Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 18 luglio 2015

Japan’s weak climate emission cuts threaten global climate deal – Greenpeace

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

climate_changeJapan’s government today confirmed a weak 26 percent cut in emissions by 2030 compared to 2013 as its contribution to climate change negotiation in Paris later this year. The figure represents a mere 18% reduction from 1990 levels, one of the weakest targets of any industrialised nation. Ai Kashiwagi, Energy Campaigner at Greenpeace Japan, said:“Prime Minister Abe will fail to meet even this abysmally weak climate target, and his fantasy energy policy with its reliance on expensive and dangerous nuclear energy won’t help. While much of the world is rapidly speeding towards a renewable energy future, Prime Minister Abe is standing in the way. The failure of his energy policy will instead lock Japan into a future of massive emissions, energy insecurity, and 20th century fossil fuel dependency.”“The Japanese government remains committed to a nuclear and fossil fuel economy, but the reality is that Japan has the potential to generate 56% of its electricity from renewables by 2030, which would reduce carbon emissions. Japan needs an ambitious, binding climate target, and an energy policy that will allow us to meet it,” said Kashiwagi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Cenerentola, ossia La bontà in trionfo (Cinderella or Goodness Triumphant)

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

cenerentolaToronto Friday, July 24, 2015 6:30pm. Alliance Française de Toronto, 24 Spadina Rd., Toronto Presented by: Istituto Italiano di Cultura. Is an operatic dramma giocoso in two acts by Gioachino Rossini. The libretto was written by Jacopo Ferretti, based on the fairy tale Cendrillon by Charles Perrault. The opera was first performed in Rome’s Teatro Valle on January 25, 1817. Rossini composed La Cenerentola when he was 25 years old, following the success of The Barber of Seville the year before. La Cenerentola, which he completed in a period of three weeks, is considered to have some of his finest writing for solo voice and ensembles.
In this variation of the traditional Cinderella story, the wicked stepmother is replaced by a wicked stepfather, Don Magnifico. The Fairy Godmother is replaced by Alidoro, a philosopher and the Prince’s tutor. Cinderella is identified not by her glass slipper but by her bracelet. Characters roles: Don Ramiro Francisco Araiza, Dandini Claudio Desderi, Don Magnifico Paolo Montarsolo, Clorinda Margherita Guglielmi, Tisbe Laura Zannini, Cenerentola Frederica Von Stade, Alidoro Paul Plishka (Canadian). Choir and Orchestra of Teatro alla Scala M. d. Choir Romano Gandolfi. Conductor and orchestra director Claudio Abbado. Scenes, costumes and direction Jean-Pierre Ponnelle. 151 min.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment: Richard Branson at 65, a different view on his entrepreneurial spirit

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

Warwick Business SchoolFamous UK entrepreneur and investor Richard Branson turns 65 on Saturday (July 18), academics from Warwick Business School have made the following comments about his enduring success as an entrepreneur.Deniz Ucbasaran, Professor of Entrepreneurship at Warwick Business School said: “Some people consider entrepreneurs to be extreme risk takers and people who have made it from rags to riches.“If this holds true then Richard Branson wouldn’t qualify. But I suspect few would disagree with the label entrepreneur being associated with Branson. Why? Because Branson spots opportunities – opportunities to improve customers’ well-being, even if on a small scale.“He clearly has empathy with customer problems and a creative brain to solve these problems. Importantly, however, Branson acts on these opportunities to create value for customers even when faced with the certainty of being challenged by incumbents but with the uncertainty of knowing what shape that challenge will take as well as knowing how to respond.“He is able to do this, not because he is a risk taker but because he knows what he can afford to lose and is confident that he can engage the energies of those around him by sharing his vision for a better future for customers.”Nicos Nicolaou is a Professor within the Entrepreneurship & Innovation department of Warwick Business School and believes Branson’s success as an entrepreneur can partly be attributed to something often deemed as a considerable learning disadvantage: dyslexia.“Richard Branson is an interesting example of an entrepreneur. Many people forget Branson is dyslexic, and research has found that dyslexics are often more likely than others to become entrepreneurs,” added Professor Nicolaou.
“This is because they take a more creative and take a holistic view of things. Just look at some of the other hugely successful entrepreneurs: Steve Jobs, Henry Ford and Charles Schwab were, or are, also dyslexic. So dyslexia can be gift that accounts for part of their success.“Branson, through his own admission, attributed frustration as a major factor in driving his entrepreneurial spirit at the beginning of his journey. Much like Steve Jobs, he was frustrated by the restricted environment of school and college, so instead challenged authority by looking for an opportunity – for Branson it was selling records by undercutting the High Street competition. That soon became establishing an airline, a mobile network, rail company and so on. “The story is Branson was told by his headmaster he would either find himself in prison, or as a millionaire, and we all know how that story panned out – Branson’s net worth stands at multiple billions.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Future by Quality”. L’innovazione è fondamentale per sostenere lo sviluppo

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

psicofarmaciL’innovazione è il fattore chiave perché l’Italia mantenga la leadership nella produzione farmaceutica nel mondo. Un Paese che non voglia competere solo sui costi richiede una continua evoluzione verso prodotti nuovi, tecnologie di maggiore complessità e valore aggiunto, processi produttivi innovativi. È quindi importante facilitare, stimolare e attrarre investimenti e innovazione nella produzione farmaceutica in Italia. Ma in che modo è possibile aumentare l’attrattività del nostro Paese? Una possibile “ricetta” è emersa nel secondo Forum Future by Quality Produzioni farmaceutiche di qualità: valore ed innovazione, organizzato dalla Fondazione Zoé – Zambon Open Education, che si è svolto nella Health&Quality Factory del gruppo Zambon a Vicenza con la partecipazione di 35 importanti professionisti ed esperti del settore e dell’indotto. Da un lato le competenze del settore rappresentano il fattore competitivo chiave, dall’altro l’inefficienza della burocrazia e gli insufficienti incentivi fiscali agli investimenti costituiscono elementi di rallentamento. Nonostante i progressi nelle politiche di settore portati avanti dal Governo, diventa essenziale migliorare la “facilità di fare business”, puntando in particolare sulla collaborazione tra Ente regolatorio e industria anche nell’innovazione in produzione. Oggi il nostro Paese è secondo nell’Unione Europea per valore e trend solo alla Germania. E le previsioni di breve-medio termine sono positive: uno studio condotto da A.T. Kearney nei mesi scorsi, cui hanno partecipato 22 siti produttivi di farmaci e vaccini di 18 aziende farmaceutiche, indica per questi siti investimenti nel triennio 2015-2017 in crescita del 42% rispetto al triennio 2012-2014. In particolare gli investimenti in nuove produzioni e tecnologie rappresentano un quarto del totale e sono previsti in crescita del 46% nel 2015-2017 rispetto al triennio precedente. Sebbene il panel non sia statisticamente rappresentativo dell’universo produttivo italiano, la sua ampiezza – pari al 28% del comparto produttivo farmaceutico italiano in termini di occupati e al 13% in termini di investimenti – e la sua composizione offrono considerazioni significative. L’indagine è stata presentata al Forum da Renato Ridella, partner di A.T. Kearney. “Il nostro Paese mantiene, nonostante le difficoltà, grande capacità di attrarre, mantenere e sviluppare una forte presenza produttiva – ha spiegato Elena Zambon, Presidente della Fondazione Zoé –. Non basta però essere tra i Paesi leader, bisogna migliorare la capacità di attrarre ulteriori investimenti. Il futuro della produzione farmaceutica si gioca nel rinnovamento degli stabilimenti e nella qualità. In questo senso anche la politica dovrebbe farsi carico di scelte strategiche che riconoscano il giusto valore a questo settore industriale. Come imprenditore credo vi sia ancora molto da fare nel migliorare la capacità di ‘fare network’, intensificare le relazioni tra industria e agenzia regolatoria italiana per creare un percorso parallelo e condiviso. Penso che per consolidare il ruolo del nostro Paese come piattaforma produttiva del settore farmaceutico in Europa e nel mondo sia necessario garantire gli investimenti dei farmaci maturi, il nostro asse portante, e sviluppare allo stesso tempo la produzione dei farmaci innovativi, come i biologici o i biosimilari”. Sergio Pecorelli, presidente di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), ha sottolineato la carenza di una pianificazione preventiva e di chiare linee guida, che garantirebbero rapidità non solo nella gestione delle procedure di autorizzazione di nuovi farmaci, ma anche nel monitoraggio e nell’aggiornamento dei dossier. “Sarebbe utile rivedere ed estendere i compiti di AIFA – ha affermato il professor Pecorelli -, per adeguarli a quelli degli Enti regolatori degli altri Paesi europei. Occorre perciò avviare un nuovo modello di governance dell’intera filiera del farmaco, dall’industria alle associazioni di pazienti, che veda le aziende coinvolte in modo sistematico nella definizione degli obiettivi di settore e nella condivisione delle leve per assicurare sostenibilità al sistema. Va inoltre considerato il peso dell’azione politica che spesso non agevola i progressi, ma al contrario li rallenta o addirittura li ostacola”.
“Infatti, come ha spiegato il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi, il settore farmaceutico ha portato grandi risultati a livello nazionale in termini economici e occupazionali, anche in un periodo di crisi, ma è costretto ad operare in un contesto di forte sottofinanziamento della spesa pubblica e sempre con rischi di ulteriori tagli. Per questo motivo, spesso innovare è considerato un rischio e non un’opportunità. Si rende quindi necessaria una stabilità e semplificazione normativa da parte delle Istituzioni, per disporre di regole adeguate e al passo con i tempi. Inoltre, la frammentazione del Servizio Sanitario Nazionale crea forti disuguaglianze tra Regioni, con gravi conseguenze negative per i pazienti”.
Uno stimolo al dibattito sull’innovazione è stato offerto da Salvatore Mascia, fondatore e presidente di CONTINUUS Pharmaceuticals – una start-up spin-out dell’MIT – che nel suo intervento video ha parlato della nuova tecnologia di produzione in continuo per farmaci, su cui lavora da anni dapprima presso il “Novartis – MIT Center for Continuous Manufacturing”, e poi anche attraverso CONTINUUS Pharmaceuticals. 65 milioni di dollari di finanziamenti hanno consentito lo sviluppo e la produzione in un impianto pilota di un farmaco, l’Aliskiren Hemifumarate, con un processo di produzione continuo e integrato a partire dalla sintesi del principio attivo al prodotto finito.
Fondazione Zoé – Zambon Open Education – nasce nel 2008 per volontà della famiglia Zambon – dell’omonimo gruppo chimico-farmaceutico – per occuparsi dei temi legati alla comunicazione della salute.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello per delle elezioni trasparenti, giuste e sicure in Costa d’Avorio

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

costa d'avorioDa molti anni la Costa d’Avorio è attraversata da crisi ricorrenti sfociate talvolta in scontri violenti con, anche in anni recenti, migliaia le vittime. Tutto ciò ha rallentato la sua crescita sociale e il percorso verso una moderna democrazia. Nuove elezioni per eleggere il presidente della Repubblica sono indette per il prossimo mese di ottobre 2015. La speranza che la società ivoriana e la stessa comunità internazionale affidano al voto di questo importante Paese dell’Africa occidentale è quella che esso serva a superare ogni condizione d’incertezza e, soprattutto, ad evitare nuove tensioni sociali. L’avvicinarsi della data fissata per il voto ha reso il clima politico e sociale del Paese ancora una volta particolarmente contrastato. Solo un voto regolare e trasparente è condizione perché l’esito possa essere accettato e riconosciuto dalle diverse parti in campo, ed evitare, di conseguenza, il pericolo di violenze e disordini. In solidarietà con il popolo della Costa d’Avorio, che in passato ha pagato pesanti tributi alle tensioni interne, noi ci appelliamo a tutte le forze politiche ivoriane e alla Comunità internazionale. Con quest’appello noi chiediamo: Agli attori politici tutti e in particolare alle autorità politiche e amministrative ivoriane di intraprendere ogni necessaria iniziativa affinché le prossime elezioni siano pacifiche, democratiche e aperte alla partecipazione di tutti. L’intero processo elettorale, compresa la campagna che precede l’elezione vera e propria, deve svolgersi garantendo, libertà e sicurezza a tutti i partiti in lizza. A tutti i cittadini deve essere garantito, liberi da pressioni, l’accesso ai seggi e l’espressione del voto. Alla comunità internazionale di esercitare la massima vigilanza possibile sulle modalità di avvicinamento e di svolgimento del voto per l’elezione del nuovo presidente della Costa D’Avorio, nella chiara consapevolezza che solo la regolarità di queste elezioni potrà consentire l’avvio di una fase libera dalle violenze del passato e favorire la crescita economica e sociale necessarie per battere la povertà di gran parte della popolazione. (Primo firmatario: BIANCO Gerardo, ex deputato e ministro dell’Istruzione, presidente Associazione Nazionale ex-parlamentari)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Da Felice Casorati a Emilio Vedova

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

raccolta lercaroBologna Venerdì 25 settembre 2015, ore 18.00 via Riva di Reno 57, apertura mostra. Orari di apertura: giovedì e venerdì 10-13 sabato e domenica 11-18.30 ingresso libero. L’esposizione presenta al pubblico la collezione di opere grafiche costituita nel tempo da Gastone e Gigliana Busoli, bolognesi di nascita e di vita, generosamente messa a disposizione dell’intera collettività dalla figlia Cristina tramite la donazione alla Raccolta Lercaro.
Si tratta di trentuno lavori – disegni, acquerelli, incisioni e litografie – diversi tra loro per stile, tecnica e tematica. Tanti gli artisti rappresentati: Felice Carena, Felice Casorati, Roberto Crippa, Gerardo Dottori, Gianni Dova, Pericle Fazzini, Achille Funi, Emilio Greco, Giuseppe Guerreschi, Virgilio Guidi, Mino Maccari, Alberto Magnelli, Giacomo Manzù, Marino Marini, Augusto Murer, Fausto Pirandello, Concetto Pozzati, Mauro Reggiani, Giovanni Romagnoli, Bruno Saetti, Giuseppe Santomaso, Gregorio Sciltian, Ardengo Soffici, Mario Tozzi ed Emilio Vedova.La collezione creata da Gastone e Gigliana Busoli nel corso di trent’anni di vita trascorsa insieme ha prevalentemente carattere di “raccolta”. La ragione d’essere di questo insieme variegato di lavori, che apre sguardi molto interessanti sul complesso panorama grafico del Novecento, non risiede in un progetto culturale perseguito con sistematicità dai collezionisti. Per trovare il sensoraccolta lercaro1raccolta lercaro2 profondo di questa attività di ricerca, costante e meticolosa, lunga una vita, occorre considerare come tutta la collezione è percorsa da un desiderio di Bellezza: è questo il filo rosso che lega i trentuno lavori oggi presentati alla Raccolta Lercaro. Un viaggio, dunque, alla ricerca del Bello.Diceva il cardinale Giacomo Lercaro che la vera arte è sempre testimonianza di quella tensione verso l’Infinito profondamente scritta nell’interiorità dell’uomo.È così che la ricerca ripetuta di soggetti femminili – dal bellissimo nudo a carboncino di Annigoni alle odalische di Bartolini, dal ritratto smunto e spigoloso di Casorati all’esplosione prosperosa delle forme nella litografia di Funi fino alla morbida rappresentazione di una maternità di Saetti – diventa occasione per riflettere sul mistero della donna. Analogamente, la quotidianità di semplici oggetti come barattoli o frutti è meditata attraverso le nature morte di Manaresi, Pozzati e Soffici. Non manca una riflessione sulla rappresentazione delle forme: bellissimi a questo proposito il disegno informale di Giuseppe Santomaso e l’acrilico di Crippa che, sulla carta, descrive spirali di luce e colore.Presenti anche vedute e paesaggi, magari dal sapore un po’ malinconico come I canottieri del Tevere di Bartolini, che offre uno spaccato su un mondo che non c’è più. O immagini da cartolina, che restituiscono l’atmosfera di feste paesane anni Cinquanta, come l’acquerello Soldati in festa di Sciltian.Una galleria personale, quella dei Busoli, in cui l’anima e la mente si ricompongono e si accordano meditando e rimeditando immagini che, ancora oggi, se osservate nella loro unità, restituiscono a noi i tasselli di una vita di ricerca spesa insieme. (raccolta lercaro)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lonato in Festival

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

lonatolonato1Lonato del Garda (Bs) Rocca visconteo veneta Via Rocca dal 6 al 9 agosto “Lonato in Festival- Artisti di Strada e Incanti dal Mondo”, fra le più coinvolgenti rassegne di arte di strada e di circo in Italia, anche grazie allo straordinario fascino della location che lo ospita. Dal fare della sera al cuore della notte – in un crescendo di musiche e performance per grandi e piccoli – creeranno un mondo di meraviglie in un castello da favola, la possente Rocca Visconteo Veneta di Lonato da cui si gode uno splendido colpo d’occhio sul lago di Garda. Giunto alla terza edizione, il festival metterà in scena in quattro giorni un centinaio di eventi.
Dal Perù arriverà il gruppo Sayaka Incas, dal Messico gli Aztechi, dal Kenya i Maasai, dalla Mongolia il gruppo Hulan con uno spettacolo che offre una visione al femminile della cultura e della spiritualità del popolo della steppa, con musiche, danze, canti e numeri di contorsionismo. Molti gli artisti e le compagnie di circo contemporaneo e teatro di strada, tra cui il Magda Clan giovane e affermata compagnia circense italiana, il Duo Artemis, All’incirco varietà, Jessica Arpin, Fede Scoch, Luca Chieregato con Chiedimi una storia, l’antica arte del kalaripayattu e il fuoco di Antares e per la musica Mauro Paganini con i suoi originalissimi strumenti, la trascinante Royal Swing Ostrica, i jukebox in carne ed ossa Peppino e Fedele e il pianista Rocco Mentissi, e infine i burattini e le marionette della Compagnia Alberto De Bastiani e Il Cerchio Tondo. (BIGLIETTO D’INGRESSO Adulti 8,00 euroRidotto bambini (fino a 12 anni) 2 euro ORARIDalle 18.30 alle 24.00) (foto lonato)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torre dell’Orso: 27 anni di attività della comunità Narconon Gabbiano Onlus

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

Onu palaceSecondo l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga ed il Crimine sono 200 milioni le persone che hanno assunto droghe almeno una volta in un anno e di questi 25 milioni sono considerati tossicodipendenti. Con queste statistiche e con il perdurare di tale piaga sociale si potrebbe supporre che non esista soluzione di sorta per la riabilitazione dalla tossicodipendenza. Varrebbe la pena invece far conoscere e valorizzare le soluzioni che realmente esistono e sono operative sul nostro territorio. La comunità Narconon Gabbiano ne è un chiaro esempio, dove in 27 anni di applicazione del suo metodo riabilitativo, basato sulle opere del filosofo ed umanitario sig. Ron Hubbard, ha fatto uscire definitivamente dal tunnel della droga e dell’alcol, centinaia e centinaia di tossicodipendenti.
Domenica 19 luglio presso la sede del centro Narconon Gabbiano di Torre dell’Orso sarà possibile toccare con mano la realtà sociale di questa comunità e sentire in particolare le emozionanti storie di chi ha completato la sua riabilitazione. Una rappresentanza di coloro che ha terminato tale percorso riabilitativo presso la comunità Narconon Gabbiano sarà infatti presente per celebrare il 27° anniversario della costituzione di questo centro del Salento. Autorità locali, famigliari, amici e sostenitori faranno da gioiosa cornice a questa “festa della vita” che da anni si ripete ed il cui intento rimane immutato: affermare che dalla tossicodipendenza si può uscire e vivere una vita dignitosa è possibile. A tutti i presenti verrà consegnata gratuitamente una copia della brochure “Aiutare un familiare: salvare una persona cara dall’abuso di sostanze e dalla dipendenza” quale strumento di prevenzione di facile e immediata consultazione. Gli operatori della stessa comunità saranno inoltre a disposizione dei presenti per rispondere a tutte le domande e richiesta d’informazione.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il mercato dei buoni pasto

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

buoni pastoUn morso da 500 milioni di euro, a tanto ammonta lo sconto che i committenti, pubblici e privati, pretendono ogni anno sul valore dei buoni pasto immessi sul mercato. “Il costo di questo gigantesco buco – dichiara Aldo Cursano, vicepresidente vicario Fipe-Confcommercio – è stato finora coperto sacrificando i margini degli esercenti fino ad azzerarli. Ma ora il sistema non è più sostenibile e diciamo che bisogna cambiare registro perché non siamo disposti a scaricare i costi su lavoratori e consumatori in genere alzando i prezzi o abbassando la qualità del servizio”. – Questa è la denuncia di Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi.L’ultima gara indetta da Consip per i buoni pasto della pubblica amministrazione è stata aggiudicata con sconti fino al 22% sul valore dell’appalto pari a un miliardo di euro. Il risultato è che in circolazione ci saranno buoni pasto che valgono un miliardo di euro ma sono stati pagati circa 800 milioni dalla pubblica amministrazione. Chi paga i 200 milioni di euro di differenza? Di fatto gli esercenti che su ogni buono incassato si vedranno applicare la commissione necessaria a coprire la differenza. Oggi questa commissione, comprensiva di aggravi ingiustificati, arriva al 18%. Senza considerare, poi, i costi di gestione fatti di conteggi, fatturazione, spedizione, ecc.
“Non è questa la spending review che ci aspettiamo dallo Stato. Devono tagliare sprechi ed inefficienze – prosegue Cursano – non risparmiare facendo pagare il conto ad imprese e famiglie”. “Chiediamo a Governo e Parlamento di intervenire per sottrarre un mercato speciale come quello dei buoni pasto a gare che non garantiscono il valore del buono lungo tutta la filiera. Ci aspettiamo che lo Stato, sia attraverso Consip che attraverso l’Antitrust, assuma comportamenti virtuosi per tutelare la sostenibilità delle imprese e i diritti dei consumatori” continua Aldo Cursano.Il mercato dei buoni pasto, secondo Fipe, deve essere fondato su tre principi:
Integrità del valore lungo tutta la filiera, eliminando ribassi insostenibili coperti con l’imposizione di commissioni e servizi aggiuntivi a carico degli esercenti.
Corretto uso del buono pasto secondo quanto previsto dalle norme. Il buono pasto non può avere la stessa fungibilità del denaro e dunque va utilizzato esclusivamente per l’acquisto di prodotti alimentari pronti per il consumo immediato e per servizi di ristorazione nel rispetto del divieto di cumulabilità.
POS unico in grado di “leggere” tutti i buoni pasto di qualunque emettitore per evitare barriere che rischiano di trasformarsi in ulteriori e maggiori costi per esercenti e consumatori.
“Speravamo che col passaggio al buono elettronico si eliminassero aggravi di costi e di adempimenti burocratici. L’effetto, invece, pare essere esattamente quello contrario” prosegue Aldo Cursano, che spiega “Oggi i costi del buono elettronico sono fuori da ogni logica di mercato e sono scaricati interamente sull’esercente: basti dire che per ogni singola transazione si chiede fino a 0,48 euro a cui si aggiungono i costi di installazione del Pos ed il canone di noleggio. Inoltre, rischiamo di dover gestire 4-5 POS, uno per ciascun emettitore. Così non va bene, bisogna riscrivere le regole, oppure salta il sistema”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I trend delle prenotazioni estive

Posted by fidest press agency su sabato, 18 luglio 2015

mareCresce il numero di Italiani che decide di prenotare le proprie vacanze estive al di fuori del “classico” mese di agosto. Secondo le analisi di Venere.com, lo specialista delle prenotazioni di accomodation online, i nostri connazionali stanno sempre di più decidendo di approfittare di offerte vantaggiose e minore affollamento, prenotando un soggiorno in mesi come giugno e settembre.Nonostante agosto rimanga il mese preferito dalla maggior parte dei vacanzieri, con il 36% delle notti prenotate (prenotazioni effettuate entro il 31 maggio) sul totale dei quattro mesi estivi, molti Italiani hanno scelto di anticipare le proprie ferie a giugno. Il 34% delle notti prenotate su Venere.com è stato infatti per il mese che “inaugura” la stagione. Luglio, con il 26% del totale delle notti prenotate, si conferma un periodo molto amato dagli Italiani che devono andare in vacanza.Settembre, pur rimanendo ancora un mese poco gettonato per i vacanzieri del Bel Paese, ha visto un incremento doppio delle notti prenotate rispetto a quanto fatto registrare dai mesi di luglio e agosto in confronto al 2014.Lido Loveri, Direttore Online Marketing di Venere.com, ha commentato: “I nostri dati relativi all’andamento delle prenotazioni per l’estate 2015 confermano che gli Italiani stanno sempre di più diversificando le proprie vacanze, scegliendo anche altri mesi oltre al classico agosto. In particolare, ci aspettiamo nelle prossime settimane una crescita considerevole delle prenotazioni per soggiorni a settembre, periodo durante il quale è possibile approfittare di numerose offerte.” Parigi conquista la vetta della classifica di Venere.com delle mete più prenotate per soggiorni da effettuare durante i quattro mesi estivi, scalzando Roma, che nel 2014 era in cima alle preferenze degli Italiani e ora occupa il terzo gradino del podio. In seconda posizione si piazza la Sicilia: grazie a destinazioni che uniscono spiagge da sogno ad un ricco patrimonio culturale, la regione è infatti una delle mete più apprezzate dai vacanzieri italiani.
Milano, complice anche il boom di prenotazioni dovuto a EXPO, è la vera new entry nella classifica di Venere.com. Il richiamo costituito dall’Esposizione Universale, unito alle tante attrazioni cittadine, ha infatti portato il capoluogo lombardo ad essere una meta gettonata dai viaggiatori anche durante l’estate, con un aumento del 79% delle prenotazioni rispetto al 2014.
Chiude la top 5 stilata da Venere.com la Sardegna: da sempre una delle destinazioni più scelte dagli Italiani alla ricerca del mare cristallino, l’isola si conferma anche per l’estate 2015 una delle mete da non perdere, con un incremento delle prenotazioni del 24% rispetto all’anno precedente.
“Il mare siciliano e quello sardo sono veri e propri classici delle vacanze estive degli Italiani e le prenotazioni sul nostro portale confermano la tendenza anche per quest’anno”, commenta Lido Loveri, Direttore Online Marketing di Venere.com. “A mete tradizionali come la Sicilia e la Sardegna, si affianca quest’anno una new entry d’eccezione come Milano: l’EXPO ha sicuramente contribuito a renderla una meta appetibile anche durante il periodo estivo, consentendo di visitare la città e le sue attrazioni quando è meno affollata.”

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »