Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 30 aprile 2015

181,000 sq ft warehouse heated with Mark Radiant panels

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

climate_changeMark Climate Technology radiant panels are heating Total E&P UK Limited’s 181,000 square feet warehouse facility at Aberdeen Gateway business park.With this new facility Total E&P UK Limited consolidates its existing warehouse facilities at Gateway. Since early 2013 Mark Climate Technology worked on this project locally with the Engineering Designer Atelier Ten and Services Contractor Richard Irvin to optimize the heating solution for the customer.Mark Infra Aqua Eco radiant panels are a practical and energy efficient option for multifunctional and versatile warehouse facilities which store all kinds of oil and chemical materials. Their insensitivity for explosion risk also make them a very safe solution.Additional advantages are: low energy consumption and maintenance costs, no dust spread and no lost space. Hot water radiant heating has become a very popular heating solution in Europe. Mark Climate Technology has delivered radiant heating systems for schools, sport facilities, industrial and commercial buildings.
Total is a leading energy player on the international stage, and the fifth-largest publicly-traded integrated international oil and gas company in the world. Almost 100,000 Total employees leverage their knowledge and expertise to discover, produce, refine and convert oil and gas into products and services for customers worldwide. Total is also developing energies that can partner oil and gas — today, solar energy and tomorrow, biomass fuels.
Since 1945 Mark Climate Technology (www.markclimate.com) has been manufacturer of climate control equipment: air heating, radiant heating, ventilation equipment and air handling units. Mark Climate Technology is based in Groningen (the Netherlands) and, together with branches in Ireland, Germany, Belgium, Poland and Romania, serves the whole of Europe. (photo: MarkInfra)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Air pollution costs European economies US$ 1.6 trillion a year in diseases and deaths, new WHO study says

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

Copenhagen-docks and Haifa. A staggering US$ 1.6 trillion is the economic cost of the approximate 600 000 premature deaths and of the diseases caused by air pollution in the WHO European Region in 2010, according to the first-ever study of these costs conducted for the Region. The amount is nearly equivalent to one tenth of the gross domestic product (GDP) of the entire European Union in 2013.The new study was published today by the WHO Regional Office for Europe and the Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD) as a 3-day high-level meeting on environment and health in Europe opens. Over 200 representatives from European countries and international and nongovernmental organizations gather in Haifa, Israel, on 28–30 April 2015 to look at achievements, gaps and challenges and set future priorities.”Curbing the health effects of air pollution pays dividends. The evidence we have provides decision-makers across the whole of government with a compelling reason to act. If different sectors come together on this, we not only save more lives but also achieve results that are worth astounding amounts of money,” says Dr Zsuzsanna Jakab, WHO Regional Director for Europe. “Cross-sectoral work is the backbone of the environment and health process, which was initiated 26 years ago, and it is even more relevant today in the discussions taking place at this meeting in Haifa.”Economic cost of the health impact of air pollution in Europe is the first assessment of the economic burden of deaths and diseases resulting from outdoor and indoor air pollution in the 53 countries of the Region.The economic cost of deaths alone accounts for over US$ 1.4 trillion. Adding another 10% to this, as the cost of diseases from air pollution, results in a total of almost US$ 1.6 trillion. In no less than 10 of the 53 countries of the Region, this cost is at or above 20% of national GDP (see Annex for data by country). The study uses the methodology applied in a 2014 report by OECD and makes the calculations based on the most recent economic estimates of the health impacts of air pollution.The economic value of deaths and diseases due to air pollution – US$ 1 600 000 000 000 – corresponds to the amount societies are willing to pay to avoid these deaths and diseases with necessary interventions. In these calculations, a value is attached to each death and disease, independent of the age of the person and which varies according to the national economic context.
Over 90% of citizens in the Region are exposed to annual levels of outdoor fine particulate matter that are above WHO’s air quality guidelines. This accounted for 482 000 premature deaths in 2012 from heart and respiratory diseases, blood vessel conditions and strokes, and lung cancer. In the same year, indoor air pollution resulted in an additional 117 200 premature deaths, five times more in low- and middle-income countries than in high-income countries.”Reducing air pollution has become a top political priority. Air quality will be a key theme at the next Environment for Europe Ministerial Conference in Georgia in 2016”, says Mr Christian Friis Bach, Executive Secretary of the United Nations Economic Commission for Europe (UNECE). “Fifty-one countries are today finding joint solutions in the framework of the UNECE Convention on Long-range Transboundary Air Pollution. This work must be strengthened to reduce air pollution even further and extended to more countries and to other regions.””About 2500 people are estimated to die in Israel annually as a result of exposure to air pollutants. The main source of air pollution is transportation, mainly in major city centres,” says Mr Ofir Akunis, Deputy Minister of Environmental Protection and Member of Knesset (Parliament) for Israel. “Since 2011, the Ministry of Environmental Protection’s Clean Air Law regulates pollutants from major sources such as transport, industry and energy in accordance with the most stringent standards. The Ministry aims to use all available resources to reduce air pollution, as this means saving the lives of thousands of people, as well as billions to the Israeli economy”.
Improving environment and health in Europe: how far have we gotten?The cost of the health impacts of air pollution is only one of many studies that will provide evidence on the environmental impacts on health to be released at the Haifa meeting.Another new report, Improving environment and health in Europe: how far have we gotten? jointly published by WHO and UNECE, informs that one in four Europeans still falls sick or dies prematurely from environmental pollution. Data from several surveys in priority thematic areas such as water and sanitation, air quality, the day-to-day surroundings of children’s lives, chemicals and asbestos, climate change and health inequalities all show that while progress has been remarkable, it has been uneven.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fighting fraud: EU public prosecutor must be fully independent, MEPs say

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

european commissionThe European Public Prosecutor to be named to fight fraud against the EU budget and help retrieve taxpayers’ money must be fully independent and democratically accountable, MEPs stress in a draft resolution voted by Parliament on Wednesday. The resolution takes stock of the ongoing talks among member states and sets out Parliament’s priorities for the establishment of the Prosecutor’s Office.”It is vital for us to have a central European Prosecutor’s Office”, explained lead MEP Monica Macovei (EPP, RO), adding that “This means we will be able to tackle fraud more effectively, more rapidly and it would be easier to recover the funds” and that “We in the European Parliament are the guardians of the European taxpayer’s money”.In the resolution, MEPs stress that the structure of the European Public Prosecutor’s Office (EPPO) should be “fully independent of national governments and the EU institutions and protected from political influence and pressure”.They also underline that the rules governing the division of jurisdiction between the EPPO and the national authorities should be clearly defined in order to avoid any uncertainty. National authorities that carry out investigations which may fall under the competence of the EPPO should be obliged to inform the EPPO of these and the EPPO should have the right to take over the investigations if it finds it appropriate.Selection procedures for the positions as prosecutors should be open, objective and transparent, MEPs say. They suggest holding an open competition for candidates in which the prosecutors are appointed by Council and Parliament by common accord on the basis of a shortlist drawn up by the Commission, following an evaluation by an independent panel of experts. The Chief Prosecutor should be appointed in the same way following a hearing by Parliament, they add.Once EU member states agree to establish a European Public Prosecutor, Parliament will have to give its consent.
The resolution was endorsed by 487 votes in favour, 165 against and 33 abstentions.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Pericolosa ambiguità nella strategia dell’Occidente nello scontro Sciiti-Sunniti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

minaretoSono le parole dell’ambasciatore ed ex ministro degli Esteri Giulio Terzi (FDI) ai microfoni della trasmissione “Il mondo e’ piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Universita’ Niccolo’ Cusano. “L’Isis ha costituito un grande salto di qualità rispetto ad Al Qaeda -ha spiegato Terzi-, non è un caso che abbia attratto molte componenti che erano nell’orbita del jihadismo anti-occidentale, per una lotta dura contro il regime siriano di Assad. Si è spostato in Iraq, dove ha trovato una componente emarginata dagli equilibri di governo, cioè la componente sunnita. Ed è andato a trovare moltissimi consensi anche nell’apparato dei generali e del mondo tribale che aveva espresso Saddam fin dagli anni ’80. C’è una contrapposizione di fondo che si è delineata negli ultimi mesi, quella tra mondo sunnita e mondo sciita. Nel mondo sciita la leadership è iraniana, e l’Iran ha fatto dell’ideale religioso e rivoluzionario la sua carta vincente. L’Iran è stato molto agevolato sul piano geopolitico dalla caduta del regime di Saddam nel 2003 e da lì ha continuato a perseguire una politica di accresciuta potenza regionale. Questa politica si sta esplicando con una partecipazione diretta iraniana e delle milizie sciite, in tutta una fascia di paesi che vengono considerati dall’Iran come vicinato strategico, ad esempio lo Yemen e il Libano. Attraverso questa influenza religiosa, militare e di strategia politica, attualmente l’Iran si sta muovendo in Yemen, con la componente Huti, in Siria, sostenendo la componente di Assad, mettendo in campo gli Hezbollah libanesi, e sta appoggiando le operazioni di terra contro l’Isis in Iraq. In questo quadro emerge la grandissima complicazione fra tutte le forze in campo. C’è una coalizione occidentale contro l’Isis, guidata dagli Stati Uniti, di cui fa parte anche l’Italia, che è oggettivamente alleata con l’Iran. Questo avviene in Iraq. C’è poi una coalizione diversa alla quale gli americani partecipano e partecipano altri stati arabi sunniti, che contrasta le operazioni dell’Iran in Yemen. C’è un quadro molto confuso in Siria dove pochissimi Paesi partecipano alle operazioni contro l’Isis. Quindi nascono infinite ambiguità di comportamenti e di strategie. In campo occidentale è molto pericoloso non avere le idee chiare su cosa l’Iran rappresenti in questo grande mosaico di tragedie che è la situazione in Medio Oriente”. (fonte radio cusano)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Stato dell’oncologia”

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

tumore metastatico1Oggi il 57% degli uomini e il 63% delle donne colpiti dal cancro sconfiggono la malattia. In quindici anni (1992-2007) le guarigioni sono aumentate rispettivamente del 18% e del 10%. Particolarmente elevata la sopravvivenza dopo un quinquennio in tumori frequenti come quello del seno (87%), della prostata (91%) e del colon retto (64% per gli uomini, 63% per le donne). Queste percentuali collocano l’Italia fra i primi Paesi in Europa per numero di guarigioni. Perché il nostro sistema, basato sul principio di universalità, è efficiente grazie alle eccellenze ospedaliere. Ma è necessario far fronte a criticità urgenti che rischiano di compromettere la qualità dell’assistenza: almeno il 15% degli esami (in particolare radiologici e strumentali) è improprio, vi sono terapie di non comprovata efficacia che costano ogni anno al sistema circa 350 milioni di euro e il peso delle visite di controllo è pari a 400 milioni. Non solo. Le liste di attesa sono troppo lunghe, l’adesione ai programmi di screening è insufficiente soprattutto al Sud, i percorsi terapeutici non sono uniformi nelle varie Regioni con conseguente spreco di risorse. Soluzioni concrete vengono proposte oggi nel convegno nazionale sullo “Stato dell’Oncologia in Italia” organizzato dall’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) al Senato con la partecipazione del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Le esigenze dei pazienti oncologici stanno cambiando – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM – e la presa in carico di queste persone richiede una risposta a 360 gradi da parte dei clinici e delle Istituzioni. L’AIOM in questi anni ha messo in campo strumenti concreti ed efficaci. A partire dalle campagne di prevenzione come ‘Non fare autogol’: con i calciatori della serie A siamo entrati nelle scuole superiori per insegnare ai ragazzi gli stili di vita corretti. Il progetto è giunto alla quinta edizione, con 100 incontri, un milione di studenti e 3.000 Istituti scolastici coinvolti. Il fattore di rischio più importante, il fumo di sigaretta, risulta ancora troppo diffuso fra gli italiani. Un terzo degli under 35 è fumatore, con conseguenze allarmanti. Per questo il nostro impegno nella prevenzione continua con un tour sui danni del fumo anche passivo in otto Regioni”. Un altro aspetto è quello relativo alla prevenzione secondaria, cioè agli esami di screening. “Nel corso del 2013 – afferma il prof. Pinto – gli inviti per i tre programmi (mammografia per il tumore del seno, pap-test per quello della cervice uterina e ricerca del sangue occulto nelle feci per il cancro del colon-retto) hanno superato gli 11 milioni. Più di 5 milioni e duecentomila persone hanno eseguito il test proposto. Ma permangono grandi differenze fra Nord e Sud”. Nel 2014 sono stati registrati 365.500 nuovi casi di tumore (circa 1000 al giorno), di cui 196.100 (54%) negli uomini e 169.400 (46%) nelle donne. Ma la mortalità è in netto calo, dal 1996 a oggi è diminuita del 20%. “Il passo avanti – continua il prof. Pinto – è stato rappresentato dalla medicina personalizzata e dalle terapie mirate che agiscono solo sulle cellule malate preservando quelle sane. I test molecolari consentono la selezione dei pazienti in cui questi trattamenti possono funzionare. L’AIOM, in collaborazione con gli anatomopatologi della SIAPEC-IAP, ha avviato diversi programmi per il controllo di qualità delle strutture che eseguono queste analisi nel tumore del polmone, del seno, del colon-retto, dello stomaco e nel melanoma. L’obiettivo è quello di garantire l’accesso a test molecolari validati per tutti i pazienti sull’intero territorio nazionale. Oggi alle terapie personalizzate su bersagli cellulari si aggiunge una nuova importante arma nel trattamento della patologia neoplastica rappresentata dall’immunoterapia, che riattiva il sistema immunitario contro il tumore. L’immunoterapia ha già raggiunto importanti risultati nella cura del melanoma e del carcinoma del polmone e si sta sviluppando con studi clinici in molte altre patologie oncologiche”. “Nostro obiettivo – ribadisce il presidente AIOM, prof. Pinto – è quello di garantire insieme l’accesso alle cure più efficaci per tutti i pazienti in tutte le Regioni del nostro Paese e la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale. Con questa finalità lavoriamo con l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e con l’Industria per rendere disponibili subito i nuovi farmaci, e con AGENAS perché vengano definiti i criteri per lo sviluppo delle reti oncologiche regionali. La riforma dell’organizzazione sanitaria dovrebbe essere legata alla revisione del Titolo V della Costituzione per garantire una maggiore omogeneità assistenziale sul territorio”. “Solo così non vi saranno più 20 sistemi sanitari diversi – sottolinea la dott.ssa Stefania Gori, segretario nazionale AIOM –. È necessario che la riorganizzazione degli ospedali e dei posti letto privilegi le strutture che trattano più casi e garantiscono servizi migliori. E devono essere razionalizzate le risorse. Non è ammissibile che un giorno di ricovero abbia costi estremamente diversi tra le diverse Regioni e nell’ambito di una stessa Regione. Anche la disponibilità dei farmaci biosimilari potrà consentire risparmi significativi, dando però sempre la priorità alla cura del paziente. Dall’altro lato è necessaria la realizzazione e l’attivazione delle reti oncologiche regionali, che procede con estrema lentezza. Il problema della loro istituzione è stato affrontato nel precedente Piano Oncologico Nazionale ma è rimasto ancora embrionale. Solo le reti oncologiche regionali possono permettere un collegamento reale fra i centri e lo sviluppo integrato dei percorsi-diagnostico-terapeutici-assistenziali (PDTA). Inoltre offrono al paziente la garanzia di ricevere le cure migliori e consentono significativi risparmi di risorse. Senza considerare l’eliminazione degli esami impropri e la riduzione delle liste di attesa. Oggi servono fino a 60 giorni per un’operazione di chirurgia oncologica. Le reti permetterebbero di abbattere del 30% questi tempi”. “Noi abbiamo fatto la nostra parte e continueremo a farla – spiega la dott.ssa Gori -, mettendo a disposizione una serie di strumenti epidemiologici (‘I numeri del cancro in Italia’), organizzativi (‘Il libro bianco dell’oncologia’) e di appropriatezza (‘Linee guida’). Chiediamo che le Istituzioni forniscano la cornice e le regole entro cui le reti oncologiche siano costituite. Non possiamo però tollerare ulteriori ritardi e, soprattutto, qualità così diverse nell’assistenza ai malati nelle varie Regioni”. Altro obiettivo di AIOM riguarda l’implementazione della continuità di cura. In Italia il 35% dei malati di cancro giunge alla diagnosi quando la malattia è in fase avanzata. A questi pazienti deve essere applicato il modello di cure simultanee, che implica l’integrazione tra terapie oncologiche e cure palliative. “L’Italia – continua la dott.ssa Gori – detiene il primato in Europa con ben 35 centri di oncologia certificati dalla Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) per l’integrazione precoce tra le terapie oncologiche e le cure palliative. Ma, anche se le cure simultanee sono state inserite nel Piano Oncologico Nazionale e riconosciute, a livello internazionale, come modello ideale per rispondere a tutti i bisogni del malato, carenze organizzative e di personale dedicato rappresentano in alcune aree del nostro Paese un ostacolo alla loro piena realizzazione”.
Infine l’impegno per la ricerca. Il 35% degli studi clinici condotti in Italia riguarda l’oncologia, l’area terapeutica su cui si concentrano i maggiori investimenti. Manca però nel nostro Paese un punto di riferimento unico e strutturato, a cui le Istituzioni e l’Industria si possano rivolgere. Troppo spesso le sperimentazioni sono lasciate all’iniziativa e all’impegno dei singoli centri. Per colmare questo vuoto nasce sotto l’egida dell’AIOM la “Federation Italian Cooperative Oncology Groups – FICOG”, che riunisce in un progetto unitario i gruppi di ricerca clinica attivi in Italia. “Il processo di sviluppo di un nuovo farmaco anticancro è molto lungo e complesso, richiede dai 10 ai 15 anni di ricerca – conclude il prof. Pinto -. Solo una molecola su 10mila arriva sul mercato e solo 2 su 10 permettono di recuperare i costi in ricerca e sviluppo, che stanno diventando sempre più consistenti. Infatti nel 2001 per sviluppare un prodotto erano necessari circa 800 milioni di dollari, oggi questa cifra è salita a 1,3 miliardi di dollari. Il 95% delle risorse viene dall’industria, il 5% dai singoli gruppi di ricerca. Se l’industria avesse un unico interlocutore qualificato e ben strutturato, sicuramente investirebbe di più, oltre il 50% delle risorse attuali. Oggi la Federazione può essere questo interlocutore, rendendo il nostro Paese più attrattivo anche per la grande ricerca internazionale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Facebook.com/puntonelvivo: informazione sulle reazioni da punture

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

como“La prima pagina Facebook dedicata all’informazione sulle reazioni da punture di imenotteri – spiega la Dott.ssa Marina Mauro, specialista in Allergologia dell’ospedale Sant’Anna di Como –sarà una “piazza virtuale” dove le persone, con pochi click, potranno trovare informazioni semplici e pratiche per conoscere gli imenotteri, distinguere una reazione normale da una reazione allergica, valutare la sua gravità, comprendere quando è necessario avere a disposizione e come utilizzare l’adrenalina autoiniettabile, presidio salvavita, e conoscere le indicazioni ad eseguire l’immunoterapia allergene specifica (AIT), unica terapia in grado di “curare” questa allergia.” Per tutti i mesi estivi verranno diffusi in oltre 150 pronto soccorso italiani materiali informativi sulla allergia al veleno di imenotteri, con l’obiettivo di favorire la conoscenza di un idoneo percorso diagnostico e terapeutico, realizzabile attraverso una stretta collaborazione tra personale del pronto soccorso e specialista allergologo. “Infatti se consideriamo tutte le reazioni allergiche più gravi che arrivano al Pronto Soccorso indipendentemente dalla loro causa – dichiara la Dott.ssa Donatella Bignardi, specialista in Allergologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino di Genova – una quota considerevole, che arriva fino al 34%, è causata dal veleno di imenotteri. Pur non esistendo dati epidemiologi italiani certi, secondo uno studio americano analizzando la tipologia delle reazioni allergiche da punture di imenotteri che richiedono l’accesso al Pronto Soccorso, si ha uno spaccato che vede nell’accesso al Pronto Soccorso circa il 58% delle reazioni locali, il 42% di reazioni sistemiche di cui 18% di grado severo”.
Gli esperti, grazie ai risultati di un’indagine sul grado di conoscenza di questa problematica da parte dei Medici di Medicina Generale (MMG), realizzata nel 2014 su un campione di oltre 1000 rispondenti, hanno messo a punto una serie di raccomandazioni per i MMG che si trovano di fronte un paziente con reazione allergica da veleno di imenotteri. “Il MMG – spiega il Dott. Valerio Pravettoni, specialista in Allergologia dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano – è una figura centrale nell’indirizzare il paziente verso un corretto percorso diagnostico e terapeutico. La ricerca ha dato degli spunti molto interessanti che evidenziamo come, a fronte di una buona frequenza di osservazione di pazienti con reazioni allergiche da punture di imenotteri (Il 74% dei MMG vede fino a 10 pazienti con reazione locale estesa, Il 50% vede fino a 5 pazienti con reazione allergica sistemica), ci siano ampi margini per migliorare le loro conoscenze, sia dal punto di vista dell’inquadramento clinico, che delle terapie. Circa il 20% infatti dichiara di non avere conoscenze precise sull’adrenalina autoiniettabile e il 36% conosce bene o abbastanza bene l’esistenza dell’AIT (Immunoterapia Allergene Specifica). Queste le motivazioni che ci hanno portato a stendere un documento di raccomandazioni di facile utilizzo che diffonderemo a partire dal lancio della campagna di informazione Punto nel Vivo”
“Punto nel vivo” – afferma il Dott. Oliviero Quercia, specialista in Allergologia dell’Ospedale di Faenza -rappresenta anche una nuova rete al servizio del paziente formata dai 25 principali centri allergologici italiani specializzati nella diagnosi e terapia dell’allergia al veleno di imenotteri. Per tutto il periodo della stagione estiva, i 25 centri di allergologia saranno promotori di iniziative di informazione sul territorio per sensibilizzare le persone sui rischi che si possono correre quando si sviluppa una reazione allergica da veleno di imenotteri. “

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie Rare: si parla di Cisiste Interstiziale, nasce il primoCentro multispecialistico di patologia in Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

palazzo san macutoRoma 4 maggio alla Camera dei Deputati, nella prestigiosa Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto in via del Seminario 76, il Convegno “Cistite Interstiziale: Centro Multidisciplinare di alta specializzazione. Un modello europeo.” Per la prima volta si sta concretizzando in Italia e in Europa un Centro Multidisciplinare che si occupa di Cistite Interstiziale. La Cistite Interstiziale (CI) denominata recentemente Bladder Pain Syndrome (BPS) dall’ESSIC (International Society for Study of Interstitial Cystitis), è una malattia rara che porta a una cronica e dolorosa condizione di infiammazione della parete vescicale spesso confusa con la Cisite batterica, quindi curata male e con troppi antibioici che peggiorano la situazione, se non addiruttura tacciando le pazienti di malattia immaginaria. Invece la patologia, se non diagnosticata e curata in tempo, si sviluppa in una malattia sistemica con co-morbilità come la Fibromialgia, la Sindrome della Stanchezza Cronica, la Sindrome dell’Intestino Irritabile, la Vulvodinia, l’Emicrania, l’Endometriosi, la Sindrome di Sjogren, il morbo di Chron, il Lupus Eritematoso. L’impatto sulla qualità della vita di questi pazienti e sulle loro famiglie può essere devastante. La diagnosi di questa malattia è, quindi, spesso tardiva e le statistiche dimostrano che ci vogliono in media sette anni e più di tre diagnosi sbagliate prima di arrivare a una diagnosi corretta, perché è ancora poco conosciuta dalla comunità scientifica. La CI/BPS può colpire persone di tutte le età, razza o sesso anche se c’è una prevalenza femminile.
Affrontare pazienti affetti da patologia rara e complessa come questa rappresenta una vera e propria sfida che necessita di un approccio multidisciplinare integrato e coordinato per avere un reale miglioramento dei risultati clinici e della qualità di vita dei pazienti. Il Convegno da voce agli specialisti coinvolti in questo innovativo percorso, e diffondere questa buona pratica a tutti i livelli è uno degli obiettivi prioritari dell’AICI, Associazione Italiana Cistite Interstiziale, e questo evento è un primo passo importante in questa direzione. (foto: aici logo)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Punture di api, vespe e calabroni le più frequenti cause di reazioni allergiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

calabroneDa maggio prende il via la prima edizione della campagna d’informazione “Punto nel Vivo”, con l’obiettivo di far conoscere al pubblico l’esistenza, le caratteristiche e le terapie delle reazioni allergiche da punture di imenotteri. Un “ordine”, quello degli imenotteri, che comprende oltre 100.000 specie d’insetti, tra i quali, i più noti e comuni sono le api, le vespe e i calabroni.”Sono oltre 5 milioni gli italiani che ogni anno vengono punti – dichiara la Dott.ssa Maria Beatrice Bilò, coordinatrice di Punto nel Vivo e specialista in Allergologia degli Ospedali Riuniti di Ancona – ma si stima che da 1 a 8 su 100 sviluppi una reazione allergica senza essere a conoscenza delle conseguenze. L’allergia al veleno di Imenotteri può provocare reazioni localizzate (dal 2,4% al 26%) o severe reazioni sistemiche (dall’1% al 8,9%) di tipo respiratorio e cardiocircolatorio che si possono complicare fino alla morte, con circa 10 casi all’anno accertati in Italia.”L’iniziativa “Punto nel vivo” è promossa dai “25 esperti” che fanno riferimento ai principali Centri Allergologici Specializzati nella diagnosi e terapia dell’allergia al veleno di imenotteri, patrocinata da FederAsma e Allergie Onlus – Federazione Italiana Pazienti (www.federasmaeallergie.org) e realizzata con il contributo incondizionato di ALK-Abellò (www.alk-abello.it). “Punto nel vivo” ha in programma una serie di azioni e strumenti di comunicazione, che partendo da Facebook come canale di comunicazione semplice e fruibile al servizio di tutto il pubblico, arrivano fino all’informazione e formazione di tutti i professionisti della salute che sono coinvolti nel percorso diagnostico e terapeutico dei pazienti allergici a veleno di imenotteri.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scompenso cardiaco prima causa di ricovero per gli over 65: dal 2 al 10 maggio campagna in 24 città italiane

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

cuoreItalia in prima linea nelle Giornate europee dello scompenso cardiaco, promosse dalla Società Europea di Cardiologia (European Society of Cardiology – ESC) e dalla Heart Failure Association (HFA) of the ESC: attività e incontri in 24 città con il patrocinio del Ministero della Salute per migliorare prevenzione e diagnosi di questa patologia che in Italia colpisce 600.000 persone ed è la prima causa di ospedalizzazione per gli over 65. Affanno, difficoltà di respiro, senso di stanchezza sono i sintomi più frequenti dello scompenso cardiaco, la cui incidenza è in aumento a causa degli stili di vita, dell’aumentata sopravvivenza dopo un infarto e dell’invecchiamento della popolazione. Il 30% dei pazienti muore a un anno dalla diagnosi, il 50% a 5 anni.
Oltre 600.000 persone colpite, 500 ricoveri ogni giorno per un totale di 165.000 all’anno, una durata media di degenza che supera i 10 giorni con un totale di 1.650.000 giornate di ricovero all’anno. I numeri dello scompenso cardiaco sono quelli di una vera e propria emergenza sanitaria e sociale. Contro questa patologia si mobilita anche l’Italia: dal 2 al 10 maggio si svolgeranno, con il supporto di Novartis, le Giornate europee dello scompenso cardiaco, declinazione italiana dell’European Heart Failure Awareness Day, campagna europea di sensibilizzazione e informazione promossa dal 2010 dalla Società Europea di Cardiologia (European Society of Cardiology – ESC) e dalla Heart Failure Association (HFA) of the ESC. Grazie al coinvolgimento di Centri di riferimento cardiologici in 24 città di dieci Regioni, da Nord a Sud, cardiologi e personale sanitario, pazienti e familiari, volontari e istituzioni parteciperanno a open day negli ambulatori, incontri educazionali, attività di sensibilizzazione nelle piazze. Capofila della campagna a livello nazionale, la AUSL di Piacenza, la prima istituzione ad aver promosso lo scorso anno questa iniziativa in Italia, con una serie di attività che per la loro efficacia si sono guadagnate il riconoscimento di campagna di maggiore successo a livello europeo.
«Le Giornate europee dello scompenso cardiaco sono una campagna paneuropea che ha l’obiettivo di aumentare la conoscenza di questa patologia, principale causa di ricovero dopo il parto e prima patologia per giornate di ricovero – afferma Massimo Piepoli, membro del Board di HFA e Responsabile Ambulatorio Scompenso e Cardiomiopatie, Ospedale di Piacenza – Siamo lieti che la campagna abbia avuto in Italia il patrocinio del Ministero della Salute, perché lo scompenso ha pesanti ripercussioni in termini di qualità di vita, costi sociali e costi sanitari. La diagnosi tempestiva insieme al controllo dei fattori di rischio permettono di rallentare il decorso della patologia. I progressi compiuti negli ultimi anni ci permettono di intervenire con efficacia, migliorando la sopravvivenza. E per il prossimo anno aspettiamo l’arrivo di nuove terapie farmacologiche che ci auguriamo possano migliorare la prognosi del paziente».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elettrostimolatori: Consigli

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2015

ELETTROSTIMOLATORI3Potenziano i muscoli, favoriscono la circolazione, fanno dimagrire ed eliminano la cellulite. Cosi’ vengono pubblicizzati e, in prossimità dell’estate e del relativo costume da bagno, chi non vorrebbe avere un corpo snello e privo di inestetismi? Ed ecco gli elettrostimolatori, di moda perche’ questi apparecchi portatili possono essere usati in casa, standosene comodamente sdraiati sul letto a leggere un libro o vedere la televisione. Il principio e’ semplice perche’ si tratta di sollecitare il muscolo o la parte interessata con scariche elettriche a bassa intensita’: il muscolo “lavora” e si tonifica. Potrebbe essere la soluzione per tutti coloro che desiderano migliorare le proprie qualita’ estetiche senza faticare. Potrebbe essere, ma e’ bene chiarire alcuni… particolari. L’elettrostimolazione e’ sostanzialmente una tecnica riabilitativa, serve cioe’ a tonificare muscoli costretti alla inattivita’ da eventi traumatici, non e’ quindi sostitutiva della normale attivita’ sportiva. E’ controindicata per alcuni categorie di soggetti a rischio come cardiopatici, portatori di Pacemaker e protesi, donne in gravidanza ed epilettici. L’elettrostimolazione stimola determinati muscoli ma non i loro antagonisti e quindi diminuisce la loro capacita’ di coordinazione. Quando si svolge una attivita’ sportiva, anche moderata, si aumentano complessivamente determinate funzioni, oltre quella propriamente muscolare, tutto cio’ da’ la possibilita’ di sopportare uno sforzo fisico in modo armonico perche’ ciascun apparato (muscolare, scheletrico, circolatorio, respiratorio) e’ allenato. Cio’ non avviene stando sdraiati sul letto con l’elettrostimolatore e il rischio e’ la facile affaticabilita’, l’alterazione del metabolismo basale e delle costanti fisiologiche interne (omeostasi). A questo si possono aggiungere effetti psicologici quali lo sviluppo di atteggiamenti passivi. Insomma l’elettrostimolazione non sostituisce l’attivita’ fisica ne’ una passeggiata. Fa bene se usata sotto controllo medico e per cure specifiche. Per un eventuale acquisto occorre ricordare che l’apparecchio deve avere: 1) il marchio Ce, che sta per conformita’ europea; 2) il numero di identificazione, per risalire all’apparecchio in caso di guasti. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »