Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 299

Archive for 1 ottobre 2015

The Off-Grid Experts Awards 2015: Power supply in Africa in the focus of prize winners

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Award winnerMemmingen.The Off-Grid Experts Awards especially award particularly innovative developments, experiences and impressions from the field of independent energy supply. The award ceremony of the 2nd Off-Grid Experts Awards took place in the framework of the Off-Grid Experts Workshop 2015 on 26.09.2015 in a historical building named Ice Cellar in Memmingen/Germany. Solar applications for the power supply in Africa were in the focus of three of the four prize winners. The competition had been announced for the second time by the system integrator Phaesun this year under the motto “Energy Independence for You.” The trade association „Alliance for Rural Electrification“ (ARE) supported the competition and acted as a jury with their chairmen for the categories product and project. The best photo and the best filmlet were identified with the help of a public voting.In the four announced categories product, project, photo and filmlet, more than 100 applications from 26 countries were submitted, so it was a colourful conglomeration of innovative product developments and exciting projects with solar, biogas, wind and hydropower including colourful pictures and films from the wide range of Off-Grid supply applications. From solar water pumping systems in Haiti through to solar cooling applications for local fishermen on the Somali coast and an energy independent factory on the Swabian Alb, the awards demonstrated what a wide range of applications is included in Off-Grid power supply.During the award ceremony on 26.09.2015 in the historical Ice Cellar of Memmingen, the four best applications were introduced in every category and the prize winners were announced. David Lecoque, Business Developer of ARE and Tobias Zwirner, Managing Director of Phaesun GmbH, handed over the prizes and awarded the winners.
nominees and winnersThe Spanish company Trama Tecno Ambiental has been awarded with the Off-Grid Experts Awards in the category A “product” for their “Universal Electricity Dispenser”, an electronic metering device for low voltage grids. It supports different tariff schemes and, additionally to its function of energy limitation, it is a current limiter. Therefore it is best suitable for minigrids served by renewable energies. The dispenser has already been successfully used with projects in Africa where every power connection such as households, small industrial users and schools are is billed individually.
The Foundation for Rural Electricity Services (FRES) from the Netherlands could also be happy as they were awarded for an extensive project for village power supply in Mali in category B “project. Since 2006 they have been replacing diesel generators by solar plants to run existing minigrids in a more economic and sustainable way. The project in the regions of Ségou and Sikasso uses reliable modern technology and moreover, the local population was involved in the Winning pictureplanning and realisation.
Category D „filmlet“ asked for a documentation for projects or initiatives of Off-Grid power supply. The Bavarian Start-Up enterprise LuvSide received the most votes for their film “The dream of self-sufficient energy supply” with the public voting. The parallels of the newly developed vertical wind generator are shown impressively with the wings of the albatross and a sustainable decentral power supply is propagated.The competition was announced for the second time this year and was addressed to developers, manufacturers, public and private organisations, system integrators, users and interested third private parties. The Off-Grid Experts Award will be again announced in 2017.
The photo competition was won by Gilda Monjanes‘ impression „Solar power solution for learners“.
About Phaesun GmbH. Phaesun has been specialising in the sale, service and installation of Off-Grid photovoltaic and wind power systems since the foundation in 2001. As one of the world’s leading system integrators of Off-Grid energy systems, Phaesun offers products of all reputable manufacturers of this trade. International project management, purposeful training courses for customers and technical support complete the range of services offered.
The headquarters of Phaesun GmbH are based in Memmingen/Germany. The Phaesun Group now has daughter companies in France and Dubai and holds subsidiaries in Eritrea, Panama and Ivory Coast. Phaesun can fall back on a worldwide partner and distribution network. Therefore Phaesun contributes to the sustainable electricity supply in the target regions of Europe, Africa, Latin America and the Middle East.
The picture shows a Mozambican child who does his homework in the shine of a solar lamp. Gilda Monjane has been selling small solar systems in rural Mozambique for four years via a network of „Energy Shops”. Info about the photos:
Pic1: All nominees and winners of the Off-Grid Experts Awards 2015, Foto: Phaesun
Pic 2: Award winner of category A „Product“ Marilena Lazopoulou from Trama Tecno Ambiental, Foto: Phaesun
Pic 3: Winning picture “Solar power solution for learners “, Foto: Gilda Monjane

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

After the Greek psychodrama, what improvements for the EMU?

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Pierre MoscoviciPierre Moscovici, European Commissionner for Economic and Financial Affairs, Taxation and Customs, takes a stand on the future of the EMU after the Greek crisis in this Tribune reproducing the speech he delivered in a conference organised in Paris by the Jacques Delors Institute and the MACIF, on the 24 September 2015.After having underlined that Jacques Delors “needs people to pick up the beacon that he lit and to follow in his footsteps”, Pierre Moscovici came back on the Greek crisis and the lessons that should be drawn from it, in two parts:
1. What the crisis revealed about European governance
2. The necessity for a profound reform of EMU governance
He concludes by stressing the need to “finally give the single currency the political and democratic architecture that it so sorely needs”.
Pierre Moscovici, Commissaire européen aux Affaires économiques et financières, à la Fiscalité et à l’Union douanière prend position sur l’avenir de l’UEM après la crise grecque dans cette tribune reproduisant le discours qu’il a prononcé à l’occasion de la conférence organisée par l’Institut Jacques Delors et la MACIF à Paris le 24 septembre 2015.Après avoir souligné que Jacques Delors “a plus que jamais besoin d’une postérité”, Pierre Moscovici est revenu sur la crise grecque et les leçons à en tirer, en deux temps:
1. Ce que la crise grecque a dévoilé de la gouvernance européenne
2. La nécessité d’une profonde réforme de la gouvernance de l’UEM
Il conclut son propos en soulignant la nécessité de “donner enfin à la monnaie unique, l’architecture politique et démocratique dont elle a tant besoin”. (Photo: Pierre Moscovici)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conference of European Churches

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

KarasYesterday MEP Othmar Karas (EPP/Austria) hosted an ecumenical conference on climate change at the European Parliament. The event was organised by CEC, COMECE, Caritas Europe, ACT Alliance EU, and CIDSE. Presentations were made by Msgr. Luc Van Looy, Bishop of Gand, and H.E. Metropolitan Athanasios of Achaia. Both speakers and respondents stressed the need to look beyond short-term actions and the importance of overcoming political divisions. They also expressed solidarity with the poor, and called on the EU to respond robustly to the scientific, ethical, political, and educational issues associated with climate change. (Photo: Karas)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ercolano di notte

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

ercolano di notteercolano di notte1ercolano di notte2Venerdì e domenica a partire dalle ore 20,30 si prevedono 8 repliche previste divise in 4 gruppi di visita a sera da 25 persone ciascuno. Un affascinante percorso tra luci, realtà virtuale e archeologia che ripercorre metaforicamente le ore precedenti l’eruzione del 79 d. C., la notte in cui il Vesuvio eruttò ricoprendo interamente di cenere e fango l’antica città di Ercolano, insieme a Pompei e Stabia. Tra le curiosità del tour la visita alle Terme Suburbane, normalmente chiuse al pubblico, un complesso termale costruito tra il I e il II secolo a.C. che restituisce testimonianze preziose della civiltà romana e della sua ricchezza e che ospita la performance teatrale finale.
Plinio il Giovane (interpretato dall’attore Luca Iervolino, diretto da Rosario Sparno e accompagnato dalla musica di Massimiliano Sacchi) farà rivivere gli ultimi istanti di quella drammatica notte. Scenografia naturale dello spettacolo sarà la porta di accesso all’apodyterium che conserva al suo interno una parte di colata di magma, un drammatico fermo immagine di un momento che di lì a poco avrebbe distrutto un’intera civiltà.Tariffe 16 €, 10 € per gruppi , gratuito under 14 Prenotazione obbligatoria. (foto. ercolano di notte)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il viaggio di Akroora per incontrare Krishna

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

kapilaMilano mercoledì 7 e giovedì 8 ottobre 2015 – ore 20.30 Teatro dell’Arte viale Alemagna, 6 (Biglietti platea / galleria intero 25 € / € 22,00, convenzionati € 22,00 / € 20,00, under 30 € 17,00 / € 15,00 over 60 € 12,50 / € 11,00 under 14 € 10 € / 8 €)
mercoledì 7 ottobre 2015 Akroora Gamanam Il viaggio di Akroora per incontrare Krishna
giovedì 8 ottobre 2015 Kamsa Vadham. All’interno del Festival de l’Imaginaire, in collaborazione con Maison des Cultures du Monde.
Nangyar Kuthu è una forma di teatro rituale, in questo caso dello Stato del Kerala, (India meridionale), danzato da una sola danzatrice e cantante accompagnata da un’orchestra di percussioni. Nelle due serate al Teatro dell’Arte sono presenti quattro musicisti che suoneranno diversi strumenti a percussione (mizhavu, edakka e talam i termini tecnici) e il pubblico potrà assistere a due diverse rappresentazioni, due viaggi nei complessi miti delle divinità induiste, alla scoperta di un mondo lontano, misterioso e affascinante.Il repertorio generalmente comprende drammi, a volte rappresentati in più notti consecutive, che raccontano episodi delle epopee sanscrite del Mahabharata e del Ramayana, della vita di Krishna, oppure opere di poeti risalenti al V secolo.
kapila1Si ritiene che l’origine di questa disciplina tutta al femminile risalga al Kutiyattam, una delle forme teatrali più antiche al mondo, un tempo riservata solo agli uomini che interpretavano con particolari tecniche anche i ruoli femminili.
Solo nel XVI secolo le attrici della casta nangyar hanno iniziato a esibirsi in questa danza accompagnate dal ritmo di piccoli cembali, tamburi e qualche ottone. Gli spettacoli potevano durare ore intere, traducendo con maestria assoluta la poesia originale dei grandi miti epici dell’India in coreografie dal sapore millenario.
Nessuna parola, ma movenze provenienti da un lontanissimo passato che suscitano emozione, superando ogni confine e frontiera culturali e raccontando al tempo stesso la condizione della donna indiana.
La danzatrice Kapila Venu (1982), nativa del Kerala e “figlia d’arte”, continua la tradizione più antica del teatro-danza sanscrito e allo stesso tempo si cimenta sul terreno di nuove sperimentazioni. Declina la sua arte in una forma prodigiosa, catturando il pubblico con una gestualità estremamente codificata e un affascinante gioco di sguardi .
Gli occhi infatti hanno un ruolo determinante e richiedono un training e un trucco molto complesso, che prevede l’uso di un cosmetico tratto da un fiore, per rendere lo sguardo più magnetico e infuocato. (foto: kapila)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Simposio bilaterale di archeologia Italia-Israele

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

expo-2015-milanoMilano Mercoledì 7 ottobre – ore 12:00 Soprintendenza archeologica di Milano – Sala delle Colonne – Via De Amicis 11 Italia e Israele detengono un patrimonio archeologico di inestimabile valore storico, culturale e sociale, sul quale poggiano le basi della civiltà occidentale. Il tema dell’Esposizione Universale Expo 2015 è l’alimentazione e i suoi corollari, cioè le più moderne tecnologie legate allo sviluppo dell’agricoltura e dell’irrigazione. Cercare nei panorami culturali italiani e israeliani le tracce più antiche di queste tecnologie è l’argomento di questo Simposio, che lega l’archeologia alla modernità, e trova in Expo la cornice ideale per essere ospitato.
Due gli appuntamenti previsti. Si parte il pomeriggio di mercoledì 7 ottobre per illustrare la cooperazione tra il Politecnico di Milano e l’Istituto Shenkar di Tel Aviv al fine di musealizzare l’antica città di San Giovanni d’Acri (Akko), Patrimonio mondiale dell’umanità. Gli esperti italiani e israeliani ci racconteranno in che modo l’agricoltura ha influenzato la formazione di questa magica cittadella templare e di tanti altri panorami culturali in Italia e in Israele.
La giornata dell’8 ottobre sarà invece dedicata all’acqua, bene indispensabile per qualunque sviluppo agricolo e particolarmente prezioso in una terra arida e desertica come Israele. I nostri paesaggi sono impreziositi dalle vestigia degli acquedotti romani diffusi in tutta l’area mediterranea fin dall’epoca di Augusto, da costruzioni, ritrovamenti e reperti presenti in gran quantità ovunque. Tutte queste opere sono sorte per soddisfare l’esigenza dello sfruttamento delle acque a fini agricoli e trovano una naturale evoluzione nelle modernissime tecnologie di irrigazione goccia a goccia. Questa eccellenza israeliana, che ha trasformato i suoi deserti in un territorio fertile e vitale, costituisce oggi un modello per tutti i popoli che vivono la grande emergenza della siccità.
Il Simposio vuole essere un importante momento di confronto per far conoscere alle nuove generazioni l’immenso patrimonio culturale archeologico di Italia e di Israele, unite dal Mare Mediterraneo, culla comune delle nostre civiltà. “La conoscenza di tale patrimonio è parte integrante dell’identità culturale dei nostri popoli ed è indispensabile per creare tra di essi dei legami inscindibili” ha dichiarato Eldad Golan, Addetto Culturale dell’Ambasciata Israeliana a Roma, promotrice del convegno in collaborazione con la Direzione Generale Archeologia del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo italiano.
Gli aspetti e gli esempi da portare sarebbero numerosissimi, ed è impossibile dare conto di tutte le ricerche in atto. Per questo la Direzione Generale Archeologia “ha scelto di presentare solo alcuni casi di recente approfondimento, anche connessi a iniziative collaterali a EXPO, senza poter prescindere da una breve rassegna su quanto è oggetto di studio a Roma stessa”. Uno speciale ringraziamento alla Soprintendenza Archeologia della Lombardia, nella persona del Soprintendente, dottor Filippo Maria Gambari, per l’appoggio logistico al progetto, al direttore dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo, dottoressa Avital Kotzer Adari, per l’impegno nella realizzazione del Simposio, e all’architetto David Palterer che è riuscito a costruire il ponte di interesse e di ricerca tra Italia e Israele.Il Simposio avrà il seguente svolgimento:
Mercoledì 7 ottobre – ore 14:45
Padiglione Israele a Expo
Convegno su “L’identità del paesaggio culturale come dialogo tra passato e presente”.
Moderatore Federico Bucci
· Raffaella Poggiani Keller _ Tracce preistoriche nei paesaggi culturali delle Alpi lombarde: esempi di valorizzazione
· David Palterer _ I siti archeologici di Pill e’ Mat[t]a e Palazzo Medici Riccardi come impronte di due paesaggi culturali.
· Monica Abbiati _ Il riconoscimento UNESCO e la protezione dei siti, leva per lo sviluppo territoriale.
· Raanan Kislev _ The old city of Acco as a World Heritage Site
· Yael Moria _ Beit Shean
Giovedì 8 ottobre – ore 10:00-13:00
Prima parte del convegno “Dagli acquedotti romani all’irrigazione a goccia”
Moderatore Raffaella Poggiani Keller
· Omry Barzilai – “East Neolithic Wells and the Domestication of Water in the Near Middle East”
· Joseph Uziel – “Water system in the Biblical Tells in the Bronze and Iron Age”
· Uzi Dahari – “Water and irrigation system in the Israeli desert during the Roman and Byzantine Periods”.
ore 14:30-18:30
Seconda parte del convegno “Dagli acquedotti romani all’irrigazione a goccia”
Moderatore David Palterer
· Marco Edoardo Minoja, Gianfranca Salis – “Sardegna nuragica e culti delle acque: un bacino di relazioni culturali”
· Maria Concetta Parello, Gianluca Furcas – “Il sistema di raccolta e distribuzione dell’acqua ad Akragas”
· Mariarosaria Barbera, Marina Piranomonte – “Roma, Caput Mundi dell’acqua”
Conclusione del Simposio

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vegliare per il sinodo

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Piazza san pietroRoma Sabato 3 ottobre Piazza San Pietro, “E’ una sollecita e accorata esortazione a non smettere di interessarsi dell’umano quella che arriva oggi dalla Prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco e che come Scienza & Vita raccogliamo e ci impegniamo a sviluppare in tutte le sue potenzialità. Anche per questo sabato 3 ottobre saremo in piazza S. Pietro a vegliare per il Sinodo”, commenta Paola Ricci Sindoni Presidente nazionale dell’Associazione Scienza & Vita.“Come sottolinea il Cardinale presidente, la profonda crisi di valori e di significato che attraversa questo nostro tempo, acuisce l’urgenza della questione antropologica e ci chiama ad un intervento costruttivo affinché non prevalga la ‘distorsione’. E’ necessario reagire a tutte quelle condizioni che, in nome dell’autonomia assoluta, minano la relazionalità umana: la cultura dello scarto che abbandona e respinge, e il relativismo imperante che nega e rifiuta”.”In un mondo che tende a sminuire e sottovalutare la bellezza e la preziosità della famiglia costruita sull’unione di un uomo e una donna, è anche nostra responsabilità evidenziare e diffondere gli innumerevoli esempi positivi di chi conduce la propria vita in pienezza. In questo senso, l’esempio efficace della testimonianza assume un ruolo fondamentale nella missione educativa rivolta ai giovani per ‘seminare’ buona messe. Un altro modo per valorizzare il ‘nostro’ storytelling, attraverso cui raccontare il bene e il potenziale diffusivo dentro il vivere ecclesiale e sociale”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Francesco abbatte i muri

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

ASSISI (PERUGIA) rivistaPorta la firma del maestro Oliviero Toscani la copertina del numero di ottobre della rivista “San Francesco patrono d’Italia”, in edicola in questi giorni. “Francesco è vivo” è il titolo dell’immagine del frate illuminato dal sole che penetra i rami e le foglie della vegetazione umbra. Quella natura tanto amata e decantata dal Santo che rivela la sua presenza. Francesco è tra noi, più vivo che mai.”Francesco è vivo attraverso i suoi figli, è vivo per chi si lascia illuminare divenendo messaggero di pace, è vivo per chi rispetta l’ambiente” ha dichiarato il direttore della rivista san Francesco, Padre Enzo Fortunato. Il nuovo numero del mensile francescano presenta un’edizione ricca di contenuti e approfondimenti per la festa dell’Assisiate e per la storica ricognizione dei resti mortali di San Francesco avvenuta in gran segreto nel marzo scorso. Le testimonianze dei frati, la loro emozione, l’ottimo stato di conservazione delle reliquie, sono accompagnati da un esclusivo reportage fotografico.”Il Custode ci comunicò, con una riunione solenne, che era arrivato il tempo per verificare le condizioni del corpo di san Francesco e il tutto doveva avvenire in gran segreto per non creare clamore. Convocò tutte le famiglie francescane presenti ad Assisi e ci recammo insieme in pellegrinaggio nella cripta del Santo per vivere un momento di preghiera. Lì rivedemmo la scelta della nostra vita, come il papà che ci attende per incoraggiarci nel cammino, per andare avanti”. Così padre Enzo Fortunato, ha raccontato alcuni di quei momenti.
Alla ricognizione, insieme al custode Sacro Convento di Assisi, Padre Mauro Gambetti, ha preso parte anche il professore Nicolò Valentino Miani, medico che ha guidato le altre tre ricognizioni del 1978, 1994 e l’ultima del 25 marzo scorso, che ha constatato che negli ultimi 37 anni non vi sono stati cambiamenti di rilievo e che il corpo è in buona conservazione.La rivista dedica, inoltre, particolare attenzione alla festa di san Francesco di domenica 4 ottobre. Quest’anno sarà la regione Lombardia a donare l’olio che alimenterà la lampada votiva posta nei pressi della tomba del Santo. Questo numero speciale della rivista “San Francesco Patrono d’Italia” è in edicola.(foto: rivista)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Giovanni Massolo: The Garden of the Life 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

massoloMantova Sabato 3 ottobre 2015, alle ore 17,30 via Cappello, 17 (La mostra resterà aperta dal 3 al 15 ottobre) Galleria “Arianna Sartori” mostra: Giovanni Massolo. The Garden of the Life 2015. Per l’occasione è stato realizzato un catalogo con testo critico di Carlo Prosperi. Orario: dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 15.30-19.30, chiuso festivi. (foto: Massolo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Orlando alle Nazioni Unite

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha partecipato ieri ed oggi al Summit mondiale contro la violenza e gli estremismi al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York.Il Sindaco ha infatti partecipato al lancio ufficiale del leoluca orlandoProgramma “Strong Cities Network”, un programma globale di città ed autorità locali finalizzato al rafforzamento della coesione sociale ed allo sviluppo di programmi di prevenzione degli e risposta agli estremismi violenti.Il primo cittadino del capoluogo siciliano era l’unico italiano presente insieme al presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Ieri, i lavori cui ha preso parte il Presidente Americano Obama, sono stati introdotti dall’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, il Principe di Giordania Zeid Ra’ad Al Hussein. Intervenendo oggi ai lavori Orlando ha dichiarato che: “l’esperienza palermitana e siciliana di lavoro sinergico fra sistema giudiziario e repressivo da un lato e società civile dall’altro nel contrastare i fenomeni criminali è vista come un modello. Si è compreso a livello globale che molti fenomeni violenti e criminali hanno radici culturali che nascono dalla perversione di valori anche positivi, distorti ad uso e consumo di singoli e gruppi criminali. Questo vale tanto per la mafia siciliana quanto per gli estremismi religiosi: entrambi pervertono valori culturali per finalità che non hanno nulla a che vedere con gli interessi ed il bene delle rispettive comunità. Altro elemento che sempre più attira l’attenzione dei leader globali è la “Carta di Palermo”, il documento approvato nella nostra città qualche settimana fa con precise e puntuali proposte di riforma radicale delle politiche relative ai flussi migratori, con il riconoscimento del diritto alla mobilità quale diritto fondamentale e con la proposta di abolizione del Permesso di soggiorno. Oggi sempre più si comprende come le politiche restrittive della mobilità locale ed internazionale si stanno trasformando in strumenti e causa di un genocidio e di arricchimento e rafforzamento di gruppi criminali che operano su scala internazionale.” Non a caso, un plauso all’iniziativa è venuto dal Procuratore Generale degli Stati Uniti, Loretta E. Lynch, che ha affermato che “Un network di città ed autorità locali può essere di vitale importanza per rafforzare le capacità di collaborazione per lo scambio di buone prassi e per la realizzazione di iniziative comuni di contrasto al crimine e sviluppo della coesione sociale”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sharing economy a Bruxelles

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Bruxelles“A Bruxelles si discuterà di “sharing economy”, grazie ad un documento presentato dall’Italia (relatrice Benedetta Brighenti) che sarà sottoposto al vaglio della plenaria del Comitato delle Regioni Ue di dicembre.
“Ottima iniziativa, quello che serve è un’armonizzazione delle legislazioni nazionali a livello europeo, per evitare che la sharing economy sia ostacolata” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Vicende come quelle di Uber pop, bloccata in Italia dai giudici con il cavillo che la normativa attuale, vecchia ed antidiluviana, non la contempla, dimostrano che le legislazioni nazionali vanno aggiornate ai tempi moderni. Ma le varie lobby imperanti, come quella dei tassisti, ostacolano il rinnovamento sia a livello nazionale che regionale, che comunale. Impossibile da anni, ad esempio, aumentare il numero dei tassisti in circolazione. Ecco perché l’Europa può rappresentare l’unica via per modernizzare il nostro Paese” ha concluso Dona.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Più coraggio! Chiesa, famiglie, sessualità”

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

papa_woirNell’imminenza della nuova sessione del Sinodo sulla famiglia che sta suscitando il più vasto interesse, non sono solo cardinali e vescovi di differenti orientamenti a far sentire le loro voci. Anche molti laici hanno cominciato ad intervenire. Offrendo riflessioni chiare sui problemi al centro del nuovo appuntamento ecclesiale e manifestando apertamente le loro attese. Con il volume “Più coraggio!. Chiesa, famiglie, sessualità” (Editrice La Scuola, pagg. 192, euro 12,90), entra nel vivo del dibattito lo storico Fulvio De Giorgi, che in queste pagine esprime il suo pensiero come studioso, ma anche –come precisa il vescovo Carlo Ghidelli nella prefazione- come “credente, sposo, padre..”, pronto ad offrire “il frutto di un discernimento comunitario”.Un libro coraggioso, che non esita a indicare formulazioni del Catechismo (del 1992) “che appaiono contraddire (invece di accompagnare con simpatia e far crescere) la famiglia coniugale intima”e che chiede “più coraggio” ai Padri sinodali. Nessuna delle tematiche che saranno oggetto del prossimo Sinodo viene qui evitata: vissuti familiari, pastorale dei divorziati risposati e loro eventuale ammissione all’eucarestia, contraccezione, questione di genere, omosessualità,ecc. L’autore affronta ogni argomento con un approccio che vuole evitare le secche della sterile contrapposizione rigoristi/lassisti o conservatori/progressisti, offrendo una base culturale nuova per affrontare quelle che ritiene scelte non più procastinabili. Una base radicata nella consapevolezza che, con l’esplosione demografica del XX secolo, per la prima volta dopo millenni, l’umanità non è più a rischio di estinzione. Un dato che finisce per provocare un cambiamento antropologico-culturale profondo, non reggendo più quelle travature culturali millenarie che erano necessarie per un’antropologia che salvaguardasse la sopravvivenza della specie e quindi difendesse, in tutti i modi, la procreazione. Questo epocale cambio culturale mette la Chiesa davanti alla necessità di scelte nuove e difficili. Insomma, i grandi cambiamenti -storici globali, demografici, economico,sociali- insieme ai mutamenti dei paradigmi culturali che l’umanità sta vivendo, aprono scenari inediti che sfidano la Chiesa cattolica Ecco perché nel suo “Più coraggio. Chiesa, famiglie, sessualità”, l’autore – da tempo impegnato nella pastorale familiare- propone l’assunzione di scelte innovative – in fedeltà al Vangelo, al Concilio Vaticano II e al magistero di Papa Francesco – che portino, in modo sereno e fecondo, ad una nuova “era cristiana”.Le dispute sinodali sono lette, in positivo, come il travaglio di un parto, che condurrà alla nascita di un modo nuovo di essere Chiesa. Un libro che chiede coraggio e nutre fiducia. Commenta De Giorgi “Sarebbe veramente deludente se – dopo tanto lavoro e due Sinodi – la situazione ecclesiale segnasse il passo, permanendo su posizioni maturate in un contesto storico che ormai non esiste più”. “Non è che se la Chiesa di oggi cresce e cambia, questo vuol dire che la Chiesa di ieri sbagliava. La Chiesa di ieri faceva ciò che, in quel momento, era giusto (e che era, a sua volta, una crescita rispetto ad un momento storico precedente)” , osserva lo studioso. E aggiunge: “Ma non ci si può fermare: saremmo morti e non vivi. Ovviamente il nostro DNA (il deposito della fede) resta sempre lo stesso. Ma, per la Chiesa, crescere vuol dire essere ancor più fedele al Vangelo. Un di più di Vangelo”.
Fulvio De Giorgi è professore ordinario di Storia dell’educazione/Bioetica e Teorie e metodi educativi/Storia culturale dell’educazione presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. La sua ricerca scientifica ha come criterio metodologico la prospettiva della storia dell’educazione come storia culturale. Collabora all’attività dell’Archivio per la storia dell’ educazione in Italia (Brescia). Tra i suoi numerosi lavori ricordiamo: Mons. Montini. Chiesa cattolica e scontri di civiltà nella prima metà del Novecento (il Mulino, 2012), La Controriforma come totalitarismo. Nota su Croce storico (Morcelliana, 2013) e Paolo VI. Il papa del moderno. Per l’Editrice La Scuola ha curato: Maria Montessori, Dio e il bambino e altri scritti inediti (2013) e Papa Francesco, La mia scuola (2014).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fibrosi Polmonare Idiopatica

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Boehringer IngelheimIngelheim/Amsterdam. I risultati di un’analisi intermedia dello studio clinico di prosecuzione INPULSIS®-ON confermano l’efficacia e la sicurezza di nintedanib osservate negli studi INPULSIS®. Questi risultati sono stati presentati in occasione del Congresso Internazionale 2015 della European Respiratory Society (ERS 2015) e confermano che nintedanib ha un’efficacia di lungo termine nel rallentare la progressione della fibrosi polmonare idiopatica (IPF) con effetti collaterali gestibili. Questi nuovi risultati sono importanti, visto che la IPF è una malattia progressiva, che mette a rischio la vita di chi ne è colpito e richiede una terapia di lungo termine. I risultati dell’analisi intermedia dello studio INPULSIS®-ON dimostrano che la variazione rispetto al basale della capacità vitale forzata (FVC) a 48 settimane, nei pazienti che hanno continuato la terapia con nintedanib nello studio clinico di prosecuzione, è stata paragonabile a quella osservata nelle 52 settimane dei trial INPULSIS®, fornendo ulteriori evidenze, del fatto che nintedanib* mantiene nel lungo periodo l’effetto positivo di rallentamento della progressione della malattia.“I risultati presentati sull’efficacia e sicurezza di nintedanib sono estremamente confortanti per quanto riguarda gli esiti di lungo termine della terapia con questo farmaco e il suo effetto di rallentamento della progressione della malattia” – ha commentato Luca Richeldi, Professore di Malattie dell’apparato respiratorio all’Università di Southampton – “Questi risultati aggiungono ulteriore peso al corpus delle già notevoli evidenze, che dimostrano come nintedanib* sia una terapia efficace e tollerabile per il trattamento della IPF. Per gestire bene la fibrosi polmonare idiopatica è fondamentale che i medici spieghino ai loro pazienti cosa aspettarsi dalla terapia e quale sia il trattamento più adatto, per avviare la cura al più presto e affinché il paziente la continui il più a lungo possibile”.
INPULSIS®-ON è uno studio in aperto, a singolo braccio, a cui ha aderito oltre il 90% dei pazienti con IPF che hanno completato gli studi INPULSIS® e soddisfatto i criteri di inclusione per la prosecuzione in aperto con nintedanib. Nello studio di prosecuzione INPULSIS®-ON i pazienti che negli studi clinici INPULSIS® erano nel gruppo a placebo hanno iniziato per la prima volta la terapia con nintedanib, mentre quelli che già lo assumevano negli studi INPULSIS, lo hanno continuato. L’efficacia di nintedanib, in termini di variazione mediana rispetto al basale della FVC alla settimana 48, riscontrata nel trial INPULSIS®-ON, è stata paragonabile a quella osservata nella settimana 52 dei trial INPULSIS®.
La fibrosi polmonare idiopatica è una patologia polmonare progressiva cronica, gravemente invalidante, con prognosi infausta, per la quale esistono limitate opzioni terapeutiche. La IPF colpisce 14-43 persone ogni 100.000 nel mondo ed è caratterizzata dalla formazione progressiva di tessuto cicatriziale a livello polmonare – ovvero fibrosi – con conseguente perdita di funzionalità polmonare nel tempo. Con il passare del tempo, a mano a mano che il tessuto cicatriziale si ispessisce, i polmoni perdono la capacità di scambiare ossigeno e di metterlo in circolo, e di conseguenza di ossigenare in modo sufficiente gli organi vitali. Di conseguenza, chi è colpito da IPF, presenta dispnea, tosse secca e, spesso, difficoltà a svolgere le normali attività quotidiane. La definizione di riacutizzazione grave di IPF è quella di un rapido peggioramento dei sintomi nell’arco di giorni o settimane. Questi eventi si possono verificare in qualsiasi momento del decorso della malattia, persino ai suoi esordi e tutti i pazienti con IPF sono a rischio di una riacutizzazione grave della malattia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stronati presidente della società italiana di neonatologia

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

stronatiIl Dott. Mauro Stronati, Direttore della Struttura Complessa di Neonatologia, Patologia Neonatale e Terapia Intensiva della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, è stato eletto nuovo Presidente della Società Italiana di Neonatologia (SIN) durante il XXI Congresso Nazionale che si è svolto a Palermo dal 24 al 26 settembre 2015.
Autorevole professionista il Dott. Stronati ha pubblicato oltre 400 lavori scientifici su riviste nazionali ed internazionali, è coautore di 11 libri riguardanti argomenti di pediatria e neonatologia e revisore delle principali riviste scientifiche nazionali ed internazionali. Ha approfondito la ricerca sulle patologie infettive del neonato con particolare interesse alle infezioni congenite. Dal 2009 dirige il Dipartimento Materno Infantile della stessa Fondazione. “Sono molto onorato di essere stato eletto Presidente della Società Italiana di Neonatologia, ruolo che richiede il massimo impegno e una grande dedizione” – afferma il Dott. Stronati.
“Con i Colleghi del Direttivo proseguiremo il lavoro svolto da chi ci ha preceduti e lo arricchiremo di nuovi progetti. Faremo il possibile per migliorare ulteriormente la formazione dei giovani e la ricerca biomedica sempre tenendo ben presente la cura del piccolo paziente, come obiettivo finale di ogni nostro sforzo. Ritengo altresì fondamentale mantenere ed intensificare i rapporti con tutte le Società Scientifiche delle Aree Pediatrica e Ostetrica italiane e internazionali. Proseguiremo nella stretta e necessaria collaborazione con la Società Italiana di Pediatria, espressione dell’importanza dei rapporti collaborativi tra neonatologi e pediatri. Come ho già avuto modo di dire in assemblea, desidero ringraziare tutti coloro che mi hanno voluto onorare con il loro voto. Un grazie al Presidente e ai componenti del precedente Direttivo per il grande lavoro fatto e infine un grazie sentito a Giovanni Corsello e alla città di Palermo per la squisita ospitalità e l’importante contributo dato per il successo del nostro XXI Congresso Nazionale.”
Il nuovo presidente subentra al prof. Costantino Romagnoli, che conclude con soddisfazione il triennio, augurando altrettanto al Consiglio Direttivo neo-eletto. “Abbiamo lavorato con obiettivi ben precisi, incentivato l’attività delle Sezioni Regionali e dei Gruppi di Studio e migliorato la comunicazione con i soci e con l’esterno. Abbiamo operato come un sol corpo e una sola anima, per cercare di rendere la Società Italiana di Neonatologia ancora più grande di quella che ci era stata affidata”. Queste le parole del prof. Romagnoli, condivise con il CD uscente. Il nuovo Consiglio Direttivo è composto da: in qualità di Vicepresidente, il prof. Mario De Curtis, Direttore della UOC di Neonatologia, Patologia e Terapia Intensiva Neonatale presso l’Umberto I, Policlinico di Roma; Tesoriere è il dott. Luigi Orfeo, Direttore di Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Neonatale presso Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli di Roma; in qualità di Consiglieri infine, la dott.ssa Giovanna Mangili, Direttore UOC Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale degli Ospedali Riuniti di Bergamo; il prof. Fabio Mosca, Direttore UOC Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Mangiagalli di Milano; il prof. Vassilios Fanos, Direttore UOC Patologia e TIN, Puericultura e Nido dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Cagliari; il dott. Piermichele Paolillo, Direttore della UOC Neonatologia, Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico Casilino di Roma; il prof. Francesco Raimondi, Direttore UOC Neonatologia Università Federico II di Napoli; il dott. Angelo Rizzo, Direttore della UOC di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia del PO G.F. Ingrassia di Palermo. Rappresentante dell’Area Infermieristica è dott. Denis Pisano, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari. Eletti come Revisori dei Conti infine, la dott.ssa Caterina Cacace, Direttore UOC Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Barone Romeo di Patti (Me); dott. Carlo Poggiani, Direttore UOC Terapia Intensiva Neonatale e Nido Ospedale di Cremona; prof. Antonio Alberto Zuppa, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. (foto: stronati)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pastorale della Salute, convegno nazionale Aipas dal 5 all’8 ottobre ad Assisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

assisi1La malattia interroga la Chiesa nella sua interezza. Laici e consacrati insieme per servire, ma anche per comprendere il proprio ruolo ecclesiale, per vivere profondamente il Vangelo. La malattia è dunque un terreno di prova per la Chiesa postconciliare ed è in vista del Convegno ecclesiale di Firenze l’Aipas (Associazione Italiana di Pastorale Sanitaria) si confronterà sul tema “Sapienza del cuore – Laici e consacrati insieme per servire” dal 5 all’8 ottobre alla Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli, in Assisi. Parteciperanno tra gli altri don Maurizio Patriciello, Lucia Miglionico, don Carmine Arice, mons. Domenico Dal Molin, padre Gianfranco Lunardon, Suor Maria Cappelletto, don Giuseppe Scalvini, la professoressa MariaPia Garavaglia, il professor Raffaele della Torre, Suor Emma Dal Maso, Suor Riccarda Lazzari, fra Marco Fabello, suor Alessandra Smerilli e monsignor Domenico Sorrentino. «E’ il nostro appuntamento annuale – spiega il presidente dell’Aipas, Giovanni Cervellera – e ogni anno cresce perché c’è una grande domanda di formazione nel campo della pastorale sanitaria. Assisi è il momento in cui si condividono le esperienze e si tracciano le nuove rotte»

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piero Boni a Villa Pisani

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Piero Boni1Piero BoniStra (VE) 8-18 ottobre 2015 Museo Nazionale Villa Pisani Via Doge Pisani 7 Inaugurazione giovedì 8 ottobre ore 16.00. Il Museo Nazionale di Villa Pisani ospita “Piero Boni a Villa Pisani” una mostra dedicata all’artista bergamasco e alla sua poetica travolgente, tesa nel cercare una fusione tra pittura figurativa e pittura astratta dove i particolari hanno un ruolo di primo piano. La mostra, a cura di Bruno Francisci e Raul Oyuela con la collaborazione della dott.ssa Sandra Gonzalez, presenta undici grandi dipinti olio su tela e si avvale del sostegno del Museum of the Americas di Miami.La pittura di Piero Boni, affascinato dalla storia delle religioni e dai pensieri religiosi, è sottile ed elegante, colta e onirica. Una rappresentazione nata da un profondo senso di osservazione della realtà che permette di andare oltre e intraprendere un viaggio verso la ricerca della Felicità: l’ascesa a due pianeti, due creazioni della mente posizionati oltre i confini del nostro mondo reale e denominati Pianetà Giò, colmo di interpretazioni magiche della realtà, e Pianeta Artù, ovvero la Gioia.
Piero Boni è un architetto dello spirito. Le sue creazioni sono tracciate dall’artista con fedeltà e amore: ne sboccia un mondo che si gioca tutto sulla cultura e sulla memoria, in cui la realtà viene esplorata intimamente, ovvero scomposta

53DIP

53DIP

Boni_009

Boni_009

e subito dopo ricostruita, così da scoprire il segreto della forma (“Chi conosce meglio il fiore? Il fioraio nel suo chiosco o l’insetto che può visitarlo dall’interno?”)
Piero Boni, che nella propria crescita umana e artistica coglie a piene mani dalla filosofia orientale, si confronta con la pittura del Novecento: in lui sono chiari riferimenti a Mondrian o a Pollok, così come è facile accostarlo a De Chirico o a Savinio, ma poi Piero Boni amalgama il tutto per ottenere un prodotto unico, non paragonabile a nessuna corrente artistica.Il segreto di questo artista, da sempre sedotto dai dibattiti sulla sopravvivenza dell’anima, è contrapporre alla secchezza spirituale ed emotiva della cultura contemporanea una pittura d’evasione, “favole che si fanno spiritualità” per usare le parole di Vittorio Sgarbi, un concentrato di energia che permette all’osservatore di intravedere quel mondo da lui evocato per segni e immagini – Pianetà Giò e Pianeta Artù – partendo proprio da una attenta lettura dei titoli, aspetto inconfondibile della pittura di Boni: vere e proprie guide all’interpretazione del dipinto che lasciano tuttavia l’osservatore libero di cercare nella propria interiorità risposte e svelamenti.
Piero Boni parte sempre da uno studio preparatorio, eseguito su carta e in piccolo con colori pastello nelle gamme dei gialli, celesti e rosa. La stesura è immediata, veloce, e soprattutto ha già in sé la visione completa del quadro.
La tela, il passaggio successivo, cresce più lentamente perché più meditato, appaiono i volumi e i colori si accendono.
Ma è chiaro che il vero protagonista nei bozzetti come nelle tele di Pietro Boni è il segno: e se nella fase preparatoria rimane in un rapporto di sostanziale equilibrio con il colore, una volta sulla tela acquisisce maggiore potenza proprio grazie alle campiture cromatiche, dove il nero non manca mai. (foto: Piero Boni)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil liberties committee to debate situation at Schengen internal borders

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

SchengenThe debate will take place on Thursday, 1 October, from 10.45 to 11.45. The civil liberties committee will debate the current situation at the borders inside the Schengen area in the wake of the temporary reimposition of border controls by some member states with Commission representatives on Thursday morning. The Commission is required to monitor the situation closely and keep Parliament and the Council fully informed under the
Borders Code.Parliament passed a resolution 10 September restating its commitment to “open borders within the Schengen area, while ensuring effective management of external borders”.”Free movement of people within the Schengen area has been one of the biggest achievements of European integration,” Parliament said.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pensioni Inps pagate a residente all’estero

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Sembra un “tormentone”: le pensioni, per i motivi più diversi, puntualmente , in un lasso di tempo sempre più ravvicinato, tornano alla ribalta della discussione nazionale. Ancora una volta ,è bastato un intervento del Presidente dell’Inps, Tito Boeri, a sollevare la discussione su un aspetto del nostro complesso sistema pensionistico . Si tratta dei circa 400mila pensionati Inps, italiani o stranieri , che hanno lavorato in Italia che ricevono la loro pensione all’estero, per i quali Boeri auspica la cessazione del pagamento , della parte non contributiva delle loro prestazione . Ci si riferisce, evidentemente ,all’integrazione al minimo ed alla maggiorazione sociale , nei confronti di persone, come sottolinea Boeri nel suo rapporto, che vivono e pagano le tasse all’estero. Il Partito Pensionati ritiene che il problema vero che ha indotto circa 400mila pensionati italianipensionati, in costante aumento, fra l’altro, a trasferirsi all’estero, va ricercato nella esiguità delle loro pensioni, generalmente fra i 500 ed i 1.000 € , totalmente insufficienti per vivere decentemente in Italia, mentre consentono una vita dignitosa in vari Paesi del mondo, dove la tassazione ed il costo della vita, sono di gran lunga inferiori, rispetto all’Italia. I pensionati italiani attendono un aumento, da circa 20 anni ed è triste che, anche a tarda età, dopo decenni di sacrifici e lavoro, siano costretti ad emigrare, per sbarcare il lunario. In questa situazione, vi sono anche stranieri che hanno maturato la pensione in Italia, che rientrano nel loro Paese, ma questi, chiaramente, lo fanno per scelta, non per necessità. Sarebbe il caso – a giudizio del Partito Pensionati – se veramente si vuole risparmiare, di effettuare, da parte dell’Inps e di chi di competenza, accertamenti approfonditi, circa la effettiva presenza in Italia, dei tanti stranieri anziani , giunti in Italia per ricongiungimento con i loro congiunti, titolari di pensioni sociali o di invalidità, concesse dall’Italia e di revocarle, cercando di recuperare le somme non dovute, nel caso fossero rientrati nel loro Paese,per un periodo superiore a quello consentito. Può accadere che questi cittadini stranieri, ottenuta la pensione sociale o di invalidità, tornino, senza dar alcuna comunicazione, nel Paese di provenienza, continuando a ricevere la pensione. Il Partito Pensionati – ha concluso Fatuzzo – ritiene che l’Inps farebbe bene a diffondere anche i dati relativi al numero di stranieri titolari di pensioni sociali e di invalidità e di quanti accertamenti sono stati effettuati circa la loro effettiva presenza in Italia degli stessi.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hate and intolerance must be combated more strongly as social climate worsens

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

conseil de l'europeResearch by the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) shows that racism and xenophobia are a widespread problem in Europe today. As support for xenophobic and anti-migrant agendas grows, FRA calls in a special contribution to the European Commission’s first annual colloquium on fundamental rights for targeted awareness-raising measures, better data collection, and more effective access to justice for victims. The persistent lack of data is central to the Agency’s annual overview of data on antisemitism in the EU, which is also published today.“The attacks we have seen this year in France, Denmark and elsewhere in the EU are part of a climate of intolerance that we must fight with all the means at our disposal,” said FRA interim Director Constantinos Manolopoulos. “There are many positive initiatives around the EU, but in the current situation this is not enough. The EU and its Member States need to take immediate and decisive action to combat extremist, xenophobic and antisemitic discourse and crimes.”FRA points out in its annual overview of data on antisemitism in the EU that the reliable and comparable figures vital to help tackle the phenomenon effectively are currently missing. Not only do victims and witnesses need to be encouraged to report antisemitic incidents, but the authorities must also have systems in place to record them. The Working Party on combating hate crime set up by FRA in 2014 is cooperating with all 28 EU Member States to improve recording and encourage reporting of hate crime of all kinds, including antisemitic incidents. It also seeks to increase collaboration between government, law enforcement, prosecutors’ offices and NGOs, at the same time emphasising the importance of training for the police and others who work on the front line.Existing evidence shows that antisemitism remains an issue of serious concern in the EU, demanding decisive and targeted policy responses. The effective implementation of these responses would not only protect Jewish communities, but also give a clear signal that the fundamental rights of everyone living in the EU are taken seriously and safeguarded.
On the eve of the European Commission’s first Annual Colloquium on Fundamental Rights, FRA is today also publishing a separate paper. This discusses the ways in which political rhetoric at local, national and European levels is currently exacerbating an aggressive tone subsequently echoed online through the press and social media, generating a sense of insecurity and fear among members of ethnic and religious minorities in the EU. FRA’s conference contribution Promoting respect and diversity – Combating intolerance and hate calls for greater efforts to acknowledge ethnic, linguistic, cultural and religious diversity in our societies and use it to bolster social cohesion and growth.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il professor Carmelo Scarpignato confermato Segretario Generale della World Organization for Esophageal Disease (OESO)

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

parma universitàParma. Al recente Congresso Internazionale dell’Organizzazione Mondiale per le Malattie dell’Esofago, tenutosi a Montecarlo all’inizio di settembre, il professor Carmelo Scarpignato, docente di Farmacologia Clinica presso il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale della nostra Università, è stato confermato per i prossimi cinque anni Secretary General dell’OESO – World Organization for Esophageal Disease.L’OESO è un’organizzazione cui appartengono i maggiori esperti mondiali di malattie dell’esofago, caratterizzata dal suo approccio multidisciplinare, che coinvolge sia ricercatori di base sia clinici appartenenti alle varie discipline (Farmacologia Clinica, Anatomia Patologica, Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva, Otorinolaringologia, Chirurgia Digestiva, Chirurgia Toracica e Radiologia).
Il professor Scarpignato è anche Segretario della Fondazione OESO con sede a Ginevra, che – attraverso la UNESCO Chair for distance learning – si occupa della formazione a distanza, soprattutto di medici dei Paesi in via di sviluppo.Impegnato da sempre nello studio della fisiopatologia e terapia delle malattie digestive, il professor Scarpignato è Coordinatore del Gruppo di Lavoro di Farmacologia dell’Apparato Digerente della Società Italiana di Farmacologia e membro della Sezione di Farmacologia Clinica della stessa Società. Lo scorso anno è stato eletto Governor for Italy dell’American College of Gastroenterology (ACG), che raccoglie i più prestigiosi gastroenterologi degli Stati Uniti e dei Paesi industrializzati.

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »