Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 20 Mag 2015

Drive Now Flexible London Carsharing Expand Fleet with 30 EVs

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

london-centralLondon, UK Today saw the launch of 30 BMW i3’s into London’s DriveNow carsharing service, the BMW / Sixt joint venture offering one-way flexible carsharing in the North London boroughs of Islington, Hackney, Haringey and Waltham Forest. Following their launch in December 2014, this takes their growing fleet total to 270 vehicles being used across the boroughs, offering residents and businesses a viable alternative to use of private cars with it’s on demand, pay per use model.
Today’s announcement means that over 11 percent of the fleet are full electric vehicles, as part of the exclusively BMW / Mini fleet of vehicles, making it London’s largest fleet of shared electric vehicles in a car club. Using the i3 will be a great move for the London carsharing customer, not least because of the emission free driving, but also the chance to test the new technology. The i3 is widely regarded as one of the most innovative EV’s on the market today, built with urban mobility at the heart of its development, and could become a truly important London carsharing vehicle as DriveNow grows. There are already over 10,000 members of the service in London alone, who will be given the opportunity to use the vehicles at competitive prices, in turn promoting the benefits of EVs to an increasing member base and local residents. There are several reasons that DriveNow have chosen to use the i3 in the carsharing fleet. As well as to improve the customer offer, with the new technology and highly acclaimed vehicles, which are also exempt from congestion charge (allowing more use cases), it is an opportunity to increase the marketing of the service, and gain operational insight into the use of EVs in their carsharing fleet. The marketing potential is not just related to the zero emissions from the vehicles and leveraging the new BMW model, but also to promote the benefits and potential application of electric vehicles to their customers of tomorrow. As more DriveNow customers understand how to use an EV in London, the more likely they will be to go and purchase one when they need their own private vehicle, is the theory, which may be more likely to be a BMW vehicle. It also educates Londoners on how to use the vehicles, a necessary intervention to drive behaviour change in cities to overcome range anxiety in particular, as well as operational concerns such as how to use the charging infrastructure. Given free driving credit will be offered to customers in return for charging the vehicles at the end of a rental, there is a good incentive to do so. Finally but importantly, it provides the opportunity to DriveNow to fully understand the operational pros and cons of using EVs in their flexible carsharing fleet. It is well documented that EVs currently cost more than the average combustion engine vehicle. Indeed, the list price of an entry level i3 vehicle at the time of writing is £30,980, compared to ~£20,000 for a BMW 1 series or £16,000 for a Mini Cooper (the other vehicles that make up the majority of the DriveNow fleet). Whilst this makes the business case more challenging, the main concern in London at present exists around the charging infrastructure. Of course, taking 4-6 hours to recharge wipes out a considerable proportion potential utilisation, but more importantly complications with the maintenance and contractual obligations in the transfer from TfL to private operator IER has led to as much as 35 percent of the charging stations unavailable due to faults. Given the fact that IER also operate carsharing firms in France, each London carsharing operator including DriveNow will be seeking clarifications from the local authorities as to the access and payment model to ensure a fair playing field is achieved. What is clear though from this announcement and the continuation of EV carsharing schemes around the globe, is that EV carsharing offers carsharing providers and particularly OEMs a great opportunity to leverage zero emission vehicles in high frequency urban use, and gives the city policy makers the potential to begin a shift from combustion engine to EV fleets by educating a wide pool of customers (carsharing members) with a small fleet of vehicles. Only a few months after launch, DriveNow have over 37 members to each of their vehicles, and exceed 100 members to vehicles in their developed market of Germany, thus using the opportunity to showcase their new EV to as many potential future EV customers as possible. With over 13 percent of global carsharing vehicles being electric already, Frost & Sullivan expect this to exceed 30 percent of carsharing fleets by 2020 given an increased entry from OEMs and support from city authorities to deliver EVs in carsharing fleets, such as parking/charging infrastructure incentives for example.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

NGO coalition successfully stops “Dolphins with the Stars”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

DolphinsThe Born Free Foundation, together with marine mammal scientists and other animal protection NGOs, have successfully ended the filming of a new reality TV show, “Dolphins with the Stars” in Portugal.The show, which tasks celebrities to train individual captive dolphins to perform choreographed routines and tricks before live audiences, has disappointed the Born Free Foundation, and other NGOs, that work tirelessly to end the exploitation of animals. Already broadcast in Lithuania and currently being filmed for broadcast in Portugal, the TV programme concept of “Dolphins with the Stars” (http://tiny.cc/dqdixx) has reportedly been sold across Europe. Daniel Turner, spokesperson for Born Free said, “We are delighted to hear that the Portuguese Government has contacted the TV channel SIC and advised against the filming and broadcast of ‘Dolphins with the Stars’. On behalf of the Dolphinaria-Free Europe coalition, Born Free wrote to Government officials, informing them about the TV show, raising concerns about the exploitation of the dolphins involved and highlighting obvious breaches in Portuguese law though the involvement of the licensed zoo, ZooMarine Algarve.” Turner adds, “We were informed this afternoon (18/05/2015) that the filming of TV programme has been suspended.”Filming had been taking place at the licensed zoo, ZooMarine Algarve in Portugal for “Dolphins with the Stars”, which was scheduled for broadcast on 20th June. Letters sent to the Government of Portugal explained that the exploitative practices of the TV show contradicted the zoo’s legal requirements that dictate a commitment to species conservation, meaningful public education and species-specific animal welfare standards. It was clear that the use of ZooMarine’s bottlenose dolphins would be in breach of those requirements. Portugal’s Institute of Nature Conservation and Biodiversity appear to have agreed with our assessment.Recognising that the programme, “Dolphins with the Stars” could still be broadcast in Portugal in the future, and quite possibly in other European nations, the Born Free Foundation will continue to monitor the situation and act in the interests of the captive wild animals.(photo: Dolphins)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Supermarkets selling products from the illegal Israeli settlements in Palestine violate international standards and are linked to human rights violations

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

amsterdamAmsterdam. Israeli settlements in the occupied Palestinian territories constitute a violation of international humanitarian law, and result into serious human rights violations. However, Dutch supermarkets continue to import and sell products from those settlements, including fruits and vegetables. As a result, supermarkets profit from companies that strengthen and expand illegal settlements. In its paper ‘Trading settlement products and the role of Dutch supermarkets in human rights violations’ SOMO concludes that it is time for supermarkets to take responsibility and for the government to adopt binding rules.Both the international community and the Dutch government recognise that the settlements are a violation of international law. Moreover, the settlements are one of the main obstacles to a solution of the Israeli-Palestinian conflict and lead to a series of human rights violations, such as violence against Palestinians by settlers, land expropriation for agricultural production in the settlements, and improper use of water by the settlements at the expense of the Palestinian population. “International trade between the settlements and companies such as supermarkets is one of the driving forces behind the settlements”, says Shawan Jabarin, director of Palestinian human rights organization Al Haq. “To end these human rights violations, it is essential to stop the trade in settlement products”. Earlier this month the umbrella organisation of Dutch supermarkets, CBL, announced that it will start listing the settlement origin on products. This in contrast to the current practice in which products from both the settlements and Israel are labelled ‘made in Israel’. While this will properly inform consumers about the origin of fruits and vegetables from the settlements, SOMO emphasises that correct labelling does nothing to end the human rights violations connected to the import and marketing of settlement products.
On the level of the Dutch government there currently exists a lack of clear legislation and rules concerning the issue. The government expects the supermarkets to take their own responsibility. It refers to existing international standards such as the OECD guidelines which states that companies should prevent becoming linked to human rights violations either as a result of their own practices, via the products they market or the suppliers they work with. However, supermarkets continue to act in contradiction with these guidelines and continue to wait for more guidance from the government.
SOMO argues that buying and selling settlement products is not in line with the OECD guidelines. “Settlements products cannot be seen in isolation from the illegal status of the settlements and the human rights violations as a result of the settlements”, says Anne Schuit, researcher at SOMO. “Supermarkets should be aware of these violations and take steps to prevent or end their involvement in violations”. Wednesday 20 May the Dutch Parliament will have a debate on the situation in Israel and the occupied Palestinian territories. SOMO calls on the government to implement mandatory human rights due diligence standards for supermarkets and food companies, obliging them to analyse the actual and potential impact on human rights in their supply chain and to take effective steps to prevent or end their involvement in violations. If not, this vicious circle, which paves the way to serious human rights violations and breaches of international law, will continue to exist.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come lo stress precoce modifica i nostri geni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

IRCCS Medea di Bosisio Parini (Lc)Non tutto è già scritto nel DNA. Uno studio del Medea sull’epigenetica della prematurità indaga lo stress nei bambini nati pretermine. Il DNA non è una struttura fissa e un nuovo campo di studi, noto come epigenetica, suggerisce che l’esperienza possa avere degli effetti anche sul breve tempo, modificando il modo in cui i nostri geni lavorano e fanno ciò che per cui sono stati programmati. In particolare, l’epigenetica trova un interessante campo di applicazione nello studio dello stress precoce nei bambini nati pretermine, che a causa della loro immaturità trascorrono i loro primi mesi di vita in Terapia Intensiva Neonatale (TIN). Nonostante l’adozione di procedure farmacologiche e non-farmacologiche di contenimento del dolore, questi bambini sono comunque esposti a numerose procedure di assistenza stressanti che possono influenzare la loro risposta allo stress. Uno studio italiano. Presso il Centro 0-3 per il bambino a rischio evolutivo dell’IRCCS Medea di Bosisio Parini (Lc) è stato avviato un programma di ricerca il cui obiettivo è indagare le alterazioni della metilazione (uno dei meccanismi epigenetici più studiati) nel gene trasportatore della serotonina, sul breve e lungo termine, in rapporto allo stress a cui sono esposti i bambini prematuri ricoverati in TIN. Lo studio, coordinato dal dott. Rosario Montirosso e dal dott. Livio Provenzi dell’IRCCS Medea, è condotto in collaborazione con l’equipe dell’Unità Operativa di Neonatologia e TIN della Fondazione IRCCS Ca Granda dell’Ospedale Maggior Policlinico di Milano e dell’Unità di Pediatria dell’Ospedale Fatebenefratelli di Erba (Co). L’impronta epigenetica del dolore neonatale. I primi risultati, appena pubblicati sulla rivista Frontiers in Behavioral Neuroscience, indicano che i bambini prematuri sottoposti ad un maggior numero di procedure stressanti nel corso del loro ricovero in TIN risultano avere livelli più alti di metilazione del gene SLC6A4 deputato al trasporto della serotonina, uno dei principali neurotrasmettitori coinvolti nella risposta allo stress. Se questo gene viene metilato, la sua attività viene alterata fino a condurre al suo silenziamento, con la conseguente riduzione di proteine deputate al trasporto della serotonina. Ebbene, in base ai dati, i livelli di metilazione di SLC6A4 nei bambini nati pretermine risultano uguali a quelli dei bimbi full term al momento della nascita ma incrementati alla dimissione dalla TIN. Ciò vuol dire che la nascita pretermine di per sé non è associata ad alterazioni epigenetiche del gene SLC6A4, mentre i livelli più alti di esposizione al dolore durante il soggiorno in terapia intensiva potrebbero alterare la funzionalità del gene, causando una sorta di “deficit” serotoninergico. Interventi precoci nelle Terapie Intensive Neonatali. In base allo studio, le prime esperienze di vita sembrano essere in grado di modificare a livello biochimico il modo con cui il nostro DNA funziona. In particolare, l’epigenetica applicata alla prematurità può aprire nuove prospettive sugli effetti che lo stress precoce esercita sullo sviluppo neurocerebrale dei bambini prematuri, in un momento di neuroplasticità molto elevata. Come proposto sul Journal of Obstetric, Gynecologic, & Neonatal Nursing, sarà necessario avviare seguire un programma di ricerca molto nutrito. ”L’obiettivo – afferma il dottor Montirosso – è quello di sviluppare protocolli di studio che non solo ci permettano di ampliare le nostre conoscenze sui marker epigenetici associati ad esperienze precoci avverse, ma che ci consentano anche di valutare l’efficacia di interventi di sviluppo in TIN finalizzati alla riduzione dello stress di questi bambini”. Certamente l’epigenetica della prematurità costituisce un’area affasciante di ricerca. Tuttavia, come riportato in un recente articolo apparso nella sezione Pediatrica del Journal of the American Medical Association, i due ricercatori ne sottolineano anche i limiti. “Siamo solo all’inizio – sostiene il dott. Provenzi – e per questo motivo sono necessari ulteriori studi per iniziare ad acquisire un quadro più completo della complessa interazione tra natura e cultura nel contesto dello sviluppo in condizioni di rischio evolutivo”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fibrosi Polmonare Idiopatica: nuovi dati confermano l’efficacia e la sicurezza di nintedanib come terapia oltre le 52 settimane, in sottogruppi distinti di pazienti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

Boehringer Ingelheim, Germania Boehringer Ingelheim ha annunciato nuovi dati di analisi su nintedanib*, che ne rafforzano il valore di terapia efficace, sicura e tollerata in una vasta tipologia di pazienti con fibrosi polmonare idiopatica (IPF). Questi risultati sono stati presentati in occasione del Congresso Internazionale dell’American Thoracic Society (ATS) 2015 di Denver.
La fibrosi polmonare idiopatica è una malattia polmonare invalidante e con esito infausto, con una sopravvivenza mediana di 2–3 anni dal momento della diagnosi. La malattia è caratterizzata dalla progressiva formazione di tessuto cicatriziale a livello polmonare, con conseguente continuo ed irreversibile deterioramento della funzionalità polmonare e della capacità respiratoria.
“Poiché la fibrosi polmonare idiopatica è una patologia respiratoria progressiva che mette a rischio la vita di chi ne è colpito, i pazienti necessitano di una terapia per tutta la vita. E’ importante valutare e continuare a monitorare l’efficacia e la sicurezza di nintedanib* in questi pazienti” – ha dichiarato Bruno Crestani, Professore di Pneumologia e Vice Rettore per la Ricerca presso la Facoltà di Medicina dell’Università Diderot di Parigi – “Questi dati rafforzano le evidenze che confermano l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità del farmaco e aumentano le nostre conoscenze sul trattamento di questa complessa patologia”.All’ ATS 2015 sono state presentate nuove analisi sul trattamento di lungo termine con nintedanib nello studio clinico di Fase II TOMORROW. Dopo 52 settimane di trattamento nella fase con controllo a placebo (periodo 1), ai pazienti è stata offerta la possibilità di continuare la terapia in cieco (periodo 2), sino al completamento delle 52 settimane di trattamento da parte degli ultimi pazienti.
Nel complesso, le analisi condotte su entrambi i periodi dimostrano quanto segue:
• la variazione media osservata nel declino della capacità vitale forzata (FVC), ovvero il volume massimo d’aria espirata dopo la massima inspirazione (una misura della progressione dell’IPF) è stata inferiore, in maniera consistente, nel gruppo in terapia con nintedanib* 150 mg 2 volte/die, rispetto al gruppo di confronto (-3,1% contro -6,3% dal basale alla settimana 76);
• La percentuale dei pazienti che ha avuto almeno una grave riacutizzazione della IPF (un peggioramento grave e improvviso della malattia) è stata inferiore nel gruppo in terapia con nintedanib* 150 mg 2 volte/die, rispetto al gruppo di confronto (4,7% contro 19,5% dei pazienti);
• La sicurezza e la tollerabilità di nintedanib 150 mg 2 volte/die sono state simili nei periodi 1 e 2.
La fibrosi polmonare idiopatica colpisce 14-43 persone ogni 100.000 nel mondo, più comunemente soggetti con più di 50 anni. I dati presentati al congresso si riferiscono ad un’ampia tipologia di pazienti, che è rappresentativa dei soggetti che ci troviamo a trattare nella pratica clinica”.In un’analisi post-hoc degli studi clinici INPULSIS®] nintedanib ha dimostrato di ridurre in maniera consistente il tasso annuo di declino della FVC, che rileva, appunto, la progressione della malattia, indipendentemente dai diversi gradi di compromissione della funzionalità polmonare dei pazienti (ovvero FVC > 90% del predetto o ≤ 90% del predetto). I pazienti con patologia in fase iniziale hanno tratto beneficio dalla terapia con nintedanib* in modo simile, rispetto a coloro che presentavano una patologia più avanzata.
La fibrosi polmonare idiopatica (IPF) è una patologia polmonare progressiva cronica, gravemente invalidante, con prognosi infausta, per la quale esistono limitate opzioni terapeutiche.1 La IPF colpisce tra 14-43 persone ogni 100.000 soggetti nel mondo,4,5 ed è caratterizzata da formazione progressiva di tessuto cicatriziale a livello polmonare – ovvero fibrosi1 – con conseguente perdita di funzionalità respiratoria nel tempo. Con il passare del tempo, il tessuto cicatriziale si accumula e ispessisce e i polmoni perdono la capacità di assumere ossigeno, di metterlo in circolo e di trasmetterlo quindi, in modo sufficiente, agli organi vitali. Pertanto, chi soffre di IPF, ha dispnea, tosse secca e spesso difficoltà a svolgere le normali attività quotidiane. Le riacutizzazioni gravi della IPF sono rapidi peggioramenti dei sintomi nell’arco di giorni o settimane. Questi eventi si possono verificare in qualsiasi momento del decorso della malattia, persino ai suoi esordi e tutti i pazienti con IPF sono a rischio di gravi riacutizzazioni della malattia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Attività didattiche sulla biodiversità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

biodiversitàRealizzare nell’anno scolastico 2015-2016 attività didattiche sulla biodiversità destinate alle scuole medie superiori della Capitale che spaziano da corsi di formazione e specializzazione a progetti di ricerca e azioni di sensibilizzazione. E’ quanto prevede l’accordo di cooperazione scientifica siglato oggi da Link Campus University e la Fondazione Bioparco di Roma nell’ambito dell’incontro “Biodiversità: una risorsa per il futuro di Roma”. Un’intesa che nasce per educare alla sensibilizzazione su questo tema proprio quelle fasce di età in cui prende forma la coscienza civica e allo stesso per indagare sul suo potenziale di applicazione pratica nella città di Roma, Capitale con più aree verdi d’Europa e con il livello di biodiversità più elevato.
L’evento è stato anche un momento di riflessione sull’impatto economico della preservazione di una delle maggiori ricchezze della Capitale. Ciò si traduce sia nell’interesse del settore turistico a difendere e sviluppare una delle più importanti specificità e attrattive di Roma, che in quello del settore sanitario e delle politiche sociali che possono snellire i propri costi e attività con la difesa di un fattore determinante per la qualità della vita dei romani.
All’evento erano presenti, tra gli altri, Vincenzo Scotti, presidente della Link Campus University di Roma; Federico Coccìa, presidente della Fondazione Bioparco di Roma; Carlo Maria Medaglia, direttore dipartimento Ricerca della Link Campus University e AD Roma Servizi Mobilità; Marco Di Fonzo, vice questore aggiunto del Corpo Forestale dello Stato; Paola Di Marzio, direttore amministrativo e del personale della Fondazione Bioparco di Roma; Fulvio Fraticelli, direttore scientifico e zoologico della Fondazione Bioparco di Roma; Gabriele Natalizia, consigliere di amministrazione della Fondazione Bioparco di Roma.
La Link Campus University di Roma è un’università dall’impronta internazionale, fortemente orientata all’innovazione, basata su un modello didattico che favorisce il lavoro e il placement: l’85% dei suoi studenti trova occupazione in Italia e all’estero nei primi 6 mesi dopo il conseguimento del titolo di studio. Obiettivo della Link Campus University è offrire competenze trasversali per preparare professionisti in grado di rispondere alle richieste di un mercato del lavoro globale e in continua evoluzione. Formazione internazionale (in lingua e in collegamento con Università straniere, per favorire il conseguimento del doppio titolo accademico), integrata (fra Università e aziende, con stage, semestri di studio, esperienze lavorative anche all’estero) e su misura (con classi di 25-30 persone) sono i punti di forza dell’Università, la cui offerta formativa spazia dalla Laurea in Comunicazione digitale al DAMS, da Scienze della Politica e dei Rapporti Internazionali a Economia aziendale e Giurisprudenza, all’offerta postgraduate. Info: unilink.it (foto biodiversità)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forlanini: AssoTutela con gli studenti per difendere il Museo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

ospedale-Forlanini-Roma“Dismissione ospedale Forlanini: scendono in campo anche gli studenti dei corsi di laurea delle professioni sanitarie. Tecnici, Dietisti, Infermieri, Fisioterapisti tutti insieme per difendere quello che ritengono ‘patrimonio dell’umanità’, il prezioso Museo Anatomico con più di 2000 reperti, che sciagurati progetti vorrebbero veder trasferito in altra sede”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che aggiunge: “Venerdì 22 alle 16, saremo in piazza Forlanini, di fronte al nosocomio, per presentare ai cittadini e alla stampa la petizione ‘Save Forlanini’s Museum’, una raccolta di firme tesa a far restare i tesori del grande complesso nella sede naturale, lì dove li aveva voluti il professor Eugenio Morelli, primo direttore dell’ex sanatorio e dove la dedizione e la competenza dell’anatomo patologo austriaco Rudolf Grützner li collocarono, in delicati recipienti colmi di formalina, assolutamente intrasportabili senza provocarne la distruzione. Soltanto un pensiero debole – continua il presidente Maritato – potrebbe ipotizzare il trasporto di tale patrimonio. La cultura, la scienza, la memoria contro volgari logiche di cassa e di mercato, nella strampalata convinzione che il patrimonio dell’umanità possa essere monetizzato”, conclude il presidente.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bitcoin: natura giuridica, profili economici, rischi, opportunità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

SALT LAKE CITY, UT - APRIL 26: A pile of Bitcoin slugs sit in a box ready to be minted by Software engineer Mike Caldwell in his shop on April 26, 2013 in Sandy, Utah. Bitcoin is an experimental digital currency used over the Internet that is gaining in popularity worldwide. (Photo by George Frey/Getty Images)

SALT LAKE CITY, UT – APRIL 26: A pile of Bitcoin slugs sit in a box ready to be minted by Software engineer Mike Caldwell in his shop on April 26, 2013 in Sandy, Utah. Bitcoin is an experimental digital currency used over the Internet that is gaining in popularity worldwide. (Photo by George Frey/Getty Images)

Roma Giovedì 21 maggio 2015 Sala convegni Monte dei Paschi di Siena via Minghetti, 30/a. Nel contesto dell’economia digitale si stanno affermando la dematerializzazione e la digitalizzazione dei pagamenti, con la diffusione delle monete virtuali, fra cui sta assumendo una certa rilevanza il Bitcoin. Secondo un recente studio della Banca d’Italia attualmente vi sono in circolazione 12,5 milioni di unità di Bitcoin per un controvalore pari a circa 6 miliardi.La trans-nazionalità del fenomeno delle valute virtuali ha portato molte autorità di vigilanza, nazionali e internazionali, a interrogarsi sull’argomento, in particolare se e come regolamentarlo. Nel 2012 la Banca Centrale Europea ha pubblicato il documento “Virtual Currency Schemes”, che ha affrontato con approccio sistematico gli aspetti più rilevanti del sistema Bitcoin, sia dal punto di vista economico che giuridico. Nel 2013 la European Bank Authority (EBA) ha pubblicato una nota sui rischi dell’utilizzo del Bitcoin da parte dei consumatori.A gennaio 2014 il Congresso degli Stati Uniti ha pubblicato il Report “Regulation of Bitcoin in Selected Jurisdictions”, che raccoglie le pronunce delle autorità di 40 nazioni sul tema Bitcoin. A luglio 2014 l’EBA ha individuato numerosi profili di rischio connessi ai Bitcoin. A gennaio 2015 la Banca d’Italia ha condiviso l’opinione dell’EBA, scoraggiando banche e altri intermediari finanziari dall’acquistare, detenere o vendere valute virtuali, come il Bitcoin. Il Bitcoin, benché la diffusione in Italia sia ancora limitata, è probabilmente la valuta attorno alla quale si è concentrata gran parte del dibattito pubblico su rischi e opportunità di questi nuovi mezzi di pagamento, sul loro utilizzo come possibile alternativa alle monete elettroniche. Nel nostro Paese si sono susseguite interrogazioni parlamentari e proposte di indagini conoscitive sulle monete virtuali e in particolare sul Bitocoin, che testimoniano un crescente interesse verso il fenomeno e al tempo stesso la necessità di una riflessione volta a colmare i gap conoscitivi, anche in un’ottica di educazione finanziaria e di sensibilizzazione sociale. Ma come funziona in realtà il Bitcoin? Quali sono natura giuridica e profili economici? Quali sono i rischi e le opportunità?ISIMM, nel solco di una consolidata tradizione di seminari di approfondimento sull’economia digitale, organizza un incontro di riflessione sul Bitcoin.La partecipazione al seminario è gratuita.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Deloitte Consulting LLP sceglie il Cloud di Dimension Data

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

dimension dataDeloitte Consulting LLP ha scelto Dimension Data, specialista di soluzioni e servizi ICT globali da 6,7 miliardi di dollari, quale fornitore di servizi cloud per i carichi di lavoro Enterprise Application and Analytic volti alla trasformazione delle aziende, così come la piattaforma Managed Cloud Platform™ (MCP) di Dimension Data come Infrastruttura-as-a-Service.Deloitte sarà quindi in grado di offrire soluzioni come le applicazioni Managed Analytics e SAP ai clienti multinazionali a livello globale, mentre Dimension Data metterà a disposizione la propria infrastruttura e il proprio supporto in modalità “as-a-service’ come risorsa condivisa o di cloud privato.Deloitte disporrà della flessibilità necessaria per allineare il cloud più appropriato alle differenti applicazioni e carichi di lavoro, scegliendo tra i modelli cloud pubblici, privati o ibridi di Dimension Data. I clienti usufruiscono così di prestazioni e disponibilità uniformi, oltre alla connettività e sicurezza offerte secondo un modello ‘a consumo’ su tutte le piattaforme.”La sintesi tra la piattaforma MCP di Dimension Data e le soluzioni di trasformazione aziendale di Deloitte consente ai clienti di fare dell’IT uno strumento per ottenere risultati di business”, ha commentato Shelley Perry, vicepresidente senior per la ricerca e sviluppo della divisione ITaaS Business Unit di Dimension Data. “Stiamo investendo in nuove tecnologie messe a disposizione da società quali EMC Federation e Cisco per offrire un valido modello di cloud ibrido. Semplifichiamo la trasformazione delle aziende fornendo i servizi e le capacità necessarie per la transizione delle applicazioni enterprise su cloud”.”Stiamo assistendo a un rapido cambiamento del mercato: da un cloud computing generico a basso costo alla ricerca di soluzioni di enterprise cloud personalizzate. Le soluzioni di Enterprise Products e Managed Analytics e la competenza di Deloitte unitamente alla piattaforma di cloud ibrido di Dimension Data ed il loro allineamento tecnologico con EMC consentirà ai clienti di effettuare la migrazione in modo rapido e sicuro. L’intera suite di prodotti Enterprise Products e Managed Analytics verrà implementata direttamente all’interno di Dimension Data”, ha spiegato Paul Roma, dirigente di Deloitte Consulting, LLP.
Fondata nel 1983, Dimension Data è un fornitore di servizi e soluzioni ICT e, grazie alle proprie competenze tecnologiche, alla capacità di operare su scala globale ed al proprio orientamento all’innovazione, aiuta ad accelerare le ambizioni di business dei propri clienti.Dimension Data è un’azienda del Gruppo NTT.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso teorico di “progettazione in permacultura”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

permacolturaMasseria Antica dell’Alta Murgia di Altamura (Bari) dal 28 giugno al 10 luglio 2015 Sono aperte le iscrizioni per il corso teorico di “progettazione in permacultura”. Il corso, della durata di 72 ore, intende fornire gli strumenti per progettare, costruire e coltivare ecosistemi produttivi. Saranno affrontati temi quali autosufficienza, rispetto per l’ambiente e per gli altri, sistemi di vita sostenibili per una grande varietà di paesaggi e climi con particolare attenzione al Mediterraneo; saranno comprese le applicazioni di principi etici in permacultura centrati su produzione alimentare, design e costruzione della casa, risparmio energetico, conservazione e generazione di energia, e verranno esplorate le strutture economiche alternative e le strategie legali che sostengono soluzioni permaculturali.Il corso, che è dedicato a chi desidera ritrovare se stesso entrando in contatto con la natura, si rivolge a: tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla vita in campagna e quelli che già ci abitano ma vogliono imparare a utilizzare le risorse al massimo per i propri benefici; a coloro interessati a sperimentare e studiare tecniche alternative di autosufficienza insieme a persone affini; a chi si affaccia alla vita in comunità; a coloro che vogliono esplorare pratiche agricole che favoriscano l’auto-fertilità del suolo anche non avendo esperienza di nessun tipo di agricoltura; e a coloro che, pur avendo esperienza nella moderna agricoltura, da sempre la ritengono fallimentare e sono alla ricerca di un cambiamento.Alla fine del corso sarà rilasciato ai partecipanti un attestato riconosciuto a livello internazionale dal PRI (Permaculture Research Institute) Australia. (foto permacultura)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Menopausa under 40 e gravidanza, solo una diagnosi tempestiva tiene viva la speranza di diventare madri

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

menopausaL’insufficienza ovarica precoce colpisce circa una donna ogni cento. «Il tempo è il primo ostacolo da combattere: i test diagnostici ormonali e genetici sono fondamentali per eseguire una diagnosi puntuale e non cancellare le possibilità di una maternità», spiega il centro per la fertilità ProCreaDiventare madri nonostante un’insufficienza ovarica precoce. «Il primo ostacolo da combattere è il tempo: con i test diagnostici ormonali e genetici è possibile eseguire una diagnosi puntuale e quindi scegliere il percorso più adeguato per non rinunciare a diventare mamme», spiega Marina Bellavia specialista in medicina della riproduzione del centro per la fertilità ProCrea di Lugano.
Normalmente la menopausa arriva tra i 48 ad i 54 anni. Al di sotto dei 40 anni si parla di menopausa precoce, meglio definita come POF (Premature Ovarian Failure). «Si stima che circa una donna su cento vada incontro ad una insufficienza ovarica precoce; una percentuale che, per quanto difficile da verificare per l’estrema dispersioni dei dati, viene indicata in crescita», aggiunge Bellavia. «Le donne che presentano questa patologia si trovano ad affrontare un problema di infertilità; problema che potrebbe cancellare ogni speranza di diventare madre. Per questo la diagnosi tempestiva dell’insufficienza ovarica precoce è molto importante: ci sono infatti forme di insufficienza ovarica occulta che, se diagnosticate in tempo, permettono di effettuare trattamenti della procreazione medicalmente assistita, come la fecondazione in vitro, per favorire la gravidanza». Per individuarla ci sono alcuni segnali come irregolarità mestruali, spesso accompagnate dal fastidioso corredo di manifestazioni tipiche del climaterio. La certezza si ha però solamente dopo esami specifici. «In alcuni casi – aggiunge Bellavia – l’origine dell’insufficienza ovarica precoce è sconosciuta, in altri, invece, le possibili cause possono essere autoimmuni, per la produzione di anticorpi contro le proprie ovaie, oppure genetiche. Nel 30% dei casi è stato riscontrata un evento del tutto simile in famiglia».«I test diagnostici ormonali e genetici sono fondamentali per eseguire la diagnosi e scegliere il trattamento più adeguato, ma anche per prevenire la trasmissione di malattie genetiche ai propri figli», aggiunge Giuditta Filippini, responsabile del laboratorio di genetica ProCreaLab. «Test come la ricerca della premutazione per la sindrome dell’X fragile, ad esempio, permettono di individuare la causa che ha determinato l’insufficienza ovarica precoce e prevenire il rischio di trasmetterla alla discendenza, in particolare ai figli maschi che svilupperebbero una forma più grave della stessa malattia. La diagnosi pre-impianto ci aiuta ad individuare gli ovociti sani e ridurre il rischio di generare figli affetti allo stesso momento anche da altre patologie invalidanti. Grazie alle innovative tecnologie della genetica possiamo essere sempre più accurati nella diagnosi e nella scelta terapeutica».
ProCrea – Con una lunga esperienza nel campo della medicina della riproduzione, ProCrea è il maggiore centro di fertilità della Svizzera ed è un polo di riferimento internazionale. ProCrea è composto da un’équipe professionale di medici, biologi e genetisti specialisti in fisiopatologia della riproduzione. Unico centro svizzero ad avere al suo interno un laboratorio accreditato di genetica molecolare (www.procrealab.ch), ProCrea esegue analisi genetiche per lo studio dell’infertilità con tecniche d’avanguardia. La sede principale è a Lugano in via Clemente Maraini, 8. http://www.procrea.ch.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Confindustria Modena, Veronafiere-Samoter e Unacea si alleano per portare il Made in Italy a Bangalore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

Bangalore_PalaceIl mercato indiano delle macchine per costruzioni crescerà di quasi il 50% entro il 2019. La previsione elaborata da Off-Highway Research, la società di ricerche economiche specializzata nel mercato di settore, dà la misura del nuovo clima di crescita che si respira nel subcontinente e spiega bene cosa ha spinto Confindustria Modena, Veronafiere-Samoter e Unacea a intraprendere un’azione congiunta: organizzare la partecipazione collettiva di un gruppo di aziende italiane a Excon, la principale fiera di macchine per costruzioni dell’Asia meridionale che si terrà a Bangalore dal 25 al 29 novembre 2015 e a cui è possibile aderire entro il 5 giugno prossimo. La scorsa edizione della manifestazione ha raccolto oltre 700 espositori su una superficie di 200.000 metri quadrati, 7 padiglioni internazionali e registrato più di 28.000 visitatori.Dopo il rallentamento dell’economia sperimentato nell’ultimo biennio, il tasso di crescita dell’India dovrebbe raggiungere il 6,4% nel 2015, e attestarsi al 7% per il prossimo biennio. Il settore delle macchine per costruzioni, anche grazie al piano di sviluppo infrastrutturale del governo che prevede investimenti per 1.000 miliardi di dollari fino al 2017, sta sperimentando una nuova fase di crescita. Secondo le analisi di Off-Highway Research dunque le vendite di macchine per costruzioni che nel 2014 hanno sfiorato le 49 mila unità, dovrebbero crescere quest’anno del 13%, nel 2016 del 15% e nel 2017 del 14%.L’industria italiana di macchine per costruzioni ha un fatturato di 2,7 miliardi di euro e impiega circa 6 mila persone direttamente con un indotto di ulteriori 30 mila. Le aziende produttrici sono circa 200 e sono sia pmi che gruppi transnazionali. La propensione all’export è fortissima con un 70% del prodotto destinato a tutti i mercati del mondo.«Grazie all’intuizione di alcune imprese associate, Confindustria Modena organizza dal 2005 la collettiva italiana a questa importante fiera – commenta Giovanni Messori, direttore di Confindustria Modena – Nel corso del tempo abbiamo visto crescere costantemente l’interesse da parte di imprese e istituzioni verso uno degli appuntamenti più importanti del continente asiatico per il settore. La collaborazione siglata con la Confederation of Indian Industries consente alle nostre imprese di prendere parte all’evento in modo funzionale alla creazione e allo sviluppo di partnership strategiche con imprese indiane, facendo sì che le eccellenze manifatturiere del nostro territorio possano agganciarsi alla crescita del mercato indiano.»«L’industria italiana di macchine per costruzioni – dichiara Paolo Venturi, presidente di Unacea – ha reagito alla grave crisi economica degli scorsi anni puntando sui mercati esteri in maggior sviluppo. L’India per la sua grandezza e il numero di abitanti ha un grande bisogno di infrastrutture. Molte aziende nazionali sono già presenti sul posto sia al livello di produzione che di distribuzione. Come associazione, con la partecipazione collettiva a Excon, ci prefiggiamo di far fare un passo avanti al gruppo di aziende che vi prenderanno parte.» (foto fonte wikipedia)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rilancio e ampliamento dell’ITAL UIL e della UIM in Oceania

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

MelbourneCon la loro missione in Australia e Tasmania, appena conclusasi, Mario Castellengo e Anna Ginanneschi hanno dato nuovo impulso alla presenza del patronato ITAL UIL e della UIM in Australia ed in particolare nello Stato del Victoria dove le due strutture di servizio della UIL nel mondo sono già attive da anni sia a Melbourne che a Oakleigh. Per prossimi mesi sono state programmate nuove permanenze del patronato in altre località dello Stato dove maggiore è la presenza di comunità italiane con associazioni già affiliate alla UIM come, per esempio, a Geelong, Footscray, Keilor e Reservoir. In questo programma è incluso anche l’approdo del Patronato ITAL in Tasmania dove Mario Castellengo e Anna Ginanneschi – accompagnati dal nuovo responsabile dello Stato del Victoria dell’ITAL UIL, Sebastiano Rustica – hanno incontrato i responsabili del settore previdenziale internazionale della Tasmania per un proficuo scambio di informazioni. A Melbourne vi è stato, poi, un corso di aggiornamento per le operatrici e gli operatori del Patronato ITAL in Australia e per i responsabili dei circoli della UIM, nonché un’approfondita informazione riguardante i benefici fiscali, sulla casa posseduta in Italia, di cui possono godere i pensionati italiani iscritti all’AIRE residenti in Oceania e titolari di pensione australiana. Sempre nella capitale dello Stato del Victoria vi è stata anche una visita alla scuola Bravissimi – dove si insegna la lingua italiana a 152 bambini con metodologie all’avanguardia – con la quale si attiverà a breve una convenzione di collaborazione con la UIM Victoria. A latere di questi impegni, Mario Castellengo e Anna Ginanneschi hanno incontrato le Autorità Consolari e dello Stato del Victoria. Inoltre i due dirigenti hanno partecipato a riunioni dei locali circoli UIM ed a trasmissioni radiofoniche di Radio Rete Italia e di Radio SBS nelle quali hanno potuto fornire importanti informazioni di carattere socio previdenziale e fiscali ai radioascoltatori per renderli consapevoli dei loro diritti.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Enit e Ice: accorpamenti che non convincono

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

enitRenzi lo ha annunciato a gran voce, un accorpamento di due Enti che hanno mission vicine e analoghe strutture organizzative. L’operazione potrebbe far risparmiare alle casse dello stato fino a 15 milioni di euro l’anno, senza considerare gli effetti positivi a medio-lungo termine legati al consolidarsi di stretegie sinergiche.
ENIT (Angezia Nazionale del Turismo) e ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) operano in settori che, da soli, valgono quasi il 40% del PIL nazionale, ossia 28,4% le esportazioni di beni e servizi (dato ISTAT 2011) e 10,3% il settore turistico allargato (stime WTTC – Travel & Tourism Economic Impact 2014 Italy).
Turismo e Made in Italy non esprimono solo numeri ragguardevoli in termini di ricchezza generata e ricadute occupazionali. Integrare la promozione dei territori italiani con la contestuale valorizzazione dei punti forti dell’Italian style (e le sue icone indiscusse di eccellenza in svariati comparti, che impattano sull’immaginario collettivo mondiale) costituirebbe infatti un incalcolabile quanto evidente vantaggio competitivo per le nostre imprese.
Tuttavia, mentre sulla stampa viene data pubblicità all’accorpamento, in realtà si va in direzione opposta. Si sta infatti operando una trasformazione dell’ENIT in ente pubblico economico, primo passo verso una privatizzazione che – proprio per il tipo di attività svolta dall’Agenzia italiana nei vari Paesi del mondo – causerebbe un indebolimento della sua azione, facendo venire meno quelle garanzie di terzietà, equidistanza e credibilità a livello internazionale che si pongono a sostegno degli operatori e gli imprenditori turistici del sistema-Italia, senza il rischio di entrare in competizione con loro.
A che scopo, quindi, iniziare questo processo su ENIT quando è già in programma il suo accorpamento con ICE? Accorpamento che oggi sarebbe facilmente realizzabile, vista l’identica natura giuridica degli Enti coinvolti, ma che dopo la trasformazione porrebbe seri problemi di ordine giuridico, organizzativo e non ultimo economico, rallentando o peggio vanificando l’intero progetto.
Allora la domanda è: qual è il vantaggio di tenere separati due Enti, duplicando i costi? Davvero è conveniente la trasformazione di ENIT in Ente pubblico economico?
Per la CISL la logica di questa scelta non è chiara, sicuramente non in termini di efficienza, efficacia ed economicità; inoltre si disperderebbero le competenze acquisite dai lavoratori che hanno sostenuto con professionalità l’immagine turistica nazionale nonostante i tagli intervenuti negli anni. Questo Governo, alla prova dei fatti, avrà la forza di portare a termine riforme razionali e di facile realizzabilità?

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cure contro l’anoressia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 Mag 2015

anoressia-e-peso“Il tema trattato dalla proposta di legge, che nasce dal confronto sull’esperienza e sulle competenze maturate all’interno dell’ULSS 10 Veneto Orientale, dove è attivo un Centro che ha raggiunto risultati riconosciuti in tutto il territorio nazionale, è senza dubbio molto delicato. Sono tuttavia convinta che sia urgente fornire alle famiglie delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare uno strumento per evitare di dover assistere alla morte dei loro cari. Credo inoltre che il trattamento sanitario obbligatorio per la nutrizione debba essere fornito dal Servizio Sanitario Nazionale, nelle strutture pubbliche di tutta Italia, e debba essere gestito da una équipe multi professionale includente almeno psichiatri, esperti in nutrizione clinica e pediatri”. Lo ha detto la deputata del Pd, Sara Moretto, che oggi ha presentato la proposta di legge per l’introduzione dell’articolo 34-bis della legge 23 dicembre 1978, n. 833, in materia di accertamenti e trattamenti sanitari obbligatori per la cura di gravi disturbi del comportamento alimentare.“Secondo la letteratura scientifica – commenta il dott. Pierandrea Salvo, Direttore del Centro per la cura e la riabilitazione dei disturbi del comportamento alimentare di Portogruaro (VE) – va incontro a morte il 6 – 10% delle persone affette da anoressia e almeno la metà di queste morti è conseguenza della malnutrizione e delle sue complicanze. La normativa attuale prevede l’erogazione di cure in regime di obbligatorietà solo se esistono alterazioni psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici, se gli stessi non vengano accettati dal paziente e se non vi sono le condizioni e le circostanze che consentano di adottare tempestive ed idonee misure sanitarie extraospedaliere. Nella pratica clinica, quando i pazienti si oppongono ai suddetti trattamenti non vi è la possibilità di disporre un trattamento obbligatorio. Nei casi in cui questo venga disposto – continua il Dott. Salvo, consulente tecnico della proposta di legge – i servizi psichiatrici di diagnosi e cura non risultano dotati di competenze nutrizionali mentre i reparti internistici non sono dotati delle necessarie misure di sicurezza e delle competenze necessarie alla gestione di pazienti oppositivi. Ne risulta che i trattamenti obbligatori, seppur spesso assolutamente salva vita, nel nostro Paese non vengono erogati”.“Ci adopereremo affinché venga riconosciuta la data del 15 marzo come la giornata nazionale dei disturbi del comportamento alimentare e per questo oggi abbiamo consegnato a tutti i partecipanti un fiocco lilla, simbolo della ricorrenza”, ha aggiunto Giusi Poletti, rappresentante del coordinamento nazionale per i disturbi alimentari.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »