Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 28 maggio 2015

Asia’s Crowdfunding Scene Surges Forward with Three-Party Alliance

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

Today marks a significant chapter in Singapore’s fast-growing crowdfunding industry, as crowdfunding platforms CoAssets, FundedByMe, and New Union announce an alliance that sees the three platforms combining forces to develop the local and regional crowdfunding industry. singapore-marinaKey Points:
+ Three-way alliance of international platforms
+ Over S$200 million worth of deal flow to date
+ Combined projects and events expected in the future
All three platforms – CoAssets, FundedByMe, and New Union – today have international reach of investors and campaigns. Together the alliance recorded over S$200 million dollars raised through crowdfunding campaigns in 2014, with growth expected to accelerate over 2015. Said Getty Goh, founder and CEO of CoAssets, “As an individual company, there is only so much we can do. Hence, I am excited and honored to be a part of this three-way alliance. However, this is just a first step and we hope that more stakeholders will join this alliance so that it can eventually pave the way for Fintech trade association. As Fintech is a burgeoning sector, the best way forward is to come together and engage the authorities collectively. Akin to the Singapore Venture Capitalist and Private Equity Association (SVCA) or Real Estate Developers Association of Singapore (REDAS), having a Fintech association is not only a good way to promote self-governance, it can also bring greater awareness to what this industry is all about.”“We are excited about this development with likeminded partners in the industry. There’s so much more we can do together, once we focus on developing the market here and globally in 2015. Crowdfunding is definitely on an uptrend –– we experienced over 600% growth in 2014 year-on-year –– and expect that the next wave of growth will exponential especially considering this alliance, coupled with surging Asian demand,” said Daniel Daboczy, founder and CEO of FundedByMe.“Technology and the world-wide-web have become irreplaceable to our daily life, and every day business — and today, this alliance represents the emerging wave of financial services that meet crucial needs in the business community. Our commitment is to work closely with government agencies and financial institutions to spearhead a progressive and trustworthy crowdfunding environment,” Jeremiah Lee, Founder and Managing Director of New Union.The three platforms plan to launch their first combined crowdfunding project in Q3 of this year, as well as joint conferences over the months following their alliance announcement.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tel Aviv Smart City to be featured at Expo Milano

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

expo-2015-milanoA special Smart City conference will be hosted by the “Nonstop City” at the Israel Pavilion at the World Expo, on June 4th, featuring world-leading experts from Tel Aviv and Italy.
Tel Aviv – the Smart City – will soon land in Milan on June 4th and 5th at the Milano Expo. The City of Tel Aviv and Israel Ministry of Foreign Affairs will be proudly hosting the Smart City Conference, set to include an impressive lineup of guest speakers on the topic of innovation, including the Mayor of Tel Aviv-Yafo, Mr. Ron Huldai, revealing the secret to Tel Aviv’s unique and thriving startup ecosystem. Tel Aviv recently won the ‘Smartest City’ in the World Award at the Barcelona Smart City world expo. A recent ranking by Savills placed Tel Aviv as one of the three best cities in the world for tech companies, alongside San Francisco and Austin. Hila Oren, CEO of Tel Aviv Global: “Tel Aviv is proud to be featured at the Israel Pavilion during the World Expo. In recent years Tel Aviv has managed to become one of the world’s leading smart cities, thanks to innovation, resident engagement and “out of the box” thinking. We are now opening our Smart City to the world – assisting other cities and mentoring them in the field of ‘Smart City’ “.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chirurgia e medicina estetica: cosa fare e cosa non fare d’estate

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

cellulite-centro-medicina-estetica-roma-centro«Il periodo caldo è spesso considerato un momento sfavorevole per gli interventi: in realtà non è così. Per la medicina estetica, meglio evitare trattamenti di rivitalizzazione e di rigenerazione della pelle» dice il chirurgo plastico Gianluca Campiglio, segretario Isaps e autore del libro “Mi voglio così” Qual è la stagione giusta per rifarsi il seno? È possibile fare un’addominoplastica d’estate? Insomma, esiste un periodo ideale per andare dal chirurgo plastico? «Non ci sono particolari vincoli a sottoporsi a interventi in una determinata stagione. Esistono periodi più o meno favorevoli». Parola di Gianluca Campiglio, chirurgo plastico di Milano, segretario dell’Isaps (International Society of Aesthetic and Plastic Surgery, la più grande associazione al mondo di chirurghi plastici) e autore del libro “Mi voglio così”, in cui racconta tutto quello che un paziente della chirurgia plastica dovrebbe sapere.«Una delle domande che mi sento rivolgere più spesso dai pazienti riguarda il periodo migliore in cui sottoporsi all’intervento chirurgico che hanno scelto», afferma il chirurgo plastico milanese. «Non ci sono stagioni negative e non ci sono periodi positivi: l’estate non ha particolari controindicazioni, può semplicemente richiedere degli accorgimenti maggiori per quanto riguarda il post operatorio».Del resto, quando si parla di chirurgia estetica, solitamente gli interventi non sono dettati da urgenza e si possono pianificare con calma. «Molti approfittano di un periodo di vacanza o di riposo dal lavoro per potersi dedicare a questo tipo di cure», spiega Campiglio. «Gli interventi di rimodellamento del seno, come mastoplastica additiva, mastopessi e mastoplastica riduttiva, si possono eseguire tutto l’anno, anche a ridosso della bella stagione in quanto i tempi di recupero sono piuttosto brevi. Si può quindi sfoggiare un bel décolleté anche a poche settimane di distanza dall’intervento» afferma il medico. Inoltre, le vacanze estive sono un buon periodo per l’otoplastica, l’intervento per correggere le orecchie a sventola: «I pazienti più giovani scelgono spesso l’estate per affrontare il post operatorio con calma e serenità. Il recupero, tuttavia, non è molto lungo: con la tecnica che utilizzo, il periodo di fasciatura della testa si limita a un giorno» dice l’autore di “Mi voglio così”. Anche per rifarsi il naso va bene ogni stagione.Altri interventi si possono fare d’estate, ma con l’accortezza di non esporsi al sole: «In caso di addominoplastica e altri interventi di rimodellamento del corpo (lifting braccia e cosce), le cicatrici non devono essere esposte al sole e in caso contrario devono essere protette da creme solari con protezioni molto elevate». Niente sole anche dopo interventi al viso come il lifting o la blefaroplastica (rimodellamento delle palpebre) per tutto il periodo in cui sono presenti lividi, di solito 4-5 giorni. Per la liposuzione, l’aspirazione chirurgica del grasso, nessun problema a farla in estate: bisogna però mettere in conto di indossare, per 7/10 giorni una guaina contenitiva, che nei giorni di gran caldo può essere fastidiosa.Se si parla di medicina estetica cambia però l’impostazione. «In estate vanno assolutamente evitati trattamenti di rivitalizzazione e di rigenerazione della parte più superficiale della pelle, quindi peeling e laser ablativi (esfolianti). In questi casi, anche una minima esposizione al sole nella fase di guarigione può compromettere il risultato dell’intervento e lasciare antiestetiche macchie marroni, che poi sono molto difficili da cancellare. Tutti gli altri trattamenti di medicina estetica non hanno particolari controindicazioni e possono essere eseguiti in qualsiasi periodo dell’anno» spiega il chirurgo. Per esempio, filler e botulino si possono eseguire sempre senza problemi, anche con la valigia per il mare già pronta. «Non dimentichiamoci però che ogni trattamento richiede degli accorgimenti che, per quanto piccoli, è bene osservare» conclude Campiglio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Severe labour exploitation in the EU”

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

bruxelles (1)Brussels Monday, 1 June 2015 16.30 Justus Lipsius building high-level conference, on 2 June 2015. Technical press briefing by the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) on the findings of a first EU study that comprehensively explores all criminal forms of labour exploitation of migrant workers and those who have moved from one EU country to the other. The findings reveal not only that criminal labour exploitation is prevalent in a number of industries, particularly agriculture, construction, hotel and catering, domestic work, and manufacturing, but also that exploiters are at little risk of prosecution, punishment or the necessity of having to compensate victims.The research provides evidence that:
Severe labour exploitation is widespread in the EU in a number of industries (such as agriculture, construction, hotel and catering, domestic work, manufacturing).A lack of workplace inspections and monitoring of working conditions, coupled with ineffective investigations, lead to a situation of widespread impunity: offenders are at little risk of prosecution, punishment or the necessity of having to compensate exploited workers, a situation exacerbated by underreporting.The majority of consumers are not aware that products they buy or use may be the result of labour exploitation as there is no system of binding standards or clear branding.For example, in countries such as Bulgaria, Cyprus, Greece, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta and Slovenia, the laws on exploitative working conditions only protect third-country nationals in an irregular situation. In almost all EU Member States, workers with an irregular residence status from non-EU countries are protected from severe labour exploitation by means of criminal law provisions. EU nationals enjoy this level of protection in only four Member States (Belgium, France, Germany and the Netherlands).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cancro al seno e nuovo marcatore di resistenza a terapie

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

cancro-al-senoUn nuovo biomarcatore permette di predire, nel tumore mammario HER2 positivo, la resistenza a terapie mirate di recente sviluppo. La proteina detective è hMENA11a, una variante del gene MENA. Lo studio pubblicato su Oncogene dal team di Paola Nisticò del Laboratorio di Immunologia dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena in collaborazione con l’Anatomia Patologica dell’Istituto, dimostra che hMENA11a sostiene l’attivazione di oncogeni importanti, quali HER2 ed HER3, e la proliferazione e la resistenza alla morte cellulare.
I ricercatori hanno provato che la riduzione della quantità della proteina nelle cellule tumorali le rende suscettibili a nuovi farmaci, in grado di bloccare la via di segnale di PI3K, la cui attivazione è un evento frequente nei tumori e favorisce la progressione tumorale, oltre alla resistenza alla chemio- e alla radioterapia.
Lo studio ha importanti implicazioni cliniche e suggerisce che l’espressione di hMENA11a può rappresentare un biomarcatore di risposta a terapie mirate, grazie anche alla disponibilità di un anticorpo monoclonale che permette di riconoscere nei tessuti tumorali l’espressione della proteina.Lo studio è finanziato da AIRC – Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.
Le terapie mirate ai recettori HER2-HER3 hanno migliorato in maniera significativa la sopravvivenza delle pazienti affette da carcinoma mammario. A volte tuttavia i tumori di queste pazienti diventano resistenti alle terapie. Ecco perché molti ricercatori studiano i meccanismi della resistenza e provano strategie per aggirarli.
Il lavoro di ricercatori dell’Istituto Regina Elena dimostra che una forma particolare della proteina MENA, hMENA11a, può collaborare con l’attività oncogenica dei recettori della famiglia EGFR, rendendo le cellule tumorali resistenti alla morte cellulare e attivando quindi i meccanismi di resistenza che il tumore adotta per sopravvivere.
“Il gene hMENA – spiega Paola Trono, primo autore dello studio – è presente nel corso della trasformazione da cellula normale a cellula tumorale e produce diverse forme proteiche durante la progressione del carcinoma della mammella, utilizzando un meccanismo biologico chiamato splicing alternativo. Lo splicing alternativo è un meccanismo altamente complesso che consente di produrre varianti di una stessa proteina, con funzioni anche opposte, a partire dallo stesso gene. L’espressione di hMENA11A, nei tumori HER2 positivi, è correlata con l’espressione dell’oncogene HER3 e soprattutto con il suo stato di attivazione che è considerato determinante nei meccanismi di resistenza a terapie mirate nel carcinoma della mammella.”
Lo studio è stato realizzato grazie a una nuova piattaforma tecnologica (Reverse Phase Protein Array, RPPA), disponibile presso l’Istituto Superiore di Sanità, che permette di valutare l’attività di una proteina nel complesso network delle vie di segnale associate al tumore.
“Una volta validato su grandi casistiche – evidenzia Paola Nisticò – l’impiego di hMENA11a potrà essere indicativo di successo o fallimento di terapie antitumorali dirette verso PI3K. Pertanto l’analisi della sua espressione guiderà gli oncologi verso una scelta terapeutica con il massimo beneficio per i pazienti”.
“PI3K è il gene più frequentemente alterato nei tumori della mammella – conclude Ruggero De Maria, Direttore Scientifico IRE – Pertanto aver scoperto che questa proteina hMENA11a conferisce resistenza agli inibitori di PI3K apre delle nuove prospettive terapeutiche molto importanti. In futuro speriamo di identificare farmaci in grado di inibire l’espressione e l’attività di questa proteina in modo da poter aumentare l’efficacia delle terapie attualmente in sperimentazione clinica”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alitosi diagnosi e cura

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

ISI_logoQuante volte nel corso della vita, magari prima di un colloquio di lavoro, ci siamo preoccupati della freschezza del nostro alito? Probabilmente molto spesso, e a quanto pare, sembrerebbe a ragione. L’alito cattivo o “alitosi”, infatti, è un disturbo molto frequente, sostengono gli esperti di Odontoiatria Biologica dell’Istituto Stomatologico Italiano (ISI) di Milano, che da anni è all’avanguardia nella diagnosi e nella cura di questo fastidioso problema.
L’odore sgradevole proveniente dalla bocca, quando ci si trova a stretto contatto per motivi lavorativi o personali, può provocare grande disagio anche dal punto di vista psicologico e sociale. I dati raccolti, indicano che a soffrirne, in maniera continuativa, è circa una persona su quattro e le cause, a differenza di quanto comunemente si crede, non sono legate esclusivamente al tipo di alimentazione ma sono, per il 90% dei casi, dovute a problemi del cavo orale.
L’alitosi è provocata da diversi fattori, ma il comune denominatore è uno solo: la proliferazione di batteri che si nutrono di residui di cibo e producono sostanze volatili contenenti zolfo, che sono le principali responsabili dell’odore cattivo dell’alito. Per diagnosticare la presenza di queste sostanze, l’Istituto Stomatologico Italiano (ISI) di Milano è uno dei pochi centri in Italia a disporre del gascromatografo computerizzato, che ci permette di individuare la presenza di Composti Solforati Volatili (cosiddetti VSC) responsabili dell’alitosi.
Queste cause sono per lo più legate a problematiche riguardanti il cavo orale mentre, in un numero più limitato di casi, possono essere addirittura correlate a malattie sistemiche, come diabete, malattie del fegato o renali. Cosa fare, quindi, qualora si ritenga di soffrire di alitosi? Per prima cosa, rivolgersi ad una struttura in grado di diagnosticare il problema e definire l’ipotesi terapeutica personalizzata. Durante la semplice visita di screening, lo specialista verificherà, a seguito dei risultati riscontrati dal gascromatografo, l’eventuale presenza di profondi solchi nella lingua, carie, denti inclusi, ascessi o riscontrerà eventuali carenze nell’igiene orale, che rappresentano le più evidenti cause dell’insorgenza di questo fastidio. Molto comune, anche se poco diagnosticata, è la presenza in pazienti affetti da alitosi di parodontopatie, cioè di infiammazioni e infezioni del parodonto, il tessuto di sostegno dei denti. Secondo alcune ricerche, a soffrirne in maniera lieve o avanzata sarebbe addirittura il 62 per cento degli italiani. Come capire se si soffre di tale disturbo ? “Il primo sintomo solitamente è il sanguinamento gengivale, seguito dalla mobilità dei denti, mentre, nei casi più gravi, si può arrivare alla perdita degli stessi” afferma il Dott. Piero Nobili, responsabile del reparto di Odontoiatria Biologica dell’Istituto Stomatologico Italiano di Milano, “in seguito all’identificazione del disturbo, anche grazie alla collaborazione con il reparto di Parodontologia dell’Istituto, presso il Reparto di Odontoiatria Biologica saranno effettuati specifici test microbiologici e genetici, esami non invasivi, ma molto importanti per individuare precisamente i batteri responsabili della malattia”.
Una volta effettuata la diagnosi, verrà elaborato un piano di cura personalizzato che prevede sedute di igiene, trattamenti laser assistiti, prescrizioni fitoterapiche e consigli nutrizionali utili ad eliminare i batteri, a arginare l’infiammazione e dunque il fastidioso alito cattivo.
L’Istituto Stomatologico Italiano è una Società Cooperativa Sociale Onlus, specializzata in Odontoiatria e Chirurgia Maxillo Facciale, che opera anche in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. Fondato a Milano nel 1908, già dal 1954 avvia fattive collaborazioni con Istituti Universitari per dare vita a progetti di ricerca e specializzazione. All’interno dell’Istituto è attiva la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Orale dell’Università degli Studi di Milano. L’Istituto è stato insignito nel 2005 dell’Ambrogino d’Oro con attestato di benemerenza civica. Riconosciuto centro di eccellenza in campo odontoiatrico, dal 2008 l’Istituto Stomatologico Italiano ha messo in atto un piano di ristrutturazione della storica sede di via Pace, sita all’interno del “quadrilatero ospedaliero” di Milano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aumento di reddittività media per il settore dei macchinari per l’industria ceramica e i colorifici

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

ceramicaDopo l’ottimo gradimento registrato dalla prima edizione, torna lo studio “Analisi di bilancio dei produttori mondiali di macchinari per l’industria ceramica e del laterizio e colorifici”, realizzato dal Centro Studi Acimac.Il volume, parte della collana “Analisi di Bilancio”, esamina i dati economico-finanziari relativi al triennio 2011-2013 di 199 aziende: 139 aziende italiane e 31 operanti nel resto del mondo (Spagna, Francia, Gran Bretagna, Portogallo, Germania, Cina, Giappone, Belgio, Repubblica Ceca, Lussemburgo) produttrici di macchinari per la produzione di piastrelle, sanitari, stoviglieria e laterizi, e 22 imprese italiane e 17 estere (di cui 15 spagnole.) produttrici di colori e smalti per l’industria ceramica.L’analisi relativa al comparto dei macchinari per l’industria ceramica rivela che, per le imprese italiane, anche nel 2013 è proseguito il processo di risanamento del settore: il principale indice di redditività della gestione (ROI, rendimento del capitale investito) presenta una redditività media del 4%, superiore alla media del triennio 2011-2013 e in linea con il ROI medio delle imprese degli altri Paesi produttori.Ingenti investimenti in attrezzatura e tecnologia produttiva ad elevata intensità di capitale, nonché riorganizzazioni aziendali tese ad ottimizzare l’impiego del fattore lavoro hanno consentito alle imprese italiane del comparto di migliorare l’EBITDA rispetto al 2012, pur in presenza di un costo del lavoro per addetto molto alto e un CLUP (costo del lavoro per unità di prodotto) crescente: in altri termini, grazie all’investimento, le imprese hanno conseguito incrementi di produttività per addetto che più che compensano la crescita del costo del lavoro. Tuttavia, come per altri comparti italiani produttori di beni strumentali, molto meno soddisfacente risulta la struttura patrimoniale e finanziaria: la sottocapitalizzazione e l’indebitamento (soprattutto a breve) rendono più rischiosa l’attività delle imprese in quanto finanziariamente più vulnerabili.Negli altri Paesi, le aziende produttrici di macchinari per l’industria ceramica presentano un maggiore equilibrio della struttura patrimoniale e finanziaria e un’efficienza produttiva media maggiore rispetto all’Italia, a cui, però, fa da contraltare un onere del costo del lavoro in rapporto al fatturato più alto di quello italiano per l’uso meno intenso della manodopera. Più in dettaglio, si osserva una maggiore efficienza in termini di costi di materie prime, semilavorati, servizi e gestione delle scorte, a fronte di una minore efficienza (a valle del valore aggiunto) della gestione delle risorse umane: nella media del triennio 2011-13, il CLUP delle imprese straniere incide infatti per il 25,9% del fatturato, contro il 21,8% delle imprese italiane.
Molto interessanti sono le evidenze che emergono dallo studio in merito alle analisi di clustering e benchmarking che confrontano ciascuna impresa con quelle a lei più simili e che analizzano le caratteristiche delle aziende con i più alti livelli di performance. Le 13 migliori imprese del settore, tra cui la maggior parte italiane, presentano una redditività del capitale investito mediamente quadrupla (ROI 16,9%) rispetto alla media di tutte le imprese; il CLUP risulta di oltre 10 punti percentuali inferiore rispetto alla media del settore; e la struttura patrimoniale e finanziaria è equilibrata, pertanto stabile e poco rischiosa.
Anche nel comparto dei produttori mondiali di smalti e colori per ceramica, nel 2013 le aziende italiane hanno mostrato miglioramenti della produttività per addetto e crescita della redditività rispetto al 2012. È tornato a crescere anche il grado di copertura reddituale degli interessi passivi, che va ad attenuare, almeno in parte, il rischio di instabilità finanziaria per effetto dell’insufficiente capitalizzazione: il leverage medio 2013 (4,48%), per quanto in diminuzione dal 2011, è risultato ben al disopra della soglia d’attenzione.Per quanto riguarda i colorifici di altri Paesi (per lo più spagnoli), lo studio evidenzia una maggiore efficienza produttiva rispetto a quella osservata in Italia: sebbene l’onere del costo del lavoro non sia molto più leggero di quello italiano in termini di incidenza sul fatturato, l’EBITDA dei colorifici esteri è superiore di quasi quattro punti percentuali rispetto a quello delle imprese italiane. Anche l’analisi della struttura finanziaria e patrimoniale mostra una minore incidenza delle posizioni debitorie a breve termine e una maggiore capitalizzazione media rispetto alle imprese italiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The winners of the fifth round of the Innovation in Development Reporting (IDR)

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

European Journalist centreThe European Journalism Centre (EJC) is pleased to announce the winners of the fifth round of the Innovation in Development Reporting (IDR) Grant Programme. Fourteen remarkable projects will be awarded a combined total of more than 250.000 euros in funding to advance development reporting and bring the public innovative journalistic storytelling around global development topics.The final winners were selected during a meeting of the IDR Grant Programme Advisory Council, consisting of senior international journalists. The projects that have been identified to be eligible for funding will be greenlighted upon signature of a legal contract.The awarded projects have received endorsement from significant media outlets located in Belgium, Denmark, France, Germany, Italy, Spain, the Netherlands and the United Kingdom. The winning projects touch upon multiple development issues, such as Bolivia’s intercultural healthcare system, the strengths and weaknesses of the polio eradication campaign, waste pickers in Haiti and India whose garbage is used as filament for 3D printers and the devastating impact of a tiny fungus on the most important crops in the world.The winners have also been chosen due to their solid story outlines and innovative multi-platform approaches, operating on the crossroads between investigative, data-driven and visual journalism. The journalists also engage in cross-country media collaborations, hereby magnifying the visibility and impact of their stories. The winners of the fifth round will join on 25-26 June 2015 a two-day boot camp style conference allowing them to interact with fellow grantees. They will also work with trainers on the development of their stories and publication strategies aimed at achieving the best possible public impact.“With this round of applications the total number of funded projects reaches 67, while our community consisting of grantees and their teams grows to more than 140 people. In 2015 and 2016, we have three more rounds of applications, which means that by the end of next year we will fund more than 100 projects! We are extremely proud to be supporting the work of an amazing community of journalists, who are doing an incredible job in putting development issues in the news and on the public agenda,” says EJC Director Wilfried Ruetten. The fifth call for applications ran from 14 January to 25 February 2015. In total, 133 applications were received.
The Innovation in Development Reporting Grant Programme was launched in January 2013 by the EJC with support from the Bill & Melinda Gates Foundation. The project aims to reward quality journalism and advance a new and distinctive agenda for development coverage through awarding funding to a selection of state-of-the-art reporting projects of great impact and high visibility. Since 2013, the programme has granted funding to 53 projects.The IDR Grant Programme has received $1,785,000 for the period of 2015 and 2016 that will be awarded to innovative journalistic projects centred on global development topics. In 2015–2016, the programme will run four rounds of applications and organise four boot camp style events tailor-made for the winners of each round.The European Journalism Centre (EJC) is a non-profit international foundation with the remit to improve, strengthen, and underpin journalism and the news media.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove nomine in Ford Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

marcoriccardomassimiliano

Con effetto dal 1 giugno 2015 Marco Buraglio, in precedenza Sales Planning & Ordering Distribution Manager, rivestirà la posizione di Commercial Vehicles Manager, riportando a Domenico Chianese, Presidente e Amministratore Delegato di Ford Italia. Buraglio, ingegnere meccanico, è entrato in Ford nel 2002, dove ha maturato diverse esperienze in Ford Italia nel Service, nel Sales e nel Marketing e in Ford Europa nel Pricing Team.
Sempre dal 1 giugno 2015 Riccardo Magnani, in precedenza Field Operation Manager, rivestirà la posizione di Marketing Manager, riportando a Domenico Chianese, Presidente e Amministratore Delegato di Ford Italia. Magnani, ingegnere aereonautico, è entrato in Ford nel 2001, ricoprendo diverse posizioni in Italia nel Sales, nel Marketing, nel Credit e nel Service, e maturando esperienze all’estero nel Marketing Team di Ford Europa e nel Global Team.Massimiliano Napoli, in precedenza Sales District Manager Centro-Sud Italia, subentrerà a Magnani nel ruolo di Field Operation Manager, riportando a Luca Caracciolo, Customer Service Director di Ford Italia. Napoli, laureato in economia e commercio, è in Ford dal 2002, dove ha maturato diverse esperienze in Ford Italia nel Service, nel Sales e nel Marketing e in Ford Europa nel Marketing Team.(foto: marco, riccardo e massimiliano)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allarme otorino

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 maggio 2015

Il 20% degli italiani soffre di qualche forma di sordità. Si tratta di un disturbo frequente, soprattutto tra gli uomini, ma che oggi si può affrontare con successo. Lo sviluppo della chirurgia dell’orecchio, infatti, ha fatto passi da gigante negli ultimi anni, permettendo di raggiungere ottimi risultati. “Siamo ormai in grado di restituire l’udito anche ai sordi totali – afferma il prof. Giuseppe Spriano, Presidente nazionale della Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale (SIOeChCF) e Direttore dell’Otorinolaringoiatria all’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma, e presidente del Congresso -. Grazie all’elettronica e all’informatica, possiamo sostituire anche la chiocciola, organo nervoso della percezione uditiva, con un impianto cocleare. Questo non è ancora possibile con gli altri organi di senso”. I progressi dell’otorinolaringologia sono al centro del 102° congresso nazionale che, da oggi fino a sabato, riunisce a Roma oltre 1.000 specialisti provenienti da tutta Italia. “L’otorino non è più solo il medico che toglie le tonsille – prosegue Spriano – ma un chirurgo cervico-cefalico che utilizza tecnologie ultra moderne per operare una zona del corpo molto delicata. otorinoPossiamo oggi asportare tumori della laringe e faringe passando dalla bocca, usando il Laser e il Robot. Il viso è una parte ben visibile e che ha un’estrema importanza estetica. E’ nostro dovere preservarla perché non operiamo sull’addome, dove basta una maglietta per coprire vistose cicatrici. Con la chirurgia ricostruttiva è possibile sostituire i tessuti rimossi trasferendo, con veri trapianti, porzioni di pelle, muscoli e ossa da altre sedi del corpo. Per il naso invece utilizziamo molto l’endoscopia con la quale si possono rimuovere tumori localizzati fino alla base cranica, entrando dalla fossa nasale”. Uno specialista rivolto al futuro, dunque, che vuole unire l’aspetto sociale a quello scientifico. “Nel congresso ci sarà una sessione molto particolare – afferma la dott.ssa Barbara Pichi dell’ Otorinolaringoiatria dell’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma -. Abbiamo scelto di organizzare in piscina, con un istruttore d’eccezione, Enzo Maiorca che vanta 23 record del mondo di apnea, un corso sub per non vedenti e i sordo muti. Ma durante il congresso sono previste altre immersioni: sarà possibile studiare le modifiche che avvengono nell’orecchio sott’acqua. Sappiamo che la pressione dell’acqua può portare a danni, infezioni all’apparato uditivo, rottura del timpano, problemi che lo specialista ritrova poi nella pratica clinica”. “Gli otorino nel nostro Paese sono circa 5.000 e rappresentano la quarta branca della chirurgia italiana – sottolinea il dott. Felice Scasso Segretario Nazionale SIOeChCF e Direttore dell’Otorinolaringoiatria dell’Ospedale P.A.Micone di Genova -. Tra le varie patologie che affrontiamo ci sono anche i tumori della testa e collo. Sono neoplasie in forte aumento soprattutto quelle dell’orofaringe, più che raddoppiati negli ultimi anni per colpa del virus dell’HPV. Per questo c’è una integrazione terapeutica molto forte dell’otorino con il radioterapista e l’oncologo medico”. “Nel congresso di Roma molte sessioni e lezioni sono svolte da colleghi provenienti da altri Paesi – prosegue Spriano -. Il confronto tra specialisti di diverse nazioni è un presupposto indispensabile per l’arricchimento culturale reciproco. Oggi la otorinolaringoiatria italiana può essere considerata allo stesso livello di quella nord europea o statunitense. Una grande differenza che costatiamo con l’estero è l’uso didattico dei cadaveri. In Italia esiste un problema oggettivo sull’utilizzo delle salme perché la legislazione a riguardo è molto restrittiva. Il loro uso a scopo didattico, è indispensabile e, come accade in molti altri Paesi, i giovani medici devono avere questo training. Lo specializzando dovrebbe fare prima interventi sul cadavere e poi sul vivente. Per colmare questa lacuna al congresso abbiamo organizzato un corso pre-congressuale di chirurgia su cadavere della durata di 2 giorni per 60 giovani specialisti, e durante il congresso ci sarà per tre giorni un collegamento in diretta dall’ospedale San Camillo di Roma” dove verranno eseguiti tutti gli interventi della nostra specialità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »