Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 5 settembre 2015

Greenpeace response: Final day at Bonn UN Climate talks

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

climateGreenpeace’s Climate Policy Director Martin Kaiser said: “Governments have failed us in Bonn. While renewables boom and climate impacts – from fires to storms and forced migration – are the lived realities of people all over the world, negotiators still weren’t dealing with the substance of the issue. We leave Bonn today with no long term goal to phase out coal, oil and gas by mid century, the only way to put an end to more and more climate catastrophes. Governments must know that their agreement in Paris will be judged by whether it is up to the task of delivering a safe planet for all. The only way to do that is to agree to move to a 100% renewable world with energy access for all.”“The climate pledges made so far are insufficient and it is therefore essential to have a mechanism for ratcheting up those pledges every five years. They cannot be allowed to stand as they are for the next 10 to 15 years. That is a recipe for further destruction and human misery.” “Heads of States who care about their children should be angry with their negotiators. If they want to rescue a meaningful agreement for Paris they must pack bold decisions into their bags when they head to New York for the UN Sustainable Development Summit later this month.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

How the Queen gives UK business an edge

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

queenResearch has found that the Queen and Britain’s royal heritage gives the country an edge in marketing its goods around the world, especially luxury goods.As Queen Elizabeth II becomes Britain’s longest reigning monarch on September 9 research from Qing Wang, of Warwick Business School, has found out how important she is for promoting the country’s products and business. Professor Wang said: “The Queen and the royal family are the most significant symbols of British heritage and tradition. They inject a sense of continuity and national identity in the globalised and ever-changing world we live in today.“The Queen and all the history that comes with her, gives British luxury brands an edge and distinctive advantage.”The global luxury market – which includes drinks, fashion, cosmetics, fragrances, watches, jewellery, luggage, and handbags – was estimated to be worth €230 billion in 2014, with the Chinese consumer showing the biggest and fastest growing appetite for luxury goods.British luxury brands like Gieves & Hawkes, Cartier, the Ritz Hotel and Burberry are revered around the world and especially by the Chinese.Professor Wang’s survey of Chinese consumers asked them what they associated with the ‘Britishness’ they liked so much, and top of the list was the Queen and the royal family.“Luxury goods are defined as those satisfying hedonic rather than functional needs and our research has found this is an area that Britain enjoys a distinct advantage in,” said Professor Wang.“The Queen is a significant reason for this, as a very important factor that makes Britain stand out is that it incorporates tradition and innovation seamlessly.“Put differently, Britain’s advantage lies in the so-called soft power, which is defined as the ability to get what you want through attraction rather than through coercion, and the UK’s royal heritage is a key part of that.“The extent of its impact is hard to measure and even harder to replicate. As China promotes its own soft power, it has increasingly turned to Britain for inspiration.”Indeed, Professor Wang believes British products and services that re-affirm their link to the Queen’s and the country’s royalty has helped insulate them from a slump in the luxury market in the last three years.Professor Wang said: “The continued profit and sale decline of luxury brands are a strong indication that luxury brands are losing their lustre due to over exposure in the global marketplace and outsourcing of production to other countries.“There is a trickle-down effect of shoppers looking to emulate the luxury lifestyle, but the conspicuous consumption of middle-class consumers is threatening the very essence of luxury being exclusive.“But the link to the most important British heritage – royalty – reaffirms to consumers the brand’s authenticity and reminds the public of the golden bygone age. Unique and customised product offerings combined with exquisite craftsmanship and the royal association continue to drive sales in emerging markets.”And Professor Wang says the much sought after Royal Warrant – a mark of recognition to those who supply goods or services to the household of the Queen – gives British products added value as an indicator of quality.
“For British heritage brands, the Royal Warrant is a stamp of approval,” said Professor Wang. “In luxury brand marketing, heritage is a critical resource and is perceived as a key attribute of brand authenticity and brand aura – the miasma of meaning surrounding a brand – plus it is a fundamental resource for retro-marketing and nostalgic branding.“In addition, our research on the consumer’s authenticity evaluation of luxury brands shows that luxury brands are characterised by a founding myth, history, craftsmanship and a link to the leisured class, something that the Queen certainly helps British products embody.” (photo queen)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Extraordinary life bridged East and West

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

Suheil BushruiHAIFA, Israel — Suheil Bushrui, devoted Baha’i, distinguished scholar, and tireless champion of the cause of peace, passed away yesterday in Yellow Springs, Ohio, at the age of 85.Professor Bushrui hailed from a family with a remarkable history that traces back to the earliest days of the Baha’i Faith. His deep commitment to the teachings of Baha’u’llah found expression in his outstanding contributions to interreligious and intercultural understanding, in his efforts to bridge the divide between East and West, and in his dedication to the realization of the cardinal principle of the Baha’i Faith—the oneness of humankind.His contributions to the fields of literature and education in the Arabic and English-speaking worlds were distinctive. He penned a vast number of books and scholarly articles on themes that ranged from literature to religion to world order. He was one of the world’s foremost scholars of Arabic and English literature and the first non-Westerner to be appointed as Chair of the International Association of the Study of Irish Literature.In his life as an educator, Prof. Bushrui taught at universities in Africa, Europe, the Middle East, and America and was the first Arab national to be appointed to the Chair of English at the American University of Beirut, a position he held from 1968 to 1986.In 1992, Prof. Bushrui became the first incumbent of the Baha’i Chair for World Peace at the University of Maryland, a position he held until his retirement from the post in 2005. He vigorously pursued the mission of the Baha’i Chair to develop alternatives to the violent resolution of conflict, promote global education, and explore spiritual solutions for otherwise intractable social ills.Most recently, until earlier this year, Prof. Bushrui was the Director of the Kahlil Gibran Chair for Values and Peace at the University of Maryland and was Senior Scholar of Peace Studies at the Center for International Development and Conflict Management.Throughout a prolific career, Prof. Bushrui received numerous accolades and honors, including the Lebanese National Order of Merit, London University’s Una Ellis-Fermor Literary Prize, the Silver Medal of Merit of the Vatican-sponsored Military and Religious Order of Constantine and St. George, the University of Maryland’s Outstanding Faculty Award, a Maryland Governor’s Citation for excellence in education, the Life Achievement Award of the Alumni Association of the American University of Beirut, the Temple of Understanding’s Juliet Hollister Award for exceptional service to interfaith understanding. Previous recipients of the Hollister award include: Her Majesty Queen Noor of Jordan; Mary Robinson, former UN High Commissioner for Human Rights; His Holiness the XIV Dalai Lama; and President Nelson Mandela.Yet, his life’s work extended beyond the confines of his scholarly endeavors or formal contributions on the national and international stages. Prof. Bushrui worked with generations of young people to promote a culture of peace and was recognized in the many countries in which he taught for the transformation he brought to the lives of his students.In a tribute to him by the Universal House of Justice this evening, beyond his intellectual accomplishments, the qualities of character that endeared Prof. Bushrui to countless individuals throughout the world were especially highlighted:”We were deeply saddened to learn of the passing of dearly loved and highly esteemed Suheil Bushrui, whose many decades of tireless service to the Cause of God and to humanity evoke profound appreciation. His widely acclaimed scholarly contributions to Arabic and English literature were animated by a lifelong yearning—inspired by the Baha’i ideals of the oneness of humanity and religious truth—to introduce the rich literary, cultural and spiritual heritage of East and West to each other and to disclose the universality of the human spirit underlying them. Above all else, what distinguished his extraordinary record of academic and other accomplishments was the radiance of a sterling character illumined by attributes of the soul that call to mind ‘Abdu’l-Baha’s depiction of the learned as those ‘versed in the secrets of divine wisdom and informed of the inner realities of the sacred Books; who wear in their hearts the jewel of the fear of God, and whose luminous faces shine with the lights of salvation’.” (photo: Suheil Bushrui)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Dalla pratica del follow up alla cultura di survivorship care”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

meetingRoma (Hotel NH Collection Vittorio Veneto – Corso d’Italia 1) giovedì 10 settembre 2015, ore 11.30 l’AIOM organizza la Consensus Conference “Dalla pratica del follow up alla cultura di survivorship care”, che coinvolge tutti gli attori coinvolti. L’obiettivo è definire un documento che raccolga le linee di indirizzo condivise per una concreta valorizzazione della “cura” dei guariti. Il documento sarà presentato in sede congressuale il 10 settembre alle 11.30 in una conferenza stampa a cui parteciperanno il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM, il dott. Gianmauro Numico, Direttore dell’Oncologia all’Ospedale di Alessandria, il dott. Claudio Cricelli, presidente Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), e il dott. Luigi Boano, General Manager Novartis Oncology Italia. Nel nostro Paese tre milioni di pazienti colpiti dal cancro si sottopongono alle visite di controllo successive al trattamento. Questi esami, clinici e strumentali, rientrano nel cosiddetto “follow up” e sono fondamentali per individuare in anticipo eventuali recidive della malattia. Ma la scarsa comunicazione fra specialisti e medici di famiglia determina gravi problemi organizzativi. Come evidenziato da un sondaggio promosso dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), il 35% dei pazienti è in follow up da più di 5 anni, a conferma che è diffusa la tendenza a proseguire indefinitamente questa pratica, con un notevole impatto anche da un punto di vista economico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Una notte in abbazia: visita notturna al Museo dello CSAC”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

abbazia di valserenaParma. Giovedì 10 settembre con inizio alle ore 21, alle 22 e alle 23 la Delegazione di Parma del FAI-Fondo Ambiente Italiano, in collaborazione con il Centro Studi e Archivio della Comunicazione-CSAC dell’Università di Parma, organizza “Una notte in Abbazia: visita notturna al Museo dello CSAC”. Nell’incantevole cornice dell’Abbazia di Valserena vi saranno delle visite guidate alle splendide esposizioni del Museo dello CSAC che conserva il più esteso patrimonio visivo e progettuale in Italia sul Novecento con oltre 12 milioni di materiali suddivisi in cinque sezioni: Arte, Fotografia, Moda, Progetto e Media. Il percorso delle visite partirà dalla sala delle colonne dove vi sarà una introduzione all’Abbazia e alla storia dell’Archivio. Poi si visiterà l’imponente Chiesa e, dopo lo splendido parco delle sculture, si ritornerà nel Museo e si concluderà la visita nella sala ipogea dell’Abbazia.
Giovanni Fracasso, capo Delegazione del FAI di Parma, sottolinea come l’apertura del Museo dello CSAC rappresenti uno straordinario ingrediente, un “potente lievito” per la rinascita di Parma. Lo CSAC non è solo un eccezionale contenitore museale, un archivio unico nel suo genere, ma anche un’istituzione che può fungere da “moltiplicatore” culturale, può far germogliare nuove energia, nuova creatività, nuova attività di studio e di ricerca. Per questo occorre far conoscere e far apprezzare quanto più possibile lo CSAC ai cittadini. E Giulio Tagliavini, docente nel Dipartimento di Economia dell’Università di Parma e membro della Delegazione di Parma del FAI evidenzia che la visita notturna prevista per il 10 settembre rappresenta l’inizio di un cammino di collaborazione con il Museo dello CSAC: alla visita seguiranno altri iniziative comuni ad ottobre e novembre. Per Tagliavini la collaborazione con lo CSAC rientra nel progetto della Delegazione cittadina del FAI di consolidare e rendere sempre di più virtuoso il legame tra la nostra Università ed il Fondo Ambiente. Costo della visita: € 10 a persona, € 3 a bambino. Dalle ore 20 inoltre sarà possibile effettuare un aperitivo con buffet oppure, su prenotazione, cenare presso la Locanda dell’Abbazia. (abbazia valserena).

Posted in Cronaca/News, Università/University, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alessia Bacchi eletta Presidente dell’European Crystallographic Association

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

bacchi_alessiaUniversità Parma. La prof.ssa Alessia Bacchi, docente del Dipartimento di Chimica, è stata eletta Presidente dell’European Crystallographic Association (ECA) per il triennio 2015-2018.L’ECA riunisce 33 paesi membri distribuiti tra Europa, Africa e Medio Oriente, e ha il ruolo di coordinamento scientifico e didattico della ricerca cristallografica per le regioni europea e africana.
L’elezione della prof.ssa Bacchi a questa importante carica testimonia l’eccellenza e il prestigio internazionale della scuola di cristallografia del Dipartimento di Chimica del nostro Ateneo, che ha rappresentato fin dagli anni ’60 un polo di riconosciuta rilevanza in campo nazionale ed internazionale e conta attualmente sette gruppi di ricerca attivi su tematiche cristallografiche.Le ricerche condotte dalla prof.ssa Bacchi riguardano la progettazione di materiali cristallini porosi per la cattura e il rilascio di molecole di interesse medico, nutrizionale e ambientale, e la progettazione di nuove forme cristalline per composti farmaceutici e nutraceutici. (foto bacchi)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sud Sudan, allarme Amref: “L’instabilità sta dilagando in zone finora pacifiche”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

sud sudanLa condizione conflittuale del Sud Sudan non accenna a migliorare. Sebbene sia stato firmato recentemente l’ennesimo “cessate il fuoco”, gli animi non sembrano placarsi. Ad aggravare ulteriormente la situazione si aggiunge l’apparente allargamento della zona rossa: dalle aree del Nord del Paese, in particolare Upper Nile e Jongley State, i disordini si stanno estendendo anche nelle aree a sud, in particolare nello stato di Western Equatoria, dove sono presenti i progetti di Amref. Un Paese stremato. Il conflitto, che si protrae ormai da circa due anni, ha ridotto allo stremo il Sud Sudan, Paese già straziato dalla ultra ventennale guerra di liberazione dal regime di Khartoum (capitale del Sudan), conclusasi solo nel 2005, che ha portato il Sud Sudan all’indipendenza nel 2011. Il costo della vita continua ad aumentare, la criminalità dilaga e mentre la miseria soffoca la popolazione, la stabilità politica appare un miraggio. (foto sudan)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Costruire la fiducia e garantire una Cooperazione per lo Sviluppo Sostenibile

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

eurasiaVienna, Austria, il 30 e il 31 ottobre 2015 convegno sul tema “Dialogo Europa-Eurasia: costruire la fiducia e garantire una Cooperazione per lo Sviluppo Sostenibile”.
Le organizzazioni partner includono l’ACUNS Vienna e altre.Accanto alle celebrazioni di quest’anno che segnano il 70° Anniversario delle Nazioni Unite, una tappa significativa sarà la proclamazione da parte della prossima Assemblea Generale dell’Annuncio 2015 degli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile. La conferenza sarà l’occasione per esplorare il terreno di cooperazione tra l’Europa e l’Eurasia, nella prospettiva dei prossimi obiettivi di 15 anni dello sviluppo sostenibile che devono essere delineati dai delegati delle Nazioni Unite.L’evento è la quinta conferenza Europa-Eurasia per la leadership, ultima di una serie finalizzata allo scopo di promuovere sviluppo di partenariato e cooperazione tra le due regioni, al posto dell’attrito e, a volte, dell’antagonismo aperto che hanno segnato la loro storia, alla luce del loro ruolo cruciale per la pace nel mondo nel 21° secolo. Co-sponsorizzato con le rappresentanze diplomatiche, le ONG e gli attori della società civile, alla presenza di figure di spicco dalle aree della politica, religione, affari, mondo accademico e della diplomazia, le conferenze della leadership Europa-Eurasia sono iniziate nel 2012 a Mosca (“Pace e sicurezza in società multiculturali” ) e a Vienna (“L’Europa e la Russia – Partners in un mondo globalizzato”); la serie ha continuato nel 2013 a Parigi (“L’Europa e Eurasia: Cooperare per una Cultura di Pace e lo Sviluppo Umano”) e nel 2014 a Chisinau (“Eurasia – Europa dialogo per la pace”). Nel febbraio 2015 è stata organizzata a Vienna una tavola rotonda sul tema “L’imperativo di un reset strategico UE-Russia”. Centrato sulla prospettiva degli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile di nuova formulazione (SDGs), la Conferenza sul Dialogo Europa-Eurasia includerà i seguenti argomenti:
– Europa ed Eurasia: Ripristino di una strategia di cooperazione per lo Sviluppo Sostenibile
– Il ruolo della Co-prosperità europea ed euroasiatica per la Pace internazionale e lo Sviluppo
– Il ruolo delle istituzioni religiose, culturali e accademiche per colmare le divisioni tra Est e Ovest
– Coinvolgere le donne e le ragazze per realizzare l’SDGs: la Famiglia, l’Educazione e la
Leadership
– Impegno della gioventù nella società contemporanea
– Prospettive per costruire fiducia e cooperazione: Buone Pratiche e Raccomandazioni

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi rifugiati in Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

rifugiatiL’Unione Europea sta preparando riunioni di emergenza per decidere come rispondere all’attuale crisi di rifugiati e migranti. La situazione richiede un’imponente sforzo comune, che non è possibile con l’attuale approccio frammentario. L’Europa sta affrontando il più grande flusso di rifugiati degli ultimi decenni. Quest’anno, oltre 300.000 persone hanno rischiato la vita nell’attraversare il Mar Mediterraneo. Più di 2.600 persone non sono sopravvissute alla pericolosa traversata, tra cui Aylan, il bambino di tre anni la cui foto ha commosso il pubblico di tutto il mondo. Dopo essere arrivati sulle coste e ai confini dell’Europa, continuano il loro viaggio, affrontando caos e subendo umiliazioni, sfruttamento e molti altri pericoli, alle frontiere e lungo la strada. La generosità dimostrata da privati ​​cittadini e organizzazioni della società civile nell’accogliere e aiutare i nuovi arrivati ​​deve essere d’ispirazione. Alcuni paesi hanno mostrato una leadership politica e morale esemplare. Nel complesso tuttavia, l’Europa non è riuscita a trovare una risposta comune efficace, e sono le persone che ne hanno pagato le conseguenze in termini di sofferenza. Per affrontare quest’insostenibile situazione, è necessario che tutti tengano presenti alcuni punti fondamentali:
1. Questa è soprattutto una crisi di rifugiati, non solo un fenomeno migratorio. La grande maggioranza di coloro che arrivano in Grecia provengono da zone di conflitto come la Siria, l’Iraq o l’Afghanistan e sono in fuga per salvarsi la vita. Tutte le persone coinvolte in queste tragiche circostanze, meritano di vedere riconosciuti e rispettati i propri diritti umani e la loro dignità, indipendentemente dal loro status giuridico. Ma non possiamo dimenticare che tutti gli Stati hanno una particolare responsabilità nei confronti delle persone in fuga, in conformità con il diritto internazionale.
2. L’Europa non può continuare a rispondere a questa crisi in modo frammentario. Nessun paese può farlo da solo, e nessun paese può rifiutarsi di fare la propria parte. Se un sistema è sbilanciato e disfunzionale, non sorprende che si blocchi quando aumenta la pressione. Questo è un momento decisivo per l’Unione Europea, e ora non c’è altra scelta se non quella di mobilitare tutte le forze per far fronte a questa crisi. L’unica soluzione è che l’Unione Europea e tutti gli Stati membri adottino una strategia comune, fondata su principi di solidarietà, fiducia e condivisione di responsabilità.
3. Concretamente, questo significa prendere misure urgenti e coraggiose per stabilizzare la situazione e trovare una soluzione realmente efficace per condividere le responsabilità nel medio e lungo periodo. L’Unione Europea deve essere pronta, con il consenso ed a supporto dei governi interessati – soprattutto quelli di Grecia e Ungheria, ma anche Italia – a mettere in atto adeguate ed immediate misure di accoglienza, assistenza e capacità di registrazione. A questo proposito, la Commissione Europea dovrebbe mobilitare le agenzie e i meccanismi di asilo, migrazione e protezione civile dell’UE, includendo al tempo stesso le risorse degli Stati membri e con il sostegno dell’UNHCR, OIM e della società civile. Da parte nostra, l’Agenzia è impegnata a intensificare i propri sforzi. È essenziale che le famiglie di rifugiati che sbarcano in Europa dopo aver perso tutto vengono accolte in un ambiente sicuro ed ospitale.
4. Le persone che da un primo esame risultano avere diritto a ottenere protezione devono quindi beneficiare di un programma di reinsediamento a cui tutti gli Stati membri dell’UE devono obbligatoriamente partecipare. Una stima preliminare indicherebbe la necessità di accrescere le opportunità di reinsediamento di ben 200.000 posti. Questo programma può funzionare solo se accompagnato da adeguate capacità di accoglienza, soprattutto in Grecia. La solidarietà non può essere responsabilità solo di pochi Stati membri dell’UE.
5. Coloro che risultano non avere bisogno di protezione internazionale e che non possono beneficiare di opportunità di ingresso legale dovrebbero essere aiutati a tornare rapidamente nei loro paesi d’origine, nel pieno rispetto dei diritti umani.
6. Gli unici che beneficiano della mancanza di una risposta europea comune sono i trafficanti che traggono profitti dalla disperazione delle persone in cerca di protezione. E’ necessaria una più efficace cooperazione internazionale volta a contrastare i trafficanti, compresi quelli che operano all’interno dell’UE, che possa nel contempo garantire la protezione delle vittime. Nessuno di questi sforzi sarà efficace senza prevedere maggiori opportunità di ingresso che permettano alle persone di arrivare legalmente in Europa e di ricevere protezione. Migliaia di genitori rifugiati non hanno altra scelta che quella di mettere a rischio la vita dei propri figli in pericolosi viaggi nelle mani dei trafficanti. I Paesi europei – così come i governi in altre regioni – devono apportare dei cambiamenti fondamentali: aumentare le quote di reinsediamento e di ammissioni per motivi umanitari, ampliare i programmi di visti, sponsorizzazioni, borse di studio e altri modi legali e sicuri per entrare in Europa. E’ fondamentale che il ricongiungimento familiare diventi un’opzione reale e accessibile per molte più persone di quanto avviene attualmente. Se tali meccanismi sono incrementati e resi più efficienti, allora saremo davvero in grado di ridurre il numero delle persone costrette a rischiare la vita in mare per mancanza di alternative.
Oltre a risposte immediate, è ormai evidente che questa situazione impone riflessioni serie sul lungo termine. Infatti, questo significativo flusso di persone non si fermerà finché non saranno risolte le cause che ne sono alla base. Molto di più deve essere fatto per prevenire i conflitti e fermare le guerre in corso che stanno costringendo migliaia di persone a fuggire dalle proprie case. I paesi vicini alle zone di guerra, che accolgono 9 rifugiati su 10 nel mondo, devono essere sostenuti con maggiore impegno e con i finanziamenti necessari. Allo stesso tempo, è anche essenziale che le politiche di cooperazione allo sviluppo siano orientate ad offrire alle persone maggiori opportunità per un futuro nel paese d’origine.
Quello che l’Europa sta affrontando è il momento della verità. E’ il momento di riaffermare i valori su cui è stata costruita.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I risultati dei progetti di ricerca sul dolore

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

viennaVienna In occasione del 9° Congresso della European Pain Federation EFIC®, giovani scienziati di tutta Europa hanno presentato gli ultimi risultati dei loro progetti di ricerca sul dolore, concentrandosi sulle nuove idee a più elevato potenziale per l’ottenimento di progressi concreti nella gestione del dolore. Tutti i relatori erano vincitori dell’ EFIC-Grünenthal Grant (EGG), una borsa di studio che mira a sostenere scienziati emergenti nell’area del dolore. La collaborazione tra la European Pain Federation EFIC® e l’azienda farmaceutica Grünenthal, nell’organizzazione di questo premio, è iniziata nel 2004, e da allora supporta la sostenibilità della ricerca nell’area del dolore.
Un quinto della popolazione adulta in Europa, infatti, soffre di dolore persistente o cronico, che pur essendo una vera e propria malattia – corrispondente al mal funzionamento del sistema fisiologico di ricezione o trasmissione della sensazione dolorosa – è ancora visto come un mero sintomo. Inoltre le differenze fra i diversi tipi di dolore cronico sono notevoli, tanto più che il dolore è un’esperienza molto soggettiva e si manifesta attraverso diverse tipologie a seconda di eziopatologie altrettanto differenti. Il giusto trattamento richiede quindi una diagnosi precoce e affidabile, alla quale far seguire una gestione mirata dello specifico tipo di dolore. Proprio in funzione della massima appropriatezza terapeutica, le nuove acquisizioni scientifiche dei vincitori dell’EGG possono contribuire a sviluppare e a migliorare la necessaria comprensione del rapporto tra i diversi meccanismi fisiopatologici del dolore e le numerose opzioni di trattamento oggi disponibili.
“Il motto di quest’anno del congresso EFIC® è ‘Tradurre le Evidenze nella Pratica’, un proposito che credo riassuma al meglio ciò che dobbiamo fare, il nostro vero compito”, ha commentato il dottor Alberto Grua, Membro del Grünenthal Corporate Executive Board. “Ogni due anni, in occasione del convegno EFIC®, mi stupisco delle fantastiche scoperte dei nostri vincitori EGG. Nel corso degli anni ci teniamo in contatto con loro per conoscere i progressi dei loro progetti. Siamo pienamente impegnati a fare qualunque cosa per sostenere il trasferimento delle loro scoperte nella pratica clinica, al fine di migliorare la qualità di vita dei pazienti. Il benessere del paziente è stato al centro del nostro pensiero e delle nostre azioni, e continuerà ad essere così anche in futuro”.
Il palcoscenico del Simposio EFIC® è parte integrante dell’Efic-Grünenthal Grant: ogni due anni, infatti, l’EFIC® concede ai vincitori EGG un’apposita sessione – “Nuove scoperte nella Ricerca Clinica del dolore” – all’interno del Congresso, per condividere lo stato di avanzamento dei propri progetti di ricerca sul dolore. All’interno di questo spazio, i giovani ricercatori possono presentare e discutere lo sviluppo dei propri progetti insieme a ricercatori internazionali e a esperti noti nell’area del dolore. Senza il sostegno finanziario e l’accesso alla rete di ricerca internazionale sul dolore, sarebbe più difficile per i giovani scienziati raggiungere risultati di ricerca apprezzabili e, di conseguenza, mettere a punto opzioni terapeutiche più avanzate per il trattamento del dolore.
“Sono molto contento dei progressi dei progetti di ricerca sul dolore ottenuti dai vincitori dell’EGG e presentati durante il Simposio EFIC®”, dichiara il dottor Chris Wells, presidente della European Pain Federation EFIC®. “Da un lato questo dimostra che abbiamo preso buone decisioni sulla selezione dei progetti vincitori, dall’altro lato alimenta la speranza di poter ottenere in futuro trattamenti sempre più avanzati per il contrasto del dolore. Il consenso ottenuto e la stima raggiunta dall’EGG negli ultimi anni è convincente e premia il nostro approccio nell’investire in ricerca, al fine di ottenere in futuro un miglior trattamento dei pazienti con dolore”.
“L’importanza di premi come l’EFIC-Grünenthal Grant non può essere sottovalutata. Dopo aver completato il mio dottorato ho sperimentato quanto sia difficile, nell’ ambiente accademico competitivo di oggi, andare avanti con la propria ricerca indipendente. Il premio EGG mi ha dato la possibilità di continuare a lavorare nel campo a cui voglio dedicare la mia carriera di ricercatore”, ha sottolineato la dottoressa Ligthart, vincitrice di un uno dei premi EGG 2012. Questo mette in evidenza l’importanza di sostenere i giovani ricercatori per portare avanti i propri progetti di ricerca.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giorgio Albertazzi in “Le Memorie di Adriano” a Pozzuoli

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

albertazziLunedì 7 settembre – ore 21 – il grande attore Giorgio Albertazzi interpreterà “Memorie di Adriano” nello stadio Antonino Pio di Pozzuoli, concesso dalla Soprintendenza Archeologia per la Campania. «Per noi è un onore e un piacere avere a Pozzuoli un grande attore come Giorgio Albertazzi – dichiara Vincenzo Figliolia, sindaco di Pozzuoli – Non poteva essere scelto luogo più adatto per questa rappresentazione teatrale visto che lo stadio voluto dall’Imperatore Antonino Pio fu costruito proprio in omaggio al suo predecessore Adriano e al suo amore per la Grecia. Eventi di questo spessore si coniugano perfettamente con la volontà di questa amministrazione di valorizzare il patrimonio monumentale di Pozzuoli, rendere fruibili i siti archeologici e trasformarli in grandi attrattori turistici».L’imperatore Antonino Pio fece costruire lo Stadio che oggi porta il suo nome in onore dello spirito filoellenico del suo predecessore Adriano, che proprio qui ebbe la sua prima sepoltura e, in memoria del quale, venivano celebrati giochi di tipo olimpico noti come Eusebeia. Adriano, morto a Baia nel 138 d.C. e qui sepolto prima che il suo corpo fosse trasferito a Roma, tornerà a “casa” con la rappresentazione “Memorie di Adriano”, dall’omonimo romanzo di Marguerite Yourcenar, con Giorgio Albertazzi. Si tratta di uno degli spettacoli di maggior successo nell’intera storia del teatro italiano, con 750 repliche in 26 anni sia in Italia che all’estero e un totale di un milione di spettatori.Giorgio Albertazzi è il decano del teatro italiano, il più grande attore vivente in grado di passare con disinvoltura dal repertorio classico a quello contemporaneo, dal teatro al cinema. L’esibizione dell’Imperatore del teatro italiano darà modo a cittadini e turisti di conoscere uno dei monumenti più belli e significativi dell’area flegrea, che sorge su una terrazza panoramica a picco sul mare, e rappresenta uno dei maggiori stadi dell’antichità, secondo solo a quello fatto erigere da Diocleziano a Roma e che oggi corrisponde a Piazza Navona. La storia della sua riscoperta è recentissima (2008) e oggi, vuole, e deve, affermarsi come tappa obbligata all’interno del circuito turistico locale. Regia di: Maurizio Scaparro. Con: Stefania Masala, Giovanna Cappuccio. Musiche e canti: Evelina Meghnagi. Percussioni: Armando Sciommeri. Ghione Produzioni.
L’iniziativa è promossa da Ravello Creative Lab in collaborazione con Malazè e con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Polo Museale regionale della Campania, Regione Campania, Comune di Pozzuoli e con il sostegno economico di Sviluppo Campania – Piano Campania SiCura iniziative per il rilancio del comparto agroalimentare della Campania. Ingresso: 18,00 euro. Prevendite abituali. http://www.go2.it Info http://www.ravellosrl.com (foto: albertazzi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Febbre dello Stretto”: febbre Mediterranea familiare

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

messinaVenerdì 4 settembre alle ore 19 presso il castello Ruffo di Scilla e sabato 5 settembre dalle 9 alle 13 presso l’Ordine dei Medici di Reggio Calabria, alla presenza delle istituzioni locali e con la partecipazione della comunità scientifica e della cittadinanza è stato presentato il video in anteprima in occasione di due eventi, realizzati da AIFP con il Patrocinio dell’Istituto Superiore della Sanità.
“La Febbri Periodiche autoinfiammatorie – afferma la Prof.ssa Romina Gallizzi, Unità Operativa Complessa di Genetica e Immunologia Pediatrica dell’Università degli Studi di Messina – sono condizioni molto rare e di recente descrizione e proprio per questo motivo un ritardo nella diagnosi è molto comune. Sono caratterizzate da episodi febbrili ricorrenti, che insorgono acutamente, di breve durata associati a dolori addominali, dolore toracico, interessamento articolare, manifestazioni cutanee tipo rash, mialgie, pericardite, afte orali, splenomegalia, meningite asettica. La cosa peculiare è che nell’intervallo tra un attacco e l’altro, i pazienti possono godere di buona salute. Sono malattie che non influenzano, se non nelle forme più gravi, la durata della vita ma sicuramente ne mettono a dura prova la qualità. E’ importante che queste malattie vengano riconosciute e che venga effettuata una diagnosi in tempi brevi per evitare l’insorgenza di eventuali complicanze tra cui quella più seria è l’amiloidosi.”La Febbri Periodiche autoinfiammatorie si manifestano di norma nell’infanzia e più raramente in età adulta. “La diagnosi ─ spiega il Dottor Corrado Mammì, Responsabile della U.O.S. di Genetica Molecolare della U.O.C. di Patologia Clinica, Microbiologia e Virologia, Genetica Medica diretta dal Dott. Carmelo Laganà dell’Azienda Ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli” di Reggio Calabria ─ oltre al quadro sintomatologico che è simile per tutte le febbri periodiche con differenziazioni specifiche per tipologia di febbre, viene confermata dall’indagine genetica che può essere effettuata solo in centri specializzati ed ad alto contenuto tecnologico come il nostro.”
Il dolore, durante una “crisi” è spesso estremamente intenso. In alcuni casi l’episodio della malattia si estingue spontaneamente, per ripresentarsi però a intervalli che variano da una settimana a qualche mese, lasciando il paziente in uno stato di spossatezza che crea spesso ansia, legata all’ ”attesa” di un nuovo inevitabile e imprevedibile “attacco”.“Attualmente – prosegue la Prof.ssa Gallizzi – per questi pazienti esistono vari tipi di terapie che possono migliorare il quadro sintomatologico evitando le complicanze ed attualmente sono disponibili, anche sul territorio Italiano, farmaci biologici (come Canakinumab) in grado di controllare l’evoluzione della malattia stessa eliminando o riducendo l’insorgenza degli episodi.”La Febbre Mediterranea Familiare, è la più diffusa tra queste malattie, tipica nel Sud-Est del Mediterraneo, nonostante sia una malattia rara, ha una prevalenza di soggetti affetti variabile tra 1/200 e 1/1.0001 Particolarmente diffusa in Italia, Grecia e Spagna, è chiamata anche “Febbre dello Stretto”, poiché metà dei casi italiani, si registra tra le province di Messina e Reggio Calabria.2. L’aggettivo Mediterranea definisce la caratteristica di questa patologia rara, una malattia comparsa nel 2.500 avanti Cristo e che tradizionalmente ancora oggi colpisce le popolazioni della parte orientale del bacino del Mediterraneo, in particolare armeni, ebrei, turchi, arabi e greci. In Italia sono due le aree con la maggiore frequenza della malattia: la zona geografica corrispondente all’antica Magna Grecia e l’area intorno a Roma, per l’influenza della comunità ebraica e della migrazione mediorientale nei secoli dell’Impero.
Chi è affetto da Febbre Periodica Autoinfiammatoria, sin dall’infanzia, soprattutto prima di avere avuto la diagnosi certa, vive quasi in una condizione di “disabilità permanente”, dovendo fare i conti con difficoltà quotidiane, di studio, di lavoro, con una compromissione importante della qualità di vita.“Fino a qualche anno fa, le persone con FMF rischiavano di subire una discriminazione quasi automatica – conclude Paolo Calveri, paziente affetto da FMF e Presidente AIFP – Oggi con il trattamento farmacologico e con i progressi che la ricerca scientifica sta facendo la qualità della vita è migliorata. E, soprattutto, si è sgombrato il campo da uno stigma pericoloso, che considerava la persona affetta da febbri periodiche come un malato immaginario”.Per segnalare il forte legame tra la patologia ed il territorio, AIFP ha realizzato il video educativo e informativo “Scilla, il mito della Febbre Mediterranea Familiare”, realizzato con l’aiuto della compagnia artistica DOYOUDaDA e basato su un testo ideato dalla dott.ssa Micaela La Regina, Dirigente Medico presso la ASL n°5 di La Spezia.La sceneggiatura intreccia la patologia al mito della ninfa Scilla. Una genealogia fantastica viene immaginata, personificando le cause e le cure negli Dei dell’Olimpo. Scilla, la bellissima ninfa che si bagna nello stretto di Messina, subisce la vendetta della maga Circe e del dio Efesto. La figlia Melaina è il paziente zero. Ermes, impietosito dalle lacrime di Melaina, sacrifica il suo dito destro per alleviare i dolori della piccola. E infatti la radice da cui si estrae la colchicina, uno dei pochi trattamenti oggi disponibili per questa patologia, era chiamata dai greci proprio “dito di Ermes”.
“Da sempre sosteniamo l’importanza della comunicazione e della sensibilizzazione su questi temi di difficile impatto – afferma Domenica Taruscio, Direttore del Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità – e abbiamo scelto di essere al fianco di quest’importante iniziativa perché i bisogni che emergono da tali patologie diventino priorità per la Sanità pubblica in termini di ricerca e assistenza”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »