Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Archive for 2 novembre 2015

Large South American governments could take more climate action: analysis

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

america latinaWhile Brazil and Peru have better climate plans than Chile or Argentina, none of them have been rated as “sufficient” by the Climate Action Tracker (CAT), which released analyses of the four South American country climate targets today.The CAT – an analysis by four European research organisations – has rated Brazil and Peru’s submissions to the UN as “medium” and has given an “inadequate” rating to both Argentina and Chile. Together, these four countries make up 72% of South America’s greenhouse gas emissions, excluding LULUCF.
The CAT’s “medium” rating indicates that both Brazil and Peru’s climate plans are at the least ambitious end of what would be a fair contribution, and are inconsistent with limiting warming to below 2°C unless other countries make much deeper reductions and comparably greater effort.For Argentina and Chile, an “inadequate” rating is inconsistent with limiting warming to below 2°C: if all countries were to adopt this lower level of ambition, global warming would likely exceed 3-4°C this century.“None of these countries will be immune to the effects of climate change. An increase in warming of 2˚C would have severe impacts on all four of them, and on the rest of the continent,” said Dr. Marcia Rocha, Head of the Climate Policy team at Climate Analytics. “Yet instead of taking action commensurate with the size of the threat, these governments are largely sticking with their current policies, which are heading in the wrong direction.”
“These four South American climate targets are collectively disappointing, with this region extremely vulnerable to climate impacts and many already being observed, now would be the time to really ramp up policies and ambition,” said Bill Hare, CEO of Climate Analytics.
“Now is not the time to simply put forward no more than what is already being done or planned, the world needs real ambition for Paris, and it would be a very important symbol if these countries were able to increase their climate action by the time we get to Paris.”
“Brazil has a large share of hydro power, yet its energy market is projected to increase by more than 50% between 2012 and 2030. While it is good that renewable energy share is set to grow, Brazil needs to be careful it doesn’t recarbonise its electricity sector,” said Dr Rocha.
“With its current deforestation rates, it is difficult to see how Peru is going to meet its climate target, especially its 2021 zero deforestation goal.The country is also likely to face water shortages from glacier melt that will impact on cities and agriculture,” said Juan Pablo Osornio, of Ecofys.
“Chile is a good example of how, if the Paris agreement were to set targets only for 2025, inadequate efforts such as Chile’s could be improved for a 2030 dateline,” said Juan Pablo Osornio.
“Argentina has the potential to step up and at least meet its more ambitious conditional pledge. For a country with such large emissions, and facing quite extreme impacts from global warming, it is disappointing to see such an inadequate effort,” said Dr Rocha.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Market mechanisms will determine the future of Arctic energy business

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

north poleby Carole Nakhle.The Arctic has large potential for hydrocarbon extraction. However, Shell’s decision to suspend its Alaskan Arctic drilling activities off the Alaskan coast in September 2015 confirms what many experts have long argued: the day for extracting hydrocarbons in the region has not yet come. In fact, given today’s oil prices and increasing competition from more accessible sources, large-scale removal of oil and gas in the Arctic could be decades away.
Shell’s decision to suspend its Alaskan Arctic drilling activities in September 2015 confirms what many experts have long argued: the day for extracting hydrocarbons in the region has not yet come. In fact, given today’s oil prices and increasing competition from more accessible sources, large-scale extraction of oil and gas in the Arctic could be decades away.Overlapping and disputed claims of economic sovereignty present an obstacle to developing Arctic resources
Overlapping and disputed claims of economic sovereignty present an obstacle to developing Arctic resources (source: macpixxel for GIS)
In the United States, oil companies have set their eyes on Arctic hydrocarbon extraction for nearly a century. However, excitement over the region’s potential riches tends to come and go in cycles. Investor enthusiasm is usually curbed by the emergence of cheaper and more easily accessible alternatives, which in turn has translated into lower oil and gas prices. At the beginning of the 20th century, the discovery of oil in the Middle East lured companies’ focus away from the Arctic. Today, new technologies allowing for the extraction of shale oil and gas provide the alternative.At the beginning of the 20th century, the discovery of oil in the Middle East lured companies’ focus away from the Arctic. Today, new technologies allowing for the extraction of shale oil and gas provide the alternative The Arctic has large potential for hydrocarbon extraction. The United States Geological Survey (USGS) estimated in 2008 that approximately 13 per cent of the world’s undiscovered oil and 30 per cent of the world’s undiscovered gas deposits lie north of the Arctic Circle. But today, it is difficult to make the case for investing in operations there. Oil prices are hovering below US$50, and companies are cutting costs and shelving low-yielding projects. Unless the oil price climbs back to above US$80 per barrel, global oil firms are unlikely to make extracting the Arctic’s resources a priority.That said, these firms typically take a long-term view when it comes to restocking their portfolios, so the Arctic will not disappear from their radar screens. But market conditions will continue to dictate the extent of any future activity.
In its National Strategy for the Arctic Region, the Obama administration stated in 2013 that ‘the Arctic region is peaceful, stable and free of conflict.’ But that is hardly an accurate description when it comes to exploring for the region’s potential oil and gas riches. The hurdles and fierce opposition that faced Royal Dutch Shell’s offshore Alaska drilling plans are just one example.
Until September 28, 2015, when Shell announced it was halting its drilling activities in the Chukchi Sea off the north-west coast of Alaska, many questioned Shell’s determination to pursue its venture there. The company had expressed its will to see the investment through for several months, and some wondered whether there was something that the company knew that others, including its peers, did not. The risk-reward balance that investors typically seek did not seem to be there, especially considering today’s oil prices and increasing competition from shale oil and gas extraction operations.
Shell’s history in Alaska dates back to 1918, when the company’s geologists first examined the potential for oil extraction in the US territory. It engaged in onshore and offshore drilling in southern Alaska in the 1950s and 1960s, but BP’s (then called British Petroleum) discovery of the giant Prudhoe Bay oil field in 1968 was the major milestone that revived interest in Alaska’s far north. Still, extraction has largely been limited to activity that is onshore and either below or on the circumference of the Arctic Circle.In August 2012, Gazprom postponed indefinitely the development of its giant Shtokman gas field, which was discovered in 1988 in the Russian waters of the Barents SeaThe territory north of the Arctic Circle is divided up among eight countries: Canada, Denmark (Greenland), Finland, Iceland, Norway, Russia, Sweden, and the United StatesShell operated in Alaska continuously from the mid-1960s until 1998, and drilled many exploratory wells in the Beaufort and Chukchi seas in the 1980s and 1990s. In 2005, the company re-entered Alaska, acquiring leases in the Beaufort Sea. It has been reported that Shell has spent US$7 billion on plans to explore the Arctic
Alaska’s crude oil production has declined from 1.8 million barrels per day in 1991 to 0.5 million barrels in 2014. Almost 75 per cent of Alaska’s crude oil production from 1990 to 2012 was from the Prudhoe Bay and Kuparuk River fields in the central North Slope
Statoil’s Snohvit operation is located at 70 degrees north, at the same latitude as the frozen seas north of Alaska
Aside from Shell’s recently aborted plans for drilling in the Chukchi Sea, there remain only two other extraction operations in Arctic waters – both off the coast of northern Norway. One is Statoil’s Snohvit, the first offshore development in the Barents Sea and the first liquefied natural gas production plant in Europe. The other is Eni’s Goliat oil field, also located in the Barents Sea. It is due for its first pilot production before the end of 2015.
According to the above-mentioned USGS study, most of the undiscovered oil and gas resources the Arctic holds lie offshore. More than 70 per cent of the exploration potential is believed to be gas, largely in Russian waters.But these estimates, while indicating substantial resources, should be treated with caution. Geological resource estimates are inherently uncertain – they do not specify what can be commercially recoverable. That is largely determined by market conditions, mainly the price of oil. There could be a lot of oil in the ground under the ice cap that may be ‘technically recoverable,’ but we do not know how much of it can be recovered in a cost-effective manner.At the same time, other sources of supply are appearing in the market. Apart from new extraction opportunities from shale, Mexico opened up its oil and gas fields to foreign investment in 2014. Iran’s deal with global powers to end sanctions will bring even more hydrocarbons onto the market. All of this should continue to put pressure on oil prices, in turn making expensive ventures in the Arctic unprofitable.An early victim of the lower prices caused by the shale revolution was the giant Shtokman gas field in the Barents Sea. In August 2012, Russia’s Gazprom announced it would postpone development of the field indefinitely.Shell’s current setback echoes its disappointing experience in the Arctic in the 1980s. Then, after drilling exploration wells in the Chukchi Sea and Beaufort Sea, the company had to abandon its plans after the oil price plummeted to nearly US$10 in 1986, or US$21.50 today. That was too low to justify developing fields in such remote – and risky – locations.Iran’s deal with global powers to end sanctions will bring even more hydrocarbons onto the market. All of this should continue to put pressure on oil prices, in turn making expensive ventures in the Arctic unprofitable. As put by Norwegian consultancy firm DNV GL, risk in the Arctic is as diverse as the region itself. The main risks are technical, weather-related, operational, environmental, reputational and personnel-related. All these risks result in high costs for oil and gas investors. According to the US Energy Information Administration (EIA), studies have shown that developing onshore oil and natural gas reserves in Arctic Alaska can cost 50-100 per cent more than conducting similar projects in Texas.
The consensus today among experts is that the Arctic has become the most expensive region for resource exploration and development. It requires the highest break-even price to make commercial sense. With oil prices as they are today, it is difficult to make the case for investing in hydrocarbon extraction in the Arctic. (photo: north polo)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa della Presentazione di Maria al Tempio a Oropa

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

madonna oropaOropa (Biella) Sabato 21 novembre si celebrerà ad Oropa la tradizionale Festa della Presentazione di Maria al Tempio. Alle ore 10.00 avrà inizio la processione alla quale seguirà alle ore 10.30 la santa Messa in Basilica Antica, presieduta da Mons. Gabriele Mana, Vescovo di Biella, in occasione della Festa di Presentazione di Maria al Tempio.La memoria liturgica della Presentazione di Maria al Tempio trova la sua radice nell’usanza ebraica e nel fatto che, secondo la tradizione, Gioacchino e Anna, genitori della Vergine, avrebbero portato al Tempio Maria Bambina, per offrirla al Signore, come era consuetudine per il primogenito maschio.
Tradizionalmente, dalla fine dell’Ottocento, durante la funzione avveniva la vestizione delle Figlie di Maria: la comunità ha supportato il collegio dei sacerdoti del Santuario nello svolgimento delle funzioni liturgiche e nell’accoglienza dei pellegrini sin dal XVII secolo. L’istituto, sorto accanto alla Basilica Antica, è stato fondato grazie alle Principesse Maria (1594-1656) e Caterina (1595-1640) di Savoia, figlie del duca Carlo Emanuele I. La comunità religiosa, inizialmente preposta alla cura della biancheria, ha visto nel corso dei secoli aumentare le proprie mansioni, divenute sempre più qualificate e importanti nella vita del santuario. La loro divisa, oggi non più in uso, si richiamava al costume che le donne nubili della Valle d’Oropa portavano nel XVII secolo: cuffia e sciarpa bianca, veste e grembiule di stoffa blu scuro. Le Figlie di Maria attendono oggi alla cura dei paramenti religiosi, alla biancheria degli alloggi, all’ufficio offerte e al negozio di oggetti religiosi. (foto madonna oropa)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autunno tra natura e cultura nei Sacri Monti

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

sacri montiVarese Castello di Masnago Via Monguelfo fino al 29 novembre. Nel percorso espositivo delle sale del Castello di Masnago si susseguono in un percorso continuo fatto di tappe che partono dalle Vie dei Pellegrini medievali e arrivano ad una Via Crucis realizzata da William Xerra nel 2003, documenti originali, modelli, foto e video appositamente commissionate per la mostra.
I documenti, disegni, mappe, filmati intendono rinnovare la conoscenza e la divulgazione di questo straordinario esempio di costruzione del paesaggio attraverso una interpretazione che parte non solo dalle testimonianze storiche ma anche da nuove interpretazioni fotografiche e testimonianze, scritte e disegnate, di fotografi contemporanei e artisti o architetti del passato prossimo che come Giovanni Testori o Aldo Rossi hanno considerato questi luoghi come fonte inesauribile di studio e di ispirazione.
L’ultima sezione della mostra in Sala Veratti rende omaggio, in uno “scontro testa a testa”, a due figure legate in diverso modo alla città di Varese, Giovanni Testori e Lucio Fontana, e approfondisce nel loro lavoro il tema della Via Crucis e della Crocifissione.
Nel prezioso spazio affrescato in via Veratti 14 schermi mostreranno in sequenza le 3 Via Crucis di Lucio Fontana realizzate tra il 1947 e il 1957 mentre verranno esposte le due crocifissioni, la Crocifissione del 1949 (olio su tela) di Giovanni Testori proveniente dalla Collezione Toubas e la Crocifissione in ceramica degli stessi anni di Lucio Fontana appartenente alla Collezione Crippa Ranza accompagnate dai disegni di studio dei due autori sullo stesso tema.Per l’esposizione è stato realizzato un catalogo – edito da Rubettino Editore – che verrà presentato a metà ottobre. In occasione della mostra sono previsti inoltre eventi correlati ai temi esposti tra cui “Eredità dei Sacri Monti”, “Fotografi per i Sacri Monti delle Alpi”. Un calendario completo è in via di definizione.Evento organizzato dalla Triennale di Milano in collaborazione con il comune di Varese (foto: sacri monti)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Galenica, intervento dell’Antitrust apre alle sostanze coperte da brevetto

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

galenicaQuesta volta i farmacisti debbono ringraziare l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) per essere intervenuta, dopo più di dieci anni dall’approvazione del nuovo Codice della Proprietà industriale (D.Lvo 10 febbraio 2005, n. 30 – di seguito “Codice”), su di una norma che, fin dall’approvazione, apparve quantomeno irrazionale e, analizzando bene la problematica, addirittura di fatto “abrogativa” della disposizione stessa che voleva disciplinare.Per i più giovani occorre fare un passo indietro, ai tempi in cui era in atto una vera e propria caccia alle streghe (i farmacisti dediti alla galenica) che non faceva distinzione tra quelli che abusavano – danneggiandola – della possibilità di allestire in farmacia medicinali a base di principi attivi coperti da brevetto e quelli che, nel pieno rispetto della ricetta medica presentata, eseguivano formule magistrali personalizzate sulla base di una prescrizione.I giornali pubblicavano a più colonne notizie dal titolo “Farmacista denunciato per farmaci falsificati” oppure “Il Viagra fai da te” a seguito di interventi operati dai Carabinieri del NAS e dalla Guarda di Finanza che, su input delle aziende farmaceutiche, agivano nei confronti dei farmacisti come si fa nelle operazioni di contrasto alla criminalità organizzata. Dalle rappresentanze professionali e sindacali dei farmacisti l’ordine di servizio era quello del silenzio assoluto. Sarebbe invece bastato intervenire per distinguere i “buoni” dai “cattivi”.Ora l’Antitrust, con una nota pubblicata sul bollettino n. 37 del 19 ottobre scorso, rileva che la norma contenuta all’art. 68 del Codice, oltre che irrazionale è in contrasto con le leggi in materia di proprietà industriale dei principali paesi dell’Unione europea. Di seguito la norma:La facoltà esclusiva attribuita dal diritto di brevetto non si estende, quale che sia l’oggetto dell’invenzione: […] c) alla preparazione estemporanea, e per unità, di medicinali nelle farmacie su ricetta medica, e ai medicinali così preparati, purché non si utilizzino principi attivi realizzati industrialmente. Il testo è identico a quello contenuto nella “legge brevetti” previgente, che però non conteneva la frase finale. Se si analizza attentamente la problematica, con tale ultima disposizione si ipotizzerebbe la liceità di allestimento di preparazioni magistrali, a base di principi attivi soggetti a protezione brevettuale, unicamente realizzando in farmacia la materia prima. In buona sostanza con tale previsione si cancella in toto la disposizione comunemente definita “eccezione galenica” in quanto, oltre che impossibile tecnicamente, la sintesi di principi attivi da utilizzare in terapia è soggetta ad autorizzazione ministeriale non certo concedibile ad una farmacia.
Il lettore si chiederà come una siffatta limitazione possa essere stata concepita, o suggerita, al legislatore governativo. Ebbene tutto nasce da una vicenda giudiziaria dei primi anni duemila nel corso della quale veniva sequestrata una partita di sostanza brevettata in Italia, proveniente da un paese orientale produttore di materie prime farmaceutiche. Nel corso del procedimento penale l’indagato del reato di contraffazione chiedeva al Tribunale del riesame il dissequestro che gli veniva negato. Nel successivo ricorso alla Corte di Cassazione, avverso il rigetto dell’istanza di dissequestro, la Corte, nel confermare il diniego, si dilungava nelle motivazioni ipotizzando, e quasi sostituendosi al giudice di merito, la tesi che, per le sostanze brevettate, era la farmacia che doveva realizzare estemporaneamente la quantità di principio attivo necessaria. Dalla sentenza al testo del Codice il passo è stato breve. Non occorre essere dei chimici farmaceutici per comprendere l’assurdità della norma.
L’Antitrust afferma ora come una siffatta norma “pregiudichi la libertà d’iniziativa economica di un’intera categoria professionale”. Aggiunge poi che, sulla base di stime in possesso dell’Autorità, a livello nazionale le farmacie dotate delle attrezzature e delle competenze necessarie alla preparazione di farmaci galenici, sarebbero “almeno 3000”. Nel concludere, con l’invito al legislatore di rimuovere l’assurdo divieto, l’Antitrust sostiene la valenza del proprio intervento “a fronte della crescente attenzione alla personalizzazione delle cure espressa nel settore medico-farmaceutico” auspicando “una maggiore disponibilità sul mercato di prodotti su misura”.
Che la norma censurata sia assurda è apparso immediatamente dopo la lettura del Codice, ma è altrettanto vero che la legittimazione ad utilizzare sostanze coperte da brevetto impone una particolare attenzione del preparatore che deve attuare una rigorosa selezione delle prescrizioni, eseguendo solo quelle che palesemente appaiono dettate dalla necessità di personalizzare le dosi di principio attivo o di modificare la composizione degli eccipienti. (Maurizio Cini -fonte farmacista33) (foto galenica)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meno fondi a regioni del Sud, Scotti: in Campania si invecchia meno perché si muore prima

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

italia meridionaleLe previsioni per il 2015 e il 2016 – secondo stime Svimez aggiornate a settembre 2015 – non sono delle migliori. Proseguono le diseguaglianze di reddito tra Nord e Sud dell’Italia e il Mezzogiorno è sempre più povero. Nel Centro- Nord oltre il 50% delle persone guadagna dall’80 al 100% del reddito medio regionale; al Sud questo vale solo per una persona su cinque. Nel quadro dei macrodati economici e sociali, una parte rilevante la occupa la Sanità, assieme al Welfare (costoso e inefficace) che dovrebbe attutire il disagio sociale nelle popolazioni del Sud, disagio che invece aumenta con il passare degli anni. In particolare – si legge nel rapporto – la povertà assoluta sul totale della popolazione è passata dal 2008 al 2013 dal 2,7% al 5,6% nel Centro-Nord, e dal 5,2% al 10,6% al Sud. Screening a rilento, prestazioni a pagamento, lunghe liste d’attesa, sale operatorie vuote in ospedale sono solo alcuni effetti di questa contrazione. Esauriti i budget di spesa per numerose prestazioni nei centri che operano in convenzione, i disagi colpiscono soprattutto i pazienti oncologici e i più poveri, esenti dal ticket costretti ad attese più lunghe in ospedale e alla Asl. «L’accesso alle cure – spiega il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli, Silvestro Scotti – viene ad essere sicuramente più sfavorito nei territori a maggiore disagio sociale e fragilità. È chiaro che i tagli incidono in maniera ancora maggiore nel momento in cui il meccanismo di ripartizione del Fondo sanitario nazionale interessa le regioni del sud valorizzando il “pregio” della minore età dei cittadini. Le regioni ricevono un finanziamento maggiorato quando i soggetti sono più anziani, ma questo funziona in sistemi omogenei rispetto a proposta sociale e culturale, se invece inserisco altri valori come la fragilità e la disoccupazione questo presupposto non è più fondato. Al Sud si invecchia meno rispetto al Nord, perché si muore prima, e questo non è certo un bel traguardo».In sostanza, in regioni già sotto finanziate se si vanno a operare i tagli, esiste il rischio che l’intero sistema precipiti. «Nelle regioni del Sud, come la Campania, viene poi poco valorizzata la spesa off pocket. In una regione del nord, dove il taglio sposta la prestazione dal pubblico al privato, ci troviamo di fronte a soggetti con una valorizzazione reddituale maggiore che si possono “permettere” di ricorrere ad un’area privata, questo al sud è praticamente impossibile». Prestazioni e visite specialistiche, per via del costo del ticket, gli ambiti dove i cittadini tagliano di più. «La ripartizione – continua Scotti – incide molto sulle prestazioni e il paziente spesso decide di rimandare la visita specialistica a quando avrà più disponibilità economica. Minori problemi si hanno con i farmaci perché negli ultimi anni, anche per via dell’arrivo dei generici, si è registrato un calo dei prezzi». Secondo Svimez serve prioritariamente una politica attiva di sviluppo centrata sul Mezzogiorno nell’ambito di una “logica di sistema” e di un’azione strutturale di medio-lungo periodo, che sappia coordinare politiche aggiuntive di coesione con rinnovate azioni di politica ordinaria. Necessaria quindi la ripresa del processo di industrializzazione del Sud quale elemento catalizzatore della crescita e il ripristino del ruolo degli investimenti pubblici. (Rossella Gemma – fonte doctor33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Detenzione armi, visita medica e rilascio certificato obbligatorio ma italiani riluttanti

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

rapinaDovevano mettersi in regola con una visita medica e un passaggio in questura. Ma forse non lo sapevano o lo hanno dimenticato: tanti italiani detentori di armi ancora non hanno intrapreso l’iter imposto dalla legge comunitaria che prevede visita medica e rilascio di un certificato in Questura. E ora rischiano che la forza pubblica venga in casa loro a confiscare le armi. In alcune aree d’Italia i commissariati stanno inviando le diffide ai “renitenti”. Nel Tigullio il Questore ha spedito le lettere a 1300 cittadini: su 1800 possessori d’armi solo 500 si sono recati al Commissariato e hanno ottenuto il permesso. «Stiamo parlando di Chiavari Asl 4 – dice Angelo Canepa segretario Fimmg Genova leggendo l’articolo sul Secolo XIX- ma da noi a Genova città Asl 3 sono censiti 89 mila detentori, che dovevano per prima cosa recarsi dal medico di famiglia in base alle disposizioni del decreto legislativo e che non abbiamo visto. A occhio e croce staremmo aspettando 70 mila nostri pazienti per l’adempimento». Certo «si tratta di certificati libero professionali, nulla hanno a che vedere con l’attività convenzionata. E molti miei pazienti quando li ho avvertiti del nuovo iter mi hanno detto che preferivano consegnare direttamente le armi in questura e qualcuno credo lo abbia fatto».Secondo il decreto 121 del 2013 che recepisce la direttiva dell’Unione Europea 51 del 2008 tutti i detentori di armi regolarmente denunciate, situate in casa o in loro proprietà, ora sono tenuti a far produrre al medico di famiglia il certificato anamnestico che attesta l’assenza di problemi relativi alla capacità d’intendere e di volere o di abuso di alcol e stupefacenti, e poi a recarsi con il certificato dal medico del servizio medico legale Asl o militare o di Polizia o dei vigili del fuoco per il rilascio del nulla osta a detenere l’arma. Si può evitare il rinnovo dell’idoneità psicofisica se il certificato d’idoneità è stato rilasciato nei sei anni precedenti. Il documento prima non era richiesto. I dipendenti dei commissariati però sarebbero troppo pochi per i tanti controlli che si devono effettuare. «Sarebbe opportuna una campagna di sensibilizzazione sui media – dice Canepa – ma a chi spetta? Non al medico curante, non all’Asl né al sindaco, probabilmente alla Questura». Un rapido calcolo porta a stimare nelle zone come Genova almeno un cittadino su dieci con arma detenuta. La situazione non va confusa con il porto d’armi, per il quale il certificato da rinnovare ogni sei anni è obbligatorio. E viene richiesto dalle armerie per tutti coloro che intendono acquistare un’arma da fuoco. «Ma altra cosa – commenta Canepa – è l’archibugio ereditato nella casa di campagna. Più frequente di quanto non si pensi». (fonte doctor33)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cala la disoccupazione: ma è proprio vero?

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

lavoratoriDa quando è stato approvato il Jobs Act, non manca mese in cui la pubblicazione dei dati statistici sul mercato del lavoro in Italia non abbia provocato le reazioni entusiastiche del governo sul buon andamento della situazione. Così come non manca occasione per ribadire la trionfale uscita dell’Italia dalla recessione e l’inizio di una fase espansiva senza precedenti. L’arte della manipolazione nell’interpretazione dei dati statistici è uno strumento nevralgico nella creazione di consenso. Non è una novità. Ma se ai tempi del maestro Berlusconi, i suoi aversari del partito de La Repubblica ogni tanto controllavano la veridicità dei dati, oggi non c’è più argine alla propaganda di regime.
Alla pubblicazione dei dati Istat sull’occupazione relativi al mese di settembre, il governo Renzi ci ha già inondato e ancora ci inonderà di tweet sulla straordinaria efficacia della sua politica economica e sui mirabolanti risultati del Jobs Act. E la stampa “di regime”, dall’Unità al Corriere della Sera, passando per La Repubblica e le televisioni di Stato, non farà fatica ad accodarsi.Che la statistica debba essere presa con le molle ce lo diceva già Trilussa qualche tempo fa (ricordate la media del pollo?), prima ancora che ci fossero censimenti e rilevazioni campionarie. E soprattutto prima ancora che le variabili economiche da quantificare e da stimare fossero definite ad hoc.Per rimanere al tema della nota, prendiamo la definizione di disoccupato : lo è colui o colei che dichiara di aver effettuato almeno una azione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane precedenti alla data della rilevazioni statistica.E’ invece occupato colui o colei che ha più di 15 e meno di 64 anni e che ha svolto almeno “un’ora” in un’attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura, oppure ha svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare. Si noti il suggestivo riferimento al “corrispettivo in natura” in tempi di crescente lavoro gratuito… Chi, invece, non risulta nella fascia di età 15-64 anni, né disoccupato/a né occupato/a, automaticamente viene definito inattivo. Gli inattivi sono dunque coloro che non hanno bisogno di lavorare. Ma è proprio così, come appare ad un’analisi volutamente molto superficiale? Il tasso di disoccupazione viene calcolato come rapporto tra i disoccupati (così definiti), al numeratore, e la somma degli occupati e dei disoccupati (definita forza lavoro ), al denominatore.Alla luce di queste definizioni, analizziamo ora i dati di settembre sul mercato del lavoro pubblicati recentemente dall’Istat. I disoccupati sono calati di 35.000 unità. In termini assoluti, si tratta di un calo simile a quello degli gli occupati (- 36.000). In termini percentuali, il calo dei disoccupati (- 11,2%) risulta più significativo di quello degli occupati (-0,2%), essendo il numero dei disoccupati inferiore a quello degli occupati. L’effetto sul tasso di disoccupazione è stato quindi di una lievissima riduzione (dello 0,1: dall’11,9% di agosto all’11,8% di oggi), dal momento che il numeratore è calato in misura più che proporzionale rispetto al denominatore.Tale analisi spiega l’apparente paradosso che vede una riduzione dell’occupazione accompagnata ad una riduzione della disoccupazione e spiega anche che la riduzione nel numero dei disoccupati non è dovuto al fatto che abbiano trovato un nuovo posto di lavoro. Ciò conferma come il contratto a tutele crescenti introdotto dal Jobs Act (spacciato come contratto a tempo indeterminato ma in realtà un contratto con un periodo di prova di tre anni), non sia la ragione vera di una riduzione della disoccupazione. Al riguardo, notiamo che Renzi glissa del tutto sul fatto che gli occupati siano calati in egual misura. Recenti statistiche ci dicono che parallelamente sono diminuiti anche altri contratti atipici, in particolare le collaborazioni, l’apprendistato e il tempo determinato. Il nuovo occupato, in altre parole va a sostituire il futuro nuovo disoccupato. Assistiamo quindi a un processo di sostituzione tra contratti precari che presentano maggiore convenienza economica (quello a tutele crescenti che gode di forte incentivi, seppur in via di riduzione) e i contratti precari “old style”.
C’è poco quindi da stare allegri.
Anche perché i dati settembrini dell’Istat ci dicono che gli inattivi (coloro che “apparentemente” non hanno bisogno di lavorare perché non lo cercano) sono aumentati di 53.000 unità (altro dato che il nostro premier si guarda bene dal sottolineare).Sarebbe un buon risultato se tutte queste 53.000 persone si trovassero nella situazione di non aver più realmente bisogno di lavorare perché hanno ottenuto un reddito più che sufficiente. Purtroppo la realtà è molto diversa in un paese dove, per di più, non esiste neanche un minimo sostegno al reddito, anche solo per contrastare la povertà.Se infatti consideriamo la definizione di forze di lavoro potenziali (introdotta dall’Eurostat nel 2011 ma non calcolata dall’Istat per le statistiche mensili), composte dagli inattivi disponibili a lavorare ma che non cercano attivamente un’occupazione (i cd. scoraggiati ), il quadro si modifica decisamente in peggio.Forse non tutti sanno che, secondo le statistiche Eurostat, in Italia il numero degli scoraggiati è circa tre volte la media europea e supera la soglia dei tre milioni (numero di poco inferiore a quello dei disoccupati sanciti ufficialmente).Poiché stiamo parlando di persone che hanno un’età tra i 15 e 64 anni, non è possibile sostenere che l’aumento degli inattivi è dovuto ai pensionamenti (in un contesto dove, tra l’altro, l’età pensionabile continua assurdamente ad aumentare). Per i due terzi è dovuto all’incremento proprio degli scoraggiati. Ciò significa che nel mese di settembre si sono creati circa 35.000 nuovi scoraggiati, ovvero persone disoccupate a tutti gli effetti ma non conteggiate come tali: una cifra che (magia dei numeri!), corrisponde proprio alla riduzione dei disoccupati “ufficiali”Possiamo quindi concludere che il calo dei disoccupati a settembre è spiegato non dall’aumento dell’occupazione né degli effetti espansivi dell’economia né dal Jobs Act ma, più banalmente, dal fatto che si sono trasformati in scoraggiati .Di fronte alle note trionfalistiche del governo, crediamo che Trilussa se la rida allegramente dalla tomba. (fonte: controla crisi quotidiano online che libera l’informazione)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: “No improvvisazione, servono competenza e larghe intese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

campidoglio“Oggi a Roma comincia una stagione nuova: via un sindaco più incompetente che corrotto, arriva un prefetto esperto e onesto. Sembra poco, ma non è così. il vero discriminante della buona amministrazione è la competenza e la capacità di collaborare, senza farsi travolgere da personalismi”. E’ quanto afferma la deputata di Area popolare Paola Binetti.
“Vogliamo un governo che nei prossimi mesi si qualifichi per queste due caratteristiche: competenza e larghe intese, con assessori che sanno fare e non si improvvisano. No a improvvisazione e a conflitti di basso profilo. Si invece – prosegue Binetti – ad una esperienza consolidata dai fatti e ad una apertura di orizzonti che permetta di riproporre nel governo cittadino un paradigma uguale a quello nazionale. Gestire il Giubileo con i tempi strettissimi che sono rimasti richiede perfetta padronanza della macchina amministrativa e ferma volontà di accantonare tensioni e divergenze a favore di un progetto comune forte per la città. Sara il miglior modo per i romani di arrivare preparati alle prossime elezioni di primavera”.”Si fa un gran parlare in questi giorni di Alfio Marchini, ago della bilancia nelle dimissioni di Marino. Ci piacerebbe – conclude la parlamentare di Ap – vederlo coinvolto in una squadra che si caratterizzi per un forte senso civico: traffico più ordinato, buche scomparse, periferie più sicure, iniziative culturali all’altezza della nostra storia. Che poi queste cose altro non sono che amore alla città e rispetto dei romani. Due cose essenziali per prepararsi ad accogliere i milioni di turisti- pellegrini che con il prossimo giubileo si attendono”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »