Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 21 maggio 2015

Tougher rules on money laundering to fight tax evasion and terrorist financing

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

european parliamentThe ultimate owners of companies will have to be listed in central registers in EU countries, open both to the authorities and to people with a “legitimate interest”, such as investigative journalists, under new rules already agreed with the Council and endorsed by Parliament on Wednesday. The new anti-money laundering directive aims to step up the fight against tax crimes and terrorist financing. New rules to make it easier to trace transfers of funds were also approved.The fourth anti-money laundering directive (AMLD) will for the first time oblige EU member states to keep central registers of information on the ultimate “beneficial” owners of corporate and other legal entities, as well as trusts. These central registers were not envisaged in the European Commission’s initial proposal, but were included by MEPs in negotiations.The text also sets out specific reporting obligations for banks, auditors, lawyers, real estate agents and casinos, among others, on suspicious transactions made by their clients.The central registers will be accessible to the authorities and their financial intelligence units (without any restriction), to “obliged entities” (such as banks doing their “customer due diligence” duties), and also to the public (although public access may be subject to online registration of the person requesting it and to a fee to cover administrative costs).
To access a register, a person or organisation (e.g. investigative journalists or NGOs) will in any event have to demonstrate a “legitimate interest” in suspected money laundering, terrorist financing and in “predicate” offences that may help to finance them, such as corruption, tax crimes and fraud.These persons could access information such as the beneficial owner’s name, month and year of birth, nationality, country of residence and details of ownership. Any exemption to the access provided by member states will be possible only “on a case-by-case basis, in exceptional circumstances”.Central register information on trusts will be accessible only to the authorities and “obliged entities”.
The text clarifies the rules on “politically-exposed” persons”, i.e. people at a higher than usual risk of corruption due to the political positions they hold, such as heads of state, members of government, supreme court judges, and members of parliament, as well as their family members.Where there are high-risk business relationships with such persons, additional measures should be put in place, e.g. to establish the source of wealth and source of funds involved, says the directive.
MEPs also approved a “transfers of funds” regulation, which aims to improve the traceability of payers and payees and their assets.
Member states will have two years to transpose the anti-money laundering directive into their national laws. The transfers of funds regulation will be directly applicable in all member states 20 days after its publication in the EU Official Journal.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs debate the situation in Hungary, fundamental rights and EU values

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

hungaryThe situation in Hungary, following Prime Minister Viktor Orbán’s remarks on the possibility of reinstating the death penalty there and the government’s public “consultation” on immigration, were debated by MEPs, Commission Vice-President Frans Timmermans, Latvian State Secretary for European Affairs Zanda Kalniņa-Lukaševica for the Latvian Presidency of the EU Council of Ministers and Mr Orbán himself on Tuesday afternoon.European Parliament President Martin Schulz opened the debate and welcomed Mr Orbán before passing the floor to the Latvian Presidency of the Council.Speaking for the Council Presidency, Latvian State Secretary for European Affairs Zanda Kalniņa-Lukaševica reiterated that “the European Union is not just an economic and political union”, but also a “union of shared fundamental values”. She welcomed Parliament’s concern for the “preservation of democratic values”, but as the Council had not discussed the situation in Hungary, she was “not in a position to comment”, she said.Commission Vice-President for fundamental rights Frans Timmermans pointed out that reinstating the death penalty would be contrary to EU fundamental values and could trigger EU Treaty Article 7, which foresees the possibility of depriving a member state of its voting rights in the Council.However, Hungary does not have “concrete plans” to reinstate the death penalty, he said, adding that if it were to take steps to do so, then the Commission “would not hesitate to act”.As to the public consultation on migration, “framing it in the context of terrorism is malicious and wrong” and will feed prejudice, Mr Timmermans said.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The EU’s migrant strategy: a welcome new impetus

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

migrantThe publication of the Commission’s agenda on migration comes at a difficult time in humanitarian and political terms. In this context, the Juncker Commission faced a sensitive challenge because it needed to act quickly but had only limited room for manoeuvre.This Viewpoint by António Vitorino and Yves Pascouau underlines the positive aspects of the new agenda as far as solidarity and long-term vision are concerned on three key issues:
1. Solidarity by constraint: an innovative and politically active agenda
2. Confirming the existing situation: a pragmatic agenda
3. The long-term vision: an agenda usefully expanding the debate on migration (photo: Migrant)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centrali carbone: Nuovi standard emissioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

I nuovi standard di emissione che l’Unione Europea sta considerando di adottare per le centrali a carbone sono estremamente deboli e potrebbero tradursi in un costo sanitario di 71 mila morti aggiuntive per inquinamento. Morti dovute all’aumento del rischio di insorgenza di patologie cardiache, infarto, asma e altre malattie connesse all’esposizione agli inquinanti generati dalla combustione del carbone. È questo il dato principale che emerge dal rapporto “Health and economic implications of alternative emission limits for coal-fired power plants in the EU”, commissionato da Greenpeace e dall’European Environmental Bureau.
centrale-a-carboneSecondo il report, i costi sanitari e la perdita di 23 milioni di giorni di lavoro – dato connesso all’insorgenza di queste patologie – si tradurrebbero inoltre per i contribuenti europei in un aggravio di 52 miliardi di euro tra il 2020 e il 2029.L’Unione Europea è attualmente impegnata ad aggiornare i suoi standard di emissione per i grandi siti industriali, tra cui le centrali termoelettriche a carbone e lignite. I nuovi standard dovrebbero essere in linea con le migliori tecnologie di abbattimento degli inquinanti disponibili: ma i limiti in discussione sono ben più deboli degli standard già previsti per centrali attualmente operative nella stessa Europa, in Cina e negli Stati Uniti.«Il costo sanitario, ambientale ed economico della soggezione dell’UE all’industria del carbone rischia di essere enorme e insostenibile», dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «Quelli che pagheranno un prezzo maggiore, purtroppo, sono i bambini, che più facilmente potranno sviluppare asma, tumore al polmone, problemi cardiaci. Non esistono scusanti per i politici dell’UE che si rifiutano di applicare tecnologie esistenti che possono salvare migliaia di vite. Il carbone causa danni irreparabili ed è tempo per l’Unione di definire i tempi per il superamento di questa fonte energetica», conclude Boraschi.Lo studio commissionato da Greenpeace e dall’European Environmental Bureau utilizza dati ufficiali dell’Unione Europea per produrre una stima dell’impatto sanitario che si avrebbe con l’applicazione degli standard di emissione proposti. Gli effetti delle deboli decisioni dell’UE sono stati poi confrontati con quelli, molto inferiori, che deriverebbero dall’adozione di standard basati sulle migliori tecnologie disponibili. La differenza tra quanto è possibile fare per difendere la salute dei cittadini europei e quello che l’Unione Europea vuol permettere per tutelare gli interessi dell’industria del carbone è espressa, per l’appunto, in un numero di morti aggiuntive dovute all’inquinamento (71 mila casi) e in un aumento delle patologie e dei costi sociali (52 miliardi di euro) nel periodo 2020-2029.I nuovi standard di emissione europei saranno in vigore tra il 2020 e il 2029 e fisseranno le soglie per inquinanti quali biossidi di zolfo, ossidi di azoto, mercurio e particolato. Si tratta di composti i cui danni alla salute umana sono comprovati e documentati da un’ampia letteratura scientifica.Per mettere a punto la proposta finale relativa all’adozione dei nuovi standard di emissione, un gruppo di esperti si riunirà tra l’1 e il 9 di giugno. Per l’occasione, i rappresentanti delle industrie inquinanti si sono riservati numerosi posti al tavolo di questi negoziati, essendo stati inclusi nelle delegazioni nazionali degli Stati membri, come dimostrato da un precedente report di Greenpeace, “Smoke and Mirrors – I più grandi inquinatori d’Europa si dettano le regole”.La Commissione Europea e gli Stati membri dovrebbero votare la proposta degli esperti entro l’anno, prima che venga infine adottata ufficialmente dalla stessa Commissione.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Da Schneider Electric alcuni suggerimenti per non perdere la connessione durante un blackout estivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

blackout estivoSchneider Electric, lo specialista globale nella gestione dell’energia, mette in guardia a proposito delle problematiche relative all’alimentazione elettrica più frequenti nella stagione estiva, offre alcuni consigli preziosi per non perdere la Infographic APCconnessione per laptop, stampanti, tablet, smart TV, player blu-ray, console di gioco, che sono entrati nelle case degli Italiani e che sempre più sono connessi tra loro e con Internet, spesso collegati al wi-fi della propria rete domestica. Cosa succede in caso di un’interruzione improvvisa della corrente? E se si perde la connessione? Si tratta di un’eventualità più comune di quanto si immagini, basti pensare che secondo Cisco il 43% di chi ha in casa una piccola rete domestica ha subito un’interruzione della connessione almeno una volta al mese e il 17% addirittura una volta la settimana.“La nostra connessione di rete in casa è così importante per la nostra vita digitale,” dichiara Davide Zardo, vice president IT Business Schneider Electric Italia, “che ci accorgiamo di poter non essere disponibili solo nel momento in cui, improvvisamente, viene a mancare la corrente e non ci possiamo collegare, e, con l’arrivo della stagione estiva, il rischio di interruzioni dell’alimentazione elettrica dovute a temporali e sovratensioni improvvise diventa più frequente. Meglio giocare d’anticipo e proteggere i nostri dispositivi.”Con l’arrivo del caldo aumenta il rischio di cali di tensione e blackout causati dai maggiori consumi elettrici e da un più frequente verificarsi di temporali, con i conseguenti fulmini che possono causare danni alle apparecchiature connesse alla rete elettrica e alla rete dati. Per questo utilizzare un gruppo di continuità è il modo migliore per mantenere la connessione a Internet durante un’interruzione di corrente.Se non lo si è fatto, è il momento di dotarsi di un UPS (Uninterruptible Power Supply), che garantisce alimentazione tramite batteria di emergenza, e di una presa filtrata, che protegge e filtra sbalzi di tensione e sovraccarichi, che possono danneggiare seriamente le apparecchiature.Un UPS adeguato permette di salvare il proprio lavoro, mantenere router e modem domestici connessi in rete anche in assenza di corrente, chiudere correttamente applicazioni e servizi in uso; inoltre, il filtro protegge dai fulmini, ma anche dalle variazioni meno percettibili dell’energia elettrica che, a lungo andare, possono abbreviare la vita delle apparecchiature. (foto: blackout estivo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Flussi migratori nei mari del Sud

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

sud_est_asia700L’UNHCR accoglie con favore l’annuncio odierno dei ministri degli Esteri di Malaysia, Indonesia e Thailandia con cui si impegnano a risolvere il problema delle migliaia di rifugiati e migranti bloccati in barca nella Baia del Bengala e al largo delle coste del sud-est asiatico. Tale annuncio rappresenta un importante primo passo nella ricerca di soluzioni al problema ed è fondamentale per garantire il salvataggio di vite umane.Ora è necessario che queste persone vengano fatte sbarcare con la massima urgenza e senza indugi e che vengano garantiti assistenza medica e pronto soccorso per tutti coloro che ne hanno bisogno. Ci auguriamo che tali interventi vengano portati avanti senza alcun ritardo. L’Agenzia concorda con i Ministri sulla necessità di ulteriori interventi in futuro, mirati, tra le altre cose, ad affrontate le cause profonde di questo fenomeno. Sarà necessario tenere adeguatamente conto delle esigenze delle persone bisognose di protezione internazionale. Come in altre regioni del mondo, al centro di grandi flussi migratori via mare, i paesi della regione dovranno lavorare insieme per affrontare il problema in maniera significativa ed efficace.
L’UNHCR stesso è disponibile a lavorare con i paesi della regione per trovare soluzioni alla grave situazione in cui versano queste persone. Tali soluzioni potrebbero includere anche il rimpatrio volontario delle persone nei loro paesi d’origine, non appena le condizioni lo consentiranno.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Segregazione delle persone con disabilità: si muove l’Europarlamento

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

disabili“In tutta l’Unione europea vi sono centinaia di migliaia di minori, disabili, persone affette da problemi di salute mentale, anziani e persone senza fissa dimora che vivono segregati all’interno di istituti e subiscono per tutta la vita le conseguenze dell’istituzionalizzazione.”“Gli Stati membri dell’UE dovrebbero essere incoraggiati ad abbandonare l’assistenza istituzionale a favore di un sistema di assistenza e sostegno basato sulla famiglia e sulla comunità.”È lo stralcio di una Dichiarazione scritta su cui 13 europarlamentari (nemmeno uno italiano) chiedono la sottoscrizione da parte dell’Europarlamento. Se la dichiarazione raccoglierà l’adesione della maggioranza diventerà un atto di indirizzo di storica rilevanza culturale e politica: no alla segregazione delle persone con disabilità.
“Siamo molto soddisfatti che FISH sia esattamente nel solco di quelle che sono le riflessioni più avanzate in tema di diritti umani. Le persone con disabilità devono poter scegliere dove vivere e con chi vivere. Le politiche sociali devono favorire innanzitutto la domiciliarità e solo in casi particolari contribuire alla realizzazione di soluzioni alternative che comunque, per standard e organizzazione, devono riprodurre il contesto familiare.”Così commenta Vincenzo Falabella, presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap. “La Convezione ONU sui diritti delle persone con disabilità, all’articolo 19, ribadisce il contrasto alla segregazione e all’isolamento. Su questo principio richiamiamo l’impegno politico del nostro Parlamento e quello culturale delle associazioni e delle organizzazioni dell’impegno civile. Ovviamente chiediamo a tutti gli europarlamentari di sottoscrivere la dichiarazione.”L’impegno per la deistituzionalizzazione – e quindi l’inclusione – delle persone con disabilità è un tema centrale per FISH su cui ha approvato una specifica mozione all’ultimo congresso.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Turchia si afferma come regione chiave per la sanità a livello globale

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

turchia-ist3Guidata da riforme e investimenti privati, la Turchia si sta affermando sempre più come uno dei mercati più interessanti per la sanità nel panorama mondiale. Il paese ha raddoppiato la propria spesa sanitaria negli ultimi dieci anni, raggiungendo quota 62,3 miliardi di dollari, con la sua popolazione di 74,7 milioni di abitanti e un crescente bacino di pazienti.
La Turchia è stata un tema di interesse chiave nel corso del Breakfast Briefing sulla crescita nelle regioni emergenti di Frost & Sullivan, che si è tenuto a Milano la scorsa settimana. Il briefing si è focalizzato sulle opportunità di investimento in Turchia, così come nei paesi CIS e in Africa, in tutti i settori. Philipp Reuter, Direttore Sud Europa e Turchia di Frost & Sullivan, a seguito del proprio intervento nell’ambito della conferenza, commenta: “Parallelamente alla sua crescita economica, la Turchia ha attraversato una trasformazione socio-economica significativa negli ultimi dieci anni. Tra il 2005 e il 2015, il numero di pazienti affetti da varie malattie croniche è raddoppiato nel paese, raggiungendo 9 milioni di pazienti diabetici e 1 milione di pazienti affetti da cancro. Inoltre, si osserva una rapida tendenza all’invecchiamento nel paese, che porterà a un ampliamento del bacino di pazienti dopo il 2020.” L’assistenza sanitaria ha rappresentato il focus principale dell’attuale governo turco, che è salito al potere nel 2002 e ha immediatamente lanciato il programma di trasformazione sanitaria nel paese, concentrandosi su un piano di assicurazione sanitaria nazionale. Mentre il budget sanitario del governo è raddoppiato durante il periodo della riforma, la copertura assicurativa pubblica è aumentata dal 50% del 2003 al 100% raggiunto nel 2015. “Un altro risultato significativo del programma di trasformazione sanitaria è stato l’aumento della qualità dei servizi sanitari nel paese, – aggiunge Hilal Cura, Consulente per il settore Healthcare di Frost & Sullivan, che ha affrontato il tema della sanità turca durante il Breakfast Briefing di Milano. – Tra il 2006 e il 2010, il numero di ospedali privati è aumentato dell’86%, mentre la percentuale di posti letto qualificati è aumentata dal 12% del 2002 al 40% del 2011. Inoltre, il numero delle unità MRI installate è aumentato di 12 volte, da 58 a 781.” Come hotspot emergente nel mercato globale della sanità, la Turchia ha attirato notevoli investimenti da tutto il mondo in vari segmenti, tra cui servizi sanitari privati, dispositivi medici e prodotti farmaceutici. Dopo il 2010, molte aziende attive in ambito sanitario hanno reso la Turchia il proprio quartier generale CEE/MENA, mentre i maggiori gruppi ospedalieri privati della Turchia sono stati acquisiti da gruppi di private equity. Attualmente, le prime dieci catene ospedaliere private in Turchia rappresentano il 30% delle entrate relative ai servizi sanitari privati in Turchia, pari a 10 miliardi di dollari, mentre il mercato farmaceutico turco è il sesto più grande d’Europa, con entrate pari a 13,5 miliardi di dollari. “La Turchia ha un grande potenziale per tutte le tipologie di aziende nel settore sanitario. Da sempre considerata un centro di ricerca e sviluppo nel settore sanitario, – conclude Reuter – il paese è ora diventato un mercato immenso e ancora non saturo, che offre opportunità significative nell’ambito di servizi sanitari, tecnologie innovative per dispositivi medici, diagnostica e farmaceutica.”

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I deputati europei approvano un piano per un’assistenza sanitaria più sicura

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

Nurses treat a patient at the intensive care unit at the hospital St. Josefskrankenhaus in Freiburg, Germany, 21 March 2014. Photo: PATRICK SEEGER/dpa

Nurses treat a patient at the intensive care unit at the hospital St. Josefskrankenhaus in Freiburg, Germany, 21 March 2014. Photo: PATRICK SEEGER/dpa

I deputati rilevano che l’attuale crisi economica sta incidendo sui bilanci sanitari nazionali – © BELGAIMAGE/DPA/P.SEEGER
In una risoluzione approvata martedì i deputati suggeriscono come migliorare l’assistenza sanitaria e in particolare come far fronte alla crescente resistenza agli antibiotici dell’uomo e degli animali, attraverso un utilizzo più responsabile dei trattamenti a disposizione e promuovendo l’innovazione.Secondo le stime, tra l’8 e il 12% dei pazienti ricoverati negli ospedali comunitari è vittima di eventi avversi, come le infezioni sanitarie correlate, che causano 37.000 decessi all’anno e rappresentano un pesante onere che grava sulle risorse sanitarie limitate.“Non si possono imporre misure di austerità che incidono sulla sicurezza dei pazienti, sul personale o sugli specialisti negli ospedali. 25.000 cittadini muoiono ogni anno in Europa a causa della crescente resistenza agli antibiotici esistenti, quindi dobbiamo stimolare la ricerca su nuove tipologie di sostanze. Nel settore veterinario, le vendite online di antimicrobici e il loro uso profilattico dovrebbe essere impedito,” ha dichiarato il relatore, l’italiano Piernicola Pedicini (EFDD), la cui relazione è stata approvata con 637 voti a favore, 32 contrari e 10 astensioni.I deputati evidenziano che l’attuale crisi economica ha creato una forte pressione sui bilanci sanitari nazionali e ha, quindi, avuto un impatto sulla sicurezza dei pazienti. S’invitano, pertanto, gli Stati membri a garantire che la sicurezza dei pazienti non sia messa a rischio dalle misure di austerità e che il sistema sanitario resti adeguatamente finanziato.Le misure proposte per garantire che gli antibiotici siano usati in maniera più responsabile includono:
il rigoroso divieto dell’uso senza ricetta,
la richiesta di una diagnosi microbiologica prima di prescrivere gli antibiotici,
l’attuazione di pratiche di marketing volte a prevenire i conflitti di interesse tra i produttori e colui che prescrive gli antibiotici, e
il miglioramento delle informazioni sul controllo del consumo di antimicrobici e sulla resistenza antimicrobica e il controllo delle infezioni.
I deputati europei sollecitano le industrie farmaceutiche a investire nello sviluppo di nuovi agenti antimicrobici e chiedono alla Commissione di considerare la possibilità di presentare una proposta legislativa per stimolare la ricerca in questo campo.
Nel documento si raccomanda l’uso responsabile degli antimicrobici nella medicina veterinaria, compresi i mangimi medicati, consentendone il loro uso solo per il trattamento a seguito della diagnosi veterinaria. Due proposte legislative in materia sono attualmente in discussione al Parlamento.L’uso di antibiotici per gli animali dovrebbe, quindi, essere gradualmente ristretto ai soli scopi terapeutici, eliminando progressivamente il loro uso profilattico. L’impiego di metafilassi, come le medicazioni di massa di animali volta a curare gli esemplari malati degli allevamenti prevenendo le infezioni nei capi sani, dovrebbe essere limitato al massimo.Tra l’8 e il 12% dei pazienti ricoverati negli ospedali dell’Unione europea è vittima di eventi avversi connessi alle cure ricevute e circa la metà dei casi potrebbe essere evitata. Gli eventi avversi più frequenti sono le infezioni associate all’assistenza sanitaria, quelli connessi ai farmaci e le complicanze che sopravvengono durante o dopo un intervento chirurgico. (foto: assistenza sanitaria)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Servizio Sanitario Nazionale è paragonabile a una nave che si sta dirigendo verso la tempesta perfetta

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

Lorenzin beatriceGli elementi per prevedere lo scenario imminente sono chiari: aumento progressivo delle malattie croniche (ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari e tumori), tagli alla spesa sanitaria, scarsi investimenti strutturali, blocco del turn over. Bastano alcuni numeri per comprendere la portata del possibile ‘naufragio’: negli ultimi 60 anni in Italia il numero di cittadini di età pari o superiore ai 65 anni è aumentato di oltre 30 volte. Nel 2015 sono previsti oltre 13 milioni di over 65 e, in base ai dati ISTAT, nel 2030 saranno più di 16 milioni. Nell’ultimo ventennio la proporzione di italiani affetti da almeno una malattia cronica è aumentata dal 35,1 al 37,9% (pari a 2,7 milioni di cittadini), mentre la percentuale di persone colpite da almeno due di queste patologie è passata dal 17,7 al 20% (2 milioni). I ‘multicronici’ saranno quasi 13 milioni nel 2024 e oltre 14 milioni nel 2034, pari rispettivamente al 20,2% e 22,6% della popolazione (nel 2013 si attesta al 14,4%). Il sistema rischia di non riuscire a reggere le crescenti richieste di salute di questi cittadini. Ma la nave si può salvare e la ricetta è contenuta nel volume “La tempesta perfetta” (ed. Vita e Pensiero, pp. 138), presentato oggi al Ministero della Salute con l’intervento del Ministro, Beatrice Lorenzin, e degli autori, Walter Ricciardi, Claudio Cricelli, Vincenzo Atella e Federico Serra. “Innanzitutto – spiega il prof. Walter Ricciardi, Ordinario di Igiene presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità – è necessario evitare che il Sistema Sanitario Nazionale sia l’espressione, a volte schizofrenica, delle volontà di 21 Regioni e Province Autonome che, in nome della riforma federalista, interpretano il dettato costituzionale come possibilità di operare senza vincoli, salvo poi trovare un salvatore di ultima istanza nello Stato. Questo non significa voler tornare indietro al dirigismo centralista precedente agli anni 2000. I vantaggi di una gestione locale più vicina al paziente sono a tutti noti e, quindi, vanno preservati. Deve però essere rivalutato il ruolo di cooperazione e di scambio di esperienze tra Regioni e tra Centro e Regioni che in questi anni è venuto a mancare per vari motivi. Questa fase di ristrettezze economiche potrebbe rappresentare un’opportunità proprio per migliorare l’efficienza del sistema, eliminando la corruzione e gli sprechi che lo affliggono grazie ad una vera e sistematizzata valutazione delle performance e all’applicazione di una logica dell’accountability”. Nel 2011 in Italia la spesa sanitaria rappresentava il 9,2% del PIL, una percentuale leggermente inferiore alla media dei Paesi dell’OCSE (9,3%), ma decisamente più bassa rispetto a quella di altre nazioni europee come i Paesi Bassi (11,9%), la Francia (11,6%) e la Germania (11,3%). “Le dinamiche osservate dal 2011 fino a oggi sul fronte del finanziamento pubblico alla Sanità ci lasciano immaginare che non vi saranno risorse aggiuntive in questo settore – sottolinea il dott. Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG). La sanità nel nostro Paese va cambiata in modo strutturale. È necessario introdurre politiche efficaci per prevenire le malattie, rafforzare l’accesso a un’assistenza primaria di qualità e migliorare il coordinamento delle cure, soprattutto per le persone con patologie croniche. I vantaggi di questa operazione sono elevatissimi e consentiranno di traghettare la nave del sistema sanitario verso un porto sicuro”. L’Italia, in merito ai corretti stili di vita, si attesta fra le peggiori realtà europee. Il nostro Paese è, infatti, terzo, dietro a Grecia e Stati Uniti, presentando il 30,9% di bambine tra i 5 ed i 17 anni di età in condizione di sovrappeso o obesità, nonostante un patrimonio di tradizioni e cultura legato ai benefici della dieta mediterranea. Differisce non di molto la situazione legata ai maschi che vede i bambini italiani dietro ai coetanei di Grecia, Stati Uniti e Spagna, con il 32,4% di obesi o sovrappeso (media europea: 22,9%). E il 39,2% degli italiani (23 milioni di persone) è sedentario. “La nuova rotta – continua il dott. Cricelli – dovrà spostare risorse economiche e umane dalla cura delle malattie alla prevenzione. Questo imporrà di dover ‘re-ingegnerizzare’ l’intero Servizio Sanitario Nazionale, formando una nuova classe di professionisti della salute preventiva e trasformare, mettendole in rete, le strutture già esistenti sul territorio (ad es. strutture sanitarie, scuole alberghiere, scuole primarie e secondarie, palestre pubbliche) per educare attivamente i cittadini alla tutela della propria salute”. Un altro aspetto centrale riguarda gli investimenti. Da tempo, infatti, il sistema sanitario ha fortemente contenuto le spese per il rinnovo e lo sviluppo strutturale, infrastrutturale e tecnologico, soprattutto nelle Regioni del Sud, portando a strutture sanitarie, soprattutto pubbliche, sempre più vetuste che spesso si confrontano con centri privati che al contrario risultano più moderni, confortevoli e all’avanguardia. “Ma non sono solo le mura degli ospedali ad invecchiare – sottolinea il prof. Vincenzo Atella, Direttore del CEIS Tor Vergata (Center for Economic and International Studies). Il blocco del turnover pone il problema di un personale sanitario sempre più anziano e spesso numericamente insufficiente per soddisfare le necessità dei pazienti: il personale in dotazione alle strutture sanitarie pubbliche è infatti in continua riduzione dal 2010, come testimoniato dal tasso di turnover, sceso in media di oltre il 78%, con le Regioni del Centro-Nord che presentano valori più elevati rispetto al Meridione”. “Negli ultimi 13 anni – continua il dott. Federico Serra, Vice Presidente Public Affairs Association – vi è stata una totale assenza di visione strategica e di governance nel settore della programmazione delle risorse umane in Sanità, che ha visto arrivare l’intero sistema sull’orlo della non sostenibilità, a causa della perdita di equilibrio tra accesso alla formazione pre-laurea, alla formazione post-laurea (Scuole di Specializzazione e formazione specifica di Medicina Generale) e al mondo del lavoro. Si potrebbe dire che le modalità di contenimento della spesa adottate finora hanno preferito il razionamento alla razionalizzazione. In altri termini, si è scelto di perseguire la logica del ‘fare lo stesso con meno’, senza assicurarsi di soddisfare davvero i bisogni di salute dei cittadini. Proseguire sulla linea dei tagli lineari, riducendo ulteriormente la spesa sanitaria pubblica, che è tra le più basse del mondo, finirebbe per compromettere il lavoro virtuoso di riduzione dei disavanzi fatto da molte Regioni, costringendo molte Aziende ad operare con fortissime restrizioni che minano pesantemente la tenuta del sistema e, in alcuni casi, la possibilità di mantenere l’adeguata erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza”. “La realtà che abbiamo vissuto negli ultimi anni – conclude il prof. Ricciardi – è quella di una frammentazione esasperata, di una conflittualità latente e dell’aumento esponenziale delle differenze nella qualità e quantità dei servizi, non solo tra Regioni, ma anche all’interno della stessa Regione. È possibile fare bene anche con le risorse attualmente a disposizione, purché vengano utilizzate correttamente, ad esempio riducendo gli sprechi e riallocando le risorse facendo attenzione all’andamento degli indicatori di processo e di risultato, premiando le buone pratiche e incentivando trasparenza e merito”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’istituto Dermatologico Europeo porta a Milano il lifting delle star di Hollywood per ringiovanire in una seduta senza chirurgia

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

trettiArriva in Italia il trattamento che ha già conquistato mezzo milione di persone nel mondo, tra cui numerose star di Hollywood: Courteney Cox e Jennifer Aniston hanno dichiarato ai media statunitensi che preferiscono il lifting non chirurgico Ultherapy per mantenere un viso giovane.
Basta una sola seduta, della durata di circa un’ora, per innescare il naturale processo di ringiovanimento della pelle, stimolando la produzione di collagene. Non si usano bisturi o aghi e non ci sono tempi di recupero: dopo è possibile riprendere le normali attività.
La soluzione è un protocollo chiamato Ultherapy, nato nel 2009 e utilizzato in tutto il mondo, da oggi finalmente disponibile anche in Italia, grazie alla recente acquisizione di Merz, azienda tedesca che da 107 anni sceglie soluzioni all’avanguardia per il benessere delle persone. Il trattamento è oggi disponibile in Italia in alcune strutture selezionate e tra queste c’è l’Istituto Dermatologico Europeo (Ide) a Milano.«Il protocollo Ultherapy è frutto di una tecnologia avanzata ed è in grado di produrre un effetto lifting su sopracciglio, mento e collo e di ringiovanire il décolleté. Il tutto con una sola seduta che, a seconda delle zone trattate, dura da una ventina di minuti fino a un’ora e mezza» afferma Matteo Tretti Clementoni, specialista di chirurgia plastica e ricostruttiva all’Istituto Dermatologico Europeo di Milano.A Milano il lifting delle star di Hollywood si può fare all’Istituto Dermatologico Europeo, l’Ide, all’avanguardia nelle soluzioni per la cura della pelle. «Abbiamo scelto Ultherapy perché è una soluzione efficace e affidabile – dice Antonino Marcianò, amministratore delegato dell’Istituto Dermatologico Europeo -. Siamo sempre attenti a selezionare i trattamenti più all’avanguardia e abbiamo scelto Ultherapy proprio perché risponde alle esigenze dei nostri pazienti: un modo per mandare indietro le lancette dell’orologio senza stravolgere i tratti del viso e senza risultati artificiali».Rispetto alle altre soluzioni non invasive che promettono risultati miracolosi, questa tecnica si distingue in quanto si basa su solide basi scientifiche. «Ultherapy è il solo e unico protocollo per lifting non invasivo approvato dalla statunitense Food and Drugs Administration (Fda) uno dei più severi enti al mondo per il controllo e la disciplina delle materie mediche e alimentari– dice
Ezio Frisa, amministratore delegato di Merz Pharma Italia -. Per ottenere un’approvazione Fda bisogna presentare una consistente documentazione scientifica corredata da studi indipendenti e sottoposta a un severissimo controllo. La sua efficacia è provata per il sollevamento del sopracciglio, la tonificazione del collo, dell’area del sottomento e per la riduzione delle rughe del décolleté. Inoltre su questo trattamento esistono oltre 90 studi clinici e articoli scientifici pubblicati. Una base scientifica decisamente valida, che ha convinto Merz, un’azienda che da oltre un secolo cerca soluzioni all’avanguardia per il benessere delle persone, ad acquisire il trattamento».
Ultherapy è un protocollo che si avvale del potere degli utrasuoni microfocalizzati per stimolare la naturale produzione di fibre collagene, le proteine strutturali della pelle che la rendono giovane, tonica e compatta. Il processo di invecchiamento del volto porta a una perdita del grasso e dei volumi, a cui si aggiunge una debolezza dei tessuti molli più superficiali che tendono, per gravità, a scivolare verso il basso. Per risollevare i tessuti è quindi necessario agire non solo negli strati superficiali della pelle, ma arrivare in profondità. Ultherapy è l’unico sistema non invasivo che riesce ad agire su tre diverse profondità, arrivando a trattare lo strato muscolare superficiale che prima poteva essere trattato solo con il lifting chirurgico.
Come funziona. Il protocollo Ultherapy sfrutta il calore indotto dagli ultrasuoni su cute, sottocute e muscolo per andare a stimolare le fibre collagene, quelle proteine che sostengono i tessuti e costituiscono la struttura portante della pelle. Gli ultrasuoni micro-focalizzati ad alta intensità sono in grado di raggiungere e trattare in maniera non invasiva diverse profondità, dal derma agli stati profondi dove la lassità ha origine. Come accade con una lente d’ingrandimento, che concentra la luce solare in un punto esatto, gli ultrasuoni micro focalizzati utilizzati riscaldano il tessuto in profondità solo nel punto focale, senza interessare la superficie cutanea e i tessuti intermedi.
Il riscaldamento dei punti causa una contrazione del collagene esistente traducendosi nel rimodellamento, risollevamento e rassodamento dei tessuti con risultati che durano a lungo, fino a 12 mesi. Diversamente da laser, radio frequenza e altre tecnologie, il protocollo Ultherapy oltrepassa la superficie della pelle per inviare energia in profondità. Grazie agli ultrasuoni scansiona il tessuto cutaneo, permettendo al medico di vedere gli strati dermici che sta trattando.
Per chi è indicato. È possibile sottoporsi a Ultherapy a qualsiasi età e in qualsiasi periodo dell’anno, con tutti i fototipi di pelle. Anche abbinato ad altre filler o dopo aver subito un intervento chirurgico. Non è necessario evitare le esposizioni al sole.
Il trattamento. Dopo una prima visita con lo specialista che valuta lo stato di invecchiamento e cedimento strutturale, si procede con il trattamento che è di una sola seduta. Si utilizza un apparecchio simile a un ecografo: ci sono un manipolo e uno schermo, che permette al medico di visualizzare in tempo reale i livelli di tessuto che sta trattando e, ancor prima, di determinare i precisi punti sui quali direzionare gli ultrasuoni.I risultati. Alcuni pazienti vedono un effetto iniziale subito dopo il trattamento, ma i risultati più importanti sono visibili in 2-3 mesi man mano che si genera nuovo collagene. La pelle diventa più tonica e consistente su viso e collo e più levigata sul décolleté. Il risultato dura circa un anno.
Sicurezza e controindicazioni. C’è una valida letteratura scientifica sull’efficacia e la sicurezza del trattamento, che è stato approvato anche dall’FDA.Dopo la seduta si può verificare per alcune ore un lieve arrossamento, ma niente che impedisca la ripresa immediata delle attività. Il make up è consentito. È possibile e normale indolenzimento e tensione dell’area trattata. In rari casi si possono verificare piccoli lividi, rigonfiamenti e nevralgie. L’energia ultrasonica è utilizzata in modo sicuro nel campo medico da oltre 50 anni. Inoltre ogni medico che utilizza il protocollo Ultherapy riceve un training formativo molto intenso.
Merz: Fondata a Francoforte nel 1908, Merz è da sempre impegnata nella ricerca e nello sviluppo di prodotti innovativi in grado di migliorare la salute e il benessere degli individui. La recente acquisizione dell’azienda Ulthera, ideatrice dell’unico protocollo di lifting non invasivo approvato dalla FDA americana, ha confermato il suo ruolo di leader mondiale nel campo della medicina estetica. L’azienda Ulthera è nata nel 2004 con l’intento di trasferire i risultati di 15 anni di studio e ricerca sugli ultrasuoni effettuati in campo oncologico anche in medicina estetica ed è stata acquisita daMerz nel 2014.
Costi: A partire da 300 euro, a seconda delle zone da trattare.Ultherapy è disponibile all’Istituto Dermatologico Europeo viale Puglie 15 Milano. (foto tretti)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Importare minerali da aree in conflitto

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

A group of boys pan for gold in a river on February 16, 2009 in Iga Barriere, 25 kms north of Bunia, north eastern Congo. DR Congo is rich in precious minerals such as diamonds and gold - but its people have gained little from this wealth because of conflict and bad government.  AFP PHOTO / LIONEL HEALING

A group of boys pan for gold in a river on February 16, 2009 in Iga Barriere, 25 kms north of Bunia, north eastern Congo. DR Congo is rich in precious minerals such as diamonds and gold – but its people have gained little from this wealth because of conflict and bad government. AFP PHOTO / LIONEL HEALING

I deputati vogliono la tracciabilità obbligatoria per gli importatori – ©BELGA_AFP_L.HEALING. Gli importatori UE di stagno, tantalio, tungsteno e oro per la produzione di beni al consumo dovrebbero essere obbligate a ricevere la certificazione UE per garantire che non alimentino conflitti e violazioni dei diritti umani nelle zone di guerra, secondo il testo approvato in prima lettura dal Parlamento mercoledì, con 402 voti favorevoli, 118, contrari e 171 astensioni.
Con 400 voti a 285, e 7 astensioni, gli eurodeputati hanno approvato un emendamento alla proposta della Commissione europea che introduce la tracciabilità obbligatoria per le 800.000 imprese dell’UE che utilizzano stagno, tungsteno, tantalio e oro nella fabbricazione di prodotti di consumo. Tali imprese dovranno informare su tutte le misure prese per identificare e risolvere i rischi connessi alla loro catena di approvvigionamento.Inoltre, poiché le fonderie di metallo e le raffinerie d’oro rappresentano l’ultimo stadio in cui l’origine dei minerali può essere effettivamente tracciata, gli eurodeputati propongono che queste siano sottoposte a un audit obbligatorio, svolto da soggetti terzi e indipendenti, per controllare se applicano le regole del “dovere di diligenza”. Tali regole sono progettate per aiutare le imprese del settore a non alimentare conflitti e violazioni dei diritti umani nelle zone di guerra.
I deputati chiedono anche alla Commissione di concedere un supporto finanziario, attraverso il programma COSME dell’UE (Programma dell’UE per la competitività delle grandi e piccole-medie imprese), alle micro e piccole-medie imprese che desiderano ottenere la certificazione. (foto: importatori)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Screening genetico non invasivo prenatale

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

tor vergataLe più avanzate tecnologie biotecnologiche e bioinformatiche sposano la storica tradizione dell’Università di Tor Vergata nella genetica: è italiano il primo polo universitario per lo screening genetico non invasivo prenatale (delle patologie cromosomiche) basato sul sequenziamento di frammenti di DNA fetale libero circolante nel sangue della gestante. Nato dall’accordo tra la cinese BGI, il più grande gruppo mondiale di genomica, Bioscience Institute di San Marino e l’ateneo romano.
Obiettivo: raffinare lo screening delle patologie genetiche in epoca prenatale per offrire una tempestiva e corretta informazione alle coppie a rischio; fornire il supporto della Genetica Medica agli operatori della Medicina Fetale e ai Ginecologi che gestiscono il primo trimestre di gravidanza; coltivare le conoscenze, sviluppare e migliorare le tecnologie e puntare sull’innovazione. E allo stesso tempo continuare la ricerca sulla terapia genica per le malattie oggi prive di una cura che verrebbero precocemente individuate con il test.Un grande progetto di ‘terza missione’ in cui gli atenei prevedono finanziamenti esterni a progetti di ricerca e di innovazione Non solo: un approccio di ultima generazione allo screening non invasivo delle patologie cromosomiche più comuni, dalla Sindrome di Down alle trisomie 13, e 18; alcune sindromi da delezione come la “Cri du Chat”, la Sindrome Di George, e alcune malattie mendeliane.Nel 1997 è stato messo in evidenza in uno studio pubblicato sulla rivista “Lancet” (Lo et al., Lancet, 1997) che nel sangue materno, a partire dalla quinta settimana di gestazione, sono presenti dei frammenti di DNA fetale libero, che può arrivare a presentare la concentrazione del 5 -10%; tale risultato ha reso gradualmente possibile l’utilizzo di questo materiale biologico per la rilevazione di alcune anomalie genetiche fetali. Studio confermato proprio dal gruppo di Tor Vergata due anni dopo che ha effettuato per la prima volta la diagnosi prenatale di distrofia miotonica fetale nel sangue materno.
Attualmente, grazie all’evoluzione tecnologica delle piattaforme di Next Generation Sequencing – (NGS) ed in particolare con lo sviluppo della metodica definita “Massively Parallel Shotgun Sequencing” (MPSS) e allo sviluppo di sofisticati algoritmi di elaborazione, si riesce ad effettuare la valutazione del DNA libero del feto presente nel plasma materno.
Il test effettuato sul DNA presente nel plasma materno è stato validato attraverso numerosi studi pubblicati su prestigiose riviste scientifiche internazionali, che hanno riconosciuto a questo esame di screening un´accuratezza superiore al 99%. I campioni studiati provengono da un semplice prelievo di sangue materno, non esponendo ad alcun rischio il feto al contrario di ciò che accade con le tradizionali tecniche invasive.Una realtà che riunisce, per la prima volta, un approccio a 360°: dallo screening, alla diagnosi, sino al counseling genetico per le mamme in attesa che prima vedevano viaggiare il proprio campione di sangue all’altro capo del mondo, attendere diversi giorni per avere i risultati e poi iniziare una lunga ricerca della struttura giusta da cui far seguire la nascita di un bambino per una diagnosi genetica.“I nuovissimi laboratori rappresentano un modello di ‘filiera corta’ dai risvolti estremamente importanti: produciamo, distribuiamo e analizziamo in Italia il G-test (sigla di Genetic Test), il tutto secondo le stringenti norme regolatorie italiane ed europee” spiega il Professor Giuseppe Novelli, Rettore di Tor Vergata e genetista “in secondo luogo possiamo gestire quelle che sono ormai informazioni ‘sensibili’ come i dati genetici della donna e del nascituro, in maniera rigorosa. Bioscience Genomics infatti opera secondo le direttive di un codice etico che hanno il proprio fulcro nel consenso informato e nella protezione dei dati, inseriti in una apposita banca e il rispetto della privacy”.
Il G-test sarà distribuito grazie ad apposite convenzioni con i reparti di ginecologia dei più grandi ospedali italiani. I campioni di sangue arriveranno a Tor Vergata seguendo rigidi protocolli di trasporto: “Subito dopo il prelievo si attiva la cosiddetta ‘catena di custodia’ che prevede una speciale etichettatura del campione che ne garantisce la titolarità e la tracciabilità, l’assegnazione ad un corriere convenzionato e lo stoccaggio del materiale biologico secondo i più elevato standard di sicurezza” prosegue Novelli.
Tutto il processo di analisi avviene presso la Bioscience Genomics sita nell’ateneo in collaborazione con la UOC di Genetica Medica del Policlinico Universitario di Tor Vergata. La Bioscience Genomics è attrezzata con le più moderne tecnologie di sequenziamento del DNA, che permettono la più alta affidabilità del test rispetto a quelli disponibili. Il G-test infatti è attualmente l’unico con una attendibilità del 99% e un numero di falsi positivi pari allo 0,05%
Soprattutto per la prima volta è possibile una ‘presa in carico’ globale della famiglia nel caso in cui il test dia un risultato positivo” sottolinea il professor Novelli “Un test positivo attiva immediatamente un team multidisciplinare. Se l’ospedale che ha in carico la paziente ha al suo interno un centro di genetica medica, a loro trasferiamo tutte le informazioni, in caso contrario convochiamo la gestante che viene seguita dal nostro servizio di genetica medica composto da ginecologi, genetisti e psicologi per una complessa e delicata attività di counseling”.
Ultimo ma non meno importante, l’aspetto occupazionale della nuova start up: Bioscience Genomics ha nel proprio organico 5 giovani biologi assunti a tempo indeterminato che hanno trascorso ad Hong Kong un intenso periodo di formazione, successivamente abbiamo ospitato gli esperti cinesi (biologi, ingegneri e bioinformatica) durante la messa a punto del laboratorio.
Lo spin off Bioscience Genomics sta realizzando un’altra piattaforma di genomica, identica a quella di Roma, presso l’Ospedale San Raffaele di Milano che sarà pronta all’inizio del prossimo autunno. Ciò per dare una maggiore copertura del territorio ed estendere l’assistenza genetica al Nord Italia con un autorevole centro geograficamente strategico.
Parole chiave: screening, test genetico, neonatale, genomica, DNA, cromosomi, Sindrome di Down, gestazione, gravidanza, amniocentesi, counseling genetico. (D.ssa Johann Rossi Mason)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maggiore sicurezza dei dati e bilancio a portata di mano con l’Apple Watch

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

budjetMoneyFarm, società di consulenza finanziaria indipendente online, ha rilasciato la versione BudJet 2.1, l’app gratuita per iOS dedicata alla gestione del proprio bilancio personale, ora anche per Apple Watch.BudJet è l’app creata da MoneyFarm per tenere sotto controllo il proprio bilancio personale e raggiungere in maniera semplice i propri obiettivi di risparmio.A un anno dal lancio, l’app gratuita di budgeting, conta 63mila download, oltre 900mila transazioni registrate (in forma aggregata e assolutamente anonima), per un valore complessivo superiore a 1.2 miliardi di Euro.Recentemente BudJet è stata inserita tra le top5 della categoria Finance e tra le App Incredibili sull’iTunes store.Il nuovo aggiornamento prevede l’integrazione con l’Apple Watch, i cui possessori potranno gestire ancora più facilmente le spese quotidiane grazie all’accesso diretto dallo schermo del Watch o sfruttare i comandi vocali per un inserimento veloce delle voci di spesa.Con BudJet è possibile:
· inserire e ordinare in diverse categorie le voci di entrata e uscita
· riordinare le categorie in base alla proprie esigenze
· verificare lo stato del bilancio personale attraverso appositi grafici
· fissare gli obiettivi di risparmio, ad esempio fissando il limite di spesa massima per categoria
· impostare le transazioni ricorsive (in entrata e in uscita)
· aggiungere delle note alle transazioni (come dettagli o una fotografia), per avere sempre un riferimento preciso di quanto transato
· esportare la lista delle transazioni in formato CSV
· effettuare il backup su iCloud di tutte tue transazioni
Inoltre, con la nuova versione 2.1 è possibile:
· usare il TouchID e il PIN per accedere all’applicazione in modo sicuro, proteggendo i propri dati da occhi indiscreti
· usare BudJet sull’Apple Watch
· gestire al meglio le transazioni ripetute tramite una schermata dedicata che riepiloga tutte le future ricorrenze
BudJet continua a restare completamente gratuita e vuole rappresentare un utile strumento a disposizione delle persone per una migliore gestione dei propri risparmi e del bilancio personale in linea con i valori e la mission di MoneyFarm. (foto: budjet)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Andamento altalenante per il settore del laterizio

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

lateriziÈ disponibile la prima edizione dello studio “Analisi di bilancio dei produttori mondiali di laterizi”, realizzato dal Centro Studi Acimac. Il volume, parte della collana “Analisi di Bilancio”, contiene i dati economico-finanziari relativi al triennio 2011-2013 di 205 aziende produttrici di laterizi di cui 68 italiane, 43 spagnole, 38 di altri Paesi UE e 55 operanti nel resto del mondo, per un totale di 21 Paesi. Lo studio analizza le performance economiche e finanziarie delle singole imprese e i risultati medi dei quattro aggregati: Italia, Spagna, altri Paesi UE e resto del mondo.Nel suo insieme, lo studio mostra degli andamenti che riflettono le difficoltà generali del settore edilizio, con qualche differenza tra le diverse aree geografiche analizzate, nonostante il quadro generale presenti incoraggianti segni di miglioramentoPer quanto riguarda l’Italia sono evidenti i frutti del processo di razionalizzazione dei costi di produzione che migliorano il livello del valore aggiunto creato (28,18% del fatturato). Permangono però difficoltà dal punto di vista dell’equilibrio finanziario (leverage 2,52%) e negli indicatori di redditività medi, ancora negativi.Più difficile è la situazione che emerge dall’analisi delle performance economiche delle aziende spagnole, che mostrano indicatori reddituali particolarmente negativi, sebbene nel 2013 si notino segni di inversione di tendenza. Inoltre, la crisi edilizia in Spagna si riflette in un precario equilibrio finanziario delle aziende, che scontano anche notevoli difficoltà di accesso al credito.
Il quadro relativo all’aggregato dei 38 paesi UE rivela invece segnali più positivi dal punto di vista reddituale, specialmente per l’anno 2013. In leggero calo rispetto al 2012 è invece il valore aggiunto creato.Decisamente positivi, invece, i dati delle aziende extra-europee (Extra-UE, Asia e America Latina), che mostrano una crescita costante durante tutto il triennio analizzato, che si chiude con livelli di ROI del 7,32% e ROS del 6,17%. A influenzare positivamente questi risultati, il fatto che questi Paesi beneficiano di condizioni convenienti in termini di rapporto tra costo del lavoro e unità di prodotto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »