Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Archive for 9 ottobre 2015

The hot topic these days is immigration

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

logo fidest ookOnce the strength of a nation was in the number of its inhabitants today is different. New technologies are replacing the man and the strength of a nation depends on human resources not more. Already have seven billion people is becoming a big problem. Economic growth is running out because the margins are shrinking market with over one billion poor. The risk, in the immediate, that reduce workers’ rights and the exploitation of labor prevails. Over the next 20 years we will have at least two billion slaves and one billion unemployed. What to do to reverse the trend? That is the question. You can not drastically reduce the world’s population. Birth control failed. We rightly claimed the right to life but we have failed to enforce another right: the right to live. The risk of a third world war is real. There is a widespread intolerance in the world society. This can lead to regional conflicts in the first place any more than there are today. It is also due to the reckless sale of weapons of mass destruction, to slave traders, to authoritarian regimes, the easy enrichment, exploitation of human resources and the ecosystem. Young people today live with little hope for their future.
Il tema caldo di questi giorni è l’immigrazione. Un tempo la forza di una nazione era nel numero dei suoi abitanti oggi è diverso. Le nuove tecnologie stanno sostituendo l’uomo e la forza di una nazione not more dipende dalle risorse umane. Già oggi avere sette miliardi di abitanti sta diventando un grosso problema. L’espansione economica si sta esaurendo perché i margini di mercato si stanno riducendo con oltre un miliardo di poveri. Il rischio, nell’immediato, che diminuiscano i diritti dei lavoratori e prevalga lo sfruttamento del lavoro. Nei prossimi 20 anni avremo almeno due miliardi di schiavi e un miliardo di disoccupati. Che fare per invertire la tendenza? Questo è il problema. Non è possibile ridurre drasticamente la popolazione mondiale. Il controllo delle nascite è fallito. Abbiamo giustamente affermato il diritto alla vita ma abbiamo mancato nel far rispettare l’altro diritto: quello di vivere. Il rischio di una terza guerra mondiale è reale. Esiste una insofferenza molto diffusa nella società mondiale. Questo può generare conflitti regionali tanto per cominciare più di quanto non ve ne siano oggi. Lo si deve anche alla vendita sconsiderata di armi di distruzione di massa, ai mercanti di schiavi, ai regimi autoritari, ai facili arricchimenti, allo sfruttamento delle risorse umane e dell’ecosistema. I giovani di oggi vivono con poche speranze per il loro futuro. (fonte: Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

How business contacts can harm a company’s performance

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

National Basketball AssociationNew research has suggested the adage ‘it’s not what you know, but who you know’ is one to avoid in business. Networking is seen as the way to progress a career, but companies hiring through business contacts could be harming their performance.
By using the data-rich world of professional basketball researchers analysed the signings and performance of every team in the National Basketball Association (NBA) in the US from 1977 to 2011. In the paper Managers’ external social ties at work: Blessing or curse for the firm?, published in the Journal of Economic Behavior & Organization, Leif Brandes, of Warwick Business School, and Marc Brechot and Egon Franck, of University of Zurich, found that those teams who signed players through their managers’ contacts at his old clubs produced a lower winning percentage than those sides that didn’t do this.Far from the manager’s contacts giving them inside information it seems to have produced a negative effect on the team.Dr Brandes said: “We found teams with ‘tie-hired-players’ – that is those where the manager signed the player through former colleagues on the coaching staff or among the owners at one of their old clubs – win 45.2 per cent of their regular season games, while teams without such players win 50.2 per cent of their games. And that is after controlling for a team’s budget and quality differences in teams and managers.“Anecdotally it seems firms often seek well-connected employees, but our industry-wide analysis shows the hidden costs of such hiring practices.“Pre-existing strong social ties to colleagues at a former business in the same industry are potentially very influential as they create opportunities for various deals and transactions. But our study found evidence that such external business contacts interfere with a company’s ability to select the best transaction partner.”Such was the negative result in the NBA that teams risked losing a place in the play-offs when signing a player from a side with ties to their manager as in 64 per cent of the seasons studied the five per cent fall in the win ratio would have been the difference between a team finishing eighth and ninth, just outside the play-off spots. In spite of this negative performance effect, Dr Brandes and colleagues found that the 146 active managers between 1977 and 2011 were on average 32 per cent more likely to acquire players from teams they had been at before than from unrelated teams, resulting in a total of 190 tie-hired-players.“We also found the negative performance effect is entirely driven by managers under team owners who do not have strong incentives to scrutinise their manager’s decisions,” said Dr Brandes. “These are owners who have brought in the manager, so will give them more leeway as firing them means they are admitting to a mistake. If the owner arrives after the manager, the manager is scrutinised more as he is easier to fire, because they are correcting somebody else’s hiring mistake, and not their own.”Information on manager turnover in the NBA supports the idea that new owners engage in stronger monitoring: within one year of an ownership change, 48 per cent of pre-existing managers are replaced. This would suggest under new ownership a manager would come under far more scrutiny.The findings suggest managers use their social network to reduce time and expense in looking for a business partner in the short-term and not to maximise performance in the long-term – which would be in the best interest of shareholders or owners.Dr Brandes added: “While the setting of this analysis is unusual, the results of our study have fairly broad implications. Several studies in the management and economics literature reveal that employees’ external social network influences their decision-making on behalf of the firm, for example, in connection with hiring, financing or investing.“The fact that these business ties persist beyond shared working experiences makes them potentially influential in decisions made on behalf of the company. Basketball provides a data-rich environment to explore what effect these ties outside the company have on performance and we find the negative effect of a manager’s business contacts is large. It is something managers and companies need to consider when making decisions in both hiring and in other transactions.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mass surveillance of EU citizens

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

european parliamentA resolution on the electronic mass surveillance of EU citizens, following up that of March 2014 which was approved by the European Parliament in light of whistleblower Edward Snowden’s revelations, will be voted by the Civil Liberties Committee on Tuesday. Members will address new cases of mass surveillance, what the European Commission and member states have or have not done to take account of Parliament’s recommendations and data transfers to the US, including under the Safe Harbour scheme.
On 6 October, the European Court of Justice (ECJ) declared the Commission’s Safe Harbour decision invalid. The European Parliament has repeatedly called for the suspension of Safe Harbour, most recently in its 2014 resolution on the surveillance carried out by the NSA.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Beyond The Lens di Carlo D’Orta

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

carlo d'ortaSalerno, al Tempio di Pomona (Via Roberto il Guiscardo, 2) sabato 10 ottobre alle 18 inaugurazione della mostra BEYOND THE LENS, la personale di Carlo D’Orta che mette in mostra una selezione degli ultimi lavori del celebre fotografo italiano tra grandi immagini, intriganti installazioni e delicate sculture di vetro. La mostra, che sarà visitabile dal 11 ottobre all’8 novembre, arriva a Salerno grazie ad Arti Grafiche Boccia, che ha sostenuto il progetto sin dalla sua nascita.
L’opera fotografica di un artista come Carlo D’Orta, unita alle potenzialità e alla precisione delle macchine da stampa di Arti Grafiche Boccia, danno vita a questa mostra – evento che sarà inaugurata sabato 10 ottobre alle 18.
Continua in questo modo l’impegno dell’azienda salernitana per la promozione della cultura e dell’arte, così come già avviene per il Teatro San Carlo di Napoli, il Festival del Cinema di Roma, Il Marte di Cava de’ Tirreni e il Festival Salerno Letteratura.Arti Grafiche Boccia Spa è una delle industrie leader nel settore a livello continentale. Si caratterizza per la presenza di alcuni dei più innovativi impianti, in alcuni casi prime installazioni in assoluto in Europa. Arti Grafiche Boccia stampa quotidiani, riviste specializzate, cataloghi, prodotti per la grande distribuzione organizzata, etichette per i comparti dell’agroalimentare, del beverage e del pet food. L’azienda, fondata negli anni sessanta, è stata sempre all’avanguardia per intuizioni e scelte imprenditoriali; attualmente occupa circa BerlinoValencia150 addetti. Oltre alla sede produttiva nell’area industriale di Salerno, è presente nel mercato europeo a Londra, Parigi, Copenaghen, Roma e Milano.
L’azienda del Presidente del Comitato Credito e Finanza di Confindustria Vincenzo Boccia, e past president delle Pmi di Confindustria, produce e distribuisce da Salerno periodici e stampati in tutta Europa, nel Medio Oriente e negli Emirati Arabi. La sponsorizzazione della mostra di Carlo D’Orta rientra in un articolato piano culturale che ha visto il supporto alla variegata attività di ricerca di un altro grande maestro della fotografia, Luca Campigotto, con la realizzazione di un volume dedicato all’azienda ed edito da Alinari.
“Abbiamo voluto fortemente portare anche a Salerno questa mostra”, dichiara il direttore marketing di Arti Grafiche Boccia Monica Vitiello. “Lo abbiamo fatto perché per noi l’impresa comunità resta il modello di riferimento. Puntiamo ai risultati senza mai farli diventare l’obiettivo finale ma piuttosto il mezzo indispensabile per una crescita a vantaggio dell’impresa e del territorio.
Abbiamo sostenuto il progetto di questa Mostra perché crediamo nell’importanza della ricerca fotografica e nel grande valore di questa espressione di arte contemporanea. Le aziende come la nostra stampano milioni di immagini al giorno e la ricerca artistica ed il supporto ai grandi fotografi possono contribuire a una maggiore attenzione al ruolo della fotografia.” (foto: carlo d’orta, berlino, valencia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Tesi di Laurea Welfare aziendale

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

Roma, il 29 ottobre Praesidium SpA e l’Istituto di Studi Superiori sulla Donna (ISSD) dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum conferiranno il Premio Tesi di Laurea “Welfare aziendale – Innovazione organizzativa per una nuova cultura flessibile del lavoro” alla miglior tesi candidata e discussa nell’anno accademico 2014-2015 in una delle Università italiane.
Questa prima edizione del Premio vuole promuovere una nuova cultura del welfare e dell’organizzazione del lavoro, tematica trattata all’interno dei percorsi di studi universitari, allo scopo di stimolare la formazione dei futuri protagonisti dell’economia del nostro Paese. Tre i temi di approfondimento: l’evoluzione del welfare in Italia ed Europa e dei modelli organizzativi; la conciliazione tra la famiglia e il lavoro e infine l’analisi delle strategie di comunicazione e dei metodi più efficaci per diffondere, attraverso gli strumenti che le moderne tecnologie ci mettono a disposizione, i piani di sviluppo del Welfare aziendale. L’iniziativa che nasce dalla volontà congiunta di due istituzioni profondamente diverse, ma accomunate dall’interesse di fare sistema per cambiare la cultura, ha la sua forza proprio nella diversità dei suoi protagonisti e nella capacità di lavorare insieme per il bene comune. L’alleanza infatti tra APRA e Praesidium è solo l’inizio di un progetto di più largo respiro che l’ISSD sta portando avanti per promuovere l’armonizzazione tra lavoro e vita complessiva delle persone attraverso l’istituzione di un Tavolo di Lavoro per lo studio di un modello innovativo di flessibilità oraria e organizzativa, con il coinvolgimento di rappresentanti di istituzioni, aziende, sindacati e associazioni di settore, tra i quali ad esempio Praesidium, Federmanager, UCID, Confartigianato, COLAP e CISL, che aderiscono al progetto in qualità di Partner Co-fondatori. L’obiettivo dell’Ateneo è dunque quello di inserirsi nel dibattito attuale sulle questioni centrali della vita economica e sociale, creando un dialogo aperto con tutti gli attori necessari per costruire un cambiamento culturale e familiarmente responsabile.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Olio italiano superstar in rete

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

olio italianoScarsa percezione del valore della certificazione di qualità e una alta web reputation dell’olio italiano nei media di tutto il mondo: due concetti in apparente antitesi tra loro che mostrano le varie sfaccettature del comparto oleario italiano, evidenziando da una parte la capacità di promuovere l’olio italiano nel mondo e dall’altra la difficoltà a instillare nel consumatore una conoscenza dei marchi DOP e IGP tale da permettere il riconoscimento del valore aggiunto derivante dalla certificazione di qualità. Questo è uno dei risultati della ricerca “L’oro verde italiano. Indagine online e offline sull’olio extravergine DOP/IGP italiano” condotta da Ismea ed Aicig con la collaborazione di Zowart Creative Agency, presentata ieri 7 ottobre nella sede Aicig di Roma alla presenza di Fabio Del Bravo, Direttore Servizi per il Mercato Ismea, Francesco Carnevale, Presidente e Direttore creativo Zowart Creative Agency, Pier Maria Saccani, Segretario Generale AICIG, le cui conclusioni sono state affidate a Luca Bianchi, Capo Dipartimento delle Politiche competitive della qualità agroalimentare, ippica e della pesca MIPAAF. L’incontro è stato moderato da Mauro Rosati, Direttore Generale Fondazione Qualivita e vi hanno partecipato, tra gli altri, anche Luca Sani, Presidente della Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, Massimo Fiorio Vice Presidente della stessa Commissione Agricoltura e Colomba Mongiello, deputato e membro della Commissione.Tre gli obiettivi in particolare: analizzare la presenza di Olio Extravergine di Oliva DOP/IGP italiano presso un numero selezionato di punti vendita in USA e in Europa, studiare la percezione del prodotto nei social media e blogger italiani e stranieri e analizzare il livello di comunicazione in rete offerto dai Consorzi di oli associati ad Aicig.L’analisi si è concentrata su come e quanto il concetto di olio extravergine d’oliva in generale – e italiano a denominazione in particolare – venga percepito dal consumatore finale, nel tentativo di individuare quei gap informativi che possono incidere negativamente sulle scelte al momento dell’acquisto.L’indagine, tra gli altri spunti di riflessione, rivela che la tipologia extravergine, di varia origine, marca nettamente la sua presenza tra gli oli d’oliva in generale negli scaffali della GDO (con un’incidenza costantemente al di sopra del 60%) e nelle discussioni animate sui blog e su altri canali on-line considerati tra i più influenti del web.In particolare, l’olio extravergine italiano (o individuato/percepito come tale) prevale rispetto a prodotti comparabili di altra provenienza geografica, in termini di presidio dei mercati al consumo (con picchi stimati in taluni casi anche oltre il 60%) e di conversazioni analizzate sulla Rete.
Un dato su tutti: l’extravergine d’oliva italiano è l’argomento più discusso nella blogosfera statunitense (42,7% è la stima del peso delle discussioni riguardanti il prodotto nazionale in rapporto a quelle dedicate all’extravergine in generale). I concetti più richiamati nelle discussioni richiamano legame con il territorio e sistema di controllo… un segnale importante per le produzioni Dop e Igp! (foto olio italiano)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Misure positive del Governo per controllare il doping nello sport”

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

palazzo chigi“Il Doping è senza dubbio una brutta piaga dello sport, che lo trasforma da determinante di salute in fattore patologico per gravità, progressività e perfino per contagio nel gruppo dei giovani sportivi. L’interpellanza da me presentata chiedeva quali iniziative il Ministero intendesse assumere presso i medici sportivi e di famiglia, gli allenatori e i diversi tecnici sportivi, per una più appropriata formazione sportiva, con l’obiettivo di ridurre l’uso di quelle sostanze che, pur non rientrando direttamente tra quelle considerate dopanti, rivelano comunque una cultura doping-affine. E in secondo luogo si chiedeva quali iniziative il governo intendeva assumere direttamente con i giovani”. Lo afferma l’on. Binetti che prosegue: “Nei fatti il Ministero della Salute fa molto per offrire una formazione qualificata a medici di famiglia e a medici sportivi, ma poi i giovani messi davanti alla sollecitazione dell’evento sportivo, della competizione, cedono facilmente alle lusinghe che allenatori, tecnici sportivi, amici, fanno balenare ai loro occhi, come condizione per poter vincere”. Conclude il deputato di Area Popolare: “Il sottosegretario De Filippo ha evidenziato una nuova e più ampia forma di collaborazione con il MIUR per raggiungere direttamente i giovani e far comprendere loro gli effetti dannosi che le sostanze doping affini possono provocare, anche se non appaiono nella lista delle sostanze vietate. Serve una cultura in cui la competizione per essere davvero leale sia giocata anche tenendo conto dei limiti fisiologico con cui ogni persona deve fare i conti. E’ un punto di equilibrio fisico in cui si riflette la maturità del soggetto e la sua capacità di prendersi cura di sé, anche quando tecnici e allenatori spingono in direzioni diverse.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MAKER FAIRE… per chi? Contestazione Maker Faire all’Università La Sapienza

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

universita-la-sapienza-romaRoma. Nei giorni 16-17-18 di Ottobre l’università La Sapienza ospiterà la Maker Faire, una fiera dell’innovazione di portata internazionale che, parole degli organizzatori: “unisce scienza, fantascienza, tecnologia, è divertimento e business e dà vita a qualcosa di completamente nuovo”. Purtroppo al di là del plausibile interesse per alcune delle innovazioni esposte e oltre gli slogan e le frasi fatte da grande evento, crediamo che questa fiera sia la riproposizione di contraddizioni insanabili interne al mondo dell’università, agli studenti e in generale all’idea di progresso e innovazione .
1. L’università sarà completamente chiusa (blocco della didattica, biblioteche, facoltà e laboratori chiusi)durante i giorni della fiera, per entrare si pagherà un biglietto di 10 euro(4 per gli studenti) e i lavoratori saranno mandati in ferie forzate. In sostanza, per quattro giorni lo spazio in cui passi la maggior parte delle tue giornate sarà affittato a grandi aziende private, sponsor dell’evento. Nonostante tra gli sponsor della fiera ci siano infatti aziende del calibro di Intel, Tim, Microsoft, Eni e Bnl, verrà comunque richiesto di pagare un ingresso ad uno spazio altrimenti pubblico.
2. I benefici in termini monetari non si sa a chi andranno, di certo non a diminuire le tasse universitarie, o a riparare aule che cascano a pezzi, o a finanziare il diritto allo studio.
3. Si ripropone, come per la festa promo della Toyota o per le varie iniziative di sponsorizzazione che vengono fatte, un’idea dell’università come di uno spazio pronto ad essere affittato o ancor peggio svenduto all’azienda che offre di più, trascurando qualsiasi esigenza di chi l’università la vive tutti i giorni, dagli studenti fino ai ricercatori e ai lavoratori.
4. Anche il modello di innovazione proposto dalla Maker Faire è un nodo non meno problematico degli altri…”la celebrazione della cultura e del movimento #makers” si riduce all’ennesimo invito per i giovani a lavorare gratis, nella speranza che “1 su mille ce la fa !”. L’organizzazione di contest e l’esposizione dei
progetti, più votata alla commercializzazione che alla spiegazione dell’idea in sè, rende la fiera una grande bancarella per aziende di larga distribuzione e improbabili manager di startup companies.
L’invito esplicito, sembra essere: “fatti venire una buona idea, qualcuno poi te la comprerà!”Mentre sta scomparendo la ricerca pubblica insieme alla diminuzione delle borse per i dottorati, mentre interi corsi di laurea vengono cancellati perché definanziati, l’invito implicito che viene fatto a noi studenti è di lavorare gratis e se sei uno sveglio inventati una startup, magari una grande azienda te la comprerà. Riteniamo tutto ciò una provocazione. Vogliamo un’università aperta e accessibile ogni giorno dell’anno e rifiutiamo qualsiasi presa in giro da parte del rettore.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tante nuove opportunità per le imprese nella missione Usa

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

eatalySono molto promettenti le occasioni per le imprese friulane alla missione regionale, istituzionale ed economica, negli Stati Uniti, in questi giorni concentrata su New York e quindi a Washington, prima del rientro in Fvg. La Camera di Commercio di Udine, con la collaborazione del sistema camerale, oltre che dei partner di missione e l’Ice, sta coordinando le attività per le aziende. Nello specifico, quelle della delegazione del comparto food&wine, che a Eataly Ny è stata impegnata in incontri di business e si è presentata all’amplissimo pubblico della Grande mela, e quella delle aziende dell’arredo-meccanica, che in contemporanea e fino a domani (mercoledì 7) stanno portando avanti B2b con controparti locali preselezionate. «Presentarci come sistema, istituzioni e imprese insieme – commenta il presidente camerale Giovanni Da Pozzo – è importantissimo per assicurare alla nostra economia il contesto migliore per avviare o consolidare gli affari sul mercato statunitense, lo ricordiamo, il terzo mercato di riferimento per l’export del Fvg, con una crescita del 47% tra 1° semestre 2014 e 2015. Tra i prodotti più esportati Fvg-Usa, navi e imbarcazioni, prodotti della siderurgia e macchinari, quindi mobili, articoli da coltelleria, strumenti per le telecomunicazioni e il nostro agroalimentare d’eccellenza». E proprio da questa missione regionale, si aprono nuove opportunità per i prossimi mesi. Per quelle del food&wine, per esempio, la tappa newyorkese della Borsa vini, il prossimo febbraio, evento internazionale tra i più prestigiosi, cui il sistema camerale sta già progettando la presenza imprenditoriale friulana, così come una nuova collaborazione promozionale con Eataly, emersa proprio nel corso dell’attuale missione. Per le imprese dell’Ict, un ritorno, nel 2016, nella costa est la prossima primavera, dopo le tappe della Florida e della Silicon Valley, per stringere alleanze con le realtà più dinamiche al mondo del comparto. E per tutti gli altri settori, sono già impostati approfondimenti, orientamento e missioni negli States, anche in zone menomainstream, ma proprio per questo ancor più ricche di nuove occasioni perché in grande crescita, come per esempio l’area Seattle e lo stato di Washington e il Texas. (foto: eataly)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Biotecnologie ed Innovazione in Medicina

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

merck seronoSocial network, communities, blog, forum: con l’avvento del Web 2.0 cosa è cambiato per i professionisti dell’informazione chiamati ad informare in maniera corretta e referenziata sui temi della salute? E’ possibile realizzare una comunicazione efficace in ambito healthcare senza ascoltare la Rete e confrontarsi con essa? Per discutere di questi e altri aspetti,
., affiliata italiana di Merck, ha riunito oggi a Roma esponenti del mondo della comunicazione, dell’Healthcare e del biotech in occasione dell’’incontro “Biotecnologie ed Innovazione in Medicina sul Web 2.0. Fonti di informazione, fruitori, linguaggi”.
“Le applicazioni del Web 2.0 sono diventate uno strumento sempre più importante per la discussione ed il confronto sui temi legati alla salute – ha spiegato Antonio Tosco, Direttore Health Outcomes & Market Access di Merck Serono S.p.A.: i nuovi media altamente interattivi hanno cambiato i modelli di fruitore, le aspettative dei fruitori stessi e, ovviamente, anche i linguaggi. Di fronte a questi stravolgimenti, come si deve comportare il giornalista che si occupa di temi Healthcare? L’informazione giornalistica sulla salute risponde ancora ai bisogni dei suoi fruitori? E come ci si può adeguare a questi nuovi bisogni senza tradire la propria “mission” professionale e continuando a garantire un’informazione corretta? Nell’incontro di oggi abbiamo voluto provare a rispondere a questi interrogativi, con l’aiuto di esperti e studiosi del Web 2.0”.
Questi gli spunti di riflessione emersi dal dibattito
1. Linguaggio dei Social vs corretta informazione: perché entrano in conflitto
“Sul web, così come sui social – ha dichiarato Federico Mello, Giornalista del programma televisivo Ballarò e blogger Huffington Post – tutto tende a funzionare seguendo le dinamiche del feedback. On line ogni cosa è infatti misurabile: le visite, i ‘mi piace’, i retweet, i commenti, i follower, le condivisioni, i preferiti. Inoltre, molti mattoni di comunicazione (che siano un post o un tweet), mostrano in maniera plateale al navigatore il loro grado di popolarità, facendo scattare così il tipico ‘effetto BandWagon’, ovvero “Guardo quel video perché lo stanno guardando tutti”. Se a queste constatazioni – ha proseguito il Dottor Mello – aggiungiamo il fatto che ogni testata digitale ha numerosi strumenti (analisi dei flussi di traffico, risposta dei social network, link in entrata, ecc…) per poter analizzare i feedback dei suoi contenuti, ecco che il rischio di compromettere una corretta informazione è dietro l’angolo. All’obiettivo di informare, infatti, si sostituisce quello di raccogliere visite. A tutt’oggi comunque una informazione al contempo efficace, completa e ‘virale’ è possibile, ma risulta impossibile – ha concluso Mello – realizzare un buon servizio agli utenti se l’obiettivo di qualsiasi impresa editoriale rimane la caccia ai click. Questo naturalmente vale ancora di più per alcuni campi delicati dell’informazione, come quella medico-scientifica.”
2. Tecnologie digitali: come è cambiato il modo di raccontare e condividere l’esperienza della malattia. “Oggi le conversazioni online sulla salute, la malattia e le terapie – ha spiegato Cristina Cenci, Senior Consultant Eikon Strategic e curatrice del Blog Digital Health, Nòva Il Sole24Ore – consentono di condividere con altri ‘pazienti come me’ le paure, le aspettative, gli effetti dei farmaci. Questo cambia radicalmente la percezione e il percorso della malattia. Nel momento della cura, le discussioni online contribuiscono all’aderenza terapeutica ma anche a determinare effetti placebo e nocebo dei farmaci. Quando la malattia è cronica, le comunità online offrono quel supporto che mai nessun sistema sanitario o network di caregiver è mai riuscito ad offrire prima. La sfida allora per la comunicazione e i media – ha concluso la Dott.ssa Cenci – è ascoltare il discorso sociale online e acquisire la consapevolezza che il racconto di malattia non può essere scientificamente avalutativo, ma deve avere senso e significato dal punto di vista del soggetto. Serve empatia narrativa, bisogna trovare il giusto linguaggio e le metafore adeguate per comunicare questi temi partendo dall’ascolto di quello che si condivide in rete, un osservatorio fondamentale delle esigenze e delle rappresentazioni collettive.”
3. Gli italiani e l’informazione sulla salute in Rete: usi e consumi. “I trend degli ultimi 10 anni mostrano una crescente sensibilità al tema salute – ha sottolineato Stefania Fregosi, Direttore delle ricerche quantitative Dipartimento Salute GfK Eurisko. – Il paziente diventa sempre più attento, sensibile, competente, con una conseguente ‘espansione’ delle pratiche di salute: aumentano infatti i comportamenti ‘preventivi’, cresce la popolazione attenta. In questo nuovo contesto la ricerca di informazioni appare centrale e sembra ridefinire la tradizionale relazione medico-paziente (medico informato, paziente passivo). Internet diventa un luogo cruciale per cercare e condividere informazioni ed esperienze. Come noto, cresce esponenzialmente negli ultimi 10 anni la quota degli internauti (dall’11 al 68% degli Italiani maggiorenni) ed aumenta in modo consistente la percentuale di chi si informa sulla salute nel web: circa l’85% degli utenti, infatti, ha cercato informazioni sulla salute sui siti Internet e quasi il 30% ha partecipato a discussioni di salute su blog, forum, chat.1 In questa prospettiva – ha spiegato la Dott.ssa Fregosi – appare cruciale per chi opera nel settore della salute cogliere la sfida e far fronte ai bisogni del «cittadino-paziente internauta». Si tratta di una sfida a due livelli: da un lato riguarda i servizi al cittadino (Come dare risposta ai bisogni di competenza e confronto? Quali servizi, quali strumenti offrire al cittadino? Come assicurare un’informazione garantita nel web?), dall’altro riguarda la relazione medico-paziente, ovvero come «ri-definire» un nuovo tipo di relazione che legittimi e valorizzi il bisogno di protagonismo e consapevolezza del paziente nella gestione della propria salute (così importante nel determinare il successo della cura), senza mettere in difficoltà il ruolo del medico a cui il paziente vuole e continua ad affidarsi.”
4. Comunicare il valore del biotech: l’esperienza di Farmindustria. “Le biotecnologie sono oggi la frontiera dell’innovazione in Italia – ha affermato Agostino Carloni, Direttore Comunicazione, Stampa e Studi Farmindustria. Se ci soffermiamo sul solo settore Salute, abbiamo 3.900 addetti in R&S, 199 aziende del farmaco biotech, 88% degli investimenti in R&S sul totale effettuati dall’industria del farmaco, 145 farmaci biotecnologici oggi disponibili nel mondo e 303 progetti in fase di ricerca e sviluppo. Grazie alla ricerca farmaceutica sempre più biotech – prosegue Carloni – sono migliorate molte terapie esistenti e individuati nuovi trattamenti per malattie finora ritenute senza cura.
Per questo Farmindustria, nell’ultimo anno, ha avviato una serie di eventi per una maggiore informazione sulla realtà biotech. Esempi di questo impegno sono diversi progetti che hanno i giovani come target di riferimento come Geni a bordo: la scienza viaggia in Camper, format di divulgazione itinerante realizzata negli istituti superiori italiani, e la collaborazione con Wired attraverso video, infografica e social network.”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

SACE e Deutsche Bank: € 46,5 milioni per Bottero in Turchia

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

Deutsche-Bank-Sede-MilanoNell’ambito dell’operazione, SACE ha garantito un finanziamento del valore di 46,5 milioni di euro erogato da Deutsche Bank in favore di Park Cam a supporto della fornitura di macchinari per la produzione di contenitori in vetro per l’industria alimentare destinati a un impianto integrato nella regione di Bilecik, nella Turchia nord-occidentale.L’intervento consolida la relazione commerciale tra Bottero e Park Cam, già positiva e avviata nel 2013, e rafforza la penetrazione del gruppo italiano in un mercato a elevato potenziale per l’impiantistica italiana, dove ha conseguito commesse con altri operatori chiave del settore.Caso unico al mondo, Bottero è da cinquant’anni leader mondiale in tutti i comparti dell’industria del vetro (vetro cavo, impianti speciali, vetro piano, laminato e monolitico). L’azienda opera prevalentemente sui mercati esteri, dove realizza oltre il 90% del fatturato, con una presenza commerciale in Europa, Cina, Sud America e Nord America.SACE, al fianco di Bottero dal 2003, ne ha assicurato forniture e ha sostenuto i piani di crescita per un valore complessivo che, con quest’operazione, arriva ai 35 milioni di euro in diversi mercati emergenti, come Kazakistan e Brasile oltre alla Turchia. L’operazione, che si è avvalsa della rete internazionale e del know how specifico di Deutsche Bank, testimonia ancora una volta il concreto supporto della Banca alle aziende italiane con vocazione all’export e all’internazionalizzazione che rappresentano, come il Gruppo Bottero, le eccellenze del paese Italia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata Internazionale del Cinema d’animazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreBrescia mercoledì 28 ottobre è la Giornata Internazionale del Cinema d’animazione e l’Associazione Avisco di Brescia, che da anni utilizza questo linguaggio nei percorsi di produzione audiovisiva con bambini e ragazzi, invita grandi e piccini, appassionati e curiosi a partecipare alla festa dedicata alla produzione artistica internazionale dei grandi autori e ai film realizzati da bambini e adolescenti.
In attesa delle proiezioni serali, nel pomeriggio il foyer del cinema Nuovo Eden si trasformerà in una piccola fucina dell’animazione. È bello guardare i cartoni animati…ma crearli è anche meglio. Questa è l’idea alla base della proposta. Fare una piccola esperienza di produzione prima della visione dei film aiuta a capire la complessità del processo di produzione e a scoprirne le grandi potenzialità espressive.
Dalle ore 16.00 alle 19.00 saranno a disposizione di ragazzi e bambini a partire dai 6 anni, tre set di ripresa dove sarà possibile sperimentare la tecnica e diventare autori di brevi animazioni.
Alle ore 21.00 il cinema d’animazione racconta la diversità con cortometraggi di giovani autori internazionali tra cui My mum is an airplain (La mia mamma è un aereoplano) di Yulya Aronova e Snowflake (Fiocco di neve) di Natalia Chernysheva. Con tono ironico o provocatorio, metaforicamente o in modo diretto, i film in programma offriranno possibili spunti di riflessione sul tema della diversità e dell’inclusione sociale, non solo al pubblico adulto, ma anche ai più giovani che avranno la possibilità di vedere prodotti di qualità, difficilmente visibili in televisione o sul web.
A questi si alterneranno film realizzati in ambito socio-educativo da autori bambini e adolescenti, tra cui La libertà è fiorita prodotto lo scorso anno dalle classi quinte della scuola primaria Calini di Brescia e Nel paese delle pulcette nato in un laboratorio che ha coinvolto un gruppo di bambini di 5 anni presso la Fondazione PinAC di Rezzato.Durante la giornata, che è parte integrante del progetto Oltre il muro – Il cinema e le nuove tecnologie come strumenti di inclusione, sarà presentato un breve video di “making of” del murale realizzato presso la Mediateca Provinciale di Brescia da un gruppo di ragazzi e ragazze che frequentano il Servizio di Formazione all’Autonomia della Cooperativa la Mongolfiera e alcuni studenti delle scuole superiori di Brescia, coordinati dall’artista Armida Gandini. Nel foyer del cinema Nuovo Eden saranno esposte alcune fotografie che raccontano l’entusiasmo e la determinazione che hanno portato alla nascita di questa opera collettiva nel piazzale della Mediateca Provinciale.
Il programma, pensato per un pubblico di tutte le età, è stato messo a punto in collaborazione con Bergamo Film Meeting, con cui Avisco collabora da diversi anni, condividendo l’interesse per la diffusione del cinema di qualità, in particolare tra gli spettatori più giovani.
L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il cinema Nuovo Eden e Asifa Internazionale, l’associazione che unisce autori e istituzioni operanti nel settore promuovendo la diffusione e la valorizzazione di questo linguaggio dalle grandi potenzialità artistiche ed espressive. La partecipazione è libera e gratuita fino ad esaurimento posti.Il progetto Oltre il muro è realizzato da Avisco anche in collaborazione con Cooperativa la Mongolfiera, Ufficio Scolastico Territoriale, Mediateca Provinciale, Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese e con il contributo del Bando Associazionismo e Volontariato 2014/2015 della Regione Lombardia gestito della Provincia di Brescia – Ufficio Associazionismo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cure del neonato nei paesi a limitate risorse

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

milanodavedereMilano. Il 13 ottobre a partire dalle ore 9.00 si tiene presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano (via Festa del Perdono 7) il IV CONGRESSO NAZIONALE DI CURE DEL NEONATO NEI PAESI A LIMITATE RISORSE. Il congresso, organizzato dalla Società Italiana di Neonatologia, dal Gruppo di Studio Neonatologia e Sviluppo della Società Italiana di Neonatologia e da Mangiagalli Life, ha preso il nome NASCERE, la parola chiave che, declinata nelle lingue del mondo, va a formare il Duomo di Milano nel logo. Sarà l’occasione non solo per porre nella massima attenzione le tematiche della salute della donna e del neonato nei paesi a limitate risorse, ma anche per mettere a confronto su base permanente gli attori dello scenario, ovvero i tecnici della comunità scientifica e gli implementing agent delle organizzazioni umanitarie.La risposta degli attori è stata generosa e infatti NASCERE vanta:
I PATROCINI di Ministero Degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Ministero Della Salute, Comune Di Milano, Università degli Studi di Milano, Società Italiana Di Pediatria, Società Italiana Di Neonatologia, Women For Expo, Fondazione IRCCS Ca’ Granda – Ospedale Maggiore Policlinico di Milano
La presenza delle 18 più importanti ONG italiane: Coopi, Cuamm, Project For People, Emergency, Medici Senza Frontiere Francia, Fondazione Pro-Africa, Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria (Onsp), Medicu Mundi, Institute Of Tropical Medicine, Karibu Africa Onlus, Comitato Collaborazione Medica, Progetto Sorriso Nel Mondo, Cesvi, Fondazione Veronesi, Patologi Oltre Frontiera, Amici Del Mondo – World Friends Onlus, Mangiagalli Life
La presentazione di progetti in 18 PAESI : Mali, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Mozambico, Tanzania, Uganda, Burundi, Togo, Burkina Faso, Sud Africa, Sud Sudan, Sierra Leone, Kenya, India, Bangladesh, Afghanistan, Pakistan, Ecuador.
Tra i relatori spiccano:
GINO STRADA, fondatore e direttore esecutivo di EMERGENCY
TAREK MEGUID, membro di IERG (Independent Expert Review Group), un gruppo di 6 persone, scelte da Ban Ki Moon, che riferisce alle Nazioni Unite sulla salute mondiale della donna e del bambino
GRAMMENOS MASTROJENI, Consigliere del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
PADRE PAUL OUEDRAOGO, pediatra, direttore sanitario Ospedale Saint Camille, Ougagadougu, Burkina Faso, Padre superiore Provincia camilliana Burkina Faso e Benin.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Tattoo-changing”

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

tatuaggio-pettoUn tatuaggio e’ per sempre? La risposta, sempre piu’ spesso, e’ no. Oltre 1 milione e 200 italiani infatti si sono pentiti della loro scelta e molti di loro ricorrono alla medicina estetica per rimuovere i tatuaggi che non sopportano piu’ di vedere sulla propria pelle. Un numero consistente se si pensa che, secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istituto Superiore della Sanita’, in Italia le persone tatuate sono oltre 7 milioni. A livello mondiale, e secondo la Societa’ europea di Dermatologia e Venereologia, Eadv il 15% degli adulti e il 30% dei piu’ giovani hanno un tatuaggio. Negli Usa le percentuali salgono: 4 adulti su 10 ne hanno almeno uno. Ma le cifre sono ancora piu’ consistenti se si considera invece chi li vuole solo modificare o sostituire, si parla di circa 3,5 milioni di persone. Un tatuato su 2 (51%) vuole infatti sostituire un tatuaggio con uno nuovo, mentre il 26% ne camuffa solo una parte per modificarne il significato, per fini estetici (13%) o per eliminare definitivamente un ricordo difficile da lasciarsi alle spalle (10%). Quella del ‘tattoo-changing’ e’ una tendenza in continua ascesa inaugurata negli Stati Uniti da attori del calibro di Angelina Jolie e Johnny Depp e che ha contagiato anche i VIP del Belpaese, come Elisabetta Canalis e Federica Pellegrini. I tatuaggi piu’ trasformati? I nomi degli ex (58%), le citazioni celebri (45%) e i disegni tribali (41%). É quanto emerge da uno studio condotto da Quanta System Observatory effettuato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1600 italiani di eta’ compresa tra i 18 e i 60 anni, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate, oltre che su 120 testate internazionali, per scoprire quali sono le ultime tendenze del momento nel campo dei tatuaggi e come si comporta chi non apprezza piu’ l’inchiostro sul suo corpo.“Il numero di pazienti che vogliono rimuovere i tatuaggi e’ in netta crescita” – sottolinea il Dottor Matteo Tretti Clementoni, specialista di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva presso l’Istituto Dermatologico Europeo di Milano -. La tendenza a farsi tatuare durante la tarda adolescenza e’ sempre piu’ elevata, spesso sotto l’influsso mediatico, ma anche il pentimento di averlo fatto e’ sempre piu’ diffuso. A costoro vanno aggiunti tutti quelli che hanno molteplici tatuaggi e che ne sono felici ma vogliono cancellarne alcuni per potersi poi ritatuare. Le maggiori richieste di rimuovere un tatuaggio provengono da coloro che lo hanno eseguito in eta’ adolescenziale e poi, invecchiando, non lo considerano piu’ consono al loro modo di essere. Oggi la tecnologia ci viene incontro e il metodo piu’ sicuro ed efficace da proporre ai pazienti e’ il trattamento laser di Discovery Pico di Quanta System, una metodologia efficace, rapida e con molti meno possibili effetti collaterali. Con lo sviluppo della tecnologia laser a picosecondi e’ stato mantenuto lo stesso grado di affidabilita’, ma si e’ resa ancora maggiore l’efficacia con cui generare una quantita’ di potenza mai raggiunta prima e consente tempi di guarigione piu’ brevi tra una sessione e l’altra rispetto al passato con una riduzione di colore piu’ evidente”. Migliaia di tatuati si affidano quindi alle capaci mani di specialisti in Medicina Estetica per sostituire o modificare i tatuaggi di cui si sono pentiti. Ma quali sono quelli modificati piu’ frequentemente dagli italiani? Al primo posto si piazzano i nomi o le iniziali di partner del passato (58%) di cui si vuole cancellare ogni ricordo. Sul secondo gradino del podio le citazioni celebri o tratte da film (45%), mentre si piazzano al terzo posto i grossi disegni tribali che ricoprono braccia e gambe (41%). Completano la top 10 dei tatuaggi piu’ sostituiti quelli fatti con le ex amiche del cuore (37%), i tatuaggi venuti male (35%), lo stemma della squadra del cuore (31%), i tatuaggi considerati troppo evidenti o impressi su una parte del corpo esposta (25%), quelli ritenuti imbarazzanti come un lecca lecca o una pin-up (19%), quelli con riferimenti politici o ideologici (15%) o troppo infantili come i personaggi dei cartoni animati (12%).Ma qual e’ l’identikit del “pentito del tatuaggio”? Il 54% delle donne tatuate e il 48% degli uomini ha dichiarato di volere rimuovere o cambiare un tatuaggio sulla propria pelle. La maggior parte dei “pentiti” ha tra i 30 e i 40 anni (68%), mentre la percentuale scende al 45% tra i 18 e i 29 anni e al 41% tra gli over 40. Tra di loro ci sono manager (23%), professionisti (21%), impiegati statali (18%), insegnanti (15%), impiegati (11%) e operai (9%), svelando un pentimento che abbraccia tutte le categorie.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I nuovi server IBM Linux, con tecnologie della OpenPOWER Foundation, per gestire i carichi di lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

ibmIBM presenta nuovi server Linux in grado di eseguire carichi di lavoro legati agli analytics in modo più veloce ed economico di analoghi server basati su x86.I nuovi server Power Systems LC sono stati progettati sulla base delle tecnologie e delle competenze di sviluppo dei partner della OpenPOWER Foundation, tra cui Canonical, Mellanox, NVIDIA, Tyan e Wistron. Per chi non lo ricordasse, la OpenPOWER Foundation è un’organizzazione che oggi conta più di 150 membri in tutto il mondo ed è impegnata a creare soluzioni basate sull’architettura open source del processore POWER8 di IBM. Questo modello aperto e collaborativo che consente di avere velocemente risultati importanti, non raggiungibili con le metodologie di innovazione alternativi chiusi.I server LC portano le prestazioni più elevate delle CPU POWER alla vasta community di Linux, in particolare per carichi di lavoro legati agli analytics, al cloud e all’High Performance Computing (HPC). In base ai test interni eseguiti da IBM, il nuovo server Power Systems LC, ad esempio, può completare una media di stessi carichi di lavoro Apache Spark selezionati – inclusi l’analisi dei feed di Twitter, lo streaming delle visualizzazioni di pagine web e altre attività di analytics ad alta intensità di dati – a meno della metà del costo di un server basato su processore Intel E5-2699-V3, fornendo prestazioni 2,3 volte migliori per dollaro speso. Inoltre, la concezione efficiente di un server Power Systems LC Server permette di svolgere il 94% di carichi di lavoro di social media Spark in più, a parità di spazio su rack, rispetto a un server basato su Intel paragonabile. “Le imprese vogliono poter contare su sistemi cognitivi affidabili, efficaci in termini di costi e in grado di acquisire e interpretare un’incredibile quantità di dati strutturati e non”, commenta Doug Balog, General Manager di IBM Power Systems. “Adottare un modello di innovazione aperto ci ha permesso di creare sistemi che possono elaborare montagne di dati trasformandole immediatamente in informazioni di business utilizzabili. Grazie alla collaborazione con i partner della OpenPOWER Foundation, la nostra nuova linea di server fornisce alle imprese le prestazioni necessarie per analizzare e gestire i dati in tempo reale”.Allegiant Air, un’importante compagnia aerea low-cost americana, è uno dei clienti che utilizzano Linux su Power Systems per l’analisi dei dati. La linea aerea è in grado di analizzare immediatamente il comportamento dei clienti sul proprio sito web, per adeguarsi rapidamente, fornire immediatamente offerte promozionali e riuscire a convertire la navigazione online di un potenziale cliente in un acquisto.”Tutte le imprese si confrontano con una mole di dati in costante aumento”, commenta Brian O’Neil, Director of Data Architecture di Allegiant Travel. “È il modo in cui si analizzano – e in cui vengono utilizzati – i risultati che consente di acquisire una posizione di leadership. Sfruttando Linux su IBM Power Systems, siamo riusciti a ottenere immediatamente informazioni preziose da svariate fonti di dati e siamo stati in grado di intervenire con una rapidità e un’efficienza senza precedenti”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rallentamento dell’atrofia cerebrale nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

cervelloGenzyme, società del Gruppo Sanofi, ha annunciato i nuovi dati rilevati attraverso la risonanza magnetica per immagini (RMN) emersi dallo studio di fase III TEMSO (TEriflunomide Multiple Sclerosis Oral). I risultati osservati mostrano come teriflunomide, rispetto a placebo, abbia rallentato significativamente per oltre due anni la perdita di volume cerebrale (o atrofia) nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante (SMR). I dati RMN emersi dallo studio TEMSO sono stati analizzati utilizzando la tecnica SIENA (valutazione strutturale dell’immagine dell’atrofia), una metodologia alternativa rispetto a quelle utilizzate inizialmente.
La valutazione della variazione del volume cerebrale rispetto al basale, è stata condotta in pazienti trattati con teriflunomide 14 mg o 7 mg, oppure placebo. Negli studi clinici con teriflunomide per il trattamento della sclerosi multipla, compreso lo studio TEMSO, l’incidenza di eventi avversi gravi è stata simile nei pazienti trattati con teriflunomide e in quelli trattati con placebo. Questi i dati, che verranno presentati il prossimo ​​10 ottobre al 31° Congresso del Comitato Europeo per il Trattamento e la Ricerca nella Sclerosi Multipla (ECTRIMS) a Barcellona:
La riduzione percentuale mediana del volume cerebrale dal basale al mese 12, è risultata – nei gruppi trattati con, rispettivamente, teriflunomide 14 mg, 7 mg, e placebo – dello 0,39; 0,40; e 0,61. Questa variazione è stata inferiore in entrambi i gruppi trattati con teriflunomide rispetto a placebo: del 36,9% nel gruppo trattato con 14 mg, p=0,0001; del 34,4% in quello trattato con 7 mg, p=0,0011.
La significativa differenza nella riduzione dell’atrofia cerebrale è stata mantenuta con teriflunomide – rispetto a placebo – fino al mese 24. La riduzione percentuale mediana del volume cerebrale rispetto al basale – nei gruppi trattati con, rispettivamente, teriflunomide 14 mg, 7 mg, o placebo – è stata di 0,90; 0,94; e 1,29. Questa variazione è stata inferiore in entrambi i gruppi trattati con teriflunomide rispetto a placebo: del 30,6% nel gruppo trattato con 14 mg, p=0,0001; del 27,6% in quello trattato con 7 mg, p=0,0019.
L’atrofia cerebrale è il risultato di processi patologici distruttivi che si verificano nelle persone con sclerosi multipla. Si manifesta fin dagli esordi della malattia e porta ad un deterioramento neurologico e cognitivo irreversibile.
“Il controllo o la prevenzione dell’atrofia cerebrale sono obiettivi importanti nel trattamento della sclerosi multipla”, afferma il Prof. Ludwig Kappos, Responsabile del Reparto di Neurologia dell’Ospedale Universitario di Basilea, Svizzera. “Questi dati forniscono ulteriori indicazioni sui potenziali effetti di teriflunomide nelle persone con sclerosi multipla recidivante.”
“Questi risultati, che mostrano una riduzione dell’atrofia cerebrale dopo due anni, si aggiungono al crescente corpus di dati disponibili su teriflunomide,” dichiara Enrico Piccinini, General Manager Genzyme Italy & Malta. “Continua il nostro impegno nell’approfondire le conoscenze su questo farmaco e sui potenziali benefici che può offrire ai pazienti con sclerosi multipla recidivante, oltre a quello della pratica somministrazione per via orale.”
Teriflunomide è approvato in oltre 50 Paesi in tutto il mondo; altre richieste di autorizzazione all’immissione in commercio sono al vaglio delle autorità regolatorie nazionali. A livello mondiale, sono oltre 40.000 le persone trattate con teriflunomide.
Teriflunomide è un immunomodulatore con proprietà antinfiammatorie. Sebbene l’esatto meccanismo di azione di AUBAGIO non sia stato ancora completamente compreso, esso determinerebbe una riduzione del numero di linfociti attivati nel sistema nervoso centrale (SNC). Teriflunomide è supportato da uno dei più ampi programmi clinici in ambito di sclerosi multipla, con oltre 5.000 partecipanti ai trial in 36 Paesi.
Genzyme è una delle più importanti società al mondo nel campo delle biotecnologie farmaceutiche, all’avanguardia nello sviluppare terapie innovative per patologie gravi e disabilitanti ancora prive di una risposta terapeutica adeguata: i cosiddetti unmet medical needs. Attualmente focalizzata nelle due aree terapeutiche delle Malattie Rare e della Sclerosi Multipla, raggiunge i propri obiettivi di sviluppo grazie a una ricerca d’eccellenza e al profondo coinvolgimento ed impegno dei suoi collaboratori.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trattato transatlantico sul commercio e sugli investimenti (TTIP)

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

europa-261011-cE’ davvero surreale e incomprensibile il silenzio della comunicazione sul Trattato transatlantico sul commercio e sugli investimenti (TTIP). Infatti – dichiara il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – appare davvero illogico come l’Unione Europea e il governo italiano non sentano l’esigenza di spiegare nei dettagli le finalità e le modalità di questo accordo e come tutto si stia svolgendo in gran segreto. Ancora una volta – continua Tiso – si è scelta la strada dell’arroganza e della presunzione, e ovviamente gli effetti non potranno che essere quelli del salire della tensione e dell’avvicinarsi di un possibile scontro.
Gli operatori del settore agroalimentare saranno i primi ad essere coinvolti dall’eventuale approvazione del TTIP, ma ad oggi non hanno ancora nemmeno una vaga idea di cosa questo significhi. E tutto questo non può che essere responsabilità di un sistema politico, comunitario e nazionale, molto più interessato a nascondere che a svelare. Come Confeuro – conclude Tiso – non ci stancheremo mai di evidenziarlo: il primo elemento che manca per la rinascita economica, sociale e culturale del vecchio continente è la serietà, la trasparenza e l’onestà.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »