Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Archive for 28 ottobre 2015

Scicli (Rg) presenta le migliori cantine vitivinicole del territorio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

vino in siciliaSCICLI (RG) – Conto alla rovescia per la nuova edizione di “Rubino” l’evento dedicato al vino ma anche alle identità territoriali, in programma nel fine settimana (sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre) a Scicli, splendida città barocca della provincia di Ragusa. Tra show cooking, degustazioni guidate, lezioni con i sommelier, conferenze di approfondimento e performance artistiche, la terza edizione di “Rubino” si annuncia ancora più interessante e ricca di appuntamenti. L’evento sarà ospitato nel centro storico della città in cui alcuni palazzi nobiliari diventeranno veri e propri contenitori culturali per appuntamenti di grande rilievo. Non solo vino, quindi, ma spazio anche ad attività collaterali, con un occhio di riguardo all’arte contemporanea, tra performance ed installazioni.
Omaggerà l’evento con la sua presenza il fotografo Armando Rotoletti, affezionato e graditissimo ospite della città, già autore di “Scicli, città felice”. Presenterà per l’occasione il suo ultimo libro fotografico, “Vino e gente dell’Etna”, un racconto per immagini arricchito con testi di autori illustri. La narrazione di una terra aspra e apparentemente ostile che, attraverso le aziende vitivinicole presenti nel territorio, ha saputo valorizzarsi. L’incontro con l’autore sarà preceduto dalla conferenza del ciclo “Cibo e Medicina”, promosso dall’associazione culturale Tanit Scicli, in collaborazione con il dott. Guglielmo Cartia. L’incontro, incentrato su uva e vino nelle varie declinazioni, approfondirà gli usi nella nostra tradizione, le proprietà terapeutiche e le tecniche di produzione.
Tra gli ospiti d’eccezione anche gli studenti e gli insegnanti dell’Istituto Tecnico Agrario di Scicli, che presenteranno i prodotti e le lavorazioni svolte nell’azienda agraria dell’istituto, dove si svolgono le esercitazioni pratiche degli studenti. “Quest’anno la vendemmia è stata veramente copiosa, con un raccolto di grandissima qualità – affermano – non vediamo l’ora di verificarne la qualità! Non solo uva, ma anche olive, carrube ed ortaggi coltivati secondo la moderna vino in sicilia1tecnologia del fuori suolo”.
Dedicati a chi volesse imparare di più sul vino, a “Rubino” ci sono gli “Incontri DiVini”, ogni ora, dalle 16.00 alle 20.00, sia sabato che domenica, presso il Caffè Letterario Brancati. I sommelier AIS guideranno i partecipanti nella degustazione di tre vini, utilizzando vista, olfatto e gusto, per imparare a coglierne ogni dettaglio. “Rubino – spiegano gli organizzatori, i giovani di S.E.M. Spazi Espressivi Monumetali – rappresenta un’occasione assolutamente unica per apprezzare le risorse artistiche, architettoniche e paesaggistiche coniugando la bellezza assoluta dell’arte con vini prestigiosi le cui etichette, un centinaio quelle presenti, sono frutto del lavoro intenso e pluriennale nelle cantine siciliane. Fermamente convinti della bellezza e della suggestione offerta dalla location “Scicli”, sarà ancora una volta piacevole scoprire e degustare i vini in questa due giorni a cavallo tra ottobre e novembre. Nel corso degli anni sono nate interessanti collaborazioni tra le aziende che hanno aderito alle precedenti edizioni. Un’esperienza proficua, quindi, per molti degli espositori, entusiasti di riconfermare la propria presenza anche alla luce della positiva sinergia creatasi, come anche nel caso dei ristoranti con le cene a tema alla presenza dei produttori”. “Rubino” è infatti una manifestazione promossa da S.E.M. – Spazi Espressivi Monumentali, un gruppo di giovani che punta sulla valorizzazione turistica e culturale della città, ma che al tempo stesso si propone come punto di riferimento per l’avvio di nuove collaborazioni in rete e per la creazione di circuiti alternativi.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

On 28-30 October the German Chancellor will travel to China

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

merkel angelaThe visit takes place at a time of changing conditions for German-Chinese relations: the period of double-digit growth figures is over. Uncertainty is growing over how the Chinese economy will develop in the future and what the consequences will be for the German export industry in light of China’s move towards a consumer- and service-driven growth model. At the same time a strategic shift is ongoing in China’s European policy – away from Germany and towards the United Kingdom.
Questions to Sebastian Heilmann, director of the Mercator Institute for China Studies (MERICS) in Berlin
For long time it seemed that continued improvement in German-Chinese relations was inevitable. How do you assess recent developments? Is the praised “golden decade of German-Chinese cooperation” at an end?
Since last year the conditions influencing German-Chinese relations have changed considerably and consequently a clear cooling of relations can be observed. Firstly, with regard to economic relations, there are a number of factors which, from a German perspective, are unfavourable. As part of a changing economic structure in China, the level of demand for industrial goods is falling. At the same time, there is a certain amount of disillusionment among the Chinese as many joint projects have stalled. From the Chinese point of view German industry is too passive in technology cooperation and the Federal Government hasn’t attached enough importance to the innovation partnership.
Indeed, presently very few new initiatives are coming from Germany. This is not surprising in light of the enormous refugee crisis and the continuing issues in the Middle East.
Last October, during Chinese Premier Li Keqiang’s visit to Berlin, a 110-point action framework plan for an innovation partnership was celebrated as the pinnacle of the cooperation. What is your verdict on it nearly a year later?
With respect to this issue, Merkel will have to find encouraging words for disappointed counterparts. The programme was so comprehensive and ambitious that its implementation could only lead to disappointment. From the Chinese perspective Germany has been far too passive in relation to Industry 4.0. Beijing had hoped that German enterprises would have passed on innovative knowledge about interconnected industrial production to Chinese companies. But understandably German companies are sceptical: Industry 4.0 concerns elementary, sensitive new technologies and it is clear that such know-how cannot protected in China. With regard to the digital shift in industrial production, German companies will hardly benefit from their Chinese partners. If the risk for one side is too great and the benefits too small, then such an innovation partnership is doomed to failure regardless of political will.
The relationship at EU level is also unclear: presently the red carpet is being rolled out in the United Kingdom for China’s President Xi. The government in London is proactively seeking to establish closer economic ties with China. In what way does that put pressure on Merkel during her trip?
A strategic shift is taking place in European-Chinese relations which could have serious repercussions for Germany. For more than a decade Germany has been the anchor state for Chinese involvement in Europe. The Chancellor and her government were wooed by the Chinese. Suddenly the UK has left Germany in its tracks with a highly proactive China policy. I think it right to speak of a “changing of the guard”: London is taking over the lead role in relations with China. However, this is not only due to a brilliant diplomatic campaign undertaken by the British government, but is also significantly a result of changing Chinese interests. Whilst from the Chinese side demand for industrial goods has declined, the country’s demand for access to finance and currency markets, as well as general demand for service-related know-how, has increased massively. In this respect the UK is much better positioned than Germany and is better able to meet China’s substantial requirements.
The contrast between German restraint in relations with China and Britain’s proactive policy is a subject that will be raised with the Chancellor by Chinese counterparts while she is in Beijing. Angela Merkel can expect to have a much harder time in Beijing than she has experienced on previous visits. She will also have additional pressure to cope with: the German export industry will expect her to do everything in her power to ensure that business with China doesn’t drop off and that the Chinese markets are further opened up to foreign companies. At the same time, the Chinese government will demand of the Chancellor that Germany present itself in as welcoming and appreciative a way as the British government has recently.
Despite the pressurised situation, the Chancellor will still have some critical words to offer concerning issues like the territorial dispute in the South China Sea or the lack of rule of law in China. However, it is quite possible that Chinese government representatives will not listen to such reproaches with as much patience as they did last year.
China’s economy is experiencing a period of growth slowdown. Growth is far from the previously common double-digit yearly figures. What impact will this have on German companies?
This is not a temporary economic slowdown but a structural and adjustment crisis which will affect many parts of the economy that have up to now been growth drivers. In light of this structural crisis, German companies and investors must adapt their strategies. It is estimated that German capital goods and automobiles will no longer enjoy the same levels of demand growth in China as previously.
How can German companies prepare for the changes?
The good years have come to an end. German companies have to develop new strategies. It will no longer suffice to simply offer expensive, high quality products. Companies must put greater effort into tailoring their products and services to satisfy the needs of domestic customers at competitive prices. It is becoming increasingly important to identify and exploit the regionally varied demand dynamics in the Chinese provinces. At the same time it seems imperative to diversify to export markets beyond China by increasing presence particularly in the US and, despite many uncertainties, also in India and Southeast Asia.
Where can you see continuing good opportunities for German companies in China?
There are very good growth opportunities in sectors such as robotics, control technology, energy conservation, environmental technology, speciality chemicals, or new materials. In the areas of machine engineering and plant construction it is necessary to be more specific: machine tools will be harder hit by market change in China than many less challenging sectors of machine engineering.At the moment German foreign policy is especially preoccupied with the escalating crisis in the Middle East: the rise of the militant group Islamic State and the mass exodus from Syria. How do you assess China’s role in the conflict and to what extent will this issue play a role on Merkel’s trip? As seen during the Ukraine crisis, the Chancellor has previously prevailed upon China to exercise a moderating influence on Russia. In that instance China was not averse to such action and made a significantly positive contribution. The hope now is that involving China once more will help to restrain Russia and, at best, contribute to achieving a multilateral solution to the Syria crisis. During her visit to Beijing the Chancellor will surely try to open up new diplomatic options with respect to Syria.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“People Building Future. Clima, ultima chiamata”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

rietiRieti dal 18 al 21 novembre 2015 XII Forum Internazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura il cui tema sarà “People Building Future. Clima, ultima chiamata”. L’appuntamento del 2015 è dedicato al tema dei cambiamenti climatici e intende offrire al mondo del giornalismo una anticipazione del lavoro degli scienziati e delle aspettative che saranno in agenda alla seguente COP di Parigi. In passato (2009) abbiamo affrontato tale tema, ma ci è sembrato doveroso cogliere ora alcune novità che si registrano sulla scena politica internazionale e che potrebbero essere decisive per una svolta che porti ad un accordo sulle emissioni di CO2.
Vi allego lettera di invito firmata dal nostro presidente, Alfonso Cauteruccio, che spiega le modalità di partecipazione e le agevolazioni previste per i giornalisti italiani e stranieri. La partecipazione all’ evento permetterà l’ottenimento di 8 crediti formativi previa registrazione sulla piattaforma Sigef dell’ODG Nazionale. Se riuscite a partecipare, vi prego di segnalarlo al più presto in modo da agevolare il lavoro di accredito e gestione incoming di Teresa Bello, responsabile della segreteria internazionale dell’associazione.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Les Babettes Swing Show

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

Les BabettesRoma Mercoledì 4 novembre 2015 – Ore 21.00 teatro Golden Via Taranto 36 Les Babettes Swing Show Con Anna De Giovanni, Chiara Gelmini, Eleonora Lana Accompagnate da: Tiziano Bole (chitarra), Riccardo Morpurgo (pianoforte), Marco Vattovani (batteria) e Andrea Zullian (contrabbasso). “Frizzanti e ironiche” come le ha definite la stampa italiana, Les Babettes (al secolo la veronese naturalizzata triestina Anna De Giovanni e le triestine Chiara Gelmini ed Eleonora Lana) sono emerse durante le audizioni di X-Factor e diventate popolari grazie alla partecipazione al programma “On the road” su SkyArte con Joe Bastianich. Tre donne eleganti, capaci di stare sulla scena e di riportare in vita il favoloso spirito degli anni Trenta: dai grandi classici swing italiani e stranieri che arrivano fino agli anni Cinquanta, passando attraverso il mondo del musical, fino ad arrivare ad arrangiamenti e rivisitazioni in chiave swing di brani più moderni e contemporanei. Apertamente ispirate ai grandi trii vocali dell’epoca (Boswell Sisters, Andrews Sisters, Trio Lescano), Les Babettes sanno cavalcare con eleganza e ironia la voglia di swing che ha contagiato questi ultimi anni, interpretando successi indimenticabili come Mr Sandman, Belleville rendez-vous, Ma l’amore no, Bei mir bist du schoen, Baciami piccina, Sing sing sing, In the mood, Honey pie, insieme a brani di Lelio Luttazzi, l’artista e compositore concittadino delle Babettes recentemente scomparso.Il quartetto jazz che le accompagna è formato da Tiziano Bole (chitarra), Riccardo Morpurgo (pianoforte), Marco Vattovani (batteria) e Andrea Zullian (contrabbasso). Les Babettes hanno all’attivo anche numerose collaborazioni con Big band, blues band e band rockabilly, e sono state recentemente riconosciute al Cuffie d’Oro (il Radio Awards che si è tenuto all’Expo di Milano) come una delle realtà più seguite e amate della scena musicale vintage italiana. Biglietti: Intero 26.00 € – Ridotto 25,00 € (foto: Les Babettes)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valutare la produzione spontanea di un bambino autistico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

autismoIl disegno libero dimostra che esiste un linguaggio diverso da quello verbale, e “il saper valutare la produzione spontanea di un bambino autistico permette di arrivare a una descrizione del minore sia sul versante cognitivo che su quello affettivo”. Sono due anni che l’Istituto di Ortofonologia (IdO) ribadisce questo concetto (nel libro ‘Il processo grafico del bambino autistico’, edito Magi Edizioni, 2013), confermato ieri in uno studio scientifico presentato al World Summit on Pediatrics a Sofia.
L’IdO ha valutato la rappresentazione grafica degli elaborati realizzati da circa 100 piccoli autistici, constatando che il disegno “costituisce uno strumento per oggettivare il livello di maturazione raggiunto dal bambino in ambito psicomotorio, cognitivo ed emotivo e- spiega Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’IdO-, nello stesso tempo, si pone come strumento prezioso di espressione sia in ambito educativo che terapeutico. Il comprendere e il saper valutare la produzione grafica di un bambino autistico e’ un indispensabile supporto per capire i diversi aspetti della sua evoluzione e la sua personalita’”.
L’attivita’ grafica e’ “purtroppo rimasta finora sottovalutata- aggiunge Di Renzo- non essendo stata presa in considerazione nelle osservazioni. I minori con autismo sono in grado di copiare, fare disegni stereotipati o minimamente spontanei, ma e’ molto piu’ difficile per loro arrivare a una rappresentazione di uno schema umano”. I 100 bambini osservati dall’IdO sono stati inseriti nel Progetto Tartaruga – un intervento intensivo, integrato e psicodinamico intrapreso dall’Istituto nel 2004, che utilizza mezzi diversi e operatori differenti per rivolgersi nel modo piu’ efficiente possibile al minore, ai suoi genitori e alla scuola – e “dopo un percorso terapeutico sono riusciti a rappresentare una figura umana, se stessi e scene di vita quotidiana. Questo perche’- ricorda la psicoterapeuta dell’eta’ evolutiva- il disegno e’ uno strumento di elaborazione cognitiva e affettiva, e fino a che non si crea questa integrazione il bambino non e’ in grado di disegnare”. Quaranta dei 100 bambini seguiti “sono arriv ati a fare anche il test grafico-proiettivo-reattivo di Wartegg, che ha consentito di mettere in luce aspetti della loro personalita’”.
Nel suo lavoro di ricerca l’IdO ha correlato l’osservazione del processo grafico del bambino autistico con altri strumenti diagnostici – come l’ADOS-G (Autism Diagnostic Observation Schedule Generic, che valuta la presenza e la gravita’ della sintomatologia autistica) e la Leiter-R (Leiter Internazional Performance Scale, una scala di valutazione cognitiva non verbale) – per consentire un arricchimento della valutazione e della prognosi e una migliore progettualita’ terapeutica. “A seguito dei re-test somministrati su un numero cospicuo di bambini si e’ potuta verificare l’efficacia terapeutica che e’ data dalle diverse prove eseguite dai singoli bambini nel corso del tempo. In particolare- conclude l’IdO- per un sottocampione di 78 minori del Progetto Tartaruga, valutati secondo la procedura dell’ADOS-G in periodi temporali differenti, il 24% si e’ collocato al di fuori dello spettro autistico (punteggio inferiore a 7)”.
Per sottolineare quindi la necessita’ di aprire una seria riflessione sul processo diagnostico nell’infanzia, l’IdO ha dedicato a questo tema il XVI convegno nazionale (http://ortofonologia.it/?do=115#video, qui e’ possibile vedere i video degli interventi) a cui hanno preso parte esperti provenienti da tutta Italia. Nello stesso tempo continua a puntare sulla formazione, e il 14 novembre presentera’ a Roma la Scuola di specializzazione in Psicoterapia psicodinamica dell’eta’ evolutiva in un Open Day dalle 9.30 alle 12.30 presso la sede di via Alessandria 128/b.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il settore cosmetico: uno sbocco occupazionale per i laureati in discipline scientifiche”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

biblio università parmaParma venerdì 30 ottobre, dalle ore 9.30 alle ore 13, nell’aula A del Dipartimento di Farmacia, si terrà l’incontro “Il settore cosmetico: uno sbocco occupazionale per i laureati in discipline scientifiche”, organizzato dall’Ateneo e da Cosmetica Italia. L’incontro è rivolto agli studenti dei corsi di laurea in Farmacia, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, Biologia, Biotecnologie e Chimica.L’incontro sarà aperto dai saluti della prof.ssa Sara Rainieri, Delegata del Rettore per l’orientamento in uscita e politiche di raccordo con il mondo del lavoro/job placement, della prof.ssa Patrizia Santi, Direttore del Dipartimento di Farmacia, e del dott. Carlo Baiesi, Consigliere di Cosmetica Italia, incaricato dei “Rapporti con le Università”. Seguiranno gli interventi del dott.Luca Nava (Direttore generale Cosmetica Italia), del dott. Dino Tavazzi (Consigliere Delegato BolognaFiere Cosmoprof – “Cosmoprof Worldwide: la fiera leader nel mondo della cosmesi”), della dott.ssa Alessia De Ascentiis (Research & Regulatory Affairs Department di Cosmoproject – “Il ruolo del laureato in discipline scientifiche nelle aziende cosmetiche italiane: prospettive e potenzialità”) e della dott.ssa Sara Berlese (Responsabile selezione e sviluppo di Difa Cooper– “Le posizioni scientifico-commerciali in un’azienda cosmetico-farmaceutica: i profili necessari e alcuni consigli per raggiungerli”).Il dott. Carlo Baiesi (Presidente di Barex Italiana) e il dott.Davide Bollati (Presidente di Davines) porteranno le loro testimonianze di imprenditori e manager di imprese cosmetiche.Seguirà un dibattito e, alle ore 14, avrà luogo una visita all’azienda Cosmoproject srl di Casale di Mezzani.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migration must be a priority of the 2016 budget too, emphasized MEPs

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

Devoting enough resources to handle the unprecedented migration crisis must be a priority of next year’s European budget, said MEPs on Tuesday at a joint meeting of the budgets and the civil liberties committee discussing the financing of the crisis with Commission Vice-President Kristalina Georgieva and Commissioner Dimitris Avramopoulos in charge of migration issues. fuga migranti2MEPs urged member states to stick to their word and come up with resources they promised. They deplored earlier Council cuts to the originally proposed draft budget in areas which aim at stemming the reasons for migration, including funds for the poorest regions and development aid.”The refugees are not the culprits, they are victims themselves”, said Mr José Manuel Fernandes (EPP, PT), the rapporteur for the bulk of the 2016 budget. “These are extraordinary events, therefore they call for extraordinary funding,” he continued, adding that taking the money from other priority programmes could not be the solution.While welcoming the Commission’s topping up of its own original proposal for migration (through the draft amending budget 7/2015 and through an amending letter to the 2016 budget proposal), civil liberties committee rapporteur Mr Péter Niedermüller (S&D, HU) insisted that there must be full transparency of where the extra resources end up. “We know that Frontex can only organise the return of migrants at the request of member states. How can the extra €50 million for Frontex then be spent on its organising the return? There is no legal base.”
Commissioner Avramopoulos announced that a proposal will be tabled at the end of the year to review Frontex’s mandate. The proposal is due to deal with the returns and with the setting-up of a European border and coast guard system, he added.Several MEPs questioned whether funding of the refugee crisis was sufficient in the medium and long term, calling for the mid-term revision of the Union’s multiannual financial framework to rearrange the priorities and the associated budgets.Others wanted to see uniform asylum law in the Union and the financing of a common European border and coast guard system. Several MEPs called for more relocation of asylum seekers and less return of migrants.The Commission is ready to discuss the reallocation of national resources from the cohesion, the structural or the solidarity fund to the management of refugee flows if needed, said Commissioner Georgieva.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Missione Governo-Imprese in America Latina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

america latinaIn occasione della missione in America Latina, promossa dalla Presidenza del Consiglio e dal Ministero dello Sviluppo Economico, SACE e Banco de Chile hanno firmato un importante accordo di collaborazione destinato a espandere le opportunità di interscambio e investimento tra Italia e Cile. L’intesa prevede, infatti, il rafforzamento delle relazioni commerciali tra SACE e Banco de Chile per individuare progetti strategici e facilitare l’accesso a fonti di finanziamento sia per le imprese cilene interessate ad acquistare beni e servizi dall’Italia, sia per le imprese italiane interessate a progetti di investimento in Cile. “Il Cile si conferma uno dei mercati a maggior potenziale per molte filiere in cui il Made in Italy ha maturato competenze straordinarie – ha dichiarato Alessandro Castellano, amministratore delegato di SACE -. Con l’accordo firmato con Banco de Chile, si aprono nuove opportunità di business per le nostre imprese in un paese in cui l’export italiano è cresciuto del 18% nel primo semestre 2015”. L’accordo è stato firmato a margine del business forum che ha visto la partecipazione del Presidente della Repubblica del Cile, Michelle Bachelet, del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo Calenda.
Nel 2014 l’export italiano nel paese si è attestato a 869 milioni di euro, per poi accelerare nei primi 6 mesi del 2015, con aumento del 18% in termini tendenziali. Il settore principale di export verso il Cile è la meccanica strumentale (44,7% del totale), seguono gli apparecchi elettrici e i prodotti in metallo. In particolare, esportiamo macchine automatiche per la dosatura, la confezione e per l’imballaggio, macchine per l’agricoltura e per l’industria alimentare e delle bevande. È proprio nell’industria meccanica che si trovano le maggiori opportunità per le imprese italiane. Il Cile si caratterizza per la scarsa presenza di una produzione locale di macchine e apparecchi meccanici ad alta tecnologia, ed è in questo comparto che le aziende italiane possono trovare ampi margini di sviluppo.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Alleviamo Salute: la carne tra timori e verità”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

alleviamo saluteAsti Venerdì 6 novembre, dalle 10,15, nel Salone Conferenze della Camera di Commercio di Asti (piazza Medici, 1) convegno di Confagricoltura Asti “Alleviamo Salute: la carne tra timori e verità”. Confagricoltura Asti promuove l’eccellenza della carne bovina piemontese, prezioso alimento troppo spesso etichettato, a causa di falsi miti e cattiva informazione, come un “male” da evitare.
Se ne parlerà, dopo il saluto del presidente della Camera di Commercio di Asti, dott. Erminio Renato Goria, con Giorgio Ferrero (Assessore all’Agricoltura Regione Piemonte), Massimo Forno (presidente Confagricoltura Asti), Fulvio Brusa (veterinario) e Sara Cordara (nutrizionista).
Le conclusioni saranno affidate al presidente nazionale di Confagricoltura Mario Guidi. Modererà l’incontro il giornalista enogastronomico Paolo Massobrio. (foto alleviamo salute)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abolizione delle tariffe roaming e neutralità della rete

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

strasburgo-parlamento-europeoCon la votazione finale di martedì sul nuovo pacchetto telecomunicazioni, entrerà in vigore, dal giugno 2017, il divieto di applicare tariffe roaming nell’utilizzo dei telefoni cellulari nell’UE. Inoltre, saranno stabilite norme più chiare sul diritto di accesso a internet.
“L’abolizione delle maggiorazioni per il roaming è stata a lungo attesa da tutti: la gente comune, le start-up, le PMI e tutti i tipi di organizzazioni” ha detto la reltrice Pilar del Castillo (PPE, ES), durante il dibattito prima del voto.
“Grazie a questo accordo, l’Europa diventerà anche l’unica regione in mondo che garantisce giuridicamente internet aperta e neutralità della rete. Il principio della neutralità della rete sarà applicato direttamente nei 28 stati membri. Esso garantisce anche che non avremo internet a due velocità”, ha concluso la relatrice.
Dal 15 giugno 2017, saranno vietate le tariffe roaming nell’UE (e nei Paesi SEE) per le chiamate, per l’invio di messaggi di testo e per l’utilizzo di internet tramite dispositivi mobili.Inoltre, a partire dal 30 aprile 2016, le maggiorazioni del roaming non dovranno superare:
€0,05 al minuto per le chiamate vocali
€0,02 per ogni messaggio di testo (SMS)
€0,05 per ogni MB di navigazione su internet.
Il tetto per i costi delle chiamate ricevute sarà deciso entro l’anno e ci si aspetta che tali costi siano considerevolmente più bassi rispetto a quelli previsti per le chiamate effettuate. Se gli operatori possono dimostrare che non sono in grado di recuperare i loro costi, incidendo sui prezzi interni, le autorità nazionali di regolamentazione potrebbero autorizzare gli operatori ad imporre, in casi eccezionali, maggiorazioni minime al fine di recuperare questi costi. I deputati hanno avuto garanzie che le autorità nazionali di regolamentazione avranno i mezzi per modificare o respingere le sovrattasse.Per proteggere il settore da abusi, come ad esempio il “roaming permanente”, gli operatori potranno, in talune circostanze, essere autorizzati ad addebitare una tariffa di lieve entità, più bassa rispetto agli attuali tetti, sulla base del principio dell'”uso corretto”. I dettagli precisi saranno definiti dalla Commissione e dalle autorità per le telecomunicazioni.
La nuova legislazione obbligherà le imprese che offrono l’accesso a internet a trattare tutto il traffico dati in modo equivalente. Ad esempio, non sarà consentito bloccare o rallentare la ricezione di contenuti, applicazioni o servizi offerti da aziende specifiche.
L’eccezione a tale regola è il caso che intervenga una decisione di un tribunale in tal senso per, ad esempio, evitare una congestione della rete o contrastare attacchi informatici. Se tali misure saranno necessarie per la gestione del traffico dati, dovranno essere “trasparenti, non discriminatorie e proporzionali” e non dovranno durare più del necessario.
Un operatore sarà comunque in grado di offrire servizi specialistici (come una migliore qualità internet necessaria per l’utilizzo di alcuni servizi), ma solo a condizione che questo non abbia un impatto sulla qualità generale del traffico internet.
I deputati hanno assicurato che i provider di servizi internet dovranno fornire agli utenti, che stanno per firmare contratti su servizi di accesso a internet fissi o mobili, una spiegazione chiara sulle velocità di download e upload (rispetto a quelle pubblicizzate) che possono aspettarsi dal servizio. Ogni differenza evidente darà diritto a compensazioni, quali l’estinzione del contratto o l’ottenimento di un rimborso. Spetterà alle autorità nazionali di regolamentazione verificare se eventuali differenze possano o meno costituire una violazione del contratto.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Tesi di Laurea “Welfare aziendale – Innovazione organizzativa per una nuova cultura flessibile del lavoro”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

Ateneo Pontificio Regina ApostolorumRoma giovedì 29 ottobre presso la sede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) promosso dall’Istituto di Studi Superiori sulla Donna (ISSD) dell’APRA e da Praesidium SpA si tiene il Premio Tesi di Laurea “Welfare aziendale – Innovazione organizzativa per una nuova cultura flessibile del lavoro”.Si inizia alle 11 con i saluti del Magnifico Rettore dell’Università Europea di Roma, P. Luca Maria Gallizia L.C. e della Direttrice ISSD Marta Rodriguez. 11.10 presentazione del Premio a cura del dott Villani, Presidente Praesidium e co fondatore del Tavolo sulla flessibilità oraria e organizzativa dell’APRA. 11.20 intervengono gli ospiti: il Senatore Maurizio Sacconi Presidente Commissione Lavoro del Senato, l’Onorevole Valentina Paris Commissioni Lavoro Camera dei Deputati, l’Onorevole Carlo Dell’Arringa Commissione Bilancio, Camera dei Deputati, il Presidente CIDA Giorgio Ambrogioni e il Presidente di Federmanager Stefano Cuzzilla sul tema “Le sfide attuali in tema di welfare e di flessibilità del lavoro”.
Alle 12.35 presentazione della Tesi vincitrice del Premio a cura della Prof.ssa Silvia Profili dell’Università Europea di Roma e del Prof. Micheal Ryan L.C. dell’APRA e alle 12.55 consegna del Premio dal dott. Federico Casini, Amministratore Delegato Praesidium SpA. Modera l’intero incontro la dott.ssa Adele Ercolano, Coordinatrice ISSD.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Meglio un giorno”: il libro di Fabio Granata

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

fabio granatanello musumeciCAPO D’ORLANDO giovedì 29 ottobre alle 18 a Villa Piccolo (Strada Statale 113, km 109 Capo d’Orlando) sarà presentato il libro di Fabio Granata “Meglio un giorno” (edizioni Eclettica). Alla presentazione parteciperanno Nello Musumeci (Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia dell’Ars) e Daniele Tranchida (Docente Università degli Studi di Messina). Introduce Andrea Pruiti Ciarello, modera Alberto Samonà, entrambi componenti del Consiglio di amministrazione della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella. Sarà presente l’Autore. Ingresso libero. Un libro forgiato dalla passione e dalla rabbia, che ripercorre un passato che parte dall’eredità storica del Ventennio e delle battaglie antimafia del primo dopoguerra per arrivare alla bandiera di Paolo Borsellino, ad Angelo Nicosia, al giornalista Beppe Alfano, passando per Beppe Niccolai. Racconti di battaglie e conflitti contro ogni trattativa, legati insieme da una convinzione di fondo che riesce a far proseguire ogni battaglia, anche la più difficile. Un libro contro la mafia e al tempo stesso, un “libro contro”, perché sottolinea l’impegno antimafia di persone controcorrente, che hanno spesso pagato con la vita la propria rettitudine e la propria fedeltà ad un’etica, presupposto per una vera lotta alla mafia.
L’autore, ex parlamentare nazionale e vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia, storico esponente di Msi e An, con un passato di militanza nel Fronte della Gioventù, oggi leader di Green Italia, traccia nel suo libro, edito da Eclettica, il racconto delle battaglie della “destra” antimafia. (foto: fabio granata, nello musumeci)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rassegna SpritzBook

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

emanuele montagnaenrico guerzoniBologna Mercoledì 28 ottobre ore 19 Biblioteca di San Giorgio in Poggiale (Via Nazario Sauro 20/2) Bibliofollia Ingresso libero a partire dalle ore 18.30 prosegue la rassegna SpritzBook, curata da Andrea Maioli, che unisce la riflessione sui libri alla musica, alla videoarte e al rito dell’aperitivo. Un’ottima occasione per vivere un momento di relax in un’atmosfera incantata tra lettura e melodia, il tutto sorseggiando un buon bicchiere di vino o un effervescente Spritz.Il tema e il titolo del secondo appuntamento è Bibliofollia: attraverso la lettura di due testi scritti a cavallo del ‘900, Biblioteque national di Rainer Maria Rilke e La lettera U di Igino Ugo Tarchetti si racconta il tormento e l’alienazione mentale che porta l’essere umano alla follia. Un dialogo tra voce e violoncello giocato sul filo della pazzia.
Protagonista del recital l’attore e regista teatrale Emanuele Montagna, accompagnato da musiche contemporanee eseguite dal violoncellista Enrico Guerzoni. Le proiezioni di videoarte che condurranno e stimoleranno lo spettatore in questo viaggio, sono realizzate dal duo di visual designer Retrofuture e Marg8.
Emanuele Montagna, attore e regista teatrale, direttore artistico e fondatore della Scuola di Teatro Colli in Bologna da san giorgio in poggiale35 anni. Docente universitario di Comunicazione Persuasiva presso l’Università di Ferrara. Nel 2003 vince il Premio Internazionale Rodolfo Valentino per la Comunicazione. Nel 2008 vince il Premio Carlo Goldoni dell’Avvocatura Veneziana. Ha portato in scena oltre sessanta spettacoli come attore e come regista su tutto il territorio nazionale.
Enrico Guerzoni, violoncellista, compositore e arrangiatore, è stato primo violoncello in varie orchestre italiane e straniere e ha collaborato con innumerevoli e rinomati musicisti e gruppi strumentali fra cui: P. Fresu, Zucchero, L. Dalla, G. Morandi, R. Zero, A. Celentano, G. Paoli, E. Ramazzotti, V.Capossela, i “Solisti Veneti”, i “Virtuosi Italiani”, gli “Archi Italiani”, l’Orchestra “Filarmonica Toscanini”, ”Orchestra del Teatro Carlo Felice”, il “Teatro Comunale di Bologna. Ha suonato sotto la guida di direttori d’Orchestra come R. Muti, G. Sinopoli ed altri. (foto: emanuele montagna, enrico guerzoni, san giorgio in poggiale)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I giorni della ricerca

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

carlo contiRoma Venerdì 30 ottobre ore 12.00 Sala A Viale Mazzini, 14 conferenza stampa per la presentazione della settimana Rai che si apre lunedì 2 novembre con Uno Mattina e si conclude con lo Speciale Elisir, in prima serata su Rai3, domenica 8 novembre. Protagonisti assoluti i ricercatori ed i risultati della ricerca oncologica.
RAI e AIRC uniscono le loro forze per sostenere, con le donazioni del pubblico, i nuovi talenti della scienza del nostro Paese. Un ruolo fondamentale è affidato ad Antonella Clerici, Carlo Conti e Michele Mirabella, ambasciatori di AIRC, insieme ai colleghi della radio e della tv e ai tanti testimonial del mondo dello spettacolo e dello sport. Una collaborazione lunga più di vent’anni che ha permesso di raccogliere oltre 86 milioni di euro
Interverranno:
Giancarlo Leone – Direttore Rai1
Andrea Vianello – Direttore Rai3
Pier Giuseppe Torrani – Presidente AIRC
Niccolò Contucci – Direttore Generale AIRC
Pier Paolo Di Fiore – Università degli Studi e IEO Milano
Saranno presenti i protagonisti della campagna Anna Chiara, Christian e Chiara. Antonella Clerici, Carlo Conti, Michele Mirabella e i conduttori trasmissioni impegnate nella raccolta fondi. (foto: carlo conti)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Lotta alla fame e conversione ecologica”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

ROMA Giovedì 29 ottobre 2015 (ore 11:00, Aula Álvaro del Portillo – Piazza di Sant’Apollinare, 49), in collaborazione con la Missione permanente della Santa Sede presso la FAO, il PAM e l’IFAD, la università santa croce organizza l’incontro “Lotta alla fame e conversione ecologica. L’appello dell’enciclica Laudato Si’ per un’agricoltura sostenibile”. La giornata vuole essere un momento di riflessione e di confronto sul problema della lotta alla fame, alla luce della Laudato Si’ di Papa Francesco. Per l’occasione si confronteranno esponenti di istituzioni internazionali, rappresentanti della Santa Sede, diplomatici e professori. Tra i partecipanti, la dott.ssa Erthain Cousin, direttrice esecutiva del PAM, Mons. Giovanni Pietro Dal Toso, Segretario del Pontificio Consiglio Cor Unum, l’ambasciatore Pierfrancesco Sacco, rappresentante permanente d’Italia presso la FAO, il PAM e l’IFAD, il prof. Arturo Bellocq, professore di dottrina sociale della Chiesa alla Santa Croce.Concluderà l’incontro Mons. Fernando Chica Arellano, Osservatore permanente della Santa Sede presso la FAO, il PAM e l’IFAD.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

VIII Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

ictus cerebraleIn occasione della VIII Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale, la Società Italiana di Neurologia (SIN) ribadisce l’importanza delle Stroke Unit, unità ospedaliera di assistenza dedicata ed esperta, in rapporto alla quale l’evidenza scientifica indica, rispetto ai trattamenti della fase iperacuta, le potenzialità di una ulteriore ed importante quota di riduzione degli esiti, e la necessità di riorganizzarne al più presto la rete nel nostro Paese, per poter garantire a ogni paziente la terapia più appropriata e la corretta assistenza. Con le nuove indicazione riportate dal decreto Lorenzin del 2 aprile 2015 sugli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera italiana, il numero delle Stroke Unit dovrà all’incirca raddoppiare soprattutto nelle regioni meridionali. “Ogni Stroke Unit dovrà – afferma Domenico Inzitari, Direttore della Stroke Unit dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze e Professore Ordinario presso la Clinica Neurologica dell’Università di Firenze – prevedere un’organizzazione più strutturata, che faccia riferimento al neurologo e a personale specializzato dedicato H 24. Oggi – prosegue Inzitari – possiamo contare su terapie molto efficaci, come la trombolisi sistemica, un farmaco che può disostruire l’arteria, e la trombectomia meccanica, ossia il trattamento endovascolare che prevede la rimozione meccanica e non invasiva del trombo, ma, a parte il numero delle strutture non sufficiente assistiamo a una carenza di specialisti. In questo nuovo scenario terapeutico emerge la figura del neuro interventista, uno specialista che possiede tutte le competenze necessarie per effettuare la trombectomia e che affianca il neurologo nella cura del paziente. La SIN – conclude Inzitari – sta lavorando proprio a progetti di formazione su questa “specialità” attraverso il finanziamento di Master di II livello rivolti a tutti gli operatori coinvolti, dai neurologi ai neurochirurghi, dai neuro radiologi ai radiologi”.
L’ictus cerebrale colpisce ogni anno ancora 15 milioni di persone nel mondo e 200.000 solo in Italia. L’ictus cerebrale è la morte di cellule cerebrali prodotta dall’occlusione di un’arteria del cervello a causa di un coagulo di sangue che ne impedisce il flusso normale, o dalla rottura di un’arteria che provoca emorragia cerebrale. I fattori di rischio più importanti sono rappresentati dalla pressione alta e dalla fibrillazione atriale. Bocca storta, difficoltà a parlare, mancato movimento degli arti di un lato del corpo, cefalea improvvisa e violenta sono i sintomi rivelatori di un ictus in arrivo. L’insorgenza di questi sintomi deve allertare tutto il sistema dell’emergenza (118, pronto soccorso) in modo da consentire diagnosi e trattamento in tempi rapidissimi. Se applicate in modo rapido ed appropriato, le moderne terapie della fase iperacuta dell’ictus sono in grado di ridurre in modo importante disabilità e mortalità, che rappresentano esiti pesanti per le persone colpite, le famiglie e l’intero sistema sanitario e sociale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche: tasso di fidelizzazione del cliente in calo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

Banca d'ItaliaLe performance delle banche in termini di fiducia e fidelizzazione del cliente e di offerta di un’esperienza personalizzata non sono all’altezza di quanto gli stessi istituti ritengano. Un nuovo studio di IBM rivela che esistono ampie divergenze tra la percezione che i dirigenti delle banche hanno delle performance del loro istituto e quella reale dei loro clienti. Tra i manager di retail banking intervistati, il 62% ritiene di offrire al cliente un servizio eccellente, ma solo il 35% dei clienti si trova d’accordo: un gap di 27 punti percentuali.Tutto ciò probabilmente significa che le banche si troveranno a fronteggiare sfide molto impegnative, dato che la fidelizzazione del cliente diventa un fattore sempre più determinante per essere competitivi. Solo il 30% dei clienti ritiene di usufruire di una customer experience personalizzata, mentre il 45% dei manager delle banche ritiene di soddisfare questo requisito.I risultati dello studio sul sistema bancario e sui consumatori, realizzato dall’IBM Institute for Business Value e intitolato “Banking Redefined: Disruption, transformation and the next-generation bank”, indicano che, mentre le banche sono in grado di soddisfare le esigenze di base dei loro clienti, i manager degli istituti bancari sono decisamente troppo ottimisti su molti aspetti. I clienti non ritengono che la propria banca stia offrendo loro un servizio differenziato o personalizzato e, per la maggior parte, sarebbero pronti a cambiare banca.
Si tratta quindi per le banche di un campanello d’allarme di fronte alla crescente concorrenza. Dato che altri operatori del settore, tra cui ad esempio le società di tecnologie finanziarie, quelle di strumenti di pagamento mobili e alcune startup iniziano ad offrire le stesse funzionalità di banking, le banche tradizionali saranno costrette a trovare nuove modalità per differenziarsi. Tuttavia, per le banche in grado di riconoscere fin dall’inizio che il valore si sta spostando dalla fornitura di servizi bancari alle profonde relazioni con i clienti attentamente costruite nel corso degli anni, tutto ciò si potrebbe tradurre in opportunità che accompagnano il drastico cambiamento degli ecosistemi bancari.
·Fidelizzazione e fiducia del cliente non sono in realtà come vengono percepite – Lo studio indica che anche la fiducia dei clienti viene sovrastimata dai manager delle banche. Circa il 96% dei funzionari ritiene che i propri clienti ripongano in loro maggior fiducia rispetto ai concorrenti non strettamente bancari, mentre solo il 70% dei clienti si trova d’accordo con questa affermazione. Un numero ancora minore di clienti, circa il 67%, ha fiducia nella propria banca rispetto ad altri concorrenti del settore. Si evidenziano scostamenti analoghi nell’area della fidelizzazione del cliente: il 48% delle banche ritiene di agire positivamente, incoraggiando una solida fedeltà del cliente, mentre solo il 35% dei clienti la pensa in questo modo.
·I social media non sono tutto – Anche l’utilizzo (o il mancato utilizzo) dei social media può costituire una sorpresa. I manager intervistati ritengono che l’aspetto social sia fondamentale e il 54% di essi prevede in futuro di promuovere le social community tra clienti attuali e potenziali. Al contrario, solo il 18% dei clienti si attende di essere coinvolto attraverso questa modalità. I clienti sono anche meno interessati ad avere informazioni su prodotti e servizi attraverso i social media di quanto i manager bancari possano ritenere.
·Il Mobile Banking è un fattore chiave di soddisfazione – Il 50% dei clienti è soddisfatto delle modalità con cui le banche rispondono alle domande con precisione, e la stragrande maggioranza dei clienti viene incoraggiata all’utilizzo di applicazioni mobile. L’80% ritiene che le proprie applicazioni di mobile banking siano user friendly e l’86% le ritiene agevoli da utilizzare. Sia i manager che i clienti concordano sull’importanza crescente del mobile banking, eppure solo il 10% dei dirigenti bancari è convinto che la maggior parte delle transazioni sarà condotta attraverso dispositivi mobili in futuro. Il 41% dei clienti si aspetta invece che le proprie operazioni possano essere effettuare su un dispositivo mobile nell’arco dei prossimi tre anni.Di fronte a concorrenti emergenti, in grado di offrire le medesime funzionalità di tipo bancario in modo più efficace e a costi inferiori, le banche si trovano oggi davanti a diverse opzioni: possono fare finta che semplicemente tutto ciò non stia avvenendo ed essere quindi cannibalizzate dai propri concorrenti; possono cercare di competere su servizi a basso margine, agendo come processore per varie organizzazioni; oppure, in alternativa, possono riconoscere l’incredibile valore delle relazioni con i propri clienti e cercare di realizzare un potente ecosistema intorno ad essi. Ad esempio, TD Bank Group, una delle maggiori banche nordamericane, ha perseguito una trasformazione di tipo social, promuovendo la collaborazione internamente alla banca stessa e all’esterno con un insieme più ampio di partner e con la comunità fintech. TD Bank ha ottenuto notevoli risultati con le sue iniziative di collaborazione, con la creazione di migliaia di community, che comprendono oltre 1 milione di connessioni in rete.
Una banca canadese, Tangerine, si sta specializzando in customer experience basate sulla tecnologia. Recentemente la banca ha lanciato una nuova applicazione che consente ai clienti di dare il proprio feedback sulle app di Tangerine, semplicemente scuotendo il loro telefono. La velocità alla quale la nuova app è stata resa disponibile è stata aumentata di oltre il 90% e ciò ha permesso di ottenere migliaia di importanti feedback dai clienti nel giro di pochi giorni.“I concetti tradizionali relativi a ciò che una banca fa abitualmente sono destinati a cambiare radicalmente e ad essere messi continuamente in discussione” ha dichiarato Likhit Wagle, IBM Global Industry Leader for Banking & Financial Markets. “I manager delle banche non saranno più ‘banchieri’ nel senso tradizionale del termine. Le banche di maggior successo si concentreranno sulla collaborazione, sull’agilità, sull’innovazione, sull’analitica e sulla trasformazione in banca digitale, per trasformare anche il proprio ruolo nell’ecosistema bancario.”
Le banche avranno la necessità di utilizzare la propria leadership per costruire ampi portafogli di partner e fornire banking experience e servizi coinvolgenti ai propri clienti. Sono proprio queste profonde relazioni tra le banche tradizionali e i propri clienti che permetteranno alle banche stesse di posizionarsi come punto di riferimento principale per i clienti, creando un ecosistema di servizi ed esperienze di livello sempre più elevato. Il nuovo studio condotto da IBM è basato su un sondaggio tra 1.060 dirigenti del settore bancario in 38 paesi e 1.600 clienti di banche negli Stati Uniti, in Germania, nel Regno Unito, a Singapore e in Cina.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercato immobiliare USA

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

mercatoRE/MAX pubblica l’Housing Report USA: indagine sull’andamento del mercato immobiliare USA che riporta i dati relativi a Variazione delle transazioni, Prezzi di vendita, Giorni sul mercato e Offerta immobiliare. Dopo una stagione estiva “calda” per le vendite, a Settembre il trend stagionale come ci si aspettava si è fermato su un valore dell’8,6% inferiore rispetto ad agosto, pur rimanendo comunque più elevato del 6,8% rispetto a settembre 2014. Le transazioni concluse sono state le più alte nel mese di settembre dalla prima pubblicazione del RE/MAX National Housing Report nel 2008. Basato sui dati MLS delle 53 aree metropolitane, il prezzo mediano di tutti gli immobili venduti a settembre è stato di 209.000$, quindi del 7,2% maggiore rispetto a quello dello scorso anno. L’offerta di case in vendita continua a sfidare il mercato con il 12,8% di perdita dal settembre 2014. Con l’attuale tasso di vendita, i mesi necessari per concludere la vendita sono 4,5 un valore quasi uguale alla media del 4,9 dello scorso settembre. “Solitamente le vendite si fermano in autunno e sembra proprio che anche quest’anno non abbia fatto eccezione, ma settembre è comunque in linea con i mesi estivi registrando vendite più alte rispetto allo scorso anno. I prezzi si stanno moderando, mese dopo mese, e i tassi ipotecari rimangono bassi. Questo significa maggiore accessibilità agli immobili più attraenti.” – dichiara Dave Liniger, AD e fondatore RE/MAX.
Nelle 53 aree metropolitane intervistate per il RE/MAX National Housing Report di settembre, il numero degli immobili mercato1venduti è sceso dell’8,6% rispetto ad agosto, ma è stato maggiore del 6,8% rispetto a settembre 2014. La media dell’aumento delle vendite su base annua per i primi 9 mesi del 2015 è stata del 5,9%. Con le vendite di settembre, gli ultimi otto mesi hanno tutti registrato il numero più alto di vendite dall’inizio della pubblicazione del RE/MAX National Housing Report dal 2008 rispetto ai mesi corrispondenti. A settembre, 45 delle 53 aree metropolitane intervistate hanno registrato vendite maggiori su base annua, 22 di esse hanno riscontrato aumenti a doppia cifra.
Di tutte le case vendute nel mese di settembre, il prezzo mediano è stato di 209.000 $, 3,2% in meno rispetto ad agosto. Comunque è stato del 7,2% maggiore rispetto al prezzo mediano di settembre 2014. Per i primi 9 mesi del 2015 l’aumento del prezzo mediano negli stessi mesi dello scorso anno è stato di 7,6%. Nel confronto su base annua, il prezzo mediano è ora salito per 44 mesi consecutivi. Nonostante i prezzi sembrano scendere con l’inizio dell’autunno, l’offerta bassa continua a premere sui prezzi su base annua. Tra le 53 aree metropolitane intervistate, 48 hanno riportato prezzi di vendita più elevati rispetto ad un anno fa, di cui 10 con incrementi a doppia cifra.Le città che hanno registrato gli aumenti maggiori nei prezzi di vendita. Nashville, TN +13.7%; Denver, CO +13.0%; Tampa, FL +11.5%; Orlando, FL +11.4%; Las Vegas, NV +10.9%; Trenton, NJ +10.9% (foto: mercato)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La sentinella elettronica a guardia delle violazioni in istituti di credito

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

Banca europea per gli investimentiUnione Fiduciaria, leader anche nei servizi informatici realizzati per intermediari e banche, ha messo a punto il nuovo software Comunica Whistleblowing con l’obiettivo di offrire al mercato la gestione dei sistemi interni di segnalazione di condotte illecite.
I professionisti di Unione Fiduciaria hanno reagito con l’usuale rapidità alla richiesta che proveniva dalla Banca d’Italia che, con l’aggiornamento della norma “disposizioni di vigilanza per le banche”, introduceva il whistleblowing. La norma dovrà essere recepita dagli istituti di credito entro il prossimo 31 dicembre 2015. Chi eluderà la norma rischia sanzioni fino a 5 milioni di Euro.
La traduzione letterale di whistleblowing è “soffiatore nel fischietto” termine, colorito e immediato, per sottolineare la segnalazione di un illecito. Cosi come l’arbitro durante una partita di calcio segnala un fallo con un trillo gli istituti di credito debbono” fermare il gioco” quando, al loro interno, si evidenziano condotte illecite da parte dei collaboratori. Si tratta di una attività complessa e insidiosa che può assumere valori di efficacia e risparmio se affidata all’esterno. Unione fiduciaria che da oltre trent’anni lavora al fianco di grandi banche nella gestione di sistemi informativi gestionali, contabili, ha realizzato un software originale che permette agli intermediari di avere un supporto determinante per la segnalazione delle violazioni nei loro istituti. Utilizzando la metafora dalla traduzione inglese, Unione Fiduciaria, ha messo a punto un fischietto elettronico che è in grado di segnalare con modalità ben più sofisticate del semplice avviso sonoro, anomalie nei comportamenti e nell’operatività della banca.
Il software Comunica Whistleblowing è concepito per offrire agli intermediari una fase di messa a punto o start up nella definizione dei processi interni, organizzando le logiche di accesso al portale fino alla messa in produzione del servizio.
Quando Comunica Whistleblowing diviene operativo si evidenziano le sue peculiarità: innanzitutto garantisce la riservatezza delle informazioni, assicura l’anonimato del soggetto segnalante, utilizza un sistema avanzato di criptazione del database, garantisce il rispetto degli standard normativi, ed, infine, è indipendente ed autonomo rispetto ai sistemi informativi dell’organizzazione.
La normativa prevede che gli enti possano esternalizzare la ricezione, l’esame e la valutazione delle segnalazioni. E’ evidente la delicatezza di questo tipo di trasferimenti che devono trovare all’esterno consulenti che offrano quelle doti di professionalità e riservatezza indubitabili che sono gli elementi fondanti di tutta l’attività di Unione Fiduciaria.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sindacato labor: La rabbia della gente

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2015

Per strutture come le nostre – dichiara il Sindacato Labor –, in alcun modo colluse con il potere ed estremamente vicine ai bisogni della popolazione, è facile rendersi conto di quanto sta accadendo in questi mesi tra le strade delle città italiane: la rabbia verso un governo giudicato illegittimo e appiattito sugli interessi dei potenti, sta crescendo a dismisura. La verità – continua l’organizzazione – è che l’esecutivo non sta facendo nulla per dare un segnale diverso rispetto a queste convinzioni, e anzi, il contenuto dell’ultima Legge di Stabilità non fa che confermare queste tesi. Temi come il lavoro, la precarietà, i giovani, il Sud e la ricerca, sono rilegati a delle piccole slide che non ottengono altro risultato se non quello di offendere l’intelligenza degli italiani. E tutto questo senza contare la gravità degli attacchi ai diritti delle persone e all’ulteriore decadimento morale di un Paese già duramente provato dalle legislature precedenti.
E’ di fondamentale importanza – conclude il Sindacato Labor – che l’esecutivo comprenda la gravità del rischio che viene dall’incapacità di garantire la tenuta sociale, nonché quindi l’urgenza di attuare delle misure che aiutino, non le facoltose aziende e persone del Paese, ma chi sta male e oggi si sente privato di tutto, anche della dignità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »