Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 23 settembre 2015

Prestigioso premio scientifico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

di ciccoCamerino. E’ stato conferito nei giorni scorsi al prof. Andrea Di Cicco, docente della sezione di Fisica della Scuola di Scienze e Tecnologie, il premio scientifico internazionale “Outstanding Achievement Award (Edward Stern Prize)”, il più alto riconoscimento della International X-ray Absorption Society (IXAS) che viene consegnato a chi ha raggiunto risultati di eccezionale rilevanza nel settore.
Il premio è stato consegnato nei giorni scorsi a Karlsruhe, in Germania, in occasione della conferenza XAFS16 (16th International Conference on X-ray Absorption Fine Structure), che ha visto la partecipazione di oltre 550 partecipanti, e che proprio Unicam ha ospitato nel 2009.“Sono ovviamente molto orgoglioso di aver ottenuto questo Premio – sottolinea il Prof. Di Cicco – che rappresenta il coronamento di oltre venti anni di lavoro sulla spettroscopia di assorbimento di raggi X. Si tratta di una tecnica che ha una valenza multidisciplinare perché si applica a discipline scientifiche quali la fisica, la chimica, la biologia per lo sviluppo di nuovi materiali per l’energia. Per tutte le attività che si sviluppano intorno alla spettroscopia, Camerino può essere considerato un centro di diffusione mondiale”.Con questo premio si riconosce l’eccellenza e la qualità sia della ricerca che delle attività di didattica e di formazione svolte dal prof. Di Cicco nei confronti degli studenti che nel corso degli anni hanno frequentato i corsi di laurea in Fisica dell’Università di Camerino.“Molti dei miei studenti attualmente stanno svolgendo attività di ricerca in importanti istituzioni europee: sono molto soddisfatto anche per loro, perché il risultato che ho conseguito è dovuto in qualche modo anche a loro”.Dal nuovo anno accademico, poi, l’offerta formativa della Fisica di Unicam offrirà una opportunità in più: accanto al curriculum tradizionale del corso di laurea in Fisica, sarà attivo anche un nuovo curriculum in “Innovazione Tecnologica”, più orientato verso le molteplici applicazioni della Fisica allo sviluppo tecnologico ed al mondo produttivo.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marcus Holmstrand new CFO at Catella

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

catellaMarcus Holmstrand has been appointed CFO and member of the Group Management at Catella. Marcus who has worked as Group Business Controller at Catella since 2011 takes up the post with immediate effect.”Since the beginning of 2014 Catella has undergone major change in order to create the necessary conditions for achieving stable long-term profitability and growth. Marcus is very familiar with Catella, and in his role as Group Business Controller he had a central role in the change process. In his new role Marcus will continue to focus on enhanced efficiency and analysis within the new business-focused organisational structure,” says Knut Pedersen, President and CEO of Catella.Marcus Holmstrand has many years of experience from working at management level in listed companies. He has worked closely with Group Management in his role as Group Business Controller at Catella. Marcus was previously Group Business Controller at Haldex, and prior to that he was Controller at the SCA Group. (photo: catella)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XXI Congresso Nazionale della SIN Società Italiana di Neonatologia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Palermo-Panorama-bjs-2Palermo. Dal 24 al 26 settembre 2015, presso il Complesso Didattico dell’Università di Palermo, si terrà il XXI Congresso Nazionale della SIN Società Italiana di Neonatologia, dedicato quest’anno ai neonati pretermine. Non tanti i neonati prematuri, ma molto importanti perché anche se costituiscono solo una piccola parte di tutti i nati (meno del 3% circa), contribuiscono in maniera determinante alla mortalità neonatale e infantile e all’incremento della popolazione colpita da handicap più o meno gravi. Molto spesso il destino di questi neonati è segnato prima ancora della nascita. Per questo motivo conoscere le cause della prematurità, approfondirne la storia prenatale e impostare il modo migliore per farli nascere si rivela di fondamentale importanza. Il destino di un grave pretermine può essere diverso se il parto avviene in maniera imprevista o programmata o se l’accrescimento intrauterino risulti normale o abnorme (IUGR/SGA). È in questi casi che la collaborazione ostetrico-neonatologica si rivela indispensabile. L’organizzazione dell’assistenza ai neonati pretermine, specie se di età gestazionale molto bassa (<32 settimane) ha subito negli ultimi 20 anni una vera e propria rivoluzione. L’isola neonatale si è trasformata in una DRICU (Delivery Room Intensive Care Unit) perché ottimizzare l’assistenza nelle prime fasi della vita di questi piccoli e fragili pazienti risulta fondamentale. Nelle tre giornate del congresso relatori nazionali ed internazionali affronteranno tutte quelle questioni che coinvolgono i prematuri, in particolare i nati prima della 34a settimana, dalle patologie, alla care neonatale, fino ai problemi medico-legali. Saranno discusse le più recenti novità in tema di:
Nutrizione Evitare la malnutrizione extrauterina (Extrauterine Growth Restriction – EUGR) è di fondamentale importanza, anche se estremamente difficile. L’alimento ideale per i neonati prematuri è il latte materno, sia in avvio (alimentazione trofica) sia nel prosieguo. Al congresso saranno discusse le ultime novità presentate a EXPO 2015. Ma il solo latte materno può non bastare. La nutrizione parenterale è certamente utile, ma ha effetti collaterali a breve e lungo termine che non possono essere ignorati. Si affronterà quindi il problema su come trovare il sottile equilibrio tra vantaggi e svantaggi della nutrizione dei neonati gravemente pretermine e la fortificazione del latte materno. Dall’alimentazione dipende il futuro della salute di questi neonati, come sarà discusso nel simposio dedicato all’epigenetica della nutrizione neonatale e infantile e in quello su nutrizione e immunità.
Infezioni neonataliQuella che può essere definita come la causa principale degli insuccessi neonatologici degli ultimi anni. Se infatti si pensa a quanto si è progredito in tutti i campi dell’assistenza neonatale, si deve anche prendere atto che in questo campo specifico si è ancora molto indietro. Le infezioni congenite, ma soprattutto quelle neonatali (nosocomiali), sono la “tomba” del neonatologo. Durante il congresso si discuterà sulle più recenti acquisizioni in ambito diagnostico e soprattutto su quanti problemi si potranno avere in futuro per curare le infezioni se la ricerca in questo campo non farà progressi superiori a quelli che gli agenti infettivi stanno facendo.
Assistenza respiratoria In un congresso dedicato al pretermine non potevano mancare sessioni sulle problematiche respiratorie acute e croniche. Il livello culturale in tal campo è evoluto in modo entusiasmante: oggi si parla di novità su maturazione polmonare, su tecniche di reclutamento alveolare, di ventilazione invasiva e non invasiva che solo alcuni anni fa sembravano argomenti improponibili. Progressi fatti che hanno ridotto drasticamente la frequenza di displasia broncopolmonare grave, patologia che oggi vede impegnata la SIN nell’assistenza post-dimissione oltre che in quella intra-ospedaliera. Si parlerà anche del futuro respiratorio dei pretermine, sia in termini di funzione che in termini di frequenza e prevenzione delle infezioni respiratorie. Queste sessioni troveranno un’utile integrazione nel master dedicato alle nuove modalità di somministrazione del surfattante artificiale e di misurazione dei volumi polmonari.
Problemi neurologici e sensoriali Verrà fatto il punto sulle lesioni cerebrali più frequenti legate alla prematurità: l’emorragia peri-intraventricolare e la leucomalacia periventricolare e su come e quando l’imaging del SNC debba essere realizzato per ottenere il massimo in ambito diagnostico e prognostico. Si parlerà del trattamento del dolore, problema che vede l’Italia all’avanguardia in Europa, e dell’importanza del rapporto tra madre e neonato fin dalle prime fasi della vita. Ci si occuperà anche di cure palliative, un campo al quale si è arrivati grazie agli enormi progressi dell’assistenza neonatale, ma che pone di fronte agli insormontabili limiti umani.
Tra i problemi sensoriali verrà trattata la Retinopatia della Prematurità, che rappresenta ancora oggi uno scoglio che appare insormontabile. Si parlerà anche del futuro visivo dei pretermine. Al di là dei problemi connessi con la Retinopatia, infatti, l’occhio del pretermine e le strutture visive del SNC possono subire altri danni evolutivi. Così come non saranno trascurati i problemi dell’udito, troppo spesso misconosciuti e spesso causa di fallimenti riabilitativi.
Quando si parla di lesioni neurologiche poi non ci si può dimenticare di una delle cause principali del danno neurologico, almeno in passato: l’ipoglicemia neonatale. Allo stesso modo si parlerà anche dell’iperglicemia, che tanto spesso è riscontrata nei neonati di età gestazionale molto bassa e dei danni che può comportare. E ancora di metabolismo minerale (l’osteopenia esiste ancora?) e di ipotiroxinemia, condizione endocrino-metabolica che si pensava rischiosa, che forse non lo è, ma che recenti evoluzioni in ambito di screening neonatali (dosaggio del solo TSH) rischiano di relegare nel dimenticatoio ancora prima di averla ben conosciuta.
Adattamento cardio-circolatorio Se in passato si dava importanza soprattutto ai problemi respiratori alla nascita, oggi c’è una sempre maggiore attenzione all’adattamento cardio-circolatorio neonatale intimamente connesso con il reclutamento alveolare, tanto più importante quanto più bassa è l’età gestazionale. L’adattamento cardio-circolatorio che inizia al momento del primo respiro prosegue poi nei giorni successivi. L’ipotensione neonatale con le sue gravi ripercussioni multi-sistemiche è oggi argomento di fondamentale importanza grazie all’utilizzo dell’ecocardiografia funzionale. Questa pratica diagnostica è diventata per il neonatologo una necessità (come lo è stata e lo è ancora l’ecoencefalografia) e grazie a essa potranno essere trattati meglio molti disturbi cardio-circolatori dei neonati gravemente pretermine. Ormai il problema non è solo il dotto di Botallo pervio, ma è come quel cuore si contrae, si riempie e si svuota durante il ciclo cardiaco.
Funzione renale Nel periodo post-natale la maturazione dell’apparato nefro-urologico avviene in modo tumultuoso. Lo si è appreso sia da studi funzionali che da studi morfologici. A tal proposito interverranno i maggiori esperti italiani dell’argomento, per fare chiarezza sulla funzione renale e per permettere di considerarla alla stregua di altri apparati che si è imparato a conoscere e a valutare al meglio. È importante considerare che in molte parti del nostro paese il sistema assistenziale neonatale non riesce sempre a far fronte all’assistenza dei neonati prematuri nel luogo dove nascono. Si pone allora anche il problema del trasporto neonatale e della stabilizzazione pre-trasferimento. Durante i tre giorni si affronteranno diversi e a volte nuovi aspetti del problema, come il ruolo della simulazione nella formazione dei neonatologi addetti al trasporto neonatale e le nuove tecnologie da utilizzare durante il trasporto dei pretermine verso la destinazione definitiva. Saranno trattati infine anche gli aspetti organizzativi delle cure ai pretermine, le modalità di alimentazione, la qualità e la sicurezza delle cure neonatali e l’assistenza infermieristica in cure molto peculiari (ECMO, ecc..), con interventi mirati della componente infermieristica della SIN Società Italiana di Neonatologia. Nell’ambito del congresso sarà ospitato l’International Workshop on Neonatal Hematology, che avrà come presidenti il Prof. C. Romagnoli Presidente SIN, Prof. G. Corsello, Presidente SIP ed il Prof. A. Del Vecchio consigliere SIN. Al workshop interverranno esperti che hanno scritto la storia dell’ematologia neonatale. Si parlerà di Iperbilirubinemia grave, di Eritropoietina e neuroprotezione, di rapporti tra ematologia e NEC, di trombocitopenia e trombosi, di prevenzione dell’anemia neonatale. A questi interventi si aggiungeranno anche due Educational Courses sulla pratica trasfusionale e sul trattamento della trombocitopenia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Principi fondamentali e garanzie a favore del contribuente”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma. Dalle ore 16.30 alle ore 18.30 in Aula dei Filosofi. Relatore d’eccezione l’autorevole studioso spagnolo Juan Ignacio Gorospe Oviedo. Sarà discusso un tema cruciale in ambito tributario, relativo a “Principi fondamentali e garanzie a favore del contribuente”, in un convegno in programma mercoledì 23 settembre, dalle ore 16.30 alle ore 18.30, nell’Aula dei Filosofi del Palazzo Centrale (via Università, 12) e promosso dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Parma. All’appuntamento, organizzato da Alberto Comelli, professore associato di Diritto tributario presso il Dipartimento di Giurisprudenza, parteciperà come relatore Juan Ignacio Gorospe Oviedo, autorevole studioso spagnolo, professore ordinario di Derecho Financiero y Tributario all’Università CEU San Pablo di Madrid, il quale sarà all’Università di Parma per quattro giorni per una serie di seminari e incontri di studio organizzati nell’ambito di un programma di scambi internazionali. Il convegno, moderato da Alberto Comelli, si aprirà alle ore 16.30 con i saluti di Giovanni Bonilini, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza. Alle ore 16.45 è previsto l’intervento di Juan Ignacio Gorospe Oviedo, che relazionerà sul tema “Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo: quali principi sono applicabili in materia tributaria?”. A seguire sarà la volta di Andrea Carinci, professore ordinario di Diritto tributario all’Università di Bologna, che parlerà di “Il contraddittorio nel procedimento tributario, tra attuazione della legge delega e incertezze giurisprudenziali”. Al termine degli interventi si aprirà la discussione.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cerimonia in memoria del principe Filippo Caracciolo di Castagneto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Roma Giovedì 24 settembre alle ore 10.30 presso la sede dell’Automobile Club d’Italia in via Marsala 8 cerimonia in memoria del principe Filippo Caracciolo di Castagneto nel cinquantenario della sua morte. è stato dal 1944 al 1965Commissario Straordinario e Presidente dell’Automobile Club d’Italia, rivoluzionando il Club degli automobilisti con lungimiranza e passione. Alla sua figura sarà dedicata la Galleria pedonale della sede ACI impreziosita da un nuovo bassorilievo di forte impatto emotivo. Alla cerimonia interverranno:
Angelo Sticchi Damiani Presidente dell’Automobile Club d’Italia
Rosario Alessi Presidente onorario dell’Automobile Club d’Italia e Presidente di Sara Assicurazioni
John Elkann Presidente di Fiat Chrysler Automobiles
Giorgio La Malfa Politico ed Accademico italiano

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Laboratorio creativo per i bambini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

alessandraMilano Expo 2015 Domenica 11 ottobre, dalle ore 15.30 alle ore 18.30, Intesa Sanpaolo, Official Global Partner di Expo Milano 2015, presenta all’interno di The Waterstone, il proprio spazio espositivo in Expo, Pinksie The Whale, laboratori creativi dedicati ai bambini che prevedono momenti di intrattenimento e attività di disegno libero e costruzione di kit ispirati alla balena Pinksie sui temi Expo. Il laboratorio è guidato dall’attrice Alessandra Pierattelli.
Amicizia, amore per il cibo e rispetto per l’ambiente sono i temi portanti del laboratorio che prende spunto dall’ultima grande avventura di Pinksie the Whale, la piccola e coraggiosa balenottera rosa intorno a cui ha preso vita il progetto. Nell’ultimo libro della serie, Pinksie the Whale. A third helping!, Pinksie intraprende un viaggio che la porterà a scoprire le abitudini culinarie di tutto il mondo affrontando temi importanti come il coraggio che serve per combattere e risolvere le difficoltà, la capacità di coltivare la fiducia in se stessi e nelle persone che ci stanno vicino, la condivisione dei problemi e delle gioie con amici, fratelli, sorelle. Il libro è inoltre impreziosito da un’appendice di gustose ricette di prelibatezze internazionali, proposte dallo chef Nuvola, che i bambini potranno realizzare da soli.Nella straordinaria cornice di The Waterstone i bambini verranno avvolti dalle immagini su grande schermo di Pinksie, si cimenteranno nella costruzione di piccole balenottere di carta disegnate da Tobeus for Pinksie e ammireranno la scultura-oggetto Pinksie, creata per l’occasione da Matteo Ragni (Compasso d’oro ADI 2001 e 2014, Wallpaper Design Award 2008).
Tutti gli eventi presso The Waterstone sono gratuiti per i visitatori di Expo.
Pinksie the Whale è un progetto educativo internazionale nato a Londra nel 2012 con l’obiettivo di insegnare ai bambini il valore della diversità attraverso l’arte e la creatività​. Un’idea nata dall’amicizia di 6 donne – Matilde Battistini, Marcella Caricasole, Katinka Donagemma, Elizabeth Oddono, Bea Tartarone e Maria Stella Wirz – che credono che l’individualità, il rispetto per sé e per gli altri​ e la sensibilità nell’aiuto del prossimo debbano essere coltivate fin da subito durante gli anni dell’apprendimento. Le attività di Pinksie sono ispirate ai libri di Pinksie the Whale, una balena rosa che affronta magiche avventure per vincere la sua paura della diversità. Il team di PINKSIE ogni anno pubblica un nuovo libro della collana Pinksie the Whale, lavora con scuole, artisti, gallerie, musei e organizza laboratori creativi, mostre, letture ed eventi benefici per la raccolta di fondi a favore dei bambini. Le attività educative e benefiche di Pinksie the Whale sono promosse in Italia dall’Associazione MERCURIO.
MERCURIO è un’associazione culturale e di promozione sociale non profit che realizza e promuove progetti educativi innovativi applicando l’interazione, l’emozione e l’ascolto come principali fattori di insegnamento e di divulgazione del sapere. MERCURIO sostiene la diffusione della cultura medico-scientifica e dell’arte e l’accessibilità all’eccellenza in Italia, anche a supporto della scuola italiana. MERCURIO promuove progetti educativi gratuiti rivolti alle scuole elementari e medie attivando metodi partecipativi (docenti, ragazzi, famiglie, territorio, comunità).
TobeUs, il progetto ideato da Matteo Ragni che coinvolge la comunità internazionale del design insieme ai grandi maestri del design italiano, incontra Pinksie the Whale dando vita a “TobeUs for Pinksie”. Attraverso un kit di cartoncini, progettati insieme a Massimo Minchio, da montare e colorare durante i laboratori creativi, la balena rosa assumerà tanti aspetti diversi, ognuno legato alla particolare interpretazione creativa del singolo bambino.
Tra le figure più creative e affermate del nuovo design italiano, è stato insignito con Giulio Iacchetti del compasso d’oro nel 2001 (Moscardino) e nel 2014 (Tombini). Nel 2008 ha ideato il progetto TobeUs coinvolgendo cento designer internazionali, fra i più bravi del mondo, che si sono prestati a “giocare” dando vita a una collezione di cento macchinine in legno, progettate con fantasia, semplicità e il desiderio di lanciare un messaggio di sostenibilità e allegria a grandi e piccoli. Perché il gioco è una cosa seria! Nel 2015 è invitato, in qualità di rappresentante del design italiano, alla Tianjin International Design Week con la mostra personale “Matteo Ragni: Design for Better Days” raccontata fotograficamente da Max Rommel.
Alessandra Pierattelli è presidente dell’Associazione Towanda, che utilizza la clownerie come strumento educativo, pedagogico e di emancipazione sociale a favore di coloro che vivono in situazioni di emarginazione, disagio o malattia. Segue da anni anche l’associazione Veronica Sacchi, onlus che si occupa di laboratori di clownerie rivolti a soggetti svantaggiati (disabili, minori in custodia cautelare e i suoi amati bambini “speciali”). Alessandra è anche scrittrice e ha pubblicato recentemente “Il giardino dei fiori d’asfalto”, Terre di Mezzo Editore. (foto: alessandra)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terapia del dolore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

DSCN2864Firenze. Domenica 27 settembre prossimo dalle 8.30 alle 13.00 – Polo Lionello Bonfanti (Burchio – FI) Sofferenza, ricerca di senso, speranza, sfida del dolore. Tematiche impegnative e quanto mai attuali oggi, mentre forme svariate di disagio entrano nel nostro quotidiano sia direttamente che attraverso i media. È per questo che il convegno “La sofferenza umana. Speranze di cura e ricerca di senso” è rivolto proprio a tutti: a partire dagli operatori in ambito sanitario e socio-sanitario, fino a chi opera nel volontariato, in campo giovanile e a contatto con varie forme di disagio. L’Associazione “Salve! Health to Share Onlus” http://www.salveonlus.org con sede presso il Polo Lionello Bonfanti propone questo appuntamento a partire dall’esperienza e in ricordo di un pioniere della terapia del dolore, il dott. Enrico Cavallini, fra i padri fondatori della moderna anestesiologia. «Fino a pochi anni fa si riteneva che il dolore fosse compagno inevitabile di molte malattie – spiega la dott.ssa Paola Garzi, internista e vice presidente dell’Associazione Salve Onlus – sintomo spesso sottovalutato, sotto diagnosticato e sotto trattato. Oggi il dolore viene ricercato, riconosciuto e trattato in modo sempre più efficace. Di questo parleremo domenica 27 settembre: di dolore e di speranza, una speranza sempre più forte per i progressi delle cure e soprattutto per il cambiamento di mentalità che si va operando nella classe medica e nella società civile. Il dolore ci sfida, anche se sempre più disarmato dall’evoluzione terapeutica, sul piano spirituale ed esistenziale. Abbiamo ancora domande senza risposte, abbiamo ancora bisogno di cercare».L’appuntamento si inserisce nel calendario delle attività promosse dall’Associazione che dal 2007 punta a creare una rete tra quanti vivono la professione sanitaria alla luce della fraternità e di una “cultura del Dare”. Fin dai suoi primi passi, “Salve” ha promosso momenti culturali orientati a riportare la persona nella sua globalità al centro dell’interesse dell’arte medica.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Sei punti per Paolo Ruberti ad Austin in una gara ricca di colpi di scena

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Paolo RubertiLa 6 Ore di Austin (Texas, USA), quinto appuntamento del FIA WEC 2015, disputata ieri sul Circuit of the Americas, ha riservato alcunI imprevisti a Paolo Ruberti e i suoi compagni di equipaggio Gianluca Roda e Kristian Poulsen. Dopo la prima sessione di prove libere, in cui la Chevrolet Corvette C7 aveva chiuso con il secondo miglior tempo in LMGTE Am con il crono di 2’08.224, il weekend dell’equipaggio della Larbre Competition si è fatto più difficile. In qualifica la vettura numero 50, nonostante Ruberti avesse migliorato il giro singolo in 2’07.759, ha accusato un problema alla pressione degli pneumatici che ha impedito di andare oltre il sesto tempo di categoria (2’08.802).Tutta la concentrazione del team si è quindi focalizzata sulla gara. Nelle prime battute un buon livello di performance sembrava lasciare aperte le possibilità di rimonta, ma due episodi hanno poi finito per pesare sul risultato finale. Uno sfortunato Gianluca Roda è stato costretto a rientrare ai box nel suo primo giro a causa della chiusura imperfetta delle cinture di sicurezza, mentre un successivo contatto con un prototipo è costato altri circa trenta secondi. La gara si è chiusa con un settimo posto in LMGTE Am che ha consegnato sei punti utili per la classifica.Paolo Ruberti: “Difficile dire come sarebbe andata senza imprevisti. Le buone prestazioni sul giro singolo al Nürburgring ci avevano dato indicazioni incoraggianti e speravamo di fare qualche passo in avanti anche in questa occasione. A livello personale in più occasioni ho fatto registrare dei buoni tempi sia in qualifica che in gara a conferma che la vettura ha un buon potenziale”.
Il FIA WEC tornerà in pista il prossimo 10 ottobre per il terz’ultimo appuntamento della stagione al Fuji International Speedway, in Giappone. (foto: Paolo Ruberti)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Artigiani fiorentini in trasferta da Macy’s Philadelphia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

artigiani fiorentiniDue artigiani fiorentini e un fashion designer proveniente dal Polimoda protagonisti alla settimana della moda di Philadelphia. Dal 7 al 10 ottobre Macy’s, la catena di grandi magazzini statunitensi, ospiterà Benedetta Maracchi, giovane produttrice con il marchio Marakita di borse in tessuto con design e materiali tutti Made in Florence, e Giovanna Montauti e Luca Parri, proprietari-produttori di gioielli della storica azienda Picchiani & Barlacchi. A questa rappresentanza rigorosamente fiorentina si aggiungerà Michael Mack della Michael Grey Footwear: si tratta di un giovane americano che ha studiato al Polimoda di Firenze e che, tornato negli Stati Uniti, ha iniziato a creare e produrre calzature.L’iniziativa è stata presentata oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore alla cooperazione e relazioni internazionali Nicoletta Mantovani, Claudio Bianchi vicepresidente della Camera di Commercio di Firenze e Mario Curia consigliere delegato di PromoFirenze. «Questo evento è nato a seguito del rinnovo del gemellaggio con Philadelphia, firmato lo scorso ottobre – ha spiegato l’assessore Mantovani –. Allora con il sindaco Micheal Nutter individuammo alcune linee di azione per il rilancio e il consolidamento del patto tra le nostre città, tra cui appunto le relazioni economiche. Adesso il primo atto concreto: grazie alla collaborazione con tra Comune, città di Philadelphia e la Camera di Commercio con Promofirenze, è stato possibile individuare alcuni artigiani fiorentini che, insieme al fashion designer del Polimoda, saranno ospiti della Fashion Week in programma nella città statunitense e proporranno i propri prodotti ai grandi magazzini Macy’s». «Poter mostrare all’estero il saper fare dei nostri artigiani rappresenta una occasione molto importante – ha sottolineato Bianchi –. Firenze ha una grande capacità di raccontare la specificità del proprio territorio e le professionalità che vi sono. Nel mondo oggi il sapersi raccontare diventa un elemento fondamentale per vincere la sfida della globalizzazione. Un’opportunità come questa quindi offre un palcoscenico di grande rilievo per i nostri produttori e per la nostra città. E per questo come Camera di Commercio e PromoFirenze abbiamo collaborato a far sì che questo progetto diventasse realtà».«Questo progetto è un altro passo sulla strada dell’internazionalizzazione non solo di Firenze come città d’arte, ma anche dei suoi sapere e dei suoi mestieri – ha ribadito Curia –. Siamo così convinti del successo dell’iniziativa che questi giorni a Macy’s saranno solo l’inizio per portare negli USA tante altre lavorazioni artigianali e tradizionali di Firenze».Gli artigiani presenti sono stati individuati partendo dal target commerciale indicato da Macy’s e tenuto conto del progetto La Casa delle Eccellenze coordinato da PromoFirenze di concerto con le associazioni di categoria e con Expo, dove una commissione composta da membri delle associazioni di categoria ha selezionato le aziende presenti sul territorio, tenendo conto di due parametri fondamentali: l’artigianalità del prodotto e la fiorentinità. «I grandi magazzini hanno riservato agli artigiani la Ground Court di Macy’s – ha aggiunto l’assessore Mantovani –, dove potranno esporre e vendere i loro prodotti, per un periodo sicuramente breve, ma sicuramente sufficiente per farsi conoscere. Inoltre i loro oggetti verranno indossati dalle modelle in occasione della sfilata di moda prevista durante la fashion week, sfilata aperta ai giovani stilisti americani provenienti da scuole di design di Philadelphia». L’assessore ha sottolineato come la presenza di un’ex studente del Polimoda, cittadino statunitense individuato dalla scuola di moda fiorentina, possa essere di stimolo ulteriore per gli studenti di moda americani a visitare l’Italia e magari a specializzarsi a Firenze. A tutto l’artigianato fiorentino e a Firenze sarà poi dedicata una mostra di fotografie allestita sempre all’interno del Ground Court di Macy’s. (foto: artigiani fiorentini)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina rigenerativa applicata allo sport: quando artroscopia e protesi non bastano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Ginocchio-sano-e-artrosicoCarrara fiera. Dal 21 al 23 ottobre 2015, chirurghi ortopedici di tutta Italia riuniti per fare il punto sui più recenti approcci terapeutici per la risoluzione di traumi/usura subiti dalle articolazioni Dai più recenti approcci chirurgici alle nuove terapie biologiche per il trattamento e la risoluzione di lesioni articolari dovute a usura o traumi che caratterizzano soprattutto gli sportivi. Questi i temi principali che verranno trattati nell’ambito del XXII Congresso Nazionale della Società Italiana di Artroscopia (SIA).“Le procedure chirurgiche attuali per il trattamento delle lesioni articolari, ginocchio e spalla in primis, hanno raggiunto un alto grado di avanzamento tecnologico: se fino a qualche anno fa un certo tipo di lesione comportava la fine di una carriera per uno sportivo, oggi possiamo parlare di un ritorno all’attività nel 90% dei casi anche dopo un danno particolarmente grave.”- dichiara Giancarlo Coari, Presidente del Congresso e Past President SIA – “Progressi scientifici di rilievo clinico si stanno inoltre verificando in un nuova branca di studio, quella della ‘medicina rigenerativa’ che utilizza le terapie biologiche per ricostruire, riparare o promuovere la rigenerazione di tessuti malati o danneggiati”. Quest’area di studio nata di recente e che sta vivendo una fase di crescita rapida e costante, riveste particolare importanza nella chirurgia ortopedica applicata allo sport che oggi, più che in passato, deve tenere conto, ai fini della pratica clinica, delle potenzialità della biologia per la riparazione dei tessuti. Numerosi i campi di applicazione, come la riparazione dei difetti cartilaginei articolari dovuti a traumi o usura, la riparazione dei menischi, muscoli o tendini danneggiati, la patologia della cuffia dei rotatori nella spalla. Un’area importante comprende le articolazioni precocemente artrosiche, spesso a seguito di attività legate allo sport, pregressi traumi o interventi in pazienti ancora giovani o attivi. Per questa tipologia di pazienti, che presenta complesse problematiche da risolvere e trattare e nei quali una semplice artroscopia o una protesi non sono risolutive, si stanno sviluppando approcci terapeutici che passano attraverso i nuovi derivati del sangue.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

SACE e Cariparma Crédit Agricole: € 6 mln per la crescita internazionale di Brugola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

bancomatSACE e Cariparma Crédit Agricole sono di nuovo insieme per favorire la crescita delle aziende italiane. L’ultima operazione vede SACE garante di un finanziamento erogato da Cariparma Crédit Agricole a favore di Brugola OEB Industriale S.p.A., società dell’omonima famiglia nata in provincia di Monza nel 1926 e oggi leader mondiale nella produzione di elementi di fissaggio (viti “critiche”) per il settore automotive.Il finanziamento del valore complessivo di 6 milioni di euro è finalizzato a sostenere lo sviluppo del gruppo in Nord America attraverso la realizzazione di un nuovo stabilimento produttivo in Michigan.“Siamo molto lieti di poter annunciare questa operazione che segna un passo importante nello sviluppo dell’azienda e ringraziamo SACE e Cariparma Crédit Agricole per la fiducia accordata a Brugola e ai suoi piani di sviluppo internazionali, confermando ancora una volta la volontà di rimanere un riferimento per il mondo della bulloneria esportando un modello di successo dall’Italia agli Stati Uniti – ha dichiarato Egidio Brugola, Presidente dell’azienda. Cariparma Crédit Agricole e SACE hanno saputo essere partner affidabili per la realizzazione dei nostri progetti aziendali e hanno dimostrato apertura al dialogo e capacità di offrire soluzioni concrete. Siamo riusciti a fare sistema nella convinzione che le realtà che esprimono valori imprenditoriali importanti sono in grado di fronteggiare con successo crisi economiche profonde come quella appena trascorsa.”Brugola impiega oltre 350 dipendenti distribuiti in quattro poli produttivi italiani e dodici centri logistici nel mondo attraverso cui distribuisce i propri prodotti direttamente o indirettamente nei 57 Engine plants dei propri clienti,. L’impianto nel Michigan è il primo sito produttivo realizzato all’estero, e si rivela altamente strategico per poter servire al meglio il mercato delle grandi case automobilistiche americane.Con questo intervento congiunto, SACE e Cariparma Crédit Agricole si confermano partner privilegiati nel sostegno ai progetti di internazionalizzazione delle imprese italiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Maker Faire”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

marco manciniRoma Gli studenti Unicam saranno ancora protagonisti alla “Maker Faire” in programma a Roma dal 16 al 18 ottobre prossimi.Il progetto “Obstacle Detect & Avoidance for safety drone with artificial intelligence algorithms” elaborato da Marco Mancini, neolaureato Unicam in Informatica, è stato infatti selezionato tra le oltre 1200 proposte giunte agli organizzatori e provenienti da tutto il mondo, per partecipare all’edizione 2015 del Maker Faire, il più grande evento celebrativo del movimento Maker, che rappresenta un importante momento di incontro per artisti, creativi, designer e tutti coloro che utilizzano software ed hardware open source“Il progetto – ha dichiarato il dott. Mancini – si occupa di un problema scoperto recentemente in una tecnologia ancora in via di sviluppo: il mondo dei droni. In particolare ho voluto lavorare sull’aspetto relativo alla necessità dell’intervento umano, creando un sistema di guida autonomo in cui l’unica necessità sia quella di impostare la destinazione, per il resto il drone e l’elettronica a bordo si preoccuperanno sia di calcolare il tragitto più breve sia di evitare eventuali ostacoli nel tragitto, cosa che fino ad ora non era possibile (con la conseguenza che il drone andasse ad urtare gli ostacoli)”.“Sono naturalmente estremamente soddisfatto – ha proseguito il dott. Mancini – che il mio progetto sia stato accettato nell’ambito di una manifestazione così importante. Ho avuto modo di constatare che sono davvero tante le aziende non solo del territorio italiano, ma anche americane e cinesi, interessate allo sviluppo di questo progetto, tanto da fornire pezzi anche molto costosi a costo zero come partnership del progetto stesso, e che tale interesse sia stato poi confermato anche dalla Maker Faire”.
Marco Mancini avrà dunque l’opportunità di esporre e far conoscere il suo progetto ai numerosissimi visitatori che ad ottobre affolleranno la Maker Faire, confermando la valenza e la qualità dell’offerta formativa nel settore dell’Informatica proposta dall’Università di Camerino, il corso di laurea triennale in Informatica ed il corso di laurea magistrale in Computer Science, tenuto interamente in lingua inglese. (foto: marco mancini)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per le sinapsi neurali un bip è sufficiente

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

sinapsi neuraliGli studi sull’Intelligenza Artificiale stanno progredendo molto rapidamente e le prestazioni sono sempre più sorprendenti: la codifica di immagini complesse, la guida automatica di autoveicoli sono esempi di azioni che possono apparire semplici ma nella realtà richiedono operazioni molto articolate.Per costruire macchine sempre più “intelligenti” sinora uno dei campi di ricerca più attivi è quello delle deep networks, che studia reti neurali artificiali molto complesse dotate di centinaia di milioni di connessioni tra neuroni, in grado di processare milioni di esempi e imparare da essi – in modo del tutto autonomo – a svolgere compiti elaborati come ad esempio il riconoscimento vocale. La struttura di queste reti ricorda in qualche modo quella del cervello umano, dove miliardi di neuroni sono interconnessi tramite migliaia di miliardi di sinapsi. Sono proprio tali connessioni che vengono modificate quando le reti imparano dagli esempi e, nel cervello umano, lo stesso meccanismo è anche alla base della memorizzazione delle informazioni. Lo stesso avviene con le reti artificiali.La più prestigiosa rivista scientifica di fisica, la “Physical Review Letters” dell’American Physical Society, ha appena pubblicato lo studio di un gruppo di ricerca del Politecnico di Torino e della Human Genetics Foundation (disponibile al link http://journals.aps.org/prl/ abstract/ 10.1103/PhysRevLett.115.128101), coordinato dal prof. Riccardo Zecchina e composto da Carlo Baldassi, Alessandro Ingrosso, Carlo Lucibello e Luca Saglietti, che getta le basi per aprire la strada a nuove implementazioni tecnologiche nel campo delle reti neurali artificiali e al contempo per aiutare la comprensione dei meccanismi biologici della memoria.Lo studio ha infatti preso spunto da considerazioni biologiche e dalle più recenti evidenze sperimentali, che indicano che durante i processi di apprendimento e memorizzazione le sinapsi non vengono modificate in modo graduale (come presupposto attualmente nelle deep networks), ma “a scatti”, ovvero usando un numero molto più piccolo di possibili stati, o bit di precisione. Come precisamente ciò avvenga non è per nulla chiaro; per di più, non era finora chiaro nemmeno in linea di principio come fosse possibile che il sistema potesse funzionare con così pochi bit.
In questo studio i ricercatori hanno usato un approccio nuovo rispetto ai precedenti, e dimostrato come sinapsi “elementari” (al limite con un singolo bit) possono essere utilizzate in modo sorprendentemente efficace. Il loro utilizzo comporta vantaggi tecnologici in termini di semplicità di implementazione e di velocità di esecuzione, e di conseguenza potrebbe portare anche alla realizzazione di reti più grandi e architetture più complesse. Inoltre l’innovazione metodologica – che suggerisce anche come sviluppare nuovi schemi algoritmici – è stata sviluppata nell’ambito della Fisica Statistica dei sistemi complessi, che trova applicazione anche in molti altri contesti (apparentemente) molto diversi tra loro, dai problemi di ottimizzazione di risorse su larga scala allo studio della struttura delle proteine, allo studio delle dinamiche dei social network o dello sviluppo delle epidemie. Tutti questi campi potrebbero dunque beneficiare dalle novità evidenziate in questo studio.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sfidiamo il presente!

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

degagedegage1Roma giovedì 24 settembre alle ore 17 all’università La Sapienza (Giurisprudenza) verrà presentato l’evento: Sfidiamo il presente! (Roma, 24-27 settembre) – Lotte e conflitti nel movimento e per i movimenti. Sfidare il presente è un meeting nazionale costruito da molteplici realtà dei movimenti sociali antagonisti. Quattro giornate di dibattiti, eventi culturali e assemblee che mettono a tema differenti aspetti della crisi contemporanea e dei terreni di conflitto sociale: dalla scuola alle periferie, dalle nuove destre alle migrazioni, passando per il diritto all’abitare, i tagli al welfare e molto altro. Il programma dell’evento, ospitato all’università La Sapienza e all’interno di occupazioni abitative, vede l’intervento di accademici e protagonisti di lotte sociali provenienti da tutta Italia e da molti paesi: dal Black Lives Matter di Baltimora e Ferguson a George Caffentzis da New York alla questione curda con Uiki Onlus, da Valery Alzaga dall’Olanda e differenti esperienze inglesi, passando per la lotta per la casa con la PAH dalla Spagna e la lotta nei quartieri di Atene all’uruguaiano Raul Zibechi… E molto altro. Nel corso della conferenza stampa verrà presentato l’evento. (foto degage)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza informatica industriale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Online Banking ComputerSebbene le tradizionali industrie manifatturiere non siano state progettate pensando alla sicurezza, la proliferazione di reti e dispositivi, di canali di comunicazione diversificati e dell’utilizzo di software preconfezionato hanno portato la sicurezza informatica sotto i riflettori. Le preoccupazioni relative alla sicurezza associate agli alti livelli di connettività e integrazione iniziano a manifestarsi ora che il concetto di Internet delle cose prende forma nelle reti industriali e all’interno degli stabilimenti di produzione. L’allarmante frequenza di minacce persistenti e avanzate, sofisticate e mirate ha dato ulteriore rilevanza al tema della sicurezza nelle industrie sia discrete sia di processo. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “The Safety-Security Argument: Expanding Needs in a Connected Enterprise”, rileva che il mercato globale della sicurezza informatica per i sistemi di controllo crescerà, secondo le previsioni, a un tasso tra il 20 e il 25% ogni anno da qui al 2021. Il Nord America e l’Europa resteranno all’avanguardia nel creare consapevolezza e avviare innovazioni tecnologiche rivolte agli attacchi derivanti da minacce avanzate persistenti. “Attualmente, le aziende impiegano un approccio ampio e stratificato per la protezione degli asset informatici e le organizzazioni del settore stanno lavorando per definire norme adeguate, – afferma Sonia Francisco, analista di Frost & Sullivan. – Le partnership tra governo, industria e istituti di ricerca saranno fondamentali per dare forma a standard robusti nel settore, in grado di accelerare lo sviluppo di soluzioni complete per la gestione della sicurezza.” Poiché il concetto di Internet delle cose trasforma l’architettura degli stabilimenti, le strategie per la difesa della sicurezza preconfezionate (“defense-by-default”) lasceranno spazio alle soluzioni ad hoc (“defense-by-design”). Le soluzioni di sicurezza integrate in grado di rilevare, adattare, modificare e rispondere alle minacce sulla base di diversi parametri dell’ecosistema guadagneranno popolarità. Anche la creazione di soluzioni specifiche per i diversi settori e applicazioni sarà fondamentale, poiché le soluzioni di information technology (IT) continuano ad affluire nello spazio delle tecnologie operative (OT). I fornitori di soluzioni negli ecosistemi IT e OT devono unire gli sforzi per implementare soluzioni per la sicurezza informatica a tutto tondo per i sistemi industriali. “Un tale livello di integrazione richiederà una forza lavoro di nuova generazione, con competenze sia IT che OT, – osserva Francisco. – I fornitori di servizi di sicurezza informatica possono offrire soluzioni di formazione e di gestione del cambiamento che colmeranno il divario di conoscenze.” Poiché la maggior parte delle industrie si stanno aggiornando a sistemi e processi intelligenti, la sicurezza informatica industriale farà presto l’inevitabile passaggio da un modello operativo reattivo ad una filosofia progettuale proattiva. Lo studio “The Safety-Security Argument: Expanding Needs in a Connected Enterprise” è un Market Insight che fa parte del programma Industrial Automation & Process Control Growth Partnership Service. Questo studio offre una visione strategica dei requisiti e delle best practice nell’ambito della sicurezza informatica e nell’era degli asset connessi e delle imprese collegate. Questa analisi di mercato fa luce sulle sfide, le opportunità e le strategie nell’ambito della sicurezza informatica, valutate in seguito a colloqui esaustivi con gli operatori del mercato.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, collabora con i propri clienti per potenziare una visione innovativa che risponda alle sfide globali e alle opportunità di crescita correlate che faranno la differenza per gli operatori del mercato di oggi. Per oltre 50 anni abbiamo sviluppato strategie di crescita per le 1000 aziende più importanti a livello globale, le realtà emergenti, il settore pubblico e la comunità degli investitori. La vostra azienda è pronta per la prossima ondata di convergenza industriale, tecnologie dirompenti, crescente competizione, macro tendenze, best practice innovative, clienti in continua evoluzione e mercati emergenti?

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bambini: Patologie croniche e attività sportiva

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

L’attività fisica è essenziale per prevenire molte patologie e per favorire uno sviluppo armonico, ma le patologie croniche spesso “dissuadono” i ragazzi (e i genitori) dallo svolgere con perseveranza un’attività sportiva, incrementando fattori di rischio in una fascia di popolazione vulnerabile. Eppure per questi bambini lo sport ha indubbi vantaggi non solo per la loro salute fisica, ma anche psicologica e sociale. “Il movimento, indipendentemente dallo stato di salute, è una necessità fisiologica per bambini e adolescenti: è parte integrante del loro processo accrescitivo, sin dalle prime fasi dello sviluppo (già in utero il feto acquisisce degli schemi motori peculiari ed in evoluzione) e favorisce una crescita corporea armonica, sia sul versante fisico che psicologico”, spiega il Presidente della SIP Giovanni Corsello. “Lo sport aumenta agilità, resistenza, forza e di conseguenza migliora l’autostima e il senso di benessere, favorisce l’apprendimento e riduce l’ansia per la prestazione scolastica, favorisce la socializzazione, abitua al rispetto delle regole”.
I bambini e ragazzi con patologie croniche dovrebbero essere maggiormente esortati a svolgere attività sportiva divertente e varia, adatta a sesso ed età, scelta in base alle inclinazioni e ai desideri personali: occorre infatti dare priorità alla scelta del paziente, a meno di controindicazioni specifiche. È fondamentale tuttavia guidarlo e sostenerlo nella scelta: l’attività va inoltre intrapresa gradualmente, in base alla fitness del paziente e sotto la guida di allenatori esperti e sensibili. Assolutamente essenziale uno stretto lavoro cooperativo “di squadra” tra pediatra di famiglia, medico sportivo, dottore in scienze motorie e/o allenatore.Per aiutare pediatri, medici e genitori a incoraggiare, guidare e sostenere i bambini con malattie croniche a intraprendere un’attività sportiva la Società Italiana di Pediatria ha messo a punto una guida con le indicazioni degli specialisti riguardo allo sport nei bambini e negli adolescenti con:
artrite idiopatica giovanile
diabete mellito
neoplasie
asma
cardiopatie congenite
disturbo con deficit di attenzione/iperattività
autismo
La guida è stata curata da: dott.ssa Maria Cristina Maggio (Clinica Pediatrica Università di Palermo), dott. Giorgio Piacentini (Referente SIP per le tematiche relative alla promozione dell’attività motoria e sport), dott. Giuseppe Santangelo (Neuropsichiatra infantile), dott. Alessandro Rimini (UOC Cardiologia, Istituto Giannina Gaslini Genova), dott. Attilio Smeraldi (Medico sportivo).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »