Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Archive for 26 marzo 2015

Women scientists gaining ground: High proportion of female participants at the Lindau Nobel Laureate Meeting

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

unescoAn exceptionally high number of young female scientists will be taking part in the 65th Lindau Nobel Laureate Meeting with the proportion of women amongst the 672 young scientists standing at 42%. According to data from UNESCO, only 30% of all researchers worldwide are female. The percentage of women amongst the Nobel Laureates is significantly lower still – 814 men, but just 46 women have received the award since 1901. This ratio is also reflected at the Lindau Meeting. A record number of 70 laureates are attending but just three are female. This year’s Lindau Nobel Laureate Meeting is interdisciplinary and will take place from 28 June to 3 July in Lindau on Lake Constance. The list of participants has now been announced.“The Lindau Nobel Laureate Meetings are future-oriented. This is indicated not least by the large number of young female scientists taking part. Their presence also sends out a strong message to their home countries to attract and retain more talented women in science,” remarked Helga Nowotny, co-founder and President of the European Research Council (ERC) from 2010 to 2013 and Vice-President of the Council for the Lindau Nobel Laureate Meetings.Burkhard Fricke, also a member of the Council, emphasised that no female quota was used in the selection of the young scientists: “The young participants were evaluated purely on the basis of specialist criteria. The quality of the applications has once again risen significantly which made selecting the best of the many candidates extremely challenging.” Students, doctoral students and postdocs from a total of 88 countries were accepted. They are conducting research in the Nobel Prize disciplines of medicine, physics or chemistry.The three female Nobel Laureates who will be coming to Lindau this year are the Frenchwoman Françoise Barré-Sinoussi (Nobel Prize in Medicine in 2008), the Australian Elizabeth Blackburn (Nobel Prize in Medicine in 2009) and Ada Yonath from Israel who became only the fourth woman in the history of the Nobel Prize to be awarded the Nobel Prize in Chemistry in 2009.During a panel on “Women in Science” at the 2014 Lindau Nobel Laureate Meeting, Elizabeth Blackburn remarked that there was now a pleasingly high proportion of women amongst science students but this was not replicated in lecturing and cutting-edge research. She called upon academic institutions to redouble their efforts to increase opportunities for women in these areas.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miami Home Condominium Sales Rise in February

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

Miami-skyline-for-wikipediaMiami – Miami single-family home sales registered double-digit growth in February, and all residential median sale prices continued their more than three years of gains, according to a new report by the 35,000-member MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and the local Multiple Listing Service (MLS) system. Miami single-family home and condominium sales grew year-over-year in February. Single-family home transactions — which set an all-time Miami annual record in 2014 — increased 14.2 percent relative to February 2014, from 860 to 982. Existing condominium sales — which posted the second best year in Miami history last year despite an increase in new condo construction — rose 1.4 percent from 1,176 in February of last year to 1,192 last month. Combined, Miami-Dade County residential real estate sales increased 6.8 percent to 2,174 last month compared to 2,036 during the same time period in 2014.“Miami residential home sales continue to grow at a moderate rate,” said Christopher Zoller, a 27-year Miami-based Realtor and the 2015 Residential President of the MIAMI Association of REALTORS. “Seller confidence and buyer demand in the Miami real estate market is leading to more active listings and higher sale prices.”Single-family home prices, which again increased in February, remain at affordable 2004 levels despite more than three years of consistent year-over-year increases. Condo prices also increased in February 2015, marking 44 months of growth in the last 45 months. The median sale price for single-family homes increased 7.9 percent, up to $245,000 in February 2015 from $227,000 in February 2014. The average sale price for single-family homes increased 4 percent to $431,746 last month from $415,312 during the same time period last year.Compared to February 2014, the median sale price for condominiums increased 6.8 percent to $189,000 from $177,000 a year prior. The average sale for condominiums increased 8.4 percent to $365,856 from $337,382 in February 2014.
Miami single-family homes and condominiums continue to sell close to asking price, reflecting a strong consumer demand. The median number of days on the market for single-family homes sold in February 2015 was just 46 days, a decrease of 2.1 percent compared to the same period in 2014. The average percent of original list price received was 94.6 percent, down a negligible 0.6 percent from a year earlier.The median number of days on the market for condominiums sold in February 2015 was 65 days, an increase of 14 percent compared to the same period in 2014. The average percent of original list price received was 93.3 percent, a 1.8 percent decrease.
Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops increased 1.2 percent from January. Sales were 4.7 percent higher than a year ago and above year-over-year totals for the fifth consecutive month, according to the National Association of REALTORS® (NAR).Statewide closed sales of existing single-family homes totaled 18,701 last month, up 19 percent compared to the year-ago figure, according to Florida Realtors. Statewide sales of condominiums totaled 8,260, up 7.4 percent compared to February 2014.The national median existing-home price for all housing types in February was $202,600, which is 7.5 percent above February 2014, according to NAR. The national median home price has now seen 36 consecutive months of year-over-year price gains.The statewide median sale price for single-family existing homes last month was $179,995, up 9.1 percent from the previous year, according to Florida Realtors. The statewide median price for townhouse-condo properties in February was $143,000, up 8.3 percent over the previous year.
Cash sales in Miami increased relative to last month, but are down compared to the same time period last year. Access to mortgage loans for condominium buyers remains limited. The lack of Federal Housing Administration loans for a large number of existing Miami condominium buildings is preventing further market strengthening.In Miami-Dade County, 58.8 percent of total closed sales in February 2015 were all-cash transactions — up from 57.2 percent from the previous month. Cash deals in Miami are down relative to February 2014 when 62.5 percent of transactions were all-cash. Miami condominiums comprise a large portion of Miami’s cash purchases as 71.1 percent of condominium closings were made in cash in February compared to 43.9 percent of single-family home sales.Miami’s percentage of all-cash sales is more than double the national average. About 26 percent of all national housing transactions were in cash in February 2015, according to NAR. Since 82 percent of foreign buyers in Florida purchase properties all cash, this continues to reflect Miami’s ability to attract international buyers.“Miami’s location and proximity to the Caribbean and Latin America have always attracted foreign buyers,” said Carlos Gutierrez, a 13-year Miami-based Realtor and the 2015 Residential President-elect of the MIAMI Association of REALTORS. “Miami’s home prices are still very affordable when they are compared with other major cities such as Los Angeles and New York and even in comparison to cities with less attractive lifestyles and amenities.”While traditional sales remain strong, distressed property transactions declined in Miami-Dade in February 2015 due to fewer short sales. In February 2015, only 35 percent of all closed residential sales in Miami were distressed, including REO (bank-owned properties) and short sales, compared to 36 percent in February 2014.Short sales and REOs accounted for 7.2 percent and 27.8 percent, respectively, of total Miami sales in February 2015. Sales of REOs increased 21.7 percent year-over-year while that of short sales declined 33.9 percent.After three years of record sales activity that resulted in an inventory shortage, seller confidence continues to result in more properties being listed in Miami.Active listings at the end of February increased 9 percent, from 16,836 in the same time period last year to 18,353 last month. Active listings remain about 60 percent below 2008 levels when sales bottomed. Inventory of single-family homes increased 3.5 percent from 6,113 active listings last year to 6,330 last month. Condominium inventory increased 12.1 percent to 12,023 from 10,723 listings during the same period in 2014.At the current sales pace, there is a 5.5-month supply of single-family homes, a negligible decrease of 1.8 percent from 5.6 months in February 2014. There is an 8.9-month supply of condominium inventory, up from 7.5 months in February 2014, an increase of 19.1 percent. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.New listings of single-family homes decreased 1.3 percent from 2,006 in February of last year to 1,979 last month. New condominium listings increased 0.8 percent to 2,979 last month, compared to 2,956 during the same time period in 2014.Nationally, total housing inventory at the end of February increased 1.6 percent to 1.89 million existing homes available for sale compared to the previous month, which represents a 4.6-month supply at the current sales pace.Strong sales in the preconstruction condominium Miami market east of Interstate 95 continue to reflect significant demand for new properties, according to the latest New Construction Market Status Report released by Cranespotters.com and MIAMI.Since 2011, 11 towers with 1,381 units have been completed in Miami-Dade County east of I-95. There are 69 towers with 9,515 units under construction in Miami east of I-95, according to Cranespotters.com and MIAMI’s March 14 report. About 79 towers with 11,816 units are planned, but have not begun development. There are also 54 towers with 8,403 units that have been proposed in Miami east of I-95.Overall in Miami-Dade County, developers have announced 213 towers with 31,115 units since 2011. Of the above projects in Miami-Dade:97 projects with 113 towers comprising 16,924 units are currently selling.70 percent of units have been sold.The mean minimum price per square foot of these units is $907, compared to $874 last month.
The MIAMI Association of REALTORS® was chartered by the National Association of Realtors in 1920 and is celebrating 95 years of service to Realtors, the buying and selling public, and the communities in South Florida. Comprised of five organizations, the Residential Association, the Realtors Commercial Alliance, the Broward County Board of Governors, the YPN Council and the award-winning International Council, it represents more than 35,000 real estate professionals in all aspects of real estate sales, marketing, and brokerage. It is the largest local Realtor association in the U.S., and has official partnerships with more than 125 international organizations worldwide.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università: primo bilancio per il tour Bluemix di IBM

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

Campus DurandoBluemix di IBM, la piattaforma di sviluppo applicativo in Cloud che sostiene startup e giovani imprenditori, fa un primo bilancio del tour accademico 2014-2015 e registra, nei sei atenei sinora coinvolti, l’adesione di diverse centinaia di studenti dei corsi di laurea triennali e magistrali in Computer Science e Ingegneria Informatica. Nelle sei tappe – Politecnico e Statale a Milano, Università di Trento, Tor Vergata a Roma e Federico II a Napoli, qui con due edizioni – ai ragazzi è stato messo a disposizione un efficace strumento formativo che può favorire l’ampliamento delle competenze necessarie nell’era della digitalizzazione e della cosiddetta ‘app economy’.E’ dal capoluogo campano, in particolare, che sembrano venire i segnali più forti. Qui – a seguito di due edizioni del corso, con un totale di 120 partecipanti – docenti, dottorandi in ricerca e studenti di Programmazione I e di ingegneria del software rispettivamente delle Università Federico II di Napoli e della Università di Cassino, sono già al lavoro su un paio di progetti collaborativi forieri di interessanti risultati. Sotto la guida di Paolo Maresca, Associate Professor Ph.D Computer Engineering al DIETI – Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell’Informazione – una trentina di giovani è infatti coinvolto su due specifici fronti che hanno in Bluemix il comune denominatore. Da un lato per lo sviluppo, con scopi didattici e di ricerca, di un’applicazione multipiattaforma per ambiente Android e, dall’altro – in collaborazione con la Ohio State University at Stark – per la produzione di materiale didattico in uso a docenti e a studenti americani fino ai 12 anni di età.Altri 60 ragazzi – segnala Paolo Maresca – sono ormai pronti a entrare in gioco per usare stabilmente la piattaforma di IBM e questo avverrà entro i prossimi tre mesi, proseguendo così il programma di sviluppo software applicativo – data base, interfacce tablet, video, strumenti di organizzazione e coordinamento dei gruppi – che, nel caso della Federico II di Napoli si tradurrà in riconoscimenti per il curriculum formativo degli stessi studenti.
Nel frattempo, il tour è pronto ad affrontare la seconda parte dell’anno accademico 2014-2015. Oggi e domani, ad aprire le porte a Bluemix sarà l’ateneo di Salerno, prima che il tour faccia ritorno a Milano con l’appuntamento all’Università Bicocca. In aprile e maggio toccherà invece a Cagliari, quindi a Bari – anche qui con due edizioni – e infine a Varese e Perugia.
Con 104 anni di storia, IBM è leader nell’Innovazione al servizio di imprese e organizzazioni in tutto il mondo. Opera in 170 paesi – in Italia dal 1927 – con circa 400mila dipendenti, realizzando un giro d’affari pari a 92,8 miliardi di dollari (dato 2014). L’azienda vanta una consolidata tradizione di progetti, iniziative e partnership a supporto della crescita economica di ogni settore d’industria e di ogni area. Ogni anno l’azienda investe circa 6 miliardi di dollari in ricerca attraverso il lavoro di 12 centri globali, con migliaia tra scienziati e ingegneri. Roma ospita un Software Lab dal 1978 con 500 sviluppatori. Da 22 anni consecutivi, IBM è la società con il maggior numero di brevetti depositati negli Stati Uniti: nel 2014 hanno toccato quota 7534. http://www.ibm.com/it.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Superyacht Award Judges Meeting

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

triesteTrieste Venerdì 27 marzo, alle 15.30 nella Sala Maggiore della Camera di Commercio di Trieste. Ne parleranno in una conferenza stampa dedicata all’evento e alle sue ricadute il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, il Sindaco di Trieste, Roberto Cosolini, il presidente della Camera di Commercio di Trieste, Antonio Paoletti, l’ad di Boat International, Tony Harris e l’editor, Stewart Campbell, i rappresentanti delle reti di impresa Trieste Refitting System, Marino Quaiat e Trieste Yacht Bearths, Roberto Sponza. Collocare Trieste e il Friuli Venezia Giulia quali punti di riferimento per i mega yacht nell’Alto Adriatico. Con questo obiettivo Camera di Commercio di Trieste, Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Trieste e le due reti di impresa Trieste Refitting System e Trieste Yacht Bearths hanno avviato un’azione sostenuta da aziende del calibro di Wärtsila Spa, illycaffè Spa, Tal -Transalpine Pipeline, Samer & Co. Shipping, Trieste Yacht Service, affiancate e supportate da Turismo Fvg per organizzare a Trieste il Judge meeting della decima edizione del World Superyacht Awards organizzato da Boat International Media. Boat International media è gruppo leader nel settore in ambito mondiale e la visibilità data a Trieste per questo evento è di fondamentale importanza per il ruolo che la città può rivestire nel panorama mondiale dello yachting.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tre studenti inventano un sistema per scoprire il riciclaggio di denaro

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

università paviaPavia. Tre studenti di Scienze politiche dell’Università di Pavia hanno inventato un sistema contro il riciclaggio di denaro e le transazioni sospette. Nicolò Quilico, Mattia Andreosso, Umberto Gilardi coordinati dalla docente Silvia Figini (UNIPV) hanno sviluppato una metodologia e alcuni algoritmi computazionali per il monitoraggio e previsione di fenomeni di riciclaggio. I riferimenti normativi e le indicazioni teoriche a supporto dell’analisi provengono in prevalenza dal “Provvedimento recante disposizioni attuative per la tenuta dell’archivio unico informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all’articolo 37, commi 7 e 8, del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231”, dagli allegati contenenti le “Causali analitiche”, gli “Standard tecnici” e le “Tabelle dei codici” e dal “Provvedimento recante gli indicatori di anomalia per gli intermediari”.In questo lavoro sono proposte metodologie di data mining non supervisionate e supervisionate per la profilazione e classificazione (sull a base di criteri derivanti dal “Provvedimento recante gli indicatori di anomalia per gli intermediari” di Banca d’Italia) dei soggetti clienti dell’intermediario e tecniche locali di data mining per lo studio delle associazioni e sequenze di anomalie.Un contributo innovativo rispetto ai modelli statistici proposti in letteratura è l’uso della social network analysis per evidenziare sia i legami espliciti che impliciti , sulla base di operazioni bancarie, tra i soggetti. Il lavoro pone attenzione anche all’estensione della metodologia considerando l’aspetto temporale attraverso lo studio di social network dinamiche . Un altro interessante sviluppo discusso nel lavoro concerne l’integrazione di tecniche di raggruppamento e profilazione nella social network analysis per ottenere una visualizzazione grafica, semplice ed immediata dei gradi di rischio dei soggetti e dei loro collegamenti sia espliciti che impliciti, e quindi considerati sospetti. Le evidenze empiriche sono derivate su una base dati destinata a popolare l’Archivio Unico Informatico.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 31 marzo chiudono gli Opg

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

opg-castiglione-stiviere_640-2La chiusura degli Opg è imminente e, come ha dichiarato il ministro della giustizia Orlando, non si farà nulla per ritardarla. Questo è un bene, secondo i Fatebenefratelli. Se non che il termine è il 31 Marzo 2015 e la situazione è ancora confusa e variegata da Regione a Regione. Le “REMS” previste in Lombardia, ad esempio, sono per la massima parte rappresentate dalla riconversione delle Comunità presenti presso l’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Castiglione delle Stiviere. In altri territori ci si sta ancora attrezzando. La decisione di non ritardare la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari riporta alla mente la frase di San Giovanni di Dio, quando spiegava agli spagnoli del XVI secolo perché si dovessero assistere i “pazzi”. Diceva: “Fate del bene, fratelli, a voi stessi”. Nella società dell’efficienza e della competizione non c’è nessuno di più “lontano” di un malato di mente che ha compiuto un crimine e che ha violato le regole della società. Ma soprattutto, non vi è nulla di più sensato, oltre che cristiano, dell’offrirgli una reale opportunità di riabilitazione, nell’ambito del percorso che la giustizia ha deciso per il suo caso. Originariamente, gli Opg dovevano assolvere anche a questa funzione: sappiamo che non è stato così. Con la realizzazione delle REMS si vuole cogliere l’occasione per recuperare nei fatti una funzione terapeutico-risocializzatrice diversa dalla classica pena manicomiale, ma per farlo bisogna allargare gli strumenti di collegamento con la società, abbattere le barriere che persistono. La scelta del governo di superare il modello esistente rappresenta certamente un’assunzione di responsabilità verso i più “impresentabili” tra tutti i sofferenti, anche se non risolve il problema, che è ad un tempo giudiziario e sanitario, di sicurezza e di umanità.
In virtù dell’esperienza maturata, siamo consapevoli che le REMS forniscono una risposta solo ai bisogni di alto contenimento dei pazienti affetti da disturbo psichiatrico e socialmente pericolosi. I numeri dimostrano che, a fronte dell’incremento delle dimissioni, continuano comunque, anche se a ranghi ridotti i nuovi ricoveri in opg e ciò indica la mancanza di una vera alternativa a tali strutture. Non ci illudiamo che il 31 marzo cambi tutto, ma invitiamo a riflettere sul percorso dei pazienti che già oggi vengono dimessi dagli Opg ed entrano in un limbo sociale, perché solo 1 su 10 torna a casa, nella propria famiglia, mentre il 90% prosegue il proprio percorso clinico entro strutture residenziali ove la supervisione e la vigilanza sono garantite dalla presenza costante degli operatori.
I Fatebenefratelli da tempo sono coinvolti nel percorso di cura e monitoraggio dei pazienti con misura di sicurezza e pericolosità sociale attenuata. All’interno dei nostri Centri sono attive comunità a diversa intensità riabilitativa per il trattamento dei pazienti per i quali sono previste delle misure di sicurezza. Recentemente, abbiamo aperto delle Comunità (CRA ad alta intensità riabilitativa e assistenziale e CPA a media intensità riabilitativa e ad alta intensità assistenziale). Le strutture e il personale che vi opera è analogo a quello delle altre Comunità, ma i protocolli di vigilanza, concordati con gli ospiti, la formazione degli operatori ed i programmi riabilitativi sono specifici per questo tipo di utenza. Presso tali strutture il progetto terapeutico è rivolto non solo alla cura del disturbo psichiatrico ma anche e soprattutto al recupero delle competenze, al lavoro psicoeducazionale e cognitivo comportamentale volto al raggiungimento di una maggiore consapevolezza del disturbo mentale e della correlazione tra il disturbo stesso e le anomalie comportamentali che sono alla base degli agiti delittuosi e disfunzionali. Alla base della nostra attività, anche in questo settore, vi è la concezione personalistica cristiana: il programma di trattamento prevede fasi differenziate il cui obiettivo finale è il reinserimento nella comunità di appartenenza. Sono pazienti in cui spesso il lavoro di rete e la ricostruzione di rapporti familiari e sociali rappresenta l’elemento fondante il recupero clinico e sociale. Presso i Fatebenefratelli sono presenti oltre agli ospiti delle Comunità citate anche pazienti che hanno terminato la prima fase del loro percorso e proseguono la residenzialità entro le altre comunità, nell’ambito di progetti riabilitativi psichiatrici a minor livello di vigilanza. Lo stretto contatto con i Dipartimenti di Salute Mentale del territorio e l’UEPE favoriscono l’integrazione tra interventi clinici e riabilitativi, reinserimento sociale e vigilanza. E’ proprio la complessità del problema che ci ha indotto a chiedere un abbandono di un modello datato come gli Opg e a rallegrarci per la scelta compiuta dal governo, per quanto non dimentichiamo che solo una struttura su tanti Opg è riuscita a fornire una risposta soddisfacente e che quindi occorre valutare preventivamente la portata della riforma che ci si accinge ad attuare.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lenovo inaugura il suo primo Centro globale di Innovazione nell’High Performance Computing in Germania

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

LenovoMilano, Lenovo, (HKSE: 992) (ADR: LNVGY) ha annunciato l’apertura del suo primo centro globale d’innovazione nell’HPC (High Performance Computing). Si tratta di un sito permanente destinato alla ricerca e sviluppo e al benchmarking delle applicazioni, e di un nuovo ecosistema di partner per sviluppare progetti che offrano i vantaggi commerciali dell’HPC a una fascia più ampia di clienti e carichi di lavoro diversificati. Il nuovo centro, situato a Stoccarda in Germania, sottolinea l’impegno di Lenovo nei confronti dell’enterprise computing e l’ambizione di diventare il primo fornitore di sistemi aperti in questo mercato.In concomitanza con l’apertura del centro, Lenovo è stata accettata come membro ufficiale dell’ETP4HPC (European Technology Platform for High Performance Computing) – un consorzio di aziende del settore che intende sfruttare tutta la potenza trasformativa dell’HPC per migliorare la competitività europea a livello scientifico, aziendale e industriale.Lavorando a stretto contatto con Intel, il centro offre il più recente processore Xeon E5 2600 v3 +EDR InfiniBand a 100 Gb/s con il fabric d’interconnessione Mellanox EDR 100Gb/s, utilizzando come piattaforma di computing di base il sistema ad alta densità NeXtScale di Lenovo. Ciò permetterà di sfruttare le competenze e le capacità specifiche di molti partner specializzati, provenienti da ogni parte d’Europa, per espandere ulteriormente le capacità e migliorare la ricerca a livello locale.Aymar de Lencquesaing, EMEA President di Lenovo e Senior Vice President di Lenovo Group, ha così commentato l’annuncio: “La giornata di oggi rappresenta una pietra miliare per le nostre ambizioni come azienda. Non soltanto abbiamo aperto il primo centro globale HPC, ma anche riconfermato il nostro impegno, investimenti e ambizioni nel settore enterprise. Il mercato EMEA offre grandi potenzialità per l’HPC che ci consente di portare avanti importanti progetti e ricerche con un impatto incredibile sul settore e la società”.“Si tratta di un nuovo approccio all’innovazione – che sfrutta le capacità di Lenovo e dei nostri partner per offrire tutti i vantaggi dell’HPC a un maggior numero di clienti in ogni parte del mondo”, ha dichiarato Brian Connors, Vice President Strategic Alliances e General Manager High Performance Computing di Lenovo Worldwide. (foto fonte: Wikipedia)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malawi: Violenze sui bambini

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

MalawiSecondo uno studio che viene lanciato oggi : Violence against children and young women study (VACS), 2 persone su 3 in Malawi hanno subito violenza da bambini, 1 ragazza su 5 ha subito violenza sessuale prima di aver compiuto 18 anni e circa 2 ragazzi su 3 hanno subito violenze fisiche prima dei 18 anni.“Certe volte è troppo semplice ‘impantanarsi’ in percentuali e tassi di abuso con una conseguente desensibilizzazione sul numero assoluto dei bambini che hanno subito violenze. Il 7% delle ragazze che ha subito pressioni e violenze sessuali durante l’infanzia, questo significa che circa 315.000 ragazze sono state violate. Il 6,5% dei ragazzi ha subito violenza fisica, tanto da aver avuto lesioni temporanee o permanenti, questo significa 300.000 vittime. Ogni bambini ha il diritto di vivere in un ambiente protetto e sicuro, a scuola e a casa”, ha dichiarato Mahimbo Mdoe, Rappresentante UNICEF in Malawi.
Secondo il rapporto, i servizi a sostegno delle vittime di abuso sono generalmente insufficienti in Malawi. Circa il 60% dei bambini ha confidato a qualcuno di aver subito abuso, normalmente a un amico o un familiare e meno del 10% delle vittime di violenza ha mai usufruito di assistenza professionale.Altri risultati del rapporto indicano che la violenza è diventata una norma sociale. Un gran numero di ragazzi per esempio non ha dichiarato di aver subito violenza fisica perché non l’hanno percepita come un problema. Da un altro punto di vista, lo studio ha verificato che un terzo delle ragazze tra i 13 ei 17 anni che non ha dichiarato di aver subito violenza fisica, non lo hanno fatto perché pensavano fosse colpa loro.Inoltre, lo studio ha rilevato che il 42% delle ragazze considera accettabile che un marito colpisca la propria moglie in determinate circostanze. Il 41% delle ragazze, secondo lo studio, ritiene che una donna debba tollerare la violenza per tenere la famiglia unita.Lo studio, che rappresenta la prima indagine rappresentativa nazionale del Malawi esamina il problema della violenza sessuale, fisica ed emotiva contro i bambini. Secondo il rapporto, la violenza contro i bambini è diventata una regola sociale nella maggior parte delle comunità in tutto il paese.I risultati del rapporto sono contenuti in uno studio supportato dal DFID e condotto dal Ministero di infanzia, genere, disabilità e benessere sociale (MoGCDSW), dal Centro per la Ricerca Sociale dell’Università del Malawi, dall’UNICEF Malawi e dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDCC).
I focus group di ragazzi e ragazze su cui è stata condotta l’indagine riguardavano: un primo gruppo di età compresa tra i 18 e i 24 anni (su quanto spesso i bambini fossero stati abusati durante l’infanzia); un secondo di età compresa tra i 13 e i 17 anni (su come i bambini avevano subito abusi nell’anno precedente).La violenza sui bambini ha conseguenza dannose su di loro. Secondo il rapporto, i bambini che subiscono violenza hanno molte più probabilità di soffrire di stress, di fumare e di bere alcool, di contrarre infezioni trasmissibili sessualmente e assumere comportamenti auto lesionisti.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata internazionale dei rom

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2015

????????????????«Lo sterminio dei Rom e Sinti va inserito ufficialmente nelle commemorazioni europee dei genocidi commessi dal regime nazifascista», ha dichiarato Barbara Spinelli, esprimendo pieno accordo con il rapporto presentato da Cornelia Ernst nella riunione del gruppo Gue-Ngl per la Giornata internazionale dei Rom.«Porajmos è il termine con cui Rom e Sinti indicano il genocidio zigano, ed è l’equivalente della Shoah. La cosa grave è che non viene commemorato come la Shoah, pur avendo esattamente lo stesso significato: la devastazione, ovvero l’annientamento, di un popolo in quanto tale. Questo ha conseguenze precise sui giorni d’oggi, conferendo una sorta di lettre de noblesse all’anti-tsiganismo. In altre parole, quest’ultimo non viene messo sullo stesso piano dell’antisemitismo, anche se nella sostanza è, anch’esso, una forma di razzismo che colpisce un’etnia europea. Se il Porajmos non sarà inserito nelle commemorazioni del genocidio, avremo sempre di più la banalizzazione del male in tutta l’Unione». «In Italia» ha proseguito l’eurodeputata del Gue-Ngl, «sto personalmente seguendo la questione delle ordinanze degli sgomberi di campi rom. Sono azioni poliziesche che vanno moltiplicandosi, e come europarlamentare ho protestato di recente – con il prefetto e il vicesindaco di Torino, e con il Commissario prefettizio di Viareggio – contro lo sgombero di due campi rom, a Lungo Stura Lazio e a Torre del Lago Puccini».«Sappiamo che il problema non è solo italiano. In Francia è un governo di sinistra che attacca i Rom. Il primo ministro Manuel Valls è giunto sino ad affermare, non molto tempo fa, che “i rom comunque non vogliono integrarsi nella società francese”, o in quella europea. Frasi del genere sono evidentemente razziste, favoriscono l’incitazione all’odio razziale, e oggi sono dette senza problema dalla sinistra, quando governa. Anche in Italia abbiamo un partito che si dice di sinistra – il Partito democratico – che spesse volte, e tranquillamente, sposa fraseologie anti-rom e adotta linee discriminanti nei confronti della comunità Rom e Sinti».
barbara-spinelli

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »