle famiglie al Museo, Miffy and F@MU con più di 600 musei coinvolti, ed è stata sponsor della Mostra Van Gogh L’uomo e la Terra a Palazzo Reale a Milano. La freschezza e i caratteri puliti di Miffy conquistano un pubblico trasversale, dai bambini agli adulti. La collezione di GTL si inserisce nel programma di licensing dedicato a Miffy che vede sempre più coinvolti i licenziatari per un mondo Miffy a 360°! (foto miffy)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La corruzione a Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

campidoglioDichiarazioni di Roberta Lombardi (M5S): “Marino è bravissimo a rigirarsi la frittata -ha affermato Lombardi-. Dovrebbe ricordarsi che il suo assessore alla legalità Alfonso Sabella, qualche giorno fa in un pubblico contesto, ha praticamente affermato con molto candore che da quando è arrivato lui si stanno iniziando a stabilire delle procedure per gli appalti del Comune di Roma. Perchè prima di lui tutti gli appalti avvenivano per affidamento diretto. Marino cade sempre dal pero, sembra Alice nel Paese delle meraviglie con la barba e gli occhiali. Deve smetterla di prendere in giro i suoi cittadini. Succede tutto sotto la sua amministrazione e lui non si accorge di nulla? Abbiamo delle carte in mano che dimostrano che delibere approvate dal Comune e dalla Regione andavano a favorire gli interessi della coppia Buzzi-Carminati. Se in un’intercettazione Buzzi dice che vuole più soldi per l’emergenza abitativa e dopo poco arrivano quei soldi, con una delibera di giunta regionale seguita da una delibera di giunta comunale, che fa arrivare i soldi alla Cooperativa 29 giugno, secondo me non è una coincidenza. Marino dovrebbe capire cosa gli sta succedendo sotto al naso. Non voglio pensare che sia implicato in questo giro. Però se deve svejà, perchè tutto questo succedeva sotto la sua amministrazione. O ci è o ci fa.
“Ultimamente il Comune di Roma è diventato più frequentato dalle forze dell’ordine che dai cittadini. Un giorno di questi troveremo qualche sportello dove ci sarà scritto ‘chiuso per carcere’, perchè continuano ad arrestare impiegati, operatori del Comune e figure che dovrebbero lavorare per i cittadini e invece hanno fatto altro. La corruzione nel settore edilizio dipende anche dal malfunzionamento della Pubblica Amministrazione. Questa struttura così tentacolare della PA, così pervasiva nell’azione, nelle nomine, nelle decisioni, così farraginosa in ogni sua procedura, ha fatto sì che si creasse il fenomeno corruttivo. Verrebbe da dire, e non lo è, che è normale cercare scorciatoie se devi aprire un’attività commerciale piuttosto che avere una licenza per costruire qualcosa. Qualunque operazione della quotidianità dei cittadini con la PA diventa una gara di resistenza. Non dovrebbe essere così e non è normale, ma è chiaro che di fronte a questi continui intoppi, uno può pensare di pagare 500, 1000 euro per velocizzare i tempi. Questo ci deve indignare, però a un certo punto se le tirano…”. “Nuovo stadio della Roma? Il giochino funziona così: l’impianto costerà 340 milioni di euro, a carico dei privati e fin qui va bene. Poi ci sono altri 270 milioni da spendere per opere di urbanizzazione, per rendere questo stadio accessibile al pubblico. Di questi 270 milioni solo 50 sono a carico dei privati, gli altri 220 sono a carico dei contribuenti. Oppure, siccome il Comune non ha un euro in tasca, questi 220 milioni vengono compensati da 1 milione di metri cubi di centro commerciale e centro direzionale. Quindi il Comune fa pagare quelle opere ai privati ma gli permette di costruire intorno allo stadio un milione di metri cubi. Se invece questo spazio lo avessero pagato direttamente i privati senza compensazione, avrebbero pagato circa 500 milioni di euro di oneri concessori al Comune. Quindi il Campidoglio gli ha fatto uno sconto del 50%. Io non vedo l’interesse pubblico, ma vedo un forte interesse privato”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arduino collabora con Bosch Sensortec per lo shield 9 Axes Motion

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

arduinoStrambino (TO), 9 Marzo 2015 – Arduino Srl, la società italiana che si occupa della produzione e distribuzione della scheda “Arduino”, piattaforma hardware open source che ha rivoluzionato il mondo della prototipazione aziendale e hobbistica, annuncia un nuovo shield: Arduino 9 Axes Motion Shield. Arduino 9 Axes Motion Shield è una piattaforma hardware basata sul sensore di orientamento a 9 assi BNO055 realizzato da Bosch Sensortec e supportato esclusivamente dalla piattaforma IDE di Arduino.
Il sensore BNO055 è un chip System in Package (SiP) che integra un accelerometro tri-assiale a 14 bit, un giroscopio tri-assiale a 16 bit con un range di ± 2.000 gradi al secondo, un sensore geomagnetico tri-assiale e un microcontrollore a 32 bit che esegue il software BSX3.0 FusionLib. Fornisce inoltre una combinazione di segnali che servono ad ottenere, fra gli altri: quaternione, angolo di Eulero, vettori di rotazione, accelerazione lineare e vettore gravitazionale. Lo shield studiato e prodotto da Arduino in collaborazione con Bosch Sensortec è stato progettato per realizzare rapidi prototipi nei settori della domotica, Internet of Things, robotica industriale, indoor navigation, realtà aumentata, gaming, wearable e in altri diversi campi destinati alla ricerca e sviluppo.
Oltre alla piattaforma hardware, Arduino ha realizzato, in collaborazione con Bosch Sensortec, le librerie software che permettono allo shield di dialogare con le schede Arduino. Lo shield è compatibile con TinkerKit, che consente di creare rapidi prototipi. È Inoltre compatibile, al momento, con le schede Arduino Uno, Yun, Leonardo, Ethernet, Due e Mega. (foto: arduino)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza informatica

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

bolognaBologna 27 marzo presso la sede delle Banche di Credito Cooperativo dell’Emilia Romagna VEM sistemi inaugura le VEM session 2015, gli incontri di formazione e informazione dedicati a partner e clienti, con una Tavola Rotonda organizzata insieme a Certego e Fortinet. L’incontro, che vuole essere un’importante occasione di confronto sulla sicurezza informatica e il cybercrime, sarà dedicato alla Next-Generation Threat Protection, con l’obiettivo di esplorare la situazione attuale delle organizzazioni e la loro esposizione agli attacchi e identificare l’approccio adeguato alle nuove minacce informatiche.“Oggi nessun sistema o rete è invulnerabile,” dichiara Bernardino Grignaffini, CEO di Certego, la società del gruppo VEM sistemi specializzata nell’erogazione di servizi di sicurezza IT gestita e di contrasto al Cybercrime, anticipando i contenuti del suo intervento, “il malware cresce continuamente e gli attacchi sono sempre più sofisticati sia come capacità di mirare l’obiettivo che in termini di tecnologie utilizzate, per questo occorre intraprendere una strategia completamente nuova di IT Security, complementare a quella preventiva, che permetta risposte immediate ed efficaci.”Durante il convegno, VEM sistemi, Certego e Fortinet, delineeranno le best practice per una efficace protezione dalle minacce del cybercrime, con particolare attenzione al contesto bancario, e inviteranno i partecipanti ad esporre le problematiche specifiche della propria azienda, partendo dal caso di successo Cedecra Informatica Bancaria.
9.15 Registrazione partecipanti
9.45 Benvenuto e apertura dei lavori
Andrea Ceccaroni – Direttore Vendite, VEM sistemi
10.00 Advanced Threat Protection: la difesa in profondità
Cesare Radaelli – Channel Manager, Fortinet
10.30 Certego PanOptikon: rilevamento, analisi e risposta agli incidenti informatici
Bernardino Grignaffini – CEO, Certego
11.15 Coffee break
11.45 Case Study: Cedecra Informatica Bancaria
Luigi Cristiani – Cedecra Informatica Bancaria
12.15 User experience e live demo
Giovanni Toscani – Responsabile NOC, VEM sistemi

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emofilia B: Sobi e Biogen Idec annunciano risultati positivi di efficacia e sicurezza dello studio pediatrico di Fase III condotto su rFIXFc

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

aifaBiogen Idec e Sobi annunciano i risultati positivi dello Studio clinico di Fase III Kids B-LONG, che ha valutato sicurezza, efficacia e farmacocinetica di rFIXFc (proteina di fusione, costituita dal fattore IX ricombinante legato al dominio Fc) in bambini al di sotto dei 12 anni con emofilia B grave. Il farmaco è generalmente ben tollerato e non sono stati rilevati inibitori (anticorpi neutralizzanti che possono interferire con l’attività della terapia in corso) durante lo studio. In questo studio, la profilassi con somministrazione settimanale di rFIXFc, l’unica terapia ad azione prolungata approvata per il trattamento dell’emofilia B, ha consentito di raggiungere bassi tassi di sanguinamento.I buoni risultati dello studio Kids B-LONG supportano le richieste per l’indicazione pediatrica in diverse aree geografiche e rappresentano un passo importante verso il raggiungimento dell’autorizzazione all’immissione in commercio di rFIXFc in Europa. L’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) richiede, infatti, che la domanda iniziale di autorizzazione all’immissione in commercio di un nuovo trattamento per l’emofilia includa anche dati clinici pediatrici. I risultati preliminari dello studio Kids B-LONG hanno contribuito a sostenere l’approvazione statunitense del farmaco in pazienti pediatrici.“Secondo studi clinici pubblicati, la terapia in regime di profilassi è raccomandata in bambini con emofilia grave poiché associata a comprovati benefici clinici. Tuttavia, la necessità di somministrazioni frequenti può risultare problematica, sia per i piccoli pazienti, sia per i loro caregiver – afferma Aoife Brennan, M.D, Vice President of hematology clinical development presso Biogen Idec – Questi dati renderanno possibile la domanda di registrazione in Europa entro la fine dell’anno, così come saranno di supporto all’indicazione pediatrica in altri Paesi, offrendo la possibilità di rispondere ad una necessità critica per i bambini affetti da emofilia B.”Lo studio Kids B-LONG ha esaminato sicurezza, efficacia e farmacocinetica di rFIXFc in bambini al di sotto dei 12 anni con emofilia B, precedentemente trattati. L’endpoint primario dello studio era quello di valutare l’insorgenza di anticorpi inibitori. L’endpoint secondario includeva il numero di sanguinamenti totali e spontanei su base annua (“annualized bleeding rates” o ABR), che consiste nella stima del numero di episodi annui di sanguinamento), e di infusioni necessarie impiegate per trattare tali episodi.Nello studio, i bambini in profilassi con rFIXFc, hanno presentato un valore mediano globale di ABR di 1,97. Il valore mediano di ABR per i sanguinamenti spontanei alle articolazioni è risultato pari a zero. Circa il 33% dei partecipanti allo studio non ha avuto alcun episodio di sanguinamento. Nel complesso, il 91,7% degli episodi di sanguinamento sono stati tenuti sotto controllo con una o due infusioni del farmaco. L’emivita complessiva di rFIXFc durante lo studio è risultata di 66,6 ore per i bambini al di sotto dei sei anni, e di 70,3 ore per i bambini dai sei ai dodici anni di età.
Ulteriori analisi dello studio Kids B-LONG sono attualmente in corso e i dati saranno presentati in occasione di uno dei prossimi appuntamenti scientifici.Non sono stati rilevati anticorpi inibitori contro rFIXFc durante lo studio e il farmaco è risultato generalmente ben tollerato, così come non sono stati riportati casi di reazioni allergiche gravi o eventi trombotici vascolari nei pazienti, che erano stati tutti trattati preventivamente con altri farmaci disponibili di questo tipo (fattore IX della coagulazione). Nessun evento avverso grave è stato segnalato dagli sperimentatori in relazione all’utilizzo di rFIXFc, tranne una paziente che ha riportato riduzione dell’appetito, correlata al trattamento. Nessuno ha interrotto lo studio a causa di un evento avverso comparso dopo aver ricevuto il farmaco. Lo schema generale di distribuzione degli eventi avversi correlati alla terapia è risultato in linea con la popolazione trattata e generalmente coerente con i risultati ottenuti in pazienti adolescenti ed adulti nello studio di Fase III B-LONG.“Sobi e Biogen Idec sono impegnate nel rendere disponibili nuove opzioni terapeutiche per adulti e bambini con emofilia” dichiara Birgitte Volck, M.D., Ph.D., Senior Vice President of development e Chief Medical Officer presso Sobi. “Il completamento dello studio Kids B-LONG segna un importante successo nel programma di sviluppo di rFIXFc. Siamo entusiasti di affrontare le prossime fasi di preparazione per la sottomissione della domanda regolatoria in Europa e di progredire nell’offerta di soluzioni terapeutiche per persone affette da emofilia B.”
Lo studio Kids B-LONG è uno studio globale, in aperto, multicentrico di Fase III, che ha coinvolto 30 ragazzi con emofilia B grave (attività del fattore IX della coagulazione uguale o inferiore a 2 IU per dL, o 2%) con almeno 50 giorni di precedente esposizione a terapie con il fattore IX. Lo studio è stato condotto in 16 centri per il trattamento dell’emofilia in sei diversi Paesi. Nel complesso, 27 partecipanti (il 90%) hanno completato lo studio. Il tempo mediano per paziente speso nel trial è stato di 49,4 settimane, e 24 partecipanti hanno ricevuto il trattamento per infusione con rFIXFc in almeno 50 giorni non consecutivi (giorni di esposizione).
rFIXFc è l’unica terapia ricombinante del fattore IX della coagulazione approvata a lunga durata d’azione. Negli Stati Uniti è indicata per il controllo e la prevenzione degli eventi emorragici, nella gestione dell’assistenza perioperatoria (chirurgica) e nella profilassi di routine in adulti e bambini con emofilia B. rFIXFc non è indicato nella terapia di induzione di immunotolleranza, che è un trattamento per emofilici con inibitori, e non deve essere impiegato in pazienti con una nota storia di reazioni allergiche al farmaco o a qualsiasi altro elemento presente nel composto. rFIXFc è stato sviluppato attraverso la fusione del fattore IX alla porzione Fc della immunoglobulina G sottoclasse 1, o IgG1 (una proteina comunemente reperibile nell’organismo). Si pensa che questo permetta al farmaco di agire naturalmente, affinché la terapia rimanga il più a lungo possibile nell’organismo. Sebbene la tecnololgia di fusione Fc sia utilizzata da oltre 15 anni, Biogen Idec è l’unica azienda ad applicarla nell’ambito dell’emofilia. Le reazioni avverse comunemente osservate (con un’incidenza maggiore o uguale all’1%) nello studio B-LONG sono state mal di testa e parestesia orale (una sensazione anomala nella bocca). rFIXFc è approvato per il trattamento dell’emofilia B anche in Canada, Giappone e Australia.
L’emofilia B ricorre in circa un maschio ogni 25.000 nati ogni anno, e più raramente nelle femmine, riguardando circa 4.000 persone negli Stati Uniti. La survey condotta dalla World Federation of Hemophilia nel 2012 nel mondo ha stimato che circa 28.000 persone attualmente abbiano ricevuto una diagnosi di emofilia B nel mondo. Sostanzialmente la malattia consiste nella riduzione o nella mancanza di attività del fattore IX della coagulazione, necessaria per la normale coagulazione del sangue. Le persone affette da emofilia B vanno incontro a episodi di sanguinamento che causano dolore, danni irreversibili alle articolazioni ed emorragie potenzialmente letali. La profilassi con infusioni del fattore IX della coagulazione sostituisce temporaneamente i fattori della coagulazione necessari a tenere sotto controllo il sanguinamento e a prevenirne nuovi episodi.
Biogen Idec e Sobi collaborano allo sviluppo e commercializzazione di rFIXFc per il trattamento dell’emofilia B. Sobi ha un diritto di esclusività sullo sviluppo finale e sulla commercializzazione del farmaco in alcuni territori di sua competenza (Europa, Nord Africa, Russia e alcuni mercati dei Paesi Medio-Orientali). Biogen Idec detiene lo sviluppo di rFIXFc, i diritti di produzione, e possiede diritti di commercializzazione in Nord America e in tutti le aree del mondo escluse quelle di pertinenza di Sobi. (foto aifa)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »