Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 13 aprile 2015

Albania: PM considers Energy sector a most important source of economic growth

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

TiranaPrime Minister Edi Rama inaugurated the Albania Oil, Gas & Energy 2015 Summit on 17th-18th March at the Sheraton Tirana Hotel by giving the Welcome Address. HE stated that the energy sector is seen by the Government as one of the most important sources of economic growth of the country.Following his speech, Energy Minister Damian Gjiknuri announced that there are still 13 unexplored onshore and offshore oil blocks in Albania, which the Government aims to offer to private sector investors. He added that the Albanian Government will “ensure a transparent and competitive process to attract serious companies and investors that can afford exploration and production activities.” Albania aims to increase its extraction to two million tons and its domestically refined crude to 700,000 tons this year, the Energy Minister said.International Research Networks, Global Summits Organiser, was the host of this very high-level Summit with the exclusive attendance of His Excellency the Prime Minister of Republic of Albania, Edi Rama; the Minister of Energy and Industry of Albania, Damian Gjiknuri; and the Minister of Economic Development, Trade and Entrepreneurship, Arben Ahmetaj.The Summit attracted more than 200 delegates from international oil, gas and renewables companies, including current and potential operators in the country, as well as Government representatives and bodies. Amongst the companies in attendance were: Aggreko, AKBN, Albpetrol, Alma Petroli, Armo Refinery, Bankers Petroleum, BB Energy, BP, Dana Petroleum, Devoll Hydropower, Eagle LNG, Edison, Eni, Ernst & Young, ExxonMobil, Gas Plus International, Hunt Oil, KUFPEC, Management Force Group, National Oilwell Varco, Noble Energy, OMV, Petrobras, Petromanas, Polyeco, Repsol, San Leon Energy, Shell, Sigal Uniqa Group Austria, Spectrum, Su-Yapi Engineering, Trans-Adriatic Pipeline (TAP), Weatherford, and many more.During the first morning, major operator in Albania and Lead Sponsor of the event, Bankers Petroleum, represented by their General Manager and VP, Loni Cobo, presented on their operations and presence in Albania, stating that they are the firmest supporter of the Ministry’s plans and actions.The highlight of the event, announced by the Prime Minister, was the privatisation of Albpetrol, details of which were presented by Endri Puka, showing the high value and importance of Albpetrol.Another announcement was made by the main E&P consortium in Albania, composed by the event’s Platinum Sponsor, Petromanas, and Gala Dinner Sponsor, Shell. They declared that they will start drilling the third well in the Shpirag area within 2015, after the first two wells have confirmed oil reserves.TAP, Elite Speaking Sponsor, supported the event with a detailed presentation on the ins and outs of the most important pipeline for the region, by showing the roadmap to drive forward with important deadlines and strategic plans.
SOCAR, the Azeri gas giant, was also there to speak about their thoughts on the important Gas Master Plan to be implemented in order to set the grounds of an integrated gas infrastructure and market in Albania. The Summit has also provided the audience with the opportunity to discuss the new key role of Albania for Europe’s energy security.Additionally, a strong outlook on Albania’s developed refining sector, was given by the Summit’s Lunch Break Sponsor, ARMO Refinery’s representative Mr Christophe Darbord.So far, Albania’s energy security has been 100% dependent on hydropower energy, as Devoll illustrated with their presentation, however the Ministry will now take full advantage of Albania’s hydrocarbon production, and gasification of the country through TAP and Eagle LNG. They will diversify their resources.To do so, as the PM, Economy and Energy Ministers discussed, investment is needed, both from national majors as well as from foreign institutes or companies, either already familiar with Albania or new but willing to invest in the immense potential of the country.The two-day Summit also featured key presentations from Polyeco and Ernst & Young. At the same time, the several coffee breaks offered by Weatherford have fostered private business discussions in parallel with the main talks.Official Exhibitor Sponsors of the Summit included Aggreko, Management Force Group, NOV/FluidControl and Sigal Uniqa Group Austria.The event was also supported by the National Agency of Natural Resources of Albania (AKBN), Albania Energy Association, the Foreign Investors Association of Albania, the Albanian Centre for Energy Regulation & Conservation, Cedigaz, the British Chamber of Commerce and Industry in Albania, the German Association of Industry and Trade in Albania (DIHA) and the Albania International Chamber of Commerce. IRN donated a substantial amount of the Summit proceedings to its Charity Partner, Down Syndrome Albania.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Smile of the Child

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Yiannis-PanousisThe Day Centre “THE HOUSE OF THE CHILD” which is a community unit providing customized clinical mental health services for therapeutic treatment and psychosocial rehabilitation of children and adolescents victims of abuse, neglect or domestic violence, as well as children or adolescents involved in cases of bullying was inaugurated on 8 April 2015 in Athens, Greece.The Day Centre was founded by the Greek NGO and operates within the framework of the Operational Programme “Human Resources Development” of the NSRF 2007-2013, co-financed by the Ministry of Health and the European Social Fund.Costas Yannopoulos, President of the BoD of “The Smile of the Child” underlined the need to have a specialized structure like this, unique in Greece and innovative on the European level. “THE HOUSE OF THE CHILD” is staffed with a psychiatrist–scientific coordinator, three child psychiatrists, three clinical psychologists, a special educator, a speech therapist, a social worker, an occupational therapist and two administrators. The interdisciplinary therapeutic team undertakes a comprehensive diagnostic evaluation and therapeutic intervention scheme to address the complex disorders and wider psychosocial needs of children victims.The Deputy Citizen Protection Minister, Giannis Panousis stated: “All partnerships designed to protect children meet my absolute support as a Minister, Criminologist and personally. We are all responsible to save those children traumatized by our own mistakes. If we cannot prevent their sufferings well in advance, we should at least heal their wounds. I am well aware of the work of “The Smile of the Child” and we are sharing the common goal of protecting children. George Nikolaidis, Psychiatrist and Scientific Coordinator of the Day Centre referred to the supportive services of the Centre and underlined how the multi-disciplinary therapeutic team undertakes a comprehensive and holistic diagnostic evaluation for those children in need. “Regrettably the cases of children victims which end up to be treated by public and non-public services are very few in relations to the actual reality on child abuse. The Day Centre was created for all children. We have put special emphasis to our human resources in order to provide supportive services to children who have been victims of traumatic victimization experiences within or outside the family environment or are living in different care frameworks either traditional or in alternative care”. The Deputy Prosecutor of the Supreme Court, Kseni Dimitriou, the President of the French Organisation “La Mouette” Annie Gourgue, the representative of Ministry of Health, Evangelos Augoulas, the Greek MP Konstantinos Bargiotas, the Mayor of Zografou Municipality Tina Kafatsaki and representatives of public authorities and Embassies were among the participants to the inaugural ceremony.In addition, Costas Yannopoulos presented a fully-equipped facility, specially designed for children victims who are participating in judicial proceedings and according to the international standards of child-friendly justice and more specifically the multi-disciplinary method of work of the Child Advocacy Center (CAC) in the United States.This facility will be set under the disposal of competent authorities (Judiciary, Prosecution and Police authorities) as well as health workers with an ultimate aim to create a multi-disciplinary Response Child Abuse Team staffed with law enforcement authorities, Medical and Forensic Services, Mental Health Services, the Prosecution and other supportive services for families and children victims and in direct cooperation with the National Helpline for Children SOS1056 and under the coordination of the Ministry of Citizen Protection and the Ministry of Justice. The Day Centre’s services are addressed to children and adolescents up to age of 18 who live either in residential care or in the community having a documented history of exposure to violence of any kind.
(foto: The Smile of the Child)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The situation in the Mediterranean and the need for a holistic approach to migration

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

BruxellesBruxelles Tuesday 14 April 2015, at 14.00 Press conference room: Paul-Henri Spaak (PHS) 0A50. From 11.30 to 13.30, the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee will kick-off the discussions on a strategic own-initiative report on the situation in the Mediterranean and the need for a holistic approach to migration in the presence of Commissioner for Migration, Home Affairs and Citizenship, Dimitris Avramopoulos.
At 14.00, the co-rapporteurs Roberta Metsola and Kashetu Kyenge will give a press conference to share their views on what should be addressed in this report and on the work ahead.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

900 nuovi arrivi di rifugiati provenienti dallo Yemen

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Con l’escalation del conflitto di Yemen, l’UNHCR ha registrato un aumento del numero di persone che fuggono via mare, attraverso il Golfo di Aden, alla volta dei paesi del Corno d’Africa – una rotta storicamente percorsa da rifugiati e migranti diretti in direzione opposta, cioè dal Corno d’Africa verso lo Yemen. Negli ultimi dieci giorni, 317 profughi yemeniti sono arrivati ​​a Obock, in Djibouti. Nella regione somala del Puntland, al porto di Bossaso, e nel Somaliland, nei porti di Berbera e Lughaya (circa 200 km a ovest di Berbera), sono stati registrati 582 arrivi, in gran parte somali ma anche yemeniti e un piccolo gruppo di cittadini etiopi e di Djibouti. Tutti hanno ricevuto cibo e acqua e sono stati sottoposti a controlli sanitari e medici al momento del loro arrivo.Secondo quanto testimoniato dai rifugiati, ci sarebbero molte altre persone che stanno cercando di lasciare lo Yemen, ma che sono bloccati a causa della scarsità di carburante e degli elevati costi del viaggio. Le informazioni disponibili parlano di porti chiusi e di barche a cui viene negato il permesso di salpare. Un uomo somalo che è stato separato dalla moglie e dalla figlia mentre fuggiva da un attacco nel distretto di Basatin, nella città di Aden, ha affermato di essere rimasto nascosto per tre giorni nel porto prima di riuscire ad imbarcarsi per partire in cerca di sicurezza. Durante il viaggio in barca, durato 24 ore, insieme a lui c’erano una donna etiope, riconosciuta come rifugiata in Yemen nel 2002, e i suoi tre figli. La donna ha dichiarato di non aver dovuto aspettare per imbarcarsi, dal momento che i trafficanti danno la priorità a donne e bambini, ma che suo marito era ancora ad Aden in attesa di trovare un posto su una barca.L’UNHCR esprime grave preoccupazione per i pericoli fronteggiati da chiunque tenti di fuggire attraverso il Mar Rosso e il Golfo di Aden, dove non sono previste operazioni di ricerca e soccorso. L’anno scorso 246 persone sono morte nel tentativo di raggiungere lo Yemen via mare. L’Agenzia fa appello a tutte le navi nella zona affinché rimangano vigili e prestino assistenza ad eventuali imbarcazioni in difficoltà. L’UNHCR chiede inoltre che i paesi che possiedono imbarcazioni nelle acque vicino allo Yemen – comprese le navi di sorveglianza e anti-pirateria – istruiscano i propri equipaggi affinché possano aiutare nelle operazioni di salvataggio. Con l’aumento della richieste di partenza, infatti, le barche potrebbero diventare più affollate e i costi di un passaggio più elevati.A Djibouti, i rifugiati appena arrivati ​​sono stati registrati presso il centro di transito temporaneo di Al-Rahma, vicino Obock, dove hanno ricevuto cibo, acqua, cure mediche e altra assistenza. Le autorità hanno individuato un sito dove allestire un campo profughi, a quattro chilometri da Markazi. Djibouti accoglie già quasi 15.000 rifugiati, in gran parte provenienti dalla Somalia. Molti di loro vivono in due campi d’accoglienza nel sud del paese. L’Agenzia sta predisponendo dei piani di emergenza per essere in grado di ricevere fino a 30.000 rifugiati a Djibouti nel corso dei prossimi sei mesi.Nel Somaliland e nella regione somala del Puntland, l’Agenzia sta ristrutturando due edifici che potranno essere adibiti a centri di accoglienza e transito per i rifugiati provenienti dallo Yemen e per i somali che potrebbero tornare a casa a causa della crisi. L’UNHCR, di concerto con i propri partner, ha avviato i preparativi per riuscire ad accogliere fino a 100.000 persone nell’arco di sei mesi.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM: un software di social messaging per cambiare modo di lavorare

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

ibmIBM (NYSE: IBM) ha annunciato la disponibilità di IBM Verse, una nuova e innovativa soluzione di social messaging, che incorpora l’analytics per offrire un nuovo modo di relazionarsi, comunicare e trovare i contatti e le informazioni giuste rapidamente.Frutto dell’investimento da 100 milioni di dollari effettuato da IBM nell’innovazione del design, IBM Verse integra e-mail, agenda, file sharing, messaggistica istantanea, social media e altro ancora – il tutto attraverso un unico ambiente collaborativo basato su cloud.
L’analytics, parte integrante di tutta la soluzione, evidenzia in modo automatico e intelligente le relazioni più importanti per gli utenti e le azioni critiche su cui concentrarsi nel corso della giornata. Imparando a conoscere nel corso del tempo le preferenze e le priorità esclusive dell’utente, IBM Verse fornisce un quadro di riferimento immediato rispetto alle persone e al loro coinvolgimento nei team.
“IBM Verse è una naturale combinazione della competenza di IBM nella collaboration e nell’analytics”, afferma Jens Rauschen, Managing Director of Retail, Hamm-RENO Group, GmbH, uno dei maggiori rivenditori europei di calzature, che sta testando la versione beta della soluzione. “Capisce chi e che cosa è importante per me e mi aiuta ad arrivare al cuore delle questioni rapidamente, in modo da poter tornare a concentrarmi sulla mia attività”. “Una delle poche cose che sono cambiate con l’e-mail negli ultimi 30 anni è la quantità di messaggi inviati e ricevuti”, commenta Jeff Schick, General Manager, Enterprise Social Solutions. “Le imprese inviano oltre 108 miliardi di e-mail al giorno e le persone non riescono più a gestirle. Verse combina funzioni come e-mail, agenda e file sharing con l’analytics, per fornire un sistema che conosce chi e che cosa è più importante per l’utente”.
Per la società internazionale di marketing e comunicazioni Havas Creative, la concezione e la velocità sono gli aspetti chiave della soluzione. “Sono rimasto subito colpito da quanto Verse fosse intuitivo, user-friendly e moderno”, commenta Jeff Marshall, CIO di Havas Creative North America. Havas Creative gestisce un ambiente beta di IBM Verse e prevede di estenderlo a più di 5.000 dipendenti sparsi per il Nord America, l’America Latina e la regione Asia Pacifico quest’anno. Di particolare interesse per Marshall è la faceted search di IBM Verse. Con la faceted search, gli utenti possono individuare e recuperare informazioni specifiche tra i vari tipi di contenuti nella posta elettronica con estrema rapidità.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nella farmaceutica l’unica crescita è quella dei tagli

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

medico_famiglia“Col passare dei giorni il conto che si presenta alla farmaceutica sembra salire ulteriormente e dai 300 milioni paventati pochi giorni fa si è passati a oltre 500, perché accanto alla riduzione dei livelli di spesa programmati ora ci sono altri 285 milioni che dovrebbero venire da misure di varia natura: dall’istituzione di prezzi di rimborso per classi terapeutiche alla revisione dei prezzi dei medicinali sottoposti a rimborso condizionato. A questo punto, paradossalmente, c’è da augurarsi una rapida approvazione della Legge, prima che le cifre salgano ulteriormente” dice Enrique Häusermann, presidente di AssoGenerici. Sembra invece mancare ancora una vera visione di riforma del settore, che incida realmente sui meccanismi di governance della spesa. “Ha poco senso occuparsi in prospettiva della determinazione del prezzo dei biosimilari se poi non ci sono misure a supporto del loro impiego, o anzi pensare di introdurre misure che annullerebbero ogni incentivo alla concorrenza come quelle relative alla riduzione di prezzo dei farmaci biologici originatori quando scade il brevetto, che ci sia o meno un concorrente sul mercato. Né ha senso continuare a spingere sui sistemi di acquisto centralizzati quando manca una reale previsione dei fabbisogni e, di conseguenza, la fissazione di tetti di spesa realistici. In questo modo si fa pagare alle aziende il costo dell’aumento della cronicità, oltretutto senza distinguere tra chi produce farmaci coperti da brevetto, più costosi, e chi invece contribuisce a generare risparmi come il nostro comparto. Temo che alla fine” prosegue Häusermann “saranno i cittadini a sopportare i risultati di tanta schizofrenia, visto che molte delle misure di cui si discute scaricano proprio su di loro una fetta importante di spesa. Questo paese soffre di un male, il “mal di concorrenza” e per curarlo le uniche ricette che per ora si propongono ricadono sempre sui soliti noti. Mi chiedo a questo punto quale senso abbia che la filiera del farmaco si sieda al tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico che il Viceministro De Vincenti aveva annunciato essere il luogo deputato a riscrivere le regole del settore”. Conclude Häusermann “Il presidente Chiamparino ha dichiarato che un taglio alla spesa regionale non potrebbe essere replicato l’anno prossimo. A nostro avviso è impraticabile già quello di quest’anno”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trattamento della psoriasi

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

psoriasiUn recentissimo studio che porta – tra le altre – la firma del compianto Prof. Emilio Del Giudice – esempio di rigore scientifico, noto per le sue ricerche sulla fusione fredda e per gli approfondimenti sul ruolo dei campi elettromagnetici dell’acqua biologica nel mantenimento dello stato di salute dell’organismo – e quella della Dott.ssa Maria Antonietta Tufano, del Dipartimento di Medicina Sperimentale, sezione di Microbiologia e Microbiologia Clinica della Seconda Università degli Studi di Napoli – dimostra l’efficacia del Metodo WHITE Holographic Bioresonance® nell’“attivazione” di rimedi isopatici e di gel ad uso topico per il trattamento della psoriasi. Lo studio annovera casi di riduzione fino al 90% dell’area di superficie corporea affetta dalla malattia, fin dal primo ciclo, per arrivare in alcuni casi fino al 100% dopo un anno di trattamento.
La psoriasi è una dermatosi a carattere cronico, infiammatorio e iperproliferativo che colpisce il 2% della popolazione dei paesi occidentali e può essere individuata attraverso tre caratteristiche principali: infiltrazione linfocitaria a livello del derma e dell’epidermide, incontrollata proliferazione e anomalo differenziamento dei cheratinociti.Il metodo WHITE si rifà al sistema di organizzazione biologica dell’acqua, ossia alle proprietà analoghe a quelle che assume questo liquido negli organismi viventi e a contatto con i tessuti biologici. Il Metodo WHITE, nello specifico, consente l’attivazione di acqua coerente di tipo biologico, detta anche Acqua Supercoerente, confermando l’efficacia nel trattamento – tra gli altri – dei pazienti psoriasici, in sinergia con farmaci a bassi dosaggi tipici della Low Dose Medicine e l’utilizzo di pomate topiche a base vegetale.
Questa tipologia di acqua biologica viene utilizzata anche nei Laboratori di ricerca GUNA, azienda leader in Italia nel settore della produzione e distribuzione di farmaci di origine biologico-naturale, per la produzione di farmaci Low Dose messi a punto da un apposito gruppo di ricerca. “GUNA – ha precisato il Direttore Scientifico dell’azienda, Alessandro Perra – si pone all’avanguardia rispetto alle prospettive aperte da questi studi, grazie da un lato ai propri farmaci a bassi dosaggi di citochine, ormoni, fattori di crescita e neuropeptidi, dall’altro potendo vantare l’applicazione del Metodo WHITE Holographic Bioresonance® alla propria linea produttiva, inclusa la pomata eudermica “Resource Cream” per uso topico”.Lo studio, presentato su Journal of Biological Regulators & Homeostatic Agents (Vol. 28, no. 1, 0-0 2014), con il titolo “Immunomodulating treatment with low dose interleukin-4, interleukin-10 and interleukin-11 in psoriasis vulgaris”, dimostra l’efficacia nel trattamento della psoriasi – senza alcun effetto collaterale – di bassi dosaggi di interleuchine attivati tramite l’utilizzo di queste innovative tecniche farmaceutiche, che fanno ben sperare chi è affetto da questa patologia invalidante, non solo sul piano fisico ma anche su quello sociale e psichico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Energy@home University Day”

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Turin, ItalyE’ il titolo del convegno organizzato dalla Associazione Energy@home Martedì 14 Aprile a Torino, presso l’auditorium di Telecom Italia (Via Olivetti n. 6) con inizio alle ore 10.00. In un contesto globale di crescente attenzione al tema dell’Efficienza Energetica, questo Convegno vuole aprire una finestra sui progetti di ricerca italiani che studiano le architetture, le tecnologie e i modelli di business per nuovi servizi che, sfruttando la comunicazione fra la Smart Home e la Smart Grid, sono in grado di adattare i consumi elettrici in armonia con le esigenze della rete e con il comfort e gli stili di vita di chi vive la casa «Sarà un momento di riflessione che non vuole solo mettere a confronto tecnologie e progetti diversi – spiega Fabio Bellifemine, Direttore della Associazione Energy@home – È indispensabile che industria e mondo della ricerca trovino punti di contatto e sinergie operative; soltanto così si potrà realizzare quell’innovazione continua che è la chiave del successo nel campo delle tecnologie smart».Per l’apertura dei lavori, Energy@home ha invitato Silvia Vianello, Consulente Strategico di Marketing e Marketing Professor presso la SDA Bocconi nonché co-autrice del libro GreenWebEconomics, che presenterà una panoramica internazionale sulle strategie di marketing e sulle iniziative di business nel contesto della Smart Home. Per introdurre le tematiche della comunicazione fra la Smart Home e la Smart Grid e dei servizi a valore aggiunto post-contatore, la Associazione ha inoltre invitato Luca Lo Schiavo, responsabile della Unità Regolazioni Caratteristiche e Innovative della Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI), che presenterà il punto di vista della regolazione e lo stato delle attività di consultazione in corso. Il Convegno proseguirà poi con 3 sessioni tecniche dove saranno presentati 10 progetti universitari. «Abbiamo invitato le università italiane e gli Istituti di Ricerca a proporre i loro progetti – racconta Sergio Brambilla, Consigliere della Associazione Energy@home – abbiamo ricevuto 25 proposte e selezionato i 10 progetti più significativi che presenteranno la visione per il futuro e i risultati fin qui raggiunti». Nel Foyer dell’Auditorium sarà allestita un’area dimostrativa per dare l’opportunità di approfondire i risultati presentati e di stabilire contatti per future collaborazioni.La partecipazione al Convegno è gratuita previa registrazione inviando una e-mail a secretariat@energy-home.it Le registrazioni saranno accettate fino a raggiungimento dei posti. Energy@home è un’associazione senza fini di lucro fondata a luglio 2012 da 4 grandi imprese italiane e che oggi comprende 25 associati; essa è un caso emblematico di positiva collaborazione tra aziende – sia concorrenti su medesimi mercati, sia appartenenti a settori differenti – che studiano assieme le tecnologie e le modalità per creare nuove opportunità di mercato e per costituire un “ecosistema” in ambito residenziale che miri all’efficienza energetica. Utilizzando un protocollo di comunicazione non proprietario e standardizzato, la comunicazione tra i dispositivi in casa diviene lo strumento per fornire ai consumatori le funzionalità necessarie al monitoraggio e al controllo della propria smart home nonché dei propri consumi elettrici. Nel breve termine Energy@home si focalizza sullo sviluppo di un mercato di servizi a valore aggiunto post-contatore per il consumatore domestico e per la smart home. Nel medio termine, essa punta a stimolare la creazione di un nuovo mercato per i servizi di flessibilità della domanda grazie ai quali i consumatori potranno rendere disponibile al sistema elettrico, a fronte di una specifica remunerazione, una quota di flessibilità della potenza impegnata.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Deutsche Bank riconosciuta come la Migliore Banca Estera in Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Deutsche-Bank-Sede-MilanoFlavio Valeri, Chief Country Officer di Deutsche Bank in Italia, che ha ritirato il premio Guido Carli durante la cerimonia svoltasi il 9 aprile a Milano, ha così commentato: “Il prestigioso riconoscimento ricevuto rappresenta per noi la concreta testimonianza dell’impegno continuo e crescente che l’istituto pone nelle attività di sviluppo e di sostengo al paese Italia. Negli anni, abbiamo saputo rispondere alle sfide del settore e alle richieste dei clienti, sostenendo le famiglie e le piccole-medie imprese, e agendo come partner delle grandi aziende e delle istituzioni. Questo premio conferma, inoltre, il ruolo dell’Italia come secondo mercato europeo, dopo la Germania, per il Gruppo Deutsche Bank”.Il premio Guido Carli, dedicato e ispirato ai banchieri che hanno meglio interpretato lo spirito degli uomini che nel Rinascimento diedero inizio alla banca moderna, è il terzo riconoscimento di questo genere assegnato all’Istituto, che nel 2014 è stato nominato “Migliore Gruppo Estero in Italia”, mentre nel 2013 è stato riconosciuto come “Miglior Banca d’Affari Estera in Italia”.Un importante risultato è stato ottenuto anche da Deutsche Bank Suisse, tra i “Creatori di Valore” come Migliore banca del Canton Ticino, per il valore del proprio Return on Equity, l’indice di redditività del capitale proprio.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A35 Brebemi: l’assemblea dei soci approva all’unanimità il bilancio 2014

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreBrescia. L’assemblea dei soci di ieri 9 aprile 2015 ha approvato all’unanimità il bilancio 2014 della Società di Progetto Brebemi. I ricavi dei soli 5 mesi della gestione autostradale ammontano a 11,7 milioni mentre i costi operativi dell’intero anno ammontano a 14,2 milioni di euro con una perdita d’esercizio di 35,4 milioni. A distanza di pochi mesi dall’anticipata apertura dell’infrastruttura, dalla seconda settimana di gennaio i volumi di traffico sono in continuo e sensibile aumento ed hanno registrato un incremento del 17% ed i ricavi sono aumentati del 35%. Ulteriori aumenti dei volumi di traffico e del numero degli utenti sono attesi tra poche settimane quando verrà completata l’apertura della Tangenziale Esterna di Milano da Melegnano ad Agrate (il 16 maggio) che interconnetterà la A35 Brebemi alla rete autostradale esistente della A1 e della A4. Altri importanti appuntamenti per il completamento dell’opera sono previsti entro pochi giorni quali l’apertura al traffico della variante di Bariano che “ favorirà “ il traffico proveniente da Crema indirizzandolo ai caselli della A35, la riqualificazione della Mandolossa in prossimità di Brescia. Rimane in attesa della risoluzione il “nodo Corda Molle” di Brescia che ritardando l’interconnessione con la A4 a Brescia Est, continuerà a penalizzare per qualche tempo la nuova autostrada. Oggi sono invece state aperte le due nuove aree di posteggio Adda Nord e Adda Sud nei pressi di Caravaggio che favoriranno la sosta ed il ristoro degli utenti in transito da Milano e da Brescia .
“Vogliamo continuare a crescere e siamo confortati dalla soddisfazione dei nostri clienti che considerano la A35 Brebemi un’autostrada sicura, veloce ed efficiente – afferma il Presidente di A35 Brebemi, Francesco Bettoni. Un’opera di questo tipo va misurata negli anni, non settimana dopo settimana, e una volta che l’opera sarà completata e verrà assicurata l’interconnessione con la rete infrastrutturale, la A35 Brebemi potrà sviluppare a pieno il suo forte potenziale”. “Per quanto riguarda il dovuto riequilibrio del nostro piano economico, questo ci è stato approvato dalla nostra concedente Cal e siamo ora in attesa delle risposte definitive da Roma – prosegue Bettoni. Sia chiaro, nessuno ci sta regalando nulla, abbiamo realizzato, con soldi privati, opere per 911 milioni per migliorare la viabilità dei comuni attraversati ed altre opere di compensazione chieste dal territorio, che sono costate più del puro tratto autostradale.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta al tumore al seno

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

tumore al senoOggi il 90% delle donne colpite dal tumore del seno guarisce. In 23 anni, dal 1989 al 2012, la mortalità per questa malattia è infatti diminuita di quasi il 30%. Il merito deve essere ricondotto a trattamenti (chirurgia, radioterapia, farmaci antitumorali) sempre più efficaci e personalizzati e alle campagne di prevenzione. Un ruolo fondamentale è svolto dalla mammografia, esame che consente di individuare il tumore in fase inziale, quando le possibilità di sopravvivenza sono elevate. In particolare in Veneto le campagne di screening sono molto efficaci: nel 2012 sono state invitate 263.478 donne a eseguire questo test, il 93,7% della “popolazione bersaglio”. Non solo. L’adesione corretta, dato rappresentativo della reale risposta delle donne invitate, è pari al 74%, superiore rispetto alla media nazionale (62%). E, sempre nel 2012, la mammografia ha permesso di diagnosticare nella Regione 929 casi. Prevenzione e terapie sono al centro del convegno nazionale “CANOA”, realizzato con il patrocinio dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), che si apre oggi a Verona (Ospedaletto di Pescantina). Nel 2014 in Italia sono stati diagnosticati circa 48mila nuovi casi di cancro al seno, in Veneto 3.976. “Lo standard desiderabile di adesione allo screening mammografico dovrebbe essere del 75%. È necessario rendere le donne sempre più informate e consapevoli. Così potremo salvare più vite – spiega la dott.ssa Stefania Gori, Segretario Nazionale AIOM e direttore dell’Oncologia Medica all’Ospedale ‘Sacro Cuore-Don Calabria’ di Negrar (Verona) -. L’avanzamento delle conoscenze in campo biomolecolare ha permesso inoltre di distinguere vari sottotipi di tumore del seno, con prognosi e possibilità terapeutiche diverse. Grazie alla disponibilità di farmaci innovativi e al trattamento personalizzato, sono migliorate le percentuali di sopravvivenza sia nella malattia in fase iniziale che in quella avanzata. Ma dobbiamo puntare di più alla prevenzione, sia primaria, legata cioè agli stili di vita corretti, sia secondaria, aumentando l’adesione agli screening”. Nel 2013 tre donne italiane su quattro della popolazione target sono state regolarmente invitate a sottoporsi alla mammografia. Permane una grande differenza fra Nord (più di 9 donne su 10), Centro (più di 8 donne su 10) e Sud (solo 4 donne su 10). “Nel corso degli ultimi anni in Veneto vi è stata una progressiva dismissione delle apparecchiature radiologiche analogiche per le mammografie, che sono state sostituite da quelle digitali – afferma il dott. Mario Piccinini, Direttore Amministrativo del ‘Sacro Cuore-Don Calabria’ -. I vantaggi di questa evoluzione tecnologica, che ha interessato anche il nostro ospedale, sono molteplici. In particolare riguardano la qualità delle immagini ottenute, la loro più agevole lettura, la riduzione della dose di radiazioni erogata, la maggiore sensibilità e specificità del test in tutte le donne valutate e l’aumento dell’efficacia dei programmi di screening”. “Esiste una piccola percentuale, inferiore al 5%, di forme ereditare di carcinoma mammario – continua la dott.ssa Gori -, legate alla mutazione dei geni BRCA1-2. Le donne con probabilità superiore al 10% di avere questa alterazione sono selezionate in base a criteri clinici condivisi a livello internazionale. Con un semplice prelievo di sangue, è possibile effettuare un’analisi di biologia molecolare e stabilire se sono effettivamente portatrici della mutazione genetica. Il rischio di sviluppare un carcinoma mammario nel corso della vita è del 57% in una donna con mutazione accertata di BRCA1 e del 49% in caso di mutazione accertata di BRCA2. La probabilità di sviluppare il tumore dell’ovaio è del 40% in presenza di mutazione di BRCA1 e del 18% nel caso di mutazione di BRCA2. Inoltre nelle donne ad alto rischio per importante storia familiare o perché portatrici di una delle due alterazioni genetiche, i controlli mammografici dovrebbero iniziare a 25 anni o un decennio prima dell’età di insorgenza del tumore nel familiare più giovane”. “I progressi della ricerca offrono numerose opportunità – sottolinea la dott.ssa Gori – e gli oncologi devono acquisire le capacità per trasferire nella maniera più adeguata nella pratica clinica quotidiana i risultati degli studi scientifici. Far acquisire queste competenze è il primo degli obiettivi del convegno CANOA, giunto alla quinta edizione. Nella prima giornata verranno illustrati i risultati di studi molto importanti, la metodologia utilizzata e l’impatto potenziale sulla pratica clinica”. “D’altra parte – afferma dott. Fabrizio Nicolis, Direttore Sanitario del ‘Sacro Cuore-Don Calabria’ – la ricerca clinica ha ricadute sia a livello di pratica clinica (miglioramento della qualità in ogni servizio/reparto coinvolto nella diagnosi e nel trattamento delle patologiche neoplastiche) sia a livello organizzativo (deve essere prevista nella struttura ospedaliera la presenza di personale formato in data management, statistica, metodologia; la presenza di infermieri di ricerca; la presenza di un nucleo della ricerca clinica; ecc) sia a livello economico”. Nella seconda giornata del convegno CANOA verranno affrontati alcuni quesiti di pratica clinica con la metodologia GRADE, utilizzata per la stesura delle 32 Linee Guida AIOM. “Con la stesura di Linee Guida, aggiornate annualmente – conclude la dott.ssa Gori –, vogliamo migliorare e standardizzare la pratica clinica. È infatti essenziale offrire ad ogni paziente oncologico su tutto il territorio nazionale la possibilità di ricevere una diagnosi adeguata e il miglior trattamento, inteso come la terapia più appropriata. Inoltre le linee Guida AIOM garantiscono un riferimento basato sull’evidenza per le Istituzioni nazionali e regionali, per gli organismi regolatori e per l’industria, affrontando le problematiche diagnostico-terapeutiche di 23 patologie oncologiche e di 8 aspetti generali, con il coinvolgimento di oltre 500 professionisti”.
“L’obiettivo di ogni nostro operare – conclude il Presidente del ‘Sacro Cuore-Don Calabria’, Fr. dott. Carlo Toninello – è infatti quello di essere sempre al servizio dei nostri pazienti. I progressi illustrati oggi nell’ambito nel carcinoma mammario potranno mantenersi ed aumentare in futuro. Come? Anche con una modernizzazione continua all’interno delle strutture ospedaliere, dove devono essere presenti tecnologie all’avanguardia, servizi diagnostici efficienti, ambulatori di counseling genetico per l’identificazione delle donne ad alto rischio familiare e/o genetico di sviluppo di carcinoma mammario, laboratori di biologia molecolare, personale adeguatamente formato, organizzazione, collegamento con le altre strutture oncologiche regionali e italiane, con il territorio, con i medici di medicina generale e con le associazioni di volontariato. Indispensabile anche l’attività di ricerca clinica e traslazionale. E l’aggiornamento scientifico: i convegni sono espressione di questa attività e ricordiamoci che, per tutti gli operatori in ambito sanitario oncologico, il costante aggiornamento rappresenta una delle modalità con cui essere, sempre, ‘al servizio’ dei nostri pazienti”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce la Piattaforma Geotermica

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Il coordinamento è stato costituito a Roma da Associazioni, Enti, Ordini professionali che in Italia si occupano della materia geotermica, in particolare quella a larga diffusione delle pompe di calore e degli usi diretti.
Gli aderenti al tavolo di coordinamento si pongono due obiettivi principali: la richiesta di procedimenti autorizzativi semplificati ed omogenei su scala nazionale e regionale e l’emanazione di adeguate politiche di incentivazione e divulgazione tra il pubblico e gli opportuni livelli politici ed amministrativi. Per questo fine la piattaforma offre la sua disponibilità a supportare e collaborare con tutti gli enti interessati.Coordinatore della Piattaforma sarà Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi.”Questa tecnologia rinnovabile sostenibile ed efficiente – ha affermato Graziano – è certamente quella con la filiera che coinvolge maggiormente le imprese e i professionisti italiani (produttori delle pompe di calore e componenti, industria delle perforazioni, geologi, progettisti ed installatori), perciò incentivare e promuovere la geotermia favorisce la crescita economica ed occupazionale del nostro Paese”.Il coordinamento nazionale si è dato, tra le varie priorità, anche quella di definire in maniera chiara, imparziale e scientifica e con rigore scientifico quali sono i vantaggi e le criticità dello sfruttamento delle risorse geotermiche per usi diretti, tra cui l’impiego delle pompe di calore geotermiche per la climatizzazione.Aderiscono alla Piattaforma Geotermica:
AICARR (Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria Riscaldamento e Refrigerazione), AIRU (Associazione Italiana Riscaldamento Urbano), ANIGHP (Associazione Nazionale Imprese Geotermia Heat Pump), ANIPA (Associazione Nazionale Idrogeologia e Pozzi per Acqua), ANISIG (Associazione Nazionale Imprese Specializzate in Indagini Geognostiche), CNG (Consiglio Nazionale dei Geologi), CNPI (Consiglio Nazionale dei Periti Industriali), FINCO (Federazione Industrie Prodotti Impianti Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni), ENEA (Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile), UGI (Unione Geotermica Italiana)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accampati per quattro giorni sulla Polar Pioneer alla fine lasciano

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

attivisti1attivisti3I sei attivisti – che non stanno interferendo in alcun modo con le attività di navigazione – si trovano sul lato inferiore del ponte principale della Polar Pioneer. Nelle scorse ore hanno aperto uno striscione raffigurante un gufo delle nevi, contenente i nomi di milioni di persone che in tutto il mondo hanno firmato finora la petizione di Greenpeace in difesa dell’Artico.Una nuova ricerca indipendente realizzata dalla National Academy of Sciences chiarisce come non ci sia un modo efficace per rimediare a uno sversamento petrolifero in un’area in remota, ghiacciata e tempestosa come l’Artico. Questa ricerca è l’ennesima sfida a quanto sostiene invece Shell, che afferma di avere le capacità per fronteggiare una tale evenienza.Il governo degli Stati Uniti stima che ci sia il 75 per cento di possibilità che avvenga un ingente sversamento di petrolio nel Mare di Chukchi, come conseguenza di attività di pompaggio e trattamento in quell’area. Inoltre, un altro studio, finanziato proprio dal governo statunitense, solleva seri dubbi sulla possibilità di fronteggiare uno sversamento di grandi proporzioni.Nonostante questo, solo qualche giorno fa il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti aveva annunciato un primo via libera alle concessioni petrolifere nell’Artico. Un passo che potrebbe significare che entro cento giorni Shell sarà autorizzata a trivellare nel Mare Artico vicino l’Alaska. (foto: attivisti)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Farmaci e anziani

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

anzianiPazienti incontinenti costretti a scegliere gli ingombranti pannoloni, spesso di scarsa qualità, passati dal sistema sanitario, o a tirar fuori 18 milioni di euro dalle proprie tasche per pagare le cure farmacologiche, non rimborsate dal SSN. Una situazione che allontana l’Italia dall’Europa, riguarda 680.000 persone e genera per lo Stato uno “spreco” di ben 137 milioni di euro.
La denuncia viene da FederAnziani, che rende i noti i dati della ricerca condotta dal proprio Centro Studi SIC Sanità in Cifre, evidenziando un possibile risparmio per il SSN di 137 MLN di € con l’introduzione della rimborsabilità delle terapie farmacologiche per l’incontinenza d’urgenza, che oggi gravano sui pazienti per 18 MLN di €. Secondo la ricerca in Italia oltre l’80% dei pazienti con incontinenza da urgenza viene trattato con pannolini e solo il 20% con terapia farmacologica. Questa patologia nel nostro Paese interessa circa 680.000 persone ovvero l’1,4% della popolazione. A rivolgersi ad un medico per questo problema sono 2 pazienti su 3; di questi solo 1 su 4 riceve cure farmacologiche, appena il 19% del totale, mentre gli altri ricevono il classico “pannolone”. Il costo complessivo per la gestione di questa patologia oggi è di 296 milioni di euro, di cui 278 milioni relativi al costo dei pannoloni, esclusi i costi per la distribuzione, a carico del SSN, e 18 milioni a carico dei privati per la terapia farmacologica non rimborsata dallo Stato. “L’Italia è uno dei pochi Paesi in Europa in cui le persone incontinenti devono pagarsi le cure farmacologiche di tasca propria – commenta il Presidente di FederAnziani Roberto Messina. – Oltre al danno, la beffa, visto che l’attuale sistema, centrato sulla dispensazione dei pannoloni, invece di generare risparmio è fonte di uno spreco di ben 137 milioni di euro. Soldi che il servizio sanitario potrebbe risparmiare passando dal costoso e obsoleto sistema attuale alla rimborsabilità delle cure farmacologiche, come accade ovunque. Per non parlare del miglioramento che questo comporterebbe in termini di qualità della vita, considerato che oggi le Regioni, nella scelta dei sistemi assorbenti, privilegiano spesso il pannolone di minore costo, incuranti dei disagi per i malati che, disperati, rinunciano sempre più spesso a ritirare il pannolone alla ASL per acquistarne uno di marca in farmacia pagando di tasca propria”.
Nella maggior parte dei Paesi europei le terapie farmacologiche sono rimborsate fino al 100% del costo, con significativi benefici per le casse dello Stato, visto che il costo medio a paziente risulta inferiore fino al 60% rispetto all’Italia.
La spesa media per paziente, infatti, in Italia è quasi il doppio della media europea, ovvero 706€ contro 386€. A rendere il costo così elevato è proprio la voce pannolini, pari a circa 3 volte il dato europeo. Secondo la ricerca, considerando il 71% dei pazienti come rispondenti alla terapia farmacologica (318.000), in caso di rimborsabilità della terapia farmacologica il totale della spesa per quest’ultima ammonterebbe a 28,5 milioni di euro, mentre i pazienti non rispondenti continuerebbero a ricevere le forniture di pannolini all’attuale costo di 870€ per paziente, generando una spesa di 112,5 MLN di €. La stima dei costi complessivi a carico del SSN passerebbe, dunque, dagli attuali 278 MLN di € a 141 MLN di €, con una riduzione pari a 137 MLN.
“FederAnziani – aggiunge il Presidente, Roberto Messina – chiede al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e al Direttore Generale dell’AIFA, Luca Pani, di approfondire lo studio in questione e qualora ne siano confermati i risultati, chiede di rendere operativo il modello proposto”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vecchi tv e computer? Sono tesori da recuperare

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

Online Banking ComputerTelefonini, tv, computer, elettrodomestici, neon possono essere restituiti gratuitamente ai negozi autorizzati quando si sostituiscono con prodotti nuovi. E’ il cosiddetto ritiro «uno contro uno» obbligatorio in Italia, ma ancora poco conosciuto dai negozianti e ancora meno praticato dai consumatori. Per mostrarne i vantaggi parte oggi la campagna “Tesori da recuperare” con seminari e iniziative in tutta la Toscana.«Qualunque apparecchio elettrico ed elettronico che sia guasto o inutilizzato può servire per attivare la catena virtuosa del riciclo, ma tutti noi consumatori dobbiamo abituarci a non abbandonarlo in garage o in fondo a un cassetto e come imprenditori a smaltirlo nel modo giusto – ha sottolineato il presidente della Camera di Commercio di Firenze, Leonardo Bassilichi -. Non dovrebbero essere tanto le sanzioni, che sono pesanti, a farci comportare così, quanto piuttosto la consapevolezza che questi rottami in realtà sono materiali preziosi da reimmettere nel ciclo economico e possono generare ricchezza».In base ai dati del Centro di coordinamento RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche o Elettroniche), ogni italiano produce annualmente 15 chili di rifiuti elettronici, di questi solo 4 chili sono correttamente raccolti e avviati al recupero. Eppure, si tratta di rifiuti potenzialmente pericolosi per l’ambiente che, se raccolti e trattati adeguatamente, potrebbero essere recuperati fino al 96 per cento.In Toscana sono 10mila i commercianti potenzialmente interessati allo smaltimento di questi apparecchi, ma solo 1.148 imprese, poco più del 10 per cento, sono iscritte all’apposito registro della Sezione toscana Albo gestori ambientali, che ha sede alla Camera di Commercio di Firenze. Eppure, l’Unione Europea, con la direttiva 19/2012, ha imposto una soglia di recupero crescente, che mira a triplicare l’attuale riciclo fino a raggiungere i 12 chili pro-capite entro il 2019. E la legge italiana prevede severe sanzioni per chi non si mette in regola.Per formare cittadini e imprese sui metodi corretti di smaltimento, la sezione toscana dell’Albo gestori ambientali, in collaborazione con le Camere di Commercio di Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca e Prato, ha attivato il progetto di legalità “Tesori da recuperare”, che ha come primo obiettivo quello di informare le imprese, le associazioni di categoria e dei consumatori, i consulenti, gli organi di controllo sugli obblighi normativi e sulla corretta gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.Il primo step del progetto prevede una serie di seminari informativi gratuiti rivolti direttamente alle imprese. Ecco le tappe: 27 aprile 2015 a Confindustria Firenze, 11 maggio alla Camera di Commercio di Livorno, 25 maggio alla Camera di Commercio di Prato, 8 giugno alla Camera di Commercio di Grosseto, 26 giugno alla Camera di Commercio di Lucca.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Uso dei farmaci in Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2015

farmaci“Come evidenziato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1° Rapporto Globale sulla resistenza antimicrobica del 2014, introduce Enrico Magliano, Direttore Scientifico AMCLI, Associazione Microbiologi Clinici Italiani, la resistenza batterica rappresenta oggi una minaccia reale per la salute pubblica. L’uso inappropriato di antibiotici ha portato alla crescita di questo problema soprattutto in Italia dove la resistenza agli antibiotici è al di sopra della media europea”. “Secondo i dati del Rapporto OSMED° sull’uso dei farmaci in Italia curato annualmente da AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, prosegue Giuseppe Spriano, Presidente Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico – Facciale (SIOeChCF), il nostro paese è il maggior consumatore di antibiotici in Europa e il trend, nonostante gli allarmi, è ancora in crescita, con un aumento del consumo di oltre il 5% nell’ultimo anno. Tra le principali indicazioni terapeutiche associate alla prescrizione di antibiotici ci sono le malattie dell’apparato respiratorio che rappresentano il 40% delle prescrizioni e le malattie del sistema genito-urinario con oltre il 18%. In particolare la cistite rappresenta l’infezione con il maggior numero di prescrizioni di antibiotici che sono quasi il 10% del totale, seguita dalla faringite con oltre l’8% di prescrizioni. In otorinolaringoiatria e urologia c’è il massimo uso e abuso di antibiotici come rilevato da AIFA nel rapporto OSMED 2013 con un uso inappropriato del 49,3% nelle laringotracheiti e del 36,3% nelle cistiti. È quindi proprio in questi ambiti che vanno maggiormente combattute le resistenze batteriche e, sulla base delle raccomandazioni EMA, Agenzia Europea per i medicinali, è diventato necessario promuovere lo sviluppo di presidi terapeutici alternativi ed efficaci”.
“Le infezioni delle vie urinarie, spiega Renzo Colombo, Dipartimento di Urologia, Università “Vita-Salute”, Ospedale San Raffaele Milano, rappresentano circa il 40% di tutte le infezioni ospedaliere e l’Italia è il paese a più alto tasso di infezioni urinarie da germi multiresistenti di tutta Europa. Le infezioni urinarie più frequenti sono le cistiti, soprattutto nella donna, e ciò è dovuto alla sua anatomia che favorisce la risalita di microrganismi intestinali dall’uretra. Per prevenire le infezioni urinarie è fondamentale mantenere l’equilibrio della flora intestinale con l’uso di probiotici e ristabilire l’integrità del rivestimento interno della vescica che può essere stato danneggiato da ripetute infiammazioni e che protegge i tessuti dalla penetrazione dei batteri”.“Da sempre, continua Monica Sommariva, Divisione di Urologia, Ospedale G. Fornaroli, Magenta, AO Legnano, non ho mai prescritto antibiotici per trattare infezioni in assenza di febbre o di sintomi che suggerissero il pericolo di una sepsi e ormai da oltre 20 anni tratto in modo sistematico senza antibiotici diversi tipi di cistite. L’umpiego clinico di capsule molli contenenti acido ialuronico, condroitin solfato, curcumina e quercetina (Ialuril® Soft Gels) ha dimostrato di dare risultati ottimali per il controllo delle cistiti. Questo composto è adatto per essere impiegato per lunghi e ripetuti periodi senza controindicazioni ed è una terapia mirata a restituire al tessuto di rivestimento della vescica le sue proprietà di integrità e di barriera contro le infezioni, ma ha anche azione antinfiammatoria e analgesica, favorendo il miglioramento dei classici sintomi della cistite come frequenza e urgenza ma soprattutto dolore”.“Per quanto riguarda le infezioni delle vie respiratorie, spiega Roberto Mattina, Professore Ordinario di Microbiologia e Microbiologia Clinica, Università degli Studi di Milano, nel 2013 è stato attuato un monitoraggio in 9 regioni italiane (Progetto ARES) delle resistenze dei più frequenti agenti patogeni: questo osservatorio ha confermato l’esistenza di una forte resistenza batterica a livello nazionale. In Campania è invece appena partito il Progetto OCRA (Osservatorio Campano Resistenze agli Antibiotici) per una sorveglianza delle resistenze dei più comuni batteri responsabili di infezioni respiratorie che avrà la durata di tre anni. L’utilità degli Osservatori è quella di fornire in tempi rapidi informazioni ai medici sull’andamento delle resistenze, consentendo loro di attuare opportune strategie in grado di rallentare questo fenomeno o addirittura farlo regredire: infatti potrebbe essere utile diminuire per qualche anno la prescrizione di quell’antibiotico o classe di antibiotici che ha fatto registrare in un determinato territorio un’impennata delle resistenze. È pertanto auspicabile l’istituzione di molteplici Osservatori locali”.“L’utilizzo di un’alternativa terapeutica quale l’acido ialuronico, continua Matteo Gelardi, Otorinolaringoiatra e Citologo Nasale, Policlinico Universitario di Bari, ha portato a interessanti risultati. Le forme ricorrenti o croniche delle infezioni delle vie respiratorie sono spesso dovute alla mancata guarigione di infezioni acute e questo è dovuto alla permanenza di biofilm batterici, cioè di batteri che, in condizioni favorevoli, aderiscono ad una superficie e iniziano a produrre una sorta di “scudo” gelatinoso in grado di resistere sia all’azione del sistema immunitario che agli antibiotici che, incapaci di penetrare il biofilm, risultano inefficienti. In questo ambito si inserisce l’impiego dell’acido ialuronico ad alto peso molecolare (9 mg) somministrabile per via aerosolica, la cui azione terapeutica sulle mucose delle alte vie aeree in caso di tonsilliti, laringiti, faringiti, sinusiti, riniti e tracheiti è stata dimostrata da importanti lavori pubblicati su riviste internazionali ad alto impatto scientifico. L’acido ialuronico ad alto peso molecolare (9 mg) idrata le mucose, dando sollievo a bruciore e prurito e al tempo stesso, migliorando il battito ciliare che consente l’eliminazione del muco e impedisce l’ingresso di elementi infettivi, prevenendo le infezioni e il loro cronicizzarsi. Un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Acta Pathologica Microbiologica et Immunologica Scandinavica⃰ ha dimostrato poi che l’acido ialuronico, è in grado d’interferire con l’adesione batterica ostacolando quindi la formazione di biofilm. Ad oggi l’acido ialuronico 0,3% ad alto peso molecolare (Yabro®) è il più potente inibitore di questa fase pre-biofilm aprendo nuovi scenari nel trattamento delle infezioni batteriche”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »