Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 29 aprile 2015

PIMCO Names Former Fed Chairman Ben Bernanke To Serve As

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

Newport_BeachNEWPORT BEACH, California – PIMCO, a leading global investment management firm, announced that Dr. Ben Bernanke, former Chairman of the Federal Reserve, will serve as a senior advisor to the firm, contributing his economic expertise and insights to the firm’s investment process and periodically engaging PIMCO’s clients. “We are honored to have Dr. Bernanke serve as an advisor to PIMCO, and look forward to benefitting from his extraordinary knowledge and expertise to help us add value for our clients. His unrivalled experience in navigating the global economy through the Financial Crisis will provide PIMCO’s investment professionals with unique insights as we help our clients amidst a challenging and uncertain period for global markets in coming years,” said Douglas Hodge, PIMCO’s Chief Executive Officer. “During his recent participation in two of our quarterly economic forums Dr. Bernanke provided significant insights about global macroeconomic issues and monetary policy, and we are confident that our ongoing relationship with him will further enhance our robust investment process,” said Daniel Ivascyn, PIMCO’s Group Chief Investment Officer. “I am delighted to work together with PIMCO’s strong team of investment professionals and contribute to its investment process in my role as an advisor to the firm,” said Dr. Bernanke. About PIMCO PIMCO is a leading global investment management firm, with 13 offices in 12 countries throughout North America, Europe and Asia. Founded in 1971, PIMCO offers a wide range of innovative solutions to help millions of investors worldwide meet their needs. Our goal is to provide attractive returns while maintaining a strong culture of risk management and long-term discipline. PIMCO is owned by Allianz S.E., a leading global diversified financial services provider. Except for the historical information and discussions contained herein, statements contained in this news release constitute forward-looking statements within the meaning of the Private Securities Litigation Reform Act of 1995. These statements may involve a number of risks, uncertainties and other factors that could cause actual results to differ materially, including the performance of financial markets, the investment performance of PIMCO’s sponsored investment products and separately managed accounts, general economic conditions, future acquisitions, competitive conditions and government regulations, including changes in tax laws. Readers should carefully consider such factors. Further, such forward-looking statements speak only on the date at which such statements are made. PIMCO undertakes no obligation to update any forward-looking statements to reflect events or circumstances after the date of such statements.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Predicting a company’s stock return, through trade credit links

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

lisbonaAccording to new research from Saïd Business School, Oxford and Católica Lisbon Business School, businesses that extend high levels of trade credit to their customers and engage in foreign sales have stock returns that are strongly predictable based on the stock returns of their associated international customers. This means that firms that extend high levels of trade credit may be more vulnerable to shocks to their customers, especially during financial crises.Sumudu W. Watugala said: ‘The implications of these findings are that during a financial crisis, investors and policy makers should monitor the economic links between supplier and customer firms across countries, especially the use of trade credit. Extending high levels of trade credit may make firms more vulnerable to shocks to their customers. This paper sheds light on a source of firm risk that may lead to cross-border financial contagion.’Trade credit, or the credit extended by suppliers to their customers, represents a significant source of financing for many firms. In the study, the use of trade credit was measured via the relative levels of accounts receivables on a firm’s balance sheet. Financing with trade credit is particularly important for firms that are bank credit-constrained or operate in emerging markets with underdeveloped legal systems and capital markets.The findings were launched in a publication in the Journal of Financial Economics titled, ‘Trade Credit and Cross-Country Predictable Firm Returns’ which was authored by Professor Tarun Ramadorai and Sumudu W. Watugala at Saïd Business School, University of Oxford, and Professor Rui Albuquerque, Boston University and Católica Lisbon.During financial crises, stock market movements across the globe appear synchronised. To explain this observation, many have highlighted the role of direct economic links. Recent domestic evidence from the US shows that economic links not only explain contemporaneous correlations between firms’ stock returns, but also provide useful information for predicting future firm-level stock returns. The paper specifically focuses on the role of an important economic connection between suppliers and customers that leads to return predictability across borders.The report analysed data from 43 countries from 1993 to 2009 and the authors developed an asset pricing model to better understand the effect in which firms in different countries are connected by trade credit links. Suppliers who extend trade credit have an implicit stake in the future prospects of their customers. The model offers further predictions about this phenomenon, for which the authors find empirical evidence, including stronger predictability during periods of high credit constraints and low uninformed trading volume.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migration: Parliament calls for urgent measures to save lives

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

labour-migrationThe EU should do everything possible to prevent further loss of life at sea, e.g. by expanding the mandate of “Triton” operation in the Mediterranean to include “search and rescue operations at EU level” and by setting up “a robust and permanent humanitarian European rescue operation, which, like Mare Nostrum, would operate on the high seas”, says a resolution voted by Parliament on Wednesday. MEPs also call for a binding quota for distributing asylum seekers among all EU countries, bigger contributions to resettlement programmes, better cooperation with third countries and tougher measures against people smugglers.Parliament urges the EU and its member states to establish a clear mandate for Triton, “so as to expand its area of operation and increase its mandate for search and rescue operations at EU level” (Triton is coordinated by the EU border agency Frontex and currently extends only 30 nautical miles from the Italian coastline).The EU and its member states should ensure that “search and rescue obligations are effectively fulfilled”, stresses the resolution, which was approved by 449 votes to 130, with 93 abstentions.Parliament calls for “a robust and permanent humanitarian European rescue operation, which, like Mare Nostrum, would operate on the high seas and to which all member states would contribute financially and with equipment and assets”. MEPs urge the EU to co-fund such an operation.EU countries should also continue to show solidarity and commitment by stepping up their contributions to the budgets and operations of Frontex and the European Asylum Support Office (EASO), MEPs add. Parliament also undertakes to provide these agencies with the resources (human and equipment) needed to fulfil their obligations “through the EU budget and its relevant funds”.Parliament regrets that the 23 April European Council did not pledge to set up a binding EU-wide solidarity mechanism. To respond to the latest tragedies in the Mediterranean with “solidarity and fair sharing of responsibility”, MEPs say that:the European Commission should establish a “binding quota” for distributing asylum seekers among all EU countries,member states should make full use of existing possibilities for issuing humanitarian visas and seriously consider whether to trigger the 2001 Temporary Protection Directive or Article 78(3) of the TFEU (both foresee a solidarity mechanism in the event of mass and sudden inflows of displaced persons),EU countries should make greater contributions to existing resettlement programmes, and the Common European Asylum System rules should be rapidly and fully transposed into national law and implemented by all participating member states.
The resolution calls for closer coordination of EU and member state policies in tackling the root causes of migration and more cooperation with partner countries in the Middle East and Africa.It also calls for the strongest possible criminal sanctions against human trafficking and smuggling and urges member states and EU agencies to work more closely to detect and trace these criminal networks’ funding and identify their modus operandi, so as to prevent them from making money by putting migrants’ lives at risk.The purpose of this resolution is to respond to the recent tragic events in the Mediterranean, to the European Council conclusions of 23 April 2015 and to propose a set of urgent measures to be taken immediately. The Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee is currently drafting a report which will reflect Parliament’s medium- and longer-term policy orientations on migration.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migrazione: Parlamento chiede un sistema vincolante di quote per la ripartizione dei richiedenti asilo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

rifugiati sirianiRefugees on a boat on the Mediterranean Sea between North Africa and Sicily who are being rescued by the Italian Navy I deputati chiedono di aggiungere le operazioni di ricerca e soccorso al mandato di Triton – ©BELGA/dpa/Italian Navy L’UE dovrebbe fare tutto il possibile per evitare ulteriori perdite di vite umane in mare, a esempio ampliando il mandato dell’operazione “Triton” per includere anche “le operazioni di ricerca e soccorso a livello di UE”, dice una risoluzione non vincolante votata dal Parlamento mercoledì. I deputati chiedono inoltre alla Commissione di fissare una quota vincolante per la ripartizione dei richiedenti asilo tra tutti gli Stati membri e più finanziamenti ai programmi di reinsediamento.I deputati invitano l’UE e i suoi Stati membri “a definire un mandato chiaro per Triton, in modo da ampliarne l’ambito di intervento e il mandato per le operazioni di ricerca e soccorso a livello di UE” (attualmente, Triton è coordinato dall’agenzia UE Frontex e la sua missione si estende fino a 30 miglia nautiche dalle coste italiane).Gli Stati membri dovrebbero “fare tutto il possibile per identificare i corpi e le persone scomparse” e “fornire le risorse necessarie a garantire che gli obblighi di ricerca e soccorso siano di fatto rispettati”, incluso un aumento di fondi per Frontex e l’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO), si afferma nel testo approvato con 449 voti a favore, 130 contrari e 93 astensioni.Il Parlamento inoltre chiede che “sia messa a punto un’operazione umanitaria europea di ricerca, solida e permanente, che, come Mare Nostrum, sia operativa in alto mare e alla quale contribuiscano tutti gli Stati membri sia con risorse finanziarie che con attrezzature e mezzi” e sollecita l’UE a cofinanziare tale operazione.Il Parlamento deplora che il Consiglio europeo del 23 aprile non si sia impegnano per istituire un meccanismo vincolante di solidarietà in tutta l’UE. Per rispondere alle recenti tragedie nel Mediterraneo con “solidarietà e equa ripartizione della responsabilità”, i deputati affermano che:
la Commissione europea dovrebbe fissare una “quota vincolante” per la ripartizione dei richiedenti asilo tra tutti i paesi UE,gli Stati membri dovrebbero utilizzare appieno le possibilità esistenti per il rilascio dei visti umanitari e prendere in seria considerazione la possibilità di applicare la direttiva del 2001 sulla protezione temporanea oppure l’articolo 78, paragrafo 3, TFUE, i quali prevedono entrambi un meccanismo di solidarietà in caso di afflusso massiccio e improvviso di sfollati, i paesi dell’Unione europea dovrebbero fornire un maggiore contributo ai programmi di reinsediamento esistenti,le regole del sistema europeo comune di asilo devono essere rapidamente e integralmente recepite nel diritto nazionale e attuate da tutti gli Stati membri partecipanti.La risoluzione chiede un più stretto coordinamento delle politiche dell’UE e degli Stati membri nell’affrontare le cause all’origine della migrazione e una maggiore cooperazione con i paesi partner in Medio Oriente e in Africa.Chiede anche sanzioni penali il più possibile severe contro la tratta di esseri umani e il traffico di migranti ed esorta gli Stati membri e le agenzie dell’UE a collaborare più strettamente per individuare e tracciare il finanziamento di queste reti criminali e identificare il loro modus operandi, per impedire loro di arricchirsi mettendo a repentaglio la vita dei migranti.L’operazione congiunta “Triton”, coordinata da Frontex, è pienamente operativa dal 1° novembre 2014, dispone di una dotazione iniziale di 2,9 milioni di euro mensili, a fronte degli oltre 9 milioni di euro mensili che erano a disposizione di Mare Nostrum. Dall’avvio di “Triton”, sono stati soccorsi lungo la rotta del Mediterraneo centrale più di 24.400 migranti irregolari, dei quali circa 7.860 con il concorso di risorse cofinanziate da Frontex.La commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento sta preparando una proposta di risoluzione per una strategia UE sulla migrazione per il medio e il lungo termine.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sacchetti di plastica: nuove norme per ridurne l’utilizzo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

sacchetti plasticaSecondo le nuove norme in votazione martedì in Parlamento, i Paesi dell’UE dovranno ridurre drasticamente l’uso dei sacchetti di plastica più comuni e più inquinanti.La relatrice ha dichiarato che il Parlamento ha accettato la sua raccomandazione in seconda lettura che conferma l’accordo con il Consiglio dei Ministri dello scorso novembre.”Questa legislazione creerà una vera e propria situazione favorevole per tutti”, ha detto Margrete Auken (Verdi/ALE, DK), relatrice per il provvedimento. “Stiamo parlando di un problema ambientale immenso. Miliardi di sacchetti di plastica finiscono direttamente in natura come rifiuti non trattati. Danneggiano la natura, i pesci, gli uccelli, e dobbiamo fare i conti con tutto ciò”, ha aggiunto, dopo che il Parlamento ha accettato la proposta di raccomandazione per la seconda lettura che conferma l’accordo raggiunto con il Consiglio dei ministri nel novembre dello scorso anno.”La Commissione europea ha detto che i paesi dovrebbero affrontare la questione da soli, ma in realtà non lo stanno facendo! Si potrebbero risparmiare 740 milioni di euro l’anno, secondo i calcoli della Commissione “, ha aggiunto la relatrice.Gli Stati membri dell’UE saranno in grado di scegliere se:adottare misure per ridurre il consumo medio annuo di sacchetti di plastica a 90 sacchetti leggeri per cittadino entro il 2019 e a 40 entro il 2025;oppure, garantire che, entro il 2018, i sacchetti leggeri non siano più forniti ai consumatori a titolo gratuito.Inoltre, la Commissione europea è tenuta a valutare e proporre misure adeguate per l’impatto ambientale delle materie plastiche oxo-biodegradabili che si frammentano in piccole particelle. Entro il 2017, la Commissione dovrà proporre l’etichettatura e la marcatura per un riconoscimento a livello europeo dei sacchetti di plastica biodegradabili e compostabili.I sacchetti di plastica leggeri più sottili di 50 micron – ossia la stragrande maggioranza dei sacchetti di plastica utilizzati nell’UE – sono meno riutilizzabili rispetto ai modelli più spessi e diventano rifiuti più rapidamente. Sono quindi più soggetti a disperdersi nell’ambiente e a inquinare gravemente i corsi d’acqua e gli ecosistemi acquatici.Si stima che nel 2010 ogni cittadino europeo abbia utilizzato 198 sacchetti di plastica, di cui circa il 90% in materiale leggero. Il consumo dei sacchetti di plastica è destinato a crescere ulteriormente e, inoltre, i dati raccolti suggeriscono che, nel 2010, oltre 8 miliardi di sacchetti di plastica siano diventati rifiuti.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli editori europei lanciano una petizione online in difesa del diritto d’autore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

20 Più libri più liberi 2009 foto MatteoMignanill mondo del libro italiano si mobilita a difesa del diritto d’autore, sostenendo la petizione online promossa dalla Federazione Europea degli editori (FEP) – di cui l’Associazione Italina Editori (AIE) fa parte – in collaborazione con European Newspaper Publishers Association (ENPA), European Publishers Council (EPC) e European Magazine and Media Association (EMMA).
Editori, autori, lettori possono così sostenere anche in Italia la campagna #CopyrightForFreedom, a tutela del diritto d’autore e della libertà di espressione: “La campagna – ha dichiarato Marco Polillo, presidente di AIE – nasce per coinvolgere l’opinione pubblica e il mondo del libro, dei quotidiani e dei periodici e riaffermare il diritto alla libertà d’espressione e la necessità di tutelare il diritto d’autore. Si vuole evidenziare il legame, storicamente evidente e attuale ancor oggi, tra diritto d’autore e libertà di espressione, proprio perché l’indipendenza economica degli autori –e degli editori- è garanzia di indipendenza e libertà. E’ tempo di far sentire, uniti, la nostra voce”. L’appello è rivolto alle istituzioni europee perché sostengano il diritto d’autore come mezzo per promuovere la creatività europea e la libertà di espressione. La FEP chiama a raccolta tutti – autori, lettori, librai – con un’iniziativa che nasce in un momento delicato per il diritto d’autore: è iniziato il dibattito su un’ipotesi di revisione della direttiva europea sul tema. È in discussione al Parlamento europeo un rapporto preparato da Julia Reda, del Partito Pirata tedesco e che rappresenta una summa delle posizioni anti-copyright europee.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un miliardo di euro nel 2015 per l’Iniziativa per l’occupazione giovanile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

parlamento europeoLe modifiche alle regole del Fondo sociale europeo (FSE) approvate mercoledì dal Parlamento prevedono lo stanziamento nel 2015 di un miliardo di euro di finanziamenti UE per aiutare gli Stati membri a inserire nel mondo del lavoro fino a 650.000 giovani. L’iniziativa per l’occupazione giovanile dell’UE contribuisce ai finanziamenti dell’FSE negli Stati membri con regioni dove la disoccupazione giovanile supera il 25%.La proposta della Commissione è stata approvata senza emendamenti con 632 voti favorevoli, 30 contrari e 31 astensioni.
“Siamo in corsa contro il tempo e l’Europa sta accelerando sull’occupazione giovanile La sfida era quella di raggiungere un accordo ampio e condiviso in un tempo record -. e quando siamo determinati, l’UE è efficace” ha dichiarato la relatrice Elisabeth Morin-Chartier (PPE, FR).Il numero di giovani tra i 15 e i 25 anni di età che non sono impiegati, o che non proseguono gli studi o la formazione, è in crescita in modo allarmante, soprattutto negli Stati membri che incontrano maggiori difficoltà a rientrare nel finanziamento di altri programmi comunitari. Anticipare lo stanziamento dei fondi può quindi essere di grande aiuto, dicono i deputati.Per il periodo 2014-2020, il finanziamento dell’Iniziativa per l’occupazione giovanile (YEI) è pari a 3,2 miliardi di euro, che saranno accompagnati da almeno altri 3,2 miliardi di euro in stanziamenti nazionali provenienti dall’FSE. Nel febbraio di quest’anno, la Commissione europea aveva approvato 28 dei 34 programmi operativi YEI, ognuno dei quali potrebbe ricevere fino a un terzo degli stanziamenti totali previsti per il 2014-2020, non appena le norme modificate entreranno in vigore.Il miliardo di euro in finanziamenti per l’Iniziativa per l’occupazione giovanile, che sarà a disposizione quest’anno, aumenterà il tasso di pre-finanziamento nel suo stanziamento di bilancio del 2015 dall’1-1,5% fino al 30% Ma non si tratta di nuovi finanziamenti, in quanto i fondi erano già stati previsti.Gli Stati membri saranno così in grado di avviare i progetti di cui hanno bisogno, ma le operazioni dell’Iniziativa per l’occupazione giovanile dovranno essere attuate entro la fine del 2018. Il progresso sul campo, nei primi anni, sarà cruciale per il successo globale dell’iniziativa.I paesi che beneficiano dell’iniziativa sono il Belgio, la Bulgaria, la Croazia, Cipro, la Repubblica Ceca, la Francia, la Grecia, l’Ungheria, l’Irlanda, l’Italia, la Lettonia, la Lituania, la Polonia, il Portogallo, la Romania, la Slovacchia, la Slovenia, la Spagna, la Svezia e il Regno Unito.
Le modifiche devono ora essere approvate dal Consiglio dei Ministri, e avranno effetto il giorno successivo alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento chiede di indicare il contenuto calorico delle bevande alcoliche sulle etichette

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

parlamento europeoIl Parlamento, in una risoluzione approvata mercoledì, chiede alla Commissione di presentare una proposta per introdurre un’etichettatura su contenuto calorico per bevande alcoliche al più tardi nel 2016. I deputati chiedono anche una nuova strategia UE in materia di alcol, che si concentri sul consumo di alcol da parte dei minori e propongono di inserire, sempre sulle etichette dei prodotti, informazioni su rischi della guida in stato di ebbrezza e consumo durante la gravidanza.I deputati invitano la Commissione europea a “avviare immediatamente i lavori sulla nuova strategia UE in materia di alcol (2016-2022)”, in modo da assistere i governi nazionali nell’affrontare i danni legati al consumo di alcol.Nella risoluzione approvata mercoledì per alzata di mano, i deputati ricordano che la strategia dovrebbe includere la raccolta di dati affidabili, l’incoraggiamento alla prevenzione e al trattamento, la riduzione degli incidenti causati da guida in stato di ebbrezza e l’analisi dei diversi modelli di consumo di alcol.La Commissione europea dovrebbe valutare se l’obbligo di fornire ai consumatori le informazioni sugli ingredienti e sul contenuto nutrizionale dovrebbe essere applicato anche alle bevande alcoliche.Il contenuto calorico delle bevande alcoliche dovrebbe essere chiaramente indicato e la Commissione dovrebbe presentare una proposta legislativa in tal senso entro la fine del 2016 al più tardi.I deputati chiedono alla Commissione di prendere in considerazione anche un’etichettatura comune in tutta l’UE per informare i bevitori sui pericoli causati dalla guida in stato di ebbrezza e per scoraggiare le donne in gravidanza a consumare alcol.
I deputati esortano gli Stati membri a intensificare gli sforzi per tutelare i giovani mediante l’applicazione della legislazione sui limiti di età e raccomandano di monitorare la pubblicità sugli alcolici e i suoi effetti sui giovani e di adottare misure idonee per limitare la loro esposizione.MEPs urge EU member states to step up efforts to protect young people by strictly enforcing legislation on the age limit (AM9), and recommend that they monitor the effects of alcohol advertising on young people and limit their exposure (40). Members States should also consider measures against the sale of very cheap alcohol (39).La Commissione dovrebbe affrontare anche il tema delle vendite transfrontaliere di alcol via Internet. Gli Stati membri dovrebbero anche lanciare campagne di sensibilizzazione in merito ai pericoli del binge drinking, destinate soprattutto ai minori e intensificare gli sforzi per ridurre gli incidenti stradali legati alla guida in stato di ebbrezza.L’abuso di alcol è la seconda causa di malattia collegata allo stile di vita in alcuni Stati membri dell’UE e la dipendenza dall’alcol è un fattore di rischio per oltre 60 malattie croniche, tra cui la malattia alcolica del fegato (ALD), le pancreatiti croniche legate all’alcol e quasi tutte le altre malattie dell’apparato digerente, il cancro, il diabete, le malattie cardiovascolari, l’obesità, i disturbi dello spettro fetale legati all’alcol (FASD) e alcuni disordini neuropsichiatrici come la dipendenza da alcol.L’abuso di alcol causa 3,3 milioni di morti premature ogni anno in tutto il mondo, pari al 5,9% del totale. Nella fascia di età 20-39 anni, circa il 25% di tutti i decessi possono essere attribuiti all’abuso di alcol. Questi decessi sono spesso dovuti a incidenti, atti violenti o malattie del fegato.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alleanza Contro l’Epatite nasce dalla volontà di FIRE Onlus – Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia – ed EpaC

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 aprile 2015

epatite COnlus – Associazione di pazienti epatopatici. L’obiettivo comune è quello di attuare anche in Italia i contenuti della Risoluzione OMS WHA 63.18 del 21 maggio 2010, che ha riconosciuto per la prima volta l’epatite virale come un problema sanitario di impatto globale.
In Italia, le epatiti virali costituiscono una vera e propria emergenza sanitaria, soprattutto l’epatite C. Dati ISTAT 2008 riferiti al contesto nazionale indicano più di 20.000 decessi/anno a causa di epatite cronica, cirrosi o tumore del fegato, evidenziando l’impatto che l’epatite ha sul Sistema Sanitario Nazionale, sulla società e sulle famiglie italiane, sui singoli individui affetti da epatite e dalle sue terribili complicanze.Alleanza Contro l’Epatite ha messo a punto un manifesto di 10 punti che ritiene prioritari per ridurre il peso sociale ed economico delle epatiti virali in Italia. Per dare forza alle nostre richieste chiediamo a tutti di leggere e sottoscrivere il nostro manifesto.Ad oggi il lavoro di Alleanza Contro l’Epatite ha già ottenuto i primi importanti risultati, tra cui:la formalizzazione della Celebrazione Italiana della Giornata Mondiale delle Epatiti in data 29 novembre;l’attivazione del Gruppo di Lavoro per la Prevenzione delle Epatiti presso il Ministero della Salute, con lo scopo di individuare ed implementare strategie condivise e coerenti con le indicazioni fornite dall’OMS in merito alla prevenzione delle epatiti;tramite contributo e consulenza di EpaC e AISF, l’approvazione della rimborsabilità dei nuovi farmaci ad azione diretta anti-HCV genotipo 1 nella prima seduta di discussione del Comitato Prezzi e Rimborso di AIFA. Alcune Regioni hanno già emesso le delibere sulle modalità di erogazione della triplice terapia. Nella pagina dedicata sono indicate le delibere e i centri identificati, che verranno aggiornati non appena saranno resi disponibili.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »