Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Legge di Stabilità: tutti i tagli al Comparto Sicurezza

Posted by fidest press agency su domenica, 8 novembre 2015

polizia“La Legge di Stabilità di avvia ad infliggere tagli devastanti al Comparto Sicurezza nel giro dei prossimi tre anni. Sono numeri impressionanti che i cittadini neppure immaginano e che, invece, devono conoscere in dettaglio soprattutto in questo momento storico, in cui il bisogno di sicurezza non è mai stato così insoddisfatto, in cui la percezione della sicurezza non è mai stata così bassa, in cui i pericoli vecchi e nuovi per la vita di tutti noi e per la ripresa di questo Paese non sono mai stati così incombenti. Al sempre più incalzante proliferare della corruzione, all’arroganza della criminalità organizzata, al centuplicarsi delle minacce delinquenziali ‘comuni’ che assillano le singole famiglie, alle sfide criminali e terroristiche che provengono dall’estero, al disagio crescente e schiacciante degli Operatori della Sicurezza si risponde così, con una manovra che penalizza più di tutto, in assoluto, il Comparto più indispensabile alla vita civile e democratica del Paese”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, commenta i paventati effetti della Legge di Stabilità che priverà il Comparto di risorse in un numero enorme.
Più in dettaglio, sono stati concepiti i seguenti specifici tagli: 12 milioni e 758 mila euro al fondo straordinario del Personale della Polizia di Stato; 87 milioni e 697 mila euro per la lotta alla delinquenza organizzata; 317 milioni e 67mila euro all’Arma dei Carabinieri ed alla tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica; 190 milioni e 343 mila euro alla pianificazione ed al coordinamento delle Forze dell’Ordine, al programma contrasto al crimine, alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica; 1 milione e 895 mila euro per spese di funzionamento della Direzione Investigativa Antimafia; 138 milioni e 909 mila euro alla prevenzione e soccorso pubblico.
“Il Governo dimostra così di ritenere in pratica assolutamente sacrificabile il servizio reso da tutti coloro i quali operano nei settori citati – insiste Maccari – riducendo al lumicino i fondi destinati alle Forze dell’Ordine ed al Comparto per la Sicurezza nazionale e l’Ordine pubblico, già esposto a precedenti continui tagli e a 6 anni di blocco dei contratti. La cosa equivale ad una chiara valutazione: quel che i cittadini chiedono in maniera più pressante non ha alcuna importanza; quel che le Forze dell’Ordine hanno sempre garantito fino a qui non ha abbastanza valore da consentire loro di continuare a farlo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: