Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 30 Mag 2015

Miami Properties Featured at Beijing Luxury Property Show

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

The MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI), the nation’s largest local Realtor association with 35,000 members, promoted South Florida real estate to Asian luxury buyers at China’s leading property showcase last month. MIAMI participated in the ninth annual Luxury Property Show Beijing show from April 24-26 at the prestigious Legendale Hotel Beijing.Teresa King Kinney, chief executive officer of MIAMI, presented information on the Miami and South Florida real estate market to event attendees.More than 5,200 affluent real estate buyers and investors from Beijing and Northern China attended the invitation-only event. The 2015 LPS Beijing show featured an impressive collection of some of the world’s most exclusive and coveted luxury properties around the globe, with more than 35 participating countries.
Miami was one of 220 global cities showcased at the show. China is one of the fastest growing segments of South Florida foreign buyers, and the Asian country’s interest should only increase due to Miami’s world-famous lifestyle, leading education institutions, expansive designer shopping, strong economy, great weather, clean air, walkable districts, and secure investments.
“The presence of Chinese buyers in South Florida is definitely growing,” said 2015 MIAMI Residential President Christopher Zoller, who participated in the showcase. “South Florida has long led the nation in international real estate sales, and we feel very strongly that China, the world’s most populated country, will only increase Miami real estate sales to foreign buyers.”In addition to Christopher Zoller, EWM Realty International, the following MIAMI members participated with the MIAMI Association in LPS Beijing 2015: Indra and Haimnath Ragbir, The Keyes Company; Oscar Teran of Avanti Way; Edward Cruz & Keoloha of The Agency Luxe, Inc.; Jesse Pan of Coldwell Banker; and John Milakovic.MIAMI has facilitated several events to help its members better advertise their properties in China. In 2013, MIAMI made a market-presentation in San Francisco to a group of 100 top Chinese brokers with SouFun, which operates one of the leading real estate Internet portals in China. MIAMI also hosted a dinner last fall in Miami for the Chairman of the Chinese Real Estate Association and their delegates.‎ MIAMI members also have special pricing for their properties on SouFun, now Fang.com.
China is one of the fastest growing segments of South Florida international buyers, according to a recent survey conducted by the National Association of Realtors (NAR) for MIAMI. Chinese buyers represented 2 percent of all international closed sales in Miami-Dade and Broward Counties in 2014. That’s a 50 percent increase from 2012 and 2011 when China comprised 1 percent of transactions.About 81 percent of foreign clients paid all cash for South Florida properties, compared to 60 percent of international buyers purchasing homes elsewhere in the U.S., the MIAMI survey showed. MIAMI’s international clients spend a mean purchase price of $444,000 on properties, which is significantly higher than the mean purchase price $245,500 nationally.
miamiMiami is in position to increase its Chinese international investments. PortMiami, the top-ranked container cargo port in Florida with 900,000 TEUs handled each year, is in the process of deepening its channel from its current 42-foot depth to 50-52. When the $2 billion deep dredge project is completed in 2015, PortMiami will be the only U.S. port south of Norfolk, Va. that can accommodate the new, mega cargo vessels that will pass through the expanded Panama Canal. PortMiami hopes to become a transshipment hub for manufactured goods coming from East Asia.
An affiliate of China Communications Construction Company U.S. International made headlines in December when it bought a 2.4-acre Brickell site for $74.7 million. It marked the Chinese firm’s first major Miami purchase. American Da Tang Group Co. Ltd. in New York is working with CCCC as the Chinese firm’s U.S. representative on the project.While CCCC hasn’t announced plans for the Brickell site, it sits near a development being built by Swire Properties Inc., the U.S. real estate arm of the Hong Kong-based firm Swire Properties Ltd. Swire U.S. is currently building Brickell City Centre, a $1.05 billion mixed-use development.Other planned Miami projects are also recruiting Chinese investors. SkyRise Miami tower developer Jeffrey Berkowitz is looking to raise money for his project from foreign investors seeking permanent residency in the U.S. through the EB-5 visa program. SkyRise Miami is a proposed 1,000-foot high steel and glass structure that Berkowitz has called Miami’s version of the Eiffel Tower. Once completed, SkyRise Miami will be the largest observation tower in the U.S.Passed by Congress in 1990 to encourage foreign investments in the U.S., the EB-5 program grants permanent U.S. residency to investors (as well as their immediate family members) who create at least 10 domestic jobs and contribute at least $500,000 to $1 million in a U.S. business venture. About 8,000 people from China received EB-5 visas in 2014. No other country had more than 200 applicants.
The MIAMI Association of REALTORS was chartered by the National Association of Realtors in 1920 and is celebrating 95 years of service to Realtors, the buying and selling public, and the communities in South Florida.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contraccezione: Necessaria una corretta informazione

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

Contraccezione“Drospirenone, desogestrel, gestodene o ciproterone non sono progestinici di nuova generazione: ormai esistono contraccettivi ormonali orali “naturali, a base di estradiolo, che secondo studi in vitro, abbatterebbero considerevolmente il rischio di Tromboembolismo Venoso Profondo (Tev).”. Commenta così il professor Annibale Volpe, past president della Società Italiana della Contraccezione (SIC), la notizia di uno studio clinico pubblicato sul British Medical Journal (BMJ) – rimbalzata su quotidiani e web in questi giorni – che ha per focus la correlazione negativa tra aumento di rischio di Tev e assunzione di contraccettivi ormonali di terza generazione. “Si tratta di dati che riprendono studi clinici effettuati qualche anno fa” prosegue lo specialista “e non a caso sia l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), sia l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) hanno già da tempo inviato ai medici un documento in cui è ben evidenziato il rischio di Tev per ciascuno dei diversi progestinici in commercio”.“Occorre inoltre sottolineare” continua il professor Volpe “che le complicanze sono dovute principalmente non tanto alla cosiddetta pillola, ma ad una prescrizione non personalizzata”. E specifica: “Il mercato offre attualmente una grande varietà di scelta e per ogni donna esiste il prodotto adatto da scegliere in concerto con il proprio specialista di fiducia”.“In fase di valutazione del rischio legato alla contraccezione ormonale” conclude il past president della SIC “devono inoltre essere presi in considerazione anche i benefici: un’informazione sensazionalistica non aiuta ad allinearci con gli altri Paesi europei e mantiene l’Italia tra i fanalini di coda con una percentuale di utilizzo simile a quella del Botswana, della Tunisia e dell’Iraq”. Conclude: “La contraccezione ormonale ha effetti molto positivi sulla salute della donna, oltre a evitare gravidanze indesiderate anche tra le giovanissime. Ma troppo spesso finiscono in secondo piano, e ci si dimentica che secondo recenti studi la pillola sarebbe in grado di evitare 45 tumori ogni 10mila donne e che apporterebbe molti altri benefici, tra cui, uno su tutti, la protezione da gravidanze indesiderate”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Certification Day”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

bariBari il 4 giugno, a partire dalle 11, la camera di Commercio di Bari ospiterà il Certification Day, in webconference con le camere di commercio di Arezzo, Avellino, Ferrara, Genova, Monza-Brianza, Ragusa e Salerno. L’ente barese è difatti fra i soggetti sperimentatori di un nuovo servizio del sistema camerale nazionale, molto utile per imprese e lavoratori.
L’iniziativa è finalizzata ad illustrarne i profili applicativi, che porteranno nell’immediato futuro al rilascio presso gli sportelli delle camere di commercio della certificazione dei contratti di lavoro emessa dalla Commissione di Universitas Mercatorum, organo abilitato alla certificazione.”E’ un compito che rientra nella logica delle funzioni di regolazione di mercato degli enti camerali. Non faremo altro che valorizzare e implementare le esperienze già maturate in materia di legalità e mediazione, nel cui ambito di attività si inserisce il tema della certificazione. Ancora una volta mettiamo a disposizione professionalità e know how già in possesso dei nostri enti, in un tema importante quale quello del lavoro”, commenta il presidente della Camera di Commercio di Bari, Alessandro Ambrosi.Il Certitification Day del 4 giugno si presenta quindi come interessante momento di informazione per tutte le associazioni di categoria e sindacali, oltre che per gli ordini professionali, per conoscere questa novità in materia di mercato del lavoro.La certificazione dei contratti di lavoro è l’istituto giuridico introdotto dalla Riforma Biagi, con l’obiettivo di munire il contratto di lavoro certificato di una sorta di presunzione di legittimità e/o di conformità ai modelli legali suscettibile di prova contraria in sede giudiziale. Nel Libro Bianco sul mercato del lavoro essa viene definita quale procedura di validazione anticipata.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

3 giugno: premiazione della finale regionale dei Giochi della Chimica 2015

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

bakuParma Mercoledì 3 giugno, alle ore 16, nell’Aula Magna del Dipartimento di Chimica (Campus Universitario di via Langhirano), si svolgerà la premiazione della fase regionale dei Giochi della Chimica, organizzati dalla Società Chimica Italiana, manifestazione nazionale patrocinata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e valida per la selezione della rappresentativa italiana alla XLVI Olimpiade Internazionale della Chimica (Baku, Azerbaijan, 20-29 luglio 2015). Verranno premiati i primi tre classificati delle rispettive categorie:
Categoria A: studenti del primo biennio
Categoria B: studenti del secondo triennio degli istituti “non specializzati in chimica”
Categoria C: studenti del secondo triennio degli istituti ad indirizzo chimico.
I premiati provengono dalle scuole secondarie superiori delle province di Forlì-Cesena, Piacenza, Parma e Reggio Emilia. Alla manifestazione presenzieranno il presidente della sezione Emilia-Romagna della Società Chimica Italiana, prof. Claudio Mucchino, e il direttore del Dipartimento di Chimica, prof.ssa Maria Careri. I premi, offerti dalla Società Chimica Italiana, consisteranno in coppe e medaglie oltre a un tablet per i primi classificati di ogni categoria, cuffie WiFi per i secondi classificati e un Hard disk portatile per i terzi classificati.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un ponte per Teheran

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

teheranFORANO (Rieti) – Piazza Mazzini snc A circa 50km da Roma, Terni e Viterbo dal 4 giugno 2015. Il Centro di Ricerca e Sperimentazione Metaculturale, ente accreditato alla Regione Lazio per la formazione e l’orientamento professionali, presenta un corso gratuito per le aziende agricole della Regione Lazio, al fine di coadiuvare la creazione di rapporti commerciali con l’Iran. Il corso è infatti suddiviso in due moduli, uno sulla lingua persiana (farsi) e il secondo più incentrato sulla cultura commerciale iraniana in tempo di sanzioni internazionali.
Perchè l’Iran? L’Iran è uno dei principali partner economici dell’Italia, secondo solo ad alcuni paesi europei. Secondo i dati ripostati sul sito del Ministero dell’Interno, infatti l’Iran è il 17° paese da cui l’Italia importa l’1,3% dei prodotti totali. Inoltre, secondo l’Istituto Nazionale per il Commercio Estero Italian Embassy – Trade and Promotion Section l’Italia è il secondo partner europeo dell’Iran, dopo la Germania.
Un ulteriore segnale dell’importanza degli scambi commerciali tra l’Italia e l’Iran è la presenza nel nostro paese di C.I.C.E. (Centro Italo Iraniano di Cooperazione Culturale e Economica) e di CCII (Camera di Commercio e Industria Italo Iraniana) che rappresentano un punto di incontro tra gli interessi dei mercati dei due paesi.
Conoscendo la difficoltà ed il timore di avvicinarsi ad una cultura apparentemente così diversa, questi due corsi vogliono abbattere, per quanto possibile, le barriere che molte aziende italiane hanno a causa della differenza linguistica e culturale. In questo modo, le singole aziende saranno in grado di avere al proprio interno un facilitatore che possa fungere da ponte linguistico e culturale per le aziende stesse.
Il primo modulo del corso sarà concentrato nell’apprendimento base della lingua persiana (farsi) con particolare attenzione all’area tematica del commercio e del marketing. Al termine del corso i corsisti saranno in grado di presentare la propria azienda ed i propri prodotti in lingua persiana.Il corso avrà una capacità di 10-15 corsisti ed una durata di 80 h, divise in 3 ore ad incontro per tre giorni a settimana dal 4 giugno 2015 al 17 luglio 2015.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telefonate commerciali aggressive

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

telefoni-fissiAdiconsum chiede a Governo e MISE nuove regole per una vera tutela per i consumatori La normativa sul telemarketing che istituisce il Registro delle Opposizioni in regime di OPT-OUT non funziona.I consumatori continuano ad essere bersaglio di telefonate e la disciplina del 2010, già all’epoca criticata in quanto varata senza neanche una consultazione con le Associazioni Consumatori, di fatto favorisce il telemarketing a danno dei consumatori. Il regime di OPT-OUT di fatto comporta il diritto delle aziende di chiamare al telefono qualsiasi numero. Spetta ai cittadini che non vogliono essere chiamati attivarsi, comunicando il diniego e iscrivendosi nel registro. I dati parlano chiaro – afferma Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – Dopo 5 anni, solo i 1.379.730 numerazioni sono presenti nel Registro. Questo grazie alla poca informazione ma, soprattutto, grazie ad un sistema complesso che pone oneri a carico del consumatore. Da subito abbiamo denunciato le insufficienze dell’impianto legislativo, ma più volte abbiamo chiesto di attuare correttivi ad un sistema che, di fatto, assicura un’attenzione verso le aziende superiore a quella verso i consumatori.Il numero delle segnalazioni e delle lamentele dei consumatori che arrivano alle nostre sedi elevatissime – continua Giordano – Si tratta di segnalazioni che arrivano da consumatori tanto stressati quanto impotenti di fronte alle continue e sempre più numerose chiamate che, giornalmente ed a tutte le ore, ricevono.Il sistema OPT-OUT inoltre – prosegue Giordano – non tutela neanche i consumatori i cui numeri non compaiono negli elenchi telefonici pubblici e che non dovrebbero in teoria neanche essere chiamati, mentre nella realtà lo sono. Anche il Codice di autoregolamentazione voluto dalle aziende (ASSTEL) è inutile. Le telefonate, ad esempio, arrivano anche nei festivi o dopo le 21.30 e sempre più spesso le aziende affidano il proprio telemarketing a call center situati fuori dal territorio nazionale o dall’Europa per evitare più possibili vincoli imposti dalla legislazione.
È necessario prevedere una modifica complessiva del sistema. Adiconsum chiede che il Governo e il Ministro dello Sviluppo Economico rivedano con urgenza la legge assieme alle Associazioni dei Consumatori e con il coinvolgimento di Agcom e del Garante Privacy, prevedendo:
· tutele più forti per i consumatori
· sistemi di autoregolamentazioni verificabili e soggetti a controlli attraverso un monitoraggio attento che coinvolga le Associazioni dei Consumatori interventi condivisi con il garante Privacy per porre fine alle continue chiamate e disciplinare i profili relativi al codice privacy.La nuova disciplina dovrà essere improntata al regime di OPT-IN, a salvaguardia di un reale diritto di scelta del consumatore, in un sistema trasparente che tuteli anche la concorrenza e valorizzi le aziende corrette.Così facendo, infatti, tutte le aziende sono sullo stesso piano, potendo chiamare solo le numerazioni dei consumatori che ne fanno richiesta e che risultano inseriti in un apposito Registro.Basta concorrenza senza regole in danno dei consumatori – conclude Giordano – È necessario operare insieme, imprese-Associazioni dei Consumatori, per proporre al Governo modifiche del DPR 178/2010 capaci di assicurare una crescita sana dell’economia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »