Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 17

Archive for 3 novembre 2015

Government Incentives and Innovative Design to Help Cut Costs for Gasoline Particulate Filters

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

londonLONDON The competitive, growing gasoline particulate filters (GPFs) market in Europe and North America presents suppliers and original equipment manufacturers (OEMs) with diverse opportunities as well as challenges. The inclusion of particulate number regulation within emission norms will accelerate the adoption of GPFs. However, government incentives will be vital to help OEMs tackle the rising costs of GPF installations. New analysis from Frost & Sullivan, Analysis of the GPF Market for Passenger Cars in Europe and North America (http://ow.ly/TYXun), finds that the number of engines equipped with GPFs stood at 50,335 units and estimates this to reach 4.6–4.2 million units by 2020. Western Europe will lead the way, accounting for 79 to 82 percent of total volume by 2020.
“Several OEMs are working on combustion optimisation and injection technologies that reduce particulate emissions in engines rather than through exhaust after-treatment,” said Frost & Sullivan Automotive and Transportation Senior Research Analyst Arun Chandranath. “Nevertheless, emission mandates are coaxing OEMs to employ fuel-efficient technologies such as gasoline direct injection, which in turn will drive the need for complementary after-treatment systems like GPFs.” While GPFs provide a filtration efficiency of more than 90 percent, the inherent drawback of increased exhaust back pressure affects fuel economy. Improved material selection and design will be crucial to decrease exhaust back pressure as well as costs. To that end, long-term collaborative relationships among suppliers and OEMs will be essential. “Innovation at the supplier end to effectively design efficient models and widen the operating limits of systems will play a pivotal role in lowering initial and maintenance costs,” noted Chandranath. “Consequently, uptake will surge and OEMs will be better positioned to address emission regulations and customer demands.” Government incentives and a global approach to implementing GPFs will further cut costs and push almost all OEMs in North America and Europe to include GPFs within their portfolios by 2020.
Analysis of the GPF Market for Passenger Cars in Europe and North America (MA36-18) is a Strategic Insight that is part of the Automotive & Transportation (http://ow.ly/TYY2A) Growth Partnership Service program. The study provides key technology trends, drivers and restraints influencing the market for GPFs in North America and Europe. The study also details market size and forecasts by type, OEM, vehicle segment and region. It includes market scenario analysis in view of new markets and OEM advancements as well as dynamic optimistic changes that can alter market volumes and structure. The study closes with an outlook of the market’s future and conclusions from the study.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amplion becomes Catella Asset Management

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

catella1Amplion Asset Management Oy has changed its name to Catella Asset Management Oy. The name change took place on 1 November 2015. Current operations continue unchanged. Catella Asset Management Oy is a fully owned subsidiary of Catella Group and has been providing property asset management services in Finland for nearly 20 years. Amplion’s name change into Catella Asset Management is a logical step as Catella Group has implemented a new more business focused operational structure with four business areas. The Asset Management operations is part of the new business area Property Investment Management, that has operations in five European countries with the ambition to expand to new, selected regional markets.“After Amplion’s name change all our property asset and fund management operations are offered under the Catella brand”, says Eero Syväniemi head of Catella’s Asset Management in Finland.Catella’s Property Investment Management business area has assets under management of approximately EUR 3.1 billion and operations in Germany, Finland, France, Denmark and Spain.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenpeace Response to China-France Joint Statement on Climate Change

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

attivisti greenpeaceBeijing. A joint climate statement was released today by Chinese President Xi Jinping and French President Francois Hollande. The statement made an incremental step forward while highlighting the ambition gap the world still needs to bridge.
On the two critical components of the Paris Agreement – long term goals and an ambition mechanism – progress was made but work still needs to be done in order to raise ambition before and during the Paris conference.Commenting on the joint statement, Greenpeace China Climate Policy Advisor, Li Shuo, said:“Exactly four weeks before world leaders convene in Paris, it is encouraging to see the ball rolling and diplomacy nudging us a small step forward. Moreover, with the recent decline in coal consumption and robust renewable energy development, China is positioning itself at the front of climate leadership. This is drastically different from six years ago in Copenhagen.However, for Paris to be a success, a far bigger stretch is needed. After waving goodbye to President Hollande tomorrow, Chinese leaders need to think hard about what more to bring to the table when they see him again in Paris at the end of this month.”
On October 30, the UN released a new paper showing that the post-2020 pledges made so far are not sufficient to maintain a temperature rise below 2 degree C. A week earlier, the UN concluded its last round of preparatory talks in Bonn, with an unwieldy draft negotiation text that still sees conflicting views and low ambition. The Executive Director of Greenpeace France, Jean-Francois Julliard, said: “This is no time for champagne. This bilateral statement should be another springboard instead of the last word for the Paris agreement. What the world needs in Paris is a global long term vision of a 100% renewable energy supply for all by mid-century and increased ambition by countries every five years starting from now.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

DuPont celebra l’apertura del più grande impianto di etanolo da cellulosa del mondo

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

dupontDuPont celebra l’apertura del suo impianto di biocarburanti da cellulosa a Nevada, Iowa, con una cerimonia che ha visto la partecipazione anche del Governatore Terry Brandstad e di molte altre autorità. Questa bioraffineria è l’impianto di etanolo da cellulosa più grande al mondo, con la capacità di produrre circa 115 milioni di litri all’anno di carburante pulito, con una riduzione del 90 per cento di emissioni di gas serra rispetto alla benzina.Le materie prime usate per produrre l’etanolo sono i residui colturali del mais – gli stocchi, le foglie ed i tutoli rimasti nel campo dopo la raccolta. Lo stabilimento dimostrerà su scala commerciale che i sottoprodotti non alimentari dell’agricoltura possono essere materia prima rinnovabile per sostenere le future necessità energetiche della società. L’etanolo da cellulosa sarà un’ulteriore alternativa al mix di carburanti per l’autotrazione, così come l’eolico ed il solare stanno ampliando le opzioni rinnovabili per la produzione di energia.DuPont offre una combinazione senza pari di competenze scientifiche e di circa 90 anni di esperienza agronomica in Iowa, per sviluppare sia un carburante pulito innovativo che una filiera per la fornitura di biomassa. Cruciali per la filiera di approvvigionamento e per l’intera operatività della bioraffineria di Nevada sono i circa 500 agricoltori locali, dislocati in un raggio di circa 50 chilometri dall’impianto, che forniranno 375.000 tonnellate dupont1secche all’anno di fibra vegetale necessarie a produrre questo etanolo da cellulosa. Oltre a fornire una nuova opportunità di filiera per questi agricoltori, l’impianto creerà 85 posti di lavoro a tempo pieno nello stabilimento e oltre 150 posizioni lavorative stagionali in Iowa.“L’Iowa può vantare una storia ricca di innovazione in agricoltura”, ha detto Terry Branstad, Governatore dell’Iowa. “Oggi celebriamo il capitolo successivo di questa storia, usando i residui agricoli come materia prima per il carburante, in tal modo otterremo eccezionali benefici ambientali per l’intera società e notevoli vantaggi per l’economia dello stato. L’apertura della bioraffineria di DuPont rappresenta un grande esempio di come sia possibile fare innovazione quando le comunità rurali, il loro governo e l’industria privata lavorano insieme per un obiettivo comune”.I business basati sulle biomasse possono generare nuove fonti di reddito e di opportunità hi-tech per le comunità rurali nel mondo. Come azienda globale con attività in oltre 90 paesi, DuPont riveste un ruolo esclusivo nell’applicare la sua tecnologia di cellulosa a livello mondiale, nel settore dei carburanti per autotrazione e in altre industrie.“Con dupont2l’inaugurazione del nostro impianto in Iowa, oggi manteniamo fede alla promessa fatta all’industria dei biocarburanti globali,” ha dichiarato William F. Feehery, presidente di DuPont Industrial Biosciences. “E forse ancora più significativamente, manteniamo fede alla nostra promessa alla società di lanciare nel mercato innovazioni scientifiche che impattano positivamente sulla vita delle persone. I biocarburanti da cellulosa si affiancano all’eolico e al solare come vere alternative ai combustibili fossili, riducendo gli impatti ambientali dannosi ed aumentando la nostra sicurezza energetica.”
In Asia, DuPont ha recentemente annunciato il suo primo accordo di concessione in licenza con la New Tianlong Industry per costruire il più grande impianto di etanolo della Cina, e l’autunno scorso è stato reso pubblico un protocollo d’intesa tra DuPont, Ethanol Europe e il governo della Macedonia per sviluppare un progetto di bioraffineria di seconda generazione. La compagnia sta inoltre lavorando in partnership con Procter&Gamble per usare l’etanolo da cellulosa nei detersivi da bucato Tide nel Nord America.La maggioranza dei carburanti prodotti nella fabbrica a Nevada, Iowa, saranno destinati alla California per soddisfare il Low Carbon Fuel Standard, dove lo stato ha adottato una politica per ridurre la concentrazione di carbonio nei carburanti da autotrazione. L’impianto fungerà anche da dimostrazione su scala commerciale della tecnologia della cellulosa, un luogo in cui gli investitori da tutto il mondo potranno vedere in prima persona come replicare questo modello nelle proprie nazioni di origine.
Fin dal 1802, DuPont (NYSE: DD) porta sul mercato globale le conoscenze scientifiche e ingegneristiche più avanzate sotto forma di prodotti, materiali e servizi innovativi. La società ritiene che, grazie alla collaborazione con clienti, governi, ONG e leader innovativi, si possa contribuire a trovare una soluzione alle sfide globali più pressanti: garanzia di cibo sano e sufficiente ad ogni essere umano, riduzione della dipendenza dai combustibili fossili e protezione dell’ambiente. (foto: dupont)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un italiano alla guida della Royal Opera House di Muscat

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Umberto FanniIl consiglio di amministrazione della Royal Opera House Muscat ha il piacere di annunciare che Umberto Fanni ha assunto il ruolo di Direttore Generale dal 1 novembre 2015. Fanni, che da settembre 2014 era già nello staff dirigenziale della ROHM con il ruolo di direttore artistico, ha in questi mesi contribuito al crescente successo del teatro del Sultanato dell’Oman e il consiglio di amministrazione auspica che il nuovo incarico contribuisca all’affermazione internazionale dei progetti e della programmazione del teatro omanita.“Sono particolarmente grato – sottolinea Umberto Fanni – per la fiducia che il Consiglio di Amministrazione della Royal Opera House di Muscat ha voluto riporre nella mia persona.Dopo quella della direzione artistica, si apre per me una esperienza ulteriormente impegnativa, affascinante ed entusiasmante, dalla quale sono convinto ne ricaverò un ulteriore arricchimento umano, oltre che professionale. Dedicherò ogni mia energia nello sviluppare sempre più gli aspetti qualitativi, sia artistici che gestionali, di questo straordinario teatro e porterò sempre avanti, con passione, la sua missione principale: creare consapevolezza identitaria, per poi trasmetterla di generazione in generazione. Con lo sguardo rivolto soprattutto ai giovani omaniti, per farli divenire sempre più consapevoli della propria storia e della propria ricchezza. La Royal Opera House, quindi, come “ponte” tra le culture musicali di tutto il mondo e luogo di dialogo e di confronto, per mezzo di uno dei linguaggi più puri e preziosi dell’umanità: la Musica”.
Nato nel 1962, Umberto Fanni si è diplomato in pianoforte con il massimo dei voti e menzione speciale al Conservatorio di Musica di Brescia e si è successivamente perfezionato al Conservatorio di Musica di Ginevra. Ha svolto un¹intensa attività concertistica in veste di solista e camerista e ha registrato per la casa discografica Foné. Ideatore, gestore e direttore artistico di importanti rassegne musicali, festival ed eventi di spettacolo di grande successo dedicati all’opera, concertistica, jazz e world music, sin dagli inizi della sua carriera Umberto Fanni ha voluto dedicare i suoi studi approfondendo la stretta connessione tra la programmazione artistica e la gestione amministrativa e del personale delle aziende di spettacolo. Per oltre quindici anni è stato docente di Organizzazione delle Imprese di Spettacolo presso l¹Università Cattolica di Milano e Brescia. Fondatore della Giovane Orchestra da Camera Italiana, dal 1991 al 1996 è stato assistente di Claudio Scimone nella gestione artistica dei Solisti Veneti. Dal 2005 al 2013 ha progressivamente ricoperto l’ncarico di direttore artistico presso la Fondazione Teatro Grande di Brescia, la Fondazione Teatro Lirico “G.Verdi” di Trieste, la Fondazione Arena di Verona e la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari. Dal mese di settembre 2014 è direttore artistico e, dal novembre 2015, direttore generale della Royal Opera House di Muscat (Oman). (foto: Umberto Fanni)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aspettando La traviata di Giuseppe Verdi

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

LA TRAVIATA di Giuseppe Verdi
 Direttore: Nello Santi (3, 4, 5, 6 e 7 Novembre)

LA TRAVIATA di Giuseppe Verdi
 Direttore: Nello Santi (3, 4, 5, 6 e 7 Novembre)

LA TRAVIATA di Giuseppe Verdi
 Direttore: Nello Santi (3, 4, 5, 6 e 7 Novembre)

LA TRAVIATA di Giuseppe Verdi
 Direttore: Nello Santi (3, 4, 5, 6 e 7 Novembre)

Napoli dal 3 al 13 novembre La traviata di Giuseppe Verdi, in scena al Teatro di San Carlo. E’ l’ultimo titolo operistico in cartellone per la stagione 2014/ 2015, eppure, è già atteso come fosse un’inaugurazione. Molti sono gli ospiti dati in arrivo per l’occasione, appartenenti al mondo dello spettacolo, del cinema e della musica leggera, ammiratori e amici del regista Ferzan Ozpetek.
Tra questi segnaliamo: la cantante Emma Marrone, l’attrice polacca Kasia Smutniak, la bellissima e già famosa attrice turca Tuba Büyüküstün, che sarà la protagonista principale del prossimo film di Ozpetek, lo scrittore, sceneggiatore e regista italiano Ivan Cotroneo, la regista italiana Maria Sole Tognazzi, ultima dei quattro figli dell’attore Ugo Tognazzi, ed altri ancora non mancheranno sul red carpet del Teatro di San Carlo, in occasione della prima di stasera. Interpreti:
Violetta Valéry: Maria Grazia Schiavo (3, 6, 10 e 12 Novembre) /Cinzia Forte (4, 7, 11 e 13 Novembre) / Jessica Nuccio (5 e 8 Novembre)
Flora Bervoix: Giuseppina Bridelli (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre) / Anastasia Pirogova (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Annina: Marta Calcaterra (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre)/ Michela Antenucci (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Alfredo Germont: Ismael Jordi (3, 6, 10 e 12 Novembre) / Stefan Pop (4, 7 e 11 Novembre)/ Merunas Vitulskis (5, 8, 13 Novembre)
Giorgio Germont: Giovanni Meoni (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre) / Marco Caria (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Gastone: Massimiliano Chiarolla (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre) / Enrico Cossutta (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Il Barone Douphol: Fernando Piqueras
Il Marchese d’Obigny: Italo Proferisce
Il Dottor Grenvil: Francesco Musinu
Giuseppe: Giuseppe Valentino (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre) / Mario Todisco (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Domestico di Flora: Sergio Valentino (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre / Antonio De Lisio (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Un commissionario: Bruno Iacullo (3, 5, 7, 10 e 12 Novembre) / Giuseppe Scarico (4, 6, 8, 11 e 13 Novembre)
Direttore: Nello Santi (3, 4, 5, 6 e 7 Novembre) / Maurizio Agostini (8, 10, 11, 12 e 13 Novembre)
Maestro del Coro: Marco Faelli Regia: Ferzan Ozpetek Regista collaboratore: Marina Bianchi Scene: Dante Ferretti Assistente alle Scene: Leila Fteita Costumi: Alessandro Lai Orchestra, Coro e Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo Allestimento del Teatro di San Carlo (foto: traviata)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra la Santissima Trinità

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

santissima trinitàOppido Mamertina (Reggio Calabria) Mercoledì 4 novembre 2015, alle ore 17.00, nel museo diocesano di Oppido Mamertina, alla presenza del vescovo di Oppido Mamertina-Palmi, S.E. mons. Francesco Milito; del Segretario Regionale MiBACT per la Calabria, dottor Salvatore Patamia; del soprintendente Belle Arti e Paesaggio della Calabria, architetto Margherita Eichberg e di altre autorità, verrà inaugurata la mostra “La SANTISSIMA TRINITÁ. Un raro dipinto autografo di Mattia Preti da Malta”, che avrà prosecuzione fino al 10 dicembre 2015.
Il dipinto di Mattia Preti, giunto da Malta ed esposto per la prima volta in Italia, appositamente restaurato da Sante Guido e Giuseppe Mantella, fu realizzato nel 1671 per l’altare dedicato a San Luca nella Chiesa dei Francescani Minori a La Valletta, edificio di culto che venne interamente riedificato e decorato per volontà Gran Maestro Gregorio Carafa.
La commovente composizione de La SANTISSIMA TRINITÁ raffigura Dio Padre che sorregge il corpo morto di Cristo; entrambi sono vegliati dalla colomba dello Spirito che scende dall’alto portando la luce della Grazia. Nel comporre l’immagine Mattia Preti si servì di un taglio diagonale, creando un cono prospettico che enfatizza la drammaticità della scena; le braccia aperte di Dio accolgono Cristo con un gesto che è insieme la rassegnata presa d’atto degli eventi, ma anche l’affettuosa condivisione del destino del Figlio. La costruzione in tralice consente, inoltre, di modulare gli effetti della luce con il digradare dei piani verso il fondo. Il volto del Padre o il busto ignudo di Cristo appaiono così investiti da un chiarore diffuso, mentre suggestivi effetti di chiaroscuro caratterizzano la mano destra di Dio, che quasi si perde nell’ombra, o il volto di Gesù reclinato su un lato.
La Santissima Trinità, appare dunque come un capolavoro assolutamente compiuto della maturità dell’artista e una “possente meditazione sui misteri del sacrificio e redenzione di Cristo” come ebbe a scrivere nel 1999 John Spike, il più attento studioso della materia, nel fondamentale catalogo generale delle opere del pittore calabrese.
Le recenti operazioni di restauro hanno confermato l’autografia del dipinto sia per la rilevanza della qualità pittorica, che grazie al rinvenimento dell’acronimo FMP sul retro della tela. La sigla – che sta per Fra’ Mattia Preti – costituisce la firma dell’artista, cavaliere dell’Ordine Gerosolimitano. Il dipinto rappresenta un rarissimo esempio di opera autografa: le iniziali sono accompagnate da un simbolo eseguito con un’unica pennellata che ripropone il “nodo di salomone” o una elaborazione grafico-decorativa del caduceo, simbolo della medicina e possibile riferimento alla figura di san Luca, protagonista della pala maggiore dell’altare dedicato alla Confraternita degli Artisti, già esposto nel 2013 presso L’Accademia Nazionale di san Luca a Roma. L’esposizione è a cura di Paolo Martino, Sante Guido, Giuseppe Mantella e Stefania Russo. (foto: santissima trinità)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il grande pianista Radu Lupu a LuganoMusica

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Berwaldhallen 080424Gästspel av världspianisten Radu LupuSveriges Radios SymfoniorkesterManfred Honeck dirigent, Radu Lupu pianoFoto: Snezana Vucetic Bohm/SR

Berwaldhallen 080424Gästspel av världspianisten Radu LupuSveriges Radios SymfoniorkesterManfred Honeck dirigent, Radu Lupu pianoFoto: Snezana Vucetic Bohm/SR

Lugano 7 novembre alle 20.30 alla Sala Teatro LAC, proseguono gli appuntamenti con i récital cameristici proposti da LuganoMusica. Dopo il violinista Leonidas Kavakos, il pubblico potrà ascoltare, un sommo maestro della tastiera, Radu Lupu. Formatosi tra la nativa Romania e la Russia, Lupu si è segnalato all’attenzione internazionale negli anni Sessanta, risultando vincitore in tre importantissimi concorsi, tra cui il prestigioso Van Cliburn. La sua carriera è quindi decollata su scala mondiale, portandolo a lavorare con direttori del calibro di Giulini, Muti, Karajan e Barenboim. Noto alla critica ed al pubblico per la profonda pensosità delle sue esecuzioni, in cui il lavoro di cesello timbrico si unisce ad una lucidissima analisi formale, Radu Lupu è oggi riconosciuto come uno dei maggiori interpreti viventi dei grandi autori austro-tedeschi dell’Ottocento, in particolare Schubert, Schumann e Brahms. Autori che ha più volte inciso in cd, suscitando consensi unanimi e ricevendo importanti premi.
Di grande interesse il programma che Lupu proporrà al LAC il 7 novembre, interamente fondato proprio sugli autori a lui più congeniali: se la Sonata D 894 di Schubert, con le sue aperture formali verso l’infinito, rappresenta una pagina ben nota del primo Romanticismo tedesco, di più raro ascolto sono invece le variazioni di Mozart, Beethoven e Brahms che la precederanno nel corso della serata. Le Variazioni KV 573, scritte da Mozart durante il viaggio berlinese del 1789, si sviluppano a partire da un tema del violoncellista Duport, allora in servizio presso il re di Prussia, e rappresentano quindi un singolare biglietto da visita con cui il compositore salisburghese cercò di ingraziarsi nuovi possibili committenti. Di gusto piuttosto arcaico appaiono le giovanili Variazioni in do minore WoO 80 di Beethoven, che, si narra, ascoltandole chiese di chi fossero, disconoscendone la paternità, e che non le volle includere nel catalogo definitivo delle sue opere. Al contrario, sono già estremamente mature le Variazioni op. 21/1 di Brahms che, partendo da un tema originale intimo ed amabile, riesce a costruire un arco formale unitario di ampio respiro e di intensa poesia. (foto radu lupu)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Luigi Presenti nuovo presidente Collegio Italiano Chirurghi

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Luigi PresentiLuigi Presenti, 61 anni, romano, Direttore di Chirurgia nell’Ospedale di Olbia, già Presidente ACOI, è il nuovo Presidente del Cic (Collegio Italiano dei Chirurghi). “Il Collegio Italiano dei Chirurghi, come aggregazione di società scientifiche, deve essere la voce forte ed autorevole dei Professionisti di area chirurgica, per svolgere un ruolo da protagonista nel ridefinire i principi dell’attività medica in Italia, in un periodo particolarmente complesso. Abbiamo il dovere di avere una prospettiva strategica ed andare oltre il tema della responsabilità professionale, del contenzioso medico-legale, che va considerato un epifenomeno, della medicina difensiva, che è comunque una reazione aberrante al conflitto medico-paziente. La vera risposta parte dalla ri- professionalizzazione della nostra categoria a partire dalla formazione universitaria e post-universitaria che, nelle forme attuali, impedisce la crescita professionale dei giovani. Solo professionisti preparati possono affrontare le sfide della nuova sanità Deve essere questo il compito delle società scientifiche. Dobbiamo creare, insieme, una piattaforma di proposte concrete che nascono dalla nostra esperienza e dalla nostra competenza. Dobbiamo impegnarci nella stesura di linee guida autorevoli, nella definizione di standard di attività sempre più rigorosi, nell’innovazione tecnologica, che già tanti benefici ha prodotto anche in termini organizzativi, nella ricerca di equità nell’offerta di salute. Il nostro è un compito sociale essenziale perché, sembra banale dirlo, un paese sano è un paese che produce, che va avanti e può competere a livello internazionale. Se si tolgono risorse alla sanità noi non potremo garantire la stessa organizzazione e le stesse prestazioni che abbiamo garantito fino ad oggi. Dobbiamo avere la capacità di essere interlocutori forti: lavorerò affinché il Collegio rafforzi ancora di più la sua la capacità di essere interlocutore delle istituzioni più rappresentative in campo sanitario, dal Ministero della Salute all’Agenas, tenendo conto, naturalmente, dei contesti regionali”. Lo afferma il neo- presidente del Cic (Collegio Italiano dei Chirurghi) Luigi Presenti. Il Collegio Italiano dei Chirurghi riunisce quasi tutte le Società Scientifiche di Area Chirurgica che complessivamente raccolgono oltre 45.000 Medici di tutte le specialità chirurgiche (chirurghi generali, chirurghi specialisti, ginecologi, ortopedici, otorinolaringoiatri, ecc.), impegnati nelle Università e negli Ospedali pubblici e privati di tutto il territorio nazionale. (foto: Luigi Presenti)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quarta edizione di “UniForCity”

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma 6 novembre alle ore 17 inizia il ciclo di conferenze co-organizzato da Università e Comune di Parma al Palazzo del Governatore e continueranno ogni venerdì alle ore 17, dal 6 novembre all’11 dicembre. Nel primo si parla di “Come prendere la crisi economica con filosofia”. Seguono sei nuovi appuntamenti su temi che spaziano dal rapporto fra cibo e scienza alla crisi economica, dalla bioetica all’enciclica di Papa Francesco, dal welfare all’evoluzione del cervello. È la proposta della quarta edizione di “UniForCity”, progetto co-organizzato dall’Università e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma per sviluppare una sempre una più intensa rete di collaborazioni fra Ateneo, Comune e territorio.
Per questa quarta edizione si è optato per la formula del dialogo e del confronto fra diversi relatori. In ciascuno degli appuntamenti un docente dell’Università di Parma discuterà del tema dell’incontro con una personalità esterna di elevato profilo e cultura, in presenza di un moderatore, sempre dell’Università di Parma, che avrà il compito di stimolare la discussione con opportune domande.
Venerdì 6 novembre si parlerà di “Come prendere la crisi economica con filosofia”. Sul tema si confronteranno Diego Fusaro (Università Vita-Salute San Raffaele di Milano), direttore del sito web “La Filosofia e i suoi Eroi”, e Italo Testa (Università di Parma).
Il programma complessivo prevede altri cinque incontri, il 13, 20 e 27 novembre e il 4 e 11 dicembre, sempre alle ore 17 al Palazzo del Governatore:
– 13 novembre: “Che relazione c’è tra la temperatura di Venere e quella di un soufflé?” – Andrea Grignaffini (critico enogastronomico e giornalista) e Davide Cassi (Università di Parma)
– 20 novembre: “Donne sull’orlo di una crisi di welfare” – Laura Balbo (Università di Padova, già Ministro alle Pari Opportunità) e Emilia Caronna (Università di Parma)
– 27 novembre: “Quanto è evoluto il nostro cervello?”-Telmo Pievani (Università di Padova) e Sergio Manghi (Università di Parma)
– 4 dicembre: “Dignità umana, diritti e ragionevolezza nei percorsi della bioetica” – Carlo Flamigni (Università di Bologna, Comitato Nazionale di Bioetica) e Antonio D’Aloia (Università di Parma)
– 11 dicembre: “Laudata si sostenibilità. L’inno alla vita dell’enciclica di Papa Francesco” – Don Umberto Cocconi (Cappellano Università di Parma) e Pierluigi Viaroli (Università di Parma) Tutti gli incontri di “UniForCity” sono aperti al pubblico.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I veri amici non hanno peli sulla lingua

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Friends At Urban Soccer Ground

Friends At Urban Soccer Ground

500, 1.000, 3.000 amici! Se nell’epoca dei social network sembra che la quantità sia la variabile più importante per valutare le proprie amicizie, la ricerca di Groupon dimostra che gli italiani in realtà badano molto più alla qualità. I veri amici? Pochi, sinceri – anche quando la verità fa male – e sopratutto molto “reali” e poco “virtuali”.
Secondo un’indagine effettuata da Groupon su oltre 5.000 utenti, i veri amici si “possono contare sulle dita di una mano”, anzi meno. Il 64% degli intervistati dichiara di avere da 2 a 4 amici su cui davvero poter contare, il 16% degli intervistati dichiara di averne solo 1, quello del cuore. I veri amici sono quelli che più di tutti apprezziamo, non tanto per l’aiuto pratico (13%) o perché sono compagni divertenti con cui ridere e svagarsi (4%), ma perché ci sono sempre quando abbiamo bisogno di supporto emotivo (33%) e ci aspettiamo che ci dicano sempre la verità, anche quando questa ci fa male (27%).Gli amici veri, infatti, hanno il coraggio di dirsi tutto, in particolare quando si tratta di questioni caratteriali (40%) o per la cura della propria persona (26%). Se un amico scrutandovi se ne esce con un “forse è meglio che fai un salto dal parrucchiere” o “se non cambi carattere non troverai mai una fidanzata” non dovreste prendervela, ma abbracciarlo … lui è un vero amico! Certo, gli amici del cuore sono anche quelli che, semplicemente, non ti lasciano uscire dal ristorante con il prezzemolo tra i denti e ti avvertono se il rimmel è colato facendoti sembrare un panda (23%).Ma come vivono le proprie amicizie gli italiani? Molto poco su facebook e i social network (solo il 5% lo fa), ma quasi quotidianamente su WhatsApp (50%) e vedendosi di persona il più possibile (34%), anche se la maggior parte riesce a frequentare poco i propri amici: il 30% degli intervistati riesce a farlo solo una volta ogni tanto e il 27% due volte al mese. L’attività che si fa più volentieri con i propri amici del cuore è: mangiare. Che sia fuori a cena (57% ) o a casa per una pizza (32%), i momenti migliori che si trascorrono con i propri amici sono legati al cibo e a contesti in cui poter parlare tranquillamente. Abolite discoteche, feste e cinema (scelti solo dal 7% degli intervistati) e attività sportive (4%). E se trovandovi a tavola con il vostro amico notate che è un po’ ingrassato, siate sinceri e offritegli un piatto di riso con verdure al vapore … apprezzerà!

London tourists

London tourists

Ma quale coppia di amici famosi impersonifica l’amicizia inossidabile? L’esempio cui tendere? Su questo il sondaggio ha dato indicazioni molto nette: il 50% degli utenti ha votato per Paolo Bonolis e Luca De Laurentis. Solo l’11% per Maddalena Corvaglia e Elisabetta Canalis. Fanalino di coda le grandi star di Hollywood: Matt Damon e Ben Affleck (9%) e Brad Pitt e George Clooney (8%).
Questa ricerca di Groupon si integra nella campagna “Dillo con un coupon” che identifica, con una landing page dedicata sul sito (https://www.groupon.it/occasion/campagna-amici) , le proposte più adatte da regalare ai “veri” amici.Groupon (NASDAQ:GRPN) è il leader mondiale del commercio locale ed il luogo dove trovare qualunque cosa, ovunque ed in qualsiasi momento. Forte della sua dimensione internazionale, Groupon offre ai clienti in tutto il mondo le migliori esperienze a prezzi straordinari. Gli utenti possono scoprire tramite web o smartphone il meglio della propria città tramite Groupon Local, vacanze o weekend fuori città grazie a Groupon Viaggi ed infine un’accurata selezione di prodotti di ogni genere nella pagina Groupon Shopping.
Groupon ha rivoluzionato il modello di business delle piccole e medie imprese e le modalità di interazione fra gli esercenti commerciali e i propri clienti, fornendo loro prodotti tecnologici capaci di personalizzare la vendita ed incrementare il business. Per cercare le offerte o iscriversi a Groupon, visita http://www.groupon.it, per scaricare l’App, visita http://www.groupon.it/mobile. Per scoprire come funziona Groupon, visita http://works.groupon.it/. (foto: amici)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unicam al festival della scienza

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

festival della scienzaCamerino. Si è svolta nei giorni scorsi a Genova la tredicesima edizione del Festival della scienza, punto di riferimento per la divulgazione della scienza e un’occasione di incontro per ricercatori, appassionati, scuole e famiglie. È uno dei più grandi eventi di diffusione della cultura scientifica a livello internazionale. Il Festival, durante gli undici giorni di apertura ha ospitato mostre, laboratori, spettacoli, conferenze, incontri ed eventi speciali finalizzati alla promozione, valorizzazione e divulgazione della cultura scientifica e tecnologica che formano un ricco programma di iniziative studiate per stimolare l’interesse di qualsiasi fascia d’età o livello di conoscenza. Un’occasione per toccare con mano la scienza in modo efficace e divertente.Anche il Museo delle scienze di Unicam ha partecipato al Festival presentando “L’ascolta luce” una rivisitazione arricchita e resa esponibile di un componente dell’exhibit della Mostra che nei mesi scorsi è stata dedicata dall’Università di Camerino alla missione Rosetta. L’istallazione e la relativa attività didattica, nell’anno internazionale della Luce e delle tecnologie legate alla luce, parla delle onde, in particolare di quelle luminose, e di come ….ascoltarle con uno speciale sensore. L’istallazione è rimasta a Genova per tutto il periodo del Festival e visitata da moltissime scuole riscuotendo un importante successo. (foto: festival della scienza)

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le malattie della pelle si curano a tavola

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

dermatiteChe il cibo abbia effetti sulla salute della pelle è stato osservato sin dall’antichità quando è stata individuata la correlazione tra la carenza di vitamina C nei marinai imbarcati per mesi e alimentati con cibo in scatola e scorbuto. Così come la pellagra è determinata da una grave carenza di niacina nella dieta e la mancanza di zinco può determinare la comparsa di una malattia cutanea (un disturbo autosomico recessivo) nota come ‘acrodermatite enteropatica’. “Concetti accantonati in un angolo della memoria da quando ben poche persone presentano stati carenziali e di malnutrizione così estremi” spiega il Prof Luca Bianchi, dermatologo dell’Università di Roma Tor Vergata “Eppure il binomio tra cibo e pelle è un aspetto da recuperare grazie anche alla messe di studi scientifici che ha posto l’accento su come quello che mettiamo sulla tavola si rifletta sulla cute. La complessità degli alimenti, la loro ricchezza molecolare e le sinergie tra gli elementi sono in grado di prevenire alcune patologie cutanee oppure migliorare lo stato di quelle già presenti” proprio di questo si parla al Corso Skineco dal titolo “Belli mangiando“ in corso a Roma.
“Anche l’acne e il suo aumento nella ‘età adulta sembrerebbe potersi ricondurre anche a modelli alimentari di stampo occidentale, che vedono una dominanza di zuccheri, carboidrati e grassi, spesso derivanti da latticini. “Possiamo quasi definire l’acne una patologia da ‘dieta occidentale’. La predominanza di alcuni cibi aumenta la risposta infiammatoria dell’organismo, favorisce la colonizzazione da parte del batterio P. acnes e aumenta la produzione di sebo e la cheratinizzazione del dotto pilo sebaceo” sottolinea Pucci Romano, Presidente Skineco “più di recente è stata osservata una importante correlazione tra ‘indice glicemico dei cibi’ e insorgenza di acne. L’insulina che viene rilasciata in risposta all’assunzione di determinati cibi, stimola gli ormoni androgeni a produrre più sebo e a uno squilibrio metabolico. Dato ulteriormente confermato dall’osservazione che in una popolazione della Nuova Guinea che segue una dieta completamente vegetariana erano completamente assenti tutte le patologie delle ghiandole sebacee tra cui dermatite seborroica e acne. Questo non significa però che siano corrette le diete eccessivamente proteiche, questi regimi infatti rendono la pelle secca, avvizzita e accelerano la comparsa di rughe”.
Si è scoperto anche che tra le proteine della pelle e i cibi ricchi di carboidrati non corre buon sangue: si formano infatti legami chimici , gli AGEs (Advanced Glication End-products) che danneggiano collagene ed elastina a causa del processo di Glicazione e che contribuisce all’invecchiamento cutaneo.
Psoriasi, può migliorare con dieta e cibo giusto – In uno studio pubblicato su Jama Dermatology (i) sono stati analizzati gli effetti di un regime ipocalorico (circa 1000 calorie al giorno per 8 settimane) nei pazienti sovrappeso con psoriasi. La conclusione ha evidenziato che il calo ponderale migliora non solo i parametri ematochimici generali, ma migliora la severità dei sintomi cutanei, rallenta la progressione della malattia e migliora la risposta ai trattamenti. “Il calo di peso (o di contro il suo aumento) è correlato in modo diretto alla severità della malattia e un BMI (indice di massa corporea) superiore a 35 aumenta di 2.69 volte il rischio di sviluppare la psoriasi. Indagate speciali sono le citochine infiammatorie, come IL-6 e TNFalfa presenti sia nel tessuto adiposo che nelle lesioni psoriasiche. Diete ricche di fibre e a basso contenuto di proteine e grassi, possono essere un importante aiuto nella gestione della malattia” prosegue Luca Bianchi.
Benefici effetti anche per la Dermatite Atopica – Condizione che interessa tra il 10 e il 20% dei bambini e il 2% della popolazione adulta, ha mostrato miglioramenti da regimi alimentari ricchi di vitamine, minerali, probiotici e prebiotici. I probiotici in particolare sono quelle sostanze vive, presenti in alcuni cibi fermentati o arricchiti che agiscono sulla microflora intestinale riequilibrandola a favore di batteri ‘amici’. In casi selezionati può essere consigliata l’esclusione mirata di alimenti come latte e uova (ii).
Porfiria: eccesso di ferro, abuso di alcol e dieta povera di antiossidanti – E’ la triade che complotta nella patogenesi della Porfiria e che viene peggiorata dalla carenza di acido ascorbico. Ecco allora come nella borsa del dermatologo ci siano nuovi elementi da schierare come armamentario terapeutico: i cibi con le loro interazioni virtuose.
Verso la ‘skin diet’ nelle conoscenze del Dermatologo – Emerge sempre di più l’evidenza di una stretta correlazione tra cibo e salute della pelle e si sta delineando una vera e propria ‘SKIN DIET’ che abbia una forte impronta mediterranea, prediliga un generoso apporto di frutta e verdura in modo da assicurarsi le preziose vitamine che proteggono e riparano la cute e che apportano anche una quota di antiossidanti. La ‘dieta per la pelle’ dovrebbe essere ricca in verdura, frutta fresca e secca, semi, cereali integrali e latticini ipocalorici, carni bianche e pesce e povera di grassi saturi, zuccheri, carboidrati raffinati, carni rosse. Il nuovo corso dell’alimentazione non è solo ‘perdita di peso’ ma benessere, antiaging e se possibile, prevenzione sia di malattie cutanee che delle patologie che ad esse si accompagnano o le precedono.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Laser Florence 2015: nell’anno della luce, i progressi del Laser

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

laserflorenceFirenze 5-6 novembre Auditorium di Sant’Apollonia (via San Gallo 25/a). Le ultime importanti scoperte e i più interessanti sviluppi dell’uso del laser in medicina saranno al centro della XXVIII edizione di Laser Florence, il congresso internazionale di Medicina Laser che si terrà a Firenze il 5, 6 e 7 novembre e che riserva in questa edizione alcune importanti novità.A oltre mezzo secolo di distanza dalla scoperta del laser, più di duecento medici, ricercatori e scienziati provenienti da tutto il mondo si ritroveranno all’Auditorium di Sant’Apollonia (via San Gallo 25/a), nel cuore del centro storico di Firenze, e alla presenza di molti dei più importanti pionieri mondiali del settore presenteranno la rassegna aggiornata dell’uso del laser in campo dermatologico, della riabilitazione neurologica, dell’odontoiatria, della chirurgia e medicina estetica e da quest’anno, per la prima volta, anche in quello della veterinaria.Particolarmente interessanti si preannunciano come sempre gli sviluppi sul programma di trattamento con il laser delle lesioni spinali traumatiche portato avanti dal professor Leonardo Longo e dalla sua equipe a Firenze.
Anche nel campo delle malattie neurodegenerative una speranza arriva proprio dalla luce: sembra infatti, che l’irradiazione laser di certe regioni cerebrali sia in grado di offrire ai pazienti trattati significativi indici di miglioramento della funzione cognitiva e della personalità, con un generale miglioramento della qualità di vita.Accanto a temi delicati come questo (e come anche quello legato alla risoluzione degli inestetismi dovuti a cicatrici particolarmente importanti o evidenti), si presentano quest’anno alcune applicazioni particolari del laser, come quella nella lotta al russamento (prima causa di divorzio in America e fonte frequente di problemi relazionali), all’incontinenza urinaria e all’acne.Saranno inoltre discusse le ricerche, le scoperte e le innovazioni dei più importanti luminari della medicina laser mondiale, che completeranno il programma del congresso spaziando in tutti i settori d’applicazione.La IALMS, fondata a Firenze nel 2000, è presieduta dal prof. Leonardo Longo, medico chirurgo specialista e professore in Laser Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi Biomedici di San Marino, e presso diverse università in tutto il mondo e autore di centinaia di articoli scientifici pubblicati su riviste scientifiche internazionali accreditate.Laser Florence ha chiesto e ottenuto il patrocinio del Ministero della Salute e dell’Unesco, che ha proclamato il 2015 l’anno della luce. Proprio in rappresentanza dell’Unesco, alla cena di gala del Congresso prevista per sabato 7 novembre alle ore 21 presso Villa Viviani, la soprano Katerina Mina canterà l’inno ufficiale dell’anno della luce “Rainbow of Light”, accompagnata da Linda Lemon, autrice della canzone. (laserflorence)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donati dall’Italia a ospedale militare 216 kit di pronto soccorso medico

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

unifilBEIRUT.– In occasione della giornata conclusiva del primo corso svolto ”a domicilio” dalla MIBIL, presso l’Ospedale militare in Beirut, denominato “TCCCP” (Tactical Combat Casualty Care Provider), l’ambasciatore d’Italia in Libano, Massimo Marotti, ha donato all’esercito libanese 216 kit spalleggiabili di pronto soccorso medico, acquisiti con fondi del Ministero degli Esteri e della Cooperazione. Alla cerimonia hanno partecipato l’Addetto per la Difesa, generale Pietro Luigi Monteduro, il comandante della MIBIL, colonello Andrea Monti e, per la parte libanese, il generale Kiriejan, il direttore dell’Addestramento, generale. Dureid Zahreddine e altri alti ufficiali dello Stato Maggiore.
Marotti ha evidenziato come questa donazione, così come la missione MIBIL, confermi la vicinanza dell’Italia al Libano, al servizio della crescita e della stabilità di uno dei paesi più importanti per il controllo delle crisi ai confini dell’Italia e dell’Unione Europea, mettendo a sistema i tradizionali strumenti diplomatici e della Cooperazione Internazionale, con le eccellenze della Difesa e delle Forze Armate italiane, rappresentando un successo del sistema Italia. Il corso TCCCP, specificatamente sollecitato dalle Forze Armate libanesi, è stato indirizzato all’aggiornamento delle conoscenze mediche di pronto soccorso sul campo di battaglia del personale sanitario della controparte libanese, ed è stato il primo ad essere stato condotto ‘a domicilio’ nell’ambito delle attività della MIBIL. Sviluppato in linea con gli attuali standard formativi internazionali, il corso è stato condotto da istruttori appartenenti alla Scuola di Sanità dell’esercito Italiano.
La missione MIBIL, missione nazionale bilaterale, opera nel contesto generale delle iniziative connesse all’”International Support Group for Lebanon”, facente capo alle Nazioni Unite, operando nello specifico settore della formazione del personale delle forze di sicurezza, attraverso lo sviluppo di programmi di insegnamento e di formazione di livello avanzato, sia in Libano che in Italia. (foto unifil)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

KLM si appresta a ricevere il suo primo Boeing 787 Dreamliner

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Boeing 787-9Il primo Boeing 787 Dreamliner atterrerà ad Amsterdam da Seattle alle 8h30 del 14 novembre per poi entrare negli hangar KLM per gli ultimi controlli. Lunedì 23 novembre il primo volo di linea da Amsterdam per Abu Dhabi e Bahrein. Il Boeing 787 sarà il primo dei 21 aerei di questo tipo che KLM riceverà nei prossimi anni. Il secondo Dreamliner è atteso entro la fine del 2015.
Domenica 22 novembre KLM organizzerà tre Welcome Flights sul suo nuovo Boeing 787 Dreamliner. I 500 biglietti per i voli dimostrativi, messi in vendita a 149 euro sul sito http://www.klm.com/787dreamliner, sono esauriti nel giro di pochissime ore. Durante i Welcome Flights, i passeggeri potranno vivere un’esperienza unica alla scoperta dei segreti del nuovo aereo, dalle nuove poltrone al sistema di illuminazione, dalle innovazioni tecnologiche al nuovo catering. Lo chef Jacob Jan Boerma, tre stelle Michelin, che ha firmato i nuovi menu di classe business dei voli in partenza da Amsterdam, sarà presente a bordo per far vivere ai passeggeri un’indimenticabile esperienza gastronomica.Tra le caratteristiche più importanti del Boeing 787-9 figurano:
– le nuove poltrone della World Business Class completamente reclinabili e con accesso diretto al corridoio;
– le poltrone della classe Economy, reclinabili del 40% in più;
– un sistema Inflight Entertainment all’avanguardia;
– la rete Wi-Fi per tutti i passeggeri che desiderano essere online durante il volo.
Con l’arrivo di questo nuovo aeromobile a ottobre 2015, la flotta KLM si arricchisce di un velivolo più silenzioso e più efficiente. Dotato di motori altamente efficienti in termini di consumi, il Boeing 787-9 consentirà di ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 20%.
L’aeromobile rientra nel programma d’investimento sulla flotta KLM iniziato con l’introduzione della nuova World Business Class sui Boeing 747 e proseguito, prima con il totale rinnovo degli interni delle classi World Business ed Economy sui Boeing 777-200, e poi con la graduale introduzione dei nuovi Boeing 777-300. Sempre nell’ambito di tale programma, da dicembre 2015 KLM doterà la propria flotta di Embraer 175 e 190.
A bordo del Boeing 787-9 si respira l’atmosfera tipica dei voli KLM, con un interior design che rispecchia la disposizione dei posti e lo stile KLM. Gli interni della cabina sono stati rinnovati con l’obiettivo di massimizzare il comfort e la privacy dei passeggeri, mantenendo al tempo stesso i valori del marchio KLM.
Il Boeing 787-9 KLM è dotato della rete Wi-Fi a bordo, la prima vera e propria installazione della rete Wi-Fi di KLM dopo i test effettuati in precedenti occasioni. A bordo sarà possibile usare Internet, accedere alle e-mail e usare altri servizi online utilizzando laptop, tablet e telefoni cellulari. Finestrini più grandi, una maggiore pressione in cabina e speciali luci LED migliorano ulteriormente l’esclusiva esperienza di viaggio. Il tutto assicura ai passeggeri di arrivare in forma e più riposati a destinazione.
Per i suoi Boeing 787-9, KLM ha scelto la nuovissima poltrona completamente reclinabile della World Business Class. La disposizione delle nuove poltrone all’interno della cabina e le diverse soluzioni di design consentono ai passeggeri di avere la massima privacy possibile durante il volo. Una nuova caratteristica molto particolare è che nel Boeing 787-9 ogni poltrona World Business Class ha accesso diretto al corridoio.Colori più caldi, con sfumature diverse per ogni poltrona, e un capiente spazio per i bagagli consentono il massimo comfort e un maggiore spazio per i passeggeri. I cuscini grandi e morbidi e le nuove coperte raffinate offrono alla nuova World Business Class un’atmosfera piacevole e accogliente. Ogni posto è dotato di uno schermo da 16 pollici. È possibile anche usufruire della visualizzazione a schermo doppio, che consente ai passeggeri di giocare o chattare durante la visione di un film, utilizzando il telecomando.
Le poltrone della Classe Economy offrono ai passeggeri un maggior comfort. Lo schienale della poltrona è reclinabile del 40% in più e tutti i passeggeri possono utilizzare una presa con la quale ricaricare i dispositivi mobili. Il sistema Inflight Entertainment è stato rinnovato e ampliato con uno schermo più grande da 11 pollici, touchscreen intuitivi in HD, mappe 3D interattive e la possibilità di comunicare tramite Seat Chat con gli altri passeggeri ovunque siano seduti in cabina. Il sistema Inflight Entertainment offre accesso a oltre 150 film e 200 programmi TV in 12 lingue. (foto: Boeing 787-9)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I campeggiatori scelgono la Puglia

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

Il portale turistico Campeggi.com ha indagato sui gusti e le abitudini dei campeggiatori, ricavando l’identikit del turista en plein air: estate, mare, Puglia e bungalow! La bella stagione è ormai alle spalle, ma per i turisti è già tempo di pensare alle prossime vacanze: c’è chi si informa, anche solo per fantasticare dall’ufficio sulla prossima destinazione, e chi invece sceglie e organizza ora il viaggio del 2016, per risparmiare evitando il rischio del tutto esaurito. Troppo presto pensare oggi alle vacanze? No, soprattutto se vi vedete già spaparanzati sul lettino di una spiaggia pugliese, in estate e con la comodità di un bungalow ad attendervi in campeggio.La nuova indagine di Campeggi.com ( http://www.campeggi.com ), promossa tra i circa 300.000 fan della pagina Facebook del portale KoobCamp ( http://www.koobcamp.com )dedicato alla ricerca di campeggi e villaggi, rivela una sorprendente armonia nelle scelte dei turisti en plein air. A mettere d’accordo gli intervistati, in particolare, sono il periodo e la destinazione della vacanza: il 78% dei campeggiatori sceglie l’estate, nei mesi che vanno da luglio a settembre, e per il 75,6% la preferenza va al mare. Scorrendo le classifiche, scopriamo che il 17% esce dagli schemi delle ferie di massa ed opta per la vacanza in primavera (da aprile a giugno), mentre in pochi “osano” in autunno e inverno. Va detto, però, che stiamo parlando di vacanze vere e proprie, in quanto la possibilità di gite e weekend, anche sulla neve, non mancano nemmeno per il mondo dei campeggi e dei villaggi, grazie alle numerose strutture vicine alle città d’arte e a quelle in montagna che offrono addirittura suggestivi chalet e centri benessere da sogno ( http://www.campeggi.com/le-nostre-proposte/vacanze-sulla-neve_rt9 ).Tornando alla classifica, un approfondimento lo meritano le destinazioni. Se per il puglia75,6% degli intervistati la vacanza è rigorosamente al mare, lago e montagna si piazzano pari merito al secondo posto con un buon 9,8% ciascuno. A pesare su questi dati sono soprattutto le preferenze degli stranieri per il lago, molto amato dai turisti olandesi, e quelle accordate alla montagna in primavera ed estate, a conferma di quanto detto sopra. Tra le curiosità, va detto che i camperisti sono i più aperti a nuove esperienze di viaggio: per loro ogni momento è buono per scoprire nuovi posti, anche se il mare resta la scelta più amata.
Campeggio al mare, ma dove? A mettere d’accordo tutti è la Puglia che, grazie a destinazioni come il Gargano ( http://www.campeggi.com/italia/mappa-campeggi/gargano ), straccia tutte le altre regioni italiane. Se l’Italia domina con il 75,6% delle preferenze dei campeggiatori, seguita da Croazia e Spagna, la regione leader delle vacanze è la Puglia per il 24,3% degli intervistati. Sul podio, a pari merito ma distaccate dalla capolista, troviamo Sardegna epuglia1 Toscana con il 9,7%. A seguire: Trentino Alto Adige, Veneto e Campania con il 7,3%, l’Abruzzo con il 4,8%, Sicilia e Calabria con il 2,4% e poi tutte le altre.Ma se le località fanno la differenza, anche le sistemazioni non sono da meno. L’idea che il campeggio sia solo sinonimo di vacanza in tenda è ben lontana dalla realtà: il 39% degli intervistati sceglie la vacanza in bungalow, il 26,8% la piazzola e il 12,1% l’appartamento. C’è poi chi la casa se la porta dietro in ogni momento e si tratta dei camperisti: il 19,5% sceglie la vacanza in camper. Che ci sia il bisogno di esplorare e conoscere meglio anche il resto d’Italia e le offerte dei singoli campeggi e villaggi? Una necessità alla quale risponde Campeggi.com, con le schede dettagliate delle strutture divise per nazioni (Italia, Spagna, Francia e Croazia), regioni e zone turistiche, impreziosite da immagini, descrizioni e contatti per vacanze sempre nuove e sempre all’altezza delle aspettative. (foto: puglia)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

1° Forum della Ricettività in appartamento

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

porta nuova milanoMilano 10 novembre 2015 dalle ore 9.30 alle 13, nella sede di Confcommercio Milano, Palazzo Castiglioni, corso Venezia 47 (Metro Palestro), Sala Colucci. Si intitola ‘E non chiamatelo più extralberghiero” L’evoluzione della sharing economy, la diffusione della tecnologia e un quadro legislativo incerto, assai diverso da regione a regione, sono i fattori che stanno favorendo l’incremento del così detto Temporaryhome, l”affitto breve ad uso turistico’ di case private o ‘Ricettività in appartamento’, una fetta del settore ‘extralberghiero’, che, con EXPO, a Milano è cresciuta del 20%. In effetti, concedere il proprio appartamento in affitto ai turisti EXPO per molti milanesi è un bel business e un’ottima alternativa alla crisi immobiliare. C’è chi fa da se’ e chi affida il proprio immobile a vere e proprie aziende di gestione e servizi sempre più numerose in città. Fino ad oggi non è stato possibile un censimento ufficiale delle strutture abitative disponibili perché mancava una normativa. Secondo l’Osservatorio di Rescasa Lombardia- Associazione lombarda residence e appartamenti turistici – presieduta da Raffaele Paletti, solo rispetto alle 60 strutture associate, pari a 3.500 appartamenti, il comparto ‘Case appartamento vacanza con licenza d’esercizio’ (CAV) conta complessivamente 450 unità abitative, e il ‘sommerso’, ovvero le case di privati cittadini che in città affittano senza partita IVA, sarebbe, da una recente valutazione, di 8.600 unità. Quindi i numeri del Temporaryhome sono complessivamente ben più alti rispetto agli appartamenti registrati. Basta pensare che a livello nazionale il principale portale di intermediazione conta 87mila offerte.
All’estero l’ospitalità in case private piace a 1 turista su 4, in Italia il fenomeno è emerso negli ultimi mesi, creando di fatto una competitività rispetto ad alberghi e residence che, senza regolamentazione, rischiava di diventare sleale, oltre a creare problemi di sicurezza a operatori e utenti. La Regione Lombardia è intervenuta con la nuova legge 87/2015 sulle “politiche regionali in materia di turismo ed attrattività del territorio lombardo”, ma mancano ancora i decreti attuativi, che andranno a determinare regole, adempimenti ed obblighi dei vari operatori della ricettività turistica. In spirito di collaborazione con il legislatore, Rescasa Lombardia ha promosso il 1° Forum della Ricettività in Appartamento, organizzato con ANBBA-Associazione Nazionale Bed & Breakfast -. Il convegno si svolge il 10 novembre dalle ore 9.30 alle 13 nella sede di Confcommercio Milano, Palazzo Castiglioni, corso Venezia 47 (Metro Palestro), Sala Colucci. Per la prima volta si confrontano direttamente gli ‘stati generali’ della ricettività turistica proprio al fine di elaborare le principali linee guida di attuazione della recente normativa. Lo storico evento ha il titolo provocatorio “E non chiamatelo più extralberghiero”- spiega Rescasa,- perché vuole attirare l’attenzione sociale sul nuovo ruolo da protagonista del Temporaryhome nel mercato delle ricettività turistica”.
L’evento è aperto al pubblico e per i milanesi che vogliono saperne di più su come valorizzare i loro immobili sfitti ed essere aggiornati sugli aspetti normativi e organizzativi, l’occasione è unica in quanto appunto per la prima volta si ritrovano riunite tutte le istituzioni coinvolte e i maggiori operatori del settore. Coordina la mattinata di discussione Massimo Costa, Segretario generale di rescasa Lombardia).

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrazione e richiesta asilo

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

ProfughiUn gruppo di profughi composto da giovani provenienti da Nigeria, Ghana e Afghanistan ha improvvisato un sit-in di protesta davanti all’asilo di Vercelli che li ospita per chiedere maggiore velocità delle pratiche di rilascio dei permessi di soggiorno.
«I lunghi tempi di attesa che i migranti sono costretti a subire per conoscere l’esito della loro richiesta d’asilo sono un problema che più volte abbiamo cercato di mettere in evidenza» – ha commentato Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte – «Un problema che in parte è stato tamponato dall’apertura della Commissione territoriale di Genova il 13 maggio scorso. È evidente però che il gran numero di arrivi accentua lo stesso la problematica».
Secondo i dati forniti all’assessorato all’Immigrazione della Regione Piemonte dalla Commissione territoriale di Torino le richieste di asilo presentate nel 2014 sono state 3.363, mentre fino al 22 ottobre del 2015 sono state 5.940.
In totale nel 2014 sono state esaminate 1.588 richieste di asilo; di queste 839 domande sono state accolte (251 richieste di Status di rifugiato accolte; 287 richieste di Status di Protezione Sussidiaria accolte; 301 richieste di Protezione umanitaria accolte) e 749 domande di protezione internazionale sono state giudicate inammissibili. Ovvero il 53% delle domande ha avuto un esito positivo e il 47% un esisto negativo. Nel 2015 invece sono state esaminate 1.545 richieste di asilo; di queste 748 domande sono state accolte (244 richieste di Status di rifugiato accolte; 106 richieste di Status di Protezione Sussidiaria accolte; 398 richieste di Protezione umanitaria accolte) e 797 domande di protezione internazionale sono state giudicate inammissibili. Ovvero il 48% delle domande ha avuto un esito positivo e il 52% un esisto negativo. Le principali nazionalità dei richiedenti asilo nel 2014-2015 sono Nigeria (569 richieste), Mali (518) e Gambia (376).
«È difficile fare un’analisi dei numeri che ci sono stati forniti dalla Commissione territoriale di Torino, ma è evidente che, nonostante il grosso numero di migranti giunti in Piemonte negli ultimi mesi, i tempi di attesa negli ultimi dodici mesi abbiano subito una riduzione notevole. Siamo passati dai 2 anni circa previsti nel periodo giugno 2014/maggio 2015, agli 8/9 mesi circa della seconda metà del 2015» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno sulla Prevenzione FICT

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2015

basilica san giovanni romaRoma 5 Novembre 2015 presso la Sala dell’Unicef di via Palestro 68, dalle ore 9,30 alle ore 16,00, Convegno: “Prevenzione nel nulla chimico… E se la chiamassimo educazione e promozione della connettività sociale?” in collaborazione con l’Istituto Superiore Universitario di scienze psicopedagogiche e sociali “Progetto Uomo” affiliato all’Università Pontificia Salesiana di Roma. La Federazione Italiana Comunità Terapeutiche da sempre pone al centro di ogni sua azione la centralità della persona e la promozione del benessere come azione preventiva. Tramite i suoi 44 centri federati riesce a mettere in campo in Italia un’ampia capillarità di interventi, coinvolgendo la famiglia, la scuola, gli oratori, le periferie, i luoghi di aggregazione giovanile e il mondo dello sport.
Come si legge dall’ultima Relazione annuale sulle tossicodipendenze al Parlamento, sebbene il momento preventivo sia riconosciuto come vitale, nel corso degli ultimi 8 anni, in Italia, si evidenzia una rilevante riduzione delle sue attività, passando dal 55,5% del 2007 fino al 18% nell’anno 2014. Altro dato significativo: gli istituti scolastici, che hanno attuato progetti di prevenzione all’uso di sostanze psicoattive, passano nel corso degli anni dal 58% nel 2008, al 50% nel 2011, a circa il 46% nel 2014. Mentre la prevalenza di cannabis, nell’ultimo anno, riferita dagli studenti, passa dal 23% nel 2007 al 26,4% nel 2014, come anche rilevante è l’uso di alcol e di psicofarmaci senza prescrizione medica nella popolazione studentesca. Il trend degli utenti in trattamento rileva un costante aumento delle persone tossicodipendenti assistite dai servizi pubblici del sistema sanitario nazionale. L’età media dei nuovi utenti è di 34 anni, di cui meno del 9% ha un’età compresa tra i 15 e i 19 anni. La diagnosi precoce, il riconoscimento tempestivo dei sintomi, l’anticipo dell’accesso ai Servizi rappresentano sicuramente importanti obiettivi preventivi. Ma, come riportato anche all’interno del titolo scelto per il convegno, nel nostro presente fatto di “nulla chimico”, una prevenzione attenta deve trascendere l’approccio esclusivamente medico, per connotarsi di aspetti educativi e formativi. Inoltre, nell’attuale realtà sociale va considerato che occuparsi di prevenzione significa non solo fare riferimento alle forme di dipendenza, ma anche di altre situazioni di disagio, che rappresentano i nuovi bisogni sociali emergenti: il contrasto all’illegalità, l’immigrazione, la protezione delle vittime di tratta, l’inclusione sociale, l’inserimento lavorativo.
Il Convegno approfondirà gli aspetti peculiari dell’azione educativa nel territorio, presentando alcuni modelli di riferimento e prassi operative consolidate. Spiega la dr.ssa Maria Calabrese, coordinatrice della Rete sulla prevenzione FICT: “Il metodo preventivo, la struttura e la professionalità degli operatori sono chiari; tuttavia, gli interventi di prevenzione dipendono per la quasi totalità da progettazioni a termine. La mancanza di continuità negli interventi realizzati rischia di vanificare il lavoro svolto, creando interventi spot, piuttosto che servizi stabili e verificabili nel tempo. Dal punto di vista territoriale, esistono grandi differenze sul nostro territorio nazionale, sia nel servizio pubblico che nel privato, creando un’eterogeneità nelle possibilità di intervento ed una struttura a macchia di leopardo. Le Associazioni che operano nella prevenzione sono costrette, a volte, a rispondere alle esigenze e alle richieste dei propri territori adattandosi alle possibilità offerte e alle esigue risorse; oltre che agendo innanzitutto in forme di volontariato e di gratuità. Per questo è fondamentale creare reti territoriali in cui le istituzioni, le associazioni e i servizi dialoghino e si confrontino a livello nazionale e locale, in cui diventi centrale anche il contributo di una visione politica. Una prevenzione alle dipendenze che basa tutte le sue intuizioni e le sue azioni attraverso il solo paradigma della cura e rimane orfana di una visione politica, intesa come attenzione al ben-essere della popolazione – afferma – è una visione riduttiva del senso di partecipazione sociale alla comunità. Pertanto, lo scopo di questo incontro è di far nascere domande che aprano a nuovi modi di pensare e di leggere i bisogni emergenti per tracciare possibili risposte metodologiche, culturali, educative e politiche di promozione alla salute.” Interventi:
Saluti: Consigliere Patrizia De Rose – Dipartimento Politiche Antidroga , Sac. Mimmo Battaglia – Presidente FICT e il prof. Nicolò Pisanu – Presidente Istituto Progetto Uomo. Relatori: Marica Ferri – EMCDDA, Osservatorio Europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, Lisbona, Franca Olivetti Manoukian – Psicosociologia, consulente di organizzazione dei servizi – Studio APS, Milano, Francesco D’Angella – Psicosociologo Studio A. P. S. di Milano. Ci sarà inoltre una tavola rotonda dal titolo: “Dove sta andando la prevenzione? Pre-visioni, pre-testi e pre-supposti” a cui parteciperanno: Maria Calabrese – FICT; Mario Dondi – Istituto Progetto Uomo; Leopoldo Grosso – Gruppo Abele; Riccardo De Facci – CNCA; Franco Taverna – EXODUS. Prenderà parte alla tavola rotonda anche la dr.ssa Filomena Rocca, Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, MIUR.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »