Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Archive for 31 marzo 2015

Fair trials: MEPs beef up draft EU law on presumption of innocence

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2015

amxr7051Draft EU rules to ensure that the right to be presumed innocent until proven guilty is fully respected in member states were approved by the Civil Liberties Committee on Tuesday. MEPs inserted amendments to prevent statements by public authorities that might suggest a suspect is guilty before a final conviction, ensure that the burden of proof stays with the prosecution and guarantee the rights to remain silent, not to incriminate oneself and to be present at trial.“The presumption of innocence is a fundamental right and above all it is an essential principle if we are to prevent arbitrary judgments and abuses of power in criminal proceedings. This principle seeks to guarantee the right to a fair trial”, said rapporteur Nathalie Griesbeck (ALDE, FR) in a committee debate.”The proposal for a directive is made all the more important by the erosion of the principle of the presumption of innocence that is currently being seen in several EU member states”, she added.Public authorities must refrain from making public statements referring to suspects or accused persons “as if they were guilty”, before a final conviction or before or after a final acquittal, say MEPs.The amended rules would therefore require EU countries to forbid their public authorities from disclosing information, “including in interviews and in communications issued through or in conjunction with the media”, or from leaking information to the press “which could create prejudice or bias against the suspect or accused person before final conviction in court”, explains the committee. EU countries should also promote the adoption of codes of ethical practice in cooperation with the media, it adds.“Where applicable”, legal persons, too, should be covered by these EU rules, MEPs say. This was not envisaged in the initial proposal.Allowing presumptions that shift the burden of proof from the prosecution to suspects or accused persons is “unacceptable” say MEPs, who deleted this possibility from the Commission’s initial text. The burden of proof must rest with the prosecution and “any doubt always benefits the suspect or accused persons”, they insist.
MEPs also deleted from the proposal a provision that would have made it possible in limited cases to “compel” a suspect or accused person to provide information relating to charges against them. .
Suspects or accused persons should not be considered guilty simply because they exercise their right to remain silent, MEPs underline. The exercise of this right, as well as the right not to incriminate oneself and not to cooperate, “must never be considered as a corroboration of the facts”, they say. In other additions to the Commission’s text, MEPs stress that any evidence obtained in violation of these rights or by torture shall be inadmissible and that cases in which judgments may be delivered in absentia must be kept to a strict minimum.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smart Borders: Civil Liberties MEPs question Commission and Council on pressing issues

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2015

european court justiceMEPs want to know whether Commission and Council consider the proposed Entry/Exit System and Registered Traveller Programme “appropriate and/or adequate responses” to the situation at the EU’s external borders given the constant increase of the number of border crossings. In questions addressed to both institutions approved on Tuesday, MEPs also ask their positions on the access for law enforcement purposes and on how far the ruling of the EU Court of Justice on data retention may impact the proposals as they stand.The proposals on an Entry/Exit System (EES) and a Registered Traveller Programme (RTP) are part of the Smart Borders Package presented by the Commission in 2013 to improve the management of the external borders of the Schengen area, fight against irregular immigration and provide information on over-stayers, as well as facilitate border crossings for pre-vetted frequent third country national travellers.The planned EES would record the time and place of entry and exit of third-country nationals crossing the external borders, calculate the duration of their stay as well as generate an alert when authorised periods for stay have expired, while the RTP would allow certain groups of frequent travellers (i.e. business travellers, family members etc.) from third countries to enter the EU, subject to appropriate pre-screening, using simplified border checks including at automated gates.Commissioner for Migration, Home Affairs and Citizenship, Dimitris Avramopoulos, has announced on 3 December last year that the 2013 proposals would be withdrawn and replaced by new ones at the end of 2015 or the beginning of 2016.The Civil Liberties Committee rapporteurs on the Smart Borders Package are Agustín Díaz de Mera (EPP, ES), for the EES, and Tanja Fajon (S&D, SL), for the RTP.The Commission and the Council are expected to answer these questions in a debate foreseen for the 27-30 April plenary session, in Strasbourg.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impianto transcatetere di valvola aortica

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2015

valvola-aortica-stenosiL’impianto transcatetere di valvola aortica (TAVI) con valvola cardiaca transcatetere SAPIEN si conferma essere un intervento efficace quanto la chirurgia tradizionale e con risultati duraturi per le persone con stenosi aortica grave ritenuti a rischio elevato per poter affrontare un intervento di sostituzione valvolare tradizionale a torace aperto. Sono i risultati conclusivi a 5 anni dello studio PARTNER, il primo e più importante trial clinico condotto sulla TAVI in pazienti ad alto rischio, pubblicato online sul prestigioso The Lancet.
Lo studio PARTNER ha assegnato in maniera randomizzata 699 pazienti, affetti da stenosi aortica severa sintomatica con alto rischio chirurgico, alla sostituzione della valvola aortica attraverso intervento cardiochirurgico tradizionale o per mezzo della tecnica transcatetere (TAVI). Quest’ultima, procedura innovativa e meno invasiva, consente di posizionare la protesi valvolare all’interno della valvola nativa malfunzionante attraverso un catetere vascolare da un’arteria periferica. Gli importanti risultati dello studio PARTNER a 5 anni dimostrano che non si sono riscontrate differenze significative nella mortalità generale, pari al 37,6% nella cardiochirurgia standard e al 32,2% nella TAVI. Così come simile e statisticamente non significativa l’incidenza di ictus, il cui tasso si è attestato al 16,9% nei pazienti TAVI e al 14,7% nei soggetti sottoposti a chirurgia; e non diversa la necessità di riospedalizzazione. “Ma il dato forse più atteso dalla comunità scientifica è quello relativo alla durata ed al buon funzionamento della valvola percutanea a 5 anni dall’intervento; infatti entrambi sono risultati di pari livello alla valvola impiantata con tecnica chirurgica tradizionale” ha dichiarato Sergio Berti, Presidente della Società italiana di cardiologia Invasiva (GISE).
“Questi dati sono di grande interesse, perché dimostrano in maniera solida come, in pazienti ad elevato rischio operatorio, non esista una differenza sostanziale in termini di risultati clinici a distanza, tra l’innovativa e meno invasiva tecnologia della TAVI e l’intervento cardiochirurgico tradizionale, considerato finora il gold standard terapeutico”, ha proseguito Berti. “Va anche notato che nello studio PARTNER sono state utilizzate valvole per la TAVI di prima generazione. Oggi, noi utilizziamo la terza generazione di questi dispositivi, che hanno molto migliorato performance e sicurezza dell’intervento” ha concluso l’esperto.
La valvola SAPIEN ha ricevuto il marchio CE in Europa nel 2007 ed è stata approvata nel 2011 dalla US Food and Drug Administration (FDA); è indicata per il trattamento dei pazienti non operabili e per quelli ritenuti a rischio elevato per l’intervento cardiochirurgico tradizionale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore alla prostata, biopsia mirata con fusion imaging

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2015

Prostata urinary_bladderDa un mix di immagini provenienti da Risonanza Magnetica ed ecografia nasce la “biopsia per fusione”, tecnica che permette di guidare la biopsia del tumore alla prostata riuscendo ad indagare zone sospette. La “biopsia per fusione”, utilizzata con successo in Humanitas dall’équipe di Urologia guidata dal prof. Giorgio Guazzoni, consente di mirare in maniera estremamente precisa le zone evidenziate dalla Risonanza Magnetica, trasferendovi le informazioni acquisite sull’immagine ecografica. Il risultato è una mappa tridimensionale che guida la biopsia, utile a ricostruire nel dettaglio la localizzazione e il volume del tumore.Cosa cambia rispetto al passato? In casi selezionati o dubbi (ad esempio pazienti con precedente biopsia negativa ma con indicatori di rischio di tumore) questa tecnica permette di effettuare un campionamento mirato, evitando biopsie multiple. Rispetto ai dodici prelievi compiuti in media dal chirurgo, la “fusion imaging” consente di ridurre i prelievi e soprattutto di mirare con altissima precisione il punto esatto in cui si trova e cresce il tumore.“La biopsia per fusione – spiega il prof. Giorgio Guazzoni, responsabile dell’Unità Operativa di Urologia di Humanitas e docente di Humanitas University – aumenta la precisione ed evita di dover pungere più volte la stessa zona, poiché permette di mirare al bersaglio indicato dalla Risonanza Magnetica fuso con l’ecografo. L’accoppiamento delle due immagini, frutto della tecnologia, può determinare un aumento delle percentuali di detection rate (meno tumori passano inosservati), e una riduzione del numero dei prelievi (solo quelli davvero necessari vengono effettuati). Si tratta di un’esperienza innovativa, unica in Lombardia, molto importante se consideriamo che il carcinoma prostatico è il tumore più diffuso negli uomini”.
Il prof. Giorgio Guazzoni è uno dei maggiori esperti a livello nazionale e internazionale nell’utilizzo clinico di nuove tecnologie, fra cui il robot Da Vinci, nell’ambito delle malattie dell’apparato urogenitale.In Humanitas da dicembre 2014 dopo 20 anni di attività presso l’ospedale S. Raffaele, il prof. Guazzoni affianca all’attività clinica un’intensa attività di ricerca. I suoi interessi spaziano dai trattamenti mininvasivi laparoscopici e robot-assistiti alla terapia focale, dallo studio di markers biochimici e genetici nella diagnosi al follow-up delle principali patologie tumorali.È membro dell’American Urological Association, dell’European Association of Urology, della Società Italiana di Urologia e della Società Italiana di Endourologia.Sul fronte della ricerca, il prof. Guazzoni ha condotto un importante studio sui surreni che lo ha portato a realizzare, primo in Europa, una surrenectomia, operazione chirurgica che consiste nell’asportazione di uno o entrambi i surreni.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggi su misura in crescita: CartOrange +18% nel 2014

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2015

bassa gianpaoloCartOrange chiude un altro anno di crescita. L’azienda, che rappresenta il più grande network italiano di consulenti di viaggio e che ha portato questa figura professionale nel nostro Paese quindici anni fa, ha chiuso il bilancio 2014 con un giro d’affari a +18% rispetto all’esercizio precedente e una crescita del 24% nel settore viaggi di nozze. La crescita e gli investimenti sono stati integralmente autofinanziati con proprie risorse, generate da un sistematico ed importante cash flow positivo.Nel comparto dei viaggi sartoriali, pianificati su misura secondo le richieste dei clienti, gli Stati Uniti si confermano la destinazione che genera il maggior giro d’affari, mentre tra le mete emergenti si segnala il Giappone. Si evidenzia anche un incremento di oltre il 20% per quanto riguarda il giro d’affari dei viaggi di nozze in Australia e Sud Africa. Nell’ambito dei pacchetti vacanze crescono Grecia e Spagna e, nel medio raggio, appaiono in forte ascesa gli Emirati Arabi.Si conferma quindi il trend positivo che ha visto il giro d’affari dell’azienda raddoppiare dal 2009 a oggi, caso eccezionale per il mondo del turismo organizzato, un settore che dal 2007 al 2013 ha subito un vero e proprio dimezzamento del valore passando da 7,2 miliardi di euro a 3,8 miliardi di euro mentre il numero di agenzie di viaggi è diminuito da 13.227 a 9.091 (fonte Gfk).Commenta l’amministratore delegato Gianpaolo Romano: «I risultati positivi del 2014 confermano la validità del modello secondo il quale CartOrange ha scelto di operare fin dal 1999: una rete di consulenti per viaggiare, altamente qualificati, che puntano a realizzare proposte su misura per soddisfare ogni esigenza del cliente». Questo modo di lavorare sartoriale si riflette anche nella modalità peculiare con cui i consulenti CartOrange incontrano i clienti: «A domicilio, oppure in qualsiasi luogo indicato dal cliente stesso, in orari flessibili e per lui comodi» spiega sempre Romano. La personalizzazione del servizio è una delle chiavi del successo di CartOrange, specialmente nel settore viaggi di nozze: «È un ambito in cui bisogna saper confezionare viaggi di alto profilo –continua Romano–, gestendo richieste anche insolite e puntando sull’aspetto esperienziale. Gli sposi si aspettano di vivere emozioni uniche e di immergersi nella realtà dei luoghi visitati».
CartOrange è in espansione anche sotto l’aspetto occupazionale: haraggiunto quota 400 consulenti in tutta Italia e per il 2015 punta a inserirne altri 150. La Travel Academy CartOrange gestisce oltre 200 appuntamenti all’anno per formare i venditori che operano poi al domicilio del cliente oppure appoggiandosi ad uno dei 12 Travel Office di CartOrange sul territorio nazionale.
CartOrange – Viaggi su misura (www.cartorange.com) è la più grande azienda di Consulenti per Viaggiare®, attiva in Italia da oltre dieci anni con più di 400 professionisti e svariate filiali sul territorio nazionale. Con il progetto Viaggi nel Tempo CartOrange aggiunge una dimensione nuova al viaggio: gli itinerari sono pianificati da storici e archeologi che curano lezioni preparatorie per i partecipanti e poi li accompagnano sul posto di persona o con un e-book dedicato. (foto bassa gianpaolo)

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »