Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 17

Archive for 2 ottobre 2015

500 años del Orlando Furioso

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

orlandoMadrid se inaugura el 6 de octubre, una selección (1516-2016. 500 años de Orlando Furioso) estará abierta hasta el 17 de enero del próximo año, y se realiza en colaboración con el Istituto Italiano di Cultura de Madrid y el Teatro Real.7 de septiembre del 2015 – Anticipándose al estreno de la Alcina de Haendel en el Teatro Real, la Biblioteca Nacional de España contextualiza la ópera mediante una exposición de sus fondos sobre el Orlando furioso, el inmortal poema de Ludovico Ariosto (1474-1533), que le sirve de inspiración y que cumple en el 2016 cinco siglos de su primera redacción. La muestra, bajo el título El Furioso en la BNE.
Podrán verse ediciones del texto de Ariosto junto con sus más cercanos antecedentes y continuadores, así como una selección de piezas que pretenden devolver a este clásico, muy olvidado hoy en nuestro país, parte de la notoriedad de la que gozó universalmente, sobre todo, en Italia y España, en siglos anteriores. Para ello, se han seleccionado cerca de cuarenta ejemplares, como un manuscrito de la compañía teatral de Bances Candamo, dibujos y grabados, entre los que destacan Angélica y Medoro, de Charles de la Traverse o los bocetos de Sebastián Muñoz para una bóveda del alcázar de Madrid, así como libros de los siglos XVI y XVII, que dan idea, no solo de los poemas que lo precedieron, sino también de las numerosas ediciones, traducciones, imitaciones y continuaciones que de él se hicieron casi desde el mismo momento de su aparición.Es un poema de aventuras, amoríos, celos, traición, despecho, olvido, orgullo…, donde la fantasía más desbocada encuentra el equilibrio en una fina y jocosa ironía. Aquella fue la fórmula de éxito del primer bestseller de la Edad Moderna, creación de todo un “fanfic” de Orlando como Ludovico Ariosto, que halló en la obra de su vida la perfecta válvula de escape a su nula sed de aventuras y espíritu viajero.Completa la exposición la conferencia del profesor José María Micó, el día 6 de octubre a las 19:00, Ariosto, el Orlando y su herencia cultural. Micó es catedrático de literatura en la Universidad Pompeu Fabra de Barcelona. Escritor y filólogo, consiguió premios literarios como Hiperión y Generación del 27, de traducción y de investigación. Ha estudiado y editado a los clásicos españoles e italianos y es autor de la última traducción castellana del Orlando (Espasa-Calpe, 2005). Por su parte, el Instituto Italiano organiza una representación del monólogo Orlando furiosamente solo rotolando, para el día 8 de octubre, a las 20h00 con entrada libre hasta completar el aforo. http://www.iicmadrid.esteri.it/iic_madrid/it/gli_eventi/calendario/2015/10/orlando-furiosamente-rotolando.html
Además, se organizarán talleres infantiles y escolares y otras actividades sobre esta obra, con la colaboración de la editorial Gadir, que ha publicado una adaptación infantil del Orlando enamorado junto con el Furioso.
Descendiente del Orlando innamorato de Boiardo, y, a su vez, del Morgante de Pulci, el Furioso vincula su complicada y fantasiosa trama al ciclo artúrico y al carolingio, con una ironía que preludia la del Quijote cervantino. La obra de Ariosto no sirvió solo de inspiración literaria, desde Lope de Vega a Barahona de Soto, sino también resuena en composiciones musicales de Händel o Vivaldi, como la propia Alcina, o ha sido plasmado con las más diversas técnicas de artes plásticas y aplicadas por una nómina de artistas, que incluye nombres como los de Tiziano, Guido Reni, Ingres o Doré.El poema y epopeya se compone de cuarenta y seis cantos escritos en octavas (38.736 versos) por los que deambulan personajes del ciclo carolingio, algunos del ciclo bretón (gruta de Merlín, visita de Reinaldo de inauguraciònMontalbán a Inglaterra) e incluso algunos seres inspirados en la literatura clásica griega y latina. Es, y así la presenta el autor, una continuación del Orlando enamorado de Matteo Maria Boiardo. Allá donde dejó éste inacabada su obra, la derrota del ejército de Carlomagno en los Pirineos por los árabes, es donde arranca el Ariosto la suya, que suele, al reintroducir los personajes de su predecesor, dedicar una o dos octavas a resumir las aventuras narradas por Boiardo en el Enamorado.A pesar de su título, Orlando (o Roldán, si se prefiere) no es el protagonista absoluto del poema, sino uno de los personajes principales que aparecen en él. La obra es un continuo entrelazarse de historias de distintos personajes que van apareciendo y desapareciendo en la narración, encontrándose y distanciándose, según se le antoja a Ariosto; una tela que constituyen diversos hilos paralelos que hábilmente sabe tejer el autor.En cuanto al Orlando operístico (denominado más comúnmente en la época moderna, Orlando furioso) consta de tres actos con música de Antonio Vivaldi, basados en un libreto italiano de Grazio Braccioli, que a su vez es una “prolongación” del poema épico Orlando Furioso de Ariosto. La primera representación tuvo lugar en Venecia, en el Teatro Sant’Angelo, en otoño de 1727.La obra alterna arias con recitativos y está ambientada en una isla en un tiempo no especificado. La historia combina varios argumentos de Ariosto: desde las hazañas de Orlando hasta la historia de Alcina. Esta ópera, rara vez se representa en la actualidad.
Además de Vivaldi, el Orlando también fue tema de inspiración para otros compositores, como Haydn (Orlando Paladino. 1772), Piccinni (Roland. 1778), Handel (Alcina. 1735), Albinoni (Alcina Delusa da Ruggero 1725), Lully (Roland. 1685), Rossi (Il palazzo incantato. 1642), Caccini (La liberazione di Ruggiero dall’isola d’Alcina 1625), Méhul (Ariodant. 1799) o Mayr (Ginevra di Scozia. 1801).
De martes a sábado de 10 a 20h. Domingos y festivos de 10 a 14h. Último pase media hora antes del cierre. (foto: orlando, inauguraciòn)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Towards a European Coastguard

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

The 7th European Coastguard Functions Forum conference is held in Helsinki on 22-24 September, with participants from the EU Coastguard Function Authorities, the European Commission and EU Agencies. The forum –currently chaired by Finland- will present the work done during 2015 and prepare the work plan for 2016.
The Commission services present to the conference a non-paper “Towards a European Coastguard Capacity”, outlining ideas for a common approach at EU level on how to enhance Europe’s Coastguard Capacities. This working document aims in defining how to improve co-operation and co-ordination between Member States’ authorities, EU Agencies and other bodies performing coastguard functions with a view to moving towards a European Coastguard capacity system. It suggests common principles and actions with a focus on capacity building as well as taking better advantage of modern technology (e.g. SATCOM, RPAS, aerostats, VDES, new sensors, etc).
In parallel, the European Commission announced today a number of immediate operational, budgetary and legal measures under the European Agenda on Migration, which include an ambitious proposal towards establishing a European Border and Coast Guard to be presented in December 2015.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Migration and refugee crisis: Sylvie Guillaume named rapporteur on EU list of safe countries of origin

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

european parliamentVice-President and Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee MEP Sylvie Guillaume (S&D, FR) has been appointed rapporteur for the proposal establishing an EU common list of safe countries of origin, on which Parliament will legislate on an equal footing with the EU Council of Ministers. The appointment was announced by committee Chair Claude Moraes (S&D, UK) at the start of the Civil Liberties Committee meeting on Thursday, 1 October, and endorsed by the members. The proposal for a regulation establishing an EU common list of safe countries of origin was presented by the European Commission on 9 September, as part of a package of proposals to tackle the refugee crisis.The EU safe countries list would help speed up the processing of individual asylum applications from people originating in countries that the EU considers safe. In cases where individual assessments establish that applicants have no right of asylum, it would also help speed up their return, according to the European Commission. The Commission proposes to add Albania, Bosnia and Herzegovina, the former Yugoslav Republic of Macedonia, Kosovo, Montenegro, Serbia and Turkey to the EU list of safe countries of origin.
In a 10 September resolution on migration and refugees in Europe, the European Parliament said that it: “Notes the Commission proposal to strengthen the ‘safe country of origin’ provision of the Asylum Procedure Directive by establishing a common EU list of safe countries of origin; understands that this approach could limit the procedural rights of citizens of those countries; recalls that the acceptance rate for asylum applications varies greatly from one Member State to another, including as regards particular countries of origin; requests that steps be taken to ensure that this approach does not undermine the principle of non-refoulement and the individual right to asylum, especially that of people belonging to vulnerable groups”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU helps developing countries to ensure sustainable fisheries and food security

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

europa-261011-cIn the frame of the European Year of Development 2015, October is dedicated to Food Security issues. See the short animated video about the co-operation of EU with developing countries in fisheries for the sustainable management of seafood resources that enhances food security and offers opportunities for trade and growth.The EU is committed to eradicate poverty around the world through focused funding and partnership agreements with developing countries that promote co-operation, mutual interests and mutual responsibility. See the short animated video about the importance of co-operation in fisheries for the sustainable management of seafood resources and the opportunities for trade and growth between the EU and developing countries.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

International ocean governance: dialogue with our partners intensifies

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

maritime“Drivers for Blue growth in the Baltic Sea Region” conference, Copenhagen, 6 October 2015. European Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, Karmenu Vella, has intensified dialogue with international maritime stakeholders on how to improve ocean governance globally. To take advantage of the opportunities offered by this global outreach, the Ocean governance consultation period ends on 15th of October.Following his speech earlier this month at the GLACIER Conference (Global Leadership in the Arctic: Cooperation, Innovation, Engagement and Resilience), organised by the US State Department in Anchorage, Alaska, Commissioner Vella this week held intensive meetings in Washington, D.C., with the US administration, NGOs and stakeholders. His listening tour on ocean governance will continue in the coming weeks with stops in Chile (Our Oceans Conference, Viña del Mar), Spain, and China.
Besides putting ocean governance onto the international agenda, these meetings are also an opportunity to stress the EU’s commitment to sustainable development and its efforts to protect and preserve marine ecosystems for current and future generations. For instance, the EU is developing a Blue Growth Strategy that allows maritime activities to thrive while maintaining high standards on environmental protection.In this context, Mr Vella has repeatedly welcomed the UN’s new 2030 Sustainable Development Agenda and goals, which were adopted on 25 September. Goal 14 specifically calls on the international community to conserve and sustainably use the oceans, seas and marine resources for sustainable development. (Photo: maritime)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Lo sviluppo sostenibile del Mediterraneo

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

convegno aeitiL’AEIT, Associazione che promuove attività capaci di contribuire allo sviluppo e alla diffusione della cultura e della tecnologia in settori di sempre maggiore rilevanza, quali l’elettrico, l’Information & Communication Technology, il mondo della microelettronica e dell’automazione, promuove il Convegno al fine di mantenere vivo il dibattito sulle problematiche riguardanti le politiche che possono contribuire in modo sostanziale, sia dal punto di vista energetico che delle informazioni, a garantire sicurezza e sviluppo nel Mediterraneo. Mai come oggi il mondo dell’energia deve affrontare cambiamenti tanto radicali in tempi così brevi; vere e proprie sfide, imposte dall’evoluzione tecnologica e dai mutamenti, sono in corso in ambito geopolitico, economico e sociale.
Dal punto di vista tecnologico e di mercato i cambiamenti riguardano il ruolo dei combustibili fossili, e non solo per le nuove opportunità offerte dall’evoluzione del settore gas, la crescente penetrazione delle risorse energetiche distribuite non programmabili (in particolare sole e vento), l’innovazione nel settore elettrico, elettronico , dell’informazione, delle telecomunicazioni e delle key enabling technologies come la microelettronica nonché lo sviluppo nei sistemi di trasporto e la necessità di ridurre l’inquinamento e gli impatti ambientali alla luce delle sempre più improcrastinabili esigenze climatiche. Nelle sessioni scientifiche viene affrontato il tema delle Smart City, delle Comunicazioni mobili, dell’Internet Of Things e dei sensori che la rendono possibile.
Si tratta di una vera e propria rivoluzione, e il Mediterraneo ne è al centro, in un momento di evidenti fermenti economici e sociali che destano nello stesso tempo preoccupazione e speranze. Dibattere queste affascinanti sfide e individuare le grandi opportunità che l’Area del Mediterraneo può offrire in questa prospettiva sono tra gli obiettivi principali che l’AEIT pone nel Convegno.
In questa logica il Convegno prevede una prima giornata di lavori nella quale gli aspetti tecnologici e della regolazione e controllo delle attività saranno discussi nel contesto nel quale viene attuata la politica degli investimenti nei settori d’interesse dell’AEIT.
Nella seconda giornata la discussione verterà sull’integrazione delle reti e sulle tecnologie per una produzione sempre più pervasiva di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili o comunque pulita. Le reti elettriche saranno sempre più bidirezionali e intelligenti e sempre maggiori saranno gli investimenti nelle ICT e nelle infrastrutture di rete che dovranno assicurare connessioni fra i grandi centri urbani che avranno un sempre maggiore sviluppo determinato anche dalla probabile maggiore concentrazione delle popolazioni nelle “megacittà”. Si determineranno per questo sempre più grandi flussi non solo di energia, ma anche di informazioni. Cloud computing e Big Data saranno essenziali in settori applicativi quali finanza, healthcare, marketing, social networks e altri.
La terza giornata si concentra sui casi di eccellenza per sviluppo sostenibile presentati da aziende e strutture di ricerca e sulle sfide che si presenteranno negli anni a venire. Già da anni i progetti di ricerca più significativi si svolgono nell’ambito di programmi di ricerca di durata pluriennale per i quali la UE stanzia fondi molto rilevanti. L’AEIT intende con il Convegno contribuire a definire, in tale contesto, un tavolo di incontri, di riflessioni e di proposte. Tra queste, un simposio su ECSEL , Joint Undertaking Electronic Component & Systems For European Leadership, con la presenza di responsabili a livello sia europeo che italiano. (foto: convegno)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il farmacista a supporto dell’aderenza alla terapia

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

farmacia verbanoRoma, 12 ottobre 2015 – h. 11,30 Sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama. Lo studio Re-I-MUR, patrocinato dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani e condotto con la Medway School of Pharmacy dell’Università del Kent, rappresenta il primo studio randomizzato e clusterizzato mai condotto nel setting della farmacia italiana, e si propone di valutare l’impatto dell’intervento del farmacista a supporto dell’aderenza alla terapia sulla salute dei pazienti affetti da asma e sui costi sanitari correlati. Per la dimensione del campione e per l’estensione geografica – sono state interessate 15 regioni per un totale di 1.327 pazienti e 216 farmacisti – Re-I-MUR rappresenta il più vasto studio europeo dedicato alla pharmaceutical care nell’ambito della farmacia di comunità.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutui: dagli under 30 solo il 10% di domande e il 6,5% delle erogazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

Lasciare i sogni nel cassetto sembra, per i giovani italiani, un obbligo a cui è impossibile sottrarsi. Anche quando parliamo di comprare casa. I portali Mutui.it e Facile.it (http://www.facile.it/mutui.html) hanno analizzato tanto le richieste di finanziamento casa compilate, quanto le erogazioni ottenute dagli italiani nei sei mesi da marzo ad agosto 2015, scoprendo che la percentuale di cittadini di età inferiore a 30 anni che hanno richiesto un mutuo si è ridotta drasticamente, passando dal 17% al 9,7% in poco più di un anno. Se addirittura nelle rilevazioni del 2012 quasi un preventivo su 4 arrivava da under 30 – a dimostrazione di come, pure in periodi difficili, la voglia di comprare casa, facendo progetti di vita “adulta”, restava alta – adesso la precarietà diffusa e le difficoltà economiche sembrano aver persino tolto la voglia di provarci.
Questo generale scoraggiamento mostrato da parte dei più giovani appare in controtendenza rispetto ad alcuni dati positivi che emergono dallo studio dei due portali. Analizzando infatti le erogazioni di finanziamento registrate nello stesso lasso di tempo, i mutui ottenuti dai più giovani hanno raccolto una percentuale più elevata che in passato: siamo al 6,5% del totale, contro il 5% registrato in maniera stabile negli scorsi anni.
Passando in esame il campione di circa diecimila domande di mutuo, si nota come la richiesta tipo fatta dai giovani aspiranti mutuatari sia finalizzata in larghissima parte all’acquisto della prima casa: è l’obiettivo del 74% del campione. Se, infatti, isoliamo solo le domande di mutuo prima casa, quelle degli under 30 rappresentano il 17,5% del totale.
In termini di importo si punta ad ottenere cifre molto vicine alla media dei finanziamenti richiesti in Italia (114.000 euro), con cui coprire il 67% del valore dell’immobile da acquistare. Il tasso preferito è quello fisso (56%) – segno di una buona consapevolezza delle interessanti opportunità presenti sul mercato – mentre il tasso variabile, pur ai minimi storici, raccoglie solo il 36% delle domande.
Guardando le differenze che emergono a livello regionale, le regioni più attive sul fronte “mutui giovani” sono quelle in cui sognare casa è un po’ più semplice: prezzi medi degli immobili più bassi oppure maggiori opportunità di ottenere un lavoro stabile spingono gli under 30 di Veneto, Emilia Romagna e Sicilia a provare a comprar casa con più convinzione dei loro coetanei che vivono nelle altre regioni italiane. Di contro, i più restii a fare domanda si trovano in Sardegna e Lazio. Le regioni da cui provengono le domande più ingenti sono: Lazio (133.000 euro), Trentino Alto Adige (130.000 euro), Toscana (125.000 euro) e Lombardia (119.000 euro).
Il mutuo in cifre: le erogazioni
Questo il quadro della domanda, ma cosa succede in fase di erogazione? Quando si sottoscrive, il mutuo si fa più piccolo: diminuisce sia l’importo erogato (si scende a 107.000 euro), sia il loan to value (63%), dati che rivelano come gli immobili acquistati siano di valore medio-basso. Si conferma la predilezione per il tasso fisso, scelto dal 61% dei mutuatari; significativo, infine, che ben il 29% dei finanziamenti erogati sia una surroga.
«Visti i tassi ben più vantaggiosi di quelli offerti ai mutuatari anche solo qualche anno fa – dichiara Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it – è evidente l’interesse dei più giovani a vagliare e quindi scegliere opportunità migliori; segno, questo, di una generale maturità finanziaria di una buona fetta dei sottoscrittori più giovani. Il peso delle richieste da parte degli under 30, calato fortemente rispetto al passato, tuttavia, è sintomo di una generale demotivazione di questa fascia, che pure, al momento, è vista dal mercato come clientela interessante, a cui riservare offerte particolarmente convenienti.» (foto:mutui)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricognizione della giurisprudenza tributaria parmense

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

parma universitàParma. Mercoledì 7 ottobre dalle ore 14.30 alle ore 16.30 nell’Auditorium Banca Intesa di Parma (via Bruno Longhi, 7/A) si dibatterà di un tema cruciale in ambito tributario, quello relativo alla ricognizione della giurisprudenza tributaria parmense, in un convegno promosso dal Dipartimento di Economia dell’Università di Parma. All’appuntamento, organizzato dal Prof. Adriano Benazzi, Aggregato di Diritto tributario, Università di Parma, parteciperanno come relatori il dott. Vincenzo Busa, Presidente di Equitalia S.p.a. e Direttore della Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso dell’Agenzia delle Entrate, il prof. Alberto Comelli, Associato di Diritto tributario, Università di Parma, e il dott. Carlo Soncini, Dottore di ricerca in Diritto tributario.Il convegno, moderato dal prof. Adriano Benazzi, si aprirà alle ore 14.30 con i saluti della prof.ssa Maria Cristina Ossiprandi, Prorettore alla Didattica, del prof. Luca Di Nella, Direttore del Dipartimento di Economia, Università di Parma, e del dott. Angelo Anedda, Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Parma.Alle ore 14.45 è previsto l’intervento del dott. Vincenzo Busa. A seguire sarà la volta del prof. Alberto Comelli e del dott. Carlo Soncini e degli studenti del Tax Law Lab. Nel corso del convegno si darà conto dei risultati della ricognizione della giurisprudenza tributaria parmense svolta da parte degli studenti di economia che hanno aderito al Tax Law Lab. L’argomento è di vivissima attualità a seguito dell’approvazione in data 22 settembre 2015 da parte del Consiglio dei Ministri del decreto legislativo che riguarda la “revisione del contenzioso tributario ed incremento della funzionalità della giurisdizione tributaria”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Cibi e pietanze nel mondo antico

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

museomuseo1Reggio Calabria. Sabato 3 ottobre 2015, alle ore 18.00, nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, verrà inaugurata la mostra Cibi e pietanze nel mondo antico: un viaggio tra quotidiano, rituali ed etnografia.
La mostra promossa dal Segretariato regionale della Calabria nella persona del Segretario dottor Salvatore Patamia in collaborazione con la Regione Calabria – Servizio1 “Programmazione Regionale, Settoriale e Territoriale” – nell’ambito del progetto Dall’Expo ai Territori. Viaggio nelle eccellenze d’Italia: piacere, gusto e salute – collaborazione siglata con apposita convenzione – si propone di trattare il tema del cibo attraverso testimonianze archeologiche ed etnografiche dal territorio calabrese con rimandi all’ area mediterranea ed europea. L’esposizione, ideata e curata da Rossella Agostino, funzionario archeologo del MiBACT e da Francesca Lugli, archeologa e presidente dell’Associazione Italiana di Etnografia, è un viaggio tra quotidiano, rituali ed etnografia che i manufatti archeologici di varie epoche, tipologie e provenienze documentano esaustivamente sia quando sono strettamente funzionali alla mensa ed alla preparazione dei cibi, sia quando, dando loro una valenza simbolica, l’uomo li ha destinati ad altra funzione.
E lungo il percorso espositivo, accompagnati idealmente da personaggi legati direttamente ed indirettamente alla città di Reggio antica come lo scultore Pythagoras di Rhegion o il filosofo Aristotele nella città di Calcide – la città dell’isola Eubea da cui provenivano i fondatori del centro coloniale di Rhegion – si illustra cosa avranno assaporato a tavola insieme ad altri commensali.
E tenuto conto che la cultura e le tradizioni alimentari dei Greci e dei Romani costituiscono ancora oggi buona parte di museo2museo3quelle attuali e che legati al cibo, sono sopravvissuti antichi saperi che affondano talvolta le proprie radici nella notte dei tempi, si è affiancato l’aspetto etnografico riproponendo manufatti e tradizioni ancora in uso non solo nel territorio regionale, ma anche in altri paesi. E’ il caso della preparazione della colatura di alici di Cetara che con ogni probabilità discende direttamente da quella del garum, salsa molto usata nella cucina romana, o della pesca del polpo negli orci forati delle coste Tunisine, retaggio di una antica tecnica di pesca.L’allestimento della mostra, curato dal Professor Rosario Brandolino, con un gruppo di lavoro di diverse professionalità, è stato immaginato e creato appositamente per accompagnare il visitatore lungo questo percorso della quotidianità nei secoli evidenziando la complementarietà tra archeologia ed etno-archeologia e come tutti i giorni sotto i nostri occhi si reiterino e si rinnovino
gesti antichi mascherati di modernità.La mostra Cibi e pietanze nel mondo antico: un viaggio tra quotidiano, rituali ed etnografia rimarrà aperta al pubblico fino al 31 ottobre 2015 e potrà essere visitata secondo il seguente orario: 9.00 – 19.00 (tutti i giorni escluso il lunedì) – ingresso gratuito (foto: museo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore del fegato: chirurgia e trapianto

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

tumore metastatico2Resezione del fegato con intento curativo o trapianto: è questa la scelta che si trovano a dover affrontare epatologo e chirurgo di fronte a un paziente con tumore del fegato. «Le nuove tecniche chirurgiche consentono – a certe condizioni – di operare i tumori del fegato in fase molto avanzata e che un tempo venivano considerati non operabili. Nello stesso tempo i miglioramenti nella gestione clinica e farmacologica del trapianto di fegato hanno portato come “effetto collaterale” l’estensione delle indicazioni per questa procedura» spiega Andrea Risaliti, direttore della Clinica Chirurgica e del Centro Trapianti di Fegato, Rene e Pancreas dell’Azienda ospedaliero universitaria, nonché presidente del congresso internazionale “HPB surgery: Udine meets the experts” in corso a Udine. Organizzato dalla Clinica Chirurgica e Centro Trapianti dell’Azienda ospedaliero universitaria di Udine e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini, il congresso vede la partecipazione di alcuni fra i massimi esperti mondiali nel settore.
«Nei pazienti affetti da tumore epatico maligno, la resezione del fegato con intento curativo rimane tutt’oggi la scelta di eccellenza» prosegue Risaliti. «Molti pazienti però al momento della diagnosi presentano lesioni multiple o troppo estese tali da precludere l’intervento di resezione. Il maggior limite all’intervento chirurgico è il rischio di insufficienza epatica acuta post-resezione, causata da un volume epatico residuo troppo piccolo. Negli ultimi anni sono stati ideati vari accorgimenti tecnici per aumentare le possibilità recettive nei malati potenzialmente esclusi dall’approccio chirurgico. Una tecnica innovativa che consente di intervenire su tumori del fegato giudicati non operabili è rappresentata dall’ALPPS, acronimo che sta per “Associating Liver Partition and Portail Vein Ligation for Staged Hepatectomy” ossia separazione del fegato associata alla legatura della vena porta per epatectomia in due tempi. Questo intervento costituisce l’ultima frontiera nella chirurgia avanzata del fegato, eseguibile solo in centri di eccellenza per la chirurgia epatobiliare e dei trapianti». Alla tradizionale e consolidata chirurgia resettiva del fegato si è aggiunta, negli ultimi anni, la prospettiva offerta dal trapianto epatico, che permette la rimozione in blocco di tutto il fegato e di tutte le localizzazioni secondarie in esso contenute. Storicamente il Friuli Venezia Giulia è una delle regioni ai primi posti come procurement di donatori in Italia. I dati desunti dall’osservazione dei trapianti di fegato effettuati a Udine rivelano indici di sopravvivenza superiori rispetto agli standard internazionali: 84% anziché 81% a un anno, 76% anziché 74% a tre anni, 74 anziché 69 a cinque anni. Ancora più ragguardevoli i trapianti di fegato effettuati in pazienti HIV positivi, per i quali Udine è il primo centro pilota in Italia, con tassi di sopravvivenza dell’80% a un anno e del 63% a 5 anni, mentre negli altri sette centri in Italia la percentuale è del 50%.
«Il ricorso al trapianto, però, è ancora dibattuto, in particolare per l’alto rischio di recidive neoplastiche» avverte Risaliti. «In più, sebbene la previsione di sopravvivenza sia recentemente diventata più accurata e precisa, non è ancora stato raggiunto un accordo tra i centri su quale tasso di sopravvivenza possa essere considerato “accettabile” nel bilanciare la più alta probabilità di cura con l’effettiva disponibilità di organi». Dall’analisi statistica retrospettiva sui pazienti sottoposti a trapianto emergono alcuni fattori prognostici che incidono favorevolmente sull’esito a distanza dell’intervento:
– età inferiore a 55 anni;
– tumore primitivo localizzabile nel tratto gastroenterico (drenaggio portale);
– buon controllo della sindrome e/o risposta terapeutica (stabilizzazione di malattia) con l’impiego di trattamenti medici nella fase pre-trapianto (chemioterapia e/o analoghi della somatostatina);
– tumori neuroendocrini a basso grado di malignità;
– assenza di contemporaneità tra il trapianto e altri interventi complessi eseguiti nello stesso tempo chirurgico.
«In conclusione, per ogni singola condizione c’è un richiamo alla necessità di un’attenta valutazione in termini di costi-benefici soprattutto per bilanciare le varie possibilità con l’attuale disponibilità di organi. Pertanto, è consigliabile utilizzare la strategia resettiva, quando possibile, lasciando il trapianto come opzione nei casi di tumore del fegato non operabile a causa della localizzazione diffusa o della malattia epatica avanzata» commenta Risaliti.
La chirurgia resettiva epatica trova inoltre anche un campo di applicazione piuttosto frequente nel trattamento dei tumori secondari del fegato rappresentando ad oggi un valido e irrinunciabile supporto per la cura oncologica radicale e palliativa delle metastasi epatiche da tumori primitivi colon-rettali. Anche in quest’ottica il trapianto di fegato potrebbe in futuro trovare una sua collocazione come sta già avvenendo in Norvegia; ospite del congresso sarà uno dei massimi esperti mondiali di sostituzione del fegato per metastasi epatiche il prof. Foss che illustrerà la più importante casistica mondiale in merito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pompei riscopre le terme repubblicane

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

terme repubblicaneterme repubblicane1Pompei continua con importanti risultati la sua attività di studio e di ricerca nei luoghi meno conosciuti degli scavi archeologici e questa volta riscopre e riporta alla luce le Terme Repubblicane, il quinto dei complessi termali identificati a Pompei e presumibilmente il più antico stabilimento pubblico conservato nel sito.L’edificio, adiacente l’ingresso del Foro Triangolare, nel corso della prima età imperiale (I sec. d.C.) era andato in disuso ed era stato inglobato dalle residenze private confinanti, quali la casa della Calce e la casa delle Pareti rosse. Venne scavato nel 1950 da Amedeo Maiuri che ne documentò la planimetria, da allora non era stato più indagato e la terra e la vegetazione l’avevano interamente coperto.Grazie al progetto dell’Università di Berlino (Freie Universität) diretto dalla Prof.ssa Monika Trümper in collaborazione con la Oxford University, e voluto dalla Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia si è avviata un’ importante attività di studio articolata in due fasi.La prima, condotta nel mese di marzo con la pulizia generale dell’ area e il rilievo architettonico, che ha riportato alla luce la struttura delle terme scavate da Maiuri.a seconda, una campagna di scavo conclusasi in questi giorni e durata 3 settimane, tesa a comprendere l’evoluzione nel tempo dell’architettura e della tecnologia utilizzata per gli spazi termali. Le Terme Repubblicane difatti, essendo tra le più antiche documentate a Pompei, si caratterizzano come momento di sperimentazione che confluisce nella soluzione ottimale delle Terme terme repubblicane2terme repubblicane3Stabiane, poco distanti e immediatamente successive, che rappresentano un modello perfetto di complesso termale con la tradizionale suddivisione e impostazione tecnologica poi in uso presso tutti gli edifici del genere.Conferma della più antica origine di queste terme potrebbe proprio essere la presenza di intercapedini areate poste al disotto del pavimento per creare la camera per il passaggio dell’aria calda per il riscaldamento degli ambienti termali, realizzate da una serie di canali paralleli, in luogo del tradizionale sistema delle colonnine di mattoni poi comunemente adottate in tutte le terme romane.Le indagini di studio si sono non a caso concentrate nell’area del laconicum (sauna) e del praefurnium (fornace), che risultano tra gli esempi più antichi noti per la fase di passaggio dal modello greco a quello romano, al fine di precisarne lo sviluppo cronologico e il funzionamento. Oltre all’attività di scavo si è prodotta una nuova pianta dell’area e la schedatura mediante fotogrammetria e/o laserscan di tutti gli elementi architettonici e decorativi.La campagna proseguirà in futuro con ulteriori indagini stratigrafiche dell’edificio per precisarne fasi e funzioni dei diversi settori. I risultati delle ricerche sono fondamentali per fornire tutti gli strumenti scientifici necessari alla progettazione del restauro, alla conservazione e alla finale fruizione da parte del pubblico. (foto: terme repubblicane)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Wolf Racing Cars annuncia l’arrivo della Wolf GB08 Turbo

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

Wolf GB08La Wolf GB08 è stata una vettura rivoluzionaria, la prima CN2 dotata di telaio in fibra di carbonio, oltre che la prima della categoria a sposare la soluzione del telaio non coperto dalla carrozzeria.Ora è tempo di un nuovo modello, che debutterà per la fine del 2015: sarà la prima vettura a rispettare le nuove regole FIA che entreranno in vigore dal 1 Gennaio 2016 e sarà spinta da un propulsore 1.6 litri turbo. La nuova vettura raccoglierà la pesante eredità della Wolf GB08 – Honda, che dal debutto vittorioso del 25 Aprile 2010 nel Campionato Italiano Prototipi, dove dominò la corsa dopo aver ottenuto il giro più veloce e la pole position, ha collezionato 52 vittorie assolute, 48 pole position e 45 giri veloci aggiudicandosi sei titoli (Campionato Italiano Prototipi 2010, Speed Euroseries 2011, Speed Euroseries 2012, CNV in Portogallo nel 2014, SCC in Germania nel 2014 e BELCAR nel 2015).Giovanni Bellarosa ( Team Principal Wolf Racing Cars) : “Abbiamo atteso la pubblicazione dei nuovi regolamenti FIA per annunciare l’arrivo della nuova Wolf. L’attuale GB08 – Honda ha dimostrato di essere una vettura eccezionale, come dimostrano i numerosi successi ottenuti in pista. Ora guardiamo al futuro con la Wolf GB08 Turbo: sarà molto diversa dall’attuale, ma non meno innovativa e sono certo che ci regalerà le stesse soddisfazioni. Da tempo avevamo in stand by un’importante evoluzione, ma la Wolf GB08 è stata sempre così competitiva da farci attendere questo cambio di regole per introdurre tutte le novità in un unico step. Come in passato tutte le Wolf GB08 potranno comunque essere aggiornate al nuovo modello.” (foto: Wolf GB08)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ultimi aggiornamenti sull’emergenza immigrazione in Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

immigrati a BudapestTra il 1° gennaio e il 29 settembre 2015 sono giunti via mare in Europa mezzo milione di migranti, molti dei quali donne e minori in fuga dalla guerra in Siria che cercano protezione in Europa. Il 75% degli migranti arrivati nei primi nove mesi di quest’anno ha percorso la rotta del Mediterraneo Orientale approdando in Grecia (388mila, principalmente da Siria e Afghanistan). L’Italia invece ha accolto sulle proprie coste 131mila migranti provenienti soprattutto da Eritrea (oltre 30mila), Nigeria (15mila) e Somalia (9mila).
Nello stesso periodo hanno perso la vita nel Mediterraneo 2.892 persone, in particolare nella più pericolosa tratta dal Nord Africa all’Italia (90%). Nel mese di settembre tuttavia sono stati registrati numerosi incidenti mortali nel Mediterraneo orientale tra la Turchia e la Grecia, con 160 deceduti in 28 giorni.Sono più di quattro milioni i siriani che hanno abbandonato il loro paese. Secondo l’Unhcr, si tratta della più grave crisi umanitaria degli ultimi 25 anni. Gli sfollati interni in Siria superano i 7,6 milioni. Sono oltre 1,8 milioni i siriani in Turchia, quasi 1,2 milioni in Libano. In Europa le richieste d’asilo presentate da siriani sono state oltre 270.000 .
Il numero di domande di protezione internazionale presentate in Europa tra aprile e giugno 2015 sono state 213mila, l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2014. In particolare un quinto delle richieste proviene da siriani (44mila) e da afghani (27mila). Nel secondo trimestre del 2015 il più elevato numero di domande è stato registrato in Germania (80mila), in Ungheria (32mila), Austria (17mila) e Italia (15mila).Complessivamente nei primi sei mesi del 2015 sono state circa 400mila le domande di protezione internazionale presentate per la prima volta in Europa, mentre alla fine di giugno risultavano ancora in attesa di risposta dalle autorità nazionali dei diversi stati europei quasi 600mila domande presentate in precedenza (di cui 48mila in Italia).
La “rotta balcanica” sta assumendo un importante rilievo per gli arrivi e il transito verso l’Europa. La Repubblica di Macedonia ha dichiarato lo stato di emergenza in agosto, dopo l’aumento massiccio di flussi di migranti ai sui confini meridionali con la Grecia: secondo il Ministero dell’Interno della Macedonia tra il 19 giugno e il 19 settembre sono stati registrati 89.427 migranti, di cui il 17% è costituito da minori con le loro famiglie e il 3% da minori non accompagnati. La media attuale degli arrivi è stimata a più di 6.000 al giorno.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal 5 ottobre 2015 il Certificato di Proprietà dei veicoli a motore diventa digitale

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Automobile Club d’Italia, ha dato l’annuncio di questa innovazione che interessa oltre 40 milioni di italiani possessori di automobili, motocicli, furgoni, camion e veicoli in generale.
Automobile Club d’ItaliaA partire da lunedì, chiunque acquisti un veicolo, nuovo o usato, non riceverà più il consueto Certificato di Proprietà cartaceo, che sarà sostituito dalla sua versione integralmente digitale, custodita negli archivi informatici del PRA. Al proprietario sarà rilasciata una ricevuta dell’avvenuta registrazione che conterrà anche il codice di accesso personalizzato con il quale visualizzare online il documento sul sito http://www.aci.it. Una grande evoluzione per una sempre maggiore semplificazione a vantaggio degli italiani, in osservanza alla missione di ACI e degli indirizzi sull’innovazione espressi dal Governo. Evoluzione che consegna tanti vantaggi immediati e un insieme di ulteriori novità a partire dai primi mesi del 2016.Il Certificato di Proprietà digitale aumenta infatti la sicurezza intrinseca del documento, elimina le frodi legate al furto o alla falsificazione del documento cartaceo e solleva gli automobilisti da numerose incombenze: lo sanno bene i iniziare dai 300.000 italiani che ogni anno ne devono denunciare lo smarrimento e richiedere il duplicato. Il Certificato digitale produce anche innumerevoli vantaggi economici per gli automobilisti e per la collettività. Difatti in aggiunta ai grandi investimenti, per la sola eliminazione del duplicato il PRA rinuncia a 4.5 milioni di ricavi a favore di uguale risparmio per i cittadini, al contempo l’ambiente si avvantaggia con l’eliminazione di 30 milioni di fogli di carta e di tonnellate di inchiostro.. ACI è orgoglioso che il PRA, gestito da 88 anni, rientri tra le prime P.A. centrali ad aver completato i processi di digitalizzazione: un risultato non casuale e partito dai primi anni ’60, quando fu chiaro che la crescita del mercato automobilistico avrebbe richiesto l’eccellenza dei sistemi informatici per la sua gestione e per la salvaguardia del diritto di proprietà degli automobilisti. Un risultato raggiunto con le esperienze e le competenze consolidate in questi decenni, che incrementa l’efficienza e conferma la validità dell’intuizione originaria di consegnare ad ACI nel 1927 – in quanto massimo rappresentante degli automobilisti italiani – la responsabilità della certezza del loro diritto di proprietà sui veicoli, che si stima abbiano un valore complessivo superiore ai 150 miliardi di Euro. “Oggi si compie un fondamentale passo per un rapporto sempre più semplice ed efficace – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani – tra gli italiani e il PRA, custode della proprietà dei nostri veicoli. ACI rappresenta oltre 1 milione di automobilisti e non si è sottratta alla sfida sull’innovazione digitale, ma anzi ha accelerato e intensificato gli sforzi negli ultimi anni. Come risultato eliminiamo un documento, in risposta alle richieste del Governo, e diamo un contributo significativo all’innovazione del Paese“.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un Master per la “casa comune” all’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

università europea romaIl rapporto con la natura, lo sviluppo sostenibile e l’etica ambientale sono temi di grande attualità, che toccano la nostra vita quotidiana. In questi anni si è riflettuto molto sulle possibili strade da percorrere per cercare di rispettare la bellezza e l’armonia del mondo che ci circonda. Anche Papa Francesco, nell’Enciclica “Laudato si’” ha ricordato la sfida urgente di proteggere la nostra casa comune: “Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perché la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti”.Per approfondire questi temi l’Università Europea di Roma (www.unier.it) ha dato vita ad un Master Universitario di Secondo Livello in Sistemi di Qualificazione Ambientale nel Mercato Edilizio Europeo e Italiano: Economia del Green Building e del Green Retrofitting. Il Master ha l’obiettivo di formare professionisti altamente specializzati nella certificazione ambientale degli edifici, sia negli interventi di nuova edificazione dei cosiddetti edifici verdi (green building) che in quelli di riqualificazione dell’esistente (green retrofitting).Verranno illustrati e inquadrati i protocolli ambientali ed energetici più diffusi, da quelli cogenti a quelli volontari, focalizzando gli aspetti legati alla professionalità necessaria per la loro implementazione e per l’applicabilità nel territorio nazionale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Attività de L’Officina dei Nuovi Lavori per diffondere le competenze digitali tra i giovani

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

google-building-44Roma martedì 6 ottobre ore 11.50 – 12.30 via del Quadraro 102. Relatori sono:
Jacquelline Fuller, direttore di Google.org
Alfonso Molina, professore di Strategie delle Tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale
Anna Ascani, Commissione Cultura, Scienza e Istruzione, Camera dei Deputati

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inaugurazione anno accademico

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 ottobre 2015

università santa croceRoma Lunedì 5 ottobre 2015 (ore 11:00, Aula Magna “Giovanni Paolo II” – Piazza Sant’Apollinare, 49) si terrà l’Atto accademico di inaugurazione dell’Anno 2015/2016 della Pontificia Università della Santa Croce. A presiedere i lavori, il Vescovo Prelato dell’Opus Dei e Gran Cancelliere dell’Università, SER. Mons. Javier Echevarría. Dopo i saluti introduttivi del Rettore Mons. Luis Romera, il Rev. Prof. Martin Schlag, Professore Straordinario della Facoltà di Teologia, terrà la lezione inaugurale sul tema “La finanza e la tradizione del pensiero sociale cattolico”. L’atto si concluderà, come di consueto, con il saluto e agli auguri del Gran Cancelliere.
La Santa Messa votiva dello Spirito Santo, presieduta dallo stesso Prelato dell’Opus Dei e alla quale concelebreranno le autorità accademiche e i Decani delle quattro Facoltà, avrà luogo nella Basilica di Sant’Apollinare alle ore 9:30.
La Pontificia Università della Santa Croce nasce dal desiderio di San Josemaría Escrivá, Fondatore dell’Opus Dei, di promuovere a Roma un centro superiore di studi ecclesiastici al servizio di tutta la Chiesa. Il suo successore, il Beato Álvaro del Portillo, ottenendo le necessarie approvazioni della Santa Sede, lo tradusse in pratica a partire dall’anno accademico 1984/85.
È costituita dalle Facoltà di Teologia, Diritto Canonico, Filosofia e Comunicazione Sociale Istituzionale, complete dei tre cicli del curriculum universitario, e dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose all’Apollinare.
Nell’A. A. 2015/2016 gli iscritti sono stati 1433 provenienti da circa 70 paesi dei 5 continenti

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »