Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 17

Archive for 30 ottobre 2015

Works of Lynn Chadwick and Geoffrey Clarke

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

Lynn Chadwick and Geoffrey ClarkeLondon. From 23rd October – 28th November 2015, Pangolin London will present the works of Lynn Chadwick and Geoffrey Clarke, two of the greatest modern British sculptors of the 20th Century. The exhibition, titled Conjunction, is the first to focus exclusively on the prolific careers of the ‘geometry of fear’ sculptors and will provide a rare opportunity to experience a vast selection of works spanning five decades, allowing visitors to experience the intertwining similarities and differences of their visual language. Highlights of the exhibition include:
· Clarke and Chadwick’s entries to worldwide sculpture competition The Unknown Political Prisoner exhibited together for the first time since 1953.
· Clarke’s candlesticks commissioned for Coventry Cathedral’s high altar, part of his decade-long series of commissions for its reconstruction following severe bombing during World War II. Clarke is best-known for his vast metal crown of thorns and stained glass windows which are the centre piece of the restored Coventry Cathedral – these constituted two of the most significant public commissions of the post-war period which remarkably, Clarke was awarded the year after graduating from the Royal College of Art.
· Previously unexhibited works on loan from several private collections.
· Chadwick rarely accepted public commissions and this exhibition is a rare opportunity to see the maquettes for two of Chadwick’s few public commissions, R34 1957 and Manchester Sun 1963.
· As part of the exhibition a colossal Lynn Chadwick sculpture, titled Sitting Couple on a Bench (pictured above), has been installed alongside the canal in King’s Cross. (Photo: Lynn Chadwick and Geoffrey Clarke)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mass surveillance: EU citizens’ rights still in danger, says Parliament

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

European UnionToo little has been done to safeguard citizens’ fundamental rights following revelations of electronic mass surveillance, say MEPs in a resolution voted on Thursday. They urge the Commission to ensure that all data transfers to the US are subject to an effective level of protection and ask EU member states to grant protection to Edward Snowden, as a “human rights defender”. Parliament also raises concerns about surveillance laws in several EU countries.This resolution, approved by 342 votes to 274, with 29 abstentions, takes stock of the (lack of) action taken by the European Commission, other EU institutions and member states on the recommendations set out by Parliament in its resolution of 12 March 2014 on the electronic mass surveillance of EU citizens, drawn up in the wake of Edward Snowden’s revelations.
By 285 votes to 281, MEPs decided to call on the EU member states to “drop any criminal charges against Edward Snowden, grant him protection and consequently prevent extradition or rendition by third parties, in recognition of his status as whistleblower and international human rights defender”.
MEPs welcome the 6 October ruling by the EU Court of Justice (ECJ) in the Schrems case, which invalidated the Commission’s decision on the Safe Harbour scheme for data transfers to the US. “This ruling has confirmed the long-standing position of Parliament regarding the lack of an adequate level of protection under this instrument”, they say. Parliament calls on the Commission to “immediately take the necessary measures to ensure that all personal data transferred to the US are subject to an effective level of protection that is essentially equivalent to that guaranteed in the EU”. It invites the Commission to reflect immediately on alternatives to Safe Harbour and on the “impact of the judgment on any other instruments for the transfer of personal data to the US, and to report on the matter by the end of 2015”. The resolution also reiterates the call for the suspension of the Terrorist Finance Tracking Programme (TFTP) agreement with the US.In general, MEPs consider the Commission’s response so far to Parliament’s 2014 resolution “highly inadequate” given the extent of the revelations of mass surveillance. “EU citizens’ fundamental rights remain in danger” and “too little has been done to ensure their full protection,” they say.Parliament is concerned about “recent laws in some member states that extend surveillance capabilities of intelligence bodies”, including in France, the UK and the Netherlands. It is also worried by revelations of mass surveillance of telecommunications and internet traffic inside the EU by the German foreign intelligence agency BND in cooperation with the US National Security Agency (NSA).The resolution also calls for an EU strategy for greater IT independence and online privacy, and stresses the need to ensure meaningful democratic oversight of intelligence activities and to rebuild trust with the US.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New rules on CEPOL to improve cross-border police training and cooperation in the EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

european parliamentCross-border police training and cooperation among national police authorities will be stepped up to effectively counter organised crime, cybercrime and terrorist threats thanks to an update of the rules governing the European Union Agency for Law Enforcement Training, CEPOL, approved by the European Parliament on Thursday.”The urgency and continuous development of security threats, such as e.g. terrorism and cybercrime, or the growing demand by migratory flows, make it crucial that European law enforcement authorities receive training of highest standard and are equipped with the most modern tools to effectively counter fight organised crime”, said Parliament’s lead MEP Kinga Gál (EPP, HU) after the agreement had been endorsed by 506 votes to 90, with 42 abstentions.”The European dimension of CEPOL’s activity is also instrumental in building mutual trust and cross border cooperation among national law enforcement authorities, which is a key element in combatting criminal organisations which operate more and more at international level”, she added. On the negotiations, Mrs Gál said: “Two main issues were crucial in this regulation for the Parliament: on the one hand CEPOL should be established as an independent EU Agency, with clear tasks and accountability, and in line with the Lisbon Treaty, in the shortest possible time; on the other hand fundamental rights should become visible in the agency’s mandate and CEPOL should promote a common respect for and understanding of fundamental rights in law enforcement.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un centro dedicato alla ricerca e alla cura del melanoma

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

ospedale-bergamo-papaBergamo. E’ operativo da giugno il Ce.R.Mel., il nuovo Centro di ricerca e cura del melanoma dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, tra i centri di riferimento in Italia per il trattamento di una patologia che colpisce soprattutto i giovani e registra ogni anno solo in Italia circa 7 mila nuovi casi, di cui 300 curati all’ospedale bergamasco.Il centro di ricerca è nato per migliorare ulteriormente la qualità delle cure offerte per il melanoma, sia in termini di innovazione che di efficacia, e comprende un gruppo multidisciplinare clinico, coordinato dall’Oncologia, a cui collaborano, sotto l’egida del Cancer center aziendale, la Chirurgia 1, la Dermatologia e l’Anatomia patologica.Uno degli aspetti innovativi del Centro è lo studio genetico del melanoma, necessario per calcolare il rischio di ripresa della malattia e definire le terapie più efficaci, anche ricorrendo ai moderni farmaci a bersaglio molecolare, personalizzati cioè sul corredo genetico della malattia. Tra gli obiettivi anche l’ampliamento della dotazione tecnologia e delle competenze necessarie per eseguire sul tumore esami genetici sempre più approfonditi. La seconda linea di ricerca è invece costituita dalla cosiddetta outcome research, cioè quel lavoro di analisi e studio sull’efficacia dei percorsi di cura dei pazienti, indispensabile per raffinare la conoscenza sul tumore, sulla sua incidenza, sui fattori di rischio e sull’efficacia delle terapie. In campo oncologico offrire le migliori cure disponibili equivale infatti a investire tempo e risorse nella ricerca clinica. Un assunto ben chiaro all’Oncologia del Papa Giovanni XXIII che conta centinaia di pubblicazioni scientifiche internazionali e richiama pazienti da tutta Italia, potendo anche contare su una forte reputazione internazionale e contatti con i maggiori centri italiani, europei e americani.“Lo sviluppo moderno delle cure oncologiche richiede una sempre maggior dedizione all’attività clinica e all’innovazione con l’identificazione di professionisti che seguano a livello specialistico singoli settori della patologia oncologica – ha commentato Carlo Tondini, direttore dell’Oncologia dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII -. Ecco perché da tempo stiamo sviluppando progetti con lo scopo di raggiungere livelli di eccellenza nei vari settori e sicuramente il Ce.R.Mel. va in questa direzione. L’efficacia clinica richiede infatti ricerca e approccio multidisciplinare. Nel caso del melanoma, per esempio, garantiamo ai pazienti visite collegiali, alla presenza dell’oncologo, del chirurgo e del dermatologo, e l’accessibilità ad analisi genetiche sofisticate. Questo crea attrazione anche al di fuori della nostra provincia, tanto che il 30% dei nostri pazienti con melanoma viene da fuori Bergamo o da fuori regione, perché sa che qui può trovare cure efficaci”. “Abbiamo già attivato, sotto la guida di Tiziano Barbui, un database totalmente dedicato al melanoma che si chiama MelanORO, dal termine inglese Outcome research in oncology, che però per fare un salto di qualità in termini di utilità e aggiornamento avrebbe bisogno di personale specializzato dedicato completamente a questa attività – ha spiegato Mario Mandalà, oncologo del Papa Giovanni XXIII e referente del progetto Ce.R.Mel. -. In questi anni il nostro gruppo multidisciplinare ha raggiunto risultati importanti, in termini di personalizzazione e umanizzazione delle cure, mettendo a disposizione i più innovativi farmaci disponibili in questo settore e introducendo la figura dell’infermiera di ricerca, che segue il paziente durante ogni fase degli studi clinici. Per continuare però avevamo bisogno di strutturare l’attività in corso: il Centro di ricerca, con una valenza a livello europeo e una rilevanza internazionale, ci permette di garantire al paziente sempre le migliori cure disponibili”Ai pazienti inoltre viene offerto un servizio di consulenza telefonica in tempo reale, rivolto a pazienti e medici per garantire una gestione ottimale delle tossicità e degli eventuali eventi avversi, e chiarire dubbi sulle modalità di assunzione dei farmaci.“Ricerca, attenzione al paziente, apertura internazionale, innovazione e multidisciplinarità sono ciò che caratterizza il nostro approccio al melanoma – ha commentato Carlo Nicora, direttore generale dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII -. E’ una strategia che in questi anni si è dimostrata vincente sia per i risultati clinici ottenuti sia per la soddisfazione dei nostri pazienti. Dobbiamo quindi continuare su questa strada, per garantire la migliore qualità di vita possibile a chi sta combattendo la malattia e la garanzia di poter contare su un punto di riferimento affidabile a chi la malattia l’ha già sconfitta. In totale sono un migliaio i pazienti con melanoma che in un anno usufruiscono delle nostre prestazioni”.Tutti possono sostenere le attività del Ce.R.Mel., facendo una donazione all’Associazione Oncologica Bergamasca (AOB), che si è impegnata a supportare la fase di start up del progetto, facendosi tramite della raccolta di fondi ed elargizioni liberali da parte di privati, persone giuridiche, enti e istituzioni che vogliono sostenere la ricerca e la cura del melanoma.“Il Ce.R.Mel. è un catalizzatore del prestigio di cui l’Ospedale Papa Giovanni XXIII gode in campo internazionale sul melanoma e dell’eccellenza delle cure erogate, per cui tutta la Comunità bergamasca dovrebbe andare fiera – ha commentato Nunzio Pezzotta, presidente di AOB -. La nostra associazione è quindi orgogliosa di dare il proprio sostegno e contributo alla realizzazione e sviluppo di questo Centro che porterà sicuri ed importanti miglioramenti nella cura del melanoma e nella qualità assistenziale con notevoli benefici e vantaggi per i malati”.
Le donazioni, che godono dei benefici fiscali, possono essere inoltrate tramite bonifico bancario all’A.O.B. Associazione Oncologica Bergamasca onlus (IBAN: IT 44 N 05428 11101 000000022144), precisando nella causale “Erogazione liberale a favore del Centro di cura e ricerca del melanoma”. (Nella foto Nunzio Pezzotta con l’équipe dellì’Ospedale Papa Giovanni XXIII dedicata al melanoma)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Batteri patogeni in ospedale

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

batteri patogeniI batteri patogeni possono provocare gravi conseguenze sulla salute dei pazienti negli ospedali. “E’ stato fatto tutto il possibile in termini di prevenzione a Brindisi?” dice Mario Pinca, AD di Copma, fornitore italiano di punta nei servizi sanitari. Pinca fa la sua affermazione a seguito della decisione di un pubblico ministero di aprire una inchiesta sulla morte di 19 pazienti presso l’Ospedale Perrino di Brindisi la scorsa settimana. “Più di 25,000 cittadini muoiono ogni anno in Europe a causa della crescente resistenza agli antimicrobici esistenti; e tra l’8% ed il 12% dei pazienti negli ospedali dell’UE soffre di eventi avversi, almeno la metà dei quali potrebbero essere evitati.” “Sembra che i decessi possano essere collegati al batterio Klebisella nella sua forma multiresistente. Occorre attendere i risultati dell’inchiesta; ma ciò che possiamo dire, è che è possibile ridurre il rischio di trasmissione di infezioni nosocomiali (HAI) affrontando con decisione il problema dell’igiene negli ospedali attraverso un’azione multidisciplinare; con l’innovativo sistema di igiene PCHS a base di batteri probiotici si possono efficacemente contrastare i batteri potenzialmente patogeni. Pinca si riferisce ad un recente studio di La Fauci V et al., pubblicato sulla rivista J Microb Biochem Technol 2015, ultimo di una serie di importanti pubblicazioni scientifiche internazionali. Lo studio è intitolato ‘Un approccio innovativo alla sanificazione degli ospedali attraverso l’uso dei probiotici: Prove In Vitro sul campo ’ che conferma come le infezioni ospedaliere continuino ad essere un problema sanitario enorme a cui nessuna struttura, pubblica o privata, è immune.“Affrontare questa sfida globale richiede un’azione locale ed Europea. I metodi di igiene tradizionali non sono sufficientemente efficaci,” dice Pinca. Quello che dimostra lo studio di La Fauci è che: “La sanificazione ambientale è una parte essenziale ed efficace dei programmi per prevenire e controllare le infezioni ospedaliere.” La Fauci afferma che: “Le procedure di sanificazione in ospedale, combinate con la profilassi antibiotici per I pazienti, sono progettate per ridurre e prevenire la proliferazione dei microrganismi. Nonostante ciò, le infezioni nosocomiali continuano ad essere un problema, anche in ospedali dove vengono adottate procedure di sanificazione meticolose.” “L’importanza delle superfici inanimate come sorgente di patogeni nosocomiali è stata riconosciuta da tempo… ma i metodi di sanificazione più comuni comportano l’uso di disinfettanti chimici … [ma] questi non sono senza svantaggi: 1) la limitata efficacia dei biocide nel tempo (normalmente 20-30 minuti dopo l’applicazione, dopo la quale i microrganismi si moltiplicano esponenzialmente); 2) la proprietà dei microrganismi di mutare annullando così la capacità biocida; 3)l’aumentato inquinamento naturale derivante dall’uso massiccio di sostanze chimiche che si possono accumulare e persistere nel tempo.”“La moderna ‘prima linea di difesa’ potrebbe essere il Sistema PCHS” dice Alberto Rodolfi, Presidente di Copma. “Quello che sappiamo da approfondite ricerche e da consolidata esperienza operativa, è che con il Sistema PCHS migliora significativamente il livello di igiene negli ambienti ospedalieri e si riduce la presenza di agenti patogeni.” “La ricerca di La Fauci’s indica l’efficacia del Sistema PCHS e l’azione dei ‘Batteri Probiotici ’,” dice Rodolfi. “La loro ricerca accresce la nostra comprensione di come le spore di Bacillus spp lavorino in maniera efficace. I batteri Probiotici sono considerati microrganismi innocui, ma più importante, al contrario dei disinfettanti, non agiscono da biocidi. Ciò significa che i batteri probiotici possono colonizzare le superfici sulle quali sono applicati secondo il protocollo PCHS, limitando efficacemente la proliferazione e la sopravvivenza di altri tipi di batteri, inclusi i germi, attraverso un processo di ‘esclusione competitiva’.” Lo studio di La Fauci segnala che: “I probiotici sono ecologici, facili da usare e biodegradabili. Essi rendono l’ambiente igienicamente stabile e sono in grado di sopravvivere e colonizzare superfici non biologiche, combattendo la proliferazione di altri batteri. In questo studio… condotto tramite il Sistema Probiotico di Pulizia ed Igiene (PCHS) presso il laboratorio dell’Unità Operativa Cardiologica per l’Igiene Ospedaliera dell’Ospedale Universitario di Messina sia in vitro che sul campo.. è stato anche rilevato che funzionano bene su superfici in ambiente ospedaliero che sono soggette a ricontaminazione regolare … I Probiotici sono quindi prodotti innovativi efficaci per la sanificazione dell’ambiente ospedaliero e costituiscono una valida alternativa “verde” ai disinfettanti chimici utilizzati fino ad ora. “Ciò che significa,” dice Rodolfi, “è che l’assistenza sanitaria europea può essere rivoluzionata con un semplice cambiamento della politica dell’igiene. La terribile scala di morte all’ospedale Perrino di Brindisi, se dimostrato essere causato dall’ igiene ospedaliera, sarà semplicemente la punta di un iceberg. E ‘ora che i governi europei agiscano per fermare la resistenza antimicrobica e per rendere i nostri ospedali centri di cura sicuri e sani per l’ambiente, non per il contagio.”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Culinary Startup Center Mabius: sedi a Mosca, Londra, Riga, Shenzhen

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

L’incubatore di start-up russo Mabius annuncia i propri piani per l’apertura di nuove sedi in Inghilterra, Lettonia e Cina entro il 2018, ed è inoltre interessato a lavorare al fianco di partner italiani per aiutarli ad affermare la propria presenza sui mercati russo e asiatico.
L’obiettivo dell’incubatore moscovita è identificare nuovi promettenti prodotti a base di ingredienti russi, che hanno un forte potenziale di sviluppo nei mercati globali, grazie anche all’attuale debolezza del rublo. Le sedi europee non lavoreranno solo con start-up locali ma opereranno anche come fornitori tecnologici per gli altri centri Mabius. Le idee e gli ingredienti russi verranno quindi sviluppati grazie alla tecnologia europea. Già da quest’anno la sede di Mosca ha lanciato i primi prodotti e presto inizieranno i test di mercato in Cina, propedeutici per raggiungere l’interno sistema distributivo asiatico. “Stiamo collaborando con l’Asia su diversi progetti e conosciamo questo mercato. Possiamo inoltre contare su una partnership importante in Cina con il più importante gruppo dell’agro-business asiatico Wilmar International Ltd. Senza questa relazione di business di lungo periodo, non proverei nemmeno ad approcciare questi mercati” commenta Ivan Sidorok, socio e membro del cda di Nizhny Novgorod Fats & Oils Group (NMGK) e partner russo del gruppo leader dell’agro-business asiatico Wilmar International Ltd. “Allo stesso tempo siamo in grado di contribuire sul fronte dell’accesso alla distribuzione russa.”“Mabius, per definizione, è un programma innovativo nato per portare sui mercati nuovi prodotti realizzati in collaborazione tra startup e consumatori (consumer co-create) e rappresenta un’alternativa ai classici dipartimenti di ricerca e sviluppo delle grandi aziende. Una peculiarità dell’R&D è la difficoltà di prevedere le ricadute in termini di commercializzazione delle soluzioni studiate. Il modello di co-creation, pur non consentendo di garantire al 100% i risultati, diminuisce però i rischi, i costi e il tempo necessari per portare il prodotto sul mercato. Questo approccio viene adottato dalle principali multinazionali come Coca-Cola, Unilever, e LEGO. Si tratta di una cooperazione che apporta mutui benefici: la grande azienda risparmia sullo sviluppo di nuovi prodotti acquisendo brand già conosciuti dai consumatori, e un imprenditore ha l’opportunità unica di sviluppare il proprio business in nuovi mercati. Attualmente il maggiore cliente di Mabius è il gruppo NMGK. In relazione al proprio focus sul settore dell’alimentazione, Mabius è principalmente interessato nelle categorie: pasticcini, dessert, biscotti, dolci, snack e naturalmente, salse, dressing e oli.”L’incubatore di start-up russo Mabius ha inaugurato le proprie attività nell’aprile 2015 e ha ricevuto oltre 90 candidature da parte di aspiranti imprenditori per creare nuovi prodotti alimentari. 70 di essi sono stati ammessi prima che il business model fosse completato e di questo gruppo la metà, 23 startup, è riuscita ad accedere alla fase di test online. Le idee di business che superano con successo i test e ottengono approvazione da parte del comitato di esperti, entreranno a far parte del programma invernale dell’incubatore.Come agisce l’incubatore nei confronti della startup? Dopo aver elaborato una lista delle competenze di business da migliorare, la startup crea un prototipo ed effettua un test su un target di consumatori. Oltre alle ricette, il lavoro si concentra su branding, marketing, packaging e sulla preparazione del prodotto per l’ingresso nella rete di vendita.
A questo punto, viene elaborato un business plan dettagliato utilizzando questi dati, la bozza è sottoposta al comitato dell’incubatore che può destinare fondi per il lancio di ogni nuovo prodotto (fino a $345.000). In caso di approvazione, viene creata una joint venture con Mabius. Nel 2016 Mabius pianifica l’investimento di 14 milioni di dollari per portare 50 nuovi prodotti nella rete di distribuzione russa. Ulteriori 30 milioni di dollari saranno investiti nell’apertura delle nuove sedi Mabius in Europa e Cina.“Siamo interessati anche a prendere in considerazione partnership con startup italiane, aiutandole ad espandere il proprio busniess e a raggiungere i mercati russo e asiatico,” sottolinea Andrei Ryvkin, Direttore di Mabius. “A causa delle sanzioni non è consentita l’esportazione di Burrata e Prosciutto di Parma in Russia, ma è possibile utilizzare tecnologie e materie prime locali, latte e carne. Questo processo ha maggiori opportunità se supportato da un partner russo in grado di fornire l’accesso a 90.000 supermercati. Inoltre, per esempio, il gusto della Burrata potrebbe non essere apprezzato in Asia, ma con qualche lieve modifica potrebbe diventare un successo”.
Sidorok ha conseguito una laurea in finanza e credito presso la Nizhny Novgorod Linguistics University nel 2000 e nel 2014 un executive MBA presso Skolkovo. Dal 2015 è membro del Consiglio di Amministrazione di Enactus, programma internazionale per la promozione di progetti imprenditoriali da parte di studenti. E’ inoltre socio e membro del consiglio di amministrazione di NMGK, uno dei primi tre player in Russia nel mercato della produzione e trasformazione di grassi alimentari. I principali prodotti commercializzati dalla società sono il ketchup e la senape Ryaba, la margarina Hozyaushka, le salse Astoria, le creme spalmabili Kremlevskie e molti altri. Dal 2008 Sidorok è il partner russo del principale gruppo asiatico dell’agro-business Wilmar International Ltd. Nel 2014 ha fondato il culinary startup center Mabius a Mosca.
Andrei Ryvkin Famoso chef e proprietario del ristorante United Kitchen. In passato ha gestito il ristorante e club Dome ed è stato il brand-chef del servizio di catering Pantagruel. Andrei ha vissuto a Londra per oltre 10 anni e ha un MBA e un Diplima Livello 2 in Cucina Professionale di City & Guilds. Dal 2015 è direttore del culinary startup center Mabius.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aiutiamo Aleppo a non morire

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

aleppoLe notizie che, in questi giorni, arrivano dalla martoriata città di Aleppo ci parlano di una città sconvolta dai combattimenti e dai bombardamenti. Aleppo e i villaggi vicini sono contesi tra le forze del regime, il Free Syrian Army, l’Isis e lo YPG.
L’escalation degli scontri sta causando la fuga di migliaia di siriani dalla zona a sud della città. Si stima che solo nell’ultima settimana 70.000 abitanti siano stati costretti a lasciare la regione.
Grande preoccupazione desta la situazione umanitaria nella città vecchia. I combattimenti tra Isis e il regime lungo l’asse Khanasser–Athrayya, hanno di fatto interrotto il collegamento tra la città e le altre zone controllate da Damasco con l’interruzione degli approvvigionamenti per la popolazione. A peggiorare la già grave situazione è l’interruzione delle forniture di acqua ed elettricità che mancano in città da 8 giorni.La violenza non risparmia i quartieri cristiani e i luoghi di culto. Tre giorni fa, ad Azizieh, una granata ha colpito la chiesa cattolica durante la messa. La cupola ha miracolosamente resistito all’impatto risparmiando così la vita dei numerosi fedeli riuniti.Gli sforzi della diplomazia internazionale non sono stati ad oggi sufficienti a salvare Aleppo.
Il segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon dichiarava il 28 settembre scorso che: “Quattro anni di paralisi diplomatica del Consiglio di Sicurezza hanno fatto sì che la crisi siriana sia diventata fuori controllo, la responsabilità è innanzitutto in capo alle parti del conflitto in Siria, ma guardare solo all’ interno del Paese mediorientale per trovare una soluzione non è sufficiente, la battaglia è guidata anche da poteri e rivalità regionali”.Mentre la comunità internazionale si riunisce, proprio in queste ore, a Vienna, di fronte a tanta sofferenza e alla lenta agonia di una città un tempo simbolo di armoniosa coesistenza tra genti e fedi diverse, ripropongo con forza all’attenzione di tutti il mio appello “Save Aleppo”, lanciato il 22 giugno 2014, in cui si invocava un’iniziativa con queste parole, valide ancor di più oggi: “Salvare Aleppo vale più che un’affermazione di parte sul campo! Si debbono predisporre corridoi umanitari e rifornimenti per i civili”. Rimaniamo convinti che “bisogna imporre la pace in nome di chi soffre ” e ricostruire un futuro per questa città, storico crocevia per tanti popoli e luogo di millenaria coabitazione fra musulmani e cristiani. Bisogna aiutare Aleppo a non morire: presto e con decisione.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del saggio di Orazio Parisotto

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

Roma 06 Novembre 2015 ore 10 Sala delle Bandiere” Ufficio per l’Italia del Parlamento Europeo Via IV Novembre 149 Presentazione del saggio di Orazio Parisotto Fondatore e Presidente Onorario di Unipax:“Per un Nuovo Umanesimo alla luce del processo di unificazione europea” Diversi sono gli strumenti per poter partecipare attivamente alle varie proposte di sostegno e di mobilitazione, dall’adesione al Manifesto della Rivoluzione Globale attraverso il sito di Unipax, alla firma della Maxi Petizione in 10 punti rivolta ai Capi di Stato e di Governo affinché si avvii un processo di democratizzazione delle Istituzioni Internazionali, che sarà pubblicata sulla piattaforma http://www.change.org
Nel Progetto sono state già coinvolte decine di migliaia di associazioni di tutti i continenti impegnate per la civile convivenza e la pace (vedi la World Directory consultabile sul sito) con l’ambizione di proporre per la prima volta un nuovo modello per organizzare la nostra società nell’era della globalizzazione del 21° secolo, sollevando i problemi ma al tempo stesso indicando anche delle possibili soluzioni, delle vie di uscita dalle emergenze planetarie.“La sfida fondamentale per l’uomo d’oggi” afferma Parisotto “è saper passare da una società economico centrica e stato centrica ad una società umano centrica e bio centrica con una governance internazionale democratica ad alta intensità etica”.A tale riguardo significative sono le espressioni del Segretario di Stato Vaticano S.Em. Cardinale Pietro Parolin che lo ha definito :”Lavoro titanico, ricco di interessanti spunti e di indicazioni concrete volte all’avvio di una società più giusta e più solidale.”
Alla presentazione ufficiale del saggio e del progetto del 06 novembre sono previsti gli interventi di Cedric Boniolo, Presidente di Unipax, di Gianpaolo Meneghini Direttore dell’Ufficio per l’Italia del Parlamento Europeo, di Gerardo Pelosi giornalista inviato speciale del Sole 24 ore, di Italo Cucci Direttore editoriale Agenzia di Stampa Italpress, di Claudio Tessarolo giornalista e scrittore e di Franco Malerba, primo astronauta italiano (che interverrà con un suo videomessaggio)
Orazio Parisotto autore del saggio e coordinatore del Progetto ne illustrerà i contenuti e le modalità operative.
Anche l’artista Maurizio D’Agostini http://www.mauriziodagostini.com ha voluto dare il suo personale contributo disegnando l’incisione sulla copertina del libro che vuole rappresentare l’immagine del Nuovo Umanesimo: il titolo dell’incisione “Verso la meta” è volutamente profetico e segna idealmente un percorso virtuoso da intraprendere tutti insieme per tentare di risolvere gli squilibri del pianeta.
Dopo Roma è in programma un tour di presentazione del progetto nelle principali città italiane. Nei prossimi mesi saremo poi a Bruxelles e a New York.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un viaggio da Bach e Debussy a Led Zeppelin e Beatles

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

marco siniscalcoRoma Mercoledì 4 novembre proseguono con “Pop journey” i concerti dell’Università di Roma “Tor Vergata” presso l’Auditorium “Ennio Morricone” (Macroarea di Lettere e Filosofia) in via Columbia 1, realizzati dall’Associazione Roma Sinfonietta e dall’Associazione Musica d’Oggi.”Pop journey” è un progetto che vede coinvolti l’ensemble Blow Up Percussion (Pietro Pompei, Flavio Tanzi, Alessandro Di Giulio, Aurelio Scudetti) e il bassista Marco Siniscalco attraverso un’interpretazione completamente originale di alcuni giganti della musica di tutti i tempi. Partendo dalle armonie di Johann Sebastian Bach, passando attraverso la fantasia immaginifica di Debussy e Stravinsky si arriva ai grandi interpreti della musica pop-rock come i Police, i Led Zeppellin e i Beatles, attraverso una sorta di viaggio nel tempo dove le varie componenti si fondono in una nuova ed inaspettata vita.
Marco Siniscalco ha lavorato e collabora stabilmente con numerosi artisti della scena jazz e pop tra cui Javier Girotto (con Aires Tango), Fabrizio Bosso, Antonello Salis, Gegè Telesforo, Carmen Consoli, Fiorella Mannoia, Dulce Pontes, Patti Smith, Claudio Baglioni, Gianni Morandi, Il Volo, Alex Baroni, Peppe Servillo, Paola Turci. Ha collaborato con varie orchestre (tra cui l’Orchestra RAI) dirette da Gianni Ferrio, Pippo Caruso, Riz Ortolani e Peppe Vessicchio, accompagnando artisti come George Benson, Michael Bolton e Celine Dion. E’ attualmente leader e co-leader di vari progetti personali, tra cui RadioTrio con Enrico Zanisi e Emanuele Smimmo e Partenope con Antonella De Grossi. Ha insegnato e insegna al Saint Louis Music College di Roma, al Conservatori di Perugia, Frosinone e L’Aquila.
Blow Up Percussion è un gruppo di percussioni costituitosi nel 2011, che ha base a Roma e che interpreta un repertorio moderno e contemporaneo. Vanta già numerosi concerti anche all’interno dei principali festival italiani (Festival Traiettorie di Parma, Cantiere internazionale di Montepulciano, Festival di Nuova Consonanza, Auditorium Parco della Musica di Roma, Festival Musicale di Tuscania, No-go Festival di Roma) ed una intensa attività in studio. Diverse le collaborazioni dirette con compositori di rilievo come F.Filidei, E.C.Cole, L.Durupt, G.Battistelli e S.Sciarrino. (foto: marco siniscalco)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sapienza primo ateneo italiano nelle discipline umanistiche per la classifica tematica del Times

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

universita-la-sapienza-romaIl riconoscimento internazionale sugella la giornata della letteratura dedicata a Dante con una maratona di letture aperta dal Rettore. La nuova edizione di THE (Times Higher Education) articolata per macro aree di studio, conferma il buon andamento della Sapienza in questo ultimo anno nelle classifiche internazionali.L’Università si colloca nella 42esima posizione, prima in Italia, nell’area Arts and Umanities seguita dalla Scuola Normale di Pisa (60° posizione) e dall’Università di Bologna (82° posizione).
“La Sapienza vede riconosciuto – sottolinea il rettore Eugenio Gaudio – con questo posizionamento internazionale, l’eccellenza delle sue Scuole in settori che rappresentano il fondamento della nostra cultura e le basi di un’identità condivisa”.La dichiarazione giunge a margine della manifestazione che la Sapienza ha dedicato a Dante nella Giornata della letteratura, aperta dal Rettore con la lettura di un brano tratto da “L’ora di lezione” di Massimo Recalcati.
La manifestazione, che ha visto la partecipazione di circa 1.000 studenti delle scuole superiori della provincia di Roma, è proseguita con le letture libere di docenti, scrittori, ed esponenti del mondo della cultura e dallo spettacolo di Monica Guerritore “Dall’Inferno all’Infinito, un viaggio nella letteratura da Dante a Leopardi”. A mezzogiorno in punto, come in tutte le altre sedi d’Italia che hanno ospitato l’iniziativa, gli studenti, coordinati dall’Umana Compagnia della Sapienza, hanno interpretato passi tratti dalle opere dantesche, per proseguire gli itinerari di lettura all’aperto tra i viali della città universitaria.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Binetti: (Ap): no città moralmente inferiore ma in balia a classe dirigente poco credibile

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

campidoglio“I giornali aprono in larga misura sulla leadership morale di Milano rispetto a Roma e sulla sua capacità di reagire con prontezza davanti agli attacchi di quel virus formidabile che si chiama corruzione, mentre le difese immunitarie di Roma appaiono rallentate e in larga parte probabilmente sopite”. Così Paola Binetti, deputato di Area popolare commenta le notizie sui quotidiani di oggi. “Non mi interessa verificare se e quanto tutto ciò sia vero, personalmente credo di no e considero la Milano dalle Mani pulite costantemente esposta al rischio corruzione, come accade laddove si concentrano ricchezze e risorse materiali. E’ quanto accaduto all’inizio con Expo e quanto sta accadendo a Roma da quando nel ruolo di Roma Capitale si è trovata a gestire più fondi del previsto anche nella prospettiva del prossimo Giubileo. Ma un fatto è certo: la vicenda Marino non giova né all’immagine della città né alla credibilità operativa delle decisioni che una giunta potenzialmente dimissionaria può prendere. E’ questo uno dei danni maggiori che si stanno facendo a Roma- commenta Binetti- e che suggeriscono il sospetto che si voglia lasciare la città in balia di una sorta di una mafia capitale non governata né governabile.La città non riesce a darsi quella spinta ormai indilazionabile per affrontare problemi materiali e immateriali in vista del prossimo giubileo e le molteplici rassicurazioni che qualcuno si ostina ad inviare appaiono agli stessi romani come puro millantato credito. Ma non è tanto del Giubileo che i romani si preoccupano, quanto del caos giornaliero del traffico impazzito, della fatiscente manutenzione delle strade e degli impianti essenziali per la vita della città, come suggeriscono le stesse metropolitane, rotte o interrotte a giorni alterni. Roma non sembra una città senza guida, è una città in balia degli umori di una classe dirigente che ha perso il contatto con la sua gente, con quella stessa gente che ha votato un sogno, un progetto, che va dalla qualità di vita ordinaria al maggiore impegno per il Giubileo e si spinge fino alle possibili olimpiadi.Sembra proprio che di Roma alla sua classe dirigente non interessi nulla, se non una stucchevole dialettica tutta interna al Pd, che Renzi dà per conclusa, ma che non lo sarà definitivamente fino a quando lui non dirà un No chiaro, secco, e senza alternative all’attuale gestione, colpevole di aver spinto la città più bella del mondo nel caos più incomprensibile del mondo. Nessuno riesce a capire perché Roma infatti debba vivere sistematicamente sull’orlo di uno sfascio continuo ”

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La carne favorisce il cancro?

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

sicurezza alimentareIl report dell’OMS, pubblicato sul numero di ottobre di Lancet Oncology, conferma quanto già dal 2007 era noto, e cioè che il consumo di carne favorisce il cancro: il report ha esaminato oltre 800 studi sull’argomento. Non pochi: chi tenta disperatamente di negare l’evidenza dovrebbe accettare questa realtà.
In particolare, una metanalisi presa in esame mostra che per ogni 100 g di carne rossa consumati al giorno il rischio aumenta del 17% mentre per ogni 50 g di carne trasformata il rischio aumenta del 18%. Sono state trovate inoltre associazioni con il cancro allo stomaco, pancreas e prostata, portando l’OMS a definire la carne rossa “probabilmente cancerogena” e quella trasformata “cancerogena” per la nostra specie: questo dato, da tempo già noto, è stato per anni tenuto nascosto alla popolazione, in barba alla tutela della salute pubblica.
Già nel 2007, infatti, il Fondo mondiale per la ricerca sul cancro (WCRF) classificava come “convincente” l’aumento del rischio del cancro del colon-retto riconducibile al consumo di carni rosse e trasformate, e una delle 10 raccomandazioni per la prevenzione del cancro (per l’esattezza la quinta) così recitava:
“Limitare il consumo di carni rosse (ovine, suine e bovine, compreso il vitello) ed evitare il consumo di carni trasformate.”
Dichiara la dottoressa Luciana Baroni, medico, nutrizionista, presidente di Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana – SSNV: “Questa è però solo una parte della storia: nel 2011 un grosso studio condotto dalla Harvard School di Boston riportava come su un campione di oltre 200 mila soggetti, il consumo di 1 porzione al giorno di carne rossa aumentava il rischio di diabete di tipo 2 del 12%, mentre quello di carne trasformata del 32%. Su un campione più ampio, che ha incluso più studi per un totale di circa 450 mila soggetti, il consumo di 100 g di carne rossa al giorno aumentava il rischio di diabete mellito di tipo 2 del 19%, e quello di 50 g di carne trasformata del 51%.”
Studi prospettici che hanno messo a confronto soggetti che seguono diversi stili alimentari, concordemente trovano che chi consuma carne, qualsiasi tipo di carne, ha un rischio aumentato di diabete, di morte e ospedalizzazione per malattie cardiovascolari, di ipertensione, ipercolesterolemia, sovrappeso-obesità, cataratta, diverticolosi del colon. E’ importante notare che questo vale per tutti i tipi di carne, di qualsiasi specie animale, non solo quella rossa o trasformata, quindi anche la carne bianca, il pollame, ecc.
Ma l’industria della carne si affretta a negare persino l’evidenza proveniente dall’OMS. Non può lasciare che queste informazioni spaventino la popolazione, perché l’unico rischio che le sta a cuore è quello che calino i consumi, non certo quello per la salute umana: i numeri del settore sono vertiginosi.
L’esortazione di Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana a tutti i consumatori è di non accettare di assistere impotenti a questa nuova mistificazione, che vede ancora la salute sottomessa al profitto, esattamente come già accaduto per il fumo di sigaretta. Ci dicevano che bastava fumarla con il filtro, proprio come ci dicono che basta consumare carne italiana, e stare tranquilli… come se potesse fare differenza il DOVE la carne è prodotta.
E’ imperativo non fidarsi delle rassicurazioni dei produttori, visto il loro palese conflitto di interessi, e occuparsi invece della propria salute in prima persona, cambiando menù: aumentando i cibi vegetali e diminuendo quelli di origine animale, fino ad arrivare a un’alimentazione 100% vegetale, la più protettiva per la nostra salute. Indicazioni pratiche a disposizione di tutti si trovano sul sito del PiattoVeg, http://www.PiattoVeg.info

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »