Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 21 aprile 2015

FRA reiterates call for rights-based EU migration policy following latest deaths in Mediterranean

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

Onu palaceAs up to 950 people are feared dead in the latest tragedy in the Mediterranean Sea, FRA reiterates its call for a holistic, fundamental rights-oriented EU migration policy in order to save lives and combat the smugglers that seek to make financial gain out of the desperate situation of people in need of protection.
“Adults and children who were fleeing persecution or simply seeking a better future for themselves or their families are dying in horrific circumstances,” said FRA interim Director Constantinos Manolopoulos. “No single country or organisation can solve this issue alone, and this is why we need to redouble our efforts in the EU to develop a comprehensive migration policy based on solidarity – both with the migrants and with each other.”
With figures from the United Nations High Commissioner for Refugees showing that the number of refugees, asylum seekers and internally displaced people worldwide reached its highest mark since the Second World War, solutions are urgently needed. FRA has argued for a fundamental rights-based approach to border surveillance with greater cooperation between EU Member States and third countries, as well as an increase in the number of legal avenues by which those in need of international protection can reach the EU.In this context, EU Migration, Home Affairs and Citizenship Commissioner Dimitris Avramopoulos said at FRA’s 2014 Fundamental Rights Conference that one of the reasons for so many lost lives is that it is too difficult for people seeking protection to enter the EU legally. A recent FRA paper discusses the lack of legal entry options and proposes ways of increasing access to the EU for people in need of international protection, helping to make the right to asylum set forth in Article 18 of the EU Charter of Fundamental Rights a reality for refugees and other people in need of international protection.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Long-Range Electric Vehicles Set to Gain Popularity Globally, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

royal hotel garden londonLondon on 1st and 2nd July 2015 Future Business Models in Connected and Automated Mobility”, taking place at the House of Lords and the Royal Garden Hotel. The global electric vehicles market has made huge progress, with more than 55 models now available globally. Currently, over 70 percent of the models on the market are battery EVs (BEVs) and approximately 25 percent are plug-in hybrid EVs (PHEVs). Nevertheless, the number of PHEVs is likely to increase over the next three to four years. The market will see greater demand for longer-range vehicles that allow customers to drive up to and past the pure EV range. The BMW i3 sales split between BEV and extended range EVs (eREVs) demonstrates this trend.New analysis from Frost & Sullivan, Strategic Outlook of Global Electric Vehicle Market in 2015 (http://www.frost.com/mad6), finds that EV sale volumes stood at 304,683 units in 2014 and estimates this to reach 466,407 units in 2015. At the end of the year, North America will continue to lead with a market share of 36 percent, followed by Europe and China with a share of 27 and 24 percent respectively. The study covers PHEVs, BEVs, neighbourhood EVs and eREVs.
“Major EV original equipment manufacturers (OEMs) such as BMW (www.bmwgroup.com), Tesla (www.teslamotors.com) and Daimler (www.daimler.com) expect to benefit from incentives and subsidies in China and have thus designed growth strategies to establish themselves firmly in the market,” said Frost & Sullivan Automotive & Transportation Senior Research Analyst Prajyot Sathe. “However, with the annual decrease in incentives by five percent in China, some OEMs are looking at offering alternative technologies such as fuel cell vehicles to qualify for incentives.”Although the EV market is growing in all regions, overall sales have not met the expectations of automakers. Automakers in Europe and North America have not managed to achieve sales targets mainly due to end users’ reluctance to adopt new technologies, the long charging time for vehicles, and the lack of awareness on the benefits of EVs.While sales in the United States EV market have increased by 30 percent from its 2013 level, the number of PHEVs and EVs stand at approximately 162,000 – far from the one-million unit goal for 2015. As part of the strategy to expand sales, automakers are trying to double the energy density of Li-ion technology to improve EV range.“To further boost sales, EV OEMs are focusing on improving accessibility by establishing EV charging networks through partnerships,” noted Sathe. “Tesla, however, is building its proprietary super charging network and has over 120 stations in the US, 75 in Europe and 25 in Asia, where installations are anticipated to double by the end of this year.”
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants.Our “Growth Partnership” supports clients by addressing these opportunities and incorporating two key elements driving visionary innovation: The Integrated Value Proposition and The Partnership Infrastructure.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In the Rush to Stay Ahead of the Curve, Some Automotive OEMs Tend to Bite More Than They Can Chew

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

london-centralLondon, UK According to a survey by What Car? and Warranty Direct Japanese cars are the most reliable, while German premium brands can be found at the bottom of the list. Nevertheless, German OEMs, especially Audi, BMW and Mercedes Benz, the top three premium OEMs, want to be the front-runners in providing state of the art innovations. All three car makers offer more and more innovative features in their vehicles, especially with electronic interfaces or controls to improve safety, convenience and driving dynamics. The system manufacturers generally push the limits of technology to provide an innovative offering, which tends be more complex and may require a span of its life cycle attain sufficient maturity.The need to stay ahead of rivals such as JLR, Infiniti, Acura, Lexus etc. drives German OEMs to introduce innovative technologies that justify the premium price commanded by their vehicles. However, sometimes in the fervent rush to stay ahead of the curve, some OEMs tend to bite more than they can chew. For instance, in the early 2000’s, a German OEM had launched a new type of electrically actuated brake system. After the launch, complaints started pouring in from its customers regarding undesirable braking response. Analysis revealed that software failure led to system malfunction. Thanks to the hydraulic brake fall-back option, drivers and occupants were safe, as no major fatalities were known to be reported.Japanese OEMs are generally fast-followers of innovative features. It is worth noting that even a few Japanese mass market OEMs have faced similar issues with time-tested technologies such as Electronic Power Steering (EPS) and air bags. Irrespective of the make however, OEMs across the globe are making every effort to meet requirements of safety and reliability. With the advent of functional safety and stringent ISO 26262 norms, vehicle are turning out to be more reliable.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tragedie che accadono nel Mar Mediterraneo

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

Mediterranean Sea“Le notizie delle tragedie che accadono nel Mar Mediterraneo – che lasciano dietro di loro centinaia di persone, compresi i bambini, morte o disperse – stanno diventando troppo frequenti e il costo umano troppo alto”.
“Due tragedie in soli due giorni nel Mar Mediterraneo evidenziano la necessità di un’azione rapida, collettiva e coraggiosa. Migliaia di persone hanno intrapreso viaggi disperati verso l’Europa – uomini e donne, a volte intere famiglie, adolescenti e bambini, in cerca di sicurezza e opportunità in Europa – fuggendo dai terribili conflitti di casa loro, come quello in corso in Siria. Almeno 1.600 persone sono morte dall’inizio dell’anno prima ancora di avere messo piede sul suolo europeo”.
“I bambini coinvolti in questi viaggi sono esposti ad abusi, sfruttamento e addirittura alla morte e, se sopravvivono, spesso sono collocati in condizioni non sicure e non idonee e/o criminalizzati. Questo rappresenta una violazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia”.
“Chiediamo che tutte le azioni siano guidate dal superiore interesse di ognuno di questi bambini, in ogni fase della procedura. Non fa differenza se abbiano lo status di rifugiato o siano migranti, i bambini devono essere protetti in un luogo sicuro – e non in un centro di detenzione – e devono avere accesso all’istruzione, alla salute, ai servizi sociali e legali, con la piena attuazione delle misure di salvaguardia esistenti soprattutto per i più vulnerabili”.
“Con l’inizio della stagione calda in Europa, con il numero di migranti in prevedibile aumento, un’azione decisa potrebbe evitare altre morti senza senso. Questo significa: seguire le linee guida esistenti dell’UE per i minorenni non accompagnati, rafforzare le capacità di ricerca e salvataggio per salvare e proteggere le vite, perseguire i trafficanti di esseri umani e affrontare le cause alla radice della migrazione nei paesi di origine – quali i conflitti, la povertà e la discriminazione – per evitare altre tragiche perdite”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tuna fleet setting nets on dolphins not qualified for Friend of the Sea certification

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

Friend-of-the-seaFriend of the Sea has received requests for certification from two major Latin America tuna shipowners whose vessels set nets on dolphins to catch tuna. Audit was not authorized because one of the requirements for Friend of the Sea certification is that the tuna company be also certified Dolphin-Safe by the Earth Island Institute.“Setting nets on Dolphins is a practice which implies use of explosives or paint bombs and speedboats to harass and encircle dolphins,” explains Dr Paolo Bray. “Dolphin mortality is unfortunately still allowed by some nations as part of tuna fishing activity in the Eastern Tropical Pacific. This fishing method has lead to a decimation of dolphins populations. No dolphin-killing fleet will ever be certified Friend of the Sea sustainable.”“While Friend of the Sea has denied certification to these fisheries, other programs seem to consider this practice potentially sustainable and worth evaluation,” concludes Dr Bray “Certification of such a dolphin targeting fishery as sustainable would be misleading for consumers. The certifying eco-label will be associated to a cruel and wasteful fishing practice which has killed millions of dolphins over the years.” Friend of the Sea is an international certification program for products from sustainable fisheries and aquaculture. Over 400 companies in more than 50 countries have relied on Friend of the Sea to assess the sustainability of their seafood origins. Audits, based on best and most updated available scientific data, are run by accredited independent certification bodies.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Bucarest un Simposio internazionale dedicato ai principali temi della cardiologia

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

Bucarest Si intitola “Update in cardiology” il simposio internazionale che si è concluso qualche giorno fa è stato organizzato dall’Università di Medicina e Farmacia Carol Davila di Bucarest e dalla Romanian Society of Cardiology, e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini di Milano (Italia). Nelle tre giornate sono stati trattati i principali temi della cardiologia, come ipertensione, fibrillazione atriale, coronaropatia, scompenso cardiaco, cardiologia interventistica e imaging. Da segnalare nel corso del simposio si svolge la cerimonia di assegnazione per la Laurea Honoris Causa a Louis J. Ignarro, Professore di Farmacologia Molecolare alla University of California a Los Angeles (Stati Uniti) e vincitore del Premio Nobel per la medicina nel 1998.
Poco più di trent’anni fa Luis Ignarro, un biochimico statunitense oggi alla Ucla University di Los Angeles, scoprì che l’ossido nitrico svolgeva nell’organismo un ruolo di mediatore intracellulare. Nel 1998 la scoperta valse a Ignarro il premio Nobel per la Medicina, e oggi il ricercatore è a Bucarest per condividere con i colleghi provenenti da tutto il mondo i progressi e i risultati di oggi. Gli studi clinici si stanno orientando in particolare verso le patologie cardiovascolari. «L’ossido nitrico e l’idrogeno solforato sono coinvolti in numerose malattie cardiovascolari in quanto l’alterazione della loro secrezione, in eccesso oppure in difetto, può determinare effetti patologici oppure portare dei benefici» spiega Ignarro. «In particolare l’ossido nitrico è il mediatore su cui si fonda l’attività di moltissimi farmaci utilizzato in ambito cardiovascolare, tra cui i più conosciuti sono probabilmente i nitroderivati, come la nitroglicerina, e che sono ampiamente utilizzati. Oltre all’ossido nitrico, è interessante il meccanismo d’azione di altri farmaci, il nebivololo, il sildenafil e gli antiossidanti.
In particolare il nebivololo può stimolare l’enzima NO sintetasi dell’endotelio dei vasi a produrre più ossido nitrico; inoltre ossido nitrico e nebivololo esercitano un effetto sinergico protettivo sul sistema cardiovascolare. La dimostrazione che l’’ossido nitrico è un fattore ubiquitario che svolge un importante ruolo nella regolazione di molte funzioni cellulari e nella protezione di tessuti e organi, ha permesso di fare luce anche sull’origine di malattie nelle quali si possono riscontrare difetti nella sua produzione».
cuoreAltro tema importante del simposio è la fibrillazione atriale e la prevenzione dell’ictus grazie alle terapie anticoagulanti. Alla base della discussione lo studio RE-LY e il più recente RELY-ABLE. «I risultati dello studio RELY-ABLE hanno fornito ulteriori dati che, anche nel lungo periodo, supportano il profilo di sicurezza ed efficacia delle terapie anticoagulanti nella prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare» spiega Dragos Vinereanu, docente di Cardiologia allUniversità di Medicina e Farmacia Carol Davila di Bucarest e chairman del simposio. «I dati combinati dello studio RE-LY e RELY-ABLE corrispondono a più di quattro anni di esperienza clinica e forniscono la valutazione più esaustiva dei benefici degli anticoagulanti orali nella prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale».
Lo studio internazionale multicentrico RELY-ABLE ha seguito 5.851 pazienti per un ulteriore periodo di 28 mesi dopo il completamento dello studio RE-LY e ha valutato i benefici nel lungo periodo. I risultati di RELY-ABLE supportano il mantenimento dei benefici nel lungo periodo: frequenza di ictus ischemico 1,15%/anno-1.24%/anno e incidenza di ictus emorragico 0,13%/anno.
«In considerazione del progressivo allungamento della durata della vita i pazienti con fibrillazione atriale hanno la prospettiva di dovere assumere per molti anni il trattamento anticoagulante» prosegue Vinereanu. «A fronte di questo scenario, poter disporre di dati sul lungo periodo costituisce una sicurezza non solo per i pazienti ma anche per il medico curante, considerando che le persone affette da FA possono usufruire dei benefici derivanti da un trattamento protratto a lungo termine».
Nove ictus su dieci associati a fibrillazione atriale sono di natura ischemica, episodi che possono portare a un danno neurologico irreversibile con devastanti conseguenze nel lungo termine come paralisi, disabilità e difficoltà di linguaggio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acido ialuronico in dermatologia

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

Cacido-ialuronico-funzionaon oltre 50 anni di storia alle spalle l’acido ialuronico resta ancora oggi una molecola innovativa che, per le sue caratteristiche di biocompatibiltà, biodegradabilità ed elevato profilo di sicurezza si presta a molteplici usi, dal trattamento di ferite gravi come ulcere, piaghe, piede diabetico, alla dermatologia clinica e, per finire, alle enormi potenzialità rigenerative e riempitive in ambito estetico. L’acido ialuronico sarà proprio al centro del dibattito del workshop organizzato da Fidia Farmaceutici, dal titolo “Dalla ruga alla piaga: attualità e trasversalità di utilizzo dell’acido ialuronico”, in occasione della prima edizione del Congresso Dermocosm Vita Cutis, promosso da Cosmofarma Exhibition 2015 al via da oggi a Bologna, cui prenderanno parte in veste di relatori la Dottoressa Adele Sparavigna, dermatologa, e il dottor Stefano Gasperini, medico e chirurgo.Il processo di invecchiamento della cute dipende da una serie di modificazioni strutturali che hanno origine prevalentemente nel derma, ove si assiste ad una progressiva riduzione di collagene ed elastina e ad una contrazione significativa del tessuto connettivo, costituito principalmente da acido ialuronico (HA). Ciò contribuisce alla comparsa di fragilità ed inestetismi cutanei ma, se all’invecchiamento si associano patologie concomitanti come diabete e obesità, sale la probabilità di sviluppare lesioni e ferite difficili ad elevato rischio di infezione, come piaghe da decubito, ulcere, piede diabetico, che richiedono un approccio terapeutico ad hoc. La scarsa tendenza alla guarigione – parlando di ulcere, il 20% resta aperta dopo 2 anni e l’1,8% delle stesse non risultano guarite dopo 5 anni – e l’alto tasso di recidive (oltre il 60%), determinano un ulteriore aggravamento del problema per le impli­cazioni sia cliniche che sociali.Ne deriva che l’impegno diagnostico e terapeutico richiesto per la gestione di tali patologie risulta piuttosto gravoso, senza contare il considerevole impatto sulla qualità della vita dei pazienti provocato da dolore, ridotta mobilità e produttività, nonché dal dispendio economico.“Oggi però esistono opzioni terapeutiche risolutive a base di acido ialuronico che agiscono sulle lesioni cutanee croniche poiché stimolano la riparazione e la ristrutturazione cutanea e favoriscono la rimarginazione di lesioni, non solo di quelle superficiali. In particolare, le formule topiche a basso peso molecolare (HA 200 kDa), svolgono un ruolo ulteriore di difesa poiché contribuiscono alla proliferazione della defensina, un antimicotico naturale che permette di aumentare le difese endogene[1]. Se inoltre questa formulazione dell’acido ialuronico viene associata a sulfadiazina argentica, i tempi di guarigione si riducono ulteriormente rispetto al solo utilizzo di quest’ultima” – spiega Adele Sparavigna, DermIng, Istituto di Ricerche Cliniche e Bio-Ingegneria – “Considerando le molteplici indicazioni d’uso dell’HA, che a seconda del peso molecolare si lega a recettori specifici svolgendo un ruolo chiave in numerosi processi della fisiologia cutanea, il ruolo del farmacista si rivela fondamentale nel guidare la scelta del paziente verso il prodotto più appropriato e, eventualmente, indirizzandolo ad una visita specialistica qualora non si sia reso conto dell’effettiva gravità delle lesioni o del rischio di infezione che ne può seguire.”Per quanto attiene al processo riparativo, sia che si tratti di “correggere” una ruga, sia che si tratti di guarire una piaga, l’ambiente umido nella riparazione tessutale ricopre un ruolo chiave, come spiega il Dottor Stefano Gasperini: “Quale ‘idroregolatore’ per eccellenza, oggi riconosciamo l’assoluta indispensabilità dell’acido ialuronico verso la guarigione. Le cellule fondamentali cutanee, i cheratinociti, ne sono totalmente contornati. Ma in presenza di una lesione, sia lieve che grave, il cheratinocita migra poiché non correttamente idratato. Se lui “non funziona”, il processo riparativo non avviene, ed è qui che agisce l’acido ialuronico, in tutte le sue molteplici formulazioni”.In qualità di azienda italiana leader a livello mondiale nella ricerca, sviluppo e produzione di prodotti a base di acido ialuronico, Fidia Farmaceutici non poteva mancare a questo importante appuntamento.
“L’acido ialuronico è una molecola dalle proprietà eccellenti, ma è importante sottolineare che il suo impiego non può e non deve essere limitato al settore dermocosmetico. Si tratta di un prodotto altamente versatile in grado di riparare anche i tessuti gravemente danneggiati a causa di lesioni o patologie croniche anche debilitanti. In oltre 50 anni dal lancio del primo prodotto in assoluto a base di acido ialuronico frutto della ricerca di Fidia Farmaceutici, l’Azienda ha sviluppato un expertise di eccellenza che le ha permesso di realizzare prodotti a base di acido ialuronico specifici, efficaci e di qualità, che l’hanno portata ad essere riconosciuta in Italia come all’estero azienda leader nel settore” conclude Giorgio Foresti, Amministratore delegato di Fidia a margine del congresso Dermocosm Vita Cutis.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore del polmone, con nivolumab sopravvivenza superiore rispetto a docetaxel

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

bristolBristol-Myers Squibb ha annunciato che lo studio di fase III, in aperto, randomizzato per valutare nivolumab rispetto a docetaxel in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) non squamoso metastatico, precedentemente trattati, è stato interrotto in anticipo, infatti sulla base della valutazione del Comitato indipendente di monitoraggio dei dati (Data Monitoring Committee) ha raggiunto l’endpoint dimostrando una sopravvivenza globale superiore nei pazienti trattati con nivolumab rispetto a quelli nel braccio di controllo. L’azienda condividerà presto i dati con le autorità sanitarie.
“I risultati dello studio CheckMate -057 con nivolumab dimostrano per la seconda volta un vantaggio in termini di sopravvivenza nel tumore del polmone” ha detto Michael Giordano, senior vice president, Head of Development, Oncology, Bristol-Myers Squibb. “Il nostro programma di sviluppo clinico di nivolumab mira ad offrire al maggior numero di pazienti la possibilità di una sopravvivenza a lungo termine, in diverse linee di terapia e in diversi stadi di malattia”.
Gli sperimentatori che hanno preso parte al CheckMate -057 sono stati informati della decisione di interrompere la fase di confronto dello studio. Bristol-Myers Squibb si è inoltre attivata per permettere che i pazienti eleggibili siano informati della possibilità di proseguire o iniziare il trattamento con nivolumab nell’estensione in aperto dello studio, in linea con l’impegno dell’azienda a consentire ai pazienti l’accesso a nivolumab e offrire la possibilità di una sopravvivenza a lungo termine. L’azienda completerà la valutazione dei dati dello studio CheckMate -057 e lavorerà insieme agli sperimentatori per la presentazione e pubblicazione dei risultati. CheckMate -057 è uno studio randomizzato di fase III, in aperto, di nivolumab vs docetaxel in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) non squamoso metastatico precedentemente trattati. Lo studio ha randomizzato 582 pazienti a ricevere nivolumab (3 mg/kg) per via endovenosa ogni due settimane o docetaxel (75 mg/m2) per via endovenosa ogni tre settimane. L’endpoint primario era la sopravvivenza globale ed endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva e la sopravvivenza libera da progressione. Il tumore del polmone è la principale causa di morte per cancro al mondo e secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è responsabile di più di 1,5 milioni di decessi ogni anno. Il NSCLC è il tumore più frequente del polmone con l’85% circa dei casi. La sopravvivenza varia a seconda dello stadio e del tipo di tumore al momento della diagnosi. Complessivamente, la sopravvivenza a 5 anni per questo tipo di tumore in stadio I è compresa tra il 47% e il 50%, mentre per lo stadio IV sempre a 5 anni scende al 2%.
Chirurgia, radioterapia, chemioterapia o terapie target hanno rappresentato negli ultimi decenni i pilastri del trattamento per il cancro senza che la sopravvivenza a lungo termine e la qualità di vita siano migliorate in molti pazienti con malattia in stadio avanzato.
Per colmare un significativo bisogno clinico insoddisfatto di salute Bristol-Myers Squibb sta guidando il progresso in un campo innovativo della ricerca e del trattamento del cancro noto come immuno-oncologia, che comprende terapie che interagiscono direttamente con il sistema immunitario per combattere il cancro. L’azienda sta esplorando una vasta gamma di molecole e approcci immuno-oncologici in pazienti con diversi tipi di cancro, compresa la ricerca di potenziali combinazioni di terapie immuno-oncologiche che nel trattamento del cancro hanno come bersaglio vie cellulari diverse e complementari.
Siamo dedicati a migliorare la scienza dell’immuno-oncologia con l’obiettivo di modificare le aspettative di sopravvivenza e il modo in cui i pazienti convivono con il tumore.
Nivolumab è un inibitore di checkpoint immunitario di morte programmata (PD)-1 che ha ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense come monoterapia per due tipi di tumori. Il 5 marzo 2015, nivolumab ha ricevuto l’approvazione dalla FDA per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) squamoso metastatico in progressione durante o dopo chemioterapia a base di platino.
Polmonite immuno-mediata
• Con nivolumab, si sono verificate polmoniti o malattie polmonari interstiziali gravi, inclusi casi ad esito fatale. Negli studi clinici, nei 691 pazienti con tumori solidi è stata diagnosticata polmonite immuno-mediata ad esito fatale nello 0,7% (5/691) dei pazienti trattati con nivolumab; nessun caso nello studio 3. Nello studio 3, polmonite immuno-mediata si è manifestata nel 6% (7/117) dei pazienti trattati con nivolumab, che comprendevano 5 casi di grado 3 e due casi di grado 2. È necessario monitorare i pazienti per segni e sintomi di polmonite e somministrare corticosteroidi in caso di polmonite di grado 2 o superiore. Interrompere definitivamente nivolumab se compare una patologia di grado 3 o 4 e sospendere il trattamento fino a risoluzione in caso di grado 2.
Colite immuno-mediata
• Nello studio 3, diarrea si è manifestata nel 21% (24/117) dei pazienti che hanno ricevuto nivolumab. Colite immuno-mediata di grado 3 si è manifestata nello 0,9% (1/117) dei pazienti trattati con nivolumab. È necessario monitorare i pazienti per i sintomi di colite immuno-mediata e somministrare corticosteroidi in caso di colite di grado 2 (della durata superiore a 5 giorni), e di grado 3 o 4. Sospendere il trattamento con nivolumab se compare una patologia di grado 2 o 3 e interrompere definitivamente nivolumab con colite di grado 4 o colite ricorrente dopo la ripresa di nivolumab.
Epatite immuno-mediata
• Nello studio 3, l’incidenza di livelli elevati nei test di funzionalità epatica era 16% per AST, 14% per fosfatasi alcalina, 12% per ALT e 2,7% per bilirubina totale. È necessario monitorare i pazienti per evidenziare test epatici anormali prima e periodicamente durante il trattamento e somministrare corticosteroidi quando si manifestano livelli elevati di transaminasi di grado 2 o superiori. Sospendere nivolumab se compare epatite immuno-mediata di grado 2 e interrompere definitivamente il trattamento in caso di grado 3 o 4.
Nefrite immuno-mediata e disfunzione renale
• Nello studio 3, l’incidenza di livelli elevati di creatinina era pari al 22%. Disfunzione renale immuno-mediata di grado 2 si è manifestata nello 0,9% (1/117) dei pazienti. È necessario monitorare i pazienti con livelli elevati di creatinina nel siero prima e periodicamente durante il trattamento. Se si osservano livelli elevati di creatinina nel siero, di grado 2 o 3, sospendere nivolumab e somministrare corticosteroidi; in caso di peggioramento o di nessun miglioramento interrompere definitivamente il trattamento. Somministrare corticosteroidi ai pazienti con livelli elevati di creatinina nel siero, di grado 4, e interrompere definitivamente nivolumab.
Ipotiroidismo e ipertiroidismo immuno-mediati
• Nello studio 3, ipotiroidismo si è manifestato nel 4,3% (5/117) dei pazienti trattati con nivolumab. Ipertiroidismo si è verificato nell’1,7% (2/117) dei pazienti, incluso un caso di grado 2. È necessario monitorare la funzione tiroidea prima e periodicamente durante il trattamento e somministrare la terapia ormonale sostitutiva per l’ipotiroidismo o iniziare il trattamento medico per il controllo dell’ipertiroidismo.
Altre reazioni avverse immuno-mediate
• Le seguenti reazioni avverse immuno-mediate, clinicamente significative, si sono verificate in meno del 2% dei pazienti trattati con nivolumab: insufficienza surrenale, uveite, pancreatite, paresi del nervo facciale e abducente, demielinizzazione, neuropatia autoimmune, disfunzione motoria e vasculite. In studi clinici con nivolumab, somministrato alle dosi di 3 mg/kg e 10 mg/kg, sono state identificate altre reazioni avverse immuno-mediate, clinicamente significative: ipofisite, chetoacidosi diabetica, ipopituitarismo, sindrome di Guillan-Barré e miastenia. Sulla base della gravità delle reazioni avverse, si consiglia di sospendere nivolumab, somministrare corticosteroidi a dosi elevate e, se appropriato, iniziare la terapia ormonale sostitutiva.
Tossicità embrio-fetale
• Sulla base del meccanismo d’azione, nivolumab potrebbe causare danno al feto quando somministrato alle gestanti. Le donne in gravidanza devono essere informate del potenziale rischio sul feto e a quelle in età fertile deve essere raccomandato di usare metodi contraccettivi efficaci durante il trattamento con nivolumab e per almeno cinque mesi dopo l’ultima assunzione.
Allattamento
• Non è noto se nivolumab sia presente nel latte umano. Poiché molti farmaci, inclusi gli anticorpi, sono escreti nel latte materno e a causa delle possibili reazioni avverse gravi, che possono insorgere nei neonati a causa di nivolumab, deve essere raccomandato alle pazienti di sospendere l’allattamento al seno durante il trattamento.
Reazioni avverse gravi
• Nello studio 3, reazioni avverse gravi si sono manifestate nel 59% dei pazienti trattati con nivolumab. Le reazioni avverse gravi più frequenti descritte in ≥ 2% dei pazienti sono state dispnea, polmonite batterica, esacerbazione della broncopneumopatia cronica ostruttiva, polmonite, ipercalcemia, versamento pleurico, emottisi e dolore.
Reazioni avverse comuni
• Le reazioni avverse più comuni (≥ 20%) riportate con nivolumab nello studio 3 erano affaticamento (50%), dispnea (38%), dolore muscolo-scheletrico (36%), diminuzione dell’appetito (35%), tosse (32%), nausea (29%) e costipazione (24%).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cancro al seno: le terapie mirate offrono nuove modalità di trattamento

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

cancro-al-senoCon 52 farmaci in via di sviluppo, l’uso di una combinazione di terapie mirate aumenterà il tasso di sopravvivenza, secondo Frost & Sullivan. Nonostante la disponibilità di circa 25 farmaci per il trattamento del cancro al seno, sono molte le esigenze ancora non soddisfatte nel mercato globale. Per risolvere questo inconveniente, le aziende farmaceutiche hanno stabilito una robusta pipeline che attualmente comprende circa 52 farmaci in fase di sviluppo. Mentre la chemioterapia rimane la classe di farmaci più importante per il trattamento del cancro al seno, la tendenza verso i farmaci mirati è in aumento. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “A Competitive Analysis of the Global Breast Cancer Therapeutics Market”, ha rilevato che il mercato ha prodotto entrate per circa 10 miliardi di dollari nel 2014 e stima che questa cifra raggiungerà quota 13,38 miliardi di dollari nel 2018. I farmaci per il cancro al seno sono costosi e rappresentano un grosso onere per i pazienti e per le agenzie di assicurazione sanitaria. La mancanza di terapie efficaci, specialmente per il cancro al seno triplo negativo, è un’altra sfida estremamente complessa. “È probabile che l’arrivo sul mercato di una nuova classe di terapie mirate ridefinirà i tassi di sopravvivenza dei pazienti con tumori triplo negativi, – afferma Sriram Radhakrishnan, analista di Frost & Sullivan. – Le terapie mirate basate su inibitori di PARP (poli polimerasi del ADP-ribosio) sono in fase di sviluppo e si prevede che consentiranno di trattare efficacemente i tumori al seno.” Anche se Herceptin e Tykerb sono le uniche terapie mirate disponibili per il cancro al seno, Kadcyla e Perjeta, di recente approvazione, arricchiranno l’offerta di farmaci mirati. I farmaci chiave da tenere d’occhio tra il 2015 e il 2017 sono:
· ABT-888 (Abbvie)
· NeuVax (Galena Biopharma)
· Palbociclib (Pfizer)
· NKTR-102 (Nektar Therapeutics)
· CT-P6 (Celltrion)
“L’attenzione si è spostata verso le modalità terapeutiche combinate, che hanno evidenziato il potenziale di migliorare il tasso di sopravvivenza libera da progressione”, osserva Radhakrishnan. “Anche la combinazione di modalità terapeutiche – terapie mirate insieme alla chemioterapia – potrebbe rendere le cure più accessibili ai pazienti.”
Poiché è probabile che i progressi tecnologici miglioreranno la portata della diagnosi e offriranno un trattamento personalizzato per i pazienti, la gara per la formulazione di terapie efficaci per il cancro al seno è decisamente aperta. Lo studio “A Competitive Analysis of the Global Breast Cancer Therapeutics Market” fa parte del programma Life Sciences Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati a questo argomento sono: “A Product and Pipeline Analysis of the Opioid Therapeutics and Drug Delivery Market”, “A Product and Pipeline Analysis of the Lung Cancer Therapeutics Market”, “A Product and Pipeline Analysis of the Antibacterial Drugs Market” e “Global Oncology Drug Delivery Market”. Tutte le analisi comprese nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie Rare. Audizione Esperti in Commissione Affari Sociali

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

Paola-Binetti“Dal primo pomeriggio, la XII Commissione è impegnata nelle audizioni di esperti in ambito farmaceutico e scientifico, i loro pareri sono fondamentali per l’indagine conoscitiva sulle Malattie Rare”. Lo afferma l’on Binetti, presidente dell’intergruppo Parlamentare per le Malattie Rare. Continua l’esponente centrista: “è un pomeriggio di lavoro molto importante, abbiamo incontrato rappresentanti di Centri per le Malattie Rare, responsabili scientifici di Case farmaceutiche e rappresentanti di Farmindustria e Federchimica Assobiotech. Emergono delle linee comuni anche dalla diversità delle esperienze”. “Le emergenze condivise – conclude il deputato di Area Popolare – riguardano l’assoluta necessità di una diagnosi precoce in tutte le regioni, i bambini non possono essere discriminati in base al luogo di nascita, altro punto fondamentale riguarda la ricerca, servono degli incentivi; infine urge avere centri di eccellenza in rete tra di loro, con una forte interdisciplinarietà. Formazione e informazione debbono fare un salto di qualità. Pediatri e di medici di base devono essere messi in condizione di conoscere e approfondire”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fronte sempre sudata? La tossina botulinica risolve l’iperidrosi alla testa

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

medicina-esteticaAvere sempre le mani bagnate o la fronte madida di sudore non è solamente fonte di grande imbarazzo, ma ostacola profondamente i rapporti sociali. L’iperidrosi è una malattia che colpisce almeno il 4% della popolazione: più diffusa nell’area delle mani, dei piedi e delle ascelle, in alcuni casi interessa anche il capo. «L’iperidrosi alla testa colpisce circa 1 persona ogni 200 ed è più complessa da curare. Diversamente dai casi alle mani o ai piedi, non è possibile intervenire chirurgicamente: oggi la soluzione è nel trattamento con tossina botulinica. Il botulino infatti è in grado di fermare l’iper sudorazione, rappresentando una valida soluzione al problema», spiega Guido Dalla Costa, segretario di AITEB – Associazione italiana Terapia Estetica Botulino, che proprio all’ultimo congresso dell’associazione ha presentato una relazione in materia. «L’iperidrosi della testa interessa prevalentemente il cuoio capelluto, la fronte e il labbro superiore. Se nella stagione fredda può anche essere di più facile sopportazione, con l’innalzarsi delle temperature – a partire all’incirca dal mese di maggio -, comporta una serie di disagi per chi ne soffre». Il continuo asciugarsi la fronte, avere il volto sempre sudato sono i sintomi di grande imbarazzo.«Il trattamento con la tossina botulinica è in grado di risolvere questo tipo di problema: il botulino, se iniettato nell’area corretta, inibisce temporaneamente le ghiandole sudoripare, cancellando il fenomeno dell’iperidrosi», prosegue Dalla Costa. «Trattare però queste zone non è del tutto semplice: siamo davanti ad aree, in particolare il cuoio capelluto, che non è possibile circoscrivere con precisione: l’abilità del medico deve essere quella di individuare esattamente le zone da trattare al fine di risolvere il problema del paziente. In questo caso, il trattamento deve essere preceduto da un’accurata visita e documentato fotograficamente. È necessario anche saper dosare il farmaco non solamente per quanto riguarda la quantità da utilizzare, ma anche la diluizione da preferire». Per esempio, ricorda Dalla Costa: «Il botulino, in funzione delle zone da trattare, a parità di dosaggio può essere diluito diversamente: alta diluizione significa un volume maggiore e una minor concentrazione, ma maggiore diffusione: è questo il caso per il cuoi capelluto; bassa diluizione è indice di volume piccolo, maggiore concentrazione, minore diffusione e quindi maggiore precisione: soluzione preferita per la fronte».«L’analisi dell’area da trattare deve essere effettuata da un medico esperto, che conosca a fondo non solamente la modalità di utilizzo della tossina botulinica, ma anche le tecniche di iniezione. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente un trattamento all’anno in prossimità della stagione più calda per attenuare se non addirittura risolvere il problema dell’iper sudorazione». Conclude il segretario di AITEB: «Questa applicazione della tossina botulinica in campo curativo e non estetico è un ulteriore tassello a favore degli elevati profili di sicurezza del botulino, testimoniati da un’ampia letteratura scientifica».
AITEB (www.aiteb.it). L’Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino è il primo sodalizio di medici chirurghi nato con lo specifico obiettivo di sviluppare le conoscenze in merito all’uso della tossina botulinica in medicina estetica. Scopo di Aiteb è coinvolgere tutti i medici italiani interessati allo sviluppo delle metodiche riguardanti la tossina botulinica in estetica e di diventare un punto di riferimento imprescindibile per i pazienti, la stampa e le autorità sanitarie interessate a questi temi. Aiteb vuole favorire la divulgazione delle conoscenze sulla tossina botulinica per uso estetico; sostenere e incrementare il livello qualitativo nell’impiego della tossina, a beneficio ultimo dei pazienti e dei medici stessi; contribuire alla ricerca e allo sviluppo tecnico e scientifico dell’uso e della terapia con la tossina botulinica; promuovere attività formative sull’utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico, a favore degli operatori del settore; informare su rischi e benefici della terapia con tossina botulinica; promuovere gruppi di studio e di ricerca sull’utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Europa sotto assedio dichiara guerra agli scafisti

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2015

europa-261011-cCome? Arrestando quelli individuati (pochi uno o due) che poi vengono liberati. E tutti gli altri italiani e africani? I giornali di tutto il mondo in prima pagina raccontano il dramma della fuga dalla Libia e la strage nel Mediterraneo ormai diventato il grande cimitero del popolo in fuga. In tutte le lingue si chiede di intervenire per eliminare simili tragedie, anche dall’America di Obama giungono messaggi alla UE per assumere decisioni che riducano simili tragedie .Scene agghiaccianti in un mare gelido . I pochi sopravvissuti si sono salvati aggrappandosi ai morti , mentre gli scafisti, africani e italiani, se la ridono per il grande affare che vale oltre 34 miliardi .Modestamente su queste pagine da oltre due anni denuncio le ragioni di questo fenomeno: fuga dal terrore dei criminali islamici e dalla miseria imposta dai governati locali che perseguono la politica coloniale ( un tempo dell’Occidente ) a vantaggio di pochi e a danno di milioni e milioni di cittadini. Oggi si chiede di affondare le barche prima della partenza , però , “visto che le armi ai terroristi arrivano senza sosta per continuare i massacri, (senza che nessuno ponga freno ) e visto che i governanti padroni continuano a spadroneggiare sulle immense risorse locali per cui è impossibile frenare l’esodo “ sarebbe anche giusto dare la possibilità di salvarsi attraverso mezzi legali “ aerei e navi passeggeri sottraendo il traffico di esseri umani agli scafisti assassini. Il Procuratore della Repubblica di Catania ha avvertito che sono in fuga dalla Libia oltre un milione di profughi . Gli scafisti già informati, liberi cittadini , gioiscono per il grande business e passano alla organizzazione dell’operazione trasporto di quella gente , che pur sapendo il rischio a cui va incontro , preferisce tentare, pur di raggiungere un angolo di salvezza .” (Tonino Saponaro)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »