Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 2 settembre 2015

Chinese Contemporary Artist Zhuang Hong Yi at Unit London

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

Zhuang Hong YiZhuang Hong Yi, RAW, 18 September – 17 October 2015 exhibition of recent works by Chinese contemporary artist Zhuang Hong Yi at Unit London. For the inaugural show at its new Wardour Street space, Unit London is proud to present RAW, an exhibition of recent works by leading Chinese contemporary artist, Zhuang Hong Yi.With a celebrated career spanning nearly three decades, Zhuang Hong Yi has achieved international acclaim with works that explore his mixed cultural heritage. Born and raised in Sichuan, China and currently based in between his Rotterdam and Beijing studios, Yi has had over 30 international solo exhibitions and his work has been selected for important shows at major venues including the Found Museum Beijing, China; the Groninger Museum, The Netherlands; and in Venice, Italy in conjunction with the 55th Venice Biennale (2013).Founding Directors Joe Kennedy and Jonny Burt comment:“RAW will present a breathtaking new body of work by Zhuang Hong Yi, and will be particularly exciting as it is his first major solo show here in the UK. Zhuang is an internationally-renowned and critically-acclaimed artist, and the scale of this exhibition is unlike anything we have previously staged. RAW will present some of Zhuang’s best work to date, and reflects Unit London’s fearless ambition to showcase and celebrate the finest international talent here in the heart of London.”Yi uses traditional Chinese materials to produce vibrant, textural paintings with strong allusions to the European Impressionist movement. The flower is a recurrent motif throughout Yi’s work, and carries strong cultural resonance in both China and Holland. Central to Yi’s artistic oeuvre, the fascination with the floral form echoes Monet’s own focus of artistic production in the latter years of his life, and one can draw parallels between both artists’ works.Yi manipulates thousands of rice paper flowers, which he then combines with layers of oil and acrylic to create large-scale fields of petals on canvas that sing with colour. Meditations on nature and form; the bold, sculptural paintings fuse traditional Chinese artistic practices with a contemporary abstract aesthetic. His work is held in several public and private collections, with notable collectors including Nick Woodham, King Mohammed VI of Morocco, King Hamad bin Isa Al Khalifa of Bahrain, the Al Nahyan royal family of Abu Dhabi and Queen Margrethe II of Denmark.(photo:Zhuang Hong Yi)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Virtual Cockpit in Cars Edges Closer to Reality as Hybrid Instrument Clusters Are Set to be the Standard Beyond 2020

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

londonLONDON – Modernisation efforts are sweeping through the instrument cluster (IC) space as automakers in North America and Europe strive to provide consumers with a unique driving experience. Analogue gauges in cars will become obsolete by 2021, giving way to hybrid and fully digital ICs with flexible designs that facilitate personalisation. Next-generation ICs will feature customisable dials and advanced liquid-crystal-display (LCD) quantum dot displays containing detailed, relevant information. Original equipment manufacturers (OEMs) and tier I suppliers are also working on integrating the centre stack into the IC, thus displaying all necessary data in the driver’s line of sight and reducing distraction. New analysis from Frost & Sullivan, Rise of Virtual Cockpits in Cars (https://www.frost.com/mb36), finds that the IC market in North America and Europe is expected to clock a compound annual growth rate (CAGR) of 2.2 percent from 2014 to 2021, with digital IC expected to reach a CAGR of approx. 26 percent by 2021. While the “virtual cockpit” will be limited to premium-segment vehicles, fully digital clusters that will be standard in about 20 percent of cars will also be offered as an option on medium-segment cars. “Hybrid ICs, which include both analogue and digital components, will become a standard feature in most vehicle segments and platforms post 2017,” said Frost & Sullivan Automotive and Transportation Senior Research Analyst Ramnath Eswaravadivoo. “Hybrid ICs will continue to grow popular as the decreasing prices of graphic processors and control units make the integration of 3D graphics into hybrid ICs feasible.” The falling costs of LCD panels and related electronics are turning fully digital ICs into an affordable alternative too. Low- and medium-end OEMs prefer digital clusters that lower distraction by displaying only the information that the driver currently requires. Moreover, digital ICs can dynamically change the information shown as the driver shifts from one mode to another, and OEMs can add new functionalities into a digital cluster by merely changing the software. With digital ICs gaining traction, the need for software tooling is also heating up. However, the increasing instances of software failures could slow down adoption in North America and Europe.
“Constant software upgrades will be crucial to improve customer retention,” observed Eswaravadivoo. “In addition, as the use of software drastically goes up, OEMs must expand their services and collaborate closely with technology enablers to manage the issue of cybersecurity.” Nevertheless, the advantages of fully digital ICs far outweigh the challenges, and OEMs are working to capitalise on all the benefits that the technology can offer.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The European Business Awards

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

European UnionIt’s sponsored by RSM, Europe’s largest and most significant business recognition programme, has today named 678 companies from 33 countries across Europe as ‘National Champions’ in the first stage of the 2015-16 competition. A panel of independent judges, including business leaders and senior academics, selected the National Champions after the European Business Awards engaged with over 32,000 companies this year, a 33% increase for the competition now in its ninth year. Adrian Tripp, CEO of the European Business Awards said: “Congratulations to the companies that have been selected to represent their country as National Champions, they play an important part in creating a stronger business community.” Jean Stephens, CEO of RSM, the leading global audit, tax and advisory network, said: “The vast range of businesses that have been named as National Champions – from entrepreneurial start-ups to large international corporations – displays the increasing reach of the programme and the abundance of quality businesses across the continent. I would like to congratulate them all and wish them luck in the coming rounds.” The next round requires the National Champions to make a presentation video, telling their unique story and explaining their business success. The judges will view all of the National Champions’ videos, and award the best of this group the coveted ‘Ruban d’Honneur’ status. Ruban d’Honneur recipients will then go on to be part of the grand final in 2016.
Separately, the National Champion videos will be made public on the European Business Awards website http://www.businessawardseurope.com as part of a two stage public vote, which will decide the ‘National Public Champions’ for each country. Last year over 170,000 votes were cast as companies from across Europe were publicly supported by their clients, staff and peers, as well as the general public.Supported since their inception by lead sponsor and promoter RSM, the seventh largest audit, tax and advisory network worldwide with a major presence across Europe, the European Business Awards was created to support the development of a stronger and more successful business community throughout Europe. Additional sponsors and partners of the Awards include ELITE, the UKTI and PR Newswire. In the 2014/15 competition, all EU member markets were represented plus Turkey, Norway, Switzerland, Serbia, Croatia and the Former Yugoslav Republic of Macedonia, Their combined revenue exceeded €1.5 trillion, and together they generated profits of over 60 billion Euros and employ over 2.5 million people.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo Direttore Generale Air France-KLM in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

salemiDal 1° settembre 2015 Jérôme Salemi è il nuovo Direttore Generale Air France-KLM per Italia, Malta e Albania.Francese, classe 1973, Jérôme Salemi è laureato presso l’Ecole Supérieure de Commerce di Parigi e vanta una ricca esperienza professionale nel settore aeronautico.In Air France dal 1998, ha ricoperto incarichi nel settore vendite, marketing e pricing in Francia e Spagna. Dal 2010 al 2014 è stato Direttore Generale Air France-KLM in Messico e, dal 2014, Direttore Generale Air France-KLM in Africa del Nord con competenza per il Marocco, l’Algeria e la Tunisia.”Sono onorato guidare il Gruppo Air France-KLM in Italia che è, e rimarrà, un mercato di fondamentale importanza per il nostro Gruppo”, dichiara Jérôme Salemi.Il nuovo Direttore Generale, basato nella sede centrale di Roma, guiderà una struttura presente in 10 aeroporti italiani con più di 400 voli a settimana dall’Italia e più di 250 dipendenti.Attore globale con una forte base europea, il Gruppo Air France-KLM opera nel trasporto passeggeri, cargo e nella manutenzione degli aerei.Il Gruppo Air France-KLM è leader per traffico internazionale in partenza dall’Europa. Nel 2015, offre ai clienti accesso ad un network di 316 destinazioni in 115 paesi, grazie ai suoi quattro brand Air France, KLM Royal Dutch Airlines, Transavia e HOP! Air France. Con una flotta di 546 aeromobili in esercizio e 87.4 milioni di passeggeri trasportati nel 2014, Air France-KLM opera fino a 2.200 voli al giorno dai suoi hub di Parigi Charles de Gaulle e Amsterdam Schiphol.Il suo programma frequent flyer Flying Blue è tra i leader in Europa con più di 25 milioni di soci.Air France-KLM fa parte, assieme ai partner Delta Air Lines e Alitalia, della più grande joint venture transatlantica che offre più di 250 voli giornalieri.Air France-KLM è anche membro dell’alleanza SkyTeam, che riunisce 20 compagnie aeree e dà accesso a una rete globale di 16.320 voli giornalieri verso 1.052 destinazioni in 177 paesi.
In Italia il Gruppo Air France-KLM è presente in dieci aeroporti : Torino , Milano Malpensa, Milano Linate, Verona, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Air France opera più di 260 collegamenti settimanali con l’Italia e KLM più di 150. (foto: salemi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

SCUOLA – Assunzioni, stanotte parte la lotteria della fase B: per mettere in ruolo 10mila precari su 16mila sono state rispolverate le “code” illegittime

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cChi ha creato questo cervellotico meccanismo – che porterà all’assunzione di 1 docente su 5 che ha presentato domanda lontano dalla sua provincia, non 1 su 10 come va dicendo il ministro Giannini – ha messo su un vero ricatto: chi non accetta è fuori delle graduatorie. Anche se abita a Caltanissetta e la “ruota della fortuna” lo ha spedito a Cuneo. E quel posto perso si trasformerà pure in supplenza annuale, alimentando ancora precariato.Anief reputa assurdo tale modo di procedere. Il Miur ha infatti riattivato il meccanismo, già pluribocciato dai giudici, delle collocazioni in ‘coda’: solo la prima provincia di preferenza del precario aspirante al ruolo viene considerata dall’algoritmo ministeriale utile all’inserimento ‘a pettine’; in tutte le altre 99 province, i candidati al ruolo vengono relegati in fondo alle graduatorie. Inoltre, l’amministrazione ha omesso di pubblicare quelle derivanti delle preferenze espresse dei precari. Costringendoli a presentare le domande on line, senza gli elementi necessari per capire se e dove valeva la pena chiedere l’assunzione con priorità.
Marcello Pacifico (presidente Anief): saranno in migliaia i docenti che verranno collocati on line in province inaspettatamente lontane. E che chiederanno spiegazioni ai giudici, con il nostro patrocinio. Stanotte, subito dopo la mezzanotte, inizia la lotteria delle assunzioni, con circa 60mila docenti precari coinvolti nella fase B del piano di immissioni in ruolo della riforma e relativa collocazione sui futuri albi territoriali gestiti dai presidi: come indicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 agosto, saranno però solo in 16mila (in realtà 10mila, uno ogni sei) a ricevere la proposta di assunzione “alle ore 00.01 del giorno 2 settembre 2015 attraverso il sistema informativo Istanze OnLine raggiungibile mediante apposito link sul sito http://www.istruzione.it”.
“I docenti destinatari – recitano le disposizioni ufficiali – accettano espressamente la proposta di assunzione entro le ore 24.00 del giorno 11 settembre 2015, esclusivamente avvalendosi delle apposite funzioni disponibili nel citato sistema informativo. Si ricorda che in caso di mancata accettazione, nei termini e con le modalità predetti, i docenti destinatari non possono ricevere ulteriori proposte di assunzione a tempo indeterminato ai sensi del piano di assunzioni di cui all’articolo 1, comma 98, della citata legge”. Chi ha creato questo cervellotico meccanismo – che porterà all’assunzione di 1 docente su 5, che ha presentato domanda, lontano dalla sua provincia e non 1 su 10 come ha detto in queste ultime ore il ministro Giannini – ha messo su un vero ricatto: perché coloro “che non accettano la proposta di assunzione eventualmente effettuata nella citata fase b), non partecipano alle fasi successive del piano di assunzioni e sono definitivamente espunti dalle graduatorie di merito e ad esaurimento in cui sono iscritti”. Per l’amministrazione scolastica, in pratica, un precario che ha fatto domanda deve obbligatoriamente accettare la sede prescelta dall’algoritmo predisposto dal Miur, anche se abita a Caltanissetta e la “ruota della fortuna” lo ha spedito a Cuneo: in caso contrario può dire addio all’insegnamento, almeno da raggiungere attraverso tramite le attuali graduatorie. E il posto lasciato libero, ancora una volta contraddicendo gli auspici del Governo sulla fine del precariato, non potrà essere nemmeno recuperato: andrà a supplenza annuale sino al 31 agosto 2016.
Su questo modo di procedere monta, a ragione, la polemica: Anief lo ritiene, al di là delle buone intenzioni espressi in più occasioni dal Governo, anche anti-funzionale alla Buona Scuola: un terzo delle assunzioni di questa tornata rimarranno infatti scoperte, per via delle graduatorie di merito e delle GaE esaurite, quindi senza più aspiranti. I numeri sono evidenti: andranno perduti ben 3.671 posti di sostegno – su infanzia, primaria e media – a fronte di 8.797 messi a bando; lo stesso destino riguarda diverse altre cattedre su materia comune, in particolare le 1.500 di matematica alle medie (la classe di concorso A059). Sono assunzioni che, è il caso proprio di dirlo, gridano vendetta: perché negli ultimi anni sono stati specializzati coi Tfa nelle università 12.840 insegnanti di sostegno e abilitati altri 11.163 docenti nelle materie scientifiche, di cui 2.759 proprio per la A059 (oltre agli abilitati Pas, Scienze della formazione primaria e all’estero): tutti, però, sono stati lasciati illegittimamente fuori dalle GaE e dal piano straordinario di assunzioni.
“E che dire delle circa 10mila assunzioni che si effettueranno totalmente al buio e per questo esposte più che mai ai ricorsi in tribunale?”, chiede Marcello Pacifico, presidente Anief. “La prima grave incongruenza è che il Miur ha rispolverato il meccanismo, già pluribocciato dai giudici della Consulta, delle collocazioni ‘coda’: solo la prima provincia di preferenza del precario aspirante al ruolo viene infatti considerata dal cervellone elettronico come utile all’inserimento ‘a pettine’; in tutte le altre 99 province, a seguire, i candidati al ruolo vengono relegati in fondo alle graduatorie, anche se hanno 100 o 200 punti in più. E questo è assurdo”.“Ma l’altissimo grado di incertezza che regna su queste assunzioni – con la sede di servizio che si svelerà tra il 12 il 14 settembre – ha anche un’altra motivazione. Il ministero dell’Istruzione ha infatti messo a disposizione dei precari solo il numero di domande pervenute e le province espresse, dimenticando un dato fondamentale: la pubblicazione delle graduatorie derivanti delle stesse preferenze espresse. Costringendo a presentare la domanda senza gli elementi necessari per capire se e dove valeva la pena chiedere l’assunzione con priorità. A questo punto – conclude Pacifico – pensiamo che saranno in migliaia quelli che verranno collocati in province inaspettatamente lontane. E che, dopo aver deciso all’ultimo momento se accettare o meno, a ridosso del prossimo 11 settembre, chiederanno spiegazioni ai giudici. Con il nostro patrocinio”.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavorare da casa: vantaggi e svantaggi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

lavorare da casaMilano. Secondo un’indagine internazionale Regus, oltre il 50% (50,9% dato Italia e 52% media globale) dei professionisti intervistati dichiara di lavorare fuori ufficio, molto spesso da casa, per almeno metà dei giorni lavorativi della settimana. Queste modalità di lavoro agile comportano indubbiamente dei vantaggi, come la maggior flessibilità degli orari, l’ottimizzazione dei tempi evitando trasferimenti casa-ufficio nelle ore di punta e un miglior equilibrio tra vita lavorativa e tempo libero. Quindi tutto bene? Non proprio. Come in ogni cambiamento nelle abitudini consolidate sorgono delle criticità. Regus, il principale fornitore di spazi di lavoro flessibili, nella sua inchiesta condotta a livello globale su un campione di 44.000 manager e professionisti ha riscontrato negli intervistati che lavorano per molto tempo da casa un profondo senso di solitudine (38% media globale), leggermente inferiore nel nostro paese (28% il dato relativo all’Italia). Molto avvertito è anche il disagio dovuto a una minor interazione e possibilità di confronto con altri colleghi e professionisti (67% Italia e 64% media globale). Inoltre il 40% degli italiani (62% media globale) avverte la necessità di programmare frequenti meeting, viaggi e incontri di lavoro fuori casa per compensare il senso di solitudine e isolamento. Rispetto alla tradizionale organizzazione di routine “casa-ufficio”, queste modalità innovative di smart working o di lavoro agile a volte non sono perfettamente comprese dalle famiglie, causando il timore in chi lavora da casa che la propria attività professionale venga sminuita e considerata meno importante. Questa situazione è particolarmente avvertita in Italia per il 45% degli intervistati, mentre il dato globale registra una media del 39%.Un’altra considerazione degli intervistati, meno professionale e più collegata al benessere personale, riguarda il timore di ingrassare poiché, trascorrendo molto tempo in casa lavorando alla scrivania si è tentati dagli snack fuori dall’orario dei pasti (il dato Italia e la media globale coincidono al 32%).
Ecco in sintesi il confronto fra il dato italiano e la media mondiale delle principali conclusioni del rapporto Regus:
· il 50,9 % (52% media globale) dei professionisti segnala che lavorano fuori ufficio oltre la metà della settimana e molto spesso da casa
· Il 28% (38% media globale) dichiara di sentirsi solo e il 67% (64% media globale) avverte la mancanza di confronto con altri colleghi e professionisti
· Il 40% (62% media globale) ha la necessità di organizzare meeting e viaggi di lavoro per sfuggire al senso di isolamento lavorando da casa
· Il 45% (39% media globale) teme che la sua famiglia percepisca che il lavoro svolto lontano dall’ufficio tradizionale sia meno importante
· Il 32% (media globale 32%) teme di ingrassare poiché a casa dispone di molti snack fuori pasto
Mauro Mordini country manager di Regus in Italia ha così commentato: “Chi lavora in modalità organizzative di smart working o lavoro agile necessita di ambienti professionali e completamente attrezzati per essere efficace e produttivo. Gestire il proprio lavoro lontano dall’ufficio, ma quasi sempre da casa chiaramente non è la soluzione più efficace. Chi ha la possibilità di lavorare in un ambiente completamente funzionale, invece che da uno spazio improvvisato all’interno della propria casa, ha l’opportunità di confrontarsi con altri professionisti e superare così il senso di isolamento. Le aziende che forniscono ai propri dipendenti l’accesso a un business center vicino a casa, sfruttano appieno i vantaggi di modalità di lavoro agile offrendo ai propri collaboratori ambienti professionali e funzionali, riducono i costi fissi degli uffici tradizionali, incrementano la produttività ed eliminano il tempo perso in lunghi viaggi casa-ufficio”. (foto: lavorare da casa)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perché digitalizzare e da dove cominciare, le indicazioni di Frost & Sullivan per aumentare i tassi di utilizzo e migliorare i margini di profitto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

montecarloMONTECARLO. Le tendenze verso la digitalizzazione, come ad esempio la manifattura digitale o gli ambienti di lavoro connessi, stanno portando nuova efficienza alle industrie. Il concetto di “lavorare da qualsiasi luogo, in qualsiasi momento” comporterà una diminuzione dei requisiti di spazio per gli uffici di circa il 30% tra il 2013 e il 2022, con un conseguente aumento del tasso di utilizzo dal 55 all’80%. Anche gli strumenti di analisi dei big data e le soluzioni di prognosi avanzate aiuteranno a ottimizzare i flussi operativi e a migliorare i margini di profitto nelle aziende. Ad esempio, l’analisi dei big data consente ai rivenditori di aumentare i margini di profitto di oltre il 60%, e le piattaforme di intelligence predittiva possono rendere più veloci le linee produttive negli impianti di produzione del 30% (eliminando le attività ridondanti). Questi sono solo alcuni dei molti vantaggi che la digitalizzazione può portare ad un’azienda, ed è questo il motivo per cui è diventato fondamentale per le imprese impostare una strategia digitale per avere successo e prosperare nel mercato. Capire i motivi per cui digitalizzare e da dove cominciare sarà al centro della conferenza annuale di Frost & Sullivan per la Crescita, l’Innovazione e la Leadership (GIL). GIL 2015 ritorna per la sua seconda edizione sulle rive di Monaco venerdì 23 ottobre. “Per le aziende, disporre di una strategia digitale è diventata una necessità. La nostra analisi dimostra chiaramente che aiuta a migliorare i livelli di servizio al cliente, a mantenere le relazioni con i clienti, a battere la concorrenza e a dettare gli standard del settore”, afferma Arnaud Bossy, Consulting Director per l’Europa, responsabile del programma di digitalizzazione di Frost & Sullivan.
Le attività che si possono intraprendere per trasformare un’azienda in un leader digitale sono molteplici:
• Nuovi modelli di business (Dai prodotti fisici ai prodotti digitali, nuovi prodotti e servizi digitali)
• Nuove modalità di lavoro (Competenze digitali, ambienti di lavoro proiettati nel futuro, strategie per i dipendenti, gestione delle prestazioni)
• Nuovi processi operativi (Ottimizzazione del magazzino e della catena di fornitura, sistemi digitali)
Secondo Frost & Sullivan, oltre il 70% delle prime 500 compagnie al mondo hanno in programma di offrire i propri prodotti come servizi entro il 2020. L’evento, che si terrà al Monte Carlo Bay Hotel & Resort, inizierà alle 9 del mattino con un discorso di benvenuto di Jan E Kristiansen, Senior Partner & Global Head of Growth Consulting di Frost & Sullivan. Saranno presenti esperti di Frost & Sullivan e leader dei diversi settori industriali. Si prevede che oltre 200 leader nel mondo degli affari parteciperanno alla conferenza, nel corso della quale saranno presentati anche case study e storie di successo. Il Ministro delle Finanze e dell’Economia del Principato di Monaco, Jean Castellini, spiegherà in che modo Monaco sta sfruttando il digitale per trasformarsi. Martin Péronnet, Managing Director di Monaco Telecom, l’operatore telefonico del Principato, condividerà le proprie idee su come trasformare un operatore delle telecomunicazioni tradizionale in un operatore digitale, rivoluzionando il modello di business e la cultura aziendale. Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, collabora con i propri clienti per potenziare una visione innovativa che risponda alle sfide globali e alle opportunità di crescita correlate che faranno la differenza per gli operatori del mercato di oggi. Per oltre 50 anni abbiamo sviluppato strategie di crescita per le 1000 aziende più importanti a livello globale, le realtà emergenti, il settore pubblico e la comunità degli investitori. La vostra azienda è pronta per la prossima ondata di convergenza industriale, tecnologie dirompenti, crescente competizione, macro tendenze, best practice innovative, clienti in continua evoluzione e mercati emergenti?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Savills Investment Management completa l’acquisizione di SEB Asset Management AG

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

roccaseccaSavills Investment Management (‘Savills IM’), gestore internazionale di investimenti immobiliari, annuncia oggi il perfezionamento dell’acquisizione di SEB Asset Management AG (“SEBAM”).A complemento dell’acquisizione, annunciata nel marzo di quest’anno e completata, come previsto, nel terzo trimestre, Savills IM e SEB Group hanno siglato un accordo di collaborazione per fornire servizi nel campo immobiliare ai clienti istituzionali e dell’area wealth management di SEB Group.Le attività aggregate comprenderanno: una piattaforma per la gestione di investimenti in Europa con circa 15 miliardi di asset under management, una piattaforma asiatica in forte espansione con circa 2 miliardi di euro di AUM e un organico complessivamente pari a circa 280 dipendenti attivi in 16 uffici con responsabilità di gestione di investimenti in 21 Paesi. I clienti avranno la possibilità di accedere ad un maggior numero di opportunità di investimento, attraverso nuovi fondi pan-europei e pan-asiatici ovvero mandati di gestione e fondi specializzati in specifici settori di investimento o in specifici mercati.Justin O’Connor, Chief Executive Officer di Savills IM, ha commentato: “Siamo molto soddisfatti che questa acquisizione si sia realizzata e conclusa come da programma. L’acquisizione di SEB Asset Management ci consente di incrementare le nostre masse gestite e di migliorare la nostra capacità di offrire opportunità di investimento ai nostri clienti. Il nostro obiettivo è di accelerare il processo di crescita organica rafforzando la nostra posizione fra gli operatori leader nella selezione e gestione di investimenti immobiliari in Europa e Asia.”Le attività congiunte saranno pienamente integrate sotto il brand “Savills Investment Management” portando quindi le attività di SEB Investment GmbH in Germania ad operare sotto il marchio “Savills Fund Management GmbH”. Il cambio di proprietà vedrà comunque continuare il processo di liquidazione degli asset detenuti in alcuni fondi aperti tedeschi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXVII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale “L’Aquilone, il suo filo e il vento”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

stresaStresa 15 -18 Ottobre 2015 Hotel Regina Palace. Una quattro giorni di riflessioni, incontri e dibattiti che vedrà confrontarsi nella città che si affaccia sul Lago Maggiore oltre 150 relatori, tra pediatri ed esperti nel campo dello sviluppo psicofisico dei bambini e della diagnosi e terapia delle malattie infantili.
“L’Aquilone, il suo filo e il vento” è lo slogan del XXVII Congresso SIPPS, al quale parteciperanno più di 700 medici provenienti da tutta Italia. “Gli aquiloni, ossia i nostri bambini – spiega il Presidente SIPPS, Dott. Giuseppe Di Mauro – sono la speranza per il nostro futuro. Per poter volteggiare, gli aquiloni hanno bisogno del vento ma anche di un seppur sottile ma resistente filo e di un ancoraggio saldo, altrimenti il vento li porterebbe alla deriva. Chi regge il filo – dichiara Di Mauro – può aiutare i bimbi meno fortunati, proteggerli dalla violenza del mondo. Chi regge il filo è in grado di aiutare chi non può giocare, imparare, crescere in modo sano per diventare una “persona”. Ma non basta essere in grado di reggere il filo: occorre volerlo fare, averne le motivazioni, occorre il vento, cioè la creatività e l’energia per farlo nel migliore dei modi”. I lavori di giovedì 15 saranno aperti dai “Per…corsi”, che approfondiranno determinate tematiche: dalle problematiche in ambulatorio al “Facebooker” fino al “Risk-management” e alla malattia cronica. Si parlerà poi di “Rischi e trappole” correlati allo sport, alle droghe di oggi e di domani, alla Cyberlandia e ai farmaci off-label.
Nella sessione “Per non trovarci impreparati…” spazio alle basi teoriche della rianimazione cardio-polmonare, all’ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo, alla crisi convulsiva e respiratoria e al trauma cranico.
Alle 17.00 si terrà l’inaugurazione vera e propria: le autorità regionali e nazionali, con la gradita presenza del Ministro della Salute, On. Beatrice Lorenzin, porteranno i propri saluti. Accanto a loro Giampietro Chiamenti, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). Dopo la relazione del Presidente SIPPS, Dott. Giuseppe Di Mauro (Presidente del Congresso insieme al Dott. Gianni Bona), la giornata si concluderà con due letture magistrali tenute da Giuseppe Saggese e Marcello Giovannini: il primo si soffermerà sul nuovo percorso di formazione del Pediatra, il secondo sul Programming e re-programming del gusto.
La mattina di venerdì 16 si aprirà con la presentazione di una Consensus riguardante la Vitamina D e proseguirà con un talk-show sulle vaccinazioni. Durante la giornata riflettori puntati poi sugli acronimi infettivologi e sul Corso “Valutazione neuroevolutiva e segnali di allarme psicomotorio nei primi due anni di vita. Come riconoscere indicatori di rischio e segnali di allarme con i bilanci di salute”.
“L’età media di diagnosi, a livello nazionale, indica un ritardo di circa 2 anni per molti Disturbi del Neuro sviluppo (Spettro Autistico, Disturbi motori e della coordinazione, Disturbi Specifici del linguaggio e dell’apprendimento, disturbi psicorelazionali, etc.). Questo ritardo – informa il Presidente SIPPS, Dott. Giuseppe Di Mauro – non consente di promuovere interventi abilitativi ed è spesso causa di insuccessi terapeutici e di trattamenti poco incisivi nel modificare, favorevolmente, l’evoluzione della stessa malattia. La difficoltà nella definizione diagnostica delle Disabilità Neurocognitive rappresenta una criticità che richiede interventi immediati per favorire lo sviluppo di “attività cliniche qualificanti”. Attraverso il Corso il Pediatra potrà dunque acquisire maggiori competenze in ambito Neuropsicologico. Verranno descritti gli elementi base dell’esame Psicomotorio e la valutazione della Semeiotica Neurocognitiva, anche attraverso l’utilizzo di immagini e video che ne amplificano l’efficacia formativa”.
La giornata di sabato 17 ottobre inizierà con la “Consensus sui disordini gastrointestinali funzionali” e proseguirà con una sessione sullo smart food. Previsti altri due Corsi: il primo riguarda la “Simulazione avanzata in Pronto Soccorso pediatrico”.
“Il Corso – aggiunge il numero uno della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale – ha l’obiettivo di far sperimentare la gestione del paziente pediatrico critico in team attraverso l’uso di un simulatore pediatrico avanzato, con particolare attenzione ai principi del Crisis Resource Management (CRM). Docenti, pediatri e anestesisti-rianimatori pediatri proporranno scenari clinici sia semplici che complessi che saranno seguiti da debriefing”.
Infine l’ultimo Corso, quello che ha per oggetto la “Nutrizione Pediatrica per Farmacisti”: dal pit stop su formule speciali al baby food fino alle false allergie alimentari. Tra gli argomenti che saranno approfonditi a Stresa nella terza giornata di lavori, la prevenzione dei disturbi della crescita, l’antibioticoterapia, la dislessia, la disgrafia e la discalculia, oltre all’infiammazione e dolore nel bambino e alla sicurezza dei farmaci in pediatria.Un Congresso ricco di spunti davvero interessanti, dunque, quello che si terrà nella città piemontese e che si chiude domenica 18 con due sessioni dedicate interamente alla Pediatria Preventiva e Sociale: si parlerà, tra l’altro, del Progetto “Ci piace sognare”, del ruolo del pediatra di famiglia nella gestione delle malattie rare e nella diagnosi precoce e nel follow-up del bambino con patologie onco-ematologiche; ma anche di Dermatite Atopica, prevenzione andrologica nel bambino per un adulto sano, fino all’impatto storico sociale dell’immigrazione in sanità e alle Bandiere verdi, un nuovo approccio scientifico al mare dei bambini.
Uno sguardo, infine, sull’influenza che verrà, Progetto di monitoraggio, prevenzione e terapia dell’influenza 2015-2016: la relazione prenderà in considerazione le nuove opportunità farmacologiche nella prevenzione e nella terapia dell’influenza.
Per coinvolgere i colleghi più giovani sono inoltre state organizzate tre Sessioni di Comunicazioni Orali, durante le quali potranno presentare le proprie esperienze più innovative. “Questa scelta – conclude il Presidente Di Mauro – sottolinea ancora una volta l’impegno della SIPPS verso i giovani medici e gli specializzandi. A loro garantiamo infatti non solo l’iscrizione gratuita ma anche la possibilità di avere un proprio spazio per illustrare i propri lavori”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove frontiere per i superfluidi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

strinatiCamerino. Ancora un importante riconoscimento internazionale per la ricerca di eccellenza di Unicam. E’ appena stato pubblicato sulla prestigiosa rivista inglese “Nature Physics” l’articolo dal titolo “Vortex arrays in neutral trapped Fermi gases through the BCS-BEC crossover”, di cui sono autori i professori Stefano Simonucci, Pierbiagio Pieri e Giancarlo Calvanese Strinati, docenti della sezione di Fisica della Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università di Camerino.Oggetto del recente lavoro di ricerca dei tre fisici di Unicam, i cui risultati sono contenuti nell’articolo, è la simulazione numerica di un gas di atomi “ultrafreddi”, ovvero raffreddati a temperature che distano meno di un milionesimo di grado dallo zero assoluto.
A queste temperature il gas diventa superfluido, con proprietà inusuali interamente governate dalle leggi della fisica quantistica. Ad esempio, nel superfluido posto in rotazione il moto vorticoso si organizza spontaneamente in reticoli regolari di vortici, che è l’oggetto specifico dello studio dei tre fisici di Unicam. Applicando un’equazione sviluppata recentemente all’interno dello stesso gruppo di ricerca, i tre fisici di Unicam sono stati in grado di descrivere e interpretare teoricamente i risultati di due esperimenti chiave realizzati negli ultimi anni, rispettivamente nei laboratori del MIT di Boston e dell’Università di Innsbruck.
“I gas di atomi superfluidi – ha dichiarato il prof. Strinati – hanno molte proprietà analoghe ai materiali superconduttori, che sono sistemi dalle innumerevoli applicazioni (dal trasporto dell’energia alla sensoristica e diagnostica medica, al computer quantistico) e questa è una delle ragioni principali per il loro interesse”. Questo lavoro conferma ancora una volta l’eccellenza della ricerca in Fisica a Unicam, il cui corso di laurea in Fisica a partire da quest’anno offrirà accanto al curriculum tradizionale anche un nuovo curriculum in “Innovazione Tecnologica”, più orientato verso le molteplici applicazioni della Fisica allo sviluppo tecnologico ed al mondo produttivo. (foto: strinati)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chirurgia estetica, con la Smart mastoplastica ci vogliono solo 30 minuti per un seno nuovo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

chirurghiSolo 30 minuti per aumentare il volume del seno, con un recupero rapido e dal dolore limitato. Sono questi i vantaggi di una nuova tecnica per la mastoplastica additiva messa a punto da Pierfrancesco Bove e Raffaele Rauso, chirurghi plastici attivi in varie regioni d’Italia con l’équipe di ChirurgiadellaBellezza. «L’abbiamo chiamata Smart mastoplastica perché è una tecnica intelligente, che combinando delle procedure consolidate e sicure consente di ottimizzare i tempi dell’intervento, mezz’ora circa contro le due ore di una mastoplastica tradizionale –affermano Bove e Rauso–. Inoltre, la scelta dell’anestesia locale con leggera sedazione fa sì che si evitino i postumi pesanti dell’anestesia generale con intubazione». La Smart mastoplastica è indicata per tutte le pazienti che desiderano un aumento volumetrico del seno, senza modificarne la forma. Per la Smart mastoplastica i chirurghi di ChirurgiadellaBellezza hanno standardizzato una tecnica di inserimento per la protesi sottomuscolare dual plane, con un metodo che successivamente riduce le problematiche legate alle contrazioni dinamiche del muscolo pettorale e gli inconvenienti connessi. «Il risultato di questo approccio sono tempi di intervento estremamente brevi per un inserimento sottomuscolare, di 30 minuti circa per entrambe le mammelle, il che riduce anche l’edema e il gonfiore successivi» spiega Raffaele Rauso
L’équipe di Chirurgia della bellezza è caratterizzata dallo stesso team fisso di anestesisti e infermieri, sempre guidata da Pierfrancesco Bove e Raffaele Rauso, costituendo così un team affiatato e affidabile che opera con rapidità garantendo il miglior risultato. Il minore tempo di intervento comporta anche tempi di recupero accorciati: avendo assunto basse dose di farmaci anestesiologici, la paziente li smaltisce in poco tempo, risvegliandosi pressoché senza dolore grazie all’anestetico locale infiltrato dal chirurgo prima di operare.«Il fatto di non sentire male, però, non deve far dimenticare che la fase post-operatoria di un intervento del genere dura un mese –spiega Pierfrancesco Bove– Questo è un aspetto che lo staff di ChirurgiadellaBellezza segue con particolare attenzione, assegnando a ciascuna paziente una personal assistant che si assicura vengano seguite tutte le indicazioni terapeutiche, per esempio l’uso di guaina e reggiseno contenitivo e gli accorgimenti da adottare per tutti i movimenti che coinvolgono gli arti superiori, come anche un “banale” movimento che si fa, senza pensarci, per alzarsi dal letto, e che va sostituito».Se, infatti, dal giorno dopo l’intervento la paziente può riprendere la normale vita quotidiana e attività lavorative che non comportino carichi eccessivi per braccia e pettorali, occorre attendere 30 giorni prima di eliminare le fasciature contenitive e 60 per riprendere al 100% l’attività sportiva.
ChirurgiadellaBellezza (www.chirurgiadellabellezza.it) è un surgery network che si occupa di Medicina e Chirurgia Estetica in Lombardia, Toscana, Lazio e Campania. L’équipe, guidata dai chirurghi plastici Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove, è composta da anestesisti, infermieri e personal assistant. Gli standard che garantisce sono elevatissimi in tutte le città in cui opera. La filosofia di ChirurgiadellaBellezza si basa non solo sulla ricerca di risultati armonici e naturali, ma anche sull’assistenza costante al paziente prima, dopo e durante l’intervento. (foto: chirurghi)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Fish Very Good – Il Salone”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

triesteDal 4 al 6 settembre sul Molo Audace di Trieste “Fish Very Good – Il Salone” Tre giorni per conoscere meglio il pesce del nostro mare, tra scuola di cucina, workshop, attività divulgative e navigazioni a bordo di pescherecci. Sapreste nominare una decina di specie ittiche del nostro mare? E la loro stagionalità? Che abbiate o meno la risposta, il momento giusto per scoprirlo sarà questo fine settimana, dal 4 al 6 settembre sul Molo Audace di Trieste, alla prima edizione di Fish Very Good – Il Salone, l’evento organizzato dal GAC FVG, Gruppo di Azione Costiera del Friuli Venezia Giulia“Fish Very Good – Il Salone è un esperimento di salone del pesce che nei nostri obiettivi vorremmo portare in regione e a Trieste nel contesto di una ampia e articolata fiera dedicata al mare e a tutte le eccellenze che il territorio può offrire in questo settore” spiega Antonio Paoletti, presidente del GAC FVG. Il suo obiettivo è quello di promuovere la cultura del mare e della pesca e un consumo di prodotto ittico più consapevole che tenga conto della provenienza e della stagionalità della materia prima.
“La cultura del mare è una parte centrale della cultura e delle tradizioni della nostra città. Ecco perché questo evento, che la valorizza, si adatta particolarmente bene a Trieste. Avevamo già pensato a una manifestazione di questo tipo: ora si inizia un percorso e siamo pronti a collaborare ancor più attivamente perché il tema del rapporto città-mare, della sua storia e delle sue tradizioni, diventeranno sempre più temi forti per lo sviluppo della città, prospettive di sviluppo economico e industriale per il futuro” nota Roberto Cosolini, sindaco di Trieste.Il Salone si articola in numerose attività informative e divulgative, completate dall’imprescindibile momento di degustazione. Spiega Patrizia Andolfatto, direttore di Aries, capofila di GAC FVG: ”Workshop, animazione per i bambini, brevi navigazioni a bordo di pescherecci e lezioni di cucina animeranno la tre-giorni dedicata al prodotto ittico. Particolare risalto avrà la Scuola di Cucina in cui i cuochi saranno affiancati da un biologo, che fornirà un inquadramento sulle specie ittiche protagoniste dei piatti, e da sommelier dell’Associazione Italiana Sommelier che faranno degustare il piatto in abbinamento a un vino del Carso dell’Associazione Viticoltori del Carso-Kras”.A orario continuato sarà aperto anche il RistoFish per pranzi e cene circondati dal mare, sulla punta del Molo Audace, ma anche per rapidi stuzzichini e “Aperifish” d’asporto.
La parte divulgativa si completa con una di supporto ai protagonisti della pesca locale: incontri d’affari tra operatori della regione e buyer stranieri, austriaci e tedeschi, nell’ottica di eventuali future collaborazioni commerciali.“L’organizzazione di questo evento è un bel traguardo – nota Marina Bortotto, direttore del Servizio caccia e risorse ittiche della Regione Friuli Venezia Giulia – soprattutto tenendo conto della complessità amministrativa che viene imposta ai GAC”. “I Gruppi di Azione sono un punto di snodo su cui l’Unione Europea punta per ricostruire il tessuto locale, quindi delle realtà con un ruolo fondamentale che trova anche ampio e rilevante spazio nella prossima programmazione europea” chiarisce Igor Dolenc, vicepresidente della Provincia di Trieste. “L’auspicio è che il GAC FVG possa proseguire la sua azione e ampliarsi accogliendo sempre più realtà del territorio” aggiunge Vladimir Kukanja sindaco di Duino Aurisina.Il Salone è momento di punta della campagna di sensibilizzazione “Fish Very Good” rivolta ai consumatori del Friuli Venezia Giulia, che proseguirà anche nei mesi a venire in ristoranti, pescherie e centri commerciali, e che mira a promuovere i prodotti ittici locali secondo stagionalità, aumentando la dimestichezza del consumatore verso specie ittiche dimenticate, evidenziandone le proprietà nutritive, l’aspetto e il gusto. Per promuovere il prodotto “Fresco, Vicino, Genuino”.
“Sono stati sensibilizzati i ristoratori regionali e in molte realtà vengono proposte ricette e piatti con il pescato locale di stagione” conclude Antonio Paoletti, presidente GAC FVG”.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alberto Cerqui tra i protagonisti del round di Monza della Porsche Mobil 1 Supercup

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

cerquiUna nuova, prestigiosa sfida attende nei prossimi giorni Alberto Cerqui, che debutterà nella Porsche Mobil 1 Supercup il prossimo weekend a Monza al volante della Porsche 911 GT3 Cup numero 60 schierata dal Centro Porsche Brescia e gestita dal team Antonelli Motorsport.
Il pilota bresciano vanta già una buona conoscenza della berlinetta di Stoccarda, con la quale ha disputato la Porsche Carrera Cup Italia nel 2013. Sarà però la prima volta per lui nella Supercup, che condivide da anni il palcoscenico con la Formula Uno ed è sempre seguita dal pubblico delle grandi occasioni in modo particolare la domenica, con gara due in programma a poche ore dal via della corsa della massima serie.Il livello della Porsche Mobil 1 Supercup è storicamente molto alto con la presenza dei migliori interpreti della vettura tedesca. Per prepararsi al meglio Cerqui ha svolto una giornata di test sul circuito del Mugello la scorsa settimana, dove ha lavorato in modo molto produttivo con il team sia sul giro singolo che sul passo gara.Alberto Cerqui:”Sono impaziente di prendere parte a questa sfida nella Porsche Supercup. Correre a Monza ha sempre un grande fascino e farlo nel weekend del Gran Premio d’Italia sarà qualcosa di eccezionale. Devo ringraziare personalmente Beatrice Saottini, presidente del Centro Porsche Brescia, che mi ha dato la possibilità di competere in questo evento così speciale. Certo non sarà facile, i rivali sono di prim’ordine, ma già nel test il feeling con la vettura era buono e ci sono i presupposti per fare bene”.
Il weekend inizierà con le prove libere del venerdì dalle 16:45 alle 17:30, mentre le qualifiche sono in programma sabato dalle 12:25 alle 12:55, seguite da gara uno alle 18:15. Gara due scatterà domenica alle 11:45. Tutte le sessioni saranno seguite in diretta da Sky Sport Formula 1 HD. (foto cerqui)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Si torna a temere una crisi sistemica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

banche americaneLa vertiginosa altalena sulle borse internazionali sta mettendo di nuovo in discussione la tenuta del sistema finanziario globale. Non è l’effetto a catena del raffreddamento dell’economia cinese e la conseguente caduta dei listini di Shanghai, come molti, con una certa dose di opportunismo, vorrebbero spiegare. Si comincia invece a raccogliere i “frutti velenosi” seminati dai “quantitative easing” della Federal Reserve, della Bce e di altre banche centrali. Sta accadendo ciò che paventammo tempo fa su questo giornale.
Le eccezionali immissioni di nuova liquidità da parte delle banche centrali, per parecchie migliaia di miliardi di dollari, sono andate a gonfiare a dismisura i propri bilanci, a salvare le banche too big to fail in crisi e a rischio bancarotta, a comprare nuovi titoli di Paesi con crescenti debiti pubblici e a gonfiare i listini delle varie borse. Tanta nuova liquidità aveva fatto temere una immediata esplosione inflazionistica. I grandi “gestori della crisi” sono invece stati capaci di “pilotarla” verso le borse che hanno immediatamente portato le loro quotazioni agli stessi livelli stratosferici di prima del 2007. Senza legame alcuno con l’economia sottostante in recessione. L’inflazione in verità c’è stata, non sui prezzi ma sui valori borsistici!
Lo sottolinea anche la Banca dei Regolamenti Internazionali quando dice che “ Nonostante tutti gli sforzi per uscire dal cono d’ombra della crisi finanziaria, le condizioni dell’economia mondiale sono ancora lontane dalla normalità. L’accumulo di indebitamento e rischi finanziari, la dipendenza dei mercati finanziari dalle banche centrali e il persistere di tassi di interesse bassi: tutto questo sembra diventato ordinario. Ma solo perché qualcosa è ordinario non significa che sia normale.”
Se una malattia diventa ordinaria, cronica, non significa guarigione ne un miglioramento dello stato di salute.
I tassi di interesse negativi praticati dalle banche centrali stanno causando nuovi seri rischi finanziari. Nei primi 5 mesi dell’anno titoli di debito sovrano per oltre 2.000 miliardi di dollari sono stati scambiati a tassi negativi. Ciò ha indotto banche e grandi operatori finanziari a ricercare “l’azzardo morale” del rischio.
Per mantenere i loro impegni, a livello internazionale le assicurazioni sono in cerca di rendimenti alti anche se più rischiosi. La quota di titoli in loro possesso con rating inferiore alla A dal 2007 al 2013 è passata dal 20 al 30% del totale. Anche i fondi di investimento giocano un ruolo più aggressivo sui mercati. Già nel 2013 i mercati dei capitali e i fondi di gestione sono raddoppiati nel giro di 10 anni e manovrano 75.000 miliardi di dollari, accentuando una notevole concentrazione tanto che oggi 20 fondi controllano il 40% del mercato. La dipendenza dei mercati finanziari dalle banche centrali e dalle loro decisioni è cresciuta pericolosamente. Esse detengono il 40% di tutti i titoli pubblici denominati nelle valute principali. Come dimostrano gli ultimi avvenimenti borsistici esse sono diventate i principali attori del mercato, non solo attraverso la fornitura di liquidità ma anche attraverso gli acquisti diretti di titoli e azioni. E’ una distorsione che rivela la irrilevanza delle politiche dei vari governi rispetto alle autorità monetarie.
Si consideri che la semplice possibilità di un aumento del tasso di interesse da parte della Fed, come accade in questi gironi, manda in fibrillazione tutti i mercati. Molti Paesi emergenti, già pesantemente minati da svalutazioni valutarie, temono una fuga di capitali verso il mercato del dollaro. Non è un caso che nella seconda metà del 2014 il dollaro si sia rivalutato del 20% e il prezzo del petrolio sia sceso del 50%. Ci sembra che si tenti di far passare come normali i grandi rapidi cambiamenti che incidono profondamente nei rapporti economici internazionali. Nel frattempo gli investimenti delle imprese sono rimasti deboli, nonostante l’esplosione di fusioni e acquisizioni e i riacquisti di azioni proprie finanziati con emissioni obbligazionarie.
Secondo la Bri i boom finanziari e le cosiddette politiche monetarie accomodanti hanno determinato a livello globale anche la riduzione del tasso di crescita della produttività. Si calcola che la perdita della crescita di produttività media annua sia stata dello 0,4% nel periodo 2004-7 e dello 0,6% nel periodo 2007-13. Ciò sarebbe dovuto alla distorsione nel mercato del lavoro, dove la perdita di posti qualificati sarebbe parzialmente rimpiazzata da altri meno qualificati e di settori diversi. Il lavoro perso nei settori industriali sarebbe quindi in parte rimpiazzato dal terziario.
Quando la Fed iniziò il QE molti governi, come quello brasiliano e indiano, denunciarono l’inizio di una “guerra monetaria”. I nuovi capitali speculativi entrarono nei Paesi emergenti creando bolle non solo immobiliari, destabilizzando le economie locali. Allora Washington disse chiaramente che si trattava di una misura, presa nel proprio interesse nazionale, “alla quale bisognava adeguarsi”. Poi la successiva decisione della Fed di sospendere il QE provocò un’ulteriore fuga di capitali e la svalutazione delle monete dei suddetti Paesi. Non c’è quindi da stupirsi se la Cina non vuole accettare il gioco e decide di svalutare in modo competitivo la propria moneta. Sei volte in un breve lasso di tempo! Si rischia di nuovo una crisi sistemica, aggravata da interessi e conflitti nazionali che sembrano sempre più insanabili. Ciò accade perché, anziché decidere unitariamente in sede di G20, si continua a ritenere di poter agire da soli mentre i problemi hanno invece una oggettiva valenza e portata mondiale. (Mario Lettieri,già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Simply Italian Great Wines

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

Simply Italian LondraLondra. Tornano dopo la pausa estiva i Simply Italian Great Wines, i tour organizzati da I.E.M (International Exhibition Management) dedicati alla promozione del vino italiano all’estero.
Lunedì 7 settembre sarà la volta di Londra, dove trentuno aziende vitivinicole italiane, assieme a Federdoc, IVSI – Istituto Valorizzazione Salumi Italiani, Camere di Commercio di Gorizia e Udine e Consorzio della Denominazione San Gimignano, incontreranno presso lo storico palazzo Stationers’ Hall i principali operatori del mercato anglosassone interessati al meglio della produzione vitivinicola italiana. Simply Italian Great Wines Great Britain 2015, giunto alla sua terza edizione, riproporrà, in collaborazione con la nota rivista di settore Decanter, la formula vincente del 2014 con seminari, workshop commerciale, consumer tasting e un’importante novità: l’organizzazione di incontri B2b tra i rappresentati delle aziende vinicole e i maggiori importatori del Regno Unito e dei principali Paesi del Nord Europa (Svezia, Norvegia e Danimarca). La giornata inoltre sarà arricchita da due importanti seminari informativi con degustazioni guidate: il tasting organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio di Gorizia e Udine “Friuli Venezia Giulia: Embark on a journey of the senses” guidato da Peter McCombie, Master of Wine, e il tasting “Top of the DOP: Traceability & regulation of Italian DOC wines and Italian P.D.O. salumi” presentato da Riccardo Ricci Curbastro, Presidente di Federdoc e Monica Malavasi, direttrice di IVSI-Istituto di Valorizzazione dei Salumi Italiani. Fulcro dell’intero evento – e appuntamento immancabile – sarà poi il walk-around tasting, in cui le aziende entreranno direttamente in contatto con i principali operatori del mercato anglosassone, importatori, distributori, retailer, stampa, opinion leader e horeca. Un momento fondamentale per le aziende che sono alla ricerca di nuovi partner e per coloro che vogliono consolidare ed ampliare la propria presenza sul mercato. A conclusione della giornata ci sarà una sezione dedicata ai consumer tasting, ossia assaggi aperti al grande pubblico di appassionati e winelover, durante il quale sarà presentata la campagna di informazione e valorizzazione sui vini e salumi a denominazione d’origine “Top of the Dop”, progetto promosso da Federdoc e IVSI-Istituto di Valorizzazione dei salumi Italiani, con la degustazione “SalumiAmo con Bacco”, occasione di incontro e sensibilizzazione dei consumatori sul tema dei salumi DOP e IGP.
Simply Italian Great Wines Great Britain 2015 si conferma quindi anche quest’anno un evento esclusivo, ricco di appuntamenti organizzati ad hoc per le aziende vitivinicole italiane per corrispondere al meglio alle loro esigenze commerciali e creare un punto di incontro tra le loro aspettative e le esigenze del trade anglosassone.
“L’Inghilterra è da sempre uno dei mercati più importanti per le importazioni di vino.” dichiara Marina Nedic, Managing Director di IEM. “Terzo mercato di riferimento per l’export italiano dopo USA e Germania, sul quale l’Italia ha migliorato le sue performance passando da una quota del 10% al 19% in dieci anni.”
Nel periodo gennaio-maggio 2015 l’export tricolore nel mercato anglosassone ha registrato un incremento del 12% in valore e del 5,6% in volume, pari a 265,27 milioni di Euro (dati Wine Monitor). È un trend positivo, trainato soprattutto dai nostri spumanti, che nel 2015 riconferma l’Italia il secondo partner di riferimento, dopo la Francia. (foto: Simply Italian Londra)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo direttore generale della Fondazione Monte dei Paschi di Siena

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2015

1.9.15-Conferenza stampa del nuovo Direttore Generale  (Provveditore) della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Dott. DAVID USAI,©Pietro Cinotti_Photographer

1.9.15-Conferenza stampa del nuovo Direttore Generale (Provveditore) della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Dott. DAVID USAI,©Pietro Cinotti_Photographer

Davide Usai è stato nominato Direttore Generale (Provveditore) della Fondazione Monte dei Paschi di Siena dalla Deputazione Amministratrice del 24 luglio 2015, a seguito del “bando” pubblicato dalla Fondazione lo scorso giugno e ad esito del processo di selezione affidato a Korn Ferry.
Nato nel 1974 a Cagliari, dove si è laureato in Giurisprudenza nel 2001, ha conseguito nel 2003 il master in Comunicazione Istituzionale e Lobbyng presso la Luiss Business School di Roma.
E’ stato Direttore Generale di Unicef Italia dal 2012 fino all’inizio di quest’anno. Numerose le sue esperienze nel settore privato in tutte le aree di business aziendale, dove ha sviluppato specifiche competenze in particolare in merito a General Management, Business Development, Marketing, Fundraising, Relazioni Internazionali, Comunicazione e Public Affairs.
Nel corso dell’esperienza in Unicef ha ricoperto anche ruoli a livello internazionale riportando direttamente all’head quarter di New York presso le Nazioni Unite.In qualità di relatore ha partecipato a numerosi convegni in materia di cooperazione sia in Italia che all’estero e ha sviluppato una capillare rete di relazioni a livello internazionale.
E’ stato nominato referente mondiale Unicef per l’Expo di Milano e ha partecipato alla definizione del programma scientifico dell’EXPO nelle Commissioni istituite presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.
Ha iniziato la sua esperienza professionale nel 2002 presso RETI S.p.a a Roma dove è stato Responsabile delle relazioni istituzionali. Dal 2004 al 2007 ha ricoperto la carica di Direttore dell’Ufficio di Roma della Weber Shandwick, multinazionale della comunicazione e della pubblicità. Successivamente dal 2007 al 2012 ha ricoperto il ruolo di Direttore dei Rapporti Istituzionali, Relazioni Internazionali e Comunicazione di Postel S.p.A. del Gruppo Poste Italiane e contemporaneamente dal 2011 è stato Vice Presidente dell’Associazione Italiana Direct Marketing.Ha svolto numerose attività di docenza presso alcuni corsi universitari specializzati in relazioni istituzionali presso l’Università Luiss di Roma, l’Università di Cagliari e Camerino. Molteplici le attività anche in campo sociale e associativo. Parla correttamente inglese, portoghese e sta perfezionando il francese. (foto:Davide Usai)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »