Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

La Turchia e Obama

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2015

obamanobel1_int“Obama si sveglia con ritardo e si accorge dell’emergenza in Turchia. Sono palesi le responsabilità del Governo americano che è stato completamente assente da quegli scenari e non ha saputo prendere le decisioni opportune al momento opportuno. E’ stato, infatti, lo stesso Obama ad ammettere recentemente di non avere alcuna strategia per la Siria”. A dirlo è Paolo Alli, Capogruppo del Nuovo Centrodestra in Commissione Affari Esteri alla Camera e Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare della Nato.
“In questo senso – continua Alli – il giudizio espresso dal New York Times sulla Turchia in relazione all’impegno ambivalente profuso nel contrasto all’Isis è ingiusto. Pur avendo sempre mantenuto un atteggiamento ondivago rispetto all’Occidente, a Erdogan va riconosciuto di essersi fatto carico di ospitare a proprie spese 2 milioni di rifugiati provenienti dalla Siria e dall’Iraq di cui circa 300mila cristiani iracheni in fuga dalla furia dell’ISIS, con costi superiori ai 5 miliardi di dollari”.
E conclude: “inoltre, è cambiata la strategia nei confronti dei curdi che oggi sono rappresentati in parlamento ed è stato predisposto un futuro trattato per la fine della fase conflittuale che riconoscerà alla comunità curda i necessari margini di autonomi. Pertanto non è chiaro quali siano le altre priorità della Turchia rispetto alla Nato di cui parla il New Yor Times. Se Gli Usa hanno prove più schiaccianti le facciano conoscere alla comunità internazionale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: