Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 23 aprile 2015

Driving Dynamics Vastly Influence Car Purchase Decisions in Europe, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

london-centralLONDON Driving dynamics play a huge role in the purchasing decisions of vehicle owners in Europe. While safety and reliability are top priorities, driving dynamics-related capabilities such as manoeuvrability and ride quality rank high in importance among consumers looking to buy a car. New analysis from Frost & Sullivan, European Consumers’ Attitude towards Driving Dynamics Technologies(https://www.frost.com/mabc), finds that urban male customers are willing to pay a higher than average price to upgrade driving dynamics technologies. Women with higher than average income are most often prepared to pay a premium for safety features. “Consumers across car segments agree on the top features required for an improved driving experience,” said Frost & Sullivan Automotive and Transportation Program Manager Prana T Natarajan. “Secure handling, road-holding, and control over braking and steering are significant cogs in the wheel of consumer expectations.”E&F segment car owners value steering handling more than smoothness of drive and powertrain features more than fuel or price. Smaller vehicle segment consumers too show interest in and willingness to pay for all-wheel drive (AWD) functionalities.The inclination to pay drops significantly with the increase in price of steering, suspension and AWD technologies. Most consumers in Europe give more importance to value for money and hence look for optimally-priced solution packages.“Technology providers must deploy appropriate pricing strategies to accelerate adoption rates,” suggested Natarajan. “Bundling is likely to be an effective way for driving dynamics solution suppliers to maximise profits on installed systems and attract potential consumers in Europe.”European Consumers’ Attitude towards Driving Dynamics Technologies is a Customer Research that is part of the Automotive & Transportation (http://www.automotive.frost.com) Growth Partnership Service program. Based on an online survey of 1,824 car owners in Germany, United Kingdom, France and Russia, this study determines consumer perceptions on vehicle driving dynamics and the role of new chassis technologies in improving driving pleasure. The study also evaluates consumer willingness to pay for these features and offers recommendations to original equipment manufacturers and suppliers.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants.Our “Growth Partnership” supports clients by addressing these opportunities and incorporating two key elements driving visionary innovation: The Integrated Value Proposition and The Partnership Infrastructure.The Integrated Value Proposition provides support to our clients throughout all phases of their journey to visionary innovation including: research, analysis, strategy, vision, innovation and implementation.
The Partnership Infrastructure is entirely unique as it constructs the foundation upon which visionary innovation becomes possible. This includes our 360 degree research, comprehensive industry coverage, career best practices as well as our global footprint of more than 40 offices.For more than 50 years, we have been developing growth strategies for the global 1000, emerging businesses, the public sector and the investment community. Is your organisation prepared for the next profound wave of industry convergence, disruptive technologies, increasing competitive intensity, Mega Trends, breakthrough best practices, changing customer dynamics and emerging economies?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Study clears traders failing to deliver for collapse of Lehman Brothers in financial crash

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

university buffalo managementTraders who ‘failed to deliver’ on stock market trades during the 2007-08 financial crash have been cleared of causing the collapse of major financial firms such as AIG, Lehman Brothers and Bear Stearns, according to a new study.After the crash the US Securities and Exchange Commission (SEC) brought in rules to stop aggressive naked short-selling, which can produce many ‘fails to deliver’ (FTDs), as they were blamed in part for the demise of Lehman Brothers – the fourth largest investment bank in the US. A former Under Secretary of Commerce claimed that naked short selling cost investors $1 billion and drove 1,000 companies into the ground.But research from Vikas Raman, of Warwick Business School, Veljko Fotak, of the University of Buffalo School of Management, and Pradeep Yadav, of the University of Oklahoma, found no evidence that FTDs caused the failure of financial firms and found the spikes in the number of FTDs came after the Lehman Brothers and other firms had announced they were in trouble.FTDs occur when the position on a stock can’t be covered, either the short seller can’t afford the shares or they are not available three days after the sale. Naked short-selling – where the short seller bets that a stock’s price will fall without even borrowing the shares before selling them and then looks to cover their positions immediately after the sale – is seen as the main cause of FTDs.Dr Raman said: “Our research found that the spikes in FTD activity came after news about the firms’ financial problems had been announced.“There was an abnormal amount of FTDs during the crash, which you would expect. When there is negative news traders want to short-sell so there would be an increase in FTDs, but when we analysed the data we found they did not precipitate the announcements of the financial firms being in difficulty and the subsequent falls in stock prices.Also, contrary to what has been suggested in the media and by regulators the study found FTDs do not have a detrimental effect on stock markets. It found no evidence that FTDs caused price distortions. In fact the study showed the ability to fail has a beneficial impact on liquidity and the pricing efficiency of equity markets.For samples of both the New York Stock Exchange (NYSE) and NASDAQ, increases in FTDs lead to a reduction in pricing errors, intraday volatility, spreads, and order imbalances.The paper, Fails-to-Deliver-Short Selling, and Market Quality, published in the Journal of Financial Economics saw the researchers analyse 1,492 NYSE stocks over a 42-month period from January 2005 to June 2008. For robustness they also looked at 2,381 NASDAQ ordinary common-share issues over the same period.The researchers’ analysis found that large FTD changes are followed by next day improvements in market liquidity and pricing efficiency. According to the research, FTDs affected about 95 per cent of NYSE securities.Significantly, the research found that despite a strong regulatory focus by the SEC on reducing FTDs this did not have the intended effect and had a detrimental effect on liquidity. While the SEC order banning FTDs arising from naked short sales did lead to a drastic reduction in FTDs, it also led to a significant increase in absolute pricing errors, relative bid-ask spreads, and intraday volatility.Dr Raman added: “FTDs are not really any different in terms of impact on the market, than short-sells that eventually get covered, they bring liquidity and price efficiency, FTDs are doing the same thing.“Yet after the crash FTDs were more or less banned in the US. Our study shows that this regulation is not supported by research, instead a mechanism that helped liquidity and price efficiency has been taken out of the market.”Dr Raman added: “The removal of the ability to fail by the SEC and in other European countries since the crash for all public traders is somewhat debatable. They help liquidity and regulators most important role is to focus on how best to maintain liquidity and transparency in the stock borrowing market. Instead of a virtual ban on FTDs regulators could consider progressive fines for any delays in settling a trade.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

17 maggio, giornata internazionale contro la violenza dell’omo-transfobia

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

parrocchia di valeggio internoParrocchie cattoliche e chiese evangeliche, gruppi di cristiani omosessuali e credenti di buona volontà, italiani e di tutta Europa, a vegliare insieme in preghiera per le vittime della violenza dell’omo-transfobia con le parole del salmo 139 che ci ricorda che Dio ci ha creati “tutti come un prodigio” perché nessuno può arrogarsi il diritto di escludere o uccidere nel suo nome “insegnando dottrine che sono precetti di uomini” (Marco 7,1-13).I volontari del progetto Gionata, in attesa del 17 maggio, hanno chiesto ad alcuni testimoni del nostro tempo di aiutarci a riflettere sul perchè oggi è importante “vegliare contro la violenza dell’omfobia”.
Ha raccolto il nostro invito Donata Testa, scrittrice e madre torinese, che scrive “Girando le città per le presentazioni del mio piccolo libro “Sventola l’aquilone”(Edizioni SUI, 2013), che racconta il coming out di mio figlio e le mie inaspettate difficoltà nell’accettarlo, ho avuto la fortuna terribile di vedere e abbracciare il dolore di uomini e donne di ogni età, di chi si è dichiarato, di chi non lo fa, di chi non è accettato perché si sta trasformando. Ho conosciuto tante persone con la sofferenza messa sul palmo della mano, pronta per essere consegnata, prendila, ascoltami, sembrava mi dicessero. “Ai miei non lo posso dire, non voglio dar loro questo dolore.”;“Regalerò il libro a mia madre ma mio padre non capirà, non vuole capire” …; o al contrario “chi se ne frega della famiglia, abito lontano e mi faccio i fatti miei, e mi diverto” detto e buttato lì, con una certa spavalderia ma dentro la voce, mi ricordo bene, vibrava un suono metallico e duro, un muro d’acciaio tirato su per necessità; … E poi madri che nella notte mi hanno scritto di fretta, d’urgenza “ho letto d’un fiato e sono lì, ero lì con te, abbiamo attraversato lo stesso mare.”E ho visto scivolare lacrime, essere lì, affacciate sul bordo delle ciglia, tante e da molti. Tutte quelle persone con le loro lacerazioni le ho percorse e mi hanno attraversata come una lunga cicatrice. Certe volte penso a quanto sarebbe più facile capirsi se fossero visibili le ferite interne di ciascuno, proveremmo pena, sono sicura, guardando lo spessore di tutte quegli innumerevoli segni, e forse si fermerebbe l’agire cieco, le male parole gettate a vanvera. Invece, nessuno intuisce, nessuno vuol davvero vedere ed essere ciechi ci assolve, ci rende indifferenti. Il dolore che l’altro ha attraversato non si vede, non c’è, inesistente, nullo; vanificato dall’assenza di traccia.
Invece no, e posso dirlo ad alta voce, urlarlo se necessario che c’è fatica e dolore, c’è malanno grave nel rifiuto familiare e sociale al riconoscimento delle differenti identità sessuali. C’è male profondo e profondamente ingiusto, ed è nostro compito, di noi persone tra le persone, riconoscere che è imprescindibile, improrogabile accogliere la preziosa diversità di ognuno e grazie a quella crescere tutti, tutti migliorare un po’…. Ammettere di sbagliare, di non essere capaci, di non sapere, di non conoscere e tacere sono passi importanti. Prediligere la vista e l’udito del cuore, è fondamentale”.
Per il 9° anno consecutivo Veglie e culti domenicali faranno memoria delle vittime dell’omo-transfobia in parrocchie cattoliche e chiese evangeliche, da Palermo a Milano, da Siviglia ad Amsterdam, unendo così città e cammini di fede diversi. L’invito è a unirsi a queste comunità, per essere con loro luce di speranza nella nostra società, nelle nostre chiese, in Italia e nel mondo.
Un invito già rilanciato dal Progetto Gionata, dall’European Forum lgbt Christians Groups e dalla Commissione fede e omosessualità delle chiese Battiste, metodiste e Valdesi e da tante comunità cattoliche e evangeliche che lo hanno fatto loro. E tu cosa farai? Ti unirai a loro. (foto: parrocchia di Valeggio interno)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Accordo per la valorizzazione dell’Area Archeologica Centrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

area archelogica romanaL’Accordo Mibact-Roma Capitale è un atto fondamentale con cui si riconosce la centralità dei beni e dei monumenti prima ancora delle istituzioni che li detengono. Nasce così un nuovo soggetto giuridico che diventerà l’unico interlocutore per cittadini, visitatori, imprese, mecenati. La gestione unitaria, dinamica ed efficiente dell’area archeologica sarà garantita dal ‘Consorzio per i Fori di Roma” a cui Stato e Comune demandano la definizione del Piano strategico di sviluppo culturale e di valorizzazione dell’area.
Il Consorzio sarà retto da un consiglio di amministrazione composto da un Presidente (nominato dal Ministro d’intesa con il Sindaco), dal Soprintendente per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma e dal Sovrintendente Capitolino ai beni culturali. Il Consorzio avrà autonomia finanziaria e, per garantire che le regole di gestione rispondano a principi di efficienza e speditezza,verrà attribuita la carica di Consigliere-delegato al Soprintendente per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica centrale Il Consorzio sarà dotato di risorse iniziali conferite dal Comune e dal Ministero e continuerà ad essere sostenuto fino al raggiungimento dell’autosufficienza dell’equilibrio finanziario da perseguire mediante la ricerca autonoma di finanziamenti, mentre gli introiti dei monumenti gestiti affluiranno direttamente ai rispettivi proprietari.
Il Consorzio provvederà, tra l’altro, alla gestione diretta o indiretta delle attività di valorizzazione dei beni affidati (servizi aggiuntivi), alla organizzazione di mostre, convegni, spettacoli e manifestazioni, alla promozione di studi, ricerche, attività didattiche e divulgative, alla progettazione e realizzazione di percorsi turistici e itinerari di visita, alla promozione dell’adeguamento delle infrastrutture di collegamento all’area archeologica per migliorarne l’accessibilità.
Tutto questo servirà a consolidare l’identità culturale di Roma e a rafforzare la memoria sociale della sua comunità, favorendo la riappropriazione da parte dei cittadini del patrimonio culturale del proprio territorio.
I numeri dell’Area archeologica sono straordinari e senza paragoni considerandone la collocazione al centro del tessuto urbano: 78 ettari di estensione, circa 6,5 milioni di visitatori all’anno, oltre 42 milioni di introiti da biglietteria.
Grazie all’Accordo firmato oggi l’Area archeologica centrale avrà nuove possibilità di sviluppo pur restando il cuore della città antica e della città moderna: uno spazio vitale e vivo, capace di rendere esplicito il senso dei luoghi e dei monumenti, evitando ogni forma di separatezza tra la città moderna e antica.
La sistemazione dell’area archeologica centrale di Roma è da secoli al centro del dibattito culturale, politico e urbanistico. Il primo approccio risale al progetto napoleonico per il Giardino del Campidoglio di Louis-Martin Berthault, al quale seguirono, con l’Unità d’Italia, la legge voluta da Guido Baccelli nel 1887 e i tre piani regolatori del 1873, 1883 e 1909 che prevedevano la realizzazione di un asse di collegamento tra l’area di Piazza Venezia e quella del Colosseo coerente con l’asse viale trasversale di via Cavour, poi effettivamente realizzato con gli sventramenti degli anni Venti e Trenta del Novecento che portarono all’eliminazione del quartiere dei Pantani e di buona parte della Velia con la nascita dell’attuale via dei Fori Imperiali.
Dopo decenni di silenzio e disinteresse, il dibattito si riaccese tra gli anni Settanta e Ottanta, in particolare con le iniziative delle Giunte dei Sindaci Argan, Petroselli e Vetere stimolate dagli allarmi lanciati dall’allora Soprintendente La Regina e da Antonio Cederna riguardo il degrado dei monumenti e dell’intera area archeologica di Roma. Un impulso particolare si ebbe nel 1981 con la legge promossa dall’allora Ministro per i beni culturali e ambientali, Oddo Biasini, non a caso denominata Provvedimenti urgenti per la protezione del patrimonio archeologico di Roma. Da allora si sono succedute numerose e autorevoli commissioni di studio, alle quali si sono affiancati vari progetti di sistemazione dell’area tra i quali si ricordano quelli di Leonardo Benevolo e Vittorio Gregotti.
Ultima in ordine di tempo la commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale presieduta da Giuliano Volpe, che ha consegnato la sua relazione lo scorso 30 dicembre e dei cui lavori è frutto l’accordo odierno.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gioco d’azzardo online

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

azzardo“Nel 2014 la Polizia Postale ha monitorato 55.544 spazi di gioco online, effettuando 49.849 segnalazioni ai Monopoli. Nei primi quattro mesi del 2015, gli spazi monitorati sono stati 2.227, con 2.210 segnalazioni: è un dato che fa riflettere e che dimostra che il gioco online illegale è un fenomeno in aumento”. Come riporta Agipronews, sono i dati presentati dal vicequestore Alessandra Belardini, del Dipartimento della Pubblica sicurezza del Ministero dell’ Interno, Servizio Centrale della Polizia Postale e delle Telecomunicazioni, nel corso del seminario “Ludopatie e gioco d’azzardo patologico nell’era di internet: si può ancora giocare in modo sportivo?”, organizzato dal dipartimento di Studi giuridici dell’Università La Sapienza di Roma. È in questo modo che, spiega Belardini, è possibile creare una “black list” dei siti illegali: “una volta individuato un sito che non rispetta le regole, parte la diffida della Polizia Postale all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per far adeguare il provider entro 30 giorni. Se questo non avviene, scatta la sanzione amministrativa e la chiusura del sito”. La situazione si complica quando si tratta di provider esteri: “In quel caso è necessario intervenire con una rogatoria, ma i tempi si allungano”. Anche se il gioco online è un prodotto facilmente accessibile, “la rete non va demonizzata, perché non crea la dipendenza da gioco. La rete potrebbe solo ingigantire un problema che già esiste”, ha sottolineato il vicequestore. “Purtroppo, però, non sono solo i maggiorenni a giocare: anche i minori sono a rischio dipendenza perché in alcuni casi riescono ad aggirare i blocchi utilizzando account e strumenti di pagamento dei genitori. Ecco perché è importante portare avanti nelle scuole programmi educativi sui rischi dell’azzardo”, ha concluso. MSC/Agipro

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Settimana Europea dell’Immunizzazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

Sanofi Pasteur MSD festeggia la Settimana Europea dell’Immunizzazione (European Immunization Week – EIW), campagna di sensibilizzazione sulle vaccinazioni promossa dal 20 al 25 aprile dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), giunta quest’anno alla sua decima edizione.Per questo importante anniversario, la Settimana Europea dell’Immunizzazione si concentra sulla necessità di un rinnovato impegno per l’immunizzazione a livello politico, immunizationprofessionale e personale e sugli interventi immediati da attuare per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi europei di protezione della salute e prevenzione delle malattie infettive, quest’anno volti, in particolare, all’eliminazione di morbillo e rosolia, al mantenimento dello status polio-free della Regione europea e all’introduzione di nuovi vaccini.La campagna europea 2015 coincide con la più ampia campagna mondiale, il cui slogan è: “Close the immunization gap”, ossia “Colma il divario di immunizzazione”. L’obiettivo è, dunque, veicolare l’urgenza di raggiungere l’equità nei livelli di immunizzazione, come indicato nel Piano d’Azione Globale per i Vaccini (Global Vaccine Action Plan – GVAP), il piano che mira a prevenire milioni di morti entro il 2020 attraverso l’accesso universale ai vaccini per le popolazioni di tutto il mondo. Per l’occasione, Sanofi Pasteur MSD, azienda europea dedicata esclusivamente ai vaccini, realizza in tutta Europa numerose iniziative, facendosi ancora una volta partner delle Organizzazioni Non Governative e delle Autorità Sanitarie nella promozione di una sempre maggiore conoscenza sulle vaccinazioni e sugli importanti benefici che esse sono in grado di offrire, per la salute e per la sostenibilità dei sistemi sanitari.”I vaccini sono ampiamente riconosciuti come uno degli investimenti sanitari più efficienti e siamo chiamati a rispondere collettivamente per colmare il divario di immunizzazione in Europa”, ha affermato il Dott. Jean-Paul Kress, Presidente di Sanofi Pasteur MSD. “Sanofi Pasteur MSD è fortemente impegnata nella partecipazione agli sforzi per un’immunizzazione che possa accompagnare lungo tutto il corso della vita i cittadini europei di tutte le età”, ha aggiunto. “Nonostante la disponibilità di un vaccino sicuro ed efficace in uso per 50 anni, il morbillo rimane una delle principali cause di morte e disabilità tra i bambini”, ha inoltre affermato il Dott. Kress. “Crediamo che gli attori pubblici e privati ​​debbano lavorare insieme per garantire che nessuno soffra o muoia più per una malattia prevenibile mediante la vaccinazione”, ha concluso.”Sanofi Pasteur MSD promuove un programma di immunizzazione forte e sostenibile, offrendo a supporto i più innovativi strumenti in grado di proteggere la vita dei più piccoli e degli adolescenti e di accompagnare gli adulti verso un invecchiamento in buona salute”, ha dichiarato la Dott.ssa Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di Sanofi Pasteur MSD Italia. “Riteniamo che una tale strategia rappresenti un pilastro del sistema sanitario per la salvaguardia della salute e la crescita del Paese. Inoltre – ha aggiunto – facendo seguito al monito dell’OMS, quest’anno Sanofi Pasteur MSD ha deciso di aderire al Measles Elimination Program, nello sforzo di eliminare il morbillo in Europa, obiettivo che l’OMS aveva indicato di raggiungere entro il 2015”.
Nel corso della Settimana Europea dell’Immunizzazione 2015, tutte le affiliate di Sanofi Pasteur MSD e la sua Sede Corporate sono impegnate con gli attori interessati, le società scientifiche e i cittadini in una serie di iniziative volte a porre l’immunizzazione al centro dell’agenda sanitaria europea.In questa cornice, Sanofi Pasteur MSD Italia promuove un importante momento informativo destinato alla sensibilizzazione di pubblico e stampa, con l’obiettivo di lasciare la parola alla verità scientifica – l’unica voce che dovrebbe guidare l’agire di tutti in tema di salute e di cure – attraverso il coinvolgimento attivo di scienziati ed esperti.Con l’iniziativa “I vaccini a piccole dosi”, gli esperti raccontano i vaccini sul portale istituzionale di Sanofi Pasteur MSD (www.spmsd.it). A partire da questa settimana, il sito web ospiterà e via via si popolerà di brevi videointerviste ai rappresentanti della scienza sui benefici delle vaccinazioni, le prospettive di vaccinazione a disposizione per un’efficace immunizzazione che copra tutto l’arco della vita, le strade da intraprendere per sensibilizzare l’opinione pubblica a una corretta conoscenza e all’uso di questo strumento di prevenzione. Sono disponibili ad oggi le interviste alla Prof.ssa Chiara Azzari, Direttore della II Clinica Pediatrica all’Ospedale Meyer, Università di Firenze, al Prof. Paolo Bonanni, Ordinario di Igiene all’Università di Firenze, al Prof. Giancarlo Icardi, Ordinario di Igiene all’Università degli Studi di Genova, e al Dott. Luciano Mariani, Responsabile dell’HPV-UNIT dell’Istituto Nazionale dei Tumori “Regina Elena” di Roma.Visibile, inoltre, l’efficace e creativo Video Tutorial “Come funzionano i vaccini?”, una narrazione per immagini realizzata con la tecnica del fast drawing, concepito per Sanofi Pasteur MSD da Lorenzo Terranera, famoso illustratore e scenografo.”Come ribadito con convinzione dal Ministro Lorenzin, occorre “favorire il confronto tra le Istituzioni, il mondo scientifico, gli organi di stampa e i cittadini in merito agli inappropriati luoghi comuni che in ambito sanitario possono incidere negativamente e pericolosamente sulla salute dei cittadini”. Sanofi Pasteur MSD invita ancora una volta i suoi interlocutori e tutti gli attori del comparto a lavorare insieme, attraverso partnership trasparenti, e con decisione nel supporto di un’informazione che si alimenti di scienza e che si attenga ai dati. Di quali dati parliamo? Secondo l’OMS, soltanto per il periodo 2011-2020, i vaccini sono stati, sono e saranno in grado di salvare 2,5 milioni di vita l’anno. Significa 7 mila vite al giorno, 300 all’ora, 5 al minuto. E nel prossimo futuro, con l’arrivo di nuovi e più efficaci vaccini, questo numero è destinato ad aumentare. Non lasciamo che l’impulso di questa campagna mondiale non si traduca in interventi immediati e reali”, ha concluso Luppi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dimension Data Italia nomina il nuovo BU Manager Data Centre & Security

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

enrico bruneroIn linea con la strategia della società che la vede impegnata in una continua evoluzione per far fronte ai nuovi paradigmi e indirizzare le impellenti sfide in ambito next-generation data centre, cloud e sicurezza, Dimension Data Italia annuncia nuovi cambiamenti all’interno della sua organizzazione nominando Fabio Caravaglios quale BU Manager Data Center & Security e affidando a Enrico Brunero la guida della ITaaS Service Unit.Fabio Caravaglios sarà responsabile dell’intera strategia per le soluzioni Data Centre e Sicurezza, identificando, definendo e guidando le opportunità di crescita ed espansione per tutta la BU. Avrà anche il compito di gestire il portfolio di soluzioni in linea con le strategie e le priorità di business.
La nomina di Caravaglios conferma la volontà di Dimension Data di continuare ad investire in personale competente e qualificato per sostenere l’ambizione del Gruppo di quadruplicare il business dell’area data centre, guidando lo sviluppo nei principali mercati in crescita.Caravaglios approda in Dimension Data Italia dopo un’esperienza decennale maturata in Colt con incarichi di crescente responsabilità, dando prova delle sue capacità di identificare, sviluppare e gestire nuove opportunità di business in ambiti multinazionali, raggiungendo gli obiettivi di crescita in termini di fatturato e rafforzamento dell’offerta. Fabio Caravaglios inizia la sua carriera nel 1993 come Senior Technical Engeneer presso Knight Ridder Financial Area, per poi collaborare con Bridge Information Systems e successivamente in Colt, fino al suo attuale incarico.Dopo cinque anni alla guida della Line of Business for Data Centre Solutions and Cloud Services, Enrico Brunero sarà responsabile dell’ITaaS Service Unit, definendo i piani di business strategici, i programmi e le iniziative di demand generation, focalizzandosi sui clienti Enterprise esistenti e prospect. Inoltre, avrà il compito di avviare e seguire in Italia il OneCloud Channel Programme, selezionando e sviluppando un canale di partner whitelabel (Resellers, System Integrators, Service Providers, Community Providers), fondamentale per diffondere i servizi di Dimension Data e creare, al tempo stesso, maggiore cultura in ambito fabio caravaglioscloud.Enrico Brunero vanta competenze manageriali, nell’area sales, business development e marketing, a livello nazionale e internazionale, maturate con incarichi di crescente responsabilità in aziende multinazionali del settore IT, quali Digital Equipment, Compaq e Sun Microsystems.
Prima di approdare in Dimension Data Italia, Brunero è stato prima partner Sales Manager per il Sud Europa, Medio Oriente e Africa e poi Sales Manager per la divisione File Solutions in Brocade Communications. A queste competenze Brunero affianca un solido background nell’area IT, maturato attraverso un’esperienza decennale in ambito Unix, networking e soluzioni infrastrutturali.
Fondata nel 1983, Dimension Data è un fornitore di servizi e soluzioni ICT e, grazie alle proprie competenze tecnologiche, alla capacità di operare su scala globale ed al proprio orientamento all’innovazione, aiuta ad accelerare le ambizioni di business dei propri clienti.Dimension Data è un’azienda del Gruppo NTT. (foto: enrico brunero, fabio caravaglios)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sclerosi multipla e farmaci. Sperimentare sugli animali?

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

sclerosi_multiplaLa sclerosi multipla (SM) e’ una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale, con deterioramento della guaina mielinica che ricopre le fibre nervose. Gli effetti sono diversi e si puo’ arrivare alla disabilita’ progressiva. Attualmente non esiste una cura risolutiva.Sono allo studio due farmaci (pomate) comuni che possono essere utili nella terapia per la sclerosi multipla. Uno dei due farmaci e’ utilizzato per il trattamento del piede d’atleta, il miconazolo, un antifungino, e un altro per alleviare l’eczema, uno steroide, il clobetasol. In esperimenti su cellule in vitro e su animali precoci, questi due farmaci si sono rivelati utili per la crescita della guaina mielinica.Gli studi sono promettenti ma devono essere ancora approfonditi per arrivare a immettere in commercio questi due farmaci. Il prossimo passo sara’ quello di testare questi trattamenti in studi clinici per stabilire se possono portare benefici reali nel rallentare o fermare la progressione della sclerosi multipla.In Italia ci sono circa 61mila pazienti affetti da SM che colpisce prevalentemente le persone tra i 20 e i 40 anni.Non aspettiamoci risposte immediate alla cura con i due farmaci, ma la strada imboccata promette buoni risultati.L’occasione e’ propizia per parlare di sperimentazione. Dalla coltura di cellule si e’ passati agli animali e, ora, si passera’ a quella clinica, cioe’ sulle persone. Si poteva evitare la sperimentazione sugli animali (che non e’ la vivisezione)? Forse. Il passaggio, allora, dovrebbe essere: coltura di cellule e persone, con i rischi di sperimentare un farmaco sul corpo umano.Una riflessione e’ dovuta. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I libri di Riccardo Alfonso

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2015

Riccardo Alfonso L’Ultima frontiera – Editrice Zephir – Roma pag. 312 . L’avventura scientifica e tecnologica del XX secolo inizia con una grande tragedia con le deflagrazioni delle bombe atomiche a Nagasaki e Hiroshima. Solo in quel momento l’opinione pubblica mondiale si rese conto della nuova realtà. Eppure furono numerosi i segni premonitori. Da qui parte una riflessione dell’autore che ripercorre la storia degli eventi più significativi, e non solo di natura scientifica ma anche sociale e religiosa, che hanno attraversato il XX secolo. Saggistica

Riccardo Alfonso L’altra faccia della vita, Edizioni Fidest – Roma – pag.378. Tutto ruota intorno alla ragione. L’essere umano è stato in grado sino ad ora di perpetuare, oltre i confini della vita, i suoi ricordi. Ma tutte le volte che ha tentato d’esplorare l’ignoto si è lasciato solo prendere da infinite ansi, paure, ciniche elucubrazioni, rigurgiti ascetici. Eppure quella verità “ultima” che ci porta oltre la vita è dentro di noi e tra di noi. Basta guardare nella direzione giusta. Narrativa

La mia storia infinitaRiccardo Alfonso La mia storia infinita, Edizioni Fidest – Roma – pag.170 Questo libro è nato per ricordare le cose più belle della vita. Per un nonno seduto accanto al camino e dei nipoti che lo contornano curiosi ed interessati ai suoi racconti. E’ anche la storia di un’amicizia con un poeta e alla dolcezza dei racconti infantili. Narrativa

Riccardo Alfonso Il prezzo del progresso, Edizioni Fidest – Roma – pag. 194. La storia dell’uomo incomincia forse 500 mila anni fa o forse meno. Due furono i momenti significativi che cambiarono il corso degli eventi: il balzo netto della curva demografica tra il 1750 ed il 1800 e la nuova economia borghese capitalista o altrimenti detta rivoluzione industriale. Tutto ciò po’ spiegare quanto è accaduto nel XX secolo? Storico

Riccardo Alfonso La medicina coniugata al sociale, Edizioni Fidest – Roma – pag. 178 . Perché continuiamo a volere le pensioni di anzianità e vecchiaia? Perché un lavoro a tempo indeterminato? Perché chiediamo sicurezza sociale, ordine pubblico e giustizia? Perché la classe politica continua ad illuderci assicurandoci un cambiamento mentre si guarda bene dal realizzarlo? Forse perché se i mali venissero eliminati e i problemi esistenziali risolti non esisterebbero nemmeno i politici e la politica e ciò, per taluni, è un male peggiore del rimedio. Medicina sociale/welfare

Riccardo Alfonso Le Ombre, Edizioni Fidest – Roma – pag.254 € 13. Le ombre celano, a volte, una realtà che vorremmo sempre presente. Nell’ombra continua a nascondersi un personaggio emblematico che l’autore incontra in lampi di luce sempre più brevi sino scomparire del tutto. Possiamo definirlo un racconto autobiografico? Forse si, forse no. Lasciamo al lettore la decisione finale. Fantascientifico

Il DittatoreRiccardo Alfonso Il Dittatore. Edizioni Fidest – Roma – pag. 180. Un giornalista viene ucciso: E’ Mino Pecorelli. Perché è accaduto? Il fatto permette all’autore di approfondire lo scenario che lo contorna e di prefigurare l’esistenza di un “puparo”. Diventa uno spaccato della vita e dei costumi italiani dal 1945 al 1990. Saggistica

Riccardo Alfonso, Le tre medicine, edizioni Fidest. Roma – pag. 368. L’avventura umana si carica di tre significative componenti: lo spirito, la materia ed i ricordi. Lo spirito accende in noi la sete della ricerca, l’introspezione intimistica che ci avvicina ai valori del trascendente. La materia è nella cura di sè, del modo come ci avviciniamo alla vita, ne assaporiamo i suoi frutti e ci serviamo per lenire gli affanni del corpo. Tra i due momenti, tra queste due pieghe emerge il ricordo, il magico elisir che c’insegna ad amare il passato e a sognare il futuro e a rinfrancarci nei nostri affanni quotidiani. Sono pagine dove è franco il rapporto con la Fede, è altrettanto crudo quello con la medicina ed i suoi lenimenti ed è appassionato allorché i ricordi si addensano e lo lasciano abbacinato. Saggistica

GheddafiRiccardo Alfonso, Muammar Gheddafi – Il prezzo del progresso – Collana editoriale Fidest – pag. 232. La storia incomincia il primo settembre del 1969 con l’operazione Gerusalemme. E’ un altro importante capitolo della storia politica dell’Islam. E’ anche una svolta significativa alla politica occidentale che aveva cercato di sostituire il colonialismo con governi locali autoctoni ma asserviti alla causa capitalistica e ancora peggio ai vari comitati d’affari, sovente di malaffare, e alle multinazionali. E’ una premessa che ci pone un interrogativo: è possibile cambiare la storia dei paesi africani ed asiatici con governi indipendenti e sovrani della volontà popolare o anche rivoluzionari ma guidati da uomini come Gheddafi che hanno saputo garantire l’autonomia del paese dalle tante seduzioni occidentali? Saggio storico

L’eroe e il carnefice, lo spirito ed il corpo. (da un saggio di Riccardo Alfonso) Lo sgomento del principe Arjuna davanti alla prospettiva d’impugnare le armi per uccidere i propri simili in battaglia è allontanato dal dio Krsna che gli appare in sogno e lo esorta a combattere. L’esortazione a tuffarsi nella lotta e ad uccidere senza patemi d’animo è data secondo il principio che tutto è eterno. La lama del giustiziere non distrugge l’immutabile. Può apparire come una implicita esortazione all’omicidio. Noi dunque siamo attraversati da due mondi: quello visibile dei corpi e perituro, e quello invisibile, immanifesto. E’ la stessa divisione del reale affermata da Platone e dall’intera tradizione filosofica dell’occidente e raccolta dal cristianesimo. Dovremmo arguire che l’uccisione è nella natura delle cose, ma significa proprio questo? Vivere vuol dire fare violenza agli altri? No di certo. Occorre cancellare questo falso dalla nostra memoria e partire dal presupposto che non esistono nemici da combattere e da uccidere, in tutte le possibili battaglie della vita: dalle guerre dichiarate, ai conflitti locali, alle contese private. Se non rendiamo universale tale precetto è difficile poter capire che debbano esistere delle eccezioni e che la violenza e il delitto possano avere eroi che osannano il loro trionfo con l’uccisione del nemico.

Cultura e religioni monoteiste, punti d’incontro e di scontro.(Saggio di Riccardo Alfonso edizioni Fidest). Le recenti vicende che in Ucraina hanno messo a nudo i contrasti tra religioni che si richiamano alla comune matrice cristiana: Chiesa d’oriente e d’occidente) rendono attuale un saggio scritto qualche anno fa. L’autore nella sua prefazione scrive, tra l’altro: In un mondo occidentale che perde il senso dei valori assoluti e non riesce più in particolare ad agganciarli ad un Dio signore di tutto, la testimonianza del primato di Dio su ogni cosa e della sua esigenza di giustizia ci fa comprendere i valori storici di coloro che portano con se tale testimonianza. Da qui parte una proposta: E’ necessario che incominciamo dalle scuole da ogni ordine e grado. E’ una cultura dell’informazione e della formazione che va incoraggiata e sostenuta per favorire la conoscenza e la comprensione delle posizioni altrui.

Vite vissute. Storia del XX secolo di Riccardo Alfonso (edizione Fidest pag.148). L’autore traccia un profilo degli eventi di maggiore rilievo che hanno attraversato il XX secolo. I più traumatici oltre alle due grandi guerre sono stati i momenti che li hanno preceduti ed in particolare con l’avvento del fascismo e del nazismo. Ma la storia continua anche dopo. Possiamo dire che il declino del fascismo e del nazismo coincide anche per l’assenza di talenti e per la mancata formazione di una èlite adeguata alle circostanze. Il XX secolo che incomincia con le scoperte di Marconi e di madame Curie, le geniali intuizioni di Einstein, fermi e Fleming, si completa con i sogni d’intere generazioni verso una società migliore e più evoluta.

RicordiRicordi (Riccardo Alfonso, Edizioni Fidest pag. 212) L’opera rientra nel filone della narrativa. E’ la storia ultima della vita. Un vecchio è davanti ad un focolare a scaldarsi. E’ solo. Fuori imperversa la tempesta. Gli spifferi entrano gelidi dalle porte sconnesse e lo fanno rabbrividire. Lo coglie un profondo torpore. In quel momento rivive la sua vita. Ricorda, e le lacrime gli solcano il volto, reso grinzoso ed attraversato da profonde rughe. Ricorda e sorride. Sono gli spaccati di una vita felice, di un amore che gli ha addolcito il cuore. Ricorda ed i suoi occhi si riempiono di furore, per una ingiustizia patita che ancora gli brucia come un tizzone ardente preso involontariamente tra le mani. Sente nelle narici l’odore acre della pelle che brucia e gli scopre la carne.

La crisi delle arti grafiche tradizionali e l’avvento delle nuove tecnologie. Riccardo Alfonso edizioni Fidest. Le nuove tecnologie automatizzate stanno sostituendo del tutto i vecchi metodi. La chiave del successo è costituita dalla possibilità di poter offrire alla clientela nuove soluzioni a prezzi contenuti, con rapidità di esecuzione e con un prodotto finito d’alta risoluzione. Partendo da questo punto l’autore sviluppa il suo discorso prima passando in rassegna le tecniche di stampa tradizionali e poi le nuove applicazioni per l’editoria dei giornali e dei libri ed i loro interfaccia alla carta stampata con i CD ed internet. Si considera, inoltre che le nuove tecniche prevedono la possibilità che tutto il materiale cartaceo, afferente la modulistica aziendale, sia contenuto in dischetti o richiamati sui computer aziendali, di volta in volta, e ciò evita sia l’immagazzinamento di moduli sia la ricerca di spazi adatti e l’invio, di volta in volta, alle dipendenze.

L’aromaterapia di Riccardo Alfonso (edizioni Fidest). Un interessante volumetto è stato dedicato all’analisi e allo studio sugli odori. Sin dall’antichità si conosceva questa cura che utilizza le essenze odorose delle piante. Si distingue dalla fitoterapia che a sua volta usa l’impiego terapeutico delle piante (infusi, estratti, decotti), ma con modalità diverse. I vantaggi che producono gli odori si possono grosso modo indicare in questi quattro punti: 1) gli odori sono più facili da analizzare e da somministrare in dosi precise; 2) si diffondono e sono assorbibili rapidamente dalla pelle; 3) il loro uso è più agevole, sia sotto forma di aerosol sia di gocce; 4) la loro alta concentrazione consente un utilizzo molto modesto del prodotto. Ma di quali proprietà medicinali si tratta? Tanto per cominciare possono sterilizzare utilizzando le loro doti antisettiche, intere colonie batteriche ed inibendo, ove il caso, i loro effetti patogeni. Procurano benefici balsamici all’apparato respiratorio, impediscono la crescita di batteri senza ucciderli (batteriostatici) nelle cistiti e nelle varie infiammazioni urinarie. Sono, inoltre, antispastici, digestivi, antiinflautolenti a livello delle vie digerenti, cicatrizzanti nelle affezioni cutanee, rivulsivi o regressivi per le mialgie, i dolori muscolari e per i dolori articolari. L’aromaterapia ha comunque dei limiti e delle cautele che vanno osservate.

Il villaggio globale di Riccardo Alfonso, edizioni Fidest. Man mano che le tecnologie ci permettono l’accesso a forme di comunicazione più diretta ed in tempo pressoché reale, ciò che era considerato un “villaggio globale”, sposta gli obiettivi su “interpretazioni” sempre più avanzate. E’ l’argomento sviluppato in questa pubblicazione. Su tale filone di considerazioni si cita, tra gli altri, il celebre sociologo canadese Marshall McLuban, allorché attribuì questo termine, diversi anni fa, pensando alla televisione. Oggi questo ruolo di comunicatore privilegiato già appartiene ad altri: è internet. In pochi anni abbiamo creato un mercato di concorrenza perfetta dopo che all’inizio del XX secolo e per decenni, economisti di fama mondiale, lo avevano studiato come un modello teorico per rappresentare un’organizzazione degli scambi dove prezzi e quantità d’ogni transazione fossero istantaneamente noti a tutti i partecipanti e che non vi fossero costi o limitazioni d’entrata e di uscita.

Il trasporto intermodale di Riccardo Alfonso, edizioni fidest. Il punto debole in Italia, e in senso più generale in Europa, è il trasporto delle merci o, per l’esattezza, il trasporto intermodale. Si analizzano in questa pubblicazione sia l’inadeguatezza delle reti viarie stradali, ferroviari, fluviali, marittime ed aeree, nell’ambito nazionale, sia la loro incapacità di collegarsi a livello europeo con un sistema omogeneo di trasporto. Il problema a questo punto sta non solo nel modo come si trasporta ma nella possibilità di effettuare degli scambi senza creare complicazioni. Basta pensare, ad esempio, che la quota del trasporto merci su rotaia in Italia è salito, nel giro di un decennio, dal 9 al 14,2%, ma resta ben poca cosa se pensiamo che nel frattempo registriamo in Francia un 38%, un 28% in Germania ed un 24,2% in Gran Bretagna. Questa situazione diventa sempre più grave in Italia proprio perché le nostre imprese devono fare i conti con una concorrenza internazionale sempre più agguerrita e l’unificazione dei mercati sta già esercitando un ruolo decisivo sui costi aziendali, la mobilità delle merci e, soprattutto, dai risparmi che possono derivarne dai trasporti.

L’uso esperto della ragione, di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. Oggi non vi può essere capacità di comprendere e far fronte a nuove situazioni senza “informazione” o, per meglio dire senza la capacità di muoversi con destrezza nella massa crescente d’informazioni. E’ in buona sostanza quanto sostiene l’autore di questa pubblicazione. E’ stato costruito un modello informativo sempre più esclusivo dove non è facile far circolare le notizie se non attraverso canali ben definiti. Internet oggi sembra l’unico strumento di mandare a gambe all’aria questa struttura monolitica, ma, purtroppo, non è così. L’informazione, in pratica, è soffocata dalla massa delle notizie che circolano. Basti pensare che solo in Italia sono attivi circa 500.000 siti. E’ praticamente impossibile non diciamo visitarli tutti ma anche il loro 10% o ancora meno, diciamo 1%. In questo modo ritornano in auge le corsie preferenziali ed il loro perverso sistema di incanalare un sistema di comunicazione privilegiato rispetto a tutti gli altri.

Rapporti d’interdipendenza Nord-Sud, di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. L’evoluzione dei rapporti d’interdipendenza Nord-Sud sta subendo una sostanziale evoluzione alla luce dei mutamenti della situazione geopolitica di questi ultimi anni. L’autore ha individuato tre direttrici: 1) le vie di comunicazione. Sono ritenute vitali per collegare la produzione al mercato di sbocco; 2) l’informazione. Non vi è dubbio che la formula del successo del sistema Paese passa per la sua capacità di dotarsi di infrastrutture adeguate nella comunicazione elettronica, 3) analisi del progetto di sviluppo. Pensiamo alla lotta contro la povertà, alla integrazione delle economie in via di sviluppo, alla sana gestione dei bilanci, all’attuazione delle riforme economiche e alle economie di scala attraverso la riorganizzazione dei servizi pubblici.

Le reti immateriali, di Riccardo Alfonso, edizioni Fidest. Queste reti sono costituite da migliaia di centri di ricerca, di laboratori d’imprese, di università, d’istituti d’insegnamento superiore, di organismi di formazione e centri di innovazione, sparsi in tutto il mondo. E’ un’armatura intellettuale che l’autore richiama nel suo libro per raccontarcela nei dettagli. Le reti, a loro volta, non escludono il contatto fisico tra i protagonisti. Essi s’incontrano regolarmente nel corso di seminari e di conferenze e in tale ambito colgono l’occasione per migliorare maggiormente l’interconoscenza e per sviluppare nuove idee e nuovi contatti.

La violenza e la risposta delle istituzioni di Riccardo Alfonso edizioni fidest. I recenti fatti di Genova rendono di grande attualità questa pubblicazione edita qualche anno fa. In U.S.A. si uccide legalmente e, del resto, ciò accade anche in altri paesi del mondo, Cina compresa. Le vittime sono, per lo più, criminali che hanno già ucciso altri esseri umani e per ragioni abiette: per gelosia, per sadismo, per stupidità, per cinismo, per amoralità. E’ una lunga scia di sangue che da Caino ad oggi non sembra avere fine. A questo punto ci chiediamo perché impietosirci nei confronti di chi non ha avuto pietà? Perché, d’altro canto, essere alla pari spietati mettendosi sullo stesso piano di chi proditoriamente spezza una vita? Probabilmente non è facile dare ragione agli uni e torto agli altri senza che un “pizzico” di dubbio ci attraversi la mente. E’ proprio sul dubbio che la trama del racconto-verità dell’autore ci conduce su questo sentiero impervio e c’induce a riflettere, forse un po’ di più di quanto non abbiamo già fatto.

Le clausole vessatorie ed il consumatore di Riccardo Alfonso, edizioni fidest. L’autore parte dalla legge n° 52/1996 in attuazione della direttiva Comunitaria 93/11/CEE. Lo fa per analizzare le norme antivessatorie contenute nel disposto legislativo. Esse sono poste a tutela del consumatore quale contraente debole. E’ una sistematica ricerca della nuova e complessa materia e della relativa casistica. Vi è una parte riservata alle diverse possibilità di difesa del consumatore disciplinate dalla legge, compreso il ricorso per la conciliazione extra processuale. Sono dei percorsi non sempre agevoli per il consumatore italiano proprio per la cronica difficoltà in cui si dibatte la giustizia italiana dai processi lunghissimi e che richiedono anche dieci anni di dibattimenti prima di concludersi con una sentenza definitiva.

La crescita della produttività nella new economy di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. Associare il rapido aumento della produttività aziendale con la contestuale introduzione delle tecnologie informatiche e delle comunicazioni (TIC), è un dato di fatto che va, tuttavia, analizzato con la crescita dell’economia nel suo complesso. Perché questo avvenga è necessario che le Tic abbiano il carattere di una tecnologia pervasiva (general purpose technology) per avere la certezza che il suo uso possa generare un aumento più rapido dell’efficienza complessiva del processo economico, ovvero del più elevato tasso di crescita del prodotto potenziale. Non va dimenticato che il mutamento tecnologico ha delle subordinate dipendenti dalla qualità delle politiche che lo accompagnano e da un insieme di altri fattori tra cui la liberalizzazione dei mercati finanziari nazionali e la loro progressiva integrazione internazionale.

Visti da lontano, di Riccardo Alfonso, edizioni Fidest, pag. 140. Non si tratta di un timore riverenziale che l’autore ha per i grandi personaggi visti realmente da…lontano. Roma, d’altra parte, è una grande vetrina dove è facile trovare esposte figure di livello internazionale nei più disparati campi dalla politica all’economia e alle scienze e alla cultura. A volta capita sorprenderli in un ristorantino di Trastevere o seduti al Puff per gustarsi, come tutti gli altri spettatori, le gag in versi di Nando Fiorini. Sono questi spaccati d’intimità dove una celebrità cerca di confondersi tra la gente che non è facile ritrovare nei pranzi ufficiali o negli incontri formali. Il libro vuole essere, in un certo qual modo, la risposta all’incontrario del più famoso libro di Andreotti: Visti da vicino. Chi, ci chiediamo, dei due autori ha colto meglio dell’altro i segreti sentimenti di questi uomini e donne d’eccezione? ma non tutti i personaggi collimano tra i due racconti. Ve ne sono diversi che i “visti da lontano” non compaiono nel libro di Andreotti e viceversa.
Il crollo dell’ideologia come quella marxista-leninista è irreversibile? Di Riccardo Alfonso edizioni Fidest pag.114. E’ una tesi, sostenuta dall’autore sia pure con in fondo un interrogativo, che è ben lungi dall’essere teorica ed ipotetica. In Italia, ad esempio, prospera un buon 5% dell’elettorato italiano che si identifica, sia pure con diverse sfumature, a quella ideologia che ha avuto dal crollo del muro di Berlino una caduta rovinosa e per molti mortale. Se essa resiste, sia pure diventando minoranza nei paesi dove ha prosperato, e riducendosi di molto negli altri, resta la ragione ultima di una lotta sociale per nulla spenta. E’ questo il tema conduttore nel quale si cimenta l’autore.

Non profit. Le origini di una scelta sociale di Riccardo Alfonso “Quaderni fidest). Il tutto è nato negli anni settanta dalla pretesa dello Stato italiano di voler monopolizzare il sociale sbandierando lo slogan “servizi pubblici generali gratuiti”. Come dire niente più assistenza precaria, confessionale, paternalistica. Un concetto in se suggestivo, ma irrealizzabile. E’ una constatazione che non ci rende giustizia perché prova una sola cosa: l’incapacità dello Stato di difendere i diritti dei più deboli ed i suoi sprechi e le sue inefficienze rendono addirittura più grave il rapporto oggi esistente tra lo Stato ed i cittadini. Pensiamo a quella che è l’assistenza sanitaria, dove il dibattito più a la page sembra quello se reintrodurre il ticket per i medicinali oppure no. Per non parlare della giustizia i cui tempi lunghissimi favoriscono solo i benestanti e non certo i poveri che non si possono permettere spese di tale genere e per periodi tanto estesi. E le pensioni dove le mettiamo? Milioni di pensionati vivono, si fa per dire, con assegni inferiori al milione di lire e dovendo pagare, per giunta, fitti che assorbono l’80% delle loro modeste entrate.

Socialismo reale e realtà economica di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. Negli anni a cavallo tra le due guerre mondiali abbiamo governato l’Italia all’egida di un’economia “mista” nella quale era prevalente la mano pubblica e non solo nei settori più importati dell’energia e della finanza. Si pensò ad una nuova filosofia produttiva impostata sull’economia mista sotto il protettorato dello Stato. Per questo motivo, probabilmente, l’esperienza fu, grosso modo, riproposta nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale. Il privato, a sua volta, ne traeva vantaggi sia con l’erogazione a pioggia di contributi a fondo perduto per sostenere le produzioni che non avevano più mercato, ma erano fonte d’occupazione di manodopera, per lo più generica ed altrimenti senza avvenire. Ma la caduta del muro di Berlino, nel 1989, il conseguente crollo del socialismo reale, il trattato di Maastricht, la liberalizzazione dei mercati, la necessità di risanare i conti pubblici usciti fuori quadro per milioni di miliardi, costrinse l’Italia ad un drastico giro di boa. Le imprese fuori mercato furono costrette a chiudere, gli enti pubblici furono ridimensionati e, in taluni casi, ceduti a privati e gli stessi servizi pubblici furono costretti a fare i conti con le aspettative del mercato e con il passo dei tempi nuovi. Siamo così giunti ai tempi nostri. Quale futuro ci attende?

Le bombe che cambiarono il volto del mondo di Riccardo Alfonso Edizioni Fidest. Nel 1945 due furono le atomiche lanciate su altrettante città giapponesi dagli americani: Nagasaki ed Hiroshima. Sono trascorsi 56 anni da allora ma si continua a morire per gli effetti devastanti di quei ordigni. Altre distruzioni, diciamo più convenzionali, le abbiamo avute con i tre giorni di bombardamenti subiti ad Amburgo nel luglio del 1943 allorché rimasero uccise 43.000 persone e a Dresda nel febbraio del 1945 con 135.000 morti. Ma fu l’atomica a segnare l’inizio di un’era diversa. Vi pervenimmo ignorando quasi del tutto gli studi che furono condotti a monte e che videro la partecipazione anche degli italiani. Il richiamo a quegli eventi ci aiuta ad introdurci nella realtà odierna, dove la medicina ci porta alle soglie della vita con la clonazione umana, ma ci rende consapevoli che noi stiamo percorrendo una strada privi di quel bagaglio culturale imposto allora dalle chiusure di una società autoritaria e alla sua preconcetta diffidenza per qualsiasi novità, ed oggi per l’ansia di voler scavalcare ogni limite per raggiungere un primato di potere e non di conoscenza. In effetti esiste un rapporto incompreso tra le meraviglie del progresso e il progresso effettivo della società. Sta a noi, al nostro senso di responsabilità, alla luce della nostra saggezza, comprendere i limiti oltre i quali non vi è la scienza ma l’avidità umana e le sue nequizie.

La sfida del secolo: l’Africa di Riccardo Alfonso Edizioni Fidest (saggio). Il mondo occidentale dovrà, prima o poi, confrontarsi con un continente per nulla alla deriva: L’Africa. Oggi si pensa al contingente: alla sua povertà, in alcuni casi estrema, alle sue risorse naturali, alla capacità di spolparla secondo una logica da neo colonizzatori ma un domani, non molto lontano, le cose cambieranno ed allora cosa accadrà se ci ritroviamo con un paese tenuto troppo a lungo sotto pressione e sfruttato? I numeri ci dicono che i suoi abitanti, secondo una stima di qualche anno fa, sono 763 milioni. Vivono in 53 Paesi su un territorio di 30,4 milioni di Kmq. Oggi 29 milioni di persone in Africa sono a rischio alimentare e 18 milioni di essi sopravvivono grazie agli aiuti internazionali. 250 milioni di poveri sono concentrati nelle regioni a sud del Sahara e vivono con meno di un dollaro al giorno. 25,3 milioni di persone sono colpite da infezione da hiv. Più di 11 milioni di bambini hanno perso entrambi i genitori per causa dell’Aids. 15 mila persone, in media, sono assistite da un solo medico In Burkina Faso il rapporto medico/pazienti è di uno per 57.310. 2,3 milioni sono i profughi presenti nel Continente: vittime di guerre, siccità e carestie. 53,6 milioni di mine sono ancora disseminate sul territorio africano. L’Egitto è il Paese con il maggior numero di ordigni: 23 milioni.

Dopo Marx un altro Marx di Riccardo Alfonso Edizioni Fidest (saggio). Il potere sovietico comunista è crollato e con esso il sistema sociale che lo supportava. Ora i “posteri” si chiedono se questa ideologia, e l’autore si riferisce a quella specifica del marxismo e non del marxismo-leninismo, ha in via definitiva perso il suo ruolo nella storia dell’umanità o se le deformazioni che l’hanno viziata sono quelle che, in effetti sono morte. Il marxismo, per l’autore non è solo un messaggio sociale in chiave laica, ma un richiamo ad una giustizia universale che non ha ricadute, nei nostri rapporti esistenziali, se non temporanee ed accidentali. Allorché un ministro tedesco molto famoso, riferendosi al crollo dell’Urss, ebbe a dire “Marx è morto, Gesù è vivo” possiamo solo obiettare, come fa Johannes Weib che né Gesù è così vitale né Marx è così morto.

La ricerca e la lotta per la verità e la conoscenza di Riccardo Alfonso edizioni Fidest (saggio). L’intelletto ha una vista acuta quanto ai metodi e agli strumenti, ma è cieca quanto ai fini e ai valori. Tuttavia ogni aspetto di questo multiforme scibile umano assume toni e significati diversi a seconda di chi lo manipola: la scienza ha avuto la sua relatività, ma anche la bomba atomica. La filosofia si muove nella realtà di un ambiente temporale immergendosi in un topos tipico di un dibattito ideologico naturale con le enormi potenzialità espresse dai tanti Marx, Nietzsche e Freud. E’ una penetrazione nel mondo scientifico e filosofico fatta nell’ambito del sistema e delle sue categorie intellettuali. Ciò, ovviamente, non esclude l’intimo rapporto con l’uomo, il suo muoversi ai margini della coscienza mondiale, in un messaggio religioso che ritrova la sua continuità dalla virus pagana alla fede rivelata. E’ il tema conduttore di una riflessione di una conoscenza che ci ha portati a sfiorare il mistero ultimo della vita e della morte e che oggi si apre ad un dibattito sempre più serrato.

Le scoperte dell’uomo nella loro ovvietà, di Riccardo Alfonso edizioni Fidest (saggio). La vita dell’uomo sembra oramai dipendere interamente dalla scienza. Il fuoco, la ruota e la nave furono le prime grandi manifestazioni del percorso umano. Dal periodo “babilonese antico” (1800/1600 a.C.) al “seleucidico” (tre secoli prima di Cristo) abbiamo avuto numerose anche se discontinue testimonianze delle scoperte e delle invenzioni che hanno caratterizzato l’impegno dell’essere umano verso una evoluzione ordinata della società. L’autore traccia in questo modo una panoramica sugli eventi più importanti che ci hanno portato alle conoscenze odierne e a distinguere ciò che è stata l’invenzione rispetto alla scoperta. La prima è senza dubbio una conquista intellettuale superiore alla scoperta “elevandosi – a detta degli antichi – alla potenza degli Dei.” Ora dobbiamo chiederci se tutto ciò costituisce un privilegio o un limite, a dispetto del progresso che abbiamo conquistato.

Le guerre del XX secolo di Riccardo Alfonso, Edizioni Fidest. La prima grande guerra mondiale fu in prevalenza un conflitto di posizione coinvolgendo il 6% delle popolazioni nelle azioni belliche. La seconda, invece, fu caratterizzata da truppe in continuo movimento e concorsero a coinvolgere il 90% delle popolazioni degli Stati che furono occupati militarmente. La terza guerra mondiale non scoppiò perché furono tutti consapevoli che avrebbe provocato un genocidio di proporzioni bibliche ed avrebbe reso inabitabile gran parte della terra. Lelio Basso, negli anni sessanta, fece una distinzione tra le guerre. Per lui erano solo di due tipi: borghesi ed anti-coloniali. Nel primo caso egli fece rientrare le due grandi guerre. Esse mandarono al macello milioni di esseri umani “per ideali che non comprendevano, e che in realtà nascondevano interessi di casta.” Nel secondo tipo di guerra vi sono popoli che insorgono per avere finalmente libertà, giustizia, diritto alla propria identità ed autonomia. L’autore, a questo punto, giunge ad una diversa riflessione: le guerre sono guerre e la loro illegittimità prevale sui motivi che potrebbero essere nobili e che albergano a monte. Le guerre, in altre parole, sono il frutto di un imbarbarimento della cultura civile e democratica dei popoli. E’ la loro mancanza al dialogo che spinge gli uni contro gli altri e non è solo il frutto di chi si pone in posizioni conflittuali nei confronti del suo prossimo. E’ quella cultura della guerra che noi abbiamo ereditato dal nostro passato e che ancora oggi non riusciamo a scrollarci di dosso. E’ nella nostra natura predatoria che offende l’intelligenza e la saggezza dell’homo novus.

Vita di campagna. L’agriturismo tra il vecchio ed il nuovo di Riccardo Alfonso, edizioni Fidest. Scrive il cittadino Mauriac pensando alla campagna: “Ciò che spaventa della vita in campagna è quell’essere esposti senza riparo alla pioggia, al fango, alla neve, alla notte. La vita di città sfugge ai fenomeni atmosferici. Il suo ritmo non dipende dalla meteorologia. In campagna, preda del maltempo, il cittadino scopre di essere un animale inadatto a vivere. Come vivere? Come potrà resistere il pensiero, diciamo la coscienza, su questo globo inondato, ghiacciato, tenebroso?” Sono parole che, qualche anno fa, faceva sorridere ai cittadini che si tuffavano nella vita di campagna, quindici giorni all’anno e d’estate o al più a giugno o a settembre. Ora un po’ meno considerato che l’agriturismo ha avuto una certa evoluzione recettiva ed incomincia ad adattarsi alle comodità cittadine: piscine, campi di tennis, sauna ecc. E’ un peccato. Bernardelli ci ricorda che il tempo della campagna è quella della vita nascosta: ci ha insegnato a crescere, ci ha insegnato a conoscere noi stessi. Nella nostra anima di adolescenti segregati, mortificati, pensosi ha ammesso il senso misterioso della durata, il fremito inavvertito dei grandi paesaggi, la delicatezza della meditazione e ci ha preparati a morire.” E’ la memoria – per Bernardelli – il sussurro della cima di un albero, un’ombra di nuvole nel cielo del mattino, è lo struggimento di quell’esistenza di allora, piena di affanno, di desiderio, di rinuncia. La campagna è come una malattia, isola il fanciullo e l’artista in una solitudine miracolosa. Dobbiamo avere anche di questa “percezione” un amaro rimpianto?

Le privatizzazione nell’Europa dell’Est di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. L’Europa dell’Est è uscita di recente dal socialismo reale delle “economie pianificate” per immergersi in una nuova e non certo meno traumatica esperienza. Si è partiti da una ragnatela d’intrecci tra grandi imprese statali inefficienti. I programmi di riforma imposti dalle mutate condizioni politiche e di conduzione economica hanno attivato un profondo processo di trasformazione della proprietà. Questo perché una semplice apertura alla concorrenza non sarebbe stata sufficiente per eliminare legami così duraturi ed obbligare le aziende a basarsi solo sulle proprie risorse. Il primo aspetto è costituito dalle profonde lacune strutturali ed infrastrutturali che affliggono quest’area. Ad esse si associa il debole ruolo delle istituzioni che concorrono a rendere più difficile il trapasso da un sistema all’altro. Vi è poi un percorso suscettibile d’inquinamenti malavitosi, da spregiudicati arrampicatori sociali e da politici corrotti. Da qui partono alcune riflessioni ed indicazioni formulate dall’autore mentre l’UE preme per una unificazione che appare ai più difficile da realizzare in tempi brevi se non si sanano in via preliminare e permanente le tante contraddizioni esistenti.

Lo stato sociale U.E. di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. L’idea basilare posta nel testo dall’autore è che la nuova politica sociale non può fondarsi sul presupposto che il progresso sociale debba essere sacrificato al rilancio della competitività economica, perché l’Europa deve gran parte della sua influenza e della sua forza alla capacità di combinare la creazione di ricchezza e lo sviluppo del benessere e della libertà al valore delle sue risorse umane e che esse hanno priorità su tutto. Tuttavia non sembra chiaro il ruolo che la Comunità intende svolgere per una politica innovativa dello stato sociale. Non è vincolando l’età minima lavorativa ai 40 anni ed ai relativi contributi che si possono creare le premesse per una società innovativa. Bisogna pensare qualcosa d’altro. Da qui parte una proposta. Appare rivoluzionaria perché non fissa più confini d’età per il pensionamento, perché fa addirittura sparire questa parola. Perché si afferma la convinzione che bisogna riscrivere regole nuove per affrontare il nuovo che si prospetta.

Ricordi di fede di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. E’ una storia che si richiama ad un episodio della vita dell’autore e al suo primo incontro con Padre Pio, alla sua indifferenza prima e alle sue emozioni poi. Alla religiosità del padre e del suo essere “figlio spirituale” del frate beato. L’amicizia del padre con il cappuccino risaliva agli anni che precedettero la grande guerra. Li univa, forse, l’essere stati coetanei, profondamente religiosi ed amanti della verità e della giustizia. Morirono ad un anno di distanza. Sono questi i ricordi che generano forza e costanza. Sono impressi dal ricordo dei propri cari e delle persone dal grande carisma e che si riverberano in noi, per non cadere nella disperazione.

Le nuove guerre di Riccardo Alfonso edizioni fidest. Le recenti vicende di Genova in occasione del G8 hanno dato attualità ad una pubblicazione scritta qualche anno fa. la caduta del muro di Berlino ha fatto cadere del tutto il pericolo di una guerra globale che il XX secolo ci aveva abituati e che la guerra fredda aveva trasformato in una possibile catastrofe nucleare. Ora le guerre sono regionali, ma tendono ad essere esportate per coinvolgere gli altri governi ed i loro cittadini. Così arriviamo alle guerriglie urbane dove vi sono dei veri e propri commandos internazionali con persone provenienti dai più disparati e lontani paesi per misurarsi su tematiche non sempre comprese ed accettate ma che si trasformano in un terreno di scontro da terra bruciata.
Le clausole vessatorie ed il consumatore di Riccardo Alfonso, edizioni fidest. L’autore parte dalla legge n° 52/1996 in attuazione della direttiva Comunitaria 93/11/CEE. Lo fa per analizzare le norme antivessatorie contenute nel disposto legislativo. Esse sono poste a tutela del consumatore quale contraente debole. E’ una sistematica ricerca della nuova e complessa materia e della relativa casistica. Vi è una parte riservata alle diverse possibilità di difesa del consumatore disciplinate dalla legge, compreso il ricorso per la conciliazione extra processuale. Sono dei percorsi non sempre agevoli per il consumatore italiano proprio per la cronica difficoltà in cui si dibatte la giustizia italiana dai processi lunghissimi e che richiedono anche dieci anni di dibattimenti prima di concludersi con una sentenza definitiva.

Il villaggio globale di Riccardo Alfonso, edizioni Fidest. Man mano che le tecnologie ci permettono l’accesso a forme di comunicazione più diretta ed in tempo pressoché reale, ciò che era considerato un “villaggio globale”, sposta gli obiettivi su “interpretazioni” sempre più avanzate. E’ l’argomento sviluppato in questa pubblicazione. Su tale filone di considerazioni si cita, tra gli altri, il celebre sociologo canadese Marshall McLuban, allorché attribuì questo termine, diversi anni fa, pensando alla televisione. Oggi questo ruolo di comunicatore privilegiato già appartiene ad altri: è internet. In pochi anni abbiamo creato un mercato di concorrenza perfetta dopo che all’inizio del XX secolo e per decenni, economisti di fama mondiale, lo avevano studiato come un modello teorico per rappresentare un’organizzazione degli scambi dove prezzi e quantità d’ogni transazione fossero istantaneamente noti a tutti i partecipanti e che non vi fossero costi o limitazioni d’entrata e di uscita.

L’uso esperto della ragione, di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. Oggi non vi può essere capacità di comprendere e far fronte a nuove situazioni senza “informazione” o, per meglio dire senza la capacità di muoversi con destrezza nella massa crescente d’informazioni. E’ in buona sostanza quanto sostiene l’autore di questa pubblicazione. E’ stato costruito un modello informativo sempre più esclusivo dove non è facile far circolare le notizie se non attraverso canali ben definiti. Internet oggi sembra l’unico strumento di mandare a gambe all’aria questa struttura monolitica, ma, purtroppo, non è così. L’informazione, in pratica, è soffocata dalla massa delle notizie che circolano. Basti pensare che solo in Italia sono attivi circa 500.000 siti. E’ praticamente impossibile non diciamo visitarli tutti ma anche il loro 10% o ancora meno, diciamo 1%. In questo modo ritornano in auge le corsie preferenziali ed il loro perverso sistema di incanalare un sistema di comunicazione privilegiato rispetto a tutti gli altri.

Rapporti d’interdipendenza Nord-Sud, di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. L’evoluzione dei rapporti d’interdipendenza Nord-Sud sta subendo una sostanziale evoluzione alla luce dei mutamenti della situazione geopolitica di questi ultimi anni. L’autore ha individuato tre direttrici: 1) le vie di comunicazione. Sono ritenute vitali per collegare la produzione al mercato di sbocco; 2) l’informazione. Non vi è dubbio che la formula del successo del sistema Paese passa per la sua capacità di dotarsi di infrastrutture adeguate nella comunicazione elettronica, 3) analisi del progetto di sviluppo. Pensiamo alla lotta contro la povertà, alla integrazione delle economie in via di sviluppo, alla sana gestione dei bilanci, all’attuazione delle riforme economiche e alle economie di scala attraverso la riorganizzazione dei servizi pubblici.

Le condizioni dell’anziano in Italia. (dalle dispense della Fidest curate da Riccardo Alfonso, pag.108). Prendendo lo spunto dalla recente relazione biennale al parlamento sulla condizione dell’anziano in Italia e dalle ricerche condotte dal Centro Studi sul welfare in Italia, la Fidest ha inteso elaborare un rapporto analitico sullo stato dell’anziano e sull’attenzione che sino ad oggi le autorità italiane e comunitarie vi hanno prestato. E’ un fenomeno sociale che lo Stato non sembra volersi assumere alcun carico. Ancora adesso la cura degli anziani è delegata quasi esclusivamente ai familiari, essendo molto poco frequente, a differenza degli altri paesi europei, l’istituzionalizzazione dell’anziano. Proprio per questo motivo le relazioni all’interno della famiglia assumono una rilevanza particolare. La terza e la quarta età sono, infatti, le età dal ritiro dal lavoro, le età in cui è più facile rimanere soli dopo la morte del proprio compagno o compagna di vita, le età in cui si avverte fortemente il bisogno di aiuto mentre la famiglia che ospita l’anziano è spesso distratta da altri impegni: lavoro, educazione dei fili, domestici ecc.

La terra dei padri. L’agriturismo è uno dei tanti strumenti possibili per risollevare le sordi di una agricoltura depressa. Scrive il cittadino Mauriac pensando alla campagna: “Ciò che spaventa della vita in campagna è quell’essere esposti senza riparo alla pioggia, al fango, alla neve, alla notte. La vita di città sfugge ai fenomeni atmosferici. Il suo ritmo non dipende dalla meteorologia. In campagna, preda del maltempo, il cittadino scopre di essere un animale inadatto a vivere. Come vivere? Come potrà resistere il pensiero, diciamo la coscienza, su questo globo inondato, ghiacciato, tenebroso?” Sono parole che, qualche anno fa, faceva sorridere ai cittadini che si tuffavano nella vita di campagna, quindici giorni all’anno e d’estate o al più a giugno o a settembre. Ora un po’ meno considerato che l’agriturismo ha avuto una certa evoluzione recettiva ed incomincia ad adattarsi alle comodità cittadine: piscine, campi di tennis, sauna ecc. E’ un peccato. Bernardelli ci ricorda che il tempo della campagna è quella della vita nascosta: ci ha insegnato a crescere, ci ha insegnato a conoscere noi stessi. Nella nostra anima di adolescenti segregati, mortificati, pensosi ha ammesso il senso misterioso della durata, il fremito inavvertito dei grandi paesaggi, la delicatezza della meditazione e ci ha preparati a morire.” E’ la memoria – per Bernardelli – il sussurro della cima di un albero, un’ombra di nuvole nel cielo del mattino, è lo struggimento di quell’esistenza di allora, piena di affanno, di desiderio, di rinuncia. La campagna è come una malattia, isola il fanciullo e l’artista in una solitudine miracolosa. Dobbiamo avere anche di questa “percezione” un amaro rimpianto? Forse perché la terra appartiene solo ai nostri padri?

Le privatizzazione nell’Europa dell’Est di Riccardo Alfonso edizioni Fidest. L’Europa dell’Est è uscita di recente dal socialismo reale delle “economie pianificate” per immergersi in una nuova e non certo meno traumatica esperienza. Si è partiti da una ragnatela d’intrecci tra grandi imprese statali inefficienti. I programmi di riforma imposti dalle mutate condizioni politiche e di conduzione economica hanno attivato un profondo processo di trasformazione della proprietà. Questo perché una semplice apertura alla concorrenza non sarebbe stata sufficiente per eliminare legami così duraturi ed obbligare le aziende a basarsi solo sulle proprie risorse. Il primo aspetto è costituito dalle profonde lacune strutturali ed infrastrutturali che affliggono quest’area. Ad esse si associa il debole ruolo delle istituzioni che concorrono a rendere più difficile il trapasso da un sistema all’altro. Vi è poi un percorso suscettibile d’inquinamenti malavitosi, da spregiudicati arrampicatori sociali e da politici corrotti. Da qui partono alcune riflessioni ed indicazioni formulate dall’autore mentre l’UE preme per una unificazione che appare ai più difficile da realizzare in tempi brevi se non si sanano in via preliminare e permanente le tante contraddizioni esistenti.

Questa è solo una piccola parte degli oltre 150 libri dello stesso autore in parte visibili su Amazon. E potremmo dire non finisce qui se si pensa che è un ghost writer che viene dal XX secolo e continua a scrivere nel XXI anche per gli altri autori.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »