Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 21 settembre 2015

No Truth in Fear

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

NoTruthinFearRoma 22.09.15–29.09.15 Vernissage 22.09, 19h Una Vetrina, Via del Consolato, 12 Andrew Rutt’s No Truth in Fear – displayed for one week in Una Vetrina – appropriates Bruce Nauman’s Self Portrait as a Fountain (1970), an edition of photographs in which the artist references Duchamp’s readymade Fountain of 1917. Nauman physically embodies the fountain, spitting water towards the viewer, inviting debate on the role of the artist.In Rutt’s photo, the ‘fountain’ is a Nigerian migrant, Ibrahim, who survived the trip to Italy on the boat through the Mediterranean. The water, formerly an element of provocation, becomes an element of salvation, hope, opportunity; the artist no longer represents himself, but is at the service of an external reality. This sudden and alienating replacement of the protagonist’s image questions the capacity of art to address social reality concretely. No Truth in Fear is the first of six projects curated by Mike Watson in Una Vetrina over the next year under the project title Conduit. Each project, taking place as part of Una Vetrina’s wider programme, will draw on conversations which have taken place between the curator and artists, in Rome.
No Truth in Fear di Andrew Rutt – in mostra per una settimana in Una Vetrina – rivisita l’autoritratto di Bruce Nauman (Self-Portrait as a Fountain) del 1970, una serie di fotografie a loro volta omaggio alla Fontana di Marcel Duchamp (1917). Nauman si fa egli stesso fontana, sputando acqua verso lo spettatore, invitando al dibattito sul ruolo dell’artista. Nella foto di Andrew Rutt la fontana, la “fontana” è un migrante nigeriano, Ibrahim, sopravvissuto al viaggio in Italia in un barcone attraverso il Mediterraneo. L’acqua, da elemento di provocazione, si fa elemento di salvezza, speranza, possibilità; l’artista non rappresenta più sé stesso, ma si pone al servizio di una realtà esterna a lui. Questa brusca e straniante sostituzione del protagonista dell’immagine pone immediati interrogativi riguardanti la capacità dell’arte di interrogare la realtà e farsi carico delle istanze più concrete e drammatiche di questa. No Truth in Fear è il primo di sei progetti curati da Mike Watson in Una Vetrina, facenti parte del ciclo intitolato Conduit. Ogni progetto, che fa parte di un ciclo più ampio che si terrà durante l’anno presso Una Vetrina, nasce dalla conversazione avvenuta tra il curatore e un scelta di artisti che vivono a Roma.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Royal Academy of Arts presents a landmark exhibition of the Honorary Royal Academician

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

ai weiweiLondon Royal Academy of Arts Burlington House Piccadilly Hours: 10am–6pm daily (last admission 5.30pm) Late night opening: Fridays until 10pm (last admission 9.30pm)  £ 17.60 full price. The Royal Academy of Arts presents a landmark exhibition of the Honorary Royal Academician, Ai Weiwei curated by Tim Marlow, Artistic Director and Adrian Locke, Senior Curator at the Royal Academy of Arts. Although Ai is one of China’s leading contemporary artists, his work has not been seen extensively in Britain and the Royal Academy present s the first major institutional survey of his artistic output. The exhibition includes significant works from 1993 onwards, the date that marks Ai Weiwei’s return to China following more than a decade living in New York. Ai Weiwei has create d new, site – specific installations and interventions throughout the Royal Academy’s spaces.
On his return to China in 1993, Ai began to work in a direction that was bot h embedded in Chinese culture and reflected the exposure he had had to Western art during his twelve year sojourn in the US. Citing Duchamp as “the most, if not the only, influential figure” in his art practice, Ai continues to engage with creative tensions between complex art histories, conceiving works with multiple readings in the process. To this end he employs traditional materials and interventions with historic objects throughout his work from Neolithic vases (5000 – 3000 BCE) to Qing dynasty (1644 – 191 1) architectural components and furniture. By creating new objects from old, Ai challenges conventions of value and authenticity in modern – day China. These artworks include Table and Pillar, 2002, from his Furniture series, and Coloured Vases, 2015.
Ai works in a variety of different contexts, scales and media. He transforms materials to convey his ideas, whether in wood, porcelain, marble or jade, testing the skills of the craftsmen working to his brief in the process. Some pieces take months to crea te and pass through lengthy periods of experimentation, pushing the boundaries of the formal qualities of a material. Sculptures such as Surveillance Camera, 2010 and Video Camera, 2010, both masterpieces in craftsmanship, monumentalise the technology used to monitor, simultaneously rendering it useless and absurd. A new artwork, Remains, 2015, is also included in the exhibition. Fabricated in porcelain, the work replicates in meticulous detail a group of bones that were recently excavated at a site of a la bour camp that operated under Chairman Mao in the 1950s.One of the key installations within the exhibition is Straight, 2008 – 12, part of the body of work related to the Sichuan earthquake of 2008. Fabricated from ninety tonnes of bent and twisted rebar (the steel rods used in the construction of reinforced concrete buildings), collected by the artist and straightened by hand, it is a sober monument to the victims of the earthquake. The subject of destruction, whether by demoliti on or as a consequence of natural disasters is one of a number of recurring themes and motifs that Ai returns to within his body of work.
Ai has created site specific sculptural installations for the Royal Academy’s spaces, including his monumental Tree displayed in the Annenberg Courtyard, consisting of eight individual trees, each measuring around seven metres tall. It is the largest installation of this work to date and t o enable the work to be displayed, the Royal Academy launched a Kickstarter crowdfunding campaign, where £123,577 was raised ; the l argest amount ever raised for a European art project on Kickstarter. Ai has also created a new work for the Wohl Central Hall, featuring a chandelier made of Forever bicycles, a recurring subject in h is work. Ai first began working with chandeliers in 2002 and this is the first time Ai has combined the two ideas, creating a chandelier from bicycles.
Ai Weiwei said: “I’m honored to have the chance to exhibit at the Royal Academy of Arts. Tim Marlow and the rest of the exhibition team have a history of producing outstanding exhibitions. I’m very happy to be a part of it. This exhibition is my first major survey in London, a city I greatly admire. The selected artworks reflect my practice in recent years, and also include new works made specifically for this show.”
Tim Marlow, Artistic Director and co-curator of the exhibition, said: “Ai Weiwei is one of the most important artists in the world today but his work has not been seen anywhere near as much as it should have been in the UK. This exhibition will begin to redress that balance and give an extensive new audience the chance to experience a creative phenomenon that is at once radical, political, architectural, historical, poetic, materially invent ive and transformative … even before they’ve walked through the Main Galleries.”
Adrian Locke, co – curator of the exhibition said: “Ai has greatly enjoyed the installation of his exhibition at the Royal Academy, constantly taking photos, finding time to s ign autographs and take selfies with visitors as well as engaging with the technicians on site. For him, being part of the process has been an emotional one, as it is nearly five years since he was last directly involved with overseeing an exhibition of th is scale and complexity being put together.”
In 2011, Ai was detained for 81 days by the Chinese authorities and his passport confiscated. I n an act of solidarity and support from his fellow artists and architects, Ai was elected an Honorary Member of the Royal Academy of Arts in May 2011. This exhibition will follow in the Royal Academy’ s tradition of celebrating its Royal Academicians, continuing the strand of programming that has showcased some of the most significant living artists including Anish Kapoor, David Hockney and Anselm Kiefer.The exhibition has been developed in close collaboration with Ai, who t ook an architectural approach to the layout of the exhibition, within the Royal Academy ’ s spectacular Main Galleries, befitting the monumental character of many of his pieces. The artist virtually navigated the spaces from his studio in Beijing, through video footage of the galleries and architectural plans. The curators also mad e regular visits to his studio. Ai Weiwei regained his passport in J uly 2015 and travell ed to London for the final installation period of the exhibition.Image: Ai Weiwei in his studio in Caochangdi, Beijing, taken in April 2015 (Press information: Johanna Bennett Undo.net)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crollo dei valori o nuovi diritti?

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

oropa santuariomarta cartablaSantuario d’Oropa (Biella) Sabato 26 settembre, alle ore 21, sarà ospite della Fondazione “Le Vie della Parola” Marta Cartabia, Vicepresidente della Corte Costituzionale, con la Lectio Magistralis “Crollo dei valori o nuovi diritti? Basta cambiare le leggi per cambiare l’uomo?”.La lectio magistralis tratterà della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Per cogliere le caratteristiche di questa “età dei nuovi diritti”, si partirà dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, proprio perché essa sta diventando un’autorità capace di irradiare i suoi effetti capillarmente in tutto il continente: la fecondazione assistita, il matrimonio omosessuale, sono alcune delle questioni più controverse e dibattute.
L’assolutizzazione e la moltiplicazione dei diritti non sono soltanto due fenomeni casualmente concomitanti, ma sono entrambi espressione di una medesima concezione dell’uomo e del suo vivere sociale. Marta Cartabia, nel 2011, all’età di 48 anni, è stata scelta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per ricoprire il prestigioso incarico di giudice della Corte Costituzionale, terza donna nella storia e tra i più giovani membri della Consulta di sempre.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centro Europeo Per l’Improvvisazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

esino larioEsino Lario Sabato 26 settembre 2015 presso il Teatro Asilo Ore 10 presentazione del progetto e relazioni Ore 15 tavoli di discussione tematici e relazioni Ore 21 concerti di improvvisazione libera. L’idea del CEPI è di Barre Phillips, grande musicista improvvisatore che vive nel Sud della Francia, a St. Philomene, vicino Puget Ville, e che vorrebbe creare un Centre Européen Pour l’Improvisation proprio a partire dall’Abbazia in cui abita e dal Villaggio medievale circostante da ristrutturare. In Italia, a Esino Lario, si svolgerà un primo incontro preliminare di confronto per l’elaborazione collettiva di tale progetto. Il CEPI è aperto a tutte le pratiche di improvvisazione in qualsiasi ambito, artistico o sociale. Hanno contribuito a questa iniziativa l’Associazione Bassa Definizione di Lecco e numerosi musicisti dei gruppi di improvvisazione musicale Emir (Francia) e Fete Foreign (Italia), entrambi nati grazie all’impulso di Barre Phillips.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

4° edizione del Blogger Contest

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

In questi giorni la giuria ha iniziato ad esaminare le opere dei 56 blogger che partecipano alla 4° edizione del Blogger Contest, sfida fra blogger che scrivono di montagna in tutte le sue espressioni. I partecipanti provengono da diverse regioni italiane, alpine e non, con una significativa presenza di blogger rosa ed entro il 30 settembre si attende il nome dei tre vincitori.
“All’avventura. Ogni luogo, ogni giorno, ogni momento” era il tema di questa edizione, da sviluppare attraverso la scrittura di un racconto breve o micro-storia, accompagnato da una foto: estrema sintesi dovuta proprio alla rapidità di lettura di queste storie, destinate in particolare ad utenti che leggono su supporti digitali. La motivazione da cui nasce il Blogger Contest è diffondere e sperimentare l’uso creativo del linguaggio (o linguaggi) multimediale per raccontare la montagna e l’avventura in tutte le sue espressioni. Ora tutte le opere sono riunite in una piattaforma di consultazione dalla quale è possibile apprezzare modi e stili diversi di raccontare e vivere l’avventura.
Quest’anno la giuria oltre ad indicare i tre vincitori, che saranno premiati con materiali e soggiorni offerti dalle aziende sponsor, segnalerà anche altri blogger che si aggiudicheranno premi e/o riconoscimenti. La premiazione avverrà sabato 10 ottobre a Belluno durante uno degli appuntamenti di Oltre le Vette.
La giuria è composta da: Martina Humar (esperta in linguaggi e progetti cinematografici), Paolo Aresi (giornalista e scrittore), Mauro Varotto (docente di Teoria e Metodi della Geografia), Roberto Serafin (giornalista e curatore del sito http://www.mountcity.it), Davide Fioraso (curatore del magazine The Pill), Pietro Greppi (editore e giornalista de La Rivista della NATURA).
Il Blogger Contest è ideato da altitudini.it e si avvale della collaborazione della rivista Le Dolomiti Bellunesi, di AKU trekking & outdoor footwear e dell’Associazione Gente di Montagna.
Sono sponsor del Blogger Contest.2015: AKU trekking & outdoor footwear, CAMP, DEVOLD, MONTURA, GABEL, il PalarondaTrek con i rifugi delle Pale di San Martino, il rifugio Lagazuoi nelle Dolomiti di Ampezzo, l’agriturismo al Chersogno in alta Val Maira.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il modo di intendere il turismo nei Campi Flegrei”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

Marina SgamatoSi è conclusa la X edizione di Malazè, l’evento enoarcheogastronomico dei Campi Flegrei. Nell’arco di dieci giorni (dal 5 al 15 settembre) si sono svolte iniziative culturali, visite guidate, cene a tema, spettacoli, rappresentazione teatrali e tanto altro nei siti archeologici, siti naturali e locali dei comuni di Pozzuoli, Quarto, Bacoli, Monte di Procida, Procida e Napoli. L’edizione 2015 è stata un’occasione per riflettere sul passato e proiettare Malazè verso il futuro, accompagnando i Campi Flegrei a strutturare un’economia basata sulla cultura e sul turismo sostenibile. Grande partecipazione a tutti gli eventi.Successo per la Mostra di Design Humandesignforfood curata nelle sale di palazzo Migliaresi al Rione Terra dalla Adi Campania e patrocinata dalla Fondazione Città della Scienza, da Slow Food Campania, della Seconda Università di Napoli. Oltre alla presentazione della Guida Slow Food, quest’anno hanno riscontrato molta partecipazione di pubblico gli eventi a cui hanno partecipato i pizzaioli Enzo Coccia e Franco Pepe; l’evento Una Dea al Tempio di Ciro Coccia è stato l’evento che in assoluto ha avuto più presenze: quasi 400 persone.L’associazione organizzativa Campi Flegrei a Tavola in questa edizione è stata affiancata dalla società Ravello Creative Lab insieme alla quale sono stati organizzati quattro eventi speciali: Giorgio Albertazzi che ha recitato “Memorie di Adriano” nella stadio Antonino Pio di Pozzuoli, l’apertura dopo 2000 anni del Macellum-Tempio di Serapide a Pozzuoli, il concerto di Pietra Montecorvino a Monte di Procida e lettura dell’Eneide di Peppe Lanzetta al Castello di Baia a Bacoli. Le iniziative sono patrocinate del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Polo Museale regionale della Campania e Soprintendenza Archeologia della Campania e finanziate da Sviluppo Campania – Piano Campania SiCura iniziative per il rilancio del comparto agroalimentare della Campania.Nell’ambito di Malazè si sono svolti due concorsi. La prima edizione del concorso fotografico “Premio Campi Flegrei” con tema “Terra Madre, i colori della terra” a cura di Flegrea Photo ha registrato questi risultati: premio all’autore (ex aequo): Mauro Cangemi di Napoli e Giorgio Cappiello di Casapulla di Caserta; primo premio alla migliore foto (ex aequo): Antonio Cunico di Vicenza e Anna Pane di Napoli; secondo premio migliore foto: Giuseppe Mazzeo di Pozzuoli. Menzioni speciali ai napoletani Marzia Bertelli, Alessandra Cardone, Elisabetta Cartiere, Francesca De Caro, Ciro Iacobelli e Viviana Rasulo. L’evento è stato organizzato con il patrocinio della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. La giuria era composta da Antonio Biasucci, Chiara Reale, Enzo Buono e Francesco Soranno.Per la terza edizione de “La Grande Abbuffata”, concorso di cortometraggi a tema enogastronomico, la giuria, composta da Giulia Cannada Bartoli (giornalista enogastronomica), Lorenzo D’Amelio (regista), Patrizio Rispo (attore), Antonella Stefanucci (attrice) e Johanna Wand (Goethe Institut Napoli), ha assegnato il premio come miglior cortometraggio a “Primera Comunion”, di Chiara Sulis e la menzione speciale a “Il Quaderno”, di Valentina Capone e a “Sassywood”, di Antonio Andrisani e Vito Cea. Il Premio del Pubblico, messo in palio da Tenuta Matilde Zasso, viene attribuito a “Sassywood”, di Antonio Andrisani e Vito Cea. Secondo classificato “Il Quaderno”, di Valentina Capone. Terzo classificato “Naples: the art of food”, di Alfonso Postiglione. La rassegna “La Grande Abbuffata” è curata dal festival internazionale di cortometraggi al femminile A Corto di Donne e si avvale della direzione artistica dello storico del cinema Giuseppe Borrone e della regia tecnica di Maria Di Razza.”Con la X edizione – ha affermato Rosario Mattera, ideatore ed organizzatore di Malazè – è stata la conferma della bontà del nostro progetto. Quello che dicevamo dieci anni fa è stato confermato in tutti questi anni. Fin dal primo momento abbiamo puntato ad un target medio-alto: il che non significa aver puntato solo su chi ha più possibilità di spendere, ma abbiamo puntato sul tipo di mentalità. Quest’anno abbiamo registrato numerose presenze straniere che hanno scelto di visitare l’area flegrea in questo periodo di Malazè. Per la prima volta circa cento turisti americani che pernottavano in Costiera Amalfitana hanno deciso di visitare i Campi Flegrei attratti da Malazè. Quest’anno abbiamo lanciato anche la prima Guida Enogastronomica targata Malazè dando risalto ai nostri partner. Pubblicheremo anche una guida online in lingua inglese e danese. Siamo una rete e continueremo a lavorare in questo modo. Presto ci saranno importanti novità per lanciare i nostri prodotti con marchio tipicamenteflegreo”. (foto: Marina Sgamato)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Papa a Cuba

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

cubaUsa e Cuba diano esempio di riconciliazione…. Lo ha detto Papa Francesco parlando a due leader, a due governo, a due popoli…, ” lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, che continua: “l’entusiasmo convinto con cui sono state accolte queste parole del Papa ha un che di liberatorio che la gente attendeva da anni: un bisogno profondo di pace e di libertà. È la pace è stata possibile grazie alla paziente tessitura di tre papi: segno concreto del ruolo insostituibile della chiesa nel mondo contemporaneo e della fecondità del pensiero cattolico nel suo incontro con tutte le altre culture. Ma non possiamo dimenticare la voce accorata del Papa parlando ad Israele e alla Palestina; alla Siria e a tutti i Paesi di un Medio-Oriente attraversato da violenze disumane e in preda all’Isis che fa terra bruciata dovunque arriva. È sempre la voce del Papa che invita a fermarsi, a riflettere insieme a pregare insieme per quanto possibile, stando sempre dalla parte dell’uomo, per poter stare dalla parte di Dio.” Conclude l’onorevole Binetti: “Fino a quando continueranno violenze, guerre, in qualsiasi parte del mondo il dolore degli uomini sarà un dolore tremendo. Eppure proprio il dialogo Cuba-USA di questi giorni, benedetto da uno degli uomini più miti della storia, ci dice che la pace è possibile: sempre e comunque. Forse tutti possono ricominciare a sperarlo dopo aver assistito ad un cambiamento epocale che chiude definitivamente un’era di grandi ideologie, ma anche di grandi sofferenze… Può essere un buon modo per arginare questi flussi infiniti di migranti in cerca di pace, oggi ancor più che allora…”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenpeace: Study – 100% renewable energy globally by 2050 possible

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

berlinoBerlin, 21 September 2015 – The investment necessary to move toward 100% renewable energy by 2050 would be more than covered by future savings in fuel costs, according to a ground-breaking new report from Greenpeace, researched in collaboration with the German Aerospace Centre (DLR).The Energy [R]evolution scenario 2015 also says more jobs would be created in the energy sector – with the solar industry alone employing as many people in the future as the coal industry does today. Its detailed data compares different regions of the world.
Within 15 years, renewables’ share of electricity could triple from 21% today to 64% — almost two thirds of global electricity supply could come from renewable energy. Even with the rapid development of countries like Brazil, China and India, CO2 emissions could fall from the current 30 gigatonnes a year to 20 gigatonnes by 2030. In jobs, the solar PV industry could employ 9.7 million people by 2030, more than 10 times as many as it does today. Jobs in wind power could grow to 7.8 million over the same period. Sven Teske of Greenpeace, the lead author of the report, said: “The solar- and wind industries have come of age, and are cost-competitive with coal. It is very likely they will overtake the coal industry in terms of jobs and energy supplied within the next decade. ““It’s the responsibility of the fossil fuel industry to prepare for these changes in the labour market and make provisions. Governments need to manage the dismantling of the fossil fuel industry which is moving rapidly into irrelevance. Every dollar invested in new fossil fuel projects is high risk capital which might end up as stranded investment.”The necessary investment is more than covered by savings in future fuel costs. The average additional investment needed in renewables until 2050 is about $1 trillion a year. Because renewables don’t require fuel, the savings over the same period are $1.07 trillion a year, so more than meet the costs of the required investment, with the cross-over point happening between 2025 and 2030.Kumi Naidoo, the Executive Director of Greenpeace International, said: “We must not let lobbying by vested interests in the fossil fuel industry stand in the way of a switch to renewable energy, the most effective and fairest way to deliver a clean and safe energy future, so more than meet the costs of the investment.“I would urge all those who say ‘it can’t be done’ to read this report and recognise that it can be done, it must be done and it will be for the benefit of everyone if it is done.”The Paris climate summit, in less than three months, offers global leaders the opportunity to take the necessary and critical steps to fight climate change, by accelerating the steady transformation of the world’s energy sector, away from fossil fuels and towards 100% renewable energy by mid-century.Naidoo adds: ‘With this Greenpeace scenario, the Paris climate agreement must deliver a long term vision for phasing out coal, oil, gas and nuclear energy by mid-century, reaching the goal of 100% renewables with energy access for all.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »