Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 265

Archive for 20 ottobre 2015

Catella: Use of big data in the real estate sector often underestimated; innovation leaps expected

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

The trend of increased use of big data in the real estate sector is creating opportunities for innovation leaps and will lead to changes in forecasting methods, new and more transparent pricing methods and personalised property marketing. In its new report, BIG DATA in the real estate sector – opportunity or threat to the industry? Catella Research examined the status quo and the future viability of the European real estate sector against the backdrop of digitalisation. The survey covers 468 European real estate firms.“Big data is seen as relevant and revolutionary for the future development of the real estate sector. But although all the firms included in the survey produce masses of data, only a small proportion of them integrate it comprehensively as a process element in service provision, forecasting, or strategic planning”, says Dr Thomas Beyerle, Head of Research at Catella.
The majority of firms (60.4%) currently make decisions based on past experience; only a quarter (23.4%) indicated that they make decisions based on data. A further 11.7% reported using a combination of data and experience. The largest transparency deficits in real estate markets were identified as Data/survey methods not standardised (34.2%), No central data source (21.1%) and No data available at sub-market level (19.2%).Asked about the greatest sectoral changes resulting from ongoing digitalisation, 30.5% expect structural changes in the area of property investment, followed by 23.8% in transaction consulting. Only 5.7% expect any noticeable change in the area of property finance. catella1This will lead to changes in forecasting methods; issues of outsourcing or make-or-buy decisions in the real estate industry will top the decision-making agenda.“We anticipate major structural changes for the industry, especially in the area of customer-based specialisation and transparent pricing. But answers will also have to be found to the issue of ownership structures of the data. There is a latent risk that data oligopolies will emerge in the industry”, says Dr Beyerle.
But Catella is confident that the increased use of data will provide opportunities for innovation leaps, especially in the real estate industry. A prerequisite is that the development is driven not only by mundane concerns such as data availability, consistent standards or simply transparency, but by the realisation that data is the key to long-term financial success. We can already see that the new, digitally focused real estate firms are creating a novel environment of competition with established industry players.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Motor Insurance for Autonomous Vehicles: Paying Premiums Will Shift from Drivers to OEMs

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

AutoveloxLONDON The current system of calculating motor insurance premiums places importance on driver-related factors such as age, gender and driving record. However, the introduction of autonomous vehicles will turn the spotlight on vehicle-related parameters. As the motor insurance business goes through this transformation, the future holds vast potential for novel risk evaluation models. New analysis from Frost & Sullivan, Impact of Automated Vehicles on Motor Insurance Market (http://www.frost.com/sublib/display-report.do?id=ma70-01-00-00-00&src=PR), finds that motor insurers will move away from the driver-centric strategy to follow one or a combination of three models as automated vehicles become common:
· product-centric evaluation
· brand-centric evaluation
· system-centric evaluation
For complimentary access to more information on this research, please visit: http://ow.ly/Tqm0g. “Along with higher product liability, the responsibility of insuring the vehicle will shift from vehicle owners to manufacturers,” said Frost & Sullivan Automotive and Transportation Senior Research Analyst Kamalesh Mohanarangam. “Further, all excesses currently covered by the insured will be shared among several stakeholders, such as road-operators and local transport authorities.” As the risk of accidents will fall drastically with the advent of autonomous vehicles, the insurance premium to cover that risk too will drop significantly. Nevertheless, original equipment manufacturers (OEMs) and suppliers will increase insurance spend to cover their share of product liability risk, thereby offsetting the shrinkage in consumer-driven insurance revenues.
With OEMs and tier 1 suppliers looking to ensure fool proof product safety, methods to access risk and certify the product will assume greater importance. The traditional method of underwriting that uses historic data will take a back-seat, paving the way for a new breed of underwriters capable of evaluating driving algorithms and assigning a relevant risk priority number. “Moreover, insurers will develop new products for risks arising out of innovations,” noted Mohanarangam. “For instance, with the digitalisation of automobiles, insurers will provide cyber cover for protection against cyber-attacks and hacks.” In the wake of plummeting premiums, motor insurance will become part of other insurance policies and value-added packages as stakeholders look to new avenues of profit generation in a changing environment.
Impact of Automated Vehicles on Motor Insurance Market (MA70-18) is a Strategic Insight that is part of the Automotive & Transportation Growth Partnership Service program. This research analyses and forecasts the risks and opportunities for the motor insurance industry due to the advent of autonomous vehicles. The study provides a strategic overview of the motor insurance industry and OEM involvement in this space. It also highlights the challenges that participants need to overcome, concluding with expectations on the future of the industry.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

53° Congresso Italiano di Chirurgia della Mano

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

mano bionicaParma. Alla Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Parma è stato assegnato il premio “Luigi Rossoni” per la migliore comunicazione orale presentata da un autore con età inferiore ai 30 anni, nell’ambito del 53° Congresso Italiano di Chirurgia della Mano (“Le patologie dello sport nella mano, polso e gomito”) svoltosi a Viterbo dall’8 al 10 ottobre.A ottenere questo importante riconoscimento, che arriva alla Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Parma per la seconda volta dopo 17 anni, è stata la dott.ssa Letizia Marenghi, che ha presentato una relazione dal titolo “Valutazione dell’arm pump ed ipotesi eziopatogenetiche nel campionato mondiale di moto superbike”. Questa sindrome, tipica del motociclismo sia professionistico sia amatoriale, può essere particolarmente invalidante e non è di facile interpretazione dal punto di vista diagnostico e terapeutico, e in alcuni casi può costringere i centauri ad abbandonare la propria attività sportiva.Lo studio, che ha avuto come coautori il dott. Alessio Pedrazzini, il prof. Francesco Pogliacomi, la dott.ssa Alessandra Colacicco, il dott. Michele Zasa (Responsabile della Clinica Mobile nel Mondo) e il prof. Francesco Ceccarelli (Direttore della Clinica Ortopedica e della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia), nasce dalla collaborazione tra la Clinica Ortopedica di Parma e la Clinica Mobile nel Mondo, famosa struttura sanitaria che assicura assistenza durante le gare dei campionati mondiali di motociclismo Motogp e Superbike.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dreamspell dal Sogno di August Strindberg

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

tomasRoma Il 23 e 24 ottobre al Teatro India Lungotevere Vittorio Gassman (già lungotevere dei Papareschi) va in scena Dreamspell dal Sogno di August Strindberg con Mantas Zemleckas, Danas Kamarauskas, Gražvydas Staigvilas, Balys Ivanauskas, Aurimas Bačinskas, Gytis Laskovas, coro Rūta Žibaitytė, Danguolė Petrikaitė, Gintarė Kulikauskytė, Jovita Skardžiūtė, Paulina Simutytė. Un poeta si ritrova in un sogno misterioso con un unico compito: aprire la porta dietro la quale potrebbe essere nascosto l’enigma del mondo. Un processo “kafkiano” per uno spettacolo rigoroso ed energico, pieno di umorismo, danza e musica, che l’allestimento di Kamilė Gudmonaitė, studentessa lituana al corso di regia dell’Accademia Lituana di Musica e Teatro, propone attraversando il Sogno di Strindberg. Quasi un invito ad immergersi nel gioco della magia teatrale che si interroga sull’identità umana e sul senso della vita, per trasportarci in un’atmosfera di influenze turche, giapponesi e tibetane, dove le diverse scene sono immaginate come quadri viventi permeati da canti e azioni fisiche. Nell’equilibrio tra sogno e veglia, Dreamspell si pone alla ricerca di quello spazio mentale dove i pensieri più profondi non sottostanno alla razionalità: «Se ci fosse una porta che potrebbe rivelare cose sconosciute – racconta la regista – ci sarebbe sempre un qualche meccanismo per bloccare il tuo desiderio “pericoloso” di aprire quella porta». Così, partendo dalla metafora di una classe grottesca, il poeta affronta questioni inaccessibili al pensiero logico, sostenendo un processo presieduto da tre presidi di tre diverse facoltà e un Lord Cancelliere. Tutti personaggi fantasmagorici laura(interpretati dai giovani attori dell’Accademia Lituana di Musica e Teatro) che insieme tenteranno di aprire quella porta per superare la sottile linea che divide “il sogno dalla veglia”, la logica dall’irrazionalità.
Il processo diventa un martirio e il poeta viene condannato per essersi messo alla ricerca dell’ignoto. Quando nel corso del martirio il poeta apre la porta, il luogo si trasforma in una scuola dove il maestro e gli studenti incarnano il diavolo e i suoi adepti. Alla fine il maestro riuscirà ad avere in pugno anche il poeta, il quale provocherà gli studenti fino a far perdere loro la fiducia riposta nel maestro. Infatti, non riuscendo ad avere una risposta logica a tutto, il maestro sarà abbandonato e si trasformerà in uomo inetto, privo di conoscenza. Ma il poeta, chiamato ad essere il nuovo maestro, rifiuterà la proposta. «Secondo Carl Gustav Jung – continua Kamilė Gudmonaitė – i sogni sono la finestra del nostro inconscio. Essi possono offrire una soluzione ai problemi con cui ci si confronta durante il giorno. Fin dall’infanzia dobbiamo “soddisfare i criteri” e “far parte della società” che ci inquadra. Tutto ciò soffoca la creatività e l’individualità. Così, attraverso il sogno collettivo, ci si pone una domanda: perché entrare a tutti i costi in un sistema che frena i nostri sogni, rimuove i nostri desideri e limita la nostra creatività?».
Kamilé Gudmonaitė, frequenta il quarto anno di regia all’Accademia d’arte e musica di Vilnius, ma è già nota come una delle più promettenti giovani registe teatrali lituane. Lo spettacolo era in concorso all’edizione 2014 del festival di Spoleto, dove ha vinto il primo premio nella categoria European Young Theatre. Nel 2015 lo spettacolo si è aggiudicato due premi – per la regia e il premio della Student Jury – al festival internazionale Encounter, svoltosi nella città di Brno, in Repubblica Ceca. (foto: tomas, laura)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Test genetici per il diabete

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

test geneticoFino a qualche anno fa si chiamava medicina ‘su misura’ o ‘sartoriale’; oggi più correttamente si parla di ‘medicina di precisione’, ma alla base c’è sempre lo stesso concetto: la personalizzazione della diagnosi e dei trattamenti con l’ausilio della genetica. E’ la grande speranza di anticipare il futuro, delle malattie o della risposta ad un trattamento, con tutto quello che ne consegue per la salute del paziente e delle casse dello Stato. Concetto questo trasversale a diversi ambiti della medicina, compreso il diabete sul quale, inevitabilmente, si concentrano molti interessi. In tutto il mondo sono numerosi i gruppi di ricerca che si occupano con pazienza certosina di leggere nella sfera di vetro della genomica la risposta ai mille quesiti della medicina clinica, sul fronte della diagnosi come in quello del trattamento. La capacità di risposta ad un farmaco infatti, sia in termini di efficacia che di effetti collaterali, dipende da una serie di fattori anche genetici. Ma, nel caso dei farmaci anti-iperglicemizzanti, la quota parte di risposta che dipende dagli aspetti genetici che oggi i ricercatori sanno analizzare è troppo modesta per avere un impatto clinico. Almeno per ora.E anche al congresso ‘Panorama Diabete’ organizzato dalla SID a Riccione si parla delle ultime novità in tema di farmacogenomica. Ma in versione ‘doccia fredda’ e con l’imperativo categorico di non cadere nei facili entusiasmi e di lasciare ancora questa materia nelle prudenti mani degli esperti. “Interpretare gli studi di farmacogenomica, anche nel campo del diabete – ammonisce con fermezza Vincenzo Trischitta, dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma e Laboratorio di Ricerca Diabetologica ed Endocrinologica, IRCCS ‘Casa Sollievo della Sofferenza’, San Giovanni Rotondo (Foggia) – è una faccenda molto seria. Le risposte che abbiano acquisito finora non sono tali da poter impattare in modo significativo l’attività clinica quotidiana. Anche se la speranza di tutti naturalmente è che questi studi, negli anni a venire, possano acquisire una rilevanza clinica. In questo momento però abbiamo in mano solo informazioni ‘pre-cliniche’. Preziose per i ricercatori perché permettono di gettare luce sui meccanismi alla base delle malattie o nel dare ispirazione per costruire nuove terapie. Meno utili per i medici, perché in questo momento non danno alcun vantaggio, tranne rarissimi casi, nella cura dei pazienti.
Insomma, non è ancora arrivato il momento – ribadisce Trischitta – di utilizzare nell’ambulatorio del medico tutte le informazioni genetiche acquisite finora sulla risposta ai farmaci per il diabete. E a maggior ragione, andare a buttar via soldi per fare delle analisi genetiche, la cui offerta è sempre più pressante sul mercato, non ha veramente senso”. Ma intanto qualcosa comincia a muoversi e le promesse della farmacogenetica, anche se in ambiti ristretti, cominciano a concretizzarsi.L’esempio perfetto di farmacogenetica applicato al diabete. Sono studi degli ultimi 10 anni quelli che hanno portato a scoprire una forma rarissima di diabete dei neonati: si chiama ‘Diabete Mellito Neonatale Permanente’ (DMNP), colpisce meno di un bambino su 500mila e compare entro i 6 mesi di vita. Non ha nulla a che vedere con il diabete di tipo 1, nel quale il pancreas viene distrutto da una risposta autoimmune, e si può trattare solo con l’insulina. I neonati con DMNP hanno infatti tante beta cellule, tanta insulina, ma non riescono a secernerla, perché hanno un ‘blocco’. Questa rara forma di diabete dipende infatti da una puntiforme ‘distrazione’ – un errore di battitura – della natura (è una delle poche forme di diabete monogenico finora riconosciute) che porta a danneggiare una proteina indispensabile per la corretta secrezione d’insulina da parte del pancreas, in quanto parte integrante di speciali ‘canali’ (del potassio) presenti sulle cellule produttrici di insulina. I piccoli pazienti possono presentare un ritardo di crescita, complicanze neurologiche e possono arrivare rapidamente al coma diabetico, se non riconosciuti e trattati. Fino a qualche tempo fa, anche in assenza di autoanticorpi, li si considerava come dei ‘tipo 1’ e li si trattava dunque con l’insulina per tutta la vita. L’individuazione di questo difetto, nascosto nelle pieghe del cromosoma 6, ha portato a scoprire che una delle proteine responsabili della malattia è la stessa che consente di funzionare alle sulfaniluree (vecchi farmaci orali per il trattamento del diabete di tipo 2), perché funge da loro recettore sulla cellula beta pancreatica. Il ‘difetto di fabbrica’ di almeno metà di questi piccoli con DMNP sta nei geni KCNJ11 e ABCC8 che codificano due proteine (rispettivamente Kir6.2 e SUR1) facenti parte dei canali del potassio, che consentono la secrezione di insulina da parte del pancreas. “Questa mutazione – commenta Trischitta – insiste su una proteina per la quale avevamo già a disposizione il farmaco giusto, la sulfanilurea, usata da diversi decenni nel trattamento del diabete di tipo 2”. La scoperta ha avuto un’importante ricaduta sulla terapia di questi bambini perché ha permesso di traghettarli dalla terapia iniettiva con insulina a quella orale con sulfaniluree, dopo aver posto la corretta diagnosi con un test genetico. La scoperta dei geni difettosi alla base di questa forma di diabete è del professor Andrew Hattersley dell’Università di Exeter (UK): un’enorme storia di successo per questi piccoli, diverse centinaia per ora in tutto il mondo, e per le loro famiglie.
Le proteine che ‘traslocano’ la metformina. “Uno dei guru della farmacogenetica applicata al diabete di tipo 2 – ricorda Trischitta – si chiama Jose Florez e lavora a Boston, presso la Harvard Medical School”. Florez si avvale di un’importante casistica americana sulla predizione del diabete per testare l’impatto dei polimorfismi genici sulla risposta a farmaci antidiabetici di uso comune, quali la metformina. Anche in questo caso si stanno accumulando tante informazioni preziose. La metformina, farmaco importantissimo per il trattamento del diabete di tipo 2, viene utilizzata dall’organismo grazie al corretto funzionamento di una serie di ‘trasportatori’ che la veicolano dall’intestino al sangue e da qui al fegato (dove esercita nell’epatocita la sua azione terapeutica prima di essere ‘disattivata’) e ai reni, dai quali viene eliminata. Ogni segmento di percorso dipende da una proteina che ‘trasporta’ la metformina. Florez è andato a studiare come queste proteine ‘trasportatrici’ modulino la risposta al farmaco, scoprendo che in effetti la variabilità genetica di alcune di esse svolge un ruolo importante. I geni che predispongono al diabete e che influenzano la risposta ad alcuni farmaci. Il gene TCF7L2 è quello individuato come il più importante nel conferire una predisposizione al diabete di tipo 2. Un gruppo di ricercatori scozzesi ha dimostrato che questo stesso gene modula una diversa risposta del paziente al trattamento con le sulfaniluree.
Il gene IRS1 è invece un ‘traduttore’ importante del messaggio dell’insulina a livello delle cellule bersaglio. Una mutazione particolare di questo gene oltre a conferire un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, modula anche l’efficacia della terapia di associazione con metformina e sulfanilurea. “La prima osservazione in merito – ricorda Trischitta – è stata fatta dal gruppo del professor Giorgio Sesti, dell’Università di Catanzaro; noi recentemente abbiamo confermato il dato in una casistica più ampia, caratterizzandolo anche nei suoi dettagli fisiopatologici.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A settembre prosegue il calo dei fallimenti in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

Continua a migliorare, seppur lentamente, l’andamento dei fallimenti in Italia, come già riscontrato a giugno. Benché infatti in cifra assoluta le imprese che hanno portato i libri in Tribunale nel terzo trimestre di quest’anno si equivalgano al numero dello stesso trimestre del 2014 (3.013 contro 3.002), il trend è in continuo calo: i fallimenti erano 3.803 a marzo e 3.490 a giugno. Inoltre, il cumulato rimane a vantaggio dei primi nove mesi del 2015: 10.306 fallimenti contro gli 11.103 registrati da gennaio a settembre 2014, con un calo del 7,2%. Una bella notizia per le nostre imprese dopo un lungo periodo in cui il numero dei fallimenti è stato in continua crescita.
Nel terzo trimestre del 2015 in media sono fallite 46 imprese al giorno: un numero certo considerevole ma inferiore a quello del secondo trimestre, 54 ogni giorno. Rispetto a settembre 2009, poi, la percentuale dei fallimenti è sì in aumento, ma del 63% contro il 74% di un anno fa, un altro dato che sottolinea un segnale di ripresa economica delle nostre imprese.Il 2014 si è chiuso con la cifra record – e che certamente quest’anno non verrà eguagliata – di 15.605 fallimenti. Dal 2009 a oggi invece si contano circa 85.481 imprese che hanno portato i libri in tribunale.Sono i risultati dell’Analisi dei fallimenti in Italia, aggiornata al terzo trimestre 2015, realizzata da CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nella business information. “I dati relativi al terzo trimestre del 2015 mostrano finalmente alcuni spiragli di ripresa per le nostre imprese – commenta Marco Preti, Amministratore Delegato di CRIBIS D&B -. Abbiamo marco pretiregistrato infatti a fine 2014 un record negativo di fallimenti, mentre nel 2015 i numeri del nostro osservatorio ci fanno ben sperare, anche perché anche i dati sui pagamenti, la fotografia più aggiornata e “fresca” dello stato di salute delle aziende, mostrano una riduzione dei ritardi gravi rispetto allo stesso periodo dello stesso anno.” “Questo miglioramento non deve però fare abbassare la guardia. In questi anni le aziende che hanno performato meglio e che si sono difese efficacemente da fallimenti, insoluti e ritardi nei pagamenti sono quelle che hanno investito in procedure e strumenti per migliorare la propria gestione del credito e il proprio cash management. Un patrimonio di competenze che permetterà oggi alle aziende di continuare a proteggersi dai rischi e soprattutto di individuare i clienti e partner migliori su cui puntare per intercettare le nuove opportunità”, conclude Preti.
La distribuzione sul territorio nazionale dei fallimenti è strettamente correlata alla densità di imprese attive nelle diverse aree del Paese.
La Lombardia si conferma la regione d’Italia in cui si registra il maggior numero di fallimenti, con 2.153 casi nei primi 9 mesi del 2015, un’incidenza del 20,7% sul totale Italia. Dal 2009 ad oggi si contano 18.731 imprese lombarde fallite.
La seconda regione più colpita è il Lazio, con 1.195 imprese chiuse nel 2015 e un’incidenza sul totale Italia del 12,4%. Segue il Veneto con 939 casi e relativa incidenza dell’8,6%. Poi, in ordine, per completare le prime dieci posizioni troviamo la Campania con 915 fallimenti, l’Emilia Romagna (780), la Toscana (771), il Piemonte (707), la Sicilia (584), la Puglia (467) e le Marche (329).All’ultimo posto della classifica c’è Aosta con solo 11 fallimenti, 87 in totale dal 2009 e un’incidenza sul totale Italia di appena lo 0,1%.
Anche i settori merceologici registrano una positiva inversione di tendenza. Aree fortemente colpite dalla crisi, come l’industria e l’edilizia, mostrano segnali incoraggianti: -12,1 e -7,4% rispetto ai primi nove mesi del 2014, più specificamente 2.089 fallimenti nell’industria nel terzo trimestre 2015 contro i 2.377 dello stesso periodo dell’anno precedente, 2.192 nell’edilizia contro 2.368. Stazionaria la situazione del commercio, che ha una flessione minima dello 0,1% (3.297 contro 3.301), mentre continua la crescita nei servizi vari (+6,8%, 1.510 fallimenti contro 1.414). Certamente si è ben lontani dai livelli del 2009 in tutti i settori merceologici, ma il trend lascia ben sperare. (foto: marco preti)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’economia sommersa dei dati”

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

datiIntel® Security ha rilasciato oggi il report L’economia sommersa dei dati (The Hidden Data Economy), che raccoglie numerosi esempi di come diversi tipi di dati rubati vengono venduti e indica i prezzi per ogni tipologia di dati. McAfee Labs di Intel Security Group ha esaminato i listini dei prezzi per i dati relativi a carte di credito e di debito rubate, credenziali di accesso ai conti bancari, ai servizi di bonifico bancario, di trasferimento di denaro, credenziali di accesso ai servizi di pagamento on-line, a servizi di contenuti premium, reti aziendali, conti fedeltà e servizi di aste online.”Come ogni economia regolamentata ed efficiente, l’ecosistema del cybercrime si è rapidamente evoluto per offrire molti strumenti e servizi per chiunque aspiri a un comportamento criminale”, ha dichiarato Raj Samani, CTO di Intel Security EMEA. “Il mercato del “cybercrime-as-a-service” è stato uno dei principali driver che hanno guidato la crescita esponenziale delle dimensioni, della frequenza e della gravità degli attacchi informatici. Lo stesso si può dire per la proliferazione di modelli di business consolidati per vendere i dati rubati e ottenere guadagni dal crimine informatico”.“Dal report emerge come la criminalità informatica sia ormai arrivata alla portata di tutti, anche ai poco esperti di tecnologia” ha aggiunto Ferdinando Torazzi, Regional Director Italia e Grecia, Intel Security “per questo oggi la battaglia contro il cybercrime deve essere attuata su base continuativa, adottando interventi più mirati. La certezza è che il cybercrime esiste ed è in grado di proporsi come un business, e che è arrivato il momento di passare all’offensiva e non stare sulla difensiva. Noi collaboriamo con l’European Cybercrime Centre (EC3) dell’Europol per contribuire con le nostre competenze ad affrontare in modo efficace il problema del crimine informatico.”Nel corso degli anni, i ricercatori di McAfee Labs hanno collaborato con vendor di soluzioni per la sicurezza IT, forze dell’ordine e terze parti per identificare e valutare numerosi siti web, chat room e altre piattaforme online, community e marketplace in cui i dati rubati vengono acquistati e venduti. Sulla base di questa esperienza, gli studiosi hanno poi elaborato una valutazione globale sullo “stato dell’economia della criminalità informatica” includendo dettagli sui tipi di dati messi in vendita e sui prezzi.I dati relativi alle carte di pagamento sono forse il tipo di dati rubati e venduti più conosciuti. I ricercatori di McAfee Labs hanno individuato una gerarchia di valore nel modo in cui a questi dati rubati vengono assegnati i prezzi, in cui vengono poi messi a catalogo e in cui, infine, vengono venduti sul mercato nero. Un’offerta di base comprende il numero di conto principale, (primary account number PAN), la data di scadenza e il codice CVV2. I venditori si riferiscono alla combinazione di numero valido con il termine “Random”. Generatori d numeri di carte di credito valide possono essere acquistati o reperiti gratuitamente in rete.I prezzi aumentano quando l’offerta comprende ulteriori informazioni permettendo ai criminali di realizzare più cose con i dati a disposizione. Per esempio, dati come il numero di conto bancario, la data di nascita della vittima e informazioni classificate come “Fullzinfo”, compresi l’indirizzo di fatturazione della vittima, il codice PIN, il numero di previdenza sociale, la data di nascita, il nome da nubile della madre e anche il nome utente e la password utilizzati per accedere, gestire e modificare l’account online del titolare della carta.
“Un criminale in possesso dell’equivalente digitale della carta fisica può effettuare acquisti o prelievi fino a quando la vittima non contatta l’esercente per bloccare gli acquisti”, ha concluso Samani. “Se pensiamo che i criminali possono utilizzare una serie così estesa di informazioni personali per ‘verificare’ l’identità del titolare della carta, o peggio ancora per consentire accedere al conto e modificare le informazioni, il rischio di gravi danni finanziari cresce in modo preoccupante”. (foto: dati)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

USA: Coordinamento consolare italiano

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

washingtonL’On. Fucsia FitzGerald Nissoli ha partecipato, presso l’Ambasciata italiana a Washington, alla tradizionale riunione annuale di coordinamento consolare, indetta dall’Ambasciatore Bisogniero, con i Capi degli Uffici consolari, i Presidenti dei Comites, i Direttori degli Istituti di cultura e i neo eletti membri del CGIE. In questa occasione preziosa per capire i problemi dei connazionali in Usa, l’on. Nissoli è intervenuta dando un contributo al dibattito partendo dalla propria attività parlamentare e richiamando il suo impegno per la scuola italiana all’estero. Infatti, ha ricordato che “recentemente, è stata approvata la riforma della scuola italiana, la cosiddetta “buona scuola” dove è stato approvato anche un mio emendamento, molto semplice, ma che rivoluziona il sistema di promozione e diffusione della lingua e della cultura italiana; dopo parecchio tempo, pertanto sarà istituita una cabina di regia da parte dei soggetti coinvolti nella promozione scolastica nel mondo, per cui i ministeri degli Esteri e dell’Istruzione dovranno coordinarsi e garantire insieme una efficace sinergia degli strumenti di promozione della nostra lingua nel mondo, nell’esercizio di quell’autonomia e della flessibilità che saranno prassi in Italia e che potranno trovare anche una migliore e più efficace applicazione all’estero. Poi, qui in Usa, il Programma Advanced Placement ha raggiunto ottimi risultati grazie all’impegno ed al lavoro dell’Ambasciatore e del CGIE”. Infatti, grazie a questi programmi i tanti figli di italiani che vivono in Usa hanno avuto la possibilità di conoscere meglio le proprie radici; concordemente a quegli studi pedagogici che hanno dimostrato che conoscere la lingua di origine serve ad uno sviluppo psicofisico più armosioso e contribuisce ad una migliore integrazione nei territori di accoglienza. Un aspetto importante, quindi, anche per i tanti figli di italiani che vivono in Usa.“Un altro punto – ha riferito l’on. FitzGerald Nissoli – di cui si è discusso riguarda le problematiche che si affrontano sul campo, soprattutto per la ricerca di risorse finanziarie locali e per la ricerca di soluzioni adeguate per venire incontro alle nuove esigenze di lingua e cultura italiane dei nostri connazionali di seconda, terza e quarta generazione, arrivando a proposte operative che tengano effettivamente conto della domanda di lingua e cultura italiana proveniente dalle diverse realtà geografiche, in tutte le sue diversificazioni e specificità. In questo, è fondamentale il contributo dei Comites e dei Consolati in un atteggiamento dialogico e costruttivo ed aperti al contributo dell’associazionismo e delle tante realtà della società civile operanti su questo territorio”. Infine, l’on Nissoli, ha evidenziato, con soddisfazione, il clima di dialogo costruttivo che si è venuto a creare durante la riunione auspicando che continui così anche in futuro”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eventi e convegni organizzati dall’ateneo pontificio Regina Apostolorum

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

Ateneo Pontificio Regina ApostolorumRoma 29 ottobre 2015, Premio di laurea Presidium dal tema: “Welfare aziendale, innovazione organizzativa per una nuova cultura flessibile del lavoro”, organizzato dall’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in collaborazione con l’Istituto di Studi superiori sulla donna (Apra) e l’Istituto di Etica Sociale ed Economica “Fidelis” (Apra). Questa prima edizione del Premio vuole promuovere una nuova cultura del welfare e dell’organizzazione del lavoro, tematica trattata anche all’interno dei percorsi universitari proposti dall’Istituto di Studi superiori sulla donna, allo scopo di stimolare la formazione dei futuri protagonisti dell’economia del nostro Paese.
4-5 novembre 2015, il Convegno internazionale: “Romano Guardini e il pensiero esistenziale”, organizzato dalla facoltà di filosofia, si articolerà in due giornate: il 4 novembre nella sessione pomeridiana (ore 15.00-19.00) mentre la giornata del 5 novembre si svolgerà sia di mattina che di pomeriggio (9.00-17,30). L’ingresso è libero. Tra i relatori interverranno massimi esperti sul pensiero di Romano Guardini come: Prof. D. Alfonso López Quintas, massimo commentatore e traduttore in lingua spagnola e amico del teologo; il Prof Silvano Zucal, il Prof Massimo Borghesi e il Prof. Rafael Fayos Febrer il quale ha dedicato un blog al pensiero di Guardini. Il convegno nasce allo scopo di riunire i massimi esponenti del pensiero di questo grande filosofo, che prende le mosse dal pensiero esistenziale per poi rielaborarlo in un modo organizzato e coordinato con il risultato di fornire una nuova visione dell’uomo. Inoltre in Guardini, il dialogo tra fede e ragione convivono, rientrando perfettamente nella corrente della filosofia cristiana la quale si estende anche alle tematiche tra uomo ed ambiente motivo per il quale il pensiero di Guardini è stato ripreso anche nell’enciclica della Laudato Si di Papa Francesco.
3) 13 novembre 2015, Evento Colap (Coordinamento libere associazioni professionali), dalle ore 9,30 alle 18,30 dal titolo “Riparte l’Italia con la Roadmap del Colap”. La Road Map ha l’ambizione di contribuire con idee innovative e costruttive alla delineazione di una nuova politica governativa in grado di valorizzare tutte le potenzialità del nostro Paese. L’incontro darà luogo ad una riflessione su temi quali: Formazione e Politiche attive, Previdenza, Semplificazione Amministrativa, Beni culturali, Professioni del Benessere e Relazioni d’aiuto alla persona e Ruolo delle Regioni e dell’Europa nelle professioni.
4) 14 novembre 2015, Convegno: “Consacrazione in uscita”. Convegno organizzato dall’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum in occasione dell’anno della vita consacrata. Parteciperanno il Segretario della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, il presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, oltre a diverse realtà ecclesiali.
Corso suore Regina Apostolorum5) 19/20 novembre 2015, Convegno “Il Regno di Cristo”. Organizzato dalla facoltà di teologia. Tratta uno dei concetti fondamentali della teologia. Tre le sessioni nelle quali si suddividerà il convegno che si aprono la mattina del giovedì 19 novembre alle 9.00. Modera il Prof. Edward McNamara, L.C.; e si riprende il pomeriggio con Prof. Pedro Barrajón, L.C. che darà la parola ai vari relatori che si susseguiranno tra le 15.30 e le 18.30. E per finire la mattina del 20 novembre il coordinamento dell’ultima sessione è affidato al Prof. Alberto Mestre, L.C. per chiudersi alle 12.30. “Il congresso avrà lo scopo di raggiungere un approfondimento sistematico e teologico sul Regno di Cristo. In questo modo, soprattutto tramite la pubblicazione degli Atti, si cercherà di fornire un contributo di dottrina solida e scientifica alla teologia e spiritualità della Legione di Cristo, congregazione religiosa promotore del nostro ateneo, e del Movimento Regnum Christi nel contesto della celebrazione del suo 75º giubileo di fondazione”.
6) 26 novembre 2015, ore 10.30 – 18.00 l’evento “Laudato si , Sviluppo Agricolo e lotta alla fame: l’appello dell’Enciclica Laudato Si di Papa Francesco” organizzato da: La Missione Permanente della Santa Sede presso FAO, IFAD ePAM, l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e l’Università Europea di Roma. Il convegno verte su di un tema di grande attualità ed è organizzato allo scopo di presentare l’enciclica del Papa e assecondare il suo interesse per l’ecologia. La facoltà di bioetica dell’Ateneo, la prima al mondo nella sua specificità, non poteva non approfondire questo argomento così attuale.
7) 10 dicembre 2015 ore 9.30- 18.30 Convegno “Dignitatis Humanae e libertà religiosa” che si terrà a cinquant’anni dalla chiusura del concilio Vaticano II. L’evento è promosso dall’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, dalla Biblioteca Pio XII e dalla Cattedra UNESCO di Bioetica e diritti umani dell’Ateneo e l’UER. La sessione mattutina si apre con il primo intervento del Rettore APRA il Prof.re Jesús Villagrasa, segue il Mons. Agostino Marchetto, arcivescovo, nunzio apostolico e segretario emerito della pastorale per i migranti e gli itineranti. E si prosegue con il ateneo regina apostolorumProf Mauro Ronco dell’UER e il Prof E. Martínez Albesa dell’APRA. Nel pomeriggio partecipano alle ore 15.00 alla tavola rotonda: il rabbino capo della comunità ebraica di Roma e Primario di radiologia all’Ospedale San Giovanni di Roma il prof Riccardo Di Segni, la dott.ssa Maria Angela Falà della Fondazione Maitreya e Presidente del tavolo interreligioso e l’imam Yahya Sergio Yahe Pallavicini direttore per il dialogo interreligioso della moschea di Roma.Modera il Prof. Alberto Garcia, Direttore dell’ Unesco Chair in Bioethics and Human Right (APRA-UER) che aprirà anche l’intervento successivo. E ancora parteciperanno attivamente all’evento come relatori il prof Carmelo Leotta, Uer –Idis e chiuderà il Prof Massimo Introvigne direttore del Centro Studi Nuove Religioni di Torino e dell’Osservatorio sulla Libertà Religiosa di Roma. Al termine dell’incontro verrà celebrata la Santa Messa in nome dei cristiani perseguitati.Attenzione esplicita al Magistero della Chiesa non solo per celebrare il 50 esimo anniversario della chiusura del Concilio ma anche perché la libertà religiosa oltre che un problema accademico venga considerata una vera e propria emergenza pastorale, basti pensare alle situazioni in cui versano molti territori scenari di guerra e agitati da conflitti religiosi.
8) 14 febbraio – 6 giugno 2016 “Crescere in famiglia” Pastorale delle famiglie in situazioni di convivenza, separazione e divorzio. Patrocinato da: Pontificio Consiglio per la Famiglia – Commissione Famiglia della Conferenza Episcopale Laziale. Il tema è quanto mai attuale ed infatti la famiglia è stato il tema dell’ultimo sinodo dei vescovi che verte sul tema: “La vocazione e la missione della famiglia nella chiesa e nel mondo contemporaneo”.
In occasione del giubileo della misericordia “promosso” da Papa Francesco la facoltà di Teologia dell’Apra propone questo ciclo di conferenze:
25 febbraio 2016 (P. George Woodall, “la misericordia, la giustizia e la pace nel mondo”)
10 marzo 2016 (P. David Koonce, “la misericordia, l’ecumenismo e la nuova apologetica)
14 aprile 2016 (Mons. Jean Laffitte “la misericordia e il matrimonio”).
5 maggio 2016 (P. Miguel Paz: “la misericordia e il sacramento della penitenza”)
9) 12 marzo, “Sapere per Educare”. Evento indirizzato a docenti, educatori e genitori. Due giorni di formazione per docenti, educatori e genitori nei quali si approfondiranno diversi temi tra i quali: le teorie di “genere”, la scoperta di buoni progetti educativi per la scuola e la famiglia.
10) 4-9 aprile 2016 – “Corso sull’Esorcismo”, organizzato dall’Istituto Sacerdos.Il corso viene proposto come un aiuto per l’approfondimento nella realtà del ministero dell’esorcismo con le sue implicazioni teoriche e pratiche, ed è anche presentato come un supporto per i Vescovi, nella preparazione dei sacerdoti assegnati al ministero dell’Esorcismo.
11) 2-7 maggio 2016 “Settimana della Mamma”, organizzata dall’Associazione Valore Mamma (ISSD – APRA).L’associazione nasce dunque per dare un supporto concreto alle mamme attraverso una serie di appuntamenti e servizi pensati esclusivamente per loro e per creare una community e un network fra mamme, associazioni, imprese e istituzioni, con il fine di migliorare la qualità della vita delle donne.
12) A giugno (data in definizione) “Master sull’Ecologia” (Facoltà di Bioetica)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Architetti: primo coworking di architettura e design

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

giovanni leonepalazzinaSi chiama dDesign coworking Legnano ed è il progetto di coworking verticale per architetti, interior design e professionisti dell’edilizia promosso da Ristrutturazione Low Cost (http://www.ristrutturazione lowcost.it), società specializzata nelle ristrutturazioni. Ristrutturazione Low Cost, nei suoi quattro anni di attività, ha formato una squadra di professionisti (architetti, geometri, esperti di materiali) che, proprio in questi giorni, ha cambiato sede operativa, ora la moderna e domotica Palazzina in via Cosimo del Fante 16 a Legnano.«La nostra attività è nata nel segno dell’innovazione, per aver puntato da subito e con successo sul web e per il fatto di proporre un modello di lavoro nuovo –spiega l’amministratore di Ristrutturazione Low Cost Giovanni Leone–; con il coworking verticale vogliamo fare qualcosa di diverso nel nostro ambiente di lavoro per sviluppare sinergie fra “colleghi”. In genere il coworking si riduce alla condivisione degli spazi (una scrivania, la connessione) e dove ognuno porta avanti indipendentemente la propria attività; noi vogliamo dare un valore aggiunto facendo coesistere, quindi collaborare, professionisti che lavorano nello stesso ambito». (foto: giovanni leone, palazzina)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il farmacista ospedaliero tra scelte e futuro

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

cataniaCatania dal 22 al 25 ottobre XXXVI congresso nazionale SIFO. L’evento vedrà riunirsi oltre 1.500 professionisti che lavorano nel campo sanitario: oltre ad un “esercito” di farmacisti degli ospedali pubblici e privati e delle strutture territoriali del Servizio sanitario nazionale (le pre-iscrizioni a dieci giorni dall’inizio dell’evento sfioravano il tetto delle 1000 persone), a Catania arriveranno anche autorità, rappresentanti del mondo dell’industria farmaceutica, professori, studenti e ospiti esterni. “Il Farmacista per Scelte, Interventi, Futuro, Outcome”, questo il titolo del congresso scelto dopo un certosino lavoro di selezione tra oltre 100 parole rappresentative dello scenario in cui in questo momento si muovono i farmacisti. Il congresso, che torna a svolgersi nel centro Le Ciminiere di Catania come accadde nel 2005, prende il via giovedì pomeriggio e prosegue fino a domenica. Quattro giorni densi di appuntamenti, tra lezioni magistrali (che vedranno in cattedra scienziati del calibro di Silvio Garattini e Napoleone Ferrara) e un corso pre-congressuale, lunch meeting, sei sessioni plenarie e 14 parallele. Per arricchire la sessione inaugurale di giovedì sarà lanciato un talk twitter all’insegna dell’hashtag #Sifo2015, mentre la sessione conclusiva di domenica si articolerà in un talk show condotto dal giornalista televisivo Franco Di Mare. Un’altra curiosità del congresso è il Worshop lab movie (a numero chiuso) di venerdì, pensato per formare farmacisti galenici a eseguire correttamente le preparazioni ma anche a produrre video efficaci per insegnare ai colleghi i dettagli della galenica. Ogni giorno, poi, dalle 14 alle 15, ci sarà uno spazio dedicato ai simposi aziendali, nei quali saranno affrontate le novità del momento.
A fare gli onori di casa come presidente del congresso ci sarà Franco Rapisarda, segretario nazionale SIFO e direttore del Dipartimento strutturale del farmaco all’Asp di Catania, a cui spetterà il compito di accogliere gli oltre mille colleghi arrivati in Sicilia per questo momento di confronto sui temi attuali in campo farmaceutico e sui progetti avviati e portati a termine da SIFO nel corso dell’ultimo anno. Il congresso sarà pertanto l’occasione per parlare del nuovo regolamento europeo per la sperimentazione clinica, ma anche dell’Health tecnology assestment, dei dispositivi medici e di appropriatezza ed errori di terapia, ma anche di molto altro. E ancora, quella di Catania sarà anche la vetrina da cui presentare un manuale sul rischio clinico messo a punto da SIFO per promuovere una maggior consapevolezza nei farmacisti e un’appropriata interpretazione delle prescrizioni compilate dai medici. Quello sul rischio clinico non sarà l’unico manuale che verrà present ato al congresso: ce ne saranno anche due sul tema dell’Hta e uno sui farmaci biosimilari, una sulla gestione dei gas medicinali, oltre ad un vademecum per gli specializzandi e a due documenti di indirizzo sul rischio chimico.“Quello che questo congresso si prefigge, perché è la sfida dei prossimi anni, è discutere e capire insieme il fatto che, per assicurare l’equità dell’accesso ed il diritto delle cure,è necessario saper fare delle scelte, scelte consapevoli e professionali, ma sempre più anche di tipo etico, che coinvolgeranno inevitabilmente le coscienze e i comportamenti dei decisori, costretti ad assumersi piena responsabilità”, afferma Franco Rapisarda, presidente del congresso. In questo scenario, conclude Rapisarda, “dovremo pensare a un processo decisionale al quale anche il farmacista con la sua storia e la sua cultura, ma anche con le sue conoscenze specialistiche, potrà e dovrà contribuire”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Principi Imperiali Asburgo-Lorena a Milano

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

lombardo venetoMilano Tre intense giornate milanesi per l’Arciduca Ereditario Carlo d’Asburgo Lorena e per suo fratello Giorgio: il bicentenario dell’istituzione del Regno Lombardo Veneto ha dato l’occasione di una storica visita ufficiale alla citta lombarda, organizzata dal Circolo del Regno Lombardo Veneto e del St-Georg Orden col beneplacito della Imperial Regia Cancelleria della Famiglia Asburgo, che si è articolata in appuntamenti pubblici e privati, in cui gli Arciduchi hanno avuto modo di incontrare non solo esponenti della nobiltà, ma anche autorità civili, religiose e accademiche, e illustri membri della società civile. La visita si è aperta venerdì scorso con una lectio magistralis tenuta dall’arciduca Carlo nell’Università Cattolica di Milano, in cui ha illustrato quali siano gli intendimenti e gli sforzi che ancor oggi -seppur senza avere troni e corone- gli Asburgo stanno profondendo per una vera Europa cristiana e federale, in cui la Mitteleuropa (ossia i popoli e le regioni del vecchio Impero – e fra questi, anche Lombardia e Veneto) deve ritrovare il suo ruolo guida. Nel pomeriggio, visite private in Regione e in Arcivescovado, per concludere con una cena offerta dal conte friulano Giuseppe Rizzani. Il sabato è stato dedicato alle cerimonie del Konventum del St-Georg Orden: la Serbidiola (l’inno imperiale, musicato da franz Joseph Haydn nel 1797) è risuonata in Piazza Duomo, eseguita dalla Banda Imperial Regia, che segue gli Asburgo nelle loro visite in Europa. Poi, una solenne Messa e l’incontro con un variegato e numeroso pubblico davanti alla Chiesa di San Carlo al Corso, dove chiunque ha potuto conoscere e salutare gli eredi di Cecco Beppe. Alla sera, invece, durante un più esclusivo galà nelle sale di Palazzo Bocconi, più di duecento persone appartenenti all’aristocrazia e provenienti da tutto il vecchio Impero hanno levato i calici alle migliori fortune del Lombardo Veneto e della Casa Imperiale, chiudendo così la parte pubblica di queste prime celebrazioni. Domenica l’Arciduca Georg ha invece incontrato, in stretta cerchia, Soci e Amici del Circolo del Regno Lombardo Veneto, incoraggiandoli a proseguire nell’opera di custodia della tradizione e della storia dell’antico Regno, guardando al futuro per costruire un’Europa migliore. Le celebrazioni proseguiranno poi con l’ormai tradizionale Convegno di Studi Mitteleuropei che il Circolo del Regno Lombardo Veneto, in collaborazione con l’Associazione Culturale Aristocrazia Europea, ha fissato per il prossimo sabato 21 novembre (foto: lombardo veneto)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miss Italia baciata dalla… neve

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

alice4Montreal (Canada) Alice Sabatini è pronta al rientro in Italia. Miss Italia 2015, da alcuni giorni impegnata a Montreal nelle attività programmate da Joseph Ribkoff, azienda canadese di abbigliamento partner del concorso, ha potuto dedicare alcune ore alla visita della città. E, in queste ore, non è mancata la sorpresa di una leggera nevicata…
Per Alice è prevista un’ultima giornata ricca di appuntamenti, prima del rientro in Italia (foto: Alice)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Asta d’arte contemporanea

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

milanodavedereMilano Giovedì 22 ottobre alle ore 18.00 presso il nuovo UniCredit Pavilion, Milano, Piazza Gae Aulenti, 10. Intervento introduttivo: Enrico Mentana, direttore del TG La7.Batterà l’asta: Filippo Lotti, Amministratore Delegato di Sotheby’s Italia. L’intero ricavato dell’asta sarà devoluto al progetto “Mediterranean Peace Channels – The Mirror of the Other” promosso da CIPMO – Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente.
Il progetto crea occasioni riservate di incontro, lontane dai riflettori, tra esponenti delle società civili israeliana, palestinese e araba. Vi partecipano donne, insegnanti, giornalisti, giovani leader, policy maker, sindaci, esperti. Il progetto crea altresì canali di contatto e conoscenza tra scuole italiane e mediterranee, consentendo a insegnanti e studenti di Istituti superiori milanesi di entrare in comunicazione e lavorare insieme con classi di Istituti di Egitto, Israele, Marocco, Palestina, Tunisia, Turchia. Le diplomazie da sole non bastano a fare la pace, che va costruita anche dal basso. “Non aspettiamo a costruire la pace” – ha dichiarato Arturo Schwarz, Presidente del Comitato di sostegno al CIPMO – “Conosco il CIPMO fin dalla sua fondazione, 26 anni fa e mi riconosco appieno nel suo lavoro serio e continuo a favore della pace in questo tormentato Medio Oriente, e nel suo impegno volto a creare canali di dialogo e di cooperazione. L’attività del CIPMO può dirsi unica non solo in Italia, per il suo carattere del tutto equilibrato e non propagandistico e per lo spessore e originalità delle sue iniziative. In tutti questi anni, esso è divenuto un punto di riferimento essenziale per il nostro Paese, conosciuto, rispettato e stimato in Europa, in Medio Oriente e nell’Area Mediterranea. Questa Asta d’Arte a favore dei progetti del CIPMO, che ha visto l’adesione di alcuni tra i più qualificati artisti italiani e stranieri, nonché di importanti gallerie d’arte, a me pare quindi di grande significato, in un momento particolarmente difficile per il Medio Oriente e il Mediterraneo. E’ un gesto importante di solidarietà e di generosità, un segno concreto di sostegno a chi la pace e una convivenza possibile tenta di costruirla giorno per giorno”. (Per visionare le opere in dettaglio è disponibile la versione digitale del catalogo consultabile sul sito http://www.cipmo.org)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità alle regioni: Errore fatale

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

Ministero salute“Per me la Sanità delegata alle Regioni è stata un errore fatale, perché alla fine il risultato lo vediamo. Ma non ci si può rassegnare, una parte è stata cambiata dalla Costituzione nella riforma che è passata l’altro giorno, è ripassato un concetto di riaccentramento dei sistemi di controllo. Il Patto della Salute sancisce un cambiamento di orizzonte molto forte, è stato un passaggio importante. Sono un po’ isolata nel dire che il passaggio alle Regioni, la Riforma, sia stato un errore. Ora però va gestita, non si può dire siccome è stato un errore dobbiamo rimanere così. Ci deve essere una maggiore consapevolezza da parte di tutti, dare degli obiettivi chiari, misurabili e trasparenti e chi sgarra paga”, spiega il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24. “Sono contenta che la Guardia di Finanza vada nelle strutture perché i controlli sono uno degli elementi perno per riuscire poi a fare delle buone pratiche”, aggiunge il ministro Lorenzin a Radio 24. “I medici devono essere prìncipi per quanto riguarda le scelte sanitarie e tecnico-scientifiche e non è sempre così – spiega Lorenzin a Mix 24 – la scelta dei primari e dei direttori sanitari non deve essere una scelta affidata alla politica, motivo per il quale fortunatamente è passata la mia norma, anche per i direttori generali, in un pezzo della Legge Madia. E invece per le direzioni generali delle Asl ci vogliono super-manager che rispondano a degli obiettivi e qualora non li raggiungono, decadono”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Criminalità e potere economico

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

expo-2015-milanoMilano Venerdì 23 ottobre alle ore 20:30 presso il CAM Garibaldi (in Corso Garibaldi 27), l’Associazione Democratici per Milano, in collaborazione con il Gruppo PD del Consiglio di Zona 1, organizza l’incontro “Criminalità e potere economico” con la presentazione del libro “La regola. Giorno per giorno la ‘ndrangheta in Lombardia” di Giampiero Rossi, giornalista della cronaca milanese del Corriere della Sera.
All’incontro, coordinato da Luciana Dambra (Direzione Metropolitana PD Milano), oltre a Giampiero Rossi, interverranno: Enzo Ciconte (Docente di Storia della criminalità organizzata – Università Roma 3), Nando Dalla Chiesa (Direttore dell’Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università di Milano), David Gentili (Presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano), Franco Mirabelli (Capogruppo PD in Commissione Parlamentare Antimafia). La serata, aperta al pubblico, sarà l’occasione per discutere della presenza e dell’attività delle organizzazioni criminali – e in particolare della ‘ndrangheta – nei territori del Nord, come ben raccontato nel libro del giornalista Rossi, anche attraverso la ricostruzione di quanto emerso dalle numerose inchieste in corso e con l’aiuto degli studi realizzati dal Prof. Ciconte e dal Prof. Dalla Chiesa. Inoltre, con David Gentili verrà approfondito il lavoro svolto dalla Commissione Antimafia del Comune di Milano nel corso di questi anni, mentre con il senatore Franco Mirabelli saranno affrontate le tematiche discusse dalla Commissione Parlamentare Antimafia e il lavoro svolto in questi mesi in Commissione e in Parlamento sul fronte della legalità e per contrastare la criminalità organizzata.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio letterario Res Magnae 2015

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

paolineL’Associazione Res Magnae, con il patrocinio dell’Ambasciata Portoghese in Italia e dell’Ambasciata Portoghese presso la Santa Sede, con il sostegno della Capitaneria di Porto, annuncia i vincitori del “Premio Letterario Res Magnae 2015”:
– Sezione “Cultura dell’Incontro”, vincitore José Tolentino Mendonça con La mistica dell’istante – Tempo e Promessa (case editrici: Paulinas Editora, Portogallo / Vita e Pensiero, Italia):“Esiste una mistica da praticare nel qui e ora della vita, che parte dall’uomo tutto intero, anima – certo – ma anche corpo, sensazioni, relazioni. È la ‘mistica dell’istante’, che riconosce come portali d’ingresso del divino nella nostra vita i cinque sensi, quanto di più concreto e corporeo ci caratterizza. Perché l’istante è il contatto fra le infinite possibilità dell’amore divino e l’esperienza mutevole dell’umano. È il fango in cui la vita si modella e si scopre. È il fragile ponte di corda che unisce il tempo e la promessa”.
– Sezione “Cultura del Fare”, vincitore Giampaolo Trevisi con Fogli di Via (casa editrice EMI – Editrice Missionaria Italiana):
“Venti racconti nati dall’esperienza quotidiana dell’autore con la clandestinità, oggi a capo della squadra mobile della questura di Verona. I protagonisti sono donne e uomini con volti e sentimenti, concretezza e tenerezza, responsabilità e solidarietà. L’autore lascia il suo posto e passa dall’altro lato della scrivania e così nasce un libro che si legge tutto d’un fiato scritto per superare quella fase di stallo, di contrapposizioni e di pessimismo che non serve a nessuno e non costruisce futuro”.
– Sezione “Cultura del Sud”, vincitore Daniele Biella con Nawal – L’angelo dei profughi (casa editrice Paoline):
“Se le persone che viaggiano con i barconi della morte nel Mediterraneo hanno un angelo, il suo nome è Nawal. Se i funzionari dell’Operazione Mare nostrum e le Capitanerie di porto di tutto il Sud Italia devono ringraziare qualcuno per facilitare il loro compito, ovvero il salvare più vite possibili, devono dire grazie a Nawal. Se i giornalisti possono fare il loro mestiere raccontando per filo e per segno quello che accade, superando anche i silenzi e le attese delle risposte istituzionali, lo si deve a persone come Nawal”. (foto: paoline)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un contatto in gara due al Mugello chiude la stagione di esordio di Racing Studios

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

Thomas biagiThomas biagi1La stagione sportiva 2015 di Racing Studios by Kripton Motorsport va in archivio con un inatteso ritiro al Mugello nel round conclusivo del Campionato Italiano Gran Turismo. L’inconveniente alla frizione sofferto in qualifica come nelle previsioni ha condizionato anche gara due, dove Thomas Biagi pur partendo dalle retrovie nel primo stint non si è risparmiato e ha dato vita a una decisa rimonta. La scalata alle posizioni che contano ha però subito una definitiva battuta di arresto nelle prime fasi del secondo stint, quando Stefano Pezzucchi è rimasto purtroppo coinvolto in un contatto che lo costretto ad un prematuro ritiro.Il bilancio della stagione di esordio della squadra si chiude così con due pole position all’attivo e un quarto posto come miglior risultato ottenuto in gara. Thomas Biagi (Racing Studios):”Il nostro weekend si è deciso in gran parte ieri in qualifica, ma nonostante partissimo indietro in entrambe le gare abbiamo dato il massimo per tentare di cogliere qualche punto. Si chiude una stagione molto impegnativa per Racing Studios, nella quale siamo stati in alcune occasioni protagonisti e dove non ci siamo mai tirati indietro, anche con scelte coraggiose come il passaggio da McLaren a Porsche. Il supporto e la passione dei nostri partners e fans sono stati uno dei pilastri fondamentali del nostro programma sportivo, e a ciascuno di essi va il mio più profondo ringraziamento per averci sempre seguito con grande interesse”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Firenze il meeting della Società Europea di Cardiologia

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

firenzeFirenze dal 22 al 24 ottobre 2015 Convitto della Calza a Firenze si svolgono in contemporanea a Firenze il III “Florence International Symposium on Advances in Cardiomyopathies” e il 12th Meeting of the Myocardial and Pericardial diseases Working Group of the European Society of Cardiology.I due eventi sono presentati dal Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Firenze e dalla Fondazione A.R. Onlus, e sono promossi dalla Fondazione Internazionale Menarini.Le persone con cardiomiopatie costituiscono una proporzione sempre più consistente di pazienti che si rivolgono al cardiologo. Questa categoria di malattie è spesso difficile da gestire, nonostante i rapidi progressi che sono stati raggiunti in questo settore medico. D’altra parte, poche altre aree della cardiologia hanno assistito a un così significativo contributo per la ricerca scientifica, per la comprensione della patofisiologia e della gestione clinica, facendo intravedere futuri sviluppi. Tra i temi affrontati durante gli incontri: l’importanza delle cardiomiopatie nella popolazione, l’analisi genetica nella diagnosi di cardiomiopatia, novità nella prevenzione della morte improvvisa giovanile e in particolare negli atleti, indicazione ai nuovi defibrillatori sottocutanei, nuovi approcci nella prevenzione e terapia dello scompenso cardiaco da Cardiomiopatia, il cuore artificiale e il trapianto. La partecipazione è aperta a tutti i medici ed è gratuita.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale dell’Osteoporosi

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2015

In occasione della ricorrenza della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, il Prof. Giovanni Minisola, esperto di Osteoporosi e Direttore della Divisione di Reumatologia dell’Ospedale di Alta Specializzazione “San Camillo” di Roma, fa rimarcare come questa patologia rimanga decisamente misconosciuta dalla maggioranza della popolazione femminile anche nella Regione Lazio. E questo perché, ancora troppo spesso, si ignora che l’osteoporosi nella sua forma più severa aumenta considerevolmente il rischio di una o più fratture, anche soltanto per un minimo sforzo, come il sollevamento di una busta della spesa, la torsione del busto o un saltello: «L’osteoporosi – dichiara il Prof. Giovanni Minisola – rappresenta un problema socialmente molto rilevante che, se aggravato da fratture, influenza negativamente la durata e la qualità della vita delle persone, soprattutto donne, che ne soffrono, impegnando rilevanti risorse economiche da parte del SSN, anche in rapporto al costante allungamento della vita media della popolazione italiana. E’ doveroso per gli specialisti delle malattie ossee invitare i soggetti più a rischio, come le donne in menopausa o chi assume cortisone, a non sottovalutare il problema, specie in caso di dolore alla colonna, improvviso o persistente, possibile sintomo di frattura vertebrale da fragilità ossea, la cui incidenza è molto più alta di quanto si pensi».Si calcola che nei prossimi 40 anni, anche nel Lazio, in assenza di percorsi diagnostici e terapeutici mirati per la popolazione a rischio, l’incidenza delle fratture da fragilità ossea raddoppierà. «Per meglio mettere a fuoco questo preoccupante scenario – continua Giovanni Minisola – si consideri che la frattura vertebrale, la complicanza più frequente e temibile dell’osteoporosi, costituisce il primo momento del cosiddetto ‘effetto domino’, che consiste nella probabilità 5 volte maggiore che possano verificarsi altre fratture vertebrali, o in altre sedi (omero, polso, femore), entro un anno dalla prima frattura vertebrale. Nonostante questo dato certo e drammatico, risulta che nel Lazio è ancora molto alta la percentuale dei pazienti con fratture vertebrali osteoporotiche non trattati, con rilevante e concreto aumento del rischio di aggravamento e complicanze della loro condizione».Ancora troppo spesso, infatti, si tende a sottovalutarne i sintomi, come il dolore nei tratti dorsale e lombare della colonna, considerandoli alla stregua del risultato quasi fisiologico dell’invecchiamento. «E’ fondamentale – sottolinea il prof. Minisola – una maggiore sensibilità verso il sintomo “dolore alla colonna”, quale campanello di allarme di un evento fratturativo da trattare tempestivamente e appropriatamente, secondo quanto previsto dalle Linee Guida nazionali e internazionali. Anche la temibile frattura di femore da osteoporosi non può considerarsi risolta solo con l’intervento chirurgico, ma necessita – come tutte le fratture – di essere opportunamente trattata anche con la terapia farmacologica, contrariamente a quanto oggi, invece e purtroppo, solo raramente viene fatto. Particolare preoccupazione suscita il dato recentemente pubblicato, secondo il quale circa il 70% dei pazienti italiani fratturati di femore sottoposti ad intervento chirurgico non segue poi un adeguato trattamento farmacologico. Tale trattamento oggi può e deve essere attuato nel rispetto e secondo le indicazioni della nuova Nota 79, recentemente emanata da AIFA. Tale nota individua i soggetti a rischio di osteoporosi severa e stabilisce per loro il percorso terapeutico più appropriato da seguire».La Giornata Mondiale dell’Osteoporosi ha come obiettivo quello di promuovere una sempre maggiore consapevolezza nella popolazione, specie in quella femminile, di questa patologia. Ecco perché, in occasione di questa ricorrenza, diventa fondamentale ai fini della prevenzione, richiamare l’attenzione sullo stile di vita (evitare il fumo, fare attività fisica, alimentazione corretta) e su altri fattori di rischio, come la predisposizione genetica e la familiarità. «Poiché è accertato che la predisposizione famigliare alle fratture da fragilità ossea interessa 1 donna italiana su 3 – continua Giovanni Minisola – è importante verificare tale circostanza. Questa rappresenta, infatti,un notevole e ulteriore fattore di rischio che si aggiunge a quelli già noti, ma spesso sottovalutati nonostante la loro importanza, come la menopausa precoce, l’eccessiva magrezza e le abitudini voluttuarie (il fumo e l’alcol). Solo con la sensibilizzazione della classe medica, dal medico di famiglia a tutti gli specialisti coinvolti nella gestione della patologia osteoporotica, sarà possibile garantire alla popolazione una corretta ed esaustiva informazione su una patologia che può essere prevenuta e trattata grazie alle indicazioni della nuova Nota 79, la cui corretta applicazione consentirà di contrastare efficacemente l’osteoporosi e le sue complicanze fratturative».
ü L’osteoporosi è una patologia che interessa, nel mondo, oltre 200 milioni di donne (22 milioni solo in Europa) e la cui causa è senz’altro legata all’avanzare dell’età e alla conseguente perdita di massa ossea, con manifestazioni che, però, possono essere anche molto precoci.
ü Si tratta di una patologia che interessa il 30% di tutte le donne che vanno in menopausa, ma può insorgere anche dai 45 anni se la menopausa è precoce, condizione che, si stima, interessi circa il 4-5% della popolazione femminile.
ü Le fratture da fragilità ossea, conseguenza grave dell’osteoporosi, hanno un’incidenza che non deve essere assolutamente da sottovalutare: secondo la World Health Organization, infatti, ogni 3 secondi, si verifica una frattura da fragilità osteoporotica a carico di femore, polso e vertebre. Ciò equivale a circa 25 mila fratture al giorno o 9 milioni all’anno.
ü Si calcola che almeno il 40% delle donne dopo i 50 anni andrà incontro ad una frattura da osteoporosi quali fratture di femore (17%), vertebrali (16%) o di altri segmenti ossei (polso, pelvi, omero prossimale ecc.). Secondo l’OMS e la IOF (International Foundation of Osteoporosis) la presenza di una frattura da fragilità ossea (vertebrale o di altri segmenti scheletrici), configura sempre una condizione di OP severa.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »