Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Archive for 15 ottobre 2015

Debate on migration and refugee crisis ahead of 15-16 October EU summit

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

european parliamentParliament will debate the ongoing refugee and migration crisis and the latest developments in Syria and Turkey on Wednesday at 15.00, ahead of the 15 and 16 October meeting of EU heads of state or government, in Brussels. In the debate, with Commission President Jean-Claude Juncker and Luxembourg’s minister for relations with the European Parliament during the Presidency of the Council of the EU, Nicolas Schmit, MEPs will also raise questions about completing the Economic and Monetary Union and the UK’s “in/out” referendum plans. European Parliament President Martin Schulz will address the European Council on Thursday, followed by a press conference. An extra €401.3 million in EU funding to tackle the refugee crisis will be put to a plenary vote at 19.00. The funds will go to the EU countries in which currently high numbers of migrants arrive, to non-EU countries hosting most Syrian refugees and to three EU agencies handling migrant and refugee-related tasks, Frontex, EASO and Europol. The draft amending budget 7/2015 foresees €100 million for the Asylum, Migration and Integration Fund (AMIF) and the Internal Security Fund (ISF) in commitment appropriations; €1.3 million in commitment and payment appropriations for 120 new posts at Frontex, EASO and Europol agencies; and €300 million in commitment appropriations for the European Neighbourhood Instrument.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBC Content Everywhere MENA to Observe Martyrs’ Day in UAE

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

follow usLondon. As a mark of respect to the UAE government’s recent announcement of a public holiday on 30 November 2015 in honour of Emirati armed forces who have lost their lives defending the sovereignty of the nation, IBC has decided to cancel our IBC Content Everywhere MENA event which was due to take place on 29-30 November 2015. “MENA is an exciting and growing content market, and IBC looks forward to taking an increasingly active role in developing the bridge between the region and the global industry, building on the success of our inaugural IBC Content Everywhere MENA event which took place earlier this year”, commented Michael Crimp, CEO of IBC, “I would like to take this opportunity to thank our MENA industry partners for their continued support of IBC’s global Content Everywhere project.” IBC looked to consolidate the programme into a single day and sponsors were largely supportive of the move. IBC also looked for another date but this proved unworkable. Traditionally the UAE government adds further days around national holidays leading to a loss in confirmed delegates; feedback indicates that this trend would continue for Martyrs’ Day. IBC continues to demonstrate its commitment to the region by announcing dates for its IBC Content Everywhere MENA 2016 event, to be held at the Madinat Jumeirah from 31 October – 2 November 2016. This event will follow the format of the successful January 2015 show and consist of a high quality exhibition and conference featuring local and international speakers. (photo: follow us)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mass surveillance: EU citizens’ rights still in danger, MEPs say

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

Too little has been done to ensure that citizens’ rights are protected following revelations of electronic mass surveillance, say civil liberties MEPs in a resolution passed on Tuesday. They urge the Commission to come up immediately with alternatives to Safe Harbour, following the ruling by the european court justice. They are also concerned about the surveillance laws in several EU countries.
“The European Parliament’s inquiry into the revelations by Edward Snowden of electronic mass surveillance was the most comprehensive investigation completed to date. Not only did the report call for an immediate end to indiscriminate mass surveillance practices by intelligence services both in the EU and the US, but it also set out a roadmap for further action in this area. Following this inquiry, there is widespread agreement that something has gone wrong with the way that intelligence agencies and others have acted. Work needs to continue to ensure that civil liberties are defended on the internet too,” said the civil liberties committee chair and rapporteur on mass surveillance, Claude Moraes (S&D, UK).The resolution takes stock of the action (or lack of action) by the European Commission, other EU institutions and member states to follow up the recommendations set out by Parliament in its resolution of 12 March 2014 on the electronic mass surveillance of EU citizens.
MEPs welcome the 6 October ruling by the European Court of Justice (ECJ) in the Schrems case, invalidating the Commission’s decision that Safe Harbour provides sufficient protection for the data of EU citizens when it is transferred to the US, thus vindicating Parliament’s long-standing concerns about the agreement. The Commission must immediately take the necessary measures “to ensure an effective level of protection” equivalent to the protection ensured in the EU, they say.They protest that Parliament has received no formal feedback from the Commission regarding the implementation of the 13 recommendations for a “safer” Safe Harbour, and stress that “it is now urgent that the Commission provide a thorough update on the negotiations thus far and the impact of the judgement on the further negotiations.”They also invite the Commission to reflect “immediately” on alternatives to Safe Harbour and on the “impact of the judgement” on any other instruments used for the transfer of personal data to the US and report on it by the end of 2015.
MEPs consider the Commission’s reaction to Parliament’s 2014 resolution “so far highly inadequate” given the extent of the revelations of mass surveillance. “EU citizens’ fundamental rights remain in danger” and “too little has been done to ensure their full protection,” MEPs say.They call on the Commission “to act on the calls made in the resolution by December 2015 at the latest”, reserving “the right to bring an action for failure to act or to place certain budgetary resources for the Commission in a reserve until all recommendations have been properly addressed”.MEPs are concerned by “some of the recent laws in some member states that extend the surveillance capabilities of intelligence bodies”, including in France, the UK and the Netherlands. They are also worried about the revelations of mass surveillance of telecommunications and internet traffic inside the EU by the German foreign intelligence agency BND in cooperation with the US National Security Agency (NSA).On the US side, the committee welcomes the recent legislative and judicial decisions to limit mass surveillance by the NSA, such as the adoption of the USA FREEDOM Act and the ruling of the Second Circuit Court of Appeals on the NSA’s telephone record collection programme. It regrets, however, that “these decisions focus mainly on US persons while the situation of EU citizens remains the same”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert Comment: AB Inbev and SAB Miller merger good news for shareholders, but not staff or consumer

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

If you are looking for an expert comment on SABMiller accepting a takeover bid in from rival AB InBev , John Colley, of Warwick_Business_School_Scarman_road_view is a Professor of Practice, a former CEO of a FTSE 100 company and researches large takeovers. He has made the following comments:
“AB InBev has paid a reasonably full price for SAB Miller which certainly passes some of the merger benefits to SAB Miller shareholders.
“AB Inbev shareholders will be hoping that it can extract the planned benefits and overall for once I would have said it is a decent deal for both shareholders as AB InBev probably will extract the synergies and consolidate a declining market. I say this because the majority of major acquisitions fail to extract planned synergies and more than half destroy value.”That said AB InBev does have a good record with previous acquisitions. However, expect substantial redundancies and cost savings over the next year.”Product ranges are also likely to be rationalised allowing greater investment in the retained brands. However for the customer one in three beers will be produced by AB InBev as a result of this merger which suggests less choice and less competition.”The global beer market overall is largely flat and in some regions is declining as other beverages such as wine continue to penetrate. Micro Brewers and their highly differentiated cask ales also continue to make progress. As a consequence cost, product and distribution rationalisation become an attractive way of increasing shareholder returns.”In major manufacturing operations economies of scale can be enormous which means breweries will be rationalised to focus on the largest and most modern. Scope economies will be substantial too as Head Offices and country management teams are likely to be rationalised. Combined purchasing power should also realise substantial savings. AB InBev has both a reputation and demonstrable track record for being able to effectively extract these savings.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alli riconfermato Vice Presidente Assemblea Parlamentare Nato

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

natoPaolo Alli, Capogruppo Area Popolare (Ncd-Udc) in Commissione Affari Esteri alla Camera, è stato riconfermato Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare Nato ed è stato eletto Relatore del Comitato sui partenariati della NATO, l’organo che si occupa di approfondire i rapporti che l’Alleanza mantiene con Paesi terzi e informare l’Assemblea sullo sviluppo degli stessi. Tali nomine sono avvenute nel corso della sessione annuale dell’Assemblea Parlamentare della NATO, che si sta svolgendo in questi giorni a Stavanger in Norvegia. Paolo Alli commenta: “la conferma a Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare Nato, organo importantissimo che riunisce i rappresentati parlamentari di tutti i Paesi dell’Alleanza, mi riempie di onore e continuerò a svolgere questo ruolo con lo stesso impegno profuso nel corso dell’intenso anno appena trascorso. L’elezione a Relatore del Comitato sui partenariati è un’altra grande responsabilità, che assumo nella speranza di offrire il miglior contributo possibile al lavoro dell’Assemblea per lo sviluppo delle relazioni internazionali, oggi ancora più delicate e strategiche”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frost & Sullivan premia le aziende migliori alla cena di gala degli Excellence in Best Practices Awards 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

montecarloMonaco, 22 ottobre 2015 Monte-Carlo Bay Hotel & Resort, Principato di Monaco. L’evento di gala, in due parti, celebra le prestazioni eccezionali delle aziende e le loro strategie, i loro processi e dirigenti.
Il Best Practices Awards Banquet 2015 attirerà le aziende più note e più importanti con i loro dirigenti. I vincitori sono stati selezionati da analisti esperti del settore attraverso metodologie proprietarie che misurano le prestazioni e confrontano i diversi concorrenti con benchmark per la valutazione delle best practice. “Riunendo innovatori di diversi settori e riconoscendo i progressi che hanno portato ai loro rispettivi campi, vi presentiamo il significato di Best Practice, – commenta Jeffrey Frigstad, Senior Global Vice President per le Best Practices di Frost & Sullivan. – Le nostre cene di gala in tutto il mondo celebrano concretamente i risultati significativi dell’industria nell’ambito degli affari.” Le aziende premiate sono state estratte da un ampio spettro di settori che spaziano tra IT, sanità, energia, automazione, prodotti chimici e materiali. Alcune delle aree di eccellenza individuate sono state: leadership di prodotto, innovazione di prodotto, leadership nel servizio clienti, innovazione tecnologica e innovazione e leadership nella strategia competitiva. Il Best Practices Awards Banquet offre un accesso senza precedenti al meglio del settore. Unisciti a Frost & Sullivan nell’onorare questi top player, la cui leadership e best practice hanno ridefinito gli standard del settore nel corso dell’anno.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bruscino (Giovani Confapi): fondamentale l’Alta formazione per il rilancio del Mezzogiorno

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

buscino“La prossima programmazione dei Fondi Europei deve tenere al centro il ruolo dell’Alta Formazione e immaginare, con il mondo delle imprese, percorsi didattici tali da far si che i nostri migliori laureati possano supportare al meglio la crescita del nostro sistema produttivo.”
Non usa mezzi termini il Presidente nazionale dei Giovani di Confapi Angelo Bruscino e autore del libro “Il Bivio, sogni e speranze dei giovani italiani in tempo di crisi” (Mondadori) che domani, giovedì 15 ottobre, alle 11, parteciperà alla Camera di Commercio di Napoli al forum “Trovi lavoro con l’alta formazione”. Oltre a Bruscino prenderanno parte al dibattito il Presidente della Camera di Commercio di Napoli Maurizio Maddaloni, il Presidente Banco di Napoli Maurizio Barracco, gli economisti Massimo Lo Cicero dell’Università Suor Orsola Benincasa e Vincenzo Maggioni, Seconda Università di Napoli e Referente Scientifico Master MDGI Stoà e l’Amministratore Delegato Harmont & Blaine Domenico Menniti.”Nel mondo globalizzato dell’economia della conoscenza- continua Bruscino- il ruolo dell’alta formazione diventa sempre più importante nella creazione di valore, la possibilità di interagire con docenti che portano esperienze aziendali, entrando nei dettagli sia delle storie di successo che in quelle meno fortunate consente ai nostri giovani di creare le basi per essere protagonisti del futuro produttivo e creativo del paese. Ulteriore valenza poi che un’offerta formativa di così alto livello (lo Stoà è rientrato quest’anno nella classifica delle 10 migliori business school) si realizzi in Campania ad ulteriore dimostrazione che il Sud è foriero di eccellenze ed opportunità. La stessa idea di finanziare con borse di studio della Camera di commercio di Napoli un team di studenti meritevoli dimostra poi attenzione verso i nostri ragazzi (in Campania si concentra il più alto numero di Neet) che restano risorsa rara in un paese demograficamente in declino, nei confronti della quale dobbiamo avere tutti la massima attenzione e cura. In questi anni dopo tutto siamo di fronte ad un bivio e faremmo bene a scegliere la strada giusta da imboccare. (foto bruscino)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Merck annuncia un rebranding globale

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

Merck SeronoDarmstadt, Germania. Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha oggi annunciato il rilancio della sua identità di brand. La significativa revisione della veste grafica e l’introduzione di un nuovo logo riflettono l’evoluzione di Merck in un’Azienda scientifica e tecnologica globale. Parallelamente, è stata semplificata l’architettura di marchio a livello delle aree di business. L’Azienda opererà uniformemente come Merck, con l’eccezione degli Stati Uniti e del Canada.”Merck è profondamente cambiata negli ultimi dieci anni” spiega Karl-Ludwig Kley, Presidente dell’Executive Board e CEO. “Da tradizionale azienda fornitrice di prodotti farmaceutici e chimici, ci siamo evoluti in un’Azienda tecnologica globale. Grazie all’esclusiva combinazione di attività altamente specializzate nei settori della biofarmaceutica, delle life sciences e dei materiali, oggi possiamo offrire soluzioni in grado di rispondere alle tendenze globali nell’ambito della salute e della digitalizzazione. La revisione radicale della nostra identità di brand è volta a comunicare questa nuova direzione ai nostri clienti, partner e potenziali dipendenti. Vogliamo essere riconoscibili e rimanere visibili come Merck nel mondo, in modo da rinforzare ulteriormente il nostro prestigioso marchio. A tal fine, ci siamo liberati degli aspetti obsoleti per concentrarci su un’immagine giovane e accattivante.” L’investimento nel marchio Merck rientra nel programma di trasformazione strategica e di crescita “Fit for 2018”, incentrato su attività innovative e basate sulla tecnologia, e anche sulla modernizzazione e l’espansione del quartier generale di Darmstadt, in Germania. Questo include anche un “tono di voce” più sicuro e, allo stesso tempo, più chiaro, che riflette la personalità della Merck e sottolinea con orgoglio il legame con una cultura aziendale di quasi 350 anni fondata sulla curiosità scientifica e la passione per la ricerca.
Con l’introduzione del nuovo brand design, saranno eliminati i precedenti singoli brand delle divisioni Merck Serono e Merck Millipore. In futuro, l’attuale Merck Serono sarà il business biofarmaceutico di Merck, mentre Merck Millipore diventerà il business life science di Merck. “In seguito a queste due importanti acquisizioni, i marchi Merck Serono e Merck Millipore ci hanno aiutato a posizionare sul mercato, con successo, il dualismo tra le attività già esistenti e quelle acquisite. Siamo riusciti a raggiungere questo risultato ed è per questo motivo che ora torniamo al marchio che tutti conoscono da quasi 350 anni” ha aggiunto Kley. I marchi dei prodotti, come Erbitux o MilliQ, non saranno interessati da questo cambiamento.Merck detiene tutti i diritti sul nome e il marchio Merck a livello globale, con l’eccezione di Stati Uniti e Canada. Di conseguenza l’Azienda continuerà ad operare in questi due Paesi con il nome di EMD Serono nell’area biofarmaceutica, EMD Performance Materials nel settore dei materiali high-tech e EMD Millipore nel settore delle life science, fino al completamento della già pianificata acquisizione di Sigma Aldrich.L’immagine grafica di Merck è sostanzialmente nuova e, con le sue forme geometriche colorate e multisfaccettate viste da un microscopio, vuole comunicare il concetto di un’Azienda tecnologica dinamica. Il nuovo design di Merck si basa su colori intensi e forme che rievocano la scienza. Ciò si riflette anche nel nuovo logo che, rispetto a quello precedente, è più incisivo, meno complesso e può essere utilizzato in colori diversi.“Una dettagliata analisi interna ed esterna, ci ha mostrato la necessità di rendere il nostro marchio molto più emozionale per essere percepiti dal mercato e dai potenziali dipendenti come un’Azienda tecnologica vivace” ha detto Walter Huber, Responsabile delle Comunicazioni del Gruppo.Inoltre, il nuovo design Corporate vuole creare un forte collegamento visivo con l’attività di Merck negli Stati Uniti e in Canada. Per questa ragione, l’Azienda sta anche aggiungendo al logo Merck una marcata “M” colorata, ad indicare l’appartenenza delle attività e dei prodotti al Gruppo Merck, indipendentemente dai nomi o dalle regioni in cui opera l’Azienda.Nel riposizionamento del marchio, Merck è stata sostenuta da FutureBrand, un’agenzia specializzata in branding che offre i propri servizi ad aziende del livello di Bentley e Nespresso e che ha anche lavorato alle Olimpiadi di Londra del 2012. (foto: Merck Serono)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gubitosi incontra i giovani della Bocconi per il futuro di Giffoni

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

università bocconi“Giffoni è territorio, cinema, televisione, turismo, scuola e nel futuro anche produzione, museo e incubatore. E’ quindi il frutto di un’intersezione di più mondi che si intrecciano magicamente in un paese del sud Italia. E’ anche oggetto di studio perché Giffoni può essere molto di più di ciò che è adesso”. A dirlo Dino Ruta, professore di Leadership e Team working al Master in Arts Management and Administration, SDA Bocconi School of Management, in occasione dell’incontro che il direttore del Giffoni Experience Claudio Gubitosi ha avuto, questa mattina, alla Bocconi di Milano con gli studenti del Master in Arts Management and Administration (MAMA). Si tratta di un programma internazionale rivolto a laureati in discipline umanistiche e a professionisti che lavorano per organizzazioni operanti in ambito artistico e culturale (es. musei, teatri, festival). Il Master si pone come obiettivo quello di sviluppare doti manageriali e di leadership per chi ambisce a ricoprire posizioni di maggiore responsabilità o a lavorare come consulente o imprenditore nel settore delle arti e della cultura.“Nel corso delle lezioni, gli studenti hanno incontrato – spiega il professor Ruta – un Direttore di orchestra, Ruben Jais de laVerdi di Milano e oggi si sono confrontati con Claudio Gubitosi. E’ importante dare evidenza di stili diversi di leadership, ognuno efficace, ognuno unico per definizione”.Il Giffoni è presente all’Università Bocconi dal 2005, quando è stato organizzato il primo incontro con gli studenti del corso di laurea magistrale in Economics and Management in Arts, Culture, Media and Entertainment. Sul futuro del Gff, Ruta spiega: “Vedo che Giffoni non si ferma, continua a cambiare e a non cullarsi mai dei successi ottenuti. Vorrei che si raggiungesse una maggiore tranquillità economica. Ma soprattutto una maggiore indipendenza. Io spingo Giffoni verso il mercato, libero dalla politica, con una mentalità internazionale”. L’esperienza Giffoni suscita curiosità da parte degli studenti perché, secondo Ruta, “l’idea alla base di tutto è rendere i ragazzi protagonisti e costruire un’organizzazione che ruota attorno ai ragazzi, al tempo stesso destinatari dei film e giurati esperti. Come se i clienti – rimarca il docente universitario -diventassero parte dell’organizzazione in modo strutturato. Se questa idea, apparentemente folle, fosse applicata da altre organizzazioni culturali si vedrebbero molte rivoluzioni”.
In questi 45 anni il Gff è cambiato, aprendosi a nuovi linguaggi e nuove prospettive. “Giffoni – aggiunge ancora il prof. Ruta – cambierà pelle per seguire la progettualità oltre il mondo del cinema che Claudio Gubitosi vuole fortemente. E’ un salto importante che può fare inevitabilmente solo in logica manageriale. Oggi vedo Giffoni come una boutique delle idee, in un incubatore chiamato Regione Campania. Domani la vedo più come un grande luogo che sarà in grado di attrarre menti da tutto il mondo. Occorrono, però, due cose: non separarsi dalla logica principale di rendere i ragazzi protagonisti, attirare le migliori menti al mondo che possono sviluppare questo tema. Diventerà un luogo fatto di persone uniche, dove il contesto aiuta a creare e a produrre”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Educare al futuro

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

Educare i giovani alla cittadinanza mondiale è legato in maniera imprescindibile all’educare i giovani al futuro, perché – al di là delle differenze locali e nazionali – siamo uniti dallo stesso destino e le nostre scelte hanno ripercussioni gli uni sugli altri. È sufficiente parlare di migrazioni, sviluppo e diritti umani a scuola per educare al futuro? Basta adottare un’unità didattica sull’intercultura per risolvere la questione? “Parlez-vous global?”, sin dalla fase di disegno progettuale, sa che la risposta a questa domanda è “no”; per questo ha inserito nel piano progettuale una fase dedicata alla maturazione delle competenze rispettivamente degli insegnanti e degli studenti ed una fase dedicata alla valutazione delle competenze di cittadinanza mondiale.Questi argomenti sono stati affrontati durante il Seminario nazionale di “Parlez-vous global?”, che si è tenuto a Milano il 10 ottobre e che ha visto riuniti 70 professori di scuola secondaria provenienti dalle regioni maggiormente coinvolte (Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana). Durante la prima parte del Seminario, il prof. Roberto Trinchero, docente di Pedagogia sperimentale all’Università di Torino, ha tenuto una sessione intitolata “Formare per competenze” (slide disponibili su http://www.edurete.org).C’è un motivo per cui gli studenti italiani (inclusi i migliori) si qualificano ripetutamente sotto la media mondiale delle prove Invalsi (indagine Ocse-Pisa 2009). Il problema è che si trovano ad affrontare problemi nuovi, a cui i professori non li preparano.Gli studenti non superano le prove Invalsi perché non sono abituati ad usare la loro testa, quanto ad applicare nozioni impartite su problemi astratti e tipizzati.Le prove Invalsi invece sono costruite sul nuovo paradigma basato sull’educare al futuro, un futuro caratterizzato dalla cifra del cambiamento.Per preparare gli studenti a lavori che non sono stati creati, a tecnologie che non sono state inventate, a problemi che non possiamo anticipare oggi, dobbiamo suscitare competenze.
Ma cosa significa “competenza”? Secondo il quadro di riferimento europeo, adottato anche dalla scuola italiana, la competenza è la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro, studio e sviluppo professionale e/o personale.In passato, i docenti hanno creduto che gli studenti potessero passare automaticamente dall’abilità alla competenza, dal sapere al saper fare e saper essere. Questo passaggio invece non è scontato ed è il motivo di insuccesso della didattica.Trinchero ha infine illustrato il modello di costruzione e di valutazione delle competenze contenuto nel Manuale didattico “Migrazioni e cittadinanza mondiale a scuola”, prodotto dal progetto “Parlez-vous global?” e disponibile gratuitamente sul sito http://www.parlezvousglobal.org
Questo metodo – valido per ogni tematica e disciplina – ha dimostrato di suscitare interesse e apprendimento negli allievi, ma soprattutto autonomia, competenza e responsabilità, elementi indispensabili per preparare alle sfide mondiali.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vedere subito come saranno i risultati del botulino?

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

botulinoLa tossina botulinica, la sostanza più utilizzata al mondo in medicina estetica per contrastare i segni dell’invecchiamento, e la lidocaina, anestetico fra i più diffusi, si alleano per garantire al medico un perfetto controllo sui risultati delle iniezioni e al paziente una “preview” di quelli che saranno gli effetti del trattamento. Lo studio sulla nuova tecnica è stato portato avanti dall’équipe di ChirurgiadellaBellezza: i chirughi plastici Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove hanno pubblicato i risultati sul Journal of Advanced Plastic Surgery Research – Vol. 1 2015 e il 9 ottobre Pierfrancesco Bove ne ha parlato all’International Congresso of Aesthetic Dermatology di Bangkok, Thailandia.«Dal 2010 al 2013 abbiamo praticato 356 trattamenti a base di tossina botulinica di tipo A diluita con 2,4 mL lidocaina invece che con la classica diluizione a base di soluzione fisiologica, trattamenti localizzati nel terzo superiore del volto –spiegano Bove e Rauso–. Il risultato è stato evidente: già pochi minuti dopo le iniezioni era visibile il rilassamento dei muscoli indotto dall’anestetico locale, che in questo caso simula in anteprima gli effetti che nei giorni successivi conferisce il botulino, cosa che permette al medico di rendersi subito conto di eventuali asimmetrie da correggere o se il risultato corrisponda a quanto concordato col paziente». Questo effetto iniziale indotto dalla combinazione botulino/lidocaina sparisce dopo circa 30 minuti e poi, come sempre nei trattamenti a base di botulino, dopo qualche giorno si manifesta il risultato definitivo.La differenza rispetto alle iniezioni tradizionali, in cui il botulino è diluito con soluzione salina (1,2 mL vengono aggiunti alla fiala), è appunto che con queste il medico non può notare subito se ci sono imperfezioni e risulta fondamentale rivedere il paziente dopo qualche giorno per capire se sono necessarie correzioni. «Abbinando la tossina botulinica con la lidocaina si evita questo inconveniente –spiegano ancora Rauso e Bove– perché l’azione transitoria della lidocaina, utilizzata al posto della soluzione fisiologica, simula l’effetto che avrà il botulino stesso. Inoltre la lidocaina apporta anche l’effetto anestetico che le è proprio, minimizzando il fastidio che il paziente può provare con il metodo consueto. Una raccomandazione importante è che questa tecnica sia eseguita da uno specialista esperto: il raddoppio della diluizione fa sì che aumenti la probabilità che il botulino si diffonda in modo indesiderato, causando problemi. Per questo è fondamentale affidarsi a un operatore che conosca al meglio la muscolatura dell’area anatomica ove effettua le infiltrazioni».Grazie all’azione combinata di botulino e lidocaina si ha quindi un’anteprima immediata di come si stabilizzerà il trattamento nel tempo: «Uno strumento importante per il medico, che così può controllare al 100% e in tempo reale il risultato raggiunto, e per il paziente che non deve più tornare al controllo per il classico “ritocco”» concludono Rauso e Bove.
ChirurgiadellaBellezza (www.chirurgiadellabellezza.it) è un surgery network che si occupa di Medicina e Chirurgia Estetica in Lombardia, Toscana, Lazio e Campania. L’équipe, guidata dai chirurghi plastici Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove, è composta da anestesisti, infermieri e personal assistant. Gli standard che garantisce sono elevatissimi in tutte le città in cui opera. La filosofia di ChirurgiadellaBellezza si basa non solo sulla ricerca di risultati armonici e naturali, ma anche sull’assistenza costante al paziente prima, dopo e durante l’intervento.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La dieta del sorriso: La mia vita, i miei segreti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

alainÈ uscito da poco in tutte le librerie “La dieta del sorriso. La mia vita, i miei segreti” (Cairo, 2015), l’ultimo libro del guru delle diete e delle erbe Alain Mességué che contemporaneamente ha aperto nuova ed esclusiva Spa presso il Parkhotel Delta Ascona (Canton Ticino, Svizzera), punto d’arrivo di 40 anni di carriera in cui il maestro ha sempre cercato di perfezionare e accrescere le conoscenze e le tecniche impiegate.All’interno della struttura, l’unica in cui opera Mességué, è possibile seguire i trattamenti studiati in base alle necessità individuali e secondo le disposizioni dello stesso Mességué, in una serie di percorsi in cui le medicine alternative vengono applicate con grande equilibrio.La salute è un bene prezioso che va protetto e conservato. Una filosofia di vita per Alain Mességué che, da ben quarant’anni, utilizza le erbe per eliminare le tossine e ristabilire il delicato equilibrio tra corpo e mente. Un’armonia che il metodo Alain Mességué mira a ripristinare tramite il sinergico utilizzo di tecniche e strumenti propri della fitoterapia, della medicina occidentale, dell’estetica e della fisioterapia.
Disintossicazione dell’organismo grazie alle virtù scientificamente provate delle erbe medicinali, ricerca di un’alimentazione sana ed equilibrata con ingredienti genuini, freschi e a km 0, trattamenti estetici e rilassanti per menuritrovare la via verso una migliore forma fisica e psichica, lontani dallo stress che caratterizza la quotidianità, sono le basi del rinomato metodo Alain Mességué. Grazie a questo metodo, l’antichissima sapienza della natura e delle erbe si sposa con le più avanzate tecnologie. Ecco allora che approfonditi check up si accompagnano a pediluvi e maniluvi, cataplasmi, decotti e tisane. Un’attenzione particolare è data anche all’alimentazione: i menu sono preparati con prodotti freschi e di stagione e sono sempre perfettamente equilibrati, per ottenere una corretta dieta alimentare senza però togliere il piacere della tavola.
Nel suo libro “La dieta del sorriso”, Mességué ancora una volta stupisce i suoi lettori: l’uomo imprevedibile che tutti conoscono restituisce un’immagine di sé più intima, ripercorrendo alcune tappe della sua vita professionale rilette con lo spirito e l’ironia che lo contraddistinguono. Oltre quarant’anni di carriera – ma lui preferirebbe forse parlare di “missione” – riassunti in rapidi tocchi e in episodi che acquistano qui un particolare significato, aiutando a comprendere l’uomo Mességué.
Ma non si tratta di un’autobiografia. È quasi un bilancio umano, che l’autore fa e offre generosamente al suo pubblico e, soprattutto, a suo figlio. È infatti da una chiacchierata con lui che nasce l’idea di ricostruire in punti la sua vita fino a qui, splendido soggetto per un libro di avventura.Anche attraverso le testimonianze dei suoi ospiti illustri si scopre così che, dietro al professionista noto a tutti, si nasconde un uomo coraggioso, instancabile e generoso che dà suggerimenti e consigli per aiutarci a stare bene mangiando meglio, regala ricette che mescolano ingredienti sani e sorprendenti, sfata credenze e false convinzioni sull’alimentazione e sui trucchi per dimagrire. (foto: alain, menu)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I pesticidi minacciano l’ambiente

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

ambienteUn nuovo rapporto di Greenpeace pubblicato oggi mostra che l’agricoltura industriale, con il suo massiccio uso di pesticidi chimici, inquina le acque e i suoli causando la perdita di habitat e di biodiversità. Quasi un quarto (24,5 per cento) delle specie vulnerabili o in via d’estinzione nell’Ue è minacciata dagli effluenti agricoli, compresi pesticidi e fertilizzanti, che mettono a rischio la stessa sopravvivenza delle specie e preziosi servizi ecosistemici come l’impollinazione. È assolutamente necessario un sostegno politico e finanziario per passare da un’agricoltura intensiva dipendente da sostanze chimiche dannose, a pratiche agricole ecologiche.
Nel 2015 la “Task force sui pesticidi sistemici” dell’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della natura), dopo aver analizzato oltre 800 relazioni scientifiche, ha segnalato un catastrofico declino degli insetti in Europa. Gli impatti possono essere devastanti, poiché il 70 per cento delle 124 principali derrate alimentari coltivate per il consumo umano, come mele e colza, dipendono dall’impollinazione, che migliora la produzione di semi, frutta e ortaggi.«La dipendenza dell’Europa dai pesticidi chimici è più che altro una tossicodipendenza», dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace. «Le colture sono regolarmente irrorate con diverse sostanze chimiche, di solito applicate più volte su ogni coltura durante l’intera stagione di crescita. Eppure gli agricoltori dispongono già di alternative non chimiche per contrastare le specie nocive, ma hanno bisogno del necessario sostegno politico e finanziario affinché queste diventino il metodo più diffuso».Il rapporto di Greenpeace “Tossicodipendenza da pesticidi. Come l’agricoltura industriale danneggia il nostro ambiente” esamina la letteratura scientifica disponibile sull’uso dei pesticidi chimici di sintesi in agricoltura. I risultati mostrano che i pesticidi sono una grave minaccia per la biodiversità, sia perché mettono in pericolo le specie, avvelenandole e alla fine uccidendole, sia perché alterano gli ecosistemi, per esempio provocando il collasso della catena alimentare. Secondo la stessa Unione europea, un quarto dei 471 principi attivi approvati in Europa supera le soglie critiche per la persistenza nel suolo o nelle acque, e 79 di questi oltrepassano i valori critici di tossicità per gli organismi acquatici.Spesso diversi “cocktail” di pesticidi contaminano l’ambiente, anche se di norma gli effetti di questi mix chimici non sono valutati nei processi di autorizzazione effettuati dall’Ue. Inoltre, i pesticidi sono valutati in base ai singoli principi attivi, anziché in base ai reali effetti dei prodotti in commercio, che spesso contengono più sostanze. Il processo di autorizzazione dell’Unione europea, inoltre, non riesce a valutare correttamente gli effetti a lungo termine dell’esposizione a basse dosi dei pesticidi, perché si concentra principalmente sulla loro tossicità acuta.«Chiediamo di abbandonare le pratiche agricole dipendenti dalle sostanze chimiche. Serve una forte presa di posizione politica contro l’abuso dei pesticidi e a favore di un’agricoltura ecologica e sostenibile», conclude Ferrario.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Escalation del terrorismo palestinese in Israele

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

terrorismoIl terrorismo antisraeliano sale pericolosamente di un altro gradino: questa mattina una donna palestinese ha fatto detonare un ordigno a bordo della propria auto a un checkpoint ferendo leggermente un poliziotto israeliano. La donna fermata per un controllo era scesa dall’auto gridando “Allah u akbar”, innescando l’ordigno e rimanendo seriamente ferita. L’attentato è avvenuto a Malee Adumim, nei pressi di Gerusalemme.
Secondo una prima ricostruzione dei fatti fornita dalla polizia, l’agente aveva fermato l’auto per un controllo dopo essersi insospettito dalla guida della donna. La palestinese e’ quindi uscita dall’auto e ha fatto esplodere un ordigno che era a bordo della sua macchina. Secondo il Jerusalem Post, l’attentatrice e’ stata poi trasportata in ospedale a Gerusalemme “con bruciature sull’intero corpo”. L’agente ha riportato ferite leggere sulla parte superiore del corpo ed e’ stato anche lui trasferito in ospedale. L’auto conteneva un’altra bombola di gas che miracolosamente la terrorista non è riuscita a far esplodere.
In serata nuovo accoltellamento di due israeliani assaliti da un palestinese ad Hadera, a nord di Tel Aviv. L’aggressore è stato poi bloccato mentre uno dei feriti sarebbe in gravi condizioni. Inoltre durante la scorsa notte un missile Grad è stato lanciato contro la città di Ashkelon ma è stato fortunatamente intercettato dal sistema anti-missile Iron Dome. A seguito di questo attacco aerei israeliani hanno colpito due fabbriche di armi di Hamas nel Nord della Striscia di Gaza. In un caso l’esplosione ha fatto crollare una casa adiacente, causando la morte di una donna di 30 anni incinta e della figlia di 4 anni. (Fonte: Ansa) (foto: terrorismo)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

20 ottobre: Giornata mondiale osteoporosi

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

osteoporosiOsteoporosi, questa sconosciuta. Potrebbe sembrare un paradosso chiamare così una delle patologie più diffuse, colpisce infatti 22 milioni di donne europee[1], e apparentemente conosciute dalla popolazione femminile. Eppure questa ‘ladra silenziosa’ delle ossa, che compare in maniera asintomatica per poi spesso manifestarsi con una frattura, è di fatto ancora largamente misconosciuta e sottovalutata, soprattutto perché non se ne conoscono tutte le facce. Tralasciando quella giovanile, fortunatamente meno frequente, è infatti doveroso distinguere tra osteoporosi primaria, sua volta classificata in 2 tipi: osteoporosi postmenopausale, legata essenzialmente alla brusca caduta del livello degli estrogeni necessari per il normale metabolismo osseo, e osteoporosi senile, che colpisce soprattutto dopo i 70 anni di età, e osteoporosi secondaria, causata da patologie concomitanti di diversa natura (quali ad esempio quelle reumatiche come artrite reumatoide e lupus) o dal prolungato utilizzo di farmaci i corticosteroidi, gli anticoagulanti come l’eparina o gli inibitori dell’aromatasi[2].
«Sull’osteoporosi – conferma il Prof. Giancarlo Isaia, Direttore della Struttura di Geriatria e Malattie Metaboliche dell’Osso all’Ospedale Molinette di Torino e Presidente della SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro) – manca ancora un’informazione scientifica, opportunamente però decodificata e resa fruibile per la popolazione, trasmessa dalla classe medica. Che serva a colmare un vero e proprio gap poiché, da sempre, l’osteoporosi non è mai stata spiegata correttamente alle pazienti. In questo senso la SIOMMMS è, da sempre, in prima linea, anche attraverso la Campagna “Stop alle Fratture”, prima e unica iniziativa nazionale di sensibilizzazione sulle fratture da fragilità ossea, che sono le conseguenze dell’osteoporosi nella sua forma più grave. A questo proposito, alla classe medica spetta il compito di invitare le donne a non sottovalutare, ad esempio, persistenti dolori ossei che possono essere sintomo di fratture da fragilità ossea, la cui incidenza è molto più comune di quanto si pensi».Proprio l’osteoporosi nella sua forma più severa, ovvero complicata da una o più fratture, che possono incorrere anche per un minimo sforzo, come il sollevamento di una busta della spesa, la torsione del busto o un saltello, rappresenta un problema socialmente molto rilevante, influenza negativamente la durata e la qualità della vita delle donne che ne soffrono e richiede rilevanti risorse economiche da parte del SSN. Addirittura, stando alle ultime stime, si calcola che nei prossimi 40 anni, in assenza di percorsi diagnostici e terapeutici mirati per la popolazione a rischio, anche in Italia assisteremo al raddoppiare dell’incidenza delle fratture da fragilità ossea. «E questo soprattutto perché, nel nostro Paese, essa non viene gestita in modo appropriato – precisa il Prof. Isaia – soprattutto relativamente al trattamento che è assai inferiore alle aspettative e non coerente con le Linee Guida Internazionali. Basti pensare che noi ‘bone specialist’, che siamo gli specialisti di riferimento per la cura dell’osso, vediamo quotidianamente moltissime pazienti che presentato anche più fratture ma che non sono mai state curate: ad esempio, fratture vertebrali, ma anche di omero e di polso, spesso considerate, a torto, solo banali incidenti o naturali conseguenze dell’invecchiamento. Anche la più temuta frattura di femore non può considerarsi risolta solo con l’intervento chirurgico, ma – come tutte le fratture – necessita di essere opportunamente trattata con la terapia farmacologica, cosa che invece avviene, purtroppo, solo in parte. Particolare preoccupazione ha generato il dato, pubblicato dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) secondo il quale circa il 70% dei pazienti fratturati di femore sottoposti ad intervento chirurgico non segua poi un adeguato trattamento farmacologico. Oggi, invece, le indicazioni della nuova Nota 79 definiscono ‘ad alto rischio’ di osteoporosi severa anche la paziente che presenta anche un’unica frattura e, per questo, ha diritto a un corretto percorso diagnostico – terapeutico».
La Giornata Mondiale dell’Osteoporosi ha come l’obiettivo quello di promuovere una sempre maggiore consapevolezza della popolazione femminile su questa patologia, ecco perché in occasione di questa ricorrenza diventa fondamentale affiancare all’informazione sui corretti stili di vita, quali l’attitudine al fumo, la mancanza di attività fisica e l’alimentazione scorretta, anche quella relativa ai fattori di rischio, primi tra tutti la predisposizione genetica e la familiarità. «Addirittura la familiarità di fratture da fragilità ossea interessa 1 donna italiana su 3 – continua Giancarlo Isaia – per cui risulta essere un importante warning per possibili pazienti ad alto rischio. Altri fattori di rischio importanti, ma spesso sottovalutati, sono la menopausa precoce, l’eccessiva magrezza, il fumo e l’abuso di alcol. Solo con la sensibilizzazione della classe medica, dal medico di famiglia a tutti gli specialisti coinvolti nella gestione della patologia osteoporotica, potremo garantire la corretta ed esaustiva informazione alle pazienti e, grazie anche alla nuova Nota 79, un sensibile miglioramento dell’appropriatezza della terapia e un conseguente calo di fratture da fragilità ossea negli anni a venire».
Dai 50 anni di età, per ogni donna è fondamentale conoscere il proprio rischio fratturativo. Sul sito http://www.stopallefratture.it è disponibile il Defra Test online, test di autodiagnosi per valutare il rischio personale di fratturarsi nei successivi 10 anni (basso, medio, elevato, molto elevato). A seconda del risultato ottenuto, verranno indicate, per tutte, raccomandazioni e consigli su come prevenire eventuali fratture da fragilità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo Presidente della Società Italiana di Neurologia

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2015

Leandro Provinciali, Direttore della Clinica Neurologica e del Dipartimento di Scienze Neurologiche degli Ospedali Riuniti di Ancona, è il nuovo Presidente della Società Italiana di Neurologia. La proclamazione è avvenuta al 46° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia che si è appena concluso a Genova.Leandro Provinciali succede ad Aldo Quattrone, Professore Ordinario di Neurologia e Rettore dell’Università Magnae Grecia di Catanzaro, che ha diretto e presieduto la SIN negli ultimi due anni.“Negli ultimi anni la Società Italiana di Neurologia ha raggiunto importanti traguardi grazie al lavoro dei miei predecessori – ha commentato il Prof. Provinciali a margine della sua proclamazione – e i progetti futuri si prospettano altrettanto stimolanti. Le prossime attività investiranno sia la ricerca scientifica neurologica, che in Italia si è attestata da anni su livelli di eccellenza, sia l’ambito assistenziale, che invece nel nostro Paese richiede ancora un notevole potenziamento per ridurre l’onere sanitario sociale delle malattie neurologiche, attualmente prevalenti nella popolazione italiana. All’appropriatezza ancora insufficiente dell’assistenza neurologica, si tenterà di far fronte sia mediante la diffusione di linee guida sia attraverso l’attivazione di particolari commissioni volte ad ottimizzare il rapporto rischio/beneficio dei vari trattamenti, a favorire la continuità assistenziale fra ospedale e territorio e a potenziare l’aggiornamento permanente degli specialisti utilizzando anche i migliori neurologi italiani attivi in altri Paesi. L’interesse primario della SIN rimane il paziente con malattie neurologiche e l’obiettivo è quello di migliorarne sempre di più la qualità della vita compromessa dalla patologia. In questa prospettiva – ha concluso Provinciali – sforzi particolari saranno rivolti a intensificare i rapporti con l’industria e le istituzioni, al fine di far comprendere le ricadute sociali delle malattie neurologiche, e a favorire – nell’ambito delle comunicazioni – lo scambio di informazioni, per facilitare l’integrazione delle attività e l’utilizzo delle competenze più avanzate”. La Società Italiana di Neurologia conta oltre 3000 specialisti neurologi e ha lo scopo istituzionale di promuovere in Italia gli studi neurologici, finalizzati allo sviluppo della ricerca scientifica, alla formazione, all’aggiornamento degli specialisti e al miglioramento della qualità professionale nell’assistenza alle persone con malattie del sistema nervoso.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »