Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for agosto 2015

Precariato, il Consiglio di Stato riapre le Graduatorie ad esaurimento ad altri 1.900 diplomati magistrale

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2015

Altra clamorosa vittoria Anief a seguito dell’udienza cautelare tenutasi lo scorso 27 agosto: i ricorrenti dei numeri di ruolo 2466/2015, 2465/2015, 2707/2015 e 2706/2015 ottengono ragione in CdS, che decide per il loro inserimento in via cautelare nelle Graduatorie d’interesse pre-ruolo. Gli avvocati Sergio Galleano, Vincenzo Di Michele e Tiziana Sponga danno una nuova lezione al Miur nei tribunali, confermando che la linea di chiusura assunta dall’amministrazione negli ultimi 13 anni sui docenti abilitati con diploma magistrale, conseguito fino all’a.s. 2001/02, è stata lesiva del loro diritto ad insegnare. Una volta ottenuta la sentenza definitiva, il cui merito si discuterà 1° dicembre, anche questi ricorrenti potranno quindi rivendicare la partecipazione al piano straordinario di immissioni in ruolo della riforma, con eventuale recupero della mancata assunzione.Marcello Pacifico (presidente Anief): lo avevamo detto in Parlamento più volte, questi docenti – come i 70mila ablitati con Tfa, Pas, corsi di Scienze delle formazione primaria e all’estero – non possono continuare ad essere ignorati dai nostri governanti. Era inevitabile, come sta accadendo, che in tanti si sarebbero rivolti alle aule dei tribunali per ottenere giustizia.Altri 1.893 ricorrenti ottengono l’inserimento in quelle Graduatorie ad esaurimento che il Miur continua a tenere ottusamente blindate: stavolta a dare ragione alla linea dell’Anief è stato il Consiglio di Stato, che grazie all’udienza cautelare tenutasi lo scorso 27 agosto, la cui doppia ordinanza (3900/15 e 3901/15) è stata depositata oggi 31 agosto, ha optato per il loro inserimento in via cautelare nelle GaE: i docenti precari, tutti regolarmente abilitati attraverso il diploma di maturità conseguito prima del 2002, vengono così finalmente inseriti in quelle liste di attesa pre-ruolo da dove il Ministero dell’Istruzione si ostina da 13 anni a tenerli esclusi. Si tratta, indubbiamente, di una nuova vittoria dell’Anief, che fa il bis con quella di accesso dei diplomati magistrale nei concorsi pubblici riservati agli abilitati, anche per l’accesso ai corsi di sostegno, e alla mobilità del personale di ruolo: pure in questo caso, il giovane sindacato ha sempre dichiarata illegittima l’esclusione dalle GaE dei 45mila docenti abilitati attraverso il diploma magistrale abilitante direttamente all’insegnamento nelle scuola pubbliche. Resta fermo che, una volta ottenuta la sentenza definitiva, il cui merito si discuterà il prossimo 1° dicembre, questi ricorrenti potranno rivendicare quanto il Miur sta negando loro: la partecipazione al piano straordinario di 103mila immissioni in ruolo della riforma, con l’eventuale recupero dell’assunzione persa in modo illegittimo in tutte le fasi di assunzioni: dalla 0 alla A, fino all’attuale B e alla prossima C.“Aveva ragione il nostro sindacato – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief – quando ha rivendicato, in tempi non sospetti, che i diplomati magistrale devono poter accedere alla possibilità di partecipare al piano nazionale di immissioni in ruolo, al pari di tutti gli altri abilitati inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento. Lo avevamo detto a chiare lettere nelle audizioni tenute in primavera prima a Montecitorio e poi a Palazzo Madama, davanti alle commissioni Cultura e Istruzione di Camera e Senato congiunte: questi docenti – come i 70mila ablitati con Tfa, Pas, corsi di Scienze delle formazione primaria e all’estero – non possono essere ignorati dai nostri governanti. Perché questo è avvenuto: è come se fossero diventati invisibili. Era inevitabile, come sta accadendo, che in tanti si sarebbero rivolti alle aule dei tribunali per ottenere finalmente quella giustizia negata dal legislatore”.Il sindacato ricorda che il passaggio dalle graduatorie d’istituto a quelle ad esaurimento non è estensivo a tutta la categoria dei diplomati magistrale: a fronte di una sentenza del Consiglio di Stato, non di un’espressione della Corte Costituzionale, i benefici derivanti vengono adottati con certezza solo ai ricorrenti. Per ottenere, quindi, il medesimo risultato, l’inserimento nelle GaE, tutti i precari inseriti nelle graduatorie d’Istituto è bene che procedano alla presentazione individuale di apposito ricorso.
Anief ricorda, infine, che c’è tempo sino alla mezzanotte di oggi, 31 agosto 2015 per aderire ai ricorsi per l’ammissione alle fasi nazionali (B e C) del piano straordinario di assunzioni di cui alla Legge 107/2015: si tratta di abilitati con Tfa, Pas, a seguito di un corso di Scienze della formazione primaria oppure con altre abilitazioni. Per gli interessati – che debbono comunque aver inviato al Miur la domanda cartacea predisposta dall’Anief – è disponibile l’apposito Form di adesione on line. Sempre al 31 agosto sono stati prorogati i termini per impugnare la chiamata diretta, sia dal personale già inserito nelle graduatorie, sua da chi è abilitato però fuori dalle stesse GaE e di merito.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Let’s Rock on the Top of Europe!

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2015

Interlaken, Switzerland,Interlaken, Switzerland. A unique event. A first: thanks to Swiss watch brand TAG Heuer, a Chinese music star – the composer, dancer, musician and actress G.E.M. – will perform today on the famous Jungfraujoch glacier for an audience of more than 200 Chinese fans who have travelled from China and all over Europe.G.E.M. is a household name in China. A generational phenomenon throughout the country and across Asia. Young, beautiful and talented with a powerful voice and a sought-after look, she is the epitome of success and, at just 24, is admired by an entire generation of youngsters who know her songs by heart. At the invitation of TAG Heuer, G.E.M. – which stands for Get Everybody Moving – decided to come and perform in Switzerland. And – as expected of her – the performance will take place on a dazzling stage, which she has designed down to the very last detail alongside the Swiss watch brand, for whom she has been an ambassador since early 2015. Arriving by helicopter after a flight over the Swiss Alps, she will be met by Jean-Claude Biver, President of the LVMH Group Watch Division and CEO of TAG Heuer. On a stage built on the snow in the form of the TAG Heuer logo, she will sing her biggest hits, including Someday I’ll Fly, What Have U Done and Oh Boy: a real physical feat at this altitude. Of course, no one could resist a few of the great Swiss clichés to top off this unique event: Bernese mountain dogs, as well as Alpine horn players and an opportunity to taste Mr. Biver’s very own cheese. To continue the fun, G.E.M. will extend her performance by descending the glacier’s Snowpark on a zip wire. Her motto could be DontCrackUnderPressure!
Jean-Claude Biver, President of the LVMH Group Watch Division and CEO of TAG Heuer, stated: “Thanks to her amazing character and infectious energy, G.E.M. has really accelerated TAG Heuer’s ability to connect with youngsters in China and Asia in general. We succeeded in staging an event that might have seemed outlandish, thanks to her perseverance and professionalism and that of the teams, in particular from Jungfraujoch, who I would like to thank for their welcome. Our Chinese friends will remember this event for a long time – an event organised in their honour and which illustrates the friendship between our two countries”.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina difensiva, Ministero: dossier Alpa seguirà iter in Affari sociali

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2015

medicinadifensivaLe proposte elaborate dalla Commissione consultiva, nominata dal ministero, per ridurre i contenziosi in sanità e la “medicina difensiva”, non saranno inserite all’interno della legge di Stabilità. Il documento dovrà passare al vaglio della commissione Affari sociali della Camera per arrivare a una stesura finale entro la fine del 2016. Lo ha precisato il ministero della Salute per chiarire che l’iter del dossier è quello preannunciato lo scorso 6 agosto: «Consegneremo il dossier alla commissione Affari sociali che sta lavorando alla legge sulla responsabilità professionale (per la quale il relatore di recente nomina è Federico Gelli (Pd) ndr.) con l’intento di far camminare insieme alle misure dell’appropriatezza anche le norme sulla medicina difensiva». Tra le proposte, lo si ricorda, l’indicazione a porre a carico del paziente l’onere di provare l’avvenuto danno e non più al medico di discolparsi dalle accuse, la riduzione della prescrizione da 10 a 5 anni, rafforzamento del sistema che prevede l’obbligatorietà dell’assicurazione delle strutture ospedaliere. Ma all’attenzione della commissione ci sarà in particolare la definizione della natura giuridica della responsabilità professionale dal punto di vista civilistico. La Commissione consultiva presieduta dal giurista Guido Alpa propone la configurazione quale extracontrattuale per i medici dipendenti e convenzionati di strutture pubbliche e private, con lo spostamento dell’onere della prova sul paziente e la prescrizione ridotta a 5 anni. Il testo base della XII commissione, invece, nel configurare la natura extracontrattuale della responsabilità dell’esercente la professione sanitaria, configura la stessa responsabilità quale contrattuale nei confronti della struttura sanitaria pubblica o privata alla quale appartiene il professionista. (Fonte doctor33)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Preparati galenici dimagranti, Ministero vieta otto principi attivi

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2015

Ministero saluteCon i due decreti del ministero della Salute emessi nelle scorse settimane, in data 27 luglio e in data 4 agosto, in vigore rispettivamente dal 30 luglio e dal 10 agosto, sono diventati otto i principi attivi il cui uso è vietato nella preparazioni magistrali. Il divieto è rivolto a medici prescrittori e ai farmacisti che hanno la facoltà di realizzare nel proprio laboratorio preparati galenici, ma in un primo momento il Ministero aveva posto il veto solo sull’uso della pseudoefedrina, principio attivo appartenente alla famiglia chimica delle fenetilammine e delle amfetamine utilizzato nei composti per il dimagrimento. Ma in data 4 agosto è stato emesso un ulteriore decreto con il quale è stato disposto un nuovo divieto riguardante i principi attivi triac, clorazepato, fluoxetina, furosemide, metformina, bupropione e topiramato, sia se impiegati singolarmente che in associazione fra loro a scopo dimagrante. Tale decreto, in vigore dal 10 agosto, fa sapere il Ministero «è stato adottato su impulso dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che ha trasmesso segnalazioni di sospetta reazione avversa della Rete nazionale di farmacovigilanza. Dalla segnalazione è emerso che le preparazioni magistrali contenenti i citati principi attivi singolarmente, ma più spesso in associazione combinata tra di loro, quando utilizzati a scopo dimagrante, hanno un rapporto beneficio-rischio estremamente sfavorevole e possono essere pericolose per i soggetti che ne fanno uso». A tale divieto categorico, sottolinea Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona «i farmacisti si attengono con estrema puntualità» e chiarisce che «qualora il paziente si recasse in farmacia con la prescrizione di una preparazione magistrale contenente uno o più principi attivi oggetto dei provvedimenti di queste ultime settimane, il farmacista non potrebbe realizzarlo, se utilizzato per scopi dimagranti». Ma secondo Bacchini «i medici al pari dei farmacisti sarà assolutamente aderente al nuovo dettato normativo e non prescriverà questi principi attivi a scopo di dimagrimento». E aggiunge: «Vorrei comunque rinnovare l’invito a non ricorrere a strade alternative come l’acquisto illegale di farmaci e preparati a scopo dimagrante tramite internet, nelle palestre o in canali alternativi non ufficiali. Sarebbe veramente inutile la normativa introdotta, ed il rispetto della stessa da parte di Medici e Farmacisti se poi il paziente, per ottenere “effetti magici” utilizzasse canali non controllati». (Simona Zazzetta da Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I copioni di Berlusconi

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2015

lampedusa sbasrchi2Riporterò FI oltre il 20% dei consensi. Questa è l’ultima boutade di Silvio Il Magnifico. Se vogliamo credere a tali aspirazioni, non rimane che analizzare i copioni seguiti da questo ex presidente del consiglio, ex senatore, ex cavaliere del lavoro, ex grande imprenditore. Già sovrano assoluto della comunicazione di massa, ha elargito “lectio magistralis” sul tema della propaganda di se stesso, seguendo il copione che maggiormente poteva adattarsi al singolo momento.
Copione Lampedusano
Per chiarire la coerenza di questo personaggio, bisogna fare qualche passo indietro e riascoltare l’intervento alla TV satellitare Nessma tunisina, di sua proprietà, allora pronunciò queste testuali parole: ”Abbiamo il dovere di guardare a quanti vogliono venire in Italia con una totale apertura di cuore e di dare a coloro che vengono in Italia la possibilità di un lavoro, di una casa (…) questa è la politica del mio governo”.
Passiamo quindi a Lampedusa, davanti alla folla preoccupata ed esasperata per l’invasione dei migranti, apparendo convinto delle sue parole, ebbe a garantire, tra l’altro: “in 48-60 ore – è stato il primo e più politico annuncio del premier- Lampedusa sarà abitata solo dai lampedusani”. ”Questo fu solo l’esordio della litania di promesse con le quali esaltò gli animi dei depressi lampedusani, infatti aggiunse: “Chiederemo per l’isola il Nobel per la pace”, quindi, dopo consultazione con l’ineffabile Tremonti, aggiunse che era volontà del governo“ concedere a Lampedusa una ‘moratoria fiscale, previdenziale e bancaria almeno per un anno finalizzata a trasformarla in “zona franca”. Perso il controllo di se stesso, alzò i toni e il livello delle promesse, garantendo che sarà realizzato un campo da golf, una scuola e infrastrutture sanitarie.
Le affermazioni estemporanee che fece alla TV tunisina, diventarono accuse pesanti, ma non documentate: “tra i migranti tunisini arrivati a Lampedusa ci sono alcuni dei 13.600 evasi dalle carceri”. Ma subito ha chiarito: ”Abbiamo fatto in modo che queste persone non si immettessero nel tessuto sociale, mantenendo presidi che hanno evitato che ciò accadesse”. La conclusione del discorso culminò con lo spavaldo annuncio: “la notte scorsa, per una cifra inferiore ai due milioni di euro, ho comperato su internet una villa a Cala Francese”. Il copione lampedusano si conclude alla Berlusconi, con una delle sue melense barzellette, che rappresentano la sintesi di una megalomania malata: Berlusconi ha incontrato all’interno della base dell’aeronautica dove si è recato in visita, le mamme che in questi giorni hanno protestato animatamente affinché fosse risolta l’emergenza immigrati. Durante l’incontro il premier ha raccontato alle signore una barzelletta: “Durante un’indagine si chiede ad un campione di donne se vogliano fare l’amore con Berlusconi. Il 30% risponde ‘Magari…’, mentre il restante 70%, confessa….’Di nuovo?”.
Copione aquilano
All’indomani del terremoto che provocò oltre 300 morti, la presenza ingombrante di Berlusconi divenne ossessiva; giornalmente un elicottero lo portava sulla scena del disastro, per esibirsi in una lunga serie di gaffes che val la pena ricordare.· “Per l’estate stiamo organizzando una serie di vacanze nel mare Adriatico e stiamo vedendo anche delle crociere sul Mediterraneo dove intendiamo mandare famiglie intere e ragazzi” (29 maggio 2009)
· <<Va preso tutto come un fine settimana in campeggio>>, aprile 2008
· A Lia Beltrami, assessore pari opportunità di L’Aquila <<Posso palpare un po’ la signora?>>, aprile 2009
· Il consiglio a una studentessa per evitare la precarietà <<Contro la precarietà? Sposare mio figlio o un milionario. Io da padre le consiglio di cercare di sposare il figlio di Berlusconi o qualcun altro del genere, e credo che, con il suo sorriso, se lo può certamente permettere>>, marzo 2008
· Dunque, mentre all’Aquila le new town volute da Berlusconi cadono letteralmente a pezzi, con balconate che crollano su quelle sottostanti, gli italiani continuano a pagare le follie dell’epoca Berlusconi-Bertolaso. Il G8 alla Maddalena è costato ufficialmente oltre 327 milioni di euro, ma si tratta – come dimostra la vertenza tra la Cgf Costruzioni Generali (un tempo Giafi) di Carducci e lo Stato – di una stima prudenziale: gli investimenti rischiano di aver superato il mezzo miliardo.
Denaro gettato al vento: il vertice in Sardegna non s’è mai fatto, e le strutture che avrebbero dovuto rilanciare il turismo dell’isola sono state abbandonate. Non solo l’hotel dell’ex Arsenale (il gruppo di Emma Marcegaglia che lo aveva preso in affitto è stato risarcito con 36 milioni a causa delle mancate bonifiche a mare), ma anche il residence in cui dovevano dormire gli otto grandi è in balia delle intemperie e dell’incuria.
Copione estemporaneo
C’è poi il copione estemporaneo, collaudato in una riunione organizzata per l’esaltazione della grandeur di Berlusconi; era il 14 febbraio 2013 quando Berlusconi si lanciò in una parodia di intervista ad una incolpevole e imbarazzatissima dipendente, degna di un teatro porno di avanspettacolo Rivolto all’impiegata facendo oscene allusioni: “Ma lei viene?, Quante volte viene? Con che distanza temporale?” Parole che non hanno neppure bisogno di essere commentate. L’incresciosa scenetta con tanto di risate e applausi telecomandati di un pubblico che voleva apparire divertito, aveva innescato delle polemiche. Il comunicato tempestivo del manager della società, Ruggero Carlesso aveva subito minimizzato, specificando in una nota che la giovane dipendente non era stata affatto imbarazzata, anzi era onorata, (di essere stata trattata come una…escort nel corso delle trattative per determinare l’importo di una marchetta n.d.r.)
Tuttavia a polemizzare sull’accaduto è stato proprio la principale protagonista, la trentenne Angela Bruno, la vittima designata alle infelici battute, che di fatto smentisce il comunicato aziendale ritenendosi offesa per quelle battute da bar di infimo ordine.
Angela, come riporta fedelmente un noto giornale ha scritto una mail ad un giornalista che le aveva chiesto un’intervista, allegando copia della sua carta di identità per evitare ogni dubbio sulla provenienza. Il testo diceva:
“Buongiorno sono Angela Bruno. Sono allibita da ciò che leggo oggi sui giornali. Finora non ho avuto modo di difendermi, quindi a seguito rilascio la prima dichiarazione. In qualità di Donna e di Madre, le battute del Cavaliere non mi hanno affatto onorato, solo imbarazzato. La notizia dove mi dichiaro “onorata” è falsa. Questa è la prima dichiarazione che rilascio. Sono vittima di una manipolazione mediatica. Molte grazie”.
Infine sul suo profilo Facebook scriveva: “Il valore di un uomo non si misura dallo spessore del suo portafogli”.
Ma il punto non è solo questo.
Veronica Lario nella sua famosa lettera pubblicata da Repubblica aveva avvertito: “Mio marito non sta bene, ha bisogno di essere curato”. Peccato l’avvertimento sia stato completamente ignorato. Ricordiamo che il giorno di San Valentino (14 febbraio) si festeggia in tutto il mondo l’invito per dire basta alla violenza sulle donne, comprese quelle verbali.
Questo il livello morale e culturale dell’uomo che ritiene di poter sovvertire ogni responso democratico delle urne, con la sua sola presenza nei talk pilotati e corredati da domande concordate, a livello di Bruno Vespa.
Rimane incomprensibile come l’8% dell’elettorato, ancora, doni il suo consenso ad un simile personaggio.(Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cadaveri in cerca d’autore

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2015

carceri-cella-affollataPartendo dall’idea che di galera non si debba parlare, dei morti ammazzati dentro una cella neppure, del suo sovraffollamento meno ancora, volendo così significare che l’ingiustizia è stata finalmente sanata, mi sovviene un pensiero che rafforza drammaticamente quel che è già risaputo da tempo: più la galera sarà ridotta a un lazzaretto disidratato, più chi poco conosce della prigione risulterà contento.
Chiaramente si tratta di una disattenzione che renderà il cittadino ulteriormente allarmato, ovvero alla ricerca di sempre nuove sanzioni restrittive che però non risolveranno i problemi che affliggono la società di cui è parte.
Una sorta di autoipnosi collettiva, perché è provato dalla recidiva inequivocabile che le carceri punitive non consentono alcuna rieducazione, alimentando ben poca “sicurezza” per quei cittadini che invece auspicano una giustizia giusta.
Sul carcere è franato un silenzio spesso come la pece, frutto di un’architettura sofisticata al punto da non obbligare ad alcuna indignazione, neanche per le patologie a doppia diagnosi che s’espandono nelle celle di una prigione.
C’è silenzio feroce della notizia, tramortita dall’estate in dirittura conclusiva, contiene un messaggio sottotraccia, non bisogna parlarne troppo, occorre evitare strilli e urla, sono “eventi critici” che dalla notte dei tempi appartengono al novero delle “insindacabilità” carcerarie. Sei detenuti suicidi, ognuno ospite in un Istituto diverso, ciascuno strozzato in gola, con le orbite esplose nei polmoni. Sei persone all’ammasso, corpi denudati, cadaveri in cerca d’autore.
Sei residenti in quella sorta di terra di nessuno, dove non si vuole guardare, sei interrogativi rapinati brutalmente di soggetto e complemento oggetto, sei uomini azzerati della propria esistenza nello spazio di un mese o giù di lì.
Manca il personale, non ci sono mezzi necessari a tutelare e garantire se non una parvenza vita, una possibile sopravvivenza.
In questi frangenti le colpe non sono mai di nessuno, ovvero sono “semplicisticamente” riconducibili alla fragilità umana, genuflessa al peso della colpa e del rimorso incombente. Episodi licenziati sbrigativamente dall’urto e nel fastidio della piaga endemica dell’Amministrazione Penitenziaria, il sovraffollamento, come unica condizione d’irrappresentabilità della pena da scontare.
Non c’è da farla tanto lunga, tante e troppe persone per bene muoiono ingiustamente nel consorzio sociale libero! Non fa una grinza, ma forse c’è da tener in debita considerazione che queste dipartite appartengono anch’esse a cittadini detenuti, sì, privati della libertà, ma a norma di legge con le mani e con i piedi interamente affidati allo Stato che li detiene, che però non dovrebbe spogliarli della propria dignità.C’è arrendevolezza di comodo al male minore, rispetto alla condizione di inaccettabilità cui è costretto il carcere. Sei detenuti di ogni età, terra di origine, si sono “volutamente” estinti in altrettante regioni della penisola, dunque non è la solita letteratura di parte che riguarda una ben definita Cayenna, quel famoso inferno, quella unica e malcelata dependance del diavolo. Sei esseri umani hanno preferito la ferita scarnificata al collo, il cappio stretto alla gola, se ne sono andati in sei nell’arco di un mese, scacco alla sofferenza, al dolore, all’abbandono e alla follia che imperversa in ogni disperazione solitudinarizzata da una politica scardinata dei propri ideali.Sei morti ammazzati nello scorrere di qualche settimana non sono una miserabile materia di rimbalzo, tacerne la gravità sottende latitanza di una dignità da rispettare per norma costituente, se non per un diritto e un dovere di umanità che riguarda l’intera collettività. Forse è giunto il tempo di mettere mano davvero alla Riforma Penitenziaria, quanto meno per riconsegnare al carcere il suo scopo e la sua utilità.(vincenzo.andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBC Content Everywhere Announces Highlights and New Speakers for its November MENA Event

Posted by fidest press agency su domenica, 30 agosto 2015

MENA EventJumeirah Beach Hotel 29 – 30 November 2015 In line with its commitment to bringing the most influential thought leaders and business minds to the region, IBC is pleased to announce that this year’s IBC Content Everywhere MENA event will embrace and examine those topics at the forefront of IBC2015. Produced and tailored especially for the MENA region, and featuring an international speaker line-up, the conference will employ cutting edge technology to deliver an unparalleled interactive experience. The event features a mixture of presentations and panel sessions with top speakers from broadcast, telecoms, media and content, offering a high-end editorially led programme together with strategic networking opportunities. Particular highlights to capture the interest and imagination will include unique insights into: The Future of OTT and Online Offerings in the Region and Beyond: With OTT and online TV offeringsbecoming such a core way for consumers to view media, it is essential that media distributors stay ahead of the game. This panel session will consider the impact of new entrants and consolidation within the region’s OTT market, together with the possible negative effect of content packaging constraints on consumer subscription levels. Further deliberations will involve how to engage and retain new audiences through the use of social media, the influence of traditional broadcast companies on the OTT space and the necessity of OTT collaborations with telcos. Content is King: Strategies to stay ahead in an increasingly competitive content environment: As consumers are increasingly calling the shots, it has never been more important to ensure the right content is delivered, irrespective of the platform. Content is the key asset in every media business, wherever you sit in the value chain and this session will address the issues in developing an effective strategy whether it’s fighting for commissioning rights, creating original content or looking to digitaloriginal content creators. With the increasing popularity of online gaming channels, the panel will also consider whether there are there lessons to be learned from the difference in content and multiplatform delivery. How are Disruptive Tech Start-ups and Media Companies Using Each Other’s Platforms to Create Their Own Success? Buzzfeed is very open about the major role that exploiting social media platforms such as Twitter has played in their success – and this is not an unusual story. With new media players and tech start-ups constantly appearing across the world, this session will look at the ways in which these companies are using social platforms to grow their image, how to create and implement a strategy across multiple platforms and the best methods to engage and attract audiences. (photo: MENA Event)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brazil Tops All Global Consumers Searching South Florida Real Estate in June

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

miami
Brazil, a nation of 200 million residents, has been the top foreign country searching Miamire.com in 16 of the last 19 months. The last time Brazilian consumers didn’t finish with the most web hits was May 2014 when Colombia took first. In June 2015, Colombia finished with the second-most visits followed by Canada, Venezuela, Russia and Ukraine. Russia’s ranking was its highest finish since it took third in Jan. 2015, and Ukraine had never finished in the top-10.
“Brazil perennially ranks among the top international markets purchasing Miami real estate,” said Christopher Zoller, a 27-year Miami-based Realtor and the 2015 Residential President of MIAMI. “Brazilians not only love Miami’s shopping, restaurants, and beaches, but they love Miami’s diversity and are totally at home here. Miami, which has thousands of Brazilians living here, is America’s most international city with 51 percent of residents born in foreign countries.” In 2014, Brazilians registered 11 percent of all South Florida international real estate deals, according to a report conducted by the National Association of Realtors for MIAMI. Brazil had the third-most property transactions in Miami and Broward Counties among all global consumers last year, trailing only Venezuela (16 percent) and Argentina (12 percent).Brazilians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Brazilians spend the most on South Florida properties among foreign consumers, paying an average of $495,000. On average, Miami’s international buyers paid $444,000 per purchase, compared to $245,000 statewide.The top-four countries searching Miamire.com —Brazil, Colombia, Canada, and Venezuela — remained unchanged from May 2015. June, however, saw growing interest from Russia and Ukraine. Russia, which finished with the seventh-most searches in May, rose to No. 5. Ukraine, an eastern European country bordering Russia, had never finished among the top-10 searches on Miamire.com.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FRA steps up migration work in response to ongoing tragedies

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

balcaniFollowing the latest tragedy in which more than 70 migrants suffocated in a lorry that was abandoned on the Austrian motorway, the European Union Agency for Fundamental Rights (FRA) expresses its shock and reiterates its calls for the fundamental rights of all those reaching the EU to be respected.“Europe’s recent history has taught us bitter lessons about the plight of those who seek refuge from war, from torture, from persecution in another country. Almost 20 years after the last conflict in the Balkans and 70 years after WWII, it is time to reflect on how we deal with the new challenge of asylum seekers travelling through Europe by land or crossing the Mediterranean to find shelter in the EU,” said FRA interim Director Constantinos Manolopoulos. “We are facing a humanitarian and a human rights emergency and many EU citizens are welcoming the desperate people seeking asylum, because, whether or not they have permits, visas or passports, they have a right to life and to dignity. It is the moral and legal duty of the Union and its Member States, despite the great difficulties this may entail, first to address the humanitarian emergency in an efficient and effective manner; secondly, to protect and fulfil the right to seek international protection without risking lives.”Already at FRA’s 2014 Fundamental Rights Conference Fundamental Rights and Migration to the EU, participants discussed the need for a more holistic approach to migration and asylum policy in the EU and emphasised that fundamental rights must be at the very heart of such policies and not just one element of them among many. FRA has also pointed out that there are currently few legal avenues by which people in need of protection can access the EU. In Legal entry channels to the EU for persons in need of international protection: a toolbox, FRA presents a number of ways in which Member States could enable more people in need to reach the EU without resorting to smugglers.In recognition of the urgency of the growing humanitarian crisis at the EU’s borders, FRA is now stepping up its work in the area of asylum and migration. For example:
On 3 September FRA will publish its latest report, The cost of exclusion from healthcare – the case of migrants in an irregular situation. The report details the findings of the Agency’s research into the comparative costs of providing healthcare access or emergency treatment only to irregular migrants in three EU Member States
FRA is supporting its sister agencies, the European Asylum Support Office (EASO) and the border management agency Frontex, with the development of a common training tool for border guards and asylum officers. A major FRA project underway on the social inclusion and democratic participation of migrants and their descendants in Member States will be used as the basis for developing fundamental rights indicators that can be used throughout the EU, thus helping to increase integration and prevent radicalisation. FRA is conducting a large-scale research project on the fundamental rights impact of the collecting, storing and using the biometrics data collected in the three large-scale IT systems (Eurodac, the Schengen Information System and Visa Information System) established to exchange personal data in the area of asylum and borders.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

3D city models: Fraunhofer researchers allow direct access to their technology

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

3D city modelsWhenever a large-scale construction project is pending in a city or municipality, the citizens are legitimately interested in understanding how it might change their lives. 3D models have become increasingly popular in recent years in order to provide information on a project from the very beginning in a comprehensible and comprehensive manner. 3D city models or comparable spatial data, however, can quickly turn into an enormous flood of data. In order to master it, special software, high-performance computers and specifically trained staff are needed. “Various digital information, such as aerial views, construction plans or terrain models are compiled to one overall model in laborious suboperations”, explains Michel Krämer from the “Spatial Information Management” competence center of Fraunhofer IGD. “This is a very time-consuming process, often taking several days in practice”.
The GEOToolbox developed by the researchers of Fraunhofer IGD in Darmstadt should now significantly reduce this effort. “As we are faced with such tasks time and again, we have developed some tools to make our lives easier”, says Krämer. Fraunhofer IGD has more than two decades of experience in processing large 3D data and a long expertise in 3D spatial information. According to Krämer, the institute thus provides mainly smaller companies in the spatial industry with an opportunity to develop new applications more quickly and thus save costs.Krämer and his colleagues are not worried about making many competitors this way. “It is Fraunhofer’s task to provide the industry with academic basics”, says Krämer. “The potential of 3D models in urban planning for citizens and investors must be better exploited. If our GEOToolbox can make a contribution, then everyone benefits and opportunities for further research are created.”
The GEOToolbox will be presented together with other developments at this year’s INTERGEO in Stuttgart in Hall 6 Booth F6.037 from September 15 through 17. (photo: 3D city models)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migration: MEPs call for more EU solidarity on visit to reception centres in Sicily

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

migrantsmigrants05Countries such as Italy and Greece dealing with an influx of asylum seekers should receive more support from other member states, MEPs said on a delegation visit to the Italian island of Sicily from 22 to 24 July. “Italy spends over €1 billion every year just to take care of those who make it across the Mediterranean. Italy’s borders are the EU’s borders and a better management of the migratory flows is our common responsibility,” said French ALDE member Jean Arthuis, co-chair of the delegation.The other co-chair of the delegation, Bulgarian S&D member Iliana Iotova, expressed her disappointment with the results of the meeting of EU home affairs ministers on 20 July, when member states agreed to take about 32,000 asylum seekers from Italy and Greece over two years, rather than 40,000 as proposed by the European Commission. “What we see is an endemic lack of solidarity among EU member states,” she said. “Countries such as Italy, Greece, Malta and Bulgaria are left alone dealing with a global problem.”
On 16 July Parliament’s civil liberties committee had approved the Commission plans for a binding emergency redistribution of at least 40,000 asylum seekers across the EU. MEPs have been pushing for a stronger common asylum policy and binding quotas for EU member states to take in asylum seekers.
Members from the budgets and civil liberties committees visited the reception centres for asylum seekers in Pozzallo and Mineo and met Italian government and local officials as well as representatives from NGOs, EU border agency Frontex and the European Asylum Support Office. (migrants eu)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

From rapporteur to coordinator: the different roles taken on by MEPs

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

Attribution - Non Commericial - No Derivs Creative Commons © European Union 2014 - European Parliament ---------------------------------------- Pietro Naj-Oleari: European Parliament, Information General Directoratem, Web Communication Unit, Picture Editor. Phone: +32479721559/+32.2.28 40 633 E-mail: pietro.naj-oleari@europarl.europa.eu

Attribution – Non Commericial – No Derivs Creative Commons
© European Union 2014 – European Parliament
—————————————-
Pietro Naj-Oleari:
European Parliament,
Information General Directoratem,
Web Communication Unit,
Picture Editor.
Phone: +32479721559/+32.2.28 40 633
E-mail: pietro.naj-oleari@europarl.europa.eu

Being an MEP involves more than just debating and voting on legislative proposals. They can be tasked with drawing up a report to represent the Parliament’s position on a legislative proposal or any other matter. They can also act as group coordinators in a committee, follow the progress of a legislative report or be in charge of preparing an opinion on a proposal. Read on to find out more about the different responsibilities MEPs are able to take on in the European Parliament. Whenever a new legislative proposal arrives, a committee that deals with the issue involved is charged with drawing up a recommendation for all MEPs to vote on. For example, if it is something to do with the transport of livestock, then the agriculture committee would deal with it, whereas if it is about a trade treaty with Canada, it would go to the international trade committee. The committee appoints a MEP to prepare the report. This person, known as the rapporteur, often consults with the political groups and with experts, sometimes during specially organised hearings. Based on the information received, he or she drafts a text, including amendments, which the committee then votes on. All MEPs then vote on the report during a plenary session. To follow the progress of a report, political groups have the option of appointing shadow rapporteurs. They represent the views of their political group on the subject and play an important role by facilitating the search for a compromise on the legislative proposal in talks with the other political groups. Political groups can also appoint someone as coordinator in every committee to act as the group’s main spokesperson in that committee and together with the other coordinators prepare decisions to be taken by the committee, especially on the procedure and the appointment of rapporteurs. They can also mobilise group members during important votes and can appoint shadow rapporteurs. (photo: MEPs)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fraunhofer researchers on SmartHome, Lifestyle and Industry 4.0: “Potential of activity recognition is far from being exhausted”

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

smarthomeIt seems like a vision of the future, but it has already found a place in our everyday lives at home and at work. Acceleration sensors in smartphones, smartwatches and in clothes are making the unobtrusive recognition of physical activity possible. In sports, they help digital trainers correct exercises. Intelligent living environments recognize falls and call for help. A hand movement can dim the light, lower venetian blinds or turn on the TV.Such technologies are developed at Fraunhofer IGD. Technologies recognizing a person’s activity, thus allowing us to control applications and machines. For instance, they will measure your pulse, body movements or blood pressure. These data help physicians and therapists better evaluate the state of health and future development of a patient. At the workplace, an unhealthy body posture, excessive physical strain or dangerous noise levels can be detected. In the process, the Fraunhofer researchers attach great importance to the security of the collected data.According to Professor Bodo Urban of Fraunhofer IGD in Rostock, we can expect exciting developments in the industry in the years to come: “Activity recognition is taking man-machine interaction to the next level.” Machines and robots recognize human activities and respond to these. Production plans can be intuitively controlled by gestures via a smartwatch. For instance, lifting up your hands in the case of a malfunction will trigger the emergency switch. Machines will register where the operator is at which time and ensure that the required materials and tools will be available in the right place at the right time. “The potential of activity recognition is far from being exhausted”, says Urban. (Photo: smarthome)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migrants: Parliament approves search and rescue rules to prevent deaths at sea

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

migrants euNew search and rescue rules to clarify how border guards serving in Frontex sea operations should deal with migrants and where they should disembark them were approved by Parliament on Wednesday. The regulation, already informally agreed by Parliament and Council negotiators, should enter into force before this summer.”These new rules will enable Frontex to respond more effectively and to prevent deaths at sea, thus reconciling our need to ensure security with our duty to protect human rights”, said rapporteur Carlos Coelho (EPP, PT). The draft regulation was approved by 528 votes to 46, with 88 abstentions.The regulation defines “emergency phases” for search and rescue operations and places a clear duty upon units participating in Frontex operations to engage and to save lives. The rules on search and rescue operations and the disembarkation of migrants will only cover operations that are coordinated by Frontex. This should help to dispel confusion created by EU member states’ differing interpretations of international law and practices.
The “operational plan” governing Frontex-coordinated border surveillance operations must henceforth include procedures to ensure that persons needing international protection, victims of trafficking in human beings, unaccompanied minors and other vulnerable persons are identified and given appropriate help. Only after migrants are identified may possible coercive measures be taken (the identification rules are mandatory, whereas the enforcement ones are optional).MEPs tightened up the text to ensure compliance with the “non-refoulement” principle, which says that individuals must not be returned to any country where there is a risk of persecution, torture or other serious harm. Border guards who consider landing intercepted or rescued people in a third country will have to follow certain procedures (e.g. identification, personal assessment, information on the place of disembarkation, etc).
“Pushback” operations on the high seas will be forbidden. Border guards may only “warn and order” the vessel not to enter in the territorial waters of a member state.MEPs have also inserted a recital saying that “the shipmaster and crew should not face criminal sanctions for the sole reason of having rescued persons in distress at sea and brought them to a place of safety”.
The draft regulation still needs to be formally approved by the EU Council of Ministers. It will enter into force on the 20th day following its publication in the EU Official Journal and it will be directly applicable in the member states. (photo: migrants)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ultimo ciak per “Teen Star Academy” con John Savage, Blanca Blanco e Bret Roberts

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

biancabretenricoTerminate in Costa Azzurra le riprese del film “Teen Star Academy”, family musical film prodotto da Enrico Pinocci per il mercato internazionale, scritto da Francesco Malavenda e diretto da Cristian Scardigno, con uno straordinario cast internazionale capitanato da John Savage, Bret Roberts (Pearl Harbor) e Blanca Blanco (Star Trek Equinox). Girato nelle suggestive location di Montecarlo, Beaulieu, Menton e Nizza, il film vede anche il debutto cinematografico del noto DJ, conduttore radiofonico e produttore discografico Dr. Feel X, che ne firma anche la colonna sonora. La storia, che ha per protagonisti ben 55 teenagers di talento provenienti da tutto il mondo e selezionati nei più autorevoli Actors Studio di Montecarlo e Nizza, è ambientata in una scuola molto speciale, la “Teen Star Academy”, di una città della costa del Sud della Francia da dove escono giovani provetti artisti e future Star nella musica, danza, canto e moda. L’Accademia, fondata e diretta da Mister Burt (John Savage), si avvale di bravissimi insegnanti tra i quali il famoso D.J. Dr. Feel X e, per la danza, di Julia (Blanca Blanco). Varie storie di competizione, amicizia e sentimento s’intrecciano anche fuori dalla scuola ed in particolar modo nella “spiaggia”, gestita dal simpaticissimo Nathan (Bret Roberts) e coadiuvato dall’assistente Jonathan Bagoro.
La pellicola, attualmente in post produzione, verrà presentata al prossimo Marche du festival di Cannes. (foto: enrico, bianca, bret)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aggiornamento delle informazioni sul prodotto di afatinib

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

Boehringer IngelheimL’aggiornamento europeo del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto di afatinib comprende i risultati di Fase III che dimostrano che i pazienti con carcinoma positivo per la mutazione più comune di EGFR, trattati in prima linea con afatinib vivono oltre un anno in più rispetto ai pazienti trattati con chemioterapia standard (sopravvivenza complessiva, endpoint secondario; sopravvivenza libera da progressione della malattia, endpoint primario)
Afatinib è la prima e unica terapia ad aver dimostrato, rispettivamente in due studi clinici, un beneficio in termini di sopravvivenza complessiva in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) positivo per la mutazione EGFR più comune (del19) rispetto alla chemioterapia1 Afatinib è un farmaco approvato nella UE come terapia per pazienti con NSCLC positivo per mutazioni di EGFR, non precedentemente trattati con inibitori di tirosin-chinasi (TKI)
Ingelheim, Germania, Boehringer Ingelheim rende noto che il CHMP, il Comitato che valuta i Farmaci per l’Uso Umano dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA), ha espresso parere positivo all’aggiornamento del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto del farmaco afatinib per comprendervi le informazioni relative a ulteriori risultati di Fase III che ne rafforzano e ampliano il profilo d’efficacia. La raccomandazione del CHMP riguarda i risultati ottenuti negli studi clinici LUX-Lung 3 e LUX-Lung 6 che dimostrano che i pazienti con tumore positivo per la mutazione più comune di EGFR (delezione dell’esone 19 o del19) trattati in prima linea con afatinib vivono oltre un anno in più rispetto ai pazienti trattati con chemioterapia standard (sopravvivenza complessiva, OS: endpoint secondario; sopravvivenza libera da progressione della malattia, PFS: endpoint primario).Il Dottor Mehdi Shahidi, Medical Head, Solid Tumour Oncology di Boehringer Ingelheim, ha così commentato: “questo aggiornamento europeo rafforza l’importanza di afatinib come terapia target per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) positivo per mutazioni di EGFR, soprattutto quelli con la mutazione più comune, del19. Afatinib è la prima e unica terapia target anti-EGFR ad aver dimostrato un beneficio di sopravvivenza complessiva per questi pazienti trattati in prima linea”.A seguito del parere positivo del CHMP verrà ora aggiornato il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto di afatinib per comprendervi gli ulteriori risultati degli studi LUX-Lung 3 e LUX-Lung 6. In entrambi gli studi è stato raggiunto l’endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione della malattia (PFS) nei pazienti con mutazioni di EGFR più comuni in terapia di prima linea con afatinib. Oltre ai nuovi risultati di sopravvivenza complessiva, il documento aggiornato comprenderà anche i risultati aggiornati relativi alla sopravvivenza libera da progressione della malattia (PFS) ottenuti nei due studi clinici e al miglioramento significativo dei sintomi correlati alla malattia (tosse, dispnea, dolore) e della qualità di vita osservati nei pazienti trattati con afatinib rispetto a chemioterapia.1Gli eventi avversi osservati con afatinib negli studi LUX-Lung 3 e LUX-Lung 6 sono stati quelli attesi con l’inibizione di EGFR, e sono stati prevedibili, gestibili e reversibili. 1,2,3Gli eventi avversi più comunemente riferiti con afatinib sono stati diarrea e rash/acne.1,2,3
Il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) è il tumore polmonare più diffuso, e rappresenta oltre l’85%. Il carcinoma NSCLC positivo per mutazioni di EGFR è un sottotipo di questo tumore. Il 10-15% dei pazienti caucasici e il 40% dei pazienti asiatici affetti da NSCLC presenta mutazioni di EGFR.[6] Esistono diversi tipi di mutazioni EGFR, ma le più comuni, che complessivamente costituiscono il 90% di tutte le mutazioni di EGFR, sono la delezione dell’esone 19 o Del19 (circa il 50% di tutte le mutazioni di EGFR) e la sostituzione dell’esone 21 o L858R (circa il 40% di tutte le mutazioni di EGFR).2,3Afatinib, terapia target anti-EGFR in monosomministrazione orale giornaliera, è attualmente approvato in oltre 60 Paesi come terapia di prima linea per il carcinoma non a piccole cellule (NSCLC) positivo per mutazioni dei recettori del fattore di crescita epidermico (EGFR).L’approvazione di afatinib per questa indicazione si è basata sui risultati di sopravvivenza libera da progressione della malattia o PFS (endpoint primario) ottenuti nello studio clinico LUX-Lung 3 in cui afatinib ha ritardato in maniera significativa la progressione del tumore rispetto alla chemioterapia. (foto:
)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati dal Mediterraneo e dai Balcani

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

Quest’anno il numero di rifugiati e migranti che hanno attraversato il Mar Mediterraneo ha ormai superato i 300.000, di cui quasi 200.000 arrivati in Grecia e 110.000 in Italia . La cifra rappresenta un forte aumento rispetto allo scorso anno, quando in tutto il 2014 circa 219.000 persone hanno attraversato il Mediterraneo. Inoltre si stima che quest’anno circa 2.500 rifugiati e migranti siano morti o scomparsi nel tentativo di raggiungere l’Europa. Questo numero non comprende l’ultima tragedia avvenuta ieri al largo della Libia, in cui il numero di morti non è ancora stato confermato. L’anno scorso sono state circa 3.500 le persone morte o date per disperse nel Mediterraneo.
immigratiNegli ultimi giorni, sempre più persone hanno perso la vita in tre diversi incidenti.La Guardia Costiera libica ha effettuato due operazioni di soccorso giovedì mattina, sette miglia al largo della città portuale di Zwara. Due barche con a bordo un totale di circa 500 rifugiati e migranti sono state intercettate, e i superstiti sono stati portati a riva in Libia. Si ritiene che circa 200 persone siano ancora disperse, ma il timore è che siano morte. Un numero ancora imprecisato di corpi sono stati recuperati e portati a riva. La Mezzaluna Rossa libica ha aiutato nel recupero delle salme.
Mercoledì scorso (26 agosto), dei soccorritori di una barca al largo della costa libica hanno trovato 51 persone morte soffocate nella stiva. Secondo i sopravvissuti, i contrabbandieri si facevano pagare per permettere ai passeggeri di uscire dalla stiva per respirare. Adbel, un sopravvissuto sudanese di 25 anni, ha detto ai nostri colleghi: “Non volevamo stare nella stiva, ma ci hanno costretti picchiandoci con dei bastoni. Ci mancava l’aria, così abbiamo cercato di risalire attraverso la botola e di respirare attraverso le crepe del soffitto. Ma gli altri passeggeri avevano paura che la barca si rovesciasse e ci hanno respinto indietro picchiandoci. Alcuni ci hanno pestato le mani con i piedi”. Un altro sopravvissuto, Mahdi, un chirurgo ortopedico di Baghdad, ci ha riferito di aver pagato 3.000 euro per permettere a sua moglie e a suo figlio di 2 anni di salire sul ponte superiore.
La scorsa settimana (15 agosto), in un incidente simile, i corpi di 49 persone sono stati ritrovati nella stiva di un’altra barca. Si pensa che siano morti per le inalazioni di fumi velenosi.
Sempre mercoledì, un gommone con a bordo circa 145 rifugiati e migranti ha avuto dei problemi nel momento in cui la persona che guidava ha sbagliato una manovra facendo inclinare pericolosamente il gommone su un lato. Alcune persone sono cadute in mare e due uomini si sono tuffati in acqua per salvarle. Nel panico che ne è seguito le persone hanno cominciato a spintonare e a spingere, e tre donne sul gommone sono morte schiacciate. Di coloro che sono caduti in acqua, 18 mancano ancora all’appello e si teme che siano morti. I sopravvissuti sono stati salvati e portati a Lampedusa, compreso il figlio di due mesi di una delle donne rimaste uccise. La maggior parte dei sopravvissuti è in condizioni critiche e presenta segni di shock, ferite e contusioni.Nonostante gli sforzi dell’operazione europea di ricerca e salvataggio controllata da FRONTEX, che nell’ultimo anno ha salvato decine di migliaia di vite, il Mediterraneo è ancora la rotta più mortale per rifugiati e migranti.Molte delle persone che raggiungono via mare l’Europa meridionale, in particolare la Grecia, provengono da paesi colpiti da violenze e conflitti, come la Siria, l’Iraq e l’Afghanistan; hanno tutti bisogno di protezione internazionale e sono spesso fisicamente esausti e psicologicamente traumatizzati.L’UNHCR si appella a tutti i governi coinvolti per fornire risposte comuni e agire con umanità e in confomità ai loro obblighi internazionali.
Anche se questi numeri sono schiaccianti per i singoli paesi ormai sovraccarichi, come la Grecia, l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia, l’Ungheria, la Serbia o la Germania, sono invece numeri gestibili attraverso risposte congiunte e coordinate a livello europeo. Tutti i paesi europei e l’Unione Europea devono agire insieme per rispondere alla crescente emergenza e dimostrare responsabilità e solidarietà.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

SACE con 25 esportatori italiani per la mega-nave petrolifera Cidade de Saquarema

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

petrolioCon un impegno assicurativo pari a 300 milioni di dollari, SACE è intervenuta a sostegno delle forniture di Nuovo Pignone e altri 24 esportatori italiani per la realizzazione della nave petrolifera “Cidade de Saquarema”, la più grande mai costruita da SBM, gruppo olandese leader mondiale nella realizzazione di piattaforme galleggianti “FPSO” per la produzione, lo stoccaggio e lo scarico di petrolio offshore.“Cidade de Saquarema” è controllata da SBM (che ne detiene il 56%), Mitsubishi Corporation, Nippon Yusen Kabushiki Kaisha, e Queiroz Galvão Óleo e Gas SA. Il finanziamento del progetto, del valore complessivo di circa 1,5 miliardi di dollari, è sostenuto da un pool internazionale di 16 banche e 4 società di export credit: oltre a SACE, anche Atradius (Olanda), NEXI (Giappone), UKEF (Gran Bretagna).Destinata al giacimento brasiliano di Santos, a circa 300 chilometri a largo della costa di Sao Paulo, la nave riuscirà a processare fino a 150 mila barili di greggio e di 6 milioni di metri cubi di gas al giorno, e avrà una capacità di stoccaggio di circa 1,6 milioni di barili.Il bacino di Santos, con una superficie complessiva di circa 350 mila kilometri quadrati, è tra i maggiori giacimenti “pre-salt” scoperti in Brasile, insieme a quello dei Campos e di Espirito Santo. Tali giacimenti si contraddistinguono sia per la collocazione (a una profondità tra i cinque e i sette chilometri sotto il livello del mare, sotto uno strato di sale che può raggiungere uno spessore di due chilometri) sia per la qualità meno densa e dunque più elevata del greggio.L’operazione conferma il ruolo consolidato di SACE al fianco delle eccellenze italiane del comparto dell’oil & gas: grandi gruppi e Pmi con un know how e un’esperienza riconosciuti a livello mondiale, impegnati nei più grandi progetti internazionali in mercati a elevato potenziale.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appuntamenti salienti del Parlamento Europeo per la prossima settimana

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

parlamento europeo– GRECIA:
Giovedì mattina, 3 settembre, la conferenza dei presidenti (quindi il presidente Martin Schulz e i presidenti dei gruppi politici del Parlamento) discuterà la proposta, avanzata negli scorsi giorni da Alexis Tsipras, che il Parlamento Europeo entri a far parte del cosiddetto “quartetto di creditori” che devono sorvegliare sull’effettiva attuazione del piano di misure concordato dal governo greco per ricevere gli 86 milioni di Euro di aiuti.
– IMMIGRAZIONE:
Giovedì 3 settembre, dalle 10 alle 10,45, la Commissione Libertà Civili discuterà col direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, sullo stato di attuazione delle regole per la sorveglianza marittima delle frontiere esterne dell’UE. Tali regole sono state approvate dal Parlamento Europeo nel 2014 (http://www.europarl.europa.eu/news/en/news-room/content/20140411IPR43463/html/Migrants-Parliament-approves-search-and-rescue-rules-to-prevent-deaths-at-sea).
Dalle 10.45 alle 11.30, nella stessa Commissione Libertà Civili, Leggeri discuterà poi con gli eurodeputati sulla collaborazione con i paesi terzi in special modo per quel che concerne le politiche relative ai visti.
Si potranno guardare entrambi i dibattiti in streaming al seguente link:
http://www.europarl.europa.eu/ep-live/en/schedule#09012014.
Intanto già lunedì, gli eurodeputati della Commissione Affari Esteri discuteranno della dimensione esterna dell’attuale crisi migratoria.
– DISCORSO SULLO STATO DELL’UNIONE (9 SETTEMBRE):
Il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, il 9 settembre, terrà di fronte al Parlamento Europeo il suo primo discorso sullo stato dell’Unione. In questa occasione, Juncker presenterà un bilancio di quanto fatto dall’inizio del suo mandato e delle sfide per l’anno a venire.
La prossima settimana, gli eurodeputati discuteranno le posizioni che i rispettivi gruppi politici prenderanno in vista di questo importantissimo intervento.
Giovedì 3 settembre, la Commissione Agricoltura darà la sua opinione su una proposta per consentire o meno agli Stati membri di decidere se ammettere nel proprio territorio cibo e mangimi prodotti con organismi geneticamente modificati. La Commissione Ambiente darà il suo parere finale sulla proposta nei prossimi mesi, prima che quest’ultima venga discussa in plenaria.
PREPARAZIONE ALLA PLENARIA (7-10 SETTEMBRE):
Per tutta la prossima settimana, gli eurodeputati saranno impegnati a preparare la sessione plenaria di Strasburgo, che si svolgerà dal 7 al 10 settembre. Oltre al discorso di Juncker sullo stato dell’Unione, a Strasburgo si avranno votazioni sulla ricollocazione di almeno 40,000 rifugiati e richiedenti asilo da Italia e Grecia in altri paesi dell’Unione Europea, sul commercio di pellicce di foca, sulla clonazione di animali, sui diritti fondamentali nell’Unione Europea e sulla proposta di iniziativa dei cittadini sul diritto all’acqua.
Il Consiglio presenterà inoltre la sua proposta per il bilancio 2016.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

66° Sagra del Peperone

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

sagra peperone1sagra peperoneCarmagnola (TO) fino al 6 settembre 2015 Peperò è il nome della 66^ sagra del Peperone di Carmagnola, un grande festival di gastronomia, cultura, arte e spettacoli che propone eventi, attività ed esperienze creative e coinvolgenti per tutti i sensi e per tutte le età.
Show cooking, cene stellate, talk show, laboratori, street food, spettacoli di cabaret, concerti, mostre, raduni di vespe, trattori e auto d’epoca, spazi bimbi, luna park, esibizioni sportive, la rassegna commerciale, ecc..
Tra i principali ospiti Paolo Massobrio, testimonial del nuovo “Salone Peperò”, il rapper Moreno, il musicista e attore statunitense della serie “CSI Scena del Crimine” Gary Dourdan, lo chef Diego Bongiovanni da “La prova del cuoco”, il vincitore della terza edizione di MasterChef Italia Federico Francesco Ferrero, Marco Travaglio e tanti altri
L’idea è nata dal progetto grafico di Erica Guerrieri che ha vinto il concorso indetto in primavera per la scelta della nuova immagine. Un nome vero e proprio che trasmette un cambiamento, che dà alla Sagra una identità più forte ma senza tradire il suo carattere di festa popolare legata al territorio. Da 66 anni Carmagnola, splendida cittadina in provincia di Torino con un centro storico ricco di fascino, in occasione della sua Sagra del Peperone stupisce i numerosissimi visitatori, oltre 250.000 nella scorsa edizione, per l’ospitalità, per i prodotti d’eccellenza e per l’accoglienza che può essere data solamente da un’organizzazione che vede il lavoro congiunto del Comune, della Pro Loco, di decine di volontari e di scuole, commercianti, agricoltori, associazioni e istituzioni cittadine.
Questa 66^ edizione ha ottenuto il prestigioso patrocinio ANCIxEXPO2015 dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani. L’allestimento, la gestione e la ricerca degli espositori sono a cura dell’agenzia Totem di Chiavari (GE) che, in collaborazione con Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori e con l’amministrazione comunale, è artefice di un nuovo progetto di rilancio che vedrà esaltate e maggiormente selezionate le aree gastronomiche con espositori di alta qualità.
Riconosciuta da cinque anni come Manifestazione Fieristica di Livello Nazionale, “Peperò” è a tutti gli effetti un festival sagra peperone2che propone 10 giorni di eventi gastronomici, artistici, culturali ed esperienze creative e coinvolgenti per tutti i sensi e per tutte età. Il cartellone propone tanti eventi gastronomici, il nuovo Salone Peperò con show cooking, cene stellate, talk show e laboratori, l’area Street Food con il cibo di qualità su ruote, la rassegna commercial con oltre 200 espositori, la Piazza dei sapori ed altre aree in cui mangiare, un Villaggio Tirolese con prodotti tipici del Sud Tirolo, spettacoli di cabaret, musica pop, rock e jazz ma anche concerti di chitarra classica e musica tradizionale del nord e sud Italia, esibizioni sportive, raduni di Vespe, trattori d’epoca ed auto americane, la Festa di Re Peperone e la Bela Povronera con centinaia di personaggi e maschere carnevalesche, mostre di arte contemporanea, spazi bimbi, luna park, esibizioni sportive ed altro ancora.
Tra le grandi novità di questa edizione ci sono due aree dedicate allo Street Food in piazza Bastioni e Piazza Rayneri con la presenza di stand gastronomici e di alcuni tra i migliori esponenti del cibo di qualità su ruote, il Villaggio Tirolese con la riproduzione di una baita alpina di 200 mq con piatti e prodotti tipici del Sud Tirolo ed il “Salone Peperò. Le Experienze del Gusto”, un grande spazio in cui si svolgeranno cooking class e workshop ludodidattici di educazione alimentare, sia per bambini che per adulti, show cooking, cene realizzate da chef stellati, talk shows ed altri eventi condotti da PAOLO MASSOBRIO, noto giornalista firma di Expo 2015 e testimonial di questa nuova iniziativa.
Le CENE REALIZZATE DA CHEF STELLATI sono intitolate “Il Peperone incontra l’alta cucina”: il 31 agosto con Michelangelo Mammoliti del Ristorante La Madernassa di Guarene, il 1° settembre con Davide Palluda del Ristorante All’Enoteca di Canale e il 3 settembre con Maurilio Garola del Ristorante La Ciau del Tornavento di Treiso. Ci saranno inoltre la cena “Bank Cooking”, preparata dalla direzione della Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant’Albano Stura insieme ad alcuni membri della Fondazione Forma di Torino, e la cena “I Prodotti del Territorio” con prodotti a km zero organizzata in collaborazione con il Centro di Formazione Professionale Colle Don Bosco CNOS-FAP Regione Piemonte che affiancherà agli chef stellati i propri studenti per tutte le serate.(foto: sagra peperone)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »