Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Archive for 8 ottobre 2015

Refugees: MEPs call for humanitarian response and overhaul of asylum rules

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

turchia-ist3The new scheme to relocate asylum seekers from Greece and Italy to other EU member states, dialogue with Turkey on cooperation to stem and manage migration flows, and budget measures to respond to the unprecedented refugee crisis, were among the topics tackled in Tuesday morning’s debate with European Council President Donald Tusk and Commission President Jean-Claude Juncker on the outcome of the 23 September informal EU summit.
MEPs regretted the European Council’s apparent lack of ambition to tackle the most serious refugee crisis since World War II. Some advocated reforming the Dublin rules (for determining which member state is responsible for handling asylum applications), opening legal migration channels and fighting smugglers criminal networks. Measures such as strengthening controls at the EU’s external borders and identifying, registering and fingerprinting migrants at the “hotspots” were also addressed in the debate.
Humanitarian concern for refugees as winter draws nigh
The humanitarian situation of refugees within the EU and neighbouring countries was the focus of a second debate with Commission First Vice-President Frans Timmermans and Luxembourg’s minister for relations with the European Parliament during the Presidency of the Council of the EU, Nicolas Schmit.
“The tough period is now, we can expect to see an increase in refugee flows before we are fully into the winter months. This is also a time when difficult decisions have to be taken to ensure the ‘hotspots’ are fully implemented and the budget is made available for the very EU responses the Council has committed to”, said the Chair of the European Parliament’s Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee, responsible for migration and asylum, Claude Moraes (S&D, UK). (full statement)
Migration will also be high on the agenda of the Justice and Home Affairs Council on 8-9 October and of the next European summit on 15-16 October.
Parliament and Council to co-decide on migration and asylum rulesThe European Commission’s current proposals under the co-decision procedure, on which Parliament and Council legislate on an equal footing, are for:a permanent relocation mechanism for asylum seekers within the EU – rapporteur: Timothy Kirkhope (ECR, UK),an EU common list of safe countries of origin – rapporteur: Sylvie Guillaume (S&D, FR),changes to the Dublin rules for determining which member state is responsible for processing applications for international protection of unaccompanied minors – rapporteur: Cecilia Wikström (ALDE, SE),a review of the EU Visa Code, including provisions on humanitarian visas – rapporteur: Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES),a legal migration measure on entry and living conditions for non-EU students and researchers – rapporteur: Cecilia Wikström (ALDE, SE), andthe “smart borders” package, including a proposal for an “entry-exit system” to prevent overstaying in the EU, and thus irregular migration – rapporteurs: Agustín Díaz de Mera (EPP, ES), for the entry-exit system, and Tanja Fajon (S&D, SL), for the registered traveller programme (the Commission is expected to present a new “smart borders” package in late 2015/early 2016).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ecoweek from Greece to Kosovo: teaching and learning

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

kosovoOn Saturday October 3, one month before the opening of the ECOWEEK conference in Thessaloniki, ECOWEEK held its international conference and workshop presentations in Pristina, Kosovo. Architecture students from the University of Prishtina ‘Hasan Prishtina’ presented proposals of design, design-build, and visionary design activist projects in selected locations in the city.This is the second international conference and sustainable design workshops ECOWEEK is organizing in Kosovo. The workshops of ECOWEEK, which last for one week, expose young Architecture students not only to the principles of sustainability and sustainable design, but also to the importance of locality and entrepreneurship as well. Students experience the development of social cohesion and mutual support, re-use of public space, restoration of life in abandoned places in the city and are empowered to dare to think, envision and do.
The modern history of Kosovo is more or less known. The country became independent in 2008, but has not been fully recognized by the world community. With unemployment reaching 45% and unemployment among young people exceeding 55%, the country’s economy is based by 15% from funds that come from migration – based on official data and by a larger percentage per unofficial estimates. Migration of young people and young professionals who flee the country in search of work and a better future in Europe. But given the current crisis of thousands of refugees moving from Syria to Europe, through Turkey and Greece, Europe has reached its limits in absorbing additional refugees. Whether they come from the Middle East or Eastern Europe or the Balkans.
So the question is how to address unemployment through sustainable design? One solution is to create new jobs to absorb the young professionals. According to the International Monetary Fund, the creation of new jobs in Kosovo are not enough to absorb young professionals. The solution proposed by ECOWEEK was to nurture entrepreneurship and empower young people to create themselves their employment through planning processes and initiating projects on their own. In addition to envisioning and shaping the future they want.
So, during the ECOWEEK workshop in Pristina., a team of architects, communication designers and internationally acclaimed artists, opened new perspectives for young architects. They guided them to discover their own way to act in their city, claiming, for example, the public space for pedestrians that has nearly disappeared from uncontrolled construction and the dominance of cars. To redefine the open space in which they live, creating welcoming meeting points, for rest and socializing. To reuse wisely ‘waste’ materials and give them new uses – instead of ending up in a landfill, a stream or a forest, threatening the natural wealth and biodiversity of the country. Learning from the traditional manufacturing techniques – almost identical to the techniques of the building guilds of the Balkans – for the use of local materials, including adobe and local passive solar solutions. One of the workshops dealt with proposals for the design info point in the park Germia northeast of Pristina, which the Municipality isinterested to build in collaboration with the local WWF.
In other words, by empowering and educating, young architects in Kosovo, ECOWEEK is assisting them in two ways: on one hand ECOWEEK offers young people in Kosovo a platform to develop their professional knowledge and skills and realize their potential in their own city, and their own country. Second, by strengthening the local community ECOWEEK is offering an alternative solution to migration, a huge problem currently facing all of Europe. Finally, this process of empowerment gives us an important lesson: by teaching we learn the value of entrepreneurship, courage and action, procedures which may also help also young people in Greece.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Safe Harbour ruling: The Commission must act now to ensure clarity and safety for citizens and businesses

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

european commissionThe European Commission has failed to ensure a solid data protection framework for the transfer of EU citizens’ data to US companies. As a result citizens and businesses alike are left with an unclear legislative patchwork after today’s ruling of the European Court of Justice declaring the Commission adequacy decision invalid, says Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes (S&D, UK), calling for immediate action from the Commission to provide clarity and proper data protection standards for data transfers to the US.Statement from Civil Liberties Committee Chair, Claude Moraes (S&D, UK), after the European Commission’s initial response to the Safe Harbour ruling:
“The Commission’s initial response to the European Court of Justice decision to invalidate the Safe Harbour agreement is disappointing as it lacks any real concrete update on what it intends to do regarding replacing the Safe Harbour framework.Despite the fact that the Commission has been in negotiations with the US on reform of the Safe Harbour for nearly two years, we have still not received any update on the negotiations or the impact that this decision will have on the discussions. Given that the European Court of Justice has invalided the Safe Harbour framework immediately, it is also regrettable that the Commission has not specified a timeframe for the conclusion of these discussions.It is unfortunate that the Commission did not follow up on the European Parliament’s repeated calls to suspend the Safe Harbour framework as this would have allowed it to implement transitional measures over a period of time. Instead, as the European Court of Justice ruling takes effect immediately, the issue has become urgent resulting in the need for the Commission to provide immediate clarity to companies who are uncertain as to how they can continue to transfer EU citizens’ data to the US as well as to provide guidelines to the national data protection authorities.Of course, the flow of EU citizens’ data will continue and there are other alternatives that business can use, including standard contractual clauses or binding corporate rules. This shows that the judgement will not result in a dramatic stop to data flows across the Atlantic with serious economic impact – instead it shows that it is possible to continue with data transfers and at the same time implement a framework that will protect EU citizens’ data when being transferred to the US and ensure they have equivalent safeguards to those that exist in the EU.Both the message from the European Parliament and from the European Court of Justice have been clear: the Safe Harbour framework does not protect European citizens private data when being transferred to the US as the EU Charter and EU law require. Now the responsibility to remedy this solution is with the Commission. It must act without delay to fill this void”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

torinoTorino Giovedì 8 ottobre 2015, dalle 14.30 alle 17, presso l’Auditorium della Città metropolitana di Torino (corso Inghilterra 7) ne parleranno amministratori pubblici, professionisti del settore, costruttori in un seminario che prende in esame i problemi legati alla razionalizzazione e alla valorizzazione del patrimonio pubblico immobiliare.Il seminario nasce come primo approfondimento, nella logica di sostegno e sviluppo della aree omogenee della Città metropolitana e dei Comuni che ne fanno parte, di una mozione approvata a maggio dal Consiglio metropolitano e promossa dal consigliere Andrea Tronzano.
Al seminario prenderanno parte il sindaco Piero Fassino, il presidente della Fondazione Patrimonio comune dell’Anci Alessandro Cattaneo, i consiglieri metropolitani Roberto Montà e Andrea Tronzano. Il dibattito, moderato dal consigliere Vincenzo Barrea, prevede interventi di:
Michele Lorusso, direttore Fondazione Patrimonio Comune Anci.
Elisabetta Spitz, amministratore delegato di Invimit del Ministero dell’economia e delle finanze.
Emanuela Recchi, vicepresidente Assoimmobiliare.
Alessandro Cherio, vicepresidente Anci e presidente Collegio Costruttori Edili

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cuore: terza causa di morte per le donne

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

cuoreE’ grande il cuore delle donne e forte, fortissimo, resiste a tanti urti ed è longevo ma quando qualcosa non va esiste una ‘zona d’ombra’ pericolosa ed è data da una informazione incompleta, ossia che le malattie cardiache siano appannaggio del sesso maschile, un ‘pregiudizio di genere’ che ha effetti drammatici. Lo spiega il Dottor Fabio Massimo Ferri, Responsabile del Reparto di Cardiologia della Casa di Cura Villa Valeria di Roma: “Gli studi e le statistiche sulle malattie cardiache nel passato sono state effettuate prevalentemente sui maschi e anche il cinema ci ha messo del suo creando un ‘paradigma Hollywoodiano’ di come si manifesta un infarto. Il copione cinematografico prevede invariabilmente l’insorgenza di dolore al braccio sinistro, senso di costrizione al torace, sudorazione algida e collasso ma le modalità di presentazione di un attacco di cuore possono essere molto diverse e soprattutto nelle donne sono atipiche rispetto a questo set di sintomi. Questo ha fatto si che le donne non siano consapevoli del rischio e che frequentemente sottovalutino alcuni sintomi, rimandando il ricorso alle cure mediche. A ciò si aggiunga, come evidenziato dai dati sullo Stato Sanitario del Paese 2009-2010 pubblicati dal Ministero della Salute, che negli ultimi anni si è andata delineando una progressiva omogeneizzazione negli stili di vita dei due sessi: da un lato, gli uomini sembrano avere adottato abitudini e comportamenti più salutari, per esempio riducendo il fumo di sigaretta e l’abuso di alcool e incrementando l’attività fisica; dall’altro lato, lo stile di vita delle donne non sembra progredire di pari passo negli ultimi anni, suggerendo la necessità di individuare possibili comportamenti a rischio su cui intervenire ”.
E i dati epidemiologici raccontano una realtà molto diversa: le malattie cardiache sono la terza causa di morte nelle donne giovani, con età tra i 35 e i 44 anni e la seconda tra quelle nella fascia 45-54. “Nel periodo della premenopausa e in presenza di specifici fattori di rischio è consigliabile uno screening di base che preveda analisi del sangue, elettrocardiogramma basale o da sforzo. Un pit stop cardiaco che faccia il punto dello stato di salute del cuore” raccomanda il dottor Ferri “le donne devono controllare la salute del cuore alla stregua di quella dell’apparato riproduttivo. Specialmente se hanno una familiarità per disturbi cardiaci, sono ipertese, obese o diabetiche, se hanno il colesterolo alto e se hanno sofferto di gestosi durante la gravidanza”.
15 mila donne muoiono di infarto prima dei 55 anni, il doppio rispetto agli uomini. Sul totale di quelli che arrivano all’ospedale, le donne muoiono in misura doppia, in parte perché cercano aiuto e si rivolgono al pronto soccorso più tardi (Dati Center of Control Disease americani). In Italia la situazione non appare molto differente: al primo posto della graduatoria per mortalità si collocano, per maggiore frequenza, le malattie ischemiche del cuore, responsabili da sole di 75.098 morti (poco più del 12% del totale). Seguono, in seconda e terza posizione, altre malattie del sistema circolatorio: rispettivamente quelle cerebrovascolari (61.255 morti, pari al 10% del totale) e le altre malattie del cuore (48.384 morti, pari all’8%). In questo ambito per spiegare la grande incidenza che le malattie cardiovascolari hanno nella donna, basta pensare che per ogni donna cui viene diagnosticato un tumore al seno, ci sono almeno 10 donne che rischiano di presentare gravi patologie cardiovascolari. Dati ISTAT pubblicati a Dicembre 2014 riportano tra le donne 37.304 decessi per malattie cerebrovascolari e 37.140 per malattie ischemiche del cuore.
“I sintomi dell’attacco cardiaco ‘in rosa’ sono spesso riconducibili ad un disturbo di altra natura”; chiarisce Ferri che “alcuni segni sono vaghi, aspecifici, molti riconducono a problemi gastrointestinali con nausea, vomito, talora diarrea, che si presentano insieme ad una sensazione di pressione sullo sterno, di fastidio alla gola, un senso di pressione al torace e freddo. Altri sintomi possono essere dolore al collo od alla schiena, alle spalle, allo stomaco.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In prima nazionale Il Prezzo di Arthur Miller

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

filippo milanifilippo milani1Roma Dal 20 ottobre all’8 novembre al Teatro Argentina di Roma debutta in prima nazionale Il Prezzo di Arthur Miller diretto da Massimo Popolizio, in scena da attore e regista di un testo spietato e crudele, con accanto uno dei più prestigiosi nomi del teatro italiano, Umberto Orsini.Due grandi interpreti a confronto per un dramma poco frequentato in Italia, ma che riflette sulla questione sociale di un’economia basata sul profitto e sul “prezzo” da pagare per raggiungere i propri obiettivi. Rappresentato nel 1968 a Broadway, per 429 repliche consecutive, il lavoro scandaglia i temi più cari allo scrittore americano: la critica al sistema economico, crudele e spersonalizzante, i difficili rapporti familiari, la responsabilità etica individuale.
In occasione del debutto nazionale dello spettacolo, venerdì 23 ottobre (ore 18 ad ingresso libero) nella Sala Squarzina del Teatro di Roma si terrà la presentazione del volume Il prezzo, mai pubblicato in Italia e in libreria dal 6 ottobre per Einaudi nella traduzione di Masolino D’Amico (Collezione di teatro, pp. 104, € 12.00). Orari spettacolo: prima ore 21 I martedì e venerdì ore 21 I mercoledì e sabato ore 19 I giovedì e domenica ore 17 I lunedì riposo – Durata: 1 ora e 40 minuti senza intervallo (foto di Filippo Milani)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convenzione Università di Camerino e CSV Marche

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

camerino ambientamentoCAMERINO (MC) – L’Università degli Studi di Camerino e il CSV Marche (Centro servizi per il volontariato) hanno sottoscritto una convenzione al fine di migliorare la realizzazione dei rispettivi fini istituzionali, riconoscendo l’interesse comune a mantenere e sviluppare rapporti di collaborazione per lo svolgimento di iniziative e attività di formazione e ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione sociale. Tale scopo verrà perseguito attraverso l’attivazione di collaborazioni scientifiche e didattiche, la programmazione e realizzazione di percorsi formativi rivolti a studenti dell’Ateneo e a volontari delle associazioni di volontariato marchigiane, l’organizzazione di convegni e seminari, la promozione di tirocini formativi, di orientamento e di altre attività didattiche e divulgative, il riconoscimento da parte dell’Università di eventuali crediti formativi maturati dagli studenti che frequenteranno i percorsi esperienziali proposti dal CSV Marche o assegnati per specifiche attività comuni tra l’Università e il CSV.
A tal proposito, si segnala l’attivazione, presso l’università di Camerino, del Corso di Laurea triennale in Scienze sociali per gli enti non profit e la cooperazione internazionale, per cui è prevista la riduzione di un terzo delle tasse universitarie allegando una lettera di presentazione di un ente non profit. Il corso, volto alla formazione di manager qualificati per il Terzo settore, è particolarmente indicato per chi intende intraprendere un’attività professionale nel non profit, che offre molte prospettive di lavoro soprattutto in vista della riforma in via di approvazione.
Al fine di approfondire i bisogni del volontariato marchigiano e le possibili strategie per soddisfarli, il CSV Marche ha in programma, nel mese di ottobre, una serie di incontri con il volontariato e i suoi principali portatori di interesse per definire il programma di attività per il 2016.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regina Elena ottiene certificazione europea dall’Organization of European Cancer Institutes (OECI)

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

istituto regina elenaL’Istituto Regina Elena, unico IRCCS oncologico della Regione Lazio, ha ottenuto un importantissimo riconoscimento di qualità: la certificazione di Comprehensive Cancer Center dall’’Organization of European Cancer Institutes (OECI).Tale specifica certificazione (la massima su quattro livelli) è stata attribuita soltanto a 13 centri in tutta Europa. L’OECI ha lo scopo di promuovere i migliori modelli in oncologia e sviluppare soluzioni organizzative e scientifiche concrete, per combattere efficacemente il cancro, ma anche per migliorare le azioni di prevenzione e ridurre l’incidenza e la mortalità per tumore assicurando una migliore qualità di vita ai pazienti. L’Organizzazione ha elaborato un sistema di accreditamento all’eccellenza specialistica, attualmente unico al mondo per l’oncologia, allo scopo di fornire ai malati oncologici in Europa un accesso equo e omogeneo alle cure e di aiutare gli istituti oncologici europei a introdurre e seguire un sistema di miglioramento continuo della qualità per le cure oncologiche utilizzando gli standard OECI e il sistema di revisione tra pari (peer review), oltre che la costituzione di una rete europea nella quale gli standard di cura siano omogenei e costantemente aggiornati.
“Essere accreditati come Comprehensive Cancer Center – sottolinea Marta Branca, Commissario Straordinario degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri – conferisce al Regina Elena un importante riconoscimento che impegna ancora di più l’Istituto a promuovere i migliori modelli di diagnosi e cura in oncologia, attraverso soluzioni concrete e sostenibili, migliorare le azioni di prevenzione e ridurre l’incidenza e la mortalità per tumore. Questo grande risultato è stato raggiunto grazie all’impegno di tutto il personale degli IFO.”“Nonostante abbia subito il blocco del turnover e un consistente taglio delle strutture complesse – aggiunge Ruggero De Maria, Direttore Scientifico dell’Istituto, – il Regina Elena riesce a competere con i migliori Comprehensive Cancer Center europei. L’associazione tra la ricerca e la clinica è fondamentale in un settore così delicato come l’oncologia. E’ grazie a questo connubio che l’Istituto è riuscito a dimostrare di poter curare ad altissimo livello tutte le patologie oncologiche.Il gruppo di auditors ha valutato positivamente l’importante programma di riorganizzazione in corso, i grandi progressi nell’integrazione della ricerca con la pratica clinica, e l’alto grado di motivazione di tutto il personale.Sono stati rilevati dei Punti di forza del centro oncologico, in accordo con gli standard di qualità OECI , ed in particolare è stata osservata la presenza di un forte orientamento alla Cultura della Qualità; ci sono esempi eccellenti nell’istituto Regina Elena di “good clinical practice” in cui i risultati sono continuamente monitorati e i miglioramenti pianificati come, per esempio, in Medicina Nucleare, Radioterapia, e Ematologia.La missione degli IRCCS è quella di coniugare la ricerca e la cura di eccellenza, cioè di migliorare la qualità assistenziale attraverso la capacità della ricerca traslazionale di trasferire le scoperte dal laboratorio alla clinica.Il recente trasferimento dei laboratori di ricerca all’interno dell’ IRE per rafforzare ulteriormente l’integrazione tra scienza e clinica ha permesso la formazione dei Gruppi di Ricerca Translazionale, con il compito di fare interagire i ricercatori con i clinici.
L’IRE ha tra i punti di forza la presenza di tutte le diverse specialità delle chirurgie oncologiche ed è l’unico IRCCS oncologico ad avere un reparto di neurochirurgia. Queste chirurgie molto competitive permettono all’Istituto di curare un numero particolarmente elevato di pazienti lungo l’intero percorso terapeutico, una caratteristica che garantisce standard di cura estremamente elevati.
Gli ispettori dell’OECI sono inoltre rimasti molto colpiti dalla qualità dei programmi di prevenzione in cui è impegnato l’istituto, come il programma per i fumatori e i programmi sui tumori a trasmissione familiare e da HPV. L’eccellenza dei laboratori e delle strutture cliniche che si occupano di genetica clinica permettono di individuare gli individui ad alto rischio di contrarre i tumori alla mammella, all’ovaio e al colon.E’ stato inoltre sottolineato l’eccellente servizio di cure palliative per i pazienti dell’IRE, che vengono effettuate a domicilio attraverso un’assistenza integrata con l’Istituto e un finanziamento dalla Regione Lazio. L’IRE ha anche un ottimo servizio per la terapia del dolore.Infine è stato rivolto un plauso particolare per le diverse organizzazioni di volontari che sono attive per aiutare i pazienti e le loro famiglie nel percorso contro il cancro. Sono risultati ottimi esempi le attività pensate per il paziente in un’ottica di umanizzazione delle cure. (Lorella Salce)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Non dimentichiamo le malattie dei poveri”

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

malattia poveriCommento di Tommy Simmons – fondatore di Amref Italia – dopo i Premi Nobel per la Medicina.L’assegnazione del Premio Nobel per la Medicina a William C. Campbell, Satoshi Omura e Youyou Tu è un importante, seppur tardivo, riconoscimento a tre scienziati le cui ricerche hanno beneficiato soprattutto i poveri. Amref – che da quasi 60 anni lavora per la salute dell’Africa – si augura che i Nobel assegnati siano un chiaro segnale per porre rimedio a tante altre malattie dimenticate. Terribilmente scordate perché non rappresentano un’opportunità di mercato. Nell’universo dei poveri, dove spesso si vive alla giornata, dove i tassi di alfabetizzazione ed occupazione formale non offrono alternative o vie di fuga, malattie come quelle su cui hanno acceso i riflettori i Premi Nobel, sono ancora tristemente diffuse e ancora continuano a mietere vittime e ad accentuare la povertà. In termini numerici, la scoperta dell’artemisina da parte di Youyou Tu nell’ambito dei suoi studi sui benefici della medicina tradizionale cinese, negli ultimi decenni ha posto rimedio alle crescenti resistenze del parassita della malaria ai farmaci in uso, salvando un numero incalcolabile di vite e contribuendo ad arginare una crescente epidemia globale. La scoperta di Campbell e Omura, seppure meno eclatante agli occhi dell’opinione pubblica mondiale, si è rivelata fondamentale per tutte le vittime prima incurabili di malattie, largamente sconosciute in Europa ma flagellanti in Africa, come la “cecità dei fiumi” e l’elefantiasi. Una malattia che nel medesimo contesto porta a terribili rigonfiamenti delle gambe, e negli uomini ai testicoli, con dolori e deformazioni tali da rendere impossibile la deambulazione. (malattia poveri)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani all’estero

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

aldo di biagio“I dati che emergono dal decimo Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes tracciano certamente un quadro interessante per il futuro del Paese che vede l’incremento del 7,6% dell’esodo di cittadini italiani verso l’estero di cui il 35,8% sono giovani laureati e diplomati. Sicuramente non è l’incremento dell’esodo a destare preoccupazioni quanto invece alcune variabili collegate ad esso che dovrebbero indurre ad una riflessione sistemica più ampia.”E’quanto dichiara Aldo Di Biagio, senatore di AP in una nota. “L’incremento del numero dei cittadini che emigra rientra in uno scenario di comprensibile dinamicità del mondo del lavoro soprattutto sul versante europeo – spiega – che non può che essere inquadrato come un dato armonico con quanto registrato anche in altre Paesi UE. Ciò che fa riflettere sta nel fatto che molti dei giovani migranti non rientrano più in Italia probabilmente perché l’esperienza maturata oltre confine non trova un ambiente valorizzante in patria”. “A questo elemento – continua Di Biagio – bisogna poi aggiungere il fatto che a differenza di altri Paesi europei, di indiscutibile appeal migratorio, l’Italia continua ad essere una terra di transito e l’esperienza migratoria extrauropea degli ultimi mesi ne rappresenta la metafora per eccellenza”. Di Biagio conclude: “credo che per ripensare al ruolo dell’Italia in uno scenario europeo non si possa prescindere dall’analisi del quadro delle dinamiche migratorie che lo interessano e che evidenziano certamente una sproporzione nel transito dei flussi a cui bisogna rispondere con quelle riforme strutturali che si fa tanto fatica ad approvare”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il processo diagnostico nell’infanzia

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

Paola-BinettiRoma 15 ottobre, alle ore 11 nella Sala Stampa della Camera dei deputati in via della Missione 4 Paola Binetti, esponente della commissione Affari sociali, e l’Istituto di Ortofonologia (IdO) presenteranno il XVI convegno nazionale dell’IdO sulla comprensione dei sintomi e dei comportamenti dei bambini (in programma nella Capitale dal 16 al 18 ottobre, nella Sala Congressi di Via Rieti e in diretta streaming gratuita sul sito http://www.ortofonologia.it. Interverranno alla conferenza stampa Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione; Paola Binetti, deputata del gruppo Area Popolare; Teresa Rongai, segretario Fimp – Federazione italiana medici pediatri di Roma; Raffaele Calabrò, capogruppo Area Popolare della commissione Affari sociali; Magda Di Renzo, psicoterapeuta dell’età evolutiva e responsabile del servizio Terapie dell’IdO; e infine la voce di un genitore: Maurizia Brugé Manni.Al XVI convegno dell’IdO Binetti delineerà lo stato dell’arte della legge sull’autismo, perché “non basta trovare una legge, anche se nuova, se non si fanno arrivare i suoi contenuti agli utenti finali. Il testo avrà significato solo se le famiglie, i docenti e i medici ne capiranno il senso. In questa prospettiva- afferma il neuropsichiatra infantile- il convegno è un’opportunità straordinaria per far conoscere in dettaglio ciò che oggi la scienza, la scuola, le istituzioni e la società mettono a disposizione dei bambini che hanno avuto una diagnosi di spettro autistico. Una diagnosi che deve innescare processi a favore di uno sviluppo corretto, evitando sia i falsi negativi che i falsi positivi”.
La conferenza stampa del 15 ottobre darà quindi il via alla tre giorni di lavori del convegno dell’IdO, che riunirà nella Capitale esperti provenienti da tutta Italia per affrontare gli indicatori di rischio nelle diverse fasi dello sviluppo del bambino: 0-3 anni (nidi), 3-6 anni (scuole di infanzia), 6-10 anni (mondo della scuola).Tantissimi i relatori: si inizierà il 16 ottobre alle ore 14 con Vito De Filippo, sottosegretario alla Salute, su ‘I Livelli essenziali di assistenza (LEA) alla Salute dei minori con disturbi in ambito psichiatrico’. Il sottosegretario lascerà poi la parola agli esponenti delle istituzioni, dell’università, dell’ospedalità pubblica e privata per una riflessione condivisa sulla necessità di una valutazione clinica più ampia, capace di rivalutare le diagnosi partendo dalla conoscenza delle linee di sviluppo del bambino.Nel corso della tre giorni verranno presentate le ultime ricerche nell’ambito dell’autismo (il Test sul Contagio Emotivo e il Test sulla comprensione dell’intenzione dell’altro), unitamente a una ricerca condotta con l’Università degli studi di Padova sui Disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa) e l’assestment dell’attaccamento genitoriale. Infine, saranno esposti i ‘Modelli di rilevazione ai fini dello screening e della diagnosi in età precoce’. Tutte le informazioni sul sito http://www.ortofonologia.it.
Per partecipare alla conferenza stampa del 15 ottobre è necessario accreditarsi scrivendo a binetti.stampa@gmail.com.
I giornalisti che verranno con attrezzatura (macchina fotografica, telecamera, ecc.) dovranno indicare i loro dati anagrafici e il numero di tesserino e/o di un documento di riconoscimento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ActionAid Day, Expo Milano 2015 sostiene la campagna “Cibo per tutti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

cibo2Nutrire il pianeta significa nutrire tutti. Nessuno escluso. In occasione dell’ActionAid Day Expo Milano 2015 sostiene la campagna “Cibo per tutti” a favore dei progetti di ActionAid in Etiopia, India e Italia. Tante le sorprese e le iniziative speciali in programma. I visitatori possono scoprirle tra i padiglioni della grande esposizione che aderiscono all’iniziativa accompagnati da una guida d’eccezione: Veronica Maya, conduttrice tv e madrina dell’iniziativa.
“ActionAid contribuisce al tema di Expo 2015 con la grande campagna ‘Cibo per tutti’, che si pone l’obiettivo di coinvolgere il grande pubblico, le istituzioni e i media sull’esigenza di un cambiamento possibile, anche in questa Esposizione Universale, per ‘nutrire’ non solo il pianeta ma anche tutta la popolazione mondiale. Una grande sfida che invito tutti a sostenere”, dichiara Giuseppe Sala, Commissario unico delegato del Governo per Expo Milano 2015.“Promuovere il diritto universale al cibo all’interno della più grande esposizione mondiale dedicata all’alimentazione è un’occasione unica. Vogliamo far riflettere le persone sull’importanza che ognuno faccia la propria parte, ma anche proporre una visita originale dell’Expo con l’obiettivo di sensibilizzare e informare su questioni delicate in modo coinvolgente”, dichiara Daniele Fusi, direttore Marketing di ActionAid.Madrina dell’iniziativa è Veronica Maya, conduttrice televisiva di tante trasmissioni di successo: “E’ una giornata speciale anche per me. Come mamma di due figli, in attesa del terzo, sono molto sensibile ai temi che riguardano il cibo e la corretta alimentazione dei bambini. Il mio pensiero va in particolare a quelli che combattono ogni giorno contro la malnutrizione”. A partire dalle 11.30, la Maya visiterà i padiglioni partner dell’ActionAid Day e aiuterà i volontari dell’associazione. Infine, dalle 14.30, parteciperà ai laboratori didattici sul diritto al cibo organizzati da ActionAid per le scuole nel Conference Center di Expo.
È possibile sostenere la campagna “Cibo per tutti” dal 27 settembre al 18 ottobre donando 2€ tramite sms solidale da cellulare Tim, Vodafone, Wind, 3, Postemobile, Coopvoce e Tiscali, da telefono fisso Vodafone e TWT o scegliere di donare 2 o 5 € chiamando da telefono fisso Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali. Simbolo della campagna “Cibo per tutti” è un nodo rosso, che rappresenta il legame indissolubile che unisce i destini del Nord e del Sud del mondo.
I fondi raccolti saranno destinati ai progetti di ActionAid in Etiopia, India e Italia. In Etiopia, ActionAid lavora nell’area di Azernet Berberec per fornire acqua pulita, migliorare l’igiene, promuovere la produzione agricola e l’allevamento. In India, ActionAid interverrà a favore di migliaia di donne in 10 villaggi nei distretti di Vellore, Thiruvallur, Kancheepuram, Villupuram e Tamil Nadu. Tra le azioni previste, la fornitura di acqua potabile, la creazione di cooperative femminili e la formazione per la coltivazione organica. In Italia, la campagna CIBO PER TUTTI sostiene “Io Mangio giusto”, progetto contro gli sprechi alimentari per favorire la trasparenza e l’efficienza nelle mense scolastiche. Nel 2015 il progetto ha già coinvolto 24.300 bambini di 455 scuole in tutta Italia e oltre 2500 tra genitori e insegnanti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PMI: misure per facilitare il recupero transfrontaliero dei piccoli crediti

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

parlamento europeoUn maggior numero di cittadini e piccole imprese saranno in grado di utilizzare la procedura Ue semplificata per il recupero di piccoli crediti da altri paesi UE, grazie ai cambiamenti approvati dal Parlamento mercoledì. Tali modifiche aumentano il massimale sui crediti recuperabili con questa procedura da 2.000 euro a 5.000 euro.”E’ importante semplificare il procedimento e ridurre i costi dei contenziosi transfrontalieri di modesta entità, soprattutto per i consumatori e per le PMI. Il procedimento per le controversie di modesta entità ha ridotto il costo delle controversie transfrontaliere fino al 40% e la durata media a soli cinque mesi anziché due anni e cinque mesi, quindi sono contenta che in futuro la procedura sarà disponibile per più casi”, ha dichiarato la relatrice Lidia Joanna Geringer de Oedenberg (S&D, PL).Il procedimento europeo per le controversie di modesta entità, in vigore dal 2009, è una procedura facoltativa che si basa su moduli standard per il recupero degli importi dovuti in un altro paese. Le modifiche legislative per snellire la procedura e per renderla disponibile per più casi sono state approvate con xx voti favorevoli, xx voti contrari e xx astensioni.La risoluzione legislativa è stata approvata con 650 voti a favore, 26 contrari e 28 astensioni. Le principali modifiche
Rendere la procedura disponibile per più casi: il massimale per i reclami coperti dalla procedura dovrebbero essere portati dagli attuali 2.000 euro a 5.000 euro.
Assicurarsi che le spese di giudizio siano proporzionate: le spese di giudizio per il procedimento europeo semplificato dovrebbero essere proporzionate all’importo del valore della controversia e non dovrebbero superare le spese di giudizio a carico della procedura nazionale semplificata. Gli Stati membri dovranno anche rendere possibile l’utilizzo di metodi di pagamento a distanza per saldare le spese di giudizio.
Incoraggiare l’utilizzo in tribunale della tecnologia di comunicazione a distanza: ove disponibili, le parti saranno incoraggiate a utilizzare strumenti di comunicazione a distanza come la videoconferenza per eventuali audizioni.
Fornire assistenza pratica: gli Stati membri devono garantire che le parti ricevano a titolo gratuito sia l’assistenza pratica per completare i documenti necessari, sia le informazioni generali sulla procedura sull’organo giurisdizionale competente.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In scena l’opera Sacred Concert di Duke Ellington

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

concertoRoma Domenica 11 ottobre 2015 alle ore 12:00 presso il Teatro Eliseo Verrà messa in scena l’opera Sacred Concert di Duke Ellington, compositore ed arrangiatore nato nel 1899 a Washington D.C. Ellington ha rappresentato una delle massime espressioni musicali e artistiche del ‘900 storico. Geniali le sue innovazioni strumentali e di orchestrazione, originalissima e sconfinata la sua produzione musicale. I tre Concerti Sacri sono basati sul Vecchio Testamento ed esprimono l’apice della creatività e della poetica del Duca. Il Concerto Sacro che viene presentato dall’Orchestra e Coro del Conservatorio Santa Cecilia, è una sintesi che scaturisce dal materiale musicale dei tre diversi concerti. Viene presentato in una versione originale e riadattata dal M° Alfredo Santoloci, direttore del Conservatorio, con interventi di alcuni testi ispirati al tema della Pace. Gli autori di queste celebri frasi sulla pace e la libertà, sono di: Martin Luther King, Paolo VI, J.F. Kennedy, Ghandi, Kathami, B. Butto ed Ellington stesso.L’orchestra proporrà inoltre Rapsodia in Blue di George Gershwin. Capolavoro assoluto della musica del compositore americano, è un brano che venne concepito originariamente per due pianoforti. Nella versione proposta in questa occasione, l’arrangiamento originale è stato realizzato dal compositore e direttore d’orchestra Alfredo Santoloci. L’Orchestra e Coro jazz del Conservatorio Santa Cecilia, rappresentano una delle eccellenze della produzione musicale di uno dei conservatori più famosi al mondo. Gli oltre 1.500 studenti, provenienti dai diversi continenti, sono la conferma e la dimostrazione di un prestigio ed una reputazione che è rimasta intatta da oltre un secolo. La formazione orchestrale ed i coristi coinvolti nel Concerto sacro, sono selezionati tra i più meritevoli e preparati del conservatorio. (foto: concerto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gluten free days wellness food fest 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

gluten freeRoma, sabato 10 e domenica 11 ottobre, dalle 10.00 alle 19.00, al Palazzo dei Congressi dell’Eur terza edizione del GLUTEN FREE DAYS – WELLNESS FOOD FEST 2015. “Abbiamo voluto ampliare l’offerta”, ha spiegato Roberto Malfatto, presidente del Lanificio, “mantenga la sua identità gluten-free. Vogliamo diventare un appuntamento permanente e importante, una manifestazione di servizio per tutte quelle persone che devono mangiare senza glutine. Il GLUTEN FREE DAYS – WELLNESS FOOD FEST 2015 è l’unico evento in Italia del settore che vede coinvolta l’associazione italiana celiachia per garantire dei contenuti di carattere scientifico di alto profilo. Vogliamo infatti portare informazione, conoscenza e una sempre maggiore chiarezza nel settore.”
“Rispetto ad alcuni anni fa” spiega Gaia De Laurentiis, madrina, “i prodotti sono aumentati, è aumentata l’informazione, ma è importante ricordare che la celiachia è una malattia, non una scelta, non una moda. Ci tengo a ringraziare l’associazione che ha saputo rispondere a una mia richiesta dello scorso anno: dare maggiore attenzione all’aspetto psicologico della celiachia.” Il convegno che si terrà domenica 11 ottobre, di mattina, dal titolo “Psicologia e Celiachia: come e perché” organizzato in collaborazione con l’Ordine degli Psicologi del Lazio vuole infatti far luce sugli aspetti psicologici, emotivi e sociali della dieta associata alle intolleranze.
“Il nostro obiettivo” ha spiegato Paola Fagioli, presidente di AIC Lazio, dopo aver ringraziato i presenti “è proprio quello di fare chiarezza. Da 35 anni siamo impegnati in prima linea nel cercare di portare informazione, dare delle linee guida, perché la celiachia non è una scelta, è una malattia che dev’essere diagnosticata adeguatamente. Con un’attenzione quest’anno al mangiare sano: può, e come, un celiaco mangiare vegetariano, vegano, o adottare altri stili di vita? Daremo queste e altre risposte nel convegno di sabato 10 mattina alle 10.15, dal titolo “Dieta senza glutine, allergie alimentari e stili di alimentazione: è possibile una convivenza?.” Sono 160.000 i celiaci diagnosticati ogni anno, e il 20% è la stima di coloro che ancora non sanno di esserlo.“E’ importante portare la conoscenza anche ai medici oltre che alle persone coinvolte” ha spiegato il Prof. Italo De Vitis, Presidente del Comitato Scientifico di AIC Lazio, “sono infatti chiamati in causa anche i medici di base e i nutrizionisti, e tutti devono individuare percorsi diagnostici adeguati, perché è dannoso mettersi a dieta senza una corretta diagnosi. Dobbiamo dare messaggi chiari, brevi e precisi”.“Il contributo che vogliamo portare” ha detto la dott.ssa Paola Medde, psicologa dell’alimentazione dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, “è solo all’inizio. La celiachia condiziona tutta la vita, non solo per ciò che concerne l’aspetto alimentare, ma anche nel rapporto con gli altri, nella socializzazione, nella gestione delle emozioni e la dieta stessa non è una scelta, ma una necessità.” (foto gluten free)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MALÙ: a multimedia art exhibition by Invernomuto

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

malùToronto Thursday, October 8, 2015 – 6:30pm – 8:30pm Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron St., Toronto Free admission. MALÙ is the first personal exhibit of the duo Invernomuto (Simone Bertuzzi, 1983; Simone Trabucchi, 1982) in Toronto. The exhibit wishes to present the recent path the duo is following, which explores Italy’s colonial past, a few exotic stereotypes of last century’s media and a selection of ethno-marketing cases in Italy. The exhibit consists in a central video – MALÙ – The Stereotype of the Black Venus in Italy – which is also the name of the exhibit, a bi-dimensional original work produced for the Italian Cultural Institute of Toronto and it includes a wall-mounted sculpture.
MALÙ – The Stereotype of the Black Venus in Italy is a video-essay screened at the exhibition Nero su Bianco (Black on White) (American Academy in Rome, curated by Lyle Ashton Arris, Peter Benson Miller and Robert Storr). This film examines the construction of the image of the black female body in Italian society, from the colonial age to modern times. The detrimental stereotypes that date back from the XIX century: the European fascination with Saartjie Baartman, the so-called “Hottentot Venus”; the reappearance of photographs of Abyssinian women commissioned by the Istituto Luce; in Italian cinema of the 60s and 70s; in the advertising campaigns of the 80s; more recently, in the media frenzy surrounding Berlusconi and Ruby Rubacuori.
TABÙ is a bi-dimensional work in Plexiglas that includes a series of icons and logos of Italian brands that, consciouslyistituto italiano cultura toronto or not, have created examples of ethno-marketing; coffee, chocolate and desert brands in particular. The work is a cataloguing of representations of black and African diversity: faces, masks deprived of their textual reference or their brand identity. The finish and the material of the object evoke contemporary corporate imagery.
During the 20 years of Fascism there was a cruel and racist nursery rhyme with Mickey Mouse as protagonist, who arrives in Abyssinia to kill “the Moors”, a derogatory term used to indicate Muslims and Berbers of North Africa. Topolino in Abissinia is a sculpture in resin of Mickey Mouse’s hand; the wall-mounted work seems to extend itself towards the audience to ask them an explanation and to shed a bad light on the reputation of the worldwide pop icon.
Simone Bertuzzi (b. 1983) and Simone Trabucchi (b.1982) have been collaborating as Invernomuto since 2003. Although they primarily work in moving image and sound, Invernomuto also integrate sculpture, publishing, and performance in their practice. Recent solo exhibitions include Artspeak, Vancouver (2015), Wondo Genet, AuditoriumArte, Rome (2015), Anabasis Articulata, Triennale di Milano, Milan (2014), Marsèlleria, Milan (2014), Negus – Far Eye, Museion, Bozen (2014), I-Ration, ar/ge kunst, Bozen (2014), The Celestial Path, GAMeC, Bergamo (2013) and Simone, Padiglione d’Arte Contemporanea, Ferrara (2011). Group shows and festivals (selection): Nero su Bianco, American Academy in Rome, Rome (2015), La Scrittura degli Echi, MAXXI, Rome (2015), Glitch. Interferenze tra arte e cinema in Italia, PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, Milan (2014), Black Star Film Festival, Philadelphia (2014), Così Accade, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Turin (2014), Terre Vulnerabili, Hangar Bicocca, Milan (2011) and Netmage 09, Bologna (2009). In 2013 Invernomuto was a finalist in the 9th Edition of the Furla Art Award and won the first edition of the MERU ART*SCIENCE Award. In 2014 they obtain a funding from MiBAC to conclude Negus, their first full-length film due to be released at the end of 2015; the film has also been selected for Berlinale Talents (Berlin), in 2014. Bertuzzi and Trabucchi also pursue individual practices in the field of music, performing under the names Palm Wine and Dracula Lewis respectively. They live and work in Milan and Vernasca. (malù, istituto itlaiano cultura)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Arte di Nutrire: Gli aperitivi al museo

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

vibo valentiaMuseo Archeologico Nazionale “V. Capialbi” di Vibo Valentia Vibo Valentia – Fino al 31 ottobre 2015. La kermesse L’Arte di Nutrire – Gli aperitivi al museo, dopo la straordinaria partecipazione di pubblico alla giornata inaugurale, presenterà fino al 31 ottobre 2015, nel Museo Archeologico Nazionale “V. Capialbi” di Vibo Valentia, altri attesissimi appuntamenti.
Sabato 10 e sabato 17 ottobre 2015 saranno proposte delle degustazioni create dagli Istituti Alberghieri di Vibo e Paola, utilizzando prodotti messi a disposizione da aziende locali. Non mancheranno, inoltre, spazi dedicati alla musica, al teatro e all’arte contemporanea.
In particolare vogliamo ricordare, sabato 10 ottobre 2015, la performance dell’artista Costantino Rizzuti, cui seguirà un concerto jazz che accompagnerà le degustazioni ed infine un concerto acustico “in Milonga” con Sasà Calabrese e Salvatore Cauteluccio. Sabato 17 ottobre 2015 è previsto uno spettacolo teatrale dal titolo Le figlie del Sole a cura di Mediterranea Teatro, proiezioni video all’interno del museo, degustazione birra artigianale e concerti.
Si potrà, inoltre, ammirare fino al 31 ottobre 2015, la mostra Alimentazione e Archeologia, curata dal responsabile del museo, dottor Fabrizio Sudano, con la collaborazione di archeologi vibonesi e di tutto il personale del museo, allestita in tre sale con reperti provenienti da scavi del territorio vibonese e disposti in sezioni: Alimenti per il rito, Alimenti dalla natura e Alimenti sulla mensa.
In perfetta armonia con la location si collocano le opere di Arte contemporanea degli artisti Antonio Schipani, Francesco Gabriele, Francesco Barilaro e Santo Caglioti nella collettiva Materia, curata dall’arch. Marilena Morabito.
L’iniziativa è resa possibile grazie alla felice collaborazione fra la Regione Calabria, il Segretariato Regionale MiBACT, retto dal dottor Salvatore Patamia, il Polo Museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Angela Tecce e da Expo e Territori. Da rimarcare, ancora, il fattivo contributo dell’amministrazione comunale vibonese.
L’Arte di Nutrire – Gli aperitivi al museo, che si avvale della direzione artistica dell’architetto Marilena Morabito, è in linea con la politica culturale sposata dal dottor Salvatore Patamia che punta ad associare l’arte allo spettacolo così da dare ulteriore impulso ed efficacia ai nostri spazi espositivi. (fotografie di Stefano Milazzo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torino: Visita a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

????????????????????????????????????

Torino ore 10 di sabato 17 ottobre visita a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna sede storica della Provincia di Torino, ora Città metropolitana. Nel 2015 le visite a Palazzo Cisterna si svolgono il terzo sabato di ogni mese, escluso agosto. Gli appuntamenti successivi a quello del 17 ottobre sono quindi fissati per il 21 novembre e il 19 dicembre. Palazzo Dal Pozzo della Cisterna è aperto ai visitatori su prenotazione telefonica al numero 011-8612644. Si può prenotare telefonando dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 16 e il venerdì dalle 9 alle 13, oppure inviando una e-mail all’indirizzo urp@cittametropolitana.torino.it Le visite si effettuano con un minimo di dieci adesioni. Il complesso è anche visitabile, sempre su prenotazione, dal lunedì al venerdì, il mattino dalle scuole (dalle 9,30 alle 13), il pomeriggio da associazioni e gruppi di cittadini (dalle 14 alle 17).
Sabato 17 ottobre sarà anche l’ultimo giorno utile per visitare la mostra “Voci e immagini per l’Armenia”, allestita a Palazzo Cisterna dall’associazione solidale di volontariato AS.SO nell’ambito del progetto “Armenia oggi, tra passato e futuro” e in occasione del centenario del genocidio degli armeni. L’inaugurazione è in programma giovedì 8 ottobre alle 17.
La visita di sabato 17 ottobre sarà accompagnata come sempre da due gruppi storici iscritti all’Albo della Città Metropolitana di Torino: “Nobiltà Sabauda” di Rivolie “La lavandera e ij lavandè ‘d Bertula” di Torino.Il gruppo “Nobiltà Sabauda” è stato costituito nel 1997 in occasione della manifestazione rivolese “C’era una volta un Re“, una rievocazione storica dell’abdicazione del Re Vittorio Amedeo II nel 1730. Il gruppo è suddiviso in due sezioni: “Nobiltà Sabauda 1730“ e “Nobiltà Sabauda 1861“, costituito quest’ultimo in vista delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Ne fanno parte una quarantina di persone, che indossano splendidi abiti, molto curati nei particolari, realizzati nel massimo rispetto del rigore storico che da sempre caratterizza il lavoro del gruppo. Con le sue differenti proposte di spettacolo (teatro, danze e sfilate) in occasione di eventi culturali, rievocazioni storiche, fiere e sagre popolari, “Nobiltà sabauda” ricrea il modo di vivere e le atmosfere dei secoli XVIII e XIX. Suggestivi palazzi d’epoca e La lavanderaincantevoli piazze cittadine diventano teatro di scene di vita quotidiana popolare, borghese e aristocratica. Per saperne di più: http://www.nobiltasabauda.net.
L’associazione “La lavandera e ij lavandè ‘d Bertula” rievoca l’attività dei lavandai che operavano nella borgata Bertolla di Torino fino agli anni ’60, quando il loro lavoro venne sostituito dalle lavatrici meccaniche. Il gruppo storico culturale è stato costituito nel 1992 dai figli dei lavandai, per valorizzare le tradizioni del rione. Nel 2000 è entrato a far parte del’associazione anche il gruppo dei “Teracin del Po”, ampliando l’attività di promozione delle tradizioni, delle usanze e dei personaggi storici di Bertolla attraverso la partecipazione a manifestazioni, feste, carnevali, raduni e sagre paesane. Il gruppo storico realizza e divulga pubblicazioni e materiale storico e culturale, partecipa al Centro di Interpretazione della Circoscrizione 6 ed è inserito nel contesto dell’Ecomuseo urbano della Città di Torino. Ha inoltre allestito nei locali della parrocchia “San Grato” di strada Bertolla il Museo dei Lavandai, che singoli cittadini, gruppi e scolaresche possono visitare su prenotazione. (foto: nobiltà sabauda, la lavandera)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In scena la Norma di Bellini

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

normaPadova. Venerdì 16 ottobre 2015, ore 20.45, e domenica 18 ottobre 2015, ore 16.00, andrà in scena al Teatro Giuseppe Verdi di Padova un innovativo allestimento di Norma di Vincenzo Bellini, tragedia lirica in due atti su libretto di Felice Romani tratto dalla tragedia omonima di Alexandre Soumet, andata in scena per la prima volta al Teatro alla Scala di Milano il 26 dicembre 1831.
L’opera è in cartellone per la Stagione Lirica di Padova 2015, organizzata dal Comune di Padova-Assessorato alla Cultura in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale e realizzata grazie al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il sostegno della Regione Veneto e il contributo della Fondazione Antonveneta.Il capolavoro belliniano sarà proposto in un allestimento di grande interesse realizzato nel 2005 per il Teatro Carlo Felice di Genova dal regista e visual director Paolo Miccichè che arriva a Padova dopo una lunga attività internazionale come regista e visual director specializzato nell’applicazione teatrale delle nuove tecnologie visive, linguaggio che per primo ha portato in Italia nel luglio 1999 all’Arena di Verona.Le proiezioni dinamiche e i cangianti piani visivi di Paolo Miccichè avvolgeranno completamente i personaggi dell’opera trasportandoli in un mondo onirico in cui si potranno scorgere i temi principali dell’opera: la lacerazione di Norma, divisa tra il suo ruolo di sacerdotessa e l’amore tradito per il nemico Pollione, la speranza infranta di riuscire a comporre un’identità minata da un ineludibile rapporto di subordinazione, il tentativo di infanticidio e infine il suicidio come sola via d’uscita da un conflitto identitario insostenibile.
“Da una ventina d’anni – ha spiegato il regista – porto avanti questo tipo di ricerca che a mio parere è l’unica possibile nei grandi spazi dove l’ipertrofia del gesto non è sufficiente a coinvolger spettatori spesso molto distanti dal palco. Nei teatri tradizionali permette invece di ottenere un legame più stretto fra la musica, il canto e il contesto visivo, come del resto lo erano le agili telette che nei secoli passati mutavano contesto in pochi secondi. Queste considerazioni valgono particolarmente in “Norma” in cui non esiste un vero e proprio dramma perché l’elemento portante è la pura vocalità. L’evanescenza della nostra lettura, una scenografia fatta di luce e di grafia proiettata eppure suggestiva, consente di lavorare ancor più sull’espressività del canto, cercando risonanze anche solo formali tra la musica e la visualità”.
Il cast, di altissimo livello, vede impegnata nel ruolo di Norma il soprano spagnolo Saioa Hernández, allieva di Monserrat Caballé, che ha fatto il suo debutto in Italia proprio con il ruolo di Norma al Teatro Massimo Bellini di Catania, al fianco del tenore Gregory Kunde (Pollione). Accanto a lei sul palcoscenico tre giovani vincitori del Concorso Lirico Internazionale “Iris Adami Corradetti”: il tenore Luciano Ganci, finalista al XXV Concorso Internazionale Iris Adami Corradetti nel 2010, dopo la fortunata esperienza dello scorso anno come Pinkerton in Madama Butterfly, vestirà i panni di Pollione, il giovanissimo basso rumeno, messinese di adozione, Cristian Saitta, secondo classificato nell’edizione 2012 sarà Oroveso e il mezzosoprano bresciano Annalisa Stroppa, terza classificata nell’edizione 2009, interpreterà il ruolo della giovane sacerdotessa Adalgisa, la “rivale-amica” di Norma.Completano il cast il tenore Antonello Ceron nel ruolo di Flavio ed il mezzosoprano friulano Alessia Nadin in quello di Clotilde.Sul podio dell’Orchestra di Padova e del Veneto, il M. Tiziano Severini, ospite di prestigiosi festival, con all’attivo produzioni teatrali di livello internazionale e collaborazioni con interpreti quali Luciano Pavarotti, Raina Kabaivanska, Mirella Freni, Nicolai Ghiaurov, Roberto Alagna.Alla compagine orchestrale si affiancherà il coro Città di Padova diretto dal M. Dino Zambello.
La Stagione Lirica di Padova continua domenica 27 dicembre, ore 18.00 e martedì 29 dicembre, ore 20.45, con Aida di Giuseppe Verdi con la regia di Franco Zeffirelli ripresa di Stefano Trespidi. L’orchestra Filarmonia Veneta ed il coro Li.Ve., preparato dal M. Giorgio Mazzucato, saranno diretti dal M. Marco Boemi.
Il costo del biglietto è di euro 70,00 intero (euro 65,00 ridotto) in platea e in prima fila di palco pepiano e di palco 1°ord., euro 67,00 intero (euro 62,00 ridotto) in seconda fila di palco Pepiano e 1°ord., euro 60,00 intero (euro 55,00 ridotto) in prima fila di palco 2°ord., euro 57,00 intero (euro 52,00 ridotto) in seconda fila di palco 2°ord., euro 30.00 intero (euro 28,00 ridotto) in galleria e si potrà acquistare presso la biglietteria del Teatro Verdi(via Livello, 32 – Padova), nei seguenti orari: lunedì dalle 15.00 alle 18.30, da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30 e sabato dalle 10.00 alle 13.00. Nei giorni di spettacolo la biglietteria apre un’ora prima dell’inizio. (foto: norma)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »