Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Banche. Il falco Draghi e il gufo Weidmann

Posted by fidest press agency su domenica, 15 marzo 2015

WeidmannE’ iniziato il Qe, cioe’ l’acquisto di titoli pubblici, sul mercato secondario, da parte della Banca Centrale Europea (BCE). Il presidente della BCE, Mario Draghi, ritiene che questo abbassera’ i tassi di interesse (l’Italia dovrebbe beneficiarne per circa 3 miliardi), diminuiranno i mutui e aumenteranno le esportazioni. Di traverso si mette il presidente della Banca Federale Tedesca (BUBA), Jens Weidmann, che dichiara l’ovvio: e’ troppo presto per valutare gli effetti del Qe e, ancora, “Il miglioramento dell’economia dimostra che il QE non era necessario” che contraddice la precedente affermazione. Ora, per fare i primi della classe bisognerebbe essere proprio i primi. La BUBA lo e’? Abbiamo dei dubbi ad iniziare dall’incredibile salvataggio delle banche locali tedesche, lottizzate dai partiti, e il cui salvataggio e’ costato ben 290 miliardi. La Germania, inoltre, non rispetta gli accordi e le regole europee sul surplus commerciale che nel 2014, per loro, e’ stato del 7,5% mentre il limite e’ il 6%? Insomma, di maestrini, non ne abbiamo proprio bisogno. E neanche di gufi. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: