Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 17

Archive for 10 ottobre 2015

German Nation Brand Devalued by US$191 Billion Following VW Scandal

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

volkswagenThe revelation that as many as 11 million diesel vehicles have been fitted with software designed to deceive emissions testers, has dealt a hammer blow not just to Volkswagen’s reputation but to the entire German nation brand. Germany has lost its position as the most powerful nation brand according to Brand Finance. The firm, which specialises in brand valuation and strategy, evaluates the financial impact of the image and reputation of the top 100 countries, publishing the results in an annual study, the Brand Finance Nation Brands report. The report shows measurable damage to the long-term financial potential of ‘brand Germany’. Its value has dropped by US$191 billion to US$4.2 trillion, down 4% on 2014.“German industry is lauded for its efficiency and reliability while Germans as a whole are seen as hard-working, honest and law abiding. That such an iconic German brand, the ‘people’s car’, could behave in this way is beginning to undo decades of accumulated goodwill and cast aspersions over the practices of German industry, making the Siemens bribery scandal appear less a one-off than evidence of a broader malaise” said Brand Finance’s CEO, David Haigh.Until this episode, 2015 had actually been a fairly positive year for Germany’s international reputation and the prospects of its nation brand. Germany has garnered worldwide admiration for its receptivity to Syrian migrants. This influx of generally young people and families will provide a fillip for Germany’s labour force, though the goodwill generated by sympathetic stance has been overshadowed by VW’s deception.Replacing Germany as the world’s most powerful nation brand is Singapore. As the city-state celebrates its 50th anniversary its citizens can be rightly proud of the nation they have created. The chief architect was of course Lee Kwan You. The vision, pragmatism, longevity, intolerance of corruption and relative benevolence of the country’s first prime minister and elder statesman are widely seen as the key reasons for its success. Haigh continues, “Though the passing of Lee Kuan Yew in March this year is a sad loss, he leaves a legacy that few can hope to better. Singapore is now seen as modern, innovative, industrious, welcoming to outsiders and increasingly culturally rich and has left its neighbours, including Malaysia (from which Singapore was ejected 50 years ago) far behind it.”
Though some way off the top spot, the fastest growing nation brand this year is Iran. Its brand value is up 59% to US$159 billion as Hassan Rouhani’s moderate approach slowly shifts international perceptions of the country’s potential and eases restrictive sanctions. A fractious relationship with Sunni states will remain an impediment to trade and investment locally but with a market of 77 million people, vast hydrocarbon reserves and a highly educated population, Iran certainly has a receptive audience globally.
David Haigh comments, “Iran will need to assiduously manage its communications with its newfound suitors making a carefully assessed nation branding strategy almost as important as traditional diplomacy. Managed correctly, Iran’s ancient treasures, sophisticated population, strategic location and natural assets could be used to transform its reputation.”Though Singapore is the most powerful brand, being closer to its full potential than any other nation, in sheer value terms The US remains dominant. It is the most valuable nation brand, with a national brand value of US$19.7 trillion. The USA is undoubtedly a powerful brand with an inviting business climate, however its value comes in large part from the country’s sheer economic scale. Not only is there a large, wealthy market predisposed to ‘buy American’ but also an unrivalled group of established companies and organisations exporting worldwide whose American heritage forms (to a lesser or greater extent) part of their appeal. The US’ world-leading higher education system and the soft power arising from its dominance of the music and entertainment industries are significant contributors too. This soft power will help the US to retain the most valuable nation brand for some time after China’s seemingly imminent rise to become the world’s biggest economy.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Microsoft Band 2 Has Launched. Here’s How to Get It in Italy

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

microsoftNew York, New York Microsoft Band 2, the second-generation fitness tracker, has been announced at an event in New York on October 6 together with the new Lumia 950, Surface Pro 4 and Surface Book.The Microsoft Band 2 is powered by Microsoft Health, and tracks heart rate, steps, calorie burn, and sleep quality. It also helps with email previews and calendar alerts. The updates of this highly popular wearable gadget include a curved AMOLED display that will help it conform more naturally to the wrist, and new additional sensors that detect and measure physical exercise going up and down stairs. The battery has moved underneath instead of hugging the band’s sides, making the strap feel smoother. The selling price is $249.99 USD.Unfortunately, the highly anticipated Microsoft Band 2 was only released in the U.S. and a select number of other countries at the launch event. A release date has not yet been announced for Italy.Big Apple Buddy, a shopping concierge in New York, was founded with the mission to bridge this gap in cross-border shopping, giving a chance to anyone in the world to access the latest tech products directly from the U.S.
Microsoft fans in Italy have the opportunity to pre-order the Microsoft Band 2 immediately through Big Apple Buddy today. The company has partnered up with reliable shipping carriers, Fedex, UPS and DHL, meaning customers can receive their new gadget in as little as a week once Microsoft begins fulfilling orders.The process is extremely easy – consumers simply tell the company what they would like to buy from America and then they will have their product personally sourced and shipped to their doorstep. The New York startup has already developed a loyal client-base in over 60 countries around the world. Their clientele are mainly professionals, who simply want the latest products quickly and hassle-free.
When you order your products through Big Apple Buddy, you will experience a completely personalized and seamless shopping experience. The company handles the entire process for the client from order to delivery. They will source the item as quickly as possible, check and repackage the goods upon arrival at their facility, prepare all necessary customs documentation and have the parcel safely shipped to your doorstep.All costs are set out in a free quote with a minimum service fee of $40 per order. The service fee covers all the leg work the company does for its clients, including discount negotiations, packaging, shipping and providing personalized product and shopping advice.
Big Apple Buddy has a mission to eliminate international shopping barriers, giving consumers access to the latest tech products as soon as they are released in America, regardless of where they are in the world.For more information, please visit http://www.bigapplebuddy.com.
Big Apple Buddy is a New York based e-commerce company, founded by two former Australian corporate lawyers who saw a global demand for items that are only available in the U.S. Big Apple Buddy is a friendly, responsive and reliable personal shopping concierge that delivers desired items from the U.S. to consumers across the globe. Popular items include tech gadgets and designer brands. http://www.bigapplebuddy.com (photo: microsoft)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cittadinanza agli italiani all’estero che l’hanno perduta

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

camera deputati2“L’Aula di Montecitorio ha esaminato gli emendamenti presentati al Testo di Legge sulla cittadinanza e, con rammarico, ho potuto constatare che il Governo ha deciso di continuare a limitare il provvedimento ai soli minori stranieri nati in Italia o che hanno studiato in Italia e quindi ha dato parere negativo agli altri emendamenti compreso il mio”. Lo ha dichiarato l’On. Fucsia FitzGerald Nissoli (eletta nella Circoscrizione estero – Ripartizione Nord e centro America) in occasione delle votazioni degli emendamenti alla Proposta di Legge sulla cittadinanza in corso a Montecitorio.
“Pertanto – ha proseguito la deputata – ho ritenuto opportuno ritirare l’emendamento per mantenere aperto un canale di dialogo costruttivo e fattivo con il Governo chiedendo, tramite un Odg, di lavorare ad un “provvedimento che permetta ai nati in Italia, figli di almeno un genitore italiano, che hanno perso la cittadinanza in seguito a espatrio, di riacquistare la cittadinanza italiana facendone espressa richiesta al Consolato italiano che ha giurisdizione nel territorio di residenza estera purché ciò non sia in contrasto con accordi bilaterali internazionali in vigore, come previsto nella Proposta di Legge Fitzgerald Nissoli, seguita da altre 316 firme”.
Il Governo, in seguito ha accolto tale Ordine del Giorno per cui “ sicuramente abbiamo fatto un passo avanti e dato un segnale positivo agli italiani all’estero”, ha commentato l’On. Fitzgerald Nissoli.
“Tuttavia – ha concluso l’on Nissoli – dobbiamo continuare a lavorare per far radicare, anche nel Governo, una sensibilità diffusa verso le politiche per gli italiani all’estero. Io continuerò a battermi tenacemente affinché ogni italiana e italiano che ha perso la cittadinanza andando a vivere all’estero possa riacquistarla presso il Consolato di appartenenza”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A dicembre esce il nuovo film di James Bond

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

auto bondAll’espressione da duro e alla Bond Girl dovete pensarci voi… della fiammante spider vintage e delle location mozzafiato si occupa invece Slow Drive. I fan sfegatati dell’agente segreto più affascinante di tutti i tempi non dovranno più sognare a occhi aperti. Grazie al leader nel settore del noleggio di auto d’epoca senza conducente, ci si può immedesimare per un giorno in un perfetto 007 e, visto che “si vive solo due volte”, meglio approfittarne subito con lo sconto del 10% per chi prenota entro il 5 novembre 2015 (data di uscita del nuovo capitolo della saga: “Spectre”). Il cofanetto che viene recapitato a casa contiene il voucher per la giornata on the road – valido 12 mesi – guantini da guida in pelle, occhiali da sole vintage per la vostra Bond-Girl, il decalogo con preziosi consigli per il viaggio, mappe ed itinerari, la scheda descrittiva del veicolo e, su richiesta, il modellino dell’auto scelta. Al ritorno dalla “missione” vi sarà offerto un aperitivo – rigorosamente agitato non mescolato! Nel 2015, per il suo 10° compleanno Slow Drive ha ampliato il già ricco ventaglio di itinerari e, oltre al Lago di Garda, alla Franciacorta e al Lago d’Iseo, si possono scoprire i territori di Lago di Como, Torino, Bergamo e Parma. A disposizione un parco macchine d’eccellenza: Alfa Romeo Giulietta Spider, Morgan 4/4, MG A, Triumph Spitfire, Alfa Romeo Duetto, VW maggiolino cabriolet, Fiat 1500 cabriolet, Mini Cooper, Fiat 500 L e tanti altri modelli per intenditori.
Si può scegliere tra l’affitto per mezza giornata, una giornata oppure anche un intero weekend (convenzioni con hotel e deliziosi B&B).
Il voucher, spedito a casa, ha un costo a partire a partire da 100 euro per mezza giornata. (foto: auto bond)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apertura stagione neve Gitschberg Jochtal/Maranza Valles – in Valle Isarco: La ‘giusta dimensione’

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

pistaNon sono molte le stazioni sciistiche della ‘giusta’ dimensione, dove la magia invernale, la tranquillità, lo spettacolo naturale si coniugano perfettamente con il tasso tecnico, i servizi di livello per famiglie e più sportivi, e la varietà di proposte (anche gastronomiche). E magari con prezzi ragionevoli. Questo succede a Maranza-Valles, nell’Area vacanze ‘Sci & malghe’ Rio Pusteria, in Valle Isarco (Alto Adige) – non distante da Bressanone, all’incrocio con la Val Pusteria – che apre la stagione il 5 dicembre 2015 (fino al 3 aprile 2016). Qui sono diventati 51 i km di piste percorribili, grazie anche alla piena fruibilità e alle migliorie di una pista la scorsa stagione aperta solo in fase di rodaggio. Si tratta della Schwandt, sul versante di Valles, 1,2 km nel bosco, che scende con pendenza fra 20% e 30% dalla cima della cabinovia Schillingbahn fino alla stazione intermedia. É una pista di media difficoltà, che da quest’anno è più larga e dolce, permettendo a tutti di completare il carosello sciistico fra il versante di Valles (Jochtal) e quello di Maranza (Gitschberg). Così Maranza Valles / Gitschberg Jochtal è ora l’area più grande della Valle Isarco (insieme alla Plose di Bressanone essa compone l’area ‘Valle Isarco’ del Dolomiti Superski: giornaliero 35, 39, 43 euro; skipass 6 giorni 181, 199, 226 euro a seconda dei periodi; bambini gratis fino a 8 anni se accompagnati da adulto pagante).La conformazione del comprensorio garantisce un soleggiamento fantastico anche nel solitamente ombroso mese di dicembre, grazie alla felice esposizione e all’apertura della montagna, e offre una vista strepitosa verso il sud sulla conca di Bressanone e sulla Val Pusteria. Alla stazione a monte della seggiovia Gitschberg a Maranza, sul monte Gitschberg a quota 2510 m, si abbraccia con lo sguardo un orizzonte di 500 vette alpine, indicate su una piattaforma esplicativa circolare posta sulla cima, raggiungibile a piedi con una salita di pochi metri: dalle Alpi della Zillertal, dello Stubai e delle Alpi Venoste a tutte le Dolomiti.Il comprensorio è grande quanto basta, per poter ‘girovagare’ da una valle all’altra con gli sci, ma anche piccola quanto basta per potersi ritrovare con tutta la famiglia durante la giornata. Ovviamente in una baita panoramica, da quella rivisitata in chiave contemporanea, come lo Jochtal Bergrestaurant sopra Valles, edificio energeticamente sostenibile riaperto lo scorso anno, oppure baite più nascoste e tradizionali.
Anche dal punto di vista delle famiglie la stazione sciistica è considerata al top in Alto Adige per quanto riguarda l’approccio ai bambini, in particolare a Valles con il Bambino Club da 3 a 4 anni, e con lo Yeti Club, da 5 a 12 anni, e i 4 ‘tappeti magici’ (mobili) a Valles e i 2 a Maranza. (foto: pista)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

40 vignaioli chiamati a raccolta da FriuliVG Via dei Sapori per un Lunch Show

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

saporiRuttars (Go) sabato 24 ottobre a mezzogiorno nella cantina di Silvio Jermann, (Il lunch show inizia alle ore 12.30. / Ingresso € 65,00) con il gotha dell’enologia italiana e dell’area di Alpe Adria: 40 vignaioli chiamati a raccolta da FriuliVG Via dei Sapori per un Lunch Show che si preannuncia memorabile. Saranno infatti i loro vini ad accompagnare i piatti che gli chef dei 20 ristoranti del gruppo prepareranno in diretta davanti al pubblico di affezionati gourmet che segue ormai da anni i loro Concerti del Gusto, allestiti sempre in luoghi di grande fascino e suggestione. E per l’autunno, non poteva esserci una cornice migliore delle colline tappezzate di vigne del Collio Goriziano.Il format, di grande successo, di FriuliVG Via dei Sapori prevede che ogni creazione gastronomica sia accompagnata da un vino delle cantine del Friuli Venezia Giulia partner dei ristoratori del gruppo: 20 ristoranti con 20 vignaioli, dunque, per un percorso del gusto che varia di volta in volta e presenta quanto di meglio e di più creativo propone in tavola questa terra di confine. Da Jermann ci sarà una importante novità, dato che i vignaioli saranno addirittura 40. Infatti ogni piatto sarà abbinato sia a un vino dei 20 jermanvignaioli locali sia ad uno di altrettanti produttori ospiti provenienti, oltre che da altre regioni italiane, da Austria, Slovenia e Croazia. Una sfida amichevole, o meglio un confronto, tra grandi protagonisti dell’enologia internazionale di cui si degusteranno 40 diversi vini. Ed ecco, quindi, dal Friuli le cantine Castello di Buttrio, Castello di Spessa, Di Lenardo, Edi Keber, Ermacora, Eugenio Collavini, Forchir, Jermann, La Viarte, Le Monde, Livio Felluga, Livon, Marco Felluga, Petrussa, Ronco delle Betulle, Sirch, Venica&Venica, Villa Parens, Vistorta, Zidarich, oltre a Nonino distillerie.
Le aziende ospiti che hanno aderito sono le seguenti: dal Piemonte Cerreto e Vietti, dalla Lombardia Ca’ del Bosco, dal Veneto Romano Dal Forno, dal Trentino Pojer e Sandri, dall’Alto Adige Alojs Lageder, dalle Marche Villa Bucci, dall’Abruzzo Umani Ronchi, dalla Campania Feudi di San Gregorio, dalla Puglia Vinicola Rivera, dalla Sicilia Tasca d’Almerita, dalla Slovenia Burja, Dveripax, Marjan Simcic, dalla Croazia Meneghetti, dall’Austria Knoll Emmerich, J. Heinrich, F.X. Pichler, Tement.Prenotazione obbligatoria. (foto: sapori, jermann)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia? Non è un paese per generici

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

psicofarmaciAncora una volta si sta ricorrendo, nei confronti della spesa farmaceutica, alla politica dei tagli. Solo che oggi, con la nuova determinazione dei prezzi di riferimento in base ai raggruppamenti terapeuticamente assimilabili, si comprimono in modo insopportabile proprio i medicinali generici, che fino a oggi hanno garantito alle finanze pubbliche centinaia di milioni di euro l’anno di risparmi” dice il presidente di AssoGenerici, Enrique Häusermann. Secondo l’associazione, pur in assenza di significativi aumenti nell’utilizzo dei farmaci generici, si ricorre a misure di riduzione dei prezzi, di fatto mettendo a rischio la sostenibilità economica della nostra industria ed il suo ruolo di creare la naturale competizione sul mercato. Senza contare che non si pone mano al meccanismo del pay-back, che impone anche a chi genera risparmio di ripianare lo sfondamento dei tetti di spesa determinato dai farmaci a più alto costo e che ancora non sono stati rimossi quei vincoli, già vietati e censurati dall’Unione Europea, alla rapida entrata in commercio dei generici. Il recente ordine del giorno dell’Onorevole Giulia Grillo, approvato alla Camera nell’ambito del DDL concorrenza e che chiede al Governo di impegnarsi a rimuovere ostacoli come il Patent Linkage, come già più volte segnalato dall’Antitrust, dovrebbe immediatamente essere recepito ed attuato.“Vorremmo fosse chiaro che se non si cambia la rotta, su questa strada ci sia avvia a rendere l’Italia un mercato insostenibile per il generico, dove i margini ormai si valutano in centesimi di euro per confezione” spiega Häusermann. “E’ possibile che nel breve termine ci sia chi può sostenere questa situazione, ma non a lungo e, soprattutto, si rischia che il Servizio sanitario si trovi a dipendere da uno o due produttori soltanto. Con tutti i pericoli che derivano in termini di certezza nel tempo delle forniture. Né vale dire che la spesa farmaceutica sta di nuovo aumentando: al netto dei medicinali innovativi, quello cui assistiamo è anche l’effetto indotto dall’invecchiamento della popolazione e dall’aumento delle malattie croniche. Chiediamo che la nostra industria non venga più sottoposta a misure di questa portata che determina lo schiacciamento di un settore economico produttivo di valore che ogni anno garantisce sostenibilità al Servizio Sanitario Nazionale, un più ampio accesso alle cure ad una larga platea di pazienti e un importante impatto occupazionale per l’intero comparto industriale nazionale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischi crescenti in cui incorrono le persone in fuga da guerre e persecuzioni

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

maxresdefaultUn importante esperto in materia di protezione internazionale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha messo in guardia rispetto ai rischi crescenti in cui incorrono le persone in fuga da guerre e persecuzioni. Nel discorso pronunciato a Ginevra in occasione della riunione annuale del Comitato Esecutivo dell’UNHCR, ha ricordato, inoltre, che diventa sempre più urgente che tutti i governi a livello mondiale rinnovino il loro impegno nella promozione dei diritti umani fondamentali e dei principi dello stato di diritto su cui il sistema internazionale d’asilo si basa.Con un sistema di protezione sotto pressione per i quasi 60milioni di migranti forzati nel mondo, Volker Türk, Assistente Alto Commissario dell’UNHCR per la protezione, ha evidenziato una preoccupante prospettiva, quella in cui le considerazioni in materia di asilo e umanitarie vengono troppo spesso soppiantate da considerazioni di sicurezza e nazionali.Nel suo discorso Türk ha delineato un panorama globale in cui guerre e conflitti sono in aumento, i finanziamenti umanitari sono sempre più ridotti, alcuni paesi costruiscono barriere o muri per impedire l’ingresso dei rifugiati, mentre altri ricorrono a misure di deterrenza per allontanare queste persone e spingerle semplicemente nei territori dei paesi confinanti. Un panorama in cui miserabili condizioni di accoglienza e di vita rendono impossibile per i rifugiati rimanere dove sono e in cui si verificano episodi di detenzione di richiedenti asilo, compresi bambini, dove mancano prospettive di educazione per i minori e la possibilità di lavorare legalmente per gli adulti è negata.”Respingimenti, costruzione di muri, aumento della detenzione, e altre limitazioni all’accesso, unite alla scarsità di vie legali per trovare sicurezza, non saranno mai la giusta risposta,” ha dichiarato. “Il risultato è alla fine solo il dirottamento dei movimenti di rifugiati lungo altre vie e l’aggravarsi di situazioni già precarie nelle regioni coinvolte nei conflitti. O peggio ancora, queste misure costringono un numero sempre più elevato di persone che non hanno altro da perdere a intraprendere viaggi pericolosi nella speranza di trovare un luogo sicuro e stabile.”Il fenomeno delle persone che arrivano in un primo paese di rifugio e poi, per disperazione, si spostano altrove è emerso con maggiore chiarezza nel corso 2015, con ben più di 500mila arrivi via mare in Europa, nel Sud-Est asiatico e in altre zone. Nel caso dell’Europa, molte delle persone che arrivano si sono spostate dai paesi in cui erano inizialmente sbarcate – e spesso si verificano tragiche conseguenze lungo la strada. I morti accertati a causa dei viaggi via mare e via terra hanno già superato le tremila unità. Il traffico di persone nel frattempo diventata sempre più diffuso.Türk ha reso omaggio a quello che ha chiamato “l’ammirevole effusione di compassione e l’ondata di sostegno pubblico” a cui l’Europa ed altri paesi hanno assistito in quest’anno in risposta a tali arrivi. Molti sono gli esempi, organizzazioni non governative o religiose, leader politici e spirituali, individui privati e comunità, compresi molti casi di persone che invitano i rifugiati a rimanere nelle loro case o quelli di turisti che offrono cure d’emergenza.Ma allo stesso tempo ha anche avvertito che con la rapida crescita del numero di rifugiati e migranti in arrivo in Europa e il continuo incremento nel numero di migranti forzati a livello globale, la più grande sfida odierna consiste nel far fronte alle “politiche populiste e ai dibattiti pubblici tossici, che generano un preoccupante clima di paura.””Tale paura è spesso alimentata e supportata dall’irresponsabilità dei media, dalla mancanza di leadership politica e morale e da xenofobia e razzismo”, ha dichiarato. “Tutto questo suggerisce che la crisi principale di fronte alla quale ci troviamo oggi è una crisi di valori, degli stessi valori che hanno dato vita alla Convenzione sui rifugiati del 1951, sulla scia delle atrocità della seconda guerra mondiale”.
Il Comitato Esecutivo dell’UNHCR comprende 98 Stati membri e Türk ha invitato tutti a reagire di fronte a queste sfide con lo stesso spirito di unità e di volontà politica, prestando più attenzione e offrendo maggiori risorse rispetto a quanto espresso durante le precedenti crisi umanitarie che hanno coinvolto i rifugiati su larga scala. È necessario aumentare gli aiuti, anche nei confronti dei molti sfollati interni presenti a livello mondiale, delle popolazioni costrette alla fuga, delle persone rimpatriati e degli apolidi.
L’obiettivo dovrebbe essere quello di salvare vite umane, garantendo la sicurezza, alleviando le sofferenze e restituendo dignità. Ha anche evidenziato la necessità di costruire legami più stretti tra i migranti forzati e le comunità che li accolgono, perché si tratta di persone senza reti di supporto e che possono quindi essere a rischio di sfruttamento. E soprattutto, ha dichiarato, i paesi devono rinnovare uno spirito di collaborazione per affrontare problemi che per loro stessa natura attraversano le frontiere e che non possono essere risolti senza una cooperazione internazionale, che é sempre più di vitale importanza.”È necessario uno sforzo a tutto campo per garantire che la protezione, ed in particolare il sistema asilo, mantengano la loro natura non politica, fondamentalmente umanitaria e di salvataggio di vite umane,” ha affermato, aggiungendo che la Convenzione sui rifugiati del 1951 riconosce sin dalle sue prime parole che il problema delle migrazioni forzate non può essere affrontato dai singoli paesi in modo isolato.
“La più grande sfida in materia di protezione che ci troviamo ad affrontare oggi e’ la necessità di un patto globale per una condivisione degli oneri e delle responsabilità in modo equo ed organizzato. In un mondo in continua evoluzione, abbiamo bisogno di un senso di equanimità, di condivisione degli obiettivi e di fiducia per rendere questo patto globale una realtà.” (foto: maxresdefault.jpg)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come salvaguardare la salute nella stagione più fredda

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

Ministero saluteL’inverno è la stagione dell’anno in cui il nostro organismo è maggiormente esposto alle malattie e in cui viene più sollecitata l’attività del sistema immunitario contro gli agenti patogeni. Per questo per “armare” la tavola dei cibi alleati del benessere le regole sono poche, ma da seguire con rigore. «La prima parola d’ordine è depurazione e per ottenerla serve pochissimo: ad esempio, una buona regola prima di fare colazione è bere un bicchier di acqua tiepida con mezzo limone spremuto, poi nell’arco della giornata andrebbero consumati tè verde o allo zenzero, oppure tisane depurative» spiega la dottoressa Tiziana D’Amico, biologa nutrizionista del Centro di Ricerca e Formazione Scientifica Cerifos. «Per una buona colazione, soprattutto, con l’inverno alle porte, c’è il porridge di avena: un toccasana per un risveglio nutriente, per eliminare la buccia di arancia e mantenere la regolarità intestinale: l’intestino, infatti, è un secondo cervello ed è fondamentale che sia in salute per il funzionamento e l’efficienza del sistema immunitario» spiega l’esperta. «Per rafforzare il sistema immunitario inoltre via libera alla frutta secca (andrebbero consumate almeno cinque mandorle al giorno) e alla frutta e verdura di stagione, come frutti di bosco, limone, mele, pere, pompelmi, bietole, broccoli, carote, cetrioli, finocchi, melanzane, zucca e zucchine. La frutta di questa stagione è infatti ricca di vitamina C che riduce del 40% circa l’azione dannosa dei radicali liberi, potenziando la funzione dei linfociti, che sono le cellule del sangue deputate all’immunità acquisita. Inoltre la frutta contiene grandi quantità di caroteni, protettori della mucosa dei bronchi e polmoni. Mentre le verdure tipiche di questa stagione, soprattutto quelle appartenenti alla famiglia delle Crucifere come cavoli e broccoli sono preziose perché contengono gli isotiocianati, sostanze fondamentali per la loro azione antinfiammatoria» chiarisce la dottoressa D’Amico. «Senza dimenticare il pesce: mangiarlo almeno quattro volte a settimana, aiuta a rafforzare il sistema immunitario grazie all’azione dello zinco e degli omega 3». Da tempo, poi, si vantano i benefici dell’aglio per i suoi effetti antibatterici. Come spiega l’esperta, l’aglio, infatti, riesce a distruggere i germi capaci di infettare le prime vie respiratorie e svolge un’azione antifungina. «Così come gli estratti del fiordaliso viola, in gocce o in forma di caramelle, utili per le stesse proprietà» aggiunge. «Altre piante aromatiche e spezie che alleviano i sintomi del raffreddore sono poi il garofano, lo zenzero, le cipolle per l’attività decongestionante, il peperoncino perché stimola la sudorazione e il basilico che, secondo le più recenti ricerche, allevia il mal di testa» conclude l’esperta.
Altro passo importante, infine, è tornare a fare attività fisica perché tenere in movimento il corpo è la base per mantenere uno stato di benessere. «I benefici dello sport sono ormai risaputi per l’apparato cardiovascolare» commenta la dottoressa D’Amico. «Per non parlare del suo effetto protettivo contro l’obesità, il diabete e la salute delle ossa. L’attività fisica costante contribuisce ad avere muscoli più resistenti, riducendo il rischio di osteoporosi» spiega. «Inoltre si è evidenziato come lo sport riduce lo stress, l’ansia e migliora la qualità del sonno notturno. Almeno 20 minuti di camminata a passo sostenuto tutto i giorni, può aumentare l’aspettativa di vita e renderla migliore, riducendo il rischio di malattie e migliorando la nostra salute. Prendersi cura del proprio corpo è come prendersi cura della casa in cui viviamo».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’innovazione tecnologica in Sanità

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

biotecnologiaLe terapie innovative in medicina non solo aumentano i benefici clinici per i cittadini, in particolare allungando le aspettative di vita e prevenendo eventi acuti, ma introducono efficienza e sostenibilità per i sistemi sanitari, diminuendo le ospedalizzazioni, accorciando i tempi di degenza, con una conseguente potenziale riduzione dei costi.È quanto emerge dai risultati del Progetto O.R.M.E. (Outcomes Research and Medtech Efficiency), presentati oggi a Milano, presso il Palazzo Lombardia. O.R.M.E. è frutto di una partnership tra Regione Lombardia, il Centro Studi Sanità Pubblica (CESP) dell’Università Bicocca, Medtronic Italia e un gruppo di clinici lombardi, per contribuire a mantenere gli alti livelli di efficienza del Servizio Sanitario Lombardo, con particolare attenzione alla sostenibilità dei costi, producendo oltre alle evidenze scientifiche, un’analisi d’impatto economico, la dimostrazione del valore dell’innovazione e la verifica dell’appropriatezza dei trattamenti.”Si tratta di un progetto innovativo in grado di analizzare l’efficacia e l’impatto che l’innovazione tecnologica assume per il Sistema Sanitario lombardo” – spiega Lorenzo Mantovani, Professore associato presso il Dipartimento di statistica dell’Università di Milano – Bicocca. Cronicità è la parola d’ordine di questo millennio, dell’evoluzione della medicina, dell’epidemiologia e della sostenibilità dei sistemi sanitari. Il Progetto O.R.M.E. utilizza dati pubblici estratti da archivi amministrativi sanitari e li integra con informazioni raccolte da registri clinici o da studi realizzati ad hoc, al fine di valutare l’utilizzo di tecnologie sanitarie per specifiche aree terapeutiche. Inoltre analizza come l’impiego delle stesse possa influire sull’andamento clinico di salute e sui costi di gestione dei pazienti”.I Sistemi Sanitari richiedono oggi di poter contare su soluzioni che possano andare oltre il valore clinico. È, quindi, importante dimostrare il valore economico dei prodotti offerti alle Aziende Ospedaliere e al Sistema nel suo complesso.”I dati presentati danno conferma dell’importanza di proseguire con le indagini che parlano di appropriatezza clinica ed economica”. – dichiara il Presidente della III Commissione Sanità’ e Politiche Sociali del Consiglio Regionale della Lombardia, Fabio Rizzi – “Questa esperienza rappresenta un importante traguardo scientifico e procedurale che dovrà proseguire con l’unione delle forze tra Università’, Regione e Industria per garantire la migliore assistenza possibile al cittadino”.Nella popolazione affetta da diabete mellito l’arteriopatia periferica (PAD) è una complicanza che può portare a gravi conseguenze quali l’amputazione degli arti inferiori. Tra i trattamenti impiegati per questa grave patologia c’è la rivascolarizzazione dell’arto ischemico per via percutanea. Il Progetto O.R.M.E. ha riscontrato che, degli oltre 18.000 pazienti lombardi affetti da PAD, meno della metà (8.077) sono trattati. I risultati evidenziano una tardiva presa in carico dei pazienti che, nel 20% dei casi, subiscono come prima procedura un’amputazione. In particolare l’analisi dei percorsi terapeutici evidenziati mette in luce che i pazienti sottoposti a rivascolarizzazione mostrano il 30% in meno di ospedalizzazioni rispetto a quelli che subiscono amputazioni maggiori e la degenza complessiva ha una durata inferiore del 52%. I pazienti sottoposti a rivascolarizzazione, poi, mostrano curve di sopravvivenza migliori. Infine, osservando il fenomeno da un punto di vista dei costi, per ciascuna amputazione evitata si stima un saving potenziale di circa 10.000 euro, mentre l’onere del non trattamento per la popolazione affetta da arteriopatia periferica è di circa 29.000 euro a paziente.Passando ad esaminare l’area terapeutica cardiovascolare e, nel caso specifico, il problema della morte cardiaca improvvisa e dello scompenso cardiaco, il Progetto O.R.M.E. ha indagato l’impatto dei nuovi device quali i defibrillatori impiantabili e i resincronizzatori, andando a rispondere al quesito sull’appropriatezza di utilizzo di queste nuove tecnologie. Tra gli oltre 13.800 pazienti che tra il 2000 e il 2010 hanno subito un nuovo impianto di defibrillatore o resincronizzatore cardiaco il numero di ospedalizzazioni annue per cause cardiovascolari decresce fino al 50% (dopo l’impianto) così come il costo annuale delle ospedalizzazioni per eventi cardiovascolari, sempre nella fase post-impianto. Importante evidenziare, poi, che in Regione Lombardia, nel corso degli anni, sono state recepite correttamente le Linee Guida Nazionali ed internazionali, garantendo l’appropriatezza degli impianti.Sempre all’interno dell’area cardiovascolare, il Progetto O.R.M.E. ha analizzato il problema dei pazienti affetti da Fibrillazione Atriale, una grave aritmia cardiaca, che può portare conseguenze serie quali l’ictus cerebrale. L’obiettivo del progetto è stato quello di investigare l’impatto epidemiologico ed economico del trattamento di questa patologia attraverso la procedura di ablazione transcatetere.Nei dieci anni di osservazione sono stati analizzati i dati di oltre 143.000 pazienti lombardi che hanno subito almeno un ricovero con diagnosi di Fibrillazione Atriale. Si tratta di pazienti che presentavano diverse comorbilità tra cui ipertensione (61%), insufficienza coronarica (30%) e patologie cerebrovascolari (21%), con una probabilità a 8 anni dalla prima ospedalizzazione con diagnosi di FA pari al 46%. Sempre dai risultati del progetto emerge che il costo medio pro-capite per paziente affetto da Fibrillazione Atriale è pari a oltre 4.000 euro, di cui il 65,2% è rappresentato dalle sole ospedalizzazioni. I soggetti sottoposti ad ablazione rappresentano soltanto il 5% del totale, mostrando una significativa diminuzione sia delle ospedalizzazioni correlate, che degli accessi al Pronto Soccorso.La quarta area presa in esame dal Progetto O.R.M.E. riguarda quella delle patologie degenerative della colonna vertebrale, con un confronto tra le nuove tecnologie di chirurgia mininvasiva rispetto all’approccio tradizionale “a cielo aperto”, attraverso un’analisi retrospettiva dei dati contenuti nei database della Regione Lombardia relativi ai costi totali di trattamento. Analisi, poi, meglio esplorata nella fase prospettica – ancora in corso – in cui i due approcci terapeutici sono messi a confronto in termini di consumo di risorse ed esiti clinici.
I principali risultati dell’analisi retrospettiva mostrano che il 65% delle procedure di stabilizzazione per il trattamento delle stenosi vertebrali identificate nel periodo di osservazione è eleggibile all’approccio mininvasivo, metodo che comporterebbe una riduzione della degenza con conseguenti risparmi per il sistema; l’anemia post emorragica, poi, che risulta essere la principale complicanza osservata nella popolazione oggetto di studio (1.175 casi) potrebbe essere evitata attraverso l’approccio chirurgico mininvasivo, con un possibile risparmio di 3.816 euro a degenza. Infine, il costo medio per paziente risulta essere di circa 9.500 euro, di cui circa l’86% per ospedalizzazioni (dato da confermare nella successiva analisi prospettica).”In Sistemi Sanitari complessi, come quelli di oggi, la sfida fondamentale è quella di trovare un equilibrio tra l’offerta di avanzamento tecnologico e la capacità di recepimento da parte dei sistemi” – dice il Presidente e Amministratore Delegato di Medtronic Italia, Luciano Frattini – “Progetti come O.R.M.E, frutto di partnership pubblico-privato, mirano a fornire informazioni utili per lavorare a temi di appropriatezza e sostenibilità. Il fine ultimo è quello di garantire ai pazienti una buona innovazione, potenzialmente a rischio di essere inaccessibile a causa di miopi logiche di economicità, dimostrando come tali innovazioni tecnologiche siano in grado di ridurre i costi di gestione delle patologie ad esse connesse. La scelta delle quattro aree terapeutiche è stata effettuata in relazione sia all’elevato impatto epidemiologico, che a quello sul sistema sanitario regionale”.Il coordinamento scientifico del Progetto O.R.M.E. è stato curato dai Professori Giancarlo Cesana e Lorenzo Mantovani del Centro Studi Sanità Pubblica (CESP) dell’Università Bicocca.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO)

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

Onu palaceMilano il 15 ottobre 2015 nell’ambito del progetto We-Women for EXPO, si terrà la presentazione “Rafforzare il ruolo delle donne nel settore della sicurezza agroalimentare in Etiopia” presso lo spazio dedicato a “ME and WE-Women for Expo” (Cardo nord-ovest, primo piano) di Expo Milano. In Africa le donne rappresentano la spina dorsale della produzione alimentare, fornendo fino all’80% del lavoro agricolo. In particolare in Etiopia il 60% delle micro e piccole imprese di trasformazione alimentare sono gestite da donne, questi dati dimostrano che riducendo le disuguaglianze di genere il Prodotto Interno Lordo (PIL) annuo Etiope potrebbe aumentare di 1,9 punti percentuali. Pertanto UNIDO riconosce che l’empowerment femminile e l’uguaglianza di genere ricoprono un significativo impatto sulla crescita economica inclusiva e sostenibile attraverso uno sviluppo industriale del Paese. In questo contesto, UNIDO ha investigato su quelli che sono gli ostacoli che impediscono alle donne etiopi di diventare imprenditrici di successo, pertanto i temi che verranno affrontati durante la presentazione sono l’accesso al credito, la tecnologia nella sicurezza alimentare, l’assenza di provvedimenti politici per ridurre le disparità di genere nel settore privato, la scarsa disponibilità di dati delle imprese locali e la mancanza di personale qualificato. Questi temi sono fondamentali al fine di favorire lo sviluppo socio-economico dell’Etiopia, creare nuovi posti di lavoro e contribuire alla diversificazione dell’economia.Inoltre durante la conferenza si avrà modo di assistere alla testimonianza di alcune donne di successo che, attraverso la loro esperienza, sono riuscite a superare i principali ostacoli che frequentemente impediscono loro di intraprendere una carriera imprenditoriale. Programma dell’evento:
Moderatore della conferenza il dott. Matteo Landi, UNIDO Development Industrial and Youth Employment Expert
11:00 Discorso di benvenuto della dott.ssa Monica Carco’, Chief, Investment and Technology Unit, UNIDO;
11:10 Proiezione video: “Il ruolo delle donne nel settore della sicurezza alimentare in Etiopia”;
11.20 Presentazione del Report “WOMEN: adding value to value chains” della dott.ssa Rossella Belli, esperta di genere, Cooperazione Italiana allo Sviluppo;
11:30 – 12:00 Testimonianza diretta delle imprenditrici etiopi di successo: Ms. Almaz Ayele – settore pollame, Ms. Muluemebet Gebeyehu Fentie – settore miele, Ms. Emebet Mekonnen – settore industria casearia, Ms. Yordanos Goushe Girmay – settore cosmetici da colture oleaginose, Ms. Sara Yirga Woldegerima – settore caffè.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ebola: E’ possibile una vaccinazione preventiva?

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

virus-ebolaJohnson & Johnson (NYSE: JNJ) ha annunciato oggi l’avvio di un trial clinico in Sierra Leone per valutare sicurezza e capacità di indurre una risposta immunitaria di uno schema di vaccinazione preventivo contro Ebola, sviluppato dalle proprie Aziende Farmaceutiche Janssen. L’arruolamento dei pazienti nello studio è in corso e i primi volontari hanno già ricevuto la dose iniziale di vaccino. Si tratta del primo studio su uno schema di vaccinazione prime-boost contro il virus Ebola, sviluppato da Janssen, condotto in un Paese dell’Africa Occidentale colpito da una recente epidemia. Questo nuovo studio, chiamato EBOVAC-Salone, è condotto nel distretto di Kambia, dove sono stati riscontrati alcuni dei casi più recenti di Ebola. Lo schema di vaccinazione oggetto del trial è un’associazione di due componenti vaccinali sviluppate con tecnologia AdVac® di Crucell Holland B.V., una della Aziende Farmaceutiche Janssen, e tecnologia MVA-BN® di Bavarian Nordic.I volontari arruolati riceveranno una dose del vaccino AdVac (prime) per attivare la risposta del sistema immunitario e, successivamente, a distanza di due mesi, una dose del vaccino MVA-BN (booster) per rafforzare la risposta immunitaria e ottimizzare la durata dell’immunizzazione stessa.“Non possiamo permettere mai più che il virus Ebola causi nelle popolazioni dell’Africa Occidentale le sofferenze di cui tutto il mondo è stato testimone. Siamo più che mai impegnati su questo fronte, per aiutare la comunità internazionale a combattere questa malattia” ha dichiarato Paul Stoffels, Chief Scientific Officer e Presidente Mondiale Pharmaceuticals di Johnson & Johnson. “Una delle lezioni che l’epidemia ci ha insegnato, è che non possiamo mai abbassare la guardia nei confronti del virus e che è necessario testare ogni promettente strumento di prevenzione. Ci auguriamo che questo studio contribuisca a confermare il valore di questo schema di vaccinazione per l’azione di controllo dell’Ebola, non solo per la Sierra Leone, ma per il mondo intero”.Dall’annuncio del proprio impegno nella lotta contro Ebola, avvenuto nell’ottobre 2014, Johnson & Johnson ha messo in campo considerevoli risorse per far progredire la ricerca e lo sviluppo di uno schema vaccinale contro il virus, per rispondere a un’emergenza sanitaria pubblica nei Paesi colpiti, come la Sierra Leone. Con questo obiettivo, nel 2015 Janssen ha avviato partnership e consorzi con altre aziende e con Istituti di ricerca, ottenuto finanziamenti pubblici europei e statunitensi, e lanciato, in rapida successione, molti studi di Fase I e II negli Stati Uniti, in Europa e in Africa. Inoltre, in partnership con Bavarian Nordic, Janssen ha aumentato rapidamente la capacità produttiva dello schema vaccinale, portandola a oltre 800.000 dosi, con la possibilità di arrivare, se necessario, a un totale di 2 milioni. Il Professor Peter Piot, Direttore della London School of Hygiene & Tropical Medicine – uno dei partner che conducono lo studio – ha dichiarato: “Non possiamo permetterci di essere deboli nei confronti dell’Ebola. C’è urgente bisogno di un vaccino che protegga nel lungo termine la popolazione, compresi gli operatori sanitari e tutti i soggetti che assistono i malati, prevenendo al contempo la riattivazione del virus. Per raggiungere questo obiettivo, è di vitale importanza testare una serie di possibili vaccini, soprattutto nelle aree colpite dall’epidemia, dove si assiste ancora alla comparsa di nuovi casi e vi sono evidenze che l’infezione può avere effetti nel lungo periodo, in chi sopravvive alla malattia. L’immunizzazione di tipo prime-boost è una strategia efficace per la prevenzione di lungo termine di diverse malattie infettive e crediamo possa avere un ruolo chiave nella lotta contro l’Ebola.”Lo studio EBOVAC-Salone è importante in quanto valuterà la sicurezza dello schema di vaccinazione e la sua capacità di attivazione della risposta immunitaria, all’interno della popolazione della Sierra Leone, compresi i soggetti più vulnerabili come i bambini, gli adolescenti e chi è infettato dall’HIV. Oltre che con la London School of Hygiene & Tropical Medicine, che coordina lo studio EBOVAC-Salone, Janssen collabora con il Ministero della Sanità e con il College of Medicine and Allied Health Sciences della Sierra Leone, e fa parte di due consorzi finanziati dall’iniziativa europea in materia di medicinali innovativi (IMI), ovvero EBOVAC1 (sviluppo vaccini contro l’Ebola), che conduce lo studio, ed EBODAC (conformità degli schemi vaccinali contro l’Ebola e loro diffusione) che sta sviluppando una strategia e strumenti di comunicazione per sensibilizzare e favorire l’adesione alla vaccinazione contro il virus. Sin dall’inizio, l’obiettivo del team EBOVAC-Salone è stato quello di condurre uno studio che soddisfacesse le esigenze di prevenzione dell’Ebola in Sierra Leone. Questa iniziativa gode del sostegno degli stessi abitanti e può contribuire al ripristino dell’infrastruttura sanitaria del Paese dopo l’epidemia. Sono stati, infatti, effettuati investimenti considerevoli per creare nuove strutture a Kambia per la realizzazione dello studio. Tra queste, la creazione del primo Pronto Soccorso dell’Ospedale del Distretto di Kambia e la costruzione di una nuova struttura per lo stoccaggio del vaccino presso l’ospedale. Queste strutture daranno un contributo importante al rafforzamento del sistema sanitario locale. A ciò si aggiunge l’impiego e la formazione di medici, infermieri e altri operatori sanitari di prima linea, che acquisiranno una preziosa esperienza nell’ambito dello studio clinico.Il Professor Monty Jones, Consulente Speciale sull’Ebola del Presidente della Sierra Leone ha dichiarato: “studiare i vaccini nel nostro Paese ci aiuterà a proteggere il nostro futuro dalla malattia e ci renderà orgogliosi agli occhi del mondo”.L’avvio dello studio EBOVAC-Salone avviene mentre sono in corso, parallelamente, molti studi di Fase I e II negli Stati Uniti, in Europa e in Africa, nell’ambito del programma di sviluppo accelerato dello schema di vaccinazione contro l’Ebola. I primi studi clinici di Fase I su esseri umani dello schema vaccinale prime-boost sono cominciati nel gennaio 2015 nel Regno Unito e negli Stati Uniti, seguiti successivamente da diversi altri centri in Africa. A maggio 2015, Johnson & Johnson ha presentato all’FDA statunitense i promettenti risultati preliminari dello studio di Fase I, condotto nel Regno Unito. A luglio 2015 è partito uno studio di Fase II, condotto nel Regno Unito e in Francia, e a breve partirà un secondo studio di Fase II, multicentrico, condotto in diversi Paesi del’Africa Orientale e Occidentale, in aree non colpite dall’epidemia. Questi studi di Fase II sono coordinati dall’InstitutNational de la Sante et de la Recherche Medicale (Inserm), altro partner in consorzio con Janssen.Ad oggi non esistono terapie, vaccini e cure approvate contro l’Ebola. L’epidemia in Africa Occidentale è scoppiata nel marzo 2014 e ha messo a dura prova i sistemi sanitari della Sierra Leone, della Liberia e della Guinea. A ottobre 2015, in questi tre Paesi, sono state colpite dal virus 28.400 persone, con oltre 11.300 morti, tra cui 500 operatori sanitari. Solo in Sierra Leone sono stati riferiti circa 14.000 casi, con 4.000 decessi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Memoria e cultura della comunità alpina

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

Museo Costume Pragelato1Museo Costume PragelatoMercoledì 7 ottobre la Consigliera metropolitana delegata alla Cultura, al Turismo e allo Sport, Barbara Cervetti, ha visitato il museo, accompagnata dal Sindaco di Pragelato, Monica Berton. Dopo alcuni anni di allestimento provvisorio nel borgo vecchio di La Ruà, dal 2002 la collezione museale è ospitata in una sede in borgata Rivet, appositamente acquistata e restaurata dall’amministrazione comunale pragelatese. Nei suggestivi spazi di una casa ultracentenaria, il museo, punto di ricerca dell’identità culturale di Pragelato e della valorizzazione del costume e della lingua, raccoglie una serie di oggetti d’uso quotidiano, in casa e sul lavoro, presentati in differenti ambienti: la stalla, la cucina, la camera da letto, il fienile, la cantina e il caratteristico “croutin”: ambienti in cui si respira il passato e si rivivono scene di vita quotidiana emblematiche della laboriosità della gente di montagna e della sua propensione alla vita comunitaria. Nel museo si trovano anche la biancheria per la casa, gli abiti da lavoro e per i giorni di festa e un’importante collezione di antichi costumi tradizionali, che hanno assunto le loro attuali caratteristiche e forme attraverso la progressiva sovrapposizione della cultura savoiarda Museo Costume Pragelato2Museo Costume Pragelato3francofona alla preesistente cultura escartonese francofona provenzale alpina. L’evoluzione maggiore avvenne nel XIX secolo, con le stoffe più leggere in cotone, i nastri, i pizzi e i ricami a colorare e arricchire gli austeri costumi montanari. Particolarmente ricco è poi il corredo di accessori e gioielli in oro: spille, orecchini e, soprattutto, croci.Il museo è anche il punto di partenza dei percorsi diretti alle suggestive e caratteristiche frazioni, con i forni per la cottura del pane, le antiche fontane e le meridiane: veri e propri itinerari culturali alla riscoperta della saggezza antica. Sulla facciata del museo, in occasione delle Olimpiadi del 2006, l’associazione “Horologium” ha realizzato un grande quadrante solare, che è diventato una sorta di insegna del museo. La struttura principale del quadrante è sostituita dalla figura di una mamma, in dimensioni naturali, vestita in un antico costume da festa. La figura femminile è affiancata da un ragazzo. Quest’ultimo ha ai piedi un paio di sci originali, che sono stati tagliati e che, opportunamente affiancati, creano una lama di luce la cui punta è lo gnomone dell’orologio. Le due figure, inserite in un paesaggio alpino, sono inscritte nella sagoma della “toque”, la caratteristica cuffia colorata della donna pragelatese, evidenziata in rosso, elemento visivo essenziale e “marchio” dellaMuseo Costume Pragelato4 comunicazione del museo.
“Una realtà come il museo di Pragelato, già da tempo inserita nella rete ecomuseale creata negli anni ’90 dall’allora Provincia di Torino, merita di essere valorizzata e rilanciata, per tutelare un patrimonio culturale di fondamentale importanza. – sottolinea la Consigliera metropolitana Barbara Cervetti – Vogliamo sostenere questo e altri musei che raccolgono le testimonianze delle comunità montane e rurali. Possiamo e dobbiamo operare soprattutto sul versante della comunicazione degli eventi e delle opportunità e nella costruzione di una rete con le istituzioni culturali e scolastiche dell’intero territorio della Città metropolitana. La stagione invernale si avvicina e il museo di Pragelato è un’attrattiva importante per quei turisti che vogliono abbinare agli sport invernali le scoperta delle peculiarità delle nostre vallate alpine”.Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, delle volontarie e dei volontari della Fondazione Guiot Bourg, durante la stagione sciistica il Museo del Costume e delle tradizioni delle genti alpine di Pragelato sarà visitabile tutti i sabati pomeriggio e nel periodo delle vacanze natalizie. (foto: museo costume pragelato)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo trattamento per complicanze cirrosi epatica

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

punti fegatoPer la prima volta a Padova è stata realizzata dalla Gastroenterologia diretta dal Prof. Giacomo Sturniolo dell’Azienda Ospedaliera-Università di Padova una procedura di Radiologia Interventistica per il trattamento delle complicanze della cirrosi epatica.
Marco Senzolo, Gastroenterologo ed Epatologo della Gastroenterologia-Trapianto Multiviscerale, diretta dalla Prof.ssa Patrizia Burra (esperto in ipertensione portale e malattie vascolari epatiche), ha acquisito all’estero le competenze specifiche per la realizzazione della procedura TIPS. Il trattamento viene effettuato oggi a Padova grazie al gruppo multidisciplinare di cui fanno parte anche i dottori Giulio Barbiero e Michele Battistel, grazie alla lunga esperienza maturata in ambito di Radiologia Interventistica. L’Istituto di Radiologia, diretto dal Prof. Diego Miotto, mette a disposizione inoltre le attrezzature e il personale per le TIPS.
L’intervento che consiste nel posizionamento di una derivazione porto-sistemica intraepatica, denominato TIPS (Transjugular Intrahepatic Portosystemic Shunt) rappresenta attualmente la scelta terapeutica principale nei pazienti con cirrosi epatica e emorragia gastrointestinale refrattaria al trattamento endoscopico. Le TIPS vengono consigliate nei pazienti con ascite intrattabile con la sola terapia medica.
La TIPS è una procedura Radiologica che, attraverso il posizionamento di una protesi metallica espandibile tra la vena porta e la vena cava, consente di ridurre l’aumento della pressione del sangue nella vena porta e quindi riduce il rischio di complicanze legate all’ipertensione portale.L’utilizzo precoce della TIPS, come trattamento di prima linea, è più efficace nel controllare l’episodio di sanguinamento acuto, stabilizzando il paziente con malattia epatica terminale. La TIPS aumenta l’aspettativa di vita dei pazienti e diminuisce del 60% i tempi di degenza in terapia intensiva, quindi i tempi di degenza in ospedale.
Circa 15.000 pazienti/anno nella Regione del Veneto vengono ricoverati per malattia di fegato e circa 1.500 muoiono a causa delle complicanze della cirrosi.
Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine dimostra che l’uso precoce della TIPS (Transjugular Intrahepatic Portosystemic Shunt) è più efficace della terapia medica convenzionale. Con l’acquisizione di questo innovativo trattamento, l’Azienda Ospedaliera/Università di Padova si conferma centro di riferimento per la cura e il trattamento delle malattie croniche del fegato, soprattutto delle forme piu’ avanzate.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto italiani nel mondo, uno strumento prezioso di lavoro

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

migrants“E’ stato presentato il decimo ‘Rapporto italiani nel mondo della Migrantes. Si tratta di uno studio che è sempre più apprezzato da studiosi ed operatori in un contesto dove l’emigrazione si trasforma seguendo i cambiamenti in atto a livello globale e nel nostro Paese”. Lo ha dichiarato la deputata Fucsia FitzGerald Nissoli (PI) dopo aver ascoltato la presentazione del volume della Migrantes, alla Domus Mariae, in Roma. “Gli italiani – ha proseguito la deputata eletta nella ripartizione America Settentrionale e Centrale – non hanno mai smesso di partire e di conseguenza siamo chiamati ad avere una attenzione particolare nei loro confronti così come la si sta avendo per i nuovi italiani, frutto dei processi immigratori. In questo contesto la cittadinanza è l’elemento centrale di collegamento, assieme alla cultura e mi piace ricordarlo proprio mentre proprio mentre l ‘Aula di Montecitorio si appresta ad esaminare il Disegno di Legge sulla cittadinanza”.“Penso – ha concluso l’on. Nissoli – che questo Rapporto sarà molto utile anche ai parlamentari, perché leggendolo potranno farsi una idea della complessità e dell’attualità dell’emigrazione italiana nel mondo e di come questa rappresenti una risorsa”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Michael Pooley nuovo presidente di Chep Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

HEP annuncia oggi un passaggio di leadership per le attività europee: James McCarthy, attuale Presidente di CHEP Europe, è in procinto di lasciare la società dopo sette anni e mezzo. Il suo successore sarà Michael Pooley, in precedenza responsabile di CHEP UK & Ireland, nonché del team Sales & Customer Operations negli Stati Uniti. Peter Mackie, Presidente per il gruppo delle operazioni Pallet di CHEP a livello mondiale, ha dichiarato: “James McCarthy ha svolto un ottimo lavoro a capo di CHEP Europe, riuscendo a creare un rapporto ancora più stretto tra l’azienda e i clienti, a dirigere il lancio di una serie di nuove soluzioni per pallet e a sviluppare la nostra strategia di assistenza ai clienti nell’ambito delle loro iniziative per la sostenibilità. Siamo lieti di nominare un valido successore come Mike Pooley. Durante il suo mandato di responsabile del team Sales & Customer Operations per CHEP USA, Mike si è rivelato determinante nei processi di rafforzamento delle relazioni con i principali clienti e di incoraggiamento dei nostri team. La sua nomina è allo stesso tempo garanzia di continuità e di nuovo slancio per CHEP in Europa, mentre continuiamo a collaborare con i nostri clienti per rendere le loro supply chain più efficienti e sostenibili.”McCarthy resterà in CHEP fino a dicembre 2015 per affiancare Pooley al fine di agevolare l’avvicendamento al vertice. Dal suo ingresso in azienda nel 2008, McCarthy ha ricoperto i ruoli di Presidente di CHEP Western Europe e di Chief Financial Officer di CHEP Europe, Middle East & Africa per poi diventare responsabile di CHEP Europe da marzo [2013]. McCarthy ha affermato: “Lavoro per CHEP da sette anni e mezzo, un periodo che ricorderò sempre come una bellissima esperienza, ma è ora arrivato per me il momento di voltare pagina. Ho il piacere di riaccogliere Mike in azienda e sono sicuro che CHEP Europe e i suoi clienti prospereranno sotto la sua guida.”L’ingresso di Pooley in CHEP è previsto per il 1° novembre 2015; arriverà direttamente da Exova Europe, l’azienda di prove sui materiali presso cui dall’aprile 2013 ha ricoperto il ruolo di Managing Director. Pooley ha lavorato in CHEP dal 2002 al 2013 occupando posizioni dirigenziali, tra cui: Senior Vice President, Sales & Customer Operations per CHEP USA; Managing Director, CHEP UK & Ireland; e Vice President di European Key Accounts. Prima di entrare a far parte di CHEP nel 2002, aveva lavorato 12 anni presso BOC, società operante nel settore dei gas industriali, ricoprendo numerosi ruoli in ambito di sviluppo aziendale, progettazione, ingegneria di produzione e sviluppo. Mike è Chartered Mechanical Engineer e ha ottenuto un MBA presso l’Henley Management College.
Pooley ha dichiarato: “Sono felice di poter rientrare nella grande famiglia CHEP in un momento caratterizzato dall’opportunità di collaborare con i clienti europei allo sviluppo di soluzioni per ottimizzare la supply chain. Mi entusiasma l’idea di poter lavorare di nuovo con un portafoglio clienti così ricco e con i nostri team di esperti in supply chain.”
CHEP è un leader globale in soluzioni di packaging riciclabili, restituibili e gestite, e serve molte delle più grandi aziende del mondo in settori quali quello dei beni di consumo, dei prodotti ortofrutticoli, delle bevande e del comparto automobilistico. Il servizio CHEP è sostenibile dal punto di vista ambientale e incrementa l’efficienza dei clienti riducendo al contempo i rischi operativi e i danni ai prodotti. Gli oltre 7500 dipendenti e i 300 milioni di pallet e contenitori di CHEP offrono una copertura imbattibile e un valore eccezionale a supporto degli oltre 500.000 punti di contatto dislocati in 50 paesi. Il nostro portafoglio clienti include aziende e marchi di livello mondiale quali Procter & Gamble, Sysco, Kraft, Nestlé, Ford e GM. CHEP è parte di Brambles Limited.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXI Premio Giornalistico Nazionale “NATALE UCSI 2015”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

Ancora un mese alla scadenza del bando per concorrere alla XXI edizione del Premio Giornalistico Nazionale “Natale UCSI” per un giornalismo solidale, dedicato alla memoria di Giuseppe Faccincani e promosso dall’Unione Cattolica della Stampa Italiana (U.C.S.I.) – sezione di Verona, con il sostegno di Fondazione Cattolica Assicurazioni, il contributo di Banca Popolare di Verona, il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, Ordine dei Giornalisti del Veneto e Comune di Verona, nonché l’apporto della società editrice Athesis Spa e dell’Ufficio Regionale Comunicazioni sociali della Conferenza episcopale del Triveneto.
Il premio è riservato a giornalisti e reporter della carta stampata, online e del sistema radiotelevisivo, autori degli articoli pubblicati e dei servizi televisivi/radiofonici andati in onda dal 1 novembre 2014 al 31 ottobre 2015, che contengano testimonianze, problemi, fatti inerenti ai valori della solidarietà, dell’integrazione sociale, della convivenza civile, della fratellanza, dell’attenzione verso il prossimo e della difesa dei diritti e della dignità umana.
Gli elaborati dovranno pervenire alla Segreteria organizzativa del Premio (UCSI Verona – c/o Fondazione Toniolo – Via Seminario, 8 – 37129, Verona) entro le ore 17 di sabato 7 novembre 2015.
Grazie all’inserimento della sezione radiofonica, deliberato da Ucsi Verona in occasione del ventennale, celebrato lo scorso anno, il Premio “Natale Ucsi” ha acquisito ulteriore notorietà e incrementato la partecipazione (quasi 200 i candidati all’edizione precedente). Anche quest’anno, dunque, la giuria presieduta da don Bruno Cescon, direttore de Il Popolo e docente al Pontificio Ateneo S. Anselmo di Roma, nonché vicepresidente vicario della Fisc-Federazione italiana settimanali cattolici, assegnerà ben tre riconoscimenti principali (uno per ogni categoria giornalistica in concorso), consistenti in una scultura in argento del maestro veronese Alberto Zucchetta e un assegno del valore di 2mila euro:
1. Premio UCSI – Fondazione Cattolica alla stampa, al/alla giornalista autore/autrice del migliore articolo/inchiesta/reportage pubblicato su quotidiani e/o periodici (incluse testate giornalistiche online regolarmente registrate);
2. Premio UCSI – Fondazione Cattolica alla televisione, al/alla giornalista autore/autrice del miglior servizio giornalistico televisivo (TG) e/o reportage televisivo sui temi del concorso trasmesso su canali televisivi nazionali, locali e regionali, in chiaro, digitale terrestre, satellitari, web (solo se testate giornalistiche);
3. Premio UCSI – Fondazione Cattolica alla radio, al/alla giornalista autore/autrice del miglior servizio giornalistico radiofonico trasmesso sulle emittenti nazionali, locali, regionali e web-radio (solo se testate giornalistiche).
Accanto a questi, anche tre premi speciali: la “Targa Athesis” del Gruppo Editoriale “Athesis”, per il miglior servizio (stampa, web, televisivo o radiofonico) sui temi del premio, realizzato da un giovane giornalista o collaboratore con meno di 30 anni; il premio “Il genio della donna”, attribuito dalla Banca Popolare di Verona al/alla giornalista autore/autrice del servizio (stampa, web, televisivo o radiofonico) che abbia maggiormente valorizzato l’impegno femminile nella tutela dei valori della solidarietà e della convivenza civile; il premio “Giornalisti e società: la professione giornalistica al servizio dell’uomo” della Conferenza Episcopale del Triveneto, assegnato a un giornalista direttamente impegnato nel volontariato sociale per il sostegno a situazioni di emarginazione e fragilità sociale (candidatura su segnalazione di terzi). (foto: don bruno)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gue/Ngl: “Intendono abolire la Convenzione di Ginevra?”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

strasburgo-parlamento-europeo. I deputati del Gue/Ngl hanno ripetutamente chiesto al Consiglio dell’UE di far fronte alle proprie responsabilità individuando una risposta umanitaria all’arrivo di uomini, donne e bambini in cerca di protezione in Europa, e smettendo di consolidare la Fortezza Europa.Il progetto di conclusioni del Consiglio, fatto trapelare da Statewatch, mostra che il Consiglio sta pianificando una serie di iniziative che violano chiaramente i diritti e gli obblighi europei e internazionali, facendo applicare le decisioni di rimpatrio con ogni mezzo, compreso un diffuso ricorso alla detenzione per chiunque non venga considerato qualificato per la protezione internazionale, e un rafforzamento dei poteri dati a FRONTEX.Il Consiglio minaccia di ritirare aiuti, accordi commerciali e accordi sui visti a quei paesi che dovessero rifiutarsi di riprendere i propri cittadini, e dà alla Commissione sei mesi di tempo per individuare soluzioni su misura per giungere a riammissioni più efficaci con i paesi terzi.Infine, il Consiglio promuove lo sviluppo di centri di detenzione nei paesi terzi colpiti dalla pressione migratoria “fino a quando non sia possibile il ritorno nel paese di origine”. La prospettiva è utilizzare questi centri come luoghi di rapido rimpatrio per chi non sia qualificato per la protezione internazionale, o sia inammissibile in paesi terzi sicuri. La Commissione si è già mossa in questa direzione, decidendo di utilizzare i fondi dell’Unione per aprire sei centri di accoglienza per rifugiati in Turchia, che attualmente fronteggia forti tensioni nella regione circostante.Marie-Christine Vergiat ha espresso grave preoccupazione per la richiesta del Consiglio di implementare l’articolo 13 dell’accordo di Cotonou relativo all’obbligo di riammettere i cittadini di paesi aderenti all’accordo, quando sappiamo che molti di questi paesi sono aree di guerra e di crisi dalle quali i rifugiati sono attualmente in fuga. Eritrea, Repubblica Centrafricana e Repubblica Democratica del Congo sono tra questi paesi.”Queste conclusioni, se adottate così come sono, costituirebbero una violazione dell’articolo 263 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, poiché produrrebbero effetti giuridici nei confronti di paesi terzi”, ha commentato Barbara Spinelli. “Il Parlamento potrebbe portarle alla Corte per violazione di un requisito procedurale essenziale e dei Trattati”, ha aggiunto, “in quanto il Parlamento non verrebbe coinvolto, in ambito di sua competenza, in decisioni vincolanti per terzi”. A proposito degli hotspot menzionati nel progetto di conclusioni del Consiglio, ha detto che “rischiano di intrappolare chi chiede protezione e di trasformarsi in centri di detenzione per i richiedenti asilo”.”Se adottato, questo progetto di conclusioni equivarrebbe all’abolizione della Convenzione di Ginevra e, di fatto, alla fine del sistema di protezione internazionale per i rifugiati, come stabilito dopo la Seconda guerra mondiale”, ha aggiunto Cornelia Ernst.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Uvet e il POS virtuale SOLO insieme per il turismo digitale

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

viaggiatori sedentariIl POS virtuale SOLO, startup innovativa partecipata da Digital Magics, venture incubator quotato su AIM Italia (simbolo: DM), e il Gruppo Uvet, polo distributivo leader in Italia dal 1950 nella fornitura di servizi e soluzioni per viaggi leisure, business travel, mice e pharma, hanno siglato un accordo per portare il POS Virtuale in oltre 1.300 agenzie turistiche del network.Il POS virtuale di SOLO permetterà alle agenzie di viaggio del Gruppo Uvet di ampliare la gamma di servizi offerti, in particolare SOLO verrà utilizzato dalle agenzie per incrementare la loro offerta di prodotti e servizi a distanza, tramite i canali telefonici e online e per offrire ai propri clienti le più avanzate tecnologie volte a garantire la migliore esperienza di acquisto.
Le prime agenzie – a Milano e a Bologna – che utilizzeranno SOLO sono Uvet Pomodoro Viaggi Bologna, Uvet Pomodoro Viaggi San Lazzaro di Savena (BO) e Uvet Pomodoro Viaggi Magenta (MI). Dopo una prima fase di test il servizio di POS virtuale sarà esteso a tutto il network del Gruppo Uvet oltre 1.300 agenzie.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pictet Asset Management: al via il nuovo comparto Pictet- Robotics

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

robot chirurgicoPictet Asset Management, la divisione di asset management del Gruppo Pictet, pioniere negli investimenti tematici, annuncia il lancio di Pictet-Robotics, uno dei primi fondi nel suo genere a investire in robotica e tecnologie di intelligenza artificiale.Il fondo azionario punta su un settore che nel prossimo decennio dovrebbe crescere a un ritmo quattro volte superiore a quello dell’economia globale.1
Il portafoglio avrà un’esposizione su 3 segmenti globali: l’automazione industriale (produzione, logistica e stampanti 3 D), le applicazioni per il consumatore e servizi professionali (domotica, medicina, sicurezza) e le aziende che forniscono tecnologie per permettere ai robots di percepire l’ambiente in cui si trovano (lettori, sensori, sistemi di visione).La gestione di Pictet-Robotics è stata affidata a Karen Kharmandarian, Senior Investment Manager, Thematic Equities. Kharmandarian che vanta oltre 20 anni di esperienza nella gestione di portafogli specializzati nella tecnologia, è coadiuvato da un team composto da altri 3 gestori di provata esperienza.
Robotics è l’ultimo nato della famiglia di prodotti tematici di Pictet Asset Management, che comprende già, fra gli altri, fondi specializzati in comunicazioni digitali, sicurezza, sanità, acqua, risorse forestali, agricoltura ed energie pulite. Le strategie tematiche consentono agli investitori di sfruttare i trend socio-economici di lungo periodo che ridefiniscono il mondo in cui viviamo.I progressi in campo informatico come il cloud computing e la comparsa di nuovi potenti microprocessori stanno rivoluzionando la robotica e le tecnologie di automazione, ormai uscite dalla fabbrica per entrare nella nostra vita quotidiana.I moderni dispositivi robotici sono dotati di una straordinaria capacità di sentire, raccogliere, elaborare e mettere in pratica le informazioni dando prova di abilità, versatilità e cognizione.Nell’ambito dei servizi e della sicurezza si utilizzano robot in grado di riconoscere i cambiamenti di espressione facciale e tono di voce; nel settore sanitario, sofisticati robot assistono già i chirurghi in operazioni complesse; nei trasporti si progettano auto senza guidatore con tecnologie Smart Sensor.“Per decenni i robot sono stati utilizzati nelle fabbriche per l’automazione di compiti pericolosi, faticosi o noiosi. Oggi, nel contesto di una spinta all’innovazione senza precedenti, i robot stanno diventando indispensabili nella nostra vita lavorativa e privata. Le società attive nel campo della robotica godranno di una forte crescita legata a questa profonda trasformazione.”, afferma Karen Kharmandarian, il gestore del fondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »