Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 12 luglio 2015

Speech at the Euro Summit by Martin Schulz, President of the European Parliament

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

Martin-schulzTonight’s decisions will determine the future of Europe and affect the lives of millions of people. None of us ever wanted to arrive at this point. Yet here we are.
When you Prime Minster Alexis Tsipras came to the European Parliament last Wednesday and joined us for a public debate in the plenary no one could have imagined such a dramatic escalation in only a couple of days. It is high-time we all calm down, not get absorbed by every small detail, but keep a cool head and focus on the big picture.This big picture emerged during Wednesday’s truly pan-European debate on an issue which concerns all Europeans; a debate which reflected the feelings and thoughts of Europeans from 28 countries and different political affiliations. At times the tension was tangible; emotions ran high; the debate heated up.
Yet, one thing became clear from the debate: a strong majority in the European Parliament is determined to keep Greece in the Euro-zone. But they want to see a clear commitment from Greece to remain in the Euro-zone, too. Members vowed to reject and oppose a Grexit. Because Europe would not be Europe without Greece and Greece’s place is at the heart of Europe. A Grexit would be a lose-lose situation for all, with unpredictable, possibly catastrophic consequences.
There is no doubt that it must all start from Greece. Greece must be the first to help itself. Otherwise, any solution will not be sustainable. If Greece delivers, it is clear, as was evidenced in the European Parliament, that there is an outstretched hand from your friends to help.Our economies and future are closely tied together and therefore a European solution is called for. A European solution is about reaching a compromise, one in which the different expectations of all parties are met. Europe is not a sum of national views or one opinion being imposed on others. Today is a day like no other day for such compromise. The stakes could not be higher. As President Tusk said during the plenary debate on Wednesday, this is the last wake-up call for Greece, and the last chance for all.At this decisive moment for our union, I appeal to all of you in the name of the European Parliament to put aside past frustrations and irritations, possibly even mistrust, to re-build the confidence lost, and to demonstrate the political will to find a solution together and to find it quickly.And to you Prime Minister Tsipras I make the following appeal: Negotiate with a true European spirit, ready to understand the other side, and ready to believe that the reforms being requested of Greece are for Greece’s own good. To all of you, your attitudes in the next few hours could be determining the Europe of tomorrow. Keep this in mind.
I know that everyone wants to come to a solution quickly. Our joint future is at stake. I urge all of you to act with responsibility and solidarity. This is not a time for divisions. It’s time for unity.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Financing for development meeting in Addis Ababa crucial for future

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

caritasCaritas Internationalis says world leaders must show the ambition needed to lift millions of people out of poverty at a key aid summit.The Financing for Development Conference begins 13 July in Addis Ababa. It will determine the level of financial commitment to combat poverty and inequality over the next 15 years.It’s the first of three important meetings in 2015. It will be followed by the adoption of the Post–2015 Development Agenda (SDGs) in New York in September and a UN climate change meeting in Paris in December.Caritas Internationalis President Cardinal Luis Antonio Tagle said, “Governments must commit to financing the development of poor countries. Fair and inclusive international rules are needed that enable equitable allocation of resources and prevent the harmful activities of the private sector.“Failure in Addis Ababa risks harming the international community’s political will ahead of the other key deadlines in 2015. Governments must go beyond national selfishness and short-term interests. We need an agreement respecting the dignity and participation of all that does not endanger the discussions on sustainable development and climate change.”In the preparatory documents for the Addis meeting, the gap is currently huge between the objectives aimed at (a transformative agenda, a changed economic and social model) and the solutions proposed (increased room for large companies, international rules defined by the most powerful countries).On the one hand, the rich countries want to appeal to the private sector on a massive scale to finance this agenda via incentives. Bowing to the private sector however risks creating an economy dominated by finance with appalling consequences for countries where banking regulations are still fragile.But they also want to restrict decision-making to spaces they themselves control rather than more inclusive spaces like the UN. The push to merge the financing for development with the wider Post-2015 Development Agenda means it will gradually disappear to the benefit of not very inclusive G20, the OECD and the IMF and the World Bank.Caritas Internationalis will be present in Addis Ababa through Graham Gordon of CAFOD (Caritas England and Wales), Grégoire Niaudet of Secours Catholique (Caritas France), and Zan Akologo Caritas Ghana.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Il precariato continua

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

stefania gianniniIl ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, sollecitata sulle particolarità del piano di immissioni in ruolo ha detto “che per alcune classi di concorso, come matematica e fisica, continueranno ad esserci supplenze fino al 2017”. E anche il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, non ha potuto fare a meno di dire che le “supplenze brevi e lunghe scompariranno nel giro di due anni”. E pure l’on. Mara “Carocci (PD), nell’ultimo intervento alla Camera, ha affermato che l’eliminazione delle supplenze non è tra gli obiettivi della maggioranza”.Il paradosso è che ci sono decine e decine di migliaia di precari abilitati e pronti ad essere assunti: per il Governo italiano, invece presto non potranno più insegnare, solo perché hanno avuto più di tre contratti su posto vacante. E con la riforma il quadro si complica, perché arriverà pure l’organico “fantasma”. Marcello Pacifico (Anief-Confedir-Cisal): per risolvere una volta per tutte il problema del precariato, sarebbe bastato che il Governo avesse ripristinato posti e finanziamenti per i supplenti tagliati dalla riforma Gelmini in poi. Ristabilendo, di conseguenza, gli organici del 2008. Con quei soldi si sarebbero potuti assumere proprio quegli 80mila docenti abilitati, che ora invece dovranno appellarsi al giudice per vedersi riconoscere un loro diritto che solo in Italia continua ad essere negato ad oltranza.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più risorse per gestire l’accoglienza dei migranti

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

mediterraneoMentre dal Mediterraneo sempre più migranti arrivano nell’UE, il Comitato europeo delle regioni (CdR) sottolinea il ruolo cruciale degli enti regionali e locali nel processo di integrazione ed esorta tutti gli Stati membri a mettere a loro disposizione più risorse. Nella risoluzione adottata mercoledì scorso col voto favorevole di quattro dei suoi cinque gruppi politici, il CdR invoca inoltre una maggiore solidarietà tra gli Stati membri per garantire una ricollocazione equa dei migranti in tutta l’UE.In risposta ai piani attuali dell’Unione in materia migratoria, il CdR – l’assemblea degli enti locali e regionali dell’Unione europea – ha adottato una risoluzione che si iscrive nel suo contributo alla creazione di un approccio “sostenibile” dell’UE alla migrazione. Nella risoluzione si sottolinea il ruolo di primo piano svolto al riguardo dalle regioni e dalle città, molte delle quali costituiscono un punto di ingresso o di transito per i migranti, e si pone l’accento sul fatto che gli enti territoriali non dispongono di risorse sufficienti per far fronte a questo problema. Inoltre, si fa notare che le regioni in questione stanno affrontando una crisi migratoria che interessa tutta l’Europa e non soltanto il Mediterraneo. Il CdR esorta pertanto tutti gli Stati membri dell’UE a rendere disponibili maggiori risorse per le regioni che ospitano un numero maggiore di migranti. E invita a cooperare maggiormente con le regioni nell’attuazione del meccanismo di ricollocazione di emergenza che è stato proposto dalla Commissione europea.Il meccanismo riguarda i cittadini siriani ed eritrei bisognosi di protezione internazionale che arrivano in Italia o in Grecia, e mira a ricollocare in tutto 40 000 persone provenienti da questi paesi in altri Stati membri dell’UE nei prossimi due anni. Il CdR sottolinea che le politiche di ricollocazione e reinsediamento dovrebbero coinvolgere tutti i paesi europei, tenendo conto di criteri specifici. Solo il gruppo dei conservatori e riformisti europei (ECR) ha espresso il suo disaccordo con la posizione del CdR in materia di gestione dei migranti nell’Unione europea. Il CdR rivolge inoltre un appello congiunto alla solidarietà degli Stati membri, esortandoli ad accogliere, ricollocare e reinsediare i migranti che arrivano sulle coste mediterranee.Il CdR sottolinea poi che la cooperazione con i governi stabili dei paesi nordafricani contribuirebbe a ridurre le partenze di migranti dalle loro coste. E invoca pertanto un’assegnazione “cruciale” di fondi agli Stati membri che si affacciano sul Mediterraneo. Inoltre, il CdR è favorevole alla revisione tempestiva del cosiddetto regolamento di Dublino, che mira a individuare lo Stato competente per l’esame di una domanda d’asilo, ma che nei fatti si è rivelato “impraticabile”. E sottolinea che le procedure di asilo devono essere abbreviate, dato che ciò rafforzerebbe la fiducia dei cittadini nei sistemi di asilo europei.Inoltre, gli enti regionali e locali plaudono all’approvazione, da parte del Parlamento europeo, di un aumento di 69,6 milioni di euro della dotazione di bilancio per le operazioni Triton e Poseidon (condotte dall’UE rispettivamente in Italia e in Grecia): una triplicazione di capacità, questa, che ha lo scopo di prevenire la perdita di altre vite umane nel Mediterraneo. E, considerata l’efficacia finora dimostrata da entrambe queste operazioni, auspicano che gli Stati membri assegnino e sblocchino al più presto anche risorse aggiuntive.Gli enti regionali e locali sottolineano altresì l’importanza che l’UE avvii collaborazioni con paesi terzi per aiutarli a gestire al loro interno i flussi migratori e rafforzare la loro capacità di salvare le vite dei migranti in pericolo, Ed esortano quindi gli Stati membri a destinare almeno lo 0,7 % del loro PIL alla cooperazione allo sviluppo e a sostenere in particolare la cooperazione decentrata.Sempre in quest’ottica, il CdR reputa importante offrire ai cittadini di paesi terzi la possibilità di recarsi in Europa per motivi di lavoro o di studio, ragion per cui sottolinea l’importanza di approfondire la cooperazione con questi paesi e di fornire informazioni sulle opportunità di migrazione legale in Europa.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pubblicato su Journal of Neuroscience uno studio che riproduce nel modello sperimentale di sclerosi multipla la plasticità corticale osservata nei pazienti

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

Fin dai primi anni 2000, la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI) ha dimostrato come il cervello di pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) per assolvere alle funzioni motorie, cognitive e sensoriali compromesse dalla patologia sia in grado di reclutare aree corticali supplementari e definire connessioni alternative. Questo fenomeno, noto come plasticità o riorganizzazione cerebrale, è stato ampiamente studiato ed è considerato uno dei meccanismi compensatori innescati per limitare o ritardare i danni funzionali e irreversibili che colpiscono i pazienti con SM. Le basi molecolari e cellulari di questo fenomeno non sono state del tutto chiarite, come ancora non sono state esaminate in profondità le possibili interazioni fra riorganizzazione corticale e terapie.
In un articolo recentemente pubblicato su Journal of Neuroscience, un pool multidisciplinare di ricercatori delle Università di Verona, Cambridge (UK) e Milano-Bicocca, ha usato la risonanza magnetica funzionale e morfologica, in combinazione con indagini istologiche post-mortem, per studiare le caratteristiche del rimodellamento corticale in animali da laboratorio affetti da EAS durante l’evoluzione della malattia, dai primi segni clinici fino alla cronicizzazione dei sintomi. sclerosi_multiplaNegli animali affetti da EAS, il reclutamento di aree cerebrali silenti negli animali sani è accompagnato, oltre che da sensibili variazioni volumetriche della materia bianca e grigia, anche da un persistente stato infiammatorio e da segni di patologia a livello delle sinapsi. Questi dati sono in accordo con quanto riportato dalla letteratura scientifica clinica nell’uomo e qualificano il modello sperimentale come una robusta piattaforma di studio non solo per l’analisi dei meccanismi fisiopatologici alla base della sintomatologia, ma anche per ma anche per lo sviluppo di strategie terapeutiche innovative nel trattamento della SM progressiva.
Lo studio è stato finanziato dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla (FISM), l’European Research Council (ERC), the National Institute for Health Research (NIHR), the Wellcome Trust, The Evelyn Trust, The Bascule Charitable Trust and the European lo sviluppo di strategie terapeutiche innovative nel trattamento della SM progressiva.Community (EC) 7th Framework Program.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Women for Expo

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

Expo-2015In Italia, 1 impresa su 3 è a gestione femminile e il 40% degli occupati nell’agricoltura sono donne. Nei Paesi in Via di Sviluppo le donne rappresentano il 43% della forza lavoro impiegata nell’agricoltura; nell’Africa Sub sahariana le donne che hanno accesso alla terra sono in media il 15% ma spendono 16 milioni di ore al giorno per la raccolta di acqua potabile, a fronte delle 6 milioni di ore degli uomini, restando ancora quelle meno tutelate per motivazioni come il principio di ereditarietà delle proprietà ad appannaggio solo maschile. Con il termine empowering viene indicato un processo di crescita di un individuo basato sull’incremento dell’autoefficacia e dell’autodeterminazione per far emergere risorse latenti e valorizzare il suo enorme potenziale a beneficio di tutta la comunità di appartenenza. Ma per promuovere questo processo è necessaria una forte volontà socio-politica e organizzativa, a tutti i livelli. Per questo ActionAid, in occasione del 20° anniversario della 4° Conferenza Mondiale sulle Donne di Pechino, dal 1995 il piano d’azione più avanzato e completo sui diritti delle donne, e del Global Leaders’ meeting on gender Equality and Women’s Empowerment che si terrà a New York il prossimo 26 settembre, ha scelto di promuovere in collaborazione con Women for Expo la doppia tavola rotonda moderata da Monica Maggioni, Direttore di Rainews 24, e Marta Dassù (Women for Expo) “2015: Empowering Women – La corsa per i diritti delle donne da Pechino a New York”, con la partecipazione del Governo Italiano con il Ministro Boschi e il Vice Presidente del Senato Fedeli, Emma Bonino (Presidente Onorario Women for Expo), Diana Bracco (Presidente Expo 2015, Commissario Generale del Padiglione Italiano Expo 2015), Livia Pomodoro (Presidente Milan Center for Food Law and Policy), Claudia Sarrocco (Comitato Scientifico Fondazione Italia in crescita), Cristina Tajani (Assessore alle politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca al Comune di Milano), Akie Abe in qualità di keynote speaker (First Lady del Giappone), Khalida Brohi (Fondatrice e Direttore Sughar Empowerment Society – Pakistan), Kristalina Georgieva (Vicepresidente della Commissione europea e Commissario europeo per il bilancio e le risorse umane), Arancha Gonzalez (Direttore International Trade Centre – Ginevra).Le donne che vivono in aree rurali sono tra quelle che meno hanno beneficiato dei progressi nell’implementazione della piattaforma d’azione di Pechino, per una molteplicità di fattori tra cui il diritto negato di accesso alla terra, che priva loro di altri diritti fondamentali, in primis la sicurezza alimentare, ma anche ad esempio la loro libertà dalla violenza: la Special Rapporteur dell’ONU sulla violenza contro le donne, Rashida Manjoo, ha evidenziato come la possibilità per le donne rurali di proteggersi dalla violenza richiede la realizzazione dei loro diritti socio-economici, in particolare quelli inerenti alla proprietà ed eredità della terra. Inoltre, diversi studi hanno dimostrato come le donne che hanno accesso, proprietà e controllo sicuri della loro terra e di altre asset hanno più possibilità di evitare relazioni che le espongono al rischio di contrarre l’HIV e di gestire meglio le conseguenze dell’AIDS, come dimostrato da una ricerca dell’International Center for Research on Women (ICRW) nello stato del Kerala in India, rilevando come il 49% delle donne senza titoli di proprietà avessero subito violenza fisica contro il 7% delle donne con titoli di proprietà. Altri studi condotti in Kenya occidentale dimostrano che integrare i diritti di proprietà ed eredità delle donne nei programmi di prevenzione dell’HIV riduce effettivamente il rischio di contrarre l’HIV.Negli ultimi decenni l’impegno dei governi è andato verso il riconoscimento a livello normativo del diritto delle donne ad accedere, ereditare e possedere la terra. Persistono però stereotipi di genere e discriminazioni all’origine di pratiche socio-culturali che di fatto sono d’ostacolo all’effettiva implementazione delle leggi. Ad esempio, secondo la FAO, in America Latina l’eredità è il mezzo frequente con cui si trasferisce la proprietà della terra, ma è raro che le figlie abbiano accesso all’eredità, che va in genere a favore dei figli, così come in Asia, dove i diritti di proprietà delle donne vengono riconosciuti dalle famiglie perlopiù solo a livello formale.Diversi passi avanti si sono registrati a livello legislativo, sempre più paesi riconoscono l’uguaglianza di genere all’interno di leggi e nelle proprie costituzioni, ma i progressi sono stati definiti anche dallo stesso Segretario Generale dell’ONU “inaccettabilmente lenti”. Si stima infatti che all’attuale ritmo di avanzamento, ci vorranno almeno 75 anni per raggiungere la parità salariale tra donne e uomini e 81 anni per eliminare il divario di genere nella partecipazione economica. Il 20° anniversario di Pechino nell’anno di Expo è l’occasione ideale per fare il punto sulle sfide rimanenti per l’implementazione della piattaforma, e può rappresentare il punto di partenza per definire gli impegni della prossima agenda per lo sviluppo post 2015, che dovrà assolutamente tener conto dell’agricoltura sostenibile e in particolare del diritto alla terra, della necessità di integrare un prospettiva di genere negli interventi volti allo sviluppo agricolo.“Poiché la prossima agenda per lo sviluppo vorrà far fronte a problematiche globali attraverso l’impegno di tutti i paesi del mondo – sia Nord sia Sud – ActionAid ritiene fondamentale che i governi concretizzino gli impegni attraverso azioni che mirino ad eliminare le disuguaglianze di genere sia all’interno del proprio territorio sia attraverso la cooperazione internazionale” dichiara Orietta Maria Vanelli, Presidente di ActionAid Italia, tra i partecipanti alla tavola rotonda “Perché se questo è vero per problemi come la violenza di genere o per l’iniqua distribuzione della responsabilità del lavoro di cura tra donne e uomini, anche nel settore agricolo si trovano problematiche gravi molto simili”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il paradosso della socialdemocrazia

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

falce e martelloSi possono chiamare anche socialisti e persino comunisti ma in effetti non hanno nulla da spartire con il marxismo e soprattutto con le sue idee guida. La socialdemocrazia è nata nei “salotti buoni” della borghesia lacchè del capitalismo. Oggi forse più di allora si pensa che il virus che si vuole introdurre nel pensiero comunista possa rendere compatibile un rapporto di coesistenza pacifica tra le due correnti di pensiero come se il capitale e il lavoro potessero incamminarsi fraternamente lungo il cammino della vita. L’esempio tipico l’abbiamo in Italia e mi riferisco non solo al suo passato ma all’idea maturata in questi giorni di creare un nuovo soggetto politico di sinistra. Incominciamo con il dire che vi è stata la stagione dei diritti che la classe operaia si è vista riconoscere e che il capitalismo ha concesso sotto l’effetto della paura per via del comunismo abbracciato dall’Urss e dalla sua capacità d’affascinare le masse. Una volta caduto il “sipario” il capitalismo si è ripreso, con gli interessi, tutto quello che aveva elargito e non solo. Si è servito di governi deboli e succubi degli interessi padronali per consolidare le sue posizioni e lo ha fatto, per lo più, servendosi proprio dei movimenti cosiddetti di sinistra. E costoro hanno operato tanto bene, secondo i loro padroni, che non si sono fatti scrupolo di “catturare” parole come “sinistra”, diritti civili e quanto altro pur di confondere le acque e lasciare le masse interdette perché hanno finito con il perdere la stessa idea di socialdemocrazia. La domanda che a questo punto è doverosa porsi è se non siamo arrivati a un bivio dove non è più possibile associare il socialismo come termine di contrasto con le politiche che ci conducono verso una crisi irreversibile dell’economia di mercato che privilegia le speculazioni finanziarie, una grande concentrazione di ricchezza a scapito di quanti, e sono miliardi di persone, vivono ai margini della società e elemosinano il necessario mentre gli altri sguazzano nel superfluo.Oggi la risposta che possiamo formulare è davvero inquietante e drammatica se lo stesso Papa si è sentito in dovere di tranquillizzare le masse popolari che sono giunte a un livello critico per disperazione e povertà. E’ che la Chiesa ha, a nostro avviso, un peccato d’origine poiché se ha fatto bene a difendere il diritto alla vita non ha saputo esserne conseguente rispetto all’altro diritto che è quello del vivere. Non è possibile affidare ai mercenari, come sta accadendo in molte parti del mondo, il destino di intere popolazioni ridotte in miseria perché le tante o le poche risorse sono dirottate per l’acquisto di armi che i mercanti occidentali offrono copiose per mantenere in sella i dittatori di turno. E oggi nel mondo occidentale si aggiunge la disoccupazione che non potrà mai essere assorbita dal sistema capitalistico che puntando al profitto tende sempre più a schiavizzare le masse. Vi potrà mai essere una risposta adeguata? Nutro forti dubbi che possa accadere a breve, ma non si sa mai. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Andare insieme, andare lontano

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

enrico lettaComo giovedì 16 luglio, ore 18.00 Biblioteca Comunale, Enrico Letta presenterà il suo ultimo libro “Andare insieme, andare lontano” (Mondadori, 2015). Durante l’incontro, organizzato da Parolario e Centro Culturale De Gasperi in collaborazione con Libreria Feltrinelli di Como, l’autore dialogherà con Diego Minonzio, direttore del quotidiano La Provincia di Como. «Se vuoi correre veloce vai da solo, se vuoi andare lontano devi farlo insieme» recita un adagio africano. È a partire da questa suggestione essenziale, eppure così adatta a descrivere l’orizzonte che l’Italia e l’Europa hanno dinanzi a sé, che Enrico Letta torna a raccontarsi dopo oltre un anno di silenzio. Non una memoria dei suoi dieci mesi da presidente del Consiglio, né un espediente per cercare immediate rivincite personali. Ma una riflessione proiettata al futuro, che, anche passando attraverso quell’esperienza, si sofferma su un’idea di comunità molto distante, per contenuti e stile, dall’attuale conformismo.
Per Letta non esiste un solo momento positivo della nostra storia unitaria che non sia stato figlio di un progetto condiviso. E oggi più che mai l’Italia, per sfruttare al meglio le condizioni esterne positive createsi nel 2015, grazie in particolare all’azione svolta dalla Banca Centrale Europea di Mario Draghi, deve coinvolgere le migliori energie di cui dispone in un grande sforzo collettivo. Per favorire una ripresa attesa ormai da troppo tempo e, soprattutto, per alleviare le ferite ancora aperte della crisi e aggredire il più grave dei mali della società italiana: la mancanza di lavoro, specie per i giovani. Nessuno può riuscire ad affrontare impegni di questa portata da solo. Quel che invece il Paese deve concedersi è la chance di dimostrare al mondo di essere “nazione” e “comunità”, la capacità di unire virtù democratica e consenso, il coraggio di dire no alle scorciatoie. Il mondo non è mai stato così interconnesso. Molte sono le incognite e le ragioni di apprensione. Ma altrettante sono le opportunità di arricchimento reciproco e partecipazione. Per coglierle c’è bisogno di tutto il “pensiero pesante” di cui siamo capaci. Perché il sogno dell’Europa unita può realizzarsi solo recuperando l’afflato ideale di quanti, per primi, ne colsero la straordinaria valenza per le generazioni successive. E perché la democrazia italiana può rigenerarsi solo se accetta la sfida della politica competente. Una politica intesa come tensione etica e dedizione alla cosa pubblica, che vuole incidere sulla realtà, senza mai smarrire, però, la consapevolezza più importante: la differenza che passa tra governare e comandare.
Enrico Letta è nato a Pisa nel 1966. Nel 1998 è stato nominato ministro per le politiche comunitarie del governo D’Alema I, diventando il più giovane ministro, fino ad allora, della storia della Repubblica. È stato successivamente Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato nei Governi D’Alema II ed Amato II e poi sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri del governo Prodi II. È stato presidente del Consiglio dei ministri dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 e dall’aprile 2014 è professore presso la Scuola di affari internazionali dell’Istituto di studi politici di Parigi (Institut d’études politiques de Paris-Sciences Po).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: La beffa delle assunzioni

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cSolo i primi 36.627 sono al sicuro e verranno immessi in ruolo con le modalità attuali. Per l’assunzione degli altri 10.849 della fase B e i 55.258 dell’organico potenziato, “si provvede scorrendo l’elenco di tutte le iscrizioni nelle graduatorie”: lo dice il comma 100 della riforma approvata ieri alla Camera dei Deputati. Quindi, il sistema informatico incrocerà le loro preferenze con i posti disponibili, ma in mancanza di questi nelle vicinanze della residenza del candidato al ruolo, la proposta di assunzione sarà inevitabilmente quella di una sede in una provincia o regione diversa. Ma non solo: coloro che “non accettano la proposta di assunzione eventualmente effettuata in una fase non partecipano alle fasi successive e sono definitivamente espunti dalle rispettive graduatorie” (comma 96). Marcello Pacifico (Anief-Confedir-Cisal): si tratterebbe di un vero ricatto. Speriamo che nella fase attuativa della riforma si aggiusti quanto indicato nella legge approvata. Ovvero, che non si obblighi il personale, nelle preferenze sulle assunzioni da attuare, ad inserire tutte le province italiane. Dopo aver impugnato la valutazione, fisica e psichica, costretti a subire i neo assunti con l’organico funzionale, ad opera dei dirigenti scolastici, saremmo costretti a ricorrere anche contro questa decisione. Senza dimenticare che sui posti vacanti, pesa come un macigno la questione delle nuove assegnazioni provvisorie.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brescia: Accoglienza profughi

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreBrescia non dovrà chiedere perdono per non averli accolti. «Le parole del papa ci hanno scossi e non solo perché siamo dei religiosi – spiega fra Marco Fabello, direttore generale del Centro San Giovanni di Dio – Irccs Fatebenefratelli, riferendosi all’ormai celebre richiesta di perdono rivolta ai profughi dal Santo Padre in occasione della Giornata Mondiale del rifugiato 2015 – e pur tra mille difficoltà, anche ambientali, abbiamo deciso di aprire le porte a 40 fratelli che cercano la vita, che l’hanno messa a repentaglio per conquistarsi un futuro». La Provincia Lombardo Veneta dell’Ordine Ospedaliero ha appena dato la propria disponibilità ad accogliere 40 profughi, oltre ai 70 migranti che già ospita all’asilo notturno «Pampuri» di via Corsica. E’ una scelta in linea con il Magistero ecclesiale e un modo per celebrare l’anno vocazionale nel corso del quale l’Ordine è impegnato a riscoprire i modi per celebrare, rivitalizzare, promuovere la vocazione all’ospitalità, religiosa e laicale. I nuovi arrivati saranno alloggiati nell’ex ospedale Sant’Orsola, con ingresso da via Moretto, locali già utilizzati dalla Caritas per l’accoglienza nei mesi invernali alle persone senza dimora. I restanti dieci profughi saranno ospitati al «Pampuri». In tutto, diventano così 110 i richiedenti asilo accolti dall’Ordine ospedaliero, oggi la realtà bresciana con il maggior numero di posti convenzionati, nell’ambito del «Bando accoglienza 2015» della Prefettura che prevede 650 posti in convenzione a 35 euro al giorno. «Contrariamente a quanto appare nel dibattito pubblico – aggiunge Fabello – Brescia ha un cuore accogliente, tant’è vero che sono stati resi disponibili duecento posti più di quelli richiesti dalla Prefettura».

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cristo benedice il lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

papa francescoSi accendono le critiche intorno al dono ricevuto da papa Francesco dal presidente della Bolivia Morales; si tratta di una crocifissione ricavata dall’incrocio della falce e del martello, tratto da un disegno del sacerdote gesuita Luis Espinal, difensore di operai e minatori, assassinato in Bolivia nel 1980 dai paramilitari del regime di Luis Garcia Meza. Falce e martello rappresentano i simboli del lavoro dell’uomo, lavoro con il quale colma i vuoti della dignità e diventa partecipe del progresso materiale e dello sviluppo spirituali.Le destre populiste hanno colto l’occasione per vedere il simbolo del comunismo ateo, nel quale sarebbe stata abusivamente inserita l’immagine del Crocifisso. Nulla di più falso e di mendace; in quella splendida immagine c’è Cristo che benedice il lavoro e lo eleva a funzione prioritaria dell’uomo. E’ il momento più alto dell’incontro tra il mondo laico e il mondo confessionale, nel quale si coniugano insieme democrazia laica e solidarietà confessionale. In una Democrazia compiuta la politica trova nella società civile e democratica la fonte della sua convinzione che il lavoro costituisce una fondamentale dimensione dell’esistenza umana, invito alla solidarietà, perché diventa evidente come il lavoro di un uomo si intrecci naturalmente con quello di altri uomini. Proprio oggi, quando la crisi del capitalismo mette a nudo gli egoismi di uomini e di popoli, lavorare è un lavorare con gli altri e un lavorare per gli altri: è un fare qualcosa per qualcuno. Nel progetto della Democrazia politica, che coincide con l’insegnamento sociale della Chiesa, messo in risalto nell’ultima enciclica di Papa Francesco “Laudato sì” ogni uomo è chiamato al suo sviluppo, e, coerentemente lo sviluppo umano di ciascun uomo costituisce e deve costituire il progresso, che resta così vincolato allo sviluppo. Falsare l’interpretazione di quel dono significa volere arbitrariamente collocare l’azione di un pontefice come Papa Francesco, dentro l’angusto alveo di una concezione politica, scavalcando l’intento altamente spirituale. L’attività umana individuale e collettiva, ossia quell’ingente sforzo col quale gli uomini nel corso dei secoli hanno cercato di migliorare le proprie condizioni di vita, corrisponde al disegno di Dio, al disegno dell’uomo, alla sua storia, al suo destino, perché l’ uomo deve soggiogare i mezzi di produzione e non restarne soggiogato, deve dominare il progresso, perché non arrivi a contrastare lo sviluppo.
Come persona, l’uomo è quindi soggetto del lavoro. Mi piacerebbe molto che Papa Francesco utilizzasse questo suo pellegrinaggio per rivalutare la Teologia della Liberazione, castigata perché ha identificato un Cristo lacero, mendico, affamato, perseguitato, come lo sono i fedeli latino-americani, nelle nazioni ancora dominate dalle dittature liberiste. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Grecia e il capitalismo truffaldino

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

Il giornalista e politico Giulietto Chiesa è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.Chiesa in questo periodo si trova in Grecia e ha raccontato la situazione:“Si percepisce uno stato generale di disagio. Dopo il referendum sembrava che Tsipras avesse acquisito una forza contrattuale ampia, ma a quanto pare la forza contrattuale dell’Europa è ancora più alta. E’ in corso il ‘waterboarding’ della Grecia, li stanno soffocando, non li stanno facendo vivere, gli fanno ritirare al massimo 60 euro al giorno in banca. Ieri nell’isola in cui mi trovo adesso, un distributore è stato chiuso per mancanza di benzina. C’è una situazione di totale blocco. Non credo che i cittadini greci possano resistere a lungo, stanno andando avanti con i soldi che avevano sotto il materasso. L’Europa sta tenendo la popolazione greca per il collo. Il referendum del popolo greco viene azzerato da un gruppo di burocrati che non hanno nessuna legittimazione democratica. Questo è l’inizio della fine dell’Europa. Quando i principi che regolano uno Stato vengono cancellati con la forza. Questa Europa va cancellata e ricostruita da zero. Le istituzioni europee rispondono ad un disegno che non è democratico, le banche non possono dettare le leggi ai singoli Paesi. Non c’è nessuno che si salva ai vertici europei. I popoli devono rendersi conto che questa Europa è diventata estranea e ostile e devono ribellarsi. Bisogna unirsi ai greci, creando uno schieramento trasversale contro questa Europa. Se il governo Tsiprassarà costretto ad accettare i diktat europei, dovrà dimettersi. Tra uno-due anni la situazione sarà irrecuperabile. Bisognerà mettere in conto anche che scorra sangue, alla fine il popolo si solleverà in armi contro chi l’ha portata in queste condizioni. Non si può pretendere che un popolo conosca l’economia. I greci sono stati ingannati, gli è stato detto: ‘entrate in Europa e potrete spendere quanto volete’ e loro gli hanno creduto. Hanno creduto a dei prestatori di denaro irresponsabili e criminali, che sapevano che la Grecia non avrebbero potuto sopportare questo peso. Si sono presi profitti e interessi e hanno lasciato la Grecia affondare. Siamo di fronte ad una delle più colossali truffe mai costruite nella storia del capitalismo. La questione riguarda anche noi, la Spagna e il Portogallo”.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anziani e igiene orale

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

anzianiFederAnziani Senior Italia attraverso il suo Centro Studi SIC Sanità in Cifre ha passato sotto la lente di ingrandimento 3.200 questionari rivolti agli over 60 per redigere il I Rapporto su senior e igiene orale. Ne è scaturito che il 90% degli over 60 non si lava i denti ogni volta che mangia, che considerano il dentista una “tassa” minima annuale di 300 euro e spendono meno di 10 euro al mese per la propria igiene orale. Anziani e non anziani spendono poco meno di 5 MLD di euro l’anno solo per il dentista (di cui 3 MLD degli over 60) e circa 600 MLN di euro per i prodotti per l’igiene orale. Dal Rapporto emerge che l’83% dei senior utilizza lo spazzolino da denti classico (manuale) e solo il 30% sceglie lo spazzolino in base al consiglio del dentista. Il 41% del campione sostituisce lo spazzolino ogni 2 mesi, il 27% ogni 3 mesi, il 12% ogni 6 mesi. Per quanto riguarda gli altri prodotti per l’igiene orale il 35% del campione usa spesso un colluttorio, mentre più della metà (il 53%) non ricorre allo scovolino. Il 62% dei senior acquista l’occorrente per l’igiene orale al supermercato, mentre solo il 19% in farmacia. Mensilmente per i prodotti dell’igiene orale il 48% degli over 60 spende meno di 10 euro e un altro 45% di loro spende tra i 10 e i 30 euro. Quasi un senior su due (il 46%) porta protesi dentarie, il 43% di loro ricorre agli adesivi per bloccarle e il 49% utilizza le pastiglie per pulirle. Per la protesi il 60% del campione spende mediamente circa 2.000 euro.
Rispetto al rapporto col dentista, il 49% del campione vi si reca al massimo 3 volte l’anno, mentre il 35% ci va solo quando necessita. L’82% si rivolge a uno studio privato, mentre meno di uno su dieci (il 9%) si reca in una struttura pubblica per le cure dentarie. Il 6% si rivolge invece a uno studio privato convenzionato, mentre solo l’1% ricorre a un centro odontoiatrico in franchising. Complessivamente il dentista costa per quasi il 50% degli over 60 meno di 300 euro l’anno.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Auto: Cresce il mercato dell’usato

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

auto-usate-prezziSi consolida il mercato dell’usato nel mese di giugno, sia per le quattro che per le due ruote: i passaggi di proprietà delle autovetture depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) sono aumentati dell’11,7% rispetto al mese di giugno 2014, mentre il settore dei motocicli – sempre al netto delle minivolture – mostra un incremento dei passaggi di proprietà del 12,3%.
Per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 142 usate nel mese di giugno e 159 nel primo semestre dell’anno. Da gennaio 2015 i passaggi di proprietà netti hanno fatto registrare una crescita del 6,4% per le autovetture e del 4,2% per i motocicli. I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito http://www.aci.it Significativo incremento, sempre nel mese di giugno, per le radiazioni di autovetture che hanno chiuso il periodo con +14,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, grazie soprattutto all’aumento delle demolizioni (+30%), mentre risultano ancora in flessione le radiazioni per esportazione (-8%). Nel mese di giugno il tasso unitario di sostituzione è stato pari a 0,75 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 75) e a 0,81 nel primo semestre 2015. Continuano a diminuire le radiazioni di motocicli, che nel mese di giugno hanno fatto registrare -4% rispetto allo stesso mese del 2014. Complessivamente nel primo semestre 2015 le radiazioni di autovetture sono aumentate dello 0,8% mentre quelle dei motocicli sono diminuite del 17,1%.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europa cercasi

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

sebrenicaDal momento in cui si decise la realizzazione del progetto europeo – dichiara il Sindacato Labor – si decise anche di iniziare a pensare e muoversi come un unico popolo. La scelta venne presa anche per evitare il ripetersi di fatti criminali come quelli avvenuti a Srebrenica l’11 Luglio del 1995 e che, per la follia della guerra, portarono al massacro di migliaia di persone. Il progetto europeo – continua l’organizzaione – ha evidenti falle, tra le quali quella di essere guidato più dagli interessi di pochi governanti che da quelli dei cittadini del vecchio continente. Ma ha anche enormi potenzialità ed è su queste che bisogna lavorare. Tematiche come il lavoro non possono che essere affrontate in un contesto e in un quadro più ampio, esattamemte come è quello europeo; ed è lì che ci auguriamo il governo faccia sentire la sua presenza. L’Unione Europea – conclude il Sindacato Labor – è un progetto in divenire con mille problematiche. Ma c’è un punto essenziale dal quale bisogna necessariamente partire: riconoscere il valore del progetto comunitario e smetterla di considerare ipotesi alternative che porterebbero al definitivo collasso del Paese e ad una regressione storica senza precedenti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »