Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 279

Archive for 30 marzo 2015

Is Northern Europe the new mining Eldorado?

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

northern SwedenAs falling oil price fuels lower costs for miners, the iron ore market is expanding in Europe. International mining companies are in search of rare earths in the continent, in particular uranium, iron ore, nickel, gold and phosphorus. It is predicted that northern Europe will soon host more mining projects.Finland is often described as northern Europe’s top destination for mining investment thanks to its significant copper, silver, iron ore, nickel and zinc reserves and as global warming uncovers precious metals, the country is expected to be one of the world’s next major mining frontiers.Sweden is home to the world’s largest iron ore mine, which produces 90 percent of all the iron in Europe. A few days ago, a Canadian company has expressed to “look forward to exciting results ahead” after having successfully staked two nickel deposits with historical resources in northern Sweden. It is estimated that in 2025, Sweden could triple its mining production. Greenland, which holds the largest deposit of rare earths outside of China, is for its part seeking investment from across the world to develop its mining industry. According to European Commission data, Greenland has “especially strong potential in six of the fourteen elements on the EU critical raw materials list.”Last but not least, Norway has over 40 working mines in the north and has anticipated it will have nearly 70 within a few years.The Europe Mining 2015 Summit, organised by IRN on 17-18 June in Amsterdam, The Netherlands, will provide a wide spectrum of informative presentations and case studies. The Summit will gather senior level representatives from the international mining industry and will help delegates plan their business activities taking advantage of the new opportunities offered in the region.Olav Hallset, Communications Manager of the Norwegian Mineral Industry and Mona Schanche, Exploration Manager at Nordic Mining, will assess northern Europe’s investment potential for mining. Amongst other topics that will be addressed at the Summit include the latest developments for active mines in Europe; future plans and strategies, as well as regulations and differences in fiscal regimes. The Head of Metals, Minerals and Raw Materials Unit from the European Commission has also confirmed his participation as a Speaker at the Europe Mining Summit.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maritime stakeholders confirm joint efforts for Blue Growth in Baltic Sea Region

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

geomarThe Conference of Maritime Stakeholders Platform in the Baltic Sea Region in Kiel (26 & 27 March 2015) brought together all key maritime stakeholders from business, academia and the public sector across the Baltic Sea region to discuss smart specialisation, maritime technologies and skills and employment. Karmenu Vella, European Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, who opened the conference, said: “The Baltic Sea area is known for its focus on innovation and sustainable technologies. I am proud to be part of an event that aims to promote stronger cross-regional cooperation between maritime technology innovators and operators and thus contribute to a more sustainable use of the Baltic Sea and reinforce the competitiveness of the European Maritime economy”.The conference represents the first step of the European Commission’s “Sustainable Blue Growth Agenda for the Baltic Sea Region” adopted in May 2014 to promote the maritime potential of the EU Strategy for the Baltic Sea Region.
Recent studies suggest that the most promising avenues for development in the region are short-sea shipping, coastal and cruise tourism, offshore wind, shipbuilding, aquaculture, blue biotechnologies, better use of maritime cluster potential, as well as engaging the business and research community more closely in policy planning and its development.The coastal countries can take full advantage of the opportunities offered by the sea by better planning of their maritime space, by integrating development processes across different sectors and by widening the scope for smart infrastructures. Innovation focusing on maritime technologies, renewable energy, port reception facilities, maritime and coastal tourism and aquaculture can contribute to the economic strength of the region. The European Commission reaffirms its commitment to help in appropriate capacity building and in improving the coordination mechanisms in Baltic coastal states in order to achieve more growth in the region.The discussions in Kiel’s conference confirmed that a stakeholder-driven, cross-Baltic joined effort for Blue Growth in the Baltic Sea Region is already in place. (Photo geomar)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jordan: FOUR PAWS launches aid project for working donkeys and horses in the famous carved rock city of Petra

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

petraPetra (Jordan)/Vienna (Austria). The abandoned carved rock city of Petra in Jordan is one of the most famous and beautiful landmarks of the Middle East. Every year hundreds of thousands of tourists are drawn to this settlement in the desert, whose architecture was carved into the rock in ancient times. It is a UNESCO World Heritage site, and in 2007 was elected one of the New Seven Wonders of the World. Vital to the tourist industry in the region are the 1350 donkeys and horses, which are kept in poor conditions, and have to transport visitors on their back or in carriages. The burdens they have to carry or pull are often much too heavy in relation to the animals’ diminutive size, and the working days are far too long. Many animals also have no shade from the sun, and insufficient regular fodder and water, quiet places, and veterinary care. They suffer from exhaustion, lameness, colic and incorrect diagnoses.This is why the international animal welfare organisation FOUR PAWS – together with the Jordanian Princess Alia Foundation (PAF) and the Petra tourist board (Petra Development and Tourism Region Authority – PDTRA) – has drawn up a project for the improvement of the health and working conditions of horses and donkeys in Petra. The two organisations and the tourist board will apply several measures to improve the working animals’ situation, and will finance the entire project. “We’re constructing stalls and water drainage systems, and we’re modernising an existing veterinary clinic”, explains Robert Hengl, project leader at FOUR PAWS. “We’re also providing medicines, medical equipment, and training for the local vets, blacksmiths and animal owners.”Together with two vets from the local horse clinic, a FOUR PAWS team is currently in Petra Park administering first aid to injured and sick horses and donkeys. Most of the patients suffer from painful injuries or infections on their legs, partly caused by galloping too quickly on ground that is hard and stony. Six-year-old mare Alebayah is a typical example: for months she has had a wound on her left hind knee that refuses to heal. FOUR PAWS vet and horse expert Ovidiu Rosu took a sample of fluid from the knee and sent it to a laboratory to analyse the type of bacteria causing the infection. “As soon as we’ve identified the bacteria, we’ll know which antibiotic to give Alebayah”, explains Rosu. “She mustn’t work for a few weeks, and needs to rest a lot. I’m optimistic that, with the right treatment, she’ll be well again soon.” Many of the owners are more than happy to take up the offer of free treatment for their animals, and are very pleased that FOUR PAWS is there.The new stalls will be ready in early summer. Then all the working horses and donkeys will have enough fresh water to drink, they can be washed down, and can take a break in the shade. Over the next few years, staff from FOUR PAWS and the Princess Alia Foundation will provide regular veterinary treatment, and training for the owners. “We want to work together with the animals’ keepers to let the horses and donkeys lead a healthier life”, says Hengl. “Keepers who really know their animals and their animals’ needs can look after them properly and act promptly in the case of, for example, health problems. ”By helping animals, FOUR PAWS also helps people: the horses and donkeys provide a livelihood for people in the region. A single animal provides enough income to feed up to six people, meaning that around 8000 people around Petra are dependent on their horses and donkeys.
For several years, FOUR PAWS has been successfully collaborating with the Princess Alia Foundation, which Princess Alia Al Hussein founded in 2009. The two organisations have worked together on several projects to help strays in Jordan, and are currently collaborating on the construction of a refuge centre for wild animals in northern Jordan: “Al Ma’wa for Nature and Wildlife”. The shelter will soon provide a beautiful home to big cats and other wild animals from poor keeping conditions or the illegal animal trade. (photo vier)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caritas: families driven from homes by Boko Haram need urgent help

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

caritasVatican City, In the past year, more than a million Nigerians have fled fanatically violent attacks by the Islamic militant group Boko Haram. Spilling over into neighbouring countries, these displaced families have relied on Catholic Church and other aid groups for basic necessities like shelter, food and medicine. On 26 and 27 March, Caritas representative from the region will meet in Rome to create a humanitarian action plan for displaced families, refugees, and those returning to their destroyed villages.“The terror and suffering that the people of Nigeria have experienced is extreme,” said Caritas Nigeria Executive Director Father Evaristus Bassey, who will attend the Rome meeting. “We at Caritas, along with other people of goodwill, are doing our best to provide food, health care and sometimes shelter to the families who had to flee their homes. But the needs are staggering.’In Nigeria and surrounding countries like Niger, Chad, and Cameroon, Caritas and Catholic dioceses are helping the displaced. More than 2500 people are staying at a camp at Saint Theresa Cathedral in Yola, Nigeria, with thousands more sheltering in church buildings around the country. Recently, Catholic bishops in Cameroon appealed to Nigeria’s bishops for help responding to the needs of tens of thousands of Nigerian refugees who fled to their country. The Rome meeting will include Caritas representatives from Cameroon, Niger, and Chad. While Caritas has focused immediate needs like food and medicine, a coming challenge is reintegration in areas recaptured by Nigeria’s government. “With people going back to their homes, there are real issues about rebuilding and recovery,” says Fr Bassey. “So much has been destroyed–most people have no homes, nothing.”The Rome meeting will also focus on the plight of families in the Central African Republic, where communal violence has flared up and driven more than 800,000 people from their homes. In both cases, Caritas and other aid groups are overwhelmed. The meeting will focus on ways Caritas members from the region, and around the world, can address the crisis.“The attention of the world has not been turned to this problem,” said Fr Bassey. “Nigerians are rising to the occasion, but the needs are so many.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs visiting Washington press for equal rights for effective judicial redress for EU and US persons in data transfer cases

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

washingtonIn a mission to Washington last week, Members of the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee stressed to the US Department of Justice and to the US Congress the need to ensure for individuals whose personal data processed in the EU are transferred to the US equal rights for effective judicial redress as those granted for US persons, without no discrimination whatsoever.
“Our numerous talks with high-ranking officials of the Administration, as well as Members of Congress, showed that there is willingness on all sides to get equal treatment for EU and US persons when exchanging information across the Atlantic. Implementing this into legal acts as soon as possible is of paramount importance for rebuilding the trust of citizens as well as for improving transatlantic information Members of Congress, exchanges, especially for security purposes”, said Jan Philipp Albrecht (Greens/EFA, DE, vice-chair of the Civil Liberties Committee) who led the mission to Washington and also the committee rapporteur on the EU-US “umbrella agreement” on data sharing for law enforcement purposes. The aim of the Civil Liberties Committee mission to Washington, D.C., which took place from 16 to 19 March, was to obtain up-to-date information on the state of play and progress in the US on major issues, such as data protection and the current legislative works by the US Congress on framing surveillance activities. MEPs also provided updates on the EU data protection reform and on counter-terrorism initiatives, including the EU Passenger Name Records (PNR) proposal.One of the key objectives of the visit was to press for equal enforceable rights to effective judicial redress for EU individuals in cases of transfers of personal data to the US for law enforcement purposes. This is one of the last remaining barriers to concluding the EU-US “umbrella agreement”.While welcoming the initiative by which the US Administration acknowledges for the first time the discriminatory treatment of EU citizens in the US, the Civil Liberties Committee mission stressed to the US Department of Justice and to the US Congress the need to ensure for individuals whose personal data processed in the EU are transferred to the US equal rights for effective judicial redress as for US persons, without no discrimination whatsoever.The EU is currently negotiating with the US an international framework agreement (the so-called data protection “umbrella agreement”) in order to protect personal data transferred between the EU and the US for law enforcement purposes. This includes cases in which personal data is sent from the EU to the US for the prevention, detection, investigation and prosecution of criminal offences, including terrorism.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Pain and cough”

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

università firenzeCome reagisce l’organismo al dolore? E alla tosse? Esistono similitudini, canali di percezione comuni, meccanismi cerebrali che possono spiegarne il funzionamento?
A queste domande, e ad altre altrettanto stimolanti, cercano di rispondere gli esperti riuniti in questi giorni a Firenze in occasione del simposio “Pain and cough”. L’evento è organizzato dal Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università di Firenze, dal Dipartimento di Geriatria dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze, e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.
«Si tratta di due condizioni così comuni nella vita di ognuno, e apparentemente molto distanti. Eppure certi meccanismi molecolari possono essere strettamente condivisi in queste due condizioni. Infatti i processi di sensibilizzazione e quindi di cronicizzazione possono avere strade comuni» spiega Pierangelo Geppetti Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute all’Università degli Studi di Firenze. «Il dolore può avere una funzione protettiva e anche il riflesso della tosse è generalmente un sintomo, per cui deve essere mantenuto. Ciò che vogliamo evitare è che il dolore, fenomeno estremamente importante per la sopravvivenza della specie dell’individuo, non degeneri in una condizione in cui uno stimolo normale, come appunto la tosse, possa limitare fortemente la qualità della vita dell persone. Nel dolore è la stessa identica cosa: la sensazione dolorifica può essere utile, per cui non va necessariamente eliminata, ma vogliamo ridurre e se possibile abolire quella condizione per cui anche un normale gesto quotidiano diventa una condizione dolorosa e insopportabile. Per alcune persone un movimento di solito naturale, oppure il semplice contatto della pelle con qualsiasi oggetto può essere doloroso: il nostro scopo è studiare questi processi per trasformare queste condizioni penose in una condizione normale».
Per raggiungere questo obiettivo, Geppetti e il suo staff hanno avviato diverse ricerche, in particolare sui canali ionici, i trans receptor potential channels, alcuni dei quali sono ben conosciuti. Per esempio il TRPA1, che è il canale attivato dalle sostanze naturali piccanti, come il peperoncino o il wasabi, la salsa utilizzata nella cucina giapponese.
«Obiettivo la creazione e lo sviluppo di nuovi farmaci contro il dolore cronico intrattabile» prosegue Geppetti. «Alla base del progetto, lo studio di questa via di trasmissione del dolore, mediata da uno specifico meccanismo molecolare. Nel corso dello studio abbiamo osservato come varie sostanze naturali di origine vegetale sono capaci di produrre un marcato effetto dolorifico. Il nostro programma mira a identificare e sviluppare molecole originali che, agendo proprio su tale canale di trasmissione del dolore, possano costituire la base di nuovi farmaci, più efficaci e sicuri rispetto agli attuali trattamenti, specialmente nel caso del dolore oncologico, neuropatico e dell’emicrania cronica».
E recentemente all’Università di Firenze sono stati condotti degli studi per la localizzazione e la definizione della funzione del canale ionico TRPA1 nelle vie respiratorie e per verificare la capacità di antagonisti dei recettori TRPA1 di sedare la tosse. «Ecco perché dolore e tosse hanno molte similitudini, anche se più sul piano fisiopatologico che clinico: i meccanismi che sono alla base della genesi dei due fenomeni sono estremamente simili» aggiunge Giovanni Fontana, Docente di Medicina Respiratoria Università degli Studi di Firenze. «La tosse cronica è un’entità clinica totalmente diversa dalla tosse comunemente intesa. Non è una pura estensione nel tempo dei fenomeni che generano la tosse stagionale acuta che tutti noi abbiamo sperimentato come conseguenza dell’influenza o del raffreddore, ma è un fenomeno completamente diverso, estremamente più impattante sulla qualità di vita. La tosse stagionale, acuta, risolve spontaneamente e spesso non necessita di alcun intervento medico, mentre la tosse cronica non è mai autolimitante, e può nascondere patologie che la supportano, per cui richiede un intervento medico specifico. Con il procedere delle conoscenze in ambito clinico si è osservato che probabilmente una quota non trascurabile, quantificabile attorno al 25-30 per cento dei pazienti con tosse cronica, soffre in realtà di un’entità nosologica nuova che è la sindrome da ipersensibilità del riflesso della tosse, in cui non esiste una patologia che supporti la tosse, ma è la tosse stessa la patologia. Qualcosa di simile – e qui torniamo alle similitudini tra dolore e tosse – avviene nel dolore neuropatico, all’emicrania e alla cefalea, al colon irritabile: condizioni che non riconoscono una causa scatenante, eppure esistono. Per concludere, dolore e tosse presentano ancora tanti aspetti oscuri, che devono essere valutati e analizzati. Probabilmente questo congresso di Firenze è il primo a livello mondiale che abbia unito queste due nosologie così diverse ma così simili e speriamo di poter dare un contributo alla conoscenza del dolore e della tosse e all’individuazione di nuove terapie in grado di combatterle».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le capsule compostabili di Vergnano

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

caffèDal 1 Aprile 2015 Caffè Vergnano rivoluziona il mercato del porzionato lanciando la prima linea Èspresso1882 di capsule compostabili e compatibili con le macchine a uso domestico a marchio Nespresso®* e con le macchine Èspresso1882 TRÈ. TRÈ Le capsule saranno le prime in commercio certificate “OK COMPOST” da Vinçotte (ente riconosciuto a livello internazionale) e smaltibili nel
bidone dell’umido senza bisogno di separare l’involucro dal caffè. Buone per l’ambiente e con la qualità di sempre. Le nuove capsule preservano intatto l’aroma delle miscele Caffè Vergnano e garantiscono una resa eccellente in tazza. Se, infatti, il mercato del porzionato rappresenta una grande opportunità di sviluppo, è anche vero che l’impatto ambientale che deriva dall’utilizzo di capsule può essere maggiore rispetto al consumo di caffè in moka o cialda. Per questo motivo, le nuove capsule compostabili sono molto di più di una nuova linea. Caffè Vergnano, infatti inserirà il prodotto a scaffale in sostituzione di gamma: i pack Èspresso1882 attualmente in distribuzione saranno sostituiti progressivamente con la nuova linea compostabile. A breve, quindi, tutte le referenze delle capsule Caffè Vergnano Èspresso1882 in commercio saranno smaltibili nell’umido. Anche il packaging è stato rinnovato in ottica ecologica. Ogni componente infatti, è smaltibile nella raccolta differenziata: la scatola nella carta, l’incarto nella plastica e la capsula nell’organico.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

SpeedyPress.it compie tre anni e continua a crescere

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

SpeedyPress.itCresciuto stabilmente nonostante i tempi difficili della crisi, il sito italiano per l’offerta di servizi di ufficio stampa “low cost”conferma la partnership con la Comunità Europea mentre amplia il proprio database, investendo nel rinnovamento di veste grafica e piattaforma tecnologica
In occasione del suo terzo compleanno, il sito “low cost” specializzato nella gestione editoriale e nella diffusione di comunicati stampa http://www.speedypress.it festeggia rinnovandosi tanto dal punto di vista grafico quanto attraverso l’implementazione di nuove funzionalità.
Il principio sul quale si basa http://www.speedypress.it resta quello che ne ha consentito il rapido sviluppo nel corso di questi primi tre anni di vita: offrire servizi professionali di ufficio stampa (gestione, creazione e diffusione di comunicati stampa aziendali ad un database di oltre 34 mila giornalisti) consentendo ai clienti di servirsi di una interfaccia utente semplificata ed intuitiva, a basso costo.
L’unicità di Speedypress consiste proprio in questo: il sito permette di inviare comunicati stampa ai media di riferimento su qualsiasi notizia ad un costo unico sul mercato e con “un semplice clic”. Unico in quanto fornisce, compresa nel prezzo, anche una consulenza redazionale professionale su contenuto e forma dei comunicati.
In questi primi tre anni sono molte le realtà che hanno deciso di tentare la strada dell’ufficio stampa online “a basso costo” con speedypress.it. Tra queste ricordiamo, solo a titolo esemplificativo, il Chianti Classico Val delle Corti che ha ottenuto, con un singolo comunicato al costo di base di XXX oltre 25 ritagli ed il conseguente, misurabile, incremento degli ordini; oppure il sito internet del Fan Club del cantante Marco Masini che, grazie agli oltre 40 ritagli, ha ricevuto diverse richieste di interviste radiofoniche che a loro volta hanno sostenuto la campagna abbonamenti del sito.
In poche parole Speedypress offre un vero e proprio ufficio stampa on line che si relaziona con i media attraverso un data base di oltre 6200 redazioni e 34500 giornalisti italiani, aggiornato ogni 24 ore. E’ proprio la caratteristica dell’accessibilità del prezzo del servizio ad avere spinto l’Unione Eruopea a finanziare il progetto: “Speedypress aiuta il cliente a trasformare l’informazione commerciale in notizia pubblicabile sui media,” spiega l’ideatore del sito Alessandro Censi Buffarini – “pagando un prezzo estremamente basso, addirittura di 76 euro se si acquista il pacchetto da 13 comunicati. La valenza sociale ed il vantaggio per l’impresa di un servizio di que sto tipo”, aggiunge Censi Buffarini, “non è certamente sfuggito all’Unione Europea che, da subito, ha deciso di finanziare il progetto attraverso il Fondo Sociale, rendendo possibile contenere i prezzi pur mantenendo un elevato standard di qualità professionale del servizio.”

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Asia Pulp & Paper in Cina installa impianti a energia solare per 200 mega-watt presso 8 delle sue cartiere

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

shanghai-chinaShanghai. Asia Pulp & Paper (APP) sta realizzando l’installazione di impianti fotovoltaici su tetto per una capacità di oltre 200 mega-watt (MW) in 8 delle sue cartiere in Cina. Gli impianti in via di installazione apporteranno ulteriori 129,5 MW di potenza all’attuale capacità di 70.5 MW generata dai tetti fotovoltaici installati nell’ultimo trimestre dello scorso anno e sono in grado di fornire energia a oltre 500.000 abitazioni[1]. Con questo potenziamento di capacità, il progetto di APP risulta essere l’installazione fotovoltaica più estesa al mondo nel settore dell’industria della carta oltre a costituire uno dei più grandi impianti di energia solare presenti a livello globale.
Gli impianti solari di APP implicano l’utilizzo di 4 milioni di metri quadrati di pannelli fotovoltaici che andranno a ricoprire un’area equivalente a 560 campi da calcio. I pannelli saranno installati in territorio cinese nelle cartiere APP Gold East, Gold Hongye, Gold Huasheng, Hainan Jinhai, Yalong, Ningbo Zhonghua, Ningbo Asia e Guangxi Jingui.
Il progetto è stato sviluppato da un consorzio di produttori cinesi operativi negli impianti a energia solare sotto la direzione di APP ed è allineato alla strategia del Governo della Repubblica Popolare Cinese finalizzata all’incremento della capacità energetica da fonti di energia rinnovabile e della sua distribuzione sul territorio. L’energia generata dagli impianti fotovoltaici di APP sarà convogliata nel sistema nazionale di distribuzione a beneficio delle rispettive comunità locali, mentre APP a sua volta otterrà fornitura di energia elettrica a prezzi agevolati.
Gli impianti di APP sono stati progettati sulla base delle installazioni fotovoltaiche su tetto che il Gruppo ha sviluppato nel 2014:
· 30,5MW presso lo stabilimento Hainan Jinhai Pulp and Paper operative da marzo 2014, attualmente il singolo impianto fotovoltaico su tetto più grande esistente in Cina
· 20MW presso lo stabilimento Gold HongYe a Suzhou inaugurato lo scorso novembre
· 20MW presso lo stabilimento Gold East Paper, a Zhenjiang, attualmente in via di sviluppo, che sarà completato entro il mese di marzo 2015. “Questo progetto, grazie alla generazione di energia pulita e rinnovabile, darà un importante contributo alle comunità locali che vivono nei pressi delle cartiere interessate in Cina, oltre a consentire ad APP notevoli risparmi in consumo energetico. E’ un grande esempio di come la sostenibilità possa avere un effetto positivo sul pianeta e I suoi abitanti così come nelle attività imprenditoriali. Il progetto, inoltre, supporta gli impegni del Governo della Repubblica Cinese di incrementare del 20% la quota di energia rinnovabile nel Paese entro il 2030” ha dichiarato Bingjian Sun, Communications General Manager di APP-China.
“Quale impresa leader di settore nel mondo riconosciamo l’importanza del nostro ruolo nel contribuire alla riduzione delle emissioni nel mondo. Che si tratti di facilitare la crescita delle energie rinnovabili in Cina, o di ridurre le emissioni generate dalle torbiere in Indonesia o di tagliare il consumo di energia nella nostra produzione a livello globale, sappiamo che il nostro impatto è significativo.”
La capacità energetica di 200MW sarà portata a regime nei prossimi 3-5 anni. La Cina è il più grande investitore al mondo in energia rinnovabile con investimenti che nel 2014 hanno raggiunto circa 90 miliardi di dollari (fonte: Bloomberg New Energy Finance). Per La sola energia solare il Governo cinese si è impegnato per uno sviluppo annuale di 10GW di potenza tra il 2013 e il 2015.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

l’UNHCR condanna fermamente il rapimento di rifugiati congolesi da parte dei ribelli LRA

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

congoL’UNHCR condanna fermamente il rapimento di rifugiati congolesi da parte dei ribelli del Lord’s Resistance Army (LRA), e chiede il rilascio immediato di chi è ancora è in prigionia. Il 21 marzo scorso, 16 congolesi, di cui 15 rifugiati, sono stati rapiti dai ribelli LRA in Repubblica Democratica del Congo, nelle aree al confine con la Repubblica Centrafricana (RCA) dove stavano sorvegliando i propri terreni. Tredici di loro, 2 donne e 11 uomini, sono stati rilasciati dopo due giorni e hanno subito raggiunto a piedi il campo rifugiati situato nelle vicinanze di Zemio, nel sud-est della Repubblica Centrafricana. Alcune delle vittime erano ferite e una ragazza di 16 anni è risultata vittima di violenza sessuale. Tre bambini rifugiati mancano ancora all’appello.
Il campo rifugiati di Zemio ospita 3.400 rifugiati congolesi provenienti dal territorio di Ango (Distretto Bas- Uele),in Province Orientale, nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo. Già nel 2009 queste persone erano fuggite nella stessa provincia a causa delle atrocità commesse dai ribelli LRA. Tuttavia, questa settimana sono stati nuovamente vittime di violenze e torture.
Subito dopo l’arrivo al campo, i rifugiati rilasciati sono stati trasferiti al centro sanitario di Zemio dove stanno ricevendo le cure mediche necessarie. Sono ancora in stato di shock e desiderosi di avere notizie sui rifugiati rimasti nelle mani dei ribelli. L’UNHCR insieme al partner International Medical Corps ha predisposto un servizio di assistenza socio-psicologica per aiutare le vittime ad affrontare il trauma subito.Inoltre, l’Agenzia intensificherà la diffusione di informazioni tra i rifugiati sulle condizioni di sicurezza, le attività dei ribelli LRA nella regione e i rischi associati all’attraversamento del confine tra i campi nella Repubblica Centrafricana e i propri terreni presenti nella Repubblica Democratica del Congo.
Gli attacchi dei ribelli LRA nei villaggi al confine tra RCA e RDC si sono intensificati dopo l’arresto di Dominic Ongwen, uno dei principali comandanti dell’LRA, accusato all’inizio dell’anno di crimini contro l’umanità. Secondo i dati riportati da Catholic Relief Services, solo a febbraio l’LRA ha compiuto oltre 25 rapimenti in diversi villaggi nella parte nord-est della RDC, nelle vicinanze di Zemio e del confine.L’LRA nasce in Uganda nel 1986. Crea la sua prima base in Sudan nel 1993, diffondendosi poi nella Repubblica Democratica del Congo nel 2005 e nella Repubblica Centrafricana nel 2009. Cacciati dalle forze armate ugandesi, i ribelli dell’LRA rimasti si sono ritirati nei boschi della parte sud-orientale della Repubblica Centrafricana, dove continuano a causare distruzione e a diffondere terrore nella regione.Nel 2014, l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari (OCHA) ha riportato un aumento degli attacchi dell’LRA sia nella Repubblica Centrafricana che nella Repubblica Democratica del Congo, segnalando in particolare la crescita dei casi di sequestro: dai 346 del 2013 ai 566 del 2014.
Gli sfollati nelle aree della Repubblica Centrafricana e della Repubblica Democratica del Congo interessate dalla presenza dei ribelli LRA sono più di 180.000. Più di 30.000 persone sono state costrette a fuggire nei paesi limitrofi per sfuggire alle violenze (9.232 rifugiati centrafricani nella RDC; 3.388 rifugiati congolesi nella CAR; 15.769 rifugiati congolesi e 2.047 rifugiati centrafricani nel Sud Sudan).L’UNHCR, insieme ai suoi partner, fornisce assistenza ai rifugiati, cercando al contempo di proporre soluzioni durevoli come il rimpatrio volontario. Ad oggi, circa 640 rifugiati si sono registrati al prossimo programma di rimpatrio volontario che verrà gestito dall’UNHCR. Il programma avrà inizio nelle prossime settimane, una volta che le piste di atterraggio a Zemio e Ango verranno ripristinate e allargate.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una politica fiscale più equa

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

parlamento europeoBruxelles Parlamento europeo. Gli Stati membri devono essere più trasparenti sulle loro decisioni fiscali nazionali, perché la concorrenza fiscale sleale falsa la concorrenza tra le imprese e potrebbe portare a una “corsa al ribasso”, hanno avvertito molti deputati durante la discussione di mercoledì con il commissario per la politica fiscale Pierre Moscovici. Moscovici – che ha difeso la sua recente proposta di scambio automatico tra gli Stati membri d’informazioni sulle decisioni fiscali – ha condiviso molte delle preoccupazioni espresse dai deputati e ha riconosciuto che le divergenze tra le norme fiscali nazionali portano a una frammentazione del mercato unico dell’UE. Il Commissario ha sostenuto un migliore coordinamento delle politiche fiscali fra gli Stati membri e annunciato che presenterà un’analisi della situazione fiscale in Europa entro la fine del 2015, come base per ulteriori lavori sulle questioni fiscali. Molti deputati hanno inoltre sottolineato che le tasse devono essere pagate nei paesi in cui i profitti sono realizzati e alcuni hanno insistito che ci dovrebbe essere una base imponibile consolidata comune (CCCTB) per attenuare le differenze. Le offerte fiscali vantaggiose per le grandi imprese multinazionali sono state ritenute, da molti deputati, pratiche sleali nei confronti dei cittadini e delle piccole e medie imprese, che si trovano cosi a pagare il grosso del gettito fiscale per finanziare la spesa pubblica.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Novità tecnologiche in alcune delle neoplasie più frequenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

bariSignificativo l’incremento dei pazienti vivi colpiti da tumore del seno (+20%) e del pancreas (+27%) in fase avanzata. Prospettive importanti anche nel polmone. Il presidente Carmine Pinto: “Con nab-paclitaxel oggi possiamo parlare di chemioterapia intelligente. Il trattamento è più efficace e si riducono gli effetti collaterali. Non vengono danneggiati i tessuti sani”
Oltrepassa le barriere fisiologiche per portare con forza il farmaco al centro della cellula malata e bloccare la crescita del tumore. Si chiama chemioterapia “intelligente” e utilizza particelle di dimensioni nanometriche, 100 volte più piccole di un globulo rosso. In questo modo è possibile superare la spessa barriera che circonda il cancro e somministrare il farmaco in dosi maggiori rispetto alla formulazione tradizionale (+33%), quindi aumentandone l’efficacia con meno effetti collaterali. La sopravvivenza è migliorata in maniera significativa in due fra i tumori più frequenti come quelli del seno e del polmone, che nel 2014 in Italia hanno fatto registrare 48.000 e 40.000 nuovi casi. E, per la prima volta in 20 anni, sono emersi risultati positivi anche nel pancreas, storicamente molto difficile da trattare. Le nanotecnologie sono al centro del convegno nazionale sulle “Nuove frontiere nel trattamento dei tumori”, realizzato con il patrocinio dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), che si apre oggi a Bari. “Un nanometro equivale a un miliardesimo di metro. Le nanotecnologie stanno cambiando radicalmente la lotta alle neoplasie – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM -, perché aprono nuovi orizzonti nella personalizzazione del trattamento. Per la prima volta, infatti si può parlare di chemioterapia target. Una particella di circa 100 nanometri infatti è in grado entrare nella cellula, che ha un diametro compreso fra i 10.000 ai 20.000 nanometri, e di interagire con il DNA e con le proteine. La nuova terapia, nab-paclitaxel, consiste nell’impiego dell’albumina, una proteina umana naturalmente presente nell’organismo in dimensioni nanometriche, in cui viene racchiuso un farmaco chemioterapico (paclitaxel) che viene così trasportato direttamente nella sede del tumore”. È già stata approvata nel nostro Paese nel tumore del seno e, lo scorso febbraio, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ne ha stabilito la rimborsabilità per il trattamento del cancro del pancreas. “La chemioterapia – sottolinea la dott.ssa Stefania Gori, segretario nazionale AIOM – costituisce un’arma fondamentale nella neoplasia del seno. Oggi, grazie ai progressi compiuti negli ultimi anni, l’87% delle pazienti guarisce. Però, quando la malattia è in fase metastatica, le opzioni si riducono. Ecco perché è fondamentale disporre di un nuovo trattamento che ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza del 20% nella patologia avanzata”. Nel 2014 in Italia si sono registrati 12.700 nuovi casi di tumore del pancreas. Con il 7% dei decessi, rientra tra le prime 5 cause di morte per cancro soltanto nel sesso femminile, ma nelle età centrali della vita (50-69 anni) occupa il quarto posto tra gli uomini (7%) e le donne (7%). “È un nemico insidioso perché in fase precoce non mostra sintomi specifici e solamente il 15-20% dei casi è individuato in stadio iniziale – afferma il dott. Michele Reni, dell’Oncologia Medica IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano -. La chirurgia offre l’unica possibilità realistica per curare questa neoplasia. Ma, al momento della diagnosi, circa l’80% dei pazienti si trova in uno stadio in cui non è possibile garantire una radicale resezione chirurgica, perché la malattia è già metastatica o localmente avanzata. In questi casi l’aspettativa di vita media è compresa fra 3 e 6 mesi. Con nab-paclitaxel la sopravvivenza dei pazienti è aumentata del 27%. Si tratta di un risultato davvero straordinario”. “Si stanno aprendo prospettive importanti anche nel carcinoma del polmone non a piccole cellule, che comprende l’85-90% di tutti i casi di cancro del polmone – afferma il prof. Pinto -. Nab-paclitaxel ha dimostrato di raggiungere un vantaggio in termini di risposte tumorali rispetto a uno degli standard internazionali di trattamento, rappresentato dalla combinazione di carboplatino e paclitaxel”. Il 40% delle neoplasie può essere evitato seguendo uno stile di vita corretto (no al fumo, attività fisica costante e dieta equilibrata). In particolare il fumo di sigaretta è responsabile del 90% dei casi di tumore del polmone ed è il fattore di rischio principale anche per quello del pancreas. I tabagisti presentano una probabilità di sviluppare questa malattia da doppia a tripla rispetto ai non fumatori. La proporzione di carcinoma pancreatico attribuibile a questo vizio è del 20-30% nei maschi e del 10% nelle femmine. Esercitano un’influenza notevole anche obesità, ridotta attività fisica e abuso di alcol. “Non esiste a oggi la possibilità di uno screening di massa per il tumore del pancreas, per questo è fondamentale informare i cittadini sull’importanza di seguire uno stile di vita corretto – continua il prof. Pinto -. AIOM nel 2015 realizzerà un tour in cinque Regioni per sensibilizzare medici e cittadini sulla prevenzione e sulle innovazioni nei trattamenti in questa patologia, come quella costituita da nab-paclitaxel, già impiegato con successo nel trattamento del carcinoma mammario metastatico nei casi in cui la terapia di prima linea non risulti più efficace”.
Come evidenziato da uno studio indipendente (“GeparSepto”) condotto su più di 1.200 donne, questo farmaco ha dimostrato di essere efficace anche nella neoplasia del seno in stadio iniziale ad alto rischio. “Nab-paclitaxel, somministrato prima dell’intervento chirurgico – conclude la dott.ssa Gori -, ha evidenziato nelle pazienti colpite da questo tipo di cancro di migliorare del 9% la risposta patologica completa. Si tratta di un parametro molto importante perché consiste nell’assenza di tumore invasivo sia nel seno che nei linfonodi ed è strettamente legato all’esito favorevole a lungo termine, cioè alla sopravvivenza”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2015

ospedale-psichiatrico-giudiziario“Con la chiusura degli ospedali psichiatrico giudiziari si chiude anche una brutta pagina che riguarda sia l’amministrazione della giustizia che la psichiatria italiana. Abbiamo tutti negli occhi le immagini di profondo degrado degli ospedali giudiziari trasmesse con insistenza nei telegiornali e apparse in più di una inchiesta televisiva, fino a confluire in un docu-video di drammatica efficacia. Quelle immagini sono state il segno tangibile della indifferenza e della cattiva gestione della cosa pubblica, quando invece di farsi carico delle situazioni umanamente più fragili, le abbandona alla sciatteria di chi invece di prendersene cura, li punisce doppiamente come malati e come carcerati”. A dirlo è Paola Binetti, deputato del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc).
“Ben venga quindi – continua Binetti – la effettiva chiusura degli opg dopo i falsi annunci degli ultimi anni. Ma non possiamo sottovalutare che il problema non è solo chiudere gli opg ma prendersi cura di queste persone cercando di risolvere il dilemma: se e in che misura la malattia mentale sopprime la capacità di rendersi conto delle conseguenze delle proprie azioni, del danno che si fa ad altri, delle sofferenze che si occasionano alla società nel suo insieme. E’ mancato in questi anni un dibattito serio proprio su alcuni dei temi cruciali della psichiatria e il precipitare dell’aereo tedesco di pochi giorni fa ci restituisce la sensazione del mistero per cui il gesto di una persona con un malessere psichiatrico già documentato fa precipitare, in senso letterale, tanta gente nella follia incontenibile ed irreversibile di una morte inattesa”.E conclude: “chiudere gli opg e contestualmente riaprire un dibattito forte e scientificamente fondato sulla salute mentale e sulla malattia mentale, al di là delle ideologie, può essere un passo avanti importante sul piano del rispetto della dignità delle persone, purché si ricordi che la peculiarità di queste persone, la loro e la nostra vera sofferenza, sta proprio nella fragilità della capacità di valutare le conseguenze delle loro azioni. Servono investimenti seri sul piano della ricerca scientifica e sul piano dell’assistenza e della cura di queste persone, anche per garantire la loro e la nostra sicurezza; la loro e la nostra libertà. Dobbiamo tornare ad investire in un piano per la psichiatria, non solo ospedaliera, ma anche e soprattutto territoriale forte e deciso; un piano obiettivo che non ignori quanto e come sia difficile per la società sottrarsi alla follia lucida di persone, che magari cercano anche nella spettacolarità dei loro gesti di dare una risposta di senso alla propria vita. Più assistenza significa più risorse, più professionisti impegnati sul campo, psichiatri, psicologi, educatori, tecnici ed infermieri specializzati, strutture di accoglienza anche sotto forma di case-famiglia assistite, social day hospital. Tutto quanto può servire alla persona malata, colpevole di danni arrecati ad altri, ma anche al tessuto sociale in cui sono inseriti”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »