Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Archive for 23 marzo 2015

Recommendation to European Court of Justice to Uphold EU Ban on Trade in Products of Commercial Seal Hunts Commended

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

Par7545996BRUSSELS EU Advocate General Kokott is urging the European Court of Justice to reject an appeal brought by commercial sealing interests and some Inuit representatives. The appeal relates to a 2013 decision by the European General Court, which rejected the appellants’ request to find the legal basis and implementing measures for the EU ban on commercial seal product trade unlawful.Joanna Swabe, Ph.D, EU executive director for HSI, said: “We commend Advocate General Kokott for her strong opinion that highlights just how unfounded the grounds for appeal were in this case. This was a cynical attempt by sealing industry interests to try to annul legislation, which was adopted through a democratic process in response to public moral concerns about the products of commercial seal slaughter being placed on the EU market. We hope the European Court of Justice will follow the recommendations of the Advocate General and reject this spurious attempt to overturn the EU’s legislation.”This is the final appeal in a series of cases brought by commercial sealing industry and some Inuit representatives in an attempt to annul the EU Regulation on trade in seal products. All cases brought thus far have been dismissed by the European Courts. A final judgment is expected in the coming months.Other international courts are also supporting the EU decision to ban commercial seal products. In 2013, the World Trade Organization ruled on a challenge of the EU ban on seal product trade by Canada and Norway, upholding the right of the EU to ban trade in products of commercial sealing on the grounds of public morality. In 2014, the WTO considered an appeal of that ruling by Canada and Norway, and once again decided largely in favour of the EU.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brazilians Lead List of Global Consumers Searching Miami Properties

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

Miami-skyline-for-wikipediaMiami – The nation’s largest local Realtor association registered 192,987 visits to its website, Miamire.com, in January, a 46.8-percent increase compared to the same month last year, according to the 36,000-member MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI). Miamire.com had 66,222 unique visitors searching for properties and information about the South Florida real estate market in January, a 39.3-percent rise compared to January 2014. Brazil topped the list of foreign countries conducting searches on the MIAMI site in January. Colombia, Russia, Venezuela, and Canada were the next top-four searching nations. The countries differ from those who led the search on Miamire.com in January 2014, when Venezuela, Brazil, Canada, Bolivia and Colombia comprised the top-five.
“The Miami real estate market continues to attract buyers and investors from around the world,” said Christopher Zoller, 2015 MIAMI Residential President. “Miami remains affordable compared to other world-class, global cities and offers many benefits and amenities, including strategic location, moderate year-round weather, multicultural environment, and an exciting lifestyle.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pressure mounts as follow up to London Wildlife Summit takes place in Kasane

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

londonOn 25th March this year, world leaders and delegates will convene in Kasane, Botswana to consider progress on tackling international wildlife crime. This meeting follows the historic London Summit (2014) that saw 40 countries come together with Their Royal Highnesses Princes Charles and William to sign the London Declaration on The Illegal Wildlife Trade.However, global demand for wildlife products unabaitedly endures. The poachers and criminal gangs involved continue to target vulnerable and endangered wild animals at an ever-alarming rate, confident that the chance of being caught is low and punishments for those apprehended even lower.In London, the signatories committed to implementing a number of actions designed to tackle this serious issue, which not only devastates many wild species and ecosystems, but also threatens to destabilise the economy and social fabric of many rural areas.
Will Travers OBE, President of the Born Free Foundation, who will be travelling to Kasane, said, ‘Of course, these are complex issues and it is unreasonable to expect that global wildlife trafficking can be tackled overnight. Some progress has undoubtedly been made since London, including a strengthening of regulations in a number of countries. At least some of the funds committed by countries at last year’s Summit have been allocated to stemming the brutal tide.‘However, huge challenges remain and the ‘score-card’ following last year’s Summit looks mixed. The Kasane meeting provides an opportunity for delegates to review the state-of-play and assess the impact of the actions taken to date, to identify those actions that still need to be implemented, and to determine whether the tide is turning or if the game must be raised still further. It also provides an opportunity to encourage key countries – such as South Africa, Thailand and India – that were not signatories to the London Declaration to ‘step up’ and be counted.’Born Free USA recently published two leading, authoritative reports (Ivory’s Curse and Out of Africa) highlighting the existing trade links and connections between the illegal international wildlife trade and the criminal gangs and terrorist organisations that orchestrate and benefit from it, as well as the trade routes that deliver elephant ivory from Africa to Asia These reports show that we must deliver greater security to remote communities increasingly threatened by insurgent militias such as Al Shebab and Boko Haram.
The funds currently committed to tackling the illegal wildlife trade represent a tiny fraction of countries’ international development budgets; the UK alone budgets £12.2 billion for overseas aid. These substantial resources, if carefully applied, can have a powerful, positive influence and help reduce wildlife trafficking, while bringing life-changing social, economic and conservation benefits to some of the world’s most disenfranchised communities.The London Declaration focussed on the ‘big three’ species – elephants, rhinos and tigers, and three overarching issues – law enforcement, demand reduction, and sustainable livelihoods.The latest intelligence indicates that elephant poaching continues unabated. In 2014, South Africa suffered a lost 1,215 rhino to poachers (up by over 200 animals from the previous year). Reports from India indicate that wild tiger populations may be starting to recover in some areas, although poaching and illegal trade persist across much of the tiger’s range.The Born Free Foundation also signed on to an open letter to the President of the People’sRepublic of China in advance of HRH Prince William’s visit in March. The letter, which was signed by a host of leading names, including Sir David Attenborough, Virginia McKenna, Ricky Gervais and many others, calls for a global policy that reimposes the 1989 international ivory trade and, crucially, includes measures to end all domestic trade as well. This message should be reinforced by world leaders when they meet in Kasane.The world will be watching on the 25th March. The future of much of our wildlife heritage is at stake. (photos: Kasane)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New Customer Experience Strategies to Win “Fans”

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

Copenhagen-docks, DENMARK Frost & Sullivan is pleased to announce that Dr. Phil Klaus, Visiting Fellow, Cranfield University School of Management Centre for Advanced Research in Marketing, will be the keynote speaker at the 9th Annual Customer Contact 2015, Europe: A Frost & Sullivan Executive MindXchange. This highly anticipated customer contact event will take place on 8-10 June 2015. Dr. Klaus holds multiple visiting professorships around the globe and is widely considered to be one of the leading customer service and marketing strategy experts in the field. His opening session is entitled, “Damned If You Do, Damned If You Don’t?! How to Design and Execute the Most Profitable Customer Experience (CX) Strategies.” Chris Brindley, Managing Director of Metro Bank, will be the keynote speaker on Wednesday, 10 June. A leading advocate of community banking with over 25 years experience in the retail banking industry, Mr. Brindley most recently succeeded in revolutionizing customer operations in UK banking. His customer-centric approach helped make Metro Bank an award-winning institution achieving record customer numbers, record deposit growth and record experience scores. Mr. Brindley will share some of these winning strategies in his keynote, “Creating Fans Not Customers.”Derek Williams, an international speaker, author and past Chief Executive of the Society of Consumer affairs, will be the Master of Ceremonies. Widely regarded as an international “guru” of customer service, Derek brings a tremendous amount of passion and energy to the field as he demonstrates in practical ways how to translate service into increased profits.The 9th Annual Customer Contact 2015, Europe: A Frost & Sullivan Executive MindXchange, is the place to be to help drive an enterprise-wide transformation and take customer experience excellence from an ideal to a reality. This prestigious event will explore the customer contact challenges senior executives worldwide face and will offer strategies and insights designed to help them outperform their competitors. Participants will benefit from panel discussions, interactive roundtables and extensive peer-to-peer networking opportunities, all hallmarks of Frost & Sullivan’s 2015 International Customer Contact Executive MindXchange Series.Registration is now open for the event, which will be held 8—10 June, 2015 at Scandic Copenhagen, Denmark. Senior executives from the United Kingdom, Switzerland, Germany, France, Sweden, Denmark, Finland and more than a dozen other countries will benefit from new ideas, creative approaches and case studies as well as highly interactive “think tanks” throughout the multi-day conference.Topics to be discussed all encompass the theme Next Generation Customer Care: Driving Real Change and include Delivering a Great Omni Channel Brand Experience; Serving Customers in Today’s Mobile and Digital World; and B2B Nuances: Transforming Your Customer Support to Drive Business Development and Growth.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants. Our “Growth Partnership” supports clients by addressing these opportunities and incorporating two key elements driving visionary innovation: The Integrated Value Proposition and The Partnership Infrastructure.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The smile of the child

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

the smile of the childA missing 20-year-old Greek student was found dead 37 days after his disappearance some metres away from the Dairy School’s premises in Ioannina northwestern Greece. The young person had reportedly been bullied in the school and had been victim of physical abuse. The case of Vagelis Giakoumakis who according to the authorities took his own life demonstrates the terrible consequences of bullying of children and young people and the need for a continuous and effective cooperation among State authorities, school communities as well as organizations which have the certified know-how and work daily against bullying in school classes. Regrettably bullying is not a new problem in the Greek society. And surely it is not confined to our country. It is a global phenomenon that affects a great number of children and adults. According to a nationwide research coordinated by “The Smile of the Child” in the framework of the e-abc EU funded project 1 in 3 children in Greece have experienced bullying: The recent tragic case enhances the view and response of those who claim that bullying is a natural behavior among children and young people that was always happening. In the contrary, according to scientific research, bullying is a public health problem as it is related with adaptation problems, mental health disorders and long-term violent behavior and it is considered as a suicide factor, a phenomenon known as “bullycide”. The discourse on bullying raises loads of questions. The first question is WHY?The research conducted as part of the e-abc project demonstrates that the inability of a child to defend itself is the major factor of victimization (57,03% of the questioned students), while factors such as the sensitivity and the national identity are also playing an important role to victimization (44,6% and 44,34% respectively).This discourse can be enhanced with questions such as how, where and under what circumstances bullying phenomena are taking place. These questions remain unanswered for many years and highlight the inability of our country to handle a phenomenon that exists and leads to cases of suicide of young people, while we at the same underestimate the problem as “much ado about nothing”..We are considering this position as an outdated view and the crucial issue now is not to dwell on sadness and inaction, but to stand against a problem that plagues our children. The modern scientific discourse emphasizes that children should be informed in the appropriate manner to their age on their rights, to be trained to share with their parents and teachers any degrading behavior against them and to learn that silence is never a solution and secrets that make us ashamed or afraid should not exist. “The Smile of the Child” is coordinating the “European Anti-bullying Network” and has developed a number of actions and tools of tackling bullying. We are raising awareness on a daily basis and implementing preventive interventions in the school communities Teachers as well as anti-bullying actions through the National Helpline for Children SOS 1056 and the Mobile Units of Mental Health that the Greek NGO has set at the disposal of schools. The 1st specialized Center on victims of Child Abuse and Bullying was recently inaugurated by “The Smile of the Child”. In addition, Yousmile (www.yousmile.gr), the action of students volunteering for the Greek NGO is organising Web TV and Radio interviews with teenagers raising their voice against bullying. The main goal is that no child and family will ever experience this tragic event. This requires a state that is organised and involves the educational community as well as the competent and certified organisations which are able to provide support within the school communities. In the case of the missing Alex Meshiesvili in 2006 whose case was the first known case of a child’s murder by teenagers in the crime history of Greece, the citizens and the civil society organizations mobilized and developed effective mechanisms for tackling missing and child abduction cases. More specifically, “The Smile of the Child” was trained and developed the “Amber Alert Hellas” that was considered a good practice mechanism for the establishment of the European Amber Alert system. At that time the disappearance of a child was the reason to change the existing mechanisms and tools. Today the time for organized mobilization and awareness-raising on bullying has long arrived. We all need to understand this…. (photo: )

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“The Unsung Heroes of 1989: Churches and Religious Leaders, Then and Now in Eastern Europe and Beyond”

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

SantaMariaMaggioreRoma Piazza di Santa Maria Maggiore, 7 Giovedì 24 marzo 2015 – ore 17:30 Aula Magna Fr. James McCann S.J., Rector of the Pontifical Oriental Institute, announces a new series of occasional lectures on topics of contemporary importance relating to the Christian East. These lectures will explore religious, political, and historical aspects of contemporary life all over the world, but especially in regions where Oriental Christian communities are thriving or have thrived.The first lecture in the series concerns the pivotal year of 1989. More than 25 years after the “earthquake” that shook Eastern Europe, little is still known about the crucial role of the Christian Churches and their leaders in bringing about truly revolutionary change. The same Churches and their leaders not only helped to overthrow Communist rule, but worked very hard to build democracy in the region. What are the Churches doing today to construct a democratic society? Could they play a significant part in resolving conflict and bringing about change in areas such as Ukraine and Georgia? We are delighted to welcome to the Pontifical Oriental Institute Professor Jane Leftwich Curry of Santa Clara University, a Jesuit University in California. Since 2011 she has also been Visiting Professor at the Centre of East European Studies of the University of Warsaw. Professor Curry is an eminent specialist in the politics and history of Eastern Europe.
She is calling her lecture “The Unsung Heroes of 1989: Churches and Religious Leaders, Then and Now in Eastern Europe and Beyond.”

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WTTC Statement following the terrorist attack in Tunis

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

bardo museumIn response to the attack on the Bardo Museum, Tunis, on 18 March 2015, David Scowsill, President & CEO, World Travel & Tourism Council, said:”Our hearts go out to families of the victims of this terrible massacre and to the authorities who are seeking the perpetrators. Targeting tourists in this deliberate way is a heinous act calculated to cause maximum impact.It will take time for the scars to heal and for the relatives of those killed to grieve properly. It will take time for the image of Tunis as a safe, attractive destination for tourists to recover. Travel & Tourism contributes over 15% of the GDP of Tunisia and almost 14% of all jobs; so it is a vitally important part of the economy of the country. Tunisia needs the sector to recover quickly, as usually happens after events of this type.Our memories should never fade of those killed in events such as those in Tunis. But the greatest tribute we can give is for our sector to prove its resilience once again and for the tourists to return.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cordea Savills pronta ad acquisire SEB Asset Management AG

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

Cordea Savills, gestore internazionale di investimenti immobiliari, annuncia oggi la prevista acquisizione di SEB Asset Management AG (“SEB AM”) per 21,5 milioni di euro (15,6 milioni di sterline). Fondata 25 anni fa, con sede a Francoforte, SEB AM è controllata da SEB AB, banca svedese. SEB AM si avvale di un team di circa 134 professionisti, attivi tra Francoforte e Singapore, e ha circa 10 miliardi di euro di asset globali in gestione (“AUM”) nel ramo immobiliare all’interno della propria ampia proposta di fondi.Circa il 40% degli AUM di SEB AM (4 miliardi di euro) è costituito da fondi istituzionali, mentre la restante parte degli asset (circa 6 miliardi di euro) da un numero di fondi tedeschi aperti (“German Open Ended Funds”) che dovrebbero essere liquidati entro il 2017. Con il cambio di proprietà, questo processo verrà supportato dalle risorse e dalle competenze degli uffici locali di Cordea Savills e dalle più ampie competenze immobiliari del Gruppo Savills nel migliore interesse degli investitori.Con questa operazione, Cordea Savills e il Gruppo SEB daranno via a un accordo di cooperazione allo scopo di fornire servizi di investimento immobiliare ai clienti del Gruppo SEB.Nel frattempo, Cordea Savills verrà rinominata come Savills Investment Management. La nuova denominazione evidenzia l’importanza strategica di Cordea Savills all’interno del gruppo Savills e permetterà a Cordea Savills stessa di beneficiare della notorietà di un brand conosciuto a livello globale come Savills. Al tempo stesso Cordea Savills continuerà a conservare la piena indipendenza operativa. Justin O’Connor, Chief Executive Officer di Cordea Savills, ha commentato: “La prevista acquisizione di SEB Asset Management integra il nostro forte processo di crescita organica e fornisce l’opportunità di dare vita ad un gestore di investimenti leader in Europa e Asia. SEB Asset Management aumenterà la nostra massa gestita ed andrà ad arricchire la nostra capacità di offrire ai nostri clienti opportunità di investimento a livello globale”.“Sono convinto che Cordea Savills, un gestore di investimenti immobiliari con una lunga esperienza e con una portata globale, rappresenti per la nostra società tedesca di investimenti immobiliari una splendida realtà di cui fare parte e sono certo che continueranno in maniera accorta il processo di liquidazione e chiusura dei nostri fondi immobiliari tedeschi aperti” afferma Fredrik Boheman, Head di SEB Germany e chairman di SEB Asset Management AG.L’acquisizione è soggetta alle consuete condizioni preventive inclusa l’approvazione da parte della BaFin e la conclusione del periodo di revisione effettuato dalle autorità tedesche e polacche per il controllo delle operazioni di fusione. Barbara Knoflach, attuale CEO di SEB AM, lascerà la società nel corso dell’operazione.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Differenza tra sessi

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

Paola-Binetti“Lo scorso 8 marzo un gruppo di femministe radicali ha chiesto ufficialmente all’ONU la fine del secolare movimento di emancipazione della donna, chiedendo che il movimento femminista venga inglobato, insieme alle associazioni Lgbtq, nel quadro teorico e pratico del “sistema gender”. Sono convinte che solo mediante l’annullamento “ideologico” del corpo sessuato si potrà giungere ad una vera uguaglianza con l’uomo. Ritengono giusto procedere allo sviluppo della propria realizzazione personale e sociale, senza che questa venga bloccata in nome dell’identità sessuale. La differenza sessuale, insomma, sarebbe solo una definizione naturalistica senza alcuno spessore culturale e va eliminata per non ricadere in vecchi stereotipi “. Lo ricorda Paola Binetti, deputata di Area Popolare, parlando ad un incontro con un folto gruppo di docenti, oggi a Milano.”L’idea sembra convincente anche ad alcune femministe di area cattolica, che non si accorgono però che in questo modo sono già dentro il progetto teorico del “gender”, che non si limita a difendere la parità di diritti e doveri sancita dalla Costituzione, ma arriva a negare la realtà biologica, con cui tutti ci misuriamo ogni giorno, specialmente quando ci ammaliamo, e tocchiamo con mano le nostre specifiche differenze, osservabili e misurabili con mille parametri oggettivi. Ma è soprattutto nel campo della affettività e della sessualità quando il concetto di differenza rivela tutta la sua esigenza di complementarietà” ha aggiunto.”I docenti educhino i ragazzi all’osservazione oggettiva della loro corporeità oltre che alla loro soggettività psicologia, aiutandoli a fare una sintesi efficace per capire chi sono e cosa vogliono, senza paura di dover riconoscere che i generi sono due, e che la loro complementarietà è essenziale per descrivere e per capire la realtà, anche quella affettiva e sentimentale. Docenti di scienze e di lettere, di filosofia e di religione, creino gruppi interdisciplinari seri per capire chi è l’uomo è non rinunzino a mostrare somiglianze e differenze specifiche anche nella prospettiva del far famiglia secondo i canoni del l’ecologia umana. Si tratta di un modo diretto e risoluto per ribadire che la differenza fra i sessi, la maternità e la famiglia sono ancora e sempre in tutto il mondo princìpi antropologici di grande spessore culturale, capaci di segnare il carattere di ogni civiltà. Diverse per leggi e costumi, ma ugualmente decise a contrastare le derive nichiliste di ideologia fragili e violente” conclude.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Firenze un simposio internazionale per discutere di ricerca in pediatria

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

università firenzeFirenze centro mondiale della ricerca in pediatria grazie al simposio internazionale dal titolo “Clinical research in pediatrics”, organizzato dall’Università di Firenze, dall’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dal Comitato Etico Pediatrico della Regione Toscana, e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.
In discussione i nuovi regolamenti europei in tema di ricerca clinica, in particolare in ambito pediatrico, e le moderne procedure chirurgiche per il trattamento dell’epilessia.
Per quanto riguarda la ricerca, oggi i farmaci che vengono utilizzati nel bambino spesso vengono somministrati senza aver fatto un percorso registrativo specifico, basandosi soltanto su studi condotti con pazienti adulti. È quindi importante che si conducano ricerche cliniche in pediatria. «In Toscana è stato costituito un comitato etico pediatrico, sezione del comitato unico regionale: E’ un segnale che la Regione dà per quanto riguarda la ricerca in pediatria» esordisce Alessandro Mugelli, Presidente del Comitato Etico Pediatrico della Regione Toscana e docente al Dipartimento di Neuroscienze, Area del Farmaco e Salute del Bambino dell’Università di Firenze.
«Attualmente la realizzazione di ricerche in pediatria incontra molti problemi perché si ha a che fare con una popolazione fragile a cui bisogna porre molta attenzione. La conseguenza però è che attualmente la metà dei farmaci che vengono utilizzati nei bambini non sono stati studiati nei pazienti di questa età» prosegue Mugelli. Lo scopo di questo convegno è stato anche quello di favorire una ricerca in pediatria, sia da parte delle aziende, sia quella indipendente, creando le condizioni perché questa ricerca possa essere fatta nel miglior modo possibile, nell’ottica di poter generare farmaci e interventi utili a prendersi cura di questa fascia così importante della nostra popolazione».
Sull’argomento è intervenuto anche Luca Pani, Direttore di AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, che ha illustrato i cambiamenti che la ricerca in ambito pediatrico dovrà sostenere nel prossimo futuro. «La nuova struttura del regolamento pediatrico a livello europeo sui clinical trial, diventa totalmente operativo dal 2016 ma è già attivo dal luglio 2014. Tra le novità, una particolare attenzione per la pediatria soprattutto per i cosiddetti PIP (pediatric investigation plan), un cambiamento nel ruolo dei comitati etici, con la presenza di un rappresentante della società civile, una totale trasparenza, perché tutto il materiale va on line ed è consultabile liberamente» spiega Pani. «Non va dimenticato che la pediatria prevede innumerevoli precauzioni e competenze avanzate, simile a quelle richieste per studi speciali come quelli su farmaci orfani o per le terapie molto avanzate, come quelle biotecnologiche. Di fatto lo sforzo di aumentare la ricerca in pediatria ha un respiro mondiale, e si sta osservando uno sforzo di tutti gli stati, dall’Europa agli Usa, dal Sudamerica, al Giappone, alla Cina, perché abbiamo bisogno di normative omogenee, abbiamo bisogno di rivolgere ai bambini di un’attenzione particolare, anche per scusarci e ripagarli di questi anni in cui nelle ricerche cliniche sono stati applicati criteri di esclusione per i soggetti al di sotto dei diciotto anni».
Per quanto riguarda la pratica clinica, in occasione del simposio, sono stati presentati i risultati raggiungi nella diagnosi e nel trattamento dell’epilessia, a iniziare dalla definizione dei cosiddetti fenotipi, cioè le manifestazioni cliniche legate a una determinata causa genetica. «E’ importante stabilire con esattezza quando questo processo si instaura al fine di intervenire con terapie mirate che possano arrestare il fenomeno involutivo» spiega Renzo Guerrini, Direttore dell’Unità Operativa Complessa alla Clinica di Neurologia Pediatrica Meyer. «E’ inoltre fondamentale arrivare presto a una diagnosi per prevenire la comparsa di altri casi nella stessa famiglia o poter comunque dare indicazioni precise alle famiglie sul rischio di ricorrenza».
Al simposio, Flavio Giordano, Neurochirurgo dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze, ha presentato i risultati raggiunti nel trattamento chirurgico dell’epilessia. «La chirurgia nell’epilessia consiste nell’effettuare interventi di asportazione di parti cerebrali responsabili di forme di epilessia non sensibili al trattamento farmacologico. Questo tipo di procedure chirurgiche ha come obiettivo quello di togliere non soltanto zone malate di cervello, come avviene per esempio nelle patologie tumorali, ma mira a ristabilire il normale funzionamento del cervello» spiega Giordano. «Fino a oggi a Firenze sono state eseguite più di duecento procedure chirurgiche e i risultati nella chirurgia di resezione sono molto buoni. Possono essere eseguite procedure di resezione pura, cioè la vera e propria asportazione delle aree epilettogene. In questi casi si riesce a rimuovere in blocco la malformazione che è causa delle crisi e si ottiene la scomparsa delle manifestazioni epilettiche nel 70-80% dei bambini. Oppure si ricorre a procedure più complesse di disconnessione di parti cerebrali o ancora a procedure di neuromodulazione, in cui non si rimuove tessuto, ma si applicano dispositivi per l’erogazione di correnti a livello intracerebrale per cercare di rimodulare quei circuiti epilettogeni che non rispondono alla malattia. Questa è una chirurgia palliativa, che si applica quando la chirurgia di resezione non si può percorrere, perché la malformazione è troppo estesa, o è bilaterale, oppure coinvolge zone non sacrificabili, come quella del linguaggio o quella motoria. Però anche quando l’asportazione non è completa, per una serie di meccanismi intrinseci a queste malformazioni si osserva comunque uno “spegnimento” dell’epilessia e anche in questi casi si raggiunge un miglioramento significativo. Non va sottovalutato anche che più precoce è la chirurgia dell’epilessia, più si mantengono i risultati nel tempo, sono meno frequenti le recidive, e lo sviluppo psicomotorio del bambino si stabilizza». Da sottolineare infine che a Firenze si esegue il maggior numero di questi interventi ad altissima specializzazione, realizzati soltanto in altri 3-4 centri in Italia, e che per questo motivo il Meyer di Firenze accoglie ogni anno decine di piccoli pazienti provenienti da altre regioni.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vento di ottimismo sull’eurozona

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

eurozonaSull’eurozona soffia indubbiamente un vento nuovo. Dopo otto anni di una crisi che sembrava interminabile, i mercati azionari puntano decisamente al rialzo, l’ottimismo sta tornando e i consumi sono in ripresa. I fantasmi che assillavano i mercati finanziari sembrano non spaventare più nessuno, sono finiti i discorsi sulla disgregazione dell’euro, sulla deflazione o sul rischio di «giapponesizzazione». Anche il rischio di default o di uscita dall’eurozona della Grecia sembra suscitare una indifferenza quasi generale. L’eurozona è quindi uscita definitivamente dalla crisi, oppure siamo in presenza di un eccesso di ottimismo?
Bisogna ammettere che la situazione sul fronte che era meno previsto – i consumi privati – è notevolmente migliorata negli ultimi mesi. Le vendite al dettaglio hanno registrato una forte accelerazione nell’ultimo quadrimestre (+0,4% anno su anno, al 3,7% a gennaio), le immatricolazioni di veicoli sono cresciute del 18% nel corso degli ultimi 24 mesi e le aspettative dei consumatori sono ai migliori livelli da settembre 2007 a questa parte. Questa sensibile schiarita dei consumi è spiegata dal significativo miglioramento dei fondamentali. Da una parte, il mercato del lavoro si è ripreso, con l’occupazione che sta crescendo rispetto all’anno precedente in 16 paesi su 19. Dall’altra, nonostante il modesto progresso dei salari nominali, il calo dei prezzi dell’energia ha determinato un incremento in termini reali dei salari dell’1,5% rispetto all’anno precedente. Infine, il lungo processo di disindebitamento delle famiglie si sta invertendo grazie in particolare alla ripresa dei prezzi delle abitazioni. Questo riguarda anche i paesi che erano stati pesantemente colpiti da una bolla immobiliare. L’esempio più evidente è il rialzo del 28% del mercato immobiliare irlandese dall’inizio del 2013.
Va detto che l’eurozona ha beneficiato di un insieme di fattori particolarmente favorevoli negli ultimi mesi. Oltre al miglioramento dei fondamentali del settore privato, le economie della regione hanno beneficiato del crollo del prezzo del petrolio e del deprezzamento dell’euro, il cui tasso di cambio era rimasto troppo elevato per troppo tempo nel corso di questa crisi. Infine, l’elemento chiave è che la BCE ha finalmente assunto il comportamento adeguato di fronte al rischio di deflazione, annunciando un programma di allentamento quantitativo (QE) al tempo stesso di grandi dimensioni e credibile. Elemento chiave, poiché quando la deflazione minaccia una economia, la sua banca centrale deve creare moneta. E in una situazione in cui i tassi d’interesse sono già a zero, il QE è lo strumento migliore per ottenere questa creazione di moneta. I benefici di questa decisione sono stati immediati. Ancora prima che le operazioni di acquisto iniziassero, le previsioni inflazionistiche sono tornate a salire, i rendimenti delle obbligazioni sono scesi ulteriormente e l’euro ha perso valore rapidamente. Questi sviluppi hanno creato un contesto particolarmente favorevole per le azioni. Tale clima propizio potrebbe permanere, grazie al fatto che il QE è appena agli inizi. Purtroppo però nell’eurozona non è tutto rose e fiori. La produzione manifatturiera stenta ad accelerare (0,2% anno su anno a gennaio), e ciò rende questa ripresa atipica. Generalmente, le uscite dalla recessione passano attraverso una accelerazione della produzione tramite le esportazioni, un fattore che innesca un ciclo di assunzioni e di investimenti. Nell’attualità, si può temere che passato l’effetto positivo di una congiunzione di eventi particolarmente favorevoli, l’attività economica ritorni su livelli a lungo termine determinati dal (debole) potenziale di crescita dell’eurozona. Sulla base delle tendenze demografiche e della produttività, la crescita viene stimata a meno dell’1% all’anno, rispetto a più del 2% per gli Stati Uniti. Inoltre, le debolezze strutturali sono sempre presenti. Senza la gamba fiscale, l’unione monetaria è incompleta e la deflazione continua a rappresentare una minaccia (14 paesi su 19 hanno una inflazione negativa). Vi è pertanto il rischio che finito il periodo di euforia l’eurozona si ritrovi in un nuovo equilibrio costituito da un forte indebitamento, una crescita economica fiacca e un bilancio della BCE eccessivamente accresciuto. Le attività finanziarie che hanno beneficiato dell’ondata di ottimismo rischierebbero in tal caso di apparire sopravvalutate.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il punto coma in Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

BruxellesPresso la Casa dei Sindacati internazionali a Bruxelles si è svolto il 18 marzo 2014 un seminario dell’Ital in cui si è cominciato a discutere degli effetti che le legge 190/2014 di riforma dei patronati avrà specialmente sull’attività aggiuntiva del mercato sociale, che dovrà toccare tematiche come il diritto del lavoro, la sanità, il diritto di famiglia. Il punto di partenza concreto di questa diffusione internazionale del Patronato è l’esperienza italiana del Punto Coma, un modello di rete di solidarietà che mette al centro tematiche importanti delle nuove attività nel settore sanitario e del welfare territoriale. Gli uffici di patronato non devono stare da soli, devono collegarsi con il sistema di welfare locale e accreditarsi come gestori di pezzi di welfare. Per questo occorre studiare la legislazione sociale dei singoli paesi e quella europea.Ampia è stata la platea degli interventi di rappresentanti dell’Ital e della Uim, Alberto Sera, Mario Castellengo, Angelo Mattone, Dino Nardi, Maura Tabacco, Anna Ginanneschi, Giovanni Casale. Qualificata è stata la partecipazione dell’Associazionismo con Fiorella Cavaliere rappresentante del VAI (volontà assistenti italiani) e con l’instancabile Claudio Lunghini degli Amici di Eleonora onlus.L’esperienza associativa è importante per affrontare le tematiche di solidarietà fattiva che devono avere a monte un sistema di autofinanziamento, una circolazione di informazioni e uno spirito di cooperazione tra patronato e associazione che produca interventi positivi.Con l’iniziativa di oggi il Punto Coma approda in Europa per diventare anche all’estero uno strumento di riferimento per le sofferenze delle famiglie.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Molise: territorio e politica

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

territorio e politica1Un successo l’iniziativa che c’è stata a Campobasso, nella sala degli incontri dell’incubatoio in via Monsignor Bologna, aperta da un intervento del Prof. Rossano Pazzagli, al quale ha fatto seguito quello di Pasquale Di Lena, di Maurizio Marino, giovane promotore di una fattoria sociale a Montemitro e di altri, tutti interessanti, da parte del pubblico presente. Al centro della riflessione, il territorio, che, a partire dalla nascita del movimento “NO Stalla, Sì Molise Bene Comune” e dalla sua vittoria con la rinuncia della Granarolo, la più grande industria del latte, a realizzare nel Molise una stalla esagerata (12.000 manze bisognose di uno spazio pari a 100 ettari di terra e acqua necessaria per una paese di 120.000 abitanti), ha fatto capire che non può essere più dimenticato o tenuto ai margini. E’, questo bene comune, un capitale da spendere e da mettere in giro per renderlo patrimonio di un nuovo pensiero politico.
Un territorio colpito, emarginato, distrutto dal modello di sviluppo attuale se è vero, com’è vero, che solo in Italia in meno di 20 anni ben due milioni di ettari di suolo fertile sono finiti sotto il cemento o l’asfalto e che il 16% delle campagne è sparito, cioè ha smesso di produrre cibo, la nostra prima energia pulita. La situazione non è migliore a livello globale con miliardi di ettari di risorse naturalii che spariscono ogni anno. Tornando alla realtà italiana c’è da dire che ogni secondo spariscono 8 m² di territorio, come dire 11 ettari, l’ora, 2.000 la settimana, 8.000 ogni mese, cioè circa 100.000 ettari ogni anno, che, con la bella idea di “Sblocca Italia”, i finanziamenti per nuove case, e non per il recupero dei centri storici, raddoppieranno invece di essere salvati dall’abuso e furto.
In questo modo il governo Renzi e i suoi padroni pensano di “Nutrie il pianeta” aprendo fra poco più di un mese l’Expo di Milano, nelle mani ormai delle multinazionali. Bisogna rimettere insieme, visto che operiamo nell’orizzonte della crisi di modello, quindi strutturale, quello che oggi è solo apparentemente connesso: cultura e politica; città – campagna; nord – sud, etc.
Cioè vedere e operare, attraverso la coscienza del luogo (non è alternativa alla coscienza di classe ma l’una che comprende l’altra), per vedere come trovare percorsi, anche se all’inizio solo sentieri, soluzioni e nuovi modelli di sviluppo alternativi a quello attuale che, sia chiaro, non è il solo possibile. E il patrimonio territoriale è una grande opportunità di rinascita che ci riporta all’identità, alle possibilità di programmare e costruire il futuro del Nostro Molise, del nostro Paese. Un modo anche di rappresentarlo e di tenerlo ben tutelato perché solo così è possibile valorizzarlo e dare spazio alle possibili attività, in primo luogo il valore della campagna nella sua duplice espressione, agricola e rurale, cioè di attività produttiva e di aggregazioni di luoghi, persone, ambienti. L’agricoltura quale perno capace di far girare e vivere un nuovo tipo di sviluppo, all’insegna della sostenibilità e della sobrietà per chiudere con lo spreco. In primo luogo con lo spreco di territorio, sapendo che senza di esso non c’è possibilità di sviluppo. Basti pensare al cibo, all’acqua, all’aria, cioè a quelle che sono fonti vitali; al bisogno di arrivare alla sicurezza alimentare affermando la sua sovranità. Chi sta lavorando per forme nuove di aggregazione e per un rilancio della politica, per un nuovo tipo di sviluppo, necessario e urgente se non si vuole far cadere il Paese nel baratro creato dal fallimento del sistema, deve tener conto delterritorio e politica valore e del significato del territorio, del suo stretto legame con uno sviluppo e una programmazione possibili, un rilancio della partecipazione e dei valori della democrazia per renderla sostanziale e non apparente come quella che viviamo. Molto di quello che ho riportato è il contributo, come sempre prezioso, dato da Pazzagli nel suo intervento iniziale che ha trovato il consenso unanime di tutti, me per primo, e dato la possibilità a Antonio De Lellis e a quanti hanno collaborato con lui nell’organizzazione dell’evento, di continuare e pensare subito ad altri appuntamenti. Momenti importanti per dare forza e sostanza alla voglia di cambiamento, soprattutto di quella massa enorme di cittadini che non va a votare, stanca di una politica che suona come una moneta falsa. Il prossimo incontro è con Antonello Miccoli “Lavoro e Politica, Jobs Act: la negazione del buon diritto”, già stato fissato per il 7 Aprile a Termoli, sempre alle ore 18.00 , nella sala Incontri presso la Chiesa del Sacro cuore. A Termoli, il luogo che vede presente Maurizo Landini, il segretario della Fiom, che personalmente, e non da oggi, vedo come un valido protagonista del cambiamento. (Pasquale Di Lena) (immagini: territorio e politica)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fibrillazione atriale

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

boehringer-ingelheim_0Ingelheim, Germania Boehringer Ingelheim ha annunciato i risultati di due analisi del Registro GLORIA®-AF, che hanno esaminato l’uso delle terapie anticoagulanti per la prevenzione dell’ictus in pazienti con Fibrillazione Atriale (FA).1,2 Queste nuove analisi hanno evidenziato che, benché l’uso di anticoagulanti orali sia in aumento negli Stati Uniti, circa un quinto dei pazienti nordamericani con Fibrillazione Atriale (FA) inclusi nel Registro GLORIA®-AF è stato trattato in maniera inadeguata con antiaggregante piastrinico acido acetilsalicilico (ASA) o non ha ricevuto alcuna terapia.1,2 Questo, nonostante le raccomandazioni delle attuali Linee Guida statunitensi che indicano che i pazienti con Fibrillazione Atriale con punteggio CHA2DS2-VASc, pari o superiore a 2, sono ad alto rischio di ictus e necessitino di terapia anticoagulante.3 Questi nuovi dati sono stati presentati in sessioni poster al 64° Congresso dell’American College of Cardiology il 16 marzo 2015 a San Diego.“Queste analisi di dati real life evidenziano come la classe medica abbia diversi fattori da considerare per la scelta della terapia antitrombotica per i pazienti con FA, ma resta il fatto che gli anticoagulanti orali, che sono lo standard terapeutico per ridurre significativamente il rischio di ictus ed embolia sistemica in questi pazienti, sono sottoutilizzati” – ha dichiarato Jonathan L. Halperin, M.D., Professore di Medicina della Facoltà di Medicina del Mount Sinai, principale autore dello studio e membro del comitato direttivo di GLORIA®-AF “Dobbiamo continuare a comprendere perché sia così, e cosa possiamo fare per colmare questa mancata aderenza alle linee guida”.Questi sono i primi dati disponibili sulle modalità prescrittive raccolti nella Fase II del Registro GLORIA®-AF, avviato a novembre 2011, dopo l’approvazione negli Stati Uniti di dabigatran etexilato, primo Nuovo Anticoagulante Orale (NAO). I dati sono basati sui trend di trattamento di 3.415 pazienti con FA, inclusi nel registro GLORIA®-FA , da novembre 2011 a febbraio 2014.1,2 Tutti i pazienti avevano una diagnosi recente di FA e l’86% aveva punteggio CHA2DS2-VASc, pari o superiore a 2, quindi ad alto rischio di ictus.1,2 I dati mostrano che dabigatran etexilato è stato il NAO più ampiamente prescritto per la prevenzione dell’ictus fra i pazienti inclusi nello studio.1,2“Abbiamo ancora numerose sfide da vincere per garantire che i pazienti con Fibrillazione Atriale ricevano il trattamento anticoagulante più efficace per ridurre il rischio di ictus, che può essere invalidante o addirittura mortale” – ha dichiarato il Professor Jörg Kreuzer, Vice President Medicine Therapeutic Area Cardiovascular di Boehringer Ingelheim – “Questi ultimi dati derivati da GLORIA®-AF, oltre alle ulteriori future analisi dal registro, faranno luce sulle strategie necessarie per eliminare le discrepanze di trattamento e garantire la protezione ottimale contro l’ictus a tutti i pazienti”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prosegue il conflitto nel sud delle Filippine, oltre 120.000 sfollati

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

MindanaoNella parte centrale di Mindanao, più di 120.000 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case a causa dei combattimenti tra truppe governative e gruppi armati, iniziati a fine gennaio. L’UNHCR esprime preoccupazione per la sicurezza dei civili a causa del diffondersi del conflitto nei villaggi locali.Secondo l’Agenzia e i suoi partner, sarebbero 13 i comuni di Maguindanao e del Cotabato settentrionale colpiti nelle otto settimane di scontri tra l’esercito e la polizia da un lato, e il gruppo armato non statale, Bangsamoro Islamic Freedom Fighters, dall’altro. Gli sfollati hanno trovato rifugio in scuole, edifici pubblici e madrase. La stima di 120.000 persone non include la popolazione ospitata da parenti e amici, e tali numeri sono destinati a crescere con l’estendersi dei combattimenti a comunità che già accolgono un numero considerevole di sfollatiA causa delle precarie condizioni di sicurezza, l’UNHCR non riesce ad accedere a molte delle aree colpite e si basa sulle informazioni fornite da autorità locali, organizzazioni della società civile e dai propri partner.
L’UNHCR e le altre agenzie delle Nazioni Unite presenti a Mindanao stanno lavorando a stretto contatto con le autorità locali per monitorare le condizioni degli sfollati dentro e fuori dai rifugi. L’Agenzia ha fornito coperte, taniche per l’acqua, materassini, zanzariere e teli di plastica, ma è necessaria ulteriore assistenza.L’UNHCR esprime particolare preoccupazione per la sicurezza dei civili, tra cui donne e bambini, coinvolti nelle aree di conflitto. Non è chiaro per quanto tempo o in che misura si estenderà l’operazione di ripristino dell’ordine pubblico, e ciò rappresenta un ostacolo per il ritorno sicuro e dignitoso degli sfollati.Donne e bambini potrebbero potenzialmente essere esposti a sfruttamento e abusi a causa della loro mancanza di reddito e protezione da parte della comunità. Il limitato accesso a cibo, medicine, acqua e alloggi temporanei potrebbe aggravare ulteriormente la loro condizione.Finché l’operazione di ripristino dell’ordine pubblico sarà in corso, l’UNHCR si appella a tutte le parti del conflitto affinché venga garantita la sicurezza dei civili.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

BCE bacchetta l’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

farmacieLa BCE (Banca Centrale Europea) bacchetta l’Italia: servono più liberalizzazioni. Gli ultimi provvedimenti del governo,infatti, sono piuttosto tiepidi: non si e’ liberalizzato il mercato di alcune tipologie di farmaci e quello delle attività di compravendita degli immobili. Chissà perchè i farmaci di fascia C, prescritti con ricetta, devono essere venduti solo nelle farmacie e non anche nelle parafarmacie dove e’ presente un farmacista; e chissà perchè occorre passare attraverso uno studio notarile per acquistare un immobile. Il perche’ e’ ovvio: si tutelano alcune corporazioni. Passiamo ad altri settori che necessitano di liberalizzazione. Quello dei carburanti, per esempio. Non si capisce perche’ non si possono istallare, o meglio e’ difficile istallare, stazioni di distribuzione collegati ai centri commerciali. Il perchè è ovvio: si tutele la corporazione delle societa’ (ENI, per esempio) e dei benzinai. Insomma, e’ ancora lunga e irta di ostacoli la strada da fare per liberare questo Paese da lacci e lacciuoli corporativi. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Transizione energetica

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2015

energyLa transizione energetica in atto – così come ha affermato oggi l’A.D. di Enel Francesco Starace, nel corso della presentazione del Piano Industriale nella cornice della City a Londra – dovuta alla crisi economica, causa del calo dei consumi, nonché alle trasformazioni tecnologiche, ha indotto l’Enel ad un riposizionamento strategico sia sul versante finanziario, sia su quello delle prospettive industriali. E’ quanto sottolinea il Segretario generale della FLAEI Cisl Carlo De Masi, a margine della presentazione del Piano strategico 2016 – 2019 dell’Enel. Ci preme sottolineare – aggiunge De Masi – gli intendimenti aziendali volti a sostenere la crescita industriale più che la conservazione. In particolare per ciò che riguarda le reti, le innovazioni tecnologiche, i nuovi contatori intelligenti, le energie rinnovabili, la generazione tradizionale rispetto ai 23 impianti in procinto di essere trasformati, oltre ai progetti di sviluppo nelle aree geografiche dell’America Latina e dell’Africa. Riteniamo questi – prosegue De Masi – gli elementi più significativi e, a prima vista, condivisibili del Piano illustrato oggi dall’A.D.. Per parte nostra, vogliamo porre la dovuta attenzione – evidenzia il Segretario generale della FLAEI Cisl – al fatto che l’Azienda può, in questo momento, affrontare in modo sereno l’impegnativa trasformazione, grazie al contributo rilevante offerto dal Sindacato e dai Lavoratori. Va a loro merito la stabilizzazione finanziaria dell’ENEL, ottenuta attraverso accordi innovativi e unici che hanno consentito di rafforzare l’Azienda, avviare un ricambio generazionale e contenere sensibilmente i costi. Accogliamo positivamente anche il disegno strategico dell’ENEL – conclude il Segretario Generale della FLAEI Cisl – riservandoci tuttavia un giudizio più ponderato sul versante preminentemente socio-industriale solo dopo l’incontro con le OO.SS. in corso di definizione.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »