Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 16 aprile 2015

If target confirmed, Japan would join Russia with an “inadequate” climate pledge, putting world on path to 3-4degC warming – Climate Action Tracker

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

tokyo-japanJapan could be able to meet its (as yet unofficial) 2030 emissions reduction target of 20% below 2013 levels by 2030 without having to implement any new policies, the Climate Action Tracker said today.The target, released late last week to Japanese media, but not yet officially announced, would represent an emissions reduction of 11 percent below 1990 levels in 2030—far from the Japanese Government’s stated aim of moving to a low carbon economy. Adding forest management would bring that back to 8 percent. [Full Japan assessment here]Under its new and comprehensive methodology for tracking the fairness of Government action on climate change, the CAT has assessed this draft as “inadequate”: if all countries adopted this level of ambition warming would likely exceed 3-4degC in the 21st century. Japan would be making even less effort than any of the governments who have so far submitted their planned climate action for a Paris agreement—INDCs—except Russia, which the CAT has also rated “inadequate.”
“If Japan confirms this target, it will be adopting a strategy that is incompatible with its economic capability and responsibility, which is worrying for such a big emitter. We had no choice but to rate this target as inadequate – totally inadequate,” said Niklas Höhne, of NewClimate Institute.“Japan has stated it is committed to moving to a low carbon economy, but with this kind of target, coupled with its planned expansion of base load from coal, Japan is likely to recarbonise its economy—the reverse of what it needs, and, if followed by others, would lead to 3-4degC warming this century,” said Bill Hare of Climate Analytics. Kornelis Blok, of Ecofys, added: “Japan is missing a golden opportunity to join the transition to a low carbon economy to the detriment of Japan’s high tech industry and entrepreneurs. A more ambitious climate goal could catalyse the required policy changes to make this transition a reality and create major new economic opportunities for Japan.“The CAT has rated the EU, US, Norway, Switzerland and Mexico’s INDCs all as “medium”—but even medium means others would have to take comparably more effort in order to hold warming below the agreed limit of 2degC.In its Intended Nationally Determined Contribution (INDC), Russia proposes to reduce its emissions of net greenhouse gases (GHG) by 25 percent to 30 percent below 1990 levels by 2030. After accounting for forestry this is a reduction of industrial GHG’s (1) by only 6 percent to 11 percent below 1990 levels, and an increase of 30 percent to 38 percent compared to 2012 levels.
“Russia’s proposed commitment for 2030 would allow emissions of industrial greenhouse gases to grow significantly—to around 3 GtC02e in 2030. To achieve its proposed target, Russia needs to take no further action other than its currently implemented policies,” said Yvonne Deng, of Ecofys.Russia states in its INDC that “Reducing GHG emissions by 25–30 percent from 1990 levels by 2030 will allow the Russian Federation to step on the path of low-carbon development compatible with the long-term objective of the increase in global temperature below 2 degrees Celsius.” However, the CAT assessment shows than neither Russia’s 2020 pledge nor its INDC are in line with interpretations of a “fair” approach to reach a 2°C pathway. Russia’s long-term target is also “inadequate”: it is consistent with only one category of fairness that focuses on capability, which is an outlier category. To be on track for its long-term target, also rated “inadequate,” Russia’s emissions would need to peak and start declining at much higher rates of reduction post-2020.
Russia has been unclear in the way it deals with forestry accounting. While it has stated that the target will use “the maximum possible account of absorbing capacity of forests,” it does not provide any further information on which accounting rules it has used, nor the potential magnitude of their impact on emissions levels in 2030. With its 2020 target submitted under the Copenhagen Accord, Russia did not mention forestry accounting, but given that it has now done so in its INDC, we have added an assessment of the impact of LULUCF accounting to our assessment of Russia’s 2020 target.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs urge end to Roma discrimination and recognition of Roma Genocide Day

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

HolocaustParliament called for more efforts to end discrimination, hate crime and hate speech against Roma people and for 2 August to be recognised as Roma Holocaust Memorial Day, to commemorate the Roma genocide in World War II, in a resolution passed on Wednesday. In the resolution MEPs express their “deep concern at the rise of anti-Gypsyism, as manifested inter alia through anti-Roma rhetoric and violent attacks against Roma in Europe”. Anti-Gypsyism is “incompatible with the norms and values of the European Union” and “constitutes a major obstacle to the successful social integration of Roma”, they stress. They call on EU countries to effectively implement the Racial Equality Directive (2000/43/EC) in order to “prevent and eliminate discrimination against Roma, in particular in employment, education and access to housing.” Parliament recognises the historical fact of the genocide of Roma that was perpetrated during World War II as well as other forms of persecution such as deportation and internment and calls on the member states to do likewise. According to estimates, at least half a million Roma were exterminated by the Nazi and other regimes and their allies and in some countries more than 80% of the Roma population was killed.
On the night of 2 to 3 August 1944, 2,897 Roma, mostly women, children and elderly people, were killed in the Gypsy camp at Auschwitz-Birkenau. To commemorate this atrocity, 2 August should be recognised as “European Roma Holocaust Memorial Day” and dedicated to commemorating the victims of the genocide, MEPs say.Roma people are Europe’s largest ethnic minority. Some 10 to 12 million are estimated to live in Europe, including around six million in the EU. International Roma Day was celebrated on 8 April.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Medio Oriente e in Nord Africa migliorano i tassi di iscrizione a scuola, ma 21 milioni di bambini rischiano di rimanere senza istruzione

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cNonostante i grandi progressi ottenuti nello scorso decennio nell’iscrizione dei bambini a scuola, un bambino su quattro – più di 21 milioni – in Medio Oriente e nel Nord Africa è fuori dal ciclo scolastico e rischia di rimanerne escluso.
Secondo un rapporto dell’UNICEF e dell’Istituto per le Statistiche dell’UNESCO, una riduzione del 40% del numero di bambini fuori dalla scuola in Medio Oriente e Nord Africa (MENA) nell’ultimo decennio ha dato speranza e opportunità a milioni di bambini. Il rapporto è il risultato dell’iniziativa “Out of School per il Medio Oriente e Nord Africa” e fornisce dati aggiornati sull’equità dell’istruzione nella regione.
I progressi sono recentemente rallentati a causa della povertà, delle discriminazioni, della scarsa qualità dell’istruzione e dei conflitti.
Secondo il rapporto, 12,3 milioni tra bambini e adolescenti in Medio Oriente e Nord Africa sono fuori dalla scuola. Inoltre, secondo gli ultimi dati, oltre 6 milioni di bambini rischiano di rimanerne esclusi. Altri 3 milioni di bambini non vanno a scuola in Siria e in Iraq, dove il conflitto ha distrutto gran parte del sistema scolastico. Mentre le violenze continuano a crescere, milioni di bambini rischiano di diventare una “generazione perduta”, senza le conoscenze e gli strumenti di cui hanno bisogno per diventare degli adulti consapevoli. Diversi altri paesi nella regione hanno esperienze di conflitti armati o di disordini politici che impediscono ai bambini di apprendere.
“In un momento di così grande cambiamento e inquietudine, questa regione non può permettersi che 21 milioni di bambini perdano la propria strada”, ha dichiarato Maria Calivis, Direttore Regionale dell’UNICEF MENA. “Questi bambini devono avere l’opportunità di acquisire le conoscenze di cui hanno bisogno attraverso l’istruzione per fare la loro parte nella trasformazione della regione”.
Secondo il Rapporto, i governi devono ampliare i propri sforzi, soprattutto per dare priorità all’istruzione delle famiglie più vulnerabili e svantaggiate. Sono necessarie nuove politiche per ampliare i programmi di istruzione pre-elementari, evitare che gli studenti siano lasciati fuori dalle scuole e che subiscano discriminazioni di genere, e aiutare il maggior numero di bambini nelle aree di conflitto garantendo loro l’accesso all’istruzione.
“Dobbiamo calibrare gli interventi per raggiungere le famiglie sfollate a causa del conflitto, le ragazze costrette a rimanere a casa e i bambini obbligati a lavorare” – ha dichiarato Silvia Montoya, direttore dell’Istituto di Statistiche dell’UNESCO – ”Questo rapporto presenta dati utili a migliorare i processi di identificazione di questi bambini, gli ostacoli che affrontano e le politiche necessarie a raggiungerli”.
Dal rapporto è emerso che i donatori devono impegnarsi a dare più fondi per eliminare le disparità che continuano a tenere i bambini fuori dalle scuole. Il rapporto sottolinea che le ragazze non vanno a scuola e sono esposte al rischio di rimanere escluse a causa dei comportamenti sociali, dei matrimoni precoci e della mancanza di insegnanti donne. Mediamente, in questa area, una ragazza ha il 25% di probabilità in meno di andare a scuola rispetto a un ragazzo. Ciononostante, tra gli adolescenti, un alto tasso di esclusione è stato alimentato da standard educativi bassi e dalla scarsa qualità degli ambienti scolastici.
Il rapporto arriva in un momento cruciale ed è destinato ad integrare gli sforzi della comunità internazionale sulla preparazione degli obiettivi per l’istruzione post 2015.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso specializzandi in medicina

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

Paola-Binetti“Ancora una volta al centro di una interrogazione rivolta al ministro del Miur c’è il concorso nazionale per l’ammissione alle scuole di specializzazione in Medicina e chirurgia. Dopo i ripetuti incidenti della prova di ottobre, con tutte le contestazioni che ha suscitato, ora i futuri specializzandi nutrono una serie di timori abbastanza fondati. Prima di tutto si chiedono: chi preparerà i quiz, come si assicurerà la loro pertinenza? Non è indifferente sapere che ancora non sono state indette le relative gare d’appalto, per assicurare alla prova oggettività, pertinenza e riservatezza”. E’ quanto ha sottolineato Paola Binetti, deputata di Area popolare, nel corso della interrogazione.
“Giungono notizie tutt’altro che rassicuranti rispetto al numero delle borse disponibili quest’anno. Sembra che attualmente – ha aggiunto Binetti – si disponga di poco più di 3mila borse, ampiamente insufficienti a coprire le esigenze del nostro SSN, e soprattutto profondamente deludenti per i neo-laureati in medicina e per coloro che nella sessione precedente non sono riusciti a superare le selezioni. Certamente più rassicuranti – ha proseguito – sono le informazioni che riguardano le modalità di scorrimento delle graduatorie, la riduzione delle opzioni, e la decisione di porre un punteggio minimo anche per le prove di tipo specialistico e non solo per quelle di tipo generalistico. Ma soprattutto abbiamo apprezzato la chiarezza relativa a due date importanti: il bando uscirà il 30 aprile e quindi sarà pronto a giorni. Mentre le prove si svolgeranno il prossimo 31 luglio. Ci auguriamo – ha concluso Binetti – che si tratti di punti fermi e che su questi punti i giovani possano programmare i loro futuri impegni”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frost & Sullivan: Identificare le strategie di crescita per investire nei Paesi emergenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

turchia-ist3Torna a Milano per il secondo anno consecutivo il Growth and Innovation Breakfast Series di Frost & Sullivan, con un incontro rivolto al mondo dell’industria e degli affari che si terrà il 12 maggio allo Sheraton Diana Majestic Hotel. Oltre 50 leader dei vari settori industriali si confronteranno per condividere nuove idee e strategie di crescita e sviluppo. La conferenza di quest’anno si occuperà di espansione geografica ed investimenti nei Paesi emergenti, con particolare attenzione alle aree attualmente più calde per quanto riguarda le prospettive di crescita e sviluppo per il 2020 ed oltre: Nord Africa, Turchia, Asia Centrale e Medio Oriente. Verranno analizzate le strategie vincenti ed i settori chiave per le aziende italiane, offrendo strumenti di valutazione e spunti di riflessione verso decisioni di successo. Phil Howarth, Partner di Frost & Sullivan, commenta sulle nuove possibili opportunità di business in Africa: “In un continente che comprende 54 Paesi, 1.1 miliardi di persone, fino a 2000 lingue ed un PIL combinato di 2.47 trilioni di dollari (2014), le opportunità per le aziende di investire in questa regione sono vaste. Gli investimenti diretti esteri in Africa nel 2014 sono ammontati a 55 miliardi di dollari – quasi come il flusso verso la Cina, in rapporto al PIL” “Le maggiori opportunità di crescita risiedono in cinque settori chiave, – continua Howarth. – Con 200 miliardi di dollari di spesa sanitaria annuale nel continente africano, il settore della sanità e medicina rappresenta una miniera d’oro in tutti i suoi ambiti – dalla farmaceutica ai dispositivi medici, dalla sanità privata alle assicurazioni sanitarie. Ottime opportunità di investimento sono inoltre evidenti nel settore dell’energia, come ad esempio nelle funzioni di generazione di energia, trasmissione e distribuzione in diversi paesi africani.” “Affrontare il deficit di infrastrutture in Africa è inoltre stimato a 90 miliardi di dollari di nuovi investimenti all’anno fino a 2025, mentre il settore ICT vedrà particolare espansione non solo nelle infrastrutture, ma anche nei servizi finanziari, nella pubblica amministrazione e nel commercio. Ulteriori opportunità di crescita si trovano nelle industrie dei prodotti chimici, dei materiali, dell’alimentare e nel trattamento delle acque. In tutti questi ambiti, le imprese innovative hanno ottime possibilità di emergere con successo.” Per quanto riguarda gli investimenti italiani in Turchia, Philipp Reuter, Direttore Sud Europa e Turchia di Frost & Sullivan, spiega: “Per l’Italia, la Turchia è sempre stata un punto strategico di ingresso nella regione, grazie ad un’ottima crescita interna, una popolazione ampia, giovane ed orientata al consumo, una forza lavoro qualificata ed istruita, e buoni piani di incentivazione governativa. Negli ultimi anni, abbiamo assistito a molte partnership di successo tra i due Paesi, nonchè investimenti diretti in diversi settori del mercato turco, ed il numero di imprese italiane operanti in Turchia supera oggi le 900 aziende – soprattutto PMI. Ci aspettiamo maggiori opportunità di cooperazione tra Italia e Turchia nei prossimi anni, come ad esempio l’utilizzo della base turca come hub regionale da parte di grandi realtà italiane per una ulteriore espansione verso i mercati dell’Asia Centrale, tra cui l’Iran.”
Reuter continua: “Un accordo commerciale preferenziale è stato di recente siglato tra Turchia ed Iran, per un volume stimato di scambi pari a 30 miliardi di dollari. Si prevede che l’accordo possa in futuro trasformarsi in un accordo di libero scambio, aprendo così un nuovo mercato per prodotti e servizi sia per le aziende turche ed iraniane che per quelle internazionali operanti in Turchia.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Missione in Azerbaigian: SACE, 500 milioni di progetti allo studio

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

SACE partecipa alla Missione del Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi in Azerbaigian e conferma la crescente attenzione verso un mercato a elevato potenziale di business sia per le imprese di dimensioni più grandi che per le Pmi.
“Nel Paese SACE ha allo studio nuove operazioni per oltre 500 milioni di euro destinate a sostenere export e investimenti italiani – ha dichiarato Giovanni Castellaneta, Presidente di SACE –. Un dato che ben esprime il potenziale offerto dall’Azerbaigian e dall’intera regione caucasica che sta diventando un bacino di domanda sempre più importante per merci, macchinari, impianti e know how Made in Italy”.
Driver di queste opportunità sono le abbondanti riserve energetiche di cui il Paese dispone che, insieme alla collocazione geografica strategica, al trend socio-demografico positivo e al contesto operativo sostanzialmente stabile, fanno dell’Azerbaigian un mercato di riferimento fondamentale all’interno della regione caucasica, sebbene l’economia abbia risentito del forte calo dei prezzi del petrolio degli ultimi mesi. Oltre ai giacimenti petroliferi (l’Italia è il maggiore partner commerciale per l’Azerbaigian da cui acquista principalmente greggio), importanti prospettive sono connesse allo sfruttamento dei giacimenti gasieri: quello di Shah Deniz potrebbe diventare la maggiore fonte di approvvigionamento per il gas destinato all’Europa attraverso il progetto TAP (Trans Adriatic Pipeline).
Evidenze confermate anche dall’andamento dell’export italiano. Nel 2014 ha raggiunto i 600 milioni di euro (+15%) trainato dai diversi comparti della meccanica strumentale (soprattutto nelle tecnologie e impianti per l’oil&gas), ma con interessanti performance anche per i settori tradizionali del Made in Italy quali arredamento, tessile & abbigliamento. In prospettiva, le migliori opportunità per le vendite italiane proveranno dai settori agricolo e delle infrastrutture, in cui il governo ha varato un consistente piano di investimenti: rete dei trasporti urbani (metro di Baku) e ferroviari, ma anche infrastrutture sanitarie e per il trattamento delle acque e del suolo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dibattito all’ONU su tolleranza e riconciliazione per sconfiggere la violenza

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

Onu palaceNew York 21 e 22 aprile 2015 l’Assemblea Generale dell’ONU dibatte questioni legate alla “Promozione della tolleranza e della riconciliazione: favorendo società pacifiche, accoglienti e contrastando l’estremismo violento”. Il Dibattito ad Alto Livello al Palazzo di Vetro di New York avviene su iniziativa del Presidente dell’Assemblea Generale Sam Kutesa, del Segretario Generale Ban Ki-moon e dell’Alto Rappresentante dell’Alleanza delle Civiltà Nassir Abdulaziz Al-Nasser. Partecipano i 193 Stati Membri e diversi leader religiosi invitati. Tra questi la presidente dei Focolari Maria Voce.
Il primo giorno dei lavori prevede interventi e un ampio confronto tra i rappresentanti degli Stati Membri. Il secondo giorno sarà incentrato sulle potenzialità della dimensione religiosa, con i contributi di leaders religiosi sul ruolo di gruppi e comunità nella promozione della tolleranza verso le diversità, nel sostegno della libertà di espressione e dei diritti umani e nel consolidamento di istituzioni e prassi sociali e politiche basate sul pluralismo e sulla cooperazione per il bene comune.
Maria Voce è invitata a intervenire come relatore nella tavola rotonda interattiva del secondo giorno. Sarà accompagnata da Ermanno Perotti, italiano nato a Rieti nel 1990, attualmente impegnato in un master in Development Economics. Maria Voce ha voluto la partecipazione anche di un giovane perché «in linea col lavoro che il Movimento dei Focolari fa in unità tra le diverse generazioni, radicato nel presente e guardando al futuro».
Alla tavola rotonda interattiva intervengono anche come relatori Abdallah bin Bayyah, presidente del Forum for Peace in Muslim Societies, David Rosen, direttore internazionale per gli affari interreligiosi del American Jewish Committee, H. H. Samdech Tep Vong, Great Supreme Patriarch of the Kingdom of Cambodia, Beatriz Schulthess, presidente del Indigenous Peoples Ancestral Spiritual Council, Bhai Sahib Mohinder Singh, presidente del Guru Nank Nishkam Sewak Jatha. La moderazione è affidata alla giornalista della BBC Laura Trevelyan.
L’obiettivo del dibattito in programma è di identificare strategie tese a promuovere società pacifiche e inclusive, come radicale alternativa alle forze che alimentano l’estremismo violento. I risultati del dibattito saranno integrati nei contenuti dell’agenda per lo sviluppo per il dopo 2015 – che gli Stati Membri delle Nazioni Unite e altri attori internazionali dovranno formulare – nella quale i temi della tolleranza e della riconciliazione assumeranno un ruolo cruciale.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

APC By Schneider Electric rinnova la gamma dei Back UPS

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2015

Back UPSSchneider Electric presenta Back UPS BX: una linea di prodotti per la protezione dell’alimentazione di tipo entry-level che consente di proteggere PC, router domestici e altre apparecchiature informatiche dai problemi della rete elettrica come black-out improvvisi, cali di tensione o sovratensioni e picchi causati per esempio dai fulmini.La linea Back UPS BX rinnova la storica gamma di UPS entry level di APC by Schneider Electric con sette modelli da 500 VA a 1400 VA, disponibili per l’acquisto presso catene di distributori IT, canale retail e e-tail. La nuova gamma garantisce un tempo di autonomia da 4 a 6 minuti (media al 70% del carico) – sufficiente per salvare i dati e gestire al meglio le applicazioni attive al momento in cui si verifica una temporanea interruzione dell’alimentazione.A partire dal Back UPS BX500CI, con potenza di 500 VA / 300 W, la serie include i nuovi modelli BX700UI (700 VA / 390 W) e BX950UI (950 VA / 480 W), per finire con il nuovo modello BX1400UI che ha una potenza di 1400 VA / 700 W. Per tutti questi modelli (escluso il modello-base BX500CI), esiste la possibilità di scegliere in alternativa le versioni con prese Schuko e di avvalersi del software PowerChute per lo spegnimento automatico dei dispositivi collegati all’UPS e per la gestione dell’alimentazione elettrica. Inoltre, tutti i modelli (escluso il modello-base BX500CI) offrono, oltre alle varie uscite di protezione dell’alimentazione, anche la protezione linea dati.Tutti i modelli sono dotati di AVR (Automatic Voltage Regulation), sistema che protegge gli apparati da sbalzi di tensione prolungati. Questa tecnologia riduce il consumo di energia e prolunga la vita delle batterie, che intervengono solo qualora sia effettivamente necessario. (foto Back UPS)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »