Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Archive for novembre 2015

Per la prima volta una donna alla guida della Federazione Nazionale Istituti di Attività Educative

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

virginia kaladichIl nuovo Presidente Nazionale della Fidae è Virginia Kaladich. Tra un mese gli avvicendamenti alla presidenza veneta e l’insediamento della Kaladich alla Presidenza nazionale. «Volevamo mettere insieme una squadra che condividesse i valori della scuola cattolica, in grado di lavorare in sintonia per affrontare le gravi problematiche delle nostre scuole in questo particolare momento – afferma il neo Presidente nazionale Fidae Virginia Kaladich –. L’elezione di questo Consiglio mi da serenità e sostegno nel compito impegnativo che mi preparo ad affrontare, certa di poter contare su di un lavoro di squadra, fecondo e proficuo per le scuole cattoliche. Essere stata eletta alla guida della Fidae Nazionale significa per me poter contare su di una squadra capace, non tanto per rendere il carico di impegni e responsabilità più lieve, quanto per beneficiare della ricchezza prodotta da un apporto costante e da molteplici e preziosi apporti professionali.»Nove i membri eletti, che assieme ai presidenti regionali formeranno il nuovo Consiglio Nazionale (per un totale di 25 membri): Andrea Forzoni (Lazio); Francesco Macrì (Lazio); Francis Contessotto (Veneto); Chiara Cavaliere (Veneto); Sebastiano De Boni (Veneto); Clara Biella (Lazio), Francesco Beneduce (Campania); Alberto Rizzi (Lombardia); Anna Rizzato (Puglia). Delegata Fidae Padova dal 2006 al 2009 e Presidente Fidae Veneto dal 2009 ad oggi, Virginia Kaladich – prima donna a ricoprire la presidenza nazionale della Associazione – è una consacrata Collaboratrice Apostolica Diocesana legata alla Diocesi di Padova. Attualmente è dirigente scolastico all’Istituto Scolastico Paritario Sabinianum, Scuole Primarie Bianchi Biggiani e Sacro Cuore, e Scuola Secondaria di I Grado Vincenza Poloni a Monselice (PD).
In quanto presidente nazionale dovrà sovrintendere alle quasi quattromila scuole cattoliche primarie, secondarie di I e di II grado associate alla Fidae, per un totale di circa 359.000 studenti (1.500 circa scuole Primarie per circa 182.000 alunni; 700 scuole secondarie di I grado per circa 63.000 alunni; 1.700 scuole secondarie di II grado per circa 114.000 alunni per un totale di circa 3.900 scuole). (foto: Virginia Kaladich)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Greenpeace expects big action from the big economies at the Climate Summit

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

marcia per il clima3

Rome Italy, 29th November 2015To coincide with the Paris United Nations Climate summit this weekend an similar marches being held across the world, ten of thousands have taken to the streets of Rome to demand action on Climate change

Paris. As world leaders set out their response to climate change today in Paris, Greenpeace is calling on the leaders of the G7 and the BRICS countries to do more to transform their energy systems, and to switch to 100 percent clean renewable energy by 2050. Their leaders’ fine words at the COP must be matched by action at home so global warming is limited to 1.5 Celsius or below. This is a matter of survival for millions of people.The member countries of both the G7 and the BRICS (Brazil, Russia, India, China and South Africa), together responsible for some 65% of global carbon emissions, have huge renewable energy potential. Greenpeace is today releasing an analysis of their energy sectors, showing that none are taking full advantage of this potential, to the detriment of their economies and the world’s climate.While all the G7 countries have seen falls in their carbon emissions, and a clear turning-away from coal, this transition has been patchy. Even in Germany, which has shown the political will to move to renewables, the transition is not happening fast enough and there is no political agreement yet to phase out coal.
Among the BRICS, China is changing, breaking the link between economic growth and emissions growth, and turning its back on coal. Its investment in renewables is huge; since Copenhagen, China has shifted from a country with virtually no wind and solar to the world leader in renewables.Martin Kaiser, head of international climate politics at Greenpeace, says:
“Change is blowing through the world’s energy sector. We have seen how quickly that change can happen when it is supported by political will. This summit must

marcia per il clima5

Rome Italy, 29th November 2015To coincide with the Paris United Nations Climate summit this weekend an similar marches being held across the world, ten of thousands have taken to the streets of Rome to demand action on Climate change

accelerate that change, and mark the beginning of the end of the era of coal, oil and gas. It should be the springboard for a new energy era, based on 100% renewables for all.” He added:“With power comes responsibility. The countries whose action matters the most should embrace the full potential of renewable energy much faster than they are currently planning to. The survival of millions of people, who are not responsible for global warming, depends on a faster global transition from fossil fuels to 100% renewable energy by 2050.
“We’re in a race between rising temperatures and the renewables revolution, and if they get it right in Paris then the politicians will help clean energy win.” The success of the Paris climate summit is largely dependent on a small number of key leaders. They hold the responsibility for the world’s climate in their hands. President Obama and President Xi Jinping have already shown that they are ready to take a leadership role on climate change. Greenpeace calls on the two leaders to increase their ambition, and use their influence to bring other countries on board.India, on the other hand, is sending mixed messages. The country itself is highly vulnerable to climate change, and today Prime Minister Narendra Modi is expected to launch a solar initiative that could be a key milestone for India’s energy transformation. Yet India has not given its support to the global decarbonisation goals called by the Vulnerable Countries Forum, and is planning a huge expansion of coal-fired electricity over the next 15 years. So what role will India play in Paris?

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

The world stands up to climate change

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

marcia per il clima1

Rome Italy, 29th November 2015To coincide with the Paris United Nations Climate summit this weekend an similar marches being held across the world, ten of thousands have taken to the streets of Rome to demand action on Climate change

For the third consecutive day, huge numbers of people around the world are taking to the streets to demand action on climate change. With world leaders gathering in Paris for the climate summit, people from the Pacific to Scandinavia are calling for a global climate agreement to bring an end to fossil fuels and the continuing dangerous rise in greenhouse gas emissions.Today, Oscar winner Emma Thompson, designer Vivienne Westwood and singer Charlotte Church, will join the demonstration in London. Marches are occurring in more than a dozen other European capitals, including Berlin, Madrid and Rome. There are marches in Durban and Cape Town, Beirut, Kampala, Seoul and Kiev. Already, there have been crowds of more than 45,000 in Sydney, where demonstrators observed a minute’s silence for those suffering the effects of climate change.The marches kicked off on Friday, with 60,000 people marching in Melbourne, in the largest-ever climate protest in Australia. Yesterday saw protests across the Pacific and Asia, with marches in New Zealand, Fiji, Japan, Bangladesh, the Philippines, Egypt, Cameroon and South Africa. In Johannesburg, a city built on coal fields, protesters carried banners reading “Coal kills”. More than 2,300 events in over 175 countries have united people calling for a world powered not with dirty, obsolete fossil fuels, but with clean, sustainable renewable energy. Security measures forced the cancellation of mass demonstrations in France and Belgium, so Greenpeace and other organisations created a digital link-up, #March4Me, which put nearly thirty thousand would-be marchers in touch with those who could march on their behalf.
Kumi Naidoo, executive director of Greenpeace, said: “Across five continents, people have taken to the streets to demand that we change the way we power our world. In towns and cities across the globe, people have called for political leadership on climate change. They want a climate deal that keeps temperature rises in the safe zone, that calls time on the fossil fuel era, and that sets us on a course towards 100% renewable energy by the middle of the century. If in two weeks we have that, then Paris will have delivered an historic agreement. The people have marched, and we’ll be keeping up the pressure over the coming fortnight, but now it’s over to the politicians.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

L’Ermetismo, gli Oracoli Caldaici e l’Esoterismo Moderno

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

ermete-thothSecondo l’antica religiosità egizia Thoth era il dio della scrittura e quindi veniva considerato il “rivelatore della sapienza degli Dei”. Quando i Greci vennero in contatto con la cultura egiziana assimilarono a Thoth il loro dio Ermete, che era “l’interprete e il messaggero degli Dei”, e per identificare ancor più precisamente Ermete con il Grande Thoth lo qualificarono con l’appellativo di Trismegisto, ossia tre volte grandissimo.Nell’età ellenistica verso il III secolo a. C. sino all’età imperiale (II e III secolo d. C.) nacque e si sviluppò una ricca letteratura che pretendeva di essere stata ispirata dal Grandissimo Ermete, ossia “divinamente rivelata”.Le ricerche moderne a partire dal XVIII secolo hanno stabilito che gli scritti ermetici o la letteratura ispiratasi ad Ermete sono degli pseudoepigrafi composti da autori diversi, che si nascondono sotto la maschera o lo pseudonimo del dio egizio e/o greco (Thoth/Ermete).
Nel Novecento si è scoperto che i più importanti scritti ermetici non sono neppure espressione della cultura egizia, ma del tardo ellenismo.
La letteratura ermetica può essere divisa in due parti: 1°) i trattati dell’ermetismo popolare, che si occupano delle scienze occulte e risalgono al III secolo a. C.; 2°) i trattati dell’ermetismo dotto, che si occupano di filosofia e di teologia da un punto di vista magico e risalgono al II e III secolo d. C.
I trattati dell’ermetismo dotto sono i più interessanti e si suddividono in a) Corpo Ermetico (Corpus Hermeticum); b) Asclepio; c) Citazioni ed estratti che si trovano in Stobeo; d) Testimonianze e frammenti che si trovano in numerosi autori cristiani.Le caratteristiche essenziali dell’ermetismo (popolare e dotto) sono quattro: 1°) esso è una dottrina esoterica; 2°) si presenta come una rivelazione divina; 3°) il dio rivelante è Ermete Trismegisto; 4°) la dottrina ermetica non si serve di dimostrazioni logiche e razionali, ma di una iniziazione misterica, magica ed occulta. Tuttavia vi sono caratteristiche comuni all’ermetismo popolare ed altre a quello dotto.Ora la retta ragione ci insegna che i veri segreti o misteri (i quali sorpassano ogni intelletto creato) non li possono conoscere neppure gli iniziati, che sono uomini anch’essi. avicennaInfatti i cosiddetti segreti esoterici sono segreti artificiali creati dall’uomo e non veri segreti superiori all’uomo e all’angelo. Ma la natura dell’uomo, che è creata e finita, comporta necessariamente dei misteri o segreti che lo sorpassano e siccome quelli veri e soprannaturali sono inconoscibili (sino a che Dio non ce li riveli), l’esoterista, lo gnostico e il teurgo se ne fabbricano di finti. Costoro ostentano, per vanità, presunti segreti (che sono favole inventate da loro per dirsi “Maestri” e “divini”) e rifiutano di ricevere da Dio la Rivelazione di quelli veri, che li sorpassano per non dover ammettere di essere discepolL’ermetismo volgare tratta più propriamente la magia, l’astrologia, l’alchimia e l’occultismo in generale. Esso, quindi, costituisce la negazione radicale della metafisica e della speculazione o filosofia teoretica greca. Infatti l’astrologia serve a conoscere il futuro per trarne vantaggi, l’alchimia produce l’oro per arricchirsi, la magia domina le forze della natura per acquistare il potere su di esse e sugli uomini.L’ermetismo passa dall’universale al particolare, non si interessa del perché delle cose, delle loro cause. Esso è una sorta di precursore del nominalismo occamista e del liberismo o sensismo britannico del XVIII secolo. Infatti si interessa del concreto per trarne un vantaggio pratico e materiale.
Esse sono così riassunte da Feustigière, che è il massimo esperto di ermetismo: “la nuova scienza sarà un mistero e la trasmissione di un mistero. Color che sanno saranno degli eletti, e ci sarà una distanza infinita tra questi eletti e la gente comune. Inoltre il mezzo per ottenere la conoscenza sarà l’atto del culto, o, ad un livello inferiore, la pratica magica: in breve si passa dalla filosofia alla religiosità pagana e alla magia”.La magia è una forma di conoscenza, ma non perfetta e tale è la gnosi esoterica degli ermetici. Così ogni forma più moderna di esoterismo (cfr. Evola e Guénon) non disprezza totalmente la magia in sé, ma la ritiene un’anticamera, se pur imperfetta e rozza, per la gnosi o conoscenza iniziatica, occulta, misterica e auto-divinizzante. Farsi Dio da sé è l’utopia, l’allucinazione o l’errore che accomuna tutte le forme di esoterismo antiche, orientali, occidentali e Maimonidemoderne.  L’ermetismo dotto esaspera il dualismo Dio-mondo. Dio è totalmente separato dal mondo e completamente inconoscibile. Tra Dio e creatura non vi è analogia, ma totale equivocità. Perciò il problema di Dio come era stato posto e affrontato dalla metafisica platonica e aristotelica viene totalmente rovesciato dalla conoscenza ermetica. Infatti per quest’ultima la ragione non può dire e conoscere nulla sull’esistenza e sulla natura di Dio. Quindi occorre una nuova forma di conoscenza o gnosi riguardo alla Divinità, non più fondata sulla ragione e la dimostrazione logica, bensì su una certa rivelazione di Ermete legata al suo culto e alla sua conoscenza iniziatica ed esoterica che porta sino all’estasi o all’uscir da sé per farsi Dio (cfr. Corpus Hermeticum, X, 4-6).L’ermetismo presenta Dio come “altro da tutto ciò che è, senza forma né figura, privo di essenza, totalmente trascendente da essere completamente ineffabile” (Corpus Hermeticum, II, 5; IV, 9).
Inoltre vi è una serie indefinita di intermediari o eoni tra la Divinità e il mondo, che denotano la tendenza giudaizzante ed eretico/cristiana della gnosi pagana. Nel Corpo Ermetico si insegna che 1°) al vertice di ogni cosa si trova Dio, il quale è assieme maschio e femmina (cfr. Androgino primitivo e Ermafrodito), capace di generare da solo; 2°) poi viene il Logos, figlio primogenito di Dio supremo; 3°) quindi il Demiurgo o l’Intelletto puro che è il secondogenito del Dio supremo; 4°) segue l’Anthropos che è l’Uomo incorporeo o lo gnostico; 5°) infine viene l’Intelletto terreno che viene dato all’uomo comune e rappresenta quanto di divino si trova nell’uomo.
La nascita dell’uomo terrestre o dell’uomo comune è dovuta ad una caduta dell’Anthropos che ha voluto congiungersi alla natura materiale. Così l’uomo che era luce si è trasformato in intelletto o anima, ma la materia in cui è caduto l’uomo è il male assoluto, radicale o la pienezza del male. Quindi la salvezza consiste nella liberazione dalla materia, tramite la conoscenza salvifica o gnosi, la quale consiste nel conoscere se stessi e convincersi che la vera natura umana è l’intelletto e che è necessario distaccarsi da tutto ciò che è materia, che è tenebra e male. Ora siccome l’intelletto è Dio in noi, conoscere se stessi significa conoscere Dio.La salvezza dell’uomo non è nell’aldilà, egli non deve aspettare la morte per farsi Dio. Infatti può cogliere il suo fine rigenerandosi dalla potenza malvagia della materia mediante la gnosi, distaccandosi dal corpo e unendosi, col suo intelletto purificato estaticamente, all’Intelletto divino.
Gli Oracoli Caldaici sono un documento, analogo agli scritti ermetici, composto probabilmente da Giuliano il Teurgo nel II secolo d. C. Noi possediamo solo numerosi frammenti degli Oracoli, un’opera in esametri ripiena di “religiosità scomposta di ispirazione orientale”, che è una delle caratteristiche dell’ultimo paganesimo, il quale si era totalmente distaccato dalla fonte della metafisica classica per aderire alla gnosi orientale. È a questo paganesimo corrotto che si rifanno i neopagani esoteristi, mentre i Padri ecclesiastici e i Dottori scolastici si son rifatti alla metafisica pagana di Platone e Aristotele e alla filosofia morale classica di Socrate e Seneca.Gli Oracoli Caldaici si riferiscono anziché alla saggezza egizia (come il Corpo Ermetico) alla sapienza babilonese. Infatti l’elio-latria della Caldea di Babilonia o il culto del dio Sole (Mithra) gioca in essi un ruolo fondamentale, che verrà ripreso dal mitraismo romano e dal neo-paganesimo esoterico (cfr. J. Evola, La via della realizzazione di sé secondo i misteri di Mithra, in “Quaderni di testi evoliani”, n. 4, Roma, Fondazione Julius Evola, s. d.).La magia è l’arte di dominare la natura per ricavarne potere naturale, la teurgia è la magia applicata preternaturalmente alla religione, ossia essa evoca e agisce sugli Dei per arrivare alla liberazione dal corpo e all’unione con la Divinità.La teurgia consta di due elementi: 1°) l’uso dei simboli, per cui si fabbricavano statuette magiche per ottenerne oracoli, riempiendone le cavità con animaletti, erbe o pietre “magiche”, considerate come simboli della loro causa divina e contenenti potenzialità preternaturali; 2°) l’uso della trance di un medium, in cui la Divinità era temporaneamente rinchiusa in un essere umano e non in una statua. La persona posseduta dalla Divinità, da un demone o da un defunto entrava in trance, ossia subiva delle alterazioni psicologiche e parlava a nome di colui che la possedeva. Il fatto più rimarchevole è che la chiamata del medium o dell’operatore umano, in teurgia caldaica, era ritenuta la causa dell’ingresso della Divinità (del demone o del defunto) nella persona subendo, così, la Divinità una costrizione da parte del medium.Moshè Idel (Cabbalà. Nuove prospettive, Firenze, Giuntina, 1996; Maimonide e la mistica ebraica, Genova, Il Melangolo, 2000; Le porte della giustizia, Milano, Adelphi, 2001) spiega che la cabala ebraica è all’origine della gnosi e dell’esoterismo pagano e che consiste essenzialmente in una pratica teurgica o nella magia sacra, che porta al contatto con gli Dei. In ogni caso, per gli Oracoli Caldaici, la teurgia è ritenuta necessaria e indispensabile per giungere all’unione col divino. La teurgia assume un significato molto importante nella filosofia neoplatonica a seconda che sia accettata (Giamblico, Giuliano l’Apostata e Proclo) o non accettata (Plotino e Porfirio).Porfirio è stato il primo filosofo neoplatonico a commentare gli Oracoli Caldaici, ritenuti la Bibbia del paganesimo, ossia una specie di “divina rivelazione”, che la filosofia doveva accogliere come base delle sue riflessioni. Tuttavia Porfirio nella maturità dopo l’incontro con Plotino (205-270) criticò la teurgia in cui aveva creduto nella giovinezza facendo osservare che gli Dei non possono essere sottoposti ai voleri degli uomini, dei teurgi e dei medium. Giamblico (245-325) invece (De mysteriis, II, 11, 96 ss.) si discosta notevolmente da Plotino e da Porfirio della maturità (234-305) e riconosce il valore positivo della teurgia in cui nell’evocazione del medium si verifica un invasamento e una possessione “divina”. La teurgia è una attività superiore alla ragione umana; in essa non è compromessa la potenza degli Dei poiché Giamblico, accogliendo la critica di Porfirio alla teurgia caldaica, la corregge in modo tale che non solo non è l’uomo che sale agli Dei, ma è la potenza degli Dei a scendere sino agli uomini per liberarli da questo mondo materiale ed elevarli al mondo degli Dei. Si tratta di un’iniziativa degli Dei più che dei teurgi. Tuttavia Giamblico teorizza in maniera talmente radicale l’incapacità della metafisica e della ragione umana a condurre l’uomo alla conoscenza e al raggiungimento del suo fine, contraddicendo anche Plotino, da segnare la fine della filosofia metafisica pagana. Infine Proclo (410-485) compie l’opera e concepisce la teurgia come superiore a tutte le altre capacità. Secondo Marino (Vita di Proclo, 28 a cura di R. Masullo, Napoli, 1985) Proclo stesso possedeva la teurgia in una misura cospicua e aveva quindi la capacità di unirsi agli Dei mediante le pratiche teurgiche. Anche per Proclo la conoscenza degli Dei si raggiunge solo attraverso la pratica teurgica e meta-razionale, non con l’intelletto e la filosofia.
L’opposizione di contraddizione tra 1°) esoterismo, paganesimo teurgico da una parte e 2°) sana metafisica, cristianesimo dall’altra consiste nel fatto che mentre il primo cerca l’auto-deificazione, il secondo ritiene che l’uomo con la ragione può arrivare a conoscere l’esistenza di Dio, ma per conoscere la sua natura e per l’unione con Lui ha bisogno della grazia santificante o dono gratuito soprannaturale di Dio all’uomo.S. Agostino compendia in una breve frase questa opposizione irriducibile: “Tu [gnostico] hai voluto, benché fossi uomo, farti Dio per poi perire; ma Cristo, essendo Dio, volle farsi uomo per ritrovare ciò che si era smarrito” (Sermone 188, cap. 3, PL XXXVIII, 1004).
S. Bernardo di Chiaravalle approfondisce questa dottrina scrivendo: «Il Verbo venne a noi per insegnarci a diventare simili a Lui. Sapeva che gli angeli e i proto-parenti, nella loro presunzione, erano caduti perché avevano voluto farsi simili a Dio. Allora disse: “andrò Io e mi mostrerò loro di modo che chi vuol essere simile a Me trovi la sua salvezza imitandomi”» (Sermone I sull’Avvento, 114, PL CLXXXIII, 37).
Perciò la somiglianza con Dio è la via per la salvezza, ma essa è un dono soprannaturale e gratuito di Dio alla creatura e non una gnosi o tecnica magica per farsi da sé Dio. La pretesa della gnosi esoterica è la strada per la dannazione. Infatti l’inganno di Lucifero consiste nel mentire alla creatura per farle credere di non aver bisogno di un Dio trascendente, ma bensì di essere essa stessa Dio. (d. Curzio Nitoglia) (foto: ermete-thoth, ritiro spirituale, avicenna, maimonide)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nascita dello Stato di Israele

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

israeleIl 29 novembre 1947 alle 12:40, l’ONU votava la risoluzione che avrebbe portato poi alla creazione dello Stato di Israele. In quel giorno l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite votò il piano di spartizione della Palestina mandataria, CHE PREVEDEVA LA CREAZIONE DI DUE STATI, UNO ARABO E L’ALTRO EBRAICO, con l’assegnazione di Gerusalemme al controllo internazionale (risoluzione ONU 181). E così tutti a contare, uno dopo l’altro, i “si”, “no”, “astenuto”… Per essere approvata infatti la risoluzione doveva ottenere due terzi dei voti a favore – e per ben due volte, a settembre, non li aveva ottenuti. Perciò quell’ennesima conta parve interminabile. A presiedere l’assemblea il brasiliano Oswaldo Aranha, accanto a lui il segretario generale dell’Assemblea, il norvegese Trygve Lie.
Quando fu il turno della Francia, i nervi erano a fior di pelle: il suo voto era il più atteso ed incerto. Tutti si aspettavano un’ennesima astensione. Così quando giunse il suo “si”, i sionisti seduti nella galleria della sala, esplosero in un grandioso applauso di sollievo e gioia. Il presidente richiamò l’ordine, ricorda David Horowitz, delegato sionista all’assemblea, e allora “l’emozione divenne quasi un dolore fisico”. Era il momento del verdetto finale: 33 si, 13 no, 10 astenuti. La mozione era passata. In quel momento ricorda ancora Horowitz “sentimmo battere le ali della storia su di noi”. La gioia esplose dentro la sala, per le strade di New York e per quelle di mezzo mondo. A Gerusalemme Golda Meir si rivolse alla folla dal balcone del palazzo dell’Agenzia ebraica e disse: ”Per duemila anni abbiamo aspettato la nostra liberazione. Ora che è qui è così grande e meravigliosa che va oltre le parole umane. Ebrei, gridò, Mazel tov! ”
In tutta Israele vi furono celebrazioni e l’entusiasmo pervase tutte le strade, perché finalmente ogni ebreo ‘errante’ aveva la possibilità di avere un proprio stato, in cui vivere senza doversi nascondere o subire soprusi. Finalmente, i Sabra, gli ebrei che già vivevano in Eretz Israel (la terra di Israele) da oltre 3mila anni, poterono darsi una organizzazione sociale più moderna e riconosciuta a livello internazionale.
Il giornalista di Yediot Ahronot, David Giladi, descrisse così le celebrazioni nella prima città ebraica moderna di Israele: “La scorsa notte Tel Aviv non ha chiuso occhio. È andata in giro selvaggia. Ha dato sfogo a quella gioia desiderata ardentemente da tante generazioni che non hanno vissuto abbastanza per provarla. Ha vagato chiassosa, turbolenta, è stata inghiottita da una tempesta di entusiasmo che circondava giovani e meno giovani” – e raccontò ancora – “La città ha cantato dal cuore, ha danzato in confusi cerchi concentrici, ha fatto scoppiare le trombe, ha agitato le bandiere ed ha sollevato il bicchiere alla vita (Lechaim!) dello Stato di Israele. Tel Aviv era ubriaca dalla vittoria”.
I rappresentanti degli stati arabi furono scioccati da quel risultato: i delegati di Siria, Libano, Iraq, Arabia Saudita, Yemen ed Egitto, scrisse poi il segretario generale Trygve Lie, “si alzarono e uscirono dalla sala dell’Assemblea”. L’alto Comitato Arabo trasmise subito al segretario generale Lie un comunicato con cui informava che gli arabi di Palestina “non accetteranno mai alcuna potenza che li costringa a rispettare la spartizione”. L’unico modo per dare corso alla spartizione, si leggeva, sarebbe stato quello di cancellare tutti quanti loro – uomini, donne e bambini. I chierici del seminario islamico Al-Azhar del Cairo invocarono a loro volta un “jihad mondiale in difesa della Palestina araba”, scrive ancora Horowitz.La mattina dopo in Palestina esplosero i primi colpi dei Paesi arabi in quella che sarebbe poi stata la Guerra di Indipendenza di Israele o, per il mondo arabo, la “Nakba” – la catastrofe.(Fonti e citazioni: mosaico-cem.it & Ynetnews.com) (foto israele) (Emanuel Baroz)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

1.8 Million People of Faith Demand Action on Climate

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

climateA total of 1,780,528 million people worldwide have put their names to a collection of faith-based petitions urging political leaders at the COP21 climate summit to take decisive action to curb global warming and deliver a strong, fair deal that helps poor countries adapt to their changing climate. The petitions were presented to the Executive Secretary of the UNFCCC Christiana Figueres and Special Envoy of the French President for the Protection of the Planet, Nicolas Hulot, on November 28 at the ‘Faith in Climate Justice’ (‘Les Religions Pour le Climat’) event at Salle de la Légion d’Honneur in Saint-Denis.The hand-in was witnessed by close to 400 people, including faith leaders, COP21 delegates and climate campaigners from around the world – including individuals from countries such as Germany, the UK, Philippines, Italy and Scandinavia who have walked hundreds of kilometres in a ‘pilgrimage to Paris’.Several key individuals spoke at the event: from the Philippines, former COP negotiator Yeb Sano; from Brazil, Cardinal Claudio Hummes; from South Africa, Archbishop of Cape Town the Rt Rev Thabo Makgoba; from the US, the Rev Kyoichi Sugino of Religions for Peace International; from Kenya, Mithika Mwenda, Coordinator of the Pan African Climate Justice Alliance; and from Bangladesh, Lotifa Begum of Islamic Relief Worldwide.
‘Faith in Climate Justice’ was organized by four international faith-based networks working together for a common cause: ACT Now for Climate Justice (part of ACT Alliance), OurVoices, Religions for Peace and the Global Catholic Climate Movement. OneVoices climate ambassador Yeb Sano, who has walked 1,500km from Rome to Paris as leader of the People’s Pilgrimage, said: “The pilgrimages represent, in a political way, that the time for talking is long over. Irrespective of what our leaders produce from Paris, across the globe we are working as communities and cities, as faith groups and organisations, and as pilgrims, walking together out of love, faith and hope that we can build a better future together.” Archbishop Thabo, global climate ambassador for ACT Alliance, said: “People of faith urge all parties to constructively engage and agree on a Paris deal applicable to all. Climate justice is a spiritual and moral issue. To call it ambitious, it must include the long-term goal of climate resilient decarbonisation by mid-century and a periodic review and ratchet up mechanism to increase ambition dynamically. To call it fair, it must provide robust transparency rules, a firm commitment to deliver the $100bn climate finance to the poor, and the anchoring of the Warsaw International Mechanism on loss and damage in the Paris agreement.”On behalf of the Global Catholic Climate Movement, Cardinal Cláudio Hummes, Archbishop Emeritus of Sao Paulo (Brazil) and former Prefect of the Congregation for the Clergy, said: “2015 has been a very special year for the Catholic Church and its response to the climate crisis, crystallized in the Pope’s Laudato Si’ encyclical, the Bishops’ ‘Appeal to COP21’, and the grassroots mobilization of the Global Catholic Climate Movement this weekend, which brought hundreds of thousands of petition signatures to Paris and will join the Global Climate March in all continents. I pray for political leaders to ‘hear both the cry of the earth and the cry of the poor’ and respond to the climate justice demand from all faiths.” Secretary General for Religions for Peace International, Dr William F Vendley, said: “Meeting the challenge of climate change will help transform us into who we are called to be: one human family living in community with the earth and the Divine.”
The 1,780,528 people who signed the petitions include individuals in both the global north and the global south. They were mobilized by, among others: the Pan-African Climate Justice Alliance (in partnership with Oxfam Africa), the Church of England, Tearfund, Christian Aid, Islamic Relief, National Religious Partnership for the Environment, and Interfaith Power and Light – together with the four organizing networks previously mentioned.As well as live music and visual presentations, the audience at the ‘Faith in Climate Justice’ event heard speeches from the Bishop of Saint Denis, Pascal Delannoy; the President of French Conference of Faiths in France, François Clavairoly; and the President of Plaine Commune, Patrick Braouzec.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

E-njoint signs contract with Purple Haze Properties to manufacture Jimi Hendrix Vaporizer

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

Jimi_HendrixDelft-27November: Dutch company E-njoint signed a contract with American company Purple Haze Properties to manufacture Jimi’s Vaporizer, endorsed by Jimi’s brother Leon Hendrix. Purple Haze Properties is a Hollywood-based company run by Andrew Pitsicalis and Jimi’s brother Leon Hendrix. Purple Haze Properties is the premier licensor of Jimi Hendrix products into the cannabis scene. Purple Haze introduced Jimi’s Cannabis Collection this year to honor Jimi Hendrix. Jimi’s 3-in-1 vaporizer is a work of art that fits perfectly with Jimi’s collection.Leon Hendrix states: “My brother would be so proud of this art piece, I wish we could have vaped together, because we all know how much Jimi loved that beautiful flower.” Jimi’s 3-in-1 vaporizer can be used for dry herbs, wax and oil and comes in a unique box with a range of accessories that include a cleaning kit, a dual car charger and even a power bank. E-njoint and Purple Haze decided that Jimi’s birthday would be a beautiful day to announce their cooperation for Jimi’s Vaporizer.E-njoint, based in the Netherlands, is known for manufacturing the world’s first electronic joint. Having gained considerable popularity throughout Europe over the past two years, E-njoint is now hoping to establish an even better following in the United States. E-njoint recently launched three new products developed especially for the US market. “We’ve received so many requests from the US about oil pens and vaporizers, that we’re happy to finally be able to meet the demand from overseas,” says Mark Rooijakkers, international sales manager at E-njoint. E-njoint recently opened a warehouse in Los Angeles and launched a US website (www.e-njoint.us). The contract to manufacture Jimi’s Vaporizer will help to bring E-njoint to the next level. It’s just a matter of time before the product will be available in stores across the United States.Jimi’s 3-in-1 Vaporizer will be available worldwide in January 2016. A special pre-order discount for dedicated Hendrix fans will be offered on Jimi’s birthday November 27th and will run until the end of 2015.Jimi Hendrix is the latest huge icon to join the list of celebrities who endorse marijuana. At the moment, celebrities like Bob Marley, Willie Nelson, Tommy Chong and Snoop Dogg are entering the marijuana industry and Jimi’s collection fits this scene perfectly. (photo: Jimi_Hendrix)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

SCENT vince i 300mila euro del Premio Gaetano Marzotto 2015

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

 biotecnologiaÈ SCENT, startup che porta la tecnologia sensoristica nel campo bio-medicale, con dispositivi per il prescreening tumorale, il progetto vincitore assoluto della quinta edizione del Premio Gaetano Marzotto. La startup si è aggiudicata i 300mila euro in denaro previsti dal “Premio per l’Impresa” e un percorso con Fondazione CUOA del valore di 25mila euro. È nella suggestiva cornice dell’UniCredit Pavilion di Milano che, nella serata di ieri, giovedì 26 novembre, sono saliti sul palco tutti i vincitori della più importante startup competition italiana, per spartirsi un montepremi totale di oltre 1 milione di euro. Il “Premio dall’idea all’impresa”, riservato ai giovani fino a 35 anni di età, è andato invece a Proxentia, che ha ricevuto un riconoscimento in denaro del valore di 50mila euro eun periodo di affiancamento presso l’incubatore M31. Proxentia e BabyGuest sono inoltre i vincitori del Premio speciale UniCredit Start Lab, che prevede percorsi di affiancamento dedicati del valore di 150mila euro. Watly, Faberest, Remidi si aggiudicano invece i tre Premi del valore di 50mila euro l’uno, messi in palio dai partner corporate di questa edizione: CLN Goup, Gruppo Santex Rimar e Santa Margherita Gruppo Vinicolo. “Con l’edizione 2015 il Premio Gaetano Marzotto si impegna per il quinto anno consecutivo, a dare un sostegno molto concreto ed un risalto altrettanto costruttivo alle idee e ai progetti di tanti innovatori italiani accomunati dal fil rouge di una solida e coraggiosa visione, grazie al loro pragmatismo, ad elevate qualità di responsabilità sociale e ad una ancor più forte vocazione al futuro.” – dichiara Matteo Marzotto, Presidente di Associazione Progetto Marzotto – “Il Premio di quest’anno è stato infatti progettato all’insegna di una rinnovata open-innovation, favorendo così l’ingresso di nuovi partner corporate aperti al sostegno delle imprese più innovative, in un’ottica che è già un modello reale per molte delle imprese e delle famiglie industriali del nostro Paese, proseguendo sulla strada tracciata da mio zio Giannino, e prima di lui da mio nonno Gaetano, convinti della necessità e dell’utilità di mettere a sistema tra loro impresa, società, cultura e territorio. Premio Marzotto mira inoltre a promuovere l’innovazione nei settori tradizionali e a contribuire così nel rendere più efficienti e all’avanguardia alcuni dei mestieri maturi, tipici del Belpaese. Ritengo sia molto importante per un imprenditore l’essere sempre consapevoli del proprio contesto oltre che aggiornati su quello che accade nel mondo. Solo continuando ad investire su differenti canali di dialogo, in particolare tra startup e grandi imprese private, si può auspicare anche per l’Italia di potere coltivare al meglio tutti i propri talenti.”“Negli ultimi cinque anni l’ecosistema delle startup in Italia è cambiato in modo radicale, in conseguenza anche ai mutamenti delle condizioni internazionali verso i temi dell’innovazione. C’è un approccio più maturo nel guardare all’innovazione, un tema imprescindibile oggi per la crescita di un Paese, sia se si pensa alle aziende consolidate che ovviamente nei confronti delle giovani nuove imprese. – sottolinea Cristiano Seganfreddo, Direttore Generale dell’Associazione Progetto Marzotto, voluta nel 2010 da Giannino Marzotto, ideatore e mentore del Premio, la cui attività continua grazie all’impegno generoso delle sue tre figlie, Cristiana, Margherita e Maria Rosaria Marzotto, e dell’amministratore delegato Ferdinando Businaro – Quello che abbiamo cercato di fare con il Premio Marzotto in questi anni, è stato evolverne la struttura andando a coinvolgere tantissimi attori importanti e a tutti i livelli di quello che è il panorama dell’innovazione, fino a creare un vero e proprio network a disposizione della progettualità italiana, che dovrebbe rigenerare il patrimonio storico artistico e imprenditoriale di questo Paese, che è assolutamente straordinario. Da qui anche l’emergere di temi come quello dell’Open Innovation per favorire il rinnovamento del mondo delle imprese consolidate attraverso l’incontro con giovani realtà portatrici di nuove idee in grado di avviare processi innovativi.”
Grande novità di questa quinta edizione del Premio Gaetano Marzotto, sono stati i tre Premi Corporate, del valore di 50mila euro l’uno, assegnati da tre gruppi industriali che hanno scelto e premiato i progetti ritenuti più in linea con le rispettive strategie di crescita all’interno dei settori di riferimento indicati.
Gruppo Santex Rimar ha scelto di premiare Watly, una macchina capace di purificare acqua contaminata di qualunque tipo (marina, inquinata o addirittura radioattiva) senza utilizzare filtri o membrane.
La scelta di Santa Margherita Gruppo Vinicolo è ricaduta invece su Faberest, una piattaforma web che aggrega e offre esperienze uniche da vivere nel settore food&wine e artigianale.
CLN Gorup ha premiato la startup REMIDI. Remidi T8 è il primo passo verso la wearable music, un guanto sensorizzato e un bracciale permettono all’utente di suonare su qualsiasi superficie.

Posted in Cronaca/News, recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Medici di famiglia: Ambulatori per assistere i pazienti

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

medico-pazienteIl salvataggio del Servizio Sanitario Nazionale passa attraverso un nuovo modello di cure primarie. In sette anni (2005-2012) è aumentato del 22% il numero di visite effettuate dai medici di famiglia: nel 2012 sono state 19 milioni, con 3,5 milioni di accessi in più rispetto al 2005. Da un lato il carico di lavoro dei camici bianchi è in costante crescita, dall’altro diminuiscono le risorse con tagli progressivi alla spesa sanitaria. Il nuovo modello di assistenza sul territorio deve essere formato da unità complesse con competenze avanzate, alternative sia all’ospedale che agli specialisti, destinate a occuparsi della cosiddetta “media intensità di cura”. In questi ambulatori il paziente potrà trovare una soluzione ampia e approfondita, a 360 gradi, della maggioranza dei problemi che riguardano la sua salute: dalle malattie acute a quelle croniche fino al monitoraggio e all’assistenza intensiva a domicilio di quasi tutte le condizioni cliniche. All’ospedale dovrà cioè essere lasciata solo l’alta intensità di cura. Il nuovo sistema organizzativo è presentato oggi al 32° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), in corso a Firenze fino a sabato. “Stiamo formando medici ‘con interessi disciplinari speciali’, in grado di coordinare al meglio le attività svolte sul territorio con quelle dell’ospedale – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG -. Una vera e propria interfaccia, una cerniera evoluta con la medicina specialistica, già presente in altri Paesi Europei ma non ancora in Italia. Solo così potremo far fronte all’epidemia di patologie croniche. Non più quindi il medico di famiglia che lavora da solo come un tempo, ma un professionista inserito in team competenti, in grado di effettuare un’ampia gamma di prestazioni di alto livello finora impensabili sul territorio. È importante però che ci venga garantita la possibilità di prescrivere liberamente i farmaci, perché solo così potremo sostenere gli importanti carichi di lavoro richiesti”. Nell’ultimo ventennio la proporzione di italiani affetti da almeno una malattia cronica è aumentata dal 35,1 al 37,9% (pari a 2,7 milioni di cittadini), mentre la percentuale di persone colpite da almeno due di queste patologie è passata dal 17,7 al 20% (2 milioni). I ‘multicronici’ saranno quasi 13 milioni nel 2024 e oltre 14 milioni nel 2034, pari rispettivamente al 20,2% e 22,6% della popolazione (nel 2013 si attesta al 14,4%). “La nostra è una risposta concreta ai preoccupanti rallentamenti che stanno segnando l’evoluzione della medicina generale – continua il dott. Cricelli -. È fondamentale creare un ponte con le nuove generazioni di professionisti, facilitare il passaggio di consegne e trasmettere loro le nostra esperienze e conoscenze. La Scuola di Alta Formazione della SIMG è nata proprio con questo obiettivo. È nostro compito anticipare i processi di cambiamento e preparare i futuri camici bianchi ad affrontarli. Il Servizio Sanitario si consoliderà solo se le società scientifiche sapranno rispondere al principio di sussidiarietà, promuovendo in modo autonomo i processi di evoluzione. In questo senso plaudiamo alla proposta di legge sulla responsabilità delle società scientifiche, perché riconosce il loro ruolo di guida nella definizione dei contenuti e nell’evoluzione della professione”. Una concreta attività di programmazione, anche se presente negli intenti del legislatore che aveva pensato la riforma del Servizio Sanitario nel 1978, ha preso forma solo nel 1994, quasi 20 anni dopo la sua istituzione. “Solo dopo un trentennio – sottolinea il dott. Ovidio Brignoli, vicepresidente SIMG – è stato definito il primo Piano della Prevenzione e dopo quasi un quarantennio il Piano per le malattie rare e per il diabete. In questo periodo la navigazione è stata sostanzialmente ‘a vista’, rendendo così impossibile implementare una serie di attività di natura strutturale, che avrebbero potuto offrirci una condizione di salute dei cittadini notevolmente migliore rispetto all’attuale. In questi anni ci siamo fatti carico di garantire una formazione avanzata ai medici di famiglia, al di là dell’offerta da parte del Servizio Sanitario Nazionale. E vogliamo proseguire su questa strada. Ad esempio le Aggregazioni Funzionali Territoriali (i grandi ambulatori di famiglia aperti 7 giorni su 7) oggi possono essere realizzate perché già 30 anni fa la SIMG ha promosso sperimentalmente i modelli associativi. Il cambiamento legislativo è stato possibile perché la professione possedeva già gli strumenti per metterlo in pratica”.
Per la prima volta il Congresso SIMG raggiunge una partecipazione straordinaria, toccando più di 2.500 presenze . “Oltre la metà – continua il dott. Cricelli – è rappresentata da medici in formazione, o sulla soglia della professione, e da studenti di medicina. Il Congresso non rappresenta una semplice vetrina di argomenti, ma una grande scuola delle cure primarie, qual è l’Alta Scuola della SIMG. Al Congresso si viene cioè ad apprendere concretamente la professione. Noi consideriamo la formazione dei giovani, inclusa quella manageriale, come il più grande investimento. E abbiamo definito una nuova formula di supporto alla formazione e alla qualità professionale. Nella nostra visione di trasferire l’eredità alle generazioni future e di passare loro il testimone, siamo stati affiancati da aziende come Doc Generici e Bayer che da anni credono nel sostegno alla qualità professionale, alla ricerca e alla formazione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Presentazione del nuovo libro di Andrea Carandini

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

isaiah berlinRoma ospiterà il 3 dicembre alle ore 18,00 presso la biblioteca della Camera dei Deputati la presentazione del nuovo libro di Andrea Carandini “Paesaggio di idee. Tre anni con Isaiah Berlin” edito da Rubbettino. Il dibattito vedrà gli interventi di Giancarlo Bosetti, direttore e fondatore della rivista Reset Dialogues on Civilization; di Dino Cofrancesco, professore emerito di Storia e dottrine politiche all’Università di Genova; di Donatella di Cesare, professoressa di Filosofia Teoretica all’Università La Sapienza e di Giuseppe Vacca, Presidente della Fondazione Istituto Gramsci.Andrea Carandini, presidente FAI e collaboratore dei divulgatori scientifici Piero e Alberto Angela, studioso instancabile e noto per le tante scoperte archeologiche, ci invita a riscoprire, con il suo volume, l’illuminismo romantico di Isaiah Berlin e la tradizione filosofica tra il ‘700 e ‘800 come “risorse culturali per uscire dal buio del fanatismo e del populismo”.
Esiste una strada poco battuta nel lungo processo di costruzione europea. Imboccarla ci farebbe uscire dal vicolo cieco in cui le nostre società e i nostri Paesi sono fermi, mentre i confusi rumori e le angosce del mondo globale ci assediano e ci fanno paura. L’archeologo Andrea Carandini, presidente del FAI, ci guida alla riscoperta di questa via europea alla serenità e forse anche alla felicità, dissotterrando una tradizione culturale ancora viva e pulsante, quella del grande illuminismo romantico di Isaiah Berlin, il cui pensiero introduce alla imperfezione migliorabile, apprezzando finalmente la molteplicità della vita e la tolleranza. Con questa guida autorevole, ripercorriamo la tradizione europea tra ‘700 e ‘800, per ritrovare le idee che oggi servono, se vogliamo risorgere. Non si tratta solo di riformare una liberal-democrazia decadente quale è quella italiana, quanto di appassionare giovani e meno giovani all’uso consapevole della ragione non conformista, perché solo coltivando i sogni della ragione saremo in grado di non generare mostri, o almeno di non averne paura.(foto: isaiah berlin)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il rossore non è mai innocente, va indagato

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

vasi sanguigniHa tanti nomi il rossore del volto e spesso è stato considerato un problema solamente estetico ma, un colorito troppo acceso è un segno da non sottovalutare perché può nascondere un problema.Il rossore che appare sul viso o su qualsiasi altra zona del corpo è sempre legato ad una eccessiva dilatazione dei vasi sanguigni del derma e ad un relativo maggiore afflusso di sangue nella pelle che, nel tempo, può portare a numerosi problemi che vanno dall’invecchiamento precoce a vere e proprie malattie come eritrosi, couperose e rosacea. Per questo motivo è importante non sottovalutare questo sintomo e rivolgersi al dermatologo.“Quando i capillari si dilatano, spiega Antonino Di Pietro, Direttore scientifico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano, la velocità di scorrimento del sangue tende a diminuire, per cui le cellule cutanee vengono ossigenate meno e rallentano il proprio metabolismo. Ciò porta ad una minore produzione di collagene ed elastina e ad un conseguente invecchiamento precoce. La dilatazione dei capillari causa un ristagno e provoca un aumento della temperatura superficiale e una maggiore stimolazione delle ghiandole sebacee e sudoripare. Ciò favorisce l’eccessiva crescita di acari (come il Demodex folliculorum) ritenuti corresponsabili di rossori persistenti, eritrosi, e della rosacea, una delle condizioni patologiche associate al rossore, che in Italia affligge oltre 3 milioni di persone. È quindi opportuno non sottovalutare i sintomi per impedire la progressione della malattia”.“Recentemente è stato pubblicato sulla rivista Dermatology & Therapy un ampio studio internazionale, Face Values: Global Perception Survey, condotto su 6.831 persone sull’impatto del rossore del viso in pazienti affetti da rosacea, spiega Giuseppe Micali, direttore della Clinica Dermatologica di Catania, coautore dello studio. I dati rivelano quanto l’opinione pubblica abbia una reazione negativa davanti ad un volto che presenta rossore. Lo studio prevedeva che volti con e senza eritema venissero mostrati a circa 7.000 partecipanti di 8 nazioni e i risultati sono stati sorprendenti: il volto affetto da rossore ha ottenuto risultati penalizzanti rispetto allo stesso volto riproposto senza eritema. Il 12% degli intervistati era inoltre affetto da rossore nel volto associato a rosacea ed è stato riferito come tale condizione avesse una significativa influenza a livello emozionale (77%) e di vivere tale condizione in maniera imbarazzante (46%) fino ad una vera depressione (22%). La ricerca sottolinea come le persone con eritema facciale debbano affrontare non solo sintomi fisici, ma anche sfide psicologiche, che includono il pregiudizio e la percezione negativa da parte del prossimo che può causare uno stress costante. Per questo è fondamentale che, nel trattare questi pazienti, i medici siano consapevoli dell’impatto psicosociale della malattia”.Ma perché il rossore del viso condiziona negativamente la relazione con gli altri e il rapporto con se stessi? “Nell’imaginario collettivo il colore scarlatto del viso si correla ad una scarsa capacità di governare appetiti ed emozioni con conseguente disapprovazione sociale. Possiamo guardare alle somatizzazioni cutanee come al tentativo estremo da parte dell’Io di proiettare all’esterno, sulla pelle appunto, parti di sé considerate scomode, sconvenienti o minacciose, spiega Katia Vignoli, psicoterapeuta, esperta in medicina psicosomatica. Paradossalmente però scaricarli sulla pelle significa esibirli, in quanto il viso è la parte più difficile da celare. Esporre il proprio volto arrossato allo sguardo altrui, quindi al giudizio sociale, è fonte di profondo imbarazzo. Nella storia di parecchi pazienti è dominante il senso di colpa per la propria condizione”.“Comprendere i fattori scatenanti che portano a rossore e rosacea è il primo passo per gestire al meglio questa condizione sia dal punto di vista medico sia dal punto di vista psicologico, afferma Aurora Parodi, professore ordinario di Dermatologia, Direttore UOC Clinica dermatologica, IRCCS AOU San Martino – IST Genova, DiSSal Università di Genova. Attualmente sono disponibili diverse terapie per ridurre il rossore associato alla rosacea. Ad esempio la brimonidina, che agisce attraverso la vasocostrizione cutanea diretta; o la doxiciclina un antibiotico che ha dimostrato potenti proprietà antinfiammatorie, ma che nella terapia della rosacea si utilizza a dosi inferiori e a rilascio prolungato proprio per non alimentare l’antibiotico resistenza”.
Da settembre è inoltre disponibile anche in Italia un nuovo trattamento per la rosacea a base di ivermectina, una molecola innovativa (Il cui impiego per il trattamento della malaria è valso il Premio Nobel per la Medicina di quest’anno ai ricercatori che lo hanno scoperto) che ha rivoluzionato il trattamento della rosacea papulo-pustolosa e che ha proprietà sia antinfiammatorie che antiparassitarie.
“Un recente studio1, continua Aurora Parodi, ha dimostrato l’efficacia di ivermectina rispetto al placebo ottenendo un tasso di successo, definito come assenza o notevole riduzione delle papule e delle pustole, rispettivamente del 38.4% e del 40.1%. Una estensione a 40 settimane dello stesso studio2 ha dimostrato che i pazienti sotto ivermectina crema hanno continuato a migliorare con minimi effetti collaterali rispetto ai pazienti trattati con acido azelaico, una terapia largamente impiegata per la rosacea”. Da poco sono state inoltre pubblicate dalla Società Italiana di Dermatologia Medica, Chirurgica, Estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST) le raccomandazioni per il trattamento della rosacea distinte per ciascun sottotipo. Sulla base di tali indicazioni la rosacea eritemato-teleangectasica beneficia dell’uso della brimonidina, un farmaco vasocostrittore e antinfiammatorio di recente introduzione che può anche essere associato alla terapia fisica (laser o luce pulsata). Nella rosacea papulo-pustolosa viene suggerito l’uso di farmaci topici tra cui l’ivermectina, di recente commercializzazione. Per le forme particolarmente severe o resistenti viene raccomandato l’utilizzo di antibiotici sistemici, come la doxiciclina 40 mg a basso dosaggio, che sfrutta le sue capacità antinfiammatorie in assenza di attività antimicrobica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Presentazione di “Effetti&Scadenze”

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

giulio questiRoma il 2 dicembre alle ore 20.30, presso il cinema Azzurro Scipioni, in via degli Scipioni 82, sala Chaplin verrà presentato in anteprima nazionale il romanzo postumo del regista, sceneggiatore e infine scrittore Giulio Questi “Effetti&Scadenze”. La serata sarà arricchita dalle letture dell’attore di “Anime nere” e de “Il commissario Montalbano”, Fabrizio Ferracane e dalle proiezioni tratte da “Una QUESTIone poco privata (conversazione con Giulio Questi)” del regista Gianfranco Pannone e “Il cinema digitale secondo Giulio Questi” di Stefano Consiglio.
Introdurrà e interverrà nella presentazione di questo originale “pulp metropolitano” il giornalista e critico cinematografico Alberto Crespi.
È nello scintillio di una Roma anni ’90, sospinta dall’ottimismo del nuovo corso politico, che in molti credono a portata di mano un futuro dorato. Chi chiede denaro per svoltare lo ottiene, anche troppo facilmente. Alcuni lasciando in pegno quel che hanno, mentre altri, speculano sulle loro vite. L’edonismo impera. Rispettabili professionisti o esagitati scagnozzi, mogli annoiate o giovani amanti, tutti alla ricerca del prestigio e del successo, persi nella folle e disperata ostentazione di un nome, di una professione, di un deposito bancario. L’ex parà Rino, figlio di cravattaro, geneticamente predisposto alla “professione”, mal si adatta a ruoli di bassa manovalanza nelle attività di riscossione della Finanziaria Argos: il nome pulito in calce alle cambiali, condanna a morte per quanti, debitori, annaspano nel fango e nelle sabbie mobili dell’usura. Nel ventre della Capitale brulicano e covano i germi del disfacimento che verrà. Dalle borgate e dai bassifondi c’è chi tenta la scalata: «I balordi? Certo che li conosco tutti… Ma questo è un momento così tranquillo!… Non c’è più nessuno che fa rapine… Sono tutti in affari…». Un potentissimo romanzo pulp dal crudo realismo narrativo. Una storia che accumula tensione deflagrando in un vortice di violenza e macabra perversione. (foto: giulio questi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La depressione è un “male oscuro”

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

simgLa depressione è un male oscuro che colpisce almeno una volta nella vita l’11.5% degli italiani. Una patologia ancora troppo sottovalutata e che può manifestarsi a tutte l’età. In 12 mesi si registrano episodi, della durata di due settimane, nel 2% dei bambini e tra il 4% degli adolescenti. Mentre negli over 65 la percentuale è del 4.5. Per la prevenzione, diagnosi e cura del disturbo è sempre più importante il ruolo del medico di famiglia in stretta collaborazione con lo specialista. Per questo lo scorso anno ha preso il via il progetto “Psychè” in cui risultati sono presentati al 32° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) che si chiude oggi a Firenze. L’iniziativa è realizzata con il contributo incondizionato di Angelini in collaborazione con la Società Italiana di Psichiatria (SIP). Ha visto la partecipazione di 299 medici di 21 diverse città italiane che hanno raccolto i dati di 2.045 assistiti colpiti dal disturbo. I principali obiettivi di “Psychè” sono stati confrontare l’approccio clinico-terapeutico e valutare l’uso dei farmaci e degli altri strumenti di gestione della patologia. Secondo la ricerca il 5% degli intervistati afflitti da depressione media sono stati invitati ad una visita con lo specialista. Mentre è avvenuto lo stesso solo nel 2.4% dei casi più gravi. Ha consumato almeno una confezione di farmaci antidepressivi il 26% dei malati interessati da forme lievi del disturbo contro il 7.2% dei pazienti più gravi. “Psichè non è uno studio clinico ma un confronto tra le varie pratiche professionali – afferma il dott. Ovidio Brignoli Vice-Presidente della SIMG e coordinatore del progetto -. Da questa nostra indagine emerge chiaramente la grande diversità di come i medici di famiglia affrontano il disturbo. E’ necessario uniformare le modalità di cura rispettando ovviamente le diverse esigenze dei malati. Il prossimo passo sarà creare una rete di camici bianchi che dialoghino tra loro su come affrontare la malattia e che condividano le proprie esperienze quotidiane con gli altri medici di famiglia e gli specialisti di riferimento”. “L’ambito dei disturbi psichiatrici riguarda in prima persona il medico di medicina generale – dichiara Fabio De Luca, Chief Commercial Officer Italia di Angelini – che può rappresentare la figura principale per la presa in carico ed il monitoraggio del paziente psichiatrico, qualora abbia giusti strumenti e un’adeguata formazione. Proprio per questo Angelini conferma il supporto incondizionato al progetto Psychè che ha come obiettivo principale quello di fornire strumenti diagnostico-terapeutici di facile gestione per il medico di famiglia utili nella fase di diagnosi, nelle scelte terapeutiche e, soprattutto nella fase di monitoraggio, con particolare attenzione all’aderenza terapeutica”. (foto: simg)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Selex verso il traguardo dei 10 miliardi di fatturato

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

selexNon si arresta la crescita di Selex, terzo gruppo distributivo italiano. Nel 2015 il fatturato segna un incremento superiore all’11% toccando quota 9.850 milioni, grazie anche all’ingresso del nuovo socio “Il Gigante”. E nel 2016 è prevista un’ulteriore crescita del + 4% che porterà il giro d’affari a 10,2 miliardi.E’ quanto emerso dall’Assemblea dei soci di fine anno tenutasi a Trezzano sul Naviglio (Mi), sede della Centrale del Gruppo, nel corso della quale è stato presentato anche il programma di sviluppo per il 2016.Saranno 69 i nuovi punti di vendita che le imprese associate a Selex inaugureranno in tutta Italia nel prossimo anno (per circa 89.000 mq complessivi) e 55 le ristrutturazioni, per investimenti pari a 152 milioni di euro e centinaia di nuovi posti di lavoro.Selex prosegue così nel suo cammino di sviluppo e di consolidamento sul territorio, registrando performance superiori alla media del mercato. Nel periodo gennaio-ottobre di quest’anno la crescita, a parità di punti di vendita, è stata infatti pari a +1,9%, contro una media di settore Iper+Super del – 0,15%.«I risultati più che positivi ci incoraggiano a proseguire con sempre maggiore determinazione sulla strada dello sviluppo e del rinnovamento, per rispondere alle attese dei consumatori – ha dichiarato nel corso dell’assemblea Dario Brendolan, Presidente di Selex – Impegno, professionalità, coraggio di investire anche in tempi difficili. Sono questi i fattori di successo delle nostre Imprese Associate e del nostro Gruppo».Oggi Selex, con una quota di mercato dell’11,3% (IRI, giugno 2015), è la terza realtà distributiva, presente in tutta Italia con una rete commerciale formata da 2.470 punti di vendita per 2 milioni di mq di superficie, con un organico di oltre 31.000 addetti. Supermercati, superstore e mini-iper, con oltre tre quarti della superficie di vendita complessiva, rappresentano il cuore del Gruppo. Le insegne più note sono Famila, A&O e C+C, cui si affiancano insegne regionali spesso leader sul territorio.Numerose sono le sfide da affrontare nei prossimi anni e per le quali il Gruppo intende non farsi trovare impreparato. «Negli ultimi anni stiamo assistendo ad una veloce evoluzione delle abitudini di consumo – ha detto nel suo intervento Maniele Tasca, Direttore Generale di Selex – con implicazioni molto significative su assortimenti, formule di vendita e modalità d’interazione con i clienti. Tutte queste tendenze richiedono risposte da parte dei distributori che devono implementare esperienze multi-canale ed essere molto più distintivi nell’offerta».Selex Gruppo Commerciale fa parte della centrale d’acquisto ESD Italia, al primo posto tra le Centrali italiane, a sua volta partner della centrale EMD, leader in Europa. http://www.selexgc.it

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Tumore del colon-retto

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

carcinoma colon rettoSono state presentate al primo Congresso nazionale SIPMeL-Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio conclusosi a Roma, le linee guida della società sul tumore del colon-retto. Costituitasi nel 1986, e avendo assunto la nuova denominazione di SIPMeL lo scorso anno, la società raccoglie oltre 2.200 professionisti che lavorano nei laboratori clinici, per la grande maggioranza in ospedali pubblici.
“Le linee guida SIPMeL sul tumore del colon retto costituiscono un documento che delinea raccomandazioni per lo screening e la diagnosi precoce e indicazioni sul ruolo dei marcatori sierologici quali fattori predittivi e prognostici nel follow up e nel monitoraggio del successo terapeutico – spiega Bruno Biasioli, Presidente nazionale SIPMeL. Il tumore del colon retto – prosegue – è una delle neoplasie più importanti tanto nell’uomo quanto nella donna, rappresentando una dei quattro principali tumori nel nostro Paese, con oltre 50.000 diagnosi ogni anno. Possiamo dire che l’incidenza è notevolmente diminuita negli ultimi anni e la mortalità è calata di quasi il 35% negli ultimi 25. Ciò grazie all’applicazione, in termini di medicina preventiva, di strumenti diagnostici e chirurgici esplorativi – come nell’endoscopia – capaci di fare diagnosi molto precoce e di intervenire ambulatorialmente sulle lesioni iniziali, adenomi e polipi, evitando la trasformazione neoplastica.”In tutto ciò, un ruolo di primaria importanza è rivestito dallo screening sulla popolazione che si attua in Italia a partire dai 50 anni, attraverso la ricerca del sangue occulto nelle feci (test FOBT) che, secondo le raccomandazioni SIPMeL, dovrebbe essere effettuato annualmente, possibilmente su tre campioni, riservando la colonscopia alle sole persone a rischio elevato.Importante novità, nelle nuove linee guida, è anche il riconoscimento del ruolo delle tecniche di indagine molecolare che consentono di analizzare alterazioni a danno di geni coinvolti nel meccanismo tumorale. “In particolare Cologuard è l’ultimo presidio diagnostico che utilizza l’analisi del DNA fecale come strumento ad alta sensibilità e specificità per il riconoscimento delle microlesioni neoplastiche”, sottolinea il documento.Cologuard, da poco introdotto in Italia, dopo il lancio negli USA in cui le linee guida dell’American Cancer Society lo raccomandano come alternativa alla ricerca del sangue occulto nelle feci, e in Gran Bretagna, è un esame semplice, non invasivo, con una sensibilità del 92% per il cancro del colon-retto, vicina a quella della colonscopia. Cologuard è stato testato in un ampio studio condotto in Stati Uniti e Canada su 10.000 persone, pubblicato ad aprile 2014 sull’autorevole New England Journal of Medicine1.Nell’attesa di studi sulla popolazione generale, che ne confermino ulteriormente il valore in modo da ipotizzarne anche in Italia un impiego quale test di screening, le linee guida SIPMeL suggeriscono che “in funzione degli studi effettuati e alla luce dell’ampia casistica applicata (nello studio americano, NdR), il Cologuard potrebbe inserirsi come test di conferma per la positività FOBT e indicativo in caso di positività per l’indagine endoscopica.” In altre parole, dicono gli esperti, potrebbe essere impiegato per confermare un eventuale test per la ricerca del sangue occulto nelle feci risultato positivo, prima di ricorrere alla colonscopia, quest’ultima da effettuarsi solo qualora anche Cologuard risultasse positivo.“Questo innovativo test permette l’analisi del DNA fecale combinata a quella di marcatori ematici (emoglobina) normalmente inclusi nel test per la ricerca del sangue occulto nelle feci – spiega Stefano Martinotti, Direttore del Dipartimento di Medicina Predittiva e Patologia Molecolare, Ospedale Clinicizzato S. Maria Annunziata di Chieti. “Rappresenta una possibilità diagnostica concreta – aggiunge – speriamo che possa essere presto disponibile anche in Abruzzo.”“Cologuard è attualmente disponibile in Campania e Veneto e lo sarà presto in Lombardia e Lazio. Prevediamo di coprire tutta l’Italia entro il 2016”, dice Mauro Scimia, Regional Business Manager Italia e Spagna di Exact Sciences.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Greenpeace Hot Air Balloon flies beside Eiffel Tower

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

mongolfieraParis. On the eve of the first meetings of the UN climate conference in Paris, Greenpeace flew a hot air balloon beside the Eiffel Tower. The balloon carried the message ‘RISE UP FOR RENEWABLES’ in huge letters; a message for people marching around the world over the weekend and for the global leaders who will arrive in the city tomorrow. The COP-21 summit is a chance for nations to negotiate a binding global climate agreement. It could be the most important climate summit since Kyoto in 1997. The talks begin officially on Monday, when world leaders are expected to address the negotiators. The summit is scheduled to last for two weeks.The balloon will continue to fly above Paris until 18hr CET tonight depending on weather conditions. Speaking from the foot of the Eiffel Tower as the balloon sailed above, Greenpeace International executive mongolfiera2.jpgdirector Kumi Naidoo said:“The Paris climate conference is a chance for our leaders to make the world a safer place, but it’s not make or break time. Whatever they agree here, renewables are already starting to overpower the dirty and dangerous fuels of the past. It’s a race between rising temperatures and the roll-out of clean technology, and if Paris goes well then renewable energy will get a vital boost. But people need to demand action. That’s why our balloon says RISE UP FOR RENEWABLES.” Naidoo – a veteran of the anti-apartheid struggle – added: “The drivers behind terrorism are many and complex, but undoubtedly climate change increases instability and insecurity in volatile regions. Our addiction to oil has been a cause of war for decades and real meaningful action on climate change system by 2050 globally will make our world a safer place.” (mongolfiera)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Un nuovo modo di fare talent

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

un giorno da starYouBiti, il sito per l’incontro fra Talenti e Clienti che vogliano usufruire delle loro capacità, si occuperà delle selezioni per i Sanremo Music Awards.In occasione dei “Sanremo Music Awards 2016”, YouBiTi si occuperà della selezione dei talenti che prenderanno parte alla serata finale dell’iniziativa, prevista a Sanremo per la seconda settimana di febbraio. YouBiTi è un portale che si occupa della promozione di figure artistiche, come cantanti e ballerini, ma anche conduttori, comici e performers, attraverso casting e attività volte ad aumentare la visibilità dei suoi associati.Le figure ricercate da YouBiTi potranno prendere parte sia alla competizione, sia alla realizzazione della serata finale dei “Sanremo Music Awards 2016”. I talenti ricercati sono:
● Cantanti (solisti o band)
● Co-Conduttori
● Co-Conduttrici
● Vallette
● Performers di arti varie
● Comici
● Barzellettieri
● Crew di ballo
● Writers
I “Sanremo Music Awards” sono una manifestazione canora di livello internazionale che coinvolge varie categorie musicali. Questo contest è un’idea di Nicola Convertino che nel 2001 ha organizzato tre serate al Cremlino di Mosca, ottenendo la partecipazione di un pubblico pagante di 18 000 persone. L’impatto mediatico è stato notevole, considerato che è stato riportato da importanti realtà come “Quelli del Calcio”, “Striscia la Notizia”, alcuni telegiornali nazionali (TG1, TG2, TG3), la diretta in mondovisione della televisione russa, oltre che una rassegna stampa comprendente 280 articoli. I 35 artisti che hanno partecipato alla manifestazione includevano nomi come Antonello Venditti, Toto Cutugno, Lucio Dalla, Enrico Ruggeri, Matia Bazar, Tony Esposito, Francesco Baccini, Albano, Pupo, Marco Masini.
Data la fortuna di questo evento, ne sono stati organizzati altri, che tutti culminati a Sanremo, durante la settimana in cui annualmente si tiene il Festival della Canzone Italiana.
Lo scopo della manifestazione è quello di creare una fusione tra le diverse culture musicali coinvolte nell’iniziativa. Come ogni cerimonia di “Awards”, verrà assegnato un premio per ogni categoria: da miglior cantante maschile e femminile, a miglior band ecc.
Grazie a YouBiTi i giovani talenti potranno avere la possibilità di essere selezionate per prender parte a questo importante evento italiano e di dimostrare le proprie capacità. I “Sanremo Music Awards” rappresentano davvero un’importante vetrina, non soltanto per aspiranti cantanti, ma anche per i talenti nel campo della danza, dell’intrattenimento e permormers.
YouBiTi è diverso da tutti gli altri siti che offrono servizi analoghi perché YouBiTi si occupa davvero di organizzare attività che promuovano e diano una più completa visibilità ai suoi Utenti Associati. A questo scopo, una grossa parte delle quote associative viene proprio reinvestita in attività di comunicazione e divulgazione, sia della piattaforma stessa che delle singole categorie professionali che ne fanno parte.Il suo core business, infatti, si basa sulle attività di marketing e comunicazione poste in essere per creare quel filo conduttore tra potenziali Clienti ed Utenti Associati che porti poi, ad una collaborazione lavorativa soddisfacente per entrambi.
Un nuovo modo per farsi promozione on line, che gioca molto sul concetto di brand identity e agevola l’incontro tra domanda ed offerta.
Per partecipare basta andare sul sito http://www.youbiti.com e inserire il codice coupon Sanremomusicawards per pagare solo 9.90, e si potrà scegliere una delle 9 categorie artistiche elencate sopra. (foto: un giorno da star).

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Politiche innovative per il manifatturiero

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

manifatturieroIl Friuli Venezia Giulia, che già sta attivando strumenti operativi importanti con le politiche regionali più recenti e la leva della specialità, diventi luogo di sperimentazione di misure innovative nell’ambito dell’impresa e del nuovo manifatturiero più avanzato, in grado di diventare buone prassi anche per altri territori, sulla scia di quanto ha fatto il Governo in contesti particolari, come l’autostrada Brebemi o ancora Expo o ora il Giubileo, dove ha avviato politiche innovative e agevolative interessanti e semplificazioni normative. La proposta arriva dal presidente della Camera di Commercio di Udine Giovanni Da Pozzo, che ha aperto oggi pomeriggio il meeting “plenario” dell’intera giornata di confronto internazionale a Villa Manin, con il presidente della Cciaa di Pordenone Giovanni Pavan e il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello. Con loro, anche Debra Mountfod di Ocse, la coordinatrice del progetto Nuova Manifattura Chiara Mio, assieme agli esperti di innovazioni nel manifatturiero come il docente del Politecnico di Milano Sergio Campodallorto, il ceo della Cciaa di Glasgow Stuart Patrick, il giornalista Peter Marsh e l’esperto di strategie economiche e industriali dell’Aston Business School di Birmingham David Bailey. «Udine e Pordenone –ha detto ancora Da Pozzo – rappresentano l’ossatura manifatturiera della nostra regione e tutti noi viviamo la sfida di aiutarlo a crescere e a trovare nuove vie di sviluppo, come decisori pubblici e perché ascoltiamo quotidianamente gli imprenditori, che oggi operano in una sistema radicalmente cambiato e in continua evoluzione. Si aprono scenari con tanti punti di domanda e non è facile identificare linee di crescita, perciò abbiamo voluto coinvolgere l’Ocse, la principale organizzazione economica dei 34 Paesi più vivaci sotto il profilo economico, affinché oltre ad analisi sul territorio ci portasse delle parametrazioni su territori analoghi a livello internazionale. In un equilibrio fra i concetti di globl e local, sono convinto – ha concluso – che possiamo sfruttare la leva della specialità per sperimentare nuove modalità e nuove competenze nel campo del manifatturiero». Un nuovo manifatturiero fatto di «meritocrazia inclusiva, che non vuole lasciare indietro nessuno. Con tecnologia sì, ma con un saper fare, con il sapere e il sapore delle capacità che il nostro territorio sa esprimere, un territorio attrattivo di un’economia che ha al centro lo stile di vita e una qualità della vita che in altre aree ci invidiano», ha aggiunto la professoressa Mio, cui sono seguite le conclusioni dell’assessore Bolzonello. «Ci stiamo infatti siamo impegnando con tutte le forze – ha detto al termine del suo intervento (intervento completo su Regione Fvg) – per innalzare il fattore reputazionale del Fvg a livello internazionale. Un fattore che è uno degli asset più importanti per promuovere il sistema intero della nostra regione, ciò che ci dà valore aggiunto». Senza un alto fattore reputazionale, ha evidenziato il vicepresidente, non vale essere i più bravi ed è per questo che «ci stiamo impegnando, perché l’aspetto reputazionale passa attraverso l’insieme di noi tutti. Noi abbiamo bisogno di sistemi che si accompagnano, con la pubblica amministrazione che è parte del sistema, non una controparte. Friuli Future Forum è importante perché ci dà capacità di creare reputazione per il nostro territorio, ci dà senso di discussione, capacità di interloquire e intercettare ragionamenti e traiettorie per il futuro. Il mio impegno e il mio auspicio è che il Fvg possa accrescere il più possibile il suo aspetto reputazionale per essere sempre più competitivo». «E Il fatto che la Cciaa di Udine – gli ha fatto eco la Mountford – rappresenti ora il Fvg all’interno dei Programmi Leed di Ocse nell’ambito dell’attività del Centro Ocse di Trento, prima sede decentrata dell’Organizzazione internazionale, è anche questo un elemento che sicuramente aiuta la regione ad andare nella direzione auspicata». (foto: manifatturiero)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Incoming Europe del comparto audiovisivo

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

incoming europeROMA. Sono avvenuti durante il mese di novembre le attività di Incoming che hanno coinvolto diverse realtà del settore. Dalle prime settimane del mese sono avvenuti diversi business meeting, visite presso industrie tecniche del settore e vari incontri per analizzare alcune opportunità per le diverse realtà imprenditoriali europee. Diversi i buyer e i rappresentanti di aziende estere che hanno raggiunto Roma per conoscere da vicino le opportunità dell’industria audiovisiva offerta dal Lazio. Alle attività di incoming diversi i rappresentanti delle realtà straniere coinvolte, tra cui WildArt Film (Vienna, Austria), Aplphapicture (Londra, UK) Dutch Mountain Film (Amsterdam, Paesi Bassi), Chambre de Commerce Italienne (Francia). L’Incoming è stato reso possibile grazie alla collettiva di imprese di Roma con la partecipazione di Delta Star Pictures, Solaria Film, Magda Film, Tauron Entertainment e Karma Media che, in collaborazione con CNA Industria Cinema e Audiovisivo e con il sostegno del programma da parte degli strumenti offerti dalla Camera di Commercio di Roma, ha dato vita a importanti opportunità di sviluppo di vari progetti comuni tra i diversi paesi coinvolti. Le aziende di Roma hanno quindi sviluppato alcuni accordi di collaborazione. L’incontro conclusivo di Networking meeting si è tenuto il giorno 26 novembre presso la sede centrale di CNA Industria sita a Roma in Via Guglielmo Massaia 31 (zona Eur, Garbatella), occasione in cui si sono analizzati l’offerta laziale e gli strumenti lanciati dalla Regione Lazio come il Bando Co-produzione internazionale per il quale l’Ente regionale ha impegnato 10 milioni di euro per tutti i progetti di coproduzione cinematografica e audiovisiva che si attueranno tra il 2015 e il 2016. Si sono inoltre verificate anche alcune delle condizioni per sviluppare sinergia tra i vari partner per il bando europeo Eurimages (Fondo del Consiglio d’Europa destinato alle attività di co-produzione, distribuzione, esposizione e digitalizzazione di opere cinematografiche europee). Diversi i progetti già in itinere, tra cui uno su Stonehenge e un inedito progetto sull’Italian Fashion in 3D, in produzione dalla Delta Star Pictures e che vede coinvolta anche la professionista Eva Scala (Master alla London College of Fashion, residente in Inghilterra e vincitrice di numerosi premi internazionali e di recenti riconoscimenti anche in Italia).
Definiti durante gli incontri anche alcuni progetti di animazione, documentari, serie tv e fiction per il cinema internazionale. Diversi i partecipanti, tra cui Rene Huybrechtse, Ebba Sinzinger, Eva Scala, Francesca Brandi, Anthony Souter, Jordan River, Emanuele Nespeca, Paolo Zanotti, Luigi Sacco, Giovanni Saulini, Mariano Martone, Mario Perchiazzi, Sabina Russillo. Visto il tema abbastanza specifico dell’incontro, al fine di definire al meglio le operazioni tecnico-giuridiche delle norme del settore, sono intervenuti all’evento alcuni esperti dello Studio Paulillo&Teti e dello Studio Integrato Sicolevi, che oltre alle attività previste dall’Incoming hanno fornito assistenza agli incontri. L’ottima riuscita del programma ha gettato solide basi per attuare altri progetti di internazionalizzazione portando idee, know-how e prodotti ‘Made in Italy’ anche al di fuori del territorio europeo. (Michela Albanese) (foto: incoming europe)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Dalle Direttive europee nuove speranze per giovani medici e per infermieri

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

medico_famiglia“Stiamo prevedendo una procedura concorsuale straordinaria per l’assunzione di personale medico ed infermieristico con una quota dei posti riservati alla stabilizzazione del personale precario. E’ quanto ha affermato ieri il Ministro Lorenzin: una decisione coraggiosa, che risponde ad una esplicita sollecitazione delle direttive europee e che dovrebbe prendere forma concreta già in questa legge di stabilità. Ma sono bastate queste parole del ministro per riaccendere un dibattito che si preannuncia tutt’altro che facile e scontato. Ad esempio, convertire certi contratti con le cooperative per infermieri in veri e propri contratti di assunzione direttamente per gli infermieri potrebbe essere una risposta efficace alle richieste dell’Europa e un atto di giustizia nei confronti di un personale altamente qualificato, che invece non solo è sottopagato, ma è anche sballottolato da una struttura all’altra, senza avere il tempo di radicarsi nei modelli organizzativi specifici delle varie aziende ospedaliere.” Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare-Ncd – Udc, che continua: “Questa legge di stabilità aumenta il numero dei contratti per i giovani specializzandi portandolo a 6,000: numero quasi raddoppiato rispetto ad un paio di anni fa, ma ancora insufficiente rispetto al necessario raccordo con il numero dei laureati In ogni caso un ulteriore problema scatta proprio al momento in cui i giovani specialisti, che hanno alle spalle non meno di 10 anni di studio tentano di collocarsi sul mercato della sanità e si scontrano con il blocco del turn over. Incomincia allora una nuova fase di ansia e di incertezza, di precarietà frustrante per loro e talvolta anche per le aziende ospedaliere che devono privarsi di giovani professionisti al top delle loro competenze e del loro entusiasmo professionale.” Conclude l’onorevole Binetti: “E’ in questo vivaio di giovani talenti, brillanti e ben formati, che il Ministro deve volgere la sua attenzione per assicurare continuità ad un percorso di formazione-lavoro e per non disperdere un capitale di energie umane ed intellettuali, essenziale per mantenere alto il profilo di cura nei nostri ospedali e nei rispettivi ambulatori, compresi quelli territoriali.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »