Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 19 settembre 2015

Xi‘s US trip: No favourable climate for a diplomatic breakthrough

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Barack ObamaIncreasing tensions in regards to security issues, the economic crisis in China and the election campaign in the US are overshadowing the visit of State and Party Leader Xi Jinping. Some progress made in climate cooperation or in relation to the aspired bilateral investment agreement cannot hide the fact that the relationship between China and the US is characterised by distrust and conflicts. For this reason meetings below governmental level are becoming increasingly important. Questions to Mikko Huotari, Head of Programme Foreign Policy and Economic Relations at the Mercator Institute for China Studies (MERICS) in Berlin.On Monday Xi Jinping will be heading to the US for a nearly one week visit and that in a period of very strained relations. Which issues will be in the focus?
The agenda is very comprehensive. The discussions with US President Barack Obama will primarily focus on the economic and investment relationship as well as cooperation in the climate area ahead of the Paris Climate Summit. There will also be further intensive discussions on the stagnating reforms in China. Xi, in turn, will address the US monetary policy and its impact on the emerging markets. Washington will certainly try to put security issues relating to the Asian-Pacific region high up on the agenda particularly the conflict and Chinese activities in the South China Sea. There is also tension due to cyber attacks and the future question how global internet governance should look like.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The EU and referenda: a structural antagonism?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

ateneIt is particularly important to debate the seeming inconsistency between the outcome of the referendum which Athens held on 5 July and the content of the agreement trashed out on Greece so as to check whether it would reveals a contradiction between the EU and the will of its peoples.
This is the purpose of this Policy Paper by Yves Bertoncini and Nicole Koenig, based on four complementary analyses:
1. European Construction and Referenda: a fairly harmonious conciliation
2. Getting 28 Member States To Agree: what denial of democracy(ies)?
3. The Greek referendum on 5 July 2015: a very specific case
4. The agreement won by A. Tsipras isn’t identical to the one that his people rejected
This Policy Paper underlines that there is no inconsistency between national referenda and decisions made by the European authorities, including as regards the Greek case, particularly atypical when compared with all the 48 referenda on European issues. It also leads to recall that several different national political wills have of necessity to coexist side by side in the Federation of Nation States that is the EU, and which no referendum will ever be able to change.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Debate on the second package of proposals on the European Agenda for Migration

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

immigrati a BudapestThe new Commission proposals to address the migration and refugee crisis, including a permanent mechanism for relocating asylum seekers within the EU and a common EU list of safe countries of origin, will be debated for the first time by the Civil Liberties Committee. Parliament and Council will decide on an equal footing on these two draft laws. The committee will also have an exchange of views with the Commission on the proposal to relocate an additional 120,000 asylum seekers in the EU, ahead of the extraordinary meeting of the Justice and Home Affairs Council, starting at 14.30. Parliament backed the Commission’s proposal in an urgency vote on 17 September.
MEPs and national MPs will meet on Wednesday 23 September to discuss the hotspots, where EU agencies will work on the ground with frontline member states to swiftly identify, register and fingerprint incoming migrants. Hotspots are being set up in Italy and in Greece.
This interparliamentary commitee meeting, organised in the context of the preparation of the strategic report on migration by Roberta Metsola (EPP, MT) and Kashetu Kyenge (S&D, IT), will also be an opportunity for MEPs, national MPs and EU’s Justice and Home Affairs agencies to have a meaningful exchange of views on migration, asylum and border policies, to see how they are being discussed and dealt with at national level.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Paris: Après le psychodrame grec, quelles améliorations pour l’UEM?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Paris-antenne-vue-eiffel-tourParis. Jeudi 24 septembre 2015 Auditorium de la Macif 17/21 Place Etienne Pernet, 75015 L’Institut Jacques Delors et la MACIF ont l’honneur de recevoir le Commissaire européen aux affaires économiques et financières pour débattre des principales propositions contenues dans le rapport des 5 présidents et, au délà, de l’avenir de la zone euro. Programme
18h00 > 18h15 – Mot d’accueil Alain MONTARANT, Président de la Macif Yves BERTONCINI, Directeur de l’Institut Jacques Delors
18h15 > 18h45 – Introduction Pierre MOSCOVICI, Commissaire européen aux affaires économiques et financières, fiscalité et douanes
18h45 > 19h30 – Débat – Après le Psychodrame grec, quelles améliorations pour l’UEM ? Pierre MOSCOVICI, Commissaire européen aux affaires économiques et financières, fiscalité et douanes Xavier RAGOT, Président de l’Observatoire français des conjonctures economiques (OFCE) Modérateur : Yves BERTONCINI, Directeur de l’Institut Jacques Delors. Débat avec le public.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Colombia Tops All Global Consumers Searching South Florida Real Estate in July

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

miamiMIAMI — Colombia leads all foreign countries searching online for South Florida real estate, according to new statistics from the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI), the nation’s largest local Realtor group. Colombia overtook Brazil as the top country using MIAMI’s search portal, Miamire.com, in July 2015. Brazil had led all international consumers using Miamire.com for 13 consecutive months.Colombia’s rise to first place marks the first time the South American country has topped the Miamire.com monthly web searches since May 2014. Colombia had finished second to Brazil the last six months. The newly-released statistics also detail increased interest in South Florida properties from countries such as Venezuela and France.“Colombian home buyers have a long history of purchasing South Florida real estate, so the fact Colombia has overtaken Brazil for the most web property searches is not a surprise,” said Christopher Zoller, a 27-year Miami-based Realtor and the 2015 Residential President of MIAMI. “Colombians are so comfortable here in Miami. Our tremendous diversity, world-class shopping, and global business center not only attract Colombian buyers, but all consumers – international and domestic.”Colombian home buyers purchase the fourth-most South Florida real estate among all foreign countries, according to the 2014 Survey of International Home Purchases conducted by the National Association of REALTORS® (NAR) for the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI). The South American nation of 48 million residents registered 8 percent of all foreign South Florida deals last year. Venezuelan, Argentinian, and Brazilian buyers comprised South Florida’s top-three foreign markets.Colombians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Colombians spend the third-highest purchase price on South Florida properties among all foreigners, spending $420,000 on average. The average sale price for all buyers in Florida is $245,000.
Venezuelan and French consumers increased their online interest in South Florida real estate in July 2015. Brazil finished second while Venezuela and France finished third and fourth, respectively. Venezuela hadn’t finished this high in the monthly searches since it took third place in March 2015. France, meanwhile, had never finished in the top-four in web searches on Miamire.com. France had the ninth-most web searches for South Florida property in June 2015.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lectura Dantis and Music Inspired by the Works of Dante Alighieri

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

danteToronto Sunday, September 27: 3:30pm. St. Michael’s College School Centre for the Arts 1515 Bathurst St., Tickets $20, students $10 Event organized by the “Comitato per le celebrazioni dell’anniversario dei 750 anni dalla nascita di di Dante Alighieri” with the support of the Consulate General of Italy in Toronto, Istituto Italiano di Cultura in Toronto and IC Savings. Lecture of passages of the “Divine comedy” in Italian and in English translation by the actors: Mario Massari, Matilde Pietrangelo, Michael Patricelli, Antonia Serrao.
Music by Vincenzo Galilei, Riccardo Zandonai, Giovanni Battista Sammartini, Gaetano Donizetti, Tomaso Albinoni, inspired by the works of Dante Alighieri and performed by: Maria Iacuitto, soprano Julia Edman, violin Cianfranco Lupidii, violin Felix Deak, violoncello Ettore De Romano, harpsichord David Louie, piano, performing for the first time a composition of M. Ennio Paola, inspired by the Divina Commedia, Canto V dell’Inferno, episodio di Paolo e Francesca. Event developed by Alberto di Giovanni. (photo dante)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I primi ballerini della Scala ospiti di Marco Batti e dell’Ateneo della Danza

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

balletto1Siena 26 settembre alle ore 18 in Piazza Maestri del Lavoro n°31 inaugurazione della nuova sede della scuola senese. Un grande evento quello che si terrà sabato 26 settembre alle ore 18.00 in Piazza Maestri del Lavoro n°31 (zona Viale Toselli) per l’inaugurazione del nuovo spazio dell’Ateneo della Danza di Siena, la scuola di fama internazionale membro del Consiglio Internazionale della Danza UNESCO e riconosciuta dalla Regione Toscana come Agenzia Formativa Accreditata. Padrino e Madrina della serata due celebri primi ballerini del maestoso Teatro della Scala di Milano, Bruno Vescovo e Annamaria Grossi. Artisti di livello mondiale, eccellenze di uno dei palcoscenici più importanti al mondo che insieme al grande direttore artistico della scuola Marco Batti, daranno inizio ad una serata interamente dedicata al ballo e alla danza. Per l’occasione nella nuova sede si esibirà, in una rappresentazione del tutto particolare, il Balletto di Siena, la compagnia, diretta dallo ballettostesso Batti, di respiro internazionale che da anni è ospite nella stagione teatrale di Girona (Spagna). Lo spettacolo sarà un excursus sul panorama artistico italiano ed internazionale attraverso le opere dei più grandi coreografi da Emanuela Tagliavia (Balthus Variations), coreografa e docente di danza contemporanea presso la scuola di ballo del Teatro alla Scala a Roberta Ferrara (Blush) direttrice artistica per la compagnia “Equilibrio Dinamico” fino allo stesso direttore artistico Marco Batti (Reshimu o Butterfly), il ballerino senese che ha militato all’“Eglevsky Ballet” di New York, diplomato all’American Ballet Theatre e all’Accademia Vaganova di S.Pietroburgo come insegnante.Un serata che inaugura il nuovo spazio, di quasi 1000mq della prestigiosa scuola. Una nuova realtà che ha come obiettivo quello che di inserire giovani danzatori nel mondo del lavoro ma anche quello di creare nelle generazioni di oggi un nuovo approccio nei confronti della disciplina.L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Siena e dalla Regione Toscana. (foto: balletto)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quarta edizione del premio giornalistico “Prendiamoci Cura”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Teva_PharmaceuticalMilano. L’aderenza terapeutica è il tema della quarta edizione del premio giornalistico “Prendiamoci Cura” indetto da Teva Italia. Il premio è destinato ad agenzie stampa, quotidiani/periodici, testate specializzate dirette a medici e/o farmacisti, siti internet/Web Tv, Radio e TV. La scelta del tema di quest’anno intende porre l’accento sull’importanza per il paziente di seguire in maniera corretta la terapia, concetto ancora poco chiaro agli italiani, ma essenziale per il miglior esito possibile delle cure. In quest’ottica anche il sostegno del medico e del farmacista è strumento essenziale per diffondere la cultura dell’aderenza terapeutica che, aspetto da non sottovalutare, può dare un contributo importante alla lotta agli sprechi in campo sanitario e dunque contribuire alla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) anche attraverso un uso più consapevole del farmaco equivalente.A garanzia che il premio riconoscerà sia il valore scientifico dell’opera sia quello divulgativo, la giuria quest’anno avrà due presidenti d’eccezione: il Prof. Silvio Garattini, scienziato e ricercatore in farmacologia, medico e docente in chemioterapia e farmacologia, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”, e dal Dr. Francesco Brancati, presidente UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione).La partecipazione al concorso è aperta a giornalisti iscritti all’Albo, sia all’elenco “professionisti” sia all’elenco “pubblicisti”, dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti.Saranno ammessi al concorso articoli e servizi in lingua italiana pubblicati nel periodo che va dal 1 aprile 2014 al 16 settembre 2015. Per poter essere ammesse al concorso le opere e la scheda di iscrizione dovranno essere fatte pervenire entro e non oltre il 5 ottobre 2015 agli indirizzi che troverete nel bando.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori testa-collo

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Una buona notizia per i pazienti colpiti da tumori della testa e del collo: in Europa migliora la sopravvivenza di quanti sono colpiti da neoplasie cervico-facciali per tutte le sedi, anche in quelle non correlate al Papilloma Virus (HPV) come, ad esempio, l’orofaringe1. Sono ancora però presenti rilevanti differenze geografiche di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi tra i diversi paesi europei, con quelli dell’Est Europa che presentano i valori più bassi (<30%). Inoltre, la possibilità di sopravvivenza varia a seconda dello stadio della malattia al momento della diagnosi: dal 69% per le persone con tumore allo stadio “localizzato”(escludendo il rinofaringe), al 34% per quelle con tumore “localmente avanzato”1.Questi i principali dati emersi dal progetto europeo EUROCARE e presentati oggi nell’ambito della Conferenza Stampa di lancio della terza settimana europea di sensibilizzazione sui Tumori della Testa e del Collo, moderata dal Professor Marco Benazzo, Direttore Unità Otorinolaringoiatria Università di Pavia​, Fondazione IRCCS Policlinico di Pavia.“Ancora una volta – ha spiegato il Professor Piero Nicolai, Presidente AIOCC e Direttore della Unità di Otorinolaringoiatria dell’Università degli Studi di Brescia – A.O. Spedali Civili Brescia – questi risultati ribadiscono l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce nei tumori testa-collo e sottolineano la necessità di migliorare i percorsi di cura dei pazienti colpiti da queste neoplasie. Stiamo cercando di perseguire questo obiettivo con la campagna europea Make Sense Campaign, giunta ora al terzo anno, che intende proporre criteri qualificanti i centri di eccellenza nei tumori della testa e del collo.”Presentati oggi altri importanti dati sui tumori della testa e del collo nel nostro Paese provenienti dallo studio RITA 2 – realizzato dalla Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori in collaborazione con i Registri Tumori di popolazione dell’AIRTUM e il supporto del Ministero della Salute italiano. I dati hanno dimostrato che circa 1 paziente su 2 si presenta alla diagnosi con una patologia allo stadio avanzato o metastatico, e che per circa il 20% dei pazienti non è possibile risalire allo stadio del tumore a causa di mancanze relative alle procedure di stadiazione.
Inoltre, più del 40% dei pazienti viene sottoposto a trattamento (chirurgia o radioterapia) dopo più di un mese dalla diagnosi. Il dato è fortemente in contrasto con quello relativo al tumore della mammella per il quale questo ritardo si verifica solo nel 17% dei casi. Infine, solo il 35% dei referti patologici contiene contemporaneamente tutte le informazioni identificate dalla Royal College of Pathology come standard per il reporting, al contrario di quello che accade per il melanoma dove il 77,8% dei referti patologici è completo di tutti gli indicatori.Il progetto RITA 2 evidenzia la necessità di migliorare la presa in carico dei pazienti con tumori della testa e del collo in tutte le regioni considerate.“I dati forniti dall’Istituto, in collaborazione con i registri tumori – ha affermato il Dottor Giovanni Apolone, Direttore Scientifico della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori -, supportano fortemente la necessità di riorganizzazione dei percorsi sanitari secondo logiche di rete e di competenza anche per i tumori rari, inclusi i tumori testa e collo.”
Il carcinoma della testa e del collo, di cui spesso le persone ignorano sintomi e fattori di rischio, è il quinto tumore più diffuso (tra gli uomini). Da questa neoplasia si può guarire, ma solo se diagnosticata tempestivamente. Purtroppo, però, la maggior parte delle volte il tumore viene diagnosticato in fase avanzata: questo avviene perché il paziente stesso, il medico di base o il dentista, non hanno saputo riconoscere i sintomi della malattia e quindi diagnosticarla in modo tempestivo. I fattori di rischio principali dei tumori della testa e del collo sono l’abuso di alcolici, il fumo, identificate esposizioni professionali e i comportamenti sessuali a rischio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso Parigi COP21: Dall’Europarlamento una roadmap ambiziosa contro il cambiamento climatico

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

climateUn accordo cogente e giuridicamente vincolante che permetta di limitare l’innalzamento della temperatura della Terra al massimo a due gradi nei prossimi decenni. Questo l’ambizioso obiettivo per cui si batterà l’Europarlamento in vista della Conferenza di Parigi sul clima (COP21) del prossimo dicembre.A spiegarlo oggi, nel primo convegno interparlamentare fra Parlamento europeo e Parlamento italiano organizzato a Roma dall’ufficio del PE in Italia, il Presidente della Commissione Ambiente dell’Europarlamento Onorevole Giovanni La Via e l’eurodeputato francese Gilles Pargneaux, relatore del rapporto su COP21 che verrà votato a Strasburgo a fine ottobre 2015.
“L’Europa arriva alla conferenza di Parigi con una posizione chiara e unitaria”, ha dichiarato Pargneaux. “Vogliamo che i paesi che parteciperanno a COP21 prendano degli impegni concreti sia per quanto riguarda la riduzione dei livelli di CO2 che per quel che concerne gli aspetti finanziari. In particolare, con la risoluzione di cui sono relatore, chiederemo:
1) di dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2050 e ridurle del 40% entro il 2030;
2) sempre entro il 2030, di fare in modo che almeno il 30% dell’energia che utilizziamo provenga da fonti rinnovabili;
3) infine di aumentare del 40%, entro il 2030, l’efficienza energetica a livello globale”.
“Poi – ha continuato Pargneaux – come Parlamento europeo spingeremo perché venga istituito un fondo verde mondiale contro il cambiamento climatico, a cui tutti i paesi del mondo contribuiscano, dal 2020, con una somma complessiva di almeno cento miliardi di dollari l’anno. Infine chiederemo che almeno il 20% delle risorse provenienti dalla tassa sulle transazioni finanziarie, attualmente in discussione in undici paesi UE fra cui l’Italia, venga destinato alla lotta al riscaldamento globale. Vogliamo fare in modo che le tecnologie meno inquinanti diventino più appetibili sul mercato e istituire un meccanismo di monitoraggio delle misure contenute nel futuro accordo che, ogni cinque anni, verifichi la loro effettiva attuazione”.”Siamo a qualche mese da una scadenza storica – ha concluso Pargneaux – e c’è la necessità che associazioni, cittadini e decisori politici mettano insieme i propri sforzi per far sì che la conferenza sul clima di Parigi COP21 non sia solo un momento in cui si prova a fare qualcosa ma diventi invece un incontro in cui si decide di fare qualcosa”.
L’Onorevole Giovanni La Via, presidente della Commissione Ambiente del Parlamento europeo, che sarà capo delegazione del PE a COP21 a Parigi, ha ricordato: “l’Europa, da Kyoto a Copenaghen, ha sempre ricoperto e continua a ricoprire un ruolo di leader nel contrasto al cambiamento climatico. Oggi, alla vigilia della conferenza di Parigi, continuiamo a individuare obiettivi ambiziosi da perseguire compatti, tutti i paesi europei insieme”.”L’Europa intende riaffermare e anzi aumentare questo sforzo, che in alcuni casi è andato addirittura a discapito della nostra competitività e del nostro sistema industriale – ha spiegato La Via – ma il nostro impegno ha senso solo se lo portiamo avanti insieme a tutti i grandi attori sulla scena mondiale e ai principali emettitori di gas serra. Gli Stati Uniti, con la nuova politica ambientale del presidente Obama, e la Cina, con il suo recente impegno a ridurre le emissioni di CO2, sono due esempi che vanno nella giusta direzione. Ma su 196 paesi partecipanti alla conferenza di Parigi, per ora solo sessanta hanno dichiarato i loro obiettivi in materia di lotta al cambiamento climatico”.”Se non si fa niente – ha aggiunto La Via – nei prossimi decenni la temperatura globale aumenterà di cinque o sei gradi e, nonostante le misure che abbiamo messo in atto fino a ora, l’incremento sarà comunque di tre o quattro gradi. Già oggi, l’ONU ci dice che i profughi costretti a fuggire dai propri paesi a causa del cambiamento climatico sono venticinque milioni in tutto il mondo. Se non affrontiamo il problema con un impegno globale, si rischia di arrivare, nel 2050, a cento milioni e ho paura che questa stima potrebbe essere addirittura conservativa”.Concludendo il suo intervento, l’Onorevole La Via ha identificato la sfida chiave a cui l’Europa si trova a far fronte: “Dobbiamo mantenere la competitività dei nostri sistemi industriali pur perseguendo obiettivi ambientali importanti”, ha dichiarato. “Questa è la vera sfida per il futuro. Dobbiamo puntare di più sull’economia circolare e sul riutilizzo dei rifiuti come risorse, perché se li gettiamo semplicemente via è come buttare via dei soldi. E dobbiamo fare in modo che i crediti di carbonio che si possono acquistare sul mercato, attraverso lo schema di compravendita delle emissioni ETS, abbiano un giusto prezzo che serva da deterrente a inquinare, quindi magari non sette Euro a tonnellata di CO2 com’è ora, ma qualcosa come venticinque Euro a tonnellata”.Gian Paolo Meneghini, direttore dell’ufficio del Parlamento Europeo in Italia, ha sottolineato: “Il convegno di oggi è un primo passo verso la costruzione di una fiducia e di un dialogo reciproci fra Parlamento europeo e Parlamento italiano. Raggiungere un accordo storico a Parigi sarebbe il più grande segno di una solidarietà non solo europea ma globale”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Innovazione dei servizi finanziari

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Crazy Streets of Las VegasA Las Vegas dal 25 al 28 ottobre l’Operatore Telefonico OLO sarà presente al Money20/20, il più importante evento globale sull’innovazione dei pagamenti e dei servizi finanziari. Un altro importante evento internazionale per Ubiquity, Operatore Telefonico OLO (Other Licenced Operator) che dal 1999 gestisce i servizi mobile professionali per conto di grandi aziende. All’evento, che si terrà nel palcoscenico dorato del Venetian di Las Vegas, sono attesi oltre 10.000 partecipanti (inclusi più di 1.000 amministratori delegati), più di 3.000 aziende da 75 nazioni nel mondo con oltre 500 speaker accreditati per un programma convegnistico di livello assoluto: sarà interessante così ascoltare dalle voci di Jack Dorsey (creatore di Twitter ed ora CEO di Square), Dan Schulman (CEO di PayPal), Sridhar Ramaswamy (SVP di Google) o Deborah Liu (Head of Payments & Commerce di Facebook) quali saranno gli sviluppi futuro del mercato Mobile Finance soprattutto dal punto di vista delle innovazioni tecnologiche e di sistema.La partecipazione a questo evento internazionale si inserisce perfettamente nella nuova strategia di Ubiquity che, dopo aver conquistato la leadership italiana nella gestione di servizi mobile per large account, ha ora manifestato l’intenzione di “esportare” le proprie eccellenze su palcoscenici più ampi.E così l’azienda di Via Teodosio presenterà al pubblico americano (ed internazionale) servizi come gli SMS, E-MAIL e Push Notification utilizzati nel settore bancario, core business aziendale, quest’ultimo, che ha portato Ubiquity a essere leader nel campo del messaging in Italia.Nicola Junior Vitto, VP Marketing di Ubiquity, e Filippo Monastra, VP International Projects, saranno presenti a Las Vegas portando l’esperienza e la filosofia di Ubiquity nel campo del messaging all’interno di un contesto mondiale. “Con l’ambizioso obiettivo di espanderci a livello internazionale – afferma Nicola Junior Vitto – gli Stati Uniti non possono che essere un punto di riferimento in cui estendere la nostra offerta e cercare partner affidabili che possano supportarci in attività di system integration e supporto nel mercato Americano”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risorse infrastrutture e progetti qualità

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

università bocconi60 miliardi di € dai fondi di coesione 2007-2013; 44 miliardi di € da nuovi fondi europei; 315 miliardi di € previsti dal Piano Junker, senza dimenticare le enormi disponibilità di investimento di fondi infrastrutturali, assicurativi, pensionistici e di private equity.
• Troppo spesso l’enorme disponibilità di risorse finanziarie non viene utilizzata a causa non solo delle opposizioni locali e della burocrazia, ma anche di una scarsa capacità di proporre Progetti di Qualità, cioè socialmente ed economicamente utili, realizzabili nel rispetto dei tempi e dei costi, finanziariamente sostenibili e bancabili.
• Modificare questa situazione è centrale per garantire lo sviluppo del Paese.
• La nuova Unit di Ricerca “Quality Project Lab – QPLab”, presieduta dal prof. Andrea Gilardoni dell’Università Bocconi e diretta dal dott. Stefano Clerici di Agici Finanza d’Impresa, sviluppa modelli e proposte per impostare e gestire efficacemente le procedure di pianificazione e progettazione.
Tali temi saranno discussi nel Workshop del 30 settembre 2015 a Roma ove verranno presentate anche possibili soluzioni per progettare con qualità.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Università di Modena e Reggio Emilia inaugura il 21 settembre la ‘Fabbrica delle Scienze

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Modena Il 21 Settembre 2015 sarà inaugurata la nuova sede del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche e del Dipartimento di Scienze della Vita, in Via Campi, 103. Al taglio del nastro, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli. La realizzazione dell’opera ha coinvolto diversi partner tra cui spicca la società modenese di Ingegneri Riuniti che si è occupata di tutto l’iter: progettazione, direzione ed esecuzione dei lavori. La nuova “Fabbrica delle Scienze” accoglierà oltre 1.800 persone: circa 1600 studenti, 180 docenti, 50 dottorandi e 30 figure tecniche-amministrative. “L’edificio – spiega Giuseppe Iadarola, presidente di Ingegneri Riuniti – oltre a rappresentare un’importante opera per il patrimonio immobiliare universitario, è un esempio di costruzione in cui sono perfettamente integrate le competenze di ingegneria strutturale ed impiantistica, l’architettura e il design. Impianti all’avanguardia, come in questo caso, garantiscono massima efficienza e semplicità di gestione Particolare cura ed attenzione, inoltre, è stata posta nella progettazione dei dettagli delle strutture antisismiche e di quelli legati al risparmio energetico”.“Il nuovo polo delle Scienze è stato costruito secondo i più avanzati criteri di risparmio energetico, sicurezza e funzionalità” conferma Giovanni Tenti che si è occupato del progetto impianti e prevenzione incendi e della direzione delle opere impiantistiche. “L’edificio – prosegue – è dotato di un impianto fotovoltaico che copre fino al 15% del fabbisogno del fabbricato. E’ presente poi una quantità di pannelli solari per la produzione di acqua calda da fonti rinnovabili che garantiscono il 50% del fabbisogno richiesto”.
Ingegneri Riuniti ha partecipato alla realizzazione dell’opera nella fase di progettazione e ha coordinato l’esecuzione dei lavori. Alla società modenese è stato infatti affidato il coordinamento della progettazione specialistica (Elisabetta Zivieri); il progetto strutturale (ing. Claudio Tavoni); il progetto impianti e prevenzione incendi (ing. Giovanni Tenti); il coordinamento sicurezza in fase di progetto (ing. Emanuele Gozzi, vicepresidente di Ingegneri Riuniti).
Nel campo dell’esecuzione dei lavori, l’ingegnere Carlo Guidetti ha guidato il coordinamento della direzione dei lavori e delle opere strutturali e ha svolto il ruolo di responsabile dei lavori e di coordinamento della sicurezza in esecuzione. A Ingegneri Riuniti è stata affidata anche la direzione delle opere impiantistiche (ing. Giovanni Tenti); delle opere esterne (ing. Marco Mazzini); la contabilità del cantiere e il controllo dei materiali.
Programma della giornata di inaugurazione:
Ore 11.15 – taglio del nastro
Ore 11.20 – saluti di apertura: Angelo O. Andrisano, Rettore Università di Modena e Reggio Emilia
Gian Carlo Muzzarelli, Sindaco di Modena
Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia Romagna
Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali
Ore 13.00 – visita alla struttura

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete: farmaco e terapia

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

boehringer-ingelheim_0Ingelheim, Germania e Indianapolis, Stati Uniti, 17 settembre 2015 – Empagliflozin di Boehringer Ingelheim e di Eli Lilly and Company’s (NYSE: LLY) riduce in maniera significativa il rischio per l’endpoint combinato di mortalità cardiovascolare (CV), infarto del miocardio non-fatale o ictus non-fatale del 14%, quando aggiunto alla terapia standard, in pazienti con diabete di tipo 2 (T2D) ad alto rischio di eventi cardiovascolari. La riduzione della mortalità cardiovascolare è stata del 38%, senza alcuna differenza significativa nel rischio di infarto non-fatale o ictus non-fatale.Inoltre, la terapia con empagliflozin ha dimostrato un minor rischio di mortalità per tutte le cause (riduzione del 32%) e di ricovero per insufficienza cardiaca (riduzione del 35%).“Questi risultati sono nuovi ed incoraggianti per i milioni di persone con diabete di tipo 2 a rischio di malattia cardiovascolare. Affrontare il peso degli eventi cardiovascolari, compresa la mortalità, è al centro delle terapie per il diabete, e sino ad ora nessun farmaco per questa patologia era stato associato a una riduzione della mortalità” – ha dichiarato il principale sperimentatore del trial Dottor Bernard Zinman, Direttore del Centro di Diabetologia del Mount Sinai Hospital; Ricercatore Senior dell’Istituto di Ricerca Lunenfeld Tanenbaum, e Professore di Medicina dell’Università di Toronto – “In questo studio, empagliflozin ha dimostrato di prevenire 1 decesso cardiovascolare su 3”.L’aspettativa di vita per coloro che soffrono di diabete di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare è, in media, ridotta di un tempo cche può arrivare fino a dodici anni1, con circa il 50% di decessi in più.2,3 L’effetto di empagliflozin in questo trial è stato osservato in aggiunta alla terapia standard . Ciò significa che il beneficio si è visto al di là e in aggiunta alle altre terapie (quali ad esempio farmaci antiipertensivi e ipolipemizzanti) che i pazienti stavano già assumendo per il diabete e/o malattie cardiovascolaie concomitanti.
“I risultati del trial EMPA-REG OUTCOME® sono promettenti per gli operatori sanitari e per i loro pazienti” – ha dichiarato il Dottor Christopher P. Cannon, Divisione Cardiovascolare del Brigham and Women’s Hospital e Professore di Medicina dell’Harvard Medical School, che non è stato coinvolto nello studio – “I pazienti del trial erano già trattati con farmaci che hanno dimostrato di ridurre gli eventi cardiovascolari. L’osservazione che empagliflozin abbia realizzato un’ulteriore riduzione della mortalità cardiovascolare in aggiunta a questi altri farmaci è un risultato molto significativo”.Il profilo di sicurezza complessivo di empagliflozin è stato sovrapponibile a quello riscontrato in studi precedenti. L’incidenza di chetoacidosi diabetica è stata pari o inferiore allo 0,1% e simile in tutti i gruppi in trattamento.Questi risultati sono stati presentati alla 51°edizione del Congresso Annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (European Association for the Study of Diabetes) in corso a Stoccolma, e contemporaneamente pubblicati sul New England Journal of Medicine http://www.nejm.org. “L’alleanza fra Boehringer Ingelheim e Lilly in Diabetologia è felice di condividere i risultati del trial EMPA-REG OUTCOME® con la comunità scientifica” – ha dichiarato il Professor Hans-Juergen Woerle, Vice Presidente Mondiale Medicine di Boehringer Ingelheim – “La malattia cardiovascolare è la prima causa di mortalità per chi soffre di diabete di tipo 2 nel mondo, e ridurre questo rischio, compresa la mortalità, è una componente essenziale della gestione del diabete”.
Studio a lungo termine, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, con gruppo di controllo a placebo, condotto su oltre 7.000 pazienti con diabete di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari di 42 Paesi. Nel trial EMPA-REG OUTCOME® ci sono stati 772 eventi relativi all’outcome primario in un periodo mediano di osservazione di 3,1 anni.Lo studio è stato strutturato per valutare l’effetto di empagliflozin (10mg o 25mg una volta/die) aggiunto a terapia standard, rispetto a placebo, aggiunto a terapia standard. L’endpoint primario predefinito è stato il tempo intercorso sino al verificarsi del primo fra i seguenti eventi: decesso per causa cardiovascolare o infarto del miocardio non-fatale o ictus non-fatale. Lo studio è stato disegnato per valutare inizialmente la non-inferiorità della terapia in studio e successivamente la sua superiorità.Lo standard terapeutico ha compreso farmaci ipoglicemizzanti e farmaci cardiovascolari (compresi antiipertensivi e ipolipemizzanti).
Dei 7.020 pazienti trattati, oltre il 97 percento ha completato lo studio e del 99 percento di questi pazienti si è stato valutato lo stato vitale a fine studio. Le analisi e i risultati sono stati validati e confermati in maniera indipendente dall’Università di Friburgo, Germania, Centro Accademico specializzato in analisi statistica di fama internazionale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quarta edizione del campus dedicato alle patologie della mano del bambino

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

Milano, 19 settembre 2015, presso l’Istituto Buon Pastore, quarta edizione del Campus La mano del bambino. L’iniziativa, organizzata dall’Associazione omonima, si svolgerà dalle 09.30 alle 16.30 presso l’Istituto Buon Pastore, partner dell’iniziativa, in via San Vittore 29 a Milano. manoSi tratta di una giornata, completamente gratuita, aperta a bambini e genitori interessati a scoprire qualcosa in più sulle patologie della mano nel bambino, ma anche ai piccoli pazienti oggi guariti. Grazie al personale dell’Ospedale San Giuseppe (Gruppo MultiMedica) – medici, operatori, fisioterapisti e psicologi – i bambini, divisi in gruppi, saranno impegnati in giochi e attività ricreative, mentre i genitori potranno partecipare ad una serie di incontri didattici in compagnia degli specialisti.L’Associazione La Mano del Bambino nasce nel 2008 per colmare una lacuna importante d’informazione sulle patologie della mano nei più piccoli. La maggior parte dei bambini, tutt’oggi, o non arriva mai ad un inquadramento corretto della propria patologia o giunge ad una diagnosi tardivamente. In tal senso, l’Associazione promuove attività formative ed informative per trasmettere un messaggio ben preciso: la cura tempestiva delle malformazioni della mano può favorire il recupero integrale dell’arto.Le malformazioni della mano, di cui risulta affetto in media 1 bimbo su 1500 nati, sono molteplici e di differente gravità. «Innanzitutto, abbiamo casi gravi, in cui mancano tutte o quasi tutte le dita e dove è necessario procedere con una ricostruzione – spiega Giorgio Pajardi, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia della Mano del Gruppo MultiMedica di Milano -. Poi, esistono circostanze in cui abbiamo delle eccedenze e dove non è sempre semplice asportare e, infine, ci sono le vie di mezzo, ovvero i casi in cui la mano, anche se apparentemente normale, non funziona correttamente perché sono presenti dita unite o aree della posizione non corrette. Per trattare efficacemente queste malformazioni è fondamentale che i genitori si rivolgano a centri specializzati e strutturati con reparti di chirurgia della mano dedicati, anche se ci sono molti specialisti di grande rilievo su tutto il territorio nazionale».Presso l’Ospedale San Giuseppe vengono operati circa 6-700 bambini l’anno con un ambulatorio gratuito di quattro, cinque ore al giorno. Per questo motivo, al campus, negli anni scorsi, hanno partecipato circa 5-600 tra bambini e genitori. Continua Pajardi: «I bambini che ci troviamo a curare possono essere perfettamente sani ma con una malformazione alla mano, oppure, nei casi più gravi, sindromici, ovvero con difetti cardiaci, renali, intestinali o cerebrali. In questi casi, intervengono una serie di specialisti spesso di città diverse, che si devono coordinare e alternare nelle fase ricostruttiva. Perciò, è importante intervenire sulla mano del bambino quando è molto piccolo, a sei o sette mesi. Ciò significa che lo dobbiamo visitare intorno ai 15-20 giorni, seguirlo, predisporre da subito il programma riabilitativo, poi l’intervento, operarlo e svolgere la conseguente riabilitazione».Al campus parteciperanno anche due ospiti d’onore, i campioni europei di Judo del Gruppo Forestale dello Stato Luca Ardizio e Aldo Scollo, che si esibiranno in una performance appositamente studiata per l’iniziativa. «Luca è stato un nostro paziente, lo abbiamo operato e ora è tornato regolarmente alle sue competizioni – racconta ancora Pajardi -. Lo spirito è quello di coinvolgere un ex paziente, che sia anche un personaggio di spicco, per dare un messaggio concreto ai genitori e per mostrargli che il figlio, anche se nato con una malformazione alla mano, ha concrete possibilità di avere una vita del tutto normale».Infine, i bambini avranno modo di divertisti con i videogiochi applicati alla riabilitazione della mano. Si tratta di giochi interattivi studiati e sviluppati dal Professor Giorgio Pajardi e dal Professor Alberto Borghese, Direttore del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano, per unire divertimento e ricerca. «Io e il mio collega stiamo mettendo a punto tre videogiochi, studiati per aiutare lo sviluppo della funzionalità della mano, trasmettendo una serie di dati via internet. In breve, il gioco, a seconda della velocità e della pressione con cui il bambino muove le dita, permette a noi specialisti di raccogliere informazioni utili. Ora, avremo una fase molto delicata di ricerca dello sponsor e stiamo svolgendo uno studio su dei bambini che lo utilizzano già da un anno. I genitori sono contenti perché i bambini giocano e noi abbiamo i dati che ci occorrono per comprendere al meglio la situazione» – conclude il primario.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Firenze & Ningbo, un ponte verso la Cina

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

firenzeFirenze. Un ponte istituzionale, culturale e commerciale fra la città a maggiore vocazione internazionale in Italia e una delle aree portuali più attive nel Pacifico: un’intera giornata dedicata a rafforzare i rapporti fra le «sister cities» Firenze e Ningbo è quella che si è svolta oggi nel capoluogo toscano. L’incontro, organizzato da Municipalità di Ningbo e Comune di Firenze, insieme a Camera di Commercio di Firenze e PromoFirenze, ha coinvolto più di 50 rappresentanti istituzionali cinesi, fra i quali il vicesindaco di Ningbo Wang Jianhou, e altrettanti businessman delle principali aziende (soprattutto dei settori turismo, import-export e metalmeccanica) che hanno avuto modo di incontrare 80 imprese toscane, proseguendo quel lavoro di avvicinamento che lo scorso aprile portò a Firenze l’’ambasciatore cinese in Italia e che ha permesso la creazione di un vero e proprio Team China per le aziende a PromoFirenze.«La storia recente di grandi aziende toscane e italiane dimostra che il legame con la Cina è virtuoso e con potenzialità ancora da esprimere, non solo in termini d’investimento di capitali ma anche di trasferimento di conoscenze – ha dichiarato Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze -, abbiamo molto da imparare reciprocamente e con questa giornata desideriamo allargare le possibilità di business anche alle nostre piccole e medie imprese che, per loro natura, hanno maggiori difficoltà nell’affrontare questi mercati immensi».
«Firenze sta vivendo un momento d’importante sviluppo – ha detto Giovanni Bettarini, assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze -. E’ un’area metropolitana di un milione di abitanti con un PIL di 33 miliardi di euro, che rappresenta il 2,5% del PIL italiano. Un’economia molto differenziata, che esporta il doppio di quello che importa, 8 miliardi rispetto a 4, e investe sempre di più su un’idea di città competitiva, aperta all’internazionalizzazione e agli scambi. In questo quadro Firenze investe molto sui rapporti con la Cina, economia ormai fondamentale nel panorama mondiale e grande mercato di sbocco per le nostre aziende. Un ruolo importante anche nel turismo, se si considera che di fronte a una crescita del 7% annuo, la presenza di turisti cinesi cresce del 18%. La giornata di oggi è importante per due aspetti: quello istituzionale che rafforza una storia di scambi e conoscenza tra le nostre città, e quello dell’incontro delle imprese che aumenta le possibilità di creare nuovo business».La giornata, che si è svolta al The St. Regis Hotel Florence ed è stata moderata dal direttore della Nazione Pierfrancesco De Robertis, ha messo in luce l’importanza della Cina per la Toscana: 857 milioni in termini di export (269 milioni dall’area fiorentina) e un miliardo e 397 milioni per l’import (565 milioni verso l’area fiorentina). Secondo fonte ISTAT, l’interscambio complessivo Italia-Cina l’anno scorso è stato di 35 miliardi, mentre i flussi finanziari verso l’Italia hanno superato i 600 miliardi di dollari (fonte ICE-Ambasciata Cinese).Con 8 milioni di abitanti su una superficie grande quanto il centro Italia, Ningbo fa parte dell’area economica della Cina a più alto tasso di sviluppo: il suo porto, quarto nel mondo per merci movimentate (525 milioni di tonnellate annue), l’ha trasformata nell’ottava città cinese per investimenti internazionali (89 miliardi di euro). Il settore privato, particolarmente sviluppato, conta 200mila imprese (21 di queste sono fra le top 500 della Nazione) con 400mila impiegati.
E’ in questo contesto che sono state illustrate alcune proposte di joint venture e di ingresso nel mercato cinese, anche attraverso contributi e testimonianze di esperti e operatori di diversi settori, con il pomeriggio interamente dedicato a incontri bilaterali fra le aziende.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’irrigazione a goccia del riso

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

irrigazione riso2Lodi. L’irrigazione a goccia del riso, sviluppata per la prima volta in Israele negli anni passati, è una frontiera dell’applicazione di tecnologie consolidate al servizio del riso, una delle colture alimentari più importanti al mondo. Nonostante i suoi vantaggi in termini produttivi ed ambientali, questa tecnologia è ancora scarsamente applicata.Questo il tema di un convegno tenutosi oggi al Parco Tecnologico di Lodi (PTP), “Uso dell’acqua e sostenibilità delle produzioni risicole: una prospettiva globale”, appuntamento clou del progetto Demo Field Agriculture of Tomorrow coordinato dal PTP in partnership con 18 aziende private. Il riso è una coltura tipica del Made in Italy e come tale va protetta e valorizzata. Al contempo, il riso è l’alimento di base per molte popolazioni del mondo e la crescita sostenibile delle sue produzioni è un pilastro della sicurezza alimentare nei prossimi decenni.Siamo al cuore della tematica dell’EXPO milanese e Lodi, attraverso il progetto Demo Field Agriculture of Tomorrow coordinato dal Parco Tecnologico, ha organizzato un evento per approfondire le sfide della risicoltura del futuro. Tra queste una delle principali riguarda l’utilizzo dell’acqua. Nei paesi dove viene prodotto, il riso consuma tre quarti di tutta l’acqua utilizzata in agricoltura, ed è responsabile del irrigazione riso10% delle emissioni di metano e anidride carbonica in atmosfera dovute all’azione dell’uomo. Considerando le proiezioni di crescita della popolazione e la diminuzione dell’acqua dolce in conseguenza dei cambiamenti climatici, la possibilità di produrre riso senza sommersione rappresenta una delle sfide principali dell’agricoltura del domani.“Questo per noi è uno dei momenti più importanti del semestre EXPO – ha affermato Gianluca Carenzo, Direttore del PTP – confrontandoci con un tema chiave per la sicurezza alimentare e affrontandolo da diverse prospettive: agronomica, socio-economica, ambientale e tecnica. Un tema fondamentale sia per la risicoltura Made in Italy di alta qualità sia per le produzioni dei continenti extra-europei”.Bas Bouman, direttore della Global Rice Science Partnership coordinata dall’International Rice Research Institute ha dichiarato: “Oggi la più importante sfida per la filiera riso è aumentare la ‘water productivity’, cioè la quantità di riso prodotta per unità di acqua utilizzata. Qui si concentrano molte attività di ricerca e sviluppo a livello mondiale”.Al convegno di Lodi è intervenuto anche Roberto Magnaghi, Direttore Generale dell’Ente Nazionale Risi: “Le politiche comunitarie hanno considerato la risicoltura amica dell’ambiente. Dobbiamo lavorare con determinazione per migliorare quello che abbiamo fatto negli anni fissando obiettivi per il futuro non perdendo di vista l’obiettivo di irrigazione riso1voler consegnare al cittadino dell’Unione Europea un territorio pulito ed un prodotto salubre. La sinergia nell’azione di ricerca unita alla divulgazione agli attori della filiera permetterà di mantenere alto il livello della risicoltura nazionale.”Nel sito dimostrativo a pochi metri dal PTP è stata allestita una parcella di riso di 1.000 m2 irrigato a goccia. Un terzo di questa superficie è costituito da un pendio artificiale, per mostrare le potenzialità dell’irrigazione su riso in aree marginali dove è impossibile praticare la coltivazione tradizionale in sommersione. Netafim, l’azienda israeliana che ha ideato il sistema di irrigazione a goccia, ha fornito la tecnologia che ha reso possibile l’esperimento in corso al Demo Field di Lodi.
Oltre a un risparmio idrico del 45-50% rispetto alla sommersione tradizionale, la tecnica della goccia permette infatti di risparmiare fino al 30% dei fertilizzanti normalmente utilizzati, con minore inquinamento delle falde sottostanti, riduzione delle emissioni di gas serra e incremento delle rese del 20-40%. “Il futuro del riso è a goccia, per le molteplici implicazioni positive di tipo agronomico, produttivo ed economico implicite in questa rodata e al contempo innovativa tecnica irrigua – ha sottolineato Alberto Puggioni, Responsabile Agromarketing di Netafim Italia – In particolare, sono davvero notevoli le implicazioni ambientali connesse alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra: si potrà coltivare riso fuori dal sistema risaia, inserirlo in rotazioni colturali da reddito, produrlo su suoli marginali o addirittura in pendenza con il supporto del sistema Netafim e delle competenze sviluppate in 10 anni di studi nel mondo risicolo”. (foto: irrigazione riso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo rapporto sulla malaria

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2015

malariaSecondo un rapporto congiunto OMS-UNICEF il tasso di mortalità per la malaria è crollato del 60% dal 2000, che equivale a 6,2 milioni di vite salvate, la maggior parte dei quali bambini. Il Rapporto “Achieving the Malaria Millennium Development Goal Target” mostra che lo specifico obiettivo di Sviluppo del Millennio entro il 2015, è stato raggiunto “in modo convincente”, con nuovi casi di malaria diminuiti del 37% in 15 anni.”Il controllo a livello mondiale della malaria è una delle grandi storie di successo della sanità pubblica degli ultimi 15 anni”, ha detto Margaret Chan, Direttore generale dell’OMS. “E’ un segnale che le nostre strategie hanno raggiunto l’obiettivo e che siamo in grado di battere questo antico killer, che rivendica ancora centinaia di migliaia di vite, soprattutto bambini, ogni anno”.
Un numero crescente di paesi sono sul punto di eliminare la malaria. Nel 2014, 13 paesi non hanno riportato alcun caso di malattia e 6 paesi meno di 10 casi. Le diminuzioni più veloci sono avvenute nel Caucaso e in Asia centrale, che nel 2014 non ha registrato nessun caso, e in Asia orientale. Nonostante gli enormi progressi, la malaria rimane un grave problema di salute pubblica in molte regioni. Nel solo 2015, ci sono stati circa 214 milioni di nuovi casi di malaria e circa 438.000 persone sono morte per questa malattia prevenibile e curabile. Circa 3,2 miliardi di persone – quasi la metà della popolazione mondiale – sono a rischio di malaria.
In 15 paesi, soprattutto in Africa sub-sahariana, si registrano l’80% dei casi di malaria e il 78% dei decessi a livello globale nel 2015.
I bambini sotto i 5 anni rappresentano più di due terzi di tutti i decessi connessi con la malaria. Tra il 2000 e il 2015, il tasso di mortalità sotto i 5 anni per malaria è diminuito del 65% con una stima di circa 5,9 milioni di bambini salvati. Tra il 2000 e il 2015, la percentuale di bambini con meno di cinque anni che ha dormito sotto una zanzariera trattata con insetticida in Africa sub-sahariana è passata da meno del 2% al 68%. 1 bambino su 4 in Africa sub-sahariana vive ancora in un nucleo familiare senza zanzariere trattate con insetticida e senza nessuna altra protezione.”La malaria uccide per la maggior parte bambini, soprattutto quelli che vivono nelle aree più povere e remote. Il modo migliore per celebrare il progresso a livello mondiale nella lotta contro la malaria è di impegnarci a raggiungere e curare questi bambini “, ha detto il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake. “Sappiamo come prevenire e curare la malaria. Dal momento che siamo in grado di farlo, dobbiamo farlo”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »