Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 6 aprile 2015

Yoox and Net-a-Porter merger dispels oil and water myth of digital and luxury mix

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

britain-fashionIf you are looking for an expert comment on what the big money merger between Net-a-Porter and Yoox means for the luxury fashion industry as a whole, Qing Wang, Professor of Marketing and Innovation at Warwick Business School, has made the following comments.Professor Wang said: “The €3.4bn merger of Net-a-Porter with Yoox is yet another success story of creativity, innovation and entrepreneurship in the British luxury and fashion industry. “The merger will create an online global fashion giant, with combined sales of €1.3bn. This news helps to expel the myth that digital and luxury are like ‘oil and water’ – they don’t mix well. Quite the contrary, and I have to agree with the Vogue editor, Suzy Menkes, who succinctly pointed out luxury today is as much about high-tech as high heels. “The future of luxury retailing lies in understanding how the next generation in the twenties or even younger, feel about, and interact in, the digital world. Technology has become part of their lives from the moment they wake up to the moment they go to bed. “It is no longer a question of should luxury brands use technology, but how and when. Luxury brands who have embraced this trend have fared better than brands who haven’t, just look at how Burberry has become a market leader by making such a digital overhaul.“A bonus for the British luxury industry is the fact it may well have an edge with its competence in blending heritage with innovation.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Symposium reframes dialogue on secular society, religion, and the common good

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

bahai community canadaVANCOUVER — Leading Canadian scholars, public servants, and civil society actors gathered here for a symposium at the University of British Columbia from 22 to 24 March to explore the meaning of building a “whole society” and the constructive role of religion in the secular, public sphere. Organized by a national committee representing a cross-section of civil society organizations in Canada, including the Public Affairs Office of the Canadian Baha’i Community, the conference, titled “Our Whole Society: Bridging the Religious-Secular Divide”, involved some 140 participants. Speakers included: Andrew Bennett, Canada’s Ambassador for Religious Freedom; Marie Wilson, a commissioner with Canada’s Truth and Reconciliation Commission; Doug White, Director of the Centre for Pre-Confederation Treaties and Reconciliation at the University of Vancouver Island; and Gerald Filson, Director of Public Affairs of the Baha’i Community of Canada and Chair of the Canadian Interfaith Conversation, among others.A panel discussion at “Our Whole Society: Bridging the Religious-Secular Divide” conference, held 22-24 March 2015 at the University of British Colombia in… »
Dr. Filson gave the following perspective on the insights gleaned from the conference: “Many spoke about the importance of giving greater space in society to the positive influence which the concepts and principles of religious thinking can provide, that freedom to believe is a necessary condition in secular societies even as we safeguard the gains in social harmony and the richness of culture which pluralism brings to modern societies.””In the final analysis it is the love and fellowship and an attitude that others matter to each of us which will create the foundations of a society in which all members of the human family will be able to participate in the discourses that shape society,” continued Dr. Filson.This year’s conference followed a similar event held in May 2013 at McGill University in Montreal, Canada. Geoffrey Cameron, Principal Researcher for the Baha’i Community of Canada, and member of the conference’s steering committee explained: “We began this initiative about four years ago, when a small group of people came together out of a shared concern to articulate more clearly the positive role of religion in Canada’s public discourse.” “We held one conference and continued working with each other and a network of others,” continued Mr. Cameron. He elaborated that their dialogue sought to generate greater understanding about how society could “reconcile religion, secularism and the common good”.The conference featured plenary sessions addressing several overarching themes: the proper role of religion in the public sphere; the merits and limits of secularism; the process of reconciliation between diverse peoples; how to define the common good in the context of religious pluralism; the scope and limits of religious freedom; and the role of youth in society.Interspersed between these presentations were workshops where practitioners shared insights from experience.”We need to move beyond the binary of religious versus secular, public versus private, faith versus reason, and concentrate instead on working together for the good of our whole society,” stated the Reverend Karen Hamilton, the General Secretary of the Canadian Council of Churches, in the opening presentation.Discussions on occasion explored the tension in secular societies between two aspects of religion’s place in public life: on the one hand, secularism provides an approach to governance that includes basic rights to religious liberty for the individual; on the other, when taken too far, it can restrict the role of religious perspectives in public discourse.Professor Paul Bramadat, one of Canada’s leading scholars of religion, cautioned, “it is important to keep religious tools and concepts alive in public discourse and not lose their meaning through secular ‘translation’.”However, Alia Hogben, director of the Canadian Council of Muslim Women, made the case that society needs criteria to assess the role of religion in public life: “Does this religion contribute to the common good? Does it serve the well-being of all? If so, then it should be admitted into public discourse” she said.Professor John Stackhouse, a theologian at Regent College, posited that the diversity of religions in Canada requires every religion to re-examine its teachings in order to “excavate the grounds on which to live with others who are different”.Prof Stackhouse also highlighted the importance of religion’s place in the web of social institutions.”Part of building a whole society,” he said, “is investing in ‘intermediate organizations’ between the individual and the state – such as religious groups and civil society.” Religions, he explained, face pressures in the secular world because they present obstacles to consumerism.One of the highlights of the event was a session with Dr. Andrew Bennett, Canada’s Ambassador for Religious Freedom. Bennett described the relationship between the defence of religious freedom and the promotion of human dignity, which are essential to define a common life together.”It is important for institutions in society to have the competence to engage with diverse religions,” he said. “Religious literacy informs peoples’ actions in society, and it is through open conversations with each other that we improve this literacy.”The conference also looked at the role that young people play in constructive social transformation. Speaking during a workshop on youth and the spirit of social change, Christine Boyle, Director of the NGO Spirited Social Change, noted that “many social movements led by youth reflect a spiritual longing to create a better world through selfless service.”Another speaker, Eric Farr from the Baha’i community, echoed these thoughts, stating that “many youth aspire for a vision of spiritual change – that is, a vision of a more unified and just society…We need to trust in the capacity of all and the longing of all to contribute to the well-being of the whole.”The closing address of the conference was given by Doug White, in a session titled “Recognizing our oneness: Reconciliation as the challenge of our time”. Addressing this theme, Mr. White, a former Chief of Snuneymuxw First Nation, said that dialogue would need to move beyond many of the adversarial relationships which currently characterize Canadian society.”Pitting yourselves against each other is not a pathway to reconciliation” he said. “We need an active and full discourse about the social change necessary to realize reconciliation in society. This can come either from great suffering or reaching out and seeking understanding between different people in society.””[Reconciliation] demands a new mindset and orientation to ourselves, each other and with those around us. This is a spiritual, moral, and ethical challenge…”Reflecting on the event, Mr. Cameron said, “We were very pleased with the quality of conversation at the conference, and the genuine excitement expressed at the ideas shared by other participants.”He explained that the conference is part of an ongoing “process of collective inquiry”.”It is collective because it is growing and expanding to include more people. And it is an inquiry because we are motivated and unified by the questions we ask, not the presumption that we have the correct answers.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Società laica, religione e bene comune

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

vancouverImportanti studiosi canadesi e protagonisti della società civile si sono incontrati a Vancouver all’Università della British Columbia dal 22 al 24 marzo per capire che cosa significa costruire una società e studiare il ruolo costruttivo della religione nella sfera pubblica laica. Organizzato da un comitato nazionale in rappresentanza delle organizzazioni della società civile in Canada, compreso l’Ufficio degli affari pubblici della comunità baha’i canadese, il convegno, intitolato «La nostra società: come scavalcare la spaccatura laico-religiosa» ha coinvolto circa 140 partecipanti.Fra gli oratori ci sono stati Andrew Bennett, ambasciatore canadese per la libertà religiosa, Marie Wilson, commissario canadese di verità e riconciliazione, Doug White, direttore del Centro per i Trattati preconfederali all’Università dell’Isola di Vancouver e Gerald Filson, Direttore degli affari pubblici della comunità baha’i canadese e Presidente della Conversazione interreligiosa canadese.Il dottor Filson ha così sintetizzato le idea emerse dal convegno: «Molti hanno detto che è importante lasciare più spazio nella società all’influenza positiva dei concetti e dei principi del pensiero religioso, che la libertà di credere è una condizione necessaria nelle società laiche per salvaguardare il progresso compiuto nell’armonia sociale e la ricchezza culturale che il pluralismo offre alle società moderne».«In ultima analisi l’amore, l’amicizia e la consapevolezza che gli altri contano per noi sono le fondamenta di una società nella quale tutti i membri della famiglia umana possano partecipare ai dialoghi che modellano la società», ha proseguito il dottor Filson.Il convegno di quest’anno segue un analogo evento che ha avuto luogo nel maggio 2013 a Montreal, presso l’Università McGill. Geoffrey Cameron, ricercatore della comunità baha’i canadese e membro del Comitato organizzatore del convegno, ha spiegato: «Abbiamo avviato questa iniziativa circa quattro anni fa, quando un piccolo gruppo di persone si è riunito animato dal desiderio comune di spiegare con maggior chiarezza il ruolo positivo della religione nel pubblico discorso del Canada.«Abbiamo tenuto un convegno e abbiamo continuato a lavorare fra noi e con altri», ha proseguito il signor Cameron. Egli ha spiegato che il loro discorso ha cercato di approfondire la comprensione del tema «come la società può riconciliare la religione, la laicità e il bene comune».Le sessioni plenarie del convegno hanno trattato temi generali: il ruolo della religione nella sfera pubblica, i meriti e i limiti della laicità, il processo della riconciliazione fra i vari popoli, una definizione del bene comune nel contesto del pluralismo religioso, dimensioni e limiti della libertà religiosa e il ruolo dei giovani nella società.Oltre alle sessioni plenarie ci sono stati alcuni seminari durante i quali i partecipanti hanno espresso idee tratte dall’esperienza. «Dobbiamo andare al di là della dialettica religioso e laico, pubblico e privato, fede e ragione e lavorare assieme per il bene dell’intera società», ha detto la reverenda Karen Hamilton, Segretaria generale del Consiglio canadese delle Chiede, nel discorso di apertura.Si è parlato anche della tensione nelle società laiche fra due aspetti del posto della religione nella vita pubblica: da una parte, la laicità offre all’arte di governo la capacità di conferire all’individuo fondamentali diritti alla libertà religiosa, dall’altra, quando va troppo oltre, essa può limitare il ruolo delle idee religiose nel discorso pubblico.Il professor Paul Bramadat, uno dei massimi studiosi canadesi delle religioni, ha detto: «È importante tenere vivi nel pubblico discorso gli strumenti e i concetti delle religioni senza perderne il significato a causa di una “traduzione” laica».Alia Hogben, direttrice del Consiglio canadese delle donne musulmane ha affermato che la società ha bisogno di criteri che definiscano il ruolo della religione nella vita pubblica: «Questa religione, contribuisce al bene pubblico? Serve il bene di tutti? Se lo fa, allora deve essere ammessa al discorso pubblico», ha detto.John Stackhouse, un teologo del Regent College, ha sostenuto che la diversità delle religioni in Canada richiede che ogni religione riesamini i propri insegnamenti per «preparare un territorio sul quale vivere accanto a coloro che sono diversi».Il dottor Stackhouse, ha anche illustrato l’importanza del posto della religione nella rete delle istituzioni sociali.«Per costruire una società sana», ha detto, «si deve investire in “organizzazioni intermedie” fra l’individuo e lo stato, come gruppi religiosi e la società civile». Le religioni, egli ha spiegato, sono messe sotto pressione nel mondo laico perché sono un ostacolo al consumismo.Uno dei momenti più importanti del convegno è stato una sessione con il dottor Andrew Bennett, ambasciatore canadese per la libertà religiosa. Bennet ha descritto il rapporto fra la difesa della libertà religiosa e la promozione della dignità umana, che sono essenziali per definire assieme una vita comune.«È importante che le istituzioni della società si sappiano rapportare con le varie religioni», ha detto. «La competenza religiosa modella le azioni della gente nella società e grazie alle conversazioni sulla religione questa competenza migliora».Il convegno ha anche studiato il ruolo che i giovani svolgono nella trasformazione sociale costruttiva. Parlando durante un seminario sul tema «i giovani e lo spirito del cambiamento sociale», Christine Boyle, direttrice di un’ONG per il cambiamento sociale, ha notato che «molti movimenti sociali guidati da giovani rispecchiano il desiderio spirituale di creare un mondo migliore mediante un servizio altruistico».Un altro oratore, Eric Farr della fondazione Inspirit, ha fatto eco a questi pensieri affermando che «molti giovani aspirano a una visione di cambiamento spirituale, cioè a una visione di una società più unita e più giusta . . . Dobbiamo avere fiducia nella capacità di tutti e nel desiderio di tutti di contribuire al benessere dell’insieme».Il discorso finale del convegno è stato pronunciato da Doug White, in una sessione intitolata: «Riconoscere la nostra unità: la riconciliazione, la sfida dei nostri tempi». Il signor White, ex capo della prima nazione snuneymuxw ha detto che il dialogo richiede il superamento di molti dei rapporti conflittuali che oggi caratterizzano la società canadese.«Scagliarsi l’uno contro l’altro non porta alla riconciliazione», ha detto. «Abbiamo bisogno di un discorso attivo e completo sul cambiamento sociale necessario per realizzare la riconciliazione nella società. Si può ottenerlo con una grande sofferenza oppure cercando di conseguire una sempre maggiore comprensione fra le differenti componenti della società».«[La riconciliazione] esige una nuova mentalità e un nuovo orientamento verso noi stessi, l’uno verso l’altro e verso tutti coloro che ci circondano. Questa è una sfida spirituale, morale ed etica . . .».Riflettendo sul convegno, il signor Cameron ha detto: «Siamo molto soddisfatti della qualità delle conversazioni e del genuino entusiasmo espresso nei confronti delle idee trasmesse dai partecipanti».Ha spiegato che il convegno fa parte di un costante «processo di ricerca collettiva».«È collettiva perché sta crescendo e si sta estendendo anche ad altre persone. Ed è una ricerca perché siamo motivati e unificati dalle domande che poniamo senza avere la presunzione di possedere le risposte giuste».

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come proteggere il cervello

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

cervelloRoma Un gruppo di ricercatori di Sapienza e dell’Istituto Pasteur di Roma ha presentato i risultati di una ricerca che apre nuove prospettive sull’influenza delle condizioni di vita sullo sviluppo e progressione dei tumori cerebrali. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications dimostra per la prima volta la possibilità di ridurre l’insorgenza e la crescita del glioma, un tumore cerebrale altamente invasivo e non curabile, attraverso un intervento preventivo sugli stili di vita. «L’esposizione a un ambiente arricchito da una maggiore varietà di stimoli sociali, sensoriali e motori rispetto alla norma» spiega Cristina Limatola del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia della Sapienza «rallenta la proliferazione delle cellule tumorali, riduce la massa del glioma e aumenta i tempi di sopravvivenza. Tali studi sono stati effettuati in un modello animale della malattia, facendo crescere topi, sin dallo svezzamento, all’interno di gabbie standard, in coppia (ambiente normale), o in gruppi di 10-15, all’interno di gabbie di dimensioni maggiori del normale, nelle quali sono presenti un gran numero di oggetti da esplorare (giochi, piccoli labirinti, carta per costruire il nido) e utilizzare per attività motoria (ruote, per correre, altalene), dove gli animali possono anche stabilire relazioni sociali complesse (ambiente arricchito).» I ricercatori hanno identificato due dei meccanismi coinvolti in questa azione inibitoria: uno dipendente dall’azione diretta del BDNF (fattore neurotrofico cerebrale) sulle cellule tumorali, dove questa neurotrofina, prodotta in misura maggiore nel cervello dei topi mantenuti in ambiente arricchito, agisce direttamente sul recettore TrkBT1, espresso dalle cellule tumorali, inibendone la migrazione e quindi l’invasione nel parenchima cerebrale sano.La somministrazione esogena di BDNF nei topi con il glioma ha effetti ampiamente sovrapponibili a quelli indotti dall’ambiente arricchito. Il secondo meccanismo descritto richiede la produzione di IL-15 da parte di una popolazione cellulare costituita dalla microglia e dai macrofagi che infiltrano la massa tumorale, e che agisce stimolando l’attivazione delle cellule Natural Killer (NK) e la loro infiltrazione nel tumore.
«Con il nostro lavoro» spiega Angela Santoni del Dipartimento di Medicina Molecolare «dimostriamo che IL-15 attiva le cellule Natural Killer (NK) che proteggono l’organismo da infezioni e tumori, uccidendo le cellule tumorali (in questo caso del glioma) o le cellule infettate e promuovendo altre risposte immunitarie. Quando le cellule NK vengono eliminate, infatti, l’esposizione a un ambiente “arricchito” e la stessa IL-15 non sono più in grado di esercitare gli effetti inibitori nei confronti del glioma».
Questo lavoro apre nuove possibilità di utilizzo del BDNF e dell’IL-15 come target terapeutici per il trattamento del glioblastoma, lasciando anche intravedere significative possibilità di intervento preventivo e curativo agendo sugli stili di vita della popolazione.
*Stefano Garofalo, Giuseppina D’Alessandro, Giuseppina Chece, Frederic Brau,Laura Maggi, Alessandro Rosa, Alessandra Porzia, Fabrizio Mainiero,Vincenzo Esposito, Clotilde Lauro, Giorgia Benigni, Giovanni Bernardini, Angela Santoni, Cristina Limatola ” Enrichedenvironmentreduces glioma growththrough immune and non immune mechanisms in mice” Nature Communications, 30 Marzo 2015 DOI 10.1038/ncomms7623

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Taglio pensioni?

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

pensionatiIn merito alle notizie diffuse a alcuni organi di stampa circa l’esistenza di un piano relativo al taglio di pensioni , che superano la soglia dei 2.000 euro lordi al mese ed ad un piano per il recupero di dieci miliardi di euro , da reperire con il taglio di agevolazioni fiscali e con una nuova “spendig review”, il segretario nazionale del Partito Pensionati, Carlo Fatuzzo, ha dichiarato:” C’è da augurarsi che le indiscrezioni che stanno circolando in questi giorni, su un’ennesima beffa ai danni dei pensionati, siano frutto di un equivoco o siano infondate ma, purtroppo , c’è da ritenere che tali voci, abbiano più di qualche fondamento. I pensionati , sempre i pensionati, sono gli agnelli sacrificali ,per tutte le evenienze. Ingiustizie, tagli e mortificazioni, colpiscono una categoria ,che ha sempre pagato, sofferto ed a cui nessuno ha mai regalato nulla. Un dossier su questa problematica sarebbe in possesso del Presidente dell’Inps e da tale documento , emergerebbe che il metodo retributivo , abbia creato molte incongruenze e da qui, scaturirebbe l’assunto che è praticabile chiedere un contributo in relazione alla differenza fra pensione percepita e contributi versati e questa sarebbe riferito esclusivamente , per chi fruisce di pensioni per importi alti . A giudizio del Partito Pensionati, è assurdo che si possa considerare di importo elevato, una pensione lorda, da duemila euro in su che, al netto, non supera i 1,400|1.500 € . Se il pensionato colpito dalla richiesta del “contributo di equità” , deve pagare l’affitto, va ad ingrossare le già folte schiere degli indigenti. Se i “si dice” , in riferimento alle pensioni liquidate con il sistema retributivo ,dovessero diventare realtà, potrebbero subire un ricalcolo, con l’applicazione del sistema contributivo ,tutte le pensioni superiori ai 2.000€ lordi, liquidate negli ultimi decenni . Questo comporterebbe significativi tagli, sulle pensioni che rientrano in questi parametri. I “tagli” , secondo alcune simulazioni di cui parlano alcuni organi di stampa, riguardano un consistente numero di pensionati che potrebbero essere danneggiati. Si tratterebbe , complessivamente , di 1,7 milioni di pensionati , appartenenti al settore privato,pubblico, ed ex lavoratori autonomi. Secondo le indiscrezioni, i “tagli” dovrebbero essere progressivi, in relazione alla quota “in più” garantita dall’applicazione del sistema “retributivo” , direttamente proporzionati all’importo delle pensioni. I pensionati ed i lavoratori , hanno subito troppe ingiustizie ,in materia pensionistica e questa sarebbe l’ennesima beffa . A giudizio del Partito Pensionati ,i “diritti acquisiti “ , sembrano non esistere più. Come pure non vi sono certezza né sulla effettiva collocazione in quiescenza, né per quanto concerne l’importo dell’assegno di pensione. “ Contributo di equità”? Chi ha 2.000 € lordi di pensione, ha una pensione elevata ed è giusto che sia “spremuto” ulteriormente? Si facciano pagare i tanti manager e dirigenti, pubblici e privati, che hanno compensi da capogiro, politici , direttori di Enti e quant’altro, che hanno liquidazioni e pensioni , veramente elevatissime, non si faccia pagare , sempre e comunque ai poveracci ed a chi , per avere una pensione, ha lavorato e sudato,in condizioni veramente pesanti, molto spesso , difficili . Non è giusto, non è credibile, che i pensionati, siano scambiati per un “ bancomat”, dove attingere in caso di necessità. Certo è facile colpire una categoria debole, indifesa, non in grado di reagire ad ingiustizie e mortificazioni : è giusto che continui ad essere così ? Forse anche la rassegnazione e la sopportazione, ha un limite.” (Luigi Ferone)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elio Pecora incontra Andrea Gareffi

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

Elio-PecoraRoma Martedì 7 aprile 2015 alle ore 17.30 la Federazione unitaria italiana scrittori (FUIS) , nell’ambito della rassegna culturale “Percorsi d’Autore” – incontri/conversazioni con poeti, romanzieri e saggisti, curata da Elio Pecora, ospiterà Andrea Gareffi In tale occasione si parlerà del libro “Montale antinomico e metafisico” (ed. Le Lettere).Andrea Gareffi ordinario di letteratura italiana all’Università romana di Tor Vergata, ha pubblicato fra l’altro nel 2000 “Montale, la casa dei doganieri”. Si è occupato di diversi autori italiani dall’Umanesimo al Novecento.“ … I grumi della contraddizione si fanno travolgenti, le incongruenze sistematiche. Ben al di là dell’ “ossimoro permanente”, qua anche il titolo ruota su se stesso. Ma qualcosa di più complesso ancora, meglio forse che altrove, testimonia di quanto Montale abbia consapevolezza di aver scritto un solo libro, secondo due prospettive opposte e congiunte:< ho scritto un solo libro di cui prima ho dato il recto, ora do il verso. IL recto era Forse un mattino andando , che a sua volta presenta varianti, una antinomica: Vedrò compiersi il miracolo) sorprenderò il miracolo: la forma passata in giudicato assegna all’io il ruolo passivo del testimone; quella iniziale gli assegnava un ruolo attivo…”.
Gli incontri letterari di “Percorsi d’autore” sono iniziati il 4 novembre 2014 e si svolgono ogni martedì alle ore 17.30 presso la sede della Fuis, in piazza Augusto Imperatore, 4 a Roma (in prossimità dell’Ara Pacis). Ingresso libero. L’evento può essere seguito in diretta streaming sul sito http://www.fuis.it.L’ultimo appuntamento del mese di aprile sarà con Valerio Magrelli, autore del libro di poesia “Il sangue amaro” (ed. Einaudi).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In ricordo di Terry Schiavo

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

Paola-Binetti“Dieci anni fa negli Stati uniti moriva Terry Schiavo. A tutti coloro che chiedono a gran voce il riconoscimento dell’eutanasia, come diritto a morire quando e come si vuole in base al principio di autodeterminazione, ricordiamo quella drammatica vicenda in cui il marito, contro il parere dei genitori, impose ai medici di sospendere nutrizione e idratazione, sulla base di una affermazione fatta dalla moglie in una circostanza di cui lui solo era stato testimone”.Così Paola Binetti, deputato di Area Popolare. “I genitori di Terry, Bob e Mary Schindler, avevano cercato di mantenerla in vita, sostenendo che spettava a loro decidere del suo futuro e che erano disposti a prendersene cura per tutto il tempo che fosse stato necessario. Il padre di Terry, molti anni prima aveva preso una decisione del tutto opposta nei confronti di sua madre e non intendeva ripetere un gesto di cui con il tempo si era pentito. D’altra parte il marito di Terry si era risposato e da tempo non si prendeva più cura della moglie, di cui però era rimasto il tutore. I giudici in quella occasione hanno deciso che Terry non avrebbe voluto continuare a vivere, basandosi sulla sola testimonianza del marito. In occasione di una visita alla nonna, che viveva attaccata ad un respiratore, il marito aveva sentito Terry dire: Se mai diventerò così, vi prego lasciatemi andare. Non voglio restare in vita con una macchina”. “Fu un caso che spaccò non solo l’opinione pubblica americana ma anche lo stesso Parlamento, ricorda la parlamentare- contrapponendo le forze politiche e mostrando, una volta per tutta, non solo quanto sia importante difendere la vita come diritto, ma anche come la famiglia rappresenti la migliore garanzia per questa tutela. E per questo che sono doppiamente convinta a dire no all’eutanasia e si alla famiglia”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energy Resources conferma la sua presenza in Albania siglando un contratto d’appalto con la società E.R.A. Milot shpk

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

TiranaL’appalto per la realizzazione di un impianto eolico da 36 MegaWatt è stato stipulato a seguito dello sviluppo portato avanti dalla società di diritto albanese E.R.A. Milot shpk che già dal 2012 ha avviato il monitoraggio dei dati vento attraverso l’installazione di torri anemometriche raccogliendo risultati eccellenti rispetto alle previsioni di generazione di energia elettrica da fonte eolica. Tale attività ha visto la collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche attraverso la stipula di una convenzione con il dipartimento di ingegneria industriale e scienze matematiche (www.west-lab.it) per l’analisi dei dati del vento e la certificazione degli stessi. La consolidata presenza sul territorio albanese, la grande ventosità, l’estrema conoscenza del mercato e la grande professionalità che ha contraddistinto lo sviluppo e la progettazione, rendono il progetto eolico E.R.A. Milot il primo progetto eolico realizzabile su territorio albanese. Il progetto per la creazione del parco eolico da 36 MegaWatt è in attesa di ricevere a giorni l’autorizzazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri del governo albanese e fino ad ora ha ottenuto le autorizzazioni preliminari e i permessi ambientali oltre che il parere positivo, da parte dell’ente preposto, per l’allaccio dell’impianto alla rete elettrica. Inoltre sono stati già contrattualizzati tutti i terreni dove saranno installate le turbine eoliche e la sottostazione per la connessione alla rete albanese.
Il parco eolico, il cui valore di EPC per Energy Resources è di 37,8 milioni di euro, produrrà oltre 100 milioni di kWh all’anno di energia pulita che verrà immessa nella rete elettrica nazionale albanese. L’obiettivo è quello di avviare i lavori di realizzazione dell’impianto per la seconda metà del 2016 compatibilmente con gli accordi che si raggiungeranno in sede di stipula del PPA.
Energy Resources e Energie Rinnovabili Albania shpk sono in fase di contrattualizzazione di nuovi progetti per lo sfruttamento delle energie rinnovabili, con forte attenzione anche verso il solare, dato il grande interesse da parte dei paesi dei Balcani nell’attuare un modello di sviluppo ed uno swap energetico che risponda alle direttive europee 2030 per il clima e guardando con particolare attenzione alle aziende attive sui propri territori che abbiano rapporti consolidati con EPC italiani, università e poli di ricerca tecnica e scientifica.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tech Data Corporation annuncia i risultati da record dell’anno fiscale 2015

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2015

techdata_aTech Data Corporation (Nasdaq:TECD) (la “Società”) ha annunciato i risultati finanziari del quarto trimestre conclusosi il 31 gennaio 2015. Highlights Finanziari del Quarto Trimestre conclusosi il 31 gennaio 2015:
· Il fatturato è stato di 7,3 miliardi di dollari, in diminuzione dell’8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Escludendo l’impatto negativo derivante dall’indebolimento di alcune valute straniere rispetto al dollaro americano, il fatturato consolidato sarebbe stato in linea con quello registrato il quarto trimestre dello scorso anno.
· Americhe: Il fatturato è stato di 2,6 miliardi di dollari (circa il 35% del fatturato mondiale), in diminuzione del 5% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno.
· Europa: il fatturato è stato di 4,8 miliardi di dollari (circa il 65% del fatturato mondiale), in diminuzione del 9% (in aumento dell’1% su base euro), rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
· Il margine lordo è stato di 372,3 milioni di dollari, pari al 5,07% del fatturato, mentre lo stesso periodo dello scorso anno si era registrato un risultato pari a 398,0 milioni di dollari, pari al 4,99% del fatturato.
· Le Spese di vendita generali e amministrative (“SG&A”) sono state di 266,9 milioni di dollari, pari al 3,64% del fatturato, mentre lo scorso anno erano state di 288,0 milioni di dollari, pari al 3,61% del fatturato. Le SG&A Non-GAAP sono state di 260,5 milioni di dollari, pari al 3,55% del fatturato; nello stesso periodo dell’anno precedente si erano registrate spese generali e amministrative Non-GAAP pari a 280,7 milioni di dollari (il 3,52% del fatturato).
· L’utile operativo a livello mondiale è stato di 101,7 milioni di dollari, pari all’1,39% del fatturato, in aumento rispetto ai 97,7 milioni di dollari (l’1,23% del fatturato) registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. L’utile operativo Non-GAAP è stato di 111,7 milioni di dollari, pari all’1,52% del fatturato, mentre nel quarto trimestre dello scorso anno era stato di 117,3 milioni di dollari (l’1,47% del fatturato).
· Americhe: l’utile operativo è stato di 37,8 milioni di dollari, pari all’1,47% del fatturato, mentre nello stesso periodo dell’anno precedente si era registrato un utile operativo di 43,6 milioni di dollari (l’1,62% del fatturato). L’utile operativo Non-GAAP è stato di 39,3 milioni di dollari, pari all’1,53% del fatturato, mentre lo stesso periodo dell’anno precedente aveva fatto registrare un utile operativo di 36,3 milioni di dollari, pari all’1,35% del fatturato.
· Europa: l’utile operativo è stato di 67,9 milioni di dollari, pari all’1,42% del fatturato, in aumento rispetto ai 56,0 milioni di dollari (l’1,06% del fatturato) registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. L’utile operativo Non-GAAP è stato di 76,4 milioni di dollari, pari all’1,60% del fatturato, mentre lo stesso periodo dell’anno precedente aveva fatto registrare un utile operativo pari a 82,9 milioni di dollari (l’1,57% del fatturato).
· Le spese di compensazione azionaria sono state di 4,0 milioni di dollari, nello stesso periodo dell’anno precedente erano state di 1,9 milioni di dollari. Queste spese sono presentate come voce separata del report aziendale (si veda riconciliazione GAAP – non-GAAP nelle tabelle finanziarie di questo comunicato stampa).
· L’utile netto è stato di 80,7 milioni di dollari, pari a 2,11 dollari per azione, lo stesso periodo dell’anno precedente aveva fatto registrare un utile netto di 109,8 milioni di dollari, pari a 2,87 dollari per azione. L’utile netto Non-GAAP è stato di 74,9 milioni di dollari, pari a 1,96 dollari per azione, mentre nello stesso periodo dell’anno precedente era stato di 80,4 milioni di dollari (2,10 dollari per azione).
· La cassa netta derivante dalle attività del quarto trimestre è stata di 177 milioni di dollari.
Highlight finanziari dell’anno fiscale conclusosi il 31 gennaio 2015:
· Il fatturato dell’anno fiscale conclusosi il 31 gennaio 2015 è stato di 27,7 miliardi di dollari, in aumento del 3% rispetto all’anno fiscale precedente. Escludendo l’impatto negativo derivante dall’indebolimento di alcune valute straniere rispetto al dollaro americano, il fatturato consolidato sarebbe aumentato di circa 5 punti percentuali rispetto all’anno precedente.
· Americhe: il fatturato è stato di 10,4 miliardi di dollari (circa il 38% del fatturato mondiale), in aumento del 2% rispetto all’anno fiscale precedente.
· Europa: il fatturato è stato di 17,3 miliardi di dollari (circa il 62% del fatturato mondiale), in aumento del 4% (6% su base euro) rispetto all’anno fiscale precedente.
· Il margine lordo è stato di 1.394,0 milioni di dollari, pari al 5,04% del fatturato. L’anno precedente si era registrato un margine lordo di 1.362,3 milioni di dollari, pari al 5,08% del fatturato.
· Le spese di vendita generali e amministrative (SG&A) sono state di 1.114,2 milioni di dollari, pari al 4,03% del fatturato, mentre lo scorso anno erano state di 1.116,6 milioni di dollari, pari al 4,16% del fatturato. Le SG&A Non-GAAP sono state di 1.086,0 milioni di dollari, pari al 3,92% del fatturato, mentre nell’anno precedente erano state di 1.087,4 milioni di dollari, pari al 4,05% del fatturato.
· A livello mondiale, l’utile operativo è stato di 267,6 milioni di dollari, pari allo 0,97% del fatturato, mentre lo scorso anno si era registrato un utile operativo di 227,5 milioni di dollari, pari allo 0,85% del fatturato. L’utile operativo Non-GAAP è stato di 308,0 milioni di dollari, pari all’1,11% del fatturato, mentre nell’anno fiscale precedente era stato di 274,9 milioni di dollari, pari all’1,03% del fatturato.
· Americhe: l’utile operativo è stato di 145,1 milioni di dollari, pari all’1,39% del fatturato, lo scorso anno si era registrato un utile operativo di 156,1 milioni di dollari, pari all’1,53% del fatturato. L’utile operativo Non_GAAP è stato di 146,0 milioni di dollari, pari all’1,40% del fatturato, mentre lo scorso anno era stato di 134,0 milioni di dollari, pari all’1,32% del fatturato.
· Europa: l’utile operativo è stato di 136,2 milioni di dollari, pari allo 0,79% del fatturato; lo scorso anno era stato di 80,2 milioni di dollari, pari allo 0,48% del fatturato. L’utile operativo Non_GAAP è stato di 175,6 milioni di dollari, pari all’1,02% del fatturato, mentre lo scorso anno era stato di 149,8 milioni di dollari, pari allo 0,90% del fatturato.
· Le spese di compensazione azionaria sono state di 13,7 milioni di dollari, mentre lo scorso anno erano state di 8,9 milioni di dollari. Queste spese sono presentate come voce separata del report aziendale (si veda riconciliazione GAAP – non-GAAP nelle tabelle finanziarie di questo comunicato stampa).
· L’utile netto è stato di 175,2 milioni di dollari, pari a 4,57 dollari per azione, mentre nell’anno precedente era stato di 179,9 milioni di dollari, pari a 4,71 dollari per azione. L’utile netto Non-GAAP è stato di 190,8 milioni di dollari, pari a 4,97 dollari per azione, mentre lo scorso anno era stato di 173,0 milioni di dollari, pari a 4,52 dollari per azione.
· La cassa netta derivante dalle attività dell’anno fiscale 2015 è stata di 119 milioni di dollari.
· Il ritorno sul capitale investito su base Non-GAAP negli ultimi dodici mesi è stato dell’11%.
“Il quarto trimestre ha coronato un anno fiscale di successo per Tech Data – un anno in cui abbiamo raggiunto una crescita di fatturato redditizia e migliorato gli utili non-GAAP, registrando numerosi progressi su diversi fronti operativi”, ha detto Robert M. Dutkowsky, CEO di Tech Data. “Il nostro focus sul mercato e sulle attività ha prodotto una buona leva, portando a una crescita a doppia cifra su base annua nell’utile operativo non-GAAP, utile netto e utili per azione, oltre a una crescita di circa il 3% nel fatturato. Nell’anno fiscale abbiamo inoltre ottenuto un ritorno sul capitale investito dell’11% – oltre 200 punti base in più rispetto al nostro costo medio ponderato del capitale. Infine, abbiamo recentemente completato l’autorizzazione al riacquisto di azioni proprie annunciato a dicembre, portando il riacquisto cumulativo a 1,2 miliardi di dollari, dall’anno fiscale 2006, ovvero circa il 44% delle azioni emesse. Sono orgoglioso degli obiettivi raggiunti dal nostro team nell’anno fiscale 2015, ma ora abbiamo rivolto la nostra attenzione alle molte opportunità che ci attendono”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »