Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 16 luglio 2015

Passenger Name Records: MEPs back EU system with data protection safeguards

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

europolDraft EU rules on sharing and protecting the Passenger Name Record (PNR) data of people flying to or from the EU, and its use by member states and Europol to fight terrorism and serious transnational crime, were approved by the Civil Liberties Committee on Wednesday. This data must only be used to prevent, detect, investigate and prosecute these crimes, said MEPs, inserting safeguards to ensure “the lawfulness of any storage, analysis, transfer and use of PNR data”.”Without this EU system in place a number of EU governments will go it alone and create their own systems. That would leave gaps in the net and create a patchwork approach to data protection. With one EU-wide system, we can close the net and ensure high standards of data protection and proportionality are applied right across Europe. The emerging threat posed by so-called ‘foreign fighters’ has made this system even more essential”, said Civil Liberties Committee rapporteur Timothy Kirkhope (ECR, UK).”PNR is not a ‘silver bullet’ but it can be an invaluable weapon in the armoury. We will now open talks with national governments with a view to reaching a final agreement before the end of the year”, he added.The amended rules were approved by 32 votes to 27. The mandate to open negotiations with the EU Council of Ministers was approved by 36 votes to 14, with 8 abstentions.The PNR rules would apply to air carriers and non-carriers such as travel agencies and tour operators operating “international flights”, i.e. those to or from the EU, according to the committee amendments. They would not apply to “intra-EU” flights between EU member states.
Under the amended rules, PNR data could be processed “only for the purposes of prevention, detection, investigation and prosecution of terrorist offences and certain types of serious transnational crime”. The list approved by MEPs includes, for example, trafficking in human beings, sexual exploitation of children, drug trafficking, trafficking in weapons, munitions and explosives, money laundering and cybercrime.The application of these rules “must be duly justified and the necessary safeguards must be in place in order to ensure the lawfulness of any storage, analysis, transfer and use of PNR data”, says the approved text.
Safeguards inserted by MEPs include the following requirements: member states’ “Passenger Information Units” (PIUs) would be entitled to process PNR data only for limited purposes, such as identifying a passenger who may be involved in a terrorist offence or serious transnational crime and who requires further examination,
PIUs would have to appoint a data protection officer to monitor data processing and safeguards and act as a single contact point for passengers with PNR data concerns, all processing of PNR data would have to be logged or documented, passengers would have to be clearly and precisely informed about the collection of PNR data and their rights, and stricter conditions would govern any transfer of data to third countries.
PNR data transferred by air carriers and non-carriers would be retained in the national PIU for an initial period of 30 days, after which all data elements which could serve to identify a passenger would have to be “masked out”, and then for up to five years.The “masked out” data would be accessible only to a limited number of PIU staff, with security training and clearance, for up to four years in serious transnational crime cases and five years for terrorism ones.After the five years, PNR data would have to be permanently deleted, unless the competent authorities are using it for specific criminal investigations or prosecutions (in which case the retention of data would be regulated by the national law of the member state concerned).
MEPs inserted new provisions requiring member states to share PNR data with each other and with Europol and stipulating conditions for doing so. EU countries should use Europol’s Secure Information Exchange Network Application (SIENA) system to share PNR data. A one-stop shop could be created to register and pass on requests for information exchanges, MEPs suggest.
This vote gives the rapporteur a mandate to start negotiations with the EU Council of Ministers to agree on the draft directive. The three-way talks between Parliament, Council and Commission negotiators (“trilogues”) should start soon.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Police training – Civil Liberties MEPs endorse deal with member states on CEPOL

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

cepolCross-border police training and cooperation among national police authorities will be stepped up to effectively counter organised crime, cybercrime and terrorist threats thanks to an update of the rules governing the European Union Agency for Law Enforcement Training, CEPOL, endorsed by the Civil Liberties Committee on Wednesday. The new rules that modernises CEPOL’s legal basis to bring it into line with the Lisbon Treaty and provide better and more effective tools to train EU law enforcement officials were endorsed by the Civil Liberties Committee by 47 votes in favour, 7 against and 5 abstentions. “The urgency and continuous development of security threats, such as terrorism and cybercrime, or the growing demand by migratory flows, make it crucial that European law enforcement authorities receive training of highest standard and are equipped with the most modern tools to effectively counter organised crime”, said Parliament’s lead MEP Kinga Gál (EPP, HU). “The European dimension of CEPOL’s activity is also instrumental in building mutual trust and cross border cooperation among national law enforcement authorities, which is a key element in combatting criminal organisations which operate more and more at international level”, she added. The regulation strengthens the role of the European Union agency for law enforcement training, CEPOL, as a fully independent EU agency provided with better and more effective tools to train EU law enforcement officials. MEPs pushed hard to ensure that fundamental rights are fully embedded in the agency’s mandate. They also ensured that CEPOL is granted flexible training tools and initiatives in areas such as fighting cybercrime, trafficking in drugs and trafficking in human beings. Finally, they also achieved transparency in the appointment of the executive director.
Council on 29 June confirmed the informal agreement reached with Parliament’s negotiators on an update of the rules governing CEPOL.The European Police College, CEPOL, is a European Union Agency, established in 2005. It’s objectives are to increase knowledge of the national police systems and structures of other Member States and of cross-border police cooperation within the European Union, to improve knowledge of international and Union instruments and to provide appropriate training with regard to respect for democratic safeguards.In 2013, when the Commission presented its proposal for a new Regulation on EUROPOL, it proposed to merge CEPOL with EUROPOL, but the idea of the merger was rejected by both the Council and the European Parliament. In the meantime, following the UK decision to no longer host CEPOL, the Agency had to relocate from Bramshill (United Kingdom) to Budapest (Hungary), as from the 1st of October 2014.
UK, Ireland and Denmark will not be taking part in the regulation due to their opt-outs on Justice and Home Affairs.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acticall purchases leading contact center outsourcer Sitel

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

london-central“The fact that Sitel was acquired comes as no surprise. Rumors of its impending purchase had been circulating for months, and the fact is that it is a strongly positioned firm in terms of its global delivery footprint, a presence in multiple vertical markets and a very strong list of blue-chip clients. Sitel has also made substantial progress in developing deeper analytical CRM solutions, which enterprises are clamoring for at the moment. What will be important to see is how the acquirer, Groupe Acticall, sees Sitel fitting into its broader organization. It is particularly encouraging to see that Bert Quintana will remain Sitel’s CEO and President, thus ensuring consistency for both clients and for Sitel team members. From a broader perspective, this development highlights the ongoing M&A trend in the contact center services sector, which has been more active in the last 24 months than since the Global Financial Crisis. It is a certainty that this is unlikely to be the last acquisition in this space during 2015, as pressure will mount on competitors in this sector to shore up their own strategic positioning.”
Ovum is a leading global technology research and advisory firm. Through its 180 analysts worldwide it offers expert analysis and strategic insight across the IT, telecoms, and media industries. Founded in 1985, Ovum has one of the most experienced analyst teams in the industry and is a respected source of guidance for technology business leaders, CIOs, vendors, service providers, and regulators looking for comprehensive, accurate, and insightful market data, research, and consulting. With 23 offices across six continents, Ovum offers a truly global perspective on technology and media markets and provides thousands of clients with insight including workflow tools, forecasts, surveys, market assessments, technology audits, and opinion. In 2012, Ovum was jointly named Global Analyst Firm of the Year by the IIAR. In addition, Ovum operates a large portfolio of technology conferences annually in Europe under the OvumLive events brand, presenting a more interactive opportunity to learn from its analysts. Its flagship event – Ovum Industry Congress – attracts over 300 end-user attendees every year. Ovum is a division of Informa plc, one of the leading business and academic publishing and event organisers globally, headquartered in London. Informa is quoted on the London Stock Exchange.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brazil Continues to Lead All Global Consumers Searching S. FL Real Estate

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

miamiMIAMI – South America’s largest nation continues to be the top foreign country searching for South Florida real estate on the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) website, according to new statistics from the nation’s largest local Realtor group. For the 12th consecutive month, Brazil led all global consumers using MIAMI’s search portal, Miamire.com, in May 2015.Brazil has been the top foreign country searching for Miami properties in 15 of the last 18 months. The last time Brazil didn’t finish with the most web hits on Miamire.com was May 2014 when Colombia took first. Colombia finished with the second-most traffic on Miamire.com in May 2015 for the fifth consecutive month. Canada and Venezuela ranked third and fourth, respectively.An international city with world-class amenities, Miami has long been a top place for foreign real estate investment. Overseas buyers view South Florida as a secure place to invest. While Miami residential prices have risen in recent years, the region is still considered inexpensive relative to other world-class cities. A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach costs $149,900 on average, according to the National Association of Realtors 2015 Profile of Home Buying Activity of International Clients. The average price for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) cost at least five times more.In 2014, Brazilians registered 11 percent of all South Florida international real estate deals, according to a report conducted by the National Association of Realtors for MIAMI. Brazil had the third-most property transactions in Miami and Broward Counties among all global consumers last year, trailing only Venezuela (16 percent) and Argentina (12 percent).Brazilians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Brazilians spend the most on South Florida properties among foreign consumers, paying an average of $495,000. On average, Miami’s international buyers paid $444,000 per purchase, compared to $245,000 statewide.
The MIAMI Association of REALTORS® was chartered by the National Association of Realtors in 1920 and is celebrating 95 years of service to Realtors, the buying and selling public, and the communities in South Florida. Comprised of five organizations, the Residential Association, the Realtors Commercial Alliance, the Broward County Board of Governors, the YPN Council and the award-winning International Council, it represents more than 36,000 real estate professionals in all aspects of real estate sales, marketing, and brokerage. It is the largest local Realtor association in the U.S., and has official partnerships with more than 125 international organizations worldwide.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Food for Good

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

cibo2Mercoledì 22 luglio, a Milano, con inizio puntuale alle ore 11.00, all’Opera Cardinal Ferrari Onlus (via G. B. Boeri, 3), presentazione dell’importante progetto di recupero del cibo inutilizzato dei convegni FOOD FOR GOOD–From meetings to solidarity condotto congiuntamente da Federcongressi&eventi, Banco Alimentare ed Equoevento Onlus.Alla conferenza interverrà con la propria testimonianza la nota scienziata ambientale, blogger e scrittrice Lisa Casali, titolare del blog Ecocucina. I relatori sono: Mario Buscema, Presidente Federcongressi&eventi, che introdurrà l’evento e presenterà alcuni dati sui recuperi effettuati nei mesi scorsi in alcuni test per verificare la fattibilità della pratica; Giuliana Malaguti, Responsabile approvvigionamento Fondazione Banco Alimentare Onlus, che descriverà il progetto e illustrerà perché è importante recuperare il cibo in eccesso; Francesco Colicci, co-founder Equoevento Onlus, che spiegherà come aderire a Food for Good, elencando le linee guida; lo chef Cristian Pratelli di Summertrade, società di catering e banqueting del Gruppo Rimini Fiera, che guiderà i presenti dal suo punto di vista (cosa accade in cucina, come e perché recuperare il cibo); e infine Pasquale Seddio, presidente dell’Opera Cardinal Ferrari Onlus, che racconterà l’altro punto di vista, quello cioè di chi riceve le eccedenze alimentari: come vengono utilizzate e quanto sono importanti. Modera Gabriella Ghigi, delegata regionale di Federcongressi&eventi per la Lombardia.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In arrivo a Gerusalemme il Festival di Musica Sacra

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

musica sacra30 agosto – 4 settembre. Segnatevi queste date in agenda. All’interno delle mura della Città Vecchia, nelle piazze del centro, nelle chiese, nelle sinagoghe, nei parchi, ma anche in antichissime caverne, insomma, ovunque ci sia spazio a sufficienza per contenere la musica, la città di Gerusalemme diventerà un enorme, colorato, divertente concerto a cielo aperto. Il Festival di Musica Sacra di Gerusalemme è molto più che una semplice rassegna di musica d’eccellenza. E’ un evento che trasforma la città di Gerusalemme in un luogo in cui tutte le culture vivono in armonia, tramite i diversi generi musicali. Giunto ormai alla sua quarta edizione, il Festival di Musica Sacra quest’anno accoglierà artisti provenienti da oltre Oceano, artisti israeliani e musicisti di tutte le religioni. Nomi d’eccezione arricchiscono il cartellone di questa edizione. Jonny Greenwood (dall’Inghilterra), considerato uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi (la band Radiohead vi dice qualcosa?), suonerà il 1° settembre alle ore 20.00 alla Torre di Davide insieme a Shye Ben Tzur, musicista rock israeliano che è diventato un master della musica indiana cantata in ebraico. La loro performance combinerà la tradizionale musica indiana qawwali e il rock contemporaneo e sarà accompagnata da 12 musicisti indiani. (Foto: musica sacra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vacanze low cost in agosto

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

Small red and green plastic houses in the sand on the beach

Small red and green plastic houses in the sand on the beach

Anche le vacanze in alta stagione possono essere low cost, basta solo evitare i luoghi “troppo” comuni. Il portale Casevacanza.it (http://www.casevacanza.it), leader in Italia per gli affitti turistici e partner di Immobiliare.it, ha monitorato i prezzi medi per una settimana richiesti ad agosto nelle località turistiche italiane, scoprendo quali saranno le destinazioni che permetteranno di conciliare il divertimento e il relax con il risparmio: le opportunità più interessanti sono tra la Sicilia, le Marche e la Calabria. Prendendo in considerazione la tipologia di casa vacanza più richiesta – un appartamento con quattro posti letto affittato per una settimana – le due località turistiche con i prezzi medi più bassi d’agosto sono entrambe in provincia di Messina: a Falcone e a Torregrotta si spendono all’incirca 430 euro a settimana. Non lontane dalle zone di villeggiatura più importanti (e costose) dell’isola, come Taormina e le Isole Eolie, queste località offrono prezzi ben più bassi ma sono assolutamente strategiche per chi vuole muoversi alla scoperta della Regione. A seguire, con prezzi molto simili, tre mete dalla popolarità in crescita, soprattutto grazie ad un ambiente rilassante e ai prezzi bassi anche in alta stagione: Numana nelle Marche (provincia di Ancona), Rodi Garganico e Peschici, in Puglia (provincia di Foggia). Proprio le Marche rappresentano una destinazione particolarmente appetibile per quel che riguarda i costi: nelle 20 località più convenienti troviamo anche Mondolfo (in provincia di Pesaro-Urbino), Sirolo (Ancona) e San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno). Non è così low cost la Puglia, che invece vanta prezzi medi ben più elevati e l’unica località turistica ad avere un’offerta media inferiore ai 550 euro per settimana è Carovigno (Brindisi).
La terza regione in cui è possibile trovare alternative a basso prezzo senza rinunciare al mare e al divertimento è la Calabria: ad agosto ben sei delle 20 località turistiche con i prezzi più bassi d’Italia sono in questa regione. La più conveniente è Sellia Marina (provincia di Catanzaro) con 460 euro a settimana; seguono Villapiano Scala (provincia di Cosenza) con 470 euro, Scalea e Ricadi (entrambe a 490 euro settimanali), Gioiosa Ionica (500 euro) e l’isola di Capo Rizzuto (550 euro). Uniche località turistiche del Nord Italia a vantare prezzi bassi sono Lignano Sabbiadoro, Comacchio e i suoi lidi e San Michele al Tagliamento (tutte a 470 euro a settimana). «Gli ultimi dati di Coldiretti sottolineano come anche le ferie 2015 saranno all’insegna del risparmio – ha dichiarato Francesco Lorenzani, Amministratore Delegato di Casevacanza.it – e proprio questo atteggiamento degli italiani ha portato al successo del fenomeno delle case vacanza, ormai considerate una valida alternativa alle strutture ricettive tradizionali. Rispetto al 2014 i prezzi, in linea di massima, restano stabili a livello nazionale; si segnala tuttavia, un calo medio superiore al 15% nei comuni del Salento, che pure non basta per farli rientrare nella classifica dei più convenienti (con l’unica eccezione di Carovigno, che comunque è ben distante dalle località più ricercate).» (foto vacanze low cost)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eurozona e surplus esportazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

berlinoDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Il problema dell’eurozona si chiama surplus delle esportazioni rispetto alle importazioni. In particolare il problema è il surplus della Germania, che nel 2014 (ultimi dati disponibili) ammontava a 220 miliardi di euro, vale a dire il 7,6% rispetto al Pil, che, sempre nel 2014, era di 2.904 miliardi. Per questo motivo, la Germania è sotto procedura di infrazione Ue. Secondo le regole del Six Pack, confluite nel Fiscal Compact, infatti, la media del surplus degli ultimi 5 anni non deve superare il 6%, mentre la media del surplus della Germania nel periodo 2010-2014 è del 6,5%. Insieme alla Germania, i maggiori surplus dell’eurozona sono stati registrati da Olanda (10,9%), Svezia (6,8%) e Danimarca (6,3%). Guarda caso tutti paesi del Nord Europa, gli unici che dalla crisi dell’euro in questi anni ci hanno guadagnato. La Germania, quindi, insieme ai suoi Stati satellite, deve rientrare, come previsto da Six Pack e Fiscal Compact, al di sotto del 6%, cosa che finora non ha fatto, e spendere il proprio surplus per cambiare il metabolismo dell’eurozona.
A ben vedere, la riduzione dei surplus dei paesi del nord Europa sotto il 6% si presenta anche come l’unica medicina in grado di ridare sviluppo all’area euro. In caso contrario, la situazione rimarrà stagnante e duale. Un esempio: dimezzare il surplus della Germania significa mettere in circolo almeno 100 miliardi di euro (3,5 punti di Pil tedesco); 150 miliardi se anche Olanda, Svezia e Danimarca faranno lo stesso. Il risultato sarà un piccolo positivo aumento dell’inflazione nell’eurozona (sappiamo bene quanto ce n’è bisogno), la svalutazione dell’euro rispetto al dollaro, un aumento della domanda interna, con conseguente aumento dei consumi, degli investimenti, e una spinta positiva alla crescita di tutta l’area euro, che attualmente è ferma, come previsione per il 2015, all’1,5%. Una reflazione consistente dei paesi in surplus potrebbe, quindi, portare più sviluppo e maggiore occupazione e benessere per tutti. Incluso un positivo effetto in termini di sostenibilità dei debiti pubblici. Insomma, quell’innesco positivo che l’Europa sta cercando da parecchio tempo e finora non ha mai avuto.Ultima considerazione: se la Germania reflaziona, oltre che diventare più simpatica, migliora anche il benessere del popolo tedesco, cosa da non sottovalutare dal punto di vista del consenso di chi è al governo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iran: Apertura Putin?

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

obamanobel1_int“Il Presidente Obama, nel commentare l’atteggiamento collaborativo di Putin nella vicenda delle trattative sul programma nucleare di Teheran, si dice sorpreso. Forse trascura che lo stesso Putin aveva in realtà tutto l’interesse che le trattative si chiudessero con esito positivo, al fine di rafforzare il triangolo tra Russia, Iran e Siria”. A dirlo è Paolo Alli, Capogruppo Area Popolare (Ncd-Udc) in Commissione Affari Esteri alla Camera e Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare della Nato.“Se, invece, il presidente Obama vede reali aperture da parte di Putin, allora provi a persuaderlo a cessare i conflitti in Ucraina e a restituire la Crimea, con la cui annessione ha compiuto una palese violazione del diritto di sovranità nazionale. Se davvero riuscisse a ottenere questo, potrebbe ambire al premio Nobel per la Pace”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Como un workshop sui meccanismi del processo innovativo

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

comoComo 17 e 18 settembre presso l’Auditorium Spazio Como dello Sheraton Lake Como Hotel il workshop sarà dedicato a “Innovation & Growth: a process entangling public and private sectors”. La linea guida del workshop sarà proprio il fenomeno dell’entanglement, l’intreccio indissolubile tra pubblico e privato, ricerca e industria, distruzione creativa ed evoluzionismo industriale, politiche economiche e finanza che, se non si trasforma in un groviglio, può portare magicamente al fiorire del processo innovativo.Il workshop sarà suddiviso in sette sessioni durante le quali si parlerà del ruolo dello stato nel processo di innovazione, analizzando sia l’approccio liberale sia quello conservatore; delle politiche nazionali e regionali a supporto dell’innovazione; del rapporto di collaborazione tra le imprese e il mondo della ricerca e dell’università; degli incubatori e dei Parchi Scientifici Tecnologici; di proprietà intellettuale, analizzando sia l’approccio “open” sia quello “proprietario”; dei vari meccanismi di finanziamento e, infine, di alcune storie di successo come, ad esempio, quelle di Coelux e D-Orbit (Lomazzo, IT), Energy Power System (Troy, Michigan, US) e Amypopharma, (Milano, IT).Le iscrizioni saranno aperte a tariffa ridotta a 210 euro fino al 17 agosto. Sarà possibile iscriversi fino al giorno prima del workshop al costo di 250 euro. Le tariffe comprendono workshop, coffee break, pranzi e cena sociale.
Per gli studenti sono previste due tariffe speciali: 170 euro (workshop, coffee break, pranzi e cena sociale) e 110 euro (workshop, coffee break e pranzi; cena sociale esclusa).Il workshop è organizzato con il sostegno di Università degli Studi dell’Insubria, Camera di Commercio di Como, UNICREDIT, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, SysBio – Centro di Systems Biology (Università degli Studi Milano-Bicocca).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La lezione Greca

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

ateneFacciamo un po’ di dietrologia. “Nella notte tra venerdì 10 luglio e sabato 11 il governo Tsipras ha fatto approvare dal Parlamento greco (con 251 voti favorevoli su 300 deputati, ma dei 251 favorevoli solo 145 sono deputati dei partiti SYRIZA e ANEL che compongono la maggioranza su cui è costituito il governo Tsipras) l’accettazione delle imposizioni della Troika (che il referendum di domenica 5 luglio, indetto dallo stesso governo Tsipras, aveva a grande maggioranza respinto) in cambio della quasi promessa da parte della Troika (Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea, Commissione Europea) di fare al governo greco e al sistema finanziario greco nuovi prestiti per saldare i vecchi in scadenza, pagare gli interessi e le provvigioni e sostenere gli affari degli speculatori internazionali e dell’oligarchia greca. Con questo non è ancora chiusa la partita con i tedeschi e i gruppi americani e l’oligarchia greca le cui più forti componenti sono gli armatori e gli speculatori del turismo.
Quanto all’oligarchia greca essa è in larga misura d’accordo con l’austerità che colpisce diritti e reddito di tutte le classi delle masse popolari e in particolare dei proletari in età di lavoro e pensionati, ma è preoccupata per il mantenimento dell’ordine pubblico e della coesione sociale. Le elezioni di gennaio 2015 avevano messo alla luce del sole la crisi del suo sistema politico: i partiti delle larghe intese (Nuova Democrazia e PASOK) non riescono più a padroneggiare il meccanismo elettorale e a tenere in pugno il parlamento. La carta dei fascisti di Alba Dorata e delle Forze Armate è una carta di riserva ma rischiosa. Inoltre l’evasione fiscale e la corruzione, pratiche largamente diffuse se non addirittura legali, devono assumere forme diverse per adattarsi alla disciplina imposta dall’Europa comunitaria.
Nella crisi greca l’Europa capeggiata dalla Germania vuole soprattutto dimostrare agli amministratori e operatori del capitale finanziario di tutto il mondo che l’euro è una moneta solida e l’austerità è la loro credenziale nel mercato finanziario mondiale dove l’euro deve prendere il posto del dollaro. Tramite la Grecia dovevano dare una lezione a tutte le correnti, i partiti e i governi che in Europa scalpitano contro l’austerità e promettono di farla finire: o si sta alle regole di chi comanda o si è fuori.
Da parte loro gli statunitensi vogliono conservare la Grecia nella NATO e mantenere il loro controllo sulle Forze Armate greche. Il loro interesse a impedire che l’euro si rafforzi nel mercato finanziario mondiale a spese del dollaro li portava a sostenere l’oligarchia greca nell’insubordinazione all’UE, ma nel caso concreto è prevalso il loro interesse alla stabilità della NATO e in chiave anti russa.
Non è chiaro chi pagherà il taglio delle spese militari dello Stato greco che ufficialmente fanno parte dei tagli della spesa pubblica a cui il governo Tsipras si è impegnato con la Troika. Né è chiaro cosa ne sarà del governo Tsipras visto che la sua maggioranza parlamentare non esiste più e che gli impegni che ha assunto con la Troika cancellano gli impegni con cui aveva vinto le elezioni e difficilmente riuscirà a comporre una nuova maggioranza con i partiti delle larghe intese. La crisi del sistema politico greco si è aggravata con l’irruzione di SYRIZA e si aggraverà ulteriormente con il suo collasso.
È invece certo chi nelle intenzioni della Troika e dei suoi mandanti dovrebbe pagare le altre misure di austerità. Le classi sociali, i proletari del settore privato e del settore pubblico e la “classi medie”, che si sono già impoverite nei sette anni della fase acuta e terminale della crisi, nelle intenzioni della Troika e dei suoi mandanti dovrebbero continuare a impoverirsi. Ma subiranno l’imposizione? A questa domanda risponderanno le masse popolari greche e i gruppi che hanno seguito e credito presso di esse e che sapranno guadagnarselo. Questa è la partita dei prossimi giorni e mesi.
I fattori che hanno determinato la crisi del vecchio sistema politico borghese greco e portato SYRIZA al potere opereranno ora con forza rinnovata. In particolare il Partito comunista greco (KKE) vede pienamente confermato il suo giudizio sul carattere velleitario di SYRIZA e sulla natura truffaldina delle sue promesse elettorali di porre fine all’austerità restando nell’ambito del sistema capitalista e addirittura nell’ambito dell’Unione Europea e del sistema dell’euro. Il punto è se il KKE sarà capace di fare del malcontento e della rivolta delle masse popolari contro l’austerità, della loro resistenza al procedere della crisi generale del capitalismo, una forza politica. Ovviamente la risposta è principalmente nelle mani del KKE.
La principale lezione delle vicende greche è di sperare di porre rimedio agli effetti della crisi cercando di ottenere dalla Germania l’attenuazione dell’austerità è una via fallimentare. Non è questione di onestà personale e di teorie economiche. È una questione di interessi e di rapporti di forza. La cordata dei paesi che si rifanno alla Germania non ha altra via per valorizzare il proprio capitale che conquistare il dominio del capitale finanziario mondiale. Chi (da Landini a Renzi) parla di politica industriale e di crescita economica che consiglierebbero la riduzione dell’austerità si scontra proprio proprio con la Germania. nell’instaurazione del socialismo nei paesi imperialisti. Quindi la rinascita del movimento comunista è del tutto possibile, dipende da noi comunisti.” (in sintesi dal documento pervenuto dal Nuovo Partito comunista italiano)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Società Italiana di Neurologia premia la ricerca sul dolore neuropatico localizzato

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

GrunenthalLa Società Italiana di Neurologia (SIN), con il contributo liberale di Grunenthal, annuncia il Premio SIN-Grunenthal, il cui scopo è quello di promuovere la conoscenza del dolore neuropatico localizzato sia dal punto di vista della corretta diagnosi sia da quello del trattamento con farmaci topici.“Il dolore neuropatico localizzato è un dolore che tende a peggiorare sensibilmente la qualità di vita dei pazienti – spiega Aldo Quattrone, Presidente SIN – e rispetto al quale purtroppo i trattamenti disponibili risultano ancora in molti casi inadeguati e limitati. Attraverso questo bando, la SIN vuole ribadire il suo impegno nel sostenere la ricerca nel campo delle patologie neurologiche e – continua Quattrone – nel promuovere il lavoro dei propri specialisti nel migliorare le condizioni dei pazienti”.Saranno ammessi a concorrere al premio i casi clinici incentrati sulla diagnosi e il trattamento topico del dolore neuropatico localizzato.Il dolore neuropatico è un dolore che dipende da una lesione o disfunzione del sistema nervoso che provoca un’anomalia nei segnali trasmessi al sistema di percezione del dolore situato centralmente a livello encefalico. Nello specifico, il dolore neuropatico localizzato si caratterizza per la presenza di un’area del corpo, superficiale e circoscritta, in cui il paziente percepisce un dolore urente, lancinante, a scarica elettrica. Tale condizione, che per i risvolti sia fisici che psichici può risultare addirittura più invalidante di altri tipi di dolore, costituisce una sfida per gli specialisti a causa della difficoltà nel processo di diagnosi ma soprattutto per l’inefficacia o la non tollerabilità dei trattamenti destinati ad alleviarlo.Per questo motivo la SIN ritiene fondamentale apportare il suo contributo sostenendo la ricerca e l’avanzamento delle tecniche diagnostiche e terapeutiche di questa patologia.
Il premio avrà un valore di 5.000 euro e sarà attribuito al caso clinico giudicato migliore tra quelli pervenuti entro il I settembre 2015; i dieci casi clinici più meritevoli saranno pubblicati sul sito http://www.neuro.it e sulla rivista Neurological Science. La Commissione Giudicatrice sarà presieduta dal Presidente SIN Prof. Aldo Quattrone, dal Presidente del XLVI Congresso SIN 2015 Prof. Giovanni Luigi Mancardi, dal cultore della materia, prof. Giorgio Cruccu, e il Coordinatore del Gruppo di Studio neuroscienze e dolore, Dr. Massimiliano Valeriani. La cerimonia di premiazione si terrà in occasione del XLVI Congresso della Società Italiana Di Neurologia – Genova, 10-13 ottobre 2015.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Giornalistico ‘SID-Diabete Ricerca’

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

diabete_21-300x224Per iniziativa dell’Associazione Diabete Ricerca, della Fondazione Diabete Ricerca e della Società Italiana di Diabetologia viene bandita la prima edizione del Premio Giornalistico ‘SID-Diabete Ricerca’, istituito con lo scopo di riconoscere e stimolare la corretta divulgazione scientifica di tematiche riguardanti il diabete mellito. Il Premio vuole essere un omaggio allo stile e al modo di svolgere questa professione con competenza, rigore, sintesi, completezza di contenuti, chiarezza di linguaggio e capacità di divulgazione delle notizie.Il riconoscimento, dell’ammontare di euro 2.000, verrà consegnato durante il convegno organizzato in occasione della Giornata Mondiale dei Diabete il 12 novembre 2015 da una giuria composta dai presidenti dell’Associazione Diabete Ricerca, della Fondazione Diabete Ricerca, della Società Italiana di Diabetologia e da due giornalisti.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consensus internazionale definisce criteri diagnostici per la Sensibilità al Glutine Non Celiaca

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

glutineLa Sensibilità al Glutine Non Celiaca è una sindrome, distinta dalla celiachia, caratterizzata da sintomi multi-sistemici intestinali ed extra-intestinali, collegati alla reazione del nostro organismo ai cibi contenenti glutine. Secondo l’ultima revisione degli studi, dal punto di vista epidemiologico, si stima che sia più frequente della celiachia (1% della popolazione) e che colpisca soprattutto le donne, rispetto agli uomini. In generale, l’insorgenza dei sintomi appare dopo poche ore o giorni rispetto all’assunzione di glutine. Per quanto riguarda la terapia, la risposta degli esperti è che questa sia rappresentata da una dieta senza glutine, esattamente come nel caso della celiachia. Quello su cui attualmente non ci sono ancora certezze precise sono, invece, le modalità con cui la dieta dovrebbe essere seguita dai pazienti. Uno degli elementi che è apparso chiaro fin da subito, infatti, è che la SGNC può presentarsi in molti casi come una sindrome transitoria, che non rende necessario un regime di dieta senza glutine, particolarmente rigido e sicuramente non a vita, come è invece necessario per la celiachia. “La diagnosi della Sensibilità al Glutine Non Celiaca – spiega il Professor Carlo Catassi, Università Politecnica delle Marche e coordinatore del Comitato Scientifico del Dr. Schär Institute – non dovrebbe essere solo una diagnosi di esclusione. Esiste nel mondo scientifico e nella classe medica in generale, la precisa necessità di definire procedure standardizzate e comparabili, che possano guidare gli operatori della salute alla conferma dei casi di sospetta SGNC. Questo perché è sempre necessario avere una diagnosi chiara e certa, prima di avviare il paziente alla dieta senza glutine. Proprio per raggiungere un consenso su come la diagnosi di SGNC debba essere confermata, oltre 30 esperti si sono riuniti lo scorso 6 e 7 di ottobre del 2014 a Salerno, sotto l’egida del Dr. Schär Institute. Il risultato del nostro dibattito è stato pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Nutrients con il titolo: “Diagnosis of Non-Celiac Gluten Sensitivity (NCGS): The Salerno Experts’ Criteria” Il nuovo protocollo diagnostico della SGNC: due fasi basate sull’EBM (Evidence Based Medicine) L’analisi e la comparazione di oltre 26 studi scientifici, che costituiscono le referenze del paper, hanno portato gli esperti a scrivere un protocollo diagnostico composto da 2 fasi, oltre alla semplice esclusione della celiachia e dell’allergia al grano tramite le analisi sierologiche:
1) Il riconoscimento certo, di un paziente davvero “responsivo” alla dieta senza glutine
2) La misurazione degli effetti della reintroduzione del glutine dopo un periodo di dieta gluten free
“Superata la necessaria esclusione di celiachia ed allergia al grano, si tratta quindi di avviare il paziente con sospetta Sensibilità al Glutine Non Celiaca verso un percorso in grado di testare le sue risposte e confermare la diagnosi – spiega il Dott. Luca Elli, responsabile del Centro per la Prevenzione e la Diagnosi della Malattia Celiachia del Policlinico di Milano e membro del Dr. Schär Institute – Per prima cosa, abbiamo quindi chiarito come per misurare i sintomi fosse necessaria una scala di valori condivisa, e l’abbiamo identificata in una versione leggermente modificata della “Gastrointestinal Symptom Rating Scale”, uno strumento costruito sulla base dell’esperienza clinica. Quindi, settata la base di partenza, abbiamo potuto porre le basi per chiarire chi sono i pazienti che, veramente, rispondono in modo positivo alla dieta senza glutine, sottoponendoli attraverso un tale regime controllato per 6 settimane. Se al termine del percorso il paziente dimostra una diminuzione dei suoi sintomi con un punteggio, pari o maggiore al 30% dei valori dichiarati in partenza, questo per noi è un paziente che ha altissime probabilità di essere affetto da sensibilità al glutine non celiaca.”Per fugare definitivamente i dubbi della comunità scientifica circa il reale peso dell’effetto placebo nel risolvere i disturbi dei pazienti con sensibilità al glutine, gli esperti hanno impostato un protocollo diagnostico tra i più rigorosi: il Double-Blind Placebo-Controlled Challenge con crossover. Questo modello consiste nel sottoporre i pazienti che hanno superato il primo step ad un periodo di somministrazione giornaliera per una settimana di una capsula che può contenere alternativamente 8 g di glutine oppure una sostanza inerte (placebo). Nessuno, né i medici, né i pazienti, sanno quali capsule stanno somministrando e assumendo, da ciò la definizione di “doppio cieco”. Alla fine del periodo-test, l’apertura dei codici e dei risultati darà la più che ragionevole certezza scientifica della diagnosi di sensibilità al glutine non celiaca.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sito internet per le persone affette da fibrillazione atriale è ora disponibile in italiano e in spagnolo

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

fibrillazione atrialeSophia Antipolis, Francia L’Associazione europea per il ritmo cardiaco (European Heart Rhythm Association, EHRA), una divisione registrata della Società europea di cardiologia (European Society of Cardiology, ESC), ha lanciato il sito internet AFib Matters, per le persone affette da fibrillazione atriale, in italiano e spagnolo.
Versione italiana: http://www.fibrillazioneatriale.org
Versione spagnola: http://www.fibrilacion-auricular.org
“La fibrillazione atriale rappresenta un fenomeno globale” ha dichiarato il Professor Gregory YH Lip, presidente della Task force che, inizialmente, ha sviluppato il sito http://www.afibmatters.org. “I pazienti e le persone che prestano loro assistenza hanno molte domande e richieste di informazioni. Le nuove traduzioni raggiungeranno molti più pazienti e assistenti.”La fibrillazione atriale rappresenta il disturbo più comune del ritmo cardiaco e colpisce l’1,5-2% della popolazione generale dei paesi sviluppati.1 Più di 6 milioni di europei soffrono di fibrillazione atriale ma ci si aspetta che, nei prossimi 50 anni, la prevalenza tenda come minimo a raddoppiare con l’invecchiare della popolazione.2. La fibrillazione atriale aumenta notevolmente il rischio di ictus, insufficienza cardiaca e declino della funzione cognitiva, compresa la demenza. Quando nei pazienti con fibrillazione atriale si manifestano degli ictus, questi vengono associati a una maggiore possibilità di morte e disabilità, a un periodo di ricovero più lungo e a una minore possibilità, per il paziente, di ritornare a casa.3. AFib Matters è stato progettato per fornire informazioni chiare e affidabili nonché per fornire consigli pratici ai pazienti affetti da fibrillazione atriale, ai loro familiari e ai loro assistenti. Esso fornisce una descrizione della fibrillazione atriale, delle informazioni sui sintomi, sulle complicanze, sul trattamento farmacologico, sull’ablazione e sui dispositivi nonché sulla necessità di prevenire l’ictus. Il sito internet è stato redatto da medici esperti e dai rappresentanti dei pazienti ed è stato visitato 468.858 volte da quanto è stato lanciato a giugno 2013. Le traduzioni in italiano e spagnolo si uniscono a quelle dei siti in inglese, tedesco e francese. I pazienti che si trovano in Italia e in Spagna possono utilizzare gli indirizzi specifici o visitare il sito internet http://www.afibmatters.org ed essere indirizzati automaticamente ai siti tradotti. Il Professor Lip ha dichiarato: “I miei pazienti mi hanno riferito di aver trovato il sito internet AFib Matters davvero utile. Riferisco ai pazienti della mia clinica che si occupa di fibrillazione atriale che il sito internet rappresenta una risorsa concisa e aggiornata per l’informazione del paziente. Le traduzioni in italiano e spagnolo consentiranno a un maggior numero di pazienti e assistenti di saperne di più riguardo alla condizione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piccoli rifiuti elettronici: +11% l’anno scorso

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

rifiuti-elettroniciCresce la raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni. Ecolight, consorzio no profit per la gestione dei RAEE e delle pile e accumulatori esausti, ha incrementato dell’11% la propria attività, passando da 14.300 a quasi 16mila tonnellate, arrivando a gestire oltre 20 milioni di pezzi tra piccoli elettrodomestici, cellulari e smartphone ed elettronica di consumo non più funzionanti. Questo il dato che emerge dal Rapporto Sociale 2014 di Ecolight, un documento che il consorzio ha voluto improntare alla condivisione perché «la dipendenza tra imprese e società civile implica infatti che le decisioni debbano seguire il principio del valore condiviso: la loro unione porta benefici per entrambi», osserva il presidente di Ecolight Walter Camarda.Nel complesso l’anno scorso Ecolight ha gestito circa 21mila tonnellate di RAEE raccogliendo tutte le tipologie di rifiuti elettronici: dai frigoriferi ai televisori, dalle lavatrici fino ai cellulari e alle sorgenti luminose. L’azione si è divisa in tre ambiti: innanzitutto, all’interno del sistema del Centro di Coordinamento RAEE. Fornendo il servizio ai 2.673 punti di prelievo affidati, Ecolight ha raccolto oltre 18.300 tonnellate di RAEE facendo 16.451 missioni nelle isole ecologiche di tutta Italia. Il Consorzio ha gestito quasi il 40% di tutti i rifiuti elettronici appartenenti al raggruppamento R4 e oltre il 30% delle sorgenti luminose (R5). Inoltre, in risposta a quanto previsto dal Decreto Ministeriale 65 del 2010 e dal Decreto Legislativo 49 del 2014, Ecolight ha erogato un servizio specifico dedicato alla Distribuzione: con circa 7mila missioni nei punti vendita ha gestito oltre 1.500 tonnellate di RAEE. Non certo ultimo, alle aziende è stata dedicata una grande attenzione potenziando il servizio Fai Spazio per la gestione dei rifiuti professionali. Il servizio, che garantisce una gestione rispettosa delle norme e dell’ambiente e una completa tracciabilità documentale, ha visto Ecolight effettuare 2mila missioni gestendo oltre mille tonnellate di rifiuti.Il dato più significativo arriva dalla gestione dei RAEE di piccole dimensioni che «sono quelli più difficili da intercettare», sottolinea Giancarlo Dezio direttore generale di Ecolight. «Si stima che solamente uno ogni cinque segua un corretto iter di gestione. È importante concentrare gli sforzi per incrementare la raccolta e il dato dell’attività svolta rappresenta un importante passo in avanti». Un passo in avanti che viene confermato anche dall’andamento nazionale nei primi cinque mesi del 2015 con una crescita dell’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’importanza di effettuare una gestione di questi rifiuti deriva dal fatto che i piccoli RAEE sono recuperabili per oltre il 95% del loro peso. «Questo significa che, delle 16mila tonnellate che abbiamo gestito come consorzio, solamente 800 sono andate a smaltimento. La parte restante è stata lavorata per diventare materie prime seconde che sono state reimmesse nei cicli produttivi», continua Dezio. «I risultati che Ecolight ha raggiunto sono il frutto di un’intensa attività di raccolta e di sensibilizzazione al fine di incrementare i volumi. Operare con rifiuti di piccole dimensioni significa anche mettere in atto un’azione capillare, orientata all’efficienza e all’ottimizzazione delle risorse».

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce il Comitato Strategico pazienti-Società Scientifiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

federanzianiUn Comitato Strategico formato da dieci Società Scientifiche operanti nell’area delle principali patologie croniche e da FederAnziani Senior Italia, Federazione delle Associazioni della terza età, si è insediato oggi ufficialmente a Roma con l’obiettivo di far progredire ulteriormente l’alleanza tra pazienti e medici specialisti per migliorare la salute della popolazione e lavorare strategicamente a fianco delle Istituzioni nazionali e locali.“Il Comitato lavorerà per area specialistica al fine di fronteggiare il complesso scenario posto dall’invecchiamento demografico e dalle mutate condizioni economiche e finanziarie del Paese evidenziandosi, di fatto, il bisogno di elaborare proposte concrete che consentiranno di coniugare la sostenibilità del nostro sistema con efficaci risposte ai bisogni di salute dei cittadini – così sottolinea Roberto Messina, Presidente di FederAnziani Senior Italia -. FederAnziani intende, in tal modo, proseguire sulla base di solide premesse scientifiche e attraverso una crescente sinergia con i più autorevoli esponenti del mondo della medicina il dialogo proficuo già in essere con le Istituzioni che governano la Sanità del Paese”. Le Società Scientifiche coinvolte sono SID – Società italiana di diabetologia, rappresentata dal Presidente Enzo Bonora, sostituito dal Consigliere Nazionale Davide Lauro; AIAC – Associazione italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione, rappresentata dal Presidente Gian Luca Botto e dal Past President Luigi Padeletti; AIMAR – Associazione scientifica per lo studio delle malattie respiratorie, rappresentata dal Past Presidente Fernando De Benedetto; SIE – Società italiana di endocrinologia, rappresentata dal Presidente Andrea Lenzi; SIAMS – Società italiana di andrologia e medicina della sessualità, rappresentata dal Presidente Emmanuele Jannini; SIMeP – Società italiana di medicina personalizzata, rappresentata dal Presidente Paolo Marchetti; SOU – Società degli oftalmologi universitari, rappresentata dal Presidente Leonardo Mastropasqua; SIP – Società italiana di psichiatria, rappresentata dal Presidente Emilio Sacchetti e dal Past President Claudio Mencacci; SINPF – Società italiana di neuropsicofarmacologia, con l’adesione del Presidente Eugenio Aguglia; SIU – Società italiana di urologia, rappresentata dal Segretario Generale Vincenzo Mirone, sostituito dal responsabile regionale Lazio Antonio Rizzotto. Fa parte del Comitato Strategico anche Walter Santilli, Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa Università La Sapienza, Roma. E’ intervenuto all’incontro Sergio Pecorelli, Magnifico Rettore dell’Università di Brescia, per illustrare le linee guida del IV Congresso della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute che si svolgerà a Rimini dal 20 al 22 novembre 2015.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Università di Camerino ha aperto CamPuS, l’Archivio Istituzionale delle Pubblicazioni Scientifiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

Ambientamento_CamerinoCamPuS è l’anagrafe pubblica dei risultati della ricerca di Ateneo: raccoglie, conserva ed espone al pubblico, attraverso una nuova interfaccia web, i dati bibliografici ed il testo della produzione scientifica UNICAM migliorandone la visibilità e quindi l’impatto nazionale e internazionale. CamPuS è un sistema aperto, pubblico e interoperabile con altri sistemi pubblici e privati, sia per l’esportazione diretta dei dati, sia per l’importazione di dati bibliografici. L’accesso libero e gratuito ai contenuti a testo pieno delle registrazioni presenti nell’Archivio sarà ovviamente possibile solo se consentito dagli autori e in accordo con le politiche degli editori. “CamPuS – ha dichiarato il prof. Graziano Leoni, Pro Rettore Unicam alla Valutazione, Programmazione e Qualità – rappresenta un miglioramento della piattaforma che l’ateneo aveva attivato da tempo. Si tratta dunque di una ulteriore opportunità per i nostri docenti per rendere ancora più visibile il grande lavoro di ricerca che svolgono quotidianamente all’interno dei nostri laboratori e delle nostre strutture, rendendo sempre più libera la divulgazione della ricerca scientifica.
Rappresenta inoltre un ulteriore strumento di trasparenza, di programmazione e di valutazione, necessario nelle procedure valutative sia di ateneo che ministeriali”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sentenza della Curia europea: ai precari vanno concessi gli scatti di anzianità

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

corte europea giustiziaLo ha confermato la terza sezione della Corte UE rispondendo ad una dipendente del Consiglio di Stato spagnolo, riguardo al rifiuto di quest’ultimo di concederle maggiorazioni corrispondenti a scatti triennali di anzianità, stante la sua qualità particolare di “personale reclutato occasionalmente” nel periodo 1996–2012. Decisiva, ancora una volta, la tutala della categoria grazie all’applicazione della direttiva 1999/70 e le successive clausole, tese a “migliorare la qualità del lavoro a tempo determinato garantendo il rispetto del principio di non discriminazione; creare un quadro normativo per la prevenzione degli abusi derivanti dall’utilizzo di una successione di contratti o rapporti di lavoro a tempo determinato”. Pertanto, i “periodi di anzianità di servizio relativi a particolari condizioni di lavoro dovranno essere gli stessi sia per i lavoratori a tempo determinato sia per quelli a tempo indeterminato”.Per il sindacato, solo nella scuola italiana possono ora rivendicare una ricostruzione di carriera corretta la maggior parte dei 300mila docenti e Ata assunti a partire dal 1999 (di cui100 mila dal 2011 senza primo gradino stipendiale) e i futuri 100mila docenti che saranno immessi in ruolo dal 2015 con la riforma della “Buona Scuola”. Sulla loro pelle lo Stato ha voluto risparmiare più di 2,5 miliardi solo negli ultimi anni.Marcello Pacifico (presidente Anief): la curia europea ha ribadito quello che ha detto ogni volta che è stata chiamata in causa su questo genere di ricorsi. Pertanto, impugneremo tutti i decreti di ricostruzione di carriera emessi negli ultimi anni in contrasto con la normativa comunitaria.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bancomat: Multa per prelievi ingiustificati

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

bancomatLa sanzione prevista dal comma 7 bis della delega fiscale – in via di approvazione definitiva – che introduce la multa dal 10 al 50 per cento per i lavoratori autonomi che prelevano soldi al bancomat senza giustificazione è incostituzionale in quanto viola lo Statuto dei diritti del contribuente e gli art. 3, 23, 53 e 97 della Carta Costituzionale. La afferma Vittorio Carlomagno Presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani che richiama il Governo al rispetto dello Statuto e della sentenza della Corte Costituzionale n. 228/2014. In 15 anni, secondo una ricerca di Contribuenti.it lo Statuto dei diritti del Contribuente è stato violato 14.117, con punte record nel primo semestre del 2015 con 1553 violazioni. “Con Lo Sportello del Contribuente – dichiara Vittorio Carlomagno – abbiamo cercato di garantire i di ritti previsti dalla L. 212/00 È’ importante per il Governo ed il Legislatore non ledere il principio di collaborazione e buona fede con i contribuenti, per non compromettere definitivamente la tax compliance”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »