Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 1 aprile 2015

The Born Free Foundation has welcomed news that the Government of Malawi will destroy their ivory stockpiles

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

ivoryHead of State, His Excellency Prof. Arthur Peter Mutharika, President of the Republic of Malawi, will set light to four tonnes of ivory in a show of the highest possible political will and a demonstration to the world of Malawi’s commitment to combat illegal wildlife trade. Malawi is known for its vibrant culture and friendly people, and the occasion is expected to reflect the warm heart of Africa, the nation’s love of wildlife and a renewed commitment to protect its natural heritage. Members of the public will join the Government and NGOs in a solidarity walk to Parliament where the ceremony will take place. Just before the torching, the President will accept signatures from over 7000 people who recently joined the campaign to ‘Stop Wildlife Crime. Protect Malawi’s Wildlife’. This symbolic move will recognise both the public support galvanised through the campaign and the importance of engaging all sectors of society in the fight against wildlife crime moving forward.Speaking out in support of Malawi’s ‘stop wildlife crime’ campaign, led by Lilongwe Wildlife Trust, renowned conservationist and Wildlife Consultant for the Born Free Foundation, Ian Redmond OBE, said: “Last year I watched the French Government grind over 3 tonnes of illegal ivory to dust, last month Kenya torched 15 tonnes of ivory, and now Malawi has followed suit with its stockpile of 4 tonnes. People say, ‘Why not sell it and use the money to protect elephants’ but that would be like throwing petrol on a fire! As long as there is a legal ivory trade, there will be criminals trying to launder illegal ivory into that trade. Elephants and people will be killed in the process. As elephant numbers plummet across Africa, this is no time to repeat the mistakes of the past – Malawi is to be congratulated for sending a clear signal to the world – the fashion for ivory is over! Wildlife crime will not be tolerated. Criminals will be prosecuted and their contraband destroyed. Elephants will be valued for the role they play in the ecology of Africa as super-keystone species – mega-gardeners of the forest and savannah.”
Jonathan Vaughan, Director of Lilongwe Wildlife Trust, said: “We hope the world sits up and gives Malawi the recognition it deserves for this symbolic act. So much has been achieved here in the past year and the ‘Stop Wildlife Crime’ campaign is just one of these initiatives. We’re seeing stiffer sentences, better inter-agency collaboration and the re-writing of laws. Whilst next week we shall be taking a moment to celebrate Malawi’s accomplishments, these commemorations in reality signify the start of a long fight. We must keep an eye on our goal – to protect Malawi’s wildlife, not just for the benefit of tourism and the economy but also for its intrinsic value and its role as one of Africa’s keystone species. For years few people have paid attention to Malawi and its wildlife, but here we have the opportunity to become a role model for the region. At the very least, Malawi is the first SADC country this century to destroy its ivory. If there is continued co-operation between Government and NGO’s, both locally and internationally, then I believe we can succeed.”
Brighton Kumchedwa, Director of Parks & Wildlife, has said: “Whilst we have achieved some tremendous results in the last year, wildlife conservation is heading towards a crisis that requires collaboration, grit and determination. The fight has only just begun.” (photo ivory)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cameron: taking a gamble on Europe

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

cameronDavid Cameron undertook to organise a referendum by the end of 2017 to decide whether the United Kingdom should remain within or withdraw from the European Union, should he remain the British Prime Minister after the general election on 7 May 2015.
Due to this public commitment, the general election of 7 May 2015 will take on a scale that, going beyond the importance of domestic politics, will directly affect the European Union (EU) and all of the United Kingdom’s twenty-seven partners.Through this promise, the Prime Minister mainly strove to stop or slow the rise of UKIP (United Kingdom Independence Party) which:
– champions a UK exit from the EU,
– has recorded steadily rising electoral results,
– and which polls credit with some 16% of voting intentions.
On the assumption that a referendum is held, Cameron intends to campaign to keep the UK within the EU, provided that he can first obtain a modification to the European treaties which would confer a special status on the United Kingdom. The negotiations that he intends to launch in this respect will focus in particular on:
– the free movement of people in Europe, and specifically migrants’ entitlement to benefits,
– relations between Member States which have not adopted the Euro and members of the Euro area,
– and the removal of the objective stated in the treaties of an “ever closer union between the peoples of Europe”.
While he may hope to find some allies on some of the points he raises, the negotiation will be difficult, even perilous for Cameron. By his own admission, the changes that he calls for would require a modification of the existing treaties. To do this, he would need the unanimous agreement of all twenty-eight Member States. A seemingly impossible challenge.
A Conservative victory on 7 May 2015 is not guaranteed. Far from it. The Labour party is currently neck and neck with the Conservatives in the polls, even slightly ahead. In addition, UKIP’s progression, which takes voters away from both major parties, is likely to make the difference.
Should Labour win, a referendum will not be held: Labour leader Ed Miliband has said that he has no intention to hold one, unless there were further transfers of power within the Union. Cameron, however, will not be able to back out should he stay at 10 Downing Street. Should he try, UKIP would do its utmost to prevent him. Yet the stakes are high in the political gamble that he is preparing to take: while they want the UK to remain within the Union, his partners are not willing to make major concessions. Cameron also faces explicit misgivings from Washington. (photo Cameron)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Climate Action Tracker assesses government climate proposals on what’s “fair” and holds warming below 2˚C

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

GP01XT2The Climate Action Tracker (CAT) has developed the most comprehensive method yet of simultaneously assessing the “fairness” and “below 2degC compatibility” of government climate action put forward for the Paris Agreement, expected to be adopted in December this year.Scientists from the CAT’s four research organisations (Climate Analytics, Ecofys, NewClimate Institute, Potsdam Institute for Climate Impact Research) have spent months working on a new way of assessing just how “fair” the action of each government is, compared with what it should be doing to contribute to the globally-agreed aim of holding warming to below 2degC.The CAT has applied this to four INDCs – (intended nationally determined contributions) submitted to the UNFCCC by the first deadline: the EU, Switzerland, Mexico and Norway and all are rated “Medium.” This means their INDC’s are not compatible with holding warming below 2˚C, unless many others were to do more than their fair share. If all countries were rated “medium,” the 2degC limit would likely be breached. Mexico’s assessment is underway.“Assessing the fairness of climate action is particularly important because of the number of higher pledges that are conditional on other governments making comparable efforts,” said Niklas Höhne, of NewClimate Institute.“Everybody has a different way of deciding what is a “fair” effort on climate change. Some consider it fair that those who have made a bigger contribution to the problem, or have a higher capability to act, should do more. But even if that were agreed, how much more should they do?”For the first time, the CAT has produced a fully transparent way of comparing proposals with the many interpretations of what is fair. It has applied these to all the countries it assesses.In some cases, such as China, which hasn’t yet submitted its INDC, the CAT has assessed its announced policies. The US is expected to announce its INDC this week but it is anticipated to be very much along the lines of what it has already announced. Both have been rated medium. The US INDC rating will be formally assessed once released.“While there has been some progress in what Governments are proposing for the post 2020 period, with several countries moving from “inadequate” to “medium”, proposals are still a long way from being 2degC compatible,” said Bill Hare of Climate Analytics.
“We hope our effort sharing assessment helps governments, the media and observers to interpret the offers made in the run-up to anticipated adoption of the Paris Agreement in December in terms of below 2degC compatibility and fairness. There are many claims being made by governments as to what is fair, and what is comparable, and now there’s an independent, objective assessment that will provide that information.”The effort sharing assessment is a far-reaching compilation of a wide range of literature on what researchers would consider a “fair” contribution to greenhouse gas reductions in the context of global efforts to limit warming below 2degC. The CAT has included in its database the over 40 “effort-sharing” studies used by the IPCC (chapter 6 of WG III **) and has carried out its own, additional, analyses to complete the dataset.The assessment covers very different viewpoints of what could be fair, including considerations of equity, such as historical responsibility, capability, and equality. We only include those results from studies that are compatible with limiting warming below 2°C.The CAT has assessed 30 governments, including all the big emitters, and a selection of smaller emitters from across the developing country spectrum. New countries added to the assessment include: Ethiopia, Gambia, Nepal, Peru, Philippines, Saudi Arabia, United Arab Emirates, and Turkey. Those who have not submitted their INDC’s have had their 2020 pledges and policies assessed.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

TTIP: Trade agreements must not undermine EU data protection laws, say Civil Liberties MEPs

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

European CommissionThe European Commission should incorporate in the Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), as a key priority, an unambiguous horizontal self-standing provision that “fully exempts the existing and future EU legal framework on the protection of personal data from the agreement”, says the Civil Liberties Committee in its TTIP opinion adopted on Tuesday.The negotiators should also keep in mind that Parliament’s consent to the final TTIP agreement could be endangered as long as the blanket mass surveillance activities are not completely abandoned and an adequate solution is found for the data privacy rights of EU citizens.The Civil Liberties Committee text, which addresses several fundamental rights concerns, will now be send to the International Trade Committee, who will vote on the recommendations to the Commission on the TTIP negotiations in early May.”The most important decision of the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee on TTIP is that the agreement needs to foresee a horizontal exception for EU data protection law”, said Jan Philipp Albrecht (Greens/EFA, DE), Vice-Chair of the Civil Liberties Committee and rapporteur on the TTIP opinion. Ongoing negotiations on international trade agreements, such as TTIP and the Trade in Services Agreement (TiSA), also touch upon international data flows, while excluding privacy and data protection entirely, which will be discussed in parallel track within the framework of the US-EU Safe Harbor and the data protection “umbrella agreement”.Civil Liberties MEPs call on the Commission to incorporate, as a key priority, “a comprehensive and unambiguous horizontal self-standing provision based on Article XIV of the GATS [general exceptions] that fully exempts the existing and future EU legal framework on the protection of personal data from the agreement, without any condition that it must be consistent with other parts of the TTIP”. MEPs also reiterate the need for transparency and accountability in the TTIP negotiations throughout the entire process.
The Commission should ensure a satisfactory conclusion of the Safe Harbor and the data protection “umbrella agreement” negotiations, MEPs say, to guarantee adequate high data protection standards.The negotiators should keep in mind that that the consent of the European Parliament to the final TTIP agreement “could be endangered as long as the blanket mass surveillance activities are not completely abandoned and an adequate solution is found for the data privacy rights of EU citizens, including administrative and judicial redress”, MEPs say, in line with Parliament’s resolution on the surveillance programmes adopted on 12 March 2014

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Debates on Frontex activities and on the nexus between development and migration

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

NUOVO DRAMMA DEI MIGRANTI, ANNEGANO DUE DONNE A PANTELLERIAThe Civil Liberties Committee will receive Frontex’s Executive Director, Fabrice Leggeri, to discuss the EU border agency’s work programme for 2015 and the annual risk analysis today around 16.00. Tomorrow, in a joint meeting with the Development Committee, Civil Liberties MEPs will debate the nexus between development and migration.This afternoon, from 16.00 onwards, the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee will discuss the following topics:
– Feasibility of the creation of a European System of Border Guards to control the external borders of the Union (ESBG) – presentation of a study by the European Commission.
– Frontex – presentation of the Annual Risk Analysis and of the Annual Work Programme 2015 by the Executive Director of Frontex, Fabrice Leggeri.
– Civil Liberties Committee mission to Frontex (Warsaw, Poland) on 16 and 17 February 2015, composed by Barbara Kudrycka (EPP, PL), Jeroen Lenaers (EPP, NL) and Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES) – presentation of a draft delegation report.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I libri per bambini vengono più venduti all’estero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

20 Più libri più liberi 2009 foto MatteoMignaniLa conferma viene dall’Osservatorio voluto dal Gruppo degli editori per ragazzi dell’Associazione italiana editori (AIE), che da cinque anni monitora l’import/export dei diritti di libri a partire da un questionario on line compilato da case editrici di libri per ragazzi che coprono nel complesso il 75% della produzione di novità di questo settore.
Cresce l’export di diritti, diminuisce l’import – Nel 2014 sono stati venduti 2.167 diritti di edizione con un trend (+6,8%) di crescita che è migliore rispetto alla media dell’ultimo periodo (+5,2% in media annua dal 2011). Parallelamente rallenta l’approvvigionamento di titoli acquistati da altri Paesi (sono stati 840 nell’ultimo anno), che fanno segnare un calo del -4,4%. Si tratta di una tendenza ormai conclamata che, dal 2012, ha portato alla progressiva riduzione della forbice tra import ed export che fa oggi segnare uno «spread» di oltre mille titoli, a tutto vantaggio dei libri e degli autori nazionali.Cresce la vocazione internazionale del libro per bambini Made in Italy – Un numero crescente di titoli continua infatti a essere «pensato» come un libro che può avere uno sbocco internazionale: erano il 31,5% nel 2002; oggi sono ben il 92,4%.“Le ragioni di questa peculiare caratteristica del mondo del libro per ragazzi sono semplici: investimenti tra gli anni Novanta e il decennio scorso in autori, grafici, illustratori nonché in un marketing dei diritti più efficiente ed aggressivo, ma anche una «qualità» riconosciuta al copy in Italy di questo settore – ha spiegato il responsabile dell’Ufficio studi AIE Giovanni Peresson – I libri per bambini italiani piacciono infatti all’estero e non solo alle editorie maggiori (l’export in Europa rappresenta il 63% del totale), ma anche agli editori dei Paesi emergenti come la Corea del Sud, l’Europa balcanica, la Turchia, la Polonia, l’Ungheria, i Paesi africani – che non sono proprio le prime editorie che vengono in mente. Questi Paesi hanno rappresentato in questi ultimi due anni tra il 25% e il 30% dell’export ragazzi grazie anche a una serie di missioni, incontri, partecipazioni a fiere e iniziative come il Fellowship alla fiera della piccola editoria di Roma Più libri più liberi, che AIE assieme ad ICE hanno sviluppato”.L’indagine fa emergere però anche aspetti meno positivi. A fronte di un 36% di titoli i cui diritti sono stati acquistati dagli editori italiani da editorie di Paesi anglofoni (sostanzialmente UK, Stati Uniti e Canada) si è riusciti a indirizzare a quei mercati solo il 6% dei titoli venduti all’estero.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siria: tre milioni di bambini non hanno accesso alle scuole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

siriani sfollatiSono tre milioni i bambini che in Siria non hanno la possibilità di andare a scuola. Negli ultimi quattro anni di conflitto, il tasso di iscrizioni all’educazione di base è crollato da quasi il 100% al circa il 50%. In alcune aree come quella di Aleppo solo il 6% di bambini hanno accesso all’istruzione. Nel solo 2014 la metà dei bambini rifugiati non ha ricevuto alcuna forma di educazione. Questa la denuncia di Save the Children, l’Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare i bambini e tutelarne i diritti, nel giorno in cui a Kuwait City si apre la Terza Conferenza dei Donatori per la Siria.
“È fondamentale incrementare il sostegno ai programmi educativi in Siria e renderli più flessibili, in un contesto in continuo cambiamento, investendo non soltanto su progetti che abbiano come focus le strutture e i materiali scolastici, ma anche sulla formazione e il sostegno per gli insegnanti. Ad oggi manca il 50% delle risorse economiche necessarie per finanziare i programmi di educazione”, spiega Roger Hearn, Direttore della regione Medio Oriente di Save the Children, presente alla Conferenza Kuwait III.
La Siria ha perso infatti almeno il 22% degli insegnanti che aveva prima dell’inizio del conflitto, centinaia sono morti e migliaia sono scappati dal Paese. Almeno un quarto delle scuole sono state danneggiate o distrutte e circa tre milioni di bambini siriani non possono frequentare le lezioni. L’ultimo rapporto di Save the Children dal titolo The cost of war, stima siano necessari 3,2 miliardi di dollari per recuperare le strutture scolastiche danneggiate, distrutte o occupate e provvedere alla formazione di nuovi insegnanti.
Per molti bambini rifugiati siriani l’educazione a tempo pieno è un lusso: la maggior parte dei bambini in età scolare non ricevono alcuna forma di educazione e solo 340mila sono coinvolti in programmi di educazione informale. In alcune aree, come il Libano, la situazione è ancora peggiore, dove il 78% dei bambini siriani rifugiati sono fuori dalla scuola. “Anche coloro che hanno accesso a qualche forma di educazione, lo fanno in forma limitata e insufficiente, a causa delle barriere linguistiche, del sovraffollamento e della discriminazione ai danni dei bambini siriani rifugiati”, spiega Roger Hearn. “A questo si aggiunge che le famiglie rifugiate che hanno perso ogni cosa, sono spesso costrette a dover mandare i propri figli a lavorare o a far contrarre dei matrimoni precoci, con la conseguenza di tenerli lontani dalla scuola, senza alcuna possibilità che vi facciano ritorno”.
L’ultimo rapporto dell’Organizzazione sottolinea inoltre l’importanza di guardare all’impatto sul medio e lungo termine che l’impossibilità di riportare a scuola i bambini potrebbe avere sull’economia del paese. La “generazione perduta” dei bambini siriani che non potranno andare a scuola potrebbe potenzialmente costare all’economia del paese una perdita che potrebbe aggirarsi intorno al 5,4% del Pil, circa 2,18 miliardi di dollari all’anno. “È fondamentale che in occasione della Conferenza dei donatori venga data priorità all’educazione, come una componente chiave della risposta alla crisi in Siria”, continua Roger Hearn.
“L’educazione può trasformare il futuro dei bambini in Siria, oltre a contribuire alla crescita economica e alla stabilità sia nel Paese che nella regione. Consentire loro di avere le competenze scolastiche è fondamentale per proteggerli, rendendoli meno vulnerabili al reclutamento nei gruppi armati, ai matrimoni precoci e allo sfruttamento”, conclude Roger Hearn. “Senza ingenti investimenti da parte della comunità internazionale e un supporto all’istruzione, le prospettive di una generazione di bambini siriani e la possibilità dell’intera Siria di guardare ad un futuro prospero e pacifico, sono sconfortanti”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM: “I Dati sono Fashion – Vision 2015”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

ibmPresentati i primi risultati de “I Dati sono Fashion – Vision 2015”, la seconda edizione della ricerca realizzata da IBM Interactive Experience, con l’obiettivo di raccogliere le conversazioni che descrivono l’industria del fashion, del luxury e del made in Italy e restituire insight come leve strategiche per il business.Ogni giorno le persone utilizzano social media, blog e forum per comunicare fra loro, raccontare esperienze e condividere preferenze attraverso commenti, tweet, post, immagini e video su ogni canale digitale. Questa molteplicità di dati può essere raccolta e analizzata per fornire informazioni utili a descrivere scenari e trend di mercato, identificare preferenze sui brand e sui prodotti anticipando così la domanda dei consumatori.
Nel trimestre ottobre 2014 – gennaio 2015 sono state raccolte 668.851 conversazioni in lingua inglese, legate a 20 marchi dell’alta moda italiana, alle quali se ne sono aggiunte altre 232.116 sviluppatesi durante la settimana di Milano Moda Donna fra il 25 febbraio e il 2 marzo 2015.Dieci dei venti brand analizzati hanno collaborato attivamente alla ricerca con il coinvolgimento in interviste dirette, consentendo così lo studio incrociato della percezione dei brand nell’online e la loro organizzazione interna.Grazie alle interviste è stato possibile delineare un mercato eterogeneo con strategie di comunicazione diverse in linea con il posizionamento del marchio, la sua “età” e livello di digitalizzazione. Al momento, il principale obiettivo da parte delle aziende nell’utilizzo dei social è la Brand & Product Awareness (75%). Emerge però la volontà di capitalizzare sull’investimento già fatto per ampliare le proprie community, sviluppando capacità di analisi e di qualificazione dei propri fan e follower, e concentrandosi maggiormente sull’ingaggio e la relazione post-vendita.
Ma di cosa parlano i brand e qual è il tono delle conversazioni che li riguardano?Sulla rete si parla prevalentemente di prodotti, di sfilate e di celebrities. Il tono delle conversazioni è per il 31% positivo, solo un 4,2% delle discussioni è negativo. Ciò significa che chi parla di moda lo fa perché entusiasta dell’argomento. Tentare di indirizzare queste conversazioni potrebbe essere quindi più facile del previsto: oltre il 50% sono infatti le mention “neutre” che delineano un ampio spazio di opportunità per quei brand che volessero puntare al miglioramento della loro perception. Solo il 30% delle aziende si è già attivato per conoscere meglio i propri fan con attività di social CRM attraverso un utilizzo più strategico dei diversi canali.
Il primo punto sul quale porre attenzione è quindi mirare alla qualità delle interazioni con i propri clienti e prospect piuttosto che alla quantità. Una curiosità? Durante la settimana della moda la maggior pressione editoriale non ha avuto effetti diretti sull’engagement dei partecipanti. Anzi i più alti livelli di mention ricevute sono legati ad aziende più piccole e giovani, che hanno destato maggior interesse.Come comunicare dunque al popolo della rete per risultare più efficaci? Quanto dei valori che i brand ambiscono divulgare si riflette nelle conversazioni on line? Secondo quanto condiviso dai brand i principali argomenti che vengono trattati sono: qualità (80%), eleganza (40%) e tradizione (40%). Essi non corrispondono esattamente a quelli più chiacchierati in rete che invece vedono al primo posto l’emozione (33%) e solo al secondo e terzo posto l’eleganza (19%) e la qualità (12%). Quest’ultimo è un tema sensibile che presenta un 4% di sentiment negativo e che deve quindi essere trattato con maggior attenzione.
In linea con il più recente interesse legato all’emotional marketing, i ricercatori IBM hanno utilizzato modelli psicolinguistici in grado di far emergere le caratteristiche distintive della personalità sia dei brand che dei loro fan.
Prendiamo ad esempio la Milano Fashion Week: i marchi hanno parlato di loro stessi, comunicando per il 92% piacere ed edonismo, mentre i partecipanti si sono dimostrati molto conservatori (98%) e bisognosi di armonia (42%). L’opportunità che emerge per l’impresa è quella di essere libera di comunicare in modo più eterogeneo facendo attenzione a non allontanarsi dai valori del brand stesso.Sulla base di questi risultati scaturiscono tre considerazioni per lo sviluppo di una strategia di posizionamento più efficace:
1. Conosci il tuo cliente e stimola le sue conversazioni per conoscere meglio il tuo brand
Per comunicare bene, l’azienda deve essere organizzata. Gestire in modo strutturato i propri touchpoint, monitorarne le performance e creare una rete di relazioni durature e proficue con gli influencer per aumentare lo share of voice legato al brand, ovvero il numero di conversazioni che lo vedono coinvolto. Tenendo sempre fede ai propri valori e alla propria strategia, stimolare queste conversazioni permette di creare un bacino molto ampio di dati relativi ai propri consumatori sempre a disposizione. Se analizzati propriamente grazie a tecnologie e risorse ad hoc possono diventare uno strumento impareggiabile per facilitare le decisioni di business.
2. Costruisci un sistema di ingaggio che massimizzi il valore. I canali digitali sono sempre più integrati con l’universo offline. Sempre più spesso i social sono il luogo principale delle lamentele di clienti non soddisfatti o, al contrario, il mezzo attraverso cui viene semplificata la loro relazione con il brand. Per fare un esempio, quasi l’80% degli intervistati ci racconta di clienti stranieri che riescono a comunicare con lo store assistance indicando i prodotti che desiderano grazie alla ricerca sui loro profili Facebook, Pinterest o Instagram. Cresce quindi l’interesse verso nuove modalità di interazione: i brand si aspettano nel prossimo futuro di trovare in questi canali nuovi strumenti di vendita e di caring ben oltre l’integrazione con l’e-commerce. Una delle possibili applicazioni? Raccogliere e analizzare i dati disponibili online per mettere a disposizione degli store assistance informazioni in real-time sempre più dettagliate sui clienti e il loro gradimento delle proprie linee prodotto, semplificando l’esperienza di vendita e acquisto per entrambi.
3. Considera il tuo brand come una persona. Come dicevamo, i clienti oggi utilizzano principalmente i canali digitali per comunicare la loro percezione del marchio lungo ogni touchpoint. Per questo è importante abilitare sempre più linee di business all’utilizzo di questi canali tanto da far diventare il brand una voce unica, somma di molte persone e professionalità diverse, tutte al servizio del cliente. Il nostro studio ha evidenziato i brand con il più alto gradimento da parte dei clienti (calcolato grazie all’online net promoter score) per valutarne i comportamenti virtuosi. Non è la qualità dell’organizzazione dei canali o la relazione con gli influencer a segnare il passo, bensì la capacità di creare processi interni più strutturati per la collaborazione fra il team digitale e i diversi settori aziendali come gli store, il caring e il prodotto.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bronchite cronica e malattie cardiovascolari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

DIGITAL CAMERAL’Aquila 9/11 aprile. Si respira male, si ha quasi sempre la tosse e spesso si va incontro a febbre, perché nei bronchi pieni di muco i batteri si sviluppano a grande velocità. Dando luogo a infezioni ripetute. E’ la Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO ), sigla che individua due malattie molto diffuse soprattutto tra gli anziani: bronchite cronica ed enfisema polmonare.
Però, anche se questi sono i sintomi, la BPCO non dovrebbe essere considerata soltanto come una patologia respiratoria. Diversi studi segnalano la presenza di diverse malattie associate alla BPCO, tra cui ipertensione, diabete, scompenso cardiaco, aritmie. In più, le terapie contro la BPCO possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, e viceversa farmaci per le patologie cardiocircolatorie possono edere effetti a livello respiratorio.
Di tutto questo parleranno i massimi esperti nazionali in malattie respiratorie e cardiovascolari, in occasione del convegno “The missing link between cardiovascular disease and Copd”, in programma dal 9 all’11 aprile all’Hotel San Donato Resort di Santi di Preturo (L’Aquila), organizzato dalla Divisione di Medicina Interna e Nefrologia dell’Università dell’Aquila e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.

Posted in Confronti/Your opinions, Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »