Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Archive for 25 ottobre 2015

Fundraising needs a code of ethics, says think tank

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

The UK and US codes of fundraising practice do not adequately address the ethics of fundraising, and should be adapted, says Ian MacQuillin, director of the fundraising think tank, Rogare. Speaking at the Resource Alliance’s International Fundraising Congress (IFC), he said:“There is a lack of clarity around the definition of ‘pressure’. We are proposing a code of ethics that balances the needs of the donor with the needs of the beneficiary.“Ethical fundraising balances the duty of fundraisers to ask for support (on behalf of their beneficiaries) with the right of the public not to be put under undue pressure to donate. It is in this space – the space between the rights of the beneficiary and the rights of the donor and other stakeholders – that ethical decision making frameworks need to be used to determine what amounts to “reasonable pressure”.
“This is not a means by which to justify any fundraising just because it raises more money. It is an attempt to strike a genuine balance – the needs of the beneficiary have been absent from much of the recent public debate about fundraising and we want to address that.In relation to the new the Fundraising Preference Service that has been proposed in the UK: “The risk of not establishing the Fundraising Preference Service is that some people are inconvenienced by receiving too many fundraising requests and some people will feel some kind of guilt about having to decline some, perhaps most, of those requests.“However, the risk of establishing the Fundraising Preference Service is that charities will not be able to raise the money they need to provide services for their beneficiaries and those lives will be seriously inconvenienced.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Jewish Congress leaders to gather in Rome, meet with Pope Francis

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

vaticanoNEW YORK – Leaders of Jewish communities from around the world will gather in Rome next week for a meeting of the World Jewish Congress’ (WJC) Governing Board. On Tuesday, 27 October 2015, nearly 150 delegates and guests will discuss the situation of Jews around the world, as well as the current tensions in the Middle East, the refugee crisis in Europe and the Iranian threat. The following day, Pope Francis will receive the WJC leadership on the occasion of the 50th anniversary of the Vatican’s landmark declaration Nostra Aetate, which will be followed by a press conference by WJC President Ronald S. Lauder.
Following the papal address, WJC President Lauder will give a press conference at 3 pm CET (15:00) on 28 October 2015 at the Stampa Estera Association, Via dell’Umiltà, 83/c, Rome, to brief reporters about the meetings.
The Governing Board meeting will be chaired by David de Rothschild and attended by 150 heads of Jewish communities, delegates and young Jewish diplomats from around the world. Discussions will focus on the implications facing Jewish communities in light of the various conflicts in the Middle sinagoga romaEast, including the threat of jihadist terrorism, the aftermath of the nuclear agreement with Iran, the growing attacks on Israel by the Boycott, Divestment and Sanctions (BDS) movement, and the state of relations with other faith communities.Some of the Board’s deliberations will be open to the media, while others will be closed discussions. Please contact any of the contact persons below for further information.
The WJC will be marking the 50th anniversary of the Nostra Aetate declaration, drawn up by the Second Vatican Council and promulgated by Pope Paul VI on 28 October 1965, condemning anti-Semitism and markedly improving relations between Jews and Catholics.On the anniversary of this important event, WJC delegates will take part in a public audience with Pope Francis on St. Peter’s Square, beginning at 10 am CET(10:00). Prior to that, the Catholic pontiff will receive WJC President Ronald S. Lauder in a private audience.
The World Jewish Congress (WJC) is the international organization representing Jewish communities in 100 countries to governments, parliaments and international organizations.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2 Weeks On BSA: What’s Up!

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

2 Weeks2 Weeks2This is the harvest season when all the fruits of Street Artists labor are on display for everyone to admire – and just before the frost transforms all the leaves and turns the grass brown and your cheeks red, it is time for you to go outside with your camera. There is a new talented […]
2 Weeks1Two new wheat-pasted and hand painted murals by Jetsonorama in New York State’s first capital call to memory the work of the abolitionist and former slave Sojourner Truth, who at one point called Kingston her home. Born as a slave she had a handful of white masters and endured untold sufferings for nearly three decades […]
Our weekly focus on the moving image and art in the streets. And other oddities. Now screening :
1. 3 Minutes in Brooklyn 2. NUART at 15 on 2015 3. Vegan Flava: Arms 2 Weeks3Factory in Lisbon 4. FAILE: “Wishing On You” Times Square 2015 NYC 5. Sandra Chevrier. The Aftenblad Wall 6. Winter is […]

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WOW detained at Vatican at close of Synod on Family

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

WomenRome. Miriam Duignan and Kate McElwee Women’s Ordination Worldwide As the bishops were ushered out of the synod hall, Kate McElwee and Miriam Duignan from Women’s Ordination Worldwide were surrounded by police and briefly detained in St. Peter’s Square. Italian police informed WOW they were instructed to block our path toward the Vatican gate.
During three weeks of observing the synod, we saw initial glimmers of hope when Archbishop Durocher dared to suggest that the diaconate for women can and should be restored. Yet the lack of wider support for his proposal amongst Synod participants reminds us once again that the call to treat women as equal disciples is not a priority within Vatican walls. The ongoing practice to exclude women from discussing and forming Church policy has a devastating impact on Catholic women and families around the world, just as Archbishop Durocher mentioned in his appeal for inclusion.Women’s Ordination Worldwide joins the many voices crying out for an end to the obsession with doctrine that blinds so many of our Bishops to the reality of life for families. We need the Church to use it’s power, influence, and teaching platform to dismantle systems of oppression and institutionalized discrimination, to condemn violence against women and children, and to recognize women’s moral agency.To achieve these goals, the question of extending ordained ministries to women must urgently be discussed. As Sister Maureen Kelleher observed, women are condescended to and treated as inferior by many senior Church leaders participating in this Synod. We do not tolerate this kind of treatment and exclusion in our society, and it cannot be tolerated here. Recognizing women as equals participants in Church governance would help bring credibility to the Synodal process and would have an immediate positive impact on the Church’s ability to support Catholic families.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Isole siciliane: mare e tradizioni

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

siciliaSi è parlato di Isole di Sicilia e di pesca come strumento di sviluppo e di promozione del territorio, ieri pomeriggio, a Milano, nel padiglione Cluster Biomediterraneo di Expo 2015. Il mare e la pesca delle isole siciliane protagonisti fino al 26 ottobre: quattro giorni di eventi, attività e degustazioni per promuovere il mare come tradizioni, come gente, come cultura, come gastronomia, divertimento.
Una iniziativa promossa dal Gac – Gruppo di Azione Costiera Isole di Sicilia che punta a rafforzare la competitività del territorio come destinazione turistica, attraverso il mare come risorsa, una risorsa unica nelle sue diversità. Unicità nella qualità e nella percezione che non ha eguali al mondo. Tra i partecipanti, Giuseppe Pagoto, presidente Gac Isole di Sicilia e sindaco di Favignana, Davide Bruno di Tempo Reale, Enrico de Micheli di Agroqualità, Fabio Galluzzo, presidente di Mare Vivo Sicilia, Michele Travagli di Dinamica Media, Mariella Gattuso di Green Life, e lo chef trapanese Peppe Giuffrè. Ustica, Pantelleria, Lipari, Salina e Favignana, riunite assieme per promuovere il territorio e il mare delle isole siciliane attraverso colori, sapori e profumi, associati alla cultura, che puntano a sviluppare la cultura turistica e dell’accoglienza e ad attrarre il turismo in forme nuove con una diversificazione dell’offerta e il potenziamento della fruizione.
“Siamo molto felici di partecipare ad Expo 2015 per questo ringraziamo la Regione Siciliana e il Cluster Biomediterraneo – ha affermato Giuseppe Pagoto, sindaco delle Egadi e presidente del Gac – e le isole con i Gruppi di azione costiera saranno protagonisti degli ultimi giorni della manifestazione nel Cluster. Noi cerchiamo di portare avanti progetti di sviluppo e gestione di finanziamenti rivolti agli operatori della pesca con l’obiettivo di rafforzare la competitività delle zone di pesca, ristrutturare e orientare le attività economiche, promuovendo pesca-turismo ed itti-turismo senza determinare un aumento dello sforzo di pesca. I nostri sono territori d’eccellenza dove si riesce a fare ancora turismo di qualità grazie alle acque meravigliose delle nostre isole e ai nostri prodotti gastronomici legati alla pesca e al mare” La difesa del mare e delle coste, le varie forme di inquinamento che affliggono i nostri mari, le specie di pesci. Fabio Galluzzo, socio Gac Isole di Sicilia e presidente di Marevivo Sicilia e Mariella Gattuso di Green Life hanno spiegato come assieme ad esperti di tutela del mare sono stati portati avanti progetti di educazione ambientale e di pesca sostenibile nelle isole siciliane, promossi dal MareVivo Sicilia e Green Life. Oltre mille bambini delle isole di Sicilia sono stati coinvolti assieme ai pescatori in attività legate alla promozione del mare e del pescato, ma anche dell’attività dei pescatori. Ad Expo sono stati realizzati brevi laboratori con esperti di tutela del mare rivolti a tutti i bambini delle scuole italiane. Enrico De Micheli di Agroqualità ha presentato i risultati del progetto relativo ai processi di valorizzazione del pescato delle isole minori di Sicila realizzati con Ecopraxi. Un progetto per sostenere i provessi di certificazione del prodotto ittico locale del Gac Isole di Sicilia che ha definito la proposta di istituire un marchio collettivo geografico che riguardi in particolare dieci specie del pescato locale. Michele Travagli di Dinamica Media ha presentato il Catalogo delle immersioni e degli itinerari delle isole minori di Sicilia; infine, Davide Bruno di Tempo Reale ha parlato di “Pescebello Fish Tour” il progetto itinerante di promozione del territorio attraverso la valorizzazione del pescato locale realizzato la scorsa estate nelle cinque isole che fanno parte del Gac, Favignana, Ustica, Salina (con i comuni di Santa Marina Marina e Malfa), Lipari e Pantelleria. (foto: isole siciliane)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Goth-Amok” presentato a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

goth-amokROMA all’Auditorium Parco della Musica, è stato presentato ufficialmente, in anteprima, il gamebook di fantascienza “Goth-Amok il portale sull’Altrove”. Per capire meglio la potente miscela che si sprigiona quando scrittura, cinema e videogame si sfiorano basta immergersi nell’avventura di Goth-Amok. Un inedito librogame in formato APP. Non il classico libro, e neanche un semplice videogame o una comune App. Si tratta infatti di tutte e tre queste cose assieme, grazie alle tecnologie digitali e agli sforzi produttivi delle professionalità che vi hanno collaborato – molte delle quali vengono proprio dal mondo del cinema, ma anche da quello della scrittura, dei videogiochi e dell’informatica.
Goth-Amok è un vero viaggio emozionante tra atmosfere visive dell’immaginario, enigmi, codici misteriosi e snodi narrativi; ci si potrà divertire muovendosi nella storia che il giocatore/lettore stesso avrà la possibilità di mutare in base alle proprie scelte, poiché il vero protagonista in Goth-Amok è proprio lui, il lettore. Alla conferenza stampa diversi gli interventi, tra cui quello di Jordan River, executive producer, di Francesco Spagnuolo e di Francesco Crisci, visual art di questo interactive book adventure.
Il gamebook è stato realizzato dall’area ICT della Delta Star Pictures e sostenuto dalla Regione Lazio per la sua innovazione. Numerosi i professionisti che hanno collaborato al progetto, da Francesco Spagnuolo (editor e creative supervisor) a Matteo Poropat (autore della parte narrativa) a Michela Albanese (direttrice editoriale dell’azienda), da Riccardo Rullo e Mattia De Iulis (che hanno realizzato entrambi le illustrazioni) a Daniele Stirpe (Sviluppatore) a Francesco Crisci (visual artist).
Il Gamebook, che vanta una magnifica colonna sonora originale a firma di Angelo Talocci – vincitore del Global Music Awards e tra i più prolifici compositori innovativi italiani, molto apprezzato all’estero – è in distribuzione sul noto Google Play Store e in seguito lo sarà anche nel circuito di Amazon. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sono riportati sul sito ufficiale all’indirizzo http://www.goth-amok.com

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Settimana Nazionale di Azioni per dire no alle deportazioni dei migranti

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

fuga migrantiRoma. Una delegazione della CISPM, Coalizione Internazionale Sans-papiers, Migranti, Rifugiati e Richiedenti asilo, ha incontrato il Capo Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo in Italia, Gianpaolo Meneghini. L’incontro è avvenuto a seguito della manifestazione che si è svolta ieri a Roma, a cui hanno partecipato migranti ed attivisti No Borders, indetta nell’ambito della Settimana Nazionale di Azioni per dire no alle deportazioni dei migranti, no alle guerre ed al razzismo e per la regolarizzazione generalizzata di tutti i migranti.“Nel corso dell’incontro abbiamo contestato le scelte politiche dell’Unione Europea, che riteniamo scellerate ed anti umane. Motivo per il quale, d’ora in poi, la Ue sarà interlocutore centrale di tutte le nostre iniziative. Perché questa stessa istituzione, che spesso passa per un’entità astratta, prende ogni giorno decisioni di carattere economico e sociale che hanno effetti concreti e devastanti sulla vita di milioni di persone”, così Aboubakar Soumahoro, a nome della delegazione CISPM e membro dell’Esecutivo nazionale USB.“Abbiamo ribadito l’insufficienza e l’inadeguatezza di questa Unione Europea – continua Soumahoro – che invece di prendere atto del suo fallimento ha introdotto un pericolosa distinzione tra migranti economici e rifugiati per giustificare le deportazioni di tanti esseri umani. La verità è che sia i migranti che i rifugiati sono entrambi il prodotto delle guerre geopolitiche ed economiche che vedono protagonisti la UE, la Nato e il FMI”.“Per noi la libertà di circolazione e di residenza non è chiedere la luna – sottolinea il rappresentante CISPM – ma è semplicemente una questione di giustizia sociale. Perché è proprio ciò che è stato garantito in seguito alla firma dell’accordo di Schengen nel 1985 ad oltre 805 milioni di persone, con l’esclusione dei migranti. Questa esclusione è stata aggravata dal Regolamento Dublino, innescando una delle caratteristiche dell’apartheid ai danni dei migranti in generale. Contro questa mostruosità proseguiamo con le iniziative di lotta”, conclude Soumahoro.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Cent’anni in due

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

cent'anni in dueRoma Teatro dei conciatori Via dei conciatori, 5 dal 27 ottobre al 1 novembre 2015, CENT’ANNI IN DUE, spettacolo scritto e diretto da Andrea Saraceni. Protagonisti: Lucia Batassa, Giustiniano Alpi, Rossella Gardini, Vito Di Bella. Pierina e Graziano sono una nonna e un nipote che passano le giornate in simbiosi nella tintoria dell’anziana donna. Graziano è un bellissimo ventenne gay trascurato dai genitori che, laureato e pieno di buoni propositi, cerca un’assunzione “meritocratica”. La nonna, del tutto smagata, fa di tutto per sistemarlo “alla vecchia maniera” tra raccomandazioni e “inciuci”. Grazie a due clienti storici, una l’amante di un senatore, l’altro un giovane imprenditore invaghitosi di Graziano, Pierina arriverà a un soffio dal convincere il nipote. Per farlo del tutto però, dovrà giocarsi ancora una carta.
Una messa in scena divertente, intensa, dolce e amara che, tra paradossi sociali e scontri intergenerazionali, vi farà riflettere su come, nell’era della rivoluzione tecnologica, tutto è cambiato tranne noi, che siamo rimasti quelli di prima.
TIPOLOGIA BIGLIETTI: € 18,00 – Ridotto € 13,00 – Ridotto € 10,00 + tessera obbligatoria di 2 € ORARIO SPETTACOLI: dal martedì al sabato ore 21,00 domenica ore 18,00 (foto: cent’anni in due)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governing the differences in the European Energy Union

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

europeThis Policy-paper written by Jacques de Jong, Thomas Pellerin-Carlin and Jean-Arnold Vinois, analyses the various levels at which public decisions are made in the field of energy, with the focus on regional cooperation between several states.
In the last ten years the European level has become predominant with its objective for 2020 and 2030.The implementation of the EU energy policy, mostly left to the Member States, has been diverse and sometimes very disappointing, leading also to incoherence. While the EU is building its ‘Energy Union’, the articulation between the European, regional and national levels represents a major challenge of governance. After analysing this context, this paper makes recommendations:
A peer review of the national policies should be organised every two years by the Commission;
Bust the silo mentality affecting the energy sector: reduce the number of existing fora to three horizontal ones on (1) transport & mobility, (2) heating & cooling and (3) electricity;
Create an EU Energy Information Service to combine all sources of information on the energy sector, in a comprehensive and holistic way;
Regional cooperation should be used to promote innovative solutions regarding the optimisation of power generation with Renewable Energy Sources. (europe)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miami Single-Family Home Sales, Prices Rise in September

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

miamiMiami single-family homes registered increased sales and prices in September while existing condominiums saw fewer days on the market and higher median sales prices, according to a new report by the 40,000-member MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and Multiple Listing Service (MLS) system.Miami-Dade County single-family home transactions rose 2.9 percent year-over-year in September, from 1,166 to 1,200. Existing condominiums — which are competing with a significant rise in supply of new construction properties east of Interstate-95 — had 8.3 percent fewer sales in September, decreasing from 1,425 to 1,307.
Historically-low mortgage rates continue to encourage more local home buying activity. According to Freddie Mac, the interest rate for a 30-year fixed-rate mortgage averaged 3.89 percent in September 2015, down from 4.16 percent a year ago.Total existing Miami-Dade County residential sales, including single-family and condo markets, declined 3.2 percent to 2,507 last month compared to 2,591 a year ago. In addition to increased sales of new construction properties, Miami’s existing condominium sector is also being impacted by a lack of access to mortgage loans.
A large number of existing South Florida condominium buildings aren’t approved for Federal Housing Administration loans. Of the 8,523 condominium buildings in Miami-Dade and Broward Counties, only 29 are approved for FHA loans, according to statistics released earlier this year from the Florida Department of Business and Professional Regulation and FHA. Just .0034 percent of local condo buildings are approved for FHA loans. The U.S. average is 30 percent.
The median sales price for single-family homes rose 14.0 percent, up to $285,000 in September 2015 from $250,000 in September 2014. Single-family home prices remain at 2004 levels despite four years of consistent year-over-year increases.The median sales price for condominiums increased 2.8 percent in September to $200,500 from $195,000 a year ago. Miami existing condo prices have increased in 51 of the last 52 months.Despite the increase in median prices, Miami’s residential properties are still a bargain globally. A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach cost $149,900 on average, according to the National Association of Realtors 2015 Profile of Home Buying Activity of International Clients. The price for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) were at least five times higher, according to NAR.
Miami properties continue to sell close to asking price, reflecting strong consumer demand. The average percent of original list price received was 95.9 percent, an increase of 0.3 percent from a year earlier. The median number of days on the market for Miami single-family homes dropped 19.6 percent to 37 days in September 2015 from 46 days in September 2014.The median number of days on the market for condominiums sold in September 2015 was 58 days, a 1.7 percent decrease from 59 days in September 2014. The average percent of original list price received was 93.7 percent, a 0.2 percent year-over-year decrease.
Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops increased 4.7 percent to a seasonally adjusted annual rate of 5.55 million in September from a slightly downwardly revised 5.30 million in August, according to the National Association of Realtors (NAR). National sales are now 8.8 percent above a year ago (5.10 million).Statewide, closed sales of existing single-family homes totaled 23,574 last month rose 13.4 percent over September 2014, according to Florida Realtors. Florida’s condominium sales jumped to a total of 9,348 transactions, up 8.4 percent compared to September 2014.The national median existing-home price for all housing types in September was $221,900, which is 6.1 percent above September 2014 ($209,100), according to NAR. September’s price increase marks the 43rd consecutive month of year–over–year gains.The statewide median sales price for single-family existing homes last month was $199,900, up 11.1 percent from the previous year, according to Florida Realtors. The statewide median price for townhouse-condo properties was $150,000, up 5.1 percent compared to last year.
In September, cash deals represented 48.7 percent of Miami’s total closed sales, which is more than double the national average. Just 24 percent of all U.S. housing sales were made in cash in September, according to NAR. Cash transactions represented 55.8 percent of total Miami deals in September 2014. Miami’s high percentage of cash sales reflects South Florida’s ability to attract a diverse number of international home buyers, who tend to purchase properties in all cash.
Condominiums comprise a large portion of Miami’s cash purchases as 62.4 percent of condo closings were made in cash in September compared to 33.8 percent of single-family home sales.
Distressed property transactions declined in Miami. Only 24.3 percent of all closed residential sales in Miami were distressed last month, including REO (bank-owned properties) and short sales, compared to 34.5 percent in September 2014.Short sales and REOs accounted for 5.0 percent and 19.3 percent, respectively, of total Miami sales in September. Short sale transactions dropped 44.9 percent year-over-year while REOs decreased 27.4 percent.Nationally, distressed sales were 7 percent of sales in September, down from 10 percent a year ago.Seller’s Market for Single-Family Homes; Balanced Market for Existing Condos
Active listings at the end of September increased 2.0 percent year-over-year, from 17,480 to 17,837. Active listings remain about 60 percent below 2008 levels when sales bottomed.The single-family sector is in a seller’s market as inventory continues to decline. Existing condominiums are in a balanced market. Inventory of single-family homes decreased 5.4 percent from 6,347 active listings last year to 6,002 last month. Condominium inventory increased 6.3 percent to 11,835 from 11,133 listings during the same period in 2014.At the current sales pace, there is a 5.1-month supply of Miami single-family homes, a decrease of 11.7 percent from 5.7 months in September 2014. There is an 8.7-month supply of condominium inventory, up from 8.1 months in September 2014, an increase of 8.3 percent. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.New listings of Miami single-family homes increased 3.0 percent from 2,021 in September of last year to 2,081 last month. New listings of condominiums decreased 1.0 percent to 2,810 last month, compared to 2,837 during the same time period in 2014.Nationally, total housing inventory at the end of September decreased 2.6 percent to 2.21 million existing homes available for sale, and is now 3.1 percent lower than a year ago (2.28 million). Unsold inventory is at a 4.8–month supply at the current sales pace.
Strong sales in the preconstruction condominium Miami market east of Interstate 95 continue to reflect significant demand for new properties, according to the latest New Construction Market Status Report released by the preconstruction condo projects website Cranespotters.com and MIAMI.
Twenty-seven towers with 576 floors and 3,109 units have been completed in Miami-Dade County east of I-95 in the four years since 2011, according to the Oct. 21 report. There are 78 towers with 1,578 floors and 9,430 units under construction in Miami east of I-95. About 66 towers with 1,538 floors and 9,859 units are planned, but have not begun development. There are also 65 towers with 1,626 floors and 11,280 units that have been proposed in Miami east of I-95.According to the most recent developers’ price survey conducted by Cranespotters.com in May 2015, Miami-Dade County developers have announced 215 towers with 5,160 floors and 31,530 units since 2011. Of the above projects:
▪103 projects with 119 towers comprising 17,199 units are selling.
▪71 percent of units have been sold.
▪The mean minimum price per square foot of these units is $949, compared to $952 last month.
To access September 2015 Miami-Dade Statistical Reports, visit SFMarketIntel.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori: Nuove armi

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

tumore gastricoIn diciassette anni (1990-2007) i pazienti che hanno sconfitto il cancro nel nostro Paese sono aumentati del 18% (uomini) e del 10% (donne). Percentuali che collocano l’Italia al vertice in Europa per numero di guarigioni, soprattutto nei tumori più frequenti come quelli del colon (60,8% vs 57%), del seno (85,5% vs 81,8%) e della prostata (88,6% vs 83,4%). E oggi si stanno affermando nuove armi come l’immuno-oncologia, che ha già dimostrato di migliorare in maniera significativa la sopravvivenza a lungo termine nel melanoma e sta evidenziando risultati importanti anche in un big killer come il tumore del polmone e nel rene. Ma gli italiani non conoscono questi importanti risultati, infatti per il 41% non esistono terapie efficaci, la maggioranza (54%) ritiene che si debba ancora parlare di male incurabile e il 72% non ha mai letto nulla sull’immuno-oncologia. Lo scarso livello di conoscenza emerge da un sondaggio su quasi 3.000 cittadini condotto lo scorso settembre dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), presentato al XVII Congresso nazionale della società scientifica che si apre oggi a Roma. Nel 2015 sono previste nel nostro Paese 363mila nuove diagnosi. “Il 60% dei pazienti guarisce – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM -. Un risultato raggiunto anche grazie a terapie sempre più efficaci. E l’immuno-oncologia, che stimola il sistema immunitario contro le cellule malate, ha aperto una nuova era nel trattamento. È importante migliorare il livello di consapevolezza sulle nuove frontiere della lotta al cancro, anche al di fuori dei mezzi di comunicazione tradizionali. Per questo l’AIOM sbarca sui social network, con una pagina Facebook e un profilo Twitter (@AIOMtweet)”. Oggi il 41,7% gli italiani (4 su 10) ricorre alla Rete per leggere notizie sulla salute. Il 50,3% dell’intera popolazione è iscritto a Facebook (il 77,4% degli under 30) e il 10,1% usa Twitter (Censis). Queste percentuali aumentano in maniera esponenziale fra i pazienti oncologici e i loro familiari: più dell’80% infatti si informa sul web anche sulle terapie innovative otumore polmone per condividere la propria esperienza. “È forte la sete di conoscenza – continua il prof. Pinto -. Come emerge dalla nostra indagine, il 74% dei cittadini vorrebbe ricevere più informazioni su come prevenire la malattia e sulle nuove terapie. L’uso dei social network ci permetterà anche di contrastare i falsi miti che circolano online sui tumori. Questo è possibile solo andando nei ‘luoghi’ dove nascono e crescono queste informazioni sbagliate”. Positivo il giudizio dei cittadini sul livello dell’oncologia italiana, infatti per il 56% è superiore a quello degli altri Paesi europei. “L’Italia – sottolinea il prof. Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione ‘G. Pascale’ di Napoli e coordinatore delle Linee Guida AIOM sul melanoma – ha guidato le sperimentazioni in questo campo che hanno portato all’approvazione nel 2011 del primo farmaco immuno-oncologico, ipilimumab, che ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza a lungo termine nel melanoma in fase avanzata: il 20% dei pazienti è vivo a 10 anni. In questi casi possiamo parlare di cronicizzazione della malattia. Un risultato impensabile prima dell’arrivo di queste terapie, visto che la sopravvivenza mediana in stadio metastatico era di appena 6 mesi, con un tasso di mortalità a un anno del 75%. Oggi si stanno evidenziando ulteriori progressi grazie all’associazione ipilimumab e nivolumab, una nuova molecola immuno-oncologica. La combinazione di queste armi ha evidenziato miglioramenti nella sopravvivenza rispetto a ciascuno dei due farmaci somministrati in monoterapia. Non solo. Le risposte sono state più veloci, più profonde, con una maggiore riduzione del tumore, e più durature”. Passi in avanti anche nel tumore del polmone che nel 2015 farà registrare nel nostro Paese 41.000 nuovi casi. “Nella forma non a piccole cellule non squamosa (adenocarcinoma) in fase avanzata, che finora presentava scarse opzioni terapeutiche, il 39% dei pazienti è vivo a 18 mesi – afferma il prof. Cesare Gridelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’Ospedale ‘Moscati’ di Avellino -. Nivolumab garantisce un vantaggio netto nella sopravvivenza rispetto ai pazienti trattati con la chemioterapia (23%). E il 20% dei pazienti colpiti dalla forma non a piccole cellule squamosa metastatica è vivo a tre anni. Siamo di fronte a un’innovazione davvero impressionante, ai primi reali progressi negli ultimi venti anni in una malattia particolarmente difficile da trattare. L’unica arma disponibile infatti era rappresentata dalla chemioterapia, poco efficace e più tossica”. “E nel tumore del rene – aggiunge il prof. Pinto – che nel 2015 farà registrare 12.600 nuove diagnosi, nivolumab ha dimostrato una riduzione del rischio di morte del 27% nella fase avanzata rispetto al braccio di controllo”.
L’AIOM ha raccolto le testimonianze di 16 pazienti curati con l’immuno-oncologia nel libro “Si può vincere”, che verrà presentato nelle prossime settimane in un tour in 10 città italiane. “La nostra campagna di comunicazione sulle nuove frontiere della lotta al cancro e sull’immuno-oncologia non si limiterà a Facebook e Twitter – sottolinea il prof. Pinto -. Ci saranno spot con testimonial del mondo dello sport e dello spettacolo. E stabiliremo un forte link con i farmacisti. Sono 3 milioni i cittadini con storia di cancro che si sottopongono al follow up, cioè alle visite di controllo successive alla fase acuta della malattia. Per molte neoplasie oggi è possibile parlare di cronicizzazione, quindi non è pensabile che queste persone siano seguite per 10-15 anni solo dall’oncologo medico e dal centro di riferimento. Il processo di deospedalizzazione deve coinvolgere sia i medici di famiglia che i farmacisti a cui spesso i pazienti con tumore si rivolgono per consigli e per la gestione dei piccoli disturbi nel medio e lungo periodo. È quindi fondamentale che questi professionisti conoscano le nuove armi a disposizione del clinico, in particolare l’immuno-oncologia”. “Non dimentichiamo altri strumenti che l’AIOM mette a disposizione dei clinici e delle Istituzioni come le 32 Linee Guida e la ‘Carta dei servizi dell’Oncologia Italiana – Libro Bianco VI Edizione’ – continua il prof. Pinto ”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Charities told: stop apologising for raising money, and work together to address media criticism

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

Charities should stop apologising for fundraising and should work together to develop an effective strategy against negative media coverage. This was the message from a Q&A session with Dan Pallotta – entrepreneur, author and humanitarian activist – following the opening plenary at the Resource Alliance’s International Fundraising Congress (IFC) yesterday. The Q&A session was held after the IFC opening plenary which saw 1,000 fundraisers, leaders and change-makers from around the world gather together to hear from Dan on issues including innovation with purpose, risk and the need for more investment in charity fundraising and marketing.Strategies to address negative media coverage, such as those which have plagued the UK charity sector over recent months, were clearly on the minds of IFC delegates, with more than half of the questions to Dan being focused on this issue. His words of advice included:“When the media challenges a charity, all other charities head for the hills as they don’t want to be associated with it. There should be a national voice to respond to claims on behalf of the sector as a whole, and yet in many cases there isn’t.”“The non-profit sector in the US is a trillion dollar sector but we’ve never once taken out a full-page ad in the New York Times to say anything to the public about the issues that affect us.”“The Charity Defense Council has started doing an ‘I’m Overhead’ ad campaign, which explains the role of fundraising and other staff, and states, ‘don’t ask if a charity has low overheads, ask if it has big impact’.”“Charities need to get methodical about it. We can’t just sit around and wonder ‘why things don’t change’ because not only are we not doing anything to change them, we’re actively working to prevent them from changing.”“It’s encouraging that we’re having this conversation because 10 years ago it wouldn’t have even occurred to us, but we need a battle plan for dealing with it. Charities need to work together to figure something out for the long-term.”
“What are the messages? There are common sense ways to speak to the public, which they will respond positively to. For example, in addition to the “I’m Overhead” adverts we have another campaign that we are going to run that asks the general public – ‘do you want to be the only donor’. Because if people actively discourage their charities from fundraising they are saying that they don’t want them to find other donors. Do people want to bear all the burden and for their charities to be completely dependent on them alone? I doubt it. When you explain this, it introduces a new way of thinking to them and they will understand why investment in fundraising and marketing is so important.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Morte cardiaca improvvisa

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

Le persone con Cardiomiopatie (malattie primitive del miocardio) costituiscono una percentuale sempre più consistente di pazienti che si rivolgono al cardiologo. Queste malattie, che interessano direttamente il muscolo cardiaco, restano difficili da gestire, nonostante i rapidi progressi che sono stati raggiunti nel settore. D’altra parte, poche altre aree della cardiologia hanno assistito a un così significativo contributo della ricerca scientifica, alla comprensione della fisiopatologia e della gestione clinica, facendo intravedere futuri sviluppi.
Una delle più conosciute è la Cardiomiopatia Ipertrofica, responsabile di numerosi casi di morte improvvisa, soprattutto tra i giovani. «La Cardiomiopatia Ipertrofica è malattia caratterizzata da un ispessimento patologico delle pareti del cuore, spesso con andamento familiare», spiega Franco Cecchi, Consulente Centro Aritmie genetiche e Cardiomiopatie Istituto Auxologico IRCCS Milano, già Professore Associato di Cardiologia Università di Firenze e Responsabile Centro di riferimento regionale Cardiomiopatie. «Alla sua origine ci sono errori nel codice genetico delle proteine contrattili del cuore. La morte improvvisa ne è la complicanza più severa, anche se fortunatamente non è la più frequente, determinando comunque circa cinquecento casi l’anno in Italia».
I pazienti con Cardiomiopatia sono stimati in circa il 3 per mille della popolazione generale. La Cardiomiopatia Ipertrofica è la più diffusa cardiopatia su base genetica: si stima che ne soffrano circa due persone su mille, pari a oltre centodiecimila in Italia. Ma solo un terzo di loro lo sa, perché chi ne è affetto può rimanere a lungo senza sintomi. «Le persone con Cardiomiopatia costituiscono, quindi, una quota sempre più ampia dei pazienti che si rivolgono ai cardiologi» aggiunge Iacopo Olivotto, responsabile del Centro di riferimento regionale Cardiomiopatie, Dipartimento Cuore e vasi dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi Firenze. «La condizione, però, richiama l’attenzione del pubblico soltanto in occasione di morti improvvise durante attività sportive, mentre interessa anche altre categorie di persone».
Cecchi e Olivotto sono i presidenti dell’evento che si svolge dal 22 al 24 ottobre 2015 a Firenze: il terzo “Florence International Symposium on Advances in Cardiomyopathies” che è anche e il dodicesimo Meeting of the Myocardial and Pericardial diseases Working Group della European Society of Cardiology. L’evento è presentato dal Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Firenze e dalla Fondazione A.R.Card Onlus, e sono promossi dalla Fondazione Internazionale Menarini.
«Oggi sappiamo che in molti casi questa classe di malattie del muscolo cardiaco è compatibile con una vita normale. Tuttavia, circa un terzo dei pazienti ha complicanze importanti come scompenso cardiaco, sincope, ictus, e come già detto, morte improvvisa. Per questo motivo è importante ottenere una diagnosi precoce e accurata» prosegue Cecchi. «Per questo, oltre alla visita e agli esami cardiologici comuni, è indicato l’uso di tecnologie avanzate, come la Risonanza Magnetica con mezzo di contrasto e l’analisi genetica dei geni che possono causare le Cardiomiopatie. Infatti oggi è possibile individuare la mutazione genetica. « In oltre la metà dei casi si può scoprire la mutazione responsabile» commenta Olivotto. «Oggi è possibile eseguire l’analisi genetica con nuove metodiche diagnostiche (NGS – next generation sequencing) che permettono di esaminare contemporaneamente oltre cento geni potenzialmente responsabili di cardiomiopatie».
Una volta che la mutazione genetica è stata identificata, va poi verificata anche nei familiari che daranno il consenso ad essere esaminati. Questo consente una diagnosi precoce anche negli altri individui della famiglia che possono essere affetti dalla condizione, in modo da poter modificare lo stile di vita o attuare terapie in grado di limitare gli eventi avversi. «Un moderno approccio terapeutico alla Cardiomiopatia Ipertrofica è principalmente basato su alcuni tipi di farmaci che si sono dimostrati efficaci nel ridurre i sintomi quali l’affanno e i dolori anginosi, e nel controllo della aritmie» prosegue Cecchi. «Nei pazienti in cui l’ipertrofia miocardica determina ostruzione all’ efflusso del sangue dal ventricolo sinistro, può essere necessario ricorrere ad un intervento cardiochirurgico di disostruzione, detto “miectomia”».
Nei pazienti con aritmie pericolose per la vita o elevato rischio per morte improvvisa, esiste oggi la possibilità di una prevenzione efficace mediante l’impianto di defibrillatori altamente evoluti. «L’introduzione del defibrillatore impiantabile nella pratica clinica degli ultimi 25 anni ha reso di fatto disponibile una terapia salvavita per la prevenzione primaria e secondaria della morte improvvisa cardiaca per oltre un milione di pazienti in tutto il mondo. Tuttavia, l’utilizzo di cateteri transvenosi comporta potenziali complicazioni, mentre ’utilizzo dei nuovi dispositivi totalmente sottocutanei può superare questi eventi avversi» conclude Olivotto.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment: Why are China and the UK’s economic ties now flourishing?

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

pechinoKamel Mellahi, a Professor of Strategic Management at Warwick Business School who has researched a number of issues on the Chinese economy, has made the following statement:“The UK and China need each other more than ever in confronting their internal economic challenges. But the fact remains that at this point in time the UK needs Chinese investment more than China needs UK investment opportunities. This perhaps explains why the UK is rolling out the reddest of red carpets for the Chinese government delegation.“That said, each country contributes distinct but complementary resources and capabilities to the economic partnership. The UK gets the badly needed investments into its infrastructure, including its nuclear power plants, high-speed rail, and potentially becomes the key trading centre for China’s currency, and China gets the chance to use its outstanding capabilities in mega infrastructure projects, obtain a strong foothold in key infrastructure and energy sectors in the UK and use some of them as ‘shop windows’ to promote its capabilities to other countries, as well as open up an offshore renminbi debt market.“When it comes to trade and economic ties with China, not long ago, the UK was trailing behind major European countries but it has been working flat out to make up for lost ground and get in front of the queue. The UK is the first Western country to seek to join the Asian Infrastructure Investment Bank and has been very open and encouraging Chinese investment in the UK economy.“When one cuts through the rhetoric and bombast headlines, two things emerge. First, the new emerging relationship between the UK and China is a strategic response by two major world economies to a changing global economic landscape.“Second, China and the UK are waltzing to the same tune because their economic interests are currently in alignment. Economically, it looks like a win-win economic alliance.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Making asylum fingerprinting rights compliant

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

fingerprintingThe swift identification and registration of asylum seekers is an important measure to ensure their protection. Under EU law, registration procedures also include taking fingerprints. To help authorities ensure fingerprinting practices do not violate fundamental rights, the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) has produced a 10-point checklist for rights compliance in its latest Focus paper.
Under EU rules, all asylum seekers and irregular migrants caught crossing borders unauthorised must provide fingerprints for Eurodac, the EU’s large-scale fingerprinting database set up for the smooth running of the Dublin system – a mechanism established to determine the Member State responsible for examining asylum applications.Member States are obliged to take fingerprints, but there are limitations on how to enforce such obligation so as not to violate fundamental rights. FRA’s Focus paper, ‘Fundamental rights implications of the obligation to provide fingerprints for Eurodac’, contains a checklist to assist authorities and officers who have to take fingerprints for Eurodac to comply with fundamental rights.Elements in the checklist include:providing easy-to-understand information about why fingerprints are being taken;
training on identifying victims of torture, human trafficking, sexual or gender-based violence, or other serious crime;
giving effective opportunities to comply with fingerprinting requirements without resorting to force;
refraining from arbitrary deprivation of liberty and from using physical or psychological force to obtain fingerprints;
paying special attention to vulnerable people such as children.
The paper also examines the impact of refusing to give fingerprints on the principle of of not sending migrants back to life-threatening situations (non-refoulement), the right to liberty and security, and the protection from disproportionate use of force.
FRA is also working on the wider fundamental rights implications of inserting, storing and using biometric data in large-scale information technologies systems focusing on the EU’s three large-scale systems: Eurodac, SIS II (Schengen Information System) and VIS (Visa Information System). (photo: fingerprinting)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Miriam ha gli occhi viola”

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

miriam ha gli occhi violaToronto Thursday, October 29, 2015 Istituto Italiano di Cultura 496 Huron St. Freee admission. The Istituto Italiano di Cultura will host an evening with Rosanna Giuricin, author of the Italian book “Miriam ha gli occhi viola”. The book will be presented by Prof. Konrad Eisenbichler.
Miriam ha gli occhi viola is the biography of a Holocaust survivor from Trieste (Italy). She survived Auschwitz and Dr. Mengele’s scrutiny, but the rest of her family did not. She is now a lovable grandmother living in Toronto. Rosanna Turcinovich Giuricin, an active journalist living in Trieste and a writer with several books to her credit (all published in Italy), has written her biography, basing herself on face-to-face interviews with Miriam here in Toronto and on research in the archives in Trieste (including the Jewish archives there). (Photo: miriam ha gli occhi viola)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Flusso migranti dalla Grecia

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

balcaniIn Grecia, il numero di arrivi via mare dall’inizio dell’anno ha superato il mezzo milione, dopo che nella giornata di ieri sono giunte sulle isole del Mar Egeo quasi 8mila persone, portando il totale a circa 502.500. Il numero totale di arrivi in Europa attraverso il Mediterraneo ha finora superato le 643mila unità. Il picco di arrivi in Grecia va ad aumentare ulteriormente la pressione sulla capacità di accoglienza delle isole. Molti dei rifugiati e dei migranti cercano disperatamente di proseguire il loro viaggio verso altre destinazioni, nel timore che i confini davanti a loro si potrebbero chiudersi di nuovo. Questa mattina c’erano più di 27.500 persone sulle isole, in attesa di registrazione o di essere trasferite sulla terraferma. Nella giornata di domenica e di ieri è stato necessario far intervenire unità supplementari di Polizia per gestire la situazione di caos che si è generata.In questo contesto, come in altre parti d’Europa, è di primaria importanza che siano garantite condizioni di accoglienza adeguate. Se questo requisito essenziale non viene soddisfatto, potrebbe essere compromesso il funzionamento ed il successo dell’intero programma di ricollocamento, che l’Europa ha deciso a settembre.
Dopo le scene caotiche e avvilenti degli ultimi giorni, sono stati riaperti i confini lungo le rotte balcaniche. Al confine serbo con la Croazia, circa 3mila persone sono rimaste bloccate, in attesa, in condizioni di incertezza da domenica fino al tardo pomeriggio di lunedì, senza riparo sotto la pioggia e con un’assistenza minima a disposizione. Il personale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e delle organizzazioni partner hanno dato tutto il sostegno che potevano, dato il poco preavviso con cui sono state allertate, tra cui cibo, acqua e coperte. Ma molte persone, tra cui anziani, donne incinte e diverse persone con disabilità fisiche, sono rimasti bagnati per ore e si sono segnalati diversi casi di ipotermia. Una situazione simile si è verificata anche al confine tra Croazia e Slovenia.Anche se in alcuni luoghi le condizioni continuano ad essere difficili e ritardi nelle procedure vanno accumulandosi, gli spostamenti sono ripresi, tanto che nella sola giornata di ieri sono arrivate in Austria 4.300 persone che erano partite dalla Slovenia. Nel contempo, in Austria e in Germania, decine di migliaia di rifugiati e immigrati dormono in tende e rifugi temporanei a causa della mancanza di alloggi.
Rispetto a quanto sta accadendo nell’Egeo, l’UNHCR esprime cordoglio per le recenti tragedie che hanno provocato ulteriori morti in mare tra le persone che cercano di passare dalla Turchia alla Grecia. Diciannove persone sono morte negli ultimi nove giorni in cinque episodi distinti, quasi la metà dei quali avvenuti durante il fine settimana. Tra le persone che hanno perso la vita, ci sono anche neonati e bambini. I rifugiati incontrati dall’UNHCR durante il fine settimana hanno riferito che i trafficanti stanno offrendo tariffe scontate a chi accetta di viaggiare con il maltempo e che stanno stipando sempre più persone a bordo delle imbarcazioni.
Almeno 123 persone sono morte o scomparse nelle acque territoriali greche dall’inizio dell’anno (complessivamente almeno 3.135 persone sono morte nel Mediterraneo nel corso del 2015 fino ad oggi). L’UNHCR è preoccupato che questo numero possa crescere ulteriormente dal momento che le persone cercano di affrettarsi per imbarcarsi prima dell’inizio dell’inverno e per evitare nuove chiusure nei valichi di frontiera. L’UNHCR auspica che le operazioni di ricerca e soccorso siano ulteriormente rafforzate per ridurre il rischio di ulteriori perdite.Per affrontare l’attuale situazione in Europa ed evitare movimenti secondari irregolari, sono necessarie diverse misure di stabilizzazione nei paesi di primo asilo e in tutti i paesi in cui avvengono movimenti secondari. Tali misure comprendono un forte sostegno ai paesi che ospitano il gran numero dei rifugiati siriani, iracheni e afghani, una campagna informativa sui pericoli del viaggio in mare e lo sviluppo di percorsi legali per cercare protezione in Europa. Nei paesi interessati da movimenti secondari in Europa devono essere compiuti sforzi significativi affinché si sviluppino sistemi validi di accoglienza e solide capacità di registrazione in modo che il programma di ricollocamento possa funzionare.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

50° anniversario “Nostra Aetate”

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

pontificia università gregorianaRoma dal 26 al 28 ottobre, un convegno internazionale ospitato dalla Gregoriana per commemorare l’evento ed analizzare le sue ripercussioni nell’ultimo mezzo secolo. Il convegno sarà aperto dai saluti del Rettore François-Xavier Dumortier, dall’introduzione di P. Miguel Angel Ayuso Guixot, e dalle relazioni dei Cardinali Kurt Koch e Jean-Louis Tauran. Nella mattina di mercoledì 28 ottobre i partecipanti prenderanno parte all’Udienza Generale del Santo Padre; nel pomeriggio, chiuderà l’incontro l’intervento del Segretario di Stato vaticano, Card. Pietro Parolin. Nel cinquantesimo anniversario della dichiarazione conciliare “Nostra Aetate” sulle relazioni della Chiesa cattolica con le Religioni non cristiane, il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, la Commissione per le Relazioni Religiose con l’Ebraismo e la Pontificia Università Gregoriana hanno organizzato, un convegno internazionale ospitato dalla Gregoriana per commemorare l’evento ed analizzare le sue ripercussioni nell’ultimo mezzo secolo.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legg Mason dà comunicazione della conclusione dell’acquisizione di RARE infrastructure

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

BALTIMORA, MD Legg Mason, (NYSE:LM) ha annunciato la conclusione dell’acquisizione di una partecipazione di maggioranza di RARE Infrastructure Limited, gestore specializzato in società quotate operanti nel settore delle infrastrutture a livello globale la cui sede principale si trova a Sydney, in Australia. Al 20 ottobre 2015 il patrimonio gestito da RARE Infrastructure era di 6,8mldUSD. Legg Mason è una società di gestione patrimoniale che opera su scala globale, con attivi in gestione (AUM) pari a 672mldUSD al 30 settembre 2015. Legg Mason offre soluzioni d’investimento di lungo termine a gestione attiva presso numerosi centri d’investimento presenti in tutto il mondo. La sede ufficiale si trova a Baltimora, Maryland, e le azioni ordinarie della società sono quotate alla borsa di New York (simbolo: LM).
Fondata nel 2006, RARE è uno dei maggiori gestori patrimoniali alternativi operanti nel settore delle infrastrutture, il cui obiettivo di investimento consiste nella ricerca di rendimenti azionari ponderati per il rischio, dove RARE è appunto l’acronimo di “Risk Adjusted Returns on Equity”. La filosofia di RARE consiste nel fornire agli investitori un portafoglio di alta qualità di titoli quotati nel mercato delle infrastrutture, gestito da un team di specialisti con una lunga esperienza nel settore.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malpensa sempre più green

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

malpensaMilano. Da anni SEA è impegnata in una strategia di sviluppo sostenibile dei propri aeroporti. Sono tanti i progetti che vanno in questa direzione e oggi SEA presenta l’ultima iniziativa che vede l’introduzione di 21 automobili elettriche: 11 Peugeot iOn e 10 Citroen C-Zero per operazioni sul sedime aeroportuale di Milano Malpensa.
Le vetture sono entrate in servizio, con un contratto a noleggio con la Società ARVAL, lo scorso novembre e hanno percorso, fino ad oggi, un totale di 50.904 km, con una percorrenza media di 2.424 km a vettura. SEA ha installato 6 colonnine per la ricarica posizionate in diversi siti del sedime che si aggiungono alle possibilità di approvvigionamento energetico presso le officine e le aree di manutenzione dell’aeroporto. La percorrenza media delle auto elettriche è di circa 90-100 km con una ricarica completa.Questo progetto fa parte di un impegno più ampio nato negli scorsi anni quando ancora SEA Handling faceva parte del Gruppo che ha portato a un progressivo incremento dei veicoli operativi a trazione elettrica e che ci permette oggi di avere nei due aeroporti milanesi 372 veicoli elettrici (circa il 27% dei mezzi), in particolare trattorini per il traino convogli bagagli e nastri mobili per il carico/scarico.
Il prossimo obiettivo, la cui realizzazione è attualmente in fase di studio, sarà l’utilizzo degli autobus elettrici per il trasporto interpista dei passeggeri (Cobus) che fanno parte del parco mezzi SEA.Tema particolarmente sensibile nell’ambito dei progetti a favore dell’ambiente è il sostegno verso lo sviluppo di una mobilità “green” nei trasporti da e verso l’aeroporto in quanto la quota di emissioni di CO2 attribuibile alle attività aeroportuali è limitata al 3%, mentre il traffico aereo e il traffico veicolare pesano rispettivamente per il 23% e il 74% (dati WSP Environment and Energy).
A disposizione dei passeggeri in entrambi gli scali sono presenti le automobili elettriche E-Vai (Gruppo Ferrovie Nord) già dal 2012.
Anche a Milano Malpensa è in fase di studio la realizzazione di colonnine di ricarica gratuita e posti riservati per auto elettriche private, come a Linate.Rimanendo in tema di abbattimento degli impatti prodotti dal traffico veicolare, è in fase di realizzazione il collegamento ferroviario T1-T2, che consentirà il raggiungimento diretto del terminal 2 di Malpensa da Milano.Fuori dall’ambito mobilità, ma sempre per massimizzare il contenimento delle emissioni di CO2, SEA ha inoltre realizzato nei propri scali una serie di interventi a tutto campo:
· miglioramenti tecnologici per l’illuminazione, quali la sostituzione con lampade a basso consumo e a LED, sia interne sia dell’illuminazione dei piazzali e della viabilità esterna;
· miglioramenti gestionali, quali lo spegnimento delle luci nelle ore notturne presso i luoghi non frequentati;
· modifica del sistema automatico di accensione delle luci notturne dei piazzali;
· spegnimento notturno della pista di volo non utilizzata per lo scenario anti-rumore o per attività di manutenzione;
· informatizzazione e introduzione di misuratori per la suddivisione e analisi dei consumi energetici;
· ottimizzazione e regolazione della temperatura nei terminal in base all’affollamento dei locali per utilizzare solo l’energia realmente necessaria.
Con questi interventi si riesce a ottenere un risparmio energetico annuo pari a circa 13.188 MWh (-7,4%, dato 2014 su 2009) nonostante il completamento del terminal 1 di Milano Malpensa che ne ha aumentato di un terzo la superficie.Anche attraverso gli investimenti in infrastrutture SEA ha fatto degli aeroporti di Milano un esempio d’eccellenza per la sostenibilità ambientale. Da luglio 2010 a Milano Malpensa è attiva una nuova procedura di rifornimento carburante attraverso “pipeline” site in piazzale. Ciò ha permesso di ridurre gli spostamenti dei mezzi a favore della riduzione di CO2, in linea con le best practices in Europa, garantendo massima sicurezza e maggiore velocità nell’operazione di rifornimento.ACI Europe (l’Associazione internazionale degli aeroporti europei) riconosce agli scali di Milano Linate e Milano Malpensa il livello di “neutralità” per aver raggiunto il top di efficienza nella riduzione delle emissioni di CO2 a livello europeo. (photo: malpensa)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »