Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 18 Mag 2015

English Double in front of World Series’ Record-Crowd of 75,000 Spectators

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

red bullHunt makes it back-to-back wins in the 2015 World Series with victory in La Rochelle. Fellow Brit Blake Aldridge performs a brand-new dive to come second, while Orlando Duque repeats his third-placed finish from Colombia. As of today these three athletes also lead the overall standings after two of eight competitions. A record number of spectators watched the event as 75,000 pairs of hands propelled 13 of the world’s best cliff divers to excel from the 27.5m-platform on the Saint Nicolas Tower on a sunny Sunday afternoon, the athletes reaching speeds of 85kph during their three-second dives. The World Series athletes do not have long to recover from this cold-water battle, with the next stop taking place in Texas in under two weeks’ time. Results Stop 2, La Rochelle
redbull11. Gary Hunt | UK | 516.00pts.
2. Blake Aldridge | UK | 460.35
3. Orlando Duque | COL | 456.20
4. Jonathan Paredes | MEX | 447.55
5. David Colturi | USA | 432.50
6. Michal Navratil | CZE | 377.30
7. Kris Kolanus (wildcard) | POL | 367.70
8. Anatoliy Shabotenko (wildcard) | UKR | 356.70
9. Andy Jones | USA | 284.90
10. Cyrille Oumedjkane (wildcard) | FRA | 257.70
11. Jucelino Junior | BRA | 245.10
12. Artem Silchenko | RUS | 230.40
13. Steven LoBue | USA | 198.40

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Voice contest live festival”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

elisabettaalessiagaetano

Montebelluna 21 maggio Tre nuove voci sicule alla conquista dei talent scout e dei produttori di Marco Mengoni e Giorgia. Si chiamano Elisabetta Franzone, Alessia Cancilla e Gaetano Cangialosi, sono allievi della VokalMusik Academy and Arts di Palermo, di via Antonino Palminteri 2 (traversa di via Leonardo Da Vinci) e del Centro Musicale Cam di Bagheria e sono i finalisti del concorso “Voice contest live festival – Dai voce al tuo talento”. A organizzare l’appuntamento, la M&M Line Production – etichetta discografica, agenzia di spettacolo, comunicazione, marketing e ufficio stampa musicale – di Castelfranco Veneto, alla ricerca costante di giovani cantanti. Alla finale i tre giovani si esibiranno davanti a giurati del calibro di Massimo Calabrese (produttore e autore di Giorgia e Alex Baroni) e Piero Calabrese (produttore e autore di Marco Mengoni e gli Aula 39), il vocal coach Fulvio Tomaino e Marco D’angelo (hanno lavorato ai programmi televisivi “Ti lascio una canzone” e “The Voice”), Fausto Donato della Universal music, Enrico Romano della Warner music, il presidente della Rockland school Davide Braglia, Carlo Elli di Radio Rtl 102,5, il promoter Umberto Labozzetta e la project manager della M&M line production Maria Totaro. (foto: elisabetta, alessia, gaetano)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impressionist and Modern Art Evening Sale Achieves US$202,608,000

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

impressionistChristie’s Evening Sale of Impressionist and Modern Art realized $202,608,000 (£128,721,728/ €178,022,150) with sell-through rates of 93% by lot and 99% by value. Bidders from 34 countries competed in the room and on the phone for works by Impressionist and Modern masters, including Piet Mondrian, Chaïm Soutine, Claude Monet, Pablo Picasso, Amedeo Modigliani and Fernand Léger. Bidding on Modern works was particularly active, a testament to the energy brought to the market by crossover collectors and the success of Christie’s curated week of sales spanning both Impressionist & Modern and Post-War and Contemporary categories.Brooke Lampley, Head of Impressionist and Modern Art, Americas, remarked: “This sale marks a record setting week for the global auction market, with the highest total ever achieved in one week for the Impressionist & Modern category, at $695,478,000 thus far. The success of tonight’s sale is the result of presenting a carefully edited grouping of works to the marketplace. In constructing the evening sale we strategically selected the best examples from the market’s most sought after artists. This culminated in 44% of the works selling over their estimate, including tremendous results for Mondrian, Léger, Modigliani, Soutine and Kandinsky. We also witnessed significant demand for masterpieces, demonstrated by the excellent price achieved for Mondrian’s Composition III. This sale was the perfect cap to our trio of evening sales, and we now look forward to continuing the second part of the Whitehead Collection in tomorrow’s day session.” (photo: impressionist)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“The Smile of the Child”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

ateneWill host on October 2015 in Athens, Greece the next Board Meeting of the International Centre of Missing and Exploited Children. This was decision of the members of the Board during the last Board Meeting of ICMEC that was held on 7 May 2015 in New York. The International Centre of Missing & Exploited Children (ICMEC) empowers and equips global partners – in government, academia, law enforcement, private industry and NGO community – to make the world a safer place for children. “The Smile of the Child” and its partners at ICMEC lead a global effort to protect children from sexual abuse, exploitation and abduction.Internationally recognized members from public administration, arts, law enforcement, technology, academia, private industry and civil society as well as enterprises with global influence are part of ICMEC and coordinate efforts across the globe in order to create a safer world for children. “The Smile of the Child” represents Greece at the Washington-based International Centre of Missing and Exploited Children with its President, Costas Yannopoulos to participate as member of the Board of Directors of the Centre.Upon the initiative of ICMEC the next meeting of its members will take place on October 2015 in Athens, Greece following their decision in their last meeting in New York. On the occasion of the BoD meeting of ICMEC “The Smile of the Child” took part in high-level meetings in New York in the framework of its international work and participation at the United Nations. During an event hosted by the UN Association of New York (UNA-NY) on 6 May 2015 at the Delegation of the European Union at the UN, Costas Yannopoulos, President of the Board of Directors of “The Smile of the Child” presented the work and the wide-spectrum of actions of the Greek NGO as well as the increasing needs for children and families in crisis-hit Greece.Present in the event were Mr. Ioannis Vrailas, Deputy Head of the EU Delegation to the UN, Ms. Nafsika Nancy Eva Vraila, Deputy Permanent Representative of Greece to the UN as well as members of the Hellenic community. The President of the Greek NGO had also the opportunity to meet with the Consul General in New York Mr. Giorgios Iliopoulos.“The Smile of the Child” is accredited to consultative status with the UN Economic and Social Council (ECOSOC) and is an associated member of the UN Department of Public Information (UN DPI).During this visit a series of meetings were successfully took place with representatives of Greek Community Federations and Associations and Greek and American public officials.The team of “The Smile of the Child” took also part in the 2015 Gala for Child Protection hosted on 7 May 2015 at Gotham Hall in New York City by the International Centre for Missing and Exploited (ICMEC). Internationally recognized individuals who support the protection of children worldwide as well as well-known artists, among others Ashton Kutcher, Jeff and Justine Koons paid tribute to the event. (photo: The Smile of the Child)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment on Bank of England Inflation Report

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

banking“The Bank’s revised economic forecasts paint a far from gloomy picture of the UK economy: growth is still predicted to be above 2.5% or more for the next three years, inflation is flat, the cost of borrowing is at an all-time low and unemployment is at its lowest level for several years.”But with productivity – total output for every hour worked – 17% below where it would be if we had maintained pre-financial crisis trend, living standards on average are still a long below where they should be. “The failure of productivity growth to pick up reflects underlying uncertainties in the economy. The massive policy uncertainties surrounding the outcome of the recent UK general election depressed investment in the second half of 2014. “While the Bank of England’s research suggests that investment intentions by UK firms are now strengthening, this has yet to materialise in strong and sustained business investment growth. In my view, the Bank is underplaying the considerable uncertainty remaining in the business environment and its effect on business investment. “Half of our trade is with the rest of Europe and with a patchy recovery across continental Europe, the very real potential of a Greek exit from the Eurozone and an upcoming UK referendum on whether we should stay in the European Union at all, many firms will be biding their time rather than spending a large amount of money on capital equipment that may lie idle when European order books run thin, no matter how cheap it is to borrow for investment. It’s much cheaper and far less risky simply to take on extra workers to increase short-term output. “Until those uncertainties are behind us and business confidence is restored, investment will remain depressed, productivity will fail to pick up and average UK living standards will still be depressed.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caritas Internationalis’ General Assembly has closed with member organisations adopting a vision of “One Human Family, Caring for Creation”.

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

Manila_ChinatownOver 400 people from over 160 national Caritas organisations gathered in Rome also elected a new president, treasurer and ratified the nomination of the secretary general this week.Newly-elected president, Cardinal Luis Antonio Tagle, Archbishop of Manila, said, “Pope Francis gave us inspirational words on seeking to expand our work at the beginning of our General Assembly. With the launch of the Sustainable Development Goals (SDGs), Pope Francis’s encyclical on ecology and the UN climate meeting in Paris this year, Caritas will work towards putting the human family and human dignity at the heart of development.”Regarding the SDGs, the final message adopted by the General Assembly states that “no target should be considered as met unless achieved for all income and social groups; this fundamental, person-centred strategy must be central”.The message urges governments to look beyond their own borders and to recognise the moral imperative that is inherent in care for creation.Caritas delegates also called attention to the plight of Christians who suffer from religious persecution in Syria and Iraq and of migrants and refugees all over the world: “We urge governments to build safe havens and humanitarian corridors, rather than fences, walls or programmes of interdiction at sea.”Michel Roy was reconfirmed as secretary general of the Caritas confederation and a new board was appointed. Alexander Bodmann of Austria was elected as new treasurer. South Sudan became the 165th national member organisation of the Caritas confederation. Oscar Romero, murdered for standing with the poor in El Salvador, was adopted as a patron of Caritas Internationalis.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pensioni, per favorire il turn-over il Governo vuole calmierare la riforma Fornero penalizzando il lavoratore

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

forneroÈ di queste ore la notizia che il Governo sta seriamente pensando di modificare le tante norme illogiche approvate con l’ultima riforma pensionistica dell’Esecutivo del premier Monti. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti: stiamo predisponendo «interventi normativi finalizzati a prevedere forme di flessibilità di pensionamento che possano, così, favorire il ricambio generazionale». Solo che al trattamento pensionistico sarà applicata una riduzione sulla quota calcolata con il sistema retributivo pari ad una certa percentuale per ogni anno mancante all’età di vecchiaia. Un modello non molto diverso dal ddl Damiano (Pd), che prevede flessibilità in uscita permettendo il pensionamento già a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni dell’8% (una sorta di quota 97) sull’assegno pensionistico, già ridotto all’osso.Anief-Confedir ritiene che il fine, sicuramente nobile, di mandare in pensione i lavoratori italiani, dopo una vita di lavoro, non può giustificare il mezzo: bisogna necessariamente trovare altri canali per finanziare il diritto di un dipendente a lasciare l’occupazione dopo aver versato 40 anni di contributi.Marcello Pacifico (Anief-Confedir): è inammissibile cambiare le regole ad ogni legislatura, senza pensare che a subirne gli eventi ci sono lavoratori in carne ed ossa. Nell’ultimo quinquennio, le riforme sulla quiescenza hanno allungato di dieci anni l’età pensionabile: dal 2050, i neo-assunti potranno andare in pensione dopo 70 anni o 46 anni e mezzo di contributi. E dal primo gennaio 2016, avremo un peggioramento della situazione per via dell’aspettativa di vita crescente. Intanto, gli insegnanti tedeschi continuano a lasciare la cattedra dopo 27 anni senza riduzioni. Siamo pronti a dare battaglia in tribunale.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete: l’insulina degludec conferma le attese “sul campo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

diabete_21-300x224Presentati al XX congresso nazionale dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), in svolgimento a Genova, i risultati preliminari sull’impiego del nuovo analogo basale dell’insulina a lunga durata d’azione disponibile in Italia da alcuni mesi. L’insulina degludec migliora il controllo della glicemia, riduce il rischio di ipoglicemia e permette in alcuni pazienti di ridurre le unità di insulina da somministrare quotidianamente
L’insulina degludec (Tresiba®) di nuova generazione conferma le importanti attese che diabetologi e persone con diabete avevano riposto in essa. Potrebbe essere questa la sintesi di quanto emerso dalla sessione “Soluzioni innovative e attuali risposte ai bisogni della terapia insulinica”, organizzata da Novo Nordisk, al XX congresso nazionale dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), in svolgimento a Genova. Durante i lavori sono stati presentati i risultati preliminari, “dal campo”, sull’impiego del nuovo analogo dell’insulina basale a lunga durata d’azione disponibile in Italia da alcuni mesi.Nel corso degli studi registrativi, volti ad ottenere l’autorizzazione all’immissione in commercio, l’insulina degludec si era mostrata efficace, nel trattamento del diabete di tipo 1 e 2, nell’abbassare i valori della glicemia – la quantità di zuccheri nel sangue caratteristica della malattia – nel ridurre la comparsa di ipoglicemia, soprattutto quelle notturne, e nel diminuire il dosaggio di insulina necessaria alla cura.I principali risultati nel confronto diretto con l’insulina glargine, avevano infatti messo in evidenza minor rischio di ipoglicemie notturne1 – in media meno 43% nel diabete tipo 22; meno 25% nel tipo 13 – e riduzione del dosaggio dell’insulina4 – in media meno 12% nelle persone con diabete tipo 1 in trattamento “basal bolus”, cioè tre somministrazioni di insulina ai pasti più una copertura notturna con insulina basale; meno 10% nelle persone con diabete tipo 2 cui venisse somministrata insulina per la prima volta.”L’insulina degludec, come si evidenzia negli studi registrativi, non solo migliora il controllo metabolico e riduce il rischio di ipoglicemia notturna, ma permette in molti pazienti di ridurre le unità di insulina da somministrare. Questi aspetti positivi sono confermati dalle nostre valutazioni effettuate nella pratica clinica quotidiana nelle persone con diabete che oggi sono curate con il farmaco, tanto in Italia quanto in altri paesi. Avere a disposizione una insulina con maggior durata d’azione, a rilascio graduale e costante e più flessibile nell’orario di somministrazione, ci consente di raggiungere obiettivi glicemici più ambiziosi in sicurezza” ha detto Paola Ponzani, Dirigente medico SSD endocrinologia, diabetologia e malattie metaboliche, ASL 3 Genovese, presentando i risultati ottenuti dall’analisi di circa 200 persone con diabete trattate con degludec in questi mesi.L’insulina degludec, messa a punto grazie a sofisticate tecniche di ingegneria molecolare, è caratterizzata da durata d’azione superiore alle 42 ore e con un effetto metabolico distribuito uniformemente nel corso della giornata. Il suo particolare meccanismo d’azione, che si traduce in un deposito sottocutaneo, con un lento e costante rilascio di principio attivo, consente una ridotta variabilità di assorbimento e assicura un profilo glicemico più stabile con importante riduzione del rischio di ipoglicemia. Inoltre, consente grande flessibilità negli orari di somministrazione, rendendo possibile adattare la somministrazione giornaliera secondo le necessità di vita di tutti giorni5.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce la Biorivolumetria, nuovo approccio alla bellezza naturale

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

biovolumetriaIl processo di invecchiamento del viso interessa tutti gli strati che lo compongono, dalla struttura ossea, di sostegno, ai vari tessuti molli. Il riassorbimento del tessuto osseo, maggiore in alcune aree, porta alla riduzione degli angoli glabellare, piriforme e mascellare con conseguente collasso dei tessuti molli ed obbiettivamente ad un appiattimento nella proiezione del visoIn realtà, nel corso degli anni, ciò che si manifesta più precocemente ed è maggiormente responsabile delle modificazioni volumetriche del viso, sono le alterazioni che avvengono a livello dei compartimenti del grasso sottocutaneo. Infatti, la sua riduzione nelle aree dove è già presente in quantità moderata – tipo l’area temporale, quella frontale, la guancia e altre ancora – causerà l’effetto di scheletrizzazione, mentre in altre zone si avrà, sia per effetto della gravità con conseguente migrazione verso il basso, sia per un processo ipertrofico, un accumulo di grasso con formazione di pliche più o meno accentuate; ne sono un esempio la plica naso-labiale e la Jowl deformity.Si determina, dunque, uno squilibrio fra contenente in eccesso (cute) e riduzione del contenuto (grasso) con perdita della tridimensionalità del viso e comparsa di rughe e pliche. Dal punto di vista terapeutico bisognerà effettuare un accurato studio fisiognomico del viso e ripristinare una corretta distribuzione dei volumi intervenendo sulle aree che si presentano maggiormente ipotrofiche.Da poco è stato messo a punto un nuovo metodo in medicina e chirurgia estetica che prende il nome di Bio-Rivolumetria; la parola è sinonimo di volumizzazione e rigenerazione. L’obbiettivo è quello di associare ad una semplice azione volumetrica, una forte azione di rigenerazione. In altre parole un trattamento anti-ageing vero e proprio. Ciò è possibile grazie all’utilizzo di speciali formulazioni a base di acido ialuronico purissimo, privo di residui proteici e solventi; il tutto è realizzato attraverso un esclusivo e brevettato processo chimico. La particolarità consiste nel fatto che l’acido ialuronico, cross-linkato con BDDE, contiene intrappolato al suo interno acido ialuronico nativo intercalato, in quantità diverse a seconda delle formulazioni. Quindi l’acido ialuronico cross-linkato può essere paragonato ad una sorta di scaffold che protegge e racchiude al suo interno HA biointerattivo.E’ stato dimostrato che l’acido ialuronico biointerattivo, essendo protetto dallo scaffold, viene rilasciato nel tempo più lentamente rispetto allo stesso acido iniettato nella cute e non protetto; in questo modo esplica una prolungata azione di stimolo recettoriale. Inoltre la presenza di HA nativo conferisce a questi prodotti una grandissima elasticità, intesa come capacità di un prodotto di adattarsi in uno spazio tridimensionale. Ciò significa che questi prodotti biorivolumetrici seguono perfettamente i movimenti mimici del viso, apportando correzioni naturali. Cosa viene stimolato in realtà? Sappiamo da numerosi lavori scientifici che i recettori specifici per l’acido ialuronico sono i CD 44 e che questi si trovano sulla superficie di varie cellule tra cui i noti fibroblasti e le cellule mesenchimali staminali presenti nel tessuto adiposo. Così quando si inietta il biorivolumetrico a varie profondità nell’ipoderma, non solo si induce un effetto fisico volumetrico, ma si innesca un’azione biologica di stimolazione sui recettori CD 44 delle cellule mesenchimali staminali, determinando un aumento del processo dell’adipogenesi e quindi una produzione di nuovo tessuto adiposo. Dalle ricerche effettuate questo incremento del tessuto adiposo si aggira sul 10-15%.I prodotti biorivolumetrici utilizzati presentano diverse formulazioni a seconda delle varie esigenze correttive, dell’entità della destrutturazione e delle aree da trattare. Il Regenyal Idea Bio-Expander, altamente morbido ed elastico, è adatto per essere utilizzato nell’ipoderma superficiale ed è indicato nelle zone maggiormente destrutturate come guance, area frontale, temporale, bar-code e area peri-buccale in genere. Questo prodotto, essendo iniettato nella parte più superficiale dell’ipoderma, a ridosso della giunzione dermica, può interagire con i recettori CD 44 dei fibroblasti determinando un miglioramento della struttura reticolare dermica e della cute. I prodotti Regenyal Super Idea e Regenyal Idea sono ideali da iniettare nelle aree più profonde, dove occorre un’azione volumetrica più marcata: regione zigomatica, solco naso labiale e angoli buccali. (intervento del Prof. Andrea Alessandrini, specializzato in chirurgia Vascolare, Medicina e Chirurgia Dermo-Estetica, responsabile del Centro Polispecialistico S.A.S.N. del Ministero della Salute e Docente della Scuola Internazionale di Medicina Estetica della ‘Fondazione Internazionale Fatebenefratelli’ dell’Isola Tiberina di Roma)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antiossidanti orali in terapia anti-aging

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

antiagingIl ruolo degli antiossidanti nutrizionali nella prevenzione delle patologie croniche e dell’aging, è un tema sempre più dibattuto e controverso. Il razionale del loro impiego si basa sulla capacità di tali sostanze di limitare o ridurre, a livello dell’organismo o di tessuti bersaglio, il danno ossidativo associato con la genesi di svariate patologie degenerative, e strettamente collegato ai fenomeni dell’invecchiamento. Non solo la ricerca scientifica non ha ancora espresso un parere univoco sull’effetto benefico degli antiossidanti, ma recentemente anche il nuovo regolamento della commissione europea ne ha ridimensionato l’importanza salutistica, ponendo dei dubbi anche sul significato intrinseco del termine “antiossidante”. Nello specifico l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), nell’ambito del processo di valutazione delle indicazioni salutistiche sostenibili per gli alimenti e gli integratori venduti nei paesi europei, ha stabilito che è scorretto vantare per un cibo o un integratore una azione “antiossidante”. L’EFSA ha ritenuto che al posto di questa rivendicazione si debba utilizzare quella più corretta di “protegge le cellule dallo stress ossidativo”, ribadendo in tal modo che la parola “antiossidante” non rispecchia necessariamente un beneficio salutare. Inoltre per la maggior parte dei composti considerati “antiossidanti”, l’EFSA non ha riscontrato una relazione di causa effetto tra assunzione della sostanza e attività antiossidante, promuovendo come sostanze in grado di difenderci dai danni dello stress ossidativo solo alcune vitamine (vit E, vit C e riboflavina) alcuni elementi in traccia (selenio, rame e zinco) e i polifenoli dell’olio di oliva, questi ultimi relativamente alla sola protezione dall’ossidazione delle LDL (situazione direttamente collegata al danno aterosclerotico). Bocciature eccellenti hanno incluso antiossidanti storici come il coenzima Q10 e i carotenoidi quali il beta-carotene e il licopene. Il parere dell’EFSA recentemente è stato ratificato dal regolamento della Commissione Europea in vigore dal 14 dicembre 2012. A partire da quella data, quindi, numerosi integratori non possono più vantare in etichetta e in comunicazione di essere “antiossidanti”. Questa decisione, che ha sollevato notevole scalpore, riversa ulteriore confusione su di un settore già di per sé complesso e denso di zone d’ombra. Eppure da un punto di vista commerciale gli antiossidanti hanno negli ultimi anni conquistato una fetta di mercato importantissima, spostandosi spesso dai banchi delle farmacie agli scaffali della grande distribuzione. Nella coscienza del consumatore i prodotti antiossidanti, non solo in un contesto alimentare, ma anche cosmetico, sono ormai fortemente percepiti come benefici rimedi contro l’invecchiamento e le patologie cronico/degenerative. La ricerca scientifica, dal canto suo, da un lato continua a sfornare promettenti studi che sostengono un enorme potenziale terapeutico/preventivo per molte sostanze antiossidanti, dall’altro spesso non riesce a dimostrarne la reale efficacia salutistica in studi nutrizionali condotti sull’uomo. Ma allora, se non si riesce a dimostrare un significativo beneficio clinico, per quale ragioni negli ultimi anni l’interesse scientifico e commerciale verso gli antiossidanti è cresciuto moltissimo? Si tratta realmente di prodotti utili alla salute? E soprattutto che ruolo possono avere nel rallentare l’invecchiamento e proteggerci dalle malattie cronico degenerative età correlate? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Innanzitutto bisogna stabilire cosa si intende per composto antiossidante, anche perché il primo inghippo risiede proprio nel significato scientifico della parola “antiossidante”, che rispecchia fondamentalmente una proprietà chimica piuttosto che biologica. Da un punto di vista chimico, il termine “antiossidante” si riferisce “qualsiasi sostanza che, presente in concentrazione molto bassa rispetto a quella di un substrato ossidabile, è in grado di ritardare o inibire significativamente l’ossidazione di quel substrato” (Halliwell & Gutteridge,1989).. Questa proprietà dipende dalla capacità di un composto di donare elettroni, e in tal modo di stabilizzare molecole reattive (dell’ossigeno e dell’azoto) ed evitare così il processo ossidativo. Come spesso avviene in chimica, tale proprietà dipende dall’ambiente (temperatura, pH, concentrazione, presenza di altri composti) in cui avviene la reazione. Alcune sostanze che agiscono come antiossidanti in una determinata situazione possono trasformarsi in pro-ossidanti in un ambiente chimico differente. Già questa considerazione pone vaghezza sulla possibilità di classificare in maniera esatta gli antiossidanti. Se ci spostiamo in un contesto biologico la confusione cresce in maniera esponenziale, in quanto l’attività antiossidante di un composto in vitro non necessariamente corrisponde ad una sua efficacia in vivo. Infatti, i processi di ossido riduzione all’interno di una cellula o di un organismo rappresentano un fenomeno estremamente complesso, con diversi significati funzionali, e condizionato da elementi non necessariamente regolati da aspetti strettamente chimici. Il razionale dell’impiego degli antiossidanti in vivo si basa sulla presunta capacità di tali sostanze di limitare o ridurre i danni indotti dallo stress ossidativo. Per stress ossidativo si intende uno sbilancio tra produzione e livelli di molecole reattive ossidanti e livelli e efficienza delle difese antiossidanti, in favore dei processi ossidativi. Il corpo genera molecole reattive e radicali liberi, come inevitabili sottoprodotti del metabolismo energetico. Altri radicali liberi derivano dal cibo che mangiamo, dall’aria che si respira, dall’azione della luce solare sulla pelle. I radicali liberi non necessariamente costituiscono un pericolo per i sistemi biologici, anzi rappresentano importanti molecole di segnale e armi di difesa nei confronti di organismi patogeni. Quando però i livelli di radicali liberi diventano eccessivi, e/o le difese antiossidanti cellulari si riducono, si sviluppa un danno ossidativo a vari livelli (lipidi, proteine, DNA) che può portare a perdita di funzione, invecchiamento e morte cellulare. Per contrastare l’azione dei radicali liberi, le cellule e l’organismo hanno a disposizione una serie di meccanismi enzimatici o non-enzimatici, che costituiscono le difese antiossidanti endogene. Il glutatione, un piccolo tripeptide, nella sua forma ridotta, è ad esempio una molecola antiossidante endogena indispensabile per la difesa cellulare dai danni dello stress ossidativo. La nutrizione svolge un ruolo fondamentale nel mantenere l’efficacia delle difese enzimatiche antiossidanti. Con il cibo si assumono micronutrienti dotati di azione antiossidante intrinseca, elementi coinvolti nella struttura molecolare o nell’attività delle proteine antiossidanti, molecole in grado di stimolare la sintesi e la funzione del sistema antiossidante endogeno. Un grave errore, che spesso si ripropone anche nell’ambito di studi osservazionali o di intervento sull’uomo, è l’idea che gli antiossidanti siano intercambiabili, o che con tale definizione si intenda molecole simili o paragonabili tra loro. Non lo sono affatto. Ogni antiossidante ha comportamenti chimici unici e proprietà biologiche peculiari. Ci sono centinaia, probabilmente migliaia, di diverse sostanze che possono agire come antiossidanti. Si tratta quindi di una classe di composti estremamente eterogenea, che include molecole assai diverse l’una dall’altra. Si va dalle vitamine idrosolubili (vitamina C) o liposolubili (vitamina E), agli elementi in tracce (selenio), da singoli aminoacidi (cisteina) piccoli peptidi (glutatione) e complesse proteine (superossidodismutasi), a derivati metabolici (bilirubina e acido urico), fino ad arrivare a composti appartenenti alla biochimica delle piante e assunti con la dieta, come i carotenoidi o i polifenoli.I polifenoli comprendono un ampio gruppo (diverse migliai di composti) di metaboliti secondari delle piante, che include i flavonoidi, gli isoflavoni, gli acidi fenolici, le proantocianidine, i tannini e i lignani. Nell’uomo, frutta e verdura rappresentano la principale fonte alimentare di questi composti. Sebbene siano dei non nutrienti, cioè non servono a fare energia o strutture, una volta assimilati con il cibo i polifenoli sono in grado di interagire con la nostra biochimica, attivando e regolando numerosi aspetti funzionali. Tra le sostanze maggiormente studiate vi sono le antocianine e le procianidine del mirtillo, come la delfinidina, le catechine del tè, come l’epigallo-catechin-3-gallato, uno stilbene contenuto nell’uva e nelle arachidi, il resveratrolo, il pigmento giallo che dà il colore al curry derivato dal tumerico, la curcumina. A livello scientifico, sono note da anni le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti di tali composti. Queste sostanze sono in grado di stimolare i sistemi di riparazione cellulare, di amplificare le difese antiossidanti endogene, di inibire in maniera specifica l’azione delle molecole infiammatorie. L’innesco di tale risposta difensiva è legata alla specifica capacità di alcuni polifenoli di modularespecifici meccanismi di segnale e fattori di trascrizione. Tra le azioni più rilevanti vi è quella di attivare un fattore di trascrizione fondamentale per la sopravvivenza cellulare allo stress, l’Nrf2, e parallelamente inibire l’Nfk-B, un segnale fondamentale nell’innescare i processi infiammatori e di morte programmata. L’Nrf2, è di per se in grado di aumentare in maniera specifica una pletora di segnali di sopravvivenza, difesa antiossidante e rigenerazione cellulare, ed è sempre più visto come una molecola chiave per la terapia e la prevenzione di numerosi disturbi cronici età-correlati, dalle malattie cardiovascolari, alle neurodegenerative e al fotoinvecchiamento cutaneo. Il nostro gruppo di ricerca negli ultimi anni, ha sviluppato numrose ricerche per verificare la possibilità che composti polifenolici di diversa derivazione vegetale, attraverso la modulazione di Nrf2, sortiscano effetti protettivi, agendo come induttori della capacità di difesa antiossidante cellulare, e possano essere utilizzati per la realizzazione di strategie nutraceutiche/nutrizionali, mirate alla prevenzione dell’invecchiamento patologico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La cellulite e i fili di ringiovanimento

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

cellulite-centro-medicina-estetica-roma-centroLa cosiddetta cellulite è una vera patologia estetica, anzi un insieme di sintomi che costituiscono un campanello d’allarme per alterazioni, spesso iniziali, che si manifestano con la tipica buccia d’arancia, in inglese ‘Dimpling skin’. Si tratta di una patologia estetica che presenta varie cause, aspetti e stadi, per cui occorre sempre cercare di capire il limite fra patologia ed estetica, rivedendo quel fiume d’inchiostro scritto sulla cellulite, talvolta con contraddizioni o differenti opinioni, spesso senza affrontare il vero problema: la definizione e la classificazione. La cellulite deve essere intesa come una patologia complessa e non come grasso localizzato, distribuito male o in eccesso; è una patologia d’organo secondaria a una mesenchimopatia e disendocrinia, sistemica o localizzata, dove la microangiopatia e la stasi venolinfatica sono strettamente collegate, sia come prima causa che conseguenza o copatologia. Su questo si inserisce all’inizio una risposta infiammatoria, che poi diventerà risposta degenerativa tipica del processo evolutivo.“Le moderne conoscenze hanno identificato il tessuto adiposo come un organo fondamentale per la vita cellulare, la riduzione dell’ossigeno cellulare e le alterazioni tossiche dei tessuti scatenano quei processi infiammatori e degenerativi che realizzano infine la fastidiosa cellulite – scrive Pier Antonio Bacci docente di medicina estetica all’Università di Siena e Barcellona – La vita, per esistere, ha bisogno di ossigeno e di energia, in un ambiente che permetta la vita stessa, per questo occorre imparare a non intossicare i tessuti e, meglio ancora, imparare a depurare periodicamente l’organismo, sia con idonee diete deacidificanti sia con trattamenti di medicina estetica, come carbossiterapia, mesoterapia, propulsione d’ossigeno e laser. L’energia è importante anche per rimuovere le tossine – continua Bacci – ma se i tessuti sono intossicati non hanno ossigeno e quindi non creano energia, la chiave di lettura della medicina moderna è il messaggio di prevenzione e cura del corpo, prima che le alterazioni siano avanzate. Questo è il ruolo chiave della medicina estetica!”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La rinoplastica medica

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

rinoplastica12La rinoplastica medica è una vera e propria rivoluzione degli ultimi anni. “Va subito detto che la rinoplastica medica ha dei limiti – precisa Emanuele Bartoletti, neopresidente della SIME e del XXXVI° Congresso – non consente ad esempio di effettuare interventi riduttivi. Se invece il naso è di dimensioni corrette, ma è presente qualche difetto (naso insellato, presenza di un leggero gibbo, naso con la punta in basso, naso leggermente storto), le correzioni possono essere fatte semplicemente con dei filler a base di acido ialuronico o di idrossiapatite di calcio, le sostanze più utilizzate.I risultati si vedono immediatamente e si raggiungono man mano che si inietta il filler; quindi si può tranquillamente decidere con il paziente quando fermarsi. Anche qui non si tratta di una vera e propria correzione, ma a sorta di camouflage. Per correggere un gibbo, è necessario riempire sopra e sotto, non posso tagliare il gibbo. L’acido ialuronico fatto sul naso dura tra l’altro tantissimo (anche un anno un anno e mezzo) perché è poco vascolarizzato e perché c’è meno movimento. Naturalmente, anche in questo caso è necessaria una buona conoscenza dell’anatomia e una buona esperienza. Anche in questo caso si lavora in una zona potenzialmente pericolosa e esposta a complicanze: iniettando una quantità eccessiva di filler, ad esempio, si corre il rischio di comprimere i vasi e di provocare una necrosi cutanea. Sono stati descritti più casi di necrosi cutanea della punta, per un’infiltrazione eccessiva sulla punta o a livello dei solchi naso-genieni, per la compressione delle arterie che salgono a questo livello. Anche in questo caso è fondamentale lo studio del soggetto e la scelta della correzione più adeguata. Ad esempio per far sembrare una punta del naso un po’ più proiettata verso l’alto, basta allargare un po’ l’angolo naso-labiale e la punta sembra ‘rialzarsi’. Si conferma la scarsa utilità della tossina botulinica per il sollevamento della punta, che qualcuno aveva proposto per il trattamento del muscolo mirtiforme o depressore del setto nasale (quello che quando ridiamo, ‘tira’ giù il naso).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ecco come riconoscere i cosmetici “sani”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

prodotti cosmeticiIl Nuovo Regolamento Europeo REGULATION (EC) No 1223/2009 in vigore dal 11 luglio 2013, che supera e unifica tutte le normative nazionali, ha posto l’accento su due punti a difesa del consumatore: l’innocuità dei prodotti cosmetici, certificata dalla scritta: “Dermatologicamente o Clinicamente testato” e la veridicità dei claim, cioè delle informazioni fornite al consumatore attraverso i prodotti e attraverso la pubblicità. Su questi argomenti abbiamo sentito la professoressa Carla Scesa,esperta cosmetologa. Dott.ssa Scesa, Quale è oggi il ruolo del medico nella prescrizione di un trattamento cosmetico? In una popolazione che invecchia (e l’Italia è al primo posto in Europa) la prescrizione cosmetica individuale fatta da un Medico specialista diventa sempre più importante poiché tiene conto dello stato generale di salute e dei punti critici dell’invecchiamento cutaneo, che variano da individuo a individuo: c’è chi forma molte rughe, chi ha soprattutto rilassamento cutaneo, chi si copre di macchie oltre alla formazione di borse, occhiaie e cedimenti perioculari. Ma per poter scegliere fra le migliaia di cosmetici posti sul mercato, tutti con promesse di efficacia, cosa deve sapere il medico per poter prescrivere cosmetici sicuri e in grado di risolvere i problemi estetici?
La sessione del Congresso dedicata alla cosmetologia approfondirà i numerosi aspetti di questo fondamentale problema per poter capire i cosmetici e i loro contenuti. In particolare si pone l’accento sulla sicurezza, oggi messa in discussione da una informazione spesso fuorviante. Se è vero che il numero di ingredienti a disposizione dei formulatori cosmetici è estremamente elevato (circa 20.000 nomi) è anche vero che ci sono legislazioni sempre più attente e restrittive, per tutelare la salute del consumatore e la veridicità di quanto promesso. In particolare il Nuovo Regolamento europeo entrato in vigore il 13 luglio 2013, impone test sperimentali per la valutazione della sicurezza e dell’efficacia, con test in vitro e in vivo (dopo l’assoluto divieto di sperimentare su animali) che forniscono una elevata garanzia per il medico e per il consumatore.Assistiamo sempre più spesso a diciture che presentano cosmetici senza SLS, senza parabeni, senza olio minerale e l’elenco potrebbe continuare. Possono dunque essere presenti sostanze nocive? La Commissione europea di Cosmetologia (e la Food and Drug Administration negli USA) pongono grande attenzione alla tossicologia degli ingredienti, definendone i limiti quali-quantitativi e le aree di utilizzo fino alla proibizione delle sostanze non sicure. Nelle relazioni presentate al Congresso si approfondirà, per i medici, l’aspetto di una comunicazione non sempre scientifica ma fuorviante, che invece di permettere al consumatore di scegliere, crea paure e insicurezza. Il medico rappresenta quindi una garanzia di scelta e di utilizzo, analizzando non soltanto la composizione dei prodotti, attraverso la lettura degli ingredienti contenuti, ma il rapporto con eventuali allergie del paziente. Le altre relazioni approfondiranno l’assorbimento cutaneo e la biodisponibilità dei prodotti cosmetici, i test effettuati e la loro efficacia, senza dimenticarne l’impatto sensoriale all’origine di quel benessere che tutti noi ci aspettiamo, insieme a risultati rapidi e duraturi, da un trattamento cosmetico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ospedale Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina Novità per l’ambulatorio di medicina estetica

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

Isola-TiberinaIn occasione del 21° anno di attività l’Ambulatorio di medicina estetica dell’Ospedale Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina cambia sede, con l’intenzione e il proposito chiaro di allargare la gamma dei servizi offerti alla clientela. “A fronte di oltre 25mila persone che ci hanno incontrato in prima visita – precisa Fulvio Tomaselli, presidente onorario della SIME e responsabile dell’Ambulatorio – abbiamo in questi anni erogato più di 350mila prestazioni con il massimo dell’attenzione all’estetica del volto in una popolazione di varia origine. Dallo studio delle necessità delle Persone che si sono affidate a noi sono emerse nuove possibilità di ‘specializzare’ meglio la nostra offerta di accudimento. Non vogliamo parlare di ‘Cura’, ma di accadimento di quel gesto medico che prevede la presa in carico della persona che si affida nella sua globalità e non soltanto riferita all’inestetismo dichiarato.Nell’ambito della filosofia della nostra Società scientifica, con l’obiettivo di ‘Prevenire’ ‘Restituire’ e ‘Correggere’ apriremo un ambulatorio specifico dedicato ai giovanissimi – sia bambini che adolescenti – dove si tratterà lo stile di vita, la cosmesi l’educazione alla medicina estetica per il loro futuro.Andremo agli antipodi della vita dedicando la nostra attenzione agli anziani per i quali le possibilità di azione devono tener conto sia dell’attenzione che delle diverse condizioni di salute e comorbidità,Nel mezzo ci occuperemo, in accordo con la nostra ostetricia e ginecologia della donna in gravidanza e in menopausa, momenti spesso difficili da gestire per le fisiologiche modificazioni che l’organismo mette in atto.L’alimentazione è un argomento di grande interesse, spesso stressato fino alla dieta perenne per perdere peso. Il nostro servizio di ‘educazione alimentare’ prevede un progetto formativo per la Clientela non finalizzato al dimagrimento, ma alla conoscenza dei principi molecolari che regolano la fisiologia del corpo legata all’alimentazione secondo un nuovo concetto valutativo. Questi i primi nuovi servizi ambulatoriali che si affiancano a quanto già esistente come ‘l’ambulatorio di medicina estetica per il malato’ in essere da ormai 11 anni che ha riscosso un buon successo emulativo presso altre sedi ospedaliere”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I distretti difficili, una sfida per la medicina estetica

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

botulinoIl distretto difficile per eccellenza è la regione peri-orbitaria, cioè l’area intorno all’occhio la zona delle occhiaie, la zona del margine dell’occhio e della palpebra, la zona del sopracciglio. Il sopracciglio è una zona molto mobile, che può essere aiutata sicuramente dalla tossina botulinica; quando questa non è più sufficiente è necessario però intervenire con i filler di sospensione, i filler di acido ialuronico o di idrossiapatite di calcio. Infine è possibile ricorrere anche alla correzione chirurgica.Per quello che riguarda le occhiaie, queste sono sempre state un challenge per il medico estetico perché quest’area non è facile da trattare, ma anche perché è una zona che si edemizza molto facilmente. Di conseguenza, se non si usa un prodotto adatto, è facile che si sviluppi facilmente un edema (primo tra tutti con l’acido ialuronico). Le sostanze che abbiamo a disposizione per correggere questa regione non sono moltissime: acido ialuronico, idrossiapatite di calcio, policaprolattone, carbossimetilcellulosa. Adesso sta tornando di moda anche l’agarosio, una sostanza uscita qualche anno fa. Il successo della correzione, in particolare in quest’area, è molto una questione di tecnica e soprattutto di corrette indicazioni. La soluzione per le occhiaie va ritagliata su misura in base alle caratteristiche del paziente e sarà naturalmente diversa per chi ha le occhiaie con la pelle sottile, quelle con la pelle spessa, le occhiaie con gli occhi gonfi e le borse. Quindi, come sempre in medicina estetica, prima di fare un trattamento, è necessario studiare bene il paziente, porre una corretta diagnosi. Perché le occhiaie possono essere dovute a numerosi fattori: un legamento orbitario troppo corto, o dalle borse che iniziano ad essere preminenti, o dalla cute scura, dalla pelle molto sottile che lascia vedere in trasparenza un vaso, o da una pelle spessa con un legamento molto tirato. Le cause delle occhiaie sono quindi moltissime e, a seconda del fattore preponderante, si andrà a scegliere il prodotto e la tecnica più giusta. E’ fondamentale un’approfondita conoscenza del distretto da un punto di vista anatomico.La regione delle tempie, veniva trascurata fino a qualche tempo fa. Ma oggi non più. Una tempia incavata conferisce infatti un aspetto ‘vecchieggiante’. Anche in questo caso, non esiste un’unica tecnica di correzione o il prodotto migliore; la chiave del successo è solo lo studio approfondito del soggetto in rapporto all’origine dell’inestetismo.
Sono diverse le possibilità di trattamento. Si può riempire in profondità, tra osso e muscolo temporale, o tra muscolo temporale e la pelle. Se oltre a questa depressione ci sono delle vene evidenti, se la pelle è sottile bisogna stare attenti, ma se la pelle non è sottile si può tranquillamente riempire in superficie in modo che si scolli un po’ la pelle dal vaso e il vaso si mimetizzi un po’. Linea mandibolare (i cosiddetti ‘bargigli’). Anche questa è una zona difficile. In genere sono due gli errori che fanno spesso a questo livello. Il primo è di tentare di correggere i bargigli con il filler, che non sono indicati in questa regione perché il bargiglio non è una depressione, non è una ruga, ma una zona in cui il tessuto si accumula perché qui c’è un legamento, al di sotto del quale il tessuto non ‘scivola’, si blocca, altrimenti il mento comincerebbe pian piano ad allungarsi. Il riempimento quindi rappresenta una sorta di camouflage, più che una correzione vera e propria. Ma oltre un certo livello questo camuffamento non funziona più, quindi è inutile continuare a riempire quando il bargiglio è troppo grande. E’ necessario semmai rimodulare tutto il bordo mandibolare e tra l’altro deve essere fatto in associazione ad un rimodellamento della zona zigomatica è prezigomatica, cioè tra il naso e lo zigomo. Ma questo non significa, come pensano alcuni, riuscire a tirare su il bargiglio riempendo gli zigomi. A volte i pazienti che lo chiedono; ma bisogna essere bravi a dire no. Altrimenti si cade nell’eccesso e nel conseguente inestetismo di alcuni famosi personaggi del mondo dello spettacolo o della televisione.La correzione medica del collo, continua ad essere un problema. Le tecniche chirurgiche sono certamente molto efficaci ma, grazie a nuove metodologie che continuano a dare conferme sia sulla bontà dei prodotti sia sull’affinamento delle metodiche di utilizzo, si cominciano ad ottenere discreti risultati, anche in ambito di medicina estetica.
Certo il collo va trattato tempestivamente, senza aspettare che diventi cadente. E’ necessario sottoporlo ad una buona manutenzione, alla base della quale c’è sicuramente una buona idratazione della cute. Questo implica il ricorso alla biostimolazione, all’acido ialuronico, al plasma arricchito in piastrine (PRP) che, analogamente alle cellule staminali del tessuto adiposo, rappresenta la più grossa novità in medicina estetica ormai da qualche anno a questa parte. E quest’anno in particolare al congresso della SIME saranno presentati dei risultati decisamente importanti sia sul viso che sul collo. Dopo essere riusciti a garantire e mantenere un buon il trofismo cutaneo a livello del collo, si può passare al trattamento con i fili (il cosiddetto soft lift), sia quelli di sospensione, che di biostimolazione, quali quelli in polidiossanone (PDO). Questi fili provocano produzione di collagene tale da ridare un po’ di spessore alla pelle; vengono usati in particolare quando la pelle è molto sottile. Con i fili di sospensione si riescono ad ottenere dei risultati discreti che durano circa 6 mesi – un anno. Anche i costi sono contenuti e nel range di quelli della medicina estetica. I fili costano infatti 200-300 euro l’uno e per il collo se ne usano 2-3 per il collo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina estetica tra gli adolescenti “Indagine tra gli studenti delle scuole”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

medicina-esteticaE’ la prima volta che una società scientifica che si occupa di medicina estetica punta i riflettori su un comparto così ‘delicato’ come quello dell’adolescenza, come se i giovani fossero ‘esenti’ da questo tipo di sollecitazioni. E i risultati della nostra indagine – ancorchè tutt’altro che conclusivi e ancora preliminari – sembrano confermare una tendenza… assolutamente diversa. “Negli ultimi anni abbiamo notato un incremento delle domande da parte degli adolescenti per trattamenti di medicina estetica – spiega Emanuele Bartoletti, presidente della SIME – A volte le richieste sono autonome, a volte i ragazzi sono spinti dagli stessi genitori e arrivano dal medico lamentando un inestetismo non sempre presente. Essendo questo un trend in aumento riferito con preoccupazione da gran parte dei soci della SIME, la Società ha ritenuto opportuno far chiarezza nella situazione attuale della percezione dell’Io corporeo negli adolescenti al fine di poter capire e provvedere alla loro tutela. Il tutto con lo scopo di proteggerli da interventi inopportuni e, soprattutto, con l’intento di educarli ad accettarsi, ponendo in risalto i lati fisiognomici positivi, oltre a far capire loro l’importanza della prevenzione, suggerendo regole di igiene cosmetologica, fisica, comportamentale. A questo scopo abbiamo somministrato agli adolescenti un sondaggio realizzato grazie alla partnership della SIME con l’Università Magna Graecia di Catanzaro, nella figura della professoressa Cristina Segura Garcia e con l’aiuto dell’Associazione Italiana di Medicina Estetica (AIdME) nella persona della presidente Rosanna Catizzone e con la supervisione della dottoressa Nadia Fraone, Consigliere SIME”.I risultati preliminari. Il campione è costituito da 2265 partecipanti di cui 880 maschi (38,9%) e 1385 femmine (61,1%). Sono più rappresentate le regioni del Sud Italia (69,3%) rispetto a quelle del Nord (18,1%) e del Centro (12,7%) (Tab.1), ma i dati restano comunque indicativi, mentre la distribuzione tra maschi e femmine è risultata omogenea per regioni. L’età dei giovani. L’età dei giovani intervistati varia tra i 13 e i 18 anni, proprio perché sono stati selezionati ragazzi in età ancora scolastica.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emanuele Bartoletti eletto presidente della Società Italiana di Medicina Estetica

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

bartolettiUna disciplina esercitata da quasi 5mila medici, di cui oltre 1200 usciti dalla Scuola Internazionale di Medicina Estetica della ‘Fondazione Internazionale Fatebenefratelli’ di Roma. Emanuele Bartoletti è il nuovo presidente della Società Italiana di Medicina Estetica. Presidente onorario è stato eletto Fulvio Tomaselli e vicepresidenti Florindo Lanzaro e Domenico Centofanti, segretario Dario Dorato e tesoriere Carlo Zanella. I nuovi consiglieri sono Gloriana Assalti, Domenico Feleppa, Nadia Fraone, Umberto Nardi, Gloria Trocchi e Maurizio Vignoli; probiviri Loredana Cavalieri, Fausto Perletto e Maura Secchi. “Sono onorato – oltre che felicissimo – di essere stato eletto presidente di questa ‘storica’ Società Scientifica che, nata nel 1975, tanto ha fatto in quarant’anni per far crescere e conoscere la Medicina Estetica; una meravigliosa disciplina che riscuote un crescente successo tra i pazienti e gli stessi medici. E’ questo, infatti, un momento molto importante per noi, perché sono sempre più numerosi i medici che scelgono questa disciplina per farne la loro professione. Il futuro di questa Società Scientifica, che ha da sempre la leadership in questo settore, va decisamente verso un incremento della ‘scientificità’ della Medicina Estetica. Uno dei principali obiettivi è, infatti, quello di aumentare il riferimento alla ‘Evidence Based Medicine’, riportando il tutto verso una fondamentale correttezza clinica e fornendo la Medicina Estetica di prove sperimentali scientifiche di altissimo livello – sia ospedaliere che universitarie – che certifichino qualsiasi metodica da noi medici praticata”. A tal proposito, la prima “novità” prodotta dal nuovo CD sarà la pubblicazione di una rivista internazionale di Medicina Estetica (Aesthetic Medicine Journal) che ha come paternità la SIME, ma che è stata condivisa dalle Società Scientifiche di altri 26 Paesi afferenti all’Union International de Médicine Esthétique. Al più presto, inoltre, verrà avviato l’iter per richiederne l’indicizzazione e sarà la prima rivista indicizzata dedicata esclusivamente alla Medicina Estetica.Il percorso formativo. “Un altro obiettivo fondamentale – continua il neo presidente – sarà quello di ottenere al più presto un riconoscimento del percorso formativo del medico estetico. A tutt’oggi, poiché la Medicina Estetica non rientra ancora tra le specializzazioni universitarie, la preparazione completa del medico è deputata esclusivamente alle Scuole post-universitarie quadriennali. Ci sono quindi i presupposti affinché questo percorso di studi così largamente condiviso possa essere considerato dalle istituzioni come un programma sufficiente per una disciplina che ha ormai tutti i titoli per una qualificazione ‘ufficiale’. Il rapporto medico-paziente. “Il terzo punto che cercherò di rafforzare in questo mandato – conclude Bartoletti – sarà il rapporto di fiducia dei pazienti nei confronti del medico estetico, permettendo allo specialista di inserirsi sempre più saldamente nella società. Da anni, infatti, la Medicina Estetica ha iniziato a rivolgersi anche a quei pazienti che soffrono – pazienti in terapia oncologica o in radioterapia – per migliorare la qualità della loro vita. Un altro obiettivo è quello di rivolgersi agli adolescenti con l’intento di tutelarli da qualsiasi intervento. Su di loro, infatti, la Medicina Estetica deve avere un approccio esclusivamente preventivo e non correttivo. In quest’ottica, abbiamo voluto quest’anno come focus principale del nostro Congresso Nazionale a Roma dal 15 al 17 maggio 2015 proprio il mondo dell’Adolescenza, condividendo il dibattito con personalità di altre discipline afferenti, soprattutto pediatri. L’intento finale è quello di inserirci sempre più nella realtà quotidiana dei pazienti in modo tale che questi possano trovare nel medico estetico un professionista con cui confidarsi e dal quale poter avere dei consigli ‘di qualità’ in un concetto di benessere generale. Cercheremo di far capire a tutti cosa differenzia un medico estetico che ha deciso di dedicarsi ‘in toto’ a questa disciplina con un approccio olistico al paziente”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi del settore energetico. Nuovo rischio sistemico?

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

energiaUno degli effetti dei Quantitative easing delle banche centrali è stato quello di provocare un certa volatilità sui prezzi delle commodity. Il solo annuncio del Qe europeo da parte della Bce, come è noto, in quel periodo determinò variazioni quotidiane fino al 9% del prezzo del petrolio. In passato molta nuova liquidità ha generato l’aumento della produzione energetica, soprattutto di petrolio e di gas, anche con l’accensione di nuovi debiti. Molti analisti, anche la Bri, consapevoli e preoccupati delle eventuali conseguenze sistemiche sul settore e sull’intera economia e finanzia mondiali, pur sorvolando sulle ragioni profonde di geopolitica, si stanno interrogando sulle altre ragioni dell’anomalo quanto rilevante crollo del prezzo del petrolio.
Oggi il debito totale del settore del petrolio e del gas è di circa 2,5 trilioni di dollari. Rispetto ai livelli del 2006 è cresciuto due volte e mezzo. Attualmente sono in circolazione obbligazioni legate al settore per 1,4 trilioni di dollari. Dal 2006 vi è stato un aumento annuo del 15%. Il debito residuo è con le banche. Negli Usa i debiti del settore energetico sono cresciuti a ritmi più alti di quelli degli altri settori industriali. Essi rappresentano il 15% dei principali indici di debito, sia investment grade (ritenuto affidabile dagli investitori istituzionali) che ad alto rendimento, mentre erano il 10% soltanto 5 anni prima. Recentemente le compagnie petrolifere americane hanno preso a prestito “alla grande” tanto che incidono per il 40% sul totale dei nuovi prestiti sindacati, quelli erogati da un consorzio di banche, e delle nuove obbligazioni in circolazione. La maggior parte di questi crediti è andata alle imprese minori, quelle impegnate nell’esplorazione e nella produzione del gas da scisti bituminosi. Infatti, mentre per le cosiddette “seven sisters” il rapporto debiti/attività è rimasto costante, per le altre è quasi raddoppiato. Come è noto, il prezzo del petrolio è anche il riflesso del valore degli attivi sottostanti che reggono le montagne di debiti. Perciò il suo recente calo sta causando difficoltà finanziarie al settore. Se si cercasse di rispondere con l’aumento della produzione, il prezzo inevitabilmente tenderebbe a scendere ulteriormente. Il che manterrebbe lo squilibrio tra domanda e offerta. I bassi prezzi del petrolio ovviamente tendono a ridurre il profitto, aumentano il rischio di default e generano costi finanziari più alti per le compagnie. Contemporaneamente si riducono i flussi di cassa relativi alla produzione con meno liquidità per far fronte al pagamento degli interessi sul debito.
Il settore energetico ha un comportamento non dissimile dalla dinamica di un asset market (mercato di attività) che riflette non soltanto i cambiamenti attesi nei valori economici fondamentali, ma anche quelli legati alle situazioni finanziarie che alla fine determinano le decisioni delle imprese. Il settore immobiliare è l’esempio più eclatante, non solo negli Usa. Quando le attività sottostanti di un settore altamente indebitato scendono di valore, lo “stress” provocato dal calo dei prezzi induce a vendere una quantità maggiore degli asset su cui si basano i debiti. Di fronte alle crescenti difficoltà finanziarie, il settore energetico può essere anche indotto a diminuire le spese di investimento, che in gran parte finora sono state finanziate attraverso il debito. Negli Usa molte imprese hanno annunciato tagli fino al 50% delle spese in conto capitale. Quelle altamente indebitate potrebbero essere costrette a vendere attività e impianti o piuttosto a spingersi sui pericolosi mercati dei derivati nella speranza di garantirsi contro le oscillazioni del prezzo. Sono quindi molti gli effetti che il drastico calo dei prezzi del petrolio e del gas hanno provocato. A seguito del calo di valore delle attività da portare a garanzia, ora le banche americane tendono a ridurre i crediti a breve per le imprese petrolifere di minori dimensioni, in particolare quelle impegnate nell’estrazione del gas da scisti. Questa è una delle ragioni per cui anche gli investitori di lungo periodo sono meno attratti da questo settore in difficoltà.
In altre parole, come in passato, la crisi del settore energetico riverbera sull’intera economia i suoi effetti destabilizzanti e aumenta il rischio di conseguenze sistemiche sulla finanza globale. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e PaoloRaimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Storie per terrestri bipedi”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

hotel forum romaRoma Sabato 23 e Domenica 24 “Città del sole” e “Editori Laterza” presentano Laboratori e incontri nei negozi Città del sole di Roma. Età consigliata dai 6 anni in su. Inizia il ciclo di laboratori e incontri organizzato da Città del sole e Editori Laterza per presentare la collana Celacanto: presso i negozi romani della Città del sole verranno presentati tre titoli tutti al femminile, opere di scrittrici autorevoli che ci raccontano donne, ragazze e bambine coraggiose, capaci di dare nuova voce alla storia, di sfidare le convenzioni sociali, e addirittura di superare le barriere del tempo.I primi due appuntamenti saranno sabato 23 maggio, alle ore 11:00 presso il negozio di Via Baldovinetti, 80 e alle ore 16:30 presso il negozio di Via Appia Nuova, 401 con “Christine e la città delle dame” di Silvia Ballestra, illustrazioni di Rita Petruccioli Il lavoro è terminato. La città adesso è pronta: bella, forte e popolata. Tutta scritta. Chiara. Ariosa. Libera. Giusta. E ben difesa. Christine si sente meno sola, fra tutte queste storie. «Bastava cercarle, le storie delle donne. Delle Amazzoni e di Cassandra, di Didone e di Saffo, di Penelope, della Vergine Maria e di molte altre», dice, posando la penna. «Bastava raccontarle». Laboratori a cura di Rita Petruccioli. Si continua domenica 24 maggio alle ore 17:00 presso il negozio di Via Marcantonio Colonna, 5 con “Susan la piratessa” di Carola Susani, illustrazioni di Simona Mulazzani
«Il coraggio non mi manca, la mia vera terra è il mare e ho amici ovunque, da qui alla Cina al Madagascar». Come ci arriva una ragazza su una nave dove svetta il Jolly Roger, la bandiera nera e bianca dei pirati, con il teschio e le ossa? È una storia lunga come erano lunghi i suoi capelli biondi, ora corti, cortissimi.
Una collaborazione prestigiosa, potremmo dire necessaria, tra due operatori nel campo del gioco educativo per l’infanzia (da una parte) e della saggistica storica (dall’altra), in questo caso applicata alla letteratura per ragazzi in una nuova affascinante collana
illustrata: Celacanto (Parole da leggere, in silenzio o ad alta voce, storie da vedere, mondi da esplorare).
CELACANTO è la collana per ragazzi degli Editori Laterza. Una collana pensata per parlare di storia senza mai perdere il gusto del racconto, dell’avventura, dell’immaginazione. Alcuni tra i migliori storici e scrittori italiani e internazionali raccontano le vicende, i personaggi, i popoli del passato, le grandi esplorazioni e le scoperte scientifiche, catturando l’attenzione e la fantasia dei piccoli lettori. Le illustrazioni sono firmate da disegnatori di grande prestigio.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Percorsi d’Autore”: L’adolescenza e la notte

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Mag 2015

fontanellaRoma Martedì 19 maggio 2015 ore 17.30 FUIS , piazza Augusto Imperatore, 4 lo scrittore Luigi Fontanella con il libro di poesia “L’adolescenza e la notte” (ed. Passigli Poesia) sarà ospite della Fuis nell’ambito dell’iniziativa culturale “Percorsi d’autore”, incontri-conversazioni con poeti, romanzieri, saggisti curata da Elio Pecora. Ogni martedì, per due incontri al mese, il noto poeta, scrittore e saggista incontra e conversa con un autore: tema dell’incontro è non solo l’ultimo libro di ciascun autore, ma l’intero percorso artistico e culturale in cui un’opera letteraria si compie e si manifesta.
Gli incontri, iniziati il 4 novembre 2014, si svolgono il martedì alle ore 17.30 presso la sede della Fuis (Federazione unitaria italiana scrittori), in piazza Augusto Imperatore, 4 a Roma (in prossimità dell’Ara Pacis). L’evento può essere seguito in diretta streaming sul sito http://www.fuis.it. Ingresso libero.
Luigi Fontanella vive tra Long Island, New York e Firenze. Ha pubblicato libri di poesia, narrativa e saggistica. Fra I titoli più recenti L’angelo della neve. Poesie di viaggio (ed. Mondadori, Almanacco dello Specchio 1909), Controfigura (romanzo, ed.Marsilio 2009), Soprappensieri di Giuseppe Berto (ed. Aragno 2010), Migrating Words (Bordighera Press, 2012), Bertgang (ed.Moretti & Vitali, 2012, Premio Prata, Premio I Murazzi), Disunita ombra (ed. Archinto, RCS, 2013, Premio Città di Sant’Anastasia).
Dirige, per la casa editrice Olschki, “Gradiva”, rivista internazionale di poesia e poetologia italiana ( Premio per la Traduzione, Ministero dei Beni Culturali, Premio Catullo) e presiede la IPA ( Italian Poetry in America). Nel 2014 gli è stato assegnato il Premio Nazionale Frascati Poesia alla Carriera. (foto: fontanella)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »