Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 299

Archive for 12 novembre 2015

MEPs to Reform Electoral Law of EU

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

electoral lawOn Wednesday evening, the European Parliament will vote on proposals for future electoral reforms to enhance the democratic nature of the European elections. Among these measures we find:
– The possibility for all EU citizens living abroad to vote in European elections.
– The increase of electronic, online ad postal voting.
– The increase of gender balance in voting lists.
– The lowering of the voting age to 16.
– The nomination of lead candidates to preside the European Commission.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Support the Jacques Delors Institute!

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

jaques delorsThe Jacques Delors Institute needs the support of all those who wish to defend the founding principles of the EU, act for more democratic debate and push for greater European integration. This support is more important to us than ever at a time when the European Union is developing in a particularly difficult context (the Eurozone crisis, the calling into question of the Schengen zone, wars on our doorstep, the possibility of a Brexit, etc.). (photo: delors)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Melexis & Mouser Sign Global Supply Chain Agreement

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

melexisTessenderlo, Belgium, Melexis, a global microelectronics engineering company, has further reinforced its worldwide distribution channels with the announcement that it will partner with Mouser Electronics Inc. The global distribution agreement now established between the two companies will mean that Melexis’ state-of-the-art semiconductor products, for automotive, consumer, industrial, home/building automation and medical applications, will be added to the Mouser linecard.The Melexis portfolio features many industry-leading solutions, including magnetic sensors, high performance imaging devices, MEMS pressure sensors, motor control ICs and wireless/wireline communication ICs. These help raise the energy efficiency levels of household appliances, improve patient monitoring and enable the wireless charging of portable electronics equipment, as well as leading to vehicles that are safer to drive and have lower carbon emissions. Among the Melexis products that can now be sourced via Mouser is the MLX90393 ‘software defined sensor’. Utilizing Melexis’ proprietary Triaxis® technology, this highly flexible micropower magnetometer offers 16-bit resolution magnetic measurement along X, Y and Z axes (plus thermal measurement). It presents engineers with a vital building block upon which any magnetic sensing application can be based – including joysticks with push detection, rotary/push knobs and sliding switches. It is designed for 2.2V to 3.5V operation. Also available from Mouser is the MLX90614 automotive-grade digital infrared (IR) thermometer, which provides a highly effective non-contact method for measuring object temperatures up to +380°C. This integrates a low-noise amplifier, 17-bit analog-to-digital converter (ADC) and powerful digital signal processing (DSP) unit to deliver 0.5°C accuracy across a wide temperature range, with resolution of up to 0.01°C. In addition to these devices, Mouser is also stocking the MLX81106 LIN RGB slave controller and MLX90129 13.56MHz sensor transponder IC.“Melexis has made great progress during 2015 in strengthening its global distribution network,” states Gianluigi Morello, Global Sales Director for Melexis. “Our cooperation with Mouser is a vital part of this work. As a result we will now be even better positioned to deal with growing market demands over a wide range of different industry sectors.” (photo: melexis)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

11th Annual European Union Film Festival in Toronto

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

festival torontoToronto Sunday, November 15 – 8:30pm. Royal Cinema – 608 College St. Directed by Laura Bispuri Italy/Switzerland/Germany /Albania/Kosovo,  Drama, 90 min, Language: Italian/Albanian Cast: Alba Rohrwacher, Lars Eidinger, Flonja Kodheli
Hana Doda, still a girl, escapes from her destiny of being a wife and a servant, a future imposed on women in remote village life in Albania.  With the help of her uncle’s guidance, Hana appeals to the old Kanun traditional law and takes an oath of eternal virginity for the chance to  bear a rifle and live free as men. For the villagers, Hana becomes Mark, a “sworn virgin”.  But something restless stirs under these men’s clothes. Years later, the immense Albanian mountains and her choice now seem like a prison.  Mark decides to set out on a journey, too long put off. He travels to Italy, crossing borders into many different worlds: Albania and Italy,  past and present, masculine and feminine.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment: Can the AB InBev, SAB Miller merger buck the trend of destroying value?

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

As the AB InBev and SAB Miller merger is finally agreed, John Colley, Professor of Practice at Warwick Business Schooland an expert on large-scale mergers, discusses what the deal and subsequent selling of MillerCoors means for the industry.”In view of the size and scale of AB InBev post the SAB Miller deal, there is likely to be further consolidation amongst the remaining players. This is a trend in the pharmaceuticals industry, where valuations are increasing as the industry rapidly consolidates. Size is necessary to compete on cost grounds and distribution grounds. Maintaining product availability through distribution requires sizeable advertising budgets in order to compete with the big brands. Molson Coors may not be independent for long. “For shareholders $106Bn is a steep price. Cost savings are estimated at $1.4Bn or seven per cent of sales. This is a figure well below expectations suggesting that pricing and distribution benefits may be the real driver of the deal. Forced sales such as the shareholding in MillerCoors through competition authority pressures with others to follow, possibly in China, Latin America and Europe, means lost value to shareholders. Further concessions may also be required in the USA. At what point does this become value destroying? Research shows most acquisitions result in destroying value rather than creating it. Will this deal buck the trend? “Big brand brewing is highly profitable due to scale and scope economies related to the size of the main players. However it is their stranglehold on distribution through bars, restaurants, supermarkets and entertainment venues which prevents effective competition. The power of advertising together with product availability is highly potent – just ask Coca Cola. A glance at AB InBev’s results shows that big brands are continuing to make ground further limiting competition. Beer markets are declining in many countries. This is partly through the move to craft beers, together with increasing popularity of wines and spirits.”It is rare that the number one player in an industry buys the number two player, creating a worldwide market share of almost 30 per cent in a consumer market. The global brewing industry is already concentrated, with the top five (soon to be four) sharing almost 50 per cent of the market.”Research shows that less competitors in an industry, and specifically the brewing industry, results in higher profits and consequently less consumer choice. This merger is likely to further restrict consumer choice. It will also limit price competition in an industry which already demonstrates stratospheric levels of profitability. AB InBev has Earnings before tax, depreciation and interest (EBITDA) of around 40 per cent. The beer consumers’ hope is the growth of craft beers. These are rapidly multiplying and have a significant share in pub sales.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fair trials: civil liberties MEPs back new EU rules on presumption of innocence

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

european parliamentThe civil liberties committee on Tuesday approved a deal struck by Parliament and Council negotiators on new EU rules to ensure that the right to be presumed innocent until proven guilty in criminal proceedings is respected throughout the EU. The aim is to enhance the right to a fair trial and to strengthen member states’ trust in each other’s criminal justice systems. The new law will apply “at all stages from the moment when a person is suspected or accused of having committed a criminal offence, or an alleged criminal offence, until the final determination of the question whether the person has committed the offence concerned and that decision has become definitive”. Around nine million people are the subject of criminal justice proceedings every year in the EU.”Parliament fought successfully to get rid of the clause that gave member states a real possibility of reversing the burden of proof. The burden of proof lies with the prosecution. This is a key principle of criminal law and it was our red line. We also secured a paragraph preventing the use of evidence obtained in breach of Article 3 of the European Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (ECHR), i.e. as a result of torture, as well as a clause enshrining the absolute right to silence. Furthermore, we have ensured that the accused cannot be made to look guilty, before a verdict is reached, for example by being handcuffed or made to wear prison uniform,” said the rapporteur, Nathalie Griesbeck (ALDE, FR). Member states will be required under the directive to take measures to ensure that public authorities do not refer to suspects or accused persons as being guilty “before such persons have been proven guilty according to law”. This is without prejudice to acts of the prosecution which aim to prove the guilt of the suspect or accused person (e.g. the indictment), or to preliminary decisions of a procedural nature, such as decisions on pre-trial detention, provided that they do not refer to the suspect or accused person as being guilty.National authorities must also abstain from presenting suspects or accused persons as being guilty, in court or in public, “through the use of measures of physical restraint”, such as handcuffs, glass boxes, cages, and leg irons, unless the use of such measures is required for case-specific reasons, relating to security or to the need to prevent them from absconding or from having contact with third persons, such as witnesses or victims.
The burden of proof in establishing the guilt of suspects or accused persons is on the prosecution and any doubt should benefit the accused, under the rules agreed by Parliament and Council. The directive also includes safeguards to ensure that the rights of the defence are respected.The new rules state that the exercise of the right to remain silent and of the right not to incriminate oneself may not be used against a suspect or accused person and “shall not be considered as evidence that the person concerned has committed the offence which he or she is suspected or accused of having committed”.The new directive also lays down rules on the right to be present at one’s trial, sets out strict conditions under which trials would be allowed in the absence of the suspect or accused person, and clarifies the cases in which the accused would have the right to a new trial.
The agreement on the new directive still needs to be approved by the full House at a forthcoming plenary session. Once the directive has been formally approved by both Parliament and the Council, member states will have two years from the date of its publication in the EU Official Journal to transpose it into national law.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricerca Zurich – Swg sui bisogni assicurativi degli italiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

zurich in Italia presenta i risultati della Ricerca realizzata da SWG sul bisogno assicurativo degli italiani su un campione rappresentativo di 1.200 intervistati. Dall’analisi emerge che negli ultimi 7 anni è cresciuto sempre più il senso di diffidenza e la consapevolezza di come sia necessario provvedere all’autoprotezione: più della metà del campione intervistato (56%) dichiara infatti di sentire il bisogno di difendersi e tutelarsi per danni arrecati a terzi. Il dato si scontra con lo scenario del Paese: gli italiani sono sotto-assicurati sulla responsabilità civile. Poco protetti in auto, dove malgrado gli obblighi, il Paese convive con quattro milioni di veicoli che circolano senza assicurazione, e inevitabilmente poco tutelati anche fuori dalle automobili, dove la polizza Rc non è obbligatoria.La percezione del bisogno di protezione assicurativa, tende ad aumentare con l’avanzare dell’età ed è una necessità maggiormente avvertita nel sud Italia e nelle Isole. Fra le categorie di lavoratori più sensibili al tema, emergono in primo luogo gli insegnanti delle scuole materne e primarie e gli operai.A questa tendenza, si aggiunga che quasi il 60% del campione ritiene che non vi siano, rispetto al passato, strumenti capaci di offrire protezione, senza contare invece che una normale assicurazione RC, il più delle volte, si dimostra invece un valido strumento di tutela.Tra coloro che avvertono un maggior bisogno di protezione e tutela solo il 48% ritiene di disporre oggi di maggiori strumenti rispetto al passato per far valere i propri diritti. La maggiore necessità di copertura sembra poi trovare un riscontro nella maggiore propensione presente in Italia a chiedere danni o risarcimenti attraverso vie legali. Una persona su due ha infatti pensato di chiedere danni o risarcimenti, e il 33% ha valutato l’idea poi rinunciandovi.Quasi il 30% ha pensato di chiedere risarcimento a un privato/vicino di casa, mentre il 28% a un datore di lavoro. Dalla ricerca emerge anche che il 22% del campione ha pensato di chiedere danni a un’azienda o esercizio commerciale, mentre il 21% a professionisti, quali per esempio medici e commercialisti. I tempi della burocrazia e la sfiducia nella giustizia risultano essere le principali motivazioni (33% del panel) che spingono gli italiani a non chiedere danni e risarcimenti per vie legali. A queste si aggiungono motivazioni economiche (21% del campione) e la mancanza di strumenti e professionalità in grado di aiutare i cittadini (8% del campione).Camillo Candia, Country CEO di Zurich Italia ha dichiarato: “Continua a crescere il senso di diffidenza che porta alla necessità di proteggersi”. Detto in cifre, “il 56% degli italiani, sente il bisogno di tutelarsi verso danni arrecati a terzi”, spiega il CEO di Zurich, e “ci sono ampi margini di crescita per le assicurazioni RC diverse dall’auto. Tanto a livello personale, quanto a livello aziende”. Un cambiamento di atteggiamento nelle dinamiche della società civile, che riguarda anche gli acquisti e le forniture: “Il 22% ha preso in considerazione di chiedere danni a un’azienda o esercizio commerciale”.
Zurich Insurance Group (Zurich), leader nei servizi assicurativi, è operativa sia nel ramo danni che nel ramo vita, servendo i propri clienti a livello globale e su singoli mercati locali grazie ad oltre 55.000 collaboratori. Tra i clienti di Zurich vi sono privati, piccole e medie imprese e grandi società, comprese aziende multinazionali, in oltre 170 paesi. Fondato nel 1872, il Gruppo ha la propria sede centrale a Zurigo, in Svizzera. La società holding Zurich Insurance Group Ltd (ZURN), quotata alla SIX Swiss Exchange, è presente sul mercato statunitense mediante un programma American Depositary Receipt di Livello I (ZURVY) negoziato fuori borsa su OTCQX. Maggiori informazioni su Zurich sono disponibili all’indirizzo http://www.zurich.com.
Zurich in Italia. Zurich è presente in Italia dal 1902 ed opera attraverso una rete di circa 600 Agenzie e accordi di distribuzione con banche e reti di promotori finanziari, nell’area della protezione assicurativa, del risparmio e della previdenza.

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il grande Haitink per un doppio Schumann a LuganoMusica

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

GautierMurray

10/31/13 9:01:53 PM Chicago Symphony Orchestra  Bernard Haitink

10/31/13 9:01:53 PM Chicago Symphony Orchestra
Bernard Haitink

Lugano Martedì 17 e Mercoledì 18 novembre 2015 alle 20.30 presso la Sala Teatro LAC. Dopo il concerto inaugurale diretto da Gergiev, il ciclo Grandi Orchestre Internazionali al Teatro LAC prosegue interamente dedicate a Schumann e dirette da un gigante della bacchetta quale Bernard Haitink. Il maestro olandese, eccelso interprete schumanniano, sarà alla testa della Chamber Orchestra of Europe, con cui offrirà una lettura intensa delle Sinfonie n. 1, 2 e 4. Haitink sarà inoltre affiancato da due solisti con cui collabora da anni, il violoncellista Gautier Capuçon (il 17) e il pianista Murray Perahia (il 18), ciascuno impegnato nello splendido – ed unico – concerto che Schumann ha dedicato ai rispettivi strumenti. Nella serata del 17, al termine del concerto sinfonico, alle ore 22.30 sarà possibile partecipare presso il Teatrostudio a Late Night Modern 2: Schumann reloaded, un momento di creatività contemporanea a partire dalla musica di Schumann appena ascoltata, realizzato in collaborazione con l’associazione Oggimusica. (foto: Haitink, Gautier, Murray)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra personale di Francesca Lancisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

lancisiFirenze dal 21 novembre al 19 dicembre presso SmartHub Via Quintino Sella, Vernissage e opening party sabato 21 novembre h.18:30. L’infinitamente piccolo si mostra agli occhi senza lenti né ingrandimenti nei colori e nelle linee degli acquerelli di Francesca Lancisi. Attraverso le sue preziose carte in cotone, Francesca racconta di un mondo minuscolo e invita ad entrare in una dimensione della vita micro in cui la forma e la sua ripetizione, ma anche il suono e la sua propagazione, seguono regole altre rispetto a quelle del mondo macro.
Una normalità alterata che si manifesta in movimenti di creature sottomarine che portano all’orecchio magiche eco, paesaggi immaginari, mondi vegetali e minerali svelati in tavole che oscillano tra gli studi botanici dei primi classificatori del 700 e le illustrazioni delle favole dei libri della nostra infanzia. Un mondo invisibile agli occhi di chi sta in alto, ma di cui ci si può accorgere chinandosi verso il basso, cambiando il punto di vista e guardando la vita da un’altra prospettiva. Tavole piene di creatività ma anche di ricerca e di riflessione sui codici e sugli schemi alla base della vita stessa. La chimica dei colori, le trame e le tessiture delle forme, l’amore per i dettagli e l’eliminazione di ogni superfluo permettono all’osservatore di entrare in rapporto con una natura, svelata tra realtà e immaginazione, quasi onirica.Proprio in questa dimensione, tra scienza e fantasia, si muove la creatività elegante di Francesca che con tratto preciso disegna atlanti di mondi nascosti fatti di filamenti e radici che si espandono fino a creare reti sotterranee di recettori, a mostrare tutta la vitalità di un mondo, meravigliosamente sensibile.
Francesca Lancisi, nata e cresciuta nella splendida natura degli appennini toscani, non smette di disegnare e dipingere mentre si laurea in glottologia alla facoltà di lingue e insegna italiano a stranieri a Firenze, dove oggi vive con la sua famiglia e molte piante. Intensifica l’attività artistica durante il suo contratto di mamma a tempo pieno per tre anni, fino a farla diventare una nuova professione. Crea opere pittoriche ad acquerello ma anche illustrazioni digitali per aziende e case editrici e ritratti personalizzati (oltre ad altri progetti in cantiere). Le sue opere sono state esposte in molte città tra cui Firenze, Arezzo, Ginevra e Vésenaz. (foto: lancisi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campionato di Improvvisazione Teatrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

improvvisazioneimprovvisazione1Roma domenica 15 novembre alle 21,30 presso il Teatro Porta Portese Via Portuense, 102 biglietto unico euro 10. Accompagnati dalle note del maestro Francesco de Vincenzi, chi riuscirà a fare “la migliore improvvisazione…”? Solo i migliori potranno accedere alla finale del 13 dicembre. Assetto Teatro detiene i diritti in esclusiva per il Theatresport su Roma, diffidate dalle imitazioni.L’improvvisazione ha poche regole, semplici ma fondamentali: l’ascolto, l’attenzione e la disponibilità alle proposte degli altri e alla creazione collettiva. Il supporto del gruppo è fondamentale per la riuscita dell’improvvisazione, perché sul palco non ci sono scene, non c’è testo e non ci sono costumi, tutto si svolge sul momento.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unicef: circa 11 milioni di bambini a rischio a causa di El Niño

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

unicefTra i paesi più colpiti da El Niño:
Somalia: più di 3 milioni di persone hanno bisogno di aiuto per la scarsità dei raccolti e di cibo, mentre gravi inondazioni anticipate aggravano la situazione.
Etiopia: Il paese sta affrontando la peggiore siccità da 30 anni, con 8,2 milioni di persone in condizioni di insicurezza alimentare e 350.000 bambini che hanno bisogno di supporto nutritivo.
Indonesia: El Niño ha inasprito l’impatto degli incendi di torba e foreste. Solo ad agosto e settembre, il fumo degli incendi ha causato infezioni respiratorie gravi a 272.000 persone – in particolar modo bambini.
Nazioni del Pacifico: El Niño minaccia di lasciare oltre 4 milioni di persone senza cibo o acqua potabile.
America Centrale: La siccità causata da El Niño è arrivata ad uno dei livelli più gravi mai registrati con circa 3,5 milioni di persone colpite in Guatemala, Honduras e El Salvador.
Perù: Secondo il Governo circa 1,1 milioni di persone, compresi 400.000 bambini e adolescenti, potrebbero essere colpite.
Ecuador: Secondo le autorità 1,5 milioni di persone sono a rischio, circa la metà bambini.
El Niño è un modello climatico legato al riscaldamento delle acqua di superficie nell’Oceano Pacifico che può avere profondi effetti su tutti i modelli climatici del mondo. L’evento El Niño tende a ripresentarsi ogni 2 – 7 anni. Secondo l’UNICEF, se le comunità colpite non riceveranno supporto per contrastare la scarsità dei raccolti e la mancanza di accesso all’acqua potabile, le conseguenze di questo fenomeno potrebbero ripercuotersi su diverse generazioni, esponendo i bambini alla malnutrizione e al rischio di contrarre malattie mortali.
Oltre all’immediato rischio di morte e altri pericoli, El Niño può comportare un significativo aumento di malattie come malaria, febbre dengue, diarrea e colera – che sono i maggiori killer dell’infanzia. Quando estreme condizioni climatiche privano le comunità dei loro mezzi di sostentamento, i bambini spesso cominciano a soffrire di malnutrizione, essendo così esposti ad un rischio ancor maggiore di malattie, ritardi dello sviluppo mentale e morte prematura.
“I bambini e le loro comunità hanno bisogno del nostro aiuto per riprendersi dall’impatto di El Niño e per prepararsi a ulteriori danni che potrebbero derivarne”, ha dichiarato Anthony Lake, Direttore generale dell’UNICEF. “Allo stesso tempo, l’intensità e il potenziale di distruzione di questo fenomeno dovrebbero rappresentare un allarme per i leader del mondo che si incontreranno a Parigi. Nel confrontarsi su un accordo per limitare il riscaldamento globale, dovrebbero ricordare che il futuro dei bambini di oggi e del pianeta che questi bambini erediteranno, saranno la posta in gioco”.
I leader del mondo si incontreranno a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre per la 21esima Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima, chiamata anche COP21. L’obiettivo è di raggiungere un accordo universale e vincolante per limitare il riscaldamento globale tagliando le emissioni di gas serra.
Questi fenomeni chiamati “El Niños” non sono causati dal cambiamento climatico, ma gli scienziati ritengono che stiano diventando più intensi a causa del cambiamento climatico. Molti paesi che stanno facendo i conti con El Niño, si trovano ad affrontare una più grave minaccia dovuta al cambiamento climatico. Molte delle aree colpite hanno già alti livelli di povertà.
E’ probabile che questo fenomeno climatico, tra i più forti mai registrati, se continuerà a rafforzarsi come previsto nei prossimi mesi, possa causare ancor più inondazioni e siccità, alimentare Tifoni e Cicloni nel Pacifico e colpire diverse aree.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Visita di idoneità sportiva ultimo screening di massa per la prevenzione della Salute

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

schemaIl Progetto FMSI, sviluppato dalla Federazione Medico Sportiva Italiana su oltre 23.000 sportivi in occasione della visita di idoneità sportiva in tutto il territorio nazionale, riporta informazioni che permettono di fotografare lo stato di salute di chi pratica attività fisica. Tra i centri coinvolti, l’Istituto di Medicina dello Sport di Milano, recentemente annoverato fra i 18 centri di eccellenza mondiali, certificati dalla Federazione Internazionale di Medicina dello Sport.
Prima visita di idoneità dopo 4 anni di sport! È stato riscontrato che il 40% degli atleti che si sottopone per la prima volta a visita di idoneità, in un centro di medicina dello sport, lo fa addirittura 4 anni dopo che inizia ad allenarsi, mettendosi quindi in una potenziale situazione di rischio, non avendo prima eseguito un’adeguata valutazione medica. Inoltre è stato evidenziato, durante lo screening, un ECG anomalo nel 16% dei casi, con maggiore prevalenza nelle prime visite, individuando dalle piccole alterazioni fino al rischio di morte cardiaca improvvisa. Più nel dettaglio il 13% di questi ECG anomali presenta anomalie da tenere monitorate, ma non causali di inidoneità mentre il 10% presenta anomali gravi. Grazie a questo test, sono stati rilevati svariati casi di insufficienza coronarica, e quindi a grande rischio, in adulti praticanti sport impegnativi, ma allo stesso tempo, in chiave positiva, una documentata ed estesa riduzione della pressione arteriosa, a tutte le età, anche le più avanzate, con significativi vantaggi sull’apparato cardiocircolatorio, in coloro che praticano da anni attività sportiva.
Miopi, con il varicocele e potenzialmente allergici una percentuale importante dei giovanissimi. Altri dati interessante è legato alla inattesa elevata percentuale di giovanissimi, alla prima visita sportiva, con visus naturale ridotto e non diagnosticato e una altrettanto grande prevalenza di atleti con visus comunque ridotto, e ad ogni età, nonostante l’uso di lenti (10%). Alla prima visita il 12% degli atleti presenta un visus inferiore a 8/10. Inoltre, sono stati evidenziati numerosi casi di varicocele grave, in giovani adulti, con possibili forti implicazioni sulla futura fertilità: Il 3% degli atleti minorenni presenta varicocele grave mai diagnosticato e neppure riscontrato dal pediatra o medico di base, ciò a testimonianza che, come già sopra detto, venuta meno la visita scolastica e la visita di leva, queste patologie vengono evidenziate dallo screening della visita medico sportiva, primo e unico screening nel nostro Sistema Sanitario Nazionale. Si confermano inoltre la presenza di patologie della colonna vertebrale come paramorfismi in ogni età fino alla scoliosi nei più giovani (10%), una riduzione, anche se parziale, della capacità respiratoria a causa di allergie ad ogni età (16%).
I dati e le anomalie riscontrate dalla ricerca epidemiologica della FMSI e riferite soprattutto al primo approccio allo screening per i minorenni confermano come questa visita costituisca un valore fondamentale per individuare non solo le grandi patologie che costituiscono causa di non idoneità, ma anche le piccole patologie che prese per tempo garantiscono salute e benessere per la persona e permettono al contempo, se all’evidenza di un sistema politico lungimirante, progettazione di politica sanitaria e risparmio per il Sistema Sanitario Nazionale. (foto:schema)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Premio dall’idea all’impresa”

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

aerospaceMilano 26 novembre 2015 a Milano presso UniCredit Pavilion la startup milanese con il suo sistema di ammortizzatori di emergenza per elicotteri, sarà tra i finalisti protagonisti della serata di Premiazione. Da uno spin-off del Politecnico di Milano avviato nel 2010, con l’obiettivo di analizzare i dati relativi agli incidenti nel settore elicotteristico civile europeo, ad una startup vera e propria in procinto di certificare una propria linea di prodotti. È questa – in breve – la storia di Sia Aerospace e della sua gamma RTF-27.C, progettata per ridurre drasticamente i danni subiti al personale in volo e al velivolo durante un atterraggio di emergenza in elicottero. La giovane azienda meneghina si è così aggiudicata un posto tra i 5 finalisti del Premio Gaetano Marzotto 2015 candidati a vincere il “Premio dall’idea all’Impresa”, che prevede 50.000 euro in denaro e 20 periodi di residenza e affiancamento per un valore complessivo di 680.000 euro.Identificata una forte frequenza di eventi critici nel settore dei velivoli di classe leggera e intermedia durante gli anni di ricerca, Sia Aerospace è diventata nel 2012 una società autonoma, che ha affrontato un periodo di accelerazione ed incubazione presso Polihub, capace di mettere a punto la tecnologia High Efficency Metal Energy Dissipation (HEMED) di cui è proprietaria. Sfruttando un sistema di ammortizzatori senza ritorno di forza, in grado quindi di disperdere l’energia cinetica generata da un impatto grazie a un design innovativo e di facile impiego, il team ha saputo sviluppare una tecnologia ad alta efficienza con peso estremamente ridotto: RTF-27.C offre una riduzione media dei danni del 35%, con un peso massimo di 20Kg per elicottero di classe leggera/intermedia.Il prodotto consiste in un kit aggiuntivo formato da 4 pezzi da installare su velivolo in prossimità del carrello, senza necessità di modifiche all’elicottero, ed è compatibile con gli altri sistemi già a bordo. Rispetto ai dispositivi concorrenti può dimostrare vantaggi in termini di peso (-75% rispetto a soluzioni che prevedono air-bag esterni o sedili con protezioni aggiuntive), di attivazione automatica (non necessitando di intervento manuale), di assenza problemi di funzionamento (non dipendendo da sistemi elettrici o oleo-pneumatici) e con un ciclo di vita lungo. Il prodotto è in linea con gli standard più competitivi del settore, impiegando materiali all’avanguardia a ridotto impatto ambientale e metodologie di produzione moderne. I test si stanno svolgendo presso due centri specializzati a Napoli (CIRA) ed Oxford (STFC), a seguito di due partnership già avviate con un cliente italiano ed uno europeo, ma il progetto ha saputo già riscuotere interesse oltreoceano da parte di diverse aziende impegnate nella ricerca sui rapporti di interazione tra macchine ed operatori. Il concetto tecnologico alla base infatti, pur procedendo verso l’obiettivo del 100% di compatibilità tecnica del mercato attuale, non intende rivolgersi esclusivamente al segmento per il quale è stato inizialmente ideato. La tecnologia HEMED offre svariate possibilità e può essere impiegata in tutti quei settori nei quali è centrale la ricerca di maggior sicurezza delle persone, come quello automobilistico o ferroviario, fino all’impiego su velivoli di linea o per uso spaziale. Il Premio Gaetano Marzotto, promosso e ideato da Associazione Progetto Marzotto, ha durata decennale. Il Progetto Marzotto nasce per creare, attraverso una serie di azioni diversificate, un nuovo tessuto sociale (www.progettomarzotto.org), il Premio Gaetano Marzotto ne è un’appendice, con l’obiettivo di individuare e promuovere lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali, in grado di rispondere a criteri di sostenibilità economico-finanziaria e generare al tempo stesso benefici concreti per il territorio italiano, in primis occupazionali. foto:aerospace)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma diventa il centro per la formazione della comunità scientifica sulle malattie rare

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

malattie-genetiche-feto-5Roma, Lo è in particolare su malattia di Pompe, malattia di Gaucher, Mucopolisaccaridosi di tipo I e malattia di Fabry: quattro Malattie Metaboliche da Accumulo Lisosomiale ad oggi identificate, che fanno parte di un gruppo di circa 50 patologie rare di origine genetica – con una frequenza stimabile di 1/5-6.000 nati vivi – che colpiscono In Italia circa 100 nuovi nati ogni anno. ‘Train the Trainer’ si è svolto sotto la Direzione Scientifica di Carlo Dionisi Vici, Responsabile U.O. di Patologia Metabolica del Dipartimento di Medicina Pediatrica, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con il patrocinio di SIP – Società Italiana di Pediatria, SIMGePed – Società Italiana Malattie Genetiche Pediatriche e Disabilità, Ospedale Bambino Gesù e SIMMESN – Società Italiana Per lo Studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale ed il supporto non condizionato di Genzyme, società del Gruppo Sanofi.“Si tratta di una sfida per migliorare la conoscenza e la comunicazione nel campo delle malattie rare metaboliche. Un nuovo modo di fare formazione in un settore in cui è importante aumentare il grado di conoscenza su un selezionato, ma ampio numero di specialisti provenienti da diverse discipline, che poi possano trasferire quanto appreso nel loro centro territoriale, in un meccanismo a cascata” afferma il Dott. Carlo Dionisi Vici“Sono patologie per cui esiste una cura quindi in primo luogo ci concentreremo su tutti gli aspetti diagnostici. Ma nelle sessioni frontali e interattive molto spazio sarà dato al percorso clinico assistenziale e riabilitativo e alla condivisione di esperienza tra le diverse discipline” continua Dionisi Vici.
“L’incontro ha il patrocinio dell’Ospedale Bambino Gesù, centro di eccellenza per le malattie rare con una sensibilità che parte dal Direttore scientifico della struttura, il prof. Bruno Dallapiccola fondatore di Orphanet. Una sensibilità che si concretizza nell’impegno quotidiano nella ricerca di nuovi approcci terapeutici e assistenziali e nel costante confronto con le associazioni pazienti, le società scientifiche e le aziende di settore” conclude Dionisi Vici.
Nella prima giornata sono state organizzate sessioni frontali sulle patologie e la loro gestione, mentre la seconda sarà divisa in seminari interattivi, tenuti da esperti di varie discipline, che forniranno un aggiornamento approfondito e mirato alle effettive necessità che i discenti incontrano nella quotidiana pratica clinica, con l’esposizione di casi clinici.
Le malattie da accumulo lisosomiale Si tratta di patologie multisistemiche, accomunate da un accumulo di sostanze, dovuto a un’alterazione delle funzioni dei lisosomi (organuli deputati alla degradazione e al riciclo dei materiali prodotti dal metabolismo cellulare) e in particolare da carenza o malfunzionamento di specifici enzimi responsabili delle loro attività.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le opportunità per le imprese italiane legate agli impegni sul clima al 2030

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

climate_changeRoma 18 novembre 2015 presso Confindustria, via dell’Astronomia, 30 (sala Andrea Pininfarina) (orario 10-13)In vista della Conferenza delle nazioni unite sul clima (COP21), in programma a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre prossimi, scopo di questo evento, che Confindustria organizza insieme a Kyoto Club, è quello di sottolineare come le politiche per l’efficienza energetica, la mobilità sostenibile e l’energia pulita possano rappresentare – in un’ottica anche internazionale – notevoli opportunità di sviluppo per il mondo italiano delle imprese.Il convegno “Le opportunità per le imprese italiane legate agli impegni sul clima al 2030” si svolgerà a Roma il 18 novembre (ore 10) presso la sede di Confindustria, in viale dell’Astronomia 30 (sala Andrea Pininfarina). La partecipazione al convegno è gratuita.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto sui diritti globali

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

Roma, martedì 17 novembre, ore 11.00 CGIL nazionale, Sala Simone Weil, Corso d’Italia 25 Il Rapporto è a cura di Associazione Società Informazione Onlus, promosso da Cgil con la partecipazione di ActionAid, Antigone, Arci, Cnca, Fondazione Basso-Sezione Internazionale, Forum Ambientalista, Gruppo Abele,Legambiente partecipano:
Danilo Barbi, segretario nazionale Cgil
Paola Bevere, presidente Antigone Lazio
Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci
Don Luigi Ciotti, fondatore e presidente Gruppo Abele
Marco De Ponte, segretario generale ActionAid Italia
Maurizio Gubbiotti, coordinatore nazionale Legambiente
Ciro Pesacane, segretario nazionale Forum Ambientalista
Sergio Segio, curatore del Rapporto, direttore di Associazione Società Informazione
Gianni Tognoni, Fondazione Basso – segretario generale Tribunale permanente dei popoli
Don Armando Zappolini, presidente Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza
Nel tempo della globalizzazione neoliberista e della crisi strutturale il mondo appare senza più rifugi: né dalle turbolenze dei mercati, come si vede dalle difficoltà crescenti che colpiscono anche la Cina e i BRICS; né dalla destabilizzazione geopolitica, come dimostrano il proliferare dei conflitti territoriali e la nuova guerra fredda che si intreccia agli scenari, vecchi e nuovi, propriamente bellici; né dalla “obsolescenza programmata” dei sistemi di welfare, a partire dal modello sociale europeo da tempo sotto attacco, e delle forme e strutture democratiche di governo; né, infine, dagli effetti delle guerre e delle diseguaglianze, che nel 2015 si sono tradotti in un vero e proprio esodo, di fronte al quale l’Europa e le sue istituzioni si sono mostrate in tutta la fragilità, divisione, impotenza e coazione a riproporre la strada fallimentare e disumana della Fortezza.
Un esodo che, a inizio novembre 2015, ha già prodotto, nel solo Mediterraneo, oltre 3400 vittime, tra le quali un numero crescente di bambini. Nel settembre scorso, l’immagine del piccolo bimbo Alan Kurdi, in fuga con la sua famiglia dalla guerra in Siria, annegato e riverso su una spiaggia turca, ha commosso il mondo solo per un breve istante. Tanti come lui sono morti dopo e continuano a morire senza lasciare traccia, senza destare scandalo e ripensamenti nelle politiche globali e nella chiusura delle frontiere.
Il numero delle persone sradicate, sfollati interni o rifugiati, è arrivato a 59 milioni e mezzo di persone; un numero cresciuto, solo nel 2014, di oltre 8 milioni, la cifra più elevata dalla Seconda guerra mondiale. La pressione migratoria che ha messo in questi mesi in difficoltà l’Europa è, peraltro, solo una piccola parte di quella dolente massa umana, giacché il peso principale viene sostenuto dai paesi cosiddetti in via di sviluppo, che accolgono ben l’86% dei 19 milioni e mezzo di rifugiati.
Eppure, il 2015 è stato l’anno dei nuovi muri, delle barriere di filo spinato erette nel cuore del continente europeo, a tentare di isolare il contagio dai dannati della terra, cui è dedicato uno dei Focus del Rapporto sui diritti globali 2015.
La “lotta di classe dall’alto” nell’ultimo anno, in diverse aree geografiche, ha preso la forma di una guerra contro i poveri e di un divorzio progressivo tra capitalismo globale e democrazia.
Secondo le statistiche europee, nell’Unione vi sono 122,6 milioni di persone a rischio di povertà ed esclusione, vale a dire quasi un europeo su quattro; all’inizio della crisi erano 116 milioni. Alcuni Stati membri hanno percentuali ancor più drammatiche, come la Bulgaria (48%), la Romania (40,4%), la Grecia (35,7%), l’Ungheria (33,5%); a fronte di percentuali tra il 15 e il 16% di Paesi come Svezia, Finlandia, Olanda e Repubblica Ceca. L’Italia registra il 28,4%, dato dunque superiore alla media europea, per un totale di 17 milioni e 330mila persone.
A fronte di questo drammatico ed eloquente quadro, nel quadriennio 2008-2012 – complessivamente, sebbene in modo molto differenziato tra i diversi Stati membri – l’Europa ha disinvestito nel welfare, in ossequio agli imperativi dell’austerità e del Fiscal compact, con un taglio sulla spesa sociale europea per un ammontare totale di circa 230 miliardi di euro.
Disinvestire nel welfare ha, tra gli altri, anche l’esito di distribuire i rischi di impoverimento in modo selettivo e diseguale, gravando soprattutto sui più deboli, e questo è uno dei meccanismi che porta a condizioni di povertà stabili, prolungate e difficilmente reversibili. Anziché essere contrastata, insomma, la crescente povertà – che riguarda sempre più anche chi possiede un lavoro e un reddito – viene perpetuata, diviene una condizione non transitoria, una sorta di buco nero sociale dove le povertà diventano a bassissima reversibilità, nel quale è sempre più facile scivolare e da cui è, e sarà, praticamente impossibile uscire.
Sempre più la povertà, specie se estrema, nelle risposte istituzionali, ma anche nel senso comune, è vista e trattata come crimine, anziché come situazione necessitante sostegno. Un processo, presente da tempo negli Stati Uniti, che sta andando avanti in modo deciso in tutta Europa, a livello legislativo, amministrativo, del governo delle città, mediatico. Alla criminalizzazione della povertà è dedicato un altro dei Focus del 13° Rapporto sui diritti globali.
Anche nell’ultimo anno, le politiche seguite non sono andate nel verso di sostenere le parti sociali più deboli e il lavoro e nel ridurre le diseguaglianze, ma, all’opposto, hanno premiato i responsabili della crisi stessa, vale a dire la grande finanza.
Dal 2007 le Banche centrali di tutto il mondo hanno aumentato la quantità di moneta da 35 mila miliardi di dollari a 59 mila miliardi. Un mare di liquidità che ha inebriato i mercati finanziari, ma non è “sgocciolato” a sostenere l’economia precaria delle famiglie e delle piccole imprese, mentre è continuata la sciagurata politica dell’austerity, oltre ogni evidenza dei suoi effetti devastanti e deprimenti e pur in presenza delle tardive perplessità del Fondo monetario. Una politica che, nel corso del 2015, ha manifestato appieno la propria valenza simbolica, disciplinante e intimidatoria nel caso della Grecia, il cui popolo e il cui legittimo governo sono stati piegati da un pesante e stringente ricatto, come viene ampiamente analizzato nel Focus del primo capitolo del nuovo Rapporto sui diritti globali.
Un anno di rialzi in borsa e di grande euforia finanziaria ha visto il contrappasso di un’altrettanto grande depressione economica e sociale. La crisi è così diventata strumento di governo e moltiplicatrice dell’instabilità. E di ingiustizia sociale. Come mostrano indiscutibilmente i numeri e studi internazionali. La ricchezza delle 80 persone più facoltose al mondo è raddoppiata in termini nominali tra il 2009 e il 2014, mentre la ricchezza del 50% più povero della popolazione nel 2014 è inferiore a quella posseduta nel 2009. Ottanta super-ricchi possiedono la medesima quantità di ricchezza del 50 per cento più povero della popolazione mondiale, 3 miliardi e mezzo di persone. E ancora: nel 2010 le 80 persone più ricche al mondo godevano (è il caso di dirlo) di una ricchezza netta di 1300 miliardi di dollari. Nel 2014 la loro ricchezza complessiva posseduta era salita a 1900 miliardi di dollari, dunque una crescita di 600 miliardi di dollari, quasi il 50 per cento in più in soli quattro anni.
Il titolo scelto per l’Expo 2015 ha posto il tema del cibo all’attenzione mondiale. Ma ha sostanzialmente eluso la riflessione e l’analisi sul modello attuale della produzione e consumo alimentare e sui rischi futuri, accentuati dai trattati commerciali in corso, orientati agli interessi delle grandi corporation e favoriti dal grande investimento che viene fatto per promuovere il lobbismo, a tutto danno della correttezza e trasparenza delle decisioni politiche e dei diritti di cittadini e consumatori. Basti dire che nel 2013, solo negli USA, il settore finanziario ha speso oltre 400 milioni di dollari per fare lobby, mentre nell’Unione Europea la cifra stimata è di 150 milioni di dollari.
Sulla questione alimentare, infatti, si confrontano, anzi si scontrano, due paradigmi: l’agricoltura delle multinazionali, che si appropriano di intere regioni mondiali e le avvelenano con uso intensivo di pesticidi e fertilizzanti, cercando di imporre ovunque anche gli Organismi Geneticamente Modificati, e quella dei piccoli contadini, che coltivano nel rispetto dell’ecosistema e delle biodiversità. L’agricoltura industriale, pur producendo solo il 30% del cibo consumato a livello mondiale, viceversa, è responsabile del 75% del danno biologico a carico del pianeta, compresa l’emissione, attraverso l’impiego di combustibili fossili, del 40 per cento dei gas serra, causa di quel riscaldamento climatico che sta devastando e desertificando i territori e pregiudicando il futuro del pianeta e delle prossime generazioni.
Anche quella per il cibo, e per l’acqua, insomma, è diventata una forma di guerra contro interi popoli e i poveri delle aree geografiche vittime di forme, vecchie e nuove, di colonialismo; come anche il cosiddetto land grabbing, il crescente fenomeno di accaparramento delle terre. Popoli e poveri la cui qualità di vita e la stessa sopravvivenza sono compromesse da logiche unicamente orientate al massimo profitto e alla speculazione finanziaria.
Logiche che, tuttavia, non riguardano e colpiscono più solo i Sud del mondo, ma gli stessi paesi industrializzati e, in primis, l’Europa, al centro ai grandi interessi soggiacenti al Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), il Trattato commerciale di libero scambio le cui trattative segrete sono in corso tra Stati Uniti e Unione Europea, cui è dedicato un altro del Focus del Rapporto sui diritti globali 2015.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Balletto di Siena fa il tutto esaurito in Spagna

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

Coro debutto SienaTerrassa sabato 14 novembre presso il Teatro di Terrassa (Barcellona) con la messa in scena di “Butterfly”, rivisitazione della famosa opera di Giacomo Puccini.Il consolidato ensemble dei danzatori, diretto dal Maestro Batti ha infatti registrato, con grande soddisfazione, il tutto esaurito per la rappresentazione coreografata dal suo stesso direttore artistico e impreziosita dalle suggestive e geniali musiche di Riccardo J. Moretti. Un risultato importante per la giovane compagnia nata nel 2012 da anni impegnata in tourneè nazionali ed internazionali e che deve il suo successo all’uso di tecniche e di stili che guardano al mondo contemporaneo del balletto in forme decisamente nuove.
Sul palcoscenico catalano non solo gli affermati coreuti della compagnia, ma anche più di 20 allievi selezionati da Batti, durante le due settimane appena trascorse all’interno dell’Istituto di Teatre di Barcellona. Il Maestro ha infatti svolto, il ruolo di maestro ospite per gli allievi dell’ultimo anno dell’Istituto spagnolo. Una collaborazione importante quella tra il Balletto di Siena e la realtà spagnola destinata a proseguire nel tempo e che ha suscitato oggi molto interesse in tutto il panorama artistico italiano.
Una messa in scena, quindi, particolare per il pubblico in sala il quale assisterà ad una inedita rappresentazione di un’opera lirica trasposta in forma di danza dove l’obiettivo del coreografo/regista sarà quella di far entrare lo spettatore in rapporto diretto con il dramma della giovane e affascinante geisha.Madame Butterfly è infatti uno di questi personaggi la cui infelice sottomissione (come donna, come sposa, come madre) conosce lampi di conforto nella forza della vita che si rigenera anche nell’esperienza dell’attesa e della perdita, quando non addirittura nella morte. Le scelte drammaturgiche di Marco Batti per Butterfly guardano al cuore delle passioni, considerate come elementi potenzialmente disgreganti, ma anche vie di salvezza di fronte alla sopraffazione. La sua coreografia deve molto al teatro ma perviene a uno stile perfettamente autonomo e riconoscibile, capace di combinare la dimensione espressiva del racconto con la dimensione emozionale del puro movimento. A questo scopo, le musiche di Riccardo Joshua Moretti, che in precedenza ha composto le musiche anche per un film su Puccini, affrontano in modo diretto la tradizione che l’opera porta con sé, alla fine creando una sorta di vita musicale parallela: un mondo sonoro gradualmente indipendente dalla partitura pucciniana che, di quella esperienza artistica, conferma e rinnova tutta la sua possibile attualità.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Responsabilità amministrative e penali da reato agroalimentare”

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

reato agroalimentareParma 16 novembre 2015, (inizio dei lavori alle 9,30) presso la Sala Convegni della SSICA – Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari, si terrà un incontro promosso da ACCREDIA, FederQuality e S.S.I.C.A. di Parma, dove magistrati, ispettori dell’ICQRF e rappresentanti di ACCREDIA, approfondiranno tutte le tematiche giuridiche e operative necessarie, collegate all’operato dei principali attori del sistema di certificazione dei prodotti agroalimentari oltre a porre l’accento sulla valenza delle prove analitiche chimico-fisiche e sensoriali e sull’accreditamento dei laboratori di prova.Sarà il Prof. Andrea Zanlari, presidente della SSICA di Parma, ad aprire questo incontro di fondamentale importanza per aziende di produzione, laboratori di analisi, organismi di certificazione e per tutte le figure operanti a vario titolo nel settore del controllo qualità degli alimenti.Alla luce dell’inchiesta del Procuratore di Torino Guariniello sull’ Olio venduto come «extravergine» che in realtà non lo era si parlerà della legge SalvaOlio e si affronterà anche il tema delle revisioni in materia di giudizio di conformità sui rapporti di prova.L’incontro trae origine dai recenti fatti di cronaca giudiziaria e i relativi sequestri effettuati dagli Organi di controllo in regioni quali Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo, Puglia e Campania che hanno evidenziato un “sistema” complesso, talvolta con più ombre che luci e probabilmente non sempre compreso appieno dalle parti attrici delle varie filiere di produzione, dal prosciutto al vino, dai formaggi all’olio d’oliva.
La certificazione “di prodotto”, nel settore agroalimentare, come ben noto, è regolamentata da un articolato complesso normativo, essenzialmente costituito da Regolamenti CE, dalle norme UNI-ISO e – per quanto riguarda gli Enti terzi di certificazione ed i laboratori di analisi – dai requisiti previsti da ACCREDIA.Un sistema normativo multidisciplinare che riconosce e distribuisce responsabilità giuridiche di natura civile, penale e risarcitoria non solo in capo all’azienda, ma anche in capo al tecnico ispettore e all’Organismo di Controllo e Certificazione, con responsabilità oggettive anche per i laboratori di analisi chimiche e sensoriali che operano, talvolta, solo con metodi interni e/o privi dell’accreditamento dei metodi ufficiali di analisi.
Un sistema complesso dunque, dove luci e ombre si alternano e dove il confine tra “colpa cosciente e dolo eventuale” può apparire spesso troppo sottile o addirittura invisibile. (foto: reato agroalimentare)

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

De Chirico a Ferrara

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

de chiricoFerrara. Dal 14 novembre 2015 al 28 febbraio 2016. Una grande esposizione celebra il genio della pittura metafisica, ad un secolo dal suo arrivo a Ferrara. Era il 1915 quando Giorgio De Chirico, giunto nella città estense, cambiò il suo modo di fare arte, dipingendo, tra le bellissime architetture rinascimentali, piazze sospese nel tempo, manichini senza volto, particolari prospettive ed oggetti enigmatici. Il rapporto tra De Chirico e Ferrara è indissolubile, e dopo cento anni torna ad esprimersi nella mostra che dal 14 novembre 2015 al 28 febbraio 2016 impreziosisce Palazzo dei Diamanti e l’intera città. Si intitola “De Chirico a Ferrara. Metafisica e Avanguardie” ed espone non solo le opere dell’artista realizzate nel periodo ferrarese, ma anche i dipinti di Carrà, Morandi e De Pisis ispirati alla pittura metafisica e i capolavori dei più importanti artisti delle avanguardie europee, che furono conquistati dal suo stile: Hausmann, Grosz, Magritte, Dalì, Ernst.
Una mostra delle grandi occasioni da vivere grazie al consorzio Visit Ferrara, che unisce quasi 90 operatori turistici della Provincia, e che propone un’offerta speciale compresa di pernottamento con prima colazione, biglietto d’ingresso e visita guidata della città al prezzo di 60 euro a persona.Inoltre, gli appassionati d’arte hanno la possibilità di visitare con lo stesso biglietto d’ingresso altre 2 mostre: la prima è “Il manichino e i suoi paesaggi. Una storia (quasi) metafisica” alla Palazzina Marfisa d’Este – che, per prima in Italia, esporrà una suggestiva galleria di manichini, stilema caro alla Metafisica, provenienti dal XVIII secolo in poi, accanto alla tripla personale degli artisti Milena Altini, Jolanda Spagno e Mustafa Sabbagh. La seconda mostra, “Ens Rationis”, al Museo Civico di Storia Naturale, si svilupperà intorno all’installazione multimediale site-specific realizzata dal noto artista Mustafa Sabbagh, in un percorso espositivo disseminato delle opere fotografiche che lo hanno reso celebre nel mondo, riesumando dai depositi del museo splendidi uccelli in tassidermia (evocativa di quella mezza morte che cantò Alberto Savinio – pittore, scrittore, compositore, fratello di De Chirico – nei suoi lirici Chants de la mi-mort). Le due esposizioni inaugurano il 10 e l’11 e novembre.
Alla MLB Maria Livia Brunelli, home gallery di Corso Ercole d’Este e socia del consorzio Visit Ferrara, a partire dal 13 novembre apre la mostra di Silvia Camporesi ispirata alle Piazze d’Italia di De Chirico. La home gallery ospita anche una performance culinaria a tema metafisico con lo chef stellato Pier Luigi di Diego (su prenotazione: 346 7953757, http://www.marialiviabrunelli.com): un’esclusiva esperienza sensoriale da vivere tra le opere d’arte del palazzo rinascimentale.
Il percorso artistico è arricchito da un evocativo itinerario nell’antico ghetto ebraico di Ferrara, alla ricerca delle suggestioni che hanno emozionato De Chirico quando ebbe l’intuizione metafisica. Nelle botteghe si potranno assaporare i biscotti presenti nei suoi quadri, impastati con farina di canapa, e scoprire gli orologi di design ispirati alla metafisica, e poi foulard, abiti di alta sartoria, complementi d’arredo e borse che rievocano particolari di celeberrimi quadri, cofanetti fotografici con le immagini dei luoghi riconosciuti come specificamente “metafisici” del territorio ferrarese, ceramiche d’artista con le lunghe ombre o gli interni delle opere dechirichiane. Per l’occasione è stato anche edito “Alceste. Una storia d’amore ferrarese”, libro che racconta, attraverso lettere d’amore originali e inedite, la storia tra De Chirico e Antonia Bolognesi, che lui definì la sua “musa inquietante”. (foto: de chirico)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università di Parma, +23,7% immatricolati

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

Parma ateneoParma 4.086 matricole si sono iscritte a tutt’oggi all’Università di Parma. Sono 783 gli studenti in più, con un 23,7% di crescita rispetto allo scorso anno.Parlano chiaro i numeri delle immatricolazioni 2015-2016 all’Università di Parma, presentati questa mattina nella sede dell’Ateneo dal Rettore Loris Borghi, dalla Pro Rettrice per l’Area Didattica e Servizi agli studenti Maria Cristina Ossiprandi, dalla Delegata a Comunicazione interna, Marketing e Ranking Beatrice Luceri e dal Direttore generale dell’Ateneo Silvana Ablondi.Numeri molto più che incoraggianti, che testimoniano una decisa inversione di tendenza rispetto al recente passato.Innegabile, infatti, il pesante calo degli ultimi cinque anni: 1.866 immatricolati in meno dall’a.a. 2010-11 all’a.a. 2014-2015. Un calo determinato da molteplici fattori, tra i quali ha certo giocato un ruolo la generale situazione di crisi a livello nazionale.Altrettanto innegabile, però, l’inversione di tendenza avviata nel 2015-2016: 4.086 immatricolati complessivi (dati al 3 novembre) contro i 3.303 dell’anno accademico 2014-2015, con una crescita assoluta di 783 matricole che corrispondono appunto a un significativo +23,7%.In un solo anno è quindi stato recuperato il 41% della perdita dell’ultimo quinquennio.Tra i possibili fattori un’offerta formativa ampia, in parte rivista, numerosi nuovi servizi attivati per gli studenti, una potenziata attività di informazione e comunicazione on line rivolta alle future matricole. Anche la decisione di abolire il test d’ammissione (in quanto ormai riconosciuto come predittore non attendibile del futuro successo dello studente) per i corsi a numero programmato a livello locale ha influito, eliminando barriere burocratiche all’accesso.Nel 2015-2016 i tre ambiti che crescono di più in valore percentuale rispetto allo scorso anno accademico sono quello delle Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, che passa da 405 a 702 immatricolati (+73%), quello Economico, che passa da 367 a 613 (+67%), e quello Farmaceutico, che aumenta di 88 unità (da 189 a 277 immatricolati) facendo registrare un aumento del 47%.Nel complesso, dunque, numeri più che positivi, “frutto – ha sottolineato il Rettore – di un lavoro intenso e di una precisa strategia condotta dalla nuova governance dell’Ateneo”, che da un lato ha posto lo studente al centro della propria azione e dall’altro ha lavorato sull’offerta formativa.E per l’anno prossimo sono già previsti due nuovi corsi di laurea: “Linguaggi della Contemporaneità per le Industrie Creative” e “Food System: Management, Sustainability and Technologies”.All’ottima performance registrata nell’a.a. 2015-16 va aggiunto il dato del corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche, attivato in collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia, che ha raccolto ad oggi 270 matricole e per il quale gli studenti iscritti “pesano” per l’Università di Parma, ai fini della ripartizione del fondo di finanziamento ordinario, per il 40%.È importante sottolineare che ad oggi non sono ancora disponibili i dati definitivi relativi ai corsi di laurea magistrale (+2), le cui iscrizioni, che d’abitudine si attestano su circa un migliaio di studenti, si chiudono nel marzo 2016. Quest’ultimo dato sarà reso pubblico quindi nella prossima primavera.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »