Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Archive for 19 marzo 2015

ULIS’ Pico640 Gen2 simplifies thermal imaging for professional cameras

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

Veurey-VoroizeVeurey-voroize, near Grenoble, France, ULIS, a leading manufacturer of thermal image sensors for commercial and military applications, today announces the availability of Pico640 Gen2.Pico640 Gen2 is a VGA format 17-micron thermal image sensor for 24/7 security night vision, a market where makers of surveillance cameras are demanding significantly improved thermal imaging capabilities with seamless integration.For decades, the complexity and cost of thermal imaging technologies originally designed for military applications precluded them from commercial use. Newer thermal technologies based on microbolometers, a MEMS (microelectromechnical systems) technology that ULIS develops, have changed the landscape by making thermal imaging more accessible.In addition to security and surveillance systems, ULIS’s new sensor can also be used in cameras for outdoor leisure, such as nature observation or hunting.“ULIS has designed Pico640 Gen2 to match increasing requirements from fixed and portable camera makers for high standard thermal imaging technologies that are easier to install,” said Jean-François Delepau. “We have stripped away the complexity by closely aligning our thermal image sensor with all-important commercial standards. Customers can now have easier access to top-notch thermal image resolution at longer detection ranges with enduring performance at an affordable cost. We are eager to show security and surveillance professionals the benefits of our Pico brand products.”Pico640 Gen2 is quick and easy to install because it uses Hync/VSync clocking and an I2C standard communication protocol that are compatible with commercial camera standards. In addition, Pico640 Gen2 is easy to calibrate, even in shutterless mode, due to the predictability of the sensor’s behavioral patterns over varying operating temperatures.Other significant improvements include better image quality through higher image resolution (>300kpixels). This means that users can capture the most minute details up to a distance of several hundred meters. The product offers faster frame rates from 30Hz to 120Hz that provide more fluid images. No matter how fast an object is moving, captured images remain unblurred.Another parameter, the NEDT (Noise Equivalent Differential Temperature), has also been upgraded. NEDT enables a longer detection range and crisper images; the lower the NEDT, the sharper the image. Dipping far below 50mK means that this model has achieved a more than 15% improvement over earlier generations, without any trade-off in power consumption. It operates at less than 130mW with a 60Hz frame rate. This is in contrast to other thermal imaging sensors in this category, which tend to consume more power, typically >200 to 350mW at an equivalent frame rate. All Pico640 Gen2 features are housed in ceramic packaging, a cost-saving production technique ULIS first introduced to the market ten years ago. It has shown its value and vacuum integrity in the 500,000 ULIS thermal image sensors already in the field. ULIS’ Gen2 products will be displayed at SECON, an international security conference and exhibition taking place March 18 – 20, 2015 in South Korea, at booth #E39. SECON draws close to 38,000 visitors annually.
ULIS, a subsidiary of Sofradir, specializes in the design and manufacture of high quality thermal image sensors for commercial and military applications. It enables makers of consumer electronics and infrared equipment to produce low weight, low power consumption and cost-effective thermal cameras for everyday use.
ULIS is the second largest producer of thermal image sensors (microbolometers). It offers a targeted range of microbolometers that are the key component of many top brands in thermal imaging equipment sold across Europe, Asia and North America. ULIS is active in security and surveillance, energy management and in the thermography, defense and automotive markets. Hundreds of thousands of its products are used to detect threats and thereby protect property, industrial sites, national borders and commuter systems as well as military personnel in combat zones. Many other professionals are increasingly choosing thermal imaging devices equipped with ULIS’ products due to the excellent performance of ULIS’ technology and its affordability for mainstream commercial applications. Size, weight, low power consumption and lower cost reductions drive ULIS innovations enabling the company to address new trends in energy efficiency for building automation and advanced driving assistance systems for vehicles. ULIS is located in Veurey-Voroize, near Grenoble.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New Urban Art Portraits of Political Figures at the Unit London

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

Ryan Hewett'sLondon 24th April – 24th May 2015 The Unit London are all set to launch South African painter Ryan Hewett’s debut European Solo exhibition in April 2015. The exhibition focuses on the depiction of political figures from the past and present who have somehow shaped the world in which we live. Alongside such revered icons as Barack Obama, Nelson Mandela, Mahatma Gandhi and Abraham Lincoln, Hewett also portrays such infamous persona as Adolf Hitler, Josef Stalin and Osama bin Laden. It is an incredibly bold and challenging narrative that allows us to see iconic rulers in ways we have never seen them before with the date falling just before the UK elections in May, as well as an interesting counterpoint to the media interest in The Tate’s current retrospective of fellow South African Marlene Dumas, where critics have focussed upon the ephemeral nature of her work set against the stark political realities of her country. Hewett’s work holds up a different mirror and viewpoint to that same political cauldron and delivers an urban slant and vibe to the mix. (photos: Ryan Hewett’s)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata di Studi il Progetto Noi Custodi di Semi

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

chietiChieti. Lunedi 23 marzo alle ore 8.30 presso il Liceo Classico G.B.Vico di Chieti si concluderà con una Giornata di Studi il Progetto Noi Custodi di Semi /Narrazioni di Storia e Filosofia ideato e realizzato dal Prof.Scarsi docente di Storia e Filosofia del Liceo Classico e dalla dr.ssa Maurizia Iezzi del Dipartimento di Salute Mentale. Il Progetto si inserisce nel Programma di lotta allo stigma e al pregiudizio nei confronti della malattia mentale che vede da anni impegnato con le Istituzioni Scolastiche il Dipartimento di Salute Mentale della ASL2 Lanciano Vasto Chieti diretto dal Prof. Massimo Di Giannantonio. La Giornata si apre alle 8.30 con lo spettacolo teatrale Dov’è la libertà,interpretato dagli studenti della V C con la regia di Alessio Tessitore(repliche alle 16 e alle 17) .Seguiranno poi gli interventi della Prof.ssa Giuseppina Politi Rettore e Dirigente Scolastico del Liceo Classico di Chieti ,del Prof.Giovanni Scarsi e la Lectio Magistralis Atene e la filosofia antica da Anassagora ad Aristotele del Prof. Giulio Lucchetta, Docente di Filosofia antica presso l’Università “G. D’Annunzio” Chieti Pescara. ll Progetto teatrale Noi Custodi di Semi /Narrazioni di Storia e Filosofia ha inteso stimolare gli studenti a riflettere sul senso della cittadinanza oggi, sul senso della comunità e del bene comune. Una cittadinanza che non si esaurisce tra diritti e doveri, ma diventa presa di parola e di responsabilità sul mondo, apprendimento concreto e continuo del riconoscere a tutte le persone il diritto ad una autonomia di vita,,anche a coloro che a causa di una malattia psichiatrica vivono costantemente nel precario equilibrio tra inclusione ed esclusione, tra un diritto di cittadinanza legittimo e un diritto negato. Attraverso il Teatro le parole di Pietro Calamandrei, Danilo Dolci, Sofocle, Erri De Luca, Antonio Gramsci, le lettere degli internati degli Ospedali Psichiatrici e la storia di Marco Cavallo si sono trasformati, riportati in vita con i corpi e con le anime di quanti si sono messi in gioco in questo importante Progetto.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stefan Milenkovich per la chiusura della stagione sinfonica di Fermo

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

MilenkovichFermo. Si chiude domenica 22 marzo, con uno straordinario concerto, la stagione sinfonica della FORM. Stefan Milenkovich, uno dei violinisti di maggior talento dell’ultima generazione, torna al Teatro dell’Aquila di Fermo, alle 17, insieme all’Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta da David Crescenzi. Dopo gli straordinari successi delle ultime due stagioni con le travolgenti interpretazioni dei concerti di Čajkoskij e di Brahms, il musicista serbo conferma le sue straordinarie doti interpretative affrontando un nuovo capolavoro: l’affascinante, inquieto e imprevedibile Concerto per violino op. 47 di Sibelius, proposto in occasione dei 150 anni dalla nascita del compositore a chiusura di uno stimolante programma musicale che prevede, nella prima parte, una delle composizioni più apprezzate dello Stravinskij neoclassico, la Pulcinella Suite su temi di Pergolesi, preceduta da un’opera su commissione FORM del compositore jesino contemporaneo Saverio Santoni, dal titolo Navigando.Dopo l’emozionante concerto del primo marzo con Hubert Soudant, si chiude così in bellezza il cartellone, con un’altra serata dedicata alla magia del violino, interpretata da uno dei musicisti più acclamati della scena internazionale. Biglietti da 8 a 15 euro, 5 per le scuole e gratuito per i soci della Gioventù Musicale d’Italia.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Giornata della carità”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

caritasDomenica 22 marzo la Diocesi di Roma promuove la giornata di animazione e preghiera per la carità, in tutte le chiese la colletta a favore delle famiglie cristiane che vivono in Iraq. Seguiranno iniziative per tutta la prossima settimana. Per sensibilizzare alla giornata, la Caritas di Roma ha presentato il rapporto CARITAS IN CIFRE 2014 con un’analisi socio-statistica delle principali attività svolte e delle emergenze a cui la città è chiamata a rispondere con urgenza. «Siamo loro vicini e preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all’intollerabile brutalità di cui sono vittime i cristiani in Iraq e in Siria, dove non cessano violenze e sequestri di persona. Vogliamo assicurare a quanti sono coinvolti in queste situazioni che non li dimentichiamo». È l’appello lanciato lo scorso 1° marzo durante l’Angelus da Papa Francesco chiedendo «a tutti, secondo le loro possibilità, di adoperarsi per alleviare le sofferenze di quanti sono nella prova, spesso solo a causa della fede che professano». Per rispondere all’invito del proprio vescovo, la diocesi di Roma dedicherà la colletta di domenica 22 marzo, Giornata della Carità, al sostegno delle famiglie cristiane che vivono in Iraq, nelle proprie case o sfollate nei campi di accoglienza della Caritas e di altre organizzazioni umanitarie. Per seimila di loro la Chiesa di Roma assicurerà una Pasqua di solidarietà, raggiungendole con il dono di una colomba e con gli aiuti che si raccoglieranno nelle parrocchie attraverso la Caritas diocesana. «La carità, soprattutto nel tempo di Quaresima, deve essere al centro della nostra fede», spiega il direttore, monsignor Enrico Feroci. «Come san Paolo invitava la comunità di Corinto a una colletta per i poveri di Gerusalemme – prosegue -, anche la Chiesa di Roma è vicina ai fratelli iracheni e del Medio Oriente, cristiani che ci hanno trasmesso la fede in passato e che con i loro martiri continuano a testimoniarcela ancora oggi. Non possiamo lasciarli soli».La colletta di domenica aprirà una settimana di iniziative che l’ufficio diocesano promuove come tradizione alla fine della Quaresima. Una «Settimana della carità» che quest’anno coincide con le celebrazioni per il 35° anniversario del martirio del vescovo salvadoregno Oscar Romero. Con il tema «La carità più grande è dare la propria vita» saranno due le celebrazioni promosse dal Comitato romano, presieduto dalla Caritas, a ricordo del martire della giustizia e della fede che verrà beatificato il 23 maggio. Domenica 22 marzo, alle ore 9.30, una solenne concelebrazione dell’Eucaristia a Santa Maria in Traspontina (via della Conciliazione 14) presieduta dall’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia. Al termine della Messa, animata dalle comunità latinoamericane presenti nella Capitale, i partecipanti si recheranno in marcia verso piazza San Pietro per assistere all’Angelus. Martedì 24, alle ore 19, monsignor Romero sarà ricordato in una veglia ecumenica presso la basilica dei Santi Apostoli (piazza Santi Apostoli 51) a cui parteciperà anche il vescovo Matteo Zuppi, ausiliare per il settore Centro. «Una preghiera commenta monsignor Feroci – in cui ricorderemo anche i tanti martiri dei nostri giorni e quanti, come i cristiani di Iraq e Siria, sono perseguitati e in pericolo per la loro testimonianza di fede».
Le iniziative liturgiche prevedono anche due riti della Via Crucis: venerdì 27 marzo, alle 16 avrà luogo quella con i detenuti dei quattro istituti penitenziari di Rebibbia, animata dal gruppo Volontari in Carcere della Caritas e presieduta da monsignor Feroci. Alle 19 si terrà una seconda Via Crucis nel parco di Villa Glori ai Parioli, organizzata dai residenti delle case famiglia per malati di Aids con le parrocchie della VI prefettura e presieduta dal vescovo Guerino Di Tora, ausiliare per il settore Nord. (foto logo: caritas)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Borgo San Marco apre le sue porte alle Giornate FAI di Primavera

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

IMGSabato 21 e domenica 22 marzo a Fasano nel brindisino tra olivi millenari, vicino la Valle d’Itria a due km dal mare Tra la campagna più rigogliosa e l’azzurro del mare, in una piana disseminata di olivi millenari e secolari e macchia mediterranea, sorge Borgo San Marco, un incantevole borgo ristrutturato grazie alle amorevoli cure della famiglia Amati. Da sempre questa fortezza, che si trova a Fasano nel brindisino, – nel XII secolo insediamento di monaci bizantini (cui la masseria conserva ancora il prezioso passaggio nei suoi insediamenti rupestri in grotta, con meravigliosi affreschi restaurati recentemente), nel ‘400 presidio dei Cavalieri di Malta, dal ‘700 masseria – si è opposta alla brezza del maestrale.
Il Borgo è stato inserito, per le sue testimonianze storiche ancora visibili, tra i luoghi FAI – Fondo Ambiente IMG1Italiano e quindi per le giornate di sabato 21 e domenica 22 marzo ( 10.00 – 13.00 / 16.00 – 18.00) sarà possibile visitarlo. Per l’occasione sarà organizzato una degustazione atzione di prodotti tipici e l’esibizione di un concerto bandistico. Le Giornate FAI di Primavera sono l’evento più importante organizzato dal FAI che spalanca le porte di tantissimi luoghi in tutta Italia per far conoscere e amare i tesori d’arte e natura del nostro Paese. Le visite al Borgo San Marco guidate sono a cura di Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni® di Fasano: Istituto Istruzione Secondaria “Leonardo Da Vinci” e Istituto Istruzione Secondaria “G. Salvemini”. Oggi la masseria Borgo San Marco è un luogo perfetto per rilassarsi e abbandonarsi al riposo, tra il profumo degli agrumi e di altre essenze mediterranee: dispone infatti di 18 suite tutte molto ampie e confortevoli, curate in ogni dettaglio, con aria condizionata, frigo bar e Tv. Ogni suite è diversa dall’altra per arredi, ubicazione, dimensione, ma tutte hanno un fascino particolare e sono fresche, luminose e ben curate. Le cromie accese dei muri, a contrasto con il bianco calce esterno, richiamano la terra, il sole, il fuoco e l’acqua. I nomi delle stanze sono perfetti per un come questa: Fornaio, Falco, Volpe, Cocchiere, Pastore, Don Ferdinando con la piccola vasca scavata nel pavimento, proprio ai bordi del letto. Altre suite, al piano nobile, sono arredate con mobili di famiglia; la maggior parte hanno nicchie, archi, alti soffitti, arredi ridotti al minimo e si affacciano su Borgo San Marco - Fasano - Br“giardini segreti”. Un incantevole centro relax, fitness room, ristorante che propone ricette della migliore tradizione culinaria pugliese, bar/smoking room ed una graziosa sala convegni/cinema (intitolata al grandemaestro Robert Farber che, nel 2013, scelse come cornice ideale proprio questo luogo incantevole) sono, inoltre, altri servizi che il Borgo mette a disposizione dei suoi ospiti. Molti personaggi famosi hanno scelto questo posto per trascorrere le loro vaccene pugliesi e immergersi nelle acque cristalline intorno al Salento. Scrittori e registi si sono abbandonati ai loro pensieri e hanno girato scene dei loro film. In tanti ne sono rimasti ammaliati, come testimonia il grande libro dei ricordi. Tra questi la famiglia Amati, che ha fatto della masseria Borgo San Marco una vera e propria scelta di vita. Inoltre, in occasione del Bif&st cinematografico che si svolgerà a Bari nei prossimi giorni, il Borgo offrirà un aperitivo-degustazione a registri, attori e operatori del settore cinematografico.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corruzione e pubblica amministrazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

corruzione_urloSecondo un’indagine del Censis, piu’ di 4 milioni di italiani sono ricorsi ad una raccomandazione per ottenere un’autorizzazione o accelerare una pratica; e 800 mila di questi avrebbero pagato una mazzetta. Si tratta di dati che riteniamo bassi perche’, per quanto sofisticati e anonimi possano essere stati i metodi del Censis per raccoglierli, si tratta comunque di informazioni che l’utente medio di un servizio della Pubblica Amministrazione sarebbe recalcitrante a fornire, non per disonesta’ congenita’ di questo cittadino ma per disaffezione diffusa nei confronti di tutto cio’ possa avere a che fare con lo Stato: discorso medio: “a che serve, tanto non cambia nulla, anzi, magari peggiora per il mio prossimo certificato…”. Non ce ne vogliano i presunti alfieri della legalita’, ma pur se non ci siamo rassegnati nel sognare e operare per un Paese in cui i numeri del Censis possano essere ancora piu’ microscopici, non siamo in grado di cancellare dalle nostre osservazioni quello che tocchiamo con mano vibrante tutti i giorni, grazie alle centinaia di segnalazioni e testimonianze che i cittadini ci fanno. Abbiamo quindi sviluppato un’analisi, quella della riduzione del danno. Che non e’ solo quella che ogni utente medio fa su stesso facendosi raccomandare o pagando una tangente per avere meno danni dai blocchi e dalla lentezza della Pubblica Amministrazione, ma potrebbe essere anche quella di concepire meccanismi diversi di funzionamento di questa amministrazione: la legalizzazione della mazzetta, che dovrebbe ovviamente chiamarsi in modo diverso; ma che potrebbe entrare nei bilanci di previsione del cittadino medio che ha bisogno di un’autorizzazione o di un certificato senza penare mesi e mesi e code e contro-code. Anche questa legalizzazione rientrerebbe nella riduzione del danno. Quella che uno Stato fa su se stesso: la presa d’atto della propria incapacita’ di essere al totale servizio dei cittadini basandosi solo su principi di lealta’ e fede di servizio, basandosi solo sugli stipendi che da’ ai propri impiegati e funzionari. Uno Stato che, finalmente senza ipocrisia verso se stesso e i propri amministrati, stabilisce che i suoi addetti al funzionamento debbano e possano far pagare il proprio servizio in virtu’ di una loro libera contrattazione con l’utente. Un modo questo (con certi limiti) di poter anche contenere gli stipendi di questi dipendenti.
Non sarebbe una grande novita’, visto che anche oggi se, per esempio, si vuole un qualche certificato con una certa urgenza, si deve pagare di piu’. Solo che, mentre oggi questi soldi delle urgenze vanno nelle casse dello Stato, con la legalizzazione della mazzetta questi importi sarebbero appannaggio dei singoli impiegati/funzionari e della loro capacita’ di contrattazione. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Portare in Uganda la sanità lombarda, attraverso le conoscenze tecnico-scientifiche del Papa Giovanni XXIII

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

uganda_map_detail1E’ stato questo il tema dell’incontro svoltosi stamane all’ospedale di Bergamo fra la delegazione ugandese guidata dal ministro alla Salute Elioda Tumwesigye, il vicepresidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani e il direttore generale Carlo Nicora, accompagnato dai direttori sanitario e amministrativo e da clinici e dirigenti della struttura sanitaria orobica.In procinto di realizzare un ospedale da 250 posti letto nella capitale Kampala, il ministro Elioda Tumwesigye si è detto interessato “a trasferire nella progettazione e nell’organizzazione della struttura il know how della clinica e della tecnologia vista a Bergamo”. Non solo: è allo studio, in attesa dell’apertura della nuova struttura, una forma di collaborazione attraverso la telemedicina e l’accoglienza di pazienti ugandesi.“Questo è il primo passo per stabilire forti legami fra l’Uganda e la Lombardia”, ha evidenziato il ministro, che si è detto “particolarmente colpito dall’impiego della tecnologia nella diagnosi e nella cura dei pazienti, dalla qualità dei professionisti e dalla moderna concezione della struttura”.
Il vicepresidente Mantovani ha sottolineato come la Lombardia abbia un’”innata propensione alla generosità e una lunga tradizione di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo. Per questo siamo molto lieti di accogliere la delegazione dell’Uganda». Sono oltre 60 infatti le iniziative di gemellaggio avviate dalla Regione dal 2004 ad oggi, tra strutture sanitarie lombarde e strutture analoghe in Paesi in via di sviluppo.Bergamo non è una scelta casuale: «Ci troviamo – ha aggiunto Mantovani – in uno degli ospedali più belli, più moderni da un punto di vista tecnologico e con una professionalità medica tra le più elevate in Italia e in Europa». Solo nel 2014 l’ospedale di Bergamo ha donato 2.227 beni a varie associazioni nel mondo. «Spesso – ha spiegato ancora Mantovani – accogliamo giovani pazienti che curiamo nei nostri ospedali. Gli ultimi sono arrivati dall’Ucraina e altri sono in arrivo dalla Serbia. L’alta specialità delle nostre strutture è riconosciuta in molti Paesi europei e non solo».Ad accompagnare la delegazione ugandese anche Enrica Pinetti, amministratore unico di Finasi srl, e il suo staff. Alla società milanese, specializzata nella realizzazione “chiavi in mano” di grandi opere, è stata commissionata la realizzazione dell’ospedale di Kampala.La società ha già realizzato strutture sanitarie in Africa e Medio Oriente, ma conta di ricevere un contributo qualificato dall’esperienza a 360° recentemente maturata dal management dell’azienda ospedaliera bergamasca, ed è già stato sottoscritto un accordo di collaborazione in tal senso.Carlo Nicora ha evidenziato che con queste intese l’ospedale “vuole aiutare lo sviluppo e il rafforzamento del sistema sanitario di altri Paesi, oltre a esportare l’efficienza organizzativa, l’expertise nella formazione e l’eccellenza sanitaria di Bergamo e della Lombardia”.
Concretamente l’accordo prevede un ruolo attivo dell’azienda ospedaliera nella verifica del progetto, nelle fasi di selezione del personale che sarà chiamato a lavorare nel nuovo ospedale ugandese, nella progettazione e realizzazione dei percorsi di formazione e training, nonché nella definizione della sua organizzazione e nell’avvio dell’ospedale.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

21 edizione della Maratona di Roma e l’Esercito Italiano è già schierato in prima fila

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

maratona di roma2maratona di romaEur Roma Piazza J.F. Kennedy, 1 – dove, oltre a ritirare il pettorale e il pacco gara della Maratona e della Roma Fun, è possibile visitare lo stand promozionale allestito dal Comando Militare della Capitale in collaborazione con il Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito e il 1° reggimento Granatieri di Sardegna.Lo spazio espositivo predisposto dalla Forza Armata offrirà ai visitatori la speciale opportunità di ricevere informazioni sulle modalità per diventare Ufficiale, Sottufficiale o Volontario dell’Esercito. Dal 19 al 21 marzo, con ingresso libero dalle 10:00 alle 20:00, sarà anche possibile ricevere assistenza qualificata per compilare la domanda di partecipazione al concorso di 30 volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP4) in qualità di atleta del Centro Sportivo dell’Esercito.
In occasione delle commemorazioni per il Centenario della Grande Guerra, l’angolo della memoria dell’Esercito sarà dedicato a Carlo Speroni, il maratoneta in uniforme cinque volte campione d’Italia sui 10 mila metri all’aperto e tre sui 20 mila, che prese parte a tre Olimpiadi (Stoccolma 1912, Anversa 1920 e Parigi 1924) e che il 20 marzo 1918 diede vita all’Opera Nazionale per l’Addestramento Sportivo del Soldato (ONASS) per “agevolare lo svolgersi di gare sportive fra i militari”.
Domenica 22 la partenza della gara sarà preceduta da un concerto della Musica Reggimentale del 1° reggimento Granatieri di Sardegna che dal 1786, anno in cui furono costituite le prime bande musicali, ad oggi, ha ricoperto un ruolo di primissimo piano nel panorama musicale nazionale svolgendo anche servizi musicali di rappresentanza, sia nella Capitale sia nel resto del Paese.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Imu sui terreni agricoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2015

agricolturaCon l’approvazione definitiva del decreto – legge sull’IMU sui terreni agricoli, il Governo e la maggioranza arrecano oggi un durissimo colpo all’agricoltura italiana, valida per il Ministro Martina, soltanto quando si tratta di promuovere l’immagine del made in Italy nel mondo, ma che diventa invece utile da spremere quando si tratta di fare cassa per finanziare il bonus degli 80 euro ! Così in una nota Monica Faenzi, capogruppo di Forza Italia in Commissione Agricoltura della Camera, che oggi nel corso delle dichiarazioni per il voto finale del provvedimento, ha annunciato in Aula, la presentazione di una mozione finalizzata all’esonero totale dell’IMU per tutti i terreni ubicati in qualsiasi area e a qualsiasi titolo, che rappresenta una vera e propria patrimoniale per le imprese agricole. Questa assurda vicenda non finisce oggi, sostiene la deputata di Grosseto. Penalizzare il settore agricolo, gravandolo ancor di più con quest’ennesimo onere fiscale iniquo, vessatorio e incostituzionale, anziché recuperare le risorse nell’oceano degli sprechi esistenti nell’amministrazione pubblica, rappresenta una decisione sbagliata e dimostra come questa sinistra tassaiola o almeno una parte di essa, continua ad avere nel suo DNA le patrimoniali, colpendo questa volta gli agricoltori italiani ! Per questo, conclude la Faenzi, faremo di tutto affinché si possa eliminare in via permanente, quest’ennesimo tributo che rischia di determinane una fortissima decrescita per il comparto agricolo.
La conversione in legge del decreto sull’Imu agricola – dichiara il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – rappresenta un’altra terribile figura per chi, soprattutto tra le istituzioni, ama praticare la facile arte della retorica sulla necessità di supportare il mondo agricolo, ma poi lo penalizza ulteriormente con provvedimenti di questo genere.
In Italia – continua Tiso – non si contano le risorse sprecate per la realizzazione di opere inutili e per riuscire ad accontentare gli appetiti di affaristi senza scrupoli, ma quando invece c’è da fare un atto concreto per supportare le categorie lavorative in difficoltà non viene dato nessun segno da parte del governo o dai ministeri di riferimento.
La vicenda legata all’Imu agricola – prosegue Tiso –, coincidente con le nuove vergogne emerse dalle inchieste della magistratura, rappresenta un ulteriore colpo a quella fascia produttiva della popolazione che vorrebbe semplicemente poter lavorare per garantirsi una vita dignitosa. Mentre nel frattempo c’è chi, mai sazio, continua a tessere sistemi di potere con i quali arricchirsi sempre di più senza passare per il merito. Almeno per una volta – conclude Tiso – vorremmo che la politica desse seguito alla propria retorica e che per questo attivasse una spending review su se stessa: riuscirebbe facilmente a risparmiare senza danni e a cancellare l’Imu agricola.
«Imu agricola: il Pd ammette senza pudore che saranno gli agricoltori a pagare le marchette elettorali di Renzi. Che vergogna».
Lo scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, dopo l’approvazione del dl sull’Imu agricola che come spiegato dai deputati Pd concorre alla copertura del bonus di 80 euro.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »