Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 29 Mag 2015

Intelligence services: Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes calls for stronger oversight to improve effectiveness and improved cooperation at EU level

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

The increase in the exchange of information and cooperation between intelligence services at EU and international level calls for improved cooperation between EU oversight bodies and a stronger democratic oversight of intelligence activities which is still only conducted at national level, said Civil Liberties Committee Chair and rapporteur on the European Parliament’s Inquiry on the Eeuropean parliamentlectronic Mass Surveillance of EU Citizens, Claude Moraes, at the closing of the two-day conference on the Democratic oversight of Intelligence services in the European Union.The first Conference on the Democratic Oversight of Intelligence Services in the European Union took place in the European Parliament, co-hosted with German, Italian and Belgian National Parliamentary supervisory bodies, on 28 and 29 May.The Conference highlighted the strategic importance of intelligence and security services for the security of the democratic constitutional state, and the need for parliamentary oversight of such services to ensure respect of fundamental rights and liberties and efficiency of the intelligence and security services.After the meeting between MEPs and national MPs, Civil Liberties Committee Chair and rapporteur on the European Parliament’s Inquiry on the Electronic Mass Surveillance of EU Citizens, Claude Moraes (S&D, UK), said:”Member states should improve the evaluation and oversight practises of their intelligence services – not to create more bureaucracy for intelligence services but because all the evidence shows that better oversight will create more effective intelligence services which do their jobs better and are more accountable in a difficult and ever changing security environment.One of the main conclusions of the European Parliament’s Inquiry into mass surveillance following the Edward Snowden revelations was that there has been a systematic failure of intelligence services oversight not only in the US but in our own Member States. We called for all Member States to evaluate and revise their oversight practices to ensure that intelligence services are subject to improved parliamentary and judicial oversight.This conference is unprecedented in that it is the first time that the European Parliament has co-hosted with three national Parliaments, Germany, Italy and Belgium, on the sensitive subject of intelligence oversight. The European Parliament, led by the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee, is committed to developing a regular dialogue for national Member States oversight bodies to discuss best practices and minimum standards of intelligence oversight to ensure that our intelligence services are operating within the rule of law. We value our intelligence agencies for the unparalleled responsibility of protecting our citizens in the most difficult circumstances. We are aware that ongoing threats and challenges such as so called “foreign fighters”, radicalisation and related security threats are challenging most EU countries. Such challenges require more not less cooperation between Member States and EU agencies such as Europol.As a result of the success of this debate, there has been agreement from national Parliaments that this should not just be a one off event and we should continue to develop cooperation on a concrete basis and convene a follow-up conference at the latest two years’ time”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Isabelle PARTHONNAUD has joined Korian as Group Human Resources Director

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

isabelleAs part of Korian’s executive management team, Isabelle PARTHONNAUD will be responsible for defining the Group’s global HR strategy and ensuring its roll out in the different countries where the group is based.
Her role will also consist in coordinating and developing HR cross-borders programs. Therefore, she will work in coordination with the Human Resources Director of each country.
She will be a member of the Group’s Executive Committee.
With a postgraduate degree in Human Resources Management from IGS (Institute for Social Management), Isabelle PARTHONNAUD

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sponsors Could Lose Up to $100 billion in Brand Value from FIFA Scandals

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

World-CupVISA, McDonalds, Coca-Cola, Hyundai, Budweiser and Adidas are among the major companies that have set out to build their brands through association with international football, the World Cup and the now embattled organisation that oversees it, FIFA.For a fee now in the region of $24-$44 million a year, the sponsors have guaranteed exposure to a global audience well in excess of a billion consumers and association with the world’s most loved sporting event.There has no doubt been a significantly positive effect on their brands over the years. Brand values for the top sponsors currently total nearly $100 billion (Coca-Cola: $35.8 billion, McDonlads: $22 billion, Hyundai motors: $8.6 billion, Kia: $5.2 billion, VISA: $8.5 billion, Gazprom: $7 billion, Adidas: $6.8 billion, Budweiser: $4.3 billion).These billion dollar valuations refer specifically to the value of brand rather than the business entity, so theoretically all of this value could be lost as it is intangible and contingent upon reputation and continuing consumer goodwill. That goodwill is ebbing away and only a comprehensive overhaul of the governance of the organisation is likely to reverse it.Accusations of endemic corruption within FIFA are becoming not just widespread but impossible to ignore. The sands are rapidly shifting, making any kind of association with FIFA increasingly risky for a brand’s reputation. Negative headlines now surround not just FIFA itself but the sponsors too. With FIFA apparently deaf to calls for change, activists and social media users are turning their fire on the top tier sponsors, accelerating the reputational risk.FIFA’s own brand is in the most imminent danger of all, being heavily contingent upon the support of its partners and sponsors. It is down to $2.8 billion, having lost $400 million in the last few days alone as the result of the arrests and subsequent negative attention. Even broadcast revenues could be under threat as the possibility of relocation of World Cups in Russia and Qatar creates significant uncertainty. A boycott of FIFA by national football authorities has even been mooted, which would lead to the collapse of FIFA’s $12 billion franchise.Brand Finance CEO David Haigh comments, “Sponsors have partnered with FIFA in order to build their brands, not have their reputations tarnished. The kind of activities that are alleged to have been going on could destroy billions of dollars of brand value. A lot depends on what happens in the next few days but without knowing how quickly FIFA are going to clean out the Augean stables, my recommendation to the major sponsors would be to move towards the exit. As for FIFA, if Blatter were to stand down with immediate effect, that go a long way to securing its future and we estimate it would add over half a billion to FIFA’s brand value.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brevetto europeo: Come funzionano male le lingue della Comunità

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

brevetti_t1Sembra che l’Italia abbia intenzione di aderire al Brevetto europeo. Dopo che ne era rimasta fuori, con Spagna, perche’ si prevede che le lingue ufficiali siano tre: inglese, francese e tedesco. Sponsor di questo trilinguismo sono Francia e Germania, che hanno ottenuto il consenso di molti Paesi le cui lingue sono state escluse, facendo introdurre fondi per compensare i costi di produzione. Sembra che, per molti, i fondi siano piu’ interessanti che non la propria lingua.
Una scelta economica, si’ da superare il tipico ed oneroso gap comunitario della babele linguistica? In parte si’ e in parte no. Sarebbe stato economicamente logico scegliere una sola lingua, l’inglese ovviamente, che, indipendentemente dall’innegabile vantaggio di Gran Bretagna e Irlanda, e’ comunque la piu’ importante e diffusa lingua veicolare comunitaria e mondiale. Ma questo significava piu’ costi per i due grandi protagonisti comunitari, Francia e Germania. Quindi, invece di far pagare i costi ad ogni singolo Stato, Hollande e Merkel hanno pensato fosse meglio farli pagare a tutti gli altri Stati per loro. E cosi’ si sono fatti belli verso le proprie nazioni tutelando le loro lingue nazionali e fornendo un vantaggio competitivo ai rispettivi Paesi. Volenti o nolenti, europeisti o non-europeisti, e’ questa l’ennesima realta’ della nostra Ue: una entita’ economica dove governano i piu’ forti degli Stati nazionali.
Noi, che non abbiamo interessi economici e di potere specifici in merito, ma siamo sudditi anche di questa Unione, abbiamo maturato un’altra idea in merito. Scartata la possibilita’ della sola lingua inglese -anche un po’ riduttiva considerato il pianeta- proiettando la Comunita’ anche al di fuori del proprio territorio, avremmo scelto: inglese, francese e spagnolo (sicuramente tra le tre lingue piu’ diffuse nel mondo, e comunque facendo pagare un po’ di piu’ per le altrui traduzioni i Paesi avvantaggiati); non solo, ma se fosse consentito anche l’uso di lingue non comunitarie, ci avremmo aggiunto anche l’arabo e il cinese.
Ma questi sono -sembra e al momento- i sogni naufragati al largo dell’isola di Ventotene….
(Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for the Society and the Economy

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

universita-cattolicaMilano 1 giugno 2015, in Università Cattolica (Aula PioXI) si svolgerà, l’International Final Conference del Progetto Diverse.DIVERSE ha l’obiettivo di “svecchiare” il modello europeo di integrazione, ancora prigioniero della figura del “lavoratore ospite”, trasformando la diversità da problema da gestire in risorsa strategica per lo sviluppo economico e sociale delle società europee. Il progetto Diverse – Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy”, co-finanziato dal Fondo Europeo d’Integrazione e coordinato dal centro di ricerca WWELL dell’Università Cattolica di Milano (con la direzione scientifica della prof.ssa Laura Zanfrini, Ordinario di Sociologia delle migrazioni e della convivenza interetnica alla Facoltà di Scienze politiche e sociali) è stato realizzato in collaborazione con 14 partners in 10 paesi europei: Estonia, Finlandia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia e Ungheria.Le presentazioni saranno in lingua italiana e inglese, con traduzione simultanea.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea soci pedemontana

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

EPSON DSC picture

EPSON DSC picture

L’Assemblea dei Soci di Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. ha approvato il bilancio 2014 della Società ed ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, con durata di un anno, così composto:
· Ing. Massimo Sarmi, Presidente;
· Ing. Galliano Di Marco e dott.ssa Ester Sala, Consiglieri
Nel corso della seduta sono stati nominati i componenti del nuovo Collegio Sindacale della Società: dott. Alessandro Fiore, Presidente, dott. Felice Morisco, dott.ssa Giulia Pusterla.
L’Assemblea dei Soci ha ringraziato il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale uscenti.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il laser al triborato di litio per l’ipertrofia prostatica benigna

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

taorminaTaormina dal 28 al 30 maggio 2015 a Taormina la Sicilia in prima linea con Greenlight, il laser al triborato di litio, l’unico che per la prima volta guarisce, in anestesia spinale e con dimissione in 24 ore, l’ipertrofia prostatica benigna, un disturbo che colpisce l’80% degli italiani over-50, proteggendone il cuore e l’amore.”L’innovativa metodica”, spiega il professor Giuseppe Morgia, Direttore della Clinica Urologica dell’Università di Catania, Presidio Ospedaliero Policlinico Vittorio Emanuele, “già in uso nel nostro Centro a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale vanta una casistica di oltre 3 mila interventi effettuati con successo e in tutta sicurezza anche in pazienti affetti da malattie cardiovascolari, della coagulazione del sangue e i portatori di stent endocoronarici in terapia con farmaci anticoagulanti e/o antiaggreganti, che non sono più costretti a sospenderli, come avviene con la chirurgia tradizionale. In futuro l’intervento laser si potrà effettuare in ambulatorio e per ora ha già abbattuto le liste di attesa”.
Con il laser al triborato di litio o laser verde, l’Unità urologica del policlinico di Catania , già nota per l’impiego di avanzate tecniche di chirurgia mininvasiva, è tra i centri di riferimento in Sicilia per la cura dell’ipertrofia prostatica benigna (IPB), un problema sociosanitario destinato a crescere con l’incremento della popolazione maschile in età a rischio. Dice Morgia : “Sono sovente i malati stessi che chiedono il laser perché hanno ascoltato l’esperienza di pazienti già operati con piena soddisfazione. “.
LA MALATTIA PIÙ DIFFUSA TRA GLI UOMINI “L’ipertrofia prostatica benigna, IPB, è l’ingrossamento della prostata”, spiega il professor Morgia, “è la malattia urologica più diffusa negli uomini destinata ad aumentare sempre di più a causa dell’invecchiamento della popolazione, tanto che in Italia si pone ai primi posti per diagnosi effettuate ogni anno, seconda solo all’ipertensione arteriosa. L’IPB incide pesantemente sulla qualità di vita, con sintomi che vanno dalla difficoltà a urinare, all’insopprimibile urgenza con frequenza minzionale anche notturna, così da disturbare pesantemente il sonno di chi ne è vittima. Infine, nei casi più seri, porta alla completa ritenzione urinaria e richiede l’urgente ricorso al catetere per lo svuotamento della vescica. L’IPB determina anche disfunzioni sessuali, impotenza e problemi di eiaculazione”. Quando la prostata si ingrossa, ostacolando e ostruendo il passaggio dell’urina e i farmaci non sono più sufficienti è allora necessario asportare chirurgicamente il tessuto in eccesso.
UNA LUCE AL POSTO DEL BISTURI E L’IPERTROFIA EVAPORA – “La nuova metodica Greenlight, messa a punto negli Stati Uniti, sfrutta l’azione di un potente laser al tribolato di litio ad alta energia (180 W) con una lunghezza d’onda di 532 nm, che vaporizza con precisione millimetrica solo l’eccesso di tessuto prostatico, trasformandolo in vapore. L’intervento mininvasivo si effettua per via endoscopica in anestesia spinale. La fibra laser, introdotta dal pene nell’uretra attraverso un sottile cistoscopio, vaporizza con estrema precisione l’area interessata senza provocare sanguinamento. La maggior parte dei pazienti torna a casa dopo una notte di ricovero e riprende le normali attività nel giro di pochi giorni. Il laser verde non causa emorragie in quanto determina una coagulazione immediata dei tessuti, non causa incontinenza urinaria, impotenza ed evita le recidive”.
PROBLEMA RISOLTO IN UN GIORNO Greenlight è l’unica metodica che per la prima volta risolve il disturbo in un solo giorno con dimissioni in 24 ore. La maggior parte dei pazienti torna a casa dopo una notte di ricovero e riprendere le normali attività nel giro di una settimana. Il decorso post-operatorio è migliore rispetto alla Turp, la resezione endoscopica della prostata, l’intervento più eseguito finora ma che può causare complicanze. Greenlight grazie all’assenza di perdite ematiche riduce dal 26% al 3% il ricorso a trasfusioni. Si ha immediata risoluzione dei sintomi, la ripresa immediata della minzione, il ricorso al catetere per meno di 12 ore – contro le 72 della Turp -, degenza di una sola notte (con evidente risparmio di posti letto e quindi di costi per il Servizio Sanitario) e ripresa della normale attività nel giro di pochi giorni. Secondo recenti dati del Ministero della Salute, la degenza media con tecniche standard va da 4,9 a 7,4 giorni mentre con il laser va da 2,1 a 3,3 giorni. La maggior parte degli uomini operati con laser riprende la vita normale in breve tempo tornando anche prima al lavoro con un risparmio del 50% delle giornate lavorative perse per interventi alla prostata.
L’UNICO LASER CHE PRESERVA IL CUORE Precisa il professor Morgia “Rispetto alla Turp, l’intervento chirurgico più impiegato negli ultimi 50 anni, che può causare emorragie e richiedere trasfusioni, Greenlight, grazie all’istantanea coagulazione dei vasi che evita sanguinamento, è l’unico laser che ci consente di operare in assoluta sicurezza anche pazienti ad alto rischio come quelli con malattie cardiovascolari, della coagulazione e i portatori di stent endocoronarici che non sono più costretti a sospendere la terapia anticoagulante e/o antiaggregante (come invece avviene per gli interventi chirurgici tradizionali, Turp compresa e gli altri laser ). Il laser verde è anche indicato nei pazienti con pacemaker, perché evita il ricorso all’elettrobisturi, generatore di quelle onde elettriche che possono interferire con la stimolazione dei pacemaker cardiaci”.
IL SESSO E’ SALVO “Nessun paziente sessualmente attivo ha sviluppato impotenza dopo l’intervento con Greenlight: il laser infatti non causa danni ai nervi dell’erezione, quelli che si trovano a ridosso della prostata, non causa incontinenza ed evita recidive, a conferma che la metodica offre reale e definitiva soluzione per l’IPB”. Il nuovo laser che rimuove il tessuto vaporizzandolo evita il ricorso alla frantumazione delle aree trattate, al fine di poterne estrarre i frammenti attraverso il canale uretrale, con possibili rischi correlati.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Neuro-oncologia: cure di supporto

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

cure supportoSiglato l’accordo per il Progetto pilota tra l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e la ASL RM C. Ha l’obiettivo di integrare e offrire, alle persone affette da neoplasia cerebrale residenti nel bacino di utenza della ASL RM C e alle loro famiglie, un percorso per il miglioramento della qualità delle cure di supporto e palliative, la riduzione dei ricoveri ospedalieri e degli accessi al Pronto Soccorso inappropriati e la facilitazione della permanenza al proprio domicilio anche in situazioni di alta intensità assistenziale.Marta Branca, Commissario Straordinario IFO e Carlo Saitto, Direttore Generale della ASL RMC hanno firmato l’accordo in occasione del convegno in corso all’Istituto Regina Elena, dal titolo “Continuità assistenziale in Neuro-Oncologia e Onco-Ematologia: Esperienze nella regione Lazio”.
L’iniziativa è promossa da Andrea Pace, Responsabile della Neurologia IRE.
Hanno aperto i lavori, Ruggero De Maria, Direttore Scientifico IRE e Monsignor Lorenzo Leuzzi, Direttore della Pastorale Universitaria e Sanitaria. L’incontro si colloca tra le iniziative per la Giornata del Sollievo promosse dalla Fondazione “G. Ghirotti”.Il Regina Elena con il supporto della Regione Lazio ha messo a punto un modello assistenziale con un progetto attivo dal 2000 che ha consentito di seguire circa 1000 pazienti.I tumori cerebrali rappresentano una patologia di particolare gravità sia per la breve aspettativa di vita che per l’elevata intensità assistenziale. Il modello promuove la continuità delle cure ospedale/territorio attraverso l’integrazione dei diversi ambiti assistenziali e la sinergia con i Distretti Sanitari delle ASL, per fornire tempestive risposte coordinate e organizzate ai bisogni complessi dei malati affetti da tumore cerebrale e dei loro familiari.La ASL RM C ha un bacino di utenza di 566.172 residenti e si può stimare che l’incidenza di neoplasie cerebrali primitive (8/100.000 abitanti) sia di 44 nuovi casi/anno e i casi da seguire tra nuovi e non, sia di 160 casi/anno.
“Le cure domiciliari – specifica Andrea Pace – rappresentano la sfida della medicina dei prossimi decenni, perché anche fuori dagli ospedali i malati possano ricevere le cure migliori, nel luogo più razionale, a loro più gradito, oltre che al costo più appropriato.”
Durante l’incontro sono state riportate le maggiori esperienze di cure domiciliari nella regione Lazio e discussi i principalicure supporto1 aspetti assistenziali e organizzativi di modelli sanitari innovativi.Marta Branca ha voluto sottolineare : “Consapevole dell’importanza della sinergia tra i nostri centri di ricerca ed il territorio per rispondere al meglio a patologie gravi, sono lieta che questa iniziativa di presa in carico sia in sintonia con il tema del prossimo Giubileo, la Misericordia”.
Monsignor Lorenzo Leuzzi, direttore della pastorale universitaria e sanitaria ha ringraziato gli Istituti per tutto quello che fanno verso le persone sofferenti ed ha esortato a lavorare perché “la misericordia assistenziale diventi sempre più fermamente misericordia progettuale in modo che la grandezza dell’uomo e la sua dignità non siano mai sminuite dalla sofferenza.”
“L’integrazione tra i livelli di assistenza sanitaria e tra dimensione sanitaria e sociale – conclude Carlo Saitto, Direttore Generale dell’ASL Roma C – non è semplicemente il fine di un progetto, ma lo sviluppo di un nuovo modello di gestione per il servizio sanitario che coniughi centralità della persona, qualità delle cure e uso ottimale delle risorse.”
L’Istituto Regina Elena mette a disposizione del progetto:
Equipe Neuro-oncologica di assistenza domiciliare costituita da varie figure specialistiche:
Una centrale di ascolto telefonico dedicato ai pazienti;
Servizio di reperibilità nelle ore notturne e nei giorni festivi.
Servizio di Teleconsulenza neuro-oncologica attraverso un portale web (www.portaleneuroncologia.it)
Collaborazione alla formazione delle diverse figure professionali coinvolte nell’assistenza domiciliare (MMG, specialisti e personale infermieristico del distretto, terapisti della riabilitazione) sui temi dell’assistenza domiciliare e delle cure palliative neuro-oncologiche attraverso incontri e seminari periodici.
L’Azienda Sanitaria Locale Roma C mette a disposizione del progetto:
1) Infermieri, terapisti della riabilitazione, medici specialisti afferenti ai distretti in misura proporzionale alle esigenze richieste dai Piani Assistenziali Individuali concordati con la equipe neuro-oncologica IRE.
2) Fornitura, mediante percorsi assistenziali dedicati, di prestazioni specialistiche e diagnostiche non altrimenti grarantite dalla equipe neuro-oncologica IRE.
3) Fornitura delle protesi e degli ausili necessari alla domiciliazione del paziente in relazione ai bisogni rilevati e secondo le disposizioni di legge
4) Attivazione e fornitura nei casi necessari di Nutrizione Artificiale a Domicilio (sia enterale che parenterale)
5) Pronta attivazione delle cure palliative in Hospice nel caso di pazienti in cui la fase terminale non sia gestibile a domicilio. (foto: cure supporto)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »